Version classiqueVersion mobile

Autour du XVe siècle

 | 
Paola Moreno
, 
Giovanni Palumbo

L’exemplum del «medio amigo» nel Libro del caballero Zifar

Lia Vozzo

Texte intégral

1Come è noto, nel Libro del caballero Zifar, primo esempio di composizione romanzesca originale nella letteratura castigliana medievale, il filo della narrazione viene continuamente interrotto da digressioni didattiche o racconti esemplari il cui legame con la storia principale appare spesso piuttosto debole.

  • 1 L’esempio, nella Disciplina clericalis, è seguito immediatamente da quello intitolato De ìntegro a (...)

2È questo certamente il caso del primo tra gli exempla inseriti nel romanzo, che riprende una storia di probabile origine orientale, diffusa in tutta l’Europa medievale grazie soprattutto alla Disciplina clericalis di Pietro Alfonso. Si tratta del racconto che apre la collezione con il titolo di Exemplum de dimidio amico1 di cui mi sembra opportuno ricordare qui brevemente la trama:

Un arabo sul punto di morire chiede al figlio quanti amici egli abbia. Al giovane, che risponde di averne più di cento, il padre, che nel corso della sua vita non è riuscito a procurarsi più di mezzo amico, consiglia di metterli alla prova: il ragazzo dovrà uccidere e fare a pezzi un vitello, metterlo in un sacco, e, facendo credere ai suoi amici che si tratti di un uomo da lui involontariamente ucciso, chiedere loro di aiutarlo a nascondere il cadavere. Al termine della prova, il giovane potrà constatare che solo il mezzo amico del padre è disposto a correre dei rischi per lui.

  • 2 In un recente lavoro, che ho potuto leggere in versione dattiloscritta grazie alla generosità e al (...)
  • 3 Si vedano almeno i saggi, dedicati specificamente al nostro racconto, di K.R. Scholberg, «A Half-F (...)
  • 4 Le tre versioni sono sottoposte a una fine analisi comparativa in un saggio di A. Ruffinatto, «Il (...)

3La storia ha avuto ampia diffusione nella Spagna medievale2 ed ha destato in più di un’occasione l’interesse degli studiosi3. Oggetto di particolare atten zione sono state tre versioni iberiche del racconto, collocabili tutte in un arco di tempo che va dalla fine del XIII ai primi decenni del XIV secolo, e cioè, oltre a quella presente nel Zifar, quella tradita dai mss. C e B dei Castigos del rey don Sancho e l’esempio 48 del Lucanor4. In tutte e tre queste versioni, infatti, la trama del racconto viene arricchita con l’aggiunta di materiali narrativi del tutto nuovi rispetto alla storia tradita dalla Disciplina. Nel Zifar, in particolare, il racconto viene rielaborato in questo modo:

Un uomo molto ricco dà del denaro a suo figlio e gli consiglia di procurarsi dei buoni amici. Dopo dieci anni il padre domanda al ragazzo quanti amici egli abbia e il figlio risponde che sono più di cento. L’uomo, che in vita sua non è riuscito a guadagnarsi più di mezzo amico, si mostra sorpreso e rimane in silenzio. Accade in seguito che il ragazzo ha un diverbio piuttosto violento con un giovane di condizione sociale più alta della sua, il quale non intende lasciar perdere e desidera vendicarsi. Spedito il figlio in un luogo sicuro, il padre risolve pacificamente la questione, poi fa uccidere un maiale, lo fa a pezzi e, dopo averlo chiuso in un sacco, lo nasconde sotto il suo letto. Al ritorno del figlio gli fa credere di avere ucciso il giovane con cui il ragazzo aveva litigato e di averne nascosto il corpo in un sacco; gli chiede perciò di rivolgersi a qualcuno dei suoi tanti amici per farsi aiutare ad occultare il cadavere. Il giovane lo fa, ma alla fine è costretto a riconoscere che nessuno di loro è disposto a correre dei rischi per lui. Solo il mezzo amico del padre non esita a seppellire il sacco in casa sua. Dopo aver ammonito il figlio sulla necessità di saper distinguere i veri dai falsi amici, il padre lo invita a chiedere al suo mezzo amico di cucinare quanto è contenuto del sacco, per mangiarlo tutti e tre insieme la sera successiva. Il giovane resta turbato, ma si lascia convincere a partecipare al banchetto. Assai diversa è la reazione del mezzo amico, che comprende subito la burla, ne ride di gusto e si presta al gioco. A tavola il ragazzo, avendo trovato squisito il sapore della carne del suo nemico, afferma di voler uccidere anche il compagno di quest’ultimo per poter mangiare ancora una vivanda tanto gustosa. I due vecchi a questo punto ritengono indispensabile svelare l’inganno.

  • 5 M.J. Lacarra segnala che entrambi i motivi (ignoranza del figlio circa il contenuto del sacco e bu (...)

4In primo luogo conviene osservare che nella versione attestata dal Zifar l’aggiunta di un nuovo episodio non costituisce una pura e semplice amplificazione del racconto, ma ne modifica la stessa struttura narrativa. Tra tutte le versioni medievali della storia, infatti, solo in quest’ultima il figlio viene consapevolmente tenuto all’oscuro del reale contenuto del sacco5 e sarà proprio e solo tale circostanza a permettere il successivo sviluppo del racconto.

