Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L’Église et l’État à l’époque contemporaine

 | 
Gaston Braive
, 
Jacques Lory

Cattolici democratici a Torino (1895-1898)

Fausto Fonzi

Texte intégral

  • 1 ARMANDO CASTELLANI (Il beato Leonardo Murialdo. Vol. II. Il pioniere e l’apostolo dell’azione soci (...)
  • 2 L’offerta piemontese per un congresso nazionale a Torino era stata subito accolta con piacere dal (...)
  • 3 Quanto questo impegno autonomo potesse risultare sgradito particolarmente a Torino appare da una l (...)
  • 4 Per il clima politico locale e nazionale al tempo di quel congresso si possono consultare anche le (...)
  • 5 L’Opera, per la prudente tenacia di Paganuzzi e le buone, ma preoccupate, disposizioni dell’arcive (...)

1Nella geografia politico-sociale del mondo cattolico italiano del secondo Ottocento il Piemonte era caratterizzato da una sostanziale fedeltà alla monarchia, divenuta costituzionale e parlamentare, dei Savoia; cio vale anche a spiegare la resistenza di quella regione ad ogni tentativo di penetrazione dell’intransigente e astensionista Opera dei Congressi e dei Comitati Cattolici in Italia1. Soltanto négli anni novanta, dopo l'elezione di Paganuzzi alla presidenza dell’Opera dei Congressi e la nomina di mons. David Riccardi alla cattedra arciepiscopale di Torino, la situazione viene mutando anche per gl’inviti pressanti della S. Sede, che intendeva spingere i cattolici di tutte le regioni italiane verso l’adesione all’Opera ed al movimento sociale cristiano. Particolare significato in questo senso ha il 1895, che vede radunati proprio a Torino i cattolici militanti2, i quali si propongono d’agire più intensamente e con sempre maggiore autonomia rispetto ai liberali nell’ambito delle amministrazioni locali3. Certamente il XIII congresso cattolico (Torino, 9-13 settembre 1895)4 attrae e stimola mold giovani piemontesi, che da quel tempo s’inseriscono efficacemente nel movimento cattolico nazionale. Direi che negli anni successivi Opera dei Congressi, movimento sociale cristiano e democrazia cristiana si vengono sviluppando ad un tempo e molto spesso senza chiare distinzioni a Torino e in tutto il Piemonte5.

  • 6 Cf. MARIO ZUFFI, Prefazione al X° volume di A. MANNO, Bibliografia storica degli Stati della monar (...)
  • 7 Cf. lettera di Antonio Manno a Francesco Crispi, Torino 21 giugno 1895, in ARCHIVIO CENTRALE DELLO (...)

2Gli uomini dell’Unione Conservatrice Torinese, corne Antonio Manno, i quali nella primavera del 1887 avevano considerato imminente la fine dell’intransigentismo ed il trionfo del conservatorismo6, ora guardavano con viva preoccupazione un indirizzo che avrebbe potuto compromettere seriamente l’incontro sul piano amministrativo e su quello politico delle forze cattoliche con quelle liberali7.

  • 8 Cf. lettere di Cesare Balbo a Toniolo in BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA (B. A. V.), Carte Toniolo, (...)
  • 9 Con lettera da Chieri, del 1° febbraio 1893, Chiaudano invitava Toniolo ad una riunione torinese d (...)
  • 10 Il 16 gennaio 1890 Balbo aveva comunicato a Toniolo di aver parlato con 1’arcivescovo e con mons. (...)
  • 11 In una lettera senza data (ma probabilmente del 1896) il Chiaudano distingueva la sua «Scuola di d (...)
  • 12 Oltre a una lettera del 24 luglio 1896, cf. quella, da Viale, del 6 settembre 1896: «(...) Ed è co (...)

3Si era forse sperato che lo stesso movimento sociale cristiano potesse avere in Piemonte un’intonazione conservatrice, dalla quale non erano lontani i primi corrispondenti torinesi di Giuseppe Toniolo; in particolare Cesare Balbo8 ed il gesuita Giuseppe Chiaudano9 informavano il professore di Pisa circa i difficili inizi di un movimento di studi sociali cattolici a Torino10. Alla Scuola di diritto naturelle del padre Chiaudano, con orientamenti più vicini al liberalismo in campo economico-sociale, si affiancava pero, se non si contrapponeva, l’Accademia di scienze sociali del canonico Giuseppe Piovano11 di tendenze più democratiche. A quest’ultima apparteneva il giovane Luigi Caissotti di Chiusano, un ex-ufficiale che dal liberalismo era giunto alle posizioni religiose e sociali della democrazia cristiana12.

  • 13 Vi è chi nega questa circostanza (p. e. L. BEDESCHI nella introduzione a R. MURRI, Carteggio. I. L (...)
  • 14 Circa gli atteggiamenti della Voce dell’Operaio, ispirata da Leonardo Murialdo, cf. l’opera (Il be (...)

4Al secondo congresso cattolico italiano degli studi di scienze sociali (Padova, 26-28 agosto 1896) parteciparono diversi giovani cattolici di tendenza democratica. Romolo Murri, direttore della Vita Nova di Roma, critico l’imposta progressiva e fu contrario alla richiesta di subordinazione del capitale al lavoro cosicchè venne da molti confuso con i conservatori liberaleggianti13; accanto a Toniolo furono invece i milanesi e i torinesi. In seguito questi ultimi, desiderosi di diffondere le idee democratiche, non ottenendo ospitalità nè dall’Italia reale-Corriere nazionale, diretta da Stefano Scala, nè dalla Voce dell’operaio, diretta da Domenico Giraud14, decisero la fondazione di un giornale nuovo, Democrazia Cristiana, che avrebbe iniziato le pubblicazioni a Torino il 31 dicembre 1896.

  • 15 «Da quattro anni lavoro con tutte le mie forze in Piemonte all’azione cattolica» scriverà con orgo (...)
  • 16 Cf. la lettera di Viancino a Paganuzzi del 22 novembre’95, che citerò in seguito.
  • 17 Come si è visto, sul Corriere venivano pubblicati i comunicati dell’Opera con qualche mutilazione.
  • 18 Cf. la citata lettera di p. Sandri a Paganuzzi del 19 giugno 1894.
  • 19 Nel citato foglio Risposta al Corriere Nazionale... Algranati scriveva: «(...) è appunto quest’azi (...)
  • 20 Il Viancino scriveva da Torino, il 22 novembre’95, a Paganuzzi: «Corne rappresentante della presid (...)

5Il nuovo giornale, prima settimanale poi quotidiano, espressione del gruppo del Piovano, al quale appartenevano Luigi Caissotti e Franco Invrea, era diretto da Cesare Algranati, un ebreo convertito che aveva assunto il nome di Rocca d’Adria15. Era questi dal 1891 tra i giovani più entusiasti ad attivi nell’azione cattolica piemontese16. Presentato dal salesiano Stefano Trione, era entrato a far parte del Comitato regionale dell’Opera dei Congressi verso la quale aveva attratto altri giovani. La sua decisa polemica contro i «sabaudisti», accentuata dopo il Congresso di Torino, aveva però messo in crisi la prudente politica fino allora adottata da Francesco di Viancino, presidente del Comitato regionale, politica che aveva reso possibile la realizzazione e il successo di quel congresso con il consenso del Corriere Nazionale17 e l’appoggio del vescovo Manacorda18. Quando perciò, nell autunno 1894, si era inasprito il contrasto fra Rocca d’Adria e Stefano Scala, accusato dal primo di non comprendere e di non appogiare adeguatamente l’intransigente Opera dei Congressi e le sue iniziative sociali19, il conte di Viancino aveva denunciato a Paganuzzi lo scandalo pubblico suscitato dall’Algranati colpevole di avere «a viso aperto» attaccato lo Scala20. Animosità personale verso il giovane e dinamico direttore, ma pure motivi d’indole politico-ideologica ed economico-sociale, animarono quindi la violenta campagna che l’avvocato Scala ingaggiò contro Democrazia Cristiana, che, guardando soprattutto a modelli francesi, ma seguendo anche i consigli di Toniolo, si batteva per la democrazia sociale, ma anche politica.

  • 21 Sull’ambiente conservatore nazionale del Corriere fra il 1883 e il 1886 cf. AMICUS (E. MARTIRE), F (...)

