Version classiqueVersion mobile

La fabrique des sociétés médiévales méditerranéennes

 | 
Marie Dejoux
, 
Diane Chamboduc de Saint Pulgent

Cinquième partie. De l’individu au groupe : acteurs et identités sociales

Il re di Francia, il conte di Treviso e il mercator parigino (1389)

Gian Maria Varanini

Texte intégral

  • 1 Ringrazio per consigli e aiuti G. Cagnin, G. Castelnuovo, A. De Prisco, E. Crouzet-Pavan, P. Guglie (...)
  • 2 Per quanto sopra cf. G. M. Varanini, M. Zabbia, s. v. «Redusi (Redusii, Redusio, Quero, da Quero) A (...)

1Una tipologia classica delle fonti narrative dell’Italia comunale è quella della cronaca scritta da un notaio, o da un funzionario comunale1. A questa categoria appartiene anche il Chronicon tarvisinum, redatto probabilmente fra il 1420 e il 1430 da Andrea Redusi da Quero (1360 c.-1442), cancelliere del comune di Treviso. Il Redusi era nato da una famiglia inurbatasi ai primi del Trecento nella città veneta (Quero si trova nell’alto Trevigiano, vicina alle chiuse del Piave che separano quel territorio dal Feltrino); l’avo di Andrea, Redusio, era un nobilis rusticanus che aveva sposato Alice di Manfredo da Collalto, appartenente alla famiglia dei conti di Treviso. Anche il padre, Taddeo, fu legato ai Collalto, ma svolse anche una buona carriera pubblica nelle istituzione trevigiane; e avviò nel 1384 il figlio agli studi universitari a Padova. In questa città Andrea Redusi si trovava ancora nel 1391, quando cominciò a lavorare (inizialmente a fianco del veneziano Paolo de Bernardo, ma a partire dal 1416 con piena responsabilità dell’ufficio) nella cancelleria comunale del comune di Treviso, dal 1388 soggetta definitivamente a Venezia. Fu un abile diplomatico, utilizzato dal governo veneziano in missioni impegnative (ad esempio, presso Pandolfo Malatesta, e poi a Sarzana per sollecitare alleanze contro Filippo Maria Visconti). Ma ebbe anche attitudini per il governo degli uomini e per le attività militari, ricoprendo incarichi di notevole responsabilità (a Bassano nel 1406, a Brescia nel 1428) nelle campagne belliche che portarono fra il 1404 e il 1428 alla costituzione del dominio di Terraferma2.

  • 3 Chronicon tarvisinum ab anno MCCCLXVIII usque ad annum MCCCCXXVIII auctore Andrea de Redusiis de Qu (...)
  • 4 Varanini, Zabbia, «Redusi Andrea», art. cit.

2Steso in età matura, il testo di Andrea è di una certa ampiezza e di una discreta qualità letteraria. Nel Settecento, Muratori inserì il Chronicon tarvisinum (da lui così battezzato) nei Rerum italicarum scriptores3, e quanto egli pubblicò è tutto quello che ne resta. Infatti il cospicuo manoscritto quattrocentesco del quale egli si servì, conservato all’epoca nel castello dei conti di Collalto, a S. Salvatore (presso il Piave), fu distrutto durante la prima guerra mondiale, e ad oggi non constano altri testimoni. Si trattava di una cronaca universale, che narrava con ampiezza le vicende politiche e militari venete del Trecento. Per gli anni sino al 1368 c., il Redusi utilizzò largamente Riccobaldo da Ferrara e Guglielmo Cortusi, e per questo Muratori omise questa presumibilmente ampia porzione; pubblicò invece il testo concernente gli anni 1368-1380 (in sostanza la narrazione della guerra veneto-genovese), anch’esso non originale perché Redusi segue pedissequamente la cronaca veneziana di Daniele da Chinazzo. Pertanto, la sola parte originale della cronaca è l’ultima, costituita da una serie alquanto disorganica di episodi. In più casi queste pericopi narrative coinvolgono gli esponenti della famiglia comitale trevigiana, i Collalto appunto, coi quali Andrea Redusi e la sua famiglia avevano già da tempo grande dimestichezza4.