  • 6 Il cannibalismo sembra comunque l’unico tabù trattato in letteratura in chiave prevalentemente umo (...)
  • 7 Cfr. M.R. Lida de Malkiel, «Tres notas sobre Juan Manuel», in Romance Philology, IV, 1950-1951, pp (...)
  • 8 Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit., p. 212.
  • 9 González, «El cuento del medio amigo», cit., p. 57.

5La maggiore complessità della struttura e l’inserimento nel testo di un motivo tabù quale quello dell’antropofagia (seppure solo immaginaria) trattato in chiave comica6, hanno portato buona parte della critica a ritenere che in questa versione del racconto il gusto per la narrazione in se stessa prenda nettamente il sopravvento sul valore didattico dell’exemplum. Già Maria Rosa Lida considerava lo scherzo ordito ai danni del giovane «una broma no muy bien enhebrada»7 con il tema centrale del racconto, cioè quello deH’amicizia. In anni più recenti Aldo Ruffinatto ha ripreso il giudizio della studiosa argentina per sottolineare come nel Zifar siano le ragioni narrative piuttosto che quelle esemplari a determinare l’aggiunta di nuovi materiali che «non si pongono a servizio di una tesi [...] ma agiscono in funzione della trama arricchendola con un motivo marcatamente ambiguo (il pasto pseudo-cannibalesco)»8. Da parte mia, senza voler affatto sottovalutare il ruolo che, nella costruzione del racconto, giocano il gusto per la narrazione e la tendenza dell’autore del Zifar a mescolare «la seriedad y el humor»9, ritengo tuttavia che un’adeguata comprensione del contenuto didattico dell’exemplum giovi non poco a chiarire il processo di rielaborazione cui viene sottoposta nel Zifar la storia tradizionale, e contribuisca inoltre a meglio definire le coordinate culturali di riferimento dell’intero romanzo. Non va dimenticato, infatti, che quello del «medio amigo» è il primo degli esempi inseriti aH’intemo della trama principale, il che rende di per sé poco probabile che gli insegnamenti che intende impartire siano di scarso rilievo nell’impalcatura didattica del romanzo.

  • 10 Per la distinzione tra forme sineddotiche e forme metaforiche dell'exemplum, cfr. C. Bremond, «Str (...)

6Partirò dall’esame del rapporto che lega nel testo l’exemplum al filo principale della narrazione. Allontanato dal servizio a causa della sua sfortuna (ogni dieci giorni gli muore il cavallo), Zifar è preso dallo sconforto e, parlando ad alta voce con se stesso, manifesta il desiderio di partire per portare a termine un suo antico e segreto proposito, quello di recuperare il regno dei suoi antenati, perduto a causa dei peccati di uno di loro. Scoperto dalla moglie e invitato a dividere con lei il dolore, ma anche il segreto, Zifar, dopo essersi schermito, si lascia convincere dalle ragioni della donna e ammette che dividere con un amico il peso delle sue preoccupazioni gli procurerebbe gran conforto; aggiunge, tuttavia, che molte volte sugli amici ci si inganna e si credono tali alcuni che non lo sono «synon de enfinta». Segue il racconto del «medio amigo», introdotto da una formula che lo identifica immediatamente come un exemplum di tipo «sineddotico»10, vale a dire come la narrazione di un caso concreto, dato per vero, che illustra una massima di valore generale, in questo caso la necessità di mettere alla prova gli amici per saggiarne la qualità:

  • 11 Libro del Caballero Zifar, ed. a cura di C. González, Madrid, Cátedra, 1983, p. 80; tutte le succe (...)

Ca bien asy cornino por el fuego se proeua el oro, asy por la proeua se conosçe el amigo. Asy contesçio en esta proeua de los amigos a un fijo de un omne bueno en tierras de Sarapia, commo agora oyredes11.

7Se guardiamo però all’intera sequenza del dialogo che precede l’inserimento del racconto, possiamo facilmente osservare che, per l’autore del Zifar, il buon amico deve essere anzitutto un buon consigliere. Ciò appare evidente nelle parole della moglie Grima, che invita il cavaliere a «partir el cuydado con sus amigos» perché:

  • 12 Ivi, p. 80. L’idea che, prima di fare una scelta importante, sia necessario chiedere il consiglio (...)

todo orne que alguna grant cosa quiere començar e fazer, deue lo fazer con consejo de aquellos de quien es seguro quel consejaran bien. E non se deue orne enfiuzar en su buen entendimiento solo, commoquier que Dios le de buen seso natural; ca do ay buen seso ay otro mejor.12

8L’identificazione del buon amico con il buon consigliere è del resto esplicita, nello stesso Zifar, nella sezione dei Castigos del rey de Menton.

9Si vedano i seguenti passi:

  • 13 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 310.
  • 14 Ibid.; il corsivo è mio. Per altri esempi dell’equivalenza tra «buen amigo» e «buen consejero» nel (...)

