Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Workshop Tunisie

 | 
Philippe Poullaouec-Gonidec

Chapitre 3. Carrières en périphérie de villes: enjeux et projets de paysage

Il caso del recupero delle cave di Lecce per il progetto della nuova Città dell’Arte e della Musica

Monica Sgandurra

Texte intégral

1Il caso che presenterò in questo convegno è il lavoro svolto per la tesi di laurea in architettura discussa da Martina Risi nell’anno accademico 2004/2005 presso la Prima Facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni”, con relatore il professore Fabrizio Orlandi e correlatori i professori Domenico D’Olimpio e Monica Sgandurra.

2Il progetto ha come tema la riqualificazione urbana ed ambientale delle ex cave di pietra calcarea di Marco Vito nella periferia sud-ovest della città di Lecce.

3Il progetto parte da una reale esigenza da parte dell’amministrazione comunale di Lecce di recuperare queste ex strutture estrattive nell’ipotesi di dotare la città di un nuovo piano di sviluppo per quest’area.

4In questo senso è stata bandita una procedura per l’affidamento del progetto di recupero e riqualificazione della cave di pietra di Marco Vito e la redazione del relativo piano particolareggiato con la progettazione preliminare di una parte degli interventi previsti, corne la “Città della Musica”, il parcheggio per le autolinee extraurbane, il parcheggio di scambio e in fine un parco urbano.

5Il progetto elaborato in sede di tesi di laurea parte appunto da queste richieste prefiggendosi principalmente due obiettivi: il primo è costituito dalla riqualificazione ambientale e paesaggistica dell’area,che ha all’interno un sistema di cave per lo sfruttamento della pietra leccese, oggi in disuso e in parte interessate da processi di rinaturalizzazione spontanea, che definiscono attualmente un particolare paesaggio dall’equilibrio delicato.il secondo obiettivo è quello della creazione di una centralità urbana con funzioni di interesse comunale altamente qualificanti sia per la città sia per il territorio circostante.

6Lecce, città al centra della regione del Salento di origine messapica e fondata dai lapigi, popolo proveniente dall’llliria durante le migrazioni del III secolo a. C., ebbe il suo periodo di maggiore prosperità tra il VII e il IV secolo a. C. In periodo romano, conosciuta con il nome di Lupiae era una città florida con un porto marittimo, quello di Adriano, oggi nella zona dell’attuale marina di San Cataldo. Successivamente la città ebbe un lungo periodo di decadenza, durato oltre cinque secoli subendo numerosi saccheggi ad opera dei barbari e rimanendo sotto il dominio bizantino della vicina città di Otranto.

7Soltanto sotto i normanni la città ritrovò la sua vivacità economica e culturale con il governo delle dinastie dei d’Angiò e Aragona. Lecce diventerà poi nel 1400, un centra culturale e d’arte malgrado il perversare di epidemie e delle numerose incursioni turche protrattesi al 1700 fino a quando, stanziandosi comunità di colonie toscane, greco-albanesi, genovesi, ebraiche, veneziane e venete, la città diventò un centra di cultura illuministica: nacquero in questo periodo numerose scuole di matematica, di diritto e accademie.

8A questo moto culturale si aggiunse un ritrovato fermenta nel campo dell’arte, soprattutto nell’architettura, grazie alla presenza di un artigianato florido e diffuso. Palazzi, chiese e monumenti portano oggi il segno del barocco leccese, uno stile dalle complesse decorazioni delle facciate: cornici e trabeazioni risultano essere di un’esuberanza di forme tali da produrre effetti scenografici. Questo fu possibile grazie che all’abilità degli artigiani dell’epoca, ma anche alla materia prima impiegata, la pietra leccese, una pietra calcarea presente in numerose varietà ma generalmente un materiale di qualité inferiore per le costruzioni, utilizzata con maggiore diffusione come pietra decorativa in quanto di facile lavorazione.

Planimetta generale dell’interento

9Geologicamente la pietra leccese è una roccia calcarea della famiglia delle calcareniti mioceniche che si rivela abbastanza debole sotto il profilo geotecnico; al di lé della resistenza insufficiente allo schiacciamento e all’aderenza, pressoché nullo alla malta, la pietra leccese può subire nel tempo una degradazione da parte degli agenti atmosferici.

Localizzazione dell’intervento e schemi di funzionamento del progetto

10Tutta la regione del Salento è caratterizzata dallesistenza di numerosi affioramenti di questa pietra tanto da risultare questo elemento simbolo unificatorio della cultura e della storia di questa terra.

