Versión clásicaVersión móvil
OpenEdition Books

Workshop Liban

 | 
Philippe Poullaouec-Gonidec

Chapitre 3. À propos du Workshop_atelier/terrain

Mosaico

Alessandra Capuano

Texto completo

Più scoraggiante ancora dell'esercito locale è la superstrada principale: uns costante di umidità e clacson tremendamente intasata. Sopra la strada sta appeso un reticolo di cavi elettrici e cartelloni... Una minaccia meno probable è lo sporadico sacchetto ci immondizia da quattro chili buttato da un balcone del settimo piano. Più di una volta la quiete della pace è stata turbata dal rumore crepitante di un sacchetto di plastica che si schianta sui cavi elettrici sottostanti.
V. Berberian, II ciclista

1Lungo un bellissimo e frastagliato litorale, di circa 200 chilometri, si sviluppa una città lineare e ininterrotta che costituisce la principale area urbana del Libano. Questa fascia è formata dalle cinque maggiori città del paese e si svolge quasi senza soluzione di continuità da Tripoli a Tiro, in una mescolanza di forme e di spazi e in un amalgamarsi di vuoti e di pieni che la fanno apparire corne il vero volto de! Libano.

2Per chi arriva in aereo a Beirut l'impatto è forte e non immediatamente chiaro. Solo ad uno sguardo più attenta il paesaggio appare rappresentativo della storia del paese, riflettendone in modo inequivocabile le discontinuità. La mescolanza religiosa e culturale oltre a causarne l'instabilité ha reso il Libano particolarmente seducente, vivace e contemporaneo, ma ha anche facilitato la crescita poco controllata del tessuto urbano, che resta quindi espressione di un equilibrio estremamente precario. Ledilizia spontanea, la speculazione edilizia, la carenza di servizi di base, l'incuranza dell'ambiente e l'indifferenza per il patrimonio storico e naturale hanno trasformato il litorale in una grande conurbazione senza forma e senza contint. Questa fascia costiera urbanizzata presenta densité abitative diverse, in un’altemanza di residenze, edifici pubblici, agricoltura e attività commercial] disposti secondo uno schema a mosaico, che riflette il collage della compagine sociale. Il mosaico sembra caratterizzare moite forme cultural] e antropologiche del Medio Oriente. Anche la cucina libanese sembra strutturata su quest'idea di molteplicità.

3Hummus, harissa, tabouleh, involtini di vite, kebab, baba ghannooj vengono serviti contemporaneamente, formando una teoria di pietanze senza una particoiare gerarchia e il baharat è un miscuglio di spezie molto usato nella cucina araba.

4Questo vitale miscuglio o, se si preferisce, queslo caos metropolitano, mette in crisi le nostre nozioni urbane di occidentali. Nel Libano d’oggi si ha la sensazione che manchino i cardini del concetto di città: devastato il patrimonio storico, quasi inesistente l’architettura moderna o contemporanea che valga la pena di essere segnalata, scarse le infrastrutture spesso ibride tipologicamente (l'autostrada diventa strada di quartiere) o addirittura del tutto mancanti (come sono ancora oggi ferrovie e porti), sporadici gli spazi verdi e i parchi, caotico il commercio praticamente suddiviso Ira suq e shopping mall. Emergono invece chiaramente nello skyline di questa città lineare, moschee e chiese, simboli sacri di un panorama multietnico e multireligioso. Totalmente assenti sono i sistemi adeguati di smaltimento dei rifiuti o di depurazione delle acque. La presenza di vasti vuoti, talvolta ancora agricoli, si mescola al costruito. Quasi ovunque, l'edilizia sembra mutuata dalla lecorbusieriana Maison Domino: struttura in attesa di completamento. Qui, le rovine non sono solo un concetto o le vestigia di un glorioso passato, ma la tangibile presenza della guerra e la manifestazione di un futuro in fieri. Non che questo non capiti anche altrove nel Mediterraneo, che è pieno di edilizia spontanea non finita. Qui, perd il fenomeno assume la dimensione di una condizione prevalente.

5I tratti di paesaggio che emergono da questo contesto sembrano lacerti di un passato ormai impossibile da recuperare.

6Se però la città è il luogo in cui prendono forma i conflitti, allora non c'è città più vera della metropoli iineare libanese. I conflitti non sono solo quelli della guerra e nemmeno quelli sociali, ma riguardano proprio la forma fisica dello spazio.

7Effettivamente, una passeggiata nella medina di Sidone conferma questa sensazione di contrasti e di caos: gli odori forti del Medio Oriente si mescolano alla tecnologia contemporanea. Nel suq, tra stradine tortuose e palazzi dilaniati, si può trovare un internet cafe, accanto alla boltega che vende stampi intarsiati in legno per la fabbricazione dei biscotti vi sono armerie che offrono kalashnikov e proiettili, se ad altezza d'occhio t'imbatti in carni macellate, caschi di banane o in negozi di sapone artigianale, basta sollevare il capo per accorgersi che una selva di cavi e una giungla di antenne popola i tetti degli ediici. La stessa impressione si ha passando dalla micro alla macro scala della città. La caratterizzazione di questa zona, agricola in un recente passato, andrebbe oggi considerata in rapporta al più ampio insieme urbano della fascia costiera. Essendo solo a mezz'ora di distanza, è Beirut il centre città di questa «espansîone periurbana». Se oramai essa costituisce un continuum urbanizzato senza soluzione, perché cosi hanno deciso colore che la città la costruiscono e la abitano, bisogna prenderne atta. Agli architetti e ai paesaggisti non resta altro che cercare di capire questo mosaico, fissandone le tessere, senza stravolgere l'essenza di quel mondo controverso e sfuggente che è il Medio Oriente contemporaneo. Se, corne afferma il ciclista del romanzo, il Medio Oriente «è stato uno dei primi a riconoscere il primato estetico del cerchio rispetto alla linea retta, delle curve rispetto agli angoli, delle mezzelune rispetto alle strisce, delle donne formose rispetto alle magre», c’è da augurarsi che sia anche tra i primi ad accettare i caratteri particolari di questa condizione «generica» della città contemporanea, in cui edifici non connessi determinano corne scrive Koolhaas «una condizione urbana per il semplice fatto di condividere una certa prossimità e sono abitati senza particoiare ansia». In una situazione mondiale instabile, in un momento politico corne quello attuale, questa assenza di ansia è da auspicarsi con forza.

Índice de ilustraciones

URL http://books.openedition.org/pum/docannexe/image/14146/img-1.jpg
Archivo image/jpeg, 520k

© Presses de l’Université de Montréal, 2006

Condiciones de uso: http://www.openedition.org/6540