Version classiqueVersion mobile

La fabrique des sociétés médiévales méditerranéennes

 | 
Marie Dejoux
, 
Diane Chamboduc de Saint Pulgent

Première partie. Au commencement était la Lombardie

Tempo sacro e tempo profano nei contratti delle fonti lombarde dei secoli IX-XII

I campioni di Piacenza e Cremona

Paolo Tomea

Texte intégral

  • 1  Abbreviazioni:

1L’uso di far coincidere le scadenze dei pagamenti periodici, stabiliti in contratti per lo più di livello o affitto, di enfiteusi e di precaria, con le festività di alcuni santi è dato ben noto a ogni frequentatore di fonti diplomatiche medioevali; ma, forse per la sua sostanziale irrilevanza negli ambiti della storia economica, agraria e istituzionale, esso non è mai stato fatto oggetto di ricerche specifiche1. È quanto, invece, ci siamo divertiti a fare in questo contributo, che, partito da un progetto più ambizioso, si limita qui, per ragioni estrinseche, a un’indagine sugli inizi di tale pratica e a un’esigua campionatura, condotta, sempre senza uscire dall’edito o dal descritto, sull’esempio fornito dai documenti di area piacentina, per il IX secolo, e sulle carte relative al territorio di Cremona fino al compimento del XII.

  • 2 . Una ricca esemplificazione è offerta in merito da Jean Mabillon, De re diplomatica libri VI […], (...)

2La fragilità del diaframma tra mondo terreno e mondo altro, che costituisce una linea portante delle concezioni generali del pensiero medioevale, si palesa in maniera assolutamente consueta e banale nei documenti di quell’età. Basti pensare al valore dichiaratamente strumentale alla salvezza dell’anima dell’istitutore/donatore, espresso negli atti costitutivi di monasteri e di edifici ecclesiastici, o ai castighi ultraterreni, resi immediatamente evidenti grazie alle figure vetero e neotestamentarie di Core, di Datan e Abiram, di Giezi, di Eliodoro, di Antioco Epifane, di Giuda, di Caifa e di Pilato, che popolano la minatio relativa a tante disposizioni2.

3Anche la prassi di stabilire il giorno del ricordo di qualche santo quale termine per il versamento del compenso previsto da alcune tipologie di contratto partecipa di questa dimensione «integrata», ma in misura assai meno diretta. Per quanto in essa si possa intuire, all’origine, l’esigenza di porre il patto sotto la tutela di un garante di eccezione, vi si deve sopratutto vedere il naturale adeguamento ai punti di riferimento del calendario liturgico, presto universalmente affermato e probabilmente più immediato, rispetto alle date di una cronologia semplicemente enumerativa.

  • 3 J. Le Goff, «L’Occident médiéval et le temps», in id., Un autre Moyen Âge, Paris, Gallimard, 1999, (...)

4Ma il nostro intervento, oltre a voler fornire una mappa delle presenze che si rilevano nei territori analizzati, mira alla comprensione della ratio in base alla quale erano scelti i santi preposti al pagamento dei canoni. Jacques Le Goff ha ben rilevato la commistione che, proprio in tale ambito, si concreta tra il «tempo della Chiesa» e il «tempo feudale» e, in qualche misura, delinea, in modo implicito, il legame di alcune ricorrenze santorali con il ciclo agrario lavorativo, quando rammenta che le date degli emolumenti dovuti al signore dal contadino marquaient surtout l’automne, saint Michel (29 septembre), saint Remy (1er octobre), saint Martin (11 novembre)3. Tuttavia, se alcune delle festività che tornano con maggiore insistenza si collocano in concomitanza con periodi significativi della vita dei campi o con la chiusura dei lavori annuali, un esame ravvicinato stende davanti ai nostri occhi un ordito più mosso.

Formazione e affermazione dell’uso

  • 4  Papiri greci e latini, t. 1, Firenze/Roma, Edizioni di «Storia e letteratura», 2004, 63, p. 131-13 (...)

5La prima spontanea domanda concerne il momento in cui cominciano a registrarsi attestazioni di compensi messi in relazione con la festa di un santo. In un papiro del VI secolo proveniente da Ossirinco, ho recuperato l’indicazione del prestito di un nomisma, che un tal Iustos si impegna a saldare allo scadere dell’ottava della festa dell’arcangelo Michele4, ma le attestazioni del mondo latino non paiono altrettanto precoci. Su quella che potremmo intitolare l’età degli esordi occidentali, ho condotto per adesso uno spoglio provvisorio, basato sopratutto sul Codice diplomatico longobardo e sulle Chartae Latinae antiquiores anteriori al IX secolo, ma i suoi risultati (sui quali pesa, certo, una più elevata quantità di materiale perduto rispetto ai secoli successivi all’viii) consentono approssimazioni che, in ogni caso, crederei riflettere il reale andamento del processo in questione.