6Lo Scala, già direttore (con l’ausilio del padre Enrico Vasco, promotore del famoso tentativo conservatore di casa Campello nel 1879) del Corriere Nazionale21, pur dopo la fusione di questo con l’intransigente Italia Reale aveva sostanzialmente continuato a difendere i principi del conservatorismo. La Democrazia Cristiana, che si levava coraggiosamente a combattere il «sabaudismo» dei conservatori, principale ostacolo alla penetrazione in Piemonte dell’Opera dei Congressi, doveva apparirgli particolarmente sgradita e contro di essa egli chiamava a raccolta transigenti e intransigenti accellerando la fusione in atto tra correnti già tanto ostili fra loro.

  • 22 Per le posizioni di Emiliano Manacorda già agli inizi della sua missione episcopale (fu eletto ves (...)

7La confluenza d’intransigenti e transigenti sulle posizioni conservatrice dell’Italia reale-Corriere nazionale viene quindi a creare un fronte nettamente ostile all’ascesa del movimento di democrazia cristiana in Piemonte. Tra la primavera e l’estate del 1897 la campagna contro la Democrazia Cristiana di Piovano, ma anche contro il nome e la sostanza di tutto il movimento dei cattolici democratici, poggia sopratutto sull’autorità dell’anziano vescovo di Fossano, mons. Emiliano Manacorda, da tanto tempo distintosi per fedeltà al Papa ma anche al Re22, e su quella del gesuita Giuseppe Chiaudano, entrambi esaltati dal giornale di Stefano Scala come coraggiosi paladini dell’ortodossia cattolica.

  • 23 Cf. A. M. G., L’ipocrisia democratica e altri articoli in Italia Reale-Corriere Nazionale del 10-1 (...)
  • 24 Cf. la Lettera di mons. Manacorda al prof. Toniolo (26 giugno 1897) nel numero del 4-5 luglio («La (...)

8Nel numero del 9-10 giugno 1897 veniva infatti pubblicata dall’Italia reale, con ampiezza e rilievo, la severa pastorale del Manacorda su «Azione cattolica, giornalismo, democrazia». Il giornale condanna «l’ipocrisia democratica» ed esalta Manacorda e Capecelatro23, invocando una mobilitazione generale dei veri cattolici contro i seguaci italiani delle pericolose dottrine degli abati rivoluzionari di Francia24:

  • 25 La formula anticlericale di Gambetta approvata dall’ab. Naudet, in Italia reale-Corriere nazionale(...)

«Francamente a noi pare che tutta la stampa cattolica, uscendo dal suo riserbo, dovrebbe ormai sollevarsi indignata contro questa dichiarata tendenza a formare un partito, forse molto democratico ma certamente poco cristiano, che pretende chiamarsi cattolica, mentre si professa esplicitamente anticlericale»25.

  • 26 Cf. i numeri del 27/28 giugno (Il papa, l’episcopato e il movimento democratico), del 28/29 giugno (...)

9All’appello rispondono diversi vescovi (di Senigallia, d’Iglesias, di Acireale, di Amelia, di Capua...), che esprimono la loro solidarietà al Corriere e al Manacorda26. Questi cost scrive allo stesso Toniolo per indurlo a schierarsi anch’egli contre i giovani democratici:

  • 27 Lettera di mons. E. Manacorda a Toniolo. Fossano, 9 luglio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897.

«L’invasione delle idee democratiche in Piemonte, e in altri luoghi, non è opera cattolica. Per me vi ha anzitutto la questione morale e religiosa, e questa scorgo profondamente ferita nel cuore... Le massime dei giornali democratici di Francia e del Belgio, quelle d’Italia propugnate da servili gregari, sono anticristiane. A suo tempo lo metterò in luce. Non trattasi di discussioni scientifiche per chiarire le idee, istruire le masse sulla migliore forma di governo, ma si assale direttamente il principio di ordine pubblico, si entra nella costituzione della Chiesa, e si pensa a sfasciarne l’organismo. Or sono pochi giorni (preti) in un pranzo osarono asserire che: è passato il tempo di chinare la fronte alle Mitre. La Democrazia di Torino (giornale), lo Stendardo di Cuneo, ed altri lavorano indefessamente per separare il giovane clero dal vecchio, dividere ed imperare. Ad ogni tratto v’è l’attenti giovani leviti, e segue un linguaggio puro sangue massonico»27.

  • 28 Oltre che da mons. Manacorda e dall’avv. Scala il Toniolo era sollecitato ad una decisa condanna d (...)

10Toniolo risponde riaffermando, corne già in una conferenza a Roma, la distinzione tra la «democrazia rivoluzionaria» e la «democrazia cristiana», ma appare impressionato dall’«irritazione che diviene un plebiscito contre la democrazia»28. Al fine di rassicurare il maestro, minimizzando il peso dello Scala, ma anche per chiedere un intervento chiarificatore cost scrive Chiusano a Toniolo:

  • 29 L. Caissotti di Chiusano a Toniolo, Viale 4 luglio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897.

«Soffro di non poter prendere parte alla lotta che si combatte, perchè non si addice all’ultimo venuto di sedere in maestro, e desidererei ardentemente che una voce autorevoie come la sua, Signor Professore, potesse giungere fino a Torino per mettere le cose a posto.
In Italia non è mai esistito un partito democratico, ma esso va formandosi ora sotto gl’imbelli strali di Scala, come l’impero etiopico si è formato per via della guerra crispina...
Esisteva solo un giornale che aveva per titolo Democrazia Cristiana il quale nel suo programma diceva chiaramente di trascurare le questioni politiche per occuparsi di questioni sociali.
Per fini che non vo ad analizzare il Corriere sposta la questione e spinge coloro che si occupano di questioni sociali a pronunciarsi sulla questione politica. Bisognerebbe essere bizantini e non italiani per pronunciarsi, anche in questo campo, altrimenti che democratici, perché, ch’io mi sappia, non si conosce ancora chi possa diventare il nostro monarca assoluto, né mi sono ancora giunte dal signor avv. Scala proposte per ritornarmi l’avito dominio di Chiusano.
L’Osservatore Cattolico, cosi giusto nelle sue viste e cost ardito nelle critiche, coglie perô un granchio quando crede che Scala rappresenti a Torino il gruppo dei Sabaudisti. Scala da noi non rappresenta nulla, se non forse i suoi soli interessi. Egli vive appartato, non prendendo parte a nessuna riunione, a nessuna iniziativa cattolica, a Dio spiacente ed a’nemici suoi. Le nuove generazioni che vengono su, sdegnose del triste presente, non tengon l’occhio all’orpello passato, ma lo volgono, desiderose d’azione, verso il futuro, e più di una testa coi capelli grigi è già venuta nella decisione di buttare a mare il bagaglio dei più o meno gloriosi ricordi. Torino incomincia ad essere una città in cui può divenire piacevole l’abitare anche senza avere piede in corte. Le adesioni giunte a Scala non rappresentano che la lega dei misoneisti, inevitabili in tutti i tempi ed in tutti i paesi. E’notevole perô che questa lega sia cosi piccola e di cosi poca importanza per le persone che la compongono: quasi tutta gente delle provincie meridionali, legate anche allo Scala dal quale ricevono il giornale gratuitamente. Una sola cosa deploro dal fondo del cuore ed è che le brusche dichiarazioni di alcuni eccellenti prelati, entrati cosi violentemente nella lotta, non possano, se si prolungassero, finire col discapito del rispetto che tutti i cattolici debbono ai loro pastori. Cosi mi ricordo di essere rimasto scandalizzato del come i cattolici francesi parlano dei loro vescovi... Perciò sarebbe tanto necessario far ammutolire il Corriere... Perché non pubblicare in Italia anzi che in Francia il discorso sulla democrazia ch’ella tenne a Roma?»29.

  • 30 Il Radini Tedeschi aveva provocato «l’intromissione della S. Sede» per impedire l’acuirsi del cont (...)

11Il Chiusano, scrivendo queste ultime righe, non poteva immaginare che il giorno seguente la stessa richiesta sarebbe stata rivolta con ben altra autorità ed efficacia dal cardinale segretario di Stato30. Questi provvide a pubblicare rapidamente, con il consenso del Papa, la conferenza di Toniolo proprio al fine di placare la polemica sorta a Torino, ma già estesasi a livello nazionale, ed impose allo Scala di conformarsi alla linea tracciata da Toniolo. Fra le carte di questo si trova infatti il seguente biglietto:

  • 31 In B. A. V., Toniolo, 1897.

«Avv. Stefano Scala, direttore dell’Italia Reale-Corriere Nazionale, di ritorno da Roma, invitato dall’Em.mo Sig. Card. Rampolla a fermarsi qualche ora a Pisa per abboccarsi coll’Ill.mo Sig. prof. Toniolo, si pregia porgergli i suoi più devoti ossequi, e pregarlo di fargli sa pere, all'albergo della Pace proprio di rimpetto a casa sua, ove per maggior comodità di vicinanza lo scrivente si è fermato, a quale ora potrebbe ossequiare l’inclito signor professore. Pisa, 23 luglio 1897»31.

  • 32 Lo stesso Scala, riaffermando le proprie riserve sul termine «d.c. », si diceva perfettamente d’ac (...)

12La sollecita pubblicazione in Italia della conferenza di Toniolo (incentrata sulla celebre definizione della democrazia cristiana corne «quell’ordinamento civile nel quale tutte le forze sociali, giuridiche ed economiche, nella pienezza del loro sviluppo gerarchico, cooperano proporzionalmente al bene comune, rifluendo in ultimo risultato a prevalente vantaggio delle classi inferiori») doveva ricondurre la pace fra i cattolici e diradare gli equivoci: in realtà questi erano destinati a perpetuarsi nonostante la graduale accettazione da parte della grande maggioranza dei cattolici militanti del termine tanto discusso32; dietro l’unanimità formale doveva nascondersi infatti una sostanziale divergenza che accentuerà, anzichè diminuire, i contrasti in seno all’Opera dei Congressi e al movimento sociale cristiano.

  • 33 Nell’articolo Eccessi democratici del 25-26 marzo 1898 la Lega Lombarda critica un violento artico (...)
  • 34 Cosi SERR. nell’articolo L’odierno movimento cattolico popolare ed il proletariato del 28-29 marzo (...)
  • 35 L’articolo Il programma e il nome apparso nel numero del 4-5 aprile 1898 conteneva un attacco all’ (...)

13Certo è che la Democrazia Cristiana di Torino, divenuta quotidiano e mutata nella direzione e nella redazione, continua a svolgere nel 1898 la sua vivace polemica democratica, suscitando preoccupazioni tra i liberali e i cattolici per l’influenza che esercita non solo in Piemonte, ma anche in Lombardia. Mentre i cattolici conservatori, non solo di radice transigente, ma anche d’estrazione intransigente, tendono a sostenere i liberali di fronte ai pericoli di una rivoluzione politico-sociale, i democratici torinesi auspicano una linea di rinnovata intransigenza per il trionfo di un autonomo programma di rinnovamento. Percio La Lega Lombarda, organo dei conservatori nazionali milanesi, deplora gli «eccessi democratici» e antiborghesi della Democrazia Cristiana di Torino e s’impegna nella lotta contro «gli errori della democrazia»33 ed a favore dell’aristocrazia e delle classi superiori34, condannando «il programma e il nome» della democrazia cristiana35.

  • 36 SERR., Timori e speranze, in Lega Lombarda, 6-7 marzo 1898.
  • 37 Cf. i documenti da me citati in Rassegna Storica del Risorgimento, t. LI, n. 4 (ott.-dic. 1964), p (...)
  • 38 Lettera di Genova di Revel a G. Bonomelli del 7 giugno 1898, in BIBLIOTECA AMBROSIANA di Milano, C (...)

14Il 7 maggio 1898 la Lega Lombarda propone l’esempio francese di alleanze conservatrici; anche in Italia, a suo parere, «potrebbe farsi l’accordo dei cattolici cogli altri dementi temperati a fine di stringere in un fascio tutte le forze d’ordine intese a scongiurare la rivoluzione che si prepara e della quale non sarebbero minori i danni nel campo religioso di quel che sarebbero nel campo civile ed economico»36. Ma il giorno successivo scoppiano a Milano i famosi mod, che sono duramente repressi dal generale Fiorenzo Bava Beccaris. A questo si rivolge il generale Genova di Revel, conservatore nazionale, per ottenere lo scioglimento del Comitato cattolico intransigente e l’arresto di don Albertario37 quale principale ostacolo alla costituzione di quel «fascio di tutte le forze d’ordine» ch’è auspicato dalla Lega Lombarda. Lo stesso di Revel avrebbe in seguito scritto a mons. Bonomelli, molto vicino alle sue posizioni, per denunciare nell’astensionismo degli intransigenti la tendenza «più dolorosa e pericolosa pel paese perchè annienta i difensori della pace e dell’ordine», aggiungendo: «La Democrazia cristiana, che si stampa a Torino, fa un gran male nelle basse classi e nella gioventù»38.

  • 39 Significativa la polemica fra Lega Lombarda e Democrazia Cristiana. Questa considerava prossima la (...)
  • 40 Toniolo aveva visto nel progetto di una rivista murriana il pericolo di une dispersione delle forz (...)
  • 41 Cf. le lettere di Invrea e di Chiusano a Murri del 10 e del 22 novembre 1898, in R. MURRI, Cartegg (...)
  • 42 Invrea scriveva: «L’ing. Sala, già in trattative con gli amici dr Genova prima della morte della D (...)
  • 43 G. B. Valente scriveva da Genova a Murri il 27 novembre: «Certo un po’di spirito regionalisdco nel (...)
  • 44 Cf. la citata lettera di Invrea e quella (ivi, p. 272) di Valente, dell’ll novembre 1898, pubblica (...)
  • 45 Cf. G. B. VALENTE, Aspetti e momenti dell’azione sociale dei cattolici in Italia 1892-1926 (Saggio (...)
  • 46 Ivi, p. 41-48.

15Ormai erano delineati i nuovi schieramenti anche in campo cattolico: mentre si proponeva e si attuava l’incontro delle diverse correnti della maggioranza conservatrice per la difesa di «patria» e «fede», «pro aris et focis», i cattolici democratici facevano sentire più alta e più decisa la loro voce di protesta39. La romana Cultura Sociale di Romolo Murri conduce ormai con vigore la sua battaglia ideologica e trascina molti giovani40, ma le voci diverse e più antiche mantengono in varie parti d’Italia degli accenti caratteristici; fra queste voci non mancherà di farsi sentire ancora quella dei torinesi, che indubbiamente viene pero affievolendosi per l’improvvisa fine, nell’autunno 1898, della Democrazia Cristiana41. Tale fine poneva immediatamente il problema della sostituzione del giornale defunto con un nuovo foglio che superasse l’ambito piemontese per interessare tutta l’area nazionale. Si svolsero quindi trattative fra Torino e Genova42, poi anche con Roma; si pensò a fissare nella capitale la sede di un nuovo giornale43 o anche a Torino, secondo il desiderio, non dettato solo da campanilismo, dei piemontesi, ma sotto la direzione di Romolo Murri44: alla fine si giunse al trasferimento del Popolo Italiano da Genova a Torino come risultato di una fusione dei due giornali democraticocristiani dell’Italia nordoccidentale45, e a Torino, presso la redazione del Popolo Italiano, sarebbe stato stilato nel 1899 il famoso programma dei democraticicristiani d’Italia46.

16Con pessimismo avrebbe perd descritto la nuova situazione del mondo cattolico torinese colui che nel 1896 aveva fondato la Democrazia Cristiana in una sua lettere del 1900, che fornisce, a mio parere, degli dementi preziosi per chi voglia penetrare la natura del movimento democratico cristiano di fine Ottocento soprattutto per ciò che riguarda il rapporto fra intransigentismo e democrazia cristiana.

  • 47 Lettera di Giuseppe Piovano al can. Lorenzo Brevedan a Treviso. Torino, 3 luglio 1900 (B. A. V., C (...)

«Alcuni anni fa — scriveva infatti il Piovano — vi erano mold cultori di studi fra i laici...erano pero tutd democradd cristiani. La guerra inconsulta fatta alla democrazia cristiana ha scoraggiato quasi tutti... Per questo ed altro, nelle circostanze presenti, torna impossibile far propaganda. Gli antidemocratici sono liberali della più dell’acqua o per lo meno cattolici incoscienti, che non capiscono il gran bene che fa una società scientifica. Complici di costoro sono anche quei tanti — specie veneti — che per amore dell’Opera dei Congressi, hanno combattuto coloro che soli favorivano l’Opera stessa ed hanno favorito quei cattolici conservatori che sono o poltroni o per tre quarti liberali. Per questa guerra inconsulta, in Torino, e posso dire in tutto il Piemonte, l’Opera dei Congressi più non esiste che di nome»47.

  • 48 Gli studi di P. SPRIANO (Socialisme e classe operaia a Torino dal 1892 al 1913, Torino, 1958), di (...)

17Voce parziale e tendenziosa certamente questa del Piovano (tenendo anche conto della destinazione della lettera a un veneto), ma, proprio perchè proveniente da uno dei maggiori protagonisti della vicenda torinese, non priva di significato e degna di attenzione per chi voglia approfondire la conoscenza della recente storia piemontese48 e della prima ondata democratico-cristiana in Italia. Infatti nella discussione ancora aperta circa le origini e la natura del movimento cristiano-sociale e della «democrazia cristiana» in Italia un’attenta considerazione del gruppo torinese può, a mio giudizio, risultare particolarmente feconda.

  • 49 Ancora nell’ottobre 1897 Giambattista Valente, fondatore de Il Popolo Italiano, vedeva in lui solo (...)

18Anzitutto l’esame delle origini e dei caratteri del movimento torinese fornisce una nuova smentita all’immagine tuttora ricorrente di una «democrazia cristiana» fondata e promossa da Romolo Murri. Il gruppo di Piovano non deriva infatti la sua fede sociale e politica da un Murri che nel 1896 ha idee vaghe ed incerte, scarsa e geograficamente limitata influenza49.

19In secondo luogo va notato l’ambito entro il quale operano i giovani democratici torinesi anche in rapporto all’origine ed alla natura dei principali oppositori: certo è che i democratici cristiani agiscono nell’ambito dell’intransigentismo e della stessa Opera dei Congressi contro il «sabaudismo» liberaleggiante che ancora prevale in Piemonte e che è alla radice dell’opposizione antidemocratica.

  • 50 Cf., ad esempio, la citata lettera d’Invrea pubbl. in R. MURRI, Carteggio II..., p. 229.

20L’impegno sociale dei giovani democratici trae soprattutto ispirazione dall’opera di Giuseppe Toniolo e si svolge entro le linee fissate dalla Unione Cattolica di Studi Sociali, ma con accentuazioni che possono essere poste in relazione al particolare ambiente economico, rurale e industriale, del Piemonte ed anche ai contatti con i socialisti di Torino50.

  • 51 Frequenti su Democrazia Cristiana gli articoli degli abati democratici francesi, di Gayraud, di Na (...)

21La «democrazia cristiana» dei torinesi é anzitutto intesa in senso sociale, ma si rivela ben presto anche politica, con venature repubblicane e fédéraliste, non soltanto per il carattere delle resistenze «sabaudiste» ma pure a causa della forte influenza del clero democratico francese51.

22Per concludere vorrei trarre da queste quattro osservazioni relative al gruppo torinese due considerazioni di carattere generale circa la prima democrazia cristiana.

23Fu quest’ultima fin dalle origini un movimento murriano? Ebbe caratteri identici in tutte le regioni italiane? Mi sembra che i documenti riguardanti i democratici piemontesi (nonchè molti altri relativi ad altre regioni) debbano indurre a delle risposte negative. Murri seppe dare da Roma, già dalla fine del 1897, vivacità polemica e mordente ideologico ad un movimento che, indipendentemente da lui, era sorto già in varie parti d’Italia a che senza il suo diretto concorso approfondi alcuni aspetti essenziali e concreti del proprio programma. Murri appare fra l’altro piuttosto estraneo anche ad iniziative che avrebbero potuto stringere più rapidamente e più saldamente i legami fra i cattolici democratici per la costituzione di un distinto partito cosi al tempo della riunione di Genova (1898) come al tempo della compilazione del programma democratico cristiano di Torino (1899).

  • 52 Cito, ad esempio, la relazione R. AUBERT-J. B. DUROSELLE-A. C. JEMOLO su Le libéralisme religieux (...)
  • 53 Mi referisco qui in particolar modo all’importante e per tanti aspetti pregevole volume di CAMILLO (...)
  • 54 Spesso cristiano-sociali e democratici cristiani denunciarono il parziale «transigentismo» di tant (...)

24La seconda considerazione riguarda il problema fondamentale del rapporto fra intransigentismo, cattolicesimo sociale e democrazia cristiana: su questo argomento si è discusso vivacemente e si discute ancor oggi. Si sostenne già un tempo che la democrazia cristiana abbia costituito la seconda o la terza ondata del cattolicesimo liberale52; si scrive oggi che lo stesso movimento cristiano sociale, pervaso da ispirazioni e motivi liberaleggianti, fu diretto a combattere l’intransigentismo cattolico53. Ritengo che tali affermazioni non abbiano un valido fondamento: certamente il movimento cristiano sociale voile superare un intransigentismo puramente negativo e infecondo; certamente i democratici cristiani vollero liberare il cristianesimo sociale da nostalgie medioevalistiche e condurre la battaglia anche sul terreno politico per l’emancipazione del popolo; ma è anche vero che movimento cristiano sociale e democrazia cristiana intesero portare a fondo la lotta contro il liberalismo borghese condannandone tanto le premesse ideologiche quanto le conseguenze pratiche pure in campo economico e sociale54.

25Non vi è certamente identità fra cattolicesimo intransigente, movimento sociale cristiano e democrazia cristiana; ritengo perd che il movimento sociale cristiano sia maturato e si sia sviluppato prevalentemente su basi ideologiche e organizzative intransigent!; che la democrazia cristiana sia maturata e si sia sviluppata prevalentemente su basi ideologiche e organizzative cristiano sociali. La storia umana non ammette compartimenti stagno e continua è sempre l’osmosi d’idee e di uomini cosicchè numerose furono certamente le influenze reciproche fra i diversi settori e ambienti del mondo cattolico e non soltanto cattolico; senza dubbio quindi nel movimento cristiano sociale e soprattutto nella democrazia cristiana si potranno rintracciare motivi del cattolicesimo liberale o del transigentismo corne anche del cosiddetto mondo «laico». Si può aggiungere che non tutti gli intransigenti furono dei sinceri cristiano-sociali, che non tutti i cristiano-sociali furono democratici cristiani, cosi come non tutti i cristiano sociali o democratici cristiani furono intransigenti o provenienti dall’intransigentismo. Resta però indiscutibile, a mio parere, l’esistenza di un rapporto di continuità fra la tradizione intransigente, quella cristiano-sociale e quella democratico-cristiana, continuità che non deve significare necessariamente immobilità o cristallizzazione di premesse ideologiche o di programmi pratici, ma anche sviluppo verso nuove e più aperte impostazioni fondate comunque sul rifiuto di ben determinate ideologie e di conseguenti sistemi sociali.

  • 55 Si vedano, ad esempio, le interessanti osservazioni di EMILE POULAT in Le catholicisme devant l’éb (...)

26Si è scritto recentemente55 che, insistendo su tale continuità con accentuazioni trionfalistiche, si finisce col privilegiare un filone all’interno del mondo cattolico dando rilievo ad una specie di genealogia dei vincitori. Ciò è vero, ma più deformante è a mio parere la tendenza a immaginare altre genealogie, che mi sembrano meno rispondenti alla realtà storica documentata dalle fonti finora conosciute ed a privilegiare altri filoni, come, ad esempio, quello cattolicoliberale o arche quello integrista come essenziale constante nella vita della Chiesa cattolica e della sua direzione gerarchica: compito dello storico è sempre quello di chiarire come realmente le cose sono andate riconoscendo la complessità del passato umano senza esclusioni e senza deformazioni dettate da preoccupazioni apologetiche, ideologiche o politiche.

Notes

1 ARMANDO CASTELLANI (Il beato Leonardo Murialdo. Vol. II. Il pioniere e l’apostolo dell’azione sociale cristiana e dell’azione cattolica (1867-1900), Roma, 1968, p. 144-192, 379-401 e passim) ha documentato l’esigua consistenza dell’Opera in Piemonte al tempo degli arcivescovi Gastaldi e Alimonda, cioè fino al 1891. Le testimonianze delle resistenze ambientali e gararchiche incontrate dai pochi promotori sono certamente innumerevoli sopratutto fra le carte Paganuzzi e Toniolo (e certamente anche fra le carte Medolago Albani). Significative sono, ad esempio due ampie relazioni sullo stato dell’Opera in Piemonte conservate nell’Archivio del Comitato Permanente dell’Opera del Congressi e dei Comitati Cattolici in Italia nel Seminario Patriarcale di Venezia (che indicherò con l’abbreviazione A. C. P.) nella busta «Comitati diocesani lombardi». La prima, di un «Carlo» (Ricci des Ferres?), è datata 5 ottobre 1889; in essa leggiamo: «L’Opera dei Congressi esiste di nome e non di fatto, non ha influenza, con pochissimi associati non gode alcun favore presso il pubblico; non penso possa riaversi dalla sua caduta, se tanto può dirsi cadere di un uomo che visse sempre barcollando (...) Havvi per ora speranza di ordinare questo movimento cattolico laicale in Piemonte? Chi scrive nol crede». L’altra di un «Cesare» (Balbo di Vinadio a Medolago Albani?) è del 17 dicembre 1889 e contiene affermazioni simili («L’Opera dei Congressi è debolissima. Vive stentatamente, pochi la capiscono e si estende pochissimo. Causa di ciò: il programma vago — l’esservi in Torino quasi tutte le opere buone che l’Opera dei Congressi è chiamata a fondare e a promuovere — la paura in molti di parere intransigenti e di compromettersi — l’indolenza innata dei torinesi (...)») insieme alla denuncia della riluttanza a partecipare del clero anziano, della nobiltà e della più ricca borghesia, mentre un certo impegno appare solo fra giovani preti e piccoli borghesi. Concetti e lamenti simili troviamo in una lettera del 16 gennaio 1890 certamente di Cesare Balbo a Toniolo pubblicata da CAMILLO BREZZI in Cristiano sociali e intransigenti. L’opera di Medolago Albani fino alla «Rerum Novarum», Roma, 1971, p. 34-35. Disperata era quindi la conclusione di un rapporto di Medolago Albani a Casoli del 22 aprile 1890: «E’inutile: colà non si può nemmeno parlare dell’Opera dei congressi senza ammazzare ogni movimento cattolico. Conviene persuadersi che per il Piemonte conviene mutare via. Lavorare, ma non in nome dell’Opera dei congressi» (A. GAMBASIN, Il movimento sociale nell’Opera dei congressi (1874-1904). Contribute per la storia del cattolicesimo sociale in Italia, Roma, 1958, p. 329).

2 L’offerta piemontese per un congresso nazionale a Torino era stata subito accolta con piacere dal Paganuzzi (e dal suo consigliere padre Bartolomeo Sandri) nel 1894. Scriveva infatti il p. Sandri il 21 aprile’94 a Paganuzzi: «Gratulor di quanto si fece in Piemonte: è un gran passo e un po’alla volta conosceranno l’Opera dei Congressi, e la nécessità che ci sia unità d’azione e di direzione per ottener vittoria. Di nuovo vere felicitazioni. Il suo discorso di chiusa fu ispirato benissimo»; e il 19 giugno: «Ieri ho letto posatamente tutta la Va adunanza regionale piemontese. Confesso, il Piemonte mi è cresciuto in mano. Quello che più mi ha colpito fu il discorso di mons. Manacorda, vescovo di Fossano. E’un discorso da santo patriarca prima di morire. Con quanta carità, con quanta chiarezza tocca tasti delicatissimi, che pur dovevano essare toccati per togliere ogni diffidenza fra l’Italia papalina e il Piemonte, tra l’Opera dei Congressi e i cattolici piemontesi. Ebbe certo l’incarico dall’arcivescovo di Torino, ma lo compl da Santo Padre. La prova poi che domanda all’Opera d’aver cessato ogni malore portando in tempo non lontano a Torino il Congresso generale, deve essere accettata. » (entrambe le lettere in A. C. P., Lettere del p. Sandri).

3 Quanto questo impegno autonomo potesse risultare sgradito particolarmente a Torino appare da una lettera del sac. Stefano Trione a Paganuzzi, Torino 10 agosto 1895: «Attendo sempre il programma. Nel farlo pubblicare nel Corriere Nazionale, farò omettere il comma che riguarda i doveri dei consiglieri cattolici, perché qui urterebbe qualcuno. L’argomento è opportunissimo e sarà trattato da tutti volentieri, ma non si vuol ora dar da dire alle gazzette massoniche torinesi» (A. C. P., busta «Corrispondenza dell’Opera dei Congressi – 1895 - II° semestre»). Ogni sforzo era indirizzato a smentire le accuse di sovversivismo rivolte agl’intransigenti dell’Opera; ciò appare anche dalla lettera di ringraziamento inviata, dopo il congresso, da Paganuzzi all’arcivescovo di Torino, card. Davide Riccardi: «Io credo che, assicurati come ormai devono essere i cattolici piemontesi della perfetta legalità del nostro e del loro lavoro, potrà da essi trovarsi nell’organizzazione sistematica dell’opera nostra un’impresa in cui porsi con tutte le loro nobili forze» (minuta di lettera da Venezia, del 17 settembre 1895, ivi).

4 Per il clima politico locale e nazionale al tempo di quel congresso si possono consultare anche le p. 474-480 di F. FONZI, Crispi e lo «Stato di Milano», Milano, 1965.

5 L’Opera, per la prudente tenacia di Paganuzzi e le buone, ma preoccupate, disposizioni dell’arcivescovo Riccardi, si viene sviluppando sulla base di adesioni diverse e contrastanti al Comitato Regionale, ai Comitati diocesani, ai Congressi, organizzati, promossi o favoriti da uomini come il Viancino e il Murialdo, il Balbo il Rondolino, il Manacorda e lo Scala; ma il principale, appassionato e fattivo impulso viene dopo il 1891 dai giovani generalmente democratici.

6 Cf. MARIO ZUFFI, Prefazione al X° volume di A. MANNO, Bibliografia storica degli Stati della monarchia di Savoia, Torino, 1934, soprattutto alle p. XXIX-XXXI.

7 Cf. lettera di Antonio Manno a Francesco Crispi, Torino 21 giugno 1895, in ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO-ROMA, Carte Crispi (della Deputasione di Storia Patria di Palermo), busta XXXV, lettera M.

8 Cf. lettere di Cesare Balbo a Toniolo in BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA (B. A. V.), Carte Toniolo, 1888.

9 Con lettera da Chieri, del 1° febbraio 1893, Chiaudano invitava Toniolo ad una riunione torinese di laici cattolici (Cesare Balbo, marchese Invrea...). Ivi, 1893.

10 Il 16 gennaio 1890 Balbo aveva comunicato a Toniolo di aver parlato con 1’arcivescovo e con mons. Bertagna, che «lodò moltissimo la bella iniziativa di lor signori, ed ebbe parole di caldo conforto a noi che stiamo studiando il modo di metier su in Torino qualche cosa di simile ad una associazione di studi sociali. Da assai tempo io ho questo pensiero, e lo manifestai a parecchi personaggi ecclesiastici e laici a Torino. Tutti lo approvano, ma purtroppo pochi o per dir meglio nessuno si muove per ridurlo in pratica (...) poi sono pure scarsi...rari nantes i dotti-laici-cattolici a Torino!» (Ivi, 1890).

11 In una lettera senza data (ma probabilmente del 1896) il Chiaudano distingueva la sua «Scuola di diritto naturale» (che aveva tra gli uditori Emiliano Della Motta, Prospero Balbo, A. Buffa di Perrero, di Rovasenda, A. Badini Confalonieri...) dall’«Accademia di scienze sociali» del canonico Piovano (Ivi, Lettere senza data).

12 Oltre a una lettera del 24 luglio 1896, cf. quella, da Viale, del 6 settembre 1896: «(...) Ed è cosi che, avendo incominciato a studiare alla bella età di ventisette anni, trovo moite difficoltà sulla via e temo sempre di mancare all’impegno preso verso me stesso, quando, abbandonando la carriera militare, promisi darmi ad una vita più operosa ed utile. Libero come sono di me e di tutto il mio tempo — le ventiquattro ore su ventiquattro—non fossi destinato a restar sempre un parassita sociale... » (entrambe le lettere: Ivi, 1896). Cf. A. ZUSSINI, Luigi Caisotti di Chiusano e il movimento cattolico dal 1896 al 1915, Torino, 1965.

13 Vi è chi nega questa circostanza (p. e. L. BEDESCHI nella introduzione a R. MURRI, Carteggio. I. Lettere a Murri 1889-1897, Roma, 1970, p. XIX); ci sembra però che la stessa lettera di scuse e di spiegazioni inviata da Murri a Toniolo (ivi, p. 477) confermi l’atteggiamento assunto a Padova dal giovane sacerdote marchigiano. Ora si confronti soprattutto la parte relativa a R. Murri e il Congresso degli studiosi di scienze sociali a Padova (26-28 agosto 1896) dell’intervento di ANGELO GAMBASIN in R.M. nella storia politica a religiosa del suo tempo, a cura di G. ROSSINI, Roma, 1972, p. 308-313, ove si nota come, sia riguardo al rapporto fra capitale e lavoro sia circa la questione tributaria, Murri si schierasse contro i cristiano sociali per soluzioni più vicine a quelle dei liberali. Cf. anche però (nello stesso volume, a p. 51) il giudizio positivo di S. Fontana e F. Traniello su tale atteggiamento di Murri.

