Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Circulations artistiques dans la Couronne d'Aragon

 | 
Julien Lugand

Évêques, chanoines, commandes, collections et modèles : Quelles voies de diffusion et de réception ?

Il ruolo dei vescovi delle diocesi di regio patronato tra Spagna e Italia

Due casi a confronto: Martín de León y Cárdenas e Giovan Battista Visco (Veschi)1

Ida Mauro

Texte intégral

  • 1 Il presente saggio raccoglie i primi risultati di un progetto di ricerca postdottorale dal titolo E (...)
  • 1 Alcuni recenti volumi collettivi dimostrano le diverse direzioni percorse da questi studi: Cardim; (...)

1Lo spunto per il presente contributo nasce da una riflessione sulle politiche culturali condotte dai viceré spagnoli al servizio della casa d’Austria tra il XVI e XVII secolo, che sono state oggetto negli ultimi venti anni di un ricco filone di studi, grazie al lavoro di giovani studiosi italiani e spagnoli1. Questi risultati, in genere frutto di ben strutturate tesi dottorali, hanno portato alla luce una preziosa messe di informazioni sulle “corti provinciali” della monarchia e la loro conformazione, permettendo di analizzare in profondità le dinamiche della creazione di prodotti culturali promossa da questi ministri della corona.

  • 2 Spedicato, 1996, p. 53. Il testo di Mario Spedicato è lo studio principale sul reclutamento episcop (...)
  • 3 Domínguez Ortíz, 1980. Per la loro scelta, dunque, doveva valere quanto raccomandato dal conte duca (...)
  • 4 È il caso della sede metropolita di Salerno, dotata di una delle rendite più ricche del Regno, i cu (...)

2In particolare, per quanto riguarda il Regno di Napoli, mi è sembrato degno di interesse evidenziare il ruolo svolto dalle élite iberiche residenti – stabilmente o anche solo per brevi periodi – nel Regno, come alleate o antagoniste delle politiche culturali dei viceré, e allo stesso tempo esponenti di una rete spagnola nelle dodici province napoletane, molto attiva nella circolazione di messaggi tra centro e periferia. Tra i diversi gruppi in cui è possibile classificare queste presenze spagnole, spicca l’eterogenea famiglia dei vescovi iberici che ricoprirono le sedi di patronato reale del Regno, scelti dal sovrano tra gli ecclesiastici “di sicura e provata fedeltà alla corona”2. Nel corso del Seicento, infatti, si andò rafforzando la considerazione di questi presuli come “agente gubernamental [...] se esperaba de ellos que fueran celosos pastores, pero también auxiliares políticos; que exhortaran al pueblo a la obediencia; que aceptaran gravosas pensiones y otras cargas; si era preciso, que abandonaran durante años las tareas pastorales si el rey necesitaba emplearlos en otro sitio”3. Queste figure mostravano diversi tratti in comune con gli stessi viceré: erano scelti dal monarca per svolgere un incarico in terre lontane di durata spesso relazionata alle esigenze e al controllo della corte di Madrid, la quale decideva eventuali trasferimenti a altre diocesi di regio patronato4. La loro mobilità permette di identificarli come promotori della circolazione di prodotti culturali e pratiche devozionali tra i diversi regni governati dalla casa d’Austria, nei quali di volta in volta si trovavano ad interloquire con le politiche vicereali ed, allo stesso tempo, con le istanze dei rappresentanti delle élites locali.

  • 5 Per un completo elenco delle diocesi del Regno di Napoli a fine Cinquecento, con indicazione delle (...)
  • 6 Come ricordava l’omaggio feudale della Chinea che chi governava Napoli doveva offrire al papa una v (...)
  • 7 “Quum Caesarea M. Praetendat predecessores suos in dicto R. Neap. Sempre consuevisse habere 24 Eccl (...)

3L’episcopato regio nel Regno di Napoli venne istituito con una bolla concessa da Bonifacio VIII (1294-1303) a Carlo II d’Angiò (1285-1309) e riguardava solo 24 sedi, tra le 146 metropolite e suffraganee di un Regno5 rivendicato dal papato come proprio feudo6. Da queste basi si mosse la pretesa dell’imperatore Carlo V di ottenere il riconoscimento di una consuetudine dei suoi predecessori7. Tale richiesta va relazionata alla volontà carolina di mostrare la sua legittima e piena successione al trono del Regno e venne soddisfatta da Clemente VII, all’interno della sesta clausola del trattato di Barcellona del 29 giugno 1529.

4Le sedi di regio patronato sembravano essere state individuate accortamente con la volontà di creare dei punti strategici per la diffusione del lealismo ed il controllo della popolazione.

  • 8 Sulle ben sette diocesi di regio patronato in Terra d’Otranto vd. il recente contributo di Paola Ne (...)

5Ad osservare la disposizione di queste sedi nella geografia del Regno (ill. 1), la loro scelta sembra aver seguito due principali obiettivi: rappresentare la corona in aree periferiche o di spiccato interesse economico (come i centri fieristici di Lanciano e Salerno, e la ricca diocesi di Taranto) e sorvegliare le aree più esposte all’attacco di nemici. In questo caso sono eloquenti le scelte di Gaeta e L’Aquila, al confine con lo stato pontificio, e quello di numerose diocesi della provincia di Terra d’Otranto, all’estrema periferia sud orientale, area sotto una continua minaccia di attacchi dal mare negli anni di maggiore espansione dell’Impero Ottomano8.

ill. 1 - Le diocesi di patronato regio nel Regno di Napoli.

  • 9 È la celebre prammatica de De Officiorum provisione (o De Officiis) su cui Hernando Sánchez, 1994, (...)
  • 10 Spedicato, 1996, p. 12.
  • 11 Ibidem.
  • 12 La diocesi di Gaeta –alla frontiera con lo Stato della Chiesa– fu governata sempre da spagnoli tra (...)

6A partire dal 1554, contemporaneamente alla produzione di una normativa per l’attribuzione delle cariche pubbliche degli uffici del Regno tra napoletani e forestieri9, si istituì la prassi del “privilegio dell’alternativa” tra presuli spagnoli e regnicoli “al fine di uguagliare le diverse rappresentanze e non creare evidenti squilibri etnici nella composizione episcopale”10. In questo modo la nomina dei candidati “locali” per le diocesi di regio patronato poteva essere utilizzata dai monarchi come ambita ricompensa per l’aristocrazia napoletana che aveva dimostrato la sua fedeltà, come ha accortamente evidenziato Mario Spedicato11. Solo in due casi si preferì mantenere sempre un pastore spagnolo, e fu per le sedi vescovili delle “porte del regno” di Gaeta e Brindisi12. Tali eccezioni venivano in qualche modo compensate con altre due diocesi per le quali vennero eletti solo regnicoli: Mottola e Oria, quest’ultima fu creata nel 1591 ed aggregata alle altre sedi di patronato regio. In altri contesti, come a Pozzuoli, la diocesi più vicina alla capitale, la scelte accurete dei vescovi era finalizzata a sostenere l’autorità vicereale e controbilanciare in qualche modo il potere forte dell’arcivescovo di Napoli, tradizionalmente scelto tra le più influenti famiglie parte-nopee.

  • 13 Sull’episcopato di Juan Caramuel y Lóbkowitz vd. Cestaro, 1992.

7Ovviamente queste consuetudini non impedivano che la curia papale destinasse dei vescovi spagnoli alle diocesi che dipendevano unicamente dal suo controllo (si ricordi il caso emblematico di Juan de Caramuel y Lóbkowitz, nominato vescovo di Campagna e Satriano – in provincia di Salerno – nel 1657)13, sebbene solo nel caso degli episcopati “regi” si può parlare dei presuli come autentici ministri della corona, e quindi necessariamente implicati con la rappresentanza del sovrano nel territorio, una sorta di alter ego vicereale. Questi vescovi furono dunque artefici di una doppia mediazione: tra la capitale e la periferia, e tra Madrid e il regno più vincolato allo Stato della Chiesa all’interno dei territori governati dalla Corona.

  • 14 Tra questi va almeno citato l’episcopato di Marco Antonio (Benet) di Tocco (1514-1585), vescovo di (...)

8Meno numerosi, ma ugualmente degni di attenzione, sono poi i prelati napoletani, o provenienti dalle diverse province del Regno, designati dal re per le diocesi regie di altri territori che sottostavano alla sua autorità14.

  • 15 Gerard Labrot, nel suo studio sul governo delle diocesi del Regno di Napoli durante la Controriform (...)

9Come si coinciliava tale indirizzo politico con gli obblighi di pastorale imposti dal concilio di Trento? Si verificarono degli attriti con le élites locali rappresentate dai canonici del capitolo o dalle comunità dei regolari, a causa delle esigenze “governative” dei vescovi regi? E, soprattutto, come si integrava tutto ciò negli episodi di committenza di nuove opere d’arte che favorissero la diffusione delle pratiche devozionali difese dalla casa d’Austria15?

  • 16 Questi contatti tra periferie aprono scenari di studio molto interessanti, alternativi alla consuet (...)

10Non bisogna cedere alla tentazione di considerare questi vescovi solo come irradiatori di culti distanti dalle devozioni locali. L’esempio di Benito Sánchez de Herrera, vescovo di Monopoli (1654-1664) e di Pozzuoli (1665-1674) che inviò al suo paese di origine – Navas de Junquera – le reliquie dei martiri venerati in Puglia, Eleuterio e Liberato, parla piuttosto di un’influenza mutua che generò fenomeni transculturali in diverse periferie dei regni governati dalla casa d’Austria16.

  • 17 Si è riscontrata un’estrazione del tutto eterogenea (per qualto riguarda i legami familiari, gli st (...)