  • 5 P. A. Passolunghi, «Da conti di Treviso a conti di Collalto e S. Salvatore. Presenza politica ed im (...)
  • 6 Si veda I. Lazzarini, s. v. «Gonzaga, Francesco», in Dizionario biografico degli italiani, vol. 57, (...)
  • 7 Il matrimonio per procura era avvenuto nel 1387; la scorta fu composta complessivamente da un migli (...)
  • 8 Cfr. Appendice. Non farò rinvii puntuali al testo.

3Abbandonata la città di Treviso, nella seconda metà del Trecento i Collalto consolidarono il loro profilo di signori rurali, radicandosi definitivamente nel castello di S. Salvatore (la costruzione del quale – presso il Piave – fu favorita da un diploma di Enrico VII), e cercarono di crearsi un proprio spazio nella complicata situazione politica e militare dell’Italia nord-orientale, talvolta in ostilità a Venezia che dal 1339 dominava Treviso5. In questo contesto si colloca la partecipazione del giovane conte Schinella di Ensedisio da Collalto (Schinella VI), già distintosi sul campo di battaglia di Castagnaro nelle fila dell’esercito di Padova carrarese (1387), alla scelta societas di aristocratici della Marca Trevigiana messa insieme (plures advocavit nobiles) da Francesco Gonzaga6 quando fu accompagnata in Francia, nell’estate 1389, Valentina Visconti sposa di Luigi duca di Turenna, fratello minore del re Carlo VI7. È verosimile che Schinella stesso abbia narrato quanto accadde nel soggiorno parigino ad Andrea Redusi. E quest’ultimo – che era cancelliere del comune cittadino, certo, ma come si è visto legatissimo per tradizione familiare ai Collalto nonché consapevole e partecipe della loro Weltanschauung aristocratica – diede al racconto, con la sua buona padronanza del latino, una veste anche letterariamente efficace. All’analisi di tale testo sono dedicate le pagine che seguono8.

  • 9 Passolunghi, I Collalto, op. cit., p. 34-35 (che riassume brevemente anche l’episodio parigino). Iv (...)
  • 10 A. Castagnetti, Il Veneto nell’alto medioevo, Verona, Libreria editrice Universitaria, 1990, p. 126 (...)
  • 11 Per un precedente cancelliere dei conti di Collalto, Tolberto da Trevignano, che si sottoscrive not (...)

4In ossequio all’aura di mitico prestigio della quale l’aristocrazia francese godeva presso i nobili italiani, e consapevole del difficile terreno nel quale Schinella avrebbe dovuto muoversi alla corte di Parigi, Ensedisio da Collalto (informatus de moribus Francigenarum) aveva dato al figlio un suggerimento molto accorto: quello di portare con sé il diploma (corroborato tra l’altro dalla presenza, fra i testimoni, di Orlando ex duodecim paribus), mediante il quale Carlo Magno avrebbe concesso nell’801 alla domus de Collalto, rappresentata dai coniugi Gherardo e Albergonda, la dignità comitale9. Il falso, fabbricato non si sa quando, aveva evidentemente l’obiettivo di riagganciare a una tradizione sentita come maggiormente nobilitante le origini d’una casata di tradizione longobarda, affermatasi in realtà nel secolo x e in particolare in età ottoniana10. Stando al racconto di Andrea Redusi, accadde proprio quanto Ensedisio da Collalto aveva in qualche modo previsto. Schinella fu richiesto dal pincerna regis di esibire le sue credenziali, allo scopo di determinare la sua posizione in occasione di un banchetto: interrogavit si comes esset et qua auctoritate. Fu il cancelliere del conte, Antonio di Federico da S. Salvatore (che aveva accompagnato Schinella sino a Parigi; e la circostanza non è irrilevante11), a esibire il privilegium antiquissimum provvisto di bulla aurea magna, con l’immagine di Carlo Magno a cavallo, cum literis more imperatorum. Dalle mani del pincerna, il diploma passò nelle mani del re, che con un gesto rituale se lo mise sopra la testa (capiti suo imposuit) e lo trasmise al cancelliere, per una lettura pubblica. Questa determinò la visibile devozione di tutti gli astanti (genibus flexis illius audientiam venerabantur), e di conseguenza Schinella sedette al tavolo dei conti. E non meno di questa collocazione così onorifica conta la chiusa della narrazione di Andrea Redusi: il conte di Treviso risulta honoratior in mensa quam dominus Mantuae, licet illo ditior atque potentior, quia sic consuevit curia regis nobilitatem quam potentiam venerari.

