Version classiqueVersion mobile

Autour du XVe siècle

 | 
Paola Moreno
, 
Giovanni Palumbo

La materia troiana nell’autunno del Medioevo ispanico

Marcello Barbato

Texte intégral

Il ritratto di Elena

  • 1 Casas Rigall, «Tradiciones postclásicas y materia troyana en el Quijote», in Libros de caballerías (...)
  • 2 Ed. a cura di F. Rico, Barcelona, Crítica, 1999, p. 1203.
  • 3 Dido y su defensa en la literatura española [1942], London, Tamesis, 1974, p. 36. Va aggiunto che l (...)

1Come ha dimostrato Juan Casas Rigali in un recente articolo, nonostante che «los humanistas hispanos, desde el siglo XV, volviesen cada vez más a menudo la vista a los clásicos, las lecturas tardo-antiguas y medievales de Homero y Virgilio alcanzaron el Siglo de Oro»1 Ma in Cervantes la materia troiana (intendendo sotto questo titolo la tradizione medievale sulla guerra di Troia) arriva irrimediabilmente degradata, come gesunkenes Kulturgut, per usare un’espressione dei folkloristi. Esemplare, nel Don Quixote, il ritratto di Elena «pintado de malísima mano» in un «mesón», dove, pur rapita, «Elena no iba de muy mala gana, porque se reía a socapa y a lo socarrón»2. Cui perfettamente si attaglia il commento di María Rosa Lida: «Cervantes se compiace, pues, en convertir la vision que embelesa al mundo medieval en la pompa de sus Sueños y de sus Triunfos, en un cuadro de aldea»3.

  • 4 Cfr. S. Gilman, The Spain of Fernando de Rojas, Princeton Univ. Press, 1972, p. 332, n. 136.

2Tale processo di degradazione si avverte già incipiente, un secolo prima, nella Celestina di Femando de Rojas. Nel primo atto della Tragicomedia, la descrizione che Callisto fa di Melibea è esemplata su quella di Elena contenuta nella Crónica troyana stampata nel 1490, a sua volta derivata da Guido delle Colonne4. Segno certo della cultura dell’autore, ma anche ulteriore caratterizzazione della vacuità del personaggio che prima ancora di don Quixote ha letto troppi romanzi, e di non eccelsa qualità.

3Un’allusione al ritratto di Elena si trova, ancor prima, nel Curial e Güelfa, romanzo catalano della metà del XV secolo. In una delle sue avventure il protagonista è ospite nel castello del duca di Baviera, che ha una figlia di meravigliosa bellezza; ci aspetteremmo una lunga descrizione, ma l’autore si limita a scrivere:

  • 5 Ed. a cura di R. Aramon i Serra, 3 voll., Barcelona, Barcino, 1930-1933, vol. I, p. 97.

No vull musar en escriure per menut totes les circumstàncies de la sua bellesa, mas aquell qui ho voldrà saber lija Guido de Columpnis allà on descriu la beilesa de Elena e sie content ab allò [...]5.

  • 6 L. Sterne, Life and Opinion of Tristram Shandy, Gent., 6 37 (The Picture of Mrs. Wadman).
  • 7 S’intenda qui e avanti il sintagma, zumthorianamente, virgolettato.

4Questo non-ritratto, che è inevitabile leggere attraverso la lente ironica di una famosa pagina stemiana6, è forse più serio di quanto sembri. Certo non si può escludere il clin d’œil di un autore smaliziato, l’allusione scherzosa a un topos usitatissimo quale il paragone tra Elena e l’eroina del romanzo o la donna amata della poesia lirica. Nondimeno il passo, che mette a nudo l’intertestualità costitutiva della letteratura medievale7, testimonia la pervasività che in essa ha la materia di Troia, con i suoi testi, i suoi motivi e i suoi personaggi.

Testi e Tradizioni

5Ripercorriamo dunque brevemente la nascita della tradizione medievale su Troia e il suo sviluppo peninsulare.

6Come è noto, nel Medioevo ad Omero erano preferiti due supposti “cronisti” della guerra di Troia, Ditti Cretese e Darete Frigio, che si riteneva avessero combattuto nei campi opposti sotto le mura di Troia. L’equivoco, scriveva Curtius, è una categoria di trasmutazione delle forme: tanto più lo è della percezione delle forme, se è vero che

  • 8 E.R. Curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino [1948], Firenze, La Nuova Italia, 1992, p. 197 (...)

I romanzi troiani di Ditti e Darete sono ricavati — come ormai sappiamo — da romanzi greci antichi e debbono essre intesi nel quadro di tale genere letterario. Una delle loro caratteristiche principali, tipica forse del romanzo in generale, sta nell’asserzione che ogni fatto narrato corrisponde esattamente a verità (la adtestatio rei visae è citata da Macrobio, Sat., iv 6, 13, come mezzo per produrre il pathos) e che tutto si fonda su relazioni di testimoni oculari8.

  • 9 Dictis Cretensis Ephemeridos belli Troiani libri, ed. a cura di W. Eisenhut, Leipzig, Bibl. Teubn. (...)
  • 10 Ma la critica a Omero si può far risalire fino a Ecateo di Mileto, passando per la condanna platoni (...)
  • 11 La «nuova letteratura dell’era cristiana», infatti, «ha trasformato il fittivo in illusione e proce (...)

7Gli Ephemeridos belli troiani libri di Ditti e il De excidio Troiae di Darete, nella forma latina in cui ci sono pervenuti, risalgono rispettivamente al IV e al VI secolo d.C., traduzione di originali greci del I secolo d.C., quasi del tutto perduti9. In linea con l’evemerismo ellenistico10, eliminano ogni intervento divino dall’azione, che sviluppano in maniera quasi complementare. Infatti Darete comincia con la spedizione di Giasone e termina con la conquista di Troia, mentre Ditti prende a narrare dal rapimento di Elena e conclude con i “ritorni” dei guerrieri greci e l’uccisione di Ulisse da parte di suo figlio Telegono. Non sorprende che nel Medioevo cristiano, che rifiuta come empi o assurdi i miti pagani e come pericolosa in se stessa la finzione letteraria, queste narrazioni tardo-antiche vengano interpretate come opere degne di fede, e che la tradizione storica sulla guerra di Troia cosi costituita soppianti quasi integralmente quella mitologica11.

  • 12 Benoît de Sainte-Maure, Roman de Troie, ed. a cura di L. Constans, 6 voll., Paris, SATF, 1904-1912.

8Ditti e Darete costituiscono i modelli principali dell’opera fondativa della tradizione volgare su Troia: il monumentale Roman de Troie (più di 30.000 versi) che Benoît de Sainte-Maure intorno al 1165 dedica ad Eleonora di Aquitania12. Benoît amplifica a dismisura le sue scarne fonti, aumentando gli ingredienti descrittivi ed esotici, sviluppando l’elemento guerresco attraverso il ricorso ai moduli della chanson de geste, e dando, sotto l’influsso della moda ovidiana, nuova importanza all’amore e alla descrizione psicologica dei personaggi. Il chierico francese, inoltre, introduce di sana pianta la storia d’amore tra Trailo e Briseida che avrà enorme successo nelle letterature europee, da Boccaccio, a Chaucer, a Shakespeare.

  • 13 Jauss, op. cit., p. 269 e sgg.
  • 14 E. Baumgartner, «Du “roman” à l’histoire: le motif de la bataille rangée chez Wace et Benoît», in H (...)
  • 15 A. Varvaro, «“Noi leggiavamo un giorno per diletto”: Esperienza letteraria ed esperienza storica ne (...)
  • 16 Jauss, op. cit., p. 207. Per una discussione approfondita del famoso passo bodeliano vedi Trachsler(...)
  • 17 Varvaro, art. cit., p. 266.

9Pur dando tanto spazio agli elementi romanzeschi, Benoît non cessa di fare opera di storico. Non bisogna dimenticare che a quest’altezza roman non significa altro che narrazione in volgare. Negli stessi anni, con i romanzi bretoni, fondati sul piacere estetico della finzione riconosciuta come tale, la letteratura elabora nuovamente la «separazione tra finzione e realtà»13; ma Benoît, come Wace, si colloca dalla parte dell’estoire, marcando la distanza dalla fable, «terrain abandonné aux conteurs bretons»14. Che il roman de Troie possa essere considerato un’opera storica si spiega, d’altra parte, se si pensa che nella percezione comune «la storia non è separata da un confine netto rispetto alla leggenda», e «tra la realtà storico-politica e il racconto si instaura un rapporto assai diverso da quello che a noi pare oggi ovvio»15. Così, un cinquantennio dopo l’opera di Benoît, Jean Bodel oppone l’esemplarità della materia antica (di cui Troia costituisce gran parte) alla vanità dei contes de Bretaigne16, mentre dallo storico Robert de Clari la «letteratura sulla materia troiana viene addotta con piena convinzione come fonte di diritti reali»17.

  • 18 M.-R. Jung, La Légende de Troie en France au Moyen Age, Basel-Tübingen, Francke, 1996.

10Nel Duecento la rivoluzione letteraria costituita dalla nascita della prosa volgare coinvolge anche i testi troiani. Ritenendosi il verso non sufficiente garanzia di autenticità, ogni racconto che si presuma storico dovrà ora essere scritto in prosa. Così l’Histoire ancienne jusqu’à César, una storia universale compilata tra il 1223 e il 1230, contiene una traduzione di Darete, mentre il poema di Benoît subisce almeno cinque prosificazioni18.

  • 19 Guido de Columnis, Historia destructionis Troiae, ed. N.E. Griffin, Cambridge (Mass.), The Medieval (...)
  • 20 Su Guido delle Colonne fondamentali gli studi di C. Dionisotti, «Proposta per Guido giudice», in Ri (...)

11Nella seconda metà del secolo, in Italia, si compie un altro episodio decisivo per la materia troiana. Guido delle Colonne tra il 1271 e il 1287 compone l’Historia destructionis Troiae, prosa latina che ha come fonti dichiarate Ditti e Darete, ma in realtà deriva da Benoît o da una sua prosificazione19. Guido riduce l’elemento epico e quello erotico del roman francese e ne accentua il carattere moraleggiante e misogino. Il giudice messinese si impegna in una serrata polemica anticortese e spinge all’estremo la rivendicazione del vero storico e morale, impiegando una lingua, il latino, che offre la massima garanzia di verità, e minando così, nella Napoli angioina, la “gloria” della lingua francese. A poco a poco l’opera di Guido sostituisce in tutta Europa il poema di Benoît, su cui pure sostanzialmente è basata, come fonte autorevole della storia di Troia20.

  • 21 Sulle opere spagnole di materia troiana ancora utile la guida di A. Rey — A.G. Solalinde, Ensayo de (...)

12Prescindendo dalle narrazioni incluse in altre opere (Libro de Alexandre, General Estorta, Libro de las generaciones), si contano nel Medioevo ispanico diverse prose di argomento troiano21.

  • 22 K.M. Parker, La versión de Alfonso XI del ‘Roman de Troie Normal (Illinois), Applied Litterature Pr (...)
  • 23 R. Menéndez Pidal (con la cooperación de E. Varón Vallejo), Historia troyana en prosa y verso, Madr (...)
  • 24 Cfr. Casas Rigall, op. cit., p. 209 sgg.

13Dal Roman de Troie deriva la versione castigliana condotta a termine per ordine di Alfonso XI, che si conserva integra in un manoscritto magnificamente miniato del 1350 (H.j.6 della Biblioteca de El Escoriai)22. In altri due manoscritti (10146 BNM e L.jj.16 El Escoriai) tale versione appare mescolata con un’ulteriore traduzione di Benoît caratterizzata dalla presenza di tratti variamente versificati all’interno della prosa, e perciò nota con il nome di Historia Troyana en prosa y verso o Polimétrica23. Diverse tracce dimostrano che la versione alfonsina e quella polimetrica non sono indipendenti, ma derivano entrambe da una traduzione più antica; alcuni indizi indicherebbero che tale antenato comune fosse gallego o portoghese24.

  • 25 A. Rey, Sumas de Historia Troiana, Madrid, RFE, 1932. Il fantomatico “Leomarte” compare come autore (...)
  • 26 Raoul Lefèvre, Le Recoil des Histoires de Troyes, ed. a cura di M. Aeschbach, Bern – Frankfurt am M (...)

14Guido entra per la prima volta in Spagna, insieme alla General Estorta e ad altre fonti, in un’opera denominata Sumas de Historia Troyana e nota anche come “Leomarte” (prima metà del XIV secolo)25. Si tratta di un vero e proprio manuale di storia antica, che va da Noé a Giove, a Ercole, agli Argonauti, alla guerra di Troia, a Enea, a Bruto, alla storia di Tebe. La fortuna di questo testo valicò anche i Pirenei, se, a quanto pare, servì come fonte, nella corte di Borgogna, al Recoeil des Histoires de Troyes (1464) di Raul Lefèvre, a sua volta tradotto in inglese da William Caxton nel 1473-74 (Recuyell of the Historyes of Troye)26.

  • 27 Jaume Conesa, Histories troyanes, ed. a cura di R. Miquel i Planas, Barcelona, Miquel Rius, 1916.
  • 28 E.V. Parker, The Aragonese Version of Guido Delle Colonne’s’Historia destructionis Troiae Silver Ci (...)
  • 29 F.P. Norris, La corànica troyana, Chapel Hill, Univ. of North Carolina, 1970.
  • 30 Pedro de Chinchilla, Libro de la historia troyana, ed. a cura di M.D. Peláez Beníz, Madrid, Editori (...)

15Oltre alla riduzione fattane da Leomarte, esistono quattro versioni della Historia destructionis Troiae nella penisola iberica. Nel 1367 Jacme Conesa, protonotaro di Pere el Cerimoniós, traduce l’opera in catalano27. Alla fine del secolo risale la versione aragonese eseguita sotto il patrocinio di Juan Fernández de Heredia28. Allo stesso periodo risale la versione castigliana anonima, denominata Corónica troyana, conservata in forma frammentaria nel già citato ms. esc.L.jj.1629. Infine nel 1443 Pedro de Chinchilla intraprende una nuova traduzione per il suo signore don Pedro Pimentel, conte di Benavente30. Attraverso queste versioni è possibile leggere la varia fortuna, sempre più egemonica, dell’opera di Guido, che viene letta non solo come fonte autorevole, ma anche come modello di stile, e accompagna l’evoluzione latineggiante della prosa quattrocentesca.

  • 31 Generaciones y Semblanzas, ed. a cura di J.A. Barrio, Madrid, Cátedra, 1998p 96
  • 32 ‘A G. Solalinde, «Las versiones españolas del Roman de Troie», in Revista de Filología Española, II (...)
  • 33 Andrebbe verificata l’ipotesi che non sia la Coránica Troyana il testo dovuto alla volontà del canc (...)

16Non è escluso che oltre a quelle superstiti esistessero altre opere troiane. Fernán Pérez de Guzmán nel suo ritratto di Pero López de Ayala scrive che «por causa d’él son conoçidos algunos libros en Castilla que antes non lo eran», tra i quali una Estorta de Troya31. Gli studiosi hanno attribuito al cancelliere ora una ora l’altra versione esistente, ora hanno destituito la testimonianza di ogni valore32. Ma Fernán Pérez non parlava senza cognizione di causa: innanzitutto era — fatto non del tutto irrilevante — nipote di Pero López; inoltre disponeva verosimilmente di una versione volgare di Guido delle Colonne, cui, come vedremo, dice apertamente di ispirarsi. Del resto nonappare affatto incredibile che López de Ayala mettesse mano o promuovesse una traduzione della Historia destructionis Troiae33.

17In un famoso dezir (1443), Alfonso de Baena menziona in questi termini un libro troiano:

  • 34 Cancionero de Juan Alfonso de Baena, ed. a cura di B. Dutton e J. González Cuenca, Madrid, Visor, 1 (...)

Yo leí plana por plana,
aunque soy mal coronista,
la famosa e grant conquista
de la grant çibdat troyana
34.

  • 35 Ed. a cura di R. Beltrán Llavador, Madrid, Taurus, 1994, p. 320.

18A un libro intitolato La Conquista de Troia allude negli stessi anni anche Gutierre Díaz de Games nel Victorial35. Difficile dire se si tratti di uno dei testi esistenti, dell’ipotetica versione di Ayala, o di un’altra opera perduta.

Fortuna

  • 36 Per le notizie non ulteriormente documentate cfr. l’op. cit. di Rey-Solalinde.

19Tra il XIV e il XV secolo la materia troiana esercita nella letteratura spagnola un influsso profondo e molteplice. Essa costituisce un ricchissimo repertorio di personaggi, di temi amorosi e di motivi narrativi, funziona come fonte materiale e modello strutturale per diverse opere, e contribuisce anche alla nascita di un nuovo genere letterario, quello della novela sentimental36.

  • 37 La materia clásica en la poesia de Cancionero, Kassel, Reichenberger, 1995, soprattutto alle pp. 47 (...)

20L’influenza della leggenda troiana sulla poesia di cancionero appare chiaramente da uno studio di Francisco Crosas López37.

El microcosmo troyano aparece claramente dibujado: el esplendor de la ciudad, sus fundadores, los gobernantes, los héroes, sus modelos de belleza y de valor y sobre todo su caída, la mayor de las desgracias del mundo antiguo.

  • 38 Si tratta di quel procedimento che Curtius ha definito Überbietung (sopravanzamento, encarecimiento(...)

21Il tema troiano è il più diffuso tra quelli di origine classica. Achille e Polissena, Didone e Enea, Paride e Elena popolano insieme ad altre coppie celebri i “trionfi” e gli “inferni” degli innamorati. Ettore, Achille, Trailo fungono da exempla di valore guerriero. Le eroine troiane costituiscono un modello da superare nelle lodi della propria dama38, come in questo componimento di Pero Ferrús (ultimo quarto del sec. XIV):

  • 39 Cancionero de Baena, ed. cit., p. 533, num. 301, vv. 17-28.

La infante Polyçena,
fija del buen rey troyano,
nin la muy fermosa Elena,
que robó Paris su hermano:
de brío bueno e loçano
la bentaja lleva aquesta
noble señora e onesta,
de quien todos bienes gano.
De Braçaida non me pago
que sea en esta pesquisa;
nin la reina de Cartago
que llamaron Didolisa
39.

22Gli eroi antichi compaiono inghiottiti dal tempo, secondo il topos dell’ubi sunt, nel dezir scritto da fray Migir per la morte di Enrico III (1406):

  • 40 Ivi, p. 58, num. 38, vv. 98 sgg.

Aquel grande Ércoles, famado guerrero,
Ulixes e Archiles e Diomedes,
don Étor e Paris, el buen cavallero,
Orestes, Dardam e Palomedes,
Eneas e Apolo, Amadís après
Tristán e Galaz, Lançarote del Lago,
e otros más d’estos, deçitme ¿quál drago
tragó todos éstos, o d’ellos qué es?
40

23Il tema troiano è cosí vulgato che può essere usato come contrappunto ironico, come in questa poesia di Villasandino (m. 1424):

  • 41 Ivi, p. 96, num. 71, vv. 1 sgg.

