Version classiqueVersion mobile

Les deux Guidi Guinizzelli et Cavalcanti

 | 
Marina Gagliano
, 
Philippe Guérin
, 
Raffaella Zanni

Les deux Guidi dans la tradition poétique

I due Guidi : preistoria d’un problema ermeneutico

Luciano Rossi

Résumé

L’entrée en matière de cette communication est consacrée au problème du cercle herméneutique et à la polysémie du terme « canzone » dans la célèbre tenson Guinizzelli-Guittone. Dans la deuxième section de l’exposé sont analysées la genèse et la signification du discours d’Oderisi da Gubbio sur la ‘vaine-gloire’ dans le chant XI du Purgatoire. Une attention particulière est portée à la valeur de la source directe de Dante (le De Consolatione Philosophiæ de Boèce), sans oublier que l’enlumineur de Gubbio non seulement connut Dante Alighieri, mais travailla à Bologne pour Jean de Meun. Celui-ci s’inspira lui aussi de Boèce pour insérer, au centre de son chef-d’œuvre, une réflexion sur la caducité de la gloire poétique et de la prétendue translatio studii. Grâce à l’étude attentive de ces données, on peut conclure non seulement que les « deux Guidi » sont indubitablement Guinizzelli et Cavalcanti, mais que « celui qui les chassera du nid » n’est probablement pas le Viator lui-même, mais un poète ‘volage’ dont la renommée est condamnée à rester éphémère.

Texte intégral

Poesia e filosofia : il circolo ermeneutico

  • 1 Sraffa, Piero, 1960, Production of Commodities by Means of Commodities. Prelude to a Critique of Ec (...)

1Riconoscere il primato della dimensione linguistica e dialogica, rispetto a ogni possibile forma di pensiero, ci induce a riconsiderare ogni processo interpretativo. Esso non potrà ridursi alla semplice ricostruzione del senso d’un testo o d’una intera epoca, come pretendeva un certo storicismo idealistico, ma dovrà adeguarsi a una continua fusione di orizzonti, nella quale sono continuamente rimessi in gioco non solo l’opera e il periodo storico analizzati quanto, soprattutto, lo stesso interprete, in un percorso in continua evoluzione qual è il linguaggio poetico. Per quel che concerne in particolare la lirica romanza del Medioevo, a compromettere il buon risultato di ogni tentativo è l’illusione in base alla quale i capolavori poetici sarebbero stati miracolosamente composti riutilizzando e combinando insieme brani particolarmente significativi di altre opere, con una tecnica che potremmo riassumere con la formula « produzione di testi per mezzo di testi ». I lettori più avvertiti avranno riconosciuto in quest’espressione, il titolo del celebre volumetto di Piero Sraffa1, nel quale l’erudito italiano aveva dimostrato l’impossibilità, per la teoria economica neo-classica, di valutare i movimenti del capitale nel tempo e nello spazio, lasciando da parte l’investimento di forza-lavoro che ne era il fondamento, la cui particolarità era di creare un valore superiore al proprio. In modo analogo, nell’analisi letteraria, non si dovrebbe trascurare la « forza d’ingegno » prodotta di volta in volta dagli autori.

  • 2 Gruber, Jörn, 1983, Die Dialektik des Trobar. Untersuchungen zur Struktur und Entwicklung des occit (...)
  • 3 Benjamin, Walter, 1991, Gesammelte Werke im sieben Bände, Berlin, Suhrkamp, vol. I, p. 1096 sq.

2In un processo complesso com’è quello che ho appena abbozzato, nel campo specifico della critica testuale, può risultare ancora operativo il concetto di « Aufhebung », a suo tempo introdotto nell’analisi dei testi trobadorici da Jörn Gruber2. Quest’operazione supera l’idea del semplice riuso, da parte degli autori medievali, di formule poetiche del passato, per introdurre nell’atto stesso della ricezione un elemento dinamico grazie al quale la polisemia peculiare dei testi « a monte » è in parte conservata, ma subisce una trasformazione tale che il senso delle espressioni prese a prestito risulta radicalmente rinnovato. Per conto mio, con quella che considero un’ulteriore, sostanziale precisazione, rispetto all’interpretazione ortodossamente hegeliana che ne dà Gruber, io considero l’« Aufhebung », non come un mero superamento dialettico, ma, in senso marxiano, come il risultato dell’interazione fra forze di produzione e forme di relazione. In un simile procedimento, mi sforzo inoltre di recuperare la suggestiva metafora del « dialektisches Bild » introdotta da Walter Benjamin3, che presuppone, nel fruitore, una sorta di folgorazione tale da permettere di azzerare lo scarto temporale fra passato e presente.

3Per chiarire meglio cosa intendo, mi sia consentita un’autocitazione :

  • 4 Rossi, Luciano, 2016, Le rocher de Sisyphe. Apories des textes médiévaux, Paris, Classiques Garnier (...)

À la différence de la philosophie, la poésie ne se sert […] pas de termes univoques permettant de déchiffrer de manière monosémique les idées qu’elle porte […] ; sa légitimation exige une hardiesse dans le choix de mots qui se révèlent toujours polysémiques : une unicité qui fait que son message ne pourrait plus subsister s’il était exprimé autrement. En ce sens, le langage poétique permet d’extérioriser une pensée autrement indicible et de la transmettre aux époques à venir en consentant à son message d’atteindre une valeur universelle. Mais pour comprendre cette singularité, il faut être à même de rejoindre la parole en tant que parole ; il faut savoir se mettre en syntonie avec les dépositaires des secrets qui l’ont générée […]. Dans cette activité, la compétence technique, néanmoins indispensable, ne suffit pas : il faut une fulguration qui éclaire des corrélations jusque là cachées, une étincelle qui en déclenche le ressouvenir4.

4Perché un simile discorso non resti confinato a un livello teorico difficilmente fruibile nel contesto d’un convegno come il nostro, passerò immediatamente a un esempio che considero emblematico delle difficoltà che si pongono ai moderni interpreti alle prese con i testi medievali.

  • 5 In maniera del tutto indipendente, da chi scrive, nell’introduzione e nel commento all’edizione Gui (...)
  • 6 Dal momento che proprio Guittone l’aveva accusato di commettere gravi errori logici e morali nel co (...)

5Nell’ormai celeberrimo sonetto-tenzone di Guido Guinizzelli a Guittone d’Arezzo, Caro padre mëo de vostra laude, la cui matrice fortemente ironica è stata riconosciuta solo di recente5, la critica si è affannata a ipotizzare quale possa essere la « canzone » che il Bolognese avrebbe provocatoriamente inviato all’Aretino, sfidandolo a correggerne le presunte mende6 :

Caro padre mëo,      de vostra laude

non bisogna ch’alcun omo se ’mbarchi :

che ’n vostra mente     intrar vizio non aude,

che for de sé vostro saver non l’archi

4

A ciascun rëo     sì la porta claude,

che sembr’ à più via che Venezi’ à Marchi ;

entr’ a’ Gaudenti     ben vostr’ alma gaude,

ch’ al me’ parer li gaudii àn sovralarchi.

8

Prendete la canzon,      la qual io porgo

al saver vostro, che l’aguinchi e cimi,

ch’a voi ciò solo com’ a mastr’ accorgo,

11

ch’ell’ è congiunta certo a debel’ vimi :

però mirate di lei ciascun borgo

per vostra correzion     lo vizio limi.

14

  • 7 Le varie ipotesi fin qui prodotte sono abbastanza efficacemente riassunte da Paolino, Laura, 2014, (...)
  • 8 Jaeck, Lucile, 2015, « De la littérature latine à la littérature française : une transition victime (...)
  • 9 Cf. Commerci, Giuseppe, 1977, « “Carmen”, “occentatio” ed altre voci magico-diffamatorie dalle XII (...)
  • 10 Cf. Manfredini, Arrigo, 1979, La diffamazione verbale nel diritto romano, Milano, Giuffrè ; Biscott (...)
  • 11 Non dimentichiamo che lo stesso Orazio, temendo che le proprie Satire potessero essere considerate (...)

6Quel che resta a mio parere, ancora da chiarire, nonostante il proliferare di studi sull’argomento7, è il senso delle due terzine, e in particolare il significato da attribuire ai termini « canzone » e « debel’ vimi ». Di recente, Lucile Jaeck ha lamentato la chiusura accademica che impedisce sistematicamente agli specialisti di letteratura francese medievale di cogliere i numerosi rapporti che legano quest’ultima alla letteratura latina8. Anche se, nel campo dell’italianistica, le cose sembrano andar meglio, a dispetto dell’abbondanza di fonti classiche citate nei commenti ai vari testi, la situazione è sostanzialmente analoga. In particolare, un problema come quello che presentano nel testo guinizzelliano le due espressioni incriminate è destinato a restare irrisolto se non si tiene conto della tradizione latina. Prendendo alla lettera il termine canzone, tutti ci siamo chiesti se il testo inviato da Guinizzelli a Guittone sia Lo fin pregio avanzato o non piuttosto Al cor gentil. Tuttavia, nella sua risposta ‘per le rime’, Guittone non fa nessuna allusione a una canzone che gli sarebbe stata realmente sottoposta perché ne emendasse le imperfezioni. In realtà, già in latino classico, i vocaboli carmen e canticum hanno subito un’evoluzione semantica che, dal senso arcaico di « canto magico », è scivolato progressivamente a quello di « diffamazione »9, caricandosi così di sfumature che entrano a pieno titolo nella sfera giuridica10, dimensione, questa, con la quale il giudice Guinizzelli aveva una lunga familiarità11. In altri termini, la « canzon » che il Bolognese « offre » al suo « caro padre » non è che lo stesso sonetto : una pungente presa in giro, alla quale l’Aretino replica con lo stesso registro e sul medesimo tono.

  • 12 Cade dunque l’ipotesi formulata a suo tempo da Borsa, Paolo, 2002, « La tenzone… », cit., secondo l (...)
  • 13 Si veda in proposito il fondamentale contributo di Dahlmann, Helfried, 1948, « Vates », Philologus (...)
  • 14 Eneide III, 31 sq. : « Rursus et alterius lentum convellere vimen / insequor et causas penitus temp (...)

7Quanto ai « debel vimi », lungi dal rappresentare una menda dell’impianto logico o retorico d’un testo poetico, essi ne costituiscono al contrario il maggior pregio12. Proprio Varrone, forte dei precedenti virgiliani, aveva stabilito un rapporto intrinseco fra vimen e vates (attraverso viere)13, insistendo sul fatto che solo i veri poeti, alla stregua di Virgilio, possono fare a meno delle regole di metrica e grammatica, scegliendo per le proprie composizioni « labili legami ». Più tardi, quest’ipotesi etimologica, di fatto errata, fu ripresa da Isidoro di Siviglia (Or. 8, 7, De poetis, par. 34), diffondendosi in Occidente. Quel che più conta per noi è che Lento vimine sia in effetti un tic cui Virgilio incappa spesso, non solo nelle Georgiche, IX, 34, ma soprattutto nell’Eneide. Nell’episodio di Polidoro14, ma anche nella risposta della Sibilla Cumana che, indicando all’eroe troiano un leggendario ramo d’oro di cui munirsi, consentirà a Enea di accedere al regno degli Inferi :

  • 15 Eneide VI, 136 sq. : « Nascosto in un albero folto è un ramo che ha foglie / d’oro e il gambo fless (...)

Latet arbore opaca
aureus et foliis et lento vimine ramus
15.

8La sfida di Guinizzelli a Guittone, che aveva osato imputargli errori logici e morali, per aver osato, in altri suoi sonetti, comparare la donna a esseri inanimati, si svolge nel terreno specifico della competenza culturale e della libertà poetica.

  • 16 « Sed quam multos clarissimos suis temporibus viros scriptorum inops delevit oblivio ! Quamquam qui (...)
  • 17 Si vedano, fra gli altri, Black, Robert, Pomaro, Gabriella, 2000, « La consolazione della filosofia (...)

9Per venire finalmente a Dante, riconoscere nel tema della caducità della fama terrena16, prescelto dall’Alighieri quale Leitmotiv dell’XI canto del Purgatorio, un dialogo privilegiato con il De Consolatione Philosophiae, comporta una revisione radicale dell’interpretazione non solo di questo, ma di altri canti della Commedia. D’altra parte, non è un segreto che l’influenza diretta della Consolatio sia registrabile in numerosi testi poetici medievali in varia misura correlati con le opere dell’« ultimo filosofo romano e primo scolastico »17.

10Una simile constatazione ci impone di ammettere che, nello scontro fra l’ideologia curiale fridericiana e quella comunale-magnatizia che si verifica a cavallo fra Due e Trecento in Italia, il misticismo che improntava di sé il capolavoro di Boezio si sia conservato soprattutto sul piano formale, ma risulti profondamente mutato di segno, a causa del nuovo contesto culturale in cui esso si inserisce, contesto che appare dominato da un eclettico pragmatismo nel quale le auctoritates filosofiche vengono piegate alle esigenze dei vari moderni fruitori. Qualcosa di analogo accade in Francia, dove però il contenuto morale dell’insegnamento boeziano è usato da Jean de Meun e da Rutebeuf per criticare il nuovo assetto statale che si è andato profilando sotto il dominio di Blanche de Castille prima e dei suoi figli e discendenti, non solo capetingi, poi. Nel campo delle ricerche sul tema, condotte in questi ultimi anni, non solo in Europa, la diffusione in Italia della Consolatio è stata provata con una preziosa analisi della tradizione manoscritta, estesa ai diversi commenti grazie ai quali il testo latino era accessibile e ai vari ‘interpositi’ che ne hanno agevolato la circolazione. I moderni esegeti si sono inoltre impegnati a dimostrare come alcune espressioni tradizionalmente attribuite a Boezio sono comunque reperibili in altri autori tardo-antichi o medievali, il che ha certo arricchito le nostre conoscenze particolari, ma in non pochi casi ci ha fatto perdere di vista l’obiettivo generale. Così come fa sorridere chiedersi oggi se sia più corretto definire « neoplatonico » o « aristotelico » il pensiero filosofico di Boezio ; quanto simili catalogazioni siano effimere lo aveva già compreso Benvenuto da Imola, nel suo commento alla Commedia :

  • 18 Lacaita, Jacobo Philippo (éd.), 1887, Benvenuti de Rambaldis de Imola Comentum super Dantis Aldighe (...)

Et dicunt fautores Platonis quod Boetius fuit platonicus, sed quare transtulit dicta et libros Aristotelis in sermonem latinum cum tanta cura ut magis stetur eius translationi quam antiquae ? et quare commentavit aliquos libros eius ? (Comentum II, 93)18

[E affermano i seguaci di Platone che Boezio sarebbe stato platonico. Ma allora perché mai tradusse le opere e i detti di Aristotele in latino, con una cura tale che la sua traduzione ha un successo maggiore di quelle antiche ? E perché commentò alcuni dei suoi libri ?]

Polisemia del termine Amor nella Commedia

11Prima di analizzare il discorso di Oderisi da Gubbio nell’undicesimo del Purgatorio, vorrei soffermarmi su un luogo testuale che ha fatto scorrere i proverbiali fiumi d’inchiostro, ma può aiutarci meglio di qualsiasi osservazione teorica a comprendere la complessità dei problemi sul tappeto. Si tratta dei v. 28-30, che chiudono l’ottavo metro del secondo libro della Consolatio :

O felix hominum genus,
si vestros animos amor,
quo caelum regitur, regat !

  • 19 Boezio, Severino, La Consolazione della Filosofia, in 1999, introd. di Chr. Mohrmann, trad. e note (...)

[Oh, felice genere umano,
se i vostri animi fossero governati
da quell’amore che governa il cielo !]
19

12Non v’è alcun dubbio che l’Alighieri abbia avuto un accesso diretto all’originale boeziano, dal momento che lo cita esattamente attribuendolo correttamente al suo autore, nella Monarchia, I ix, 3 (anche se, almeno in apparenza, ne piega l’interpretazione ai suoi fini politici) :

13Propter quod necessarium apparet ad bene esse mundi Monarchiam esse, sive unicum principatum qui « Imperium » appellatur. Hanc rationem suspirabat Boetius dicens :

Propter quod necessarium apparet ad bene esse mundi Monarchiam esse, sive unicum principatum qui « Imperium » appellatur. Hanc rationem suspirabat Boetius dicens :

  • 20 « Per la qual cosa si mostra necessario al buon ordine del mondo che vi sia la Monarchia, ovvero un (...)

« O felix hominum genus
si vestros animos amor,
quo celum regitur, regat. »
20

  • 21 Ricordo i vari interventi di Cornelia Julia de Vogel, che vi riconobbe echi dello Pseudo-Areopagita (...)
  • 22 Fenzi, Enrico, 1975, « Boezio e Jean de Meun, filosofia e ragione nelle rime allegoriche di Dante » (...)

14Mi pare superfluo chiarire che Dante non si cura di ricostruire l’esatto significato né la genesi dell’espressione « amor quo celum regitur », sui quali gli stessi moderni specialisti continuano peraltro a disquisire21, ma ne sfrutta il fascino, non solo verbale, in diversi luoghi della propria produzione poetica, nei quali il riuso del passo latino, assume valenze sempre nuove, come meglio di ogni altro ci ha insegnato Enrico Fenzi22. Innanzitutto nella canzone Amor che movi tua vertù dal cielo e in altri suoi testi lirici. Qui mi soffermerò in particolare su due luoghi fondamentali del Paradiso, e cioè il primo e l’ultimo canto. Nella prima occorrenza, il passo boeziano è parafrasato puntualmente (« amor che ’l ciel governi ») :

S’i’ era sol di me quel che creasti,
novellamente,
amor che ’l ciel governi,
tu ’l sai, che col tuo lume mi levasti.
Quando
la rota che tu sempiterni
desiderato
, a sé mi fece atteso
(
Paradiso I, v. 73-77).

  • 23 Con un’espressione che ricorda ancora la Consolatio, III, metro IX, v. 1 : « o qui perpetua mundum (...)

15L’amor in questione, non è soltanto la forza che governa il cielo23, quanto soprattutto il principio assoluto che consente al Viator di « trasumanar », anticipando i formidabili versi con i quali si chiude l’intero poema :

A l’alta fantasia qui mancò possa ;
ma già volgeva il mio disio e ’l
velle,
sì come rota ch’igualmente è mossa,
l’amor che move ’l sole e l’altre stelle
(
Paradiso XXXIII, v. 142-145).

  • 24 Martinelli, Bortolo, 2014, « La Commedìa : preludio ed epilogo », Letteratura Italiana Antica n° XV (...)

16Qui lo scarto rispetto a ogni precedente tentativo si realizza grazie alla rinnovata polisemia del termine amor, assurto, in perfetta armonia col principio di causalità, ad unico agente della « gravitazione » stellare (adopero deliberatamente questo termine incongruo perché anche su questo argomento la critica ha avuto modo di soffermarsi, accostando Dante a Newton). I due luoghi sopra citati sono stati oggetto di polemiche anche violente in merito alle auctoritates utilizzate dall’Alighieri, problema che per il momento non mi interessa di affrontare. Mi limiterò a citare quello che, per quanto ne sappia, è l’ultimo intervento su questo tema, che considero emblematico per quanto concerne i rischi che un accumulo di erudizione può comportare, rispetto a un’adeguata interpretazione testuale. Mi riferisco a un lungo e per vari aspetti pregevole intervento del 2014 di Bortolo Martinelli24. Dopo aver illustrato il ricco ventaglio delle possibili fonti dell’Alighieri, lo studioso nega che si possa stabilire un nesso vincolante fra i passi citati del primo e dell’ultimo canto del Paradiso, obiettando che col tipo di argomentazioni adoperate dai sostenitori d’una simile tesi, si potrebbe concludere che l’intera ‘storia’ della Commedia appare già perfettamente definita fin dal primo canto dell’opera. E soggiunge :

  • 25 Ibid., p. 324.

Ora, la cosa è vera in sé, non solo per Dante, ma anche per san Giovanni, che prima ha avuto l’esperienza della visione e poi l’ha registrata con la scrittura ; e al modo di san Giovanni anche Dante è stato poi chiamato a scrivere delle cose che gli è occorso di vedere durante l’esperienza nell’oltre, ma all’atto della scrittura il poeta non mostra affatto alcuna sicurezza, poiché si accinge a cominciare il viaggio per ben due volte ; il che costituisce un’anomalia non solo nei riguardi delle varie narrazioni dell’oltre, ma anche nei riguardi della propria esperienza, perché al poeta è stato riservato un privilegio concesso solo a pochi chiamati : cioè di vedere da vivente la divina essenza ; ma di questa chiamata non c’è però traccia nel primo canto dell’opera25.

  • 26 Rossi, Luciano, 2016, Le bâton et la rose. Du nouveau sur l’allégorie médiévale, Paris, Classiques (...)

17Queste considerazioni sembrerebbero difficilmente contestabili, se non fosse necessaria una radicale revisione della dialettica agens-auctor in base alla quale siamo abituati ad analizzare il paradigma della « fonction auteur » nella Commedia. Mi rendo conto che le riflessioni che qui sottopongo all’attenzione dei lettori meriterebbero una lunga e dettagliata argomentazione, per la quale sono obbligato a rinviare gli interessati a due volumi in corso di stampa26. Tanto nel Roman de la Rose, che nella Commedia (ed è forse questo il principale debito che Dante ha nei confronti di Jean de Meun) siamo confrontati con una sorta di « ipostasi tripartita » (uso questo termine per tradurre quello tecnico latino di suppositum) della funzione autoriale, sul modello della stessa Trinità, nella quale lo straordinario privilegio dell’auctor è quello di essere ‘ispirato’ direttamente da un suppositum di Amore che assume varie forme nelle due opere (« Dieu d’Amour » nella Rose ; « Amor », donna angelicata nella Commedia), il cui ruolo, si parva licet, può esser paragonato a quello dello stesso Spirito Santo. Questa straordinaria e particolarissima Grazia ricevuta fa sì che il disegno generale dell’opera sia presente all’autore onniscente fin dal primo suo verso, anche se saranno necessarie diverse ripartenze e sconvolgenti ‘metalepsi ontologiche’ per determinarne il corretto svolgimento.

18In questo senso andranno riletti i celeberrimi versi del XXIV del Purgatorio della risposta a Bonagiunta Orbicciani :

E io a lui : « I’ mi son un che, quando
Amor mi spira, noto, e a quel modo
ch’e’ ditta dentro vo significando. »
(
Purgatorio XXIV, v. 52-54)

  • 27 Forse troppo frettolosamente attribuita a un presunto ‘aristotelismo radicale’ cui l’Alighieri avre (...)

19Versi, questi, che non intendono riferirsi esclusivamente alla produzione lirica dantesca, ma riguardano soprattutto la sfida costituita, nella Commedia, dal « significar per verba » l’esperienza stessa del « trasumanar »27. Non c’è nessuna forzatura, nel passo sopra citato della Monarchia, quando Dante identifica l’amor di cui « suspirabat Boetius » con l’« unicum principatum qui “Imperium” appellatur », proprio per il fatto che conta la funzione svolta dall’« ipostasi » e non la persona nella quale essa s’incarna.

20Questa riflessione dovrebbe indurci a considerare sotto una nuova luce non solo l’identità dei « due Guidi », evocati nell’XI del Purgatorio, ma anche quella di colui che « l’uno e l’altro caccerà del nido » (nel quale troppo pedissequamente, io credo, si è voluto riconoscere lo stesso Viator). Come vedremo, c’è infatti un quarto autore, che resta dietro le quinte, innominato per una sorta di damnatio memoriae di tipo esclusivamente politico, che non manca di condizionare lo stile e l’argomentazione prescelti dall’Alighieri e questo autore è Jean de Meun, in latino Johannes de Magduno, l’unico responsabile, secondo chi vi parla, dell’ideazione e della realizzazione del Roman de la Rose.

21Ma passiamo alla lettura del testo dantesco.

  • 28 Longhi, Roberto, 1966, « Apertura sui trecentisti umbri », in Paragone n° 191/11 (a. XVII), Firenze (...)

Ascoltando, chinai in giù la faccia ;
e un di lor, non questi che parlava,
si torse sotto il peso che li ’mpaccia,
e videmi
e conobbemi e chiamava,
tenendo li occhi con fatica
fisi
a me che tutto chin con loro andava.
« Oh ! », diss’io lui, « non se’ tu
Oderisi,
l’onor d’Agobbio e l’onor di quell’arte
ch’
alluminar chiamata è in Parisi ? »
« Frate », diss’elli, « più ridon le carte
28
che pennelleggia Franco Bolognese ;
l’onore è tutto suo, e mio in parte »
[…]

  • 29 Bellosi, Luciano, 1996, Cimabue, Milano, Motta.

Credette Cimabue29 ne la pittura
tener lo campo, e ora ha Giotto il grido,
sì che la fama di colui è scura.
Così ha tolto l’uno a l’altro Guido
la gloria de la lingua ; e forse è nato
chi l’uno e l’altro caccerà del nido.
(
Purgatorio XI, v. 79-84 ; 94-99)

22A proposito di questi versi scriveva Roberto Longhi, nel 1950, nel primo numero di Paragone :

  • 30 Longhi, Roberto 1950, « Proposte per una critica d’arte », in Paragone n° 1 (a. I), Firenze, Serviz (...)

Sui primi del Trecento un uomo che guarda certi fogli di un libro di diritto, miniati da un pittor bolognese del tempo, si avvede che quelle carte « ridono » ; Dante, perché si tratta di lui fonda con quella frase, e proprio nel cuore del suo poema, la nostra critica d’arte ; lasciamo stare il peso sociale del passo, dove per la prima volta, nomi di artisti figurativi sono citati alla pari, accanto a nomi di grandi poeti. Conta di più l’astrazione intensa dai soggetti di quelle carte ch’erano, c’è da presumerlo, scene atroci di torture legali, eppure le carte « ridono » nella rosa dei colori. Conta altrettanto il rapporto posto, per dissimiglianza, tra Franco e Oderisi che già afferma il nesso storico fra opere diverse, nega cioè l’isolamento metafisico e romantico dell’unicum, distrugge il mito del capolavoro incomunicante e imparagonabile30.

  • 31
  • 32 Ibid., p. 10.

23Pagine, queste, che conservano un indubbio fascino sui lettori d’oggi, così come quelle continiane sull’attribuzione a Petrarca d’un approccio « emblematico » all’arte, opposto a quello « allegorico » di Dante31. C’è però da chiedersi quanto le osservazioni di Longhi siano davvero utili a una migliore comprensione del passo dantesco. Chiedersi, cioè, se, con i versi sopra citati, l’Auctor abbia davvero inteso introdurre l’idea di un’arte che « si evolve in un incessante progredire, legando assieme la pittura, la miniatura, la poesia »32, o non sia vero il suo esatto contrario : che quell’incessante progredire sia una mera illusione.

  • 33 Sui miniaturisti di
  • 34
  • 35 Nel 1265 è stato istituito a Bologna un Ufficio dei Memoriali, che prevedeva la registrazione di tu (...)

24Sul piano della storia evenemenziale esiste la concreta probabilità che almeno due personaggi attivi a Bologna in un settore per noi d’estrema importanza, come quello legato al notariato e all’illustrazione dei codici, abbiano potuto frequentare tanto Jean de Meun che Guinizzelli, che lo stesso Dante33 : innanzitutto Oderisi (come fa fede l’espressione conobbemi xi del Purgatorio), e il suo giovane collega Paolo Giacobini dell’Avvocato, col quale l’artista eugubino collaborò a lungo in numerose occasioni. Il tutto risulta chiaramente da un documento, pubblicato da Guido Zaccagnini nel 1936, ma segnalato in Francia (con estrema prudenza) da Paul Durrieu fin dal 191534, anche se non fu preso nella dovuta considerazione dagli specialisti di Jean de Meun. In quest’atto, debitamente registrato nei Memoriali Bolognesi35, il miniatore Oderisi di Guido da Gubbio si impegna a curare che la trascrizione di un Digesto con la glossa di Accursio, di cui è incaricato il copista Domenico di Michele, sia condotta a termine nei tempi e alle condizioni previste dal contratto di scrittura. Tale lavoro è destinato a un committente del tutto particolare, e cioè Jean de Meun, al suo indirizzo di Parigi.

  • 36

25ASBo, Ufficio dei Memoriali, volume 7 (cc. 248, I et II sem. 1269), registro del notaio Tomasinus de Quercis (cc. 149-248, 2 luglio 1269 – 1° gennaio 1270), c. 163r, di venerdì 16 agosto1269. Si veda il Chartularium Studii Bononiensis, edito G.  Zaccagnini, nel 1936, vol X, doc. CXXIV (3798), p. 56-5736.

Magister Johannes de Mauduno, Aurelianensis dyocesis, magister Johannes de Bu[x]yaco, Senonensis dyocesis, magister Raginardus de Buisiacho, Carnotensis diocesis, scolares Bononie, promiserunt in solidum domino Anselmo Clarentis et Clarentino suo filio trecentas Librarum Turonensium hinc ad .xx. diem mensis novembris, in civitate Parisius, pro precio et cambio noningentarum .xij. Librarum et .x. solidorum Bononie et pignoraverunt eis unum Codicem, unum Digestum, unum Volumen, unum Inforciatum, unum Digestum Novum et Lecturam domini Oddofredi et hec jamdicti Anselmus et Clarentinus promiserunt dicto domino Johanni de Mauduno portare dictos libros Parisius, omnibus eorum periculis et expensis, et restituere ei dictos libros in termino supradicto, soluta dicta peccunia aud extimata ipsorum, et hoc pro .xj. Libras Turoniensium, quas dictus dominus Johannes promisit ei persolvere in termino supradicto, cum pactis et condicionibus in dicto instrumento insertis, scripto manu Tomasini Armanini, notarii, hodie facto in domo domini Anthonii de Mulnarolo, presentibus Henrico Teotonico, coraterio equorum, Johanne Acorsiti, Oderisio Guidonis, miniatore, Paulo Jacobini Advocati, Belçohane quondam Cambii de Bertalia et Filipo quondam Ungarelli, bidello, domini Tomasii, testibus, ut dixerunt, et scribi fecerunt contrahentes.

[Maestro Jean de Meun, della diocesi di Orléans, Maestro Jean de Buxy della diocesi di Sens e Maestro Renard de Bussy, della diocesi di Chartres, scolari a Bologna, promisero di corrispondere, in saldo del proprio debito, al signor Anselmo Clarenti e a Clarentino suo figlio trecento Lire di Tours di qui al 20 novembre, a Parigi, in cambio di novecentododici Lire e dieci soldi di Bologna ; per questo gli sono stati pignorati un Codice, un Digesto, un Volume, un Inforzato, un Digesto Nuovo e una Lettura di Odofredo, e i suddetti Anselmo e Clarentino promisero al detto signor Jean de Meun di trasportare i suddetti libri a Parigi, a loro rischio e pericolo, e di restituirli nel tempo sopra menzionato, una volta assolto il pagamento di altre undici Lire di Tours, che il predetto signor Jean ha promesso di versare entro il termine sopra indicato, così come qui stabilito in dettaglio.

Scritto per mano del notaio Tommasino Armanini, redatto oggi in casa del signor Antonio di Mulnarolo, alla presenza di Enrico Teutonico [il Tedesco], sensale di cavalli, Giovanni Acorsiti, Oderisi di Guido, miniatore, Paolo di Iacopino degli Avvocati, Belgiovanni del fu Cambio di Bertalia, di Filippo del fu Ungarello, bidello, del signor Tommaso, testimoni, nella maniera in cui i contraenti dissero e fecero mettere per iscritto.]

  • 37 Trascritto da Tommasino

26Al documento in questione37, possono tranquillamente aggiungersene altri, che ne integrano la valenza storica, già segnalati da Guido Zaccagnini, nel GSLI, così come dallo stesso Durrieu :

  • 38 Chartularium Studii Bononiensis, cit., 1936, p. 62. Sui personaggi menzionati in questi documenti, (...)

Magister Oderisius filius Guidonis et Paulus, filius Jacobini Advocati promiserunt se facturos et curaturos quod Dominicus Michaelis scribet et glosabit digestum novum de aparatu domini Accursii domino Henrico canonico Sancti Tome argentonensis pro pretio xii solidorum bononinorum pro quolibet quaterno. Ex istrumento manu Jacobi Tebaldi notari facto in domo Mariscotorum, presentibus magistro Aquiliano scriptore, domino Tedericho Luceste, domino Rodulfo de Suffenis testibus, et sic scribi fecerunt contrahentes. Die Veneris xvj agusti. (Ufficio dei Memoriali, 7, c. 163r, 1269 agosto 16, venerdì)38

  • 39 Anche se prendono le mosse da un periodo immediatamente successivo a quello del nostro documento, s (...)

[Maestro Oderisi, figlio di Guido, e Paolo di Iacopino degli Avvocati promisero di prodigarsi perché Domenico di Michele scrivesse e glossasse il Digesto Nuovo dell’Apparato del signor Accursio per il signor Enrico, Canonico di San Tommaso di Strasburgo39, al prezzo di dodici soldi bolognesi per ciascun quaternio. Dallo strumento di mano di Iacopo di Tebaldo, notaio, fatto nella casa dei Mariscotti.]

An. 1271, die Veneris, XI intrante Martio.

  • 40 Si tratta di Azzo de’ Lambertazzi, celebre canonista, morto nel 1289. Da non dimenticare che alla f (...)

Magister Odericus quondam Guidonis de Gubbio, Paulus filius Jacopini Advocati, promiserunt d. Azoni de Lambertatiis40 miniare de pennello de bono azurro octuaginta duo folia de Antifonario, termino hinc medium mensem julii proximi, pro pretio triginta SolI. Bon., que folia fuerunt in solidum confessi penes se habere, et restituere promiserunt.

Et insuper d. Petrus quondam d. Teuzi promisit se facturus et curaturus quod predicti Oderisius et Paulus attendent et observabunt dicto.

  • 41 Con tutta probabilità, Antolino di Rolando, detto il « Cicogna », attivo a Bologna fino agli inizi (...)

Ex instrumento Angeli Venture, hodie facto in domo d. Feliciane, presentibus d. Paulo quondam Pauli de Castro Casie, Jacobo filio quondam Jacobi, et Cecogna41 miniatore, testibus, etc.

[Anno 1271, venerdì 11 di marzo.

Maestro Oderisi del fu Guido, da Gubbio, Paolo, figlio di Iacopino degli Avvocati, promisero al signor Azzo dei Lambertazzi di miniare di pennello di un buon azzurro ottantadue fogli d’un antifonario, entro la metà del prossimo mese di luglio, al prezzo di trecento Soldi di Bologna ; fogli che dichiarano di avere ricevuto e che restituiranno a conguaglio. Inoltre il signor Pietro del fu Teuzio promise che si sarebbe preso cura che i predetti Oderisi e Paolo osservassero quanto affermato.

Dallo strumento di Angelo di Ventura, redatto oggi, in casa del signor Feliciano, alla presenza del signor Paolo del fu Paolo di Castro Casie, Giacomo, figlio del fu Giacomo e Cicogna miniatore, testimoni.]

  • 42 Cf.
  • 43 Cf. Continelli, Luisa (éd.), 1988, L’Archivio dell’Ufficio dei Memoriali. Inventario, t. i, 1265-13 (...)

27Si sa che le miniature dello stesso artista eugubino sono da ricercare in codici d’argomento religioso o, per l’appunto, giuridico. I documenti in questione ci forniscono però un’ulteriore importante testimonianza, poiché insieme ad Oderisi, come abbiamo visto, vi appare menzionato quale testimone anche un giovanissimo Paolo di Iacopino degli Avvocati, all’epoca semplice collaboratore del miniaturista eugubino, ma destinato, da calligrafo e pittore, a divenire, negli anni Ottanta, egli stesso notaio, come altri membri della sua famiglia42. È infatti proprio lui quel Paulus Avocati, responsabile dei Memoriali dal 2 luglio 1288 al 1° gennaio 128943 : un periodo che si colloca a ridosso del primo probabile soggiorno bolognese dell’Alighieri. È inoltre ampiamente documentata la collaborazione del miniatore-notaio con quello stesso Enrichetto delle Querce cui dobbiamo la prima registrazione del sonetto della Garisenda.

28Naturalmente, le circostanze biografiche assumono rilievo solo ove se ne sappiano sfruttare i risvolti poetici. Nella fattispecie, per quanto concerne il rapporto di Dante col Roman de la Rose e con il suo autore, morto nel 1305, mi pare fondamentale la metalepsi situata proprio al centro del capolavoro francese (intorno al verso 10500), nella quale il Dio d’Amore chiarisce una volta per tutte le proprie responsabilità nella costruzione del testo : non solo svelando i nomi dei due presunti autori dell’opera, ma facendo violenza al malcapitato lettore, annunciandogli che il romanzo deve ancora essere scritto ; che il primo autore è in procinto di morire e che il secondo deve ancora nascere :

  • 44 Lecoy, Félix (éd.), 1965-1970, Roman de la Rose, Paris, Champion, (da cui derivano tutte le citazio (...)

Puis que Tibullus m’est failliz,
qui connoisset si bien mes teiches,
por cui mort je brisai mes fleiches,
quassai mes ars, et mes cuiriees
traïnai toutes desciriees,
don tant oi d’angoisses et teles
qu’a son tombel mes lasses d’eles
traïnai toutes derompues,
tant les oi de deul debatues ;
per cui mort ma mere plora
tant que pres qu’el ne s’acora…
Gallus, Catillus et Ovides,
qui bien sorent d’amors trestier,
nous reüssent or bien mestier ;
mes chascuns d’aus gist morz porriz.
Vez ci Guillaume de Lorriz
,
cui Jalousie, sa contraire,
fet tant d’angoisse et de deul traire
qu’il est en peril de mourir,
si je ne pens du secorir
[…]
44

  • 45 Analogamente al programmatico abbandono dell’Elegia da parte di

29Nel romanzo francese, il luogo in questione contrassegna un decisivo cambiamento di registro, con l’epico assalto al Castello di Gelosia e il recupero di alcuni emblematici miti ovidiani, come quelli di Pigmalione e di Mirra, considerati anch’essi contro-natura : non meno di quello di Narciso, né dello stesso racconto evangelico dell’Incarnazione : un miracolo da cui Natura si sente esclusa. Come ho detto, i lettori apprendono solo a questo punto che i primi diecimilacinquecento versi del testo devono ancora essere composti, e che a portare a termine quest’operazione saranno due diversi scrittori (anche se nulla è detto al momento in cui sarebbe avvenuto il passaggio delle consegne), il primo dei quali potrà realizzarne solo circa quattromila, poiché, al pari dei lirici latini che l’hanno preceduto45, egli è destinato a morire senza poter concludere la propria quête amorosa. In realtà, nei versi in questione, sul modello ovidiano da cui essi direttamente derivano, ad esser celebrata è la morte dell’elegia, con le fastidiose lamentazioni dell’io che ne caratterizzano la cifra stilistica.

  • 46 Come sembra credere Pietro

30Quanto al secondo scrittore (cui sono attribuiti i successivi seimilacinquecento versi che ognuno giurerebbe di aver letto, più altri diecimilacinquecento che devono ancora essere composti), egli non è ancora nato né ha potuto accingersi all’impresa di completare il Roman. Perché mai una rivelazione così decisiva avverrebbe in una forma tanto tortuosa ? Se Jean de Meun si fosse davvero limitato « a riprendere in mano un romanzo incompiuto e a portarlo avanti a modo suo »46 perché non rivelarlo nel luogo più adatto, e cioè al momento stesso dell’interruzione ? Non potrebbe, al contrario, darsi il caso che l’autore si sia creato un comodo « doppio », con un nome storicamente plausibile, ma senza identità letteraria e provvidenzialmente deceduto, per attribuire a lui l’ideazione d’un testo così poco ortodosso ? Quale sommo godimento, in tal caso, cimentarsi con una lingua volutamente arcaizzante, ricreare un registro lirico (almeno in apparenza) genuinamente cortese, salvo poi inserire qua e là il marchio inconfondibile del proprio stile per prendersi gioco dei suoi stessi così corrivi lettori ! Se così fosse, non riusciremmo mai a smascherarlo con i nostri miseri trucchetti filologici. Tutto quel che ci resterebbe da fare è tentare di cogliere qualche deliberata dissonanza nella prodigiosa tela da lui ordita, come ad esempio la parodia della riflessione agostiniana sulla volatilità del presente, inserita nella prima parte del romanzo, al momento in cui viene descritta l’icona della Vecchiaia, e considerata dai più come un’interpolazione del « secondo autore » :

  • 47 Analogamente al programmatico abbandono dell’Elegia da parte di Ovidio, nel romanzo francese solo a (...)
  • 48 Come sembra credere Pietro Beltrami in un recentissimo volume che raccoglie la traduzione e il comm (...)
  • 49 Si veda il capitolo XIV dell’XI libro delle Confessiones : « Quid est ergo tempus ? Si nemo ex me q (...)
  • 50 Sulla ripresa dell’aggettivo porriz, adoperato per designare, in rima, Guillaume de Lorriz, si veda (...)
  • 51 Lecoy, Félix (éd.), 1965-1970, Roman de la Rose, cit., v. 361-388 : « Il tempo, che se ne va notte (...)

47quêteRoman48Li tens, qui s’en vet nuit et jor
sanz repox prendre e sanz sejor,
et qui de nos se part e emble
si celeement qu’il nos semble
qu’il s’areste adés en un point,
et il ne s’i areste point,
ainz ne fine de trespasser,
que l’en ne puet neïs
penser
quel tens ce est qui est presenz
,
sel demandez a clers lisanz
49,
qu’ençois que l’en l’eüst pensé
seroient ja .iii. tens passé ;
li tens qui ne puet sejorner,
ainz vet torjorz sans retorner
con l’eve qui s’avale toute
n’il n’en retorne ariere goute ;
li tens vers qui neant ne dure,
ni fers ne chose tant soit dure,
car tens gast tot et menjue ;
li tens, qui tote chose mue,
qui tot fet croistre et tot norist
et qui tot use et tot
porist50 ;
li tens, qui envellist noz peres,
qui veillist rois et emperieres
et qui trestoz nos vellira,
ou morz nos desavancera ;
li tens, qui tot a em ballie
de gent vellir, l’avoit vellie
si durement qu’au mien cuider
qu’el ne se pooit mes aidier
[…]
51

  • 52 « Aeternitas igitur est interminabilis vitae tota simul et perfecta possessio » (De Consolatione Ph (...)

31In conclusione, mi pare giunto il momento di rendersi conto che il primo dei due narratori è solo una « figura » del secondo, e che nel sogno si è realizzata una sospensione del tempo terrestre, il cui fluire non è lineare ma circolare. Il protagonista dell’intera visione, rinnovato dall’esperienza amorosa sarebbe incarnato da un uomo maturo che ha finalmente meritato di possedere la Vergine, subito prima che la visione stessa abbia fine e che il dormiente sia obbligato a risvegliarsi. Come ho tentato di dimostrare nel mio libro, nel testo francese prende corpo un’ipostasi autoriale (o suppositio, secondo la più ortodossa terminologia della Scolastica) che si esprime concretamente nella triade « Guillaume-Jean-Dieu d’Amour », alla quale vengono affidati i misteri dell’allegoria e le raffinate modalità dell’enunciazione. Questa triade possiede un’esistenza piena sempre attuale, esente dalla mortificante scansione temporale della vita reale. Secondo la celebre definizione di Boezio, essa ha il « possesso simultaneo e perfetto di una vita senza termine »52. Al contrario dell’essere vivente, che non racchiude e non abbraccia per intero e simultaneamente nemmeno lo spazio della propria esistenza, perché il futuro non lo possiede ancora e il passato non lo possiede più, per una simile ipostasi, nulla del passato è svanito e nulla del futuro è assente.

  • 53 De rosa aurea, in Tilliette, Jean-Yves (éd.), 2006, Burgulianus Baldricus, Carmina, Paris, Les Bell (...)

32Quanto all’allegoria, essa non è un mero pretesto, ma serve ad acuire la consapevolezza che, al di là della lettera, esiste sempre un sovrasenso simbolico la cui esegesi è affidata alla sagacia degli interpreti : né il bastone del pellegrino col quale è deflorata la rosa, né il fiore stesso rappresentano unicamente l’essenza dell’atto sessuale. Essi sono anche e soprattutto, come ci ha insegnato l’altro poeta di Meun, Baudri de Bourgueil53, simboli della Creazione, la cui comprensione Dio ha concesso agli esseri umani che percorrano fino in fondo (e secondo le leggi di natura), la propria umanità.

33Per tornare all’undicesimo canto del Purgatorio, può risultare più chiara la ragione del ricorso dantesco ai francesismi e l’esplicita menzione di Parisi, in rima con Oderisi, per caratterizzare le peculiarità dell’ars illuminandi : Dante parla con cognizione di causa, a differenza dei suoi critici che hanno continuato a lungo ad interrogarsi sulla pertinenza di una simile sperimentazione linguistica. Resta da chiarire il senso della lamentatio di Oderisi sulla poca accortezza di celebri artisti che si sono illusi di aver raggiunto la fama, quando quest’ultima è soggetta al vorticoso trascorrere del tempo terrestre. La [vana]gloria della lingua non si sottrae certo a un simile processo e il De Vulgari è lì a confermare questa semplice osservazione. Il primato di Guinizzelli è breve e il Bolognese viene presto relegato alla funzione di predecessore : non solo per una questione cronologica, ma per la stessa natura del suo idioma. Né Guido delle Colonne, né tanto meno Guittone (che mai Dante s’è sognato di chiamare Guido) hanno il diritto di esser menzionati in un simile contesto. Non c’è dubbio che il secondo Guido sia Cavalcanti. Pur essendo lui il figlio « primogenito » di Guinizzelli, egli ha avuto il torto di corrompere per alterigia la propria magnanimità, perdendo i diritti acquisiti. Già nel De Vulgari, Guido ha ceduto « la gloria de la lingua » a Cino da Pistoia e, in questo clima di rapidi quanto effimeri avvicendamenti nel nido, al sommo della vanagloria, non mi pare giustificato pensare che l’Auctor, per bocca di Oderisi, si riferisca allo stesso Viator con l’espressione « caccerà del nido ». In quest’ultima, io non riesco a non vedere un riferimento al cuculo, abituato ad espellere dal legittimo nido le uova degli altri uccelli per inserirvi surrettiziamente le proprie, come testimoniano lo stesso Marcabru e i trattati fridericiani di falconeria : il che si addice a pennello a un poeta « volage » come Cino, anche se non proprio « vil ladro » come pretenderebbe Cavalcanti, certo abile rimaneggiatore delle invenzioni altrui.

Notes

1 Sraffa, Piero, 1960, Production of Commodities by Means of Commodities. Prelude to a Critique of Economic Theory, Cambridge, Cambridge University Press (trad. it., 1960, Produzione di merci a mezzo di merci, Torino, Einaudi).

2 Gruber, Jörn, 1983, Die Dialektik des Trobar. Untersuchungen zur Struktur und Entwicklung des occitanischen und französischen Minnesangs der 12. Jahrhunderts, Tübingen, Niemeyer.

3 Benjamin, Walter, 1991, Gesammelte Werke im sieben Bände, Berlin, Suhrkamp, vol. I, p. 1096 sq.

4 Rossi, Luciano, 2016, Le rocher de Sisyphe. Apories des textes médiévaux, Paris, Classiques Garnier, p. 5.

5 In maniera del tutto indipendente, da chi scrive, nell’introduzione e nel commento all’edizione Guinizzelli, Guido, Rime, Rossi, Luciano (éd.), 2002, Torino Einaudi, e da Paolo Borsa, in numerosi contributi, fra i quali l’articolo Borsa, Paolo, 2002, « La tenzone tra Guido Guinizzelli e frate Guittone d’Arezzo », Studi e Problemi di Critica Testuale n° 65, Pisa-Roma, Fabrizio Serra Editore, p. 47-88.

6 Dal momento che proprio Guittone l’aveva accusato di commettere gravi errori logici e morali nel comparare un essere superiore come la donna a creature inanimate.

7 Le varie ipotesi fin qui prodotte sono abbastanza efficacemente riassunte da Paolino, Laura, 2014, « Il dileggio dei padri : note di lettura per Figlio mio dilettoso in faccia laude di Guittone d’Arezzo », Nuova rivista di Letteratura Italiana n° 17, Pisa, ETS, p. 23-50.

8 Jaeck, Lucile, 2015, « De la littérature latine à la littérature française : une transition victime du cloisonnement académique », Perspectives médiévales [En ligne], n° 36, mis en ligne le 1er janvier 2015, consulté le 16 février 2016. URL : http://peme.revues.org/7852 ; DOI : 10.4000/peme.7852

9 Cf. Commerci, Giuseppe, 1977, « “Carmen”, “occentatio” ed altre voci magico-diffamatorie dalle XII tavole a Cicerone », Bollettino di Studi Latini n° VII, Napoli, Loffredo, p. 287-306 ; Masselli, Grazia M., 2002, Il rancore dell’esule : Ovidio, l’Ibis e i modi di un’invettiva, Bari, Edipuglia, p. 59.

10 Cf. Manfredini, Arrigo, 1979, La diffamazione verbale nel diritto romano, Milano, Giuffrè ; Biscotti, Barbara, 1992, « “Malum carmen incantare” e “occentatio” », in Testimonium amicitiae [Mélanges Franco Pastori], Milano, Giuffré, p. 23-51 e soprattutto Klims, Sophie, 2002, Littérature et savoir(s), Bruxelles, Publications des Facultés universitaires Saint-Louis, p. 128-147.

11 Non dimentichiamo che lo stesso Orazio, temendo che le proprie Satire potessero essere considerate infamanti, si rivolse a un amico giurista per risolvere i propri dubbi.

12 Cade dunque l’ipotesi formulata a suo tempo da Borsa, Paolo, 2002, « La tenzone… », cit., secondo la quale i « debel vimi » sarebbero mende da imputare a Guittone.

13 Si veda in proposito il fondamentale contributo di Dahlmann, Helfried, 1948, « Vates », Philologus n° 97, p. 337-353, ripubblicato in Id., 1970, Kleine Schriften, Hildesheim, p. 35-51.

14 Eneide III, 31 sq. : « Rursus et alterius lentum convellere vimen / insequor et causas penitus temptare latentis. » [«Di nuovo mi ostino a strappare il flessibile ramo di un altro/ e a sviscerare in profondità le cause nascoste »].

15 Eneide VI, 136 sq. : « Nascosto in un albero folto è un ramo che ha foglie / d’oro e il gambo flessibile. »

16 « Sed quam multos clarissimos suis temporibus viros scriptorum inops delevit oblivio ! Quamquam quid ipsa scripta proficiant, quae cum suis auctoribus premit longior atque obscura vetustas ? » [Cons., II, pr. 7, 13 : « Ma quante personalità ai loro tempi celeberrime son cadute in oblio, per mancanza di chi ne scrivesse ! E a cosa potrebbero servire gli stessi scritti, dal momento che anch’essi vengono cancellati, insieme con i loro autori dall’inesorabile passar del tempo ? »] « … Vos vero immortalitatem vobis propagare videmini, cum futuri famam temporis cogitatis. Quod si ad aeternitatis infinita spatia pertractes, quid habes quod de nominis tui diuturnitate laeteris ? » [Cons., II, pr. 7, 14 : « Voi credete invece di assicurarvi l’immortalità, prendendovi cura della vostra fama futura. Ma se la consideri in rapporto all’infinita dimensione dell’eternità, che motivo hai di gioire della durata, sia pur lunga della tua celebrità ? »]. Questo e gli altri numerosi passi del prosimetro dedicati alla vanagloria sono puntualmente analizzati da Lombardo, Luca, 2013, Boezio in Dante. La “Consolatio Philosophiae” nello scrittoio del poeta, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, p. 300-307 ; non va dimenticato, però il fondamentale contributo di Murari, Rocco, 1905, Dante e Boezio. Contributo allo studio delle fonti dantesche, Bologna, Zanichelli, p. 299-329.

17 Si vedano, fra gli altri, Black, Robert, Pomaro, Gabriella, 2000, « La consolazione della filosofia » nel Medioevo e nel Rinascimento italiano. Libri di scuola e glosse nei manoscritti fiorentini / Boethius’s “Consolation of Philosopy” in Italian Medieval and Renaissance Education. Schoolbooks and their Glosses in Florentine Manuscripts, Firenze, SISMEL, Edizioni del Galluzzo ; Rapisarda, Stefano, 2007, « Ipotesi di ricollocazione tematica di due testi della Scuola poetica siciliana : è sicuro che la canzone S’eo trovasse Pietanza e il sonetto Meglio val dire ciò ch’omo à ’n talento parlano d’amore ? » In La lirica romanza del Medioevo. Storia, tradizioni, interpretazioni, Atti del Convegno triennale della Società Italiana di Filologia Romanza (S.I.F.R.), Padova, Unipress, p. 699-720.

18 Lacaita, Jacobo Philippo (éd.), 1887, Benvenuti de Rambaldis de Imola Comentum super Dantis Aldigherij Comoediam, nunc primum integre in lucem editum, sumptibus Guilielmi Warren Vernon, Firenze, G. Barbera.

19 Boezio, Severino, La Consolazione della Filosofia, in 1999, introd. di Chr. Mohrmann, trad. e note di Ovidio Dallera, Milano, Rizzoli, p. 174 sq.

20 « Per la qual cosa si mostra necessario al buon ordine del mondo che vi sia la Monarchia, ovvero un unico principato che si chiama ‘Impero’. A questo principio anelava Boezio quando diceva : “Quanto felice mai, umano genere / sareste, posto che le vostre menti / l’amor che regge il cielo avesse a reggere”. » Alighieri, Dante, Monarchia, in Quaglioni, Diego (éd.), 2014, Dante Alighieri, Opere, Milano, Mondadori, vol. II, p. 970-971.

21 Ricordo i vari interventi di Cornelia Julia de Vogel, che vi riconobbe echi dello Pseudo-Areopagita e dello stesso Proclo : De Vogel, Cornelia J., 1963, « Amor quo caelum regitur [with Corrigenda] », Vivarium n° I, 19, p. 2-34 ; Ead., 1973, « The problem of Philosophy and Christian Faith in Boethius “Consolatio” », in Romanitas et Christianitas. Festschrift J. H. Waszink, Amsterdam, North-Holland Publishing Company, p. 357-370 ; Ead., 1981, Amor quo caelum regitur. Quel amour et quel Dieu ?, in Orbetello, Luca (éd.), Atti del Congresso internazionale di Studi Boeziani, Roma, Herder, p. 193-200.

22 Fenzi, Enrico, 1975, « Boezio e Jean de Meun, filosofia e ragione nelle rime allegoriche di Dante », in Studi di filologia e letteratura dedicati a Vincenzo Pernicone, Genova, Tilgher, p. 9-69.

23 Con un’espressione che ricorda ancora la Consolatio, III, metro IX, v. 1 : « o qui perpetua mundum ratione gubernas. »

24 Martinelli, Bortolo, 2014, « La Commedìa : preludio ed epilogo », Letteratura Italiana Antica n° XV, Roma-Pisa, Fabrizio Serra Editore, p. 239-324.

25 Ibid., p. 324.

26 Rossi, Luciano, 2016, Le bâton et la rose. Du nouveau sur l’allégorie médiévale, Paris, Classiques Garnier ; Id., 2016, Egemonia del sapere, amore e poesia nell’Italia del Duecento, Roma, Aracne.

27 Forse troppo frettolosamente attribuita a un presunto ‘aristotelismo radicale’ cui l’Alighieri avrebbe aderito, laddove è sufficiente il ricorso al magistero di Alberto Magno. Per un primo avviamento al problema, si veda Ardizzone, Maria Luisa, 2014, Dante and Heterodoxy. The Temptations of 13th Century Radical Thought, Cambridge, Cambridge Scholars Publishing, p. 6-17.

28 Longhi, Roberto, 1966, « Apertura sui trecentisti umbri », in Paragone n° 191/11 (a. XVII), Firenze, Servizi Editoriali, p. 3-17 ; Id., 1966, « Postilla all’apertura sugli umbri », in Paragone n° 191/15 (a. XVII), Firenze, Servizi Editoriali, p. 3-6.

29 Bellosi, Luciano, 1996, Cimabue, Milano, Motta.

30 Longhi, Roberto 1950, « Proposte per una critica d’arte », in Paragone n° 1 (a. I), Firenze, Servizi Editoriali, p. 11, ripubblicato in Id., 1985, Edizione delle Opere Complete, vol. XIII, critica d’arte e buongoverno (1938-1969), Firenze, Sansoni, p. 9-20 (in particolare, p. 10 sq.).

31

Contini, Gianfranco

Contini, Gianfranco, 1970, « Preliminari sulla lingua del

Pétrarque (Petrarca, Francesco)

Petrarca », in Id., Varianti e altra linguistica, Torino, Einaudi, p. 169-192.

32 Ibid., p. 10.

33 Sui miniaturisti di

Alighieri, Dante (Dante)

Dante, si rinvia alle ormai classiche ricerche di

Fallani, Giovanni

Fallani, Giovanni, 19762,

Alighieri, Dante (Dante)

Dante e la cultura figurativa medievale, Bergamo, Minerva Italica ; sui codici giuridici miniati si vedano ora

Cassee, Helena Cornelia

Cassee, Helena Cornelia, 1980, The missal of Cardinal Bertrand de Deux. A Study in Fourteenth Century Bolognese Miniature Painting, Firenze, Istituto Universitario Olandese di Storia dell’Arte ;

Gibbs, Robert

Gibbs, Robert, 1996-1997, « Landscape as Property : Bolognese Law Manuscripts and the Development of Landscape Painting », Rivista di storia della miniatura n° 1-2, Firenze, Centro Di, p. 201-216. A

Oderisi da Gubbio

Oderisi veniva attribuito il Decretum Gratiani di Torino, che Helena Cornelia

Cassee, Helena Cornelia

Cassee crede invece francese.

34

Durrieu, Paul

Durrieu, Paul, 1915, « 

Oderisi da Gubbio

Oderisi da Gubbio », Mémoires de la Société de l’Histoire de Paris et de l’Ile-de-France n° XLII, Paris, Champion, p. 5-20.

35 Nel 1265 è stato istituito a Bologna un Ufficio dei Memoriali, che prevedeva la registrazione di tutti gli atti e i contratti superiori a venti lire di Bolognini (una cifra piuttosto alta, se si pensa che un magister di buona fama poteva guadagnare in un anno dalle 100 alle 150 lire di Bolognini). Coloro che redigevano un testamento, acquistavano, vendevano o sottoscrivevano un contratto (ad esempio, per la copia di un manoscritto) erano tenuti a fare registrare l’atto nel relativo Memoriale, alla presenza di un notaio e di testimoni. La mancata registrazione rendeva il contratto in questione cassum et nullius valoris. L’ufficio fu soppresso nel 1456, ma i Memoriali giunti fino a noi sono raccolti in 322 volumi di grande formato. Gli atti notarili registrati ogni anno dal 1265 al 1456 sono dai 15 ai 20 mila e costituiscono una fonte unica per la storia economica non solo di Bologna ; essi sono inoltre imprescindibili ai fini d’un accertamento della presenza nello Studium della città felsinea di uno straordinario numero di studenti provenienti da ogni luogo dell’Europa medievale e organizzati secondo gli stati di provenienza. Purtroppo, però, si è riusciti finora a pubblicare (parzialmente) solo i primi dodici dei 322 volumi sopra ricordati (relativi agli anni 1265-1270 (quest’ultimo incompleto) e quelli relativi al 1286, questi ultimi con l’idea di recuperare possibili tracce d’un soggiorno dantesco a Bologna. Chartularium Studii Bononiensis. Documenti per la storia dell’Università di Bologna dalle origini fino al sec. XV, vol. V, Bologna, 1921, Memoriali del Comune Bolognese (aa. 1265-1266) ; vol. VII, 1923, Memoriali (aa. 1267-1268) ; vol. VIII, 1927, Memoriali (a. 1268) ; vol. X, 1936, Memoriali (a. 1269) e vol. XI, 1937, Memoriali (a. 1269) tutti editi da Guido

Zaccagnini, Guido

Zaccagnini ; vol. XIV, 1981, Memoriali (a. 1270), ed. Roberto Ferrara e Giorgio

Tamba, Giorgio

Tamba e vol. XV, 1988, Memoriali (a. 1270), ed. Roberto Ferrara, Giorgio

Tamba, Giorgio

Tamba e Marco Zaghini.

36

Durrieu, Paul

Durrieu, Paul, 1916, « Jean de

Meun, Jean de (Johannes de Magduno/Mauduno)

Meun et l’Italie », Académie des Inscriptions et Belles Lettres. Comptes rendus des séances pour l’année 1916, Paris, Diffusion de Boccard, p. 436-444 ;

Rossi, Luciano

Rossi, Luciano, 2003, « Du nouveau sur Jean de

Meun, Jean de (Johannes de Magduno/Mauduno)

Meun », Romania n° 121, p. 430-460 (p. 458) ; Id., 2007, « La tradizione allegorica : da Alain de Lille al Tesoretto, al Roman de la Rose », in

Picone, Michelangelo

Picone, Michelangelo (éd.), 2008, Modelli e antimodelli nella “Commedia” di

Alighieri, Dante (Dante)

Dante, « Letture Classensi », Ravenna, Longo, p. 139-175 : p. 174 sq. ;

Murano, Giovanna

Murano, Giovanna, 2006, Copisti a Bologna (1265-1270), Turnhout, Brepols, p. 58-59, 156-157. Paolo

Giacobini (Iacopini/Iacobini) dell’Avvocato, Paolo

Jacobini, non era solo miniaturista, ma divenne anche notaio : cf. Ferrara, Robero, Valentini, Vittorio (éds), 1980, Liber sive matricula notariorum comunis Bononie (1219-1299), Roma, Consiglio Nazionale del Notariato, p. 135.

37 Trascritto da Tommasino

Armannini, Tommasino (Tommasino delle Querce)

Armannini (più noto come Tommasino delle

Della Querce, Enrichetto

Querce), il notaio che, tre anni più tardi, nel 1272, redigerà il testamento di

Re Enzo

Re Enzo. Tra i testimoni, oltre

Oderisi da Gubbio

Oderisi e Paolo Avvocati, sono registrati « Belçohanne quondam Cambi de Bertalia », un notaio che copia nei memoriali alcuni versi, e Filippo

Ungarelli, Filippo

Ungarelli, un noto bidello.

38 Chartularium Studii Bononiensis, cit., 1936, p. 62. Sui personaggi menzionati in questi documenti, si veda Rubin Blanshei, Sarah, 2010, Politics and Justice in late medieval Bologna, Leiden, Brill.

39 Anche se prendono le mosse da un periodo immediatamente successivo a quello del nostro documento, sono ancora interessanti le ricerche di Ristelhuber, Paul, 1891, Strasbourg et Bologne. Recherches biographiques et littéraires sur les étudiants alsaciens immatriculés à l’Université de Bologne, Paris, E. Leroux.

40 Si tratta di Azzo de’ Lambertazzi, celebre canonista, morto nel 1289. Da non dimenticare che alla fazione politica dei Lambertazzi aderiva anche Guido Guinizzelli di Guinizzello di Magnano.

41 Con tutta probabilità, Antolino di Rolando, detto il « Cicogna », attivo a Bologna fino agli inizi del secolo XIV ; cf. Conti, Alessandro, 1979, « Problemi di miniatura bolognese », Bollettino d’arte n° VI, Roma, Libreria dello Stato, p. 1-28 ; Id., 1981, Scuole e botteghe della miniatura bolognese, 1270-1340, Bologna.

42 Cf.

Tamba, Giorgio

Tamba, Giorgio (éd.), 1988, La società dei notai di Bologna. Saggio storico e inventario, Roma, Ministero dei Beni Culturali, p. 185-186.

43 Cf. Continelli, Luisa (éd.), 1988, L’Archivio dell’Ufficio dei Memoriali. Inventario, t. i, 1265-1333, Bologna, Presso l’Istituto per la Storia dell’Università, p. 46.

44 Lecoy, Félix (éd.), 1965-1970, Roman de la Rose, Paris, Champion, (da cui derivano tutte le citazioni ; le traduzioni sono a cura di chi scrive), v. 10478-10495 : […] « Ora che non ho più Tibullo, che conosceva così bene le mie doti, per la cui morte ho spezzato le mie frecce, rotto i miei archi, e le mie corazze le ho trascinate fracassate per terra, per cui ho sofferto tanta e tale angoscia che ho trascinato le mie stanche ali sulla sua tomba, tutte rovinate per quanto le avevo sbattute per il dolore ; per la sua morte mia madre ha pianto tanto che per poco non le è mancato il cuore. Non c’è nessuno che non ne abbia avuto pietà, di coloro che ci videro piangere a causa sua ; alle nostre lacrime non ci fu freno né ritegno. Gallo, Catullo e Ovidio, che sapevano ben poetare d’amore, ci sarebbero ora di grande aiuto, ma ognuno di loro giace morto e imputridito. Vedete qui Guillaume de Lorriz […] »

45 Analogamente al programmatico abbandono dell’Elegia da parte di

Ovide (Ovidio)

Ovidio, nel romanzo francese solo a questo punto, con la sintomatica entrata in scena di Faus Semblant e con l’assassinio di Malebouche, si realizza un’autentica svolta nella narrazione. Sulle tecniche parodistiche utilizzate da Jean de

Meun, Jean de (Johannes de Magduno/Mauduno)

Meun rispetto al modello degli Amores, mi permetto di rinviare a

Rossi, Luciano

Rossi, Luciano, 2009, « La Rose et la Poire : contribution à l’étude de l’hétéronymie médiévale », in Nüesch, Hans-Rudolf (éd.), Galloromanica et Romanica. Mélanges de Linguistique offerts à Jakob Wüest, Tübingen-Basel, Francke, p. 217-253 : p. 231-234. Nel saggio in questione avanzavo l’ipotesi che il « 

Tibulle (Tibullo)

Tibullo » di Jean de

Meun, Jean de (Johannes de Magduno/Mauduno)

Meun possa essere

Thibaut de Champagne

Thibaut de Champagne, spentosi nel 1253, in un’epoca nella quale si svolgono i principali avvenimenti storici evocati nel romanzo, con la sola eccezione della conquista del regno di Napoli da parte di

Charles d’Anjou (Carlo d’Angiò)

Carlo

Anjou (maison d’) (casa d’Angiò)

d’Angiò.

46 Come sembra credere Pietro

Beltrami, Pietro

Beltrami in un recentissimo volume che raccoglie la traduzione e il commento di un’importante sezione del testo : Jean de

Meun, Jean de (Johannes de Magduno/Mauduno)

Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, v. 4059-7230),

Beltrami, Pietro

Beltrami, Pietro G. (éd.), 2014, Alessandria, Edizioni dell’Orso, p. 3.

47 Analogamente al programmatico abbandono dell’Elegia da parte di Ovidio, nel romanzo francese solo a questo punto, con la sintomatica entrata in scena di Faus Semblant e con l’assassinio di Malebouche, si realizza un’autentica svolta nella narrazione. Sulle tecniche parodistiche utilizzate da Jean de Meun rispetto al modello degli Amores, mi permetto di rinviare a Rossi, Luciano, 2009, « La Rose et la Poire : contribution à l’étude de l’hétéronymie médiévale », in Nüesch, Hans-Rudolf (éd.), Galloromanica et Romanica. Mélanges de Linguistique offerts à Jakob Wüest, Tübingen-Basel, Francke, p. 217-253 : p. 231-234. Nel saggio in questione avanzavo l’ipotesi che il « Tibullo » di Jean de Meun possa essere Thibaut de Champagne, spentosi nel 1253, in un’epoca nella quale si svolgono i principali avvenimenti storici evocati nel romanzo, con la sola eccezione della conquista del regno di Napoli da parte di Carlo d’Angiò.

48 Come sembra credere Pietro Beltrami in un recentissimo volume che raccoglie la traduzione e il commento di un’importante sezione del testo : Jean de Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, v. 4059-7230), Beltrami, Pietro G. (éd.), 2014, Alessandria, Edizioni dell’Orso, p. 3.

49 Si veda il capitolo XIV dell’XI libro delle Confessiones : « Quid est ergo tempus ? Si nemo ex me quaerat, scio ; si quaerenti explicare uelim, nescio » [« Cos’è dunque il tempo ? Se nessuno me lo chiede, lo so ; se voglio spiegarlo, non ne sono più in grado »].

50 Sulla ripresa dell’aggettivo porriz, adoperato per designare, in rima, Guillaume de Lorriz, si veda Rossi, Luciano, 2006, « Jean Chopinel et Durante : le nœud Roman de la Rose-Fiore », in Braet, Herman, Bel-Schockaert, Catherine (éds), De la Rose. Actes du Colloque d’Anvers (avril 2003), Louvain-Paris, Peeters, p. 275-300.

51 Lecoy, Félix (éd.), 1965-1970, Roman de la Rose, cit., v. 361-388 : « Il tempo, che se ne va notte e giorno, senza concedersi un momento di riposo o di pausa e che si allontana da noi evitandoci, tanto cautamente che quando ci pare che si arresti in un punto, non solo non si ferma per nulla, ma non smette di scorrere ; e non si riesce neppure a concepire che cosa sia presente ; e se lo chiedeste a chierici che impartiscono lezioni, sarebbero già trascorse tre frazioni di tempo, prima ancora di averlo pensato ; il tempo che non si può fermare, anzi scorre sempre senza tornare mai, come l’acqua che scende a valle tutta e non ne torna indietro nemmeno una goccia ; il tempo, di fronte al quale nulla dura, né il ferro né altro, per quanto possa esser duro, poiché esso tutto distrugge e tutto divora ; il tempo che muta ogni cosa, che tutto fa crescere e tutto nutre, e tutto intacca e tutto fa putrefare ; il tempo che ha fatto invecchiare i nostri padri, che fa invecchiare re e imperatori e che presto farà invecchiare anche noi, a meno che la morte non sopraggiunga prima ; il tempo che ha nella sua piena discrezione la vecchiaia della gente, -l’aveva invecchiata tanto duramente che, secondo me, non si poteva più sostenere da sola […] »

52 « Aeternitas igitur est interminabilis vitae tota simul et perfecta possessio » (De Consolatione Philosophiae, V, 6, 9).

53 De rosa aurea, in Tilliette, Jean-Yves (éd.), 2006, Burgulianus Baldricus, Carmina, Paris, Les Belles Lettres, vol. ii, p. 59-60.

Auteur

Spécialiste en études classiques, romaniste et philosophe de formation, a enseigné la philologie romane à Rome, Sienne et Zurich, où il est professeur émérite. Actuellement, il étudie l’avènement du lyrisme chez les premiers troubadours et trouvères, le Roman de la Rose et la Divine Comédie, l’allégorie et la parodie dans les littératures médiévales.

© Presses Sorbonne Nouvelle, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search