E commoquier que a algunos devedes demandar consejo, primeramente lo devedes aver con aquel que ovierdes provado por verdadero amigo13; Onde de los buenos amigos e provados queret sienpre aver consejo e non de los malos amigos nin de los enemigos14.

  • 15 A parere di Femando Gómez Redondo, questo trattato «con ser tan breve, constituye la pieza clave p (...)

10È noto lo stretto rapporto testuale che lega questa sezione del Zifar al Liber consolationis et consilii di Albertano da Brescia, testo la cui importanza nella cultura castigliana del primo Trecento è ben nota15. L’opera costituisce tra l’altro anche la fonte principale del Libro del consejo e de los consejeros, composto tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo da un non meglio identificato Maestre Pedro, dove leggiamo, applicata alla scelta del buon consiglio, la stessa metafora impiegata da Zifar a proposito della scelta degli amici:

  • 16 Cfr. Bizzarri, Diccionario paremiológico e ideológico de la edad media, cit., p. 28.

Asi commo el oro que meten en el fomaz se prueva con el fuego, de manera que afina e se escoje de la escoria; et otrosí se prueua e se afina e se escoje el buen consejo del malo16.

  • 17 Cfr. E. Artifoni, «Prudenza nel consigliare. L’educazione del cittadino nel ‘Liber consolationis e (...)

11Del resto, in un’altra opera dello stesso Albertano da Brescia, il trattato De amore et dilectione Dei et proximi, dedicato quasi completamente alla scelta degli amici, al capitolo X, il consilium «appare contemporaneamente come effetto dell’amicizia sincera e come unità di misura dell’amicizia stessa»17.

12La lezione che Vexemplum si propone di impartire riguarda dunque a mio parere, anche se in modo non esplicito, una questione, la scelta di un buon consigliere, certamente non marginale nel contesto di produzione del romanzo.

  • 18 Cfr. K.R. Scholberg, «A Half-Friend and a Friend and Half», in Bulletin of Hispanic Studies, XXXV, (...)

13È necessario a questo punto richiamare l’attenzione sul fatto che, nella versione del Zifar, ad essere messo alla prova (come è già stato notato18) è soprattutto il figlio.

14Fin dall’inizio il racconto presenta una micro-variante significativa; vi si specifica, infatti, che il padre protagonista del racconto è un «orne bueno muy rico» e che egli dà al figlio denaro in abbondanza insieme con il consiglio di procurarsi buoni amici:

  • 19 Che cosa voglia dire il padre con i termini «amigo entero» e «amigo medio» viene precisato subito (...)

E davale de lo suyo que despendiese quanto el quería e castigole que sobre todas las cosas e costumbres, que apresiese e punase en ganar amigos [...] pero que tales amigos ganase que fuesen enteros e a lo menos medios19.

  • 20 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 81.

15Come apparirà subito dopo, la generosità dell’uomo e il consiglio da lui dato non sono senza rapporto tra loro. Dopo dieci anni infatti, quando il padre chiede al ragazzo quanti amici si sia procurato, alla risposta del figlio («mas de çiento»), risponde a sua volta: «Certas [...] bien despendiste lo que te dy, sy20 asy es».

  • 21 Ivi, p. 83.

16Il denaro è stato dunque dato al giovane per provare la sua capacità di mettere a frutto il consiglio che gli è stato dato. Quando poi il figlio aggiunge che ciascuno degli amici che si è procurato è disposto a esporsi per lui a ogni pericolo, l’uomo rimane in attesa dell’occasione opportuna per mettere alla prova l’affermazione del giovane. Sappiamo che questa sarà rappresentata dal diverbio che ha il ragazzo con un altro giovane del luogo e che il vecchio, dopo aver risolto pacificamente la questione, fa tuttavia credere al figlio di essere stato costretto ad uccidere il suo nemico e a nasconderne il cadavere in un sacco. Il racconto della “prova degli amici” che segue è in tutto e per tutto simile a quello che troviamo nelle altre versioni della storia. Al termine della prova, il padre impartisce al ragazzo, pronto a riconoscere il suo errore, l’immancabile lezione conclusiva: «en la ora de la cuyta se proevan los amigos»21.

  • 22 Traggo l’espressione da Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit., p. 212.

17È a questo punto della storia, come sappiamo, che l’autore del Zifar aggiunge al materiale narrativo tradizionale l’episodio del “banchetto (pseudo)cannibalesco”22. Il padre invita infatti il ragazzo, che ancora crede che nel sacco sia nascosto il cadavere di un uomo, a chiedere al suo mezzo amico di cucinare «dello cocho e dello asado» ciò che ha sotterrato per mangiarlo tutti e tre insieme il giorno successivo. Al giovane che, sbalordito, esclama: «Comino, padre señor, conbremos el ome?», il vecchio risponde in questo modo:

  • 23 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 83.

Çertas [...] mejor es el enemigo muerto que biuo, e mejor cocho e asado que crudo; e la mejor vengança que el ome del puede auer es esta, comerlo todo, de guisa que non finque del rastro ninguno, ca do algo finca del enemigo, y finca la mala voluntad.23

18Apparentemente soddisfatto dalla risposta, il ragazzo riferisce la richiesta al mezzo amico del padre, il quale scoppia a ridere e capisce immediatamente che il suo amico «quiso provar a su fijo»:

  • 24 Ibid.

