Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Des chartes aux constitutions

 | 
François Foronda
, 
Jean-Philippe Genet

Partie II. Laboratoires de constitutionnalité

Sistema normativo e partecipazione politica nella Sicilia del tardo Medioevo

Fabrizio Titone

Texte intégral

1Le norme dei rapporti tra re e paese, così come dei margini d’autonomia delle comunità urbane e rurali (universitates) nella Sicilia tardomedievale, rivelano un carattere marcatamente contrattuale. In linea con questo dato, intendiamo considerare sia il grado di partecipazione nei consigli cittadini, sedi istituzionali in cui si formulavano le richieste da presentare al re e in generale si discutevano affari di rilievo per la comunità, sia analizzare le possibili forme di conseguimento, di definizione e di graduale implementazione di norme a cui governanti e governati accordavano un valore regolativo della vita politica e dei rapporti di potere.

  • 2 Il sistema politico pattista ha dato origine ad un ampio dibattito di cui mi limito a ricordare alc (...)

2Del processo di costituzionalizzazione, o in altri termini del processo di definizione del sistema giuridico, considereremo in particolare il ruolo delle comunità e le modalità di confronto con l’autorità regia. Un elemento guida nella nostra analisi è costituito dall’intervento delle assemblee locali (consilium civium) per appurare il grado di partecipazione all’attività politica e ai processi di negoziazione. Prenderemo inoltre in esame alcune raccolte documentarie, che possono essere identificate in maniera differente (Rollus/Liber Rubeus, Consuetudines ecc.), che costituiscono una memoria della comunità e sono ­testimonianza delle modalità partecipative e di confronto in sede assembleare e in generale nella vita locale. Considereremo infine un’ulteriore sede di confronto e di negoziazioni, il Parlamento2.

  • 3 Per un confronto sulle possibili forme di negoziazione rinvio a M. T. Ferrer Mallol et al., «Negoci (...)

3Con riferimento ai termini cronologici adottati, fine Duecento-primi del Cinquecento, facciamo riferimento a un contesto di profondo mutamento politico, in cui le evoluzioni istituzionali non facevano venir meno significativi elementi di continuità nei rapporti di potere. Di questa fase ricordiamo in estrema sintesi la conquista aragonese del 1282 ad opera di Pietro III d’Aragona, l’elezione nel 1296 di Federico, come Federico III re di Sicilia, che andava in direzione opposta alla strategia politica del fratello Giacomo d’Aragona d’apertura agli Angiò. La prima metà del Quattrocento registrava ulteriori significativi mutamenti istituzionali, la morte nel 1409 di Martino I re di Sicilia (r. 1392-1409) aveva come esito il passaggio del trono isolano al padre Martino d’Aragona che moriva nel 1410. L’impasse istituzionale trovava soluzione nel 1412 con l’elezione di Fernando de Antequera al trono aragonese, che segnava anche il definitivo superamento dell’autonomia conseguita nel 1296. Nel 1412 Ferdinando I assumeva il titolo di re di Sicilia e confermava l’unione personale fra le due corone, cui seguì gradualmente l’affermazione nell’Isola dell’istituto viceregio definitosi dall’elezione di Alfonso V nel 1416. L’evoluzione istituzionale, da regno a viceregno, non segnò una limitazione dei sistemi dei diritti e dei privilegi, che al contrario risultarono ampliarsi nei decenni seguenti3.

Universitates e partecipazione civica

  • 4 Sull’assenza di una partecipazione civica nelle comunità del sud Italia rinvio alla discutibile ric (...)

4Analizzare in che misura i cives/habitatores fossero partecipi dell’attività politica permette di far luce sulla pluralità di soggetti coinvolti nella costruzione della normativa, che non era necessariamente esito d’una imposizione dall’alto4. Al contrario, come indicheremo, è significativa l’influenza delle società locali sulla definizione dell’ordinamento giuridico del tempo. L’identità collettiva rivela una notevole vitalità in particolare se guardiamo ad esempio ai consigli cittadini ed alla competizione per le cariche elettive. In entrambi i casi il grado di partecipazione e d’inclusività appare significativo, seppur in contesti in cui gli scontri politici non erano marginali così come i tentativi d’esclusione dell’avversario dal dibattito. Va detto che i tentativi di restringimento degli eleggibili alle cariche locali – generalmente in base a una distinzione socio-­professionale – si concentravano nel regno di Alfonso V (1416-1458) in particolare a danno di artigiani e di piccoli commercianti. In maggioranza però gli equilibri di forza non mutarono, la rappresentanza dei diversi gruppi socio-professionali non venne meno seppur con differenziazioni nelle cariche ricoperte.

  • 5 La presenza di exteri è attestata, ad esempio, in un’assemblea del 1449 a Palermo riunita per decid (...)

5Il grado di partecipazione politica della comunità ha una sua significativa testimonianza nell’attività dei consigli cittadini, specchio delle ­contrapposizioni locali con una costante tensione per una ridefinizione delle modalità di ­partecipazione secondo politiche ora di chiusura dell’accesso alle assemblee ora più inclusive proporzionalmente alla rilevanza dei temi da discutere. È possibile proporre una distinzione di massima: un’assemblea ristretta, composta da un numero ridotto di consiglieri e da alcuni degli ufficiali maggiori, era generalmente preposta all’amministrazione ordinaria; invece un’assemblea allargata, formata da un numero di consiglieri più ampio e rappresentativo di diverse parti, generalmente interveniva per affari non ordinari ed in particolare economici. Non si trattava di un’assemblea cui avrebbe potuto partecipare chiunque, bensì di un’assemblea nella quale i consiglieri, che potevano essere convocati attraverso bandi diretti a gruppi socio-professionali o in generale alla comunità, erano cives (o habitatores nel caso delle sedi non vescovili) con interessi economici (facoltosi mercanti, piccoli produttori terrieri, artigiani ecc.) che generalmente ne giustificavano la presenza, così come con un ruolo politico che in una determinata fase rendeva possibile la loro partecipazione. Potevano seguire i lavori del consiglio anche soggetti esterni al corpo consiliare in qualità di uditori ma senza diritto di voto, ad esempio perché non avevano la cittadinanza5.

  • 6 Per Federico III, F. Testa, Capitula regni Sicilie, Panormi, Angelus Felicella, 1741, vol. 1, p. 10 (...)
  • 7 Ibid., p. 221, 1433 (XLVI, XLVII); S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli inediti delle città demanial (...)
  • 8 Id., Governments of the Universitates, op. cit., p. 87-91. Si confronti con A. Gamberini, La città (...)

6È possibile stabilire quali fossero gli ambiti di competenza di questo livello di governo in base alla normativa regia ed in proposito è fondamentale precisare che alla sua formulazione non furono estranee le comunità cittadine, che in alcuni casi vi contribuirono significativamente attraverso proprie petizioni (capitula). Gli interventi regi nel Trecento sembrano costituire un punto di riferimento per le successive disposizioni di Alfonso V in quello che appare un lento sviluppo istituzionale. I provvedimenti di Federico III nel 1309 e nel 1330 e di Martino I nel 1398 stabilivano che il consiglio dovesse riunirsi per decisioni di carattere generale6. Invece, Alfonso V ed in una occasione il Viceré Lop Ximen de Urrea distinguevano in modo più dettagliato alcuni ambiti di pertinenza: per la vendita ordinaria delle imposte indirette (1433), per la imposizione dei prezzi dei vectigalia e per ogni tassazione straordinaria (a seguire una petizione della comunità di Catania, 1446), ma anche in termini più generici per decisioni in campo economico, per ambasciate e per ardua negotia (a seguire una petizione della comunità di Piazza, 1448)7. Era lasciato alla discrezionalità dell’universitas stabilire quali fossero gli ardua negotia. Dunque, l’organo consiliare costituiva un livello governativo le cui prerogative potevano essere influenzate dalla comunità in base agli equilibri socio-politici locali. In proposito va aggiunto che, a parte in contesti d'aperta conflittualità e di tentativi d'esclusione, non sembra emergere una pressione delle comunità per una precisa definizione degli ambiti d’intervento del consiglio: si trattava probabilmente di una scelta per avere margini quanto più ampi su quando e secondo quali modalità convocare il consiglio8. In sintesi, il consiglio deliberava per interventi sia di tipo straordinario sia ordinario, intorno all’assetto finanziario e all’amministrazione cittadina, ai rapporti con il sovrano.

  • 9 L. Sciascia, Pergamene siciliane dell’Archivio della Corona d’Aragona (1188-1347), Palermo, Società (...)

7Fatta questa premessa, una familiarità in ambito locale con i meccanismi di partecipazione è già ravvisabile nella prima metà del Trecento ed in maniera più evidente dal regno di Martino I. Si consideri, ad esempio, in quella che appare la ricerca di una politica di normalizzazione delle relazioni con Barcellona, la richiesta di Federico III nel 1304 che gli ufficiali maggiori e gli uomini delle universitates inviassero al fratello Giacomo d’Aragona propri Sindaci, dei quali richiese l’elezione, per prestare giuramento in base ai patti firmati tra i due re. Di queste elezioni sono noti i casi delle universitates di Siracusa, di Trapani, di Palermo e di Messina che risultano corrispondere nei seguenti aspetti: la consuetudine per la comunità di riunirsi in un luogo sacro (una parrocchia, la cattedrale, la chiesa madre); la lettura in presenza dei convenuti dell’ordine regio, l’elezione da parte dei riuniti dei nuncii cui conferire il mandato. Allo stesso tempo emergono alcune differenze rivelatrici della possibilità per ciascuna comunità di adempiere alla richiesta regia secondo i propri usi: a Siracusa gli ufficiali partecipanti alla seduta consiliare erano il Baiulo ed i Giudici, a Trapani un Giudice, a Palermo (dove uno degli eletti come nuncius era il Baiulo) i Giudici, così come a Messina. Un’ulteriore differenza riguarda il numero dei convenuti rispettivamente 15, 69, 19, 249.

  • 10 Ad esempio R. C., vol. 20, fol. 38 vo-39 ro, 1392 (Nicosia). S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli in (...)
  • 11 R. C., vol. 20, fol. 24 ro-25 ro, 1392 (Trapani).

8Volendo guardare a una fase successiva, a partire da fine Trecento, le comunità riuscirono a creare un formidabile fronte comune di pressione sul re per riacquisire quei sistema di diritti e di garanzie fortemente indeboliti nella fase in cui la Sicilia, alla morte di Federico IV, era stata governata dalle quattro maggiori famiglie signorili (1377-1392). La lettura delle petizioni delle comunità, formulate in seguito a serrati dibattiti interni una volta consolidatasi la restaurazione regia di Martino I, avevano come fine principale il superamento del precedente governo tirannico, espressione con cui ci si riferiva a un esercizio di potere fortemente accentrato e ostile a forme partecipative di governo, così come non incline a una redistribuzione delle entrate economiche. L’insistenza sulla violenza tirannica dei Vicari, a cui faceva anche riferimento la corte regia, era richiamata per ripristinare i corpi di privilegi preesistenti al loro regime10. Non è escludibile un carattere retorico nelle accuse dei soprusi sofferti durante il governo dei Vicari per incrementare così i margini di negoziazione con Martino I, un’ipotesi non improbabile che appare però ridimensionata dalla somiglianza delle denunce delle universitates che lamentano abusi simili quali la riduzione degli spazi d’intervento degli ufficiali o dei diritti sulle fonti economiche locali, ecc. Ad esempio, nel regno di Martino I si riaffermò il principio secondo cui le universitates potevano essere titolari di una quota della fiscalità, riottenevano così antichi cespiti fiscali e l’abolizione delle imposte indebitamente applicate dai Vicari/Baroni recuperando una situazione antecedente11.

  • 12 Per un confronto rinvio a C. Leveleux-Texeira et al. (a cura di), Le gouvernement des communautés p (...)
  • 13 Si confronti con J.-P. Genet (a cura di), L’État moderne: genèse, Parigi, CNRS, 1990; id., «Les mot (...)

9La diffusa e rapida capacità delle comunità, all’indomani della restaurazione regia, di riprendere una politica di dibattiti interni e di eleggere propri rappresentanti cui conferire un mandato nelle negoziazioni con il re, conferma una consuetudine con i meccanismi di partecipazione. Una tradizione ­partecipativa che, nel regno di Alfonso V, si incrementava ulteriormente. Nella prima metà del XV secolo la ragione di un’intesificazione dell’intervento consiliare nell’attività politica locale è da collegare a ragioni di tipo economico, prevalentemente conseguenza di una crescita della pressione fiscale regia con forti effetti sia nel ruolo coordinatore regio sia dei margini d’autonomia dei governi locali12. L’organizzazione della conquista del regno di Napoli finalizzata nel 1442 e il suo successivo consolidamento erano alla base dell’aumento di richieste economiche. Con riferimento alle universitates, Alfonso V individuava due fonti principali di entrata: il ricorso alla vendite di intere comunità e/o di parte delle fonti economiche locali, nel caso di comunità che non venivano alienate lasciando alle stesse decidere come far fronte alle nuove richieste economiche regie. In quello che appare essere un profondo incremento del ruolo dei governi locali, l’universitas decideva come realizzare la nuova tassa, in che tempi e chi tassare, così come se indebitarsi13.

  • 14 Per un confronto si veda J. Watts, The Making of Polities: Europe, 1300-1500, Cambridge, Cambridge (...)

10Posto che l’illuminata scelta regia – lasciare decidere alle comunità – era esito di un provvedimento deciso dal governante (anche se non è escludibile una pressione dal basso in tal senso), l’organizzazione del dibattito per la determinazione delle tasse e il ricorso al consiglio con assemblee allargate era piena espressione di scelte organizzative dell’universitas. L’arricchimento dell’attività di governo per quanto riguarda i suoi protagonisti, le materie di discussione e le scelte strategiche, era di fatto esito di un confronto politico tra il sovrano e le comunità14. Questi dati permettono di chiarire sia l’attenzione prestata da Alfonso V ad un robusto coinvolgimento del consiglio nella politica cittadina, sia la riluttanza regia ad accogliere richieste di partes per una chiusura dell’accesso al governo preferendo invece garantire una rappresentanza quanto più ampia.

  • 15 Parte della documentazione delle petizioni cittadine è stata edita da S. Giambruno, L. Genuardi, Ca (...)
  • 16 F. Titone, «Citizens and Freedom in Medieval Sicily», in A. Nef (a cura di), A Companion to Medieva (...)

11La documentazione quattrocentesca consente di approfondire i meccanismi di partecipazione. Le assemblee cittadine erano veri e propri laboratori politici, a cui prendevano parte consiglieri ma a cui, come indicato, potevano assistere anche esterni che si familiarizzavano con le modalità di discussione e di votazione. Il dibattito, il confronto, era un elemento comune anche in centri non metropolitani ed i temi su cui votare riguardavano oltre alla politica fiscale anche la ridefinizione degli assetti giuridici della comunità ed i rapporti di potere con il re e/o i suoi rappresentanti15. La diffusa partecipazione alle assemblee ha numerose testimonianze e vale la pena ricordare, ad esempio, che a Sciacca a metà Quattrocento, durante una dura presa di posizione di settori della comunità contro la scelta del Viceré per un’esportazione di frumento, i rivoltosi discutevano e procedevano secondo le modalità generalmente utilizzate in ambito consiliare16.

  • 17 Id., «Note preliminari sul consilium civium di Palermo, 1448-1458», in P. Corrao, E. I. Mineo (a cu (...)

12In generale – come mi è stato possibile stabilire in base a uno studio sulle riunioni consiliari a Palermo – il confronto fra i consiglieri si caratterizzava per la polarizzazione del dibattito fra due mozioni principali, posto che potevano anche esservi proposte con un carattere integrativo alle maggiori. La polarizzazione del confronto fra due grosse strategie, che stando ai singoli interventi nascondeva una realtà politica più complessa, si verificava in ragione della funzionalità dell’organo consiliare con una semplificazione cioè del numero delle proposte spesso dal carattere marcatamente trasversale. Peraltro non sempre nelle votazioni si registrava una netta contrapposizione fra due mozioni principali, qualche volta potevano anche esservene tre di rilievo. In tal caso, ad ulteriore conferma della trasversalità del dibattito, la soluzione adottata era la convergenza delle due strategie politicamente più affini17.

  • 18 Sul funzionamento del consiglio della città Catalana di Cervera, in base alle sedute riportate nel (...)
  • 19 Rispettivamente C. C., vol. 61-1, fol. 123 ro-124 ro, 15 marzo 1450; ibid., fol. 137 ro-138 vo, 6 m (...)

13Le registrazioni delle sedute consiliari e dei meccanisimi di votazione del consiglio a Palermo (così come delle altre comunità siciliane) non offrono, come invece ad esempio per la comunità catalana di Cervera, numerose informazioni relative alle discussioni, mediazioni, contrapposizioni e accordi per raggiungere l’unanimità18. Nonostante l’esiguità dei dati è possibile sostenere che i meccanismi di votazione, i sistemi di alleanze, le espressioni di appoggio o di contrasto a determinate mozioni, anche se sembrano rispondere ­apparentemente ad un’organizzazione elementare possono consistere in alleanze per orientare il voto dei consiglieri. Si considerino, ad esempio, le ­votazioni in tre riunioni del consilium civium a Palermo a metà del Quattrocento: il providus notarus Tommaso di Geremia votava ut dominus Ferrandus di Minlina legum doctor; Masius di lu Presti dicit ut Henricus di lu Munti; Giovanni de Linno ut dominus de Linno. L’aspetto non ordinario è che i personaggi richiamati nell’espressione di appoggio, il Minlina, il Munti ed il Linno per l’appunto, non avevano avanzato alcuna proposta19. Poteva cioè accadere che consiglieri favorevoli ad una proposta non si richiamassero come era prassi al nome del proponente, bensi a quello di un altro consigliere (che a sua volta si era espresso a favore del proponente la mozione), rivelando la presenza nel dibattito di uno schieramento con un personaggio guida.

Le memorie dei confini del potere nell’universitas e tra re e universitas

  • 20 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso della città di Sciacca, Sciacca, Salvatore Estero Editore (...)

14Un’importante testimonianza della partecipazione nei confronti interni e con la corte regia è costituita da raccolte documentarie, che rappresentano una traccia di rilievo per guardare ai processi di negoziazione e di costituzionalizzazione. Per numerosi centri di consistenza demografica medio-alta così come medio-bassa si conservano raccolte che riferiscono prevalentemente dell’assetto giuridico della comunità, con importanti informazioni sui privilegi conseguiti, dello sperimentalismo istituzionale vigente, così come dei conflitti politici e del confronto con il governo centrale. Sulla rilevanza di questa documentazione basti ricordare che nel 1749 i Giurati di Sciacca decidevano di far realizzare una copia del codice a loro pervenuto, che definivano speculum civitatis Saccae20.

15Parte della documentazione nasce in un contesto di emergenza, di contrapposizioni interne. Un contesto di minaccia contro il sistema di diritti e di garanzie, che induceva larghi settori della comunità a far fronte comune per perseguire la realizzazione di un obiettivo quale fissare un ordine, stabilire regole spesso nuove e in controtendenza al sistema vigente che potessero ­assicurare diversi equilibri nella comunità e nei rapporti con il re. Un processo in cui non erano necesariamente le élites ad avere una parte fondamentale ma spesso un variegato schieramento a lungo in una posizione più di margine nel governo locale, che in forza del proprio rilievo economico, e in un contesto di significative richieste economiche regie, richiedeva ed otteneva una visibilità maggiore.

  • 21 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 1.
  • 22 Mi limito a rinviare ad alcuni testi; per Piazza, Consuetudines. Per i testi di Noto e di Salemi, s (...)
  • 23 E. I. Mineo, Nobiltà di Stato. Famiglie e identità aristocratiche nel tardo Medioevo. La Sicilia, R (...)
  • 24 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 126-129, anche id. (a cura di), Il Libro v (...)

16Non è chiaro da quando i Libri iniziano a essere identificati con la denominazione con cui li conosciamo, che ad esempio nel caso del Libro rosso di Sciacca corrisponde al colore usato nel frontespizio e nel paragrafo di alcuni dei documenti21. La fase della scritturazione di questa documentazione può differire da una comunità all’altra. Generalmente i primi documenti risalgono al Trecento, ad esempio i primi del XIV secolo a Piazza e a Salemi, metà del Trecento a Noto, mentre fine Trecento a Sciacca22. Non mancano elementi a conferma di una crescita economica e istituzionale in ambito locale nella prima metà del XIV secolo, parallelamente a un confronto più serrato con il re e alla presenza di arene politiche in crescita: un contesto che spiega l’esigenza di fissare una memoria comune sulle norme sia antiche, ma emendate del superfluo e quindi ritenute non più necessarie, sia nuove. Norme che regolano la vita della comunità e in particolare le relazioni con il re. In merito alla vitalità economica della prima metà del XIV secolo, va ricordata un’ulteriore testimonianza quale la diffusa scritturazione nelle universitates dei regimi familiari (matrimoniali e successori)23, così come le prime esenzioni regie sulle merci importate ed esportate (ad esempio è il caso di Sciacca nel 1302 e nel 1317)24.

  • 25 […] si contrario per Nos, seu Successores nostros […] per inadvertentiam, seu importunitatem petent (...)
  • 26 Per altri casi, le universitates di Corleone nel 1437, di Caltagirone nel 1443, di Polizzi nel 1447 (...)
  • 27 P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus…, op. cit., p. 9.
  • 28 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 95-106, i privilegi includono numerose alt (...)

17Se guardiamo a una fase successiva, da fine Trecento in poi, la ragione della scritturazione e della conservazione della documentazione è in parte diversa, risiede in un protagonismo economico maggiore di settori locali a lungo marginalizzati dal governo, così come in importanti negoziazioni con la corte regia. Con riferimento a quest’ultimo aspetto va citato il privilegio del 1397 che apre il Rollus Rubeus di Salemi emanato da Martino d’Aragona, Martino di Sicilia e dalla regina Maria che garantiscono alla comunità, in seguito a un periodo di infeudazione, che mai più sarebbe stata alienata concedendo la possibilità della resistenza armata in caso di provvedimenti futuri a favore dell’alienazione25. Non sarebbe stato un caso isolato di concessione della resistenza armata in caso d’infeudazione ma probabilmente era uno degli esempi più precoci26. La concessione del 1397 era verosimilmente la più rilevante in età tardomedievale tanto da essere conservata come il primo documento del Rollus, quando in realtà il provvedimento più antico riguarda il regno di Federico III27. Sempre in merito a vendite delle comunità, nel caso del Libro rosso di Sciacca, sebbene per una fase più avanzata e cioè gli anni 1433 e 1444, sono riportati i privilegi regi che ratificano il ritorno della comunità al demanio dopo due periodi d’infeudazione28.

  • 29 P. Boucheron, «L’Italie, terre de contrats», in F. Foronda (a cura di), Avant le contrat social…, o (...)
  • 30 In proposito per un confronto si veda J.-P. Genet, «L’historien et les langages de la société polit (...)

18Si tratta di testi che non costituiscono una registrazione puntuale di tutte le fasi del confronto con il re e dei privilegi conseguiti, bensì crediamo di quelle concessioni, eventi, confronti ritenuti più urgenti da registrare – anche come testimonianza di una strategia retorica autocelebrativa – e costitutivi della tenuta del sistema regolativo della vita della comunità. Questa registrazione selettiva era dovuta anche ad altre cause, che rivelano il legame tra le società del tempo ed i testi che potevano anche essere espressioni di parti; parti che trovavano una forma di garanzia e di riscatto nella definizione di una memoria comune. Si registravano spesso sia denunce contro politiche escludenti sia le garanzie ottenute per prevenirle, ad esempio nel diritto e nelle modalità di riunione dei consigli cittadini. In generale costituiscono una testimonianza di particolare rilievo del linguaggio politico del tempo, in cui la contrattualità era, come ricorda Patrick Boucheron, il lessico dell’accordo politico esito di costanti negoziazioni tra le comunità o sue parti e l’autorità regia29. Un confronto che ha un’interessante testimonianza anche nella possibile presenza di linguaggi distinti, in particolare da fine Trecento, quali il vernacolare/volgare per i membri della comunità mentre il latino per la corte regia con una progressiva influenza tra i due idiomi sino a una parziale sovrapposizione degli stessi (come indicheremo), in quella che pur non arrivando a essere una fusione richiama una koinè tra lingue diverse30.

  • 31 Consuetudines, fol. 92-93. Si veda anche la denuncia contro la famiglia dei Russo a Randazzo, che c (...)
  • 32 Il provvedimento fa parte di un lungo testo di petizioni in Consuetudines, fol. 82-115. La richiest (...)

19La denuncia di messa in discussione, spesso attraverso forme di violenza, dei criteri di partecipazione così come il conseguimento di norme per garantire la partecipazione andavano solennemente registrate, perchè punto di riferimento/monito contro possibili soprusi futuri e base dell’organizzazione politica locale. Se guardiamo ad esempio alla definizione dei criteri per una maggiore inclusione nelle assemblee, essi nascevano in reazione a esercizi di potere clientelari che avevano creato un malcostume diffuso e messo in discussione l’esercizio di governo aperto dei consigli cittadini. In proposito vale la pena citare la denuncia da parte di esponenti di diversi gruppi socio-professionali a Piazza, universitas di consistenza demografica medio-alta della Sicilia centro-­orientale, a metà Quattrocento contro parenti et amici et affini che riuscivano a coprire le cariche locali maggiori, procedendo secondo loro interessi ed esautorando il consiglio31. Un sistema clientelare che aveva in Bartolomeo Amore e Ruggero Crapanzano, detentori per viam emptionis della carica di Capitano (ufficiale preposto alla giurisdizione criminale di primo grado), i suoi principali artefici. Uno stato di violenza e di soprusi che andava risolto. Del periodo di forte conflittualità di quegli anni si hanno chiari riferimenti nella raccolta, che in questo caso ha come denominazione Consuetudines terre Platee. In reazione alle politiche esclusive che abbiamo menzionato si avanzava al re nel 1448 un articolato testo di petizioni, tra cui si richiedeva che, nel caso di affari riguardanti il beneficio di tutti, i componenti dei diversi gruppi socio-professionali gentil homini curiali ministrali borgesi et altre persone potessero richiedere agli ufficiali di convocare il consiglio generale. Nel caso di ostruzionismo da parte dei magistrati si proponeva di procedere autonomamente alla convocazione, affinché al conseglo di importantia oy comune interesse o vero etiam particolare intervenissero dalle 400 alle 500 persone in su32. Un numero esorbitante, esasperata reazione a politiche di marginalizzazione, che rivela come fosse ritenuta fondamentale un’inclusione quanto più ampia nei dibattiti ma che era anche una dichiarazione politica: alla sistematica politica escludente si rispondeva con una politica opposta.