11È evidente che la formazione e la sensibilità dei diversi presuli17, unita al contesto politico e sociale in cui si svolsero i loro episcopati, ebbero un’influenza determinante sulle possibili trasmissioni culturali; per tale ragione – in questa prima approssimazione al tema – ho preso in esame l’operato di due forti figure di vescovi regi che contemporaneamente, nel regno di Napoli e nel principato di Catalogna, si trovarono a difendere la fedeltà alla Corona nel corso delle rivolte di metà Seicento.

12I due personaggi in questione, Martín de León y Cárdenas (1584-1655) e Giovan Battista Visco (o Veschi, come è registrato nella documentazione catalana, 1585-1659), vissero due traiettorie biografiche parallele ed incarnano due profili molto diversi di prelati, che parlano della variegata estrazione dei vescovi regi e di come si giungesse ad acquisire gusti e pratiche di governo diversi in base agli ambienti frequentati nei cammini intrapresi al servizio della monarchia o degli ordini religiosi di appartenenza.

  • 18 Alcuni cenni sui membri della famiglia Visco a Campagna tra XVI e XVII secolo sono Ulino, 2008. Su (...)
  • 19 Per la stretta relazione con il conte di Monterrey, vicerè di Napoli, vd. infra. Tra 1611 e 1616 Ma (...)
  • 20 A L’Aquila, presso il convento di San Bernardino, a Palermo, a Santa Maria degli Angeli, e a Napoli (...)
  • 21 Margherita d’Austria era figlia dell’imperatore Massimiliano II e zia del re Filippo IV (Ughelli, 1 (...)
  • 22 Saura Lahoz, 1920, p. 233-236; Pou y Martí, 1928, ed il più recente Giannini, 2012. Nello stesso 16 (...)

13I due prelati nacquero a pochi mesi di distanza in centri decisamente periferici, rispettivamente, nelle località malaguegna di Archidona, e a Campagna, nell’entroterra salernitano, e si conosce ancora poco sulle loro famiglie d’origine, da cui si separarono presto per intraprendere due diverse carriere ecclesiastiche nell’ordine degli agostiniani – lo spagnolo – e dei frati minori francescani – il Visco – in cui entrambi giunsero a ricoprire incarichi di responsa bilità18. Martín de León godette della protezione degli esponenti di grandi famiglie aristocratiche castigliane, prima dei marchesi di Montesclaros e poi dei conti di Monterrey19, mentre il Visco, per il suo impegno a sostegno del dogma dell’Immacolata Concezione – professato già negli anni in cui insegnò teologia tra L’Aquila, Napoli e Palermo20 – entrò in contatto con la corte di Madrid, attraverso l’infanta Margherita d’Austria, monaca del monastero della Descalzas Reales con il nome di suor Margarita de la Cruz21. L’infanta morì in odore di santità nel 1633, quello stesso anno il Veschi ottenne il grandato di Spagna e fu eletto nel capitolo di Toledo generale dell’ordine dei francescani conventuali, grazie anche al favore del monarca che subito dopo lo inviò a Roma per difendere la causa immacolatista presso papa Urbano VIII22.

  • 23 Nel 1620, quando svolse il ruolo di definidor per la provincia Bética nel capitolo generale dell’or (...)
  • 24 Martín de León non mise mai piede a Trivento, ma pare si interessò della diocesi da Roma, dove venn (...)
  • 25 Sul palazzo di Pedro de Toledo: Loffredo, 2011; Venditti, 2006 (2007), p. 251-287. Sul castello di (...)
  • 26 La prossimità tra l’agostiniano e il conte è registrata con frequenza nelle missive del nunzio apos (...)

14In quella data, Martín de León (che aveva risieduto a Roma precedentemente, stringendo contatti con Scipione Borghese e Francesco Barberini)23 si era già insediato nella diocesi di Pozzuoli, dove era giunto il 28 giugno 1631 dopo essere stato nominato per breve tempo presule della diocesi molisana di Trivento24. Il trasferimento a Pozzuoli fu dovuto alle pressioni sul Consejo de Italia dell’ambasciatore spagnolo a Roma e futuro vicerè di Napoli, Manuel de Acevedo y Zuñiga, conte di Monterrey. Nella documentazione pubblicata da Vallejo Penedo nella sua ricca biografia di Martín de León, si legge chiaramente che l’agostiniano era stato richiesto a Pozzuoli affinchè il vicerè potesse avvalersi della sua presenza nella diocesi più vicina alla capitale ed i numerosi soldati spagnoli residenti nel presidio fortificato (l’antico palazzo di don Pedro de Toledo) o nel castello di Baia25 potessero beneficiarsi della sua guida spirituale. Ed in effetti, il conte di Monterrey, vicerè dall’aprile 1631, insieme a sua moglie, Leonor de Guzman (sorella del valido conte duca d’Olivares) volle spesso a suo fianco Martín de León per risolvere crisi giurisdizionali, affrontare problemi di carattere “diplomatico” con il predecessore nel viceregno (il duca d’Alcalá) o superare il panico davanti a cataclismi naturali, come l’eruzione del Vesuvio del dicembre 163126.

  • 27 Vallejo Penedo, 2001, p. 124. Sul monastero delle Agustinas de Monterrey: Madruga Real, 1983; María (...)
  • 28 Briganti, 1951, p. 8-17; Bonfait, 1994.
  • 29 L’interesse per l’arte di Martín de León é testimoniato dal fatto che a Siviglia, nell’inventario r (...)

15Ma tra la coppia vicereale ed il vescovo le consonanze più evidenti si ebbero nel campo delle committenze artistiche. Negli stessi anni incaricardio ai medesimi artisti una riforma radicale della cattedrale di Pozzuoli e la decorazione del monastero di Salamanca fondato dai conti, che secondo il nunzio Herrera fu affidato proprio alle cure di Martín de León (non a caso si trattava di una casa di monache agostiniane)27. Non è necessario di domandarsi chi influenzasse chi, ma bisagne piuttosto di parlare di esperienze e interessi condivisi, considerato che tanto il Monterrey quanto il vescovo di Pozzuoli avevano aggiornato contemporaneamente il loro gusto artistico con la conoscenza diretta della produzione del primo barocco di Roma, dove vissero tra il 1628 e il 1631, nel pieno delle committenze barberiniane28. Entrambi avevano inoltre già dimostrato prima del loro arrivo a Napoli il loro amore per le arti figurative e, in particolar modo, per la pittura29.

  • 30 D’Ambrosio, 1973, p. 27.
  • 31 Per una descrizione documentata e precisa delle opere vd. ivi, p. 25-31.

16Martín de León svolse la prima visita episcopale nel 1632 e descrisse lo stato deplorevole in cui versava la chiesa cattedrale di San Procolo: “inculta, denudata, angusta proximeque ruinae propter vetustatem subiecta, nullusque in altaribus aedis sacrae ornatus inspici posset ut ferarum potius habitatio”30. Da queste considerazioni mosse il suo ampio progetto di riforme che dalla cattedrale si estese all’intera cittadina31.

  • 32 Marías, 1997.
  • 33 Migliaccio, 2011, p. 96-97, con bibliografia.
  • 34 Una lettera d’accusa al vescovo denunciava “Ha indifferentemente spogliati tutti li cittadini che i (...)
  • 35 Vallejo Penedo, 2001, p. 35.

17Nella prima fase dei lavori, diretta dall’architetto regio Bartolomeo Picchiatti (che disegnò il progetto anche del monastero salmantino delle Agustinas di Monterrey)32 si ampliò in altezza e larghezza il volume della chiesa che ere stata costruita all’interno di un tempio romano dedicato ad Augusto del I sec. d. C., nel cuore della rocca dell’antica cittadina (rione Terra)33. Dell’antico tempio restò alla vista poco più della facciata, in una riforma coraggiosa che suscitò l’indignazione di alcuni rappresentanti delle élite puteolane che videro le loro cappelle gentilizie minacciate o stravolte dal piano di demolizioni34. Le nuove cappelle della chiesa mostravano invece quanto il presule volesse far propria la cattedrale. Oltre alle numerose imposizioni del suo stemma, infatti, dedicò un sacello al suo protettore – san Martino–, un altro a una sua presunta familiare – Santa Teresa d’Avila35– e un altro a sant’Agostino, fondatore dell’ordine a cui apparteneva.

  • 36 Non è superfluo ricordare che una delle più antiche serie di ritratti episcopali si trovava proprio (...)
  • 37 Per questa ricostruzione per immagini della storia della diocesi, Martín de León si consultò spesso (...)
  • 38 Il riferimento è a un celebre apprezzamento espresso da Raffaello Causa per i quadri commissionati (...)
  • 39 Seguo la lista pubblicata da Alessandro Migliaccio in Migliaccio, 2011, p. 110-111. I dipinti sono (...)

18Queste “appropriazioni” erano accompagnate dal recupero del culto degli antichi santi protettori di Pozzuoli (Procolo, Patroba, Celso, Onesimo e Alessandro, di cui definí e pubblicò l’ufficiatura) e dalla rivalutazione dell’intera diocesi attraverso un’ambiziosa opera di ricostruzione storica. Nella nuova sala capitolare, costruita alle spalle dell’altare maggiore della cattedrale nella seconda fase dei lavori, guidata da Cosimo Fanzago (1637-1646), Martín de León fece allestire una galleria affrescata dei ritratti dei vescovi puteolani, che supera il modello tradizionale delle serie episcopali su tela o tavola, per rievocare – anche grazie alle cornici in stucco – pitture commemorative più antiche e monumentali (ill. 2)36, che iniziando dai primi presuli, san Patroba – che accolse San Paolo al suo passaggio per la cittadina flegrea – e San Celso – consacrato da San Pietro – costituiva la “genealogia” della più antica diocesi del mondo occidentale37. Questo progetto di esaltazione storica, come ha mostrato Alessandro Migliaccio in un suo recente lavoro, trovava espressione anche nella commissione ai migliori artisti attivi a Napoli in quegli anni di una serie di opere pittoriche per la “nuova” cattedrale, rappresentanti i momenti della vita degli antichi santi della diocesi. In questa “selezionata galleria”38 incontriamo l’Arrivo di san Paolo a Pozzuoli di Giovanni Lanfranco (ill. 3), il Martirio di sant’Artema e il Martirio dei santi Onesimo, Alfio e Filadelfo attribuiti alla sua scuola, il San Gennaro nell’Anfiteatro, l’Adorazione dei Magi e i Santi Procolo e Nicea di Artemisia Gentileschi, il San Paolo che scrive la lettera a Filemone di Cesare Fracanzano, il San Patroba che predica ai fedeli di Pozzuoli di Massimo Stanzione, il San Pietro che consacra san Celso vescovo di Pozzuoli di Paolo Domenico Finoglio (ill. 4), il Miracolo di sant’Alessandro e il Martirio dei santi Procolo e Gennaro di Agostino Beltrano39.

ill. 2 - Martín de León y Cárdenas (a sinistra) e Giovan Battista Visco (a destra), Pozzuoli, Cattedrale, affreschi della sala capitolare.

  • 40 Ambrasi, D’ambrosio, 1990, p. 290-294.

19Il vescovo andaluso, spesso criticato dalle élites locali, seppe così trasformarsi nel principale estimatore e difensore dell’identità storica puteolana, espressa nelle forme artistiche ma anche devozionali di una controriforma trionfante. Infatti, se l’antichità di una diocesi costituiva il vanto del suo pastore, nell’epoca dell’applicazione delle prescrizioni del concilio di Trento anche la santità del suo clero e dei suoi fedeli contribuivano alla fama di un buon vescovo. Gli atti del sinodo diocesano del 1649 mostrano una sintesi degli sforzi di Martin de León per il disciplinamento e l’addottrinamento del clero, da una parte, e il controllo del rispetto dei precetti da parte dei fedeli, dall’altra40. Pratiche devozionali e rivalutazione della storia diocesana si vedevano altresì fuse nella celebrazione di un rito processionale (a cui partecipavano i canonici e tutto il clero regolare della diocesi) istituito da Martín de León per solennizzare l’anniversario dello sbarco a Pozzuoli di San Paolo, il 25 gennaio.

ill. 3 - Giovanni Lanfranco, Lo sbarco di San Paolo a Pozzuoli. Napoli, Castel Sant’Elmo, deposito del Museo Nazionale di San Martino.

  • 41 Musi, 2002, p. 79-88.

20Allo stesso tempo, Martín de León, continuamente perseguitato dalle ristrettezze economiche che limitavano il suo mecenatismo e i suoi progetti “politici”, richiese una revisione delle entrate della mensa vescovile che portò a un aumento delle dotazione economica annua dei vescovi puteolani, attraverso la boniica di campi di proprietà della curia che erano stati abbandonati e il controllo dei itti pagati dai coloni. Con queste riforme potè inanziare un’immagine di padre premuroso degli abitanti della sua diocesi (istituì un monte che elargiva la dote alle fanciulle delle famiglie povere, promosse un sistema di assistenza agli indigenti, a cui inviava anche a domicilio cibo e medicamenti) mostrandosi determinato a difendere le necessità dei puteolani in ogni occasione. La sua elezione a membro del Consiglio Collaterale, nel 1644, aumentò le possibilità di favorire la città, garantendo i suoi approvvigionamenti alimentari e ottenendo sgravi iscali in anni particolarmente diicili per l’economia del Regno, in cui i vicerè avviarono un aumento signiicativo della tassazione41.

ill. 4 - Paolo Domenico Finoglio, San Pietro consacra Sant’Aspreno. Napoli, Castel Sant’Elmo, deposito del Museo Nazionale di San Martino.

  • 42 Venditti, 2007, p. 266-267; Colletta, 1988, p. 7-39.

21Con la messa in sicurezza del porto – attraverso la creazione di una scogliera–, la cura dell’acquedotto e del decoro delle strade, la creazione di una nuova fontana (arredo urbano “retorico” per eccellenza, per i suoi intrinsechi riferimenti all’abbondanza) Martin de León mostrò di voler rivalutare l’immagine della città nel suo insieme, come si apprezza anche nella commissione di una splendida vista di Pozzuoli su pergamena, eseguita da Alberico da Cuneo e conservata presso la Bibliothèque Nationale de France42 (ill. 5). La veduta, eseguita nel 1648-1649 e intitolata Puteolorum fidelis civitas, era un autentico coronamento del suo episcopato.

ill. 5 - Alberico da Cuneo, Puteolorum fidelis civitas. Paris, Bibliothèque Nationale de France.

  • 43 A Napoli Martín de León soggiornava presso il monastero degli agostiniani spagnoli di Santa Rita al (...)

22Negli interventi urbani coinvolse sia l’erario vicereale (in particolar modo durante il mandato del conte di Monterrey) che le istituzioni civiche di Pozzuoli, con le quali riuscì a stringere un’alleanza per il suo ruolo di intermediario presso la corte vicereale. La prossimità ai principali rappresentanti della corona nel Regno, si mantenne infatti anche dopo la partenza del suo protettore, con l’unica eccezione del vicerè duca Medina de las Torres, che estese l’astio che nutriva per il suo antessore (il conte di Monterrey) anche al suo consigliere e lo allontanò da Napoli con la minaccia di denunciare alla Santa Sede i suoi numerosi soggiorni nella capitale che lo distoglievano dalla cura della sua diocesi43. Tale episodio mette in guardia dalla facile supposizione di una costante comunione di intenti tra vicerè e vescovi regi, specie quando le tensioni cortigiane (in questo caso scaturite all’interno della cerchia dello stesso valido, conte duca d’Olivares) si manifestavano anche nei centri periferici della monarchia.

  • 44 D. Ambrasi, D’ambrosio, 1990, p. 290.

23Dopo la partenza di Medina, Martín de León tornò a godere presso la corte vicereale quella reputazione di persona di fiducia, buon conoscitore della realtà locale e dei rapporti con le autorità religiose, che seppe mantenere fino alla fine del suo mandato puteolano. Nel luglio 1647 si trovò ad assistere al vicerè duca d’Arcos, quando si rinchiuse in Castelnuovo nei primi momenti della rivoluzione di Masaniello. In seguito, don Juan de Austria lo nominò suo vicario nel comando delle forze terresti e navali impiegate contro i rivoltosi44.

  • 45 D’Ambrosio, 1962. L’assonanza con il titolo dell’opera di Joan Hilari Muñoz sulla rivolta a Tortosa (...)

24Durante il conflitto la “sua” Pozzuoli si dimostrò un autentico baluardo lealista: respinse il tentativo di attacchi da parte dei ribelli e si strinse intorno alla figura del vescovo, che aveva favorito la città anche in nome del sovrano che rappresentava e in quel momento chiese ai suoi abitanti di pregare perchè cessassero i disordini45.

ill. 6 - L’attuale stato di conservazione della fontana voluta da Martín de León y Cárdenas. Sul fondo, il monumento del vescovo con la lunga iscrizione in latino che ricordava il suo operato. Pozzuoli, piazza della Repubblica.

  • 46 Migliaccio, 2004, p. 274-299. Migliaccio, riprendendo lo studio su Finelli di Damian Dombrowki, sos (...)
  • 47 Attualmente la statua e la fontana voluta da Martín de León si trovano, una a fianco all’altra in u (...)
  • 48 Migliaccio, 2004, p. 284-285.

25Il successo riscosso a Pozzuoli fu essere celebrato con la statua di marmo a figura intera che forse lo stesso vescovo pensò di commissionare a Giuliano Finelli46. Il monumento, pagato dalle autorità cittadine, fu eretto nella piazza antistante la cattedrale, che Martín de León aveva fatto ampliare per dare maggior visibilità al tempio restaurato47. Una lunga ed elegante epigrafe in latino che si snoda per le quattro facciate del basamento della statua per elogiare “chi aveva riportato Pozzuoli all’età dell’oro”, dedica quasi metà del suo discorso al ruolo svolto da Martín de León nella rivolta, in cui Pozzuoli fu “salda ancora al Regno agitato dalla sedizione”, narrando i momenti epici di una battaglia condotta dall’intera cittadinanza contro i rivoltosi, sotto la guida del vescovo “leone”48. Come un condottiere al comando, il vescovo non è rappresentato nel monumento con un convenzionale bacolo ma con un piccolo stocco stretto nella sua mano sinistra (ill. 6-7).

ill. 7 - Giuliano Finelli e bottega, Monumento a Martín de León y Cárdenas. Pozzuoli piazza della Repubblica.

  • 49 Sulla situazione degli ordini religiosi catalani durante la Guerra dels Segadors vd. Fernández Terr (...)
  • 50 L’arcivescovato di Reggio era stato retto per ben 44 anni dallo stesso presule, Annibale d’Afflitto (...)
  • 51 Il Veschi ebbe il suo ruolo “politico” anche nei mesi barcellonini, provando a sedare dall’interno (...)
  • 52 Ivi, p. 24 (per le prime risposte al Corpus de sang a Tortosa), 25 (per l’invio dell’ambasciata) e (...)

26Pur seguendo cammini distinti, anche il suo coetaneo Giovan Battista Visco si trovò a svolgere il ruolo di vescovo guerriero per la causa lealista, affrontando in prima linea le complesse vicende della Guerra dels Segadors negli anni in cui governò la diocesi regia di Tortosa (1640-1652)49. Era stato nominato vescovo nel 1638 (dopo una prima designazione per la sede di Reggio Calabria)50 alla fine della sua ambasciata romana in difesa del dogma dell’Immacolata Concezione, ma approdò a Barcellona solo nel 1640 in concomitanza con il Corpus de sang, la rivolta del giorno del Corpus Domini che segnò l’inizio della guerra. I disordini (che si estesero anche a Tortosa) dovettero convincerlo a soggiornare per qualche settimana nella casa dei francescani di Barcellona per giungere a Tortosa solo a fine settembre51, portando l’atto di perdono regio per una prima adesione alla rivolta, in risposta all’ambasciata presentata a Filippo IV dal tortosino Josep Isern52. Filippo IV concedeva inoltre a Tortosa il titolo di Fedelísima y Ejemplar e, munendola del suo vescovo più militante – per la veemenza con cui aveva sostenuto la causa immacolatista – investiva la diocesi del ruolo di centro della resistenza contro i rivoltosi e i francesi.

  • 53 Parets, 1889, p. 5.

27E infatti, dietro il Visco, giungeva l’esercito lealista, guidato dal nuovo luogotenente, Pedro Fajardo de Zuñiga y Requesens, marchese de Los Vélez, che giurò nella cattedrale di Tortosa in presenza del nuovo presule a fine novembre. È significativo che, secondo i diari di Parets, i tortosini e gli abitanti dei paesi della diocesi (che avevano celebrato con una processione la fine dei primi moti di rivolta) non avessero voluto assistere alla cerimonia del giuramento del marchese perchè dicevano di avere già il loro vicerè nel vescovo53.

  • 54 Ibidem.
  • 55 All’interno dello stesso capitolo cattedralizio vi fu, ad esempio, un rifiuto categorico a prestare (...)

28Visco celebrò la prima solennità dell’Immacolata come vescovo con una mostra generale dell’esercito di Filippo IV54, giacchè – è superfluo ribadirlo – per il presule di Tortosa la difesa della Corona coincideva con il sostegno del dogma dell’Immacolata e la diffusione del suo culto. Differentemente da Martín de León, sul piano della politica locale il Visco non ebbe il tempo per conquistare l’adesione alla causa lealista, ma si trovò a soli sei mesi dall’inizio del suo governo ad affrontare l’essedio dell’aprilemaggio 1642, in una realtà che non era uniformemente schierata dalla parte del sovrano e con la quale comunicava con difficoltà per non conoscere ancora bene la lingua55.

  • 56 Muñoz; Querol, 2004, p. 37, 94 come descrive lui stesso in una lettera inviata al re del 6 maggio 1 (...)
  • 57 Ibidem, p. 94,
  • 58 Ibidem, p. 102.

29Nelle settimane dell’assedio, Visco si fece vedere a cavallo accompagnato da compagnie di religiosi armati presso le mura cittadine56, dove fece costruire un altare all’Immacolata (secondo Berlanga, altra fonti dicono che portò lo stendardo dell’Immacolata presso la breccia aperta nelle fortificazioni)57. Qui pronunciò il voto di fondare una casa di monache concezioniste di stretta osservanza qualora la città fosse scampata al pericolo58.

  • 59 Ibidem, p. 100-101.

30L’impegno del Visco si sovrappose a un’altre devozione mariana locale per la Madonna della Cintola (Cingolo), portata avanti dal capitolo della cattedrale che diffuse durante l’assedio cintole votive per tutta la città e legò il calendario delle celebrazioni di questa avvocazione della Vergine con le date della liberazione dall’assedio59.

  • 60 Fin dagli anni della sua formazione a Campagna Visco aveva frequentato i collegi gesuiti (Ulino, 20 (...)
  • 61 In seguito si passò all’acquisto della vicina chiesa di San Antonio de los Labradores (per portare (...)

31A soli due anni dal trionfo dei lealisti (celebrato con pubblici ringraziamenti alla Vergine) il 30 maggio 1644 entrarono nel nuovo monastero della Purísima Concepción Victoria le prime sorelle, provenienti dalla casa delle clarisse di Tortosa. Nella creazione del nuovo cenobio il vescovo si avvantaggió dell’appoggio dei Gesuiti60, nella persona di padre Jacint Piquer, cofondatore del monastero. I padri della Compagnia cedettero gli ambienti di una prima sede provvisoria, nei pressi della chiesa di Sant’Antonio de los Labradores61.

  • 62 Muñoz; Querol, 2004, p. 103.

32Visco provvide personalmente agli arredi e alla decorazione di chiesa e monastero, regalando le opere che si era portato con sè dall’Italia e commissionandone di nuove62. Tra le donazioni, parlano del gusto e della devozione del francescano le due tele che fiancheggiano l’altare maggiore (un’Adorazione dei Magi e un’Adorazione dei pastori) opera del pittore Francesco Paterno, artista operante nell’entraterra lucano e cilentano ed esponente di una pittura ligia e controriformata, piuttosto distante dalle creazioni coeve commissionate da Martín de León a Pozzuoli.

  • 63 La Mattina, 2002; Fachechi, 2001, p. 135-142.
  • 64 Lopez Melus, 1985, p. 170.
  • 65 Per la sua restituzione dovette intercedere Juan José de Austria dopo la fine della guerra, ibidem.

33Ancora più emblematico delle committenze del Visco è poi il Crocifisso di frate Innocenzo da Petralia. (ill. 8) Opera del principale scultore ligneo dell’ordine francescano, di origine siciliana, che eseguì i suoi emotivi crocifissi –con espressioni di dolore che si riflettono in ogni aspetto del corpo del nazareno– per diverse case dell’ordine del centro e sud Italia63. La scultura era proprietà di Visco dagli anni del suo generalato ma appena giunse a Barcellona, a causa della rivolta, il vescovo la depositò presso un mercante prima di spostarsi a Tortosa. I francescani della città nel corso dei disordini la prelevarono dalla dimora del mercante per poterla esporre in una cappella preparata appositamente per la sua venerazione64. L’immagine devota rapidamente conquistò i fedeli e la comunità francescana di Barcellona oppose resistenza alle monache della Concepción quando richiesero l’opera che le era stata donata dal Visco65.

ill. 8 - Frate Umile da Petralia, Crocifisso. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.

34Il Crocifisso restò profondamente legato alle storia della città, il suo pietismo popolare non poteva che attirare la devozione dei tortosini, i quali – dopo tre assedi, saccheggi ed epidemie – dovevano sentirsi identificati e consolati da questa immagine di sofferenza.

  • 66 In questo contesto Visco perse i tre volumi manoscritti di un suo secondo trattato sull’Immacolata (...)
  • 67 Ibidem, p. 52.

35Nel saccheggio francese, successivo al secondo assedio–del 1648–fu risparmiato il monastero della Concepcion ma il Visco fu ridotto quasi in fin di vita dai soldati, che lo identificarono come protagonista della resistenza lealista66. Costretto a fuggire dalla città, tornò solo dopo l’ingresso delle truppe regie (che infersero il terzo assedio a Tortosa in meno di dieci anni). Nel dopoguerra il monastero fu lo strumento attraverso il quale Visco mantenne intatta la sua reputazione. Nonostante la clausura e gli obblighi di preghiera, le monache operarono al serivizio dei poveri cittadini cucendo abiti e preparando il pane per l’elemosina. Il vescovo lasciò all’esercito la sua dimora ufficiale e passò a risiedere accanto al monastero67.

36L’esperienza tragica della guerra aveva spossato il presule che chiese incessantemente un trasferimento al re, già a partire dal 1642. Solo nel 1653 ricevette la conferma papale della nomina regia alla diocesi di Pozzuoli, dove giunse a sostituire Martín de León y Cárdenas. Sul suolo puteolano le differenze tra i due vescovi emersero chiaramente nel momento in cui Visco non riuscì, nei sei anni del suo governo, a rimettere in piedi la dinamica vita del seminario animata dal suo predecessore, nè a completare la commissione degli stalli del coro (opera lasciata incompiuta da Martín de León). Ma senza dubbio il proseguimento dell’opera di rinnovo dell’antica cattedrale e la decorazione dei suoi nuovi ambienti non doveva essere ai primi posti dell’agenda del Visco, che non smise mai di curare la sua fondazione tortosina.

ill. 9 - Bottega di marmorari genovesi, Altare in marmi commessi. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.

  • 68 Ibidem, p. 55.

37Padre Berlanga, nella sua lunga storia del monastero della Purísima, edita nel 1695, racconta che durante il viaggio di ritorno nel Regno il Visco si fermò a Genova e “buscó artífices primorosos, con quien trató hacer el retablo del altar mayor de finos marmoles jaspes, y otras piedras, concertándole en tres mil y quinientos escudos de plata doble”68.

  • 69 Per la richiesta del suo corpo al vicerè di Napoli, conte di Peñaranda, nel 1660 (ibidem, p. 57).

38La dote lasciata da Visco alle monache di 500 scudi d’argento l’anno (per 20 anni), da riscuotere sulle entrate della mensa arcivescovile, servì anche per pagare il completamento dell’altare maggiore (per il quale il francescano anticipò solo 200 scudi) e la manodopera dei due marmorai genovesi che giunsero a Tortosa per assemblare l’altare, opera in marmi commessi che meriterebbe maggior attenzione all’interno dello studio del patrimonio artistico catalano. (ill. 9, 10) Forse furono proprio i due scultori che lavorarono all’altare in situ coloro che realizzarono il monumento funebre in marmo del vescovo, in cui si depositarono le sue spoglie giunte da Pozzuoli nel 167469 (ill. 11).

ill. 10 - Bottega di marmorari genovesi, Altare in marmi commessi (particolare con lo scudo di Giovan Battista Veschi. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.

39Infatti, nella sue disposizioni testamentarie, dettate nel 1659, Visco espresse la volontà di tornare dopo la morte al caro monastero da lui fondato a Tortosa, in cui aveva profuso tutte le sue energie e che in qualche modo coronava i suoi sforzi in difesa del culto dell’Immacolata.

ill. 11 - Bottega di marmorari genovesi (?),Tomba di Giovan Battista Visco. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.

  • 70 Anche durante la presenza a Palermo non si astenne da dare prova del suo raffinato gusto artistico. (...)

40A Pozzuoli, a pochi chilometri dalla sua Campagna, Visco si era probabilmente sentito straniero in patria. Dopo le fatiche e i rischi a cui si era esposto in difesa della corona, la diocesi flegrea doveva sembrargli senza dubbio una scarna ricompensa. D’altro canto, negli stessi anni Martín de León non doveva ritenersi più soddisfatto, dato che a Palermo non trovò la ricca mensa arcivescovile che avrebbe dovuto risolvere i suoi problemi economici, sebbene fosse stato nominato luogotenente del Regno di Sicilia per sei mesi (da luglio a gennaio 1651) tra la partenza di Juan José de Austria e l’ingresso del suo successore, il duca dell’Infantado. Con quest’ultimo, l’arcivescovo visse fin dall’inizio un rapporto conflittivo, che lo portò ad allontanarsi dalla vita politica. Morì a Palermo nel 1655 e venne sepolto nella cappella delle reliquie, dove si custodiscono i resti dei patroni e dei primi santi martiri palermitani70.

  • 71 Se per Visco non è possibile parlare di figure di riferimento presso la corte–oltre allo stesso mon (...)

41È facile cedere alla tentazione di una comparazione superficiale tra i due personaggi: uno spagnolo con gusto romano (anzi: barberiniano) e un napoletano che fa lo spagnolo (per il pietismo delle sue commissioni). In realtà i due contesti in cui operarono Martín de León e Giovan Battista Visco furono così diversi tra loro che i paragoni legittimi forse si limitano all’attenzione prestata da entrambi ad un uso attento dell’espressione artistica per avvicinarsi ai loro fedeli, interpretando le loro necessità: da una parte la rivendicazione di una identità forte, da difendere dalla vicinanza ingobrante della capitale, dall’altra il bisogno di prossimità e di aiuto per le sofferenze inferte dalla guerra. Stupisce la capacità di adattamento alle realtà locali e ai diversi contesti, volta alla costruzione di una reputazione vigorosa del loro ruolo come vescovi, nella speranza (disattesa) di poter continuare una radiosa carriera ecclesiastica. È probabile che il loro cammino sia stato ostacolato dalle loro origini modeste, e dalla mancanza dell’appoggio di gruppi di potere influenti71.

42Le loro esperienze aprono, in ogni caso, suggestivi ambiti di riflessione intorno alla mobilità di queste élites cattoliche nate in seno alla monarchia, e all’efficienza con cui portarono a termine il loro ruolo di vescovi regi, dimostrando davanti alle emergenze politiche di saper combinare un polso fermo con un munifico mecenatismo religioso, assumendo una pratica di governo spesso più efficace di quella adottata dai viceré coevi.

Bibliographie

Ambrasi, D’ambrosio, 1990: Domenico Ambrasi; Angelo D’ambrosio, La diocesi e i vescovi di Pozzuoli: Ecclesia Sancti Proculi Puteolani episcopatus, Ufficio pastorale diocesano, Pozzuoli, 1990.

Artemisia..., 2011: Artemisia Gentileschi: storia di una passione, Roberto Contini; Francesco Solinas (eds.), 24 ore cultura, Milano, 2011.

Astarita, 2013: Tommaso Astarita (ed.), A Companion to Early Modern Naples, Brill, Leiden, 2013.

Boiteux, 2007: Martine Boiteux, “L’hommage de la chinea. Madrid-Naples-Rome”, en Carlos José Hernando Sánchez (ed.), Roma y España: un crisol de la cultura europea en la Edad Moderna, 2 vol., SEACEX, Madrid, 2007, II, p. 831-846.

Bonfait, 1994: Olivier Bonfait (ed.), Roma 1630. Il trionfo del pennello, catalogo della mostra Villa Medici, 25 ottobre 1994-1 gennaio 1995, Electa, Milano, 1994.

Borrelli, 1903: Raffaele Borrelli, Memorie storiche della chiesa di San Giacomo dei Nobili Spagnuoli e sue dipendenze, Francesco Giannini & figli, Napoli, 1903.

Briganti, 1951: Giuliano Briganti, “Milleseicentotrenta, ossia il Barocco”, Paragone. Arte, 13, 1951, p. 8-17.

Cardim, Palos, 2012: Pedro Cardim; Joan Lluís Palos (eds.), El mundo de los virreyes en las monarquías de España y Portugal, Iberoamericana, Madrid-Frankfurt, 2012.

Cardim, Herzog, Ruiz Ibañez, Sabatini, 2012: Pedro Cardim; Tamara Herzog; J. J. Ruiz Ibáñez; Gaetano Sabatini (eds.), Polycentric Monarchies. How did Early Modern Spain and Portugal Achieve and Maintain a Global Hegemony?, Sussex Academic Press, 2012.

Causa, 1972: Raffaello Causa, Giacinto Gigante, Pozzuoli e i Campi Flegrei, Raffone, Napoli, 1972.

Cestaro, 1992: Antonio Cestaro, Juan Caramuel vescovo di Satriano e Campagna (1657-1673): cultura e vita religiosa nella seconda metà del Seicento, Edisud, Salerno, 1992.

Colletta, 1988: Teresa Colletta, “Pozzuoli città fortificata in epoca vicereale: una mappa inedita conservata alla Biblioteca Nazionale di Parigi”, Storia dell’urbanistica: Campania/I-Pozzuoli, Roma, 1988, p. 7-39.

Colomer, 2009: José Luís Colomer (ed.), España y Nápoles. Coleccionismo y mecenazgo virreinales en el siglo XVII, CEEH, Madrid, 2009.

Coniglio, 1987: Giuseppe Coniglio, Il Viceregno di Napoli e la lotta tra spagnoli e turchi nel Mediterraneo, Giannini, Napoli, 1987.

D’Ambrosio, 1962: Antonio D’Ambrosio, Masaniello: rivoluzione e controrivoluzione nel reame di Napoli: 1647-1648, Istituto editoriale Brera, Milano, 1962.

D’Ambrosio, 1973: Angelo D’Ambrosio, Il Duomo di Pozzuoli: storia e documenti inediti, D’Oriano, Pozzuoli, 1973.

D’Arpa, 1998: Ciro D’Arpa, “La committenza dell’arcivescovo Martino de Leon y Cardenas per la cattedrale di Palermo (1650-1655): un intervento inedito dell’architetto Cosimo Fanzago”, Palladio, n. s. 11, 21,1998, p. 35-46.

De Martinis, 1877: Raffaele De Martinis, Del Regio Patronato nelle Province Meridionali, Tipografia editrice degli Accattoncelli, Napoli, 1877.

De Martinis, 1882: Raffaele De Martinis, Le ventiquattro chiese del trattato di Barcellona fra Clemente VII e Carlo V, Tipografia editrice degli Accattoncelli, Napoli, 1882.

De Palma, 1653: Juan de Palma, Vida de la Infanta Sor Margarita de la Cruz: religiosa descalza de Santa Clara, Nicolás Rodriguez de Abrego, Sevilla, 1653.

Dombrowki, 1995/1996: Damian Dombrowki, “Nápoles en España. Cosimo Fanzago, Giuliano Finelli, las esculturas del altar mayor en las Agustinas Descalzas de Salamanca y un monumento funerario desaparecido”, Anuario del Departamento de Historia y Teoria del Arte, 7/8, 1995/1996.

Domínguez Ortíz, 1980: Antonio Domínguez Ortíz, “Regalismo y relaciones Iglesia – Estado en el siglo XVII”, R. García Villoslada (ed.), Historia de la Iglesia en España. IV La Iglesia en la España de los siglos XVII y XVIII, Católica, Madrid, 1980, p. 73-121.

Fachechi, 2001: Grazia Maria Fachechi, “Frate Innocenzo da Petralia Soprana, scultore siciliano itinerante fra Roma, Umbria e Marche”, Cristina Galassi (ed.), L’arte del legno tra Umbria e Marche dal manierismo al rococò, Cristina Galassi, Dipartimento di Studi Storico-Artistici dell’Università degli Studi di Perugia, Ponte San Giovanni (Perugia), 2001, p. 135-142.

Fernández Terricabras, 2013: Ignasi Fernández Terricabras, “Surviving between Spain and France: Religious Orders and the Papacy in Catalonia (1640-1659)”, in Massimo Carlo Giannini (ed.), Papacy, Religious Orders, and International Politics in the Sixteenth and the Seventeenth Centuries, Viella, Roma, 2013, p. 145-164.

Giannini, 2012: Massimo Carlo Giannini, “Sacar bueno o mal General y todo lo demas son accidentes: Due elezioni del Generale dei frati minori osservanti fra Santa Sede e Monarchia cattolica (1633 e 1639)”, in José Martínez Millán; Manuel Rivero Rodríguez; Gijs Versteegen (eds.), La Corte en Europa: Política y Religión (siglos XVI-XVIII), Polifemo, Madrid, 2012, I, p. 419-446.

Gil Saura, 2000: Yolanda Gil Saura, “La iglesia de la Purísima Concepción Victoria, el arquitecto Juan Ibáñez y la arquitectura valenciana del seiscientos”, Nous Colloquis, IV, 2000.

Gruzinski, 2010: Serge Gruzinski, Las Cuatro partes del mundo: historia de una mundialización, Fondo de Cultura Económica, México D.F., 2010.

Hermann, 1988: Christian Hermann, L’Eglise d’Espagne sous le Patronage Royal: 1476-1834: essai d’ecclésiologie politique, Casa de Velázquez, Madrid, 1988.

Hernando Sánchez, 1994: Carlos José Hernando Sánchez, Castilla y Nápoles en el siglo xvi: el virrey Pedro de Toledo. Linaje, estado y cultura (1532-1553), Junta de Castilla y León, Salamanca, 1994.

Iturbe, 1994: Antonio Iturbe, “El convento de San Agustín de Sevilla y su patrimonio artístico”, Revista agustiniana, 35, num. 108, 1994, p. 861-909.

Labrot, 1999: Gerard Labrot, Sisyphes chretiens: la longue patience des eveques batisseurs du royaume de Naples (1590-1760), Champ Vallon, Seyssel, 1999.

La Mattina, 2002: Rosolino La Mattina, Frate Innocenzo da Petralia: scultore siciliano del XVII secolo fra leggenda e realtà, Edizioni Lussografica, Caltanissetta, 2002.

Llordén, 1947: Andrés Llordén, Biografía del Excelentísimo y reverendísimo P. Fray Martín de León y Cárdenas: Religioso Agustino y Arzobispo de Palermo (Sicilia), Málaga, s.n., 1947.

Loffredo, 2011: Fernando Loffredo, “La villa di Pedro de Toledo a Pozzuoli e una provenienza per il “Fiume” di Pierino da Vinci al Louvre”, Rinascimento meridionale, II, 2011, p. 93-113.

Lopez Melus, 1985: Rafael María Lopez Melus, Historia del Real Monasterio de la Purísima Concepción Victoria de Tortosa, Grafistudio, Zaragoza, 1985.

Madruga Real, 1983: Angela Madruga Real, Arquitectura Barroca Salmantina: las Agustinas de Monterrey, Centro de estudios salmatinos, Salamanca, 1983.

Mantelli, 1986: Roberto Mantelli, Il pubblico impiego nell’economia del Regno di Napoli: retribuzioni, reclutamento e ricambio sociale nell’epoca spagnuola (secc. XVI-XVII), Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli, 1986.

Marañón, 1936: Gregorio Marañón, El Conde-Duque de Olivares: la pasión de mandar, Espasa Calpe, Madrid, 1936.

Marías, 1997: Fernando Marías, “Bartolomeo y Francesco Antonio Picchiatti: arquitectos de los virreyes españoles de Napoles”, Barbara Borngässer (ed.), Künstlerischer Austausch zwischen Spanien und Neapel in der Zeit der Vizekönige, Kinzel, Göttingen, 1997, p. 67-85.

Martínez Millan, Rivero Rodríguez, 2010: José Martínez Millan; Manuel Rivero Rodríguez (eds.), Centros de poder italianos en la monarquía hispánica (siglos XV-XVIII), Polifemo, Madrid, 2010.

Mauro, 1979: Achille Mauro, Il castello aragonese di Baia, Giannini, Napoli, 1979.

Mauro, 2009: Ida Mauro, “Le acquisizioni di opere d’arte di Gaspar de Bracamonte y Guzmán, conte di Peñaranda e viceré di Napoli (1659-1664)”, Locus Amoenus, 9, 2007-2009, p. 155-169.

Mazzella, 1601: Scipione Mazzella, Descrittione del regno di Napoli, Giovanni Battista Cappello, Napoli, 1601.

Migliaccio, 2004: Alessandro Migliaccio, “Proposte per l’interpretazione del monumento del vescovo Martín de León y Cárdenas”, Proculus. Rivista trimestrale della diocesi di Pozzuoli, LXXIX, 2004, p. 274-299.

Migliaccio, 2011: Alessandro Migliaccio, “La quadreria del duomo di Pozzuoli: un’ipotesi interpretativa”, Scritti in onore di Marina Causa Picone, a cura di C. Vargas; A. Migliaccio; S. Causa, Edizioni arte tipografica, Napoli, 2011, p. 95-125.

Muñoz, 1997: Joan Ilari Muñoz, Revolta i contrarevolta a Tortosa: 1640, Cooperativa Gràfica Dertosense, Tortosa, 1997.

Muñoz, Querol, 2004: Joan Ilari Muñoz; Enric Querol, La Guerra dels Segadors a Tortosa: (1640-1651), Cossetània, Valls, 2004.

Musi, 2002: Aurelio Musi, La rivolta di Masaniello nella scena politica barocca, Guida, Napoli, 2002 (1a ed. 1989).

Nestola, 2008: Paola Nestola, I grifoni della fede. Vescovi-inquisitori in Terra d’Otranto tra ‘500 e ‘600, Congedo, Galatina, 2008.

Nestola, 2011: Paola Nestola, “Una provincia del Reino de Nápoles con fuerte concentración regalista: Tierra de Otranto y el entramado de la geografía de regio patronato entre los siglos XVI y XVII”, Cuadernos de Historia Moderna, 36, 2011, p. 17-40.

Paolo Finoglio..., 2000: Paolo Finoglio e il suo tempo: un pittore napoletano alla corte degli Acquaviva, a cura di S. Cassani e M. Sapio, Electa Napoli, Napoli, 2000.

Parets, 1889: Miquel Parets, De los muchos sucesos dignos de memoria ocurridos en Barcelona y otros lugares de Cataluña. Crónica escrita entre los años de 1626 a 1660, en Memorial Histórico Español. Colección de documentos, opúsculos y antigüedades que publica la Real Academia de la Historia, 22, 1889.

Pergamo, 1941: Basilio Pergamo, “Notizie intorno al P. Giambattista Visco da Campagna ed ai Capitoli Generali del 1633 e 1639”, Studi Francescani, n. s. 13, 1941, p. 74-98.

Peytavin, 2003: Mireille Peytavin, Visite et gouvernement dans le royaume de Naples, XVIe-XVIIe siècles, Madrid, Casa de Velázquez, 2003.

Pou y Martí, 1928: José María Pou y Martí, “Conflicto diplomático entre Felipe IV y Urbano VIII por la elección del Generale Fr. Juan de Campagna”, Archivo Iberoamericano, XXI, 1928, p. 145-178.

Raimondi, 1975: Riccardo Raimondi, Real Arciconfraternita e Monte del Santissimo Sacramento de’nobili spagnoli nell’uso: basilica, istituzioni, documenti, testimonianze di arte e di storia, Laurenziana, Napoli, 1975.

Rivero Rodríguez, 2011: Manuel Rivero Rodríguez, La edad de oro de los virreyes. El virreinato en la Monarquía Hispánica durante los siglos XVI y XVII, Akal, Madrid, 2011.

Saura Lahoz, 1920: Pascual Saura Lahoz, “Felipe IV y el P. Fr. Juan Bautista de Campagna”, Archivo Iberoamericano, VII, 1920, p. 228-242.

Schleier, 2001: Erich Schleier, Giovanni Lanfranco: un pittore barocco tra Parma, Roma e Napoli, Electa, Milano, 2001.

Spedicato, 1996: Mario Spedicato, Il mercato della mitra episcopato regio e privilegio dell’alternativa nel Regno di Napoli in eta spagnola (1529-1714), Cacucci, Bari, 1996.

Spedicato, 1997: Mario Spedicato, “Il giuspatronato regio nelle diocesi meridionali del Cinquecento”, Antonio Cestaro (ed.), Atti del Convegno di Studio su “Gerolamo Seripando e la chiesa del suo tempo” (Salerno 14-16 ottobre 1994), Edizioni di Storia e Letteratura, Roma, 1997.

Spedicato, 2001: Mario Spedicato, “Il trattato di Barcellona del 1529 e l’esercizio del patronato regio nel viceregno di Napoli nella prima età moderna”, Bruno Anatra (ed.), Atti del Convegno Internazionale di Studio su “Carlo V” Cagliari, 14-16 dicembre 2000), Carocci editore, Roma, 2001, p. 381-89.

Ughelli, 1720: Ferdinando Ughelli, Italia sacra sive de episcopis Italiae [...] Tomus sextus: Complectens metropolitanas earumque suffraganeas ecclesias quae in Campaniae Felicis, Aprutii, Hirpinorumque Neapolitani regni claris provinciis recesentur, Sebastiano Coleto, Venezia, 1720 (2 ed.).

Ulino, 2008: Maurizio Ulino, L’età barocca dei Grimaldi di Monaco nel loro Marchesato di Campagna, Giannini, Napoli, 2008.

Vallejo Penedo, 2001: Juan José Vallejo Pinedo, Fray Martín de León y Cárdenas, obispo de Pozzuoli y arzobispo de Palermo (1584-1655), Revista agustiniana, Madrid, 2001.

Venditti, 2007: Mauro Venditti, “Una presenza vicereale a Pozzuoli: la dimora fortificata di Don Pedro de Toledo”, Archivio storico per le province napoletane, 124, 2007, p. 251-287.

Notes

1 Alcuni recenti volumi collettivi dimostrano le diverse direzioni percorse da questi studi: Cardim; Palos, 2012; Cardim; Herzog; Ruiz Ibáñez; Sabatini, 2012 e per le sedi dell’Italia spagnola Martínez Millan; Rivero Rodríguez, 2010. Vd. anche l’efficace sintesi Rivero Rodríguez, 2011. Per quanto riguarda i vicerè spagnoli di Napoli vd. il già classico Colomer, 2009 e il recente volume curato da Tommaso Astarita per l’editoriale Brill che raccoglie i contributi dei principali studiosi del viceregno (Astarita, 2013). Mi sia anche permesso rimandare alla bibliografia sul mecenatismo vicereale citata in Mauro, 2009.

2 Spedicato, 1996, p. 53. Il testo di Mario Spedicato è lo studio principale sul reclutamento episcopale per le diocesi di patronato regio nel Regno di Napoli. Tra i numerosi studi del medesimo autore, vd. anche Idem, 1997; Idem, 2001.

3 Domínguez Ortíz, 1980. Per la loro scelta, dunque, doveva valere quanto raccomandato dal conte duca de Olivares nel suo celebre memoriale del 1625: “Obsérvese em toda parte por conveniente circunstancia de gobierno. Que el Virrey, gobernador y superior o cualquier ministro de Justicia, no sea natural del lugar que gobierna, por ser la general pàrte para el buen gobierno, la indipendencia del superior [...]”, Instrucciones que dio en 1625 el conde-duque a Felipe IV sobre el gobierno de España (Marañón, 1936, p. 425-431).

4 È il caso della sede metropolita di Salerno, dotata di una delle rendite più ricche del Regno, i cui vescovi vennero in seguito destinati ad altre importandi diocesi iberiche, come ad esempio Gaspar de Cervantes y Gaete (1564-1568, già vescovo di Messina, e da Salerno trasferito a Terragona, dopo una lunga permanenza a Roma, dove fu chiamato da papa Pio V a trattare il caso del vescovo Carranza), il cardinale Gabriel Trejo y Paniaugua (1625-1627), trasferito a Malaga, o Juan Beltrán de Guevara (1606-1611), che fu poi nominato arcivescovo di Badajoz (1611-1615) e di Santiago de Compostela (1615-1622). Quest’ultimo, negli anni del suo episcopato di Salerno svolse anche da visitatore generale del Regno di Napoli per il re Filippo III (vd. Peytavin, 2003).

5 Per un completo elenco delle diocesi del Regno di Napoli a fine Cinquecento, con indicazione delle diocesi recentemente fuse, e dei rapporti di dipendenza tra metropolite e suffraganee, vd. Mazzella, 1601, p. 413-416.

6 Come ricordava l’omaggio feudale della Chinea che chi governava Napoli doveva offrire al papa una volta all’anno, in occasione della festa dei Santi Pietro e Paolo. Sulla Chinea vd. Boiteux, 2007.

7 “Quum Caesarea M. Praetendat predecessores suos in dicto R. Neap. Sempre consuevisse habere 24 Eccl. Cath. reservatas ad ipsorum nominationem seu praesentationem [...]” cit. in De Martinis, 1877, p. 13 (De Martinis riporta riporta questo passaggio del trattato di Barcellona per indicare che in quella data si erano già persi molti documenti riguardo le prime creazioni di chiese regie nel Regno). Francesco Guicciardini nel penultimo libro della sua Storia d’Italia (1a ed. 1540) parlava proprio della concessione dal papa a Carlo V della “nomina antica di 24 Chiese Cattedrali” che equivalevano a un quarto delle entrate ecclesiastiche nel Regno (cit. in De Martinis, 1882, p. 37).

8 Sulle ben sette diocesi di regio patronato in Terra d’Otranto vd. il recente contributo di Paola Nestola (Nestola, 2011) e il suo precedente studio (Eadem, 2008). Le stesse ragioni difensive portarono anche alla selezione delle diocesi di Tropea, Crotone e Reggio Calabria, situate rispettivamente sulla costa occidentale, orientale e nell’estrema compagine meridionale della provincia di Calabria Ultra (vd. Coniglio, 1987).

9 È la celebre prammatica de De Officiorum provisione (o De Officiis) su cui Hernando Sánchez, 1994, p. 222 e Mantelli, 1986, p. 344.

10 Spedicato, 1996, p. 12.

11 Ibidem.

12 La diocesi di Gaeta –alla frontiera con lo Stato della Chiesa– fu governata sempre da spagnoli tra il 1598 e il 1732, alla stessa maniera di quella di Brindisi, sulla costa pugliese, che ebbe solo presuli spagnoli tra il 1571 e il 1723.

13 Sull’episcopato di Juan Caramuel y Lóbkowitz vd. Cestaro, 1992.

14 Tra questi va almeno citato l’episcopato di Marco Antonio (Benet) di Tocco (1514-1585), vescovo di Lleida, Vic e Girona e abate di Montserrat (e, come tale, presidente della Generalitat, 1569-1572), uno dei primi vescovi che applicarono il Concilio di Trento nel principato di Catalogna. Girolamo Doria (1495-1558), vescovo di Huesca e di Terragona. Agostino Spinola (1597-1649), vescovo di Tortosa e di Siviglia.

15 Gerard Labrot, nel suo studio sul governo delle diocesi del Regno di Napoli durante la Controriforma, analizzato attraverso i testi delle relazioni ad limina dell’Archivio Segreto Vaticano, avverte che per quanto riguarda le opere relazionate con il decoro degli ambienti rappresentativi (cattedrale e curia) i vescovi iberici–e, in generale, quelli che guidarono le diocesi regie–non mostrarono alcuna differenza rispetto alle attenzioni dei presuli italiani (Labrot, 1999).

16 Questi contatti tra periferie aprono scenari di studio molto interessanti, alternativi alla consueta circolazionecentro-periferia-centro. Su questi temi rimando agli studi sulle élites cattoliche di Serge Gruzinski (Gruzinski, 2010).

17 Si è riscontrata un’estrazione del tutto eterogenea (per qualto riguarda i legami familiari, gli studi, la carriera ecclesiastica e i gruppi di potere di riferimento) per i vescovi spagnoli delle diocesi regie del regno, tra i quali l’unico elemento in comune risultava essere una provata fedeltà al sovrano (Nestola, 2011, p. 25).

18 Alcuni cenni sui membri della famiglia Visco a Campagna tra XVI e XVII secolo sono Ulino, 2008. Su Martín de León y Cárdenas è un’autentica miniera di documenti d’archivio la biografia pubblicata dall’agostiniano Juan José Vallejo Pinedo (Vallejo Penedo, 2001). Giovan Battista Visco è invece stato oggetto di attenzioni e di ricerche d’archivio all’interno di studi dedicati alla storia di Tortosa e della sua diocesi, particolarmente negli anni della guerra dels Segadors (Muñoz, 1997 e Idem; Querol, 2004). Sono molto grata a Joan Hilari Muñoz per le informazioni sulla Tortosa del “Veschi”.

19 Per la stretta relazione con il conte di Monterrey, vicerè di Napoli, vd. infra. Tra 1611 e 1616 Martín de León visse a Lima, al seguito di padre Pedro Ramírez, confessore di Juan de Mendoza y Luna, marchese di Montesclaros, vicerè del Perù dal 1607 al 1615 (Vallejo Penedo, 2001, p. 40-41).

20 A L’Aquila, presso il convento di San Bernardino, a Palermo, a Santa Maria degli Angeli, e a Napoli presso la casa di San Diego all’Ospedaletto (Pergamo, 1941).

21 Margherita d’Austria era figlia dell’imperatore Massimiliano II e zia del re Filippo IV (Ughelli, 1720, p. 289-290; Saura Lahoz, 1920, p. 230).

22 Saura Lahoz, 1920, p. 233-236; Pou y Martí, 1928, ed il più recente Giannini, 2012. Nello stesso 1633 venne pubblicato a Madrid il suo trattato concezionista (Tractatus pro Immaculata B. V. Mariae Conceptione asserenda ultimaque huius opinionis decisione), commissionatogli da suor Margarita: “auiendo entendido que el Padre Fr. Iuan Bautista Campaña, Secretario General de la Orden de nuestro P. S. Francisco, por su gran sabiduria, talento, y espiritu, era singularmente deuoto de la Inmaculada Concepcion de la Virgen, hallandose en esta Corte, lo llamó” e gli chiese di scrivere un trattato a difesa dell’Immacolata (De Palma, 1653, p. 214).

23 Nel 1620, quando svolse il ruolo di definidor per la provincia Bética nel capitolo generale dell’ordine agostiniano (Vallejo Penedo, 2001, p. 43-44) e tra il 1628 e il 1631, in attesa di ricevere l’investitura episcopale e mentre si negoziava il suo trasferimento a Pozzuoli.

24 Martín de León non mise mai piede a Trivento, ma pare si interessò della diocesi da Roma, dove venne consacrato arcivescovo e restò fino al trasferimento a Pozzuoli (ivi, p. 52-55).

25 Sul palazzo di Pedro de Toledo: Loffredo, 2011; Venditti, 2006 (2007), p. 251-287. Sul castello di Baia: Mauro, 1979. La presenza di militari spagnoli nell’area flegrea è da relazionare con la frequenza con cui i vicerè si recavano in quest’a-rea, che spesso costituiva il loro primo approdo nel Regno.

26 La prossimità tra l’agostiniano e il conte è registrata con frequenza nelle missive del nunzio apostolico a Napoli Nicolás Enríquez de Herrera, Vallejo Penedo, 2001, p. 119-130.

27 Vallejo Penedo, 2001, p. 124. Sul monastero delle Agustinas de Monterrey: Madruga Real, 1983; Marías, 1997.

28 Briganti, 1951, p. 8-17; Bonfait, 1994.

29 L’interesse per l’arte di Martín de León é testimoniato dal fatto che a Siviglia, nell’inventario redatto prima della sua partenza per l’Italia, nel 1628, figuravano stampe, tavole e tele, donate al convento di San Agustín di Siviglia, dove aveva vissuto fino a quella data, e in cui fra l’altro “fabricó y adornó con ricas pinturas y costosas colgaduras la Capilla de San Juan de Sahagún, religioso agustino de Salamanca”, Llordén, 1947, p. 45. Vd. l’inventario dei suoi beni stilato prima della partenza, il 24 aprile 1628, ivi, p. 44. Sulle donazioni al convento agostiniano vd. anche Francisco de León, Cartas espirituales y sentencias muy provechosas... Nápoles 1652, testo della dedica a Martín de León. Sul convento sivigliano di San Agustín, vittima di diverse espoliazioni, cui locali originali del Sei-Settecento versano attualmente in uno stato di abbandono vd. Iturbe, 1994.

30 D’Ambrosio, 1973, p. 27.

31 Per una descrizione documentata e precisa delle opere vd. ivi, p. 25-31.

32 Marías, 1997.

33 Migliaccio, 2011, p. 96-97, con bibliografia.

34 Una lettera d’accusa al vescovo denunciava “Ha indifferentemente spogliati tutti li cittadini che in detta Catredale avevano le lor cappelle, et l’ha privati delle loro antiche, e paterne sepolture e levate via ogni memoria de detti cittadini ha ridotta detta catredale che in quella non si vedano se non le armi sue e le sue iscrittion”, D’Ambrosio, 1973, p. 70. Per avere un’idea del cambio di dedicazione delle cappelle cfr. le piante della chiesa incluse ibidem. La cattedrale è stata devastata da un incendio nel maggio 1964. L’intero centro storico puteolano (Rione Terra) è stato poi abbandonato nel 1970 per i problemi del bradisismo, esponendo la chiesa a una serie di atti vandalici e saccheggi. Attualmente si attende una riapertura del “Tempio Duomo” restaurato e musealizzato a cura di Marco Dezzi Bardeschi.

35 Vallejo Penedo, 2001, p. 35.

36 Non è superfluo ricordare che una delle più antiche serie di ritratti episcopali si trovava proprio a Napoli, nelle catacombe di San Gennaro.

37 Per questa ricostruzione per immagini della storia della diocesi, Martín de León si consultò spesso con l’abbate Ferdinando Ughelli, che negli stessi anni stava redigendo la sua storia degli episcopati italiani, in cui dedicherà molta attenzione al governo puteolano di Martín de León (Ughelli, 1720, p. 289-290).

38 Il riferimento è a un celebre apprezzamento espresso da Raffaello Causa per i quadri commissionati da Martín de León per la cattedrale (Causa, 1972, p. 1). La frase è ripetuta puntualmente in tutti gli studi sulla chiesa puteolana.

39 Seguo la lista pubblicata da Alessandro Migliaccio in Migliaccio, 2011, p. 110-111. I dipinti sono attualmente conservati a Castel Sant’Elmo, como deposito del Museo Nazionale di San Martino di Napoli, insieme agli altri commissionati contestualmente ai medesimi artisti per decorare la cattedrale. Le due tele di Artemisia Gentileschi, restaurate, son state recentemente esposte nella mostra milanese dedicata alla pittrice: Artemisia..., 2011, p. 218-223 (schede di Y. Primarosa e M. Nicolaci). Sul quadro di Lanfranco vd. Schleier, 2001, p. 312. Sul dipinto di Finoglio: Paolo Finoglio..., 2000, p. 162 (scheda di N. Barbone Pugliese).

40 Ambrasi, D’ambrosio, 1990, p. 290-294.

41 Musi, 2002, p. 79-88.

42 Venditti, 2007, p. 266-267; Colletta, 1988, p. 7-39.

43 A Napoli Martín de León soggiornava presso il monastero degli agostiniani spagnoli di Santa Rita alla Speranzella, non fu l’unico caso di presule iberico legato alle case di religiosi spagnoli a Napoli. In questo caso il convento della Speranzella fu uno dei centri di riferimento per un episcopato regio che veniva reclutato con una certa frequenza dalle prime file dell’ordine agostiniano, come ha sostenuto Vallejo Penedo nello studio più volte citato in queste pagine.

44 D. Ambrasi, D’ambrosio, 1990, p. 290.

45 D’Ambrosio, 1962. L’assonanza con il titolo dell’opera di Joan Hilari Muñoz sulla rivolta a Tortosa (Muñoz, 1997) è una simpatica coincidenza che parla degli episodi paralleli degli episcopati di Martín de León e Giovan Battista Visco.

46 Migliaccio, 2004, p. 274-299. Migliaccio, riprendendo lo studio su Finelli di Damian Dombrowki, sostiene che la testa è certamemte opera dell’artista, mentre il resto del corpo fu eseguito dalla bottega (Migliaccio, 2011, p. 99-101). Finelli era stato anche autore dei monumenti funebri salmantini del conte di Monterrey e della sua consorte: Dombrowki, 1995/1996, p. 87-93.

47 Attualmente la statua e la fontana voluta da Martín de León si trovano, una a fianco all’altra in un precario stato di conservazione, nella piazza della Repubblica, nei pressi del porto.

48 Migliaccio, 2004, p. 284-285.

49 Sulla situazione degli ordini religiosi catalani durante la Guerra dels Segadors vd. Fernández Terricabras, 2013.

50 L’arcivescovato di Reggio era stato retto per ben 44 anni dallo stesso presule, Annibale d’Afflitto (1593-1638). Lo avrebbe sostituito solo nel 1644 lo spagnolo Gaspar de Creales Arce (1644-1658).

51 Il Veschi ebbe il suo ruolo “politico” anche nei mesi barcellonini, provando a sedare dall’interno l’adesione alla rivolta di alcuni francescani della ciutat condal (Muñoz; Querol, 2004, p. 30-31).

52 Ivi, p. 24 (per le prime risposte al Corpus de sang a Tortosa), 25 (per l’invio dell’ambasciata) e 29-30.

53 Parets, 1889, p. 5.

54 Ibidem.

55 All’interno dello stesso capitolo cattedralizio vi fu, ad esempio, un rifiuto categorico a prestare ospitalità alle truppe regie (Muñoz; Querol, 2004). Per quanto riguarda le predicazioni di Visco in “itañol” sono interessanti, per considerazioni di carattere generale circa l’adattamento di un vescovo straniero alle esigenze pastorali dell’episcopato, le osservazioni riportate da Cristobal Berlanga: “Siendo que habiendo estao poco en España, e costaba mucho trabajo el lenguaje, por estar solo ejercitado en el idioma italiano; pero, suplía su fervor el defecto de la pronunciación y meno propiedad de las voces, y era oído con mucha frecuencia y gusto de sus súbditos” Lopez Melus, 1985, p. 48 (il testo di López Melus ripropone molti passaggi della cronaca del monastero edita nel 1695 dal gesuita Cristóbal Berlanga: Fundación, origen, progresos, y estado de el religioso Convento de la Purissima Concepcion Victoria de monjas descalças de èl Orden de N. P. San Francisco de la... ciudad de Tortosa, Martin Gelabert, Barcelona, 1695).

56 Muñoz; Querol, 2004, p. 37, 94 come descrive lui stesso in una lettera inviata al re del 6 maggio 1642 (ACA CA 290/40).

57 Ibidem, p. 94,

58 Ibidem, p. 102.

59 Ibidem, p. 100-101.

60 Fin dagli anni della sua formazione a Campagna Visco aveva frequentato i collegi gesuiti (Ulino, 2008, p. 38) e mantenne contatti con i membri della Compagnia, con i quali condivideva gli sforzi per la diffusione del culto dall’Immacolata.

61 In seguito si passò all’acquisto della vicina chiesa di San Antonio de los Labradores (per portare a buon porto la transizione fu necessario l’intervento regio, Lopez Melus, 1985, p. 153) che fu demolita per la costruzione del nuovo tempio, opera dell’architetto valenzano Juan Ibáñez (vd. ivi. e Gil Saura, 2000).

62 Muñoz; Querol, 2004, p. 103.

63 La Mattina, 2002; Fachechi, 2001, p. 135-142.

64 Lopez Melus, 1985, p. 170.

65 Per la sua restituzione dovette intercedere Juan José de Austria dopo la fine della guerra, ibidem.

66 In questo contesto Visco perse i tre volumi manoscritti di un suo secondo trattato sull’Immacolata Concezione che non giunse mai ad essere pubblicato, ibidem, p. 51.

67 Ibidem, p. 52.

68 Ibidem, p. 55.

69 Per la richiesta del suo corpo al vicerè di Napoli, conte di Peñaranda, nel 1660 (ibidem, p. 57).

70 Anche durante la presenza a Palermo non si astenne da dare prova del suo raffinato gusto artistico. Si deve a lui, per esempio, la commissione dell’altare della cappella di Santa Rosalia (la patrona riscoperta nel 1624) e della custodia in lapislazzuli della cattedrale disegnata da Fanzago (D’Arpa, 1998).

71 Se per Visco non è possibile parlare di figure di riferimento presso la corte–oltre allo stesso monarca–il principale protettore di Martín de León, il conte di Monterrey, morì nel 1653.

Notes de fin

1 Il presente saggio raccoglie i primi risultati di un progetto di ricerca postdottorale dal titolo Els bisbes espanyols al Regne de Nàpols (1563-1707), alter ego i aliats culturals dels virreis che sto svolgendo presso il dipartimento di Storia Moderna dell’Universitat de Barcelona, grazie a una Beca Postdoctoral de Docència i Recerca (BDR).

Table des illustrations

Légende ill. 1 - Le diocesi di patronato regio nel Regno di Napoli.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 152k
Légende ill. 2 - Martín de León y Cárdenas (a sinistra) e Giovan Battista Visco (a destra), Pozzuoli, Cattedrale, affreschi della sala capitolare.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 484k
Légende ill. 3 - Giovanni Lanfranco, Lo sbarco di San Paolo a Pozzuoli. Napoli, Castel Sant’Elmo, deposito del Museo Nazionale di San Martino.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 248k
Légende ill. 4 - Paolo Domenico Finoglio, San Pietro consacra Sant’Aspreno. Napoli, Castel Sant’Elmo, deposito del Museo Nazionale di San Martino.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 252k
Légende ill. 5 - Alberico da Cuneo, Puteolorum fidelis civitas. Paris, Bibliothèque Nationale de France.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 264k
Légende ill. 6 - L’attuale stato di conservazione della fontana voluta da Martín de León y Cárdenas. Sul fondo, il monumento del vescovo con la lunga iscrizione in latino che ricordava il suo operato. Pozzuoli, piazza della Repubblica.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 280k
Légende ill. 7 - Giuliano Finelli e bottega, Monumento a Martín de León y Cárdenas. Pozzuoli piazza della Repubblica.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 124k
Légende ill. 8 - Frate Umile da Petralia, Crocifisso. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 328k
Légende ill. 9 - Bottega di marmorari genovesi, Altare in marmi commessi. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 312k
Légende ill. 10 - Bottega di marmorari genovesi, Altare in marmi commessi (particolare con lo scudo di Giovan Battista Veschi. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 248k
Légende ill. 11 - Bottega di marmorari genovesi (?),Tomba di Giovan Battista Visco. Tortosa, chiesa della Puríssima Concepció Victòria.
URL http://books.openedition.org/pupvd/docannexe/image/7981/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 244k

© Presses universitaires de Perpignan, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540