Version classiqueVersion mobile

Travailler à l’ombre du temple

 | 
Olivier de Cazanove
, 
Arianna Esposito
, 
Nicolas Monteix
, 
et al.

Troisième partie. La production des offrandes

Produrre in area sacra tra demoni e dèi

Helga Di Giuseppe

Texte intégral

  • 1 Bodei Giglioni 1977; Granino Ciacere 2009; Carlsen 2013.

1La documentazione letteraria, epigrafica e archeologica attesta che i santuari nell’antichità sono tra i principali soggetti in possesso di proprietà, anche molto estese, grazie alle quali era possibile accumulare quel surplus necessario all’impianto di attività produttive di ogni genere dalla produzione ceramica, vetraria, doliare, fittile, tessile a quella metallica, alla lavorazione degli ossi, delle pietre e molto altro. Il regime delle offerte, le donazioni, gli affitti dei terreni, la possibilità di concedere prestiti con interessi, la nona e la decima sui raccolti, sulla produzione e sulle vendite permettevano grandi accumuli di ricchezze. Inoltre, la possibilità di accedere alle materie prime, quali acqua, argilla, materiale comburente, marmo, pietra, lana, pelli favoriva l’istallazione di impianti produttivi1.

  • 2 Di Giuseppe 2012a.
  • 3 Morel 1987.
  • 4 Molinari et al. 2016.
  • 5 Bellia et al. 2018.

2Una ricerca sistematica condotta sulle officine italiche, che producevano ceramica a vernice nera in relazione al contesto di rinvenimento, ha rivelato il forte coinvolgimento delle aree sacre anche nella produzione di questa classe di vasellame e la vitalità dell’economia del tempio ancora in epoca medio-repubblicana2, acquisizione quest’ultima raggiunta già da J.-P. Morel negli anni Settanta del secolo scorso, quando ancora non se ne poteva valutare la portata. In un famoso convegno organizzato nel 1985 dall’École française e pubblicato nel 1987, J.-P. Morel sottolineava la stretta relazione topografica tra le aree sacre e i centri di produzione a Roma3, città che negli ultimi trent’anni di ricerca ha continuato a rivelare la relazione tra sacro e artigianato di qualunque settore produttivo, di qualunque periodo storico, come i recenti convegni sulla “Produzione a Roma tra tardo antico e medioevo”4 e “Gli artigiani e la città tra VIII e III sec. a.C.”5 hanno dimostrato.

  • 6 Vd. da ultimo con bibliografia precedente Patterson, Cascino, Di Giuseppe 2012; Di Giuseppe 2018a; (...)
  • 7 Notizie sono state date in Di Giuseppe 2003, 2004, 2005, 2008, 2012a e 2012b, 2016 e 2018a.
  • 8 Di Giuseppe 2012a, p. 62-72; vd. anche Olcese 2012.
  • 9 Di Giuseppe 2012a, p. 69.
  • 10 Panella, Zeggio, Ferrandes 2014, p. 190, n. 101. Vd. anche Di Giuseppe 2018b e Ferrandes 2018.

3L’occasione della mia ricerca è nata in seno al Tiber Valley Project della British School at Rome che aveva lo scopo di ri-analizzare l’enorme corpus di oltre 100.000 frammenti ceramici raccolti durante la famosa South Etruria survey diretta da John Ward Perkins e la sua équipe tra gli anni Cinquanta e Settanta del secolo scorso6. Tra i vari compiti assegnatimi, avevo quello di studiare oltre 7.000 frammenti di ceramica a vernice nera, in buona parte inediti, in parte già vagliati da Jean-Paul Morel, il cui riesame ha portato alla scoperta di vari centri di produzione indiziati da scarti di cottura, distanziatori per fornaci, scarichi, puntualmente associati a materiale votivo e rituale7. Uno sguardo più ampio al resto del Lazio ha permesso di stabilire che Veio, Capena, Falerii Novi, Falerii Veteres, Vulci, Lucus Feroniae, Narce, Pyrgi, Caere, Tarquinia, Lavinium, Signia, Praeneste, Ardea, Minturnae non solo erano centri di produzione di ceramica a vernice nera8 – come in parte individuato già da J.-P. Morel –, ma anche che le officine si distribuivano nei pressi delle mura e in particolare delle porte urbane, lungo i principali assi stradali che attraversavano le città e sulle pendici delle acropoli; in tutti questi casi si verifica l’associazione diretta o indiretta con le aree sacre, i materiali votivi, le terrecotte architettoniche. Il tipo di ceramica prodotta in questi centri rientra quasi uniformemente nelle fogge degli ateliers des petites estampilles. La stessa città di Roma, che ad oggi non ha ancora restituito fornaci di questo atelier, che pure siamo certi qui fosse attivo data la peculiarità dell’argilla usata, di molto superiore rispetto a quella impiegata fuori Roma, restituisce numerosi indicatori di un’attività ceramica piuttosto intensa. Inoltre, le fonti ricordano che Argiletum (Varr., De l.l., 5.50.157; Serv., In Aen., 8, 345) andava forse riferito ai banchi d’argilla esistenti nel sottosuolo di Roma; sull’Esquilino vengono ricordati un figulus in Esquilina regione (Fest., 468L) e una zona in figlinis (Varr., De l.l. 5.50.3; Fest., 344M), forse confermata da scarti di cottura collegabili a materiale votivo ripetutamente rinvenuti sul colle. Inoltre, una zona inter figulos viene menzionata nella valle del Circo (Varr., De l.l. 5.50.154) e in epoca cesariana, ceramica a vernice nera doveva essere prodotta nell’area del Monte Vaticano (Giov., Sat., 6.343-344). Le suggestioni fornite dalle fonti sono confermate dalla più recente ricerca archeologica: i contesti della Domus Regis Sacrorum scavati da Andrea Carandini9 e quelli delle pendici orientali del Palatino indagati da Clementina Panella hanno restituito ceramica ipercotta e distanziatori per fornaci di epoca medio-repubblicana, che lascerebbero intuire l’attività di una o più fornaci, in aree comunque sacre. In quest’ultimo scavo alla produzione di ceramica a vernice nera va aggiunta, in epoca più recente, quella degli ossi e forse tessile10.

  • 11 Granino Cecere 2009.

4La domanda che è sorta spontanea a questo punto della ricerca è chi fossero i proprietari di tali manifatture, quale autorità consentisse la loro installazione nei pressi dei luoghi di culto, se esse funzionassero esclusivamente per le esigenze del culto o se avessero anche un ruolo economico più ampio legato alla distribuzione del vasellame in ambito territoriale. L’evidenza epigrafica anche di periodi più recenti porta a credere che l’autorità che gestiva la produzione e la sua organizzazione nei pressi dei santuari fosse sempre e comunque quella cittadina, come M.G. Granino Cecere ha ben messo in evidenza11, ma le dinamiche attraverso cui venivano avviate tali imprese continuano a sfuggirci. Gli artigiani facevano domanda alle autorità cittadine per esercitare la loro arte presso i santuari? E sceglievano loro i santuari ove operare o venivano loro assegnati dalle autorità in base al calendario delle festività che avrebbe mosso cose e persone nel centro urbano? Gli artigiani a chi pagavano le tasse per questo privilegio, alla città o al santuario?