Començose a reyr, e entendio que su amigo quiso provar a su fijo.24

19La reazione del mezzo amico da un lato dissipa le eventuali perplessità di chi legge (o ascolta), poiché rende esplicito il carattere comico della richiesta, dall’altro chiarisce a tutti che dietro la burla si nasconde l’intenzione del padre di mettere (nuovamente) alla prova il figlio. In cosa consista tale prova è chiaro: il giovane dovrà decidere se partecipare o no a un banchetto cannibalesco. Meno chiaro è che cosa il padre voglia verificare sottoponendo il figlio a un test tanto inusuale. È possibile, infatti, che, almeno in parte, la prova intenda valutare la capacità del ragazzo di interpretare correttamente un discorso come quello del vecchio, la cui natura burlesca è denunciata se non altro dal contrasto tra la veste pseudo-logica dell’enunciato, costruito come un ragionamento deduttivo di tipo quasi sillogistico, e il suo contenuto, palesemente inaccettabile sul piano etico, ma anche su quello logico.

20Per burlarsi del figlio, infatti, il vecchio in primo luogo elude la domanda del ragazzo spostando deliberatamente la questione dal «comer came de ome» al «comer carne del enemigo», poi opera un inatteso e repentino slittamento dall’area semantica dell’opportunità (meglio un nemico morto che vivo) a quella dell’alimentazione (è meglio bollito e arrostito che crudo). La struttura retorica del periodo, con l’anafora del comparativo «mejor» utilizzato, in due frasi coordinate e con un medesimo soggetto, nei due sensi di “più conveniente” e “più saporito”, aiuta a trarre in inganno il giovane, dissimulando l’assurdità logica dell’enunciato.

21Prendendo sul serio le argomentazioni del padre, il giovane cade nella trappola e accetta di partecipare al banchetto.

  • 25 Come sappiamo, nella versione della Disciplina clericalis nel sacco viene introdotto il cadavere di (...)

22A tavola, il vecchio continua a prendersi gioco del figlio; vedendolo ancora esitante e fingendo di credere che tale esitazione sia dovuta a un problema di gusto, egli lo invita infatti a mangiare tranquillamente, perché la «carne del enemigo» (non, si noti, la carne umana) ha lo stesso sapore della came del porco, affermazione che suscita il riso di chi conosce il vero contenuto del sacco25.

23Sappiamo però che, dopo aver mangiato con gusto, il giovane si dichiara disposto ad uccidere e mangiare anche l’altro suo nemico, quello che era con il primo al momento del diverbio. Allarmati da queste parole, i due amici si precipitano a porre fine alla burla, poiché:

  • 26 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 84.

Sy este moço durase en esta imaginacion, que seria muy cruo e que lo non podrían ende partir; ca las cosas que orne ymagina mientra moço es, mayormente aquellas cosas en que toma sabor, tarde o nunca se puede dellas, partir.26

24La connotazione negativa che spesso assumono nella letteratura castigliana del Trecento i termini che fanno riferimento all’immaginazione o alla fantasia è ben nota. In quanto potenza dell’anima, la imaginativa è infatti di per se stessa neutra, ma quando si associa alla voluntad, mettendo da parte il seso, può portare ad allontanarsi dalla realtà e dunque dalla verità.

25Analogo valore negativo è del resto quasi costantemente attribuito in questo periodo anche alla stessa voluntad (che, lasciata a se stessa, tende a sottrarsi al dominio della ragione), e a quei termini (deseo, querer, talante ecc.) che rimandano al suo ambito semantico.

  • 27 Basti qui rimandare a J. Fierro, «Etica, politica y lenguaje en textos medievales», in Incipit, XV (...)

26Tra i numerosi esempi di tale valutazione negativa27 ritengo opportuno riportare qui un passo della Cronica di Alfonso XI:

  • 28 Gran Crónica de Alfonso XI, ed. a cura di D. Catalán, 2 voll., Madrid, Gredos, 1977, vol. I, p. 37 (...)

E el rrey, oyda la rrazon que le dixeron los de Valladolid, como quier qu’estaua deseoso de salir andar por sus rreynos [...] no paro mientes a lo que le pedie la boluntad asi como orne que era de hedad de moço, mas cato a lo que le convenie a fazer con seso e con cordura, e non quiso salir luego de la villa28.

  • 29 Si vedano a titolo di esempio i seguenti passi del Libro del consejo e de los consejeros·. «guarda (...)
  • 30 Cfr. J.M. Cacho Blecua, «Del ‘Liber consolationis et consilii’ al ‘Libro del cavaliere Zifar’», in(...)

27Nel brano citato la tendenza a seguire la voluntad piuttosto che seso e cordura viene attribuita specificamente all’età giovanile. Tale convinzione è tutt’altro che infrequente nella letteratura castigliana del primo Trecento, in particolare nella “literatura de castigos”, dove si afferma che proprio per questa ragione i giovani non possono essere considerati dei buoni consiglieri29. Nello stesso Libro del caballero Zifar, in un luogo dei Castigos del rey de Menton la cui fonte immediata è ancora il Liber consolationis et consilii di Albertano da Brescia30, si legge a proposito della scelta dei consiglieri:

  • 31 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 311; più avanti si legge: «pero algunos mançebos ay en que (...)

