Version classiqueVersion mobile

La fabrique des sociétés médiévales méditerranéennes

 | 
Marie Dejoux
, 
Diane Chamboduc de Saint Pulgent

Sixième partie. Écritures pratiques : écrire, compter, classer

La memoria della città

Cronache, scritture e archivi urbani tra tardo medioevo e primo Rinascimento (esempi mantovani)

Isabella Lazzarini

Texte intégral

La memoria della città

  • 1 In merito a un tema così vasto si vedano almeno G. Arnaldi, «Cronache con documenti, cronache “aute (...)
  • 2 I. Lazzarini, «Le pouvoir de l’écriture. Les chancelleries urbaines et la formation des États terri (...)
  • 3 Oltre a De Caprio, Scrivere la storia…, op. cit. e a Senatore, «Fonti documentarie…», art. cit., si (...)

1La scrittura di memoria nelle città italiane medievali prese molte forme: dalle cronache notarili alle storie dinastiche, dai poemi alle genealogie, dai diari ai commentari, in volgare o in latino, l’attenzione dei contemporanei agli eventi e alle trasformazioni della complessa identità dei centri urbani – o di alcuni dei loro attori politici e sociali – è una costante di lunga durata del medioevo cittadino italiano. L’intreccio fra registrazione, conservazione e riordino di dati ed eventi, quest’ultimo tanto nelle forme dell’archiviazione della memoria pragmatica, che nelle forme della traduzione in scrittura storica, ha attratto una crescente attenzione da parte della ricerca recente, spingendosi progressivamente dai secoli centrali del medioevo ad includere il primo Rinascimento1. La considerazione incrociata delle molte facce e delle molte fasi del processo di costruzione di memoria e di identità urbane ha permesso tanto di superare il discrimine politico fra la città duecentesca e comunale e la città quattrocentesca dominante o dominata, quanto il discrimine formale dei generi della scrittura di storia (per non citarne che il più noto, quello fra cronaca notarile e storia umanistica). Spostando l’attenzione dai generi (degli stati, dei testi) alle funzioni (della scrittura), è possibile seguire la trasformazione del rapporto fra la città e le sue scritture, siano esse pragmatiche o storico-letterarie, nel solco della continuità mutevole del rapporto fra identità politica e memoria scritta2. Il punto d’incontro di questi diversi filoni (le scritture pragmatiche, il loro uso, il loro riordino, la loro trasformazione in materiali di storia) si riassume nelle figure di quanti (notai, cancellieri, officiali, ambasciatori, uomini di governo) compirono la scelta consapevole di tradurre in storie di qualche tipo (appunti, diari, cronache, storie) la massa documentaria che quotidianamente passava loro per le mani, trasformandola, e nel loro porsi nei confronti degli ambienti sociali e civili in cui si trovarono a operare, in modo più o meno accentuato visti come potenziali fruitori dei loro testi3.

2In omaggio all’interesse di F. Menant sia per la civiltà urbana, sia per le scritture, questo breve saggio si propone dunque di illuminare questa trasformazione partendo da un contesto lombardo, seppure in un’età meno praticata da Menant, il tardo medioevo. Il caso di studio preso in esame sarà la Mantova dei Gonzaga durante l’età che include il tardo Trecento di Bonamente Aliprandi, il Quattrocento maturo di Andrea da Schivenoglia e il pieno Cinquecento di Jacopo Daino.

Il contesto e i protagonisti

  • 4 Si rimanda per brevità a I. Lazzarini, «Un “bastione di mezo”: trasformazioni istituzionali e dinam (...)
  • 5 Come riferimenti generali si vedano E. Faccioli, «La tradizione virgiliana e la cultura nel Medioev (...)

