Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Chemins d'outre-mer

 | 
Damien Coulon
, 
Catherine Otten-Froux
, 
Paule Pagès
, 
et al.

Questioni tra Bizanzio e Genova intorno all’anno 1278

Sandra Origone

Texte intégral

  • 1 Β. Z. Kedar, Una nuova fonte per l’incursione musulmana del 934-935 e le sue implicazioni per la st (...)

1Gli studiosi che si sono occupati delle vicende di Genova medievale hanno in genere privilegiato il periodo culminante della proiezione mediterranea della città, suscitando qualche perplessità in chi a ragione giudica opportuno un approfondimento di tematiche meno frequentate, come le origini oscure e le battute iniziali del decollo marittimo e mercantile. In questa prospettiva lo studio delle evidenze interne, piuttosto rarefatte, può trovare e trova sostegno nelle fonti esterne, come è stato ancora recentemente dimostrato1. E tuttavia bisogna rilevare che le fonti, anche quelle più tradizionali, una volta rese adeguatamente fruibili, riservano sorprese e offrono spunti di approfondimento persino per i periodi più studiati. Ciò è vero, se si pensa non solo al ricco materiale notarile in gran parte inedito, ma anche a quello più nettamente circoscrivibile e noto di cancelleria.

  • 2 G. Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo (1257-1311), ASLi, n. s. 14, 1974, p. 395 (ed. ori (...)
  • 3 Regesten der Kaiserurkunden des oströmischen Reiches. 3. Teil, Regesten von 1204-1282, bearbeitet v (...)

2Al centro della nostra attenzione vi è l’atto del maggio 1278, per molto tempo sconosciuto quanto al dispositivo e pertanto citato per quel che si poteva ο del tutto ignorato nella storiografia dell’ultimo periodo delle relazioni tra Michele VIII Paleologo e Genova. Se ne conoscevano solo gli estremi della narratio e dell’escatocollo riportati in una breve notizia pubblicata da Guglielmo Caro: Ex quo nobilis vir d. Guillielmus de Savignono, sollempnis nuncius et ambaxator transmissus ad imperium nostrum ab illustribus viris, potestate, capitaneis, ancianis populi, consilio et Comune civ. Jan. [...] Actum in sacro palatio Blakernarum (anno 6786 dell’era bizantina) a.d. nat. 1278, ind. 5, mense Madii2. Su questa base riconosciuto genericamente come scritto della cancelleria di Michele VIII Paleologo, ne venne incluso il regesto nel terzo volume della raccolta a cura di Franz Dölger e Peter Wirth segnalandolo con una formula generica, senza poterne individuare la tipologia: « Schreiben für Genua, im Blachernenpalast ausgefertigt, dem Guglielmo da Savignono übergeben: unbekannten Inhalts3. »

  • 4 I Libri lurium della Repubblica di Genova, I/5, a cura di E. Madia, Genova-Roma 1999 (Fonti per la (...)

3A distanza di circa trent’anni la recente riedizione dei Libri Iurium genovesi, condotta sulla tradizione manoscritta di tutti i codici pervenuti, ha restituito il testo latino completo anche della data del giorno, ovvero il 3 maggio 1278, dell’atto conservato in copia autentica solo nel registro Vetustior, che non si era potuto utilizzare per l’edizione ottocentesca degli Historiae Patriae Monumenta. Sulla base di tale copia e della relativa autenticazione è possibile individuare i caratteri dell’originale. Il testo definisce l’atto stesso privilegium signatum et bullatum bulla aurea imperii nostri, e l’autenticazione del notaio Benedetto de Fontanegio dà una descrizione sintetica dell’originale, da lui visionato e trascritto nel registro in cui ancora oggi è conservato: Ego Benedictus de Fontanegio, sacri Imperii notarius, ut supra extraxi et exemplificavi a privilegio predicto bullato bulla aurea pendenti in cera violeta in qua bulla sculpta erat ab una parte ymago Iesu Christi cum talibus litteris « ICXC » et ab alia parte ymago domini imperatoris cum litteris grecis et dictum privilegium scriptum erat in pergameno cum litteris quibusdam grecis in eo scriptis rubei coloris ut in dicto privilegio vidi et legi, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto, sententia in aliquo non mutata, et in publicam formam redegi, de mandato tamen et auctoritate domini Rogerii de Guidisbobus, potestatis Ianue, M°CC°LXXVIII°, indicione VIa, die VIIa decembris, inter nonam et vesperas, presentibus testibus Lanfrancho de Valario et Bernabove de Porta4.

  • 5 S. Origone, Realtà e celebrazione nella prospettiva delle relazioni tra Bisanzio e Genova, Comuni e (...)
  • 6 Regesten, citato supra n. 3, 1906a, 1921, 1940, 1941, 1990, 1991, 2016, 2017, 2019, 2020, e ulterio (...)

4Secondo questo testo, dunque, l’esemplare perduto, redatto su pergamena, conteneva lettere greche in cinabro, la bolla d’oro pendente, composta di due facce unite da cera violacea e istoriate, l’una con l’immagine di Cristo e il monogranna « ICXC », l’altra con quella dell’imperatore e le relative iscrizioni greche, e pertanto è possibile individuare in tale atto effettivamente un crisobollo della cancelleria bizantina, rilasciato in Costantinopoli all’ambasciatore genovese Guglielmo de Savignono. Ne danno conferma altri aspetti: la breve narratio, introdotta con la formula iniziale ex quo corrispondente al greco ἐπεί l’indicazione della presenza della bolla d’oro e della sottoscrizione imperiale, la nota di emissione collegata alla data ... in qua nostrum pium et a Deo promotum ad roburem et firmitatem signavit presens privilegium et iussit bulla aurea communiri feliciter, probabile adattamento latino della formula conclusiva del chrysobullos logos dell’ultimo periodo5. Inoltre ulteriori elementi nell’escatocollo di questa versione latina, la datazione topica, in sacro palacio Blakernarum, e la datazione cronica dalla creazione del mondo secondo l’uso greco e dalla nascita di Crista secondo l’uso latino, suggeriscono l’ipotesi che la redazione dell’atto abbia subito l’influenza della prassi notarile, che caratterizza i documenti bizantini destinati alle città italiane della seconda metà del secolo xiii. Nell’insieme della documentazione ufficiale genovese-bizantina successiva al trattato del 1261, questo privilegio è preceduto da una serie di azioni diplomatiche, note attraverso i documenti ο la storiografia: due lettere imperiali del 1262 (di cui una pervenuta nella traduzione latina), una lettera del 1264; una lettera anteriore al 1280 (pervenuta nella traduzione latina), un privilegio nel 1267; un trattato fra il 1272 e il 1275 (documentato da tre atti latini), 2 prostagmata del 1275, almeno cinque ambascerie bizantine a Genova e sei ambascerie genovesi a Costantinopoli, precedenti quella di Guglielmo de Savignono del 12786. E’ dunque evidente che l’atto del 1278 deve essere inquadrato nell’ambito delle relazioni bizantino-genovesi successive al 1261 e specificamente in rapporto al precedente accordo del 1275, trattandosi in entrambi i casi di testi che fanno riferimento alla convenzione stipulata a Ninfeo.

  • 7 I testi sono pubblicati in L. Sauli, Della colonia dei Genovesi in Galata, Torino 1831,2, p. 204-20 (...)
  • 8 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, citato supra n. 6, p. 672-678; D. (...)
  • 9 Balard, La Romanie génoise, citato supra n. 8, 2, p. 681-682.
  • 10 L. T. Belgrano, Cinque documenti genovesi-orientali, ASLi 17, 1885, p. 236-239; Caro, Genova e la s (...)

5Il primo trattato è stato ampiamente studiato, anche per quanto ne concerne la tradizione. Ne possediamo infatti il testo in tre redazioni latine, due delle quali risalgono al 1272 e una al 12757. Deno John Geanakoplos, sulla scorta di Camillo Manfroni, le ha poste in successione suggerendo la stesura dapprima del testo sotto-posto dal legato bizantino Ogerio al cancelliere genovese Lanfranco di San Giorgio nella forma interlocutoria di domanda e risposta, quindi il testo del trattato con il riferimento al mandato in data 29 agosto 1272 per Lanfranco di San Giorgio, autorizzato a trattare presso l’imperatore, e infine il testo della ratifica genovese del 25 ottobre 1275. Il tempo trascorso sino alla ratifica della parte genovese con ogni evidenza significa un ritardo della sua applicazione e infatti sembra proprio che si siano frapposti eventi politici di ampia portata, come l’avvio delle negoziazioni tra Genova, Venezia e Carlo d’Angiò con l’intermediazione della Curia romana nel 1273 e l’inizio della guerra contro gli Angioini8. Tant’è vero che solo al tempo della ratifica del 1275 il commercio genovese in Romània raggiunse i livelli più alti dei primi anni Settanta, dimostrando i benefici effetti dell’accordo9. Nella documentazione diplomatica di questo periodo rientra anche una lettera inviata da Michele VIII Paleologo ai capitani del popolo e al podestà di Genova. Attribuita nell’edizione di Luigi Tommaso Belgrano a un momento successivo al 1275 e con qualche dubbio a circa il 1280, era stata ricondotta successivamente da Camillo Manfroni e da Gheorghe I. Bratianu al 1274 ο tutt’al più all’inizio del 1275 per i riferimenti contenuti nel testo al devetum circa nostrum imperium, che allude a un periodo di sospensione dei traffici genovesi, da questi autori ritenuto anteriore alla rappacificazione del 127510.

  • 11 Nicephorus Gregoras, Byzantina Historia, ed. L. Schopen, Bonn 1829 (CSHB), 1, p. 133-137; Georges P (...)
  • 12 Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, 1, p. 394, n. 29; Bratianu, Recherches, p. 139; Gean (...)
  • 13 Andreae Danduli ducis venetiarum Chronica per extensum descripta aa. 46-1280 d.C, a cura di E. Past (...)
  • 14 Balard, La Romanie génoise, 1, p. 54; 2, p. 777 e n. 34. Per la successione di questi avvenimenti, (...)

6Gli studiosi concordano nell’individuare una crisi delle relazioni bizantino-genovesi in concomitanza con i due incidenti ben noti, di cui riferisce lo storico bizantino Giorgio Pachimere, ripreso da Niceforo Gregora11: l’opposizione di alcuni Genovesi alla concessione del monopolio dell’allume del mar Nero ai loro compatrioti Zaccaria, già insigniti della concessione di Focea con i suoi consistenti giacimenti, manifestatasi con un grave affronto all’imperatore e con sconsiderati atti di pirateria; inoltre l’uccisione di un costantinopolitano da parte di un genovese. L’imperatore in entrambi i casi si fece ripagare delle offese umiliando l’orgoglio dei Genovesi, che avrebbero risposto ritirandosi dall’impero. La reazione genovese alle richieste dell’imperatore, in passato datata al 1275 ritenendo già appianati gli incidenti nel 1276, è stata attendibilmente posticipata alla primavera di questo anno, in considerazione del devetum di recarsi nella Romània che il governo genovese impose ai suoi mercanti, di cui parla la lettera menzionata di Michele VIII12. Infatti proprio a partire dalla stagione primaverile estiva di questo anno si verificò il crollo degli investimenti genovesi nella Romània, evidente conseguenza di un embargo, e nel 1277 Michele VIII per parte sua riprese i contatti con Venezia, ne ricevette gli ambasciatori Marco Bembo e Matteo Gradonico e concluse con i Veneti una tregua biennale13. Nella prospettiva, indicata da Michel Balard, la lettera dell’imperatore sarebbe posteriore agli incidenti raccontati da Pachimere e Gregora e anteriore a un nuovo ristabilimento della pace fra le due potenze, grazie all’invio del legato Guglielmo de Savignono con la conseguente ripresa dei traffici mercantili, testimoniata dalla documentazione notarile14.

  • 15 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 678; Caro, Genova e la suprema (...)
  • 16 ASG, Notai antichi, 79, c. 269v.-270v. Uno dei tre atti relativi al carico di sale di Corrado de Ra (...)

7L’inviato genovese a formale garanzia del rispetto dei Genovesi nella Romània ottenne il privilegio emanato il 3 maggio 1278, il cui testo non solo conferma la ripresa delle relazioni bizantino-genovesi a livello diplomatico, ma rivela anche dettagli sul contesto difficile del periodo precedente. Tale crisobollo dunque era destinato a ricucire l’accordo, richiamando i Genovesi a Costantinopoli, ristabilendo la situazione di cui avevano goduto secondo le disposizioni del trattato del 1261 e rimettendo loro le offese arrecate all’Impero, eccetto quelle di un gruppo di nove individui, le cui diverse colpe, però, non sono esplicitate. C’è da dire che le condizioni dei Genovesi nella Romània non sono oggetto di ulteriore trattazione; avevano trovato posto, infatti, già nel precedente patto, il cui carattere di mera conferma della convenzione stipulata a Ninfeo, indicato da Camillo Manfroni e da Guglielmo Caro, non convince Deno John Geanakoplos15. Se certo dal punto di vista dell’interesse mercantile nell’atto del 1275 si coglie la necessità di chiarire argomenti già affrontati in quello del 1261, che si erano ο potevano prestarsi ad abusi ed equivoci, come la giurisdizione del podestà sui reati commessi dai Genovesi, la collaborazione mercantile con i Greci, la competenza dei commerciarii in sede di compra e vendita, il rispetto delle norme riguardo alle merci di mercanti di altra nazionalità, la disciplina in materia di esportazione di metalli preziosi, grano e altri rifornimenti alimentari, questa è solo una parte dell’accordo, indubbiamente importante, visto che le questioni qui disciplinate emergono non appena la ripresa dei traffici ci pone di fronte ad atti come quelli del 12 luglio 1278, che riguardano proprio fideiussioni prestate nei confronti dei commerciarii a favore di Corrado de Rainaldo di Noli per la transazione di un carico di sale in sua custodia a Costantinopoli16.

  • 17 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 674; M.-H. Laurent, Innocent V (...)

8Non si può sottovalutare, tuttavia, l’aspetto politico-militare, che ora non riguarda più la lotta contro Venezia bensì l’approssimarsi di una nuova situazione, con dettagliate clausole relative alla scelta del podestà di Pera in una persona rispettosa dell’onore della propria città e dell’imperatore, alla segretezza dell’uscita delle navi greche dai porti per spedizioni militari, al diritto ribadito di requisire per esigenze militari le navi mercantili in sosta nei porti bizantini, alla repressione della pirateria e dello spionaggio genovese. Nello stato di allerta militare si coglie l’eco della guerra marittima sostenuta dal Paleologo contro Carlo d’Angiò e i suoi alleati: nel 1272, quando l’inviato bizantino Ogiero e Lanfranco di San Giorgio redassero la prima bozza dell’accordo, il re di Sicilia aveva manifestato concretamente i propri piani di aggressione proclamandosi re di Albania; nel 1275, quando il 25 ottobre la parte genovese ratificò il trattato, la situazione era evoluta nella tregua greco-angioina voluta dal pontefice Gregorio X e concordata fino al maggio 1276. Ma in entrambi i momenti Michele VIII si sentiva particolarmente minacciato e, pur stringendo la sua amicizia con i Genovesi, non si fidava completamente di questi alleati, come dimostra l’imposizione alle loro navi, che si trovassero nelle aree di manovra della flotta bizantina, di un’attesa in rada fino a venti giorni17.

  • 18 I trattati con Bisanzio 1265-1285, a cura di M. Pozza, G. Ravegnani, Venezia 1996 (Pacta veneta 6), (...)
  • 19 S. Runciman, I Vespri siciliani. Storia del mondo mediterraneo alla fine del tredicesimo secolo, Mi (...)
  • 20 I Libri Iurium, citato supra n. 4, I/5, 870, p. 127-128.
  • 21 Pachymérès, Relations, 1, p. 243; Belgrano, Cinque documenti, citato supra n. 10, p. 227-229; Caro, (...)
  • 22 Per l’ambasceria di Guglielmo di Ventimiglia, cfr. Annales Piacentini Ghibellini, ed. G. H. Pertz, (...)
  • 23 Annali genovesi, citato supra n. 6, 4, p. 65-66. L’Annalista informa che il podestà Guglielmo Guerc (...)