  • 12 Di Giuseppe 2012a, p. 24.

5Tali domande non sono peregrine se consideriamo gli enormi volumi di traffico generati dalla ceramica a vernice nera che per oltre quattro secoli di storia viene diffusa ovunque per mare e per terra in tutto il bacino del Mediterraneo, rappresentando il principale vasellame in uso per scopi rituali, funerari e quotidiani e per questo un tipo di merce meritevole di ogni attenzione già in antico da parte delle forze sociali coinvolte. Quest’enorme produzione doveva avvenire in una miriade di fornaci documentate prevalentemente – ma non solo – in ogni centro urbano frequentato in periodo repubblicano. La cosa stupefacente è che si tratta di impianti di piccola taglia, di forma perlopiù circolare con diametro del piano di cottura che va dagli 80 cm a 2-3 m massimo. Sperimentazioni effettuate da chi scrive tenendo conto della superficie dei piani di cottura dei diametri medi dei vasi medio-repubblicani e dell’altezza media delle pile ceramiche in fase di cottura hanno permesso di ricostruire carichi di diverse centinaia o migliaia di vasi a seconda delle dimensioni degli stessi, cosa che giustificherebbe l’enorme volume di traffico generato dalla distribuzione di questa classe12.

6Al fine di ricostruire le forme di produzione della ceramica a vernice nera, ovvero il modello o i modelli che sottendevano la fabbricazione di questa classe, è stato necessario allargare la base statistica d’indagine all’intera Italia. Individuare tali modelli ha voluto dire ricostruire il contesto in cui le varie produzioni si collocavano e analizzare le forze sociali coinvolte nel ciclo manifatturiero – dal reperimento della materia prima alla realizzazione del manufatto finito –, informazioni desumibili prevalentemente dall’epigrafia della ceramica a vernice nera che ha dato un apporto decisivo per la ricostruzione di alcune dinamiche.

7Al fine di non limitare la base statistica e in considerazione dell’alta deperibilità delle fornaci, i centri di produzione sono stati individuati oltre che per la presenza di fornaci associate a scarti di vernice nera o vernice nera sovraddipinta, anche grazie alla segnalazione di indicatori indiretti, quali distanziatori per forni, scarti di cottura, test-pieces, punzoni fittili, lisciatoi per argilla e altri strumenti di lavorazione, scarichi di fornace collegabili a vernici nere.

  • 13 Tali dati derivano da Di Giuseppe 2012a, fig. 9 aggiornati con pubblicazioni e notizie di scavi edi (...)

8Nella raccolta dei centri di produzione di ceramica a vernice nera si è cercato di arrivare ad un numero statisticamente valido al fine di individuare tendenze ubicative e proporre modelli gestionali sufficientemente affidabili, nella consapevolezza che qualche dato possa essere sfuggito, vista la miriade di pubblicazioni e notiziari in cui tali informazioni possono essere disseminate. Sono state così raccolte testimonianze in 177 località, in cui sono state individuate 323 officine. Dal punto di vista della qualità del dato in 105 località le officine sono state individuate grazie alla presenza di 251 fornaci (59%) mentre in 72 (41%) dagli indicatori indiretti sopra elencati (fig. 1)13.

Fig. 1 - Carta di distribuzione delle officine di ceramica a vernice nera in Italia individuate attraverso fornaci e indicatori indiretti.

Fig. 1 - Carta di distribuzione delle officine di ceramica a vernice nera in Italia individuate attraverso fornaci e indicatori indiretti.

323 officine distribuite in 177 località; in 105 località (59%), sono state documentate 252 fornaci, in 72 località (39%), solo indicatori indiretti della produzione.

Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 9.

  • 14 I tipi e le quantità delle associazioni sono presentate in Di Giuseppe 2016, p. 146, tab. 1.

9Poiché il fine della ricerca era individuare chi gestiva queste produzioni, particolare attenzione nella raccolta del dato è stata riservata al contesto di rinvenimento, ovvero il luogo in cui le officine o i loro indicatori si trovavano. A tale scopo sono state individuate quattro ampie categorie così raggruppabili: contesto sacro, pubblico, privato, sconosciuto, nella consapevolezza che non sempre è possibile categorizzare in maniera univoca (fig. 2). Ad esempio, le mura sono un contesto pubblico o sacro, considerata la sacralità del pomerium14?

Fig. 2 - Confronto quantitativo tra officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. individuate grazie alle fornaci e agli indicatori indiretti.

Fig. 2 - Confronto quantitativo tra officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. individuate grazie alle fornaci e agli indicatori indiretti.

Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 85.

  • 15 Di Giuseppe 2012a, p. 46, 48-49, 66, 70.

10La verifica effettuata nel resto d’Italia ha confermato le linee di tendenza notate nel Lazio: le fornaci si collocano nella maggior parte dei casi dentro le città, nei pressi delle mura urbane e in particolare delle porte in modo da facilitare l’approvvigionamento delle merci e del materiale comburente, ma anche per tenere in luoghi poco abitati strutture che potevano provocare incendi; inoltre, le aree immediatamente fuori dalle mura offrivano lo spazio ideale per il facile smaltimento degli scarichi di cottura andati a male ed è là infatti che troviamo le nostre principali fonti di informazioni. Ne costituiscono alcuni esempi Falerii Novi, Cales, Signia, Rivello in Basilicata, dove gli scarichi su cui fondiamo le nostre ricostruzioni sono stati rinvenuti lungo i costoni degli insediamenti fuori dalle mura15. Ma c’è dell’altro! Luoghi privilegiati per il collocamento delle officine sono anche le strade principali che attraversavano le città, come mostra la già citata Veio, Volusia, Falerii Veteres, le acropoli, come Volterra, Egnatia, Venafrum, di nuovo Veio, Herakleia, Morgantina, i porti urbani marini e lacustri, come Neapolis, Pyrgi, Pompei, Anxa, Locri Epizefiri, Metaponto, forse Lacco Ameno a Ischia, da cui navi cariche di questo vasellame partivano alla volta del resto del Mediterraneo. Ma al di là di queste localizzazioni generiche, possiamo fare ulteriori osservazioni.

I risultati

  • 16 Vd. Fontana 2008, p. 657, fig. 1-2; Tol, 2012, p. 57-59, fig. 3.7 e 3.9.
  • 17 Le ragioni di questi ‘comportamenti’ della ceramica a vernice nera e le possibili spiegazioni stori (...)

11Il risultato della ricerca è sintetizzabile in due grafici che ho diviso in due gruppi: officine operanti tra IV e III sec. a.C. e quelle di II-I sec. a.C. (fig. 3). Tale divisione non è solo di comodo ma tiene conto del fatto che il II sec. a.C. è per la produzione di ceramica a vernice nera un momento di notevole svolta: cambiano completamente i repertori morfologici, scompaiono quasi le forme chiuse e miniaturistiche, alle ciotole con orlo non distinto di dimensioni standardizzate si affiancano piatti dall’ampio diametro, segni nel complesso di cambiamenti delle abitudini alimentari, del regime delle offerte e del panorama generale delle stoviglie. Anche i dati quantitativi gettano luce su questo momento di rottura con il passato. Il primo dato macroscopico da sottolineare è l’enorme crescita in Italia delle officine di ceramica a vernice nera tra IV e III secolo a.C. (fig. 4), risultato legato all’intensa fase di fondazione di nuove colonie da parte di Roma che richiedeva, tra le altre cose, anche l’impianto delle officine che avrebbero approvvigionato templi, case e tombe di vasellame. Meno scontato invece è il risultato che riguarda il II-I sec. a.C., quando il numero delle officine appare dimezzato, cosa apparentemente in contrasto con l’affermazione di produzioni ‘universali’ come la cosiddetta Campana B, Campana A e calena, che dominano i mercati del Mediterraneo, obnubilando definitivamente le officine laziali dell’atelier des petites estampilles. Potremmo modernisticamente essere tentati di spiegare il dato con una concentrazione delle officine nelle mani di pochi che detengono il monopolio della produzione, aumentandone la diffusione. Se questo fosse vero però dovremmo registrare un aumento dei consumi di tale vasellame a partire dal II sec. a.C., come accade, ad esempio, nel caso delle anfore che, almeno in area laziale, risultano aumentare in una fase in cui il numero dei siti occupati diminuisce16. La verifica quantitativa effettuata sui consumi della ceramica a vernice nera in 17 aree campione dell’Italia settentrionale, centrale e meridionale smentisce questa possibilità, mostrando un calo generale di più della metà dei consumi a partire dalla seconda metà del III sec. a.C. con l’eccezione di colonie di nuova fondazione e centri di nuovo reinsediamento umano, come è il caso ad esempio, di Grumentum, dell’ager Venusinus, di Pompei e Cosa, che mostrano un picco dei consumi ceramici nel II sec. a.C., laddove in molte altre aree abbiamo dei cali17.

Fig. 3 - Confronto percentuale tra tipi di contesto in cui sono state individuate fornaci e indicatori indiretti di ceramica a vernice nera articolato in due fasce cronologiche: IV-III sec. a.C. (totale siti 131) e II-I sec. a.C. (totale siti 76).

Fig. 3 - Confronto percentuale tra tipi di contesto in cui sono state individuate fornaci e indicatori indiretti di ceramica a vernice nera articolato in due fasce cronologiche: IV-III sec. a.C. (totale siti 131) e II-I sec. a.C. (totale siti 76).
  • 18 Di Giuseppe 2012a, p. 37-39.

12Dato il tema del convegno, mi preme qui focalizzare l’attenzione sulla distribuzione delle officine e il contesto di rinvenimento. Il grafico relativo al IV e III sec. a.C. (fig. 3) mostra una schiacciante preponderanza della distribuzione delle fornaci in relazione ai luoghi di culto; di gran lunga inferiori le associazioni ad aree pubbliche e private, come domus, uillae o fattorie. Ricordiamo che nei contesti pubblici sono state inserite anche le mura e le porte, ma se li consideriamo luoghi sacri, come avveniva in passato, allora le percentuali delle associazioni fornaci/luoghi di culto aumentano ulteriormente fino a diventare quasi un monopolio. Nel II-I sec. a.C. (fig. 3) la situazione rimane la medesima con una crescita delle officine nei luoghi pubblici, dato quest’ultimo influenzato dal caso di Morgantina in Sicilia che, dopo la presa della città nel 211 a.C., vede l’occupazione di spazi pubblici da parte di officine produttive18.

Fig. 4 - Confronto percentuale delle officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. (totale 306).

Fig. 4 - Confronto percentuale delle officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. (totale 306).

Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 85.

  • 19 Ibid., p. 45-46 e 67-69.
  • 20 Per un’ampia casistica vd. Di Giuseppe 2012a, p. 82-84; 2016, p. 148 con bibliografia.

13Al contrario le uillae/fattorie di epoca medio-repubblicana non sembrano luoghi ideali per ospitare officine produttive di ceramica a vernice nera, a meno che non si tratti di dimore elitarie, dotate di annessi sacri, punti di riferimento per i proprietari e i loro clientes nel territorio circostante, quali sono i casi del palazzo a Roccagloriosa e delle ville del Moltone di Tolve in Basilicata e dell’Auditorium a Roma19. Come si spiega dunque questa forte predominanza delle officine nei pressi dei luoghi di culto? Le ragioni possono essere molteplici. Potrebbe trattarsi di una lacuna della ricerca, legata al fatto che gli scavi dei santuari sono di gran lunga più numerosi rispetto a quelli delle uillae medio-repubblicane. Ma i numeri sono così espliciti che sarei comunque propensa a pensare che i santuari fossero soggetti economici estremamente attivi anche in fatto di produzione di ceramica a vernice nera. Casi di santuari passati alle cronache antiche per estensione delle proprietà e per ricchezza sono quelli di Atena Poliade e di Dioniso a Herakleia, di Zeus Olimpo e Persefone a Locri Epizefiri, di Giunone Lacina a Capo Colonna di Crotone; di Ercole a Tivoli; ugualmente i santuari di Praeneste, Lavinium, Nemi e Antium erano ritenuti assai ricchi (App., Bell. civ. V.97); per il tempio di Diana Tifatina, si parla esplicitamente di proprietà terriere del santuario, il tempio di Castore e Polluce a Cori viene ristrutturato con denaro proveniente dal tesoro del tempio stesso e in tempi più recenti (I sec. d.C.) conosciamo un santuario di Silvano in Lucania, cui vengono donate proprietà sparse comprensive di casae e uillae20. Queste capacità di accumulare ricchezza potevano ben giustificare la creazione di quel surplus necessario ad avviare anche attività artigianali che richiedevano risorse idriche, argilla, materiale comburente, ma anche spazi appositi (stanze del tornio, stanze di essiccazione, stanze di stoccaggio merci), infrastrutture (vasche per la decantazione dell’argilla, sistemi di deflusso delle acque, fornaci), mezzi di trasporto (animali, carri) che un semplice artigiano non era evidentemente in grado di allestire. A giudicare dalla distribuzione delle fornaci che, ove note, distano dai templi dai 5 ai 50 metri, non di più e dalle infrastrutture documentate, si direbbe che i santuari erano perfettamente in grado di dotarsi di questi mezzi; se mettessero a disposizione anche l’acqua, l’argilla per la lavorazione e il materiale comburente, non lo sappiamo, ma resta la spiegazione più ragionevole. E gli artigiani che ruolo giocavano in una simile organizzazione? Chi permetteva loro di operare presso i templi? Facevano parte del personale impiegato nel tempio o offrivano i loro servigi a turno muovendosi da un tempio all’altro, da una città all’altra?

  • 21 Bergamini 2003; 2005; 2006; 2007; 2008; 2011; 2013; 2014; 2015; 2016; Bergamini, Comodi 2008.

14La risposta a queste domande le fornisce in parte il noto caso di Scoppieto, centro produttivo della sigillata italica, magistralmente analizzato e pubblicato da Margherita Bergamini che mostra, seppur in tempi più recenti, un modello che è certamente ispirato a quello della ceramica a vernice nera, antesignano per eccellenza della sigillata italica. Nell’area di Scoppieto in Umbria lungo il corso del Tevere è stato scavato un grande e articolato quartiere artigianale collegato a un santuario. Qui sono state rinvenute le postazioni degli artigiani, le matrici dei vasi, i pani di argilla, gli strumenti di lavorazione e tanti bolli che attestano che in alcuni periodi dell’anno, verosimilmente in occasioni particolari, come feste e fiere, si spostavano a Scoppieto una cinquantina di artigiani provenienti anche da Arezzo che portavano con sé gli strumenti principali del lavoro, fondamentalmente punzoni, con i quali realizzavano in loco le matrici necessarie alla decorazione dei vasi, ma anche le matrici stesse21. Gli impianti erano dotati di tutti gli annessi necessari alla produzione, dalle vasche per la decantazione dell’argilla, ai sistemi di smaltimento delle acque, alle fornaci. I vasi qui prodotti venivano redistribuiti per il tramite del Tevere verso sud lungo tutte le località toccate dall’importante via d’acqua fino a Roma che costituiva il bacino recettivo più importante, ma anche verso nord-est (Todi, Perugia, Spello fino ad Aquileia e alla Pannonia superior) e verso varie province dell’Impero (Cyrenaica, Egitto, Acaia, Asia).

15Il modello dell’artigiano itinerante, ricordato anche da Varrone (r.r. 1.16.3-4), doveva essere tanto più valido in epoca medio-repubblicana, quando l’attività produttiva urbana non era evidentemente sufficiente da sola per la sopravvivenza durante l’intero anno e doveva essere integrata con l’attività agricola e di allevamento o con altre attività artigianali diffuse, chiamiamole “a domicilio”. E l’elemento trainante degli spostamenti dovevano essere proprio le ricorrenze religiose, niente di diverso da quello che accadrà in epoca romana con le nundinae e che accade ancora oggi, quando un produttore, oltre a svolgere l’attività nel luogo in cui vive, si sposta periodicamente al seguito di mercati, fiere e manifestazioni di grande richiamo pubblico. Che fossero gli artigiani a spostarsi e non le merci è dimostrabile attraverso una serie di altri casi ancora più vicini alla produzione di ceramica a vernice nera di quanto non sia quello di Scoppieto.

  • 22 Di Giuseppe 2008, p. 906.
  • 23 Brecciaroli Taborelli 1996-1997, fig. 65-67.
  • 24 Brecciaroli 2005, p. 243; Lepore et al. 2012 fig. 19 e 42.

16Ad esempio, vasi dell’atelier definito da J.-P. Morel 5+1 sono stati trovati in area Falisca e lungo tutto il corso del Tevere fino a Ostia e se ne rintracciano varianti anche in area adriatica, in particolare ad Ancona22. I motivi decorativi sono chiaramente quelli caleni o della Campania settentrionale, ma i vasi sono certamente realizzati in impasto locale. Altro esempio, è quello documentato nelle officine di Iesi nelle Marche, dove forme vascolari e decorazioni richiamano chiaramente repertori campani, ma sono realizzati in argilla locale (fig. 5)23. Un ulteriore caso è quello delle ceramiche a vernici nere o comuni di area adriatica che richiamano i vasi dell’atelier des petites estampilles, l’internal slip ware e i tegamini con orlo bifido e rivestimento tipici dell’area laziale, ma realizzati localmente, come hanno dimostrato le analisi delle argille (fig. 6)24.

Fig. 5 - In alto a sinistra: decorazioni tipiche della ceramica calena. A destra: ceramica di produzione falisca del tipo atelier 1+5. In basso: officine di Aesis.

Fig. 5 - In alto a sinistra: decorazioni tipiche della ceramica calena. A destra: ceramica di produzione falisca del tipo atelier 1+5. In basso: officine di Aesis.

da Di Giuseppe 2012a, fig. 68; da Brecciaroli Taborelli 1996-1997, fig. 65-67.

Fig. 6 - In alto: ceramiche prodotte in area adriatica; in basso: ceramiche comuni prodotte a Senigallia.

Fig. 6 - In alto: ceramiche prodotte in area adriatica; in basso: ceramiche comuni prodotte a Senigallia.

da Brecciaroli 2005, p. 95, tav. 19; da Lepore et al. 2012, fig. 19 e 42.

17Dunque, fogge, modelli, apparati decorativi, strumenti di lavoro dovevano circolare con gli artigiani che, verosimilmente, si spostavano a seguito di punizioni, deportazioni operate dalla politica romana, ma anche a seguito della fondazione di nuove colonie, alla ricerca di fortuna e di appezzamenti di terreni che permettessero l’integrazione della loro attività con l’agricoltura, trasferendosi periodicamente presso santuari, che offrivano loro non solo le strutture necessarie per l’esercizio della loro attività, ma anche un guadagno sicuro legato alle esigenze del tempio in primis e, in secondo luogo, alle vendite che qui potevano realizzarsi con l’ausilio di negotiatores e privati, in grado di aiutare a redistribuire il materiale sul territorio e per via marittima. Poiché lo statuto della fondazione di una colonia prevedeva che si realizzassero innanzitutto le mura e poi i luoghi sacri, ecco che si spiega come mai le officine sorsero qui prima che in altri spazi.

  • 25 Di Giuseppe 2012a, p. 93, fig. 102.

18Un aspetto che ci aiuta a meglio articolare il modello dell’economia del tempio è quello che riguarda l’epigrafia della ceramica a vernice nera, praticamente l’unica fonte scritta che abbiamo su questo vasellame. L’epigrafia della ceramica a vernice nera è documentabile soprattutto nel III sec. a.C., per scomparire, salvo rare eccezioni, nel II sec. a.C. e poi riapparire in epoca augustea, quando verrà riadottato su vasta scala anche dalla sigillata italica. A differenza di quanto accade con i vasi bollati di sigillata italica che si trovano ovunque, in contesti urbani e rurali, domestici, sacri e funerari, quelli in ceramica a vernice nera bollati con antroponimi nel III sec. a.C., come già sottolineato da J.-P. Morel, si trovano prevalentemente nelle colonie latine e, aggiungerei dopo ampia verifica, prevalentemente nei pressi dei luoghi di culto, solo raramente si rinvengono nelle tombe, mai in contesto abitativo25.

  • 26 Gatti, Onorati 1992.
  • 27 Kirsopp Lake 1934-1935, p. 109-110, Pl. XV e XXI; Morel 1994, p. 52, nota 143.
  • 28 Pedroni 2001, p. 64-80.
  • 29 Nicosia 1979; Malandrino 1991; Antonini 2011.
  • 30 Sordini 1903; Morel 1988, p. 54, nota 47.
  • 31 Di Giuseppe 2012a, p. 94, tabella 8; 2016, p. 151, nota 45.

19Inoltre, nei santuari meglio documentati gli artigiani menzionati nei bolli possono essere vari, come è il caso del santuario di Ercole in località S. Lucia a Praeneste26, della dea Marica al Garigliano27 a Minturnae, di Cales28, di Fregellae, templi A e B29, o del tempio rinvenuto nei pressi di una delle porte urbane a Spoletium30; numerosissimi poi sono i casi in cui è documentato un solo antroponimo, ma non è mai chiaro se si tratti di una lacuna della ricerca o di un fatto organizzativo legato alla produzione che andremo ad approfondire. I bolli ci informano sulla condizione giuridica degli artigiani, in genere uomini liberi che potevano avere al seguito uno o più servi, a loro volta in grado di bollare i vasi; ma ci informano anche sul luogo in cui svolgevano la loro attività o meglio sulla provenienza geografica e sulle specializzazioni. In alcuni casi vengono menzionate societates di fratelli che operavano nella stessa impresa, come Caius et Lucios Staios a Cales e a Capua Titos et Lucios Albanios che operavano singolarmente e in società a Sparanise e a Teanum Sidicinum e Statios Loucios e L. Safinios, che lavoravano insieme ad Alba Fucens. A testimonianza della mobilità degli artigiani abbiamo Paconius (C.?) che lavorava a Cales, Teanum Sidicinum, Anxur, Setia e Roma; Sa. Minucius (?) che operava a Spoletium e Tuder; L. Canoleius a Spoletium, Nursia, Castiglioncello, Caere e Cales; R. Gabinus a Castiglioncello; C. Gabinius a Caere, Roma e Cales; L. Gabinius a Cales, Capua e in Sicilia; T. Albanius a Cales, Capua, Sparanise e Teanum Sidicinum; K. Atilius a Cales, Capua, Sparanise e Paestum; L. Rutilius a Cales e Capua; M. Agrippa a Calvatone, Coccaglio, Brixia e Velleia; M. Coelius a Voltido, Gropello Cairoli, Vigna Garaldi; M. Betutius a Coccaglio, Cologno al Serio e a Hatria31. Se si tratti di casi di omonimia o degli stessi artigiani che si spostavano da un luogo all’altro resta un’ipotesi da approfondire e in questo senso analisi mirate delle argille potrebbero fornire le risposte che cerchiamo.

  • 32 Giannotta 1980, p. 35; Cracolici 2001, p. 113; Silvestrelli 2005, p. 117.
  • 33 Camodeca 2006.

20Il fatto che tali bolli con antroponimi si trovino prevalentemente nei pressi dei santuari può avere diverse spiegazioni. Potrebbe essere legato a forme di organizzazione interna del ciclo produttivo già note, ovvero gli artigiani che usavano contemporaneamente le stesse fornaci potevano necessitare di distinguere i loro vasi da quelli realizzati da altri, come succedeva nelle fornaci di Metaponto32 e come succederà in epoche più recenti con la sigillata italica. Quest’ultimo caso è ben semplificato, ad esempio, dal frammento di Isola di Migliarino che riporta liste graffite di artigiani, tipologie di vasi e quantità da cuocere in due diversi tipi di fornaci33.

21Per contro, la forte diminuzione della bollatura su ceramica a vernice nera nel II sec. a.C. potrebbe spiegarsi, oltre che con cambiamenti di tipo culturale – ad esempio trasformazione del regime delle offerte agli dèi –, anche con cambiamenti dell’organizzazione produttiva, per cui le fornaci potevano essere utilizzate da singoli artigiani per volta che non avevano quindi bisogno di distinguere i loro vasi da quelli degli altri in fase di cottura. Del resto, la forte diminuzione delle fornaci, la loro concentrazione e la diminuzione della richiesta potevano aver reso vana la necessità da parte degli artigiani di farsi riconoscere.

  • 34 Per un’ampia discussione su questo vaso vd. Di Giuseppe 2012a, p. 49-53 e 2018b, p. 351-356.

22Ma, a mio avviso, c’è molto altro! La completezza delle informazioni riportate sui bolli di alcuni vasi, soprattutto quelli caleni ci dice che la componente psicologica e religiosa, oltre che l’orgoglio per la propria attività, che almeno fino al III sec. a.C. si configura come un artigianato artistico, possono aver giocato un ruolo importante nella necessità da parte del figulo – peraltro alfabetizzato – di farsi riconoscere e di esprimere gratitudine rispetto alla divinità che aveva ospitato la sua impresa e protetto i suoi carichi di cottura. Il famosissimo vaso caleno di K. Serponios, per citare un solo esempio, è chiaramente un vaso decorato sul modello di patere in argento così prezioso nel suo genere che l’artigiano ha desiderato manifestare la propria personalità, dicendoci in aggiunta da dove proveniva, dove precisamente aveva realizzato il manufatto e forse anche con quali strumenti (fig. 7)34.

Fig. 7 - Napoli. Patera mesonphalica di K. Serponios con i dettagli della decorazione interna e dell’iscrizione.

Fig. 7 - Napoli. Patera mesonphalica di K. Serponios con i dettagli della decorazione interna e dell’iscrizione.

Rielaborato da Rocco 1953, Fig. 1.

  • 35 Annis 1995.

23Un altro aspetto da non trascurare nella ricerca delle molteplici ragioni che hanno determinato la nascita delle officine nei pressi dei santuari, è quello psicologico, legato alle credenze, alle superstizioni e alle paure degli artigiani. L’attività del figulo era estremamente pericolosa, minacciata da demoni malefici, secondo credenze risalenti a Omero che ritroviamo fin quasi ai nostri giorni: ricordiamo, ad esempio, che a Oristano, dove agli inizi del secolo scorso, era molto fiorente l’attività vascolare grazie alla presenza nel suburbio di ricchi banchi d’argilla, le mogli passavano le notti a pregare in chiesa, nella fase in cui i vasai cuocevano i loro vasi in forni comuni35. Errori nel controllo della fiamma in fase di cottura potevano mandare a rotoli interi carichi, il che voleva dire la perdita di mesi e mesi di lavoro e dei guadagni che ne potevano seguire e che la perdita di carichi fosse frequente ce lo testimonia la miriade di scarichi di fornaci rinvenuti ovunque, grazie ai quali noi archeologi possiamo individuare officine di qualunque periodo storico, come abbiamo già detto.

  • 36 I nomi dei dèmoni sono quelli usati da Romagnoli 1925. Vd. anche Vidale 2002, p. 83; Cassio c.s.
  • 37 Vidale 2002, fig. 7; Palmieri 2016, p. 202, cat. Ge21, tav. V, 15.

24Il disagio, la paura e le superstizioni dei vasai sono ben rappresentati nell’epigramma “omerico” 13 – La fornace o il vasaio –, trasmesso dalla Vita Erodotea di Omero (cap. 32) e nella Suda s.v. Ὅμηρος (3. p. 529 Adler), in cui i figuli che non si comportano onestamente vengono minacciati di assistere alla rovina della loro attività per mano di dèmoni legati alle fasi critiche della lavorazione e cottura dei vasi. Stritola (= Suntrips, colui che stritola), Spìcina (= Sharagos, colui che fa scricchiolare, che screpola), Incénera (= Asbetos, ovvero il fuoco inestinguibile), Bòmbito (= Sabaktes, lo scuotitore che fa scoppiare i pezzi) e Spacca (Omodamos, il guastatore dei vasi ancora crudi)36 sono i dèmoni invocati e responsabili dei crepitii, lesioni, fratture, contrazioni e ipercotture dei vasi che generano gli scarichi di fornaci noti agli archeologi. Al contrario, a protezione dei vasai onesti viene invocata Atena che di tutte le arti e mestieri era protettrice. E Atena in forma di civetta ritroviamo su una pinax a protezione della fornace alimentata dall’artigiano Lokres che affronta un satirello itifallico posto sulla testa del prefurnio (fig. 8). Il suo nome è intuibile nelle prime due lettere conservate e per le quali è stata proposta l’integrazione di Kaminus37, un demone di cui finora ignoravamo l’esistenza, e dal quale certamente bisognava proteggersi per portare a buon fine la propria attività.

Fig. 8 - Pinax corinzio che raffigura il vasaio Lokres nell’atto di alimentare la fornace in presenza di un piccolo satirello itifallico, interpretato come dèmone della fornace, svettante in atteggiamento provocatorio sopra il prefurnio. A fare da contraltare in alto, Atena, in forma di civetta invocata a proteggere tutte le arti (deposito di Penteskouphia).

Fig. 8 - Pinax corinzio che raffigura il vasaio Lokres nell’atto di alimentare la fornace in presenza di un piccolo satirello itifallico, interpretato come dèmone della fornace, svettante in atteggiamento provocatorio sopra il prefurnio. A fare da contraltare in alto, Atena, in forma di civetta invocata a proteggere tutte le arti (deposito di Penteskouphia).

Rielaborato da Palmieri 2016, tav. V, 15.

25In questo contesto non stupisce l’offerta ricorrente nei santuari di vasi particolarmente pregiati recanti il nome del figulo – ma anche di tanti altri oggetti e strumenti di lavorazione legati al mondo della produzione – come forma di auto rappresentazione e ringraziamento per un’attività produttiva evidentemente conclusa con profitto.

Bibliographie

Annis 1995: M. B. Annis, Economia di una produzione ceramica: ricerca etno-archeologica nell’oristanese (anni ’20-anni ’80), in Associazione Culturale Ossidiana (dir.), La ceramica racconta la storia: la ceramica artistica, d’uso e da costruzione nell’Oristanese dal Neolitico ai nostri giorni, Oristano, 1995, p. 295-329.

Antonini 2011: R. Antonini, L’onomastica di un ceramista attestato a Fregellae. Sulle tracce del percorso verso la piena romanizzazione in una famiglia della diaspora italica, Quaderni Coldragonesi, 2, 2011, p. 11-20.

Bergamini 2003: M. Bergamini (con il contributo di V. Thirion-Merle), Una produzione firmata da Marcus Perennius Crescens a Scoppieto, ReiCretActa, 38, 2003, p. 133-144.

Bergamini 2005: M. Bergamini, Matrici per terra sigillata da Scoppieto, ReiCretActa, 39, 2005, p. 71-79.

Bergamini 2006: M. Bergamini, La manifattura romana di Scoppieto. Elementi fittili funzionali, in Menchelli, Pasquinucci 2006, p. 283-298.

Bergamini 2007: M. Bergamini (dir), Scoppieto I. Il territorio e i materiali (lucerne, opus doliare, metalli), Sesto Fiorentino, 2007.

Bergamini 2008: M. Bergamini, Scoppieto e i commerci sul Tevere, in Patterson, Coarelli 2008, p. 285-321.

Bergamini 2011: M. Bergamini (dir.), Scoppieto II. I materiali. Monete, ceramica a vernice nera, ceramica a pareti sottili, ceramica di importazione africana, anfore, manufatti e strumenti funzionali alla lavorazione dell’argilla e alla cottura, pesi da telaio, vetro, osso lavorato, metalli, sculture, materiale epigrafico, Firenze, 2011.

Bergamini 2013: M. Bergamini (dir.), Scoppieto III. Lo scavo, le strutture, i materiali (coroplastica, marmi), Borgo San Lorenzo, 2013.

Bergamini 2014: M. Bergamini (dir.), Scoppieto IV.1. I materiali: terra sigillata decorata a rilievo, Roma, 2014.

Bergamini 2015: M. Bergamini (dir.), Scoppieto V. I materiali: ceramiche comuni, Roma, 2015.

Bergamini 2016: M. Bergamini (dir.), Scoppieto IV.2. I materiali: terra sigillata liscia, punzoni e matrici, Roma, 2016.

Bergamini, Comodi 2008: M. Bergamini, P. Comodi, Matrici e punzoni di Marcus Perennius Crescens a Scoppieto, ReiCretActa, 41 2008, p. 75-91.

Biella et al. 2018: M. C. Biella, R. Cascino, A.F. Ferrandes, M. Revello Lami (dir.), Gli artigiani e la città. Officine e aree produttive tra VIII e III sec. a.C. nell’Italia centrale tirrenica. Atti della Giornata di Studio, British School at Rome, 11 gennaio 2016, Roma, 2018.

Bodei Giglioni 1977: G. Bodei Giglioni, Pecunia Fanatica. L’incidenza economica dei templi laziali, Rivista storica italiana, 89, 1977, p. 33-76.

Brecciaroli Taborelli 1996-1997: L. Brecciaroli Taborelli, Jesi (Ancona). L’officina ceramica di Aesis (III sec. a.C.-I sec. d.C.), NSc, s. IX, 7-8, 1996-1997, p. 5-277.

Brecciaroli Taborelli 2005: L. Brecciaroli Taborelli, Ceramiche a vernice nera, in D. Gandolfi (dir.), La ceramica e i materiali di età romana. Classi, produzioni, commerci e consumi, Bordighera, 2005, p. 59-103.

Camodeca 2006: G. Camodeca, Graffito con conto di infornata di sigillata tardo-italica da Isola di Migliarino (Pisa), in Menchelli, Pasquinucci 2006, p. 207-216.

Carlsen 2013: J. Carlsen, Land and Labour. Studies in Roman Social and Economic History, Rome, 2013.

Cassio c.s.: A. C. Cassio, Atena, la fornace e i demoni (epigramma ‘omerico’ 13), in Produzione artigianale in Grecia arcaica. Giornata di Studio (Fisciano, 28 maggio 2014), c.s.

Cracolici 2001: V. Cracolici, Le ceramiche. Tecniche e modi di produzione, in A. De Siena (dir.), Metaponto. Archeologia di una colonia greca, Taranto, 2001, p. 103-114.

Di Giuseppe 2003: H. Di Giuseppe, La ceramica a vernice nera, in H. Patterson, A. Bousquet, H. Di Giuseppe, F. Felici, S. Fontana, R. Witcher, S. Zampini, Le produzioni ceramiche nella media Valle del Tevere tra l’età repubblicana e tardo antica, ReiCretActa, 38, 2003, p. 161-170.

Di Giuseppe 2004: H. Di Giuseppe, The Republican period, in H. Patterson et al., The re-evaluation of the South Etruria survey: The first results, in H. Patterson (dir.), Bridging the Tiber. Approaches to regional archaeology in the middle Tiber valley, London, 2004, p. 11-28 (p. 19-22).

Di Giuseppe 2005: H. Di Giuseppe, Un confronto tra l’Etruria settentrionale e meridionale dal punto di vista della ceramica a vernice nera, PBSR, 73, 2005, p. 31-84.

Di Giuseppe 2008: H. Di Giuseppe, South Etruria survey: la ceramica a vernice nera nella media Valle del Tevere, in Patterson, Coarelli 2008, p. 901-915.

Di Giuseppe 2011: H. Di Giuseppe, Hannibal’s Legacy and Black Glaze Ware in Lucania, in F. Colivicchi (dir.), Local cultures of South Italy and Sicily in the Late Republican period: Between Hellenism and Rome, Ann Arbor, 2011, p. 57-76.

Di Giuseppe 2012a: H. Di Giuseppe, Black-gloss Ware in Italy. Production Management and Local Histories, Oxford, 2012.

Di Giuseppe 2012b: H. Di Giuseppe, La ceramica a vernice nera, in Patterson, Cascino, Di Giuseppe 2012, p. 253-266.

Di Giuseppe 2016: H. Di Giuseppe, La ceramica a vernice nera e l’economia del tempio, in A. Russo, F. Guarneri (dir.), Santuari mediterranei tra Oriente e Occidente interazioni e contatti culturali, Atti del convegno Internazionale (Civitavecchia 21-23 giugno 2014), Roma, 2016, p. 143-156.

Di Giuseppe 2018a: H. Di Giuseppe, Lungo il Tevere scorreva lento il tempo dei paesaggi tra XV e I secolo a.C. (Solo e pensoso i più deserti campi vo mesurando a passi tardi e lenti…1), Roma, 2018.

Di Giuseppe 2018b: H. Di Giuseppe, Il Vequos Esquelinos e gli artigiani campani a Roma, Oebalus, 13, 2018, p. 341-366.

Ferrandes 2918: A.F. Ferrandes, Gli artigiani e Roma tra alta e media età repubblicana, in Biella et al., 2018, p. 21-53.

Fontana 2008: S. Fontana, South Etruria Survey revisited. Le anfore, un tentativo di analisi quantitativa, in Patterson, Coarelli 2008, p. 655-670.

Gatti, Onorati 1992: S. Gatti, M.T. Onorati, Praeneste medio-repubblicana: gentes ed attività produttive, in La necropoli di Praeneste. Periodi orientalizzante e medio repubblicano. Atti del II convegno di studi archeologici (Palestrina,21-22 aprile 1990), Palestrina, 1992, p. 189-252.

Giannotta 1980: M. T. Giannotta, Metaponto ellenisticoromana, Galatina, 1980.

Granino Cecere 2009: M. G. Granino Cecere, Pecunia sacra e proprietà fondiaria nei santuari dell’Italia centrale. Il contributo dell’epigrafia, ARG, 11, 2009, p. 37-62.

Kirsopp Lake 1934-1935: A. Kirsopp Lake, Campana suppellex. The pottery deposit of Minturnae, Bollettino dell’Associazione Internazionale di Studi Mediterranei, 5, 4-5, 1934-1935, p. 97-114.

Lepore et al. 2012: G. Lepore, G. de Marinis, F. Belfiori, F. Boschi, M. Silani, Progetto “archeologia urbana a Senigallia” II. Le ricerche di via Baroccio e via Gherardi, FOLD&R, 2012, 265, p. 1-30.

Malandrino 1991: P. Malandrino, Ceramica a vernice nera di Fregellae, in Terra dei Volsci: contributi 1991, Frosinone 1991, p. 16-32.

Menchelli, Pasquinucci 2006: S. Menchelli, M. Pasquinucci (dir.), Territorio e produzioni ceramiche. Paesaggi, economia e società in età romana, Pisa, 2006.

Molinari et al. 2016: A. Molinari, R. Santangeli Valenzani, L. Spera (dir.), L’archeologia della produzione a Roma (secoli V-XV). Atti del Convegno internazionale di studi (Roma, 27-29 marzo 2014), Bari, 2016.

Morel 1987: J.-P. Morel, La topographie de l’artisanat et du commerce dans la Rome antique, in L’Urbs. Espace urbain et histoire (ier siècle av. J.-C.-iiie siècle ap. J.-C.), Roma, 1987, p. 127-155.

Morel 1988: J.-P. Morel, Artisanat et colonisation dans l’Italie romaine aux ive et iiie siècles av. J.-C., in La colonizzazione romana tra la guerra latina e la guerra annibalica. Atti del convegno di studi (Acquasparta, 29-30 maggio 1987), DialA, 6, 2, 1988, p. 49-63.

Morel 1994: J.-P. Morel, Céramique campanienne: les formes, 2a ed., Roma, 1994.

Nicosia 1979: A. Nicosia, Ceramica repubblicana nella media Valle del Liri, Museo Civico di Pontecorvo. Quaderni, 1, 1979, p. 23-41.

Olcese 2012: G. Olcese (dir.), Atlante dei siti di produzione e delle ceramiche dell’Italia centro meridionale (Toscana, Lazio, Campania e Sicilia), Roma, 2012.

Palmieri 2016: M.G. Palmieri, Penteskouphia: immagini e parole dipinte sui pinakes corinzi dedicati a Poseidon, Atene, 2016.

Panella, Zeggio, Ferrandes 2014: C. Panella, S. Zeggio, A. Ferrandes, Lo scavo delle pendici nord-orientali del Palatino tra dati acquisiti e nuove evidenze, ScAnt, 20, 2014, p. 159-246.

Patterson, Coarelli 2008: H. Patterson, F. Coarelli (dir.), Mercator Placidissimus. The Tiber Valley in Antiquity. New research in the upper and middle river valley. Proceedings of the Conference held at the British School at Rome (27-28 Feb. 2004), Roma, 2008.

Patterson, Cascino, Di Giuseppe 2012: H. Patterson, R. Cascino, H. Di Giuseppe (dir.), “Veii. The Historical Topography of the Ancient City”. A re-study of John Ward Perkins’ survey, London, 2012.

Patterson, Witcher, Di Giuseppe 2020: H. Patterson, R. Witcher, H. Di Giuseppe, The Changing Landscapes of Rome’s Northern Hinterland. The British School at Rome’s Tiber Valley Project, Oxford, 2020.

Pedroni 2001: L. Pedroni, Ceramica calena a vernice nera. Produzione e diffusione, Città di Castello, 2001.

Rocco 1953: A. Rocco (dir.), Corpus Vasorum Antiquorum. Italia. Museo Nazionale di Napoli, Roma, 1953.

Romagnoli 1925: E. Romagnoli (ed. e trad.), La fornace o i vasai, in Omero minore. Inni – Batracomiomachia – Epigrammi – Margite, Bologna, 1925, p. 177-180.