3Vista la necessaria asciuttezza di questo intervento, non si farà che richiamare brevemente il contesto in cui i tre uomini si mossero e operarono e i loro rispettivi percorsi. In una posizione geopolitica cruciale nella pianura padana, strategicamente ma pericolosamente stretta fra i domini milanesi e la sfera d’influenza veneziana, Mantova fra Tre e Quattrocento era una signoria monocittadina governata dalla fine del Duecento da una dinastia autoctona (prima i Bonacolsi, dal 1328 i Gonzaga), il cui potere venne progressivamente radicandosi sulla città e su di un territorio che, nonostante gli sforzi, non superò sino al 1530 l’originario contado e le poche annessioni sui confini occidentali e orientali compiute sino all’età di Gian Francesco Gonzaga (1407-1444). La dimensione monocittadina della signoria, pur non impedendo ai signori, poi marchesi e duchi, di Mantova di giuocare un ruolo significativo negli equilibri politici peninsulari ed europei e di porsi sovente in una posizione d’avanguardia in merito agli sviluppi culturali italiani, influenzò profondamente il rapporto fra la società politica gonzaghesca, per quanto composita, e la città d’un lato, la dinastia dall’altro4. La relazione simbiotica fra questi tre attori della vita politica e sociale urbana – i Gonzaga, la città, le élites – rimase uno dei caratteri di lunga durata della storia tardomedievale e moderna di Mantova: ebbe in questo senso una ricaduta importante anche sul rapporto, che ci interessa qui, fra scritture documentarie, archivi e scritture di storia. Tale rapporto fortissimo fra una dimensione profondamente urbana – declinata tanto come appartenenza al cosmo cittadino, quanto come identificazione/confronto delle élites politiche con la dinastia – e l’organizzazione delle scritture pubbliche, private e storiche si rifletté in modo particolare sulla produzione storiografica mantovana5.

  • 6 Sull’Aliprandi si vedano P. Torelli, «Antonio Nerli e Bonamente Aliprandi cronisti mantovani», Arch (...)
  • 7 In merito allo Schivenoglia, si vedano E. Marani, «Andrea da Schivenoglia testimone della coeva soc (...)
  • 8 Torelli trae dal D’Arco la notizia che il Daino divenisse archivista ducale nel 1527 e dall’Intra c (...)

4In un panorama non ricchissimo (mancano a Mantova certo sia l’abbondanza ferrarese, sia gli acuti milanesi), ma continuo, in quest’occasione vale la pena considerare tre episodi in particolare, vale a dire la produzione storica di Bonamente Aliprandi (ca 1350-1417), Andrea da Schivenoglia (1411-1484), Jacopo Daino (fine XV sec.-1563 ca). Aliprandi fu probabilmente il più inserito dei tre ai livelli più alti della società politica cittadina. Di grande famiglia trecentesca, rivestì varie cariche pubbliche (tra le quali quella di massaro del comune nel 1391 e rettore generale delle entrate nel 1393) ed ebbe un certo impatto nella vita cittadina anche al di là sfera degli offici pubblici grazie anche al fatto di essere stato molto attivo nell’assistenza urbana6. Andrea da Schivenoglia era uomo di tutt’altra natura: membro di una famiglia del contado legata al grande consorzio degli Andreasi (il cui ramo inurbato aveva dato il più fedele e influente segretario di Ludovico Gonzaga, Marsilio) non fu mai officiale del principe né rivestì cariche urbane di rilievo: viveva dei proventi di una proprietà avita a Nuvolato e possedeva una casa in città7. Se Aliprandi e Schivenoglia sono figure note, di Jacopo Daino si sa assai meno. Notaio, cancelliere e conservatore dei Gonzaga probabilmente nato alla fine del Quattrocento e scomparso nei primi anni Sessanta del Cinquecento, di possibili origini asolane (Alessandro Luzio ricorda un Giovan Jacopo de Daynis fra altri asolani in un decreto gonzaghesco del 1513), venne nominato notaio al banco mantovano dell’Aquila nel 1540 e lavorò come conservatore dell’archivio dinastico dei Gonzaga almeno tra gli anni Venti e gli anni Quaranta del Cinquecento8.

Scritture, storie e archivi

  • 9 Oltre a quanto segnalato nelle note precedenti, in merito ai singoli testi si vedano anche per Alip (...)
  • 10 Bonamente Aliprandi, Aliprandina, o Cronica de Mantua, (dalle origini della città fino all’anno 141 (...)