9Come si è visto, il crisobollo del 1278 ebbe immediati riflessi sulla situazione mercantile producendo il ristabilimento dei viaggi genovesi nella Romània, ma la materia trattata ha un carattere squisitamente politico, anzi possiamo dire che questo testo si colloca al centro di un turn-over delle relazioni bizantino-genovesi. Nel 1278 dall’Italia provenivano segnali di distensione: l’anno precedente era stato stipulato un trattato fra Venezia e l’Impero ed era in vigore un accordo fra Venezia e Genova, tuttavia l’ostilità del pontefice Nicolò III nei confronti di Carlo d’Angiò si era notevolmente attenuata18. L’approssimarsi di una nuova minaccia angioina, considerate le difficoltà a realizzare l’unione religiosa, richiedeva l’impegno saldo e coerente dei Genovesi con la rinuncia a proteggere antichi e recenti nemici dell’Impero19. Qui si apre la parte più circostanziata del documento che fa riferimento ai settori in cui i cittadini genovesi avevano operato e tuttora operavano a detrimento dello stato bizantino: videlicet factum domini Guillelmi comitis de Vintimilio, factum Guillelmini Guercii qui est inimicus nostri imperii in Moreis, factum Lucheti de Tiba qui est inimicus noster in Zagora, factum Percivallis de Varagine qui est inimicus noster in Trapesonda, factum Oberti Migardi, factum Iacobi Lombardi, factum Nicolai Storbaioci et factum Marabottorum Lanfrankini et Iacobi quod potestati Ianuen(sium) committimus cognoscendum20... Il primo riferimento riguarda l’affare assai lontano del conte di Ventimiglia, Guglielmo Pietro, e suona a conferma della sua adesione, un tempo, al partito antibizantino. L’informazione di Giorgio Pachimere indica che allora a Guglielmo Pietro Michele VIII aveva dato in moglie una delle figlie del suo predecessore Teodoro II Lascaris, senza alcun chiarimento della situazione che trova soltanto qualche laconica spiegazione nel testo della lettera del 1262 quando l’imperatore, considerandolo karissimum generum imperii, lo rimandò a Genova con la sposa, dopo averlo liberato e avergli consegnato ventimila iperperi per investimenti. Sulla scorta di queste notizie Guglielmo Caro ha postulato la partecipazione del Conte, che nel 1258 aveva dovuto cedere i possessi e i diritti nella contea avita a Carlo d’Angiò, all’alleanza di Manfredi con il Villehardouin e il despota di Epiro sconfitta a Pelagonia (1259), mentre la sua appartenenza allo schieramento antiangioino non può essere messa in dubbio anche in seguito21. Sappiamo infatti che nel 1271 aveva ricoperto l’incarico di ambasciatore di Alfonso X di Castiglia presso i ghibellini lombardi e che al fianco di Genova aveva combattuto contro l’offensiva di Carlo d’Angiò degli anni 1273-1276, ottenendo nel 1274 la restituzione dei possessi liguri. Dunque la sua presenza in questo elenco di nemici dell’Impero presuppone una nuova colpa, di cui, forse coinvolto nell’opposizione dei Lascaris, egli si sarebbe reso responsabile, piuttosto che un semplice riferimento alla sua passata militanza con Manfredi22. In ogni caso la sua azione contro l’Impero sembra ormai cessata. Diversamente per Guglielmo Guercio si segnala l’attività in corso nello schieramento antibizantino, qui est inimicus noster in Moreis. L’accostamento alla figura del conte Guglielmo Pietro può confermare l’identità tra il primo podestà dei Genovesi a Costantinopoli e l’ammiraglio di Guglielmo di Villehardouin nella Morea. Di certo, stando all’Annalista genovese, anche il Guercio podestà del 1264, aveva agito a favore di Manfredi contro i Bizantini e a causa del suo tradimento era stato bandito dalla patria. Ora, però, al seguito del Villehardouin, si trovava al servizio della causa angioina in Morea23. Fin qui i personaggi più conosciuti, ricordati nel documento.

  • 24 Runciman, I vespri siciliani, citato supra n. 19, p. 208, 255-256; Geanakoplos. Emperor Michael Pal (...)
  • 25 S.P. Karpov, L’impero di Trebisonda, Venezia Genova e Roma, 1204-1261. Rapporti polìtici, diplomati (...)

10Vi si allude infatti anche ad altre situazioni, ma i protagonisti sono individui assai meno noti. Come spesso avviene per intrighi internazionali, le fonti contemporanee sono reticenti. In questa materia lacunosa il crisobollo del 1278 suggerisce indizi sulle insidie genovesi nei settori critici dell’area pontica: la Bulgaria, scossa dagli intrighi della bizantina Maria, sposa di Costantino Tich, ucciso in battaglia da Lachanas che, divenuto marito della vedova e zar (1277-1279), si contrappose al candidato filobizantino Mytzes (Ivan III Asan)24; lo stato di Trebisonda, ove Giorgio Comneno avanzava il titolo imperiale25. Inutile sottolineare che la politica unionista di Michele Paleologo incontrava una forte opposizione da parte di questi come di altri potentati rivali tanto nei Balcani quanto nella Grecia, verso i quali Carlo d’Angiò non mancò di indirizzare la propria diplomazia.

  • 26 Bratianu, Recherches, p. 301-309.
  • 27 I dati si riferiscono ai seguenti reperti del 1277: ASG, Notai antichi, 9/I, 12/I, 53, 72, 79, 86; (...)
  • 28 Atti senza destinazione compaiono, ad esempio, con una certa frequenza in ASG, Notai antichi, 53. P (...)
  • 29 Annali genovesi, 4, p. 180.
  • 30 ASG, Notai antichi, 76, c. 227r.: atto del 17 maggio 1278, ricordato in A. Ferretto, Codice diploma (...)
  • 31 L. Balletto, Notai genovesi in Oltremare. Atti rogati a Laiazzo da Federico di Piazzalunga (1274) e (...)

11La presenza latina nel mar Nero è l’altro fattore di cui tenere conto: com’è noto già nel 1274 i Genovesi, da pochi anni stabiliti a Pera, erano attivi a Soldaia, Vatiza e Siwas26. Negli anni della crisi con Costantinopoli certamente i loro traffici deviarono dalla Romània e divennero più intensi altrove. Se prendiamo a mo’ di campione un gruppo di atti commerciali del 1277, rileviamo che allora i traffici si indirizzavano soprattutto verso le aree tirreniche (Corsica, Sardegna, Sicilia, Napoli, Provenza) e inoltre verso la Spagna, l’Oltremare, Tunisi, l’Armenia ed eccezionalmente Tripoli, Alessandria, Ceuta, Bugea27. Il significato del devetum a recarsi nella Romània, imposto dai Genovesi ai propri mercanti, nonostante qualche prevedibile eccezione probabilmente riscontrabile nella relativa frequenza dei traffici marittimi privi dell’indicazione della destinazione, è tuttavia indubbio non solo considerando l’irrilevanza numerica ma anche la natura degli atti pervenuti in riferimento ai territori dell’Impero, che appaiono risoluzioni di negozi contratti precedentemente, sebbene non se ne possa escludere del tutto la stipulazione nel periodo vietato28. Di certo per il 1277 non ci sono pervenuti contratti di accomendacio, societas o nolo per la Romania. Altre evidenze, tuttavia, indicano che il flusso dei Genovesi a Costantinopoli non si era mai del tutto interrotto. La vita dell’insediamento genovese di Pera non sembra abbia subito contraccolpi durante questa crisi, anzi l’Annalista, raccontando lo scontro con alcuni Pisani a Costantinopoli nel 1277, ricorda che in quella circostanza nella capitale vi erano dei Genovesi e che erano molto numerosi nel mar Nero, descrive i Peroti pronti a intervenire in difesa dei propri connazionali e parla dell’arrivo a Pera di una galea dei Bancheri proveniente da Genova carica di mercanzie, messasi poi all’inseguimento dei Pisani intercettandoli a Soldaia29. Possiamo supporre che la comunità di Pera abbia continualo la propria regolare esistenza sotto il governo del podestà inviato da Genova, che nel 1277 doveva essere Ansuisio Grillo, ricordato come già deceduto il 17 maggio 1278, quando il padre Amico Grillo venne assolto a Genova per l’importo di 30 iperperi pertinenti l’eredità del figlio30. D’altra parte è anche vero che la situazione di crisi dell’area pontica può aver favorito la crescita dell’insediamento di Laiazzo, la cui vitalità proprio negli anni 1277 e 1279 è ben documentata31.

  • 32 Pachymérès, Relations historiques, 2, p. 449, 549-569, 589-591. Cfr. G. Jireček, Geschichte der Bul (...)
  • 33 G. I. Bratianu, Actes des notaires génois de Péra et de Caffa de la fin du treizième siècle (1281-1 (...)
  • 34 Bratianu, Actes des notaires génois, citato supra n. 33, docc. 5, 25, 103; Id., Recherches, p. 172; (...)
  • 35 R. J. Loenertz, Mémoire d’Ogier, Protonotaire, pour Marco et Marchetto, nonces de Michel VIII Paléo (...)

12Ma l’interesse del mar Nero non si può sottovalutare ed era tale da spingere i Genovesi a scavalcare il tradizionale alleato bizantino e a tramare per crearsi alternative o anche solo per mitigare la recente durezza di Michele VIII che li aveva fortemente umiliati. Vi erano condizioni favorevoli: i possessi bizantini dell’area pontica occidentale con le fortezze di Sozopoli, Agathoupolis, Kanstritzion e i centri marittimi di Mesembria e Anchialos difesi dal mongolo Nogai, divenuto genero dell’imperatore nel 1272, erano oggetto di aspra contesa tra l’imperatore e il bulgaro Costantino Tich, la cui morte peraltro determinò una successione di eventi negativi per il paese, a cui si è fatto sopra riferimento32. E possibile che nel contesto della conflittualità tra il potentato bulgaro e l’impero bizantino si fossero insinuate le trame dei Genovesi e che l’inizio della loro frequentazione della costa bulgara debba essere anticipata di qualche anno, senza dubbio anteriormente al 1278, rispetto alle evidenze mercantili risalenti al 128133, rappresentando probabilmente la figura di Luchetto de Tiba, qui est inimicus noster in Zagora, uno dei promotori dell’iniziativa per stabilire la presenza ligure in quell’area, consolidatasi poi ulteriormente nel xiv secolo. Anche per Trebisonda le notizie sul primo insediamento genovese sono molto rarefatte, nonostante siano ben documentati contatti ai confini di questo stato con Vatiza fin dal 1274 e successivi traffici con la stessa Trebisonda nel 128134 . La figura di Percivalle de Varagine, qui est inimicus noster in Trapesonda, assume, però, un particolare rilievo in rapporto alla presenza genovese in questa città. La sua collocazione tra i nemici dell’impero deve essere collegata all’antagonismo di Giorgio Comneno nei confronti di Costantinopoli e al clima a cui si riferisce la lettera di Ogiero, protonotario e capo degli interpreti della cancelleria di Michele VIII, a Marco e Marchetto ambasciatori del pontefice Nicolò III. Tra gli avversari dell’unione con Roma viene indicato appunto il principe di Trebisonda. Non conosciamo approfonditamente i fatti a cui fa riferimento Ogiero, quando parla della delegazione degli oppositori costantinopolitani al regime di Michele VIII sotto il pretesto della sua politica ecclesiastica: ipotesi e dubbi sono stati avanzati sulla nazionalità dei Latini, accusati in questo testo di essersi uniti alla cospirazione per sobillare Giorgio di Trebisonda35. Il nome di Percivalle de Varagine chiarisce l’accusa del protonotario, rendendo evidente la partecipazione dei Genovesi alle trame perpetrate a Trebisonda contro il Paleologo e consentendo di cogliere forse i prodromi dell’insediamento genovese nella città, dove nel giro di qualche anno, comunque anteriormente al 1290, si sarebbe insediato il primo console ligure di cui si abbia notizia, Paolino Doria.

  • 36 Annali genovesi, 5, Roma 1929, p. 16-17.

13Lo scopo di Michele VIII di eliminare ogni collusione tra i Genovesi e i rivali dell’Impero che, approfittando del dissidio religioso per la politica unionista, avrebbero potuto essere attratti nel gioco dell’aggressione latina a Bisanzio, è ormai chiaro: questi erano anche i termini dell’alleanza bizantino-genovese, rinnovata nel 1278 nella prospettiva della mobilitazione antiangioina che l’imperatore stava preparando e foriera della collaborazione descritta da Jacopo Doria a proposito della reazione genovese all’invito di Carlo d’Angiò a partecipare alla conquista dei territori greci nel 1281: Unde in continenti per comune Ianue fuit armata galea una in Ianua per comune, et missa ad dictum imperatorem, significando eidem omnia supradicta. Dictus autem imperator gratum hoc a comuni valde accepit, ac tamen terram suam et civitates constanter fecit omnibus necessariis optime premunire36. I documenti del 1278 e del 1280 peraltro rendono possibile esaminare quali vantaggi derivarono dalla ricomposizione dell’alleanza bizantina, inducendo l’opinione collettiva genovese a perseguirla con determinazione.

  • 37 La figura di Guglielmo de Savignono si collega all’attività mercantile, con negoziazioni in tarì d’ (...)
  • 38 ASC, Notai antichi, 37, c. 155r.: Vivaldo Trencherius di Taggia dichiara a Iacobeto di Modena lanai (...)
  • 39 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 88r.-v., 91r.
  • 40 ASG, Notai antichi, 63/I (notaio Palodino de Sexto), c. 85r., 85v.-86r.
  • 41 ASG, Notai antichi, 79 (notaio Manuele de Albara), c. 262v.-263r.
  • 42 Cfr., ad esempio, ASG, Notai antichi, 63/I, c. 88r.-88v.; 79, c. 263r.-263v.
  • 43 Annali genovesi, 5, p. 9-10. Si è escluso dalla considerazione l’anno 1279 per l’esiguità degli att (...)
  • 44 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 91r.: investimento di 3.335 lire genovesi; c. 91r.: investimento di 3. (...)