  • 33 Alfonso V aveva concesso una rappresentanza di duecento persone che il Viceré riduceva, ibid., fol. (...)

20Se guardiamo alla risposta del re e all’esecutoria finale del Viceré, si accettava che per ogni affare rilevante si sarebbe dovuto riunire il consiglio ma in una attenta ricerca di un equilibrio fra diritto alla rappresentanza e governabilità dell’assemblea si riduceva il numero a cinquanta, e se gli ufficiali si fossero opposti sarebbero stati condannati a una rilevante pena pecuniaria33. La posta in gioco era molto alta: le assemblee dovevano decidere della definizione del sistema impositivo, dell’entità delle tasse e della loro durata, di chi dovesse essere tassato e per quanto, così come del rispetto dell’autonomia locale.

21In realtà le innovazioni normative andavano ben al di là di questa richiesta. Il testo di petizioni presentate al re e tutte accolte era infatti di largo respiro e uno dei punti più significativi, in merito ai preposti all’ufficio di Capitano, consisteva nel dichiarare nulli e senza efficacia quegli eventuali provvedimenti regi presi non conformemente alle petizioni:

  • 34 Ibid., fol. 90-91.

Et si per caso la prefacta Mayesta per in advertenza oy comodoqunque in contrarium ne disponesse contra la forma di li presenti capituli che eo casu sianu nulli et ad nullum valorem ducantur como si mai non fosero state facte et ex nunc pro tunc la prefacta Mayesta tale provisione annulla et cassa et vole lo presente capitulo sia inviolabiliter observato iuxta la sua continentia et tenore34.

22Una norma di garanzia di particolare rilevanza – peraltro interessante esempio linguistico di commistione volgare e (in misura ben minore) latino – e illuminante esempio sia di come il sistema normativo potesse riflettere gli equilibri socio-politici locali, sia dell’ansia della comunità che non venisse meno il traguardo conseguito ma invece fosse costitutivo del sistema dei diritti locali. Non si tratta di un caso isolato, già qualche anno prima, nel 1439, l’assemblea della comunità di Noto aveva elaborato una richiesta simile puntualmente registrata nel Liber dell’universitas. In proposito l’intervento del consiglio nell’elaborazione delle petizioni e nel conferimento del mandato al proprio rappresentante è così richiamato:

  • 35 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 105.

Capitula edita, facta et composita per nobiles Capitaneum, Patricium, Iudices, Iuratos ac universitatem terrae Nothi, in consilio consueto congregato et impressione sigilli dictae universitatis tradita et consignata nobili Iohanni de Prouina, sindico et ambaxiatori per eandem unuersitatem electo et constituto, super quibus dictus ambaxiator supplicabit regie Maiestati prout infra narrabitur35.

23La prima petizione e risposta regia recitano:

  • 36 Ibid., p. 106.

Humiliter supplicabit quod universitas ipsa possit consultare et replicare maiestatem ipsam donec ipsa maiestas reducat ipsa mandata ad debitum statutum, ne forsitan universitas ipsa cohartetur, necnon aut obediendo ad ammictendum perdendum dictas gratias et privilegia, vel non obediendo, incidat in contemputm mandati, presertim quod dicta universitas super hoc habet speciale privilegium. Placet regiae maiestati quod si contingat per inadvertentiam vel importunitatem petentium aliqua privilegia seu rescripta concedi, quae clare appareant esse contra privilegia dictae terrae, eo casu possint officiales eiusdem terrae ipsum supersedere in executione predictorum, donec et quousque ipsa regia maiestas, consulta de veritate, rescribat36.

  • 37 M. Berengo, L’Europa delle città. Il volto della società urbana europea tra Medioevo ed Età Moderna(...)
  • 38 Si veda D. Quaglioni, La giustizia nel Medioevo e nella prima Età Moderna, Bologna, Il Mulino, 2004 (...)

24In merito a tale diritto di sospensione si è parlato per la Sicilia, ma facendo specifico riferimento a Messina, di un’anomalia non riscontrabile altrove, che consentiva alle istituzioni cittadine di contrapporre la città al resto del Regno e al governo centrale autore dei provvedimenti respinti37. In realtà, stando al tenore delle petizioni e allo scrupolo con cui si chiedeva il placet prima di sospendere l’esecuzione dei mandati, emerge la natura pienamente legittimista alla base della politica di difesa dell’autonomia urbana. Non credo sia possibile parlare, in forza di questo diritto, di contrapposizione fra universitates e governo centrale, ma al contrario della volontà di rendere del tutto remota la possibilità che tale contrapposizione si concretizzasse38.

  • 39 Consuetudines, fol. 90.
  • 40 S. R. Epstein, An Island for Itself…, op. cit.

25La legislazione sulla riconfigurazione del sistema partecipativo alle assemblee che abbiamo indicato per Piazza, ma anche le norme per la nomina e origine socio-professionale degli ufficiali e l’istituzione della curia d’appello a Noto (nello stesso testo di petizioni del 1439 con cui si otteneva il diritto di sospensione delle normative regie), erano paralleli alla proposta di riforma del sistema di designazione da parte del re del massimo ufficiale regio locale, il Capitano. A Piazza, in un generale piano di esercizio di governo imparziale si stabiliva la sua origine forestiera, la sua provenienza sociale per rompere con il monopolio sino ad allora vigente, ma anche una vacatio tra un mandato e l’altro e infine un sindacato del suo ufficio prima che potesse riottenere il mandato39. La concomitanza delle richieste non era casuale ma lucidamente organizzata: in un contesto di pressanti esigenze finanziarie per la corte regia si proponeva sia una riconfigurazione del sistema partecipativo ai consigli, che avrebbero deciso come rendere al re le richieste di denaro, sia una riorganizzazione della designazione di uno degli uffici principali per la vita della comunità e nei rapporti tra la comunità e il governo centrale. La posta in gioco era molto alta dato che le universitates riuscivano a realizzare un controllo almeno indiretto sulla principale carica regia locale. Stephan R. Epstein ha sottolineato il valore euristico di un’analisi delle connessioni tra economia e istituzioni40. Se guardiamo al caso specifico del sistema della definizione delle norme nel regno e viceregno siciliano vi è frequentemente un legame di questo tipo e le petizioni della comunità di Piazza ne sono una conferma.

  • 41 F. Titone, Governments of the Universitates, op. cit., p. 183-184.
  • 42 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 107-108.
  • 43 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 108.
  • 44 Nel regno di Alfonso V il Giudice e il Notaio di primo appello risultano eletti dal 1440-1441, l’ul (...)

26Anche a Noto le petizioni nascevano dall’esercizio improprio del Capitano, Fernando de Scobar, che diventava il target delle proteste formulate dal consiglio, in cui i curiales (titolo probabilmente usato per riferirsi a chi aveva familiarità con il diritto)41 della comunità assumevano un ruolo guida con la proposta di una serie di garanzie per evitare esercizi impropri e clientelismi. Si denunciava, ad esempio, che a differenza del passato i meliores curiales fossero esclusi dallo stesso Scobar dalla carica di Maestro Notaio della curia del Capitano a favore di iuvenes et ignorantes42. A Noto la rilevanza della riforma proposta – rompere con un esercizio di potere abusivo – si accompagnava a una strategia di più ampio respiro attraverso la richiesta dell’istituzione della curia di secondo appello, per un rafforzamento dei margini di autonomia del governo. Vale la pena notare un processo d’emulazione e di scambio di comunicazioni: la petizione sulla curia di secondo grado era avanzata dalla comunità ispirandosi ai casi di Messina, di Catania e di Trapani43. Una concessione cui seguiva un’effettiva applicazione come confermato dalle liste degli eletti per gli anni seguenti44.

  • 45 Per la comunità di Noto si veda A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 114-115, 14 (...)
  • 46 P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus…, op. cit., p. 24-25, 28-29.

27I dati che ho indicato testimoniano l’attivazione di una circolarità di tipo virtuoso: le contrapposizioni sociali erano alla base delle denunce per una ridefinizione normativa e degli equilibri istituzionali. Il ripristino del ruolo del consiglio civico a Piazza e in generale di una rappresentanza al governo più inclusiva a Noto, ridava voce agli schieramenti socio-professionali sotto attacco ottenendo una normativa di garanzia. Con riferimento alla seconda metà del Quattrocento-primi del Cinquecento, i Libri continuano a testimoniare il mantenimento del carattere contrattuale della normativa conseguita. Volendoci limitare ad alcuni degli esiti più significativi, a Noto si conferma la normativa d’epoca alfonsina relativa al sistema di designazione degli ufficiali (1465), mentre successivamente si specifica la composizione del consiglio necessaria per la tassazione generale (1529). A Piazza si ripropongono forme di controllo per risolvere azioni improprie degli ufficiali maggiori (1491), così come a stabilire le modalità elettive e la composizione del consiglio (1515)45. A Salemi a fine Quattrocento si ampliano le garanzie giurisdizionali a favore degli abitanti per evitare che venissero giudicati dai Baroni, i cui territori erano confinanti con la comunità, successivamente si interviene invece per evitare abusi degli ufficiali regi (1527)46.

28Dei provvedimenti citati si consideri quanto deciso nel 1465 per Noto dal Viceré Lope Ximen de Urrea, esito di una petizione della stessa comunità come dichiarava il Viceré, perchè si rispettasse la concessione di Alfonso V in merito agli eleggibili. Poteva concorrere alle elezioni solo chi avesse risieduto nella comunità non meno di un anno, un mese, una settimana e un giorno, in quella che a mio parere è interpretabile come una strategia di difesa degli interessi della comunità rispetto ai forti flussi migratori del mercato del lavoro della Sicilia tardomedievale. L’intervento del Viceré è un esempio di rilievo sia del sistema normativo come guida nella vita politica della comunità, sia dell’influenza ­linguistica del volgare siciliano sulla cancelleria del Viceré testimonianza di una costante interazione tra questa e gli esponenti delle comunità siciliane:

Vicerex in hoc Siciliae regno nobilibus Capitanio, Patricio, Iudicibus, Iuratis ac officialibus, universitati at hominibus ac aliis personis terrae Noti fidelibus regiis dilectis, salutem.

  • 47 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 114-115.

Non diuiti ignorari como ala uniuersitati di quissa terra, per la diuina memoria dilo signuri re don Alfonso, fu indultu et concesso, intro haltri, un capitulo che nixuno potissi hauiri officii, tanto in chiuili, como in criminali, né cuncurriri in quilli, che non fussi habitaturi dila dicta terra, cussì como in lo dicto capitulo, alo quali ni restano plui largamenti si dichi continiri; verum, perchi è dubia la interpretationi di lo dicto capitulo et porria sichi usari alcuna fraudi oy malitia; ad supplicationi per parti di quissa uniuersitati ad nui facta, hauimo prouisto per la presenti declaramo et interpetramo la menti et dispositioni de lo dicto capitulo essiri et deuirisi intendiri in quisto modo, videlicet chi nixuno in la dicta terra poza concurriri, né obtiniri officii, tanto in ciuili, como in criminali, che non hagia habitato in la dicta terra per spatio di uno anno, unu misi, una simana et uno iornu et non aliter47

  • 48 Consuetudines, fol. 146, 1455.

29In generale si tratta di raccolte che non rappresentano una fonte neutra, bensì sono spesso riflesso di interessi di parte e frequentemente di parti che avevano sofferto politiche escludenti. Ritengo che ciò fosse dovuto a un’esposizione maggiore ed a un timore di non riuscire a porre un freno ai soprusi se non attraverso la codificazione di un sistema legale di garanzia. Emerge un preciso valore attribuito alle norme ottenute: uno strumento a difesa del bene comune. Se guardiamo alla conservazione materiale dei testi è possibile chiarire quanto indicato precedentemente anche in base al formalismo di conservazione previsto. Era diffusa l’esigenza di garantire la conservazione dei privilegi provisione capitole et scripture, cioè tutte le scritture costitutive del sistema di diritti, che in molti casi si denunciava fossero andate disperse per la noncuranza degli ufficiali. Nel caso della comunità di Piazza, sarebbe stato compito cosi come in passato degli ufficiali principali, Giudici e Giurati, conservare i privilegi, le scritture e il sigillo dell’universitas e dal 1455 si prevedeva che non avrebbero potuto estrarli dalla caxa in cui erano conservati se non per cause urgenti, né avrebbero potuto utilizzare il sigillo per alcuna lettera se non per deliberazione del consiglio e in presenza di tutti gli ufficiali48. Il custode delle scritture sarebbe stato indicato dal consiglio generale: le norme giuridiche ottenute per richiesta del consiglio, emanazione della maggioranza cittadina, venivano custodite da chi preposto dalla stessa assemblea.

Il Parlamento e l’esito delle negoziazioni

30Se la memoria comune locale costituisce anche una canalizzazione e un tentativo di risoluzione di uno stato conflittuale, d’altro canto la necessità di formalizzare il processo di conseguimento dei privilegi e la loro scritturazione ha come motivazione l’esistenza di più fronti di confronto con il re e/o i suoi rappresentanti. Il quadro delle negoziazioni vede interessi spesso contrapposti così come luoghi di mediazione differenti. I privilegi potevano entrare in competizione o anche in contraddizione ad esempio fra quanto ottenuto singolarmente dalla comunità nelle negoziazioni con il re e quanto stabilito in sede parlamentare. Canali di mediazione diversi che avevano la possibile e paradossale conseguenza di annullare quanto ottenuto in un’altra sede. In questo caso come procedere? L’Ambasciatore cittadino che margini di azione poteva avere in ambito parlamentare laddove la materia in discussione fosse stata lesiva dei diritti della propria comunità?

  • 49 C., vol. 2858, fol. 145 vo.
  • 50 R. C., vol. 102, fol. 95 ro, 16 marzo 1457 indizione 5.

31Con riferimento al rappresentante della comunità emerge un mandato ben definito: non appoggiare richieste in Parlamento riduttive rispetto a quanto già ottenuto. Dati che risultano ad esempio dalle petizioni dell’universitas di Piazza, avanzate nel 1447 e nel 1457, alla base di un confronto indiretto tra i privilegi locali, ottenuti in seguito a richieste presentate al re dall’universitas, e le decisioni regie emanate in sede parlamentare. Secondo i capitula regni il re si era riservato, nel caso di mutilacio membri, deportacio sive bonorum publicacio, crimen nefandi, la possibilità di procedere per inquisizione e denunce, ma l’universitas nel 1447 ne otteneva l’annullamento richiedendo per questi reati di potere procedere come avveniva precedentemente49. Tra l’altro un decennio più tardi l’universitas otteneva, nel caso in cui gli Ambasciatori intervenuti al Parlamento avessero accettato provvedimenti contrari ai privilegi cittadini, che questi ultimi non si dovessero considerare decaduti50. Ipotesi non remota in quanto il dibattito parlamentare si articolava tra più soggetti e gli Ambasciatori potevano non essere in grado di avere l’appoggio della maggioranza. Si affermava la validità di quanto ottenuto nella contrattazione tra l’universitas e il re.

  • 51 Una situazione diversa in Catalogna, si veda M. T. Ferrer i Mallol, «El patrimoni reial i la recupe (...)

32È possibile integrare queste osservazioni considerando le possibili inapplicazioni delle concessioni regie. Va detto che dall’esame della costruzione del sistema di diritti e di garanzie delle comunità, così come in generale delle negoziazioni tra re e paese, emerge una forte fluidità della politica contrattuale in cui sono frequenti le contraddizioni o le discrepanze tra concessioni e loro applicazioni. Fluidità che però non coincide né con inefficacia né con esito costituzionalmente debole del confronto ma riteniamo fosse una condizione necessaria delle negoziazioni. Vorrei considerare un aspetto controverso da chiarire quale il senso della mancata applicazione di norme che avevano ricevuto il placet o del re o del Viceré, un dato che è ricorrente negli equilibri contrattuali. Consideriamo quelli che probabilmente sono gli esempi più significativi per effetti politici, ovvero le petizioni che avevano come oggetto entrate economiche rilevantissime per il regno quali la richiesta delle universitates del divieto di vendita delle stesse comunità. Nella Sicilia del tardo Medioevo la maggioranza del territorio, in particolare laddove si trovavano i centri più popolati, faceva parte del demanio; erano quindi significative le porzioni vendibili51.

  • 52 Sul ricorso alle vendite delle comunità, si veda F. Titone, Governments of the Universitates, op.  (...)
  • 53 B. Pasciuta, Placet regie maiestati. Itinerari della normazione nel tardo Medioevo siciliano, Torin (...)

33Il re in sede parlamentare o nelle negoziazioni realizzate con le singole comunità si impegna in diverse occasioni a non ricorrere più alle vendite ma le alienazioni delle comunità non sempre cessano immediatamente: vi sono casi in cui continuano parallelamente a reiterazioni delle richieste di divieto e nonostante ulteriori placet regi contro le vendite. Ciò che avrebbe dovuto costituire una radicalizzazione della contrapposizione con la corte regia, era vissuto in maniera non drammatica dalle universitates, vedremo a breve perchè52. Credo sia discutibile usare questi esempi, e potrei proporne altri, per sostenere l’inefficacia delle negoziazioni e la debolezza del valore legislativo delle norme placitate in sede parlamentare53.

34Non è possibile sostenere l’efficacia delle negoziazioni solo in base a un’equazione tra negoziazione e rispetto dei placet. Questa lettura rischia di irreggimentare un confronto molto fluido in cui sono numerosi i fattori che determinano il mantenimento o meno delle concessioni, che potevano avere un esito positivo ma ottenuto per gradi. Mi pare opportuno parlare di uno sviluppo lento dell’implementazione dei privilegi conseguiti, cosa di cui erano pienamente consapevoli i protagonisti della contrattazione. Inoltre, ed è l’aspetto più rilevante, gradualmente il re mutava la strategia economica in merito alle alienazioni in riposta a una sistematica e pressante richiesta in tal senso e attraverso l’individuazione da parte delle comunità di forme di compensazioni economiche per le finanze regie. A mio avviso siamo dinanzi a una presa di coscienza maggiore e più ponderata da parte delle universitates, che rendevano la negoziazione da un’espressione di sdegno per un sopruso subito a un percorso in cui il realismo politico si associava alla difesa dei propri diritti.

  • 54 F. Testa, Capitula regni Sicilie, op. cit., vol. 1, p. 333-358.
  • 55 H. Bresc, Un monde méditerranéen…, op. cit., vol. 2, p. 857-858. Sulle vendite della carica di capi (...)
  • 56 Si confronti con A. I. Carrasco Manchado, «Entre el rey y el reino…», op. cit., p. 613-652 e la bib (...)

35Si consideri ad esempio quanto avviene in seguito alla seduta del Parlamento del 144654. Una delle principali richieste riguardava l’inalienabilità dei beni demaniali considerati nel loro complesso, ciò evidentemente includeva anche le magistrature, ma come comprovato dal resto della documentazione relativa a quegli anni erano le vendite delle universitates la ragione della richiesta. Tale petizione non venne rigorosamente rispettata, vanno però sottolineati due dati: dal 1446 le vendite crollano ma si mantengono o s’intensificano quelle dell’ufficio regio del Capitano che nella maggioranza dei casi seguono richieste in tal senso provenienti da gruppi cittadini55. Ciò non esclude che altri schieramenti cittadini potessero osteggiare gli acquisti della magistratura, acquisti che però permettevano un controllo sulla carica regia. Nel 1446 di fatto le ­universitates ottenevano finalmente che il re non procedesse a ulteriori vendite delle comunità o che quanto meno ne riducesse drasticamente il ricorso, un esito risultato di una graduale implementazione di un sistema giuridico la cui portata mutava considerevolmente gli equilibri del regno consistendo in una forte diminuzione del potere dei baroni che erano i beneficiari delle alienazioni. Un nuovo equilibrio politico che non poteva concretizzarsi in tempi brevi. Si tratta di dinamiche che inoltre rivelano una prospettiva in cui non è possibile distinguere nettamente tra contrattualismo e autoritarismo, emerge infatti un intreccio in cui elementi di ciascuno – contrattualismo e autoritarismo per l’appunto – provenivano dalla medesima figura regia56.

36La fluidità che ho richiamato è uno sviluppo coerente di una relazione fra re e paese di tipo non verticistico. Il ruolo esercitato dalle città viveva mutazioni spesso rilevanti, in particolare nella seconda metà del Trecento. Le vendite di parti del demanio non erano indice di una assenza di libertà ma inevitabile conseguenza dell’accrescimento delle esigenze economiche regie. Il dato ­centrale risiede nel fatto che le universitates riuscivano a mantenere una posizione di forza e ad usare parzialmente queste vendite – o la stessa concessione regia della carica di Capitano a persone non meritevoli – come un’opportunità per ottenere condizioni favorevoli in una fase in cui la corte regia doveva riconquistare un consenso politico indebolito da scelte impopolari.

Conclusione

37Il possibile significativo grado partecipativo nelle assemblee consiliari, pur in un contesto in cui erano frequenti richieste per una limitazione d’accesso, così come la ricerca di una costante interazione con il sovrano, rivelano inequivocabilmente il carattere contrattuale alla base del sistema normativo nel regno così come le ragioni della sua tenuta. Le universitates avevano un ruolo nel processo di definizione dei principi regolatori delle relazioni tra re e paese.

38È necessario andare oltre il carattere retorico di norme che potevano rispondere a fasi eccezionali, in cui l’eccezionalità per l’appunto spiega la ricerca – ad esempio proponendo in Parlamento il divieto di alienazioni – di appagare pressioni urgenti per dare vita a nuovi equilibri politici, che però erano conseguibili in maniera graduale. Spesso la prima normativa seppur disattesa costituiva un elemento d’ispirazione per quella successiva finalmente di salvaguardia. Infatti, se è fuori discussione la possibilità di inapplicazioni di concessioni, è altrettanto evidente che con un graduale processo di pressione politica sul re – attraverso molteplici canali istituzionali – le universitates realizzavano una progressiva acquisizione di quei diritti che inizialmente appaiono scarsamente rispettati, per poi infine divenire un elemento costitutivo delle relazioni con il re. Infine, per interpretrare la possibilità di mancate implementazioni dei privilegi o d’implementazioni intermittenti, queste vanno collegati a due ulteriori fattori. Il primo riguarda la possibile assenza di strategie di lunga durata da parte della corte regia. Il secondo fattore è da ricondurre alle divisioni interne alle comunità, a gruppi con interessi contrapposti – ad esempio con parti a favore di un Capitano d’origine locale e parti a favore di uno forestiero – proprio in una fase di crescita dei diritti politici ottenuti.

39In base ai casi discussi riteniamo si possa sostenere che nella variabilità delle modalità e dei tempi del conseguimento del sistema regolativo dei rapporti tra re e paese sia possibile individuare la rilevanza di un sistema normativo di garanzia per i diversi soggetti politici coinvolti.

Notes

2 Il sistema politico pattista ha dato origine ad un ampio dibattito di cui mi limito a ricordare alcuni interventi. In merito alla tesi secondo cui era limitativo del potere regio si veda J. Vallet de Goytisolo, «Valor jurídico de las leyes paccionadas en el principado de Cataluña», in El pactismo en la historia de España, Simposio del 24-26 aprile 1978, Madrid, Instituto de España, 1980, p. 75-110; J. Sobrequés Callicó, El pactisme a Catalunya: una praxi política en la història del país, Barcellona, Edicions 62, 1982; J.-L. Martin, Economía y sociedad en los reinos hispánicos de la Baja Edad Media, Barcellona, El Albir, 1983, vol. 1, p. 239-245. L. M. Sánchez Aragonés, Cortes, monarquía y ciudades en Aragón, durante el reinado de Alfonso el Magnánimo (1416-1458), Saragozza, Institución Fernando el Católico, 1994, evidenzia un potere delle Cortes parallelo a quello regio, ritiene però che non si ebbe un trionfo (ivi p. 136-137) dell’assemblea rappresentativa sulla monarchia per gli scontri interni all’oligarchia e per l’avvento dei Trastámara. Per la Sicilia, F. Benigno, «La questione della capitale: lotta politica e rappresentanza degli interessi nella Sicilia del Seicento», Società e Storia, 47, 1990, p. 27-29, sostiene che il re fosse obbligato ai patti e alle concessioni elargite. Per letture differenti secondo cui non era limitativo del potere regio rinvio a J. A. Maravall, Stato moderno e mentalità sociale, Bologna, Il Mulino, 1991, p. 347-351. A. Iglesia Ferreirós despecifica il caso catalano nelle relazioni conte/re-sudditi e segnala sia che la potestas del conte costituiva un limite alla pressione degli estamentos; sia che il principio secondo cui quanto approvato nelle Cortes poteva essere modificato solo nelle Cortes successive venne riconosciuto in Catalogna nel 1599: A. Iglesia Ferreirós, La creación del derecho. Una historia de la formación de un derecho estatal español, Madrid, Marcial Pons, 1996, vol. 2, p. 84-130; id., «Del pactismo y de otra forma de escribir la historia», Anuario de Historia del Derecho Español, 67: Homenaje a Francisco Tomás y Valiente, 1997, p. 643-659. Infine rinvio a A. I. Carrasco Manchado, «Entre el rey y el reino calladamente está fecho un contrato. Fundamentos contractuales de la monarquía trastámara en Castilla en el siglo XV», in F. Foronda (a cura di), Avant le contrat social. Le contrat politique dans l’Occident médiéval (xiiie-xve siècle), Parigi, Publications de la Sorbonne, 2011, p. 613-652, per una critica della distinzione tra autoritarismo e contrattualismo (si veda infra nota 56).

3 Per un confronto sulle possibili forme di negoziazione rinvio a M. T. Ferrer Mallol et al., «Negociar en la Edad Media/Négocier au Moyen Âge», in Actas del Coloquio celebrado en Barcelona (14-16 octubre 2004)/Actes du Colloque tenu à Barcelone (14-16 octobre 2004), Barcellona, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 2005. F. Foronda (a cura di), Avant le contrat social…, op. cit.

4 Sull’assenza di una partecipazione civica nelle comunità del sud Italia rinvio alla discutibile ricostruzione di R. D. Putnam, Making Democracy Work: Civic Traditions in Modern Italy, Princeton, Princeton University Press, 1993, in particolare per il periodo medievale p. 121-137. Su un primo riconoscimento di più soggetti coinvolti nel dibattito politico si veda R. Moscati, Per una storia della Sicilia nell’età dei Martini (Appunti e documenti: 1396-1408), Messina, Università degli Studi di Messina, 1954. Più diffusamente, I. Peri, La Sicilia dopo il Vespro. Uomini, città e campagne. 1282/1376, Roma/Bari, Laterza, 1990; id., Villani e cavalieri nella Sicilia medievale, Roma/Bari, Laterza, 1993; S. R. Epstein, An Island for Itself: Economic Development and Social Change in Late Medieval Sicily, Cambridge, Cambridge University Press, 1992; F. Titone, Governments of the Universitates. Urban Communities of Sicily in the Fourteenth and Fifteenth Centuries, Turnhout, Brepols, 2009.

5 La presenza di exteri è attestata, ad esempio, in un’assemblea del 1449 a Palermo riunita per decidere l’edificazione di una sede idonea perchè il luogo utilizzato tradizionalmente, la curia del Pretore, non era adatta; C. C., vol. 61-1, fol. 80 ro, 18 novembre 1449. In merito al diritto di voto solo per cives si veda ibid., fol. 86 ro-88 vo, 11 gennaio 1450. Sulla convocazione al consiglio si veda per Catania, Archivio Storico Comunale di Catania, Atti dei Giurati, Regesti di Matteo Gaudioso, vol. 16, fol. 12 ro-vo, 3 settembre 1460; vol. 18, fol. 5 ro-vo, 23 novembre 1463; fol. 8 vo, 24 luglio [1465].

6 Per Federico III, F. Testa, Capitula regni Sicilie, Panormi, Angelus Felicella, 1741, vol. 1, p. 106-109, 1309 (capitula iuratorum); M. De Vio, Felicis et fidelissimae Urbis Panormitanae selecta aliquot privilegia, Panormi, Domenico Cortese, 1760-1768, repr. Palermo, Accademia nazionale di scienze lettere e arti, 1990, p. 111, 1330. Sulla datazione del capitolo CXVI di Federico III, si veda P. Gullotta, «In unum corpus et unam societatem: i capitula iuratorum del 1309 (Testa, 1324) e l’assetto istituzionale della città di Palermo durante il regno di Federico III», Archivio storico siciliano, 26, 2000, p. 19-56. Per Martino I, F. Testa, Capitula regni Sicilie, op. cit., vol. 1, p. 158, 1398 (XLV, XLVI).

7 Ibid., p. 221, 1433 (XLVI, XLVII); S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli inediti delle città demaniali di Sicilia, Palermo, Boccone del Povero, 1918, p. 191-192, 1446 (Catania, provvedimento del Viceré Lop Ximen de Urrea). Consuetudines, fol. 93-94, 1448 (Piazza). Si vedano inoltre le petizioni della comunità di Agrigento che richiedeva (ma non otteneva) di mutare la forma di convocazione per evitare casi d'assenteismo: S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli inediti…, op. cit., p. 263-264, 1423, p. 286, 1431. La numerazione dei fogli del manoscritto Consuetudines che indichiamo si riferisce a quanto riportato posteriormente (e con alcune lacune) nello stesso testo senza una distinzione tra recto e verso. Ho invece distinto tra recto e verso in F. Titone, «Le “Consuetudines terre Platee”: un esempio di cultura dello scritto», Reti Medievali-Rivista, 9/1: Scrittura e potere. Pratiche documentarie e forme di governo nell’Italia tardomedievale [a cura di I. Lazzarini], 2008, p. 1-18.

8 Id., Governments of the Universitates, op. cit., p. 87-91. Si confronti con A. Gamberini, La città assediata. Poteri e identità politiche a Reggio in età viscontea, Roma, Viella, 2003, p. 77.

9 L. Sciascia, Pergamene siciliane dell’Archivio della Corona d’Aragona (1188-1347), Palermo, Società siciliana per la storia patria, 1994, p. 124-135.

10 Ad esempio R. C., vol. 20, fol. 38 vo-39 ro, 1392 (Nicosia). S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli inediti…, op. cit., p. 350-351, 1392 (Licata); V. Di Giovanni (a cura di), Capitoli gabelle e privilegi della città di Alcamo, Palermo, Società siciliana per la storia patria, 1876, p. 44-45, 1398 (Alcamo). Sulla tirannide: F. Benigno, Specchi della rivoluzione. Conflitto e identità politiche nell’Europa medievale, Roma, Donzelli, 1999, in merito al nesso con governi di tipo straordinario; mentre le osservazioni di D. Quaglioni, La sovranità, Roma/Bari, Laterza, 2004, p. 32-35 sul pensiero di Bartolo da Sassoferrato che considera la tirannide una forma deviata del potere. Inoltre, E. Cortese, Il diritto nella storia medievale. Il basso Medioevo, Roma, Il Cigno Galileo Galilei, 1995, p. 285-287.

11 R. C., vol. 20, fol. 24 ro-25 ro, 1392 (Trapani).

12 Per un confronto rinvio a C. Leveleux-Texeira et al. (a cura di), Le gouvernement des communautés politiques à la fin du Moyen Âge. Entre puissance et négociation: villes, finances, État. Actes du colloque en l’honneur d’Albert Rigaudière, Parigi, Panthéon-Assas, 2011.

13 Si confronti con J.-P. Genet (a cura di), L’État moderne: genèse, Parigi, CNRS, 1990; id., «Les motifs de la demande et de l’acceptation de l’impôt en Angleterre», in C. Leveleux-Texeira et al. (a cura di), Le gouvernement des communautés politiques…, op. cit., p. 201-222.

14 Per un confronto si veda J. Watts, The Making of Polities: Europe, 1300-1500, Cambridge, Cambridge University Press, 2009, che ha evidenziato il ruolo di governanti e governati nello sviluppo dei sistemi di governo.

15 Parte della documentazione delle petizioni cittadine è stata edita da S. Giambruno, L. Genuardi, Capitoli inediti…, op. cit. Per un centro non metropolitano si consideri l’attività consiliare a Malta, G. Wettinger (a cura di), Acta iuratorum et consilio civitatis et insulae Maltae, Palermo, Arti Grafiche Siciliane, 1993.

16 F. Titone, «Citizens and Freedom in Medieval Sicily», in A. Nef (a cura di), A Companion to Medieval Palermo. The History of a Mediterranean City from 600 to 1500, Leiden, Brill, 2013, p. 507-511.

17 Id., «Note preliminari sul consilium civium di Palermo, 1448-1458», in P. Corrao, E. I. Mineo (a cura di), Dentro e fuori la Sicilia. Studi di storia per Vincenzo D’Alessandro, Roma, Viella, 2009, p. 257.

18 Sul funzionamento del consiglio della città Catalana di Cervera, in base alle sedute riportate nel liber consiliorum per il 1332-1333, si veda M. Turull Rubinat, «La prise de décision dans les conseils municipaux (Catalogne, 1332)», in C. Leveleux-Texeira et al. (a cura di), Le gouvernement des communautés politiques…, op. cit., p. 81-109.

19 Rispettivamente C. C., vol. 61-1, fol. 123 ro-124 ro, 15 marzo 1450; ibid., fol. 137 ro-138 vo, 6 maggio 1450; ibid., vol. 63-3, fol. 167 ro-168 vo, 15 agosto 1457, Giovanni de Linno votava ut dominus Giovanni de Linno, presumo che il riferimento sia al consigliere Puchio de Linno erroneamente indicato come Giovanni.

20 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso della città di Sciacca, Sciacca, Salvatore Estero Editore, 2003, p. 1. Anche, id. (a cura di), Il Libro verde della città di Sciacca, Sciacca, Salvatore Estero Editore, 2006, con riferimento al Libro verde parrebbe fosse esito della compilazione realizzata nel Settecento sempre dall’unico codice preesistente.

