Version classiqueVersion mobile

Travailler à l’ombre du temple

 | 
Olivier de Cazanove
, 
Arianna Esposito
, 
Nicolas Monteix
, 
et al.

Troisième partie. La production des offrandes

Artigiani e santuari nell’Italia medio-repubblicana. Tracce di produzione, tracce di devozione

Ilaria Manzini

Texte intégral

Desidero ringraziare gli organizzatori della Giornata di Studi “Espaces artisanaux, lieux de culte dans l’Antiquité”, e in modo particolare Olivier de Cazanove, per avermi invitato a presentare un contributo nell’ambito di un incontro tanto prestigioso e ricco di spunti di riflessione. Un ringraziamento va inoltre ai professori e colleghi con i quali ho avuto occasione di approfondire l’argomento di questa ricerca con utili e piacevoli discussioni e, in particolare, a Fausto Zevi, Gloria Olcese e David Nonnis per la loro lettura critica di questo contributo. Eventuali errori restano solo e unicamente miei.

  • 1 Questo testo è stato elaborato nel 2014 come contributo alla Giornata di Studi “Espaces artisanaux, (...)

1Questo contributo, a carattere del tutto preliminare1, ha come oggetto il rapporto tra luoghi di culto e artigianato ceramico in Italia centro-meridionale, in particolare durante l’età medio-repubblicana, momento nel quale alcuni aspetti di questa interrelazione sono più evidenti e presentano caratteristiche peculiari. L’argomento è di per sé vasto e variegato e non si intende darne qui una panoramica completa; questa indagine muove infatti da considerazioni legate in modo particolare alle produzioni ceramiche, pur nella consapevolezza che, per ampiezza e problematicità, l’argomento richiederebbe approfondimenti e verifiche anche da angoli visuali differenti e con l’ausilio di competenze disciplinari diverse. L’intento, per ora, è di evidenziare – sia dal punto di vista teorico, sia attraverso alcuni casi di studio – la complessità del fenomeno e le difficoltà che nascono dall’interpretazione, non sempre univoca, dell’evidenza archeologica.

  • 2 Di Giuseppe 2012.

2Il punto di partenza di questa riflessione, sul quale molto si è detto anche in tempi abbastanza recenti2, è l’esistenza di un rapporto privilegiato – e in qualche modo obbligato – tra artigianato e luoghi di culto nell’antichità: per una serie di ragioni, connesse tanto alla costruzione e al mantenimento degli edifici sacri, quanto alla richiesta di souvenir e di ex voto da parte dei visitatori, i santuari si caratterizzano in generale come veri e propri poli economici, che risultano fortemente attrattivi per varie categorie di artigiani. Questo contributo è incentrato in modo particolare su quella che si potrebbe definire l’“economia degli ex voto”, ossia sulle modalità e sui meccanismi di tipo economico e produttivo che regolano la fornitura di oggetti (in particolare ceramici) da dedicare alle divinità. Quali sono gli indicatori dell’esistenza di una produzione “locale” funzionale alle esigenze di un santuario? Come si organizza questa produzione per quanto concerne il rapporto tra artigiano e cliente? Più in generale, quanto stretta è l’interdipendenza tra santuari e attività artigianali e quali sono le motivazioni specifiche alla base di questo rapporto? Queste le domande fondamentali alle quali occorre cercare di dare una risposta.

Tra modelli teorici e criticità

  • 3 La bibliografia sulle produzioni artigianali nell’Italia repubblicana, di per sé amplissima, ha ric (...)
  • 4 Si veda ad esempio, per la ceramica a vernice nera, Di Giuseppe 2012, p. 96 e ss.
  • 5 In questo contributo si intende indicare con l’attributo “locale” la produzione che si struttura in (...)
  • 6 Morel 1989-1990, p. 514-515; 1992, p. 221-232. La categoria degli ex voto “per trasformazione” ragg (...)

3L’evidenza archeologica ed epigrafica suggerisce l’esistenza di una stretta interdipendenza tra santuari e strutture artigianali, determinata – tra gli altri fattori – dall’incontro tra domanda e offerta di oggetti da dedicare come ex voto da parte dei visitatori. Le enormi quantità di votivi rinvenute nelle stipi dei santuari dell’Italia centrale non lasciano dubbi circa l’entità del fenomeno: ceramiche, anatomici, statue e statuette umane o animali rappresentano solo alcune delle categorie di materiali rinvenute in maniera pressoché costante in questo tipo di depositi, che presuppongono l’esistenza di officine dedite alla produzione di tali oggetti. Con specifico riferimento all’età medio-repubblicana, un’analisi del tutto preliminare delle evidenze archeologiche3 mostra che la presenza di attività artigianali in connessione con contesti di santuario è talora accertata dal rinvenimento di vere e proprie strutture produttive4, mentre in altri casi l’attività di artigiani a livello “locale”5 può essere inferita, spesso con ampio margine di dubbio, da alcuni indicatori specifici: il rinvenimento di oggetti a destinazione votiva originaria, o ex voto “per destinazione”, secondo una definizione proposta da J.-P. Morel in relazione al santuario di Fondo Ruozzo a Teano6. Rientrano in questa categoria tutti gli oggetti concepiti con specifica funzione votiva fin dal momento della fabbricazione: anatomici, statue/statuette, ceramiche miniaturistiche, bolli con simboli erculei o altri segni di natura sacrale, iscrizioni (graffite o sovradipinte) realizzate a crudo. L’attestazione di ex voto “per destinazione”, presupponendo la presenza di un artigiano dedito a questa attività specifica, può a buon diritto essere ritenuta indicatrice di un rapporto diretto (e, ragionevolmente, di prossimità topografica) tra la bottega dove l’oggetto era fabbricato e il santuario dove esso poteva essere acquistato e dedicato.

4Sembrerebbe a maggior ragione possibile postulare l’esistenza di tale rapporto nei casi in cui l’ex voto presenti un qualche tipo di “personalizzazione” effettuata nella fase stessa della manifattura, sulla base di una richiesta specifica del cliente: indicative in questo senso sarebbero soprattutto le iscrizioni nominali sovradipinte prima della cottura, del tipo di quelle rinvenute a Praeneste (v. infra). L’interpretazione di tali attestazioni è naturalmente meritevole di approfondimenti, sia a livello teorico, sia caso per caso; in linea generale sembra comunque ragionevole ritenere che esse, costituendo il segnale di un interfacciarsi diretto tra cliente e artigiano a monte della fabbricazione dell’oggetto, depongano a favore della localizzazione di una bottega nei pressi del santuario stesso, dove tale rapporto poteva istituirsi e attuarsi con maggiore facilità.

  • 7 Sul ruolo primario di Ercole come destinatario delle dediche da parte degli artigiani v. infra. Per (...)

5Il rinvenimento, nelle vicinanze di un santuario o direttamente nelle sue stipi, di scarti di fabbricazione o di strumenti della produzione (matrici, distanziatori per separare le ceramiche nella cottura all’interno della fornace, etc.), tutt’altro che raro nei santuari dell’Italia medio-repubblicana, rappresenta un altro possibile indicatore, da valutare però con una certa cautela. Di per sé esso testimonia infatti la sola frequentazione del luogo di culto da parte di artigiani che vi dedicano tali oggetti come ex voto (“per trasformazione”, in questo caso); la localizzazione di officine nelle immediate vicinanze è senz’altro probabile, ma non può essere postulata in maniera automatica. Santuari dedicati a divinità strettamente legate al mondo della produzione e dei commerci7 potrebbero ad esempio giustificare la presenza di artigiani come dedicanti, al di là dell’esistenza di strutture e attività manifatturiere nei pressi.

  • 8 Per il periodo in esame la bibliografia è, ancora una volta, molto ricca; si rimanda tra i contribu (...)

6In alcuni casi, pur in assenza di indicatori diretti, le caratteristiche tecnologiche, morfologiche e decorative delle ceramiche, o la presenza di iscrizioni sugli oggetti votivi8, possono indiziare l’esistenza di una produzione locale, legata alle esigenze di un santuario.

  • 9 Si rimanda a puro titolo esemplificativo a Morel 1988; Morel 1990; Cicala 2010, con ampia disamina (...)
  • 10 Morel 1988, p. 54.
  • 11 Secondo i calcoli di Di Giuseppe 2012, p. 93, per il III secolo a.C. le attestazioni di bolli nomin (...)
  • 12 Pedroni 2001, p. 223-225.
  • 13 Morel 1988, p. 57-59, con bibliografia.
  • 14 Di Giuseppe 2012, p. 93-94.
  • 15 Ibid., p. 93-95 e cap. 2, passim.

7Con particolare riguardo ai dati epigrafici, resta centrale il problema rappresentato dai bolli nominali su ceramica a vernice nera, sulla cui effettiva funzione si è molto dibattuto9. L’uso di bollare i vasi con impressioni recanti elementi onomastici (sia per esteso, sia sotto forma di sigle, queste ultime spesso di difficile scioglimento) è un fenomeno caratteristico “de l’Italie de la colonisation romaine10” nel III secolo a.C., che sembra avere un rapporto privilegiato con i luoghi di culto: circa la metà dei bolli nominali con provenienza nota è stata rinvenuta in contesti di santuario, contro una percentuale esigua proveniente da necropoli11. Questo dato obbliga ad una riflessione più generale sul significato della bollatura nominale, per la quale accanto (o, addirittura, in sostituzione) alla natura di “trademark” si è avanzata l’ipotesi di riconoscere una funzione più propriamente votiva: almeno una parte di questa ceramica costituirebbe un’offerta dei ceramisti stessi, in relazione alla pratica di dedicare alla divinità la decima dei proventi12. A sostegno di questa ipotesi deporrebbe la circostanza che la grande maggioranza dei bolli con elementi letterali o con attributi di tipo sacrale rimandi alla sfera del culto di Ercole, destinatario per eccellenza delle decime in quanto protettore dei commerci e degli affari in genere13. Il nesso, evidente, tra santuari e bolli nominali potrebbe secondo tale lettura giustificarsi con la funzione di questi ultimi come contrassegni destinati a rendere riconoscibili i vasi di un dato ceramista: o perché essi costituivano per l’appunto la quota lasciata come decima al santuario; oppure14 per distinguerli da quelli di altri artigiani in caso di infornate collettive – secondo una modalità di produzione attestata, in una fase successiva, nel caso della sigillata. H. Di Giuseppe ha recentemente inserito questa ultima interpretazione della bollatura nominale all’interno di un più generale quadro ricostruttivo della produzione di ceramica a vernice nera in Italia, ricondotta ad un modello di “temple economy”: in sostanza i santuari, in quanto proprietari di terre e delle relative materie prime, avrebbero potuto facilmente impiantare delle fornaci e dare in concessione l’uso sia dell’argilla estratta in loco, sia delle strutture per la produzione, a ceramisti itineranti o stabili. Gli accordi economico-giuridici sottesi a questo tipo di rapporti produttivi restano difficili da precisare, ma i bolli nominali potrebbero indicare che il pagamento avveniva proprio tramite la fornitura, da parte degli artigiani, di un dato quantitativo di vasi, mantenendo il diritto a vendere la produzione che eccedeva tale tetto15.

  • 16 Sarebbe ad esempio necessaria una più accurata valutazione della percentuale del materiale bollato (...)

8I dati non consentono, almeno allo stato attuale, di trovare soluzioni definitive16. La bollatura nominale sembra infatti essere un fenomeno complesso, la cui ragion d’essere non necessariamente deve ridursi ad un solo aspetto specifico. Il suo scopo primario, ossia – evidentemente – quello di indicare il nome del fabbricante direttamente sui suoi prodotti, poteva forse giustificarsi in base ad una pluralità di esigenze, da quella più propriamente commerciale a quella votiva: in tale ottica, nulla vieta che una determinata percentuale dei vasi bollati costituisca una offerta dei ceramisti al santuario e/o alla divinità, ma nulla obbliga a ritenere che il significato della bollatura nominale si esaurisca in tale funzione.

  • 17 Non va infatti dimenticato che i grandi santuari erano spesso collocati in aree suburbane (dove dun (...)

9Il modello sembra comunque cogliere nel segno nell’individuare un rapporto privilegiato tra bolli con elementi onomastici e santuari e, più in generale, tra questi ultimi e una consistente fetta della produzione di ceramica a vernice nera di età medio-repubblicana. Restano però da approfondire le forme assunte da questa interdipendenza, non necessariamente così strette ed “istituzionalizzate”. È da chiarire, caso per caso, se la prossimità topografica tra officine e luoghi di culto sia di per sé indicativa di una pertinenza delle strutture produttive alle proprietà del santuario, o se rappresenti piuttosto una semplice prossimità tra soggetti indipendenti, giustificata da ragioni opportunistiche: un incontro più immediato e diretto tra domanda e offerta di ex voto e souvenir, oppure una posizione di per sé favorevole all’impianto di manifatture ceramiche17.

10In conclusione, il fenomeno della produzione artigianale legata ai santuari dell’Italia medio-repubblicana resta, per alcuni versi, difficile da determinare nel dettaglio, anche e soprattutto per il doppio ruolo giocato dagli artigiani, sia come produttori, sia come offerenti. Tracciare una linea di demarcazione tra le tracce di devozione e quelle di produzione può essere una operazione complessa, da effettuare attraverso l’intreccio tra dati di natura diversa, nel tentativo di chiarire per ciascun contesto il quadro della produzione locale, costruendo così una base documentaria affidabile per ipotesi interpretative di più ampio respiro.

Alcuni esempi

Teanum Sidicinum

  • 18 Se si eccettua l’individuazione di due strutture ipoteticamente interpretate come piccole fornaci d (...)
  • 19 La ceramica a vernice nera di Teano è stata l’oggetto principale del mio Dottorato di ricerca press (...)
  • 20 Johannowsky 1963, p. 132, fig. 2.
  • 21 Manzini 2013, p. 201-202, con bibliografia.

11Un caso esemplificativo per quanto riguarda l’individuazione di produzioni legate alle esigenze di un santuario, anche in assenza del rinvenimento di vere e proprie strutture produttive18, è rappresentato da uno dei luoghi di culto periferici del centro sidicino di Teano19. Il santuario, posto ai margini della città antica in località Loreto, presenta una struttura articolata su terrazze che ospitavano diversi edifici templari20. Le stipi votive hanno restituito abbondante materiale databile in età medio-repubblicana, il cui studio ha permesso di ampliare le conoscenze relative alle caratteristiche della produzione locale. I nuovi dati sono interessanti in quanto confermano ulteriormente l’ipotesi, già formulata su base epigrafica, della presenza a Teano di una manifattura locale di ceramica a vernice nera, di cui alcuni vasi – rinvenuti però in contesti di necropoli – presentano marchi di fabbrica in osco graffiti dopo la cottura, con esplicita menzione sia del luogo di fabbricazione (espresso dal locativo Tiianei), sia del nome dei proprietari dell’officina (la famiglia, probabilmente locale, dei Berii)21.

Fig. 1 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera con difetti di fabbricazione e di cottura.

Fig. 1 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera con difetti di fabbricazione e di cottura.

a) coppa Morel 2586, inv. 182050; b) coppa Morel 2586, inv. 311541; c) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv.; d) patera Morel 2283 c, inv. 163599; e) skyphos, inv. 172812.

12Un primo dato utile è emerso dall’esame delle caratteristiche morfologiche e tecnologiche del materiale rinvenuto nelle stipi del santuario. A confronto con i corredi coevi delle necropoli periurbane, sono qui numericamente prevalenti i vasi di fattura più corrente, sia a livello tecnologico (frequenti irregolarità della forma, fessurazioni della superficie, bassa qualità dei rivestimenti e difetti di cottura; v. fig. 1), sia nelle decorazioni: queste ultime si presentano semplificate e schematiche, generalmente solo impresse (fig. 2). Lo studio dettagliato dei bolli ha comunque permesso di individuarne alcuni che si ripetono sia nella necropoli, sia nel santuario, assicurando così circa la pertinenza di vasi di entrambi i gruppi alla produzione di un’unica officina, o di un gruppo di officine che condividevano i punzoni. È dunque probabile che la produzione di ceramica a vernice nera fosse in qualche modo organizzata su due differenti registri: uno di qualità più elevata, più ricco nella decorazione e curato nella fabbricazione, destinato ai corredi della necropoli; uno più semplificato e povero, misurato sulle esigenze del grande santuario di Loreto, dove la domanda era probabilmente meno esigente a livello di qualità, ma più impegnativa a livello di quantità.

Fig. 2 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Decorazioni su ceramica a vernice nera.

Fig. 2 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Decorazioni su ceramica a vernice nera.

a) fondo di coppa con piede ad anello, inv. 164960, testa/gorgoneion centrale con quattro palmette radiali; b) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., stessa decorazione dell’esemplare precedente; c) fondo di coppa con piede ad anello, inv. 194140, testa/gorgoneion centrale con quattro palmette radiali e decorazione graffita e sovradipinta; d) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., stessi bolli dell’esemplare precedente; e) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., bollo centrale a onde correnti e palmette radiali; f) coppa Morel 2586, s.n. inv., bollo centrale a “labirinto” e palmette radiali. Si noti (a-b, c-d) la presenza di esemplari con decorazioni che testimoniano diversi gradi di usura del punzone (scala 1:1).

Foto e disegni Autore.

  • 22 Manzini 2013, p. 205, fig. 7.
  • 23 Morel 1989-1990, p. 512.

13Altre considerazioni concorrono a suggerire l’esistenza di una produzione legata in modo particolare al santuario in località Loreto: lo indica la ricca casistica di ex voto “per destinazione”, tra cui spicca la ceramica miniaturistica che, non a caso, riproduce forme ricorrenti anche nella ceramica di dimensioni standard (fig. 3); lo conferma, pur con tutte le cautele espresse sopra, la presenza di strumenti per la produzione ceramica (distanziatori ad anello, uno ancora incollato al fondo di una coppa)22; lo suggerisce, infine, la circostanza che i materiali dei depositi votivi di Loreto differiscano nettamente da quelli di Fondo Ruozzo, l’altro grande santuario suburbano di Teanum. Come già osservato da Morel, quest’ultima circostanza rende poco probabile l’esistenza di un’unica officina urbana che fornisse votivi e ceramiche per entrambi i luoghi di culto, deponendo piuttosto, per Fondo Ruozzo, a favore di una autosufficienza locale, basata su un’officina attiva presso il santuario23.

Fig. 3 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera, corrispondenza tra forme miniaturistiche e di dimensioni standard.

Fig. 3 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera, corrispondenza tra forme miniaturistiche e di dimensioni standard.

a) patere con omphalos centrale; b) pissidi Morel 7512 a/7514 a; c) coppe su alto piede con listello sulla parete esterna, Morel 2434 b e simili; d) coppe con orlo ricurvo e pendente, su basso piede o su piede a stelo, Morel 1341/1343.

Foto e disegni Autore.

14Nel caso di Teanum è dunque l’associazione tra dati diversi a fornire una base sufficientemente solida per identificare e caratterizzare la produzione legata ai santuari del centro sidicino.

Praeneste

  • 24 Ai tempi della stesura di questo contributo, ero stata coinvolta nelle fasi iniziali di un lavoro p (...)
  • 25 Gatti, Demma 2012, p. 341.
  • 26 Demma, Pietrafesa, Pintucci 2002.
  • 27 Gatti, Demma 2012, p. 341-349.

15Un caso di studio di estremo interesse è rappresentato dalla città latina di Praeneste24, per la quale solo in anni recenti sta emergendo la reale complessità della topografia sacra urbana, al di là dell’attenzione quasi esclusiva riservata in precedenza al preminente santuario della Fortuna Primigenia25. Ricerche archeologiche condotte dalla Soprintendenza hanno infatti portato in luce diversi santuari urbani e suburbani, tra cui il Tesmophorion di Santa Lucia26 e un imponente scarico di materiale votivo in località Colombella, pertinente con ogni evidenza ad un santuario27.

  • 28 Ibid., p. 362-363.
  • 29 La presenza di strutture per la produzione ceramica nelle vicinanze non è d’altronde in contrasto c (...)

16La rilevanza di quest’ultimo sito per l’argomento affrontato in questa sede è connessa alla presenza emergente di artigiani, in particolare in qualità di dedicanti di oggetti legati alla propria attività produttiva: da questo deposito sono infatti emerse matrici – alcune con nomi incisi prima della cottura – e vari strumenti del lavoro artigianale28. A queste “tracce di devozione” si aggiungono numerose “tracce di produzione” rapportabili al santuario e alle sue esigenze, leggibili nella ceramica miniaturistica, in alcuni bolli con attributi erculei e oggetti rituali e infine nei vasi con iscrizioni nominali sovradipinte prima della cottura, che sembrano suggerire l’esistenza di un’officina ragionevolmente accessibile per i visitatori (fig. 4)29.

Fig. 4 - Praeneste, scarico in località Colombella. Ceramica a vernice nera.

Fig. 4 - Praeneste, scarico in località Colombella. Ceramica a vernice nera.

a) fondo di coppa con bolli con attributi erculei (clave); b) fondo coppa con iscrizione sovradipinta C(ai) Petroni (esemplare edito in Gatti, Demma 2012, p. 366, fig. 41).

Foto Autore.

  • 30 Resta fondamentale lo studio di Gatti, Onorati 1992, cui si aggiungono i contributi nel catalogo Il (...)
  • 31 Anche nel caso di Palestrina l’individuazione di una produzione locale di ceramica a vernice nera, (...)
  • 32 Gatti, Onorati 1992, p. 202-218, p. 202, n. 52.
  • 33 Ibid., p. 218, n. 78.
  • 34 Gatti, Demma 2012, p. 361-362.
  • 35 Tudisca et al. 2011, p. 353.

17Questo contesto offre inoltre un osservatorio privilegiato per lo studio dei bolli prenestini che, sia per numero (secondo solo a quello di Cales), sia per la rilevanza delle informazioni dedotte dallo studio prosopografico, rappresentano un patrimonio eccezionale. Come noto30, la produzione locale di ceramica a vernice nera31 si caratterizza – oltre che per un peculiare insieme di forme, in parte derivante direttamente da modelli greci – per la presenza di bolli nominali riferibili a famiglie sicuramente prenestine, attestate sui caratteristici cippi a pigna della necropoli cittadina: sono in particolare i Samiarii e i Trebonii a controllare apparentemente la gran parte del mercato a cavallo tra III e II secolo a.C., forse non senza rivalità32. Nel caso specifico dello scarico in località Colombella, si osserva una discrepanza con le attestazioni del santuario di Ercole sotto piazza Ungheria: in quest’ultimo contesto i bolli attribuibili alla famiglia dei Samiarii sono decisamente prevalenti per varietà e quantità33, mentre a Colombella è attestato un solo bollo pertinente ad un S(extus) Sami(arius), contro numerosi bolli dei Trebonii e degli Orceuii34. Tale discrepanza può trovare una prima e più ovvia spiegazione nella supposta differenza cronologica tra le attività delle diverse famiglie35; ma il dato è meritevole di approfondimento, non potendosi escludere che esso sia indicativo di rapporti privilegiati tra alcuni santuari e alcuni produttori e, dunque, del ruolo giocato dai luoghi di culto nel determinare l’organizzazione della produzione locale.

Bibliographie

Cicala 2010: G. Cicala, Instrumentum domesticum inscriptum proveniente da Asculum e dal suo territorio, Pisa, 2010.

Demma, Pietrafesa, Pintucci 2002: F. Demma, D. Pietrafesa, A. Pintucci, Palestrina, santuari e domus: nuovi dati sulla città bassa, in Il Lazio regione di Roma 2002, p. 91-106.

Depositi votivi e culti 2005: A. Comella, S. Mele (dir.), Depositi votivi e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a quella tardo-repubblicana. Atti del convegno di studi (Perugia, 1-4 giugno 2000), Bari, 2005.

Di Giuseppe 2012: H. Di Giuseppe, Black-Gloss Ware in Italy. Production Management and Local Histories, Oxford, 2012.

Gatti 2009: S. Gatti, La necropoli di Praeneste: nuovi contesti e corredi, in Lazio e Sabina 5, Roma, 2009, p. 159-171.

Gatti, Demma 2012: S. Gatti, F. Demma, Praeneste: un luogo di culto suburbano in loc. Colombella, in E. Marroni (dir.), Sacra Nominis Latini. I santuari del Lazio arcaico e repubblicano. Atti del convegno internazionale (Roma, 19-21 febbraio 2009), Napoli, 2012, p. 341-369.

Gatti, Onorati 1992: S. Gatti, M. T. Onorati, Praeneste medio repubblicana, gentes e attività produttive, in La necropoli di Praeneste 1992, p. 189-252.

Johannowsky 1963: W. Johannowsky, Relazione preliminare sugli scavi di Teano, Bollettino d’arte, 48, 1963, p. 131-165 (reed. in W. Johannowsky, Dal Tifata al Massico. Scritti sulla Campania settentrionale (1961-2000), Napoli, 2009, p. 46-89).

Il Lazio regione di Roma 2002: S. Gatti e G. Cetorelli Schivo (dir.), Il Lazio regione di Roma. Catalogo della mostra (Palestrina, 12 luglio-10 settembre 2002), Roma, 2002.

Manzini 2013: I. Manzini, La ceramica a vernice nera di Teano: nuovi dati sulle caratteristiche della produzione locale, in G. Olcese (dir.), Immensa Aequora Workshop. Ricerche archeologiche, archeometriche e informatiche per la ricostruzione dell’economia e dei commerci nel bacino occidentale del Mediterraneo (metà IV sec. a.C.-I sec. d.C.). Atti del Convegno internazionale (Roma, 24-26 gennaio 2011), Roma, 2013, p. 201-208.

Morel 1988: J.-P. Morel, Artisanat et colonisation dans l’Italie romaine aux ive et iiie siècles av. J.-C., in La colonizzazione romana tra la guerra latina e la guerra annibalica. Atti del colloquio (Aquasparta 1987), DArch, s. 3, 6/2, 1988, p. 49-63.

Morel 1989-1990: J.-P. Morel, Aspects économiques d’un sanctuaire (Fondo Ruozzo à Teano, Campanie), in Anathema. Regime delle offerte ed economia dei santuari del Mediterraneo. Proceedings of the Conference (Rome, June 15th-18th, 1989), Scienze dell’Antichità, 3-4, 1989-1990, p. 507-517.

Morel 1990: J.-P. Morel, L’artigianato e gli artigiani, in Storia di Roma, II.1, Torino, 1990, p. 143-158.

Morel 1992: J.-P. Morel, Ex-voto par transformation, ex-voto par destination. A propos du dépôt votif de Fondo Ruozzo à Teano, in Mélanges Pierre Lévêque, 6. Religion, Besançon, 1992, p. 221-232.

La necropoli di Praeneste 1992: La necropoli di Praeneste, periodi orientalizzante e mediorepubblicano. Atti del II Convegno di studi archeologici (Palestrina, 21-22 aprile 1990), Palestrina, 1992.

Nonnis 2013: D. Nonnis, Produzione e distribuzione nell’Italia repubblicana. Uno studio prosopografico, Roma, 2013.

Nonnis, Sisani 2012: D. Nonnis, S. Sisani, Manufatti iscritti e vita dei santuari: l’Italia centrale tra media e tarda repubblica, in G. Baratta, S. M. Marengo (dir.), Instrumenta Inscripta III. Manufatti iscritti e vita dei santuari in età romana, Macerata, 2012, p. 41-91.

Olcese 1998: G. Olcese, Ceramiche a vernice nera di Roma e area romana: i risultati delle analisi di laboratorio, in P. Frontini, M. T. Grassi (dir.), Indagini archeometriche relative alla vernice nera: nuovi dati sulla provenienza e la diffusione. Atti del Seminario Internazionale di Studio (Milano, 22-23 novembre 1996), Como, 1998, p. 141-152.

Olcese 2011-2012: G. Olcese, Atlante dei siti di produzione ceramica (Toscana, Lazio, Campania e Sicilia) con le tabelle dei principali relitti del Mediterraneo occidentale con carichi dall’Italia meridionale (IV sec. a.C.-I sec. d.C.), Roma, 2011-2012.

Pedroni 2001: L. Pedroni, Ceramica calena a vernice nera. Produzione e diffusione, Città di Castello, 2001.

Religio 2004: Religio. Santuari ed ex voto nel Lazio meridionale. Atti della giornata di studio (Terracina, 7 ottobre 2000), Terracina 2004.

Sirano, Iannaccone 2011-2012: F. Sirano, P. Iannaccone, Teano – Loreto (C133), in Olcese 2011-2012, p. 338-339.

Tudisca et al. 2011: V. Tudisca, C. Casieri, F. Demma, M. Diaz, L. Piñol, C. Terenzi, F. De Luca, Firing technique characterization of black-slipped pottery in Praeneste by low field 2D NMR relaxometry,
Journal of Archaeological Science, 38, 2011, p. 352-359.

Notes

1 Questo testo è stato elaborato nel 2014 come contributo alla Giornata di Studi “Espaces artisanaux, lieux de culte dans l’Antiquité” a Parigi e rappresenta una sintesi di un progetto di ricerca che era ai tempi in corso di sviluppo da parte di chi scrive, ma che non si è finora concretizzato. Il contributo non ha pertanto pretesa di esaustività né di trattazione dettagliata dell’argomento, ma ha piuttosto lo scopo di presentare le principali considerazioni emerse da una prima raccolta dei dati bibliografici (aggiornata, come si è detto, solo fino al 2014) e da una ricognizione preliminare di materiali in gran parte inediti (in particolare della ceramica a vernice nera) di alcuni contesti del Lazio e della Campania.