Ruy López, quienquier lo oya,
que yo ál nunca diré,
vuestro só siempre e seré
aquí estando en Loçoya,
pero bivo en esta foya,
viejo pecador cansado;
bien me mienbra ¡mal pecado!
dela estruyçión de Troya.
41

  • 42 Come segnala Crosas López, La materia clásica, cit., p. 162, i commentatori hanno mancato di identi (...)

24Il trovatore della Mancha fa rimare Troya con foya, buco, e, più in là, Archiles con carriles, Sagitario con salario42: la storia troiana è chiamata ad evocare un passato glorioso che contrasta con uno squallido presente.

25Notevole la presenza delle eroine troiane nella letteratura “femminista”, così in voga in Spagna nel XV secolo. Juan Rodríguez del Padrón nel Triunfo de las donas (1440 ca.) difende Didone dalla versione virgiliana che l’offende:

  • 43 Il significato appare più chiaramente dalla traduzione di Femando di Lucena: Dido, fainte par Virgi (...)

Et quién tiene por leer que la reyna Elisa Dido, fengida por el matrimonio auer quebrantado la ley de castidat, e non ouo jamás visto al troyano Eneas, ante por espada quiso en su juventud casta fenesçer que del rey de Mauritania consentirse forçar43.

26Diego de Valera nel trattato En defensa de las virtuosas mugeres (ante 1445) cita Penelope. Alvaro de Luna nel suo Libro de las virtuosas e claras mujeres (1446) tratta di Didone, di Cassandra, di Polissena e Pentesilea, rimandando a «los ystoriadores de la conquista troyana». Nel Grisel e Mirabella (impr. 1495) di Juan de Flores, Breçaida — proprio l’eroina troiana — è chiamata a prendere le difese delle donne in un dibattito con Torroella, poeta misogino.

  • 44 M. Menéndez y Pelayo, Orígenes de la novela [1907], vol.II, Madrid, CSIC, 1962, p. 100. L’autore, c (...)
  • 45 Sul tema degli «scribes solidaires», da Ditti e Darete alla Crònica Sarracina e oltre, si veda S. R (...)

27Sulla storiografia la letteratura troiana esercita un influsso ancora più significativo. Già Menéndez Pelayo segnalava l’influsso sulla Crònica Sarracina di Pedro del Corrai, novellesca rivisitazione della storia di Spagna composta verso il 1430, il cui successo si protrarrà per tutto il secolo successivo. L’onomastica della Crónica si ispira chiaramente a quella troiana, mentre il Leomarte «fué evidente protótipo de este libro español en la parte novelesca»44. E al ciclo troiano in senso lato si deve il ricorso a presunti testimoni oculari (Eleastras e Alanzuri) per dare credibilità storica all’opera45.

  • 46 Cfr. Lida, Dido y su defensa, cit., p. 9; ed. Beltrán cit., soprattutto p. 260 sgg.

28Nel Victorial di Gutierre Díaz de Games (1435-1448), biografia romanzata di Pero Niño, conte di Bueina, sono frequenti i paragoni con le imprese e gli amori troiani46.

  • 47 Roubaud-Bénichou, op. cit., p. 127, n. 28; H-L. Sharrer, The legendary history of Britain in Lope G (...)

29Lope García de Salazar nell’introduzione alla Crónica de Vizcaya (1454) plagia il prologo delle Sumas di Leomarte; nel Libro de las bienandanzas y fortunas (1471-1476), «una miscelánea inmensa de tradiciones y de historia local», riassume in diversi punti la stessa opera troiana47

30Come si può notare, la materia di Troia attraverso Leomarte informa il versante più romanzesco della storiografia quattrocentesca. Ma è a Guido, e quindi ancora alla materia troiana, che si rifanno i più tenaci oppositori di questo versante. Fernán Pérez de Guzmán nell’introduzione alle Generaciones y Semblanzas (1450 ca.) tuona contro Pedro del Corrai, chiamandolo «liviano e presuntuoso», mentre la sua opera — altro che cronaca — «más propiamente se puede llamar trufa o mentira paladina». Nello stesso tempo dichiara i suoi debiti verso Guido:

  • 48 Ed. Barrio cit., pp. 60 e 67.

Yo tomé esta invençión de Guido de Colupna, aquél que trasladó la Estoria Troyana de griego en latín; el qual en la primera parte d’ella escrivió los gestos e obras de los griegos e troyanos que en la conquista e defensión de Troya se acaesçieron48.

31La materia di Troia esercita il suo influsso anche sugli altri generi narrativi. L’Amadís trecentesco terminava, secondo la ricostruzione di Maria Rosa Lida, con la morte dell’eroe per mano del suo sconosciuto figlio Esplandián e con il suicidio di Oriana: soluzione narrativa che è rigettata esplicitamente dal rifacitore Montalvo. Ora, il motivo dell’uccisione del padre da parte del figlio, noto nella letteratura e nel folklore, si ritrova nelle storie troiane, con la storia di Ulisse ucciso da Telegono, trasmessa da Ditti a Benoît, a tutti i derivati successivi; ma è probabile che l’Amadis la desumesse proprio dal Leomarte, che, unico contro la tradizione greca, consegna, a parte rincontro fatale tra padre e figlio, la morte di Penelope:

  • 49 M.R. Lida, Estudios de Literatura Española y Comparada, Buenos Aires, Eudeba, 1966, p. 156.

En suma: el Amadís primitivo en tres libros acababa con la muerte del héroe a manos de su desconocido hijo Esplandián y con el suicidio de Oriana, según se desprende del empeño de Montalvo por reinterpretar alegóricamente tan sombrío desenlace. Semejante final, bien arraigado en el folklore, refleja la muerte de Ulises en el ciclo troyano (particularmente en las Sumas de historia troyana de “Leomarte”), cuyo influjo se percibe también en la estructura de los nombres propios del Amadís. Por mucho que predomine la “matière de Bretagne” en la génesis de la famosa novela, sería falsear la perspectiva histórica suponer al autor cerrado a las otras ramas del género caballeresco49.

  • 50 J. Scudieri Ruggieri, «Per uno studio della tradizione cavalleresca nella Spagna medievale», in Stu (...)

32Jole Scudieri Ruggieri vede nel seguente passo del Leomarte50:

Hercoles fizo vn templo e fizolo sagrar a la deesa Palas, por que era deesa de castidat, e puso ally a su muger Mera y otras muchas donzellas de alta guisa E este fue el primero monesterio de mugeres.

33un’anticipazione del finale del Siervo libre de amor (1430-1440) di Juan Rodríguez del Padrón, considerato l’incunabolo della novela sentimental.

  • 51 G. Seres, «La elegía de Juan Rodríguez del Padrón», in Hispanic Review, LXII, 1994, pp. 1-22.
  • 52 V. Bertolucci, «La letteratura portoghese medievale», in V. Bertolucci – C. Alvar – S. Asperti, L’a (...)

34Ma tutta l’opera di Juan Rodríguez è imbevuta di materia di Troia. In un componimento contenuto nel Cancionero de Estúñiga egli dà la parola a Pentesilea, regina delle Amazzoni, che piange il suo amore infelice per Ettore51. Il poeta costruisce così una fioritura sul tema narrativo troiano che mescola la tradizione elegiaca ovidiana col tema trovadoresco dell’amor de lonh, non senza forse un ricordo dei lais lirici inseriti nel Tristano in prosa, che avevano goduto di particolare fortuna nella tradizione gallego-portoghese52.

  • 53 Cfr. O.T. Impey, «The Literary Emancipation of Juan Rodríguez del Padrón. From the Fictional ‘Carta (...)

35Nel Bursario, giovanile traduzione delle Eroidi, alle epistole ovidiane lo scrittore galiziano aggiunge apocrifamente uno scambio epistolare tra Troilo e Briseida. Le due lettere ottengono un grande successo e sono divulgate, separatamente dal resto dell’opera, in diversi cancioneros. Sullo stesso modello viene composto anche un carteggio tra Tristano e Isotta53.

  • 54 Lida, Dido y SU defensa, cit., p. 51. Il passo cit. ivi, p. 50.

36L’attribuzione a Ovidio delle lettere di Troilo e Briseida, il cui amore è invenzione di Benoît, è un significativo punto di arrivo di quella commistione tra i motivi ovidiani e la materia troiana che si osserva sin dal Roman de Troie. Ovidio e una estorta de Troya (Leomarte?) sono mescolati inestricabilmente nelle due lettere, così come la tradizione classica e quella medievale, gli esempi mitologici e i combattimenti allegorici: «si Breçaida describe el amanecer con pomposo circunloquio mitológico, conforme a la tradición de la epopeya grecorromana, Troylos, aunque valiéndose de reminiscencias de Virgilio y de Ovidio, recrea la situación esencial del alba trovadoresca»54:

E yo, mouido a piedat por las quexas que tú mostravas, leuantéme y sallý dela cámara, y vi que era la hora dela media noche quando el mayor sueño tenía amansadas todas las criaturas; y vi el ayre acallantado y vi ruçiadas las fojas delas árboles dela huerta del alcáçar del rey, mi padre, llamado Ilion, y quedas, que no se movían, de guisa que cosa alguna no obrauan de su virtut. Et tomé a ty y díxete: «Breçaida, no te quexes, que no es el día, como tú piensas».

  • 55 Impey, art. cit., p. 313 e sgg.

37Secondo la Impey, le lettere di Troilo e Briseida prefigurano chiaramente caratteri e situazioni del Siervo libre de amor. È dunque la materia troiana a permettere al poeta gallego di fare un passo avanti rispetto all’apprendistato ovidiano e di operare la transizione alla novela sentimental55.