Ca entre todos los ornes escogeredes por consejeros los ornes sabios e antigos e non muy mançebos. E los mançebos paganse de andar en trebejos e en solás, e quieren comer de mañana, ca non han seso conplido commo deven31.

28Alla luce di tali riscontri testuali, dal momento che sappiamo che il giovane nell’episodio del banchetto viene sottoposto ad una prova e che il suo fallimento è esplicitamente legato al fatto che, in quanto giovane, si lascia facilmente trasportare dalla «ymaginación» soprattutto se si tratta di «cosas en que toma sabor», non mi pare illegittimo ritenere che la prova cui il ragazzo viene sottoposto tenda proprio a saggiare la sua capacità di resistere all’impulso del desiderio facendosi guidare dalla ragione.

  • 32 Cfr. Goldberg, «Cannibalism in Iberian Narrative», cit, p.109.

29A ben guardare, in effetti, nelle parole che il padre rivolge al figlio per convincerlo a mangiare carne umana, è possibile intravedere una precisa strategia. Dietro la veste apparentemente razionale delle sue argomentazioni si può infatti facilmente leggere l’intenzione del padre di sollecitare non il seso, ma la voluntad del giovane, facendo balenare ai suoi occhi la possibilità di soddisfare un desiderio inconfessabile: quello di annientare e “incorporare” il cadavere del nemico. L’umorismo che caratterizza la scena del banchetto nasce poi dall’identificazione volutamente ambigua tra tale piacere proibito, in cui si fondono desiderio e aggressività32, e quello, di carattere corporeo e familiare, che si ricava dal gusto di una buona pietanza.

30In questa prospettiva la scelta compiuta dall’autore del Zifar di utilizzare nell’exemplum un motivo tabù come il cannibalismo, può assumere una sua precisa funzione.

  • 33 Tommaso d’Aquino, Summa theologiae, II 1, q. 31.

31In una delle Quaestiones discusse nel trattato sulle passioni inserito nella Summa theologica33, San Tommaso parla del cannibalismo come di una delectatio non naturalis che, insieme con il piacere che deriva dalla pratica dell’omosessualità e dal far sesso con gli animali, è frutto di una corruzione della natura «ex parte animae». Se dunque l’antropofagia è un piacere — e nel nostro testo non c’è dubbio che venga considerata tale —, e se è un piacere contro natura, il cibarsi di carne umana rappresenta il punto estremo a cui può arrivare la voluntad dei giovani quando mette da parte la ragione. Utilizzato come banco di prova per saggiare il seso del ragazzo, il cannibalismo fornisce dunque un ottimo esempio di come i giovani non possano essere considerati buoni consiglieri, dal momento che la ricerca del piacere può portarli fino al punto di dimenticare la stessa “ragione naturale”.

  • 34 Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit. p. 212.

32La lezione che si ricava dall’episodio del banchetto non si riduce dunque a un «ammaestramento (sulla illeceità del cannibalismo) non previsto dal tema sebbene imposto dalla trama»34, ma riguarda, invece, la necessità di scegliere dei consiglieri dotati in primo luogo di buen seso naturai, qualità che l’autore del Zifar considera indispensabile per «començar e acabar buenas obras e onestas a servicio de Dios», e che per lui vale più di ogni forma di sapere appreso dai libri:

  • 35 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 290.

Onde bien auenturado es aquel a quien Dios quiere dar buen seso natural, ca mas vale que letradura muy grande para saberse orne mantener en este mundo e ganar el otro35.

  • 36 «Ninguna çiençia que ome aprenda non puede ser alunbrada nin enderesçada syn buen seso natural, e (...)

33Il seso natural è infatti «entre todos los bienes que Dios quiso dar al ome e entre todas las otras çiençias que aprende, la candela que a todas alumbra», dal momento che senza di esso non si può apprendere nessuna scienza, e anche se la si apprende, non la si capisce e, anche se la si capisce, non la si può utilizzare36

  • 37 Cfr. Gómez Redondo, Historia de la prosa medieval castellana, cit., vol. II, pp. 1450-1451. È inte (...)

34Il convincimento che la ragione naturale sia aH’origine di ogni sapere è del resto assai diffuso proprio in quell’ambiente toledano del primo Trecento che costituisce il contesto di produzione del Zifar37. È qui che si afferma infatti, a parere di molti, un programma culturale appoggiato sopratutto dalla regina Maria de Molina, che, in velata polemica con il progetto alfonsino, promuove un ritorno alla ortodossia cattolica, minacciata in quegli anni dalle tesi deLL’aristotelismo radicale.

35All’interno di questo clima culturale, l’insistenza su un valore come quello della “ragione naturale”, che è lume donato da Dio il quale «alunbra e endereça» ogni scienza, sembra marcare un atteggiamento polemico nei confronti delle “ragioni dei filosofi” e delle loro “sottili” dissertazioni.