5Queste tre figure, la cui vita copre quasi due secoli di storia mantovana e i cui percorsi hanno davvero poco in comune a parte la loro dimensione cittadina e il loro rapporto con i Gonzaga, condivisero però un’attitudine non professionale ma significativa alla scrittura di storia e una tendenza più o meno accentuata e più o meno mediata, nello scrivere di storia, all’uso di fonti latamente documentarie. Detto ciò, i tre testi su cui ci si soffermerà sono molto diversi fra loro per strategia compositiva, consapevolezza autoriale, intenzionalità, tradizione testuale. Si tratta di tre narrazioni in versi e in prosa, per lo più in vernacolo: l’Aliprandina, una storia di Mantova in rima dalle origini al 1414 (continuata da un anonimo sino al 1460), scritta in vernacolo da Bonamente Aliprandi; una cronaca di Mantova ai tempi suoi (1445-1484), inframmezzata a una serie di annotazioni di natura verrebbe da dire prosopografica sui propri concittadini scritta sempre in volgare da Andrea da Schivenoglia; una genealogia della dinastia gonzaghesca infine ultimata da Jacopo Daino in qualche momento fra gli anni Quaranta e gli anni Sessanta del Cinquecento9. La fortuna di questi testi è stata molto diversa. Per quanto tutti e tre non abbiano superato di fatto, né per qualità letteraria, né per diffusione coeva o successiva, il livello dell’erudizione locale, hanno conosciuto un diverso destino editoriale: integralmente edita il primo (dall’Orsini Begani), parzialmente edita nell’Ottocento il secondo, a opera di Carlo D’Arco (un’edizione integrale è in preparazione da anni a cura di Rodolfo Signorini), del tutto inedito l’ultimo (per quanto il suo interesse storico abbia indotto alcuni eruditi più tardi a farne copia, talora traducendolo)10.

  • 11 Esordì infatti con una sorta di preambolo dal sapore dichiaratamente dantesco in cui narrava come, (...)
  • 12 Bonamente Aliprandi, Aliprandina…, op. cit., rispettivamente alle p. 171, vv. 12912-12915; p. 27, v (...)
  • 13 Lazzarini, «La difesa della città…», art. cit.
  • 14 Bonamente Aliprandi, Aliprandina…, op. cit., p. 124-131, vv. 8738-9366: la descrizione dei partecip (...)

6Bonamente Aliprandi scrisse con una consapevolezza precisa, collocandosi intenzionalmente nel solco di una tradizione alta e mediana di prosa e poesia volgare11. Nel farlo, aveva senz’altro in mente un pubblico se non vasto, comunque esterno alla cerchia familiare e desideroso non solo di ammaestramento, ma anche di storie piacevoli e di eventi memorabili: per questi lettori, cui ricordò il valore della storia, ricorse deliberatamente al volgare e alla rima: «E per che bon rimatore io non sia, / parsime meio in vulgar dire, / per rima a molti più piacer li fia», organizzando la sua narrazione in modo annalistico («De anno in anno sempre a notare / quel ch’io saprò senza falimente»)12. La sua storia di Mantova parte dalle origini della città, ma si amplia e arricchisce allorché l’autore entra nel Trecento: l’amore per la sua città si coniuga nell’Aliprandi a una partecipe, sovente partigiana narrazione dei fatti gonzagheschi e delle guerre viscontee, con una evidente predilezione per la figura di Ugolino Gonzaga13. Al di là dei molti elementi interessanti di questo componimento, a tratti vivacissimo, quel che importa qui sottolineare è la precisione dei riferimenti storici del cronista-poeta: gli eventi, siano feste o imprese monumentali, guerre, leghe o matrimoni, rivelano in filigrana un’attenzione al dettaglio storico che trova rispondenza molto precisa nella documentazione coeva (basti pensare alla descrizione della magna curia del 1340 per il triplice matrimonio di Luigi, Corrado e Ugolino da Gonzaga14). Le ricerche di Torelli hanno portato alla luce le molte scritture di camera e cancelleria in cui compare l’Aliprandi nella sua veste di mercante, officiale e mediatore economico e finanziario dei Gonzaga: non sembra azzardato immaginare che tale familiarità dell’autore con il primo nucleo delle scritture gonzaghesche gli avesse dato l’opportunità di arricchire la sua chronica con dati e informazioni derivati direttamente dalle scritture pubbliche e a esse debitori dell’esattezza del dettaglio che le contraddistingue.

  • 15 Per un’analisi dettagliata del testo si rimanda a Marani, «Il codice 1019…», art. cit. e a Lazzarin (...)
  • 16 La valorizzazione contemporanea delle annotazioni individuali e familiari di Schivenoglia si deve a (...)
  • 17 Andrea da Schivenoglia, Cronaca di Mantova, ms. 1019, fol. 56, nota edita in Lazzarini, Gerarchie s (...)
  • 18 Andrea da Schivenoglia, Cronaca di Mantova…, op. cit., p. 20-22.

7La cronaca di Schivenoglia è molto lontana dall’Aliprandina: arrivataci nel solo manoscritto autografo dell’autore, sebbene sia stata poi copiata varie volte per l’interesse erudito suscitato dalle sue note, l’opera inizia ex abrupto con una serie di annotazioni relative agli uomini più eminenti della Mantova del suo tempo (fol. 1v-17v), seguite dalla cronaca vera e propria, che a sua volta parte dalla notizia della condotta di Carlo Gonzaga ai servigi di Filippo Maria Sforza nel 1445 (fol. 18r-49), per continuare inframmezzando annotazioni individuali e familiari sulle élites cittadine (fol. 49v-61) a notizie di cronaca cittadina per gli anni 1445-1481 (fol. 62-88); dopo l’ultima nota di mano di Andrea (in data 29 marzo 1481), si susseguono integrazioni di mani diverse, le più antiche delle quali appartennero probabilmente a Pietro Bergamasco, capitano di Porto Mantovano e marito di Susanna di Guido da Schivenoglia (nipote di Andrea), cui il manoscritto giunse per eredità familiare15. Il primo editore, Carlo D’Arco, non conosceva il manoscritto originale e lavorò su di una copia in cui era stata trascritta soltanto la parte contenente le note di cronaca (a sua volta asciugata di informazioni ritenute meno interessanti, come le note relative alle condizioni climatiche): in tal modo, l’opera di Schivenoglia ha circolato in forma di cronaca, quando in realtà è una scrittura di storia più complessa16. Se manca qui dunque l’intento dichiaratamente letterario dell’Aliprandi e la consapevolezza autoriale si limita alla forza delle argomentazioni e della narrazione dell’autore, Schivenoglia classificava e giudicava perché non si perdesse memoria di fatti e di persone. Le annotazioni relative alle famiglie e agli uomini ragguardevoli della città si rivelano di una esattezza a volte millimetrica (come per esempio allorché Andrea si dilungò sui nipoti del vescovo di Mantova, Galeazzo Cavriani, e sulle loro entrate o quando enumerò gli offici signorili o le cariche municipali dei suoi concittadini)17. Pur non rivestendo cariche pubbliche né partecipando alla vita di corte, Schivenoglia fu in grado di accedere a informazioni anche molto dettagliate sugli assetti patrimoniali e sui percorsi socio-professionali dei suoi concittadini, probabilmente grazie anche a contatti personali. Se nella parte cronachistica il racconto restituisce l’interessante quadro di una società cittadina centrata sulla dinastia dominante, che in buona misura la rappresentava e illustrava di fronte a un più vasto mondo esterno (memorabili i ritratti dei cardinali confluiti a Mantova nel 1459, per la dieta indetta da Pio II18), la parte dedicata alle note sulla famiglie e sulle persone rivela le molte tensioni cui il sempre più saldo dominio gonzaghesco sottoponeva la società politica mantovana, la complessa mappa della mobilità sociale urbana e un’attenzione capillare al dato informativo a dimensione municipale.

8Negli anni centrali del Cinquecento infine, una singolare figura di cancelliere e notaio, Jacopo Daino, dedicava a Guglielmo Gonzaga, duca di Mantova e del Monferrato, la sua Genealogia dicasa Gonzaga. Nel manoscritto completo Daino copiò su di una carta sciolta tutti i distici relativi alla genealogia disseminati nel testo. Fra questi, una sequenza sottolinea come Jacopo sino al 1543 si fosse occupato d’altro (aveva inventariato l’intero archivum parvum dei Gonzaga fra il 1534 e il 1543) e come solo dopo avere completato questo primo lavoro si sarebbe accinto a comporre la genealogia:

Quod mihi commissum, domini currentibus annis
Mille et quingenti ac quadraginta tribus
Perfectum fuit, octubris lux ultima pandit,
Per me cum socio pariterque dato,
Principis Archivi inventaria facta fuerunt.

  • 19 ASMn, AG, b. 416.I, trascritto in Torelli, L’Archivio Gonzaga…, op. cit., p. xxxvi. Del grande lavo (...)

[…] Iam genus inceptum scribere sicque sequar
Et que contingent huic dum mea vita manebit
Addere promitto et perficietur opus
.19

  • 20 Su Giovan Battista Baretti e il suo ruolo nel riordino dell’archivio gonzaghesco si veda Torelli, L (...)