La Crónica Troyana

  • 56 Su Juan de Burgos vedi H.L. Sharrer, «Juan de Burgos: impresor y refúndidor de libros caballerescos (...)
  • 57 Ed. Rey cit., p. 30.

38Nel 1490 la materia troiana arriva agli incunaboli. Juan de Burgos, intelligente figura di stampatore, rifonditore di testi antichi secondo i nuovi gusti56 pubblica la Crónica Troyana, compilando Guido e Leomarte. Le fonti, come ha studiato Rey, sono contaminate nel prologo, alternate nel corso della narrazione. «En generai, la Crònica sigue a Leomarte para las leyendas ovidianas y relatos novelescos que no se encuentran en Guido. Por otra parte copia a éste para la narración de las batallas y otros incidentes de la toma y destrucción de Troya, detalles que están muy abreviados en Leomarte»57. II testo subisce un processo di modernizzazione linguistica e alcuni cambi narrativi (ad esempio si ristabilisce l’ordine cronologico tra gli amori di Giasone con Ipsifile e la sua missione con gli Argonauti).

  • 58 Ivi, p. 31. La lezione di Leomarte è molto simile a quella riflessa in Lope García de Salazar. «Por (...)

A partir del momento en que los griegos se reunen para ir sobre Troya [...] la Crónica deja a Leomarte para seguir de cerca a Guido hasta el final de la obra de éste. Se aprovecha de Leomarte para añadir algunos pasajes que faltan en Guido, tales como los amores entre Aquiles y Policena y la muerte de aquél en el templo de Apolo. Después de la muerte de Pirro y Ulises, en que termina la Historia de Guido, la Crónica vuelve a Leomarte para no58 apartarse más de él hasta el final.

  • 59 Dido y su defensa, cit., p. 98, da cui cito i passi seguenti.

39Se la materia di Troia contribuisce alla nascita della novela sentimental, a sua volta questa fa sentire la sua influenza nel rifacimento di Juan de Burgos. Maria Rosa Lida ha dimostrato che il compilatore della Crónica Troyana ha tenuto presente le opere de Juan Rodríguez del Padrón59. Al narrare, sulla scorta di Guido, la storia degli amori tra Troilo e Briseida, la Crònica inserisce la frase seguente, senza paralleli in Guido: «como el ouidio escriue de sus amores», reminiscenza del carteggio apocrifo del Bursario. In un altro passo della Crònica si incontra un’eco di una poesia del Siervo libre de amor.

Çerca el alua, quando stan
en paz segura
las aves cantando el berne
passando con grand afán
a la ventura,
por vna rybera verde [...]

[...] quandos los prados ya relumbran con la verdura [...], y los ruyseñores cantan con muy dulces y amorosos cantos y pasan los melodiosos bernes [...]

  • 60 A. Deyermond, «Las relaciones genéricas de la ficción sentimental», in Symposium in honorem prof. M (...)
  • 61 Sharrer, art. cit., p. 367.

40Analogamente, se il romanzo arturiano costituisce un ingrediente essenziale della novela sentimental60, questa influisce massicciamente nei testi bretoni dello stesso Juan de Burgos: il Baladro del Sabio Merlin (1498), dove è evidente l’influsso ancora del Siervo libre de amor, e il Tristán de Leonis (1501), che presenta echi del Grimaltey Gradissa61.

  • 62 Ivi, p. 369.

41Juan de Burgos sperimenta quella fusione dei generi narrativi che è caratteristica della fine del medioevo. Il cerchio si chiude se consideriamo che nel Tristán, per descrivere la bellezza di Isotta, viene rifuso ingegnosamente il ritratto di Elena della Crònica Troyana: «Juan de Burgos, el plagiario, ahora incurre en el autoplagio»62.

La fusione dei generi

42Torniamo per un momento indietro di circa un secolo, ancora una volta a Pero López de Ayala. È ben noto il passo del Rimado de Palacio (1380-1403 ca.) in cui egli scrive:

  • 63 Libro rimado de Palagio, str. 163., ed. a cura di J. Joset, Madrid, Alhambra, 1978. L’ed. G. Orduna(...)

Plógome otrosí oir muchas vegadas
Libros de devaneos, de mentiras provadas
Amadís e Lançarote e burlas estancadas
En que perdí mi tiempo a muy malas jornadas
63.

  • 64 Cfr. ad esempio Jauss, op. cit., p. 274; M. Stanesco – M. Zink, Histoire européenne du roman médiév (...)

43Non è necessario richiamare in causa il presunto verismo della letteratura castigliana per spiegare questa ritrattazione, che si inserisce in una lunga serie di condanne della materia bretone64. Ma è significativo che la stessa persona cui può essere credibilmente attribuita un’opera di argomento troiano, esprima una condanna cosi netta della letteratura arturiana e neo-arturiana.

  • 65 Op. cit., p. 44. Le riflessioni seguenti sono ispirate in parte dall’op. cit. di Trachsler.
  • 66 Per Salazar cfr. Sharrer, op. cit. (p.21: «Salazar reunited legendary Trojan and British themes wit (...)

44Non credo, come Sylvia Roubaud-Bénichou, che la materia antica e quella bretone «n’avaient guère en commun que le fait d’être tenues pour à peu près conformes à la vérité historique»65. Ritengo invece che proprio il rapporto con la verità storica costituisca la maggiore differenza tra le due materie. In realtà occorre distinguere la materia dalle sue realizzazioni letterarie. È vero che la materia bretone ha sin dalle origini una sua polarità storica, rappresentata in latino dall’Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth e in francese dal Brut di Wace. A questo titolo essa entra nelle narrazioni storiche di Alfonso el Sabio, di Leomarte, di Salazar e — su un versante già più romanzesco — di Games66. Ma da questo filone vanno separati i romanzi veri e propri, quelli in cui significativamente la figura di Artù si eclissa per lasciare spazio ai suoi cavalieri.

  • 67 Crosas López, La materia clásica, cit., p. 221. Lo stesso avviene nel Curial e Guelfa dove gli inna (...)

45Un’altra distinzione va fatta tra la materia e i personaggi. La critica alle narrazioni arturiane non sembra pesare sui loro protagonisti. Una volta estratti dai racconti che li contengono, i personaggi bretoni non hanno minore dignità di quelli troiani. Pero Ferrús accanto alle eroine troiane, cita Ginevra e Isotta. Fray Micer mette sullo stesso piano i personaggi biblici, gli eroi troiani, Lancillotto e Amadís. La prospettiva esemplare permette la «convivencia amistosa» dei personaggi bretoni e troiani nella poesia cancioneril67.

46Se però dalla cronologia universale e dall’intemporalità esemplare passiamo alle narrazioni singole vediamo profilarsi una opposizione netta tra materia troiana e materia bretone, tanto dal punto di vista della struttura dei racconti che della loro ricezione. Pur avendo in comune la forma prosastica, la tecnica narrativa e la tematica erotica, i testi troiani e quelli bretoni differiscono per diversi aspetti significativi. I romanzi bretoni, caratterizzati dall’elemento meraviglioso e dalla particolare rappresentazione dello spazio e del tempo, si pongono esplicitamente come opere di finzione o, agli occhi dei critici, di pericolosa evasione. Di contro, le narrazioni troiane sono lette senz’altro come testi storiografici, o almeno protette dalla patina di autenticità garantita dal fatto di trattare di fatti storici.

  • 68 A. Varvaro, «Il testo storiografico come opera letteraria: Ramon Muntaner», in Symposium, cit., pp. (...)
  • 69 A. Varvaro, «Storiografia ed ‘exemplum’ in Pero López de Ayala», in Medioevo Romanzo, XIV, 1989, pp (...)

47Non è cambiato molto rispetto ai tempi di Jean Bodel e Robert de Clari. I racconti di Bretagna sono ancora vains («devaneos») e plaisants («plógome»), I testi troiani rientrano pienamente nei limiti elastici della storiografia medievale. Nel cronista catalano trecentesco Ramon Muntaner «il romanzo di Troia è riferito come racconto storico nello stesso momento in cui la storia contemporanea è narrata come un romanzo»: lo schema narrativo è «il modo stesso in cui l’evento reale e vissuto diventa percepibile come strutturato, come razionale»68. Proprio Ayala rappresenta con chiarezza il fatto che nella storiografia medievale il vero non è il fatto bruto, che nella sua accidentalità è del tutto insignificante, bensì l’esemplare: «la storia è percepita come permanente memoria dei comportamenti cavallereschi e delle liberalità sovrane», i fatti devono sottostare alle regole del racconto69.

  • 70 Per la persistenza della fruizione orale del romanzo nel XIV secolo cfr. S. Huot, «The manuscript c (...)
  • 71 Manuale di filologia spagnola medievale, II. Letteratura, Napoli, Liguori, 1969, p. 280 e sgg·

48Le testimonianze citate ci forniscono anche un indizio del diverso Sitz im Leben delle materie bretone e troiana. Mentre Alfonso de Baena “legge” la storia di Troia, Ayala “ascolta” quella di Lancillotto: pesante libro da biblioteca, da una parte, lettura ad alta voce nello spazio cortese, dall’altra70. A ciò corrisponde anche una diversità di prestigio delle due materie. Come scrive Alberto Varvaro, «il giudizio di Ayala deve corrispondere ad una valutazione diffusa che ammette la propria simpatia ma ne riconosce la vanità e perciò esige la condanna del romanzo cavalleresco»71. Mentre le storie troiane godono di una fortuna indiscussa, la narrativa bretone gode semmai di quello che in termini sociolinguistici si definisce covert prestige. Non è forse un caso che, a differenza della materia antica, la matière de Bretagne viva in Spagna un’esistenza carsica fino agli incunaboli: una minore valutazione sociale si traduce anche in una maggiore deperibilità dei supporti manoscritti.