36Considerate da questo punto di vista, anche le parole che il padre protagonista del nostro racconto rivolge al figlio per convincerlo a mangiare carne umana possono acquistare un sovrappiù di senso.

37Non si può infatti evitare di pensare che, dietro la loro comicità, si nasconda un atteggiamento fortemente polemico nei confronti di coloro che si servono del proprio sapere dialettico e retorico per manipolare le menti dei giovani, di per sé facilmente sedotte dalle cose «en que toman sabor».

38Se questa lettura è corretta, la posizione di rilievo che viene assegnata nel Zifar al racconto del «medio amigo», che, come si è detto, è il primo degli exempla inseriti, appare ancora più giustificata, dal momento che i temi in esso affrontati (la scelta del buon consigliere, ma anche, indirettamente, il rapporto tra ragione naturale e discorso filosofico) possono a buon diritto essere considerati di importanza fondamentale nel contesto culturale da cui proviene l’autore del romanzo.

Notes

1 L’esempio, nella Disciplina clericalis, è seguito immediatamente da quello intitolato De ìntegro amigo, che compare anche nel Zifar, dove però è narrato dal padre al figlio aH’intemo del primo exemplum. Il racconto corrisponde al tipo 893 del repertorio di Aame-Thompson, cfr. A. Aarne — S. Thompson, The Types of the Folktale. A Classification and Bibliography, Helsinki, Suomalainen Tiedeakatemia («FFC», 184), 1964. Il motivo della “prova dell’amicizia” è uno dei più diffusi nel folklore universale ed è siglato K1558.1 (Test of friendship: the half-friend) negli indici di S. Thompson, Motif-Index of Folk Literature, 6 voll., Bloomington-London, Indiana University Press, 1966; J.E. Keller, Motif-Index of Medieval Spanish Exempla, Knoxville, University of Tennessee Press, 1949; H. Goldberg, Motif-Index of Medieval Spanish Folk Narratives, Tempe (Arizona), Medieval and Renaissace Texts and Studies, 1998.

2 In un recente lavoro, che ho potuto leggere in versione dattiloscritta grazie alla generosità e alla cortesia dell’autrice, María Jesús Lacarra ha potuto localizzare dodici versioni letterarie del racconto, «cifra que no debe considerarse definitiva»; cfr. M.J. Lacarra, «El medio amigo» (AaTh 893): la singularidad de las versiones hispánicas medievales a la luz de la tradición oral, in Tipología de las formas narrativas breves románicas medievales, éd. M.J. Lacarra-J.M. Cacho Blecua, Zaragoza, Prensas Universitarias, 2004, pp. 267-292.

3 Si vedano almeno i saggi, dedicati specificamente al nostro racconto, di K.R. Scholberg, «A Half-Friend and a Friend and Half», in Bulletin of Hispanic Studies, XXXV, 1958, pp. 187-198; R.B. Tate, «Don Juan Manuel and his Sources: Ejemplo 48, 28, I», in Studia hispanica in honorem Rafael Lapesa, 3 voll., Madrid, Gredos-Seminario Menéndez Pidal, 1972, vol. I, pp. 549-561; C. González, «El cuento del medio amigo y la articulación onírica del ‘Zifar’ », in Revista de Literatura Medieval, XIV, 2002, fasc, I, pp. 53-61.

4 Le tre versioni sono sottoposte a una fine analisi comparativa in un saggio di A. Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», postfazione a Don Juan Manuel, Le novelle del ‘Conde Lucanor’, a cura di A. Ruffinatto, trad. it. di S. Orlando, Milano, Bompiani, 1985, pp. 193-243; il saggio è stato nuovamente pubblicato in A. Ruffinatto, Sobre textos y mundos (ensayos de Filología y Semiótica hispánicas), Murcia, Universidad, 1989, pp. 53-90.

5 M.J. Lacarra segnala che entrambi i motivi (ignoranza del figlio circa il contenuto del sacco e burla della falsa antropofagia) sono presenti anche in un racconto persiano di tradizione orale raccolto da L.P. Elwell-Sutton tra il 1943 e il 1947 (Lacarra, «El medio amigo», cit., p. 288).

6 Il cannibalismo sembra comunque l’unico tabù trattato in letteratura in chiave prevalentemente umoristica; per quel che riguarda la tradizione iberica cfr. H. Goldberg, «Cannibalism in Iberian Narrative: The Dark Side of Gastronomy», in Bulletin of Hispanic Studies (Glasgow), LXXIV, 1997, pp. 107-122. Recentemente González, «El cuento del medio amigo», cit. p. 56, ha indicato una possibile relazione tra l’episodio del banchetto pseudocannibalesco presente nella versione del racconto tradita dal Zifar e un episodio della Gran Conquista de Ultramar (opera certamente ben nota nell’ambiente di produzione del Zifar), nel quale pure si sviluppa in chiave comica il motivo dell’antropofagia; in esso si narra che, in un momento in cui l’esercito dei cristiani rischia di morire di fame, «todos los vellacos de la hueste» su consiglio di Pietro l’Eremita, dissotterrano i mori uccisi sul campo di battaglia, tagliano loro la testa, li fanno a pezzi e, dopo averli «assados» e «cozidos», li mangiano, trovando il sapore di quella carne così buono «que no dexavan ningunos de quantos podían haver, que todos no los comiessen» (Gran conquista de Ultramar, ed. a cura di L. Cooper, 4 voll., Bogotà, Publicaciones del Instituto Caro y Cuervo, 1979, vol. II, pp. 35-51). Un rapporto diretto tra i due segmenti testuali mi sembra certamente plausibile (e confermato da puntuali riscontri testuali); non condivido però le idee della studiosa sulla funzione che l’exemplum di cui ci occupiamo e in particolare l’episodio del banchetto pseudo-cannibalesco svolgono all’interno del romanzo. Per quanto riguarda più in generale la comicità nel Zifar, cfr. K.R. Scholberg, «La comicidad del ‘Caballero Zifar’ », in Homenaje a Rodríguez Moñino, 2 voll., Madrid, Castalia, 1966, vol. II, pp. 157-163.

7 Cfr. M.R. Lida de Malkiel, «Tres notas sobre Juan Manuel», in Romance Philology, IV, 1950-1951, pp. 155-194, poi raccolto in Ead., Estudios de Literatura Española y Comparada, Buenos Aires, Eudeba, 1966, pp. 92-133, p. 108.

8 Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit., p. 212.

9 González, «El cuento del medio amigo», cit., p. 57.

10 Per la distinzione tra forme sineddotiche e forme metaforiche dell'exemplum, cfr. C. Bremond, «Structure de l’exemplum chez Jaques de Vitry», in Letterature classiche e narratologia. Atti del Convegno Internazionale di Selva di Fasano (ottobre 1980), Perugia, Istituto di Filologia Latina dell’Università di Pemgia, 1981, pp. 27-50.

11 Libro del Caballero Zifar, ed. a cura di C. González, Madrid, Cátedra, 1983, p. 80; tutte le successive citazioni del Zifar saranno tratte da questa edizione.

12 Ivi, p. 80. L’idea che, prima di fare una scelta importante, sia necessario chiedere il consiglio di altri è tanto diffusa nella cultura medievale che «costituisce in un certo senso il prologo di ogni discorso morale sul consilium: è infatti dalla necessità del consiglio che prende le mosse il discorso sulle condizioni e le regole del buon consiglio» (cfr. C. Casagrande, «Virtù della prudenza e dono del consiglio», in Consilium. Teorie e pratiche del consigliare nella cultura medievale, a cura di C. Casagrande, C. Crisciani e S. Vecchio, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2004, pp. 1-14, p. 1).

13 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 310.

14 Ibid.; il corsivo è mio. Per altri esempi dell’equivalenza tra «buen amigo» e «buen consejero» nella letteratura castigliana medievale (Calila e Digna, Libro del consejo e de los consejeros) cfr. Η. O. Bizzarri, Diccionario paremiológico e ideològico de la edad media (Castilla, siglo XIII), Buenos Aires, Secrit, 2000.

15 A parere di Femando Gómez Redondo, questo trattato «con ser tan breve, constituye la pieza clave para evaluar la evolución sufrida por las obras sapienciales en las postrimerías del siglo XIII» (F. Gómez Redondo, Historia de la prosa medieval castellana, vol. I. La creación del discurso prosístico, Madrid, Cátedra, 1998, p. 943). Per una sintesi aggiornata dei problemi relativi alla datazione dell’opera e al suo autore cfr. M. Haro Cortés, Literaura de castigos en la Edad Media: libros y colecciones de sentencias, Madrid, Ediciones del Laberinto, 2003, pp. 60-65.

16 Cfr. Bizzarri, Diccionario paremiológico e ideológico de la edad media, cit., p. 28.

17 Cfr. E. Artifoni, «Prudenza nel consigliare. L’educazione del cittadino nel ‘Liber consolationis et consilii’ di Albertano da Brescia (1246)», in Consilium, cit., pp. 195-216, a p. 207. Artifoni osserva pure che, nello stesso cap. x del libro De amore et dilectionis, «la questione consiliare è esaminata anche in relazione con la capacità di mantenere i segreti e con il giudizio sulla qualità dei consiglieri (eccellenti gli anziani, da evitare i giovani e gli stolti)» (ivi, p. 207). È opportuno ricordare che, anche nel Zifar, il contesto in cui si narra l’exemplum di cui ci occupiamo fa riferimento alla necessità che il buon amico sappia «guardar a su amigo en las poridades», tanto che, alla fine della storia, l’autore afferma che: «Todas estas cosas de los enxienplos de los amigos conto el Cavallero Zifar a la su buena muger por la traer a saber bien guardar su amigo e las sus poridades» (Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 92). Sull’opportunità di evitare i consiglieri giovani, si veda quanto si dice più avanti in questo stesso articolo.