9La genealogia composta da questo lettore accuratissimo, inventariatore inesausto e archiviatore preciso dei documenti del principe è di fatto una cronaca-cartulario post litteram: Daino trascrisse a partire dal Mille in intero i primi documenti conservati nell’archivum parvum dei Gonzaga in cui sono menzionati gli antenati dei duchi cinquecenteschi, aprì un inciso di una trentina di carte per collazionare i documenti che riguardano la signoria duecentesca e primo trecentesca dei Bonacolsi, e riprese poi la successione dei documenti gonzagheschi dal 1328 al 1550. Mano a mano che la massa documentaria cresceva, Daino non trascriveva, ma regestava le sue fonti: la sua opera non è una narrazione, in versi o in prosa, ma una collezione di documenti ordinati e collegati cronologicamente a formare lo scheletro di una storia dinastica. La Genealogia ha una tale esattezza che Baretti, il vice prefetto che soprintese al riordino tardosettecentesco dell’archivio mantovano, trovò utile chiosare di mano propria – sia sugli originali, sia nel manoscritto del Daino – i documenti uno per uno mano a mano che li ritrovava e li classificava20. Non sorprende dunque che la Genealogia, per quanto nota, usata e copiata, non sia mai stata edita: il confine fra i ‘generi’ – la scrittura di storia, il poema encomiastico, l’inventario d’archivio, il regesto documentario – è qui labilissimo.

10I tre testi che si sono troppo rapidamente scorsi sin qui, nonostante le numerose differenze che li separano, hanno in comune, oltre all’orizzionte dinastico-municipale in cui muovono, un’attenzione evidente all’informazione contemporanea capillare e fondata sui dati documentari, cui i tre autori ebbero l’opportunità di attingere per varie vie, più o meno mediate. Detto questo però, la considerazione che l’attenzione ai propri tempi e al proprio cosmo politico-culturale portasse gli autori di cronache e scritture di storia verso i grandi depositi documentari che si stavano costruendo in questi secoli non basta. Se nell’uso sempre più diretto e consapevole del dato documentario, indipendentemente dalla qualità e dal genere della narrazione di storia che ne deriva, si può rintracciare un filo rosso che unisce tanto i tre autori minori di cui ci si è occupati qui, quanto una più risalente e illustre tradizione di scrittori di memorie storiche che va da Villani a Sanudo, va anche registrato come tale attitudine mutasse di segno nel corso del periodo considerato. La Genealogia del Daino infatti è cosa diversa dai testi tre- e quattrocenteschi di Aliprandi e Schivenoglia, come anche da molti altri loro omologhi più celebri. Assemblata con intenti encomiastici, ma in realtà estremamente onesta nel raccogliere documenti autentici, costruita per divenire un’opera genealogica, ma di fatto nata e mantenutasi come una collezione di scritture pubbliche incentrata sì su di una dinastia, ma ancor più su di una città e il suo dominio, la Genealogia non ha né l’intento di ammaestrare narrando, né di informare e interpretare alla luce di considerazioni personali o di parte: legati a filo doppio con le prime fasi della costruzione sistematica della memoria documentaria del potere, testi come quello del Daino inaugurano la grande stagione dell’erudizione moderna.

Notes

1 In merito a un tema così vasto si vedano almeno G. Arnaldi, «Cronache con documenti, cronache “autentiche” e pubblica storiografia», in Fonti medievali e problematica storiografica, Roma, Istituto Storico Italiano, 1976, I, p. 351-374; M. Zabbia, I notai e la cronachistica cittadina italiana nel Trecento, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 1999; C. De Caprio, Scrivere la storia a Napoli fra Medioevo e prima Età moderna, Roma, Salerno ed., 2012; F. Senatore, «Fonti documentarie e costruzione della notizia nelle cronache cittadine dell’Italia meridionale (secoli XV-XVI)», Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo, 116, 2014, p. 279-333; I. Lazzarini, «A “New” Narrative? Historical Writing, Chancellors and Public Records in Renaissance Italy (Milan, Ferrara and Mantua, ca 1450-1520)», in N. S. Baker, B. J. Maxson (ed.), After Civic Humanism: Learning and Politics in Renaissance Italy, Toronto, Centre for Reformation and Renaissance Studies Publications, 2015, p. 193-214.

2 I. Lazzarini, «Le pouvoir de l’écriture. Les chancelleries urbaines et la formation des États territoriaux en Italie (xive-xve siècles)», Histoire urbaine, 35, 2012, Les mots de l’identité : la ville, le pouvoir et l’écrit en Europe aux derniers siècles du Moyen Âge, p. 31-50; Lazzarini, «A “New” Narrative ?...», art. cit.

3 Oltre a De Caprio, Scrivere la storia…, op. cit. e a Senatore, «Fonti documentarie…», art. cit., si vedano anche P. Sverzellati, «Il libro-archivio di Nicodemo Tranchedini da Pontremoli, ambasciatore sforzesco», Aevum, 70, 1996, p. 371-391; B. Saletti, «Registri perduti della Camera Ducale estense: la Storia della città di Ferrara del notaio Ugo Caleffini e il suo accesso alla Libraria della Camera», in F. de Vivo, A. Guidi, A. Silvestri (ed.), Archivi e archivisti in Italia tra medioevo ed età moderna, Roma, Viella, 2015, p. 285-311; I. Lazzarini, «Scritture di storia, scritture di cancelleria: una “zona grigia” (Italia settentrionale, XV secolo)», in G. Abbamonte et al. (ed.), Autorialità e progettualità del testo storico, in corso di stampa. Pionieristico in questa direzione è lo studio di G. Ianziti, Humanistic Historiography under the Sforzas: Politics and Propaganda in Fifteenth Century Milan, Oxford, Clarendon, 1988.

4 Si rimanda per brevità a I. Lazzarini, «Un “bastione di mezo”: trasformazioni istituzionali e dinamiche politiche (secc. XIV-XVIII)», in M. A. Romani (ed.), Storia di Mantova. Uomini, ambiente, economia, società, istituzioni, t. 1, L’eredità gonzaghesca. Secoli XII-XVIII, Mantova, Tre Lune, 2005, p. 443-505 e a T. Dean, «Ferrara e Mantova», in A. Gamberini, I. Lazzarini (ed.), Lo Stato del Rinascimento in Italia 1350-1520, Roma, Viella, 2014, p. 107-124 e alla bibliografia citata in questi due testi.

5 Come riferimenti generali si vedano E. Faccioli, «La tradizione virgiliana e la cultura nel Medioevo», in Mantova. La storia, le lettere, le arti, t. 1, Mantova, Istituto Carlo D’Arco, 1955 e id., L’esperienza umanistica, l’età isabelliana, l’autunno del Rinascimento mantovano, Mantova, Istituto Carlo D’Arco, 1962, t. 2; sulla lingua degli autori mantovani, si veda almeno G. Schizzerotto, Sette secoli di volgare e di dialetto mantovano, Mantova, Publi Paolini, 1985.

6 Sull’Aliprandi si vedano P. Torelli, «Antonio Nerli e Bonamente Aliprandi cronisti mantovani», Archivio storico lombardo, 38, 1911, p. 209-230 (in particolare per la biografia alle p. 224-230) e I. Lazzarini, Gerarchie sociali e spazi urbani a Mantova dal comune alla Signoria gonzaghesca, Pisa, Gisem, 1994, p. 26-27 e 101-103; il testamento di Aliprandi è in Archivio di Stato di Mantova (d’ora in poi ASMn), Registrazioni notarili (RN), fol. 173v e segg, 26 marzo 1414; il registro in cui vennero redatti l’inventario dei beni e la lista dei beneficiati dell’elemosina è in ASMn, Archivio dell’Ospedale (AO), b. 81; in merito al consorzio di S. Maria, si vedano V. Rivaroli, «Contributo alla storia dell’assistenza in Mantova: il consorzio di S. Maria della Cornetta», Civiltà Mantovana, 9, 1975, p. 138-149 e R. Navarrini, C. M. Belfanti, «Il problema della povertà nel ducato di Mantova: aspetti istituzionali e problemi sociali», in F. Della Peruta, G. Politi, M. Rosa (ed.), Timore e carità. I poveri nell’Italia moderna, Cremona, Libreria del Convegno Ed., 1982, p. 121-136; del consorzio è stato edito lo statuto: R. Navarrini (ed.), Lo statuto del consorzio di Santa Maria della Cornetta, Mantova, Azienda ospedaliera Carlo Poma, 1996.

7 In merito allo Schivenoglia, si vedano E. Marani, «Andrea da Schivenoglia testimone della coeva società mantovana», Civiltà Mantovana, nuova serie 4, 1985, p. 7-15; Lazzarini, Gerarchie sociali…, op. cit.; Lazzarini, «A “New” Narrative?...», art. cit.

8 Torelli trae dal D’Arco la notizia che il Daino divenisse archivista ducale nel 1527 e dall’Intra che il Daino in qualche momento fosse stato nominato cancelliere dell’archivio: P. Torelli, L’Archivio Gonzaga di Mantova, Ostiglia, Mondadori, 1920 (rist. anast. Bologna, Forni, 1988), p. xxxv-xxxvii (in particolare p. xxxvi); C. D’Arco, Notizie delle accademie, dei giornali e delle tipografie che furono in Mantova e di circa mille scrittori mantovani dal sec. XIV in poi, 4 voll. (d’ora in poi Scrittori mantovani), mss. conservati in ASMn, Documenti patrii raccolti da Carlo D’Arco [FDA], 224-7, 226 [III], 175; G. B. Intra, «Degli storici e dei cronisti mantovani», Archivio storico lombardo, 5, 1878, p. 403-428; A. Luzio, L’Archivio Gonzaga di Mantova, t. 2, La corrispondenza familiare, amministrativa e diplomatica dei Gonzaga, Verona, Mondadori, 1922 (rist. anast. Mantova, Accademia Nazionale Virgiliana e Archivio di Stato, 1993), p. 12. Il decreto di cui parla Luzio è in ASMn, Archivio Gonzaga (AG), Decreti 34, fol. 3. Secondo il D’Arco, il Daino era anche medico: D’Arco, Scrittori mantovani, ASMn, Fondo d’Arco, 226 [III], 174.

9 Oltre a quanto segnalato nelle note precedenti, in merito ai singoli testi si vedano anche per Aliprandi Faccioli, La tradizione virgiliana…, op. cit., p. 486-497 e I. Lazzarini, «La difesa della città. La definizione dell’identità urbana in tempo di guerra e in tempo di pace (Mantova, XIV-XV secolo)», in D. Degrassi (ed.), La città sotto assedio, sezione monografica, RM, Reti Medievali, Rivista, 8, 2007 (http://www.rivista.retimedievali.it/, consultato il 15 settembre 2016); per Schivenoglia, Faccioli, L’esperienza umanistica…, op. cit., p. 120-122 e I. Lazzarini, «Transformations documentaires et analyses narratives au xve siècle. Hypothèses de recherche sur les principautés de la plaine du Pô sub specie scripturarum», MEFR. Moyen Âge, 113, 2001, p. 699-721; sul Daino, A. Luzio, «I Corradi di Gonzaga, signori di Mantova. Nuovi documenti», Archivio storico lombardo, s. 4, 19, 1913, p. 249-282 e 20, 1914, p. 131-183, qui p. 251-252.

10 Bonamente Aliprandi, Aliprandina, o Cronica de Mantua, (dalle origini della città fino all’anno 1414) appendice ad Antonio Nerli, Breve chronicon monasterii Mantuani sancti Andree ord. Bened.: aa. 800-1431, a cura di Orsini Begani, Rerum Italicarum Scriptores2, xxiv/13, Città di Castello, S. Lapi, 1908
(riedita a cura di L. Pescasio, Suzzara, Bottazzi, 1994): in merito ai manoscritti e alle vicende editoriali, si veda Torelli, «Antonio Nerli e Bonamente Aliprandi…» art. cit.; Andrea da Schivenoglia, Cronaca di Mantova dal 1445 al 1484, a cura di C. D’Arco, in G. Müller (ed.), Raccolta di cronisti storici lombardi inediti, Milano, Colombo, 1857, t. 2, p. 117-194 (ristampata poi in opuscolo autonomo, da cui si cita qui, e riedita a cura di G. Pastore, Mantova, Baldus, 1976): l’edizione del D’Arco, ripresa da Pastore, riguardava la sola parte cronachistica del manoscritto di Schivenoglia. Il manoscritto è conservato in Biblioteca Comunale di Mantova, ms. 1019: in merito, si vedano E. Marani, «Il codice 1019 della Biblioteca comunale di Mantova, ossia il manoscritto autografo del memoriale di Andrea da Schivenoglia», Civiltà mantovana, 3, 1984, p. 1-11 e Lazzarini, Gerarchie sociali…, op. cit., p. 25-26; quanto all’opera del Daino, la sua Genealogia agnationis domus sue excellentie per me Jacopum Dainum notarium mantuanum collecta è conservata in ASMn, AG, b. 416; una copia abbreviata di mano di Giovan Battista Visi è in ASMn, FDA, 57, mentre una copia manoscritta tradotta a opera di Ippolito Castelli è in ASMn, FDA, 73.