  • 5 Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, pap. 4 (ChLA, XX, 709).
  • 6 CDL, II, 242.
  • 7  ChLA, I, 50, 53-55, 60, 61, 65, 68, 69, 71, 73, 76, 82, 86, 88, 89-97, 99-103, 107; ChLA, II, 110, (...)
  • 8  Per esempio, dicembre 762, Lusciano, Sovana (CDL, II, 167): un animale di un anno in maggio e un p (...)

6Un papiro ravennate della metà ca del VI secolo, nel quale sono riassunte le prestazioni in denaro, natura e lavoro fruite annualmente dall’archiepiscopato in alcuni territori, sebbene gravemente compromesso nella sua integrità, mostra ancora l’utilizzazione del calendario civile, indicando in due occasioni le idi e in altre due le kalendae per la scadenza del pagamento5. Ma, nell’VIII secolo, cui siamo costretti a balzare per la documentazione interessante in questa sede, indicazioni di tal genere parrebbero farsi assolutamente rare; ne ho riscontrato di fatto soltanto una (24 luglio 770, Lucca) nella quale si fa riferimento alle calendas maias6. Al calendario profano per altro si fa ancora ricorso: esso è anzi utilizzato più spesso di quello religioso, ma in una forma semplificata, nella quale si stabilisce semplicemente che quanto pattuito debba essere versato ogni anno, senza che nello scritto sia riportata la precisa data convenuta – come si verifica in misura soverchiante nella documentazione elvetica delle biblioteche di Basilea, San Gallo e Zurigo7 –, oppure con riferimento a un mese o a una stagione8.

  • 9 CDL, I, 57.
  • 10 Limitandomi alle attestazioni anteriori al IX secolo, ricordo, per la Pasqua: 21 gennaio 764, Lucca (...)
  • 11 ChLA, XXXIX, 1146.

7Nello stesso periodo comincia però, come abbiamo appena lasciato intendere, anche il collegamento a festività ecclesiastiche. Le testimonianze più antiche e numerose sono relative alle due maggiori feste de tempore: il Natale e la Pasqua. Entrambe compaiono insieme in un documento, forse chiusino, del 735/7369, ma poi, con un forte predominio del Natale, separatamente10, salvo che in un altro contratto (ottobre 795, Lucca), nel quale le due ricorrenze sacre si sommano ad altre due di carattere mensile/stagionale. In esso, infatti, oltre all’espletamento delle angariae pattuite, ci si impegna alla consegna di un maiale del valore di quattro tremissi ogni Natale, di due polli e dieci uova per Pasqua, e, inoltre, di una definita quantità di vino all’epoca della vendemmia e di un montone castrato nel mese di maggio11.

8Di poco posteriore (ma si tratta di sfumature che potrebbero dipendere unicamente dal caso), il rinvio a festività santorali, che si affaccia egualmente nell’VIII secolo. Queste le attestazioni più antiche, nelle quali mi sono imbattuto:

Quirico 27 dicembre 764, Santa Maria di Gello, Colline Pisane (CDL, II, 181); aprile 784, Calendasco (ChLA, XXVII, 828).
Colombano 25 novembre 772, Lucca (CDL, II, 276).
Stefano agosto 776, Pisa (ChLA, XXVI, 810).
Gallo 1 maggio 783, [area elvetica] (ChLA, I, 104).
Martino luglio 784, Lucca (ChLA, XXXVII, 1093); 22 ottobre 792, Deislingen (ChLA, II, 170).
Antonino 16 marzo 788, in casa sancti Savini [Piacenza] (ChLA, XXVII, 829).
Pietro marzo 793, Lucca (ChLA,XXXIX, 1138).
Germano VIII/IX sec, [area francese] (ChLA, XIV, 594).

9Si può dunque affermare con sicurezza che, a partire almeno dall’VIII secolo, il calendario ecclesiastico si era introdotto, con ogni tipo di festività, a segnare, in un contesto economico di carattere sostanzialmente agrario, anche la data delle contribuzioni. Tuttavia, mentre appaiono palesi le cause che spingevano ad addossare alcune di tali scadenze alle due feste de tempore, che segnavano i momenti più forti dell’anno liturgico, risulta meno agevole cogliere le motivazioni sottese alla designazione di questo primo ventaglio di santi. I giorni nei quali si celebrano Antonino (nel Piacentino 4 luglio, ma più spesso 13 novembre), Gallo (16 ottobre), Martino (11 novembre) e Colombano (23 novembre) coincidono sicuramente con un periodo di chiusura dei lavori delle campagne; quelli di Quirico (16 giugno) e Pietro (29 giugno) appaiono invece piuttosto anticipati in rapporto al momento in cui, effettuata la mietitura, veniva preparato il raccolto, mentre vi si poteva forse prestare la festa di Germano (31 luglio). Infine, la data di santo Stefano (26 dicembre) è a ridosso del Natale.

10Ma indipendentemente da queste consonanze, va subito chiarito che, nel caso di Colombano, Gallo, Pietro e della prima testimonianza di Quirico come di Martino, la scelta proveniva quasi certamente dal fatto che le prestazioni citate nei cinque documenti coinvolgevano, in veste di beneficiarie o erogatrici, fondazioni dedicate al rispettivo santo o personaggi loro legati.

  • 12 Sul contratto, da altra prospettiva, B. Andreolli, M. Montanari, L’azienda curtense in Italia. Prop (...)
  • 13 C. Leonardi, s. v. «Quirico e Giulitta», in id., A. Riccardi, G. Zarri (ed.), Il grande libro dei s (...)

11Ciò non si verifica, invece, per le attestazioni relative a Stefano, Antonino, Germano e a quella di Martino del 792, nelle quali tutte sembra potersi scorgere l’indice di una più generale devozione al santo, seppure verosimilmente congiunta con i momenti del ciclo lavorativo o dell’anno. Più problematica l’interpretazione della scelta di Quirico nel contratto stipulato a Calendasco, presso Piacenza, nel 784, dove Stavelene, uomo libero, riceve da Walcauso un casale, impegnandosi a coltivarlo massaricio nomine per la durata di 15 anni12. Infatti, se, da un lato, i protagonisti del patto sono due laici e, nella carta, non compare alcun riferimento a enti intitolati al martire, non possiamo neppure pensare all’influsso di un culto particolarmente diffuso nei suoi confronti. La venerazione per Quirico, martirizzato con la madre Giulitta a Tarso, sebbene la Passione dei due fosse stata respinta dal Decreto cosidetto Gelasiano, si irradiò presto anche in numerose regioni dell’Occidente13, ma senza che il santo giungesse a consolidarvi un vero esteso patronato: non, almeno, in area piacentina, nella quale, di fatto egli non compare più in altri documenti. Sembra pertanto plausibile che, in questo caso, l’opzione per il suo giorno potesse afferire a una nuova eventualità esplicativa: quella di una devozione personale, probabilmente di Walcauso.

12Nonostante la modesta consistenza numerica delle testimonianze di questo più antico settore, la varietà delle situazioni che ne affiorano, propone già, nella sua sostanziale completezza, la casistica dei criteri in base ai quali, anche in seguito, troveremo determinate le festività santorali addette a contribuzioni periodiche. Ma solo la documentazione successiva mostra in concreto la vita e il successo delle evenienze là allineate. Lasciando da parte le circostanze, assolutamente minoritarie, di devozioni private, a fronteggiarsi sono principalmente le ricorrenze legate a grandi santi il cui culto gode di una irradiazione sovranazionale, a santi protettori delle rispettive località e a santi, infine, titolari dell’ente ecclesiastico che partecipa del contratto. Da osservare che solo per questi ultimi sembra avere poco valore la relazione con momenti opportuni del ciclo agricolo o capitali del computo dell’anno.

Un frammento vivo: Piacenza nel IX secolo

13Una buona esemplificazione del dinamismo storico entro cui si attuano simili confronti può essere letta, in un esame circoscritto per ragioni di spazio al IX secolo, nelle carte di Piacenza, che ho qui preferito sia per la compattezza documentaria sommata alla prossimità storico/geografica con il territorio cremonese, di cui ci occupiamo oltre, sia perché esse vengono a supplire, in parte, il vuoto che caratterizza le fonti diplomatiche di Cremona per i secoli IX e X.

  • 14 ChLA, LXX, 25, 39.
  • 15 ChLA, LXIX, 6, 14; LXXI, 21.
  • 16 CC, 21, 31; ma appena agli inizi del X secolo, nella stessa area, anche 34, 38.
  • 17 ChLA, LXIV, 18, le altre ChLA, LXIV, 7, 10, 22; LXVIII, 10, 16, 31, 35.
  • 18 ChLA, LVIII, 23; LXIX, 22, 23; LXX, 25; le altre ChLA, LXIV, 9; CP, 28; ChLA, LXV, 9, 41; LXVI, 12, (...)

14Nel cronotopo considerato, per quanto concerne i santi e la Vergine, troviamo utilizzate le feste di Martino, Antonino, Maria, Prospero e Pietro. Il principe degli apostoli compare, tuttavia, in sole due occasioni, legate alla chiesa di San Pietro di Varsi (febbraio 888, Piacenza; 15 dicembre 892, Varsi)14, mentre la Vergine, con riferimento alla festa dell’Assunzione, destinata altrove a larga fortuna, non si incontra qui che tre volte (2 febbraio 859, Piacenza; 15 agosto 861, Piacenza; 29 dicembre 897?, Casanova), menzionata oltretutto, nelle prime due circostanze, come festa sancti Marii de mense augusto15. Quanto alla presenza di Prospero (agosto 877, s. l.; novembre 886, s. l.), estraneo alle peculiari devozioni piacentine, si giustifica con una flessione al culto locale, dal momento che entrambi i contratti riguardavano beni siti a Guastalla e a Brescello16. I due veri protagonisti sono il patrono di Piacenza e il vescovo di Tours. Di Antonino si registrano, infatti, otto occorrenze, per una delle quali a concedere il livello in questione è però il custode della chiesa dei Santi Antonino e Vittore ([10-15] giugno 834, Piacenza)17. Ventiquattro quelle di Martino, di cui quattro sono in rapporto a chiese intitolate al santo (18 maggio 839, Piacenza; febbraio 871,Torrana; 25 giugno 872, Marana; maggio 899,Torrana)18.

  • 19 Per le scadenze sacre nei secoli X-XII, cf. Drei: 18 attestazioni Martino (II, 134; III, 35, 79, 85 (...)

15Una scorsa superficiale di questi dati potrebbe far credere la «vittoria» di Martino, oltre che schiacciante, immediata; ma, in realtà – per quanto già in un contratto rilasciato livellario nomine dal custode della stessa chiesa di Sant’Antonino, forse nell’827 (19 aprile, Piacenza), il pagamento fosse fissato per omni missa sancti Martini – essa si precisa in modo netto solo nella seconda metà del secolo. Nella prima parte, al contrario, sono le scadenze poste sotto il segno del martire a prevalere drasticamente su quelle del grande asceta vescovo: sette a tre, non computando i documenti nei quali sono presenti enti dedicati a uno dei due santi. Pur con la necessaria cautela, verrebbe dunque da concludere che Antonino scompaia dall’uso dopo l’848 (gennaio, Tuna), per cedere, pressappoco da quel momento il passo a Martino, la cui supremazia si farà anche maggiore in seguito19.

  • 20 Nell’ordine: ChLA, LXVIII, 6; CP, 24; ChLA, LXIX, 35,37; LXXI, 11; LXIV, 37; CP, 38.
  • 21 ChLA, LXVII, 39.
  • 22 ChLA, LXV, 25.

16Nei documenti piacentini dell’epoca non mancano però anche riferimenti a feste de tempore o ad altri momenti del calendario liturgico. Il Natale è utilizzato come termine di corresponsione, cinque volte a Varsi, sempre da parte della chiesa di San Pietro (15 dicembre 812; 15 dicembre 828; 31 marzo 876; 16 [?] 876; 18 giugno 895), una a Carmiano (845) e una a Niviano (19 luglio 882)20. Una precaria stipulata a Momeliano (aprile 854) prescrive il pagamento in Teofania, cioè all’Epifania21; un livello ottenuto alla chiesa dei Santi Antonino e Vittore (aprile 878, Piacenza), fissa, invece, l’assolvimento del canone, nella Quaresima22.

  • 23 ChLA, LXIV, 29.
  • 24 ChLA, LXVIII, 34, 35. Nel giorno di uno dei due santi doveva cadere anche il pagamento dei beni che (...)

17Da ricordare, infine, anche una scadenza di carattere civile, homni anno in kalendis marcii, stabilita in un altro contratto livellare concesso sempre dalla chiesa dei Santi Antonino e Vittore (1 luglio 844?, Piacenza)23. La compresenza di festività religiose con termini relativi al calendario civile, sia indicati in modo puntuale, come nel livello appena citato, o del tutto generico, in un altro contratto (9 agosto 857, s. l.), che stabilisce il pagamento di una decima alla pieve di San Pietro di Varsi annue, rientra per altro nella norma. Interessante è, se mai, osservare, come l’ente proprietario muti talora i limiti della corresponsione dovutagli, sintomo che nel fissarli avesse forse voce anche l’altra parte o influissero elementi di altro genere. Così, la chiesa di San Pietro a Varsi, che abbiamo visto alternare il Natale e l’anniversario di Pietro, o il vescovo Seofredo, che a pochi mesi di distanza (giugno 847, Piacenza e gennaio 848, Tuna) utilizza prima la festa di Martino e poi di Antonino24.

L’area di Cremona

  • 25 In proposito, fondamentale F. Menant, «La prima età comunale (1097-1183)», in G. Andenna (ed.), Sto (...)

18Ma veniamo ora al territorio di Cremona, che, di primo acchito, mostra una «pelle» estremamente variegata, nella quale è parzialmente lecito cogliere il riflesso della crescita del centro e dell’espansione dei suoi confini politici ed economici, che, già iniziate alla fine dell’XI secolo, si concretano sopratutto nel XII25.

  • 26 CC, 135, 142, 146, 161, 164, 172, 180, 181, 183, 222, 249, 257, 272, 294, 311, 318, 320, 341, 371, (...)
  • 27 CC, 218, 263, 322, 330, 334, 362, 391, 397, 401, 425, 426, 427, 447, 448, 450, 455, 494, 495, 505, (...)
  • 28 Cf. CDCC, 39. CC, 331, 400, 423, 424, 449, 472, 509, 510, 511, 525, 553, 567, 578, 599, 608, 627, 6 (...)
  • 29 CC, 235, 335, 370, 552, 603, 609, 637, 730. AK, 70. S. Tommaso, 11.
  • 30 CC, 546, 645, 663, 710. Cf. CDCC, 150.
  • 31 CC, 536, 541, 668.
  • 32 CC, 296, 297,349.
  • 33 CC, 230, 277.
  • 34 CC, 552, 609.
  • 35 S. Salvatore, 2. Cf. CDCC, 148.
  • 36 AK, 6.
  • 37 CC, 93, 668, 692.
  • 38 CC, 350.
  • 39 CC, 377.
  • 40 CC, 668.
  • 41 CC, 243, 280, 361, 530, 566, 691. AK, 25, 60, 68, 81. Drei, III, 335, 474, 723.
  • 42 CC, 360, 378, 438.
  • 43 CC, 232, 379.
  • 44 CC, 469.
  • 45 CC, 30.
  • 46 CC, 236.
  • 47 S. Leonardo, 2. AK, 67, 81.
  • 48 CC, 118, 230, 243, 276, 572.
  • 49 CC, 473, 474, 475, 476, 477, 478, 479, 481, 482, 484, 485, 486, 488, 490, 491, 492, 498, 499, 534, (...)