  • 72 Desumo il termine da Jauss, op. cit., p. 208 (è quello che, secondo Jauss, è successo ai miti celti (...)
  • 73 Per questo processo cfr. C. Alvar, «El Lancelot en prosa: reflexiones sobre el éxito y la difusión (...)

49Al di là delle considerazioni sociologiche, il contrasto tra materia troiana e materia bretone nel Trecento si pone come opposizione tra esemplare e meraviglioso, riflessione e intrattenimento, e, in ultima istanza, tra vero e falso. Ma l’opposizione vero-falso che va vista come graduale, permette continui spostamenti. Un racconto vero può subire un processo di “fizionalizzazione”72, nel momento in cui non ha più un valore fondante per la memoria storica, mentre un contenuto falso (data l’equazione di vero e esemplare) può giustificarsi, aspirare a un grado maggiore di verità, mediante un processo di “moralizzazione”73.

  • 74 La relativa indefinitezza del mondo arturiano ha permesso ai romanzieri bretoni «de réagencer, de m (...)
  • 75 La posizione di Boccaccio nel Filostrato «consiste nel riconoscere che la letteratura è favola (e d (...)

50All’inizio la materia di Troia è indissolubilmente vincolata alla storia: per questo Chrétien ricorre alla matière de Bretagne per ritagliare alla letteratura di finzione uno spazio autonomo74. Boccaccio, nel Filostrato, va più in là, ritagliando all’interno della materia stessa uno spazio di finzione, e rispondendo con l’«invenzione della letteratura mezzana» al richiamo al rispetto della verità storica e morale75. La contaminazione con la materia bretone che soggiace all’invenzione del lai di Pentesilea è un sintomo del fatto che nel corso del XV secolo anche in Spagna la materia troiana si muove progressivamente verso la finzione.

51La riscoperta della storiografia classica può aver favorito questo movimento. Nel prologo al volgarizzamento di Livio diretto al re Enrico III (post 1398), Pero López de Ayala scrive:

  • 76 Pero López de Ayala, Las decadas de Tito Livio, ed. crítica de los libros I a III con introducción (...)

E asy, muy excelente príncipe e mi rey e mi señor soberano, veyendo yo el vuestro sotil engenio e vuestro buen deseo e amor que avedes a la vuestra cavallería, e queredes que la vuestra corona real, seguiendo las passadas de los notables vuestros predecessores, sea guardada en onrra e en Vitoria, plaze-vos que los vuestros cavalleros e guerreros tengan e amen e deseen e loen aver en sus fechos cavallerosos buena ordenança. E los que ovieren dende alguna expirencia, que la guarden; e los que non la alcançaron fasta aquí, por non seer aun en tal hedat, que la aprendan por lo que leyeren en las antiguas estorias de los vertuosos e fuertes guerreros, de las quales estorias, segunt dicho es, este libro present, fecho por Titus Livius, lieva avantaja76.

52La menzione de «las antiguas estorias de los vertuosos e fuertes guerreros», sembra una allusione alla letteratura troiana, cui forse lo stesso cancelliere aveva contribuito e che ora appare superata alla luce della storiografia liviana. Questo nuovo ordine di valori progressivamente si impone. Fernán Pérez de Guzmán si ispira ancora a Guido delle Colonne, ma Fernando del Pulgar nella Crónica de los Reyes Católicos (1480-1490) prende a modello proprio Tito Livio.

  • 77 B. Guenée, Histoire et culture historique dans l’Occident médiéval, Paris, Aubier, 1980, p. 364 e s (...)

53Nell’Occidente medievale la formazione di una storiografia autonoma è favorita da una serie di fenomeni di lunga durata, riconducibili in sostanza a un processo di rafforzamento del carattere “scritturale” della cultura, che culmina nell’apparizione del libro a stampa e ne subisce un’ulteriore accelerazione. L’umanesimo impone la coscienza della distanza tra passato e presente. Il numero di storici e di lettori aumenta, i libri sono sempre più accessibili. Il progresso della cartografia e della misurazione meccanica del tempo portano a una nuova misura del mondo77. Tate disegna per la Spagna un quadro molto nitido di questo processo:

  • 78 R.B. Tate, Ensayos sobre la historiografía peninsular del siglo XV, Madrid, Gredos, 1970, p. 280.

Al ir pasando los años, el historiador se hizo más sensible a una serie más amplia de modelos y arquetipos literarios, puesto que no era ya el noble de segunda categoría, el escribiente o el notario adscrito a una casa de príncipes o nobles, sino más frecuentemente un emdito formado en la universidad con un cargo administrativo, o un maestro independiente dispuesto a recibir encargos de la Corona, quien se ocupaba de la historiografía. Llegado a la cumbre de su vocación, se hizo capaz de distinguir entre un Alejandro medieval y el clásico, de formular su obra con independencia de una serie de historias pasadas, de defender el valor de una narración histórica coherente corno manual de conducta tanto contra el género “Espejo de Príncipes” o el “De Regimine Principum”, por un lado, como contra la ficción pseudocaballeresca, por el otro78.

54Con la Crónica Troyana il processo di fizionalizzazione della materia di Troia è concluso. Lo attesta il prologo dell’Amadis di Montalvo, quando le contrappone proprio la storiografia di Livio:

  • 79 Cito dall’ed. di J.M. Cacho Blecua, 2 voll., Madrid, Cátedra, 1991, vol.I, p. 222. Ricordo che l’op (...)

Pero, por cierto en toda su grande historia no se hallará ninguno de aquellos golpes espantosos, ni encuentros milagrosos que en las otras historias se hallan, como de aquel fuerte Héctor se recuenta, y del famoso Achiles, del esforçado Troilos y del valiente Ajaz Thalamon, y de otros muchos de que gran memoria se haze, según el afiçión de aquellos que por escripto los dexaron [...]. Bien se puede y deve creer aver avido Troya, y ser cercada y destruida por los griegos [...], mas semejantes golpes que éstos atribuyámoslos más a los escriptores, como ya dixe, que aver en efecto de verdad passados79.

  • 80 Si tratta di un processo parallelo a quello che ha portato alla compressione di quella «mise en for (...)

55Che sia per i progressi della storiografia, per la nascita di un nuovo criterio di verosimiglianza, o semplicemente perché non risponde più alle strutture simboliche di un’epoca ormai cambiata, alla materia troiana non si attribuisce più il carattere di verità di cui un tempo era provvista80. Si è compiuto il processo inverso che aveva condotto i romanzi di Ditti e Darete a essere letti come opere storiche. La cronaca di Troia non è più che un romanzo.

56Contemporaneamente la materia di Bretagna, in cerca di legittimazione, era andata improntando i propri moduli narrativi alla più prestigiosa materia antica, come abbiamo visto nel caso dell’Amadis trecentesco, delle lettere di Tristano e Isotta e del Tristón di Juan de Burgos. Ma i casi di contaminazione sono più il sintomo che la causa della fusione delle materie. È soprattutto il processo di “moralizzazione” che porta la materia bretone sullo stesso piano di quella troiana.

  • 81 Jauss, op. cit., p. 207.
  • 82 In Francia, nel corso del Quattrocento, il romanzo di materia bretone si legge sempre di più come u (...)
  • 83 Cfr. R. Lendo, «Du ‘Conte de Brait’ al ‘Baladro del sabio Merlin’ », in Romania, CIX, 2001, pp. 414 (...)

57Sin dalle origini il modo per rivendicare la verità del romanzo arturiano è insistere sul sensus moralis81. Ma il processo si è andato via via accentuando, prima con la formazione dei cicli prosastici, poi con la ricezione quattrocentesca82. Gli incunaboli spagnoli inoltre, come è stato più volte sottolineato, rispetto alle loro fonti francesi tendono a sopprimere o a ridurre l’elemento meraviglioso o moralmente dubbio83.

  • 84 Ed. Cacho Blecua cit., pp. 223 e 225.

58Anche in questo caso il punto di arrivo è l’Amadís di Montalvo: l’autore marca la distanza rispetto a quelli «que compusieron las historias fengidas en que se hallan las cosas admirables fuera de la orden de natura, que más por nombre de patrañas que de crónicas con mucha razón deven ser tenidas y llamadas» e presenta i suoi libri «con las tales enmiendas acompañados de tales enxemplos y doctrinas», come un manuale di cavalleria dove «assi los cavalleros mancebos como los más ancianos hallen en ellos lo que a cada uno conviene»84.

  • 85 Riferendoci alla classificazione di Jauss, op. cit. p. 219 sgg., possiamo osservare che, perché si (...)

59I due processi convergenti — fizionalizzazione e moralizzazione — finiscono con l’annullare la distanza tra la materia troiana e quella bretone, che si confondono ora in un solo genere: la novela de caballerías85.

60Ma contemporaneamente un altro processo sta avvenendo: riconoscere uno spazio alla finzione, riammettere il valore della verità poetica accanto a quella storica, significa anche rivalutare la letteratura antica, sottoposta alla condanna platonica e poi cristiana. È quello che aveva fatto il “secondo Boccaccio”, che nelle Genealogie deorum gentilium sviluppa la sua difesa della poesia, liberandola dai legami con la verità storica e dalla condanna che su di essa pendeva dai tempi di Platone, e aprendo la strada al recupero dei miti antichi.

  • 86 Un principio di questo cambiamento si percepisce già nella poesia del Quattrocento, dal Cancionero (...)