14Ignoriamo il momento della decisione di inviare Guglielmo de Savignono ambasciatore a Costantinopoli37, ma è probabile che vi si sia provveduto al più tardi all’inizio del 1278. Il 18 gennaio, infatti, in una stagione peraltro abbastanza insolita per i traffici mercantili, la galea di Leonardo Borborino doveva recarsi nella Romània. E questo è il primo viaggio nell’Impero che si evidenzi in un documento attribuibile al periodo del devetum, cessato appunto col privilegio del maggio successivo38. Solo con la stagione estiva di quest’anno è possibile cogliere i risultati delle negoziazioni condotte dall’ambasciatore genovese. Nel luglio successivo l’embargo era terminato, nonostante qualche documento notarile per traffici diretti nell’Impero faccia cautelativamente riferimento alla condizione preter devetum39. Gli atti dei notai Leonino de Sexto e Manuele de Albara rogati nei mesi di luglio e agosto, particolarmente favorevoli per i viaggi lungo le rotte più lunghe, dimostrano un notevole afflusso di merci e capitali nella Romània, verso cui è indirizzato il 75 per cento degli investimenti marittimi, mentre altre piazze come l’Armenia, Maiorca, la Corsica, Tunisi, la Provenza sono rappresentate sporadicamente. In questo periodo partono alla volta della Romània una navis di Benedetto Zaccaria e soci, la galea Alegrancia di Percacio di Portovenere40 e un’altra ancora di Gasparino Grillo41. L’effetto psicologico del rilancio del mercato romaniota potrebbe aver prodotto una risposta immediata e il fenomeno temporaneo della crescita dei traffici in quella direzione, come suggerirebbe la dichiarazione abbastanza frequente negli atti dell’impiego di capitali provenienti da precedenti negoziazioni, forse svolte su altre piazze42. Ma la tendenza positiva continua nel 1280, quando a detta di Jacopo Doria furono armate sette galee, di cui tre cariche di mercanzia, il cui valore superava le centomila lire, e le altre quattro dei mercanti definite ricchissime: anche in questo anno, nei mesi estivi, circa la metà delle transazioni marittime riguardano la Romània (49 per cento), seguita da Maiorca (20 per cento), dalla Provenza con le città di Narbona, Marsiglia, Montpellier, Aigues-Mortes, Arles (14 per cento) e da altre destinazioni occasionali (Sardegna, Alessandria, Siria, Armenia, Bugea, Corsica, Pisa, Messina)43. Importanti sono soprattutto i nomi degli operatori, nella maggioranza appartenenti all’alta aristocrazia mercantile, quasi totalmente di antica tradizione (Boccanegra, Calvo, de Camilla, Cibo, Cigala, Contardo, Dona, Grillo, Guasco, Guercio, Leccavela, Lercari, Lomellino, Mallone, Maloccello de Mari, Musso, de Nigro, Pinelli, Sardena, Serra, Spinola, Squarciafico, Usodimare, Zaccaria e persino i Fieschi), in genere ben disposti a impegnare somme di notevole entità, senza chiudere gli spazi a individui di altre città, soprattutto mercanti astigiani, nolesi e altri rivieraschi e a piccoli investitori per operazioni modeste. Certo il mercato della Romània in questa fase attrae soprattutto capitali ingenti: basti pensare che il 32 per cento circa degli investimenti del 1278 e del 1280 raggiungono o superano le 100 lire e che le accomendaciones più rilevanti, in cui per Io più si uniscono diversi capitalisti per l’esportazione di panni, drappi, tele, argento, hanno entità di qualche migliaia di lire44.

  • 45 Per una descrizione della società genovese nel secolo xiii cfr. G. Petti Balbi, Una città e il suo (...)
  • 46 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 90v.-91r. 11 17 novembre 1277 si risolve a Genova l’accomendacio di 1. (...)

15Un esame della situazione delineata in rapporto alle dinamiche interne della società genovese del tempo, descritta per la sua capacità di assimilare nuove convergenze di interessi, non può non tener conto del posto rilevante delle esportazioni di manufatti in Occidente come pure a Bisanzio45. Il mercato della Romània fin da ora infatti non richiede soltanto produzione tessile occidentale, ma anche oggetti di oreficeria e prodotti dell’artigianato. Sullo sfondo dell’attività degli operatori genovesi appaiono due realtà complementari: da una parte l’élite bizantina, facoltosa, attenta alle suggestioni tecnico-artistiche esterne e in grado di soddisfare il proprio gusto innovativo, dall’altra il ceto mercantile genovese, precocemente impegnato a coniugare la produzione di alta qualità con le esigenze dei mercati più raffinati. E’ significativo, se pure con un rilievo di eccezione, il caso degli oggetti preziosi in argento e corallo, vasellame e utensili d’argento (syphos et gacos, rellorium), coltelli, spade, tela deaurata e anche rarità come i clericifalchi, portati nel 1278 in Romània in società da Inghetto Spinola che, podestà di Pera nel 1272, qualche anno dopo negoziatore in partibus Romanie per Nicolò Boccanegra, conosceva bene le esigenze del lusso a Costantinopoli e, forte della sua esperienza, avrebbe continuato a commerciare tra le sponde del mar Nero46. La complessità delle componenti sociali coinvolte nella produttività e nelle operazioni mercantili e, dunque, la cointeressenza di diversi settori dell’economia cittadina per il mercato della Romània sono fattori determinanti che guidano le linee della politica estera genovese.

  • 47 Per Lucheto de Tiba, cfr. L. Balletto, Genova nel Duecento. Uomini nel porto e uomini sul mare, Gen (...)
  • 48 I de Varagine alla fine del Duecento erano numerosi a Caffa, cfr. Balard, Les actes de Caffa, 59, 1 (...)
  • 49 Balard, Les actes de Caffa, 791. Percivalle Marabotto, ricordato nelle richieste di indennizzo del (...)

16E possibile che negli anni della crisi la direttrice del mar Nero, abbandonata a livello ufficiale, fosse stata perseguita grazie allintraprendenza di personaggi minori, tutti appartenenti peraltro all’entourage mercantile, impegnati a sondare possibilità alternative. Al milieu composito delle componenti coinvolte nei traffici marittimi appartenevano senz’altro individui come quelli ricordati nel crisobollo del 1278, Lucheto de Tiba, Percivalle de Varagine, Oberto Migardo, Iacobo Lombardo, Nicolò Storbaioco, Lanfranco e Iacobo Marabotti. Individualmente questi personaggi dicono poco, non ne se ne trova menzione negli Annali e solo in qualche caso se ne trova ricordo nei documenti del tempo. Fra tutti il meglio documentato è Lucheto de Tiba, del quale sappiamo che era un genovese residente a Pera e che nel 1274, praticando la pirateria col proprio Ugnimi, aveva assalito a Cembalo un’imbarcazione veneziana in viaggio da Costantinopoli a Soldaia. In genere si può pensare che la scarsa notorietà dei protagonisti fosse opportuna per questo tipo di attività, ed è possibile che ciascuno di loro si muovesse autonomamente, ma non c’è motivo di ipotizzare un’azione rivale o concorrenziale rispetto agli interessi della collettività genovese, a cui appartengono essi stessi e le loro famiglie. Per comprendere il dinamismo di questi gruppi e la complessità dei legami che garantiscono il successo mercantile basterà osservare che in questi stessi anni un de Tiba, Bonifacio, il più rappresentativo della famiglia, già membro della magistratura degli Otto Nobili nel 1249, è presente in operazioni commerciali a Genova nel 1268, a Laiazzo nel 1279, poi ancora a Genova nel 1280, impegnato a inviare in Romània il figlio Iacobino con un’accomandacio di 400 lire per conto di Simone fu Opizzone Fieschi, e tale Iacobino potrebbe corrispondere a un altro Iacobo, attivo sul mercato della Romània sempre nel 1280. Inoltre, in un momento imprecisabile ma con certezza prima del 1294, un Nicolò de Tiba, cittadino genovese, indipendentemente dal comportamento di Lucheto o forse a incidente appianato, era stato con una propria galea al servizio di Michele VIII e anche di Ivan III Asan (desspotus Assanus), che aveva regnato sulla Bulgaria, gradito ai Bizantini, dal 1279 al 1280, ma che è segnalato col titolo di despoto dal 128447. E ancora: i de Varagine costituiscono un gruppo molto attivo nell’insediamento di Caffa tra il 1289 e il 129048, dove è documentato anche un Marabotto nella persona di Percivalle, mentre une Iacobino Marabotto, forse lo stesso Iacobo del 1278, nel 1280 ha a che fare con una grossa operazione di trasporto di panni a Costantinopoli sulla nave Santo Spirito49. Dunque, un filo di continuità lega i personaggi indicati nel privilegio come nemici, o almeno le loro famiglie, agli insediamenti del mar Nero e, più in generale, all’attività mercantile genovese, che anche la loro azione mirava a promuavere.

  • 50 Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, I, p. 377-380; Lopez, Benedetto Zaccaria, citato sup (...)

17Nel 1278 l’iniziativa, comunque, venne ripresa dal governo dei Capitani e rientrò nei canali dell’ufficialità. La situazione era favorevole: l’imperatore isolato aveva compiuto il primo passo ed era ben disposto a mantenere gli accordi del 1261, riservandosi di richiamare i Genovesi a un impegno coerente, adeguato alla situazione politica del momento. Ed è indubbio che, quando le navi del Regno si trovavano impegnate in una impari guerra in difesa delle coste e il pontefice Nicolò III colpiva la città ligure con la scomunica per la sua politica antiangioina, la situazione delle relazioni bizantino-genovesi era tornata ad essere quella di vent’anni prima, con l’impero stretto fra potentati ostili e Genova come sola alleata50. Il privilegio del 1278, mantenendo le condizioni mercantili del 1261, ribadite nel 1275, comportando un ulteriore chiarimento della linea politica e identificando precise responsabilità laddove si erano verificate situazioni conflittuali, non solo aveva chiuso una crisi temporanea, bensì il lungo periodo del difficile decollo della presenza dei Genovesi nel mar Nero.