  • 12 Per i decenni precedenti – siamo agli inizi del regno di Filippo VI –, dà notizie a proposito della (...)
  • 13 Si veda ad esempio G. Castelnuovo, «Bartole de Sassoferrato et le Songe du Vergier. Les noblesses d (...)
  • 14 G. M. Varanini, «Treviso dopo la conquista veneziana. Il contesto politico-istituzionale e il desti (...)
  • 15 Queste considerazioni si pongono sullo sfondo dell’esauriente quadro disegnato da G. Castelnuovo, Ê (...)

5La valutazione di questo racconto suggerisce due considerazioni. La prima attiene alla plausibilità del falso e al livello delle competenze diplomatistiche che (sia pure in un contesto cerimoniale che rendeva impossibile una expertise adeguata) sono messe in campo dall’entourage regio, anche se in realtà è molto difficile capire di quali strumenti si disponeva, alla corte di Francia alla fine del Trecento, per valutare in modo specifico e puntuale un diploma carolino12. La seconda considerazione discende dall’ultima frase sopra citata: con viva soddisfazione, Schinella da Collalto poté riferire ad Andrea Redusi che alla corte del re di Francia il suo prestigio era risultato superiore a quello del signore di Mantova, per quanto costui fosse più ricco e più potente. Esisteva ancora, grazie al cielo, un paradiso dell’aristocrazia come la Francia, nel quale era pacifica consuetudine venerare più la nobilitas che la potentia e la ricchezza! In sostanza, i riconoscimenti acquisiti in Francia (dove non mancava, in quei decenni, una certa qual ricezione delle discussioni vivacissime in Italia sul concetto di nobiltà13) sono spendibili sul mercato interno, in quella società urbana dell’Italia tardomedievale che aveva scardinato le antiche gerarchie sociali. Ciò valeva in particolare in un contesto come quello di Treviso e del territorio trevigiano, ove anche nel Trecento l’importanza dell’aristocrazia signorile, radicata nei castelli del territorio, non era stata scalzata del tutto dall’affermazione delle nuove élites di età comunale e signorile14. Pur sentendosi a disagio nel mondo urbano – tanto da abbandonare Treviso, per risiedere nel proprio castello –, i Collalto affermavano così la propria identità e il proprio prestigio15.

  • 16 Per il significato di subtelares (o subtelaria), si veda Charles Du Cange, Glossarium mediae et inf (...)
  • 17 Per le aspirazioni di nobilitazione delle famiglie parigine nel Trecento, qualche cenno in R. Cazel (...)

6Considerazioni almeno in parte analoghe sono suggerite dall’altro episodio, che ha un maggiore sviluppo narrativo e che ha come protagonista – insieme con Schinella da Collalto impegnato ad omologarsi in tutto agli aristocratici francesi (studebat moribus illorum assuefacere) – un imprenditore calzaturiero parigino16: non cerdo, ovvero «calzolaio», sed maximus mercator, come lui stesso si auto-definisce. Egli non esercitava con le proprie mani l’arte (meccanica e degradante, agli occhi dell’osservatore italiano e non solo), ma – seduto sul suo scranno nella bottega – comandava a voce cento discipuli17. La costruzione narrativa è molto abile, e ha tratti che rammentano la novella boccacciana di Cisti, il fornaio di modesta estrazione sociale dai tratti signorili e aristocratici, gratificato dall’autore del Decameron di un giudizio di vera nobiltà d’animo. Il Redusi mette in rilievo infatti, innanzitutto, il savoir faire a la finezza psicologica con la quale il mercante suggerisce a Schinella (per il tramite del famulus che il conte trevigiano aveva inviato in avanscoperta) di non vergognarsi a entrare nella sua bottega, ove si fabbricavano scarpe di moda presso gli aristocratici (quo genere comites francigenae utebantur): bottega d’altronde tranquillamente frequentata da molti nobili francesi. Altrettanto efficace è il racconto della più che signorile accoglienza ricevuta da Schinella nella casa del mercante: i lussuosi arredi, l’omaggio garbato delle bellissime figliole del mercator, che invitano l’aristocratico italiano a ballare con loro, e fanno colazione con lui, prima che il padre doni al conte trevigiano le scarpe dernier cri. A contrasto con questa liberalità pienamente aristocratica, ecco da parte del mercator al momento del congedo l’offerta di una grossa somma (6 000 ducati, a fronte di un patrimonio dichiarato di 50 000) perché il conte trevigiano interponga i suoi buoni uffici presso il re affinché – dice l’imprenditore – me eximat ab hac arte et me nobilitet cum filiis meis.

7È interessante osservare che secondo il racconto di Andrea Redusi né Schinella né Francesco Gonzaga, col quale egli si consulta, sembrano scandalizzarsi dell’offerta di una tangente operata dal mercante: sì che il conte trevigiano osa proporre la questione al re. Ma la reazione degli aristocratici francesi (francigenae magnates: definiti dunque con un termine che appartiene alla tradizione comunale italiana) ai quali il re chiede consiglio è durissima. Il solco che separa i due ceti, quello degli ignobiles et divites, della plebs, e quello dell’aristocrazia, è incolmabile. Ne va della maestà del re, reagiscono i nobili con disprezzo sputando a terra: absit a maiestate tua quod in regno tuo tales aggregentur nobilibus regni tui!

8E come il riconoscimento ottenuto grazie al falso diploma poteva essere esibito in casa propria, così anche la sentenza conclusiva messa in bocca a Carlo VI, dopo ovviamente che egli ebbe perdonato Schinella per l’improvvida intercessione, sembra rinviare a una presa di posizione rigorista nel dibattito, in corso in Italia in quei decenni, a proposito dell’idea di nobiltà: Comes mi, hic ut apud Italos nobilitates non mercantur, afferma il re. Mentre Andrea Redusi e i conti di Collalto, invece, sapevano bene che in un modo o nell’altro le nobilitazioni nelle città italiane potevano essere mercate.

Appendice

9Chronicon tarvisinum, in Muratori (cur.), Rerum italicarum scriptores, t. XIX, coll. 796-798. Ho regolarizzato secondo gli usi moderni la punteggiatura e l’uso delle maiuscole, e riproducendo per il resto il testo muratori ano; due modesti interventi sono segnalati in nota.