61In Spagna alcuni ambienti culturali si vanno aprendo alla penetrazione dell’umanesimo italiano: si prepara, a fatica e non senza equivoci, la riscoperta di Omero. Intorno al 1444 Juan de Mena traduce l’Ilias latina tuonando contro Guido delle Colonne; qualche anno dopo il marchese di Santillana fa tradurre la versione latina di alcuni libri dell’Iliade che Pier Candido Decembrio aveva dedicato al re Juan II. Di fronte alla riscoperta della tradizione antica su Troia, la tradizione medievale non può che perdere colpi, essere relegata in livelli sociali più bassi, in ambienti ritardatari86.

  • 87 Rey-Solalinde, op. cit., pp. 29-32 e 58-61; Crosas López, art. cit., pp. 67-69.

62Tutto ciò non avviene in un giorno. La tradizione medievale su Didone e su Enea, come ha messo ampiamente in luce Lida, gode di una lunga persistenza. La Crónica Troyana viene ristampata almeno 14 volte fino al 1587, e a essa si ispirano un gran numero di romances87. Ma i tempi in cui i re ordinavano copie preziose delle opere troiane sono ormai un ricordo lontano. Ora le stampe di Toledo, di Siviglia, di Medina passano per le mani di barbieri, osti, curati di aldea, e forse (anche se non risulta dalla sua biblioteca) del famoso hidalgo che disse:

  • 88 Ed. Rico cit., p. 565.

Y si es mentira [Amadís], también lo debe de ser que no hubo Héctor, ni Aquiles, ni la guerra de Troya, ni los Doce Pares de Francia, ni el rey Artús de Ingalaterra, que anda hasta ahora convertido en cuervo, y le esperan en su reino por momentos88.

63Avido di perdersi nelle vicende dell’Amadís, don Quixote doveva aver scorso in maniera disattenta il prologo che distingueva saviamente realtà e finzione. Nelle sue parole la materia troiana, quella bretone (e anche quella carolingia) appaiono confuse, ma non in quanto ugualmente favolose, bensì in quanto ugualmente reali. Anche in questo il cavaliere errante della Mancha è un arcaismo vivente perché, proprio come un lettore del medioevo, non può mettere in dubbio la verità del libro.

Notes

1 Casas Rigall, «Tradiciones postclásicas y materia troyana en el Quijote», in Libros de caballerías (de ‘Amadís’ al ‘Quijote’). Poética, lectura, representación e identidad, a cura di E.B. Carro Carbajal, L. Puerto Moro, M. Sánchez Pérez, Salamanca, Seminario de Estudios Medievales y Renacentistas, 2002, pp. 55-70, p. 69.

2 Ed. a cura di F. Rico, Barcelona, Crítica, 1999, p. 1203.

3 Dido y su defensa en la literatura española [1942], London, Tamesis, 1974, p. 36. Va aggiunto che l’episodio nel suo complesso rappresenta un ulteriore esempio di tecnica parodica del romanzo medievale nel Quixote. Nel romanzo arturiano, infatti, l’ekphrasis di argomento troiano era un topos ricorrente, come con dovizia documenta R. Trachsler, Disjointure-Conjointure. Étude sur l’interférence des matières narratives dans la littérature française du Moyen Âge, Tübingen-Basel, Francke, 2000, p. 93 sgg. Ad esempio nella prima continuazione del Perceval compare una pittura murale in cui «L’estoire de Troie et d’Ector, / Conmant Paris ravi Eiaine, / Et la grant dolor et la paine / Qui li trait por lui longuement, / Estait pointe molt noblement» (cit. ivi, p. 95, n. 132). Si noti il contrasto tra questa nobile pittura e la «malísima mano» del quadro paesano.

4 Cfr. S. Gilman, The Spain of Fernando de Rojas, Princeton Univ. Press, 1972, p. 332, n. 136.

5 Ed. a cura di R. Aramon i Serra, 3 voll., Barcelona, Barcino, 1930-1933, vol. I, p. 97.

6 L. Sterne, Life and Opinion of Tristram Shandy, Gent., 6 37 (The Picture of Mrs. Wadman).

7 S’intenda qui e avanti il sintagma, zumthorianamente, virgolettato.

8 E.R. Curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino [1948], Firenze, La Nuova Italia, 1992, p. 197. Per il fraintendimento come «categoria del cambiamento di forma» cfr. ivi, p. 27, n. 4, e excursus I.

9 Dictis Cretensis Ephemeridos belli Troiani libri, ed. a cura di W. Eisenhut, Leipzig, Bibl. Teubn. Lat., 1958; Daretis Phrygii De Excidio Trojae Historia, ed. a cura di F. Meister, ibid., 1873.

10 Ma la critica a Omero si può far risalire fino a Ecateo di Mileto, passando per la condanna platonica.

11 La «nuova letteratura dell’era cristiana», infatti, «ha trasformato il fittivo in illusione e procedendo in direzione opposta rispetto all’estetico — all’incanto ottenuto con la bella apparenza dalla poesia pagana — ha sviluppato non solo il canone agiografico della trascendenza, ma anche forme letterarie dell’antifinzione come l’edificante, il simpatetico, l’esemplare» (H.R. Jauss, Alterità e modernità della letteratura medievale [1977], Torino, Boringhieri, 1989, p. 272).

12 Benoît de Sainte-Maure, Roman de Troie, ed. a cura di L. Constans, 6 voll., Paris, SATF, 1904-1912.

13 Jauss, op. cit., p. 269 e sgg.

14 E. Baumgartner, «Du “roman” à l’histoire: le motif de la bataille rangée chez Wace et Benoît», in Histoire et Roman, «Bien Dire et Bien Aprandre», XXII, 2004, pp. 23-37, p. 37.

15 A. Varvaro, «“Noi leggiavamo un giorno per diletto”: Esperienza letteraria ed esperienza storica nel Medioevo» [1993], in ID., Identità linguistiche e letterarie nell’Europa romanza, Roma, Salerno, 2004, pp. 256-269, p. 257.

16 Jauss, op. cit., p. 207. Per una discussione approfondita del famoso passo bodeliano vedi Trachsler, op. cit., pp. 9 sgg.

17 Varvaro, art. cit., p. 266.

18 M.-R. Jung, La Légende de Troie en France au Moyen Age, Basel-Tübingen, Francke, 1996.

19 Guido de Columnis, Historia destructionis Troiae, ed. N.E. Griffin, Cambridge (Mass.), The Medieval Academy of America, 1936.

20 Su Guido delle Colonne fondamentali gli studi di C. Dionisotti, «Proposta per Guido giudice», in Rivista di cultura classica e medievale, VII, 1965, pp. 453-466, e F. Bruni, «Boncompagno da Signa, Guido delle Colonne, Jean de Meung: metamorfosi dei classici nel Duecento», in Medioevo Romanzo, XII, 1987, pp. 103-128.

21 Sulle opere spagnole di materia troiana ancora utile la guida di A. Rey — A.G. Solalinde, Ensayo de una Bibliografìa de las Leyendas Troyanas en la Literatura Española, Bloomington, Indiana Univ., 1942. Cfr. anche il panorama d’insieme di F. Crosas López, «De diis gentium». Tradición clásica y cultura medieval, New York et al., Lang, 1998, p. 28 sgg.; e, per il primo secolo della letteratura spagnola, la dettagliata analisi di J. Casas Rigall, La materia de Troya en las letras romances del siglo XIII hispano, Universidade de Santiago de Compostela, 1999.

22 K.M. Parker, La versión de Alfonso XI del ‘Roman de Troie Normal (Illinois), Applied Litterature Press, 1977. La versione di Alfonso XI appare contaminata con la General Estorta in un manoscritto misto castigliano-gallego, num. 325 della Biblioteca Menéndez Pelayo a Santander (ed. K.M. Parker, Historia troyana, Santiago, CSIC, 1975). Essa inoltre si conserva tradotta in gallego nel ms. 10233 della BNM, terminato nel 1373: cfr. R. Lorenzo, Crónica Troiana. Introducción e texto, A Coruña, Fundación Pedro Barrié de la Maza, 1985.

23 R. Menéndez Pidal (con la cooperación de E. Varón Vallejo), Historia troyana en prosa y verso, Madrid, RFE, 1934 (rist. in Obras completas, XII, Madrid, Espasa-Calpe, 1973, pp. 179-420). Basandosi su considerazioni linguistiche e metriche, Menéndez Pidal datò la Polimétrica al 1270 ca., ma pare più prudente avanzare di alcuni decenni la datazione dell’opera.

24 Cfr. Casas Rigall, op. cit., p. 209 sgg.

25 A. Rey, Sumas de Historia Troiana, Madrid, RFE, 1932. Il fantomatico “Leomarte” compare come autore nei titoli dei due manoscritti (BNM 9256 e 6419), mentre nel testo viene citato come autorità. Il catalogo delle fonti di quest’opera è lungi dall’essere definitivamente stabilito, come credeva il suo editore (ivi, p. 35). Alcune correzioni e integrazioni sono state apportate da M.R. Lida («La General estoria: notas literarias y filológicas (II)», in Romance Philology, XIII, 1959, pp. 1-30, a p. 2) e da E. Alarcos Llorach (Investigaciones sobre el libro de Alexandre, Madrid, RFE, 1948, pp. 91-92). Si noti inoltre che l’episodio del Sagittario che compare nel secondo manoscritto (ed. Rey cit., p. 195 sgg.) non è tradotto direttamente dal Roman de Troie (come sostiene Rey, ivi, p. 35), ma non fa altro che riprodurre esattamente la versione di Alfonso XI (ed. Parker cit., p. 142 sgg.).

26 Raoul Lefèvre, Le Recoil des Histoires de Troyes, ed. a cura di M. Aeschbach, Bern – Frankfurt am Main – New York, Lang, 1987 (per le fonti cfr. ivi, p. 94 sgg.). La conoscenza del Leomarte si spiega all’interno di una certa moda ispanizzante presente alla corte di Borgogna intorno alla duchessa Isabella di Portogallo. Femando de Lucena traduce il Triunfo de las donas di Juán Rodríguez del Padrón, mentre Gonsalvo de Vargas sotto il nome di Hugues de Salve traduce l’Espejo de verdadera nobleza di Diego de Vaiera (cfr. F. Vielliard, rec. all’ed. Aeschenbach cit., in Romania, CIX, 1987, pp. 395-400). Il tramite della conoscenza del Leomarte potrebbe essere stato proprio Diego de Vaiera, che nel 1442 soggiorna alla corte di Borgogna e che utilizza probabilmente Leomarte nel suo breve trattato Origen de Troya y Roma composto dopo il 1454 (ed. in M. Penna, Prosistas castellanos del s. XV (I), Madrid, BAE, 1959, pp. 155-159).

27 Jaume Conesa, Histories troyanes, ed. a cura di R. Miquel i Planas, Barcelona, Miquel Rius, 1916.

28 E.V. Parker, The Aragonese Version of Guido Delle Colonne’s’Historia destructionis Troiae Silver City (New Mexico), Western New Mexico Univ., 1977.

29 F.P. Norris, La corànica troyana, Chapel Hill, Univ. of North Carolina, 1970.

30 Pedro de Chinchilla, Libro de la historia troyana, ed. a cura di M.D. Peláez Beníz, Madrid, Editorial Complutense, 1998.

31 Generaciones y Semblanzas, ed. a cura di J.A. Barrio, Madrid, Cátedra, 1998p 96

32 ‘A G. Solalinde, «Las versiones españolas del Roman de Troie», in Revista de Filología Española, III, 1916, pp. 121-165, a p. 135. Amador de los Rios diceva di aver visto nella Biblioteca di Osuna un «precioso códice» contenente la versione di Ayala, ma gli dà scarso credito M. Schiff, La Bibliothèque du Marquis de Santillane, Paris, Bouillon, 1905, p. 265.

33 Andrebbe verificata l’ipotesi che non sia la Coránica Troyana il testo dovuto alla volontà del cancelliere. Il dato cronologico è positivo. L’anonima versione escorialense, inoltre, doveva essere più diffusa di quanto non faccia credere lo stato manoscritto attuale: ad essa fa riferimento Pedro de Chinchilla e si impronta la Crónica Troyana (vedi oltre, n. 58).

34 Cancionero de Juan Alfonso de Baena, ed. a cura di B. Dutton e J. González Cuenca, Madrid, Visor, 1993, num. +586, p. 739, vv. 99 sgg. (cito qui e in seguito semplificando leggermente i criteri di edizione).

35 Ed. a cura di R. Beltrán Llavador, Madrid, Taurus, 1994, p. 320.

36 Per le notizie non ulteriormente documentate cfr. l’op. cit. di Rey-Solalinde.

37 La materia clásica en la poesia de Cancionero, Kassel, Reichenberger, 1995, soprattutto alle pp. 47-49, 61-74, 80-81, 160-164, 168-171 e 359 (cuadro III) (la cit. da p. 49). Non è sempre facile individuare le fonti esatte dei poeti. Villasandino sembra tenere presente la Polimétrica, Juan Rodríguez del Padrón il Leomarte. Il Marchese di Santillana nel Sueño cita Guido delle Colonne, Ditti e Darete: «De las huestes he leído / que sobre Troya vinieron / e quáles e quántas fueron / segund lo recuenta Guido; / e non menos he sabido / por Dayres sus deffensores, / e sus fuertes valedores / Dites los ha resumido» (cfr. Obras completas, ed. a cura di Á. Gómez Moreno-M. Kerkhof, Barcelona, Planeta, 1988, p. 129); nella Comedieta de Ponza ancora Guido: «con tanta inoçencia commo fue traída / la fermosa virgen, de quien fabla Guido, / al triste holocausto del puerto d’Aolida, / fabló la terçera, tomada al sentido [...]» (ivi, p. 168). Ma, come osservano gli editori, di Ifigenia in Aulide non parla la Historia destructionis Troiae, sì il Leomarte.

38 Si tratta di quel procedimento che Curtius ha definito Überbietung (sopravanzamento, encarecimiento) e che consiste nell’affermare «di fronte ad esempi famosi scelti dal patrimonio tradizionale, la superiorità, anzi l’unicità della persona o cosa che si vuole lodare» (op. cit., p. 183). L’impiego degli eroi e delle eroine troiane a questo scopo (presente anche nei trovatori provenzali e gallego-portoghesi) è frequentissimo nella letteratura francese medievale, come mostra Trachsler, op. cit., p. 78 sgg.

39 Cancionero de Baena, ed. cit., p. 533, num. 301, vv. 17-28.

40 Ivi, p. 58, num. 38, vv. 98 sgg.

41 Ivi, p. 96, num. 71, vv. 1 sgg.

42 Come segnala Crosas López, La materia clásica, cit., p. 162, i commentatori hanno mancato di identificare nel Sagitario il centauro del Roman de Troie e delle sue derivazioni spagnole (cfr. sopra, n. 25).

43 Il significato appare più chiaramente dalla traduzione di Femando di Lucena: Dido, fainte par Virgile auoir trespassé la loy de chastete. Cfr. Lida, Dido y su defensa, cit., p. 83 e n. (da cui cito).

44 M. Menéndez y Pelayo, Orígenes de la novela [1907], vol.II, Madrid, CSIC, 1962, p. 100. L’autore, che non conosceva Leomarte, parla in realtà della Crònica Troyana sua filiazione (su cui vedi oltre).

45 Sul tema degli «scribes solidaires», da Ditti e Darete alla Crònica Sarracina e oltre, si veda S. Roubaud-bénichou, Le Roman de chevalerie en Espagne. Entre Arthur et Don Quichotte, Paris, Champion, 2000, p. 139 sgg., con l’avvertenza che il curioso rendez-vous tra Ditti e Darete che è narrato nella General Estoria non è un’invenzione alfonsina ma è già presente nella sua fonte francese, l’Histoire ancienne (cfr. A. Punzi, Sulla sezione troiana della ‘General estoria’ di Alfonso X, Roma, Bagatto Libri, 1995, pp. 16-17).

46 Cfr. Lida, Dido y su defensa, cit., p. 9; ed. Beltrán cit., soprattutto p. 260 sgg.

47 Roubaud-Bénichou, op. cit., p. 127, n. 28; H-L. Sharrer, The legendary history of Britain in Lope García de Salazar’s’Libro de las bienandanzas e fortunas’, University of Pennsylvania Press, 1979. La definizione del Libro è di A.D. Deyermond, Historia de la literatura española. La Edad Media, Barcelona, Ariel, 1973, p. 269.

48 Ed. Barrio cit., pp. 60 e 67.

49 M.R. Lida, Estudios de Literatura Española y Comparada, Buenos Aires, Eudeba, 1966, p. 156.

50 J. Scudieri Ruggieri, «Per uno studio della tradizione cavalleresca nella Spagna medievale», in Studi di letteratura spagnola, I, 1964, pp. 11-60, p. 51. Il passo cit. è a p. 122 dell’ed. Rey.

51 G. Seres, «La elegía de Juan Rodríguez del Padrón», in Hispanic Review, LXII, 1994, pp. 1-22.

52 V. Bertolucci, «La letteratura portoghese medievale», in V. Bertolucci – C. Alvar – S. Asperti, L’area iberica, Roma-Bari, Laterza, 1999, pp. 5-95, a p. 76.

53 Cfr. O.T. Impey, «The Literary Emancipation of Juan Rodríguez del Padrón. From the Fictional ‘Cartas’ to the Siervo libre de amor», in Speculum, LV/2, 1980, pp. 305-316, p. 307; F. Gómez Redondo, «Cartas de Iseo y respuesta de Tristán», in Dicendo. Cuadernos de filologíá hispánica, VII, 1988, pp. 327-355.

54 Lida, Dido y SU defensa, cit., p. 51. Il passo cit. ivi, p. 50.

55 Impey, art. cit., p. 313 e sgg.

56 Su Juan de Burgos vedi H.L. Sharrer, «Juan de Burgos: impresor y refúndidor de libros caballerescos», in El libro antiguo español, a cura di M.L. López Vidriero, P.M. Cátedra, Universidad de Salamanca, 1988, pp. 361-369, che scrive (p. 362): «Sus libros caballerescos no son [...] meras traducciones o impresiones lingüísticamente actualizadas de manuscritos anteriores. Son libros viejos nuevamente refundidos y adaptados conforme a temas y tendencias literarias que estaban en boga en España a fines de la Edad Media» e paragona il suo ruolo, «hasta cierto punto», a quello di William Caxton nella stampa inglese.

57 Ed. Rey cit., p. 30.

58 Ivi, p. 31. La lezione di Leomarte è molto simile a quella riflessa in Lope García de Salazar. «Por consiguiente parece probable que la adaptación de Juan de Burgos se derive de una version variante de las Sumas que circulaba en la segunda mitad del siglo XV» (Sharrer, art. cit., p. 363). Per quanto riguarda Guido, il compilatore attinge alla traduzione anonima castigliana denominata Corónica troyana (ed. Norris cit.), come ha mostrato F. Crosas López, «Apuntes sobra la historia de las historias de Troya en el medievo hispano», in Proceedings of the Ninth Colloquium, ed. A.A. Beresford – A. Deyermond, London, Queen Mary and Westfield College, 2000, pp. 61-72, alle pp. 65-66 (ringrazio l’autore per avermi gentilmente trasmesso il suo articolo).