14 Circa gli atteggiamenti della Voce dell’Operaio, ispirata da Leonardo Murialdo, cf. l’opera (Il beato L.M., p. 714 e passim) del padre A. CASTELLANI, che tende ad attribuire la resistenza del Giraud alle richieste dei giovani democratici ad una certa preferenza da parte del Murialdo e della Voce per la democrazia sociale piuttosto che per quella politica.

15 «Da quattro anni lavoro con tutte le mie forze in Piemonte all’azione cattolica» scriverà con orgoglio il 23 dicembre 1895 (nel foglio stampato di CESARE ALGRANATI (ROCCA D’ADRIA), Risposta al Corriere Nazionale n. 351. A viso aperto. Indirizzato al Direttore). Il 3 ottobre il conte di Viancino aveva scritto a Paganuzzi: «Domenica prossima vi sarà a Sordevolo, nel Biellese, un’adunanza federativa di società operaie promossa e diretta da cattolici piemontesi di quelli che pienamente non comprendono, o, se il comprendono, sinceramente non amano, quello spirito dell’Opera dei Congressi che fu l’argomento del mio discorso a Torino. Il sig. Rocca d’Adria, invitato ad intervenirvi, mi scrive dimandando il mio parere intorno al contegno che dovrà tenere quale membro di questo Comitato regionale in quella adunanza, lui guelfo in mezzo ai ghibellini: gli ho risposto secondo la cristiana prudenza mi suggeriva» (A. C. P., busta «Corrispondenza dell’Opera dei C. – 1895 - II° semestre»). Dal numero del 16/17 ottobre 1895 de «La Provincia Novarese» risulta che i «ghibellini» promotori dell’adunanza erano il conte Cesare Balbo, l’avv. Ferdinando Rondolino e l’avv. Gianmaria Serralunga Langhi, direttore di quel giornale.

16 Cf. la lettera di Viancino a Paganuzzi del 22 novembre’95, che citerò in seguito.

17 Come si è visto, sul Corriere venivano pubblicati i comunicati dell’Opera con qualche mutilazione.

18 Cf. la citata lettera di p. Sandri a Paganuzzi del 19 giugno 1894.

19 Nel citato foglio Risposta al Corriere Nazionale... Algranati scriveva: «(...) è appunto quest’azione cattolica che Ella a me e ad altri ha dichiarato di non comprendere. E’appunto perché in questa azione cattolica tutti i cattolici vedono oggi uno dei più grandi mezzi di rigenerazione morale, che noi (e dico noi perchè in cio la più gran parte dei cattolici del Piemonte sono unanimi) abbiamo deplorato pubblicamente, tempo fa, la parte passiva in questo movimento dell’unico giornale cattolico torinese. Abbiamo deplorato che il giornale non sentisse il bisogno di far suo il programma d’azione cattolica dell’Opera dei Congressi, e si limitasse a riferire i comunicati, senza difendere, e senza mai proporre un’opera d’economia sociale cristiana, mentre da tutte parti, anche dalle autorità politiche e dalla magistratura, i cattolici si vedono attraversata la via, per cui il lavoro aumenta di giorno in giorno, e la difesa dei nostri diritti è resa sempre più malagevole».

20 Il Viancino scriveva da Torino, il 22 novembre’95, a Paganuzzi: «Corne rappresentante della presidenza di questo Comitato Regionale, interviene alla adunanza generale di Bologna lo zelante nostro membro, sac. don Trione, salesiano, il quale potrà dare tutti i ragguagli che si desiderino intorno all’azione cattolica di questa regione (...) Il rev. don Trione saprà dirle in confidenza di alcuni piccoli dissapori sorti fra la direzione del Corriere Nazionale - Italia Reale e il sig. Rocca d’Adria, divenuto da poco tempo membro molto attivo del nostro comitato. Sarei d’avviso che, a scongiurare tali contrasti, potesse giovare lo ascrivere a membro del nostro comitato il rev. don Tinelli. Se Lei approva, lo iscriveremo». Più duro ed esplicito appare un mese più tardi; mentre Trione scriveva a Paganuzzi (in una lettera senza data): «E’sorta questione tra l’avv. Scala e Rocca d’Adria. Il conte Viancino ne è alquanto intimorito. Per lettera non si può dir tutto, tuttavia le manifesto il mio debole parere, che cioè vi sia un po’d’imprudenza da ambe le parti. Converrà procedere con molta calma, se si ricorrerà alla S.V. Spero tuttavia che Rocca d’A. risolverà tutto con l’arcivescovo», il Viancino cosi si esprimeva in una lettera, sempre a Paganuzzi, del 28 dicembre: «Le comunico alcune difficoltà che recentemente mi si presentarono nella direzione dell’azione cattolica di questa città e regione. Alcuni nuovi membri stati ammessi a far parte del nostro comitato regionale, col loro ardore e col loro slancio, mi rendono alquanto difficile il dirigerli e governarli. Accenno particolarmente al sig. Rocca d’Adria, che, dietro proposta del rev. don Trione, venne ascritto al Comitato Regionale, ed in seguito, dietro proposta del Rocca d’A., alcuni altri a lui devoti e aderenti. Io, che per tanti anni ho guidato lentamente, se si vuole, ma con sicurezza il carro del nostro Comitato Regionale, evitando gli ostacoli lungo la via, ora mi trovo con focosi puledri impazienti di freno; ne do a Lei per saggio la spiacevole vertenza tra Rocca d’A. e l’avv. Scala, direttore del Corriere Nazionale, vertenza che, per colpa del Rocca d’A., non potè tenersi nascosta al pubblico, come riconoscerà Lei stessa dall’unito stampato che diramò il Rocca d’A. Egli è un preziono elemento d’azione, avendo molto spirito, istruzione e zelo; prevedo però, che qualora non si potesse dirigerlo, mi troverei nella necessità di sconfessare il di lui operato, o di smettermi dall’ufficio di presidente di questo Comitato regionale. Anche il rev. don Trione, che pure cotanto promosse l’azione cattolica fra noi, qualche volta mi riesce d’incomodo, dovendo nelle adunanze talora mostrarmi restio alle frequenti proposte che egli va facendo e che pongono me, secolare, nella difficile posizione di emettere avviso contrario a quello di lui, sacerdote. Con la fondazione fattasi di questo comitato diocesano, sotto la presidenza del cav. Borelli, diminuirà alquanto il lavoro del comitato régionale; quello perd che è desiderabile, più che la diminuzione del lavoro, è la concordia tra coloro che lavorano, ed anche un po’più di deferenza verso chi da tanti anni dirige il lavoro, come meglio sa. Non voglio entrare nel merito dell’origine della vertenza tra Rocca d’A. e Scala; questo è certo, che il torto maggiore è di colui che recò innanzi al pubblico le notizie della discordia: nel campo cattolico discordia non vi può essere, perchè colui che fa opposizione dimostra già essere uscito da quel campo» (tutte le lettere sono in A. C. P., busta «Corrispondenza dell’Opera dei C. - 1895-II° semestre»).

21 Sull’ambiente conservatore nazionale del Corriere fra il 1883 e il 1886 cf. AMICUS (E. MARTIRE), Filippo Crispolti. Note biografiche, Milano-Roma, 1943, p. 11-17.

22 Per le posizioni di Emiliano Manacorda già agli inizi della sua missione episcopale (fu eletto vescovo di Fossano nel 1871) cf. F. FONZI, I vescovi, in Chiesa e religiosità in Italia dopo l’unità (1861-1878), Milano, 1973, p. 38-39, 54-55.

23 Cf. A. M. G., L’ipocrisia democratica e altri articoli in Italia Reale-Corriere Nazionale del 10-11 giugno 1897.

24 Cf. la Lettera di mons. Manacorda al prof. Toniolo (26 giugno 1897) nel numero del 4-5 luglio («La parola che ci arriva dai nuovi maestri democratici di Francia spiega eloquentemente ciò che debbasi intendere nei momenti attuali per democrazia. Il’93 del secolo passato riapparisce nello scorcio del secolo presente (...) Ci lasceremo noi cogliere nel laccio, seguiremo noi l’ispirazione d’oltre Alpi?»), nella quale si prospettavano ai buoni piemontesi i pericoli sempre insiti nelle idee provenienti dalla rivoluzionaria Francia, e l’articolo Non imitatori gl’Italiani. V. Gioberti e il card. Alimonda nel numero dell’8/9 luglio 1897.

25 La formula anticlericale di Gambetta approvata dall’ab. Naudet, in Italia reale-Corriere nazionale del 20/21 giugno 1897.

26 Cf. i numeri del 27/28 giugno (Il papa, l’episcopato e il movimento democratico), del 28/29 giugno (ove si legge il plauso di mons. Genuardi, vescovo di Acireale, al Corriere, che «attende alla custodia e difesa della sana dottrina e del corretto linguaggio cattolico contro le strane a perniciose dottrine di recenti novatori sorti con nuovo linguaggio nel campo della stampa cattolica») e del 6/7 luglio, che porta l’adesione di mons. Vincenzo Giuseppe Veneri, vescovo d’Amelia, alla campagna contro «certe novità di nomi e d’idee incominciate a introdursi nel campo dell’azione Cattolica al di là delle Alpi, pericolo che purtroppo va addivenendo una triste realtà».

27 Lettera di mons. E. Manacorda a Toniolo. Fossano, 9 luglio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897.

28 Oltre che da mons. Manacorda e dall’avv. Scala il Toniolo era sollecitato ad una decisa condanna della d.c. (come compromettente il carattere puramente spirituale e caritativo, non politico, dell’azione cattolica e del programma sociale cristiano) anche dal gesuita Giuseppe Chiaudano, che gli chiedeva di condannare apertamente il termine «democrazia cristiana» scrivendogli: «io la prego, per amore di N. S. Gesù Cristo, a voler adoperare la sua autorità per far comprendere a tutti non essere utile propugnare una causa si santa, quale si è quella dei poveri, con un titolo che può prestarsi ad equivoci e cattive interpretrazioni» (lettera non datata, ma del 1897, in B. A. V., Carte Toniolo), e ancora: «La mi creda, signor professore, è cosa di sommo momento che l’azione cattolica si conduca in guisa da rendere impossibile ogni sospetto intorno ai suoi intendimenti. Questa è stata la causa che m’ha indotto, nonostante le altre gravissime occupazioni che ho, a metter mano in pochi giorni a questo povero lavoretto» (la lettera, da Chieri, del 14 luglio 1897, ivi, accompagnava l’invio dell’opuscolo di G. CHIAUDANO, Democrazia cristiana e movimento cattolico, Torino, 1897). Il Chiaudano si appellava anche alla particolare situazione piemontese e scriveva, sempre al Toniolo: «Il miglior modo per allontanare il Piemonte dalla causa cattolica, dividende le forze, è appunto il voler porre tal causa sotto la bandiera della democrazia. Il metodo tenuto dai seguaci della medesima in Piemonte, nuoce sommamente alla causa della libertà e dei diritti del Papa. Questo asserisco di certa scienza. Conosco il Piemonte meglio di tanti altri, conosco il clero secolare e regolare, il laicato nobile e non nobile. Se avro occasione di parlarle, le prometto di mostrargliene le prove. Mons. Riccardi di s.m., che conosceva molto bene Torino, ne era dolentissimo dell’indirizzo dato all’Azione Cattolica dalla democrazia: spesso parlò a me in termini di grande dolore e con mons. Manacorda... » (F. VISTALLI, G. Toniolo, Roma, 1954, p. 458-459).

29 L. Caissotti di Chiusano a Toniolo, Viale 4 luglio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897.

30 Il Radini Tedeschi aveva provocato «l’intromissione della S. Sede» per impedire l’acuirsi del contrasto fra il Corriere e la Democrazia Cristiana di Torino (cf. Jettera di G. Radini Tedeschi a Toniolo, Roma 2 luglio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897). Il 5 e il 22 luglio scriveva ancora a Toniolo: «Il card. Rampolla, a cui or ora ho parlato della questione torinese, mi ha dato incarico di scriverle che desidera vivamente sia da lei stampata subito subito e in opuscolo a parte, salvo poi a pubblicarla nella Rivista, la sua conferenza sulla D. C. E’importante assai che ella lo faccia al più presto»; «La bozze della sua conferenza... furono inviate in alto. Là furono consegnate in altissimo e riposarono alquanto, perchè non cosi presto potevansi leggere. Ora sono state richieste per il nulla osta, e tra oggi e domani credo che si pubblicherà la conferenza» (ivi). Cf. anche la lettera di Toniolo a mons. Callegari, del 5 luglio, in G. TONIOLO, Lettere. II. 1896-1903, a cura di G. ANICHINI e N. VIAN, Città del Vaticano, 1953, p. 58-59, e quella del card. A. Agliardi a Toniolo del 4 luglio («La S. Sede non è stata per ora chiamata a dirimere la questione della Democrazia Cristiana. Ciò non toglie che essa sia ben informata della polemica sorta tra il Corriere di Torino e l’Osservatore Cattolico di Milano. Il cardinale di Stato desidera ch’ella pubblichi, e al più presto, la bella conferenza che ha tenuto qui a Roma sulla D. C. » (F. VISTALLI, G. Toniolo..., p. 450).

31 In B. A. V., Toniolo, 1897.

32 Lo stesso Scala, riaffermando le proprie riserve sul termine «d.c. », si diceva perfettamente d’accordo con Toniolo sulla sostanza del programma enunciato nella conferenza romana: «Dovunque la S. V. scrive «democrazia» metta invece «ottimo governo» e l’opusculo sta com’è: una magnifica illustrazione del programma cattolico sociale» (lettera da Torino, 26 jublio 1897, in B. A. V., Carte Toniolo, 1897). Il giorno successivo Toniolo scriveva a Medolago Albani: «Il caro Scala dovette sottoscrivere la promessa di non più parlare» (G. TONIOLO, Lettere, II°..., p. 71). Toniolo ritiene ormai di aver vinto la sua battaglia; il suo ottimismo (ch’era del resto fondato anche su ciò che gli scriveva da Torino il canonico Piovano già alla fine dell’agosto 1897: «Molti che in buona fede seguivano il Corriere Nationale hanno già aperto gli occhi e stanno ora con noi. Parecchi (anche sacerdoti e professori che conosco assai bene), infetti di liberalismo, non osano più fare guerra alla Democrazia: taluni articoli infelicissimi da essi pubblicati sul Corriere Nationale suscitarono il riso e l’indignazione di tutto il Piemonte. Ma oggi hanno un certo riserbo e non potranno più nuocerci: parecchi altri stanno titubanti. Ma i più giudiziosi e operosi si sono rivolti alla Democrazia ed il numero di costoro va continuamente crescendo», in F. VISTALLI, G. Toniolo..., p. 453) appare ancora in una lettera del 13 gennaio 1898 a Medolago Albani: «Dica agli amici di non insistere affatto per il congresso della democrazia (...) Dica a Caissotti ed al can. Piovano, ecc. che appunto perchè quella idea cammina a gran passi a con favore aperto di lassù (ne ho prova freschissima), non bisogna violentare il movimento stesso» (G. TONIOLO, Lettere. II°..., p. 93-94).

33 Nell’articolo Eccessi democratici del 25-26 marzo 1898 la Lega Lombarda critica un violento articolo antiborghese di Democrazia Cristiana e invoca una lotta a fondo contro l’invadente corrente democratica; nell’articolo Gli errori della democrazia del 26-27 marzo accusa la d.c. di far propaganda per il socialismo.

34 Cosi SERR. nell’articolo L’odierno movimento cattolico popolare ed il proletariato del 28-29 marzo 1898.

35 L’articolo Il programma e il nome apparso nel numero del 4-5 aprile 1898 conteneva un attacco all’estremistico programma sociale e politico della democrazia cristiana.

36 SERR., Timori e speranze, in Lega Lombarda, 6-7 marzo 1898.

37 Cf. i documenti da me citati in Rassegna Storica del Risorgimento, t. LI, n. 4 (ott.-dic. 1964), p. 584-585 e quelli citati da O. CONFESSORE in Conservatorismo politico e riformismo religioso. La «Rassegna Nazionale» dal 1898 al 1908, Bologna, 1971, p. 135-136.

38 Lettera di Genova di Revel a G. Bonomelli del 7 giugno 1898, in BIBLIOTECA AMBROSIANA di Milano, Carte Bonomelli, 1898.

39 Significativa la polemica fra Lega Lombarda e Democrazia Cristiana. Questa considerava prossima la crisi finale della borghesia liberale italiana e si chiedeva: «Corne ci troverà questa fine? Qui è tutto. Se ci avesse da sorprendere corne ci ha sorpresi la rivoluzione, la storia scriverebbe per noi una pagina obbrobriosa. Gli avvenimenti debbono trovarci preparati a mettere in attuazione tutto il nostro piano di riforme nel campo morale, sociale, politico ed economico (...) Cultura, azione, abnegazione. Lasciamo liberali e socialisti sbrigarsela fra di loro; i morti seppelliscano i morti. Noi siamo la vita»; SERR. invece scrivera: «Al contrario, intervenendo ora ed agendo per la salvezza comune, come ci è concesso (...) Il nostro posto ora è dove si combatte per qualche cosa di superiore e di sacro per tutti gli onesti, a qualsiasi partito appartengano: la patria quale ce la diedero le sue gloriose tradizioni, la civiltà cattolica, il sangue dei nostri padri» (SERR., Il nostro posto, in Lega Lombarda, 15-16 maggio 1898).

40 Toniolo aveva visto nel progetto di una rivista murriana il pericolo di une dispersione delle forze democratico-cristiane. «Fondando una piccola rivista a se — aveva infatti scritto il 1° ottobre’97 — io temo sempre della dispersione delle forze, cost scarse in Italia, sia per collaboratori che per lettori. C’è la Democrazia sociale dell’Avolio a Napoli, la Democrazia cristiana di Piovano e Rocca d’Adria, la Cooperazione rurale di Parma, ecc., senza dire della Vita nova, e nessuno dubiterà di esagerare dicendo che tutte hanno vita incerta. Ora vi ha sull’orizzonte il Popolo italiano — Genova, Via Assarotti 31 — a cui ella stessa ha dato il nome di collaboratore, e che invero accoglie accanto al suo il nome di quasi tutti amici nostri. Perché ella non tenterebbe di accordarsi e fondersi con quello? A 1er credo, sarebbe riservato un posto di redattore» (G. TONIOLO, Lettere, II..., p. 84). Già il 25 maggio Toniolo aveva raccomandato a Caissotti di non disperdere energie e di accordarsi con genovesi e napoletani (ivi, p. 112).

41 Cf. le lettere di Invrea e di Chiusano a Murri del 10 e del 22 novembre 1898, in R. MURRI, Carteggio. II. Lettere a Murri 1898, a cura di L. BEDESCHI, Roma, 1971, p. 228-231 e 245-246.

42 Invrea scriveva: «L’ing. Sala, già in trattative con gli amici dr Genova prima della morte della Democrazia Cristiana, continua a fare le pratiche con essi. Ed ora essi stessi sono convinti che almeno per ora sia necessario far sorgere a Torino, e non a Roma, il giornale nazionale da essi proposto. E certamente tutte le ragioni conducono a questa conclusione (...). Credo che tu pure converrai in queste riflessioni; tanto più se consideri che, se geograficamente Roma è più centrale di Torino, dal punto di vista delle idee democratiche è assai più importante Torino — come in genere tutte le città grandi dell’Italia settentrionale — dove gli aderenti all’idea sono numerosi assai, dove lo sviluppo del socialismo è maggiore che in qualsiasi altra parte, dove la grande industria, potentemente sviluppata, genera il proletariato nella sua forma moderna. E’certo che il movimento sociale in Italia — per tutte queste ragioni e anche per la ragione geografica del maggiore contatto colle nazioni più progredite — parte dal nord e si dirige al sud (...). Vedo con piacere che tu accetteresti la direzione del foglio; tanto a Genova come qui si ritiene che tu saresti la persona più indicata. Se si riesce a fare qualche cosa, speriamo che tu potrai venire a dirigere l’opera» (ivi, p. 228, 229 e 230).

43 G. B. Valente scriveva da Genova a Murri il 27 novembre: «Certo un po’di spirito regionalisdco nell’atteggiamento dei fratelli torinesi c’è (...). Ci pare però che Torino sia troppo settentrionale. Bisogna lavorare e ottenere che il giornale esca a Roma, a Roma capitale di fatto, a Roma centrale, a Roma dove c’è un vero bisogno anche locale, a Roma dove la massima parte degli italiani lo vogliono. I piemontesi dovrebbero, per lo meno, aveve il patriottismo che ha avuto la loro monarchia, sacrificando, corne tutti gli altri, l’interesse regionale all’interesse nazionale; a Roma, poi, dove unicamente è normalmente possibile la fusione colla Unione di lei e della Cultura Sociale. Bisognerà che, senz’altro, ella prema in questo senso sopra Chiusano e l’Invrea» (ivi, p. 253-254).

44 Cf. la citata lettera di Invrea e quella (ivi, p. 272) di Valente, dell’ll novembre 1898, pubblicata erroneamente da Bedeschi fra le lettere del dicembre.

45 Cf. G. B. VALENTE, Aspetti e momenti dell’azione sociale dei cattolici in Italia 1892-1926 (Saggio autobiografico), a cura di F. MALGERI, Roma, 1968, p. 40-41.

46 Ivi, p. 41-48.

47 Lettera di Giuseppe Piovano al can. Lorenzo Brevedan a Treviso. Torino, 3 luglio 1900 (B. A. V., Carte Toniolo, 1900).

48 Gli studi di P. SPRIANO (Socialisme e classe operaia a Torino dal 1892 al 1913, Torino, 1958), di V. CASTRONOVO (Economia e società in Piemonte dall’unità in poi, Milano,1969) e di M. L. SALVADORI (Il movimento cattolico a Torino 1911-15, Torino, 1969) offrono molti utili elementi in tal senso, ma un approfondito studio globale deve essere ancora compiuto.

49 Ancora nell’ottobre 1897 Giambattista Valente, fondatore de Il Popolo Italiano, vedeva in lui solo un possibile corrispondente dalle... provincie meridionali (cf. R. MURRI, Carteggio I..., p. 394).

50 Cf., ad esempio, la citata lettera d’Invrea pubbl. in R. MURRI, Carteggio II..., p. 229.

51 Frequenti su Democrazia Cristiana gli articoli degli abati democratici francesi, di Gayraud, di Naudet, di Lemire.

52 Cito, ad esempio, la relazione R. AUBERT-J. B. DUROSELLE-A. C. JEMOLO su Le libéralisme religieux au XIXme siècle (in X congresso internazionale di scienze storicbe. Roma 4-11 settembre 1955. Relazioni, Vol. V, Storia contemporanea, Firenze, 1955, p. 372 et 383) nonche le mie riserve e la risposta di J. B. Duroselle in Atti del X congresso internazionale di scienze storiche. Roma 4-11 settembre 1955, Roma, 1957, p. 703-704.

53 Mi referisco qui in particolar modo all’importante e per tanti aspetti pregevole volume di CAMILLO BREZZI (Cristiano sociali e intransigenti. L’opera di Medolago Albani fino alla «Rerum Novarum», Roma, 1971) e soprattutto alla prefazione di Pietro Scoppola. Nel volume sono ampiamente documentati i contatti fra Toniolo ed ambienti conciliatoristi e sono esaminati i conflitti (ma anche le convergenze) tra Medolago Albani e l’accentratore Paganuzzi. Tutto ciò, a mio parere, non dimostra che Bergamo fosse «profondamente segnata dalla mentalità conciliatorista» nè che Toniolo e Medolago Albani fossero «per mentalità, per interessi, per amicizie, altra cosa rispetto ai difensori dei diritti e delle libertà della Chiesa contro lo Stato italiano». Che entrambi fossero diversi da Paganuzzi è certo; ma è anche certo che l’intransigentismo fu cosa ben più ampia e complessa del piccolo gruppo paganuzziano e che Paganuzzi divenne presidente dell’Opera anche per l’appoggio dei «cristiano sociali». Il tentativo di negare l’intransigentismo di Medolago Albani, come se questi fosse riconducible nell’ambito del cattolicesimo liberale, non mi sembra riuscito.

54 Spesso cristiano-sociali e democratici cristiani denunciarono il parziale «transigentismo» di tanti «intransigenti» che limitavano la protesta antiliberale al solo piano politico-ideologico, accettando invece, più o meno consapevolmente, il liberismo e l’assetto borghese capitalistico. «Nell’Opera dei Congressi — scriveva Invrea il 31 ottobre 1897 — vi sono non pochi della vecchia scuola, che, pur essendo intransigenti in politica, si avvicinano nel campo sociale al conservatorismo liberale, e cosi facendo credono di essere eminentemente ortodossi. La tattica da usare con questi (...) è, a mio parere, quella (...) di convincerli che la scuola sociale cattolica non è che una forma più accentuata di intransigenza (come è nel fatto) in quanto non combatte il liberalismo soltanto nel campo religioso, ma eziandio nel campo economico, mostrando i danni che esso recò al popolo anche materialmente» (R. MURRI, Carteggio I..., p. 398-399).

55 Si vedano, ad esempio, le interessanti osservazioni di EMILE POULAT in Le catholicisme devant l’ébranlement de son système d’emprise, in Archives de sociologie des religions, n. 28, 1969, p. 131-147, e le critiche alle ben documentate ricerche di Paul Droulers.

Auteur

Université de Rome

© Presses de l’Université Saint-Louis, 1975

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540