11La città di Lecce e il suo hinterland è quindi definito da un sistema di cave, in gran parte oggi non attive, che si snodano a corona nel settore sud appoggiandosi alla linea della ferrovia.

12In questo senso il progetto proposto affronta la riorganizzazione di un polo di scambio internodale ferro/gomma riorganizzando sia gli spazi, sia la struttura della vecchia stazione ferroviaria, la quale chiude il lato nord dell’area, e dall’altro la rifunzionalizzazione strategica del nuovo polo proposto integrato con valenze di tipo culturali, turisticoricettive, ricreative e residenziali completando in questo modo le strutture già esistenti nell’area.

13Il nuovo parco urbano proposto diventa l’elemento catalizzatore dell’organismo della nuova Città della Musica contenendo strutture come un anfiteatro all’aperto per concerti, spazi teatrali, luoghi per attività culturali oltre che strutture ricettive, come alberghi, ostelli, conservatori di musica, centra polifunzionale per congressi, spazi museale, botteghe per artigiani e ateliers per artisti, strutture per il terziario avanzato e nuove residenze.

14Il sistema delle tre cave diventa per il piano una sorta di “magma verde” all’interno del quale le nuove funzioni organizzeranno spazi e connessioni attraverso la modellazione del suolo, il potenziamento della struttura vegetale, l’integrazione tra immagine paesaggistica, ambientale e struttura del costruito in un organismo in grado di creare un luogo simbolico per la cultura e le tradizioni locali capace di inserirsi in circuiti più vasti di tipo nazionale ed internazionale.

15Oggi lo spazio della cava, direi meglio l’organismo del vuoto, paesaggio della trasformazione in continua osmosi dinamica e riscrittura di un suolo che ha subito in modo sincronico una desertificazione fisica e di senso, pone il problema della risignificazione e del ridare forma, immagine e valore integrando i diversi ordini di realtà nella relazione della società con il luogo stesso.

16Paesaggi alterati che passano attraverso processi di lettura e riscrittura e sviluppano una sorta di stabilizzazione, una ricerca di equilibrio tra le condizioni ambientali, il paesaggio, la forma artificiale data da esigenze tecniche ed economiche avulse dal contesta e la volonté di rendere più che un risarcimento alla ferita inferta, una risposta a questi terrains vagues attraverso organismi flessibili e adattivi, con spazi in evoluzione, in progress.

17Altro tema che questi spazi generano è quello delta scarto, del rifiuto che implica una produzione di spazio-residuo dove il vuoto ha preso il posta del pieno e l’assenza diventa il livello massimo di dissipazione positiva nella direzione che è azione e parte della vita stessa. Se poi inseriamo questi organismi in una riflessione di impostazione ambientale, allora scarto, rifiuto, declino dissipazione sono all’interno di una logica che fa della modificazione il motore propulsore della vita, dove tutto cambia, tutto è in movimento, tutto è un continuo processo che ciclicamente porta decadenza e rigenerazione.

Veduta tridimensionale del parco

18In questo senso bisogna allora parlare più che ripristino ambientale, condizione iniziale comunque necessaria per rendere il luogo agibile, di reinvenzione del luogo nel senso di dare nuove significazioni agli spazi/organismi in modo sostenibile mantenendo un comportamento di pensiero e d’azione flessuoso, una mobilité di usi e significati.

19In questo senso il progetto proposto, partendo da valutazioni di carattere ambientale, dove sono prese in considerazione e analizzate le caratteristiche del luogo, tettonica, modellamento, interazione suolo-acqua-aria-vegetazione, lette le relazioni con il contesta, e monitorate le possibili azioni/interazioni progettuali, si può arrivare ad un processo decisionale che entra non nella fase finale, conclusiva, ma all’interno, nell’evoluzione stessa del progetto, organizzando e in-formando ta possibilité stesse che il pensiero/programma mette in essere.

Table des illustrations

Légende Planimetta generale dell’interento
URL http://books.openedition.org/pum/docannexe/image/14034/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 276k
Légende Localizzazione dell’intervento e schemi di funzionamento del progetto
URL http://books.openedition.org/pum/docannexe/image/14034/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 496k
Légende Veduta tridimensionale del parco
URL http://books.openedition.org/pum/docannexe/image/14034/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 92k

© Presses de l’Université de Montréal, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter