Version classiqueVersion mobile

Héros et héroïnes dans les mythes et les cultes grecs

 | 
Vinciane Pirenne-Delforge
, 
Emilio Suárez de la Torre

Eroi nel ditirambo

Bernhard Zimmermann

Texte intégral

  • 1 Cf. Β. Zimmermann, Archiloco, Fr. 120 West, Arione e il ditirambo nel settimo e sesto secolo a.C, (...)

1Sin dalla sua prima menzione attestata in letteratura nel noto fr. 120 West di Archiloco il ditirambo viene definito come canto cultuale di Dioniso1 :

ὡς Διωνύσου ἂνακτος καλὸν ἐξάρξαι μέλος
οίδα διθυραμβον οἲνφ συγκεραυνωθεὶς φρένας

2Questa componente dionisiaca non era neanche mai stata contestata con buoni argomenti sino alla fine del secolo scorso. Le Grandi Dionisie in Atene erano pur sempre aperte dall’agone ditirambico e i pochi frammenti trasmessi (in particolare il ditirambo ateniese di Pindaro, ora fr. 75 Maehler) avevano un marcato carattere dionisiaco. Questa communis opinio poteva inoltre poggiare sulle antiche testimonianze riguardo al ditirambo ed eventualmente richiamarsi alla parodo delle Baccanti di Euripide (v. 64–169) come imitazione di un ditirambo. E se 102 anni orsono Bacchilide non fosse riemerso dalle sabbie d’Egitto, questa communis opinio non avrebbe sicuramente subito scosse.

  • 2 Cf. la mia interpretazione in B. Zimmermann, Dithyrambos. Geschichte einer Gattung, Göttingen, 199 (...)

3Eppure già i filologi antichi avevano, come noi oggi sappiamo, le loro difficoltà. Aristarco e Callimaco rappresentavano posizioni del tutto opposte per quanto riguardava l’appartenenza al genere della Cassandra di Bacchilide (fr. 23 Maehler), giacché essi dovevano decidere solo sulla base di criteri contenutistici e mancava loro, come ai filologi di oggi, il contesto esecutivo. La riscoperta di Bacchilide riaccese la querelle. Le poesie catalogate nel papiro come ditirambi non presentavano, eccezion fatta per il carme 19 (Io), alcuna componente dionisiaca, mentre d’altro canto i frammenti ditirambici di Pindaro scoperti poco dopo si rivelavano ricolmi di contenuti dionisiaci – e questo in solo pochi versi leggibili. La ricerca bacchilidea non si è da allora più liberata della domanda : nella seconda parte dell’opera di Bacchilide abbiamo realmente a che fare con ditirambi, o sono essi peani o ancora altri sottogeneri della lirica corale, che gli alessandrini inclusero erroneamente sotto la rubrica ditirambo ?2

4La pietra dello scandalo è legata strettamente al tema che fa da cornice al nostro convegno, se cioè nei componimenti bacchilidei in questione vengano raccontate storie mitiche – o meglio brevi episodi, al cui centro stanno gli eroi : negli Antenridi sono gli eroi omerici Odisseo e Menelao, ma sono Eracle e Ida e in particolare Teseo a essere oggetto delle composizioni di Bacchilide.

  • 3 Mi baso approssimativamente sui risultati del mio libro sul ditirambo del 1992 e tengo in consider (...)
  • 4 G. Ieranò, Il ditirambo di Dioniso, Roma, 1997.
  • 5 St. Schröder,Geschichte und Theorie der Gattung Paian, Stuttgart/Leipzig, 1999 ; L. Kappel, Paian, (...)

5La mia tesi, con la quale vorrei spiegare questo paradosso, è che il culto degli eroi e il ditirambo possano del tutto accordarsi, se si ha un approccio storico-funzionale verso i componimenti ; quindi se si ricerca la funzione che un’esecuzione ditirambica poteva avere per il rispettivo pubblico contemporaneo3. Non mi vorrei tuttavia volgere una volta ancora ai componimenti bacchilidei, giacché difficilmente potrei andare al di là dei risultati di allora ; lo stesso vale per i frammenti di Pindaro. Piuttosto voglio volgermi ancora una volta alla fase arcaica del genere dopo Archiloco. Nel frattempo la base per il lavoro è significativamente migliorata rispetto a dieci anni fa, quando scrissi il mio libro. Giorgio Ieranò ha nella sua raccolta di testimonianze messo insieme e discusso tutte le attestazioni antiche sul ditirambo4. Che la discussione non avrà fine così rapidamente, lo mostra il libro appena apparso di Stephan Schroder, “Storia e teoria del genere peana”, che si confronta criticamente con lo studio sul peana di Lutz Käppel e la sua impostazione5.

6Volgiamoci alla forse più nota, ma altrettanto discussa testimonianza sulla fase arcaica del ditirambo : Erodoto I, 23, dove lo storico attribuisce ad Arione una triplice acquisizione nello sviluppo del ditirambo :

Άρίονα τòν Μηθυμναîον... ἐόντα κιθαρῳδòν τῶν τότε ἐόντων οὐδενòς δεύτερον, καὶ διθύραμβον πρῶτον ὰνθρώπων τών ἡμείς ἲδμεν ποιήσαντά τε καὶ ὀνομάσαντα καὶ διδάξαντα ἐν Κορίνθῳ.

7Il passo ha destato grande sorpresa, poiché Erodoto pone l’origine di un genere già stabilito ai tempi di Archiloco una o due generazioni più tardi. Eppure Erodoto non afferma affatto che Arione fosse l’inventore, il πρώτος εύρετής del genere. Piuttosto egli descrive la prestazione di Arione in un polisindeto trimembre : Arione ha composto un carme e lo ha allestito con un coro. Il participio di mezzo, όνομάσαντα, presenta difficoltà. A mio parere significa che Arione ha dato al suo prodotto letterario il nome già in uso di ditirambo – o, in altri termini, che Arione riempì una antica forma cultuale con nuovi contenuti e la sottopose a nuove forme esecutive. Pertanto il fr. 120 di Archiloco e la notizia su Arione non devono essere in contraddizione : Arione è la prima personalità tangibile, storica, che può essere messa in relazione con il genere ditirambo ; prima si sarà trattato di canti di culto tradizionali. Ma questo ci porta, in questo contesto, troppo lontano.

  • 6 W. Burkert, Homo necans. lnterpretationen zu altgriechischen Opferriten und Mythen, Berlin/New Yor (...)
  • 7 Suda, s.v. Arion ; cf. Ieranò, op. cit. (η. 4), p. 31 (test. 48) ; cf. Anche PMG 939, 5 oppure Eur (...)

8Più importante per il tema del convegno è la storia di Arione raccontata da Erodoto, la storia del salto in mare di Arione e del suo miracoloso salvataggio sul dorso di un delfino amante della musica6. Colpisce inoltre che l’episodio di Arione presenti riscontri notevoli, talora letterali, con l’inno omerico a Dioniso : i pirati del Tirreno prendono Dioniso per un principe e gli vogliono estorcere il denaro del riscatto (11 sq., 28-31) ; i pirati corinzi sono attratti dagli onorari che Arione aveva ricevuti nell’Italia del sud (24, 1). Entrambe le vittime, Dioniso e Arione, sopportano l’aggressione al loro denaro e alla loro vita con estrema tranquillità. Ridendo si fa legare le catene il dio, rilassato si concede il lusso di esercitare la sua arte per l’ultima volta in completa attrezzatura da citarodo Arione. E in entrambi i casi la storia termina con una epifania : Dioniso si fa riconoscere come dio (56 sq.), Arione si presenta nel suo costume davanti ai marinai attòniti e li convince della menzogna. Nella storia erodotea, che secondo la sua indicazione delle fonti poggia su tradizioni locali a Corinto, il teatro delle sue azioni, e a Metimna, il suo luogo natale, Arione viene stilizzato come un eroe dionisiaco ; questa eroizzazione è sottolineata dal fatto che Arione viene detto figlio di Kykleus7 – e κύκλιος χορός è termine tecnico per il ditirambo.

  • 8 W. Burkert, Griechische Religion der klassischen und archaischen Epoche, Stuttgart, 1977, p. 28.

9C’è un altro punto che colpisce : La storia di Arione in Erodoto presenta notevoli coincidenze con il mito di Palaimon (Melikertes). Palaimon è annoverato come Archemoros da Nemea nel gruppo degli eroi bambini8. Proprio gli efebi avevano un particolare rapporto con gli eroi adolescenti o bambini. Il culto degli eroi doveva ricordare alla nuova generazione il mondo dei morti e con questo naturalmente legarli alle tradizioni della società che i morti rappresentano. Questo trova una conferma se si indagano i numerosi culti degli eroi. A differenza dei culti degli dèi i culti degli eroi sono sempre legati a un luogo, locali ; un eroe può essere efficace soltanto nell’ambito più prossimo alla sua tomba in favore del gruppo che lo venera (un oikos, un demos, una phyle o addirittura un’intera polis). È importante che i culti degli eroi possano essere fondati anche in epoca storica ben documentata – sopratutto a imitazione di culti preesistenti. Faccio notare l’esempio più eloquente : i dieci nuovi eroi di cui furono dotate le phylai democratiche di nuova formazione dopo la riforma clistenica. Come mostra l’esempio dell’Attica viene pertanto ascritto al culto degli eroi un effetto che crea una forte identità di gruppo, il che è anche confermato da antiche prese di posizione riguardo al culto degli eroi.

  • 9 F. Graf, Apollon Delphinios, in MH, 36 (1979), p. 2-22.

10Torniamo al doppio salto in mare degli eroi Palaimon e Arione e al problema ditirambo ed eroi : risalta subito agli occhi che al salto in mare inerisce un ruolo portante anche in Bacchilide 17, un carme che senza dubbio fu composto per efebi attici. Il salto in mare ha il suo posto nei riti di iniziazione : nel racconto mitico di Bacchilide il passaggio alla vita adulta viene illustrato sul prototipo dell’efebo attico, il giovane eroe Teseo ; e come ha mostrato Fritz Graf nel 1979, rituali che abbiano a che fare con la partenza e il ritorno di Teseo hanno luogo nel santuario del dio protettore degli efebi, Apollo Delfinio, nel Delphinion9.

11Azzardiamo una prima tesi sullo sfondo di queste riflessioni : il nuovo contenuto e la nuova forma che Arione deve aver introdotto nel genere ditirambo consiste eventualmente nel fatto che egli schiuse il contenuto meramente dionisiaco dei ditirambi come canti cultuali in onore di Dionisio al ritorno della vegetazione in primavera e che accolse nel genere storie mitologiche, storie di eroi, vale a dire ampliò l’inno e la narratio ? Si può aggiungere che l’affinità tra Dioniso e gli eroi è stretta : entrambi sono giovani (cf. l’inno a Dioniso), come gli eroi anche Dioniso (ed Eracle) presentano tratti ctonii.

12Questa funzione cultuale del ditirambo in connessione con gli eroi e con la funzione creatrice di identità offriva molteplici possibilità di associazione in campo politico. Colpisce senza dubbio che al principio del vi secolo il culto dionisiaco venne strumentalizzato politicamente. Questo diventa particolarmente chiaro nella politica religiosa del tiranno di Sicione, Clistene, sulla quale di nuovo Erodoto ci informa (V, 67, 5) :

τά τε δὴ ἂλλα oἱ Σικυώνιοι ἐτίμων τὸν ’’Αδρηστον καὶ δὴ πρὸς τὰ πάθεα αύτοΰ τραγικοἲσι χοροἲσν ἐγέρανον, τὸν μέν Διόνυσον οὐ τιμώντες, τὸν δὲ ”Αδρηστον. Κλεισθένης δὲ χοροὺς μὲν τῷ Διονύσῳ ἀπέδωκε, τὴν δὲ ἂλλην θυσίην Μελανίππῳ.

13Il passo chiarisce in modo illuminante come ci si deve raffigurare la compenetrazione e combinazione di ditirambo e culto degli eroi. Non voglio affrontare dettagliatamente il concetto τραγικοίσι χοροίσι, piuttosto rimando al mio libro sul ditirambo (p. 30 sq.), dove ho argomentato a favore della tesi che con ciò si intendono ditirambi, rappresentazioni lirico-corali nello stile dei ditirambi del v secolo noti a Erodoto. Il passo di Erodoto V, 67 chiarisce molto bene il rapporto tra canto cultuale, culto degli eroi e politica, come noi certo implicitamente dobbiamo presupporre anche per Corinto. Il canto cultuale viene eseguito in onore del dio Dioniso, le vittime vengono offerte all’eroe.

14Come mai tuttavia questa doppia copertura nella festa ? A mio parere se ne può ricavare una doppia funzione creatrice di identità : il culto degli eroi offre al gruppo l’adeguata cornice comunicativa. Se ora si aggiunge anche un coro, questa creazione di identità viene doppiamente rafforzata : da una parte in modo molto pratico nel fatto che nelle prove richieste i membri di un gruppo dovevano spesso incontrarsi, il che era particolarmente importante per Atene dopo la riforma delle phylai da pane di Clistene. Dall’altra parte il canto corale celebrativo si presta ad innalzare l’occasione in una sfera senza tempo, mitica, nella quale il gruppo vede rispecchiato se stesso e la sua festa. Se ora confrontiamo ditirambi, culto degli eroi e Dioniso, risalta che a differenza che nel culto degli eroi nel ditirambo dionisiaco ci si rivolge a un gruppo più vasto, la phyle, gli efebi o la polis. Se vi si presta un po’ di attenzione, questo potrebbe significare che i tiranni e più tardi i politici democratici sovrapposero in modo raffinato i locali culti degli eroi ; non li estinsero, ma li integrarono nel nuovo programma delle feste e in una nuova forma, il ditirambo, e sottrassero in tal modo ai nobili locali la loro base cultuale e con ciò la loro influenza nel culto sulla popolazione.

15Questo trova sostegno se si getta un rapido sguardo agli sparuti frammenti pindarici :

16Il fr. 70a per Argo. Ai v. 5 e 17 vengono menzionate le figlie di Phorkos, cioè le Gorgoni ; al v. 6 si può integrare Κυκλώπων. Entrambi gli elementi fanno propendere per la conclusione che l’eroe argivo Perseo vi abbia avuto una parte. I Ciclòpi erano considerati costruttori di Argo. Perseo scambiò la signorìa su Argo con quella su Tirinto, da dove egli fondò Micene.

17Il fr. 70b per Tebe. Vi si raccontava la discesa agli ìnferi (katabasis) di Eracle, l’eroe cittadino di Tebe per eccellenza.

18Il fr. 70c probabilmente per Corinto. Pindaro poteva aver trattato nella narrazione del mito la storia di Bellerofonte/Pegaso.

19Ancora meno offrono i brandelli papiracei ; si può però probabilmente vedere che nel fr. 70d di nuovo Perseo vi ha una parte, nei fr. 72-74 si tratta di Orione. Purtroppo manca nel ditirambo ateniese un cenno di sorta al mito raccontato.

  • 10 Ieranò, op. cit. (η. 4), p. 37 (test. 65).
  • 11 Lisia, or. 21, 1-4 ; Ps.-Senofonte, Ath. pol., 3, 4.

20Se si passano in rassegna questi pochi punti d’appoggio che offrono i ditirambi pindarici, la combinazione tra culto degli eroi e Dioniso nella cornice del ditirambo diventa evidente. La cornice è formata da elementi dionisiaci : il dio viene evocato nello stile degli inni ; parimenti viene concepita una teologia dionisiaca, nella quale la musica dionisiaca e la follia dionisiaca (μανία) sono le componenti essenziali. Al culto di Dioniso e agli oggetti cultuali – come accade di frequente nei generi dionisiaci – si allude in stile enigmatico. Il racconto mitico al contrario, nel quale vengono narrate le gesta e le pene di un eroe che aveva uno stretto legame con la città committente, non deve aver avuto legami dionisiaci. Che questo rappresenti palesemente un’innovazione nel vi secolo lo attesta un aneddoto che viene messo in connessione con Epigene di Sicione, il quale riempì i χοροί presentati in onore di Dioniso con contenuti non dionisiaci10, probabilmente storie di eroi – forse su Melanippo. Importante è inoltre che gli eroi che venivano cantati nel quadro di un ditirambo rappresentano sempre un grande gruppo, normalmente la polis o almeno una phyle. Questa doppia valenza del ditirambo come ballata eroica e canto cultuale di Dioniso conduce in epoca successiva a che la componente dionisiaca possa ritirarsi ; si pensi solo ai ditirambi di Bacchilide e al complesso festivo ateniese, dove venivano eseguiti ditirambi non solo alle feste di Dioniso, le Grandi Dionisie e le Lenee, ma anche alle Targelie, alle Piccole Panatenee, alle Prometee e alle Efestie11. L’antica comunità delle feste non aveva in questo alcuna difficoltà, giacché non si doveva essere alle prese con discussioni sulla teoria dei generi : così invece la filologia dagli alessandrini sino ai giorni nostri. Spero di aver mostrato con le mie tesi una possibilità di come i problemi legati al ditirambo si facciano smascherare come problemi apparenti, se si prende sul serio il Sitz im Leben del genere.

Notes

1 Cf. Β. Zimmermann, Archiloco, Fr. 120 West, Arione e il ditirambo nel settimo e sesto secolo a.C, in Studia Philologica Valentina, 2 (1997), p. 63-66.

2 Cf. la mia interpretazione in B. Zimmermann, Dithyrambos. Geschichte einer Gattung, Göttingen, 1992, p. 41-116.

3 Mi baso approssimativamente sui risultati del mio libro sul ditirambo del 1992 e tengo in considerazione la critica che Lutz Käppel (Gnomon, 68 [1996], p. 571-586) ha mosso alla mia impostazione.

4 G. Ieranò, Il ditirambo di Dioniso, Roma, 1997.

5 St. Schröder, Geschichte und Theorie der Gattung Paian, Stuttgart/Leipzig, 1999 ; L. Kappel, Paian, Studien zur Geschichte einer Gattung, Berlin/New York, 1992.

6 W. Burkert, Homo necans. lnterpretationen zu altgriechischen Opferriten und Mythen, Berlin/New York, 1972, p. 218-226.

7 Suda, s.v. Arion ; cf. Ieranò, op. cit. (η. 4), p. 31 (test. 48) ; cf. Anche PMG 939, 5 oppure Euripide, I. T. 427-429.

8 W. Burkert, Griechische Religion der klassischen und archaischen Epoche, Stuttgart, 1977, p. 28.

9 F. Graf, Apollon Delphinios, in MH, 36 (1979), p. 2-22.

10 Ieranò, op. cit. (η. 4), p. 37 (test. 65).

11 Lisia, or. 21, 1-4 ; Ps.-Senofonte, Ath. pol., 3, 4.

Auteur

Albert-Ludwigs-Universität Freiburg
Seminar für Klassische Philologie
Werthmannplatz 3
D - 79085 Freiburg in Breisgau

© Presses universitaires de Liège, 2000

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search