Silvestrelli 2005: F. Silvestrelli, Le fasi iniziali della ceramica a figure rosse nel kerameikos di Metaponto, in M. Denoyelle, E. Lippolis, M. Mazzei, C. Pouzadoux (dir.), La céramique apulienne: bilan et perspectives, Naples, 2005, p. 113-123.

Sordini 1903: G. Sordini, Spoleto. Avanzi della primitiva cinta urbana, con porta e torre, recentemente scoperti, NSc, 1903, p. 186-198.

Tol 2012: G.W. Tol, A fragmented history. A methodological and artefactual approach to the study of ancient settlements in the territories of Satricum and Antium, Groningen, 2012.

Vidale 2002: M. Vidale, L’idea di un lavoro lieve. Il lavoro artigianale nelle immagini della ceramica greca tra VI e IV secolo a.C., Padova, 2002.

Notes

1 Bodei Giglioni 1977; Granino Ciacere 2009; Carlsen 2013.

2 Di Giuseppe 2012a.

3 Morel 1987.

4 Molinari et al. 2016.

5 Bellia et al. 2018.

6 Vd. da ultimo con bibliografia precedente Patterson, Cascino, Di Giuseppe 2012; Di Giuseppe 2018a; Patterson, Witcher, Di Giuseppe 2020.

7 Notizie sono state date in Di Giuseppe 2003, 2004, 2005, 2008, 2012a e 2012b, 2016 e 2018a.

8 Di Giuseppe 2012a, p. 62-72; vd. anche Olcese 2012.

9 Di Giuseppe 2012a, p. 69.

10 Panella, Zeggio, Ferrandes 2014, p. 190, n. 101. Vd. anche Di Giuseppe 2018b e Ferrandes 2018.

11 Granino Cecere 2009.

12 Di Giuseppe 2012a, p. 24.

13 Tali dati derivano da Di Giuseppe 2012a, fig. 9 aggiornati con pubblicazioni e notizie di scavi edite successivamente: vd. ad es. Olcese 2012; voce fornace/i in www.fastionline.org.

14 I tipi e le quantità delle associazioni sono presentate in Di Giuseppe 2016, p. 146, tab. 1.

15 Di Giuseppe 2012a, p. 46, 48-49, 66, 70.

16 Vd. Fontana 2008, p. 657, fig. 1-2; Tol, 2012, p. 57-59, fig. 3.7 e 3.9.

17 Le ragioni di questi ‘comportamenti’ della ceramica a vernice nera e le possibili spiegazioni storico-economiche sono state ampiamente dibattute in Di Giuseppe 2011; 2012a, p. 142-155, fig. 140; 2016, fig. 3; 2018a, p. 126-145.

18 Di Giuseppe 2012a, p. 37-39.

19 Ibid., p. 45-46 e 67-69.

20 Per un’ampia casistica vd. Di Giuseppe 2012a, p. 82-84; 2016, p. 148 con bibliografia.

21 Bergamini 2003; 2005; 2006; 2007; 2008; 2011; 2013; 2014; 2015; 2016; Bergamini, Comodi 2008.

22 Di Giuseppe 2008, p. 906.

23 Brecciaroli Taborelli 1996-1997, fig. 65-67.

24 Brecciaroli 2005, p. 243; Lepore et al. 2012 fig. 19 e 42.

25 Di Giuseppe 2012a, p. 93, fig. 102.

26 Gatti, Onorati 1992.

27 Kirsopp Lake 1934-1935, p. 109-110, Pl. XV e XXI; Morel 1994, p. 52, nota 143.

28 Pedroni 2001, p. 64-80.

29 Nicosia 1979; Malandrino 1991; Antonini 2011.

30 Sordini 1903; Morel 1988, p. 54, nota 47.

31 Di Giuseppe 2012a, p. 94, tabella 8; 2016, p. 151, nota 45.

32 Giannotta 1980, p. 35; Cracolici 2001, p. 113; Silvestrelli 2005, p. 117.

33 Camodeca 2006.

34 Per un’ampia discussione su questo vaso vd. Di Giuseppe 2012a, p. 49-53 e 2018b, p. 351-356.

35 Annis 1995.

36 I nomi dei dèmoni sono quelli usati da Romagnoli 1925. Vd. anche Vidale 2002, p. 83; Cassio c.s.

37 Vidale 2002, fig. 7; Palmieri 2016, p. 202, cat. Ge21, tav. V, 15.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Carta di distribuzione delle officine di ceramica a vernice nera in Italia individuate attraverso fornaci e indicatori indiretti.
Légende 323 officine distribuite in 177 località; in 105 località (59%), sono state documentate 252 fornaci, in 72 località (39%), solo indicatori indiretti della produzione.
Crédits Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 9.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-1.png
Fichier image/png, 104k
Titre Fig. 2 - Confronto quantitativo tra officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. individuate grazie alle fornaci e agli indicatori indiretti.
Crédits Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 85.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-2.png
Fichier image/png, 59k
Titre Fig. 3 - Confronto percentuale tra tipi di contesto in cui sono state individuate fornaci e indicatori indiretti di ceramica a vernice nera articolato in due fasce cronologiche: IV-III sec. a.C. (totale siti 131) e II-I sec. a.C. (totale siti 76).
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-3.png
Fichier image/png, 540k
Titre Fig. 4 - Confronto percentuale delle officine di ceramica a vernice nera dal IV al I sec. a.C. (totale 306).
Crédits Rielaborato e aggiornato da Di Giuseppe 2012a, fig. 85.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-4.png
Fichier image/png, 35k
Titre Fig. 5 - In alto a sinistra: decorazioni tipiche della ceramica calena. A destra: ceramica di produzione falisca del tipo atelier 1+5. In basso: officine di Aesis.
Crédits da Di Giuseppe 2012a, fig. 68; da Brecciaroli Taborelli 1996-1997, fig. 65-67.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-5.png
Fichier image/png, 203k
Titre Fig. 6 - In alto: ceramiche prodotte in area adriatica; in basso: ceramiche comuni prodotte a Senigallia.
Crédits da Brecciaroli 2005, p. 95, tav. 19; da Lepore et al. 2012, fig. 19 e 42.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-6.png
Fichier image/png, 404k
Titre Fig. 7 - Napoli. Patera mesonphalica di K. Serponios con i dettagli della decorazione interna e dell’iscrizione.
Crédits Rielaborato da Rocco 1953, Fig. 1.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-7.png
Fichier image/png, 808k
Titre Fig. 8 - Pinax corinzio che raffigura il vasaio Lokres nell’atto di alimentare la fornace in presenza di un piccolo satirello itifallico, interpretato come dèmone della fornace, svettante in atteggiamento provocatorio sopra il prefurnio. A fare da contraltare in alto, Atena, in forma di civetta invocata a proteggere tutte le arti (deposito di Penteskouphia).
Crédits Rielaborato da Palmieri 2016, tav. V, 15.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8813/img-8.png
Fichier image/png, 337k

Auteur

AIAC Roma.

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search