21 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 1.

22 Mi limito a rinviare ad alcuni testi; per Piazza, Consuetudines. Per i testi di Noto e di Salemi, si vedano le edizioni di A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso dell’università netina, Noto, Grafiche Santocono-Rosolino, 2003; P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus. Officii spectabilium juratorum baronum regiarum secretarium huius fidelis civitatis Salem, Palermo/Roma, Ugo La Rosa Editore, 1998. Oltre che per il caso citato di Sciacca, generalmente ci sono giunte copie più tarde e non sempre sono pervenuti i documenti originali; si veda ibid., p. VIII; A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 47.

23 E. I. Mineo, Nobiltà di Stato. Famiglie e identità aristocratiche nel tardo Medioevo. La Sicilia, Roma, Donzelli, 2001, p. 53-58.

24 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 126-129, anche id. (a cura di), Il Libro verde…, op. cit., p. 80-82.

25 […] si contrario per Nos, seu Successores nostros […] per inadvertentiam, seu importunitatem petentium, seu supplicantium imposterum […] (con)tigerit volumus, et plenam per praesens nobis, et vestris contulimus facultatem […] remediis debitis, et opportunis, et quae in talibus fieri requirantur, resistatis etiam […] manu forti, promittentes in nostra bona fide Regia per Nos, et Successores nos tri et (iurantes) expresse, et ad Dominum Deum, et Eius Sancta Quattuor Evangelia nostris (manibus) (cor)poraliter tacta, praedicta omnia et singula tenere, et servare, tenerisque ac observari (facere) (invio)labiliter per quoscumque, et non contrafacere. P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus…, op. cit., p. 1-2 (1396).

26 Per altri casi, le universitates di Corleone nel 1437, di Caltagirone nel 1443, di Polizzi nel 1447 e di Capizzi nel 1448, F. Titone, Governments of the Universitates, op. cit., p. 124.

27 P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus…, op. cit., p. 9.

28 P. Mortillaro (a cura di), Il Libro rosso…, op. cit., p. 95-106, i privilegi includono numerose altre concessioni economiche e giurisdizionali. Anche id. (a cura di), Il Libro verde…, op. cit., p. 69-79.

29 P. Boucheron, «L’Italie, terre de contrats», in F. Foronda (a cura di), Avant le contrat social…, op. cit., p. 21. In particolare J. G. A. Pocock, Politica linguaggio e storia, prefazione a cura di Ettore A. Albertoni, Milano, Edizioni di Comunità, 1990, sul linguaggio politico come espressione di un determinato contesto generato da attività, pratiche e dimensioni sociali.

30 In proposito per un confronto si veda J.-P. Genet, «L’historien et les langages de la société politique», in A. Gamberini, J.-P. Genet, A. Zorzi (a cura di), The Languages of Political Society. Western Europe, 14th-17th Centuries, Roma, Viella, 2011, p. 17-38, cui rinvio anche per la bibliografia di riferimento.

31 Consuetudines, fol. 92-93. Si veda anche la denuncia contro la famiglia dei Russo a Randazzo, che con l’appoggio di una moltitudine di amici creava un clima di insicurezza con continui soprusi; P. R., vol. 50, fol. 371 ro-372 ro, giugno 28 indizione 6 [1458]. Poteva anche accadere che i luoghi sacri, luoghi generalmente di dibattito delle riunioni consiliari, venissero chiusi per non permettere l’acceso o si compivano altre forme di intimidazione come attestato, nel 1515, sempre nell’universitas di Randazzo. F. Titone, «Identità cittadina e dominio territoriale. Il caso dell’universitas di Randazzo nel tardo Medioevo», Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 120/1, 2008, p. 177-178.

32 Il provvedimento fa parte di un lungo testo di petizioni in Consuetudines, fol. 82-115. La richiesta di modalità di convocazione del consiglio e la risposta regia in fol. 92-93. A parte le modalità di convocazione del consiglio, i passaggi di maggior rilievo riguardano accuse contro l’esercizio di governo dei Capitani e la richiesta di superamento dell’alienazione della carica di Capitano, fol. 90; l’automatico annullamento dei provvedimenti regi contrari alle petizioni presentate, fol. 92, altre petizioni contro gestioni clientelari della carica di Acatapano (ufficiale preposto al controllo del mercato) e proposte di norme a garanzia dei procedimenti elettorali, fol. 103-108.

33 Alfonso V aveva concesso una rappresentanza di duecento persone che il Viceré riduceva, ibid., fol. 93-94, 113-114.

34 Ibid., fol. 90-91.

35 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 105.

36 Ibid., p. 106.

37 M. Berengo, L’Europa delle città. Il volto della società urbana europea tra Medioevo ed Età Moderna, Torino, Einaudi, 1999, p. 34.

38 Si veda D. Quaglioni, La giustizia nel Medioevo e nella prima Età Moderna, Bologna, Il Mulino, 2004, in particolare p. 23-42, che ha evidenziato come l’esperienza giuridica e il pensiero politico medievale abbia «nella conformità al principio di giustizia il primo e fondamentale criterio di “giustificazione” del potere»: ibid., p. 33. Egualmente le richieste delle universitates siciliane, di potersi ribellare a disposizioni lesive di privilegi consolidati, testimoniano la volontà di rispetto della giustizia.

39 Consuetudines, fol. 90.

40 S. R. Epstein, An Island for Itself…, op. cit.

41 F. Titone, Governments of the Universitates, op. cit., p. 183-184.

42 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 107-108.

43 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 108.

44 Nel regno di Alfonso V il Giudice e il Notaio di primo appello risultano eletti dal 1440-1441, l’ultima elezione del Notaio d’appello risale al 1448-1449. Si veda per le elezioni nel regno alfonsino, F. Titone, I magistrati cittadini. Gli ufficiali scrutinati in Sicilia da Martino I ad Alfonso V, Caltanissetta/Roma, Sciascia, 2008, p. 195-200. Per la fase successiva al regno di Alfonso V; P. R., vol. 59, fol. 104 vo, 20 marzo 1463 indizione 11; ibid., vol. 58, fol. 84 ro, elezione per l’indizione 10 (1476-1477).

45 Per la comunità di Noto si veda A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 114-115, 146-147. Per la comunità di Piazza si veda Consuetudines, fol. 173-176, 195-196, 199-200.

46 P. Cammarata (a cura di), Rollus Rubeus…, op. cit., p. 24-25, 28-29.

47 A. E. Risino, Il regesto del Libro rosso…, op. cit., p. 114-115.

48 Consuetudines, fol. 146, 1455.

49 C., vol. 2858, fol. 145 vo.

50 R. C., vol. 102, fol. 95 ro, 16 marzo 1457 indizione 5.

51 Una situazione diversa in Catalogna, si veda M. T. Ferrer i Mallol, «El patrimoni reial i la recuperació dels senyorius jurisdiccionals en els estats catalano-aragonesos a la fi del segle XIV», Anuario de estudios medievales, 7, 1970-1971, p. 436-448.

52 Sul ricorso alle vendite delle comunità, si veda F. Titone, Governments of the Universitates, op. cit., p. 162-168. Inoltre, H. Bresc, Un monde méditerranéen. Économie et société en Sicile, 1300-1450, Roma/Palermo, École française de Rome, 1986, vol. 2, p. 856-858.

53 B. Pasciuta, Placet regie maiestati. Itinerari della normazione nel tardo Medioevo siciliano, Torino, Giappichelli, 2005, p. 208-250.

54 F. Testa, Capitula regni Sicilie, op. cit., vol. 1, p. 333-358.

55 H. Bresc, Un monde méditerranéen…, op. cit., vol. 2, p. 857-858. Sulle vendite della carica di capitano e in generale sulle forme di controllo delle comunità sulla magistratura si veda F. Titone, «Aragonese Sicily as a Model of Late Medieval State Building», Viator, 44, 2013, p. 228-240.

56 Si confronti con A. I. Carrasco Manchado, «Entre el rey y el reino…», op. cit., p. 613-652 e la bibliografia di riferimento, per una lettura che va oltre l’irriconciliabilità tra forme di governo pattiste e politiche autoritarie. Non risulta convincente la tesi di A. I. Carrasco Manchado che ritiene presente una forma di governo assolutista già nel tardo Medioevo, sostenendo che il fondamento pattista della monarchia Trastamara sia inseparabile dalla sua natura assolutista. Inoltre sulle pratiche contrattuali e i diversi soggetti coinvolti si veda F. Foronda, A. I. Carrasco Manchado (a cura di), Du contrat d’alliance au contrat politique. Cultures et sociétés politiques dans la péninsule Ibérique à la fin du Moyen Âge, Tolosa, Presses universitaires Toulouse-Le Mirail (Méridiennes), 2007.

© Éditions de la Sorbonne, 2019

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540