2 Di Giuseppe 2012.

3 La bibliografia sulle produzioni artigianali nell’Italia repubblicana, di per sé amplissima, ha ricevuto alcune significative sistematizzazioni, che rendono in parte più agevole la raccolta dei dati: penso in particolare alla ceramica a vernice nera (Di Giuseppe 2012), ai siti di produzione ceramica dell’area tirrenica centro-meridionale (Olcese 2012-2013) e allo studio prosopografico dell’artigianato italico (Nonnis 2013). Molto ricca e relativamente dispersa è anche la bibliografia sulle stipi votive del periodo in esame; rimando, a puro titolo di esempio, a volumi come Religio 2004 e Depositi votivi e culti 2005.

4 Si veda ad esempio, per la ceramica a vernice nera, Di Giuseppe 2012, p. 96 e ss.

5 In questo contributo si intende indicare con l’attributo “locale” la produzione che si struttura intorno alle esigenze di uno specifico santuario.

6 Morel 1989-1990, p. 514-515; 1992, p. 221-232. La categoria degli ex voto “per trasformazione” raggruppa invece gli oggetti prodotti in maniera standardizzata, indifferente alla destinazione d’uso, successivamente trasformati in votivi da parte dei fedeli tramite operazioni volte ad annullare la possibilità di un uso futuro dell’oggetto (come la foratura del fondo dei vasi) e/o tramite l’apposizione di segni, letterali e non, sull’oggetto già finito (è questo il caso delle iscrizioni graffite dopo la cottura). Secondo la ricostruzione di Morel, le due categorie di ex voto sono tipiche di due momenti cronologici diversi, con una cesura posta intorno al 200 a.C., e legate a due modi di produzione differenti, il primo più vicino al cliente, il secondo maggiormente “di massa” (Morel 1989-1990, p. 515-517). Tale proposta si riallaccia ad un più ampio dibattito sullo status sociale degli artigiani e sul ruolo giocato dalla manodopera servile nello sviluppo di alcune produzioni ceramiche a carattere “universale”: l’argomento, di portata enorme per la ricostruzione del quadro sociale ed economico sotteso alla produzione artigianale in età medio-repubblicana, esula tuttavia dallo scopo principale di questo contributo.

7 Sul ruolo primario di Ercole come destinatario delle dediche da parte degli artigiani v. infra. Per quanto riguarda invece uno dei casi di studio presentati a seguire, lo scarico votivo in località Colombella a Praeneste, la presenza particolarmente rilevante di oggetti pertinenti alla sfera della produzione ha portato gli scavatori – pur con le dovute cautele – ad ipotizzare una pertinenza del santuario a Vulcano nella accezione di dio “artigiano” (Gatti, Demma 2012, p. 366).

8 Per il periodo in esame la bibliografia è, ancora una volta, molto ricca; si rimanda tra i contributi recenti a Nonnis, Sisani 2012, per una panoramica riassuntiva.

9 Si rimanda a puro titolo esemplificativo a Morel 1988; Morel 1990; Cicala 2010, con ampia disamina del problema; Di Giuseppe 2012, p. 93-95 e passim.

10 Morel 1988, p. 54.

11 Secondo i calcoli di Di Giuseppe 2012, p. 93, per il III secolo a.C. le attestazioni di bolli nominali sono così ripartite: 49% da contesti di santuario; 3% da necropoli; il restante 48% da contesti di natura non determinabile.

12 Pedroni 2001, p. 223-225.

13 Morel 1988, p. 57-59, con bibliografia.

14 Di Giuseppe 2012, p. 93-94.

15 Ibid., p. 93-95 e cap. 2, passim.

16 Sarebbe ad esempio necessaria una più accurata valutazione della percentuale del materiale bollato rispetto a quello anepigrafe; resta inoltre da spiegare in maniera efficace l’assenza di bolli nominali in un gran numero di contesti di santuario (a questo proposito Di Giuseppe 2012, p. 94, segnala la possibilità che in tali siti le fornaci del santuario fossero sfruttate da un solo artigiano, stabile o itinerante, rendendo così superflua la bollatura nominale; ma la questione è meritevole di approfondimento, soprattutto con valutazioni di tipo quantitativo e con analisi incrociate di dati archeologici ed epigrafici).

17 Non va infatti dimenticato che i grandi santuari erano spesso collocati in aree suburbane (dove dunque poteva risultare minimizzato anche l’impatto dei fumi inevitabilmente prodotti dalle fornaci), e, spesso, nei pressi di corsi d’acqua, risorsa fondamentale nel processo di fabbricazione della ceramica.

18 Se si eccettua l’individuazione di due strutture ipoteticamente interpretate come piccole fornaci di età tardo-repubblicana, destinate forse alla produzione di laterizi, rinvenute presso il santuario (Sirano, Iannaccone 2011-2012, p. 338-339).