18 Cfr. K.R. Scholberg, «A Half-Friend and a Friend and Half», in Bulletin of Hispanic Studies, XXXV, 1958, pp. 187-198.

19 Che cosa voglia dire il padre con i termini «amigo entero» e «amigo medio» viene precisato subito dopo: «Ca tres maneras son de amigos: los unos de enfinta, e estos son los que non guardan a su amigo synon demientra pueden fazer su pro con el; los otros son medios, e estos son los que se paran por el amigo a peligro que non paresçe, mas es en dubda sy sera o non; e los otros son enteros, los que veen al ojo la muerte o el grant peligro de su amigo e ponen se delante para tomar muerte por el» (Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 81). Nel discorso rivolto alla moglie, che introduce l’exemplum, Zifar aveva già operato una distinzione tra l’«amigo entero», «que enteramente quiso guardar a su amigo en las poridades e en las otras cosas que ovo de fazer», e gli amici «de enfurta». Al termine del racconto, al ragazzo, che, dopo aver imparato a riconoscere gli amici «de enfinta» e il «medio amigo» gli chiede di «provar e conosçer qual es el amigo entero», il padre racconta la storia De integro amico, che dunque nel Zifar viene inserita come narrazione di secondo livello.

20 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 81.

21 Ivi, p. 83.

22 Traggo l’espressione da Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit., p. 212.

23 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 83.

24 Ibid.

25 Come sappiamo, nella versione della Disciplina clericalis nel sacco viene introdotto il cadavere di un vitello; nel Zifar, come nel Lucanor e nelle versioni catalane dell’exemplum, quest’animale è sostituito da un porco. Per M.J. Lacarra «esta modificación tiene sus precedentes en otros exemple latinos y testimonia un mayor alejamiento de las culturas que prohibían el consumo de este último animal» (Lacarra, «El medio amigo», cit., p. 272). Secondo il parere di C. González, che ritiene che «el banquete del cuento del medio amigo, como el sacramento de la comunión, es una sublimación de la antropofagia», nel Zifar la «carne del puerco», che mori ed ebrei hanno il divieto di mangiare, «sirve de sustituto a la carne del hombre, objeto de otro tabù»; la sostituzione sarebbe dunque coerente con il proposito dell’autore, che è «enseñar deleitando», e con il suo stile personale, in cui «se mezclan la seriedad y el humor» (González, «El cuento del medio amigo», cit., p. 57). Va comunque ricordato che nelle società antiche il porco era considerato l’animale più simile all’uomo, tanto che nelle scuole mediche, fino alla fine del Medioevo, l’anatomia umana si studiava attraverso la dissezione di un maiale (cfr. M. Pastoureau, Une histoire symbolique du Moyen Age occidental, Paris, Seuil, 2004, pp. 43-44).

26 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 84.

27 Basti qui rimandare a J. Fierro, «Etica, politica y lenguaje en textos medievales», in Incipit, XV, 1995, pp. 115-138.

28 Gran Crónica de Alfonso XI, ed. a cura di D. Catalán, 2 voll., Madrid, Gredos, 1977, vol. I, p. 374.

29 Si vedano a titolo di esempio i seguenti passi del Libro del consejo e de los consejeros·. «guardate del consejo de los omnes mançebos, que consejan a omne segun su talante», «los omnes mançebos non han seso maduro, mas que aman aquellas cosas que son de su mançebez e por ellas se guian» (cfr. Bizzarri, Diccionario paremiológico e ideológico de la edad media, cit., pp. 32 e 80).

30 Cfr. J.M. Cacho Blecua, «Del ‘Liber consolationis et consilii’ al ‘Libro del cavaliere Zifar’», in La Coronica, XXVII, 1999, fasc. 3, pp. 45-66, a p. 57.

31 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 311; più avanti si legge: «pero algunos mançebos ay en que Dios quiso poner su gracia e sacolos de las condiciones de mançebía e dales seso de viejos para conoscer e veer las cosas con buen seso natural, commoquier que en pocos acresçe esta gracia e este don conplido» (ibid.).

32 Cfr. Goldberg, «Cannibalism in Iberian Narrative», cit, p.109.

33 Tommaso d’Aquino, Summa theologiae, II 1, q. 31.

34 Ruffinatto, «Il mondo possibile di Lucanor e di Patronio», cit. p. 212.

35 Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 290.

36 «Ninguna çiençia que ome aprenda non puede ser alunbrada nin enderesçada syn buen seso natural, e commoquier que la çiençia sepa ome de coraçon e la reza, syn buen seso natural non la puede ome bien aprender, e avnque la entienda, menguado el buen seso natural, non puede obrar della nin vsar asy commo conviene a la çiençia, de qual parte quier que sea» (ivi, p. 72).

37 Cfr. Gómez Redondo, Historia de la prosa medieval castellana, cit., vol. II, pp. 1450-1451. È interessante notare, a questo proposito, come, nella sezione del Zifar dedicata alla narrazione delle imprese di Roboán, scompaia ogni riferimento al seso natural, basterà qui confrontare la descrizione di Zifar, cavaliere perfetto, che appare nel Prologo (Libro del Caballero Zifar, ed. cit., p. 72) e viene ripresa nel I capitolo (ivi, p. 75), con quella relativa a suo figlio (ivi, p. 354), nella quale, tra le qualità di Roboán, che sono in primo luogo qualità “cortesi”, il buen seso natural non compare affatto.

Auteur

Università di Napoli Federico II

© Presses universitaires de Liège, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search