19Il primato è conteso dalle feste di Martino (60 attestazioni: la prima 15 agosto 1019, Cremona)26 e dell’Assunzione (45 attestazioni: la prima 27 marzo 1075, Isso)27, qui assai più frequente che nel resto del mondo lombardo. Seguono, nell’ambito santorale e mariano, Michele (19 attestazioni: la prima [1015-1030, Cremona])28, Stefano (10 attestazioni: la prima 29 gennaio 1092, Cremona)29, Nazario (5 attestazioni: la prima aprile 1177, Cremona)30, Lorenzo (3 attestazioni: la prima 2 gennaio 1177, Cremona)31, Sisto (3 attestazioni: la prima 5 dicembre 1127, [Guastalla])32, l’Annunciazione (2 attestazioni: la prima 26 settembre 1086, Cremona)33, la Cattedra di Pietro (2 attestazioni: la prima 28 luglio 1177, Cremona)34, Pietro (2 attestazioni: la prima 2 agosto 1091, Cremona)35 Vittore e Nabore (22 aprile 1021, monastero di San Lorenzo, Cremona)36. Rare le altre ricorrenze del calendario ecclesiastico: Pasqua (3 attestazioni: la prima 31 dicembre 996, Cremona)37, Domenica delle Palme o Quaresima (15 marzo 1151, Cremona)38, Sabato de oliva (14 maggio 1158, Cremona)39 e una Domenica de gluttis (6 novembre 1188, Cremona)40. Consistenti, al contrario, le scadenze stagionali o di tipo civile. Omettendo documenti nei quali si menziona una ciclicità annuale imprecisata: la vendemmia e il raccolto, ricordati come novum tempus, tempus vindemie, vindemia, novum tempus vindemie o recolectionis (13 attestazioni: la prima 29 gennaio 1092, Cremona)41; l’inizio o la durata di un singolo mese: in particolare, le kalendae di gennaio (3 attestazioni: la prima 28[27] dicembre 1153, Cremona)42, di marzo (2 attestazioni: la prima 11 maggio 1088, Cremona)43, di settembre (15-16 febbraio 1172, ultra Pado)44, l’intero decorso di maggio (1 maggio 885, Felline)45, luglio, in coincidenza con il mercato di Guastalla (luglio 1092, iuxta ecclesia Sancti Petri, Guastalla)46, di agosto (3 attestazioni: la prima 1 febbraio 1170, Cremona)47 e di novembre (senza contare i casi di alternativa a Martino, 5 attestazioni: la prima: [post 15 maggio–ante 11 settembre] 1110, Villa Bargani)48; infine, con varie dizioni, il Carnevale (23 attestazioni: la prima 15 maggio 1172, Cremona)49, inteso non con il periodo intercorrente tra l’Epifania e la Quaresima, ma quale giorno preciso (probabilmente il martedì grasso, che precedeva il mercoledì delle Ceneri), come si deduce dalla formula che prevede il versamento anche otto giorni prima o dopo.

  • 50 Sul cenobio, E. Filippini, «Monastero e città: San Pietro al Po di Cremona», in G. Andenna, R. Salv (...)
  • 51 Dal 1166 al 1182 (CC, 423, 424, 449, 509, 510, 511, 608).
  • 52 Halle, Universitäts-und Landesbibliothek, Morbio, I, no LXXXIX (91): cf. CDCC, 144.
  • 53 Per l’ingresso dell’importante porto fluviale nell’orbita cremonese, Menant, «La prima età…», art.  (...)

20Dietro tale superficie si profilano situazioni e forze diverse. In merito alle date ecclesiastiche, da notare subito che la scadenza dell’Assunzione, con solo sei eccezioni, è collegata a documenti relativi al monastero urbano fondato da Ardingo poco prima del 1071: San Pietro al Po, di cui rifletteva evidentemente una scelta devozionale50; e lo stesso dicasi per la ricorrenza di Nazario, sempre associata alla canonica della cattedrale. Al contrario, per il giorno di Michele, salvo due disposizioni legate alla basilica cittadina intitolatagli, tutti i riferimenti – sia affitti, sia termini imposti per l’erezione di torri (a Belforte e a Trigolo) o per il saldo di una somma all’arcivescovo di Magonza – parrebbero motivati da un uso indotto, senza aggancio a dedicazioni locali, dalla diffusa venerazione all’arcangelo. Ma il caso è più complesso, e istruttivo sulla fallibilità delle prime impressioni. Infatti ben sette di tali contratti concernono terreni arativi o vigneti siti a Butalengo51, località dove, indagando meglio, emerge l’esistenza di una chiesa dedicata a Michele, notificata da un atto (20 settembre 1184, Cremona), in cui i canonici della cattedrale danno in pegno a Musso, per un prestito, tota braida suprascripte canonice […] que iacet in Butalengum iuxta ecclesiam Sancti Michaelis52. Le attestazioni di Sisto, estraneo alla tradizione cremonese, sono invece giustificate dall’approdo di Cremona a Guastalla e dai rapporti con il populus piacentino, che, nella circostanza, scavalcava di fatto la badessa di San Sisto, Febronia53.

  • 54 In tale direzione l’assenza di altre testimonianze del Carnevale nelle fonti dell’Italia settentrio (...)
  • 55 Alberto nel 1148 (CC, 341), Rodolfo dal 1180 al 1192 (CC, 575, 576, 581, 731).

21Di interesse ancor maggiore, nell’altro campo, l’uso del Carnevale, che compare esclusivamente in atti rogati dal Comune o relativi a sue proprietà. La dimensione laica della ricorrenza e, insieme, la sistematicità con la quale essa si replica, concentrata in un ridotto arco di tempo (1172-1179), potrebbero, infatti, suggerire l’ipotesi di un’opzione volutamente distintiva, attraverso cui la compagine comunale cremonese esprimeva un’autonoma alterità nei confronti dell’autorità episcopale54. La prudenza è, tuttavia, d’obbligo nell’interpretazione di testimonianze in sé tanto poco esplicite sul loro significato. E, d’altro canto, anche i profili configurati nel settore delle scadenze liturgiche designano una tendenza piuttosto che una regola. Una dimostrazione lampante è prestata dal monastero di San Pietro al Po, dove la radicata consuetudine del riferimento alla festa di Maria Assunta subisce inattese eccezioni, tutte a beneficio di quella di Martino, in alcuni atti dei quali sono diretti protagonisti gli abati Alberto e Rodolfo55.

  • 56 Un solo esempio: in P. Tomea, «Il culto e la memoria di Lorenzo a Milano (sec. V-XIII)», in R. Pass (...)

22Ci arrestiamo qui. Quantunque solo per grandi linee e nella limitatezza delle aree esaminate, la ricerca condotta permette già di mostrare la varietà di circostanze che possono articolarsi dietro al semplice riscontro numerico o all’apparenza delle coincidenze più facili. Al tempo stesso, essa propone anche altri interrogativi e possibili sviluppi, che implicano tuttavia, per acquisizioni sicure, approfondimenti storici mirati e uno sguardo allargato56.

Notes

1  Abbreviazioni:

AK = Akty Kremony,t. 1, ed. S. A. Anninskij, Moskva, Akademija Nauk SSSR, 1937.

CC = E. Falconi, Le carte cremonesi dei secoli VIII-XII,t. 1-4, Cremona, Biblioteca Statale, 1979-1988.

CDCC = V. Leoni, Il codice diplomatico della cattedrale di Cremona, Milano, Silvana, 2010.

CDL = Codice diplomatico longobardo, ed. L. Schiaparelli et al., t. 1-4, Roma, Istituto storico italiano per il medioevo, 1929-2003.

ChLA = A. Bruckner, R. Marichal (ed.), Chartae Latinae antiquiores. Facsimile-edition of Latin Charters prior to the Ninth Century, t. 1-49; G. Cavallo, G. Nicolaj (ed.), 2nd Series. Ninth Century, t. L-CVIII, Olten-Losanna, poi Dietikon-Zurigo, Urs Graf-Verlag, 1954-…

CP = P. Galetti, G. Petracco Sicardi, Le carte private della cattedrale di Piacenza, t. 1, (784-848), Parma, Deputazione di Storia patria per le province parmensi, 1978.

Drei = G. Drei, Le carte degli archivi parmensi, t. 1-3, Parma, Tipografia parmense, 1928-1950.

S. Benedetto, S. Leonardo, S. Maurizio, S. Salvatore, S. Tommaso = carte dei rispettivi monasteri edite da V. Leoni nel sito on line M. Ansani (ed.), Codice diplomatico della Lombardia medievale, Area cremonese, 2003 (http://cdlm.unipv.it/edizioni/cr/, consultato il 15 settembre 2016).

Ricordo tuttavia l’attenzione dedicata agli «elementi extraeconomici» da B. Andreolli, Contadini su terre di signori. Studi sulla contrattualistica agraria dell’Italia medievale, Bologna, CLUEB, 1999, p. 124-125, e, più a margine, altri, tra cui, H. Vollrath, «Il ruolo della signoria fondiaria nella formazione consociativa del diritto. L’esempio dei monasteri di Werden e Rupertsberg», in G. Dilcher, C. Violante (ed.), Strutture e trasformazioni della signoria rurale nei secoli X-XIII, Bologna, Il mulino, 1996, p. 557-594, qui p. 586 e s., 589, 591, e R. Bordone, «Il tempo e il denaro», in G. Archetti, A. Baronio (ed.), Tempus mundi umbra aevum. Tempo e cultura del tempo tra Medioevo e età moderna, Brescia, FCB, 2008, p. 339-346, qui p. 342.

2 . Una ricca esemplificazione è offerta in merito da Jean Mabillon, De re diplomatica libri VI […], Parigi, Charles Robustel, 1709, p. 97-104.

3 J. Le Goff, «L’Occident médiéval et le temps», in id., Un autre Moyen Âge, Paris, Gallimard, 1999, p. 401-420, in particolare p. 411.

4  Papiri greci e latini, t. 1, Firenze/Roma, Edizioni di «Storia e letteratura», 2004, 63, p. 131-132, qui p. 132.

5 Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, pap. 4 (ChLA, XX, 709).

6 CDL, II, 242.

7  ChLA, I, 50, 53-55, 60, 61, 65, 68, 69, 71, 73, 76, 82, 86, 88, 89-97, 99-103, 107; ChLA, II, 110, 113, 115, 119, 122, 125, 128, 129, 132, 135, 139, 140, 143, 144, 146, 150, 152, 163, 164, 167-169.

8  Per esempio, dicembre 762, Lusciano, Sovana (CDL, II, 167): un animale di un anno in maggio e un porco in autunno; giugno 789, in vico Gundualdi (ChLA, XXXIX, 1126): agosto; 11 luglio 792, Lucca (ChLA, XXXIX, 1134): luglio; 24 settembre 794 [Montepulciano] (ChLA, XXIV, 771): maggio; 2 dicembre 799, [area elvetica] (ChLA, I, 148): vertente alio anno.

9 CDL, I, 57.

10 Limitandomi alle attestazioni anteriori al IX secolo, ricordo, per la Pasqua: 21 gennaio 764, Lucca; febbraio 773, Gurgite, Pieve San Paolo, Lucca; 4 maggio 773, Lucca (CDL, II, 176, 280, 283); per il Natale: maggio 761, [area elvetica] (ChLA, II, 165); 24 gennaio 776, Pistoia (ChLA, XXII, 796); 19 gennaio 776, Lucca; 27 gennaio 776, Lucca (ChLA, XXXVI, 1054, 1055); ottobre 780, San Regolo di Gualdo; avanti 1 settembre 781, Lucca; gennaio 784, Paterno (ChLA, XXXVII, 1075, 1077, 1090); novembre 787, San Giusto in Padulo; (ChLA, XXXVIII, 1113); maggio 797, Villa Basilica, Pascio; 11 febbraio 800, Lucca (ChLA, XXXIX, 1159, 1178).

11 ChLA, XXXIX, 1146.

12 Sul contratto, da altra prospettiva, B. Andreolli, M. Montanari, L’azienda curtense in Italia. Proprietà della terra e lavoro contadino nei secoli VIII-IX, Bologna, CLUEB, 1983, p. 58-60.

13 C. Leonardi, s. v. «Quirico e Giulitta», in id., A. Riccardi, G. Zarri (ed.), Il grande libro dei santi, t. 3, Milano, San Paolo, 1998, p. 1686-1687.

14 ChLA, LXX, 25, 39.

15 ChLA, LXIX, 6, 14; LXXI, 21.

16 CC, 21, 31; ma appena agli inizi del X secolo, nella stessa area, anche 34, 38.

17 ChLA, LXIV, 18, le altre ChLA, LXIV, 7, 10, 22; LXVIII, 10, 16, 31, 35.

18 ChLA, LVIII, 23; LXIX, 22, 23; LXX, 25; le altre ChLA, LXIV, 9; CP, 28; ChLA, LXV, 9, 41; LXVI, 12, 15, 16, 29; LXVII, 13, 40; LXVIII, 23, 34; LXIX, 15, 22, 25; LXX, 14, 16; LXXI, 23, 31, 32.

19 Per le scadenze sacre nei secoli X-XII, cf. Drei: 18 attestazioni Martino (II, 134; III, 35, 79, 85, 118, 124, 160, 193, 287, 362, 399, 426, 469, 748, 800, 814, 844, App. 5). 3 attestazioni Assunzione (III, 122, 592, 786). 1 attestazione Biagio (III, 44), Michele (III, 216), Cattedra di Pietro (III, 504), Sisto (III, 606), Natività di Maria (III, 662).

20 Nell’ordine: ChLA, LXVIII, 6; CP, 24; ChLA, LXIX, 35,37; LXXI, 11; LXIV, 37; CP, 38.

21 ChLA, LXVII, 39.

22 ChLA, LXV, 25.

23 ChLA, LXIV, 29.

24 ChLA, LXVIII, 34, 35. Nel giorno di uno dei due santi doveva cadere anche il pagamento dei beni che Seofredo aveva affittato a Orsone (843, Piacenza, ChLA, LXVIII, 28), ma, nella carta, del nome si leggono solo le ultime due lettere ni.