19 La ceramica a vernice nera di Teano è stata l’oggetto principale del mio Dottorato di ricerca presso l’Università di Roma “Sapienza”; una prima presentazione dei dati relativi al santuario in località Loreto è in Manzini 2013. Colgo l’occasione per ringraziare l’allora funzionario della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, dott. Francesco Sirano, per aver facilitato in ogni modo la mia ricerca e per le utili discussioni sull’argomento.

20 Johannowsky 1963, p. 132, fig. 2.

21 Manzini 2013, p. 201-202, con bibliografia.

22 Manzini 2013, p. 205, fig. 7.

23 Morel 1989-1990, p. 512.

24 Ai tempi della stesura di questo contributo, ero stata coinvolta nelle fasi iniziali di un lavoro per lo studio e la futura presentazione museale della ceramica a vernice nera dallo scarico votivo in località Colombella. Come accennato sopra, il mio personale progetto di ricerca nel quale si sarebbe inquadrato questo studio non si è in seguito concretizzato. Restano però valide le considerazioni sull’interesse rappresentato da Praeneste come caso di studio, così come i miei ringraziamenti alla dott.ssa Sandra Gatti e al dott. Filippo Demma per la fiducia allora accordatami e per la liberalità con la quale hanno condiviso informazioni sul contesto e sullo scavo, permettendo inoltre che evidenziassi in sede di convegno – in maniera assolutamente preliminare – alcuni materiali di particolare interesse.

25 Gatti, Demma 2012, p. 341.

26 Demma, Pietrafesa, Pintucci 2002.

27 Gatti, Demma 2012, p. 341-349.

28 Ibid., p. 362-363.

29 La presenza di strutture per la produzione ceramica nelle vicinanze non è d’altronde in contrasto con la topografia di quest’area della città bassa di Praeneste, dove le condizioni orografiche e idrologiche sono favorevoli all’impianto di attività manifatturiere (F. Demma, comunicazione personale).

30 Resta fondamentale lo studio di Gatti, Onorati 1992, cui si aggiungono i contributi nel catalogo Il Lazio regione di Roma 2002 e, per la necropoli, La necropoli di Praeneste 1992 e Gatti 2009; infine, per la caratterizzazione archeometrica della ceramica locale, Olcese 1998, p. 143 e 152.

31 Anche nel caso di Palestrina l’individuazione di una produzione locale di ceramica a vernice nera, per quanto basata su argomenti molto solidi, non è stata finora corroborata dal rinvenimento di strutture produttive; inoltre non risulterebbero nella zona affioramenti di argille calcaree compatibili con quelle impiegate nella fabbricazione di tale ceramica (Olcese 1998, p. 143).

32 Gatti, Onorati 1992, p. 202-218, p. 202, n. 52.

33 Ibid., p. 218, n. 78.

34 Gatti, Demma 2012, p. 361-362.

35 Tudisca et al. 2011, p. 353.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera con difetti di fabbricazione e di cottura.
Légende a) coppa Morel 2586, inv. 182050; b) coppa Morel 2586, inv. 311541; c) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv.; d) patera Morel 2283 c, inv. 163599; e) skyphos, inv. 172812.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8790/img-1.png
Fichier image/png, 715k
Titre Fig. 2 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Decorazioni su ceramica a vernice nera.
Légende a) fondo di coppa con piede ad anello, inv. 164960, testa/gorgoneion centrale con quattro palmette radiali; b) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., stessa decorazione dell’esemplare precedente; c) fondo di coppa con piede ad anello, inv. 194140, testa/gorgoneion centrale con quattro palmette radiali e decorazione graffita e sovradipinta; d) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., stessi bolli dell’esemplare precedente; e) fondo di coppa con piede ad anello, s.n. inv., bollo centrale a onde correnti e palmette radiali; f) coppa Morel 2586, s.n. inv., bollo centrale a “labirinto” e palmette radiali. Si noti (a-b, c-d) la presenza di esemplari con decorazioni che testimoniano diversi gradi di usura del punzone (scala 1:1).
Crédits Foto e disegni Autore.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8790/img-2.png
Fichier image/png, 1,7M
Titre Fig. 3 - Teanum Sidicinum, santuario località Loreto. Ceramica a vernice nera, corrispondenza tra forme miniaturistiche e di dimensioni standard.
Légende a) patere con omphalos centrale; b) pissidi Morel 7512 a/7514 a; c) coppe su alto piede con listello sulla parete esterna, Morel 2434 b e simili; d) coppe con orlo ricurvo e pendente, su basso piede o su piede a stelo, Morel 1341/1343.
Crédits Foto e disegni Autore.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8790/img-3.png
Fichier image/png, 594k
Titre Fig. 4 - Praeneste, scarico in località Colombella. Ceramica a vernice nera.
Légende a) fondo di coppa con bolli con attributi erculei (clave); b) fondo coppa con iscrizione sovradipinta C(ai) Petroni (esemplare edito in Gatti, Demma 2012, p. 366, fig. 41).
Crédits Foto Autore.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/8790/img-4.png
Fichier image/png, 568k

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search