11 Esordì infatti con una sorta di preambolo dal sapore dichiaratamente dantesco in cui narrava come, smarritosi alla maniera di Dante in una “silva” o “diserto”, sarebbe stato salvato dalla Memoria e, condotto da quest’ultima alla presenza delle Sette arti liberali, di Teologia e di Filosofia, gli sarebbe stato dato in dono come viatico per il viaggio un piccolo libro, scritto in “bel latino”, «in lo quale chose asa’ si contenia / e lo gran mente di Mantua tratasse». Ma nel ritornare a casa, l’Aliprandi perse il libro: decise allora di trascrivere ciò che ne ricordava a modo suo, vale a dire in volgare e in rima, Bonamente Aliprandi, Aliprandina…, op. cit., p. 26-27, vv. 124-198.

12 Bonamente Aliprandi, Aliprandina…, op. cit., rispettivamente alle p. 171, vv. 12912-12915; p. 27, vv. 196-198; p. 171, vv. 12897-12899.

13 Lazzarini, «La difesa della città…», art. cit.

14 Bonamente Aliprandi, Aliprandina…, op. cit., p. 124-131, vv. 8738-9366: la descrizione dei partecipanti e dei doni dei mantovani e degli stranieri invitati alle nozze è estremamente dettagliata e corrisponde a quanto contenuto in un grande registro cartaceo coevo conservato in ASMn, AG, b. 393, 1 (1340), il Liber magne curie, recentemente trascritto e studiato in F. Arduini, Il “liber magne curie” dell’Archivio Gonzaga (1340). Edizione e studio introduttivo, tesi di laurea magistrale, Università degli studi di Verona, rel. G. M. Varanini, a. a 2013-2014. Per l’edizione, C. Buss, D. Ferrari (ed.), I Gonzaga. Cavalieri, vesti, argenti, vino. La «magna curia» del 1340.

15 Per un’analisi dettagliata del testo si rimanda a Marani, «Il codice 1019…», art. cit. e a Lazzarini, Gerarchie sociali…, op. cit., p. 150-151.

16 La valorizzazione contemporanea delle annotazioni individuali e familiari di Schivenoglia si deve a Ercolano Marani: si attende ora la monumentale edizione del testo completo a opera di Rodolfo Signorini.

17 Andrea da Schivenoglia, Cronaca di Mantova, ms. 1019, fol. 56, nota edita in Lazzarini, Gerarchie sociali…, op. cit., p. 164; in merito alle liste di cariche e offici, lo Schivenoglia elenca i giudici (fol. 2), i medici e cerusici (fol. 2v, 10), i notai che esercitano hoficii del palazo (fol. 3v-4v), i fiorentini (fol. 10v), i sacerdoti della cattedrale (fol. 17), i consiglieri del consilium domini (fol. 53v), i chamerlengi e cortesani (fol. 55).

18 Andrea da Schivenoglia, Cronaca di Mantova…, op. cit., p. 20-22.

19 ASMn, AG, b. 416.I, trascritto in Torelli, L’Archivio Gonzaga…, op. cit., p. xxxvi. Del grande lavoro di Daino e del suo collaboratore rimangono solo tre quaternelli di inventari, oltre che le tracce – di mano di entrambi – su una infinita quantità di documenti originali, ma si trattò di un riordino di enorme portata. In merito alla precoce e ben conservata tradizione di inventari delle carte gonzaghesche di cui il riordino cinquecentesco chiuse la prima fase, si vedano Torelli, L’Archivio Gonzaga…, op. cit., p. xxvii-liv; A. Behne, Antichi inventari dell’Archivio Gonzaga, Roma, Pubblicazioni degli Archivi di Stato, 1993 e I. Lazzarini, «Materiali per una didattica delle scritture pubbliche di cancelleria nell’Italia del Quattrocento», Scrineum-Rivista, 2, 2004, http://scrineum.unipv.it/rivista/2-2004/lazzarini.html.

20 Su Giovan Battista Baretti e il suo ruolo nel riordino dell’archivio gonzaghesco si veda Torelli, L’Archivio Gonzaga…, op. cit., p. xli-xlvii.

© Éditions de la Sorbonne, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search