Notes

1 Β. Z. Kedar, Una nuova fonte per l’incursione musulmana del 934-935 e le sue implicazioni per la storia genovese, Oriente e Occidente tra Medioevo ed Età moderna. Studi in onore di Geo Pistarino, a cura di L. Balletto, Acqui Terme 1997, 2, p. 605-616.

2 G. Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo (1257-1311), ASLi, n. s. 14, 1974, p. 395 (ed. orig.: Genua und die Mächte am Mittelmeer, 1257-1311, Halle 1895-1899).

3 Regesten der Kaiserurkunden des oströmischen Reiches. 3. Teil, Regesten von 1204-1282, bearbeitet von F. Dölger, P. Wirth, München 1977, n° 2039, p. 135.

4 I Libri lurium della Repubblica di Genova, I/5, a cura di E. Madia, Genova-Roma 1999 (Fonti per la Storia della Liguria 12; Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Fonti 29), 870, p. 127-129. Per la tradizione dei Libri lurium genovesi, cfr. I Libri lurium della Repubblica di Genova, Introduzione a cura di D. Puncuh, A. Rovere Genova 1992 (Fonti per la storia della Liguria 1; Pubblicazioni degli Archivi di Stato 12).

5 S. Origone, Realtà e celebrazione nella prospettiva delle relazioni tra Bisanzio e Genova, Comuni e memoria storica. Alle origini del comune di Genova. Atti del Convegno di Studi, Genova. 24-26 settembre 2001, ASLi, n. s. 42, 2002, p. 551-582. Per la tipologia del chrysobullos logos a partire dal xiii secolo, cfr. F. Dölger, J. Karayannopoulos, Byzantinische Urkundenlehre, München 1968, p. 124-125.

6 Regesten, citato supra n. 3, 1906a, 1921, 1940, 1941, 1990, 1991, 2016, 2017, 2019, 2020, e ulteriori riferimenti ad ambascerie nei testi indicati. Inoltre per l’ambasceria di Frexonus Maloccello del 1265, cfr. P. Riant, Exuviae sacrae constantinopolitanae, Genève 1878, 2, p. 186; C. Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, ASLi 28, 1898, p. 671; Annali genovesi di Caffaro e de’suoi continuatori, 4, Roma 1926, p. 66, 107, 115.

7 I testi sono pubblicati in L. Sauli, Della colonia dei Genovesi in Galata, Torino 1831,2, p. 204-208; G. Bertolotto, Nuova serie di documenti sulle relazioni di Genova con l’lmpero bizantino, ASLi 28, 1897, p. 500-511.

8 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, citato supra n. 6, p. 672-678; D. J. Geanakoplos, Emperor Michael Palaelogus and the West. 1258-1282, Cambridge, Mass. 1959, p. 248-250. Inoltre cfr. Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, citato supra n. 2, 1, p. 293-294, n. 4; M. Balard, La Romanie génoise (xiie-xve siècle), Roma 1978 (Bibliothèque des Écoles françaises d’Athènes et de Rome 235; ASLi, n.s. 18, 1978), 1, p. 52-53.

9 Balard, La Romanie génoise, citato supra n. 8, 2, p. 681-682.

10 L. T. Belgrano, Cinque documenti genovesi-orientali, ASLi 17, 1885, p. 236-239; Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, 1, p. 394-395, n. 30; Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 679-680; G. I. Bratianu, Recherches sur le commerce génois dans la mer Noire au xiiie siècle, Paris 1929, p. 139.

11 Nicephorus Gregoras, Byzantina Historia, ed. L. Schopen, Bonn 1829 (CSHB), 1, p. 133-137; Georges Pachymérès, Relations historiques, 1-2, ed. A. Failler, Paris 1984 (CFHB 24), 2, p. 535-543. Cfr. W. Heyd, Histoire du commerce du Levant au Moyen Âge, Amsterdam 1983 (ed. orig.: Leipzig 1885-1886), 1, p. 438-439; Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 679; Bratianu, Recherches, citato supra n. 10, p. 140; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, citato supra n. 8, p. 250-252; Balard, La Romanie génoise, 1, p. 53.

12 Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, 1, p. 394, n. 29; Bratianu, Recherches, p. 139; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 250. Per la revisione della datazione, cfr. Balard, La Romanie génoise, 2, p. 681, 687-688, 776-777: Pachymérès, Relations, citato supra n°. 11, 2, p. 538, n. 3.

13 Andreae Danduli ducis venetiarum Chronica per extensum descripta aa. 46-1280 d.C, a cura di E. Pastorello, Bologna 1942-1958 (Rerum Italicarum Scriptores 12/1), p. 324.

14 Balard, La Romanie génoise, 1, p. 54; 2, p. 777 e n. 34. Per la successione di questi avvenimenti, cfr. anche R. S. Lopez, Benedetto Zaccaria, ammiraglio e mercante nella Genova del Duecento, Firenze 1996 (tit. orig.: Genova marinara nel Duecento, Benedetto Zaccaria ammiraglio e mercante, Messina-Milano 1933), p. 39-40, che attribuisce la punizione dei corsari genovesi al 1276, la lettera di Michele VIII alla conseguente circostanza del devetum e la soluzione della crisi al 1278, in relazione con l’ambasceria di Guglielmo de Savignono.

15 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 678; Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, p. 293-294; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 249-250.

16 ASG, Notai antichi, 79, c. 269v.-270v. Uno dei tre atti relativi al carico di sale di Corrado de Rainaldo di Noli è stato pubblicato in Bratianu, Recherches, p. 311-312.

17 Manfroni, Le relazioni fra Genova, l’impero bizantino e i Turchi, p. 674; M.-H. Laurent, Innocent V et Michel VIII Paléologue, Le bienheureux Innocent V (Pierre de Tarentaise) et son temps, Città del Vaticano 1947 (Studi e testi 129), p. 259, 268-274. Sono gli anni dell’offensiva bizantina sul mare, fra il 1274 e il 1275, contro l’Albania e la Tessaglia, nel 1276 contro Negroponte e le isole dell’Arcipelago: sulle vicende di questo periodo, cfr. V. Laurent, La croisade et la question d’Orient sous le pontificat de Grégoire X (1272-1276), Revue Historique du Sud-Est Européen 22, 1945, p. 106-137; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 279-300.

18 I trattati con Bisanzio 1265-1285, a cura di M. Pozza, G. Ravegnani, Venezia 1996 (Pacta veneta 6), p. 79-110; C. Manfroni, Relazioni di Genova con Venezia dal 1270 al 1290, Giornale Storico e Letterario della Liguria 2, 1901, p. 372-373; Caro. Genova e la supremazia sul Mediterraneo. 2, p. 398-391.

19 S. Runciman, I Vespri siciliani. Storia del mondo mediterraneo alla fine del tredicesimo secolo, Milano 1976 (tit. orig.: The Sicilian Vespers. A History of the Mediterranean World in the Later Thirteenth Century, London 1959), p. 238-240, 243-244. In particolare sulla diffidenza del pontefice nei confronti della possibilità della fine dello scisma, cfr. D. J. Geanakoplos, On the Schism of the Greek and Roman Churches. A Confidential Papal Directive for the Implementation of Union (1278), Greek Orthodox Theological Review 1, 1954, p. 16-24.

20 I Libri Iurium, citato supra n. 4, I/5, 870, p. 127-128.

21 Pachymérès, Relations, 1, p. 243; Belgrano, Cinque documenti, citato supra n. 10, p. 227-229; Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, 1, p. 129.

22 Per l’ambasceria di Guglielmo di Ventimiglia, cfr. Annales Piacentini Ghibellini, ed. G. H. Pertz, Hannover 1863 (MGH, SS, 18), p. 553; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 253, che ricorda anche un ulteriore contatto, quando nel 1273 il Conte con altri lombardi si sarebbe recato presso il sovrano di Castiglia per sollecitare il suo aiuto. Per la sua politica fra Genova e Carlo d’Angiò cfr. Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, l, p. 143-148, 337-353; M.-H. Laurent, Innocent V et Gènes, Le bienheureux Innocent V, citato supra n. 17, p. 287-307. Sull’opposizione dei Lascaris, cfr. Gregoras, Byzantina Historia, citato supra n. 11, 1, p. 173-174; Pachymérès, Relations, 1, p. 265, la cui testimonianza, peraltro, esclude la fuga di Giovanni IV presso Carlo d’Angiò: cfr. Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 217, 362.

23 Annali genovesi, citato supra n. 6, 4, p. 65-66. L’Annalista informa che il podestà Guglielmo Guercio venne bandito dalla patria con la facoltà di convertire la pena nel pagamento di una multa di 10.000 lire. La probabile identificazione dell’ammiraglio con il podestà è suggerita in Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, 1, p. 167, n. 37. Per Guglielmo Guercio, ammiraglio del principe di Acaja verso il 1275 e il 1276, divenuto castellano di Clarenza nel 1283, cfr. C. Minieri Riccio, Il regno di Carlo I d’Angiò dal 2 gennaio 1273 al 31 dicembre 1283, Archivio Storico Italiano, s. IV, 5, 1880, p. 184; K. Hopf, Geschichte Griechenlands vom Beginn des Mittelalters bis auf unsere Zeit, Leipzig 1867 (Allgemeine Enzyklopädie der Wissenschaften und Künste 85), I, p. 252; D. A. Zakythinos, Le Despotat grec de Morée. Histoire politique, édition revue et augmentée par Ch. Maltézou, London 1975, p. 52; A. Bon, La Morée Franque. Recherches historiques, topographiques et archéologiques sur la Principauté d’Achaïe (1205-1430), Paris 1969, р. 143, 163.

24 Runciman, I vespri siciliani, citato supra n. 19, p. 208, 255-256; Geanakoplos. Emperor Michael Palaeologus, p. 232, 274, 29In.; A. E. Laiou, Constantinople and the Latins. The Foreign Policy of Andronicus II 1282-1328, Cambridge, Mass. 1972, p. 29. Maria, figlia di Irene sorella di Michele VIII, come la madre, era antiunionista.

25 S.P. Karpov, L’impero di Trebisonda, Venezia Genova e Roma, 1204-1261. Rapporti polìtici, diplomatici e commerciali, Roma 1986, p. 196-197, ritiene poco verosimile la possibilità di un collegamento con la coalizione di Carlo d’Angiò, sebbene questi nel 1266-1267 avesse affidato a Arnaldo marinarius, cittadino e mercante di Marsiglia, incarichi presso il sovrano di Trebisonda e I’Il-Khan di Persia (G. del Giudice, Codice diplomatico del regno di Carlo I e II d’Angiò dal 1265 al 1309, Napoli 1863,I, p. 219-223, che menziona altre analoghe testimonianze di politica estera presso diversi potentati orientali); l’imperatore di Trebisonda si sarebbe limitato, infatti, nei confronti di Bisanzio a una contrapposizione politica, procedendo alla propria incoronazione imperiale e accogliendo gli antiunionisti.

26 Bratianu, Recherches, p. 301-309.

27 I dati si riferiscono ai seguenti reperti del 1277: ASG, Notai antichi, 9/I, 12/I, 53, 72, 79, 86; Notai ignoti, 3.31, 14.128, 20.186, 25.28.

28 Atti senza destinazione compaiono, ad esempio, con una certa frequenza in ASG, Notai antichi, 53. Per traffici con la Romània indicati negli atti del 1277 cfr. Notai antichi, 12/I, c. 181v. (27 aprile 1277): soluzione di una fideiussione per un viaggio in Romània; c. 190v. (15 maggio 1277): soluzione di un debito per un viaggio nella Romània: c. 200v. (8 giugno 1277): soluzione di un debito per un carico di pepe venduto a Costantinopoli; c. 200v.-201r. (8 giugno 1277): soluzione di un debito per il nolo della galea Sant’Antonio a Costantinopoli; 72. e. I99r. (17 novembre 1277): soluzione di un debito in iper-peri d’oro al peso di Costantinopoli; 79. c. 238v. (17 novembre 1277): soluzione di un’accomandacio di 1931 lire, contratta in Romània da Inghetto Spinola per conto di Nicolò Boccanegra con Bonifacio Beaqua. Si fa presente che talvolta gli affari potevano prorogarsi nel tempo come nel caso di un negozio del 1274 per 345 iperperi ad sagium de Constantinopoli, trattato ancora a Genova nel 1278 (cfr. ASG, Notai ignoti, 19.180b. c. 5v.-6r.).

29 Annali genovesi, 4, p. 180.

30 ASG, Notai antichi, 76, c. 227r.: atto del 17 maggio 1278, ricordato in A. Ferretto, Codice diplomatico delle relazioni fra la Liguria, la Toscana e la Lunigiana ai tempi di Dante (1265-1321). ASLi 31/2, 1903, p. 244. Ansuisio Grillo, considerato da Bratianu, Recherches, p. 326, podestà dei Genovesi a Costantinopoli nel 1278, invece poteva aver ricoperto la carica nell’anno precedente, poiché il 17 maggio 1278 se ne parla come quondam Ansuisium, olim existentem in partibus Romanie potesiatem super Ianuensìbus, collocandosi pertanto tra Giannotto Spinola per il 1276 e Ansuisio Spinola per il 1278, indicati da Balard, La Romanie génoise, 2, p. 899. Annali genovesi, 4, p. 180.

31 L. Balletto, Notai genovesi in Oltremare. Atti rogati a Laiazzo da Federico di Piazzalunga (1274) e Pietro di Bargone (1277, 1279), Genova 1989 (Collana storica di fonti e studi 53).

32 Pachymérès, Relations historiques, 2, p. 449, 549-569, 589-591. Cfr. G. Jireček, Geschichte der Bulgaren, Praga 1876, p. 275-280; sull’influenza bizantina alle foci del Danubio sino alla morte di Nogai, che ne segna il declino, cfr. V. Laurent, La domination byzantine aux bouches du Danube sous Michel VIII Paléologue. Revue Historique du Sud Est Européen 22. 1945. p. 184-198.

33 G. I. Bratianu, Actes des notaires génois de Péra et de Caffa de la fin du treizième siècle (1281-1290), Bucarest 1927, docc. 34, 80 (Mesembria); M. Balard, Gênes et l’Outre-Mer I. Les actes de Caffa du notaire Lamberto di Sambuceto, 1289-1290, Paris 1973, docc. 258.488.885 (Vicina). Inoltre, anche per il successivo sviluppo del commercio genovese in quest’area, cfr. Id., Les Génois dans l’Ouest de la mer Noire au xive siècle, Actes du XIVe Congrès International des Études Byzantines, Bucarest 1975,2, p. 21-32; Id., La Romanie génoise, 1, p. 143-150; V. Gjuzelev, Du commerce génois dans les terres bulgares durant le xive siècle, Revue Bulgare d’Histoire 4, 1979, p. 36-58; M. Balard, Les Génois et les régions bulgares au xive siècle, Bulgaria Pontica Medii Aevi, 1, Premier symposium international, Nessèbre, 23-26 mai 1979, Sofia 1981 (Byzantino-bulgarica 7), p. 87-97 ( = La mer Noire et la Romanie génoise, xiiie-xve siècles, London 1989, IX); G. Pistarino, All’origine dei rapporti bulgaro-genovesi (1281-1290), Genova e la Bulgaria nel Medioevo, Genova 1984 (Collana storica di fonti e studi 42), p. 53-87.

34 Bratianu, Actes des notaires génois, citato supra n. 33, docc. 5, 25, 103; Id., Recherches, p. 172; Balard, La Romanie génoise. 1. p. 134-135; Karpov, L’impero di Trebisonda. citato supra n. 25. p. 142-143.

35 R. J. Loenertz, Mémoire d’Ogier, Protonotaire, pour Marco et Marchetto, nonces de Michel VIII Paléologue auprès du pape Nicolas III (1278, Printemps-été), Bizantina et Franco-Graeca, Roma 1970 (Storia e letteratura. Raccolta di Studi e Testi 118), p. 537-572, che a p. 546 avanza l’ipotesi, ora confermata, della presenza di Genovesi, forse di Pera, nella delegazione degli oppositori di Michele VIII. Per contro, cfr. Karpov, L’impero di Trebisonda, p. 197.

36 Annali genovesi, 5, Roma 1929, p. 16-17.

37 La figura di Guglielmo de Savignono si collega all’attività mercantile, con negoziazioni in tarì d’oro e seta, e all’attività diplomatica già sperimenta nella sua qualità di giurisperito per la tregua fra Genova, Venezia e Pisa al fine facilitare il passaggio delle flottiglie di Luigi IX nel 1270 (Ferretto, Codice diplomatico, citato supra n. 30, 1, p. 107, 209, 346). Una galea Savignonorum figura tra le richieste di indennizzo all’Impero del 1294: cfr. Bertolotto, Nuova serie, citato supra n. 7, p. 519. I suoi interessi gravitavano anche nell’area provenzale: il 2 gennaio 1278 Vassallino de Campis a nome suo dà in accomendacione a Ugolino Bucucio la sesta parte di una galea per recarsi ad Aigues-Mortes (ASG, Notai antichi, 12/1, c. 239r.); all’anno 1279 l’Annalista informa che con Simone Grillo e altri nobili pagò una fideiussione per la liberazione degli Astigiani trattenuti in carcere da Carlo d’Angiò (Annali genovesi, 4, p. 186).

38 ASC, Notai antichi, 37, c. 155r.: Vivaldo Trencherius di Taggia dichiara a Iacobeto di Modena lanaiolo di Santa Sabina di aver pagato la fideiussione di 2 lire e 16 soldi su richiesta di Oberto di Porto Maurizio per il fatto che doveva andare in Romània sulla galea di Leonardo Borborino.

39 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 88r.-v., 91r.

40 ASG, Notai antichi, 63/I (notaio Palodino de Sexto), c. 85r., 85v.-86r.

41 ASG, Notai antichi, 79 (notaio Manuele de Albara), c. 262v.-263r.

42 Cfr., ad esempio, ASG, Notai antichi, 63/I, c. 88r.-88v.; 79, c. 263r.-263v.

43 Annali genovesi, 5, p. 9-10. Si è escluso dalla considerazione l’anno 1279 per l’esiguità degli atti complessivamente pervenuti. Per il 1280 i dati si riferiscono ai seguenti cartolari: ASG, Notai antichi. 42/I. 72, 75/II, 123; Notai ignoti, II.8, II.30.

44 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 91r.: investimento di 3.335 lire genovesi; c. 91r.: investimento di 3.331 lire genovesi, 10 s., 4 d., per l’anno 1278; 72, c. 236v.: investimento di 4.128 lire genovesi, per l’anno 1280. Gli spogli si riferiscono ai seguenti cartolari, per il 1278: ASG, Notai antichi, 37, 63/I, 76, 79; per il 1280: ibid., 42/I, 49, 72, 75/II, 123; Notai ignoti, II.8.

45 Per una descrizione della società genovese nel secolo xiii cfr. G. Petti Balbi, Una città e il suo mare, Bologna 1991, p. 116-136; per artigianato e arti minori in riferimento all’esportazione nei paesi occidentali cfr. Ead., Circolazione mercantile e arti suntuarie a Genova tra xiii e xv secolo, Tessuti, oreficerie, miniature in Liguria, хiii-xv secolo. Atti del Convegno Internazionale dì Studi Genova-Bordighera, 22-25 maggio 1997, Bordighera 1999, p. 41-54.

46 ASG, Notai antichi, 63/I, c. 90v.-91r. 11 17 novembre 1277 si risolve a Genova l’accomendacio di 1.931 lire contratta in Romania da Inghetto Spinola, per conto di Nicolò Boccanegra, con Bonifacio Beaqua al quale viene rilasciata quietanza: cfr. ASG, Notai antichi, 79, c. 238v. La presenza di Inghetto a Caffa è segnalata da Balard, Les actes de Caffa, citato supra n. 33, 375.

47 Per Lucheto de Tiba, cfr. L. Balletto, Genova nel Duecento. Uomini nel porto e uomini sul mare, Genova 1983 (Collana storica di fonti e studi 36), p. 83-84; per Bonifacio de Tiba, cfr. ASG, Notai antichi, 123, c. 62v.; Notai ignoti, II.8., c. 48v.; Ferretto, Codice diplomatico, 1, 142; 2, 274; Annali genovesi, 3, Roma 1923, p. 182-183; Balletto, Atti rogati a Laiazzo, citato supra n. 31, notaio Petrus de Bargono: docc. 92, 95, 99; per Giacomo de Tiba, cfr. Ferretto, Codice diplomatico, 2, p. 302; per Nicolò de Tiba, cfr. Bertolotto, Nuova serie, p. 514. 515, 535, 536: nel 1294 reclamava il pagamento di 1.300 iperperi d’oro per il nolo di un lignum, al servizio di Michele VIII, il risarcimento del valore di quattordici scodelle d’argento sottrattegli dal despoto Asan e lo stipendio per il servizio prestato presso quest’ultimo. Per Ivan III Asan, cfr. PLP, 1, 1501.

48 I de Varagine alla fine del Duecento erano numerosi a Caffa, cfr. Balard, Les actes de Caffa, 59, 107, 238, 244, 404, 417, 418, 502, 613, 832, 846; mentre in questo periodo non ne risultano né a Laiazzo né a Pera.

49 Balard, Les actes de Caffa, 791. Percivalle Marabotto, ricordato nelle richieste di indennizzo del 1294, operava anche sulla piazza di Salonicco: Bertolotto, Nuova serie, p. 512. Per Iacobino Marabotto cfr. ASG, Notai ignoti, II.8, c. 11v. e 12r. Cfr. anche un Lanfranco Marabotto fra i testi di una vendita di possessi del castello di Montaldo al comune di Genova nel 1280: cfr. I Libri lurium della Repubblica di Genova, I/6, a cura di M. Bibolini, Introduzione di E. Pallavicino, Genova 2000 (Fonti per la Storia delle Liguria 13; Pubblicazioni degli Archivi di Stato 32), 1161. Inoltre per Oberto Migardus il cognome può essere una variante per Mignardus, rappresentato da due individui negli atti di Caffa e da altri che operano in particolare coi Lomellini nei traffici con la Romània, cfr. Balard, Les actes de Caffa, 498, 541, 861; Id., La Romanie génoise, 2, p. 528, 530, 605. Un Obertino Mignardo era tra coloro che a Genova giurarono il trattato di Ninfeo nel 1261: cfr. I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/4, a cura di S. Dellacasa, Genova 1998 (Fonti per la Storia delle Liguria 11; Pubblicazioni degli Archivi di Stato 28). 749. Un Giacomo Lombardo nel 1274 era capitano di una galea della flotta allestita a Genova contro Carlo d’Angiò: cfr. Ferretto, Codice Diplomatico, I, p. 359.

50 Caro, Genova e la supremazia sul Mediterraneo, I, p. 377-380; Lopez, Benedetto Zaccaria, citato supra n. 14, p. 65; Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus, p. 362. Inoltre C. Manfroni, Storia della marina italiana. Dal trattato di Ninfeo alla caduta di Costantinopoli (1261-1453), Livorno 1902, 1. p. 61; W. Cohn, Storia della flotta siciliana sotto Carlo d’Angiò. Archivio storico per la Sicilia orientale 25. 1929, p. 46.

Auteur

Università degli Studi di Genova

© Éditions de la Sorbonne, 2004

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540