Version classiqueVersion mobile

Savoir-faire antichi e moderni tra Ruvo di Puglia e Napoli: il cratere dell'Amazzonomachia e la loutrophoros con il mito di Niobe

 | 
Federica Giacobello
, 
Claude Pouzadoux

La scoperta, il restauro

Il cratere dell’Amazzonomachia da Ruvo al Museo Borbonico. Storie di mercato e di tutela nella «terra dei vasi»

Andrea Milanese

Texte intégral

1Ruvo – la cittadina che il capitano Maler, agente del Granduca di Baden, nel 1837 efficacemente definì la «terra dei vasi» – è un osservatorio perfetto per chi voglia studiare la storia del mercato d’antichità e quella della politica di tutela nel Regno delle Due Sicilie intorno a metà Ottocento.

2A scavare tra i documenti – e a volerli incrociare – facilmente ci s’imbatte in vicende intricate quanto emblematiche, quali ad esempio quelle connesse al rinvenimento e all’acquisizione (da parte del Real Museo di Napoli, ma anche di altri musei europei) di molti tra i più importanti crateri pugliesi, considerati allora come oggi capolavori della ceramica antica.

  • 1  Quest’articolo rielabora da vicino alcune pagine del mio libro, Milanese 2014, in particolare il c (...)

3Intrighi diplomatici, affarismo, corruzione, ma anche impegno civico, costellano la trama di queste storie, che raccontano di istituzioni, di oggetti, e di diversi personaggi (studiosi, mercanti, funzionari, semplici cittadini), e più in generale documentano aspetti e momenti della storia del gusto, del collezionismo o di quella dell’archeologia. A Ruvo in particolare (ancor più che a Canosa) ci si può imbattere in fenomeni molto contraddittori, anche di segno opposto; ed è anche per questo, che la città di Giovanni Jatta, di tutte queste problematiche, è un’ottima campionatura1.

4Uno di questi capolavori pugliesi, silenziosi depositari di storie complesse e rappresentative, è il cratere dell’Amazzonomachia. Insieme a altri undici vasi, coi quali formava una «collezione di 12 Capi lavori dell’arte greca» (tra cui anche il celebre Vaso di Archemoro), il cratere dell’Amazzonomachia viene acquistato dal Real Museo Borbonico nel 1835. Erano i primi grandi vasi apuli che entravano nel museo napoletano; a venderli erano stati i cav.ri Pizzati e Lamberti, due personaggi la cui pratica nel mondo del collezionismo e del commercio di antichità, come vedremo, prende in questo contesto il giusto profilo.

5Il primo passo per raccontare questa vicenda è quello di tratteggiare gli elementi che ne caratterizzano lo sