Version classiqueVersion mobile

Droit privé et Institutions régionales

 | 
Société d'histoire du droit et des institutions des pays de l'Ouest de la France

Prime osservazioni sul notariato langobardo: i rogatari ecclesiastici

Carlo Guido Mor

Texte intégral

  • 1 Prime osservazioni sul notariato langobardo, in Mélanges R. Aubenas, Montpellier, 1974, pp. 569-77
  • 2 L. Schiaparelli, Codice Diplomatico Longobardo, Roma 1929 e 1932 (citero C.D.L.). Si tengano prese (...)

1In un precedente lavoro, mi sono occupato dei notai laici del secolo VIII, di1 quelli, per intenderci, che compaiono nel Codice Diplomatico Longobardo dello Schiaparelli2, ed ora è la volta di parlare degli ecclesiastici.

2Poiché la massa maggiore dei documenti viene da Lucca o suo territorio diocesano — ben 103, di cui 78 in originale —, cosi il discorso verter à prevalentemente su questo gruppo, salvo poi allargarlo, per quanto sarà possibile, alle altre diocesi, che tutte assieme ci danno poca messe: 15 documenti in tutto, di cui sei in originale.

3Di sacerdoti, nella Lucchesia, ne compaiono tanti — ben 179 tra testimoni e scrittori (e lascio da parte gli autori dei negozi giuridici ed i vescovi Felice, Talesperiano, Vualprondo e Peredeo) —, ma fra tutti questi si enuclea un gruppo, che è quelle che ci interessa, di scittori di documenti o di redattori di copie autentiche.

4Li enumero subito in ordine... di entrata in scena: Petronace (685); Sicherad (713-23); Deusdedit (718); Petrus (720-29); Agio (722); Leonaci (728-37); Gaudentius (737-50); Perteradu (746); Raspert (752-64); Osprand (753-72); Deusdona (757-65); Ostripert (766); Austripert (762-73); Rachiprand (769-71); Filippus (770-73); Benedictus (774).

5Non tutti, però, svolsero una medesima attività, o, per, lo meno, non ci sono documentati con la stessa dovizia, ma sopra tutto non pare che svolgano la medesima mansione o ricoprano una posizione di prestigio.

6Un indizio lo si può ritrovare nei rapporti fra scrittore e Vescovi.

  • 3 E’un problema grosso! Che significato ha questa espressione «pro confirmatione»? e quali implicazi (...)

7In genere la formula della rogatio si compendia, in un primo tempo, nella semplice menzione: N. (notarium, amicum meum, clericum o altro grado ecclesiastico, ecc) scrivere rogavi, ma dal marzo 747 (C.D.L. 39) fa capolino l’altra formula, più impegnativa, Et pro confirmatione N. scribere rogavi, direi in diretta dipendenza con le disposizioni di Ratchis (c. 8) relative all’attività dello scriba publicus3.

8E’una formula, dunque, che attesta un rapporte fiduciario fra l’emittente del documento e lo scrittore.

9Assai diversa è la posizione fra autore e scrittore, quando l’atto emana, direttamente o indirettamente, dal Vescovo, e lo scrittore fa parte dell' ordo cleri: è una formula veramente autoritaria, che presuppone un rapporto gerarchico. Il caso più antico è quello di Sicherad, prete, del 713/14 (C.D.L., 16 « Ego Sicherad axi indignus presbiter ex iussione domni Thalesperiani (vescovo) vel ex rogito F. et B. » (gli autori della dotazione di una chiesa, col consenso del vescovo e del duca); cinque anni dopo (C.D.L., 22), sempre il vescovo Talesperiano, rinnovando (in forma epistolare) la concessione della rettoria di una chiesa all’accolito Maurino, fa redigere la relativa carta con la formula « Deusdedit lectori nostro iscrivere iussimus ». Taie formula, per cosi dire, diventa canonica, e si ripete senza mutazioni per tutto il periodo di tempo che ci interessa. La ritroviamo, quindi, nei doc. 61 (737 marzo: Vualprand al prete Gaudenzio), 114 (754, luglio 2: testamento del vesc. Vualprand: l’ordine (precipimus) è dato al suddiacono nostro Osprando); 164 (762, sett. 28: vesc. Peredeo et pro confirmatione duas paginas propre uno tenore conscriptas Osprandum diaconum scribere precipimus); 182 (764 die. : vesc. Peredeo con la stessa formula di precipimus al diac. nostro Osprando); 236 (769 dic. 30: vesc. Peredo, stessa formula precipimus ad Osprando); 242 (770 luglio 24: vesc. Peredeo Et pro confir.Filippo clerico nostro scr. commonuimus).

10Siamo, cosi, sicuri che Sicherad prete, Deusdedit lector, Gaudenzio prete, Osprando suddiacono e poi diacono, Filippo chierico, sono legati personalmente al Vescovo non in quanto chierici, ma in quanto esplicano un’attività particolare, e possiamo già dire, in quanto facenti parte di un organismo direttamente legato al Vescovo.

11Ce, pero, un’eccezione, in tempi relativamente antichi (C.D.L., 35, 724 (ottobtre?): il vescovo Talesperiano, per la conferma di un prete nella rettoria di una chiesa, si serve di un «notaio» laico, Sicoin, con la formula « quam bcneficiis cartulam Sicoin notarium scrivere iussimus ». Ma questo non vuol dire, come avviene in altri casi ricordati nel precedente studio, che il vescovo si servisse talvolta di notai laici, diciamo cost, di fiducia. La spiegazione è molto più semplice e contingente. In un documento precedente, dell’ottobre dello stesso anno (C.D.L., 54, ed è la ragione per cui lo Schiaparelli datò ipoteticamente il documento in questione indicate solo con l’anno, allo stesso mese) Romualdo v.v. presbiter peregrinus partibus Transpadanis con la moglie Ratperga presbitera faceva una donazione alla chiesa di Capannoli (di cui era rettore) di una serie di beni, per rimanere nella rettoria. Il documento di conferma, evidentemente contestuale (e sono, infatti, presenti gli stessi testimoni, fra cui Sichimund (fratello del Vescovo, ancora prete, ma arciprete nel 730: C.D.L., 48), e Deusdedit prete) fu fatto stendere dallo stesso notaio Sicoin, in quante era sottomano o in quanto i due atti erano contestuali, anche se di redazione immediatamente successiva. In questo caso, quindi, la presenza di un notaio laico, a cui il Vescovo ordina di stendere un atto, non significa rapporte gerarchico o comunque di ufficio, ma è soltanto un fatto puramente occasionale, senza riflessi particolari.

12Torniamo ai nostri chierici ai quali il Vescovo può dare ordini. Due soli si dichiarano espressamente « notarii sancte Lucensis ecclesie »: Gaudenzio, nell'autentica della copia di un atto del notaio Euoin, del 727/28 (C.D.L., 40) e Osprando suddiacono (poi diacono) nell’autentica del ben note atto di fondazione di S. Secondo di Lucca, di cui mi sono occupato nel precedente studio. Per fortuna, sono anche fra quelli più riccamente documentati.

13Gaudenzio, di cui possediamo nove documenti (uno solo in copia) pare che non si sia mai spostato da Lucca, nel periodo maggio 737-749/50; invece Osprando — suddiacono dal 733 marzo al settembre 755, poi diacono dal settembre 758 al 772 (naturalmente sono le date dei documenti in cui compare) —, si spostò frequentemente: cosi lo troviamo fuori Lucca, a S. Cassiano (sett. 755. C.D.L., 120), Montaltodi Palaia (22 ott. 762, C.D.L., 165), S. Maria in Sexto (4 febb. 763, C.D.L., 169: ma nello stesso mese rogava in Lucca precisamente il 16 febb., C.D.L., 170); S. Maria di Gello [Pisa] (12 dic. 764, C.D.L., 181, poi nello stesso mese in Lucca), Valleriano [Pisa?] (1 ago. 768, C.D.L., 222), S. Vito in Cornino, con un seguito di sacerdoti—almeno cinque: i chierici Ermenperto, Filippo (noto scrittore di Curia), Leuteri, Sprinca (anch’esso frequentemente testimonio (sette volte) nei doc fra il giugno 761 e appunto il 24 maggio 770) e il suddiacono Deusdedit (24 maggio 770, C.D.L., 239 e 240: il 14 maggio era di nuovo in Lucca: C.D.L., 258).

14Sotto questo profilo — anche se non portano mai la qualifica di «notai della Chiesa» — si possono legittimamente raggruppare anche quegli altri scrittori che appaiono sempre legati alla vita della Chiesa lucchese, e che rogano tanto in città quanto fuori:

15Deusdona, prete, a Gurgite (ottobre 761, C.D.L., 157: ma è anche teste a S.Maria in Gello, (Pisa) e a Valleriano al seguito di Osprand); a Tempagnano (2 sett. 770, C.D.L., 245, al seguito di Rachiprand);

16Fratellus, prete a Colognora (Pescia) (luglio 760, C.D.L., 145), a Colonna (presso Grosseto) (dic 762, C.D.L., 166), a Lurciano (Sovana) (10 dic. 762, C.D.L., 167: è chiaro che queste due carte vanno collegate ad un unico viaggio «ufïiciale» per raccogliere due distinti impegni a risiedere sui beni di proprietà del Vescovo: le promesse, infatti, sono fatte al vescovo Peredeo).

17Ostripert, chierico, compare per la prima volta a Montenonni in Val di Cornia, (1 gen. 766, C.D.L., 195), poi nei tre documenti successivi sempre a Lucca; ma poichè la sua attività si restringe a poco più di sette mesi del 766, si rimane in dubbio se da Montenonni sia stato trasferito a Lucca o se, invece, fosse stato mandato in Val di Cornia per raccogliere la donazione pia del chierico Deusdona, che non può essere confuso con l’omonimo sopra ricordato, che era prete.

18Rachiprand, infine, chierico, anch’agli ben rappresentato, è a Tempagnano per raccogliere l’atto di dotazione di una chiesa appena fondata (23 sett. 770, C.D.L., 245), e tre anni dopo va ad Ursiano, per redigere l’atto di vendita di alcuni beni al rettore della chiesa di S.Maria in Sexto, l’omonimo prete Rachiprand, (però si tratta di un «gahagium»! 10 feb. 773, C.D.L., 279).

19Dal punto di vista territoriale, in conclusione, possiamo già dire che questi chierici addetti ad un ufficio di Curia, hanno competenza su tutto il territorio diocesano, e, come si è veduto, non si spostano da soli, ma in compagnian di altri colleghi, che intervengono agli atti come testimoni.

  • 4 Austripert: C.D.L., 164: Deusdedit: C.D.L., 22; Filippo: C.D.L.., 242, 255; Gaudenzio: C.D.L., 40, (...)

20Facciamo un’altra constatazione interessante: abbiamo parecchie copie autentiche, uscite evidentemente da un ufficio di Curia, e gli autori di tali copie son dal più al meno le persone che conosciamo: Austripert, chierico; Deusdedit, lector; Filippo, chierico; Gaudenzio, prete; Osprando, suddiacono e diacono; Pietro; Rachiprand, chierico; Sicherad, prete4 e di questi sappiamo pure che redigono atti ex iussione del Vescovo (Deusdedit, Filippo, Gaudenzio, Osprand, Sicherad): anche i tre che rimangono (Austripert, Pietro e Rachiprand) li dovremmo per analogia porre sullo stesso piano, con eguali mansioni ed autorità, anche se ci mancano di loro ricordi esatti di una qualunque «iussio» vescovile. Possiamo tentare di «creare» l’organico dei notai di Curia — possiamo ben chiamarli cosi, oramai —: Sicherad (713-23); Pietro (720-39), Gaudenzio (737-49, che nel 750 compare solo come teste); Osprand (753-70: dal 771 al’72 compare solo come teste, quindi aveva lasciato l’ufïicio); Deusdona (752-61: nel decennio 762-72 compare solo corne teste, e quindi aveva lasciato l’ufficio); Fratello (teste nel 758, poi notaio 759-62); Austripert (teste nel 762, notaio 767-73); Filippo (teste nel 770, notaio 770-72, e ancora teste nel 773); Rachiprand (teste nel 769-70, notaio 770-73).

21Pare, insomma, che si possa individuare una certa camera: alcuni cominciano a partecipare alla redazione degli atti come testimoni, e poi diventano veri redattori (li ho chiamati «notai» per semplificare il discorso), altri invece, si ritirano ad un certo momento dalla loro attività, ma mantengono una loro presenza nell’ufficio, intervenendo come testimoni. E possiamo anche vedere come l’organico stabile sia in generale sui due individui contemporaneamente operand.

22Conclusioni che, naturalmente, vanno prese con beneficio di inventario!

23Accanto a questi agiscono altri redattori, che paiono in sott’-ordine: membri dell’ufîicio, ma non autorizzati a compiere certi atti delicati, corne la copia autentica di vecchi documenti.

24Anzi, a questo proposito, è curioso come non sia infrequente il caso che uno scrittore possa autenticare la copia di un proprio documenta, magari anteriore di un anno, come accade ad Osprand per quattro documenti (C.D.L., 114, 120, 154, 131) e a Rachiprand una volta (C.D.L., 245).

  • 5 A. Petrucci, Scrittura e libro nella Tuscia altomedievale, «Atti V Congr. intern. Studi sull’Alto (...)

25Queste conclusioni collimano per gran parte con quelle di un pregevolissimo studio di A. Petrucci, di carattere strettamente paleografico5, in quanto giungono a creare, per via diversa, quella genealogia ch’egli ha ricostruita — giungendo fino al primo decennio del sec IX —, e che riporto qui parzrialmente e con qualche aggiunta ma mi allontano un poco da lui nel senso che ammetto, come si è visto, una organizzazione di ufficio — e chiamiamola pure «cancelleria» — anche senza pensare ad una rigida tradizione scrittoria, diciamola canonizzata in tutte le sue parti. Qui il discorso si dovrebbe logicamente allargare al formulario, ma questo ci porterebbe troppo lontano, coinvolgendo anche lo spinosissimo problema della validità del documento (se dispositivo o soltanto probatorio)... e di gattine da pelare ce ne sono già abbastanza!

  • 6 Ne parlai tanti anni fa in uno studietto su La provvista dei benefici minori di libera collazione,(...)

26La scuola! E’esistita? Certamente si, perché ne abbiamo sicura testimonianza. Due documenti, molto importanti per la vita ecclesiastica, in quanto si tratta di promesse di neo eletti ad un beneficio ecclesiastico fatte personalmente al Vescovo, l’una di un laico «vir devotus», l’altra di un prete, il pievano di Mosciano—il documento è notissimo, perché ci svela il procedimento di elezione popolare, con l’intervento dell’autorità pubblica6—sono entrambi scritti a Lucra (ed evidentemente nel palazzo episcopale, dal chierico Perterad il quale nel primo documento (C.D.L., 85: 746, settembre 1) cosi si sottoscrive (il doc. è in originale) «Ego Perteradu cl. ex dectato Gaudentii magistro meo scripsi», e segue la sottoscrizione di Gaudenzio: il secondo (C.D.L., 86: 746 ottobre) nella «rogatio» ha questa motivazione: «Quam vero repromissionis pagina Gaudentio presbiter una cum Perteradu clerico discipulo eius iscrivere rogavi. ex decreto suprascripto Gaudentio magistro meo scripsi ego Perterad», e questa volta sottoscrive solo Gaudenzio.

27Sono d’accordissimo con Petrucci che nella scuola non si insegnasse grammatica: se si usasse ancora sottosegnare gli errori di grammatica, quanti bei segnacci blu!

28Una scoletta pratica, senza pretese... umanistiche, ci fu. Qualcuno potrebbe dire: si tratta di apprendistato, ed io non lo contesta afïatto: il titolo di magister data a Gaudenzio e quello di dicipulus per Perterad è proprio nella tradizzione dei mestieri: ma comunque si voglia concludere, resta sempre il rapporta fra chi insegna e chi dovrebbe apprendere: e Perterad, dopo questi due interventi dilegua nel buio.

29Ma dalla genealogia di Petrucci vediamo chiaramente il nesso che intercorre fra tutti i nostri amici scrittori, compreso anche un ramo di laici.

30A questo punto mi sentirei l’animo tranquillo nel concludere per l’esistenza di una vera e propria cancelleris di Curia, in Lucca, con a capo un paio di dirigenti e in sottordine alcuni coadiutori, che poi succederanno nell’ufficio. Se poi dovessimo far molto caso al fatto che Gaudenzio, Osprando, Deusdona e forse Filippo ad un certo momenta cessano dall’ufficio (ma non per morte, perchè ricompaiono come testimoni in posteriori documenti, sempre provenienti dalla cancelleria vescovile) si potrebbe ipotizzare anche un certo movimento legato all’età oppure alla vita canonicale (promozione di grado o di dignità: non lo so). Lascio volontieri a Violante ed alla sua scuola di risolvere questa problemino, contentissimo di mettergli fra le mani un bella gattina miagolante! E poi si dica che non sono un buon amico!

31Altri ecclesiastici, nell'ambito lucchese, agiscono come rogatari, ma sono tutti di periferia: Antelmu a Paterno e a S.Angelo in Galdo (C.D.L., 144, 760 maggio, diacono; 235: 769 dicembre 24, prete; 268: 771 apr., prete); Rotpert (C.D.L.,, 103: Valdottaro (Lucca) 752 maggio 1, nella rogatio scrive Rompert e nella signatio Rotpert... e si tratta di un orignale!); forse Feto (C.D.L., 100: 750 novembre, che il prete Petronaci chiama in Christo filio (chierico?) della chiesa di Tempagnano); Auripert prete (C.D.L., 245: 770 settembre 23, a Tempagnano). Anche se qualche volta (raramente) vengone in contatto con elementi della Curia (corne testimoni, per esempio), non possono esser annoverati se non fra gli scrittori locali, quegli amici a cui le parti si rivolgevano per redigere i documenti: in questo caso almeno culturalmente (?) qualificati.

  • 7 Gli altri casi sono: Walpert a Viterbo (C.D.L., 184: 768 prin. marzo): Rimfrit a Ceneda (C.D.L., 1 (...)

32Da non confondere, in ogni modo, con quei pochissimi — per tutto il Regnum quattro (e uno solo in Lucchesia, Tanipert, rogante in Gurgite nell’ottobre 757: C.D.L., 126) —, che si qualificano notari7.

33E ci resta, adesso da pelare la coda della gatta! Per quali atti vengono scomodati questi ecclesiatici? V’é una competenza specifica?

  • 8 P.M. Conti, L’uso dei titoli onorari ed aulici nel regno longobardo in Sudi storici in onore di O. (...)
  • 9 Sono i doc; C.D.L., 31, 42, 140, 145, 165 246.
  • 10 C.D.L., 48, 100, 120, 128, 204, 245.

34Per ciò che riguarda la vita delle chiese, come enti beneficiari, si può dire che, se fino al 720 circa — teniamo sempre conto dell’osservazione di Conti8, che la documentazione ci è pervenuta in modo irrazionale, casuale, e quindi le conclusioni debbono sempre prendersi con moltissimi granelli di sale — dunque, fino al 720 la competenza è divisa fra scrittori laici e scrittori ecclesiastici: cosi nel 713/14, la fondazione di una chiesa (e sua dotazione) avviene con atto redatto da Sicherad, perchè interviene direttamente il consenso del Vescovo e del Duca (C.D.L., 16), mentre la dotazione di una chiesa con senodochio (av. marzo 720: C.D.L., 24), e quella della chiesa fondata da Petruald (che è il padre del futuro vescovo Peredeo) (720 sett.-dic. : C.D.L., 28) son redatte da un Fluriprand notaio, la prima, e dal nipote del donante, la seconda («Petro nepoti meo dictante genitore suo Petroni scrivere commonui»). Ma a partire dal 723 (per le dotazioni9) e dal 730 (per le fondazioni10) tutti i documenti escono dall’ufficio di Curia, salvo un caso molto strano, quelle dell’ottobre 759, (C.D.L., 138) in cui compaiono come autori proprio due membri della cancelleria episcopale, Deusdedit prete e Deusdona chierico, che dotando la chiesa da loro fondata e promettendo al Vescovo di risiedervi corne rettori, non si rivolgono ad un loro collega, ma ad un noto scrittore laico (non notaio), cioè a David (che però, come ha mostrato Petrucci, è allievo di Gaudenzio).

  • 11 C.D.L., 124, 170, 219, 258, 285.
  • 12 C.D.L., 22, 35.
  • 13 C.D.L., 27, 86, 99, 132, 173, 181, 202, 238, 272.

35Paiono di esclusiva competenza dell’ufficio di Curia quegli atti che rappresentano la sottomissione di una chiesa o cappella, già operante, al Vescovo od a chiesa più importante11; ed ovviamente la concessione di rettoria di una chiesa, fatta dal Vescovo12, e le promesse, anch’esse fatte al Vescovo, di assumere o rimanere nella rettoria di un edificio cultuale13. Ciò non reca affatto meraviglia, poichè si tratta di atti riguardanti strettamente l’ufficiatura e la vita interna della Diocesi e del culto.

  • 14 Per scrittori ecclesiastici: C.D.L., 34, 73, 94, 103, 125, 126, 133, 143, 144, 175, 179, 195, 197, (...)
  • 15 C.D.L., 157, 200, 259 (ecclesiatici), 193, 269 (laici): il caso di oblatio di ecclesiastico è quel (...)

36Indifferente, invece, è il ricorso a scrittori ecclesiastici o laici quando si tratti di rapporti patrimoniali (donazioni: sono, però, prevalenti i casi di redazione in cancelleria rispetto a quelli redatti da laici: 24 contro 7, ed è assolutamente indifferente che i donatori siano ecclesiastici o laici14), cosi come avviene per le «oblazioni» di persone e beni (tre redatte da ecclesiastici, due da laici; e salvo un caso, gli autori sono laici15). Anche per le vendite di beni aile chiese, i due esempi che possediamo (C.D.L., 67 e 135) si dividono equamente: ma è curioso che l'esempio redatto da un ecclesiastico (Gaudenzio) sia quella di un laico, mentre la vendita fatta dal chierico Agare è scritta dal laico Prandulo. Scherzi del mondo langobardo!

37Per i monasteri le cose sono molto semplici: per ciô che riguarda la vita interna, pare che la competenza sia degli ecclesiastici di curia: però ci possiamo valere soltanto di un documento relativo all elezione compiuta direttamente dal predecessore nella persona del figlio del duca Walpert (C.D.L., 40: 727/28), e cosi pure Tunica vendita fatta da un laico ad un monastero è redatta dal prete Pietro (C.D.L., 69: 739, aprile 20, e la destinataria è un’abbadessa Orsa, il cui padre, Orso, aveva dotato e fondato il monastero nel 722 — fra giugno ed agosto — con atto rogato dal prete Agione, (C.D.L., 30) che perô, malgrado la presenza del vescovo Talesperiano e del duca Walpert, non pare faccia parte del clero addetto alla Curia). Invece le due donazioni che ci son pervenute furono stilate da scrittori laici (C.D.L., 178 e 194), conformandosi, in questo, alla pratica del Regnum.

38L’unica fondazione di xenodochio (C.D.L., 127: 757 novembre 11) è scritta dal noto David: e si che uno dei fondatori è il notaio di Curia, Sicherad. Che lo si considerasse solo corne un ente laicale?

  • 16 Cosi C.D.L., 108 (pagamento di debito), 199 (datio in solutum), 61 e 242 (conferma di concessione (...)
  • 17 C.D.L., 85, 139, 166, 167, 176, 273, 283. Solo l’afïittanza del n.280, che interessa un chierico d (...)
  • 18 C.D.L., 76 e 169.

39Naturalmente, quando personalmente è interessato il Vescovo, anche per atti di normale amministrazione, la competenza, o per meglio dire, il ricorso è a scrittori di Curia: il testamento di Valprando (C.D.L., 114: 754 luglio 2/3) è scritto dal nostro amico (oramai) Osprand; quasi venti anni dopo (C.D.L., 281: 773 aprile 19) Rachiprand, anche lui ben noto, stendeva un atto di nomina di esecutore testamentario incaricato di una vendita post obitum. Ancora Osprand provvedeva alla redazione del documento per la divisione testamentaria di beni, in seguito a riconoscimento di possesso, del prete Auripert, (C.D.L., 156) e nello stesso periodo di tempo redigeva due atti di divisione di beni del vescovo Peredeo (C.D.L., 154 e 161: 761 e 762). Filippo, invece, stilava un atto di tutela dativa compiuto dal Vescovo per ordine del Re, (C.D.L., 255: 771 agosto 29) e per non continuare a lungo, possiamo dire che là ove interviene il Vescovo, 10 scrittore è sempre un ecclesiastico della sua Curia16. Anche per i rapporti locatizi di un ente religioso, il redattore è sempre uno degli scrittori ricordati17, cosi come per le permute, salvo un caso, quella del 2/3 luglio 754 (C.D.L., 113), scritta dal notaio Radalpert: ma si tratta di una permuta fra il Vescovo ed il Duca per ordine del Re. Non sarebbe da escludere l’idea che Radalpert fosse il notaio ducale. Per le normali vendite si resta un po’perplessi: due rogate da ecclesiastici, in cui le parti (almeno una) appartengono all’ordo cleri18, l’altra, invece, (C.D.L., 105: 752 giugno) è rogata da un laico, Tempert, senza nessuna qualifica, ed interessato è il vescovo Vualprand. Ma il venditore e l’oggetto sono interessanti: il primo è Perprand, figlio del duca Walpert di Lucca e l'oggetto è la «sala sundriale» in Tocciana (Sovana). E’, penso, proprio l’oggetto, per di più posto fuori territorio lucchese, che deve aver determinato il ricorso ad uno scriba laico, anche per il legame di parentela fra il Vescovo ed il Duca (fratelli). In conclusione, anche se si tratta del vescovo di Lucca, questi agisce come privato acquirente di bene familiare: il che mi pare anche avvalorato da quest’ultima osservazione, che per quanto l’atto sia steso in Lucca, i testi che sottoscrivono sono laici: tre «viri devoti».

40A questo punto possiamo dare un'occhiata, brevissima, alla miseria del rimanente dell’Italia langobarda Che si può dire di serio quando una diocesi è rappresentata da un documento? Evidentemente niente, e in tal modo mettiamo da parte Piacenza (nella Neustria), Ceneda (nellAustria) e Chiusi (nella Tuscia). I fines Seprienses, coi due documenti di Campione — a parte il fatto che sono in diocesi di Como — ci dicono solo che ci possono esser dei preti locali che redigono atti, come nella periferia della diocesi di Lucca, ed il medesimo ce lo dice Rosellae, i cui due atti, dello stesso giorno, mese e anno e dello stesso scrittore — il prete Trasimondo — ci danno il risultato dell’esercito «dal Doca ad Perma ch’eran un sol e che grideva all’erma»!

41E Verona? nel 745 (C.D.L., 83) la fondazione del monasteriolo di S.Maria in Solario vede mobilitati il Vescovo e il Duca e l’arciprete come rogatario; il secondo, del 763, (C.D.L., 172) steso a Povegliano, nella «Campanea maior», è redatto da un chierico Theudemar, che puô esser benissimo uno scrittore locale. Niente da fare, anche qui.

42Restano Pavia e Pisa. La capitale del Regno ci offre tre documenti (C.D.L., 18: 714; 48: 730; 231: 769) il primo ed il terzo rogati da un suddiacono che si qualifica sempre « notarius sanctae Ticinensis ecclesiae»; il secondo è, invece, quello in cui compare l’exceptor civitatis, e ne ho già parlato nello studio precedente. Ma tornando ai due documenti — la discussa fondazione del «monastero del Senatore» ed il testamento di Grato, diacono di Monza —, la presenza del « notarius s. Tic. eccl. » mostra chiaramente come l’organizzazione di un ufficio di Curia fosse in atto già ai primi del secolo (mi pare che l’escatocollo del doc di Senatore non presenti difficoltà per esser ritenuto genuino), e si sia mantenuto inalterato nel tempo. Che abbia influenzato l’organizziazione lucchese mi pare poco probabile, perché a Lucca Sicherad era già in carica due anni prima, e forse uno scrittore di Curia à da riconoscere in Petronace filio nostro, al quale il vescovo Felice dettava l’atto di concessione d’autonomia al monastero di S. Frediano (C.D.L., 7: 685 gennaio 20).

43Insomma, le due Chiese si sarebbero organizzate negli uffici di cancelleria nello stesso tempo, nel periodo, cioè, di Cuniperto, alla fine del secolo VII, che è il momento di ripresa di tutto il mondo langobardo.

44E veniamo, finalmente a Pisa. Nel 748 (C.D.L., 93) è addirittura il vescovo Giovanni al quale l’arcidiacono Liutperto Centulo e il diacono Maccio si rivolgono (rogabimus), per far redigere un atto di donazione di una parte delle loro sostanze alla Chiesa pisana. Ma l’intervento del presule pare occasionato dalla dignità del donante, ed è comunque un unicum, che non può far stato di diritto. L’altro documento, posteriore di nove anni (C.D.L., 124: 757 febbraio) vede autore della donazione di una chiesa il vescovo Andrea, e questa volta il rogatario é «Alpert notarius sancte ecclesie nostre », al quale il Vescovo iussimus di scrivere l’atto. Ma questo notarius non porta alcuna qualifica ecclesiastica, e quindi va certamente messo fra quei notai laici di cui la curia vescovile si serve, anche se la formula autoritativa puô far pensare ad una dipendenza gerarchica.

45Come sempre, in queste benedette ricerche sulla società langobarda, maggiori sono le zone d’ombra, talvolta veramente impenetrabili, che non quelle di luce: val sempre la spesa, perô, di accendere una fiammella, per tentare di fare un po’di chiaro, anche se poi ci si accorge che il buio rimane tale e quale!

Notes

1 Prime osservazioni sul notariato langobardo, in Mélanges R. Aubenas, Montpellier, 1974, pp. 569-77.

2 L. Schiaparelli, Codice Diplomatico Longobardo, Roma 1929 e 1932 (citero C.D.L.). Si tengano presenti anche le osservazioni, un po sommarie, della stesso, Note diplomatiche sulle carte tongobarde: I notai nell’eta longobarda, «Arch. Stor. Ital. », s. VII, v. XVII (1932) spec. pp. 10-12, e H. Bresslau, Handbuch der Urkundenlehre, 2 éd., Leipzig, 1912, pp. 588-89.