59 Dido y su defensa, cit., p. 98, da cui cito i passi seguenti.

60 A. Deyermond, «Las relaciones genéricas de la ficción sentimental», in Symposium in honorem prof. Martín de Riquer, Barcelona, Univ. de Barcelona / Quadems Crema, 1986, pp. 75-92.

61 Sharrer, art. cit., p. 367.

62 Ivi, p. 369.

63 Libro rimado de Palagio, str. 163., ed. a cura di J. Joset, Madrid, Alhambra, 1978. L’ed. G. Orduna (Madrid, Castalia, 1987) invece di estancadas legge es[c]antadas ‘de embeleco’.

64 Cfr. ad esempio Jauss, op. cit., p. 274; M. Stanesco – M. Zink, Histoire européenne du roman médiéval. Esquisse et perspectives, Paris, PUF, 1992, p. 175 e sgg. Si ricordi che si tratta di un contesto religioso (cfr. Agostino, Confessiones, X, 33 49: «Voluptates aurium tenacius me implicaverunt et subiugaverunt, sed resolvisti et liberasti me»), e si pensi che anche in Dante questa letteratura sia specimen di un’esperienza insieme culturale ed umana superata in un orizzonte più alto.

65 Op. cit., p. 44. Le riflessioni seguenti sono ispirate in parte dall’op. cit. di Trachsler.

66 Per Salazar cfr. Sharrer, op. cit. (p.21: «Salazar reunited legendary Trojan and British themes within the framework of a chronicle, thus treating the Matter of Britain as fact rather than fiction»). Per Games cfr. ed. Beltrán cit., p. 107 sgg. (suggestiva l’ipotesi che la storia degli amori di Bruto e Dorotea costituisca una “riparazione” del tradimento di Enea a Didone).

67 Crosas López, La materia clásica, cit., p. 221. Lo stesso avviene nel Curial e Guelfa dove gli innamorati famosi compaiono in sogno alla protagonista: «Aquí vírats Tisbes e Píramus fer-se maravellosa festa, Flors e Blancafor; Tristany e Ysolda, Lançalot e Genebra, Frondino e Brisona, Amadís e Uriana, Phedra ab Ypòlit, Achil les tot sol menaçant son fill Pirro, Tròyol e Briseyda, Paris e Viana, e molts altees, dels quais, per no ésser lonch, me callaré» (ed. Aramon i Serra cit., vol.III, p. 230).

68 A. Varvaro, «Il testo storiografico come opera letteraria: Ramon Muntaner», in Symposium, cit., pp. 403-415, a p. 411 e sgg.

69 A. Varvaro, «Storiografia ed ‘exemplum’ in Pero López de Ayala», in Medioevo Romanzo, XIV, 1989, pp. 255-288 (la cit. a p. 268).

70 Per la persistenza della fruizione orale del romanzo nel XIV secolo cfr. S. Huot, «The manuscript context of medieval romance», in The Cambridge Companion to Medieval Romance, ed. by M.T. Bruckner, Cambridge Univ. Press, 2000, pp. 60-77, a p. 73.

71 Manuale di filologia spagnola medievale, II. Letteratura, Napoli, Liguori, 1969, p. 280 e sgg·

72 Desumo il termine da Jauss, op. cit., p. 208 (è quello che, secondo Jauss, è successo ai miti celtici nella loro ricezione romanza).

73 Per questo processo cfr. C. Alvar, «El Lancelot en prosa: reflexiones sobre el éxito y la difusión de un tema literario», in Serta philologica F. Lázaro Carreter, a cura di E. Alarcos Llorach et al., Madrid, Cátedra, 1983, vol.II, pp. 1-14.

74 La relativa indefinitezza del mondo arturiano ha permesso ai romanzieri bretoni «de réagencer, de modifier, d’enrichir leur matériel avec une liberté beaucoup plus grande que celle dont disposaient leurs confrères, tenus de respecter le cadre contraignant des fables antiques» (Roubaud-Bénichou, op. cit., p. 77), La «scommessa» del racconto di finzione «est précisément de se libérer de la tradition écrite, du poids d’une écriture antérieure, et de se donner comme source une tradition orale, une parole [...] qui transforme le translateur en écrivain à parte entière» (Baumgartner, art. cit., p. 26).

75 La posizione di Boccaccio nel Filostrato «consiste nel riconoscere che la letteratura è favola (e dunque priva della verità storica), che è estranea al procedimento allegorico (e dunque alla moralizzazione), ma che questi non sono motivi sufficienti per respingerla [...]. Al Boccaccio basta, paradossalmente, condividere le premesse di Guido delle Colonne, ma rovesciare il segno negativo delle sue conclusioni, e connotare positivamente la medesima letteratura condannata dalle istanze storiche ed etico-razionalistiche dell’Historia destructionis Troiae, per dar vita a una letteratura di impianto decisamente originale (anche se non vanno trascurati i precedenti francesi)» (F. Bruni, Boccaccio. L’invenzione della letteratura mezzana, Bologna, Il Mulino, 1990, p. 146).

76 Pero López de Ayala, Las decadas de Tito Livio, ed. crítica de los libros I a III con introducción y notas por C.J. Wittlin, Barcelona, Puvill, s.d., vol. I, p. 219.

77 B. Guenée, Histoire et culture historique dans l’Occident médiéval, Paris, Aubier, 1980, p. 364 e sgg.

78 R.B. Tate, Ensayos sobre la historiografía peninsular del siglo XV, Madrid, Gredos, 1970, p. 280.

79 Cito dall’ed. di J.M. Cacho Blecua, 2 voll., Madrid, Cátedra, 1991, vol.I, p. 222. Ricordo che l’opera fu stampata nel 1508 ma la sua elaborazione risale all’ultimo decennio del sec. XV. Nel prologo Montalvo accomuna alla materia di Troia quella della Gran Conquista de Ultramar (impr. 1503) per cui si può fare un discorso largamente analogo.

80 Si tratta di un processo parallelo a quello che ha portato alla compressione di quella «mise en forme historique du roman» cosi viva nel Quattrocento, rappresentata in Spagna da opere come il Curial e il Tirant lo Blanch. «La restitució del realisme a la historia en sentit estricte sembla autoritzar la reconquesta de la novel la per part de la fantasia» (A. Varvaro, «El ‘Tirant lo Blanch’ en la narrativa europea del segle XV» [2002], in ID., Identità, cit, pp. 525-550, a p. 550).

81 Jauss, op. cit., p. 207.

82 In Francia, nel corso del Quattrocento, il romanzo di materia bretone si legge sempre di più come un manuale di comportamento cavalleresco. Il compilatore del ms. fr. 112 BNF, summa del romanzo arturiano in prosa dell’ultimo quarto del sec. XV, afferma che «les jeunes chevaliers et escuiers y pourront apprendre mould de beaux faits d’armes». Nel prologo della prima stampa del Lancelot en prose (1488) si promettono «excellences, triumphes, et operations qui sont et demeurent a toujours en bon exemple aux lecteurs et aux auditeurs». Il primo Tristano a stampa (1489) si dice scritto per «exciter et esmouvoir les cueurs des nobles a glorieusement et vertueusement vivre» (C.E. Pickford, L’Évolution du roman arthurien en prose vers la fin du Moyen Âge, Paris, Nizet, 1960, p. 109, p. 265 e 266). Un’attitudine analoga si riscontra, in Inghilterra, in Caxton (cfr. ivi, p. 269).

83 Cfr. R. Lendo, «Du ‘Conte de Brait’ al ‘Baladro del sabio Merlin’ », in Romania, CIX, 2001, pp. 414-439, alle pp. 434 sgg. e bibliografia ivi citata.

84 Ed. Cacho Blecua cit., pp. 223 e 225.

85 Riferendoci alla classificazione di Jauss, op. cit. p. 219 sgg., possiamo osservare che, perché si verifichi una trasformazione generica, non è necessario che cambi il modus dicendi ma è sufficiente che si modifichi il modus recipiendi: un materiale verbalmente identico può essere letto in maniera profondamente diversa nel tempo. Questa trasformazione avviene nel corso del XV secolo, e solo alla fine di questo processo si può parlare di un genere romanzesco nella letteratura spagnola medievale. Ho l’impressione che, anche per l’influenza di un saggio — peraltro meritorio — quale quello di A. Deyermond, «The lost genre of medieval Spanish Literature», in Hispanic Review, XLIII, 1975, pp. 231-259, si tenda generalmente a proiettare questa situazione nel XIII e XIV secolo, appiattendo la dinamica del sistema letterario. Correttamente, a mio avviso, tratta i testi troiani tra quelli storiografici il Grundriss der romanischen Literaturen des Mittelalters, a cura di H.R. Jauss et al., vol. XI/2. La Littérature historiographique des origines à1500, Heidelberg, Winter, 1993.

86 Un principio di questo cambiamento si percepisce già nella poesia del Quattrocento, dal Cancionero de Baena a Juan de Mena, dove «la materia troyana parece ir declinando», mentre «la presencia de la Eneida aumenta ligeramente» (F. Crosas López, La materia clásica, cit., p. 49).

87 Rey-Solalinde, op. cit., pp. 29-32 e 58-61; Crosas López, art. cit., pp. 67-69.

88 Ed. Rico cit., p. 565.

Auteur

Università di Zurigo

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search