25 In proposito, fondamentale F. Menant, «La prima età comunale (1097-1183)», in G. Andenna (ed.), Storia di Cremona. Dall’alto medioevo all’età comunale, Cremona, Bolis Edizioni, 2004, p. 198-281.

26 CC, 135, 142, 146, 161, 164, 172, 180, 181, 183, 222, 249, 257, 272, 294, 311, 318, 320, 341, 371, 404, 416, 426, 427, 437, 442, 506, 515, 518, 531, 549, 551, 571, 575, 576, 577, 581, 612, 619, 668, 731, 760, 821, 822, 823, 859. AK, 7, 16, 17 (2 contratti), 19, 22, 59, 68, 70. S. Maurizio, 1. S. Salvatore, 5, 7. S Benedetto, 1. Cf. CDCC, 110. Drei, III, 4.

27 CC, 218, 263, 322, 330, 334, 362, 391, 397, 401, 425, 426, 427, 447, 448, 450, 455, 494, 495, 505, 516, 520, 521, 522, 523, 532, 539, 550, 554, 555, 557, 558, 564, 584, 594, 598, 654, 661, 680, 688, 712, 739, 747, 759, 819, 820. Cf. CDCC, 173.

28 Cf. CDCC, 39. CC, 331, 400, 423, 424, 449, 472, 509, 510, 511, 525, 553, 567, 578, 599, 608, 627, 686, 785.

29 CC, 235, 335, 370, 552, 603, 609, 637, 730. AK, 70. S. Tommaso, 11.

30 CC, 546, 645, 663, 710. Cf. CDCC, 150.

31 CC, 536, 541, 668.

32 CC, 296, 297,349.

33 CC, 230, 277.

34 CC, 552, 609.

35 S. Salvatore, 2. Cf. CDCC, 148.

36 AK, 6.

37 CC, 93, 668, 692.

38 CC, 350.

39 CC, 377.

40 CC, 668.

41 CC, 243, 280, 361, 530, 566, 691. AK, 25, 60, 68, 81. Drei, III, 335, 474, 723.

42 CC, 360, 378, 438.

43 CC, 232, 379.

44 CC, 469.

45 CC, 30.

46 CC, 236.

47 S. Leonardo, 2. AK, 67, 81.

48 CC, 118, 230, 243, 276, 572.

49 CC, 473, 474, 475, 476, 477, 478, 479, 481, 482, 484, 485, 486, 488, 490, 491, 492, 498, 499, 534, 561, 562, 563, 565.

50 Sul cenobio, E. Filippini, «Monastero e città: San Pietro al Po di Cremona», in G. Andenna, R. Salvarani (ed.), La memoria dei chiostri, Brescia, CESIMB/Marietti, 2002, p. 151-171; E. Chittò, Il Liber synodalium e la Nota ecclesiarum della diocesi di Cremona (1385-1400), Milano, UNICOPLI, 2009, p. 121-123.

51 Dal 1166 al 1182 (CC, 423, 424, 449, 509, 510, 511, 608).

52 Halle, Universitäts-und Landesbibliothek, Morbio, I, no LXXXIX (91): cf. CDCC, 144.

53 Per l’ingresso dell’importante porto fluviale nell’orbita cremonese, Menant, «La prima età…», art. citato, p. 211-213; sul monastero piacentino di San Sisto, I. Musajo Somma, «San Sisto di Piacenza. Pagine di storia monastica», dans M. Bollati (ed.), I corali benedettini di San Sisto a Piacenza, Bologna, Compositori, 2011, p. 1-29.

54 In tale direzione l’assenza di altre testimonianze del Carnevale nelle fonti dell’Italia settentrionale dei secoli IX-XII da me percorse; M. Tagliabue, San Giovanni Battista del Venda (Padova). Un secolo di storia monastica (1350-1450) tra albi e olivetani, Cesena, Centro storico benedettino italiano, 2015, p. 212 e s. riscontra, invece, comune la festività in contratti legati al monachesimo di area padovana; ma due secoli dopo e con un declassamento da termine di pagamento di un affitto in denaro a quello di versamento di semplici honorantiae.

55 Alberto nel 1148 (CC, 341), Rodolfo dal 1180 al 1192 (CC, 575, 576, 581, 731).

56 Un solo esempio: in P. Tomea, «Il culto e la memoria di Lorenzo a Milano (sec. V-XIII)», in R. Passarella (ed.), Il culto di san Lorenzo tra Roma e Milano. Dalle origini al medioevo, Milano, Biblioteca Ambrosiana/Bulzoni, 2014, p. 55-114, qui p. 84 e s., avevo rilevato l’assiduità con cui nei contratti periodici milanesi si ripeteva la scadenza estiva di Lorenzo, per lo più abbinata con quella autunnale di Martino; ma, in assenza di confronti, non mi ero pronunciato sulla specificità milanese del fenomeno, ora confermata dal paragone con la documentazione relativa a varie zone dell’Italia settentrionale e centrale, escussa nella preparazione di questo contributo.

© Éditions de la Sorbonne, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search