Comes Virtutum Johannes Galeaz dominus Mediolani et tot atque tantarum civitatum per omnem Italiam magnifice exaltatus filiam nuptui traditam duci Orliensi fratri regis Franciae et pro dote ultra millia millium ducatorum civitatem Asti divitiis opulentam dicto consignavit sponso in dotem, ad quam transducendam ad maritum illam associari fecit per Franciscum de Gonzaga dominum Mantuae qui pro sui societate plures advocavit nobiles Marchie Tarvisinae ; et inter alios precipue carum habuit Schinellam de Collalto comitem Tarvisii militem, vivente patre Hensedixio de Collalto comite Tarvisii, qui informatus de moribus Francigenarum filio consuluit quod secum apportaret privilegium Caroli Magni imperatoris per illum concessum domui de Collalto, confirmantem ad fastigium dignitatis comitalis, in quo privilegio inte ceteros testes introsertos erat Rolandus ex duodecim paribus, ut quum in curiam regis iens cum domino Mantue reperiretur et interrogatus quisnam esset et qua auctoritate se comitem diceret, id clare posset ostendere. Nec in irritum processit cogitamen. Quia dum quadam die in curia et sala regis Parixii de societate domini Mantuae invitati ad prandium cum rege Franciae, ubi tunc aderat rex ipse, et frater eius dux Orliensis, dux de Barì, dux Burgundiae, comes Flandriae, comes Marchae, et multi alii duces, marchiones, comites, domini, milites et barones regis Franciae, dum pincerna regis adstantes discumbere et ordinare vellet dictum Schinellam militem adivit et interrogavit si comes esset et qua auctoritate. Qui ad se vocatum Antonium Fedrici de Sancto Salvatore cancellarium suum et extrahere et praesentare dictum privilegium antiquissimum Caroli Magni cum bulla aurea magna, in qua Carolus Magnus equo insidens sculptus erat, cum literis more imperatorum, fecit atque monstravit. Pincerna hac visa antiquitate privilegium magna cum reverentia sumtum regi presentavit. Qui audita serie facti huius dictum privilegium manu assumtum capiti suo imposuit et extraxit et in manibus archiepiscopi cancellarii sui illud publice legendum tradidit. Quo audito omnes adstantes genibus flexis illius audientiam venerabantur. Post ista pincerna discumbentes ordinavit, regem Franciam solum, duces cum ducibus ad aliam mensam, marchiones cum marchionibus ad aliam mensam, et comites cum comitibus ad aliam mensam, cui mensae Schinella sedens comes discubuit, honoratior in mensa quam dominus Mantuae, licet illo ditior atque potentior, quia sic consuevit cura regis nobilitatem quam potentiam venerari.

  • a nel testo unam
  • b il testo non è emendabile; il contesto suggerisce evidentemente «si rifocillarono», «presero un po’ (...)

Hic Schinella comes hac ex causa in curia regis venerabatur, et propterea studebat moribus illorum assuefacere, et per nuntium familiarem suum emtum misit certum genus subtiliarium mirabiliter laboratorum, quo genere comites francigenae utebantur. Nuntius perquirens ex illis reperire non potuit, nisi unaa in statione tantum. Ad quam vadens, emere postulavit. Magister videns ille esse Lombardum interrogavit cuius esset famulus, et ille dixit ; tunc magister stationis : « Revertere ad eum, et dic ei quod non erubescat huc venire, quia et omnes comites, quando his opus habent, ad me veniunt ». Nuntius ad Schinellam reversus verba illius nuntiavit, et ultra qualiter magister ille videbatur non cerdo, sed maximus mercator, cathedra in stazione sedens, nilque manibus agens sed ore disponebat centum discipulos, qui in eadem arte mirabiliter laborabant. Schinella hoc audito equum ascendit cum omnibus XII famulis suis, et ad locum properavit, et viso magistro illum salutavit. Magister accurrens illi et magna cum reverentia, rogavit ut descendere dignaretur. Quem quum descendisset, sciens magister quid posceret, rogavit et antequam illi subtelares daret vellet domum suam visitare. Comes huius videns comitatem obsequio cessit, et intrans aliam a statione domum in quadam sala magna cortinis de raxa atque tapetis stragulata obviam habuit uxorem magistri, et duas filias virgines et domicellas vestitas pannis sericis pulcherrime laboratis ad instar francigenarum, quae quodammodo humanam formam transcendere videbantur, et in angelicam commutare. Quae quum ad comitem pervenissent, flexis genibus manibusque porrectis dixerunt: « Gratias tibi, magnifice comes, qui patris nostri domus visitare dignatus es. Omnipotens te conservet, et domum tuam cum honore et sospitate feliciter permittat attingere ». Et collatione parata nobilibus vinis atque confectionibus aliqualiter †pitiscerunt†b, et collatione facta virgines illae dixere : « Magnifice comes, nobilitatem tuam rogamus quod digneris aliquantisper choreas agere ». Schinella, nihil moratus, inter utrasque saliens manibus cepit, quae amoeniter et perdulciter canentes ingenue corizarunt ; factisque choreis et collatione reiterata, illae virgines domicellae comiti abeunti patrem recommiserunt suum. Pater adduci fecit laboreria nobilia calciamentorum, et comiti largitus est, et ait: « Magnifice comes, non respicias quod sim cerdo. Ego vere possideo avere plusquam quinquaginta millia ducatorum. Si vis apud regem per me intercedere, qui me eximat ab hac arte atque nobilitet cum filiis meis, ego tibi ex nunc dare promitto sex millia ducatorum ». Schinella comes cerdoni atque filiabus de honore impenso laudem dicit, et suum posse et scire promittit circa petita, et equum ascendens hospitium solitum repetiit, et domino Mantue rem aperit. Dominus ridet, et comiti dicit : « Experire ». Comes quadam die in sala regis et ad regis praesentiam ventus stabat, respiciens regem. Rex viso comite ad se vocavit, et petiit an aliquid vidisset Parixii sibi placitum. Schinella sumta audacia cerdonis honorem et rem totam sibi aperit. Rex arrisit, et convocatis omnibus adstantibus palam dixit : « Hic comes noster hac in civitate et regno a cerdone quodam Parixii magnifice susceptus est, et rogatus maiestati nostrae supplicat, quod cerdonem ignobilem et divitem a plebe segregatum dignemur nobilitare cum filiis ». Tunc francigenae magnates exspuerunt in terram dicentes: « Absit a maiestate tua, quod in regno tuo tales aggregentur nobilibus regni tui ! ». Tunc rex Schinellae applaudens dixit : « Videsne quam honesta sit supplicatio tua ? ». Ad quem comes ille flexis genibus omni cum reverentia mercedem poposcit. Rex illum manu erigens ait : « Comes mi, hic ut apud Italos nobilitates non mercantur ».

Notes

1 Ringrazio per consigli e aiuti G. Cagnin, G. Castelnuovo, A. De Prisco, E. Crouzet-Pavan, P. Guglielmotti, O. Guyotjeannin, L. Ripart.

2 Per quanto sopra cf. G. M. Varanini, M. Zabbia, s. v. «Redusi (Redusii, Redusio, Quero, da Quero) Andrea», in Dizionario biografico degli italiani, vol. 86, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 2016, p. 718-720, con bibliografia; B. B. Pazé, Quero dalle origini al XVIII secolo, t. 1, Quero (Treviso), Comune di Quero, 1990, p. 147-166 (con puntuale ricostruzione biografica).

3 Chronicon tarvisinum ab anno MCCCLXVIII usque ad annum MCCCCXXVIII auctore Andrea de Redusiis de Quero nunc primum in lucem editum ex m.sto codice Collaltino, in L. A. Muratori (ed.), Rerum italicarum scriptores, t. 19, Mediolani, ex typographia Societatis Palatinae, 1731, col. 741-866.

4 Varanini, Zabbia, «Redusi Andrea», art. cit.

5 P. A. Passolunghi, «Da conti di Treviso a conti di Collalto e S. Salvatore. Presenza politica ed impegno religiosi della più antica famiglia nobiliare del Trevigiano», Atti e memorie dell’Ateneo di Treviso, 1, 1983-1984, p. 24-28; Id., I Collalto: linee, documenti, genealogie per una storia del casato, Treviso, B&M edizioni, 1987, p. 54-55; Id., Il castello San Salvatore dei conti Collalto, Villorba (Treviso), Marini editore, 1995, p. 38 ss. Per le inquietudini antiveneziane dei conti di Collalto nella seconda metà del Trecento, si veda qui sotto, nota 11.

6 Si veda I. Lazzarini, s. v. «Gonzaga, Francesco», in Dizionario biografico degli italiani, vol. 57, Roma, Istituto per l’Enciclopedia italiana, 2001, p. 752.

7 Il matrimonio per procura era avvenuto nel 1387; la scorta fu composta complessivamente da un migliaio di cavalieri. Per la descrizione del viaggio si veda J. Camus, «La venue en France de Valentine Visconti, duchesse d’Orléans, et l’inventaire de ses joyaux apportés de Lombardie», in Miscellanea di storia italiana, s. III, 1900 (ma 1898), p. 3-64. Non forniscono ulteriori elementi la recensione di Giacinto Romano sull’Archivio storico lombardo (nel 1899) e la successiva replica del Camus, «La maison de Savoie et le mariage de Valentine Visconti», Bollettino storico-bibliografico subalpino, IV, 1899, p. 113-126. Del resto le ricerche precedenti degli studiosi francesi Maurice Faucon, Eugène Jarry e quelle coeve o successive degli studiosi italiani (Eugenio Comani, lo stesso Romano, più tardi Francesco Cognasso; ometto per brevità i rinvii bibliografici) si concentrano tutte sugli aspetti diplomatici e politici, trascurando quelli cerimoniali.

8 Cfr. Appendice. Non farò rinvii puntuali al testo.

9 Passolunghi, I Collalto, op. cit., p. 34-35 (che riassume brevemente anche l’episodio parigino). Ivi si rammenta che il diploma è menzionato in tarde (cinque-seicentesche) cronache trevigiane, e in una compilazione di fine Settecento (Serie cronologica di tutti i privilegi concessi alla famiglia dei conti di Collalto e San Salvatore, Venezia, dalle stampe di Francesco Andreola, 1798, p. 4, 9). Ai primi del Settecento, segnalarono questa tradizione al Muratori (che li mise in guardia dal prestarle fede) i due conti di Collalto che furono suoi corrispondenti (e che gli fornirono molti documenti originali, accolti nelle Antiquitates); P. A. Passolunghi, «Antonio Rambaldo ed Enrico Collalto corrispondenti del Muratori», in P. Del Negro (ed.), Erudizione e storiografia nel Veneto di Giambattista Verci, Convegno di studi, 23-24 ottobre 1986, Treviso, Ateneo di Treviso, 1988, p. 142-186, qui p. 145.

10 A. Castagnetti, Il Veneto nell’alto medioevo, Verona, Libreria editrice Universitaria, 1990, p. 126-132. Per un cenno alle vicende di Treviso in età carolingia, v. S. Gasparri, «Dall’età longobarda al secolo X», in D. Rando, G. M. Varanini (ed.), Storia di Treviso, t. 2 (Il medioevo), Venezia, Marsilio, 1991, p. 3-39, qui p. 22-26.

11 Per un precedente cancelliere dei conti di Collalto, Tolberto da Trevignano, che si sottoscrive notarius publica imperiali auctoritate et scriba prefati domini comittis (1361), cf. D. Canzian, «Signorie rurali nel territorio trevigiano al tempo della prima dominazione veneziana (1338-1381)», in F. Cengarle, G. Chittolini, G. M. Varanini (ed.), Poteri signorili e feudali nelle campagne dell’Italia settentrionale fra Tre e Quattrocento: fondamenti di legittimità e forme di esercizio, Atti del convegno di studi, Milano, 11-12 aprile 2003, Firenze, Firenze University Press, 2005, p. 227-248, qui p. 237, che cita anche l’episodio del 1389. Tolberto era stato implicato nella congiura antiveneziana (la cosiddetta congiura dei notai) che aveva visto come protagonista Schinella V conte di Collalto in occasione dell’attacco di Ludovico VI re d’Ungheria contro Venezia nel 1356: G. Biscaro, «Una congiura a Treviso contro la signoria di Venezia nel 1356», Archivio veneto, ser. 5, 16, 1934, p. 123-147. Un altro notaio, Collalto di Lanzarotto de la Valle di Belluno, si definisce imperiali auctoritate notarius et scriba curie Collalti (Archivio di stato di Treviso, Corporazioni religiose soppresse, Certosa del Montello, perg. b. 2, copia del 12 gennaio 1376 di un atto dell’8 febbraio 1364; S. Maria dei Battuti, perg. b. 109, n. 15530).

12 Per i decenni precedenti – siamo agli inizi del regno di Filippo VI –, dà notizie a proposito della crescente capacità della cancelleria regia di determinare l’autenticità dei documenti, in particolare su base paleografica (ma di datazione molto più recente), il contributo di E. Poulle, «Les faux de Robert d’Artois et l’histoire de l’écriture», in R. Lejeune, J. Deckers (ed.), Clio et son regard : mélanges d’histoire, d’histoire de l’art et d’archéologie offerts à Jacques Stiennon à l’occasion de ses vingt-cinq ans d’enseignement à l’université de Liège, Liegi, P. Mardaga, 1982, p. 519-534. Sui notai e cancellieri presenti alla corte di Carlo VI si veda, ma in prospettiva attenta alle competenze letterario-umanistiche, il classico articolo di R. H. Bautier, «Chancellerie et culture au Moyen Âge», in G. Gualdo (ed.), Cancelleria e cultura nel medio evo. Comunicazioni presentate nelle giornate di studi della Commissione, Stoccarda, 29-30 agosto 1985, Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 1990, p. 1-75, qui p. 31-33. Per i documenti carolingi, R. H. Bautier, «La chancellerie et les actes royaux dans les royaumes carolingiens», Bibliothèque de l’École des chartes, t. 142, p. 5-80, qui p. 51 (per i sigilli; la bolla d’oro è attestata solo per Ludovico il Pio).

13 Si veda ad esempio G. Castelnuovo, «Bartole de Sassoferrato et le Songe du Vergier. Les noblesses de la cité à l’aune du royaume», in A. Lemonde, I. Taddei (ed.), Circulation des idées et des pratiques politiques : France et Italie (xiiie-xvie siècle), Roma, EFR, 2013, p. 59-71.

14 G. M. Varanini, «Treviso dopo la conquista veneziana. Il contesto politico-istituzionale e il destino di un ceto dirigente», in P. Cammarosano (ed.), Treviso e la sua civiltà nell’Italia dei comuni, Convegno di studio, Treviso, 3-5 dicembre 2009, Trieste, CERM, 2010, p. 429-471, in part. p. 466 ss. per una comparazione con le altre città della Marca Trevigiana.

15 Queste considerazioni si pongono sullo sfondo dell’esauriente quadro disegnato da G. Castelnuovo, Être noble dans la cité. Les noblesses italiennes en quête d’identité (xiiie-xve siècle), Paris, Garnier, 2014; cf. in part. p. 335-336 («Être noble et réussir dans sa cité ?»), p. 415 ss.

16 Per il significato di subtelares (o subtelaria), si veda Charles Du Cange, Glossarium mediae et infimae latinitatis, édition augmentée, Niort, L. Favre, 1883-1887, t. 7, col. 639b, s. v. subtalares, ove si riporta (da una fonte italiana del Duecento) che quidam pauper homo operans de opere cerdonico faciebat enim sutellares.

17 Per le aspirazioni di nobilitazione delle famiglie parigine nel Trecento, qualche cenno in R. Cazelles, in De la fin du règne de Philippe Auguste à la mort de Charles V, Paris, Hachette, 1972, p. 97, 102, 109 («anoblissement de bourgeois»). Più recentemente, B. Bove, C. Bourlet, «Noblesse indigène, noblesse d’État et bourgeoisie anoblie : les mutations de l’aristocratie parisienne, xiie-xve siècle», in Les nobles et la ville dans l’espace francophone (xiie-xvie siècles), Paris, PUPS, 2008, p. 161-198.

Notes de fin

a nel testo unam

b il testo non è emendabile; il contesto suggerisce evidentemente «si rifocillarono», «presero un po’ di cibo e bevande».

© Éditions de la Sorbonne, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search