3 E’un problema grosso! Che significato ha questa espressione «pro confirmatione»? e quali implicazioni puo determinare sut valore — dispositivo o probativo — del documento e sulla validità del negozio giuridico? Sono interrogativi che si debbono porre, ma che per il momento non posso affrontare. Per intanto si veda H. Bresslau, op. cit. p. 590.

4 Austripert: C.D.L., 164: Deusdedit: C.D.L., 22; Filippo: C.D.L.., 242, 255; Gaudenzio: C.D.L., 40, 61; Osprand: C.D.L., 22, 28, 48, 67, 114, 120, 131, 154, 161; Pietro, C.D.L., 27; Rachiprand: C.D.L., 63, 135,245, 246, 247; Sicherad, C.D.L., 76. A questi va aggiunto Raspert chierico, che scrive un breve recordationis dell’atto di fondazione di una chiesa, su richiesta del vesc. Peredeo (C.D.L., 128: 752 genn 1: i testi sono l'arciprete Giordano, i preti Guillo, Teuderad, Guido, Giovanni, i chierici Giovannace e Petronace, i suddiaconi Fratello (noto scrittore di Curia) e Periprand, più 3 laid e duc preti estranei alla Curia. Raspert risulta presente a un giudizio del versc. Peredeo C.D.L. 182: 764 dic., in cui Osprando — redattore del doc. sottoscritto dal solo Vescovo — e missus per raecogliere un giuramento: la corona giudiziaria è formata da Rachibrand prete, i chierici Samuhel. Raspert, Sprinca, Gasprand, Auripert e un Petrus de curte domini regis. Ancora è teste a una donazione (C.D.L., 179: 764 giugno 20) redatta da Osprand.

5 A. Petrucci, Scrittura e libro nella Tuscia altomedievale, «Atti V Congr. intern. Studi sull’Alto Medioevo» (Lucca 1971), Spoleto 1973, pp. 627-43.

6 Ne parlai tanti anni fa in uno studietto su La provvista dei benefici minori di libera collazione, «Zeitschrift f. Rechtsgesch (Savigny Stift.)», Can. Abt. (Festschrift U. Stutz), XXVII (1938), pp. 218-33.

7 Gli altri casi sono: Walpert a Viterbo (C.D.L., 184: 768 prin. marzo): Rimfrit a Ceneda (C.D.L., 168: 762, dicembre); Martino a Pavia (C.D.L., 226: 769 marzo 29). Forse si puo aggiungere Euoin (C.D.L., 40: 111 sett./728 giu.), che nella rogatio l’abate di Pugnano chiama «notario et in Christo filio meo»; ma non tutti i dubbi sono superati.

8 P.M. Conti, L’uso dei titoli onorari ed aulici nel regno longobardo in Sudi storici in onore di O. Bertolini, Pisa 1973, pp. 105-176.

9 Sono i doc; C.D.L., 31, 42, 140, 145, 165 246.

10 C.D.L., 48, 100, 120, 128, 204, 245.

11 C.D.L., 124, 170, 219, 258, 285.

12 C.D.L., 22, 35.

13 C.D.L., 27, 86, 99, 132, 173, 181, 202, 238, 272.

14 Per scrittori ecclesiastici: C.D.L., 34, 73, 94, 103, 125, 126, 133, 143, 144, 175, 179, 195, 197, 207, 221, 223, 232, 235, 251, 256, 268, 270, 276, 292; per quelli laici: 77, 90, 136, 189, 211, 237, 267.

15 C.D.L., 157, 200, 259 (ecclesiatici), 193, 269 (laici): il caso di oblatio di ecclesiastico è quello del 259 (772, febbraio 2) riguardante il chierico Racchulo: il rogatario è Rachiprand.

16 Cosi C.D.L., 108 (pagamento di debito), 199 (datio in solutum), 61 e 242 (conferma di concessione di terre), 149, 164, 229, 236, 237 (permute).

17 C.D.L., 85, 139, 166, 167, 176, 273, 283. Solo l’afïittanza del n.280, che interessa un chierico di Gurgite, è redatta de un laico, ma l’atto non riguarda beni della chiesa.

18 C.D.L., 76 e 169.

Table des illustrations

URL http://books.openedition.org/purh/docannexe/image/12551/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 87k

Auteur

Professeur à la Faculté de Droit de Padoue

© Presses universitaires de Rouen et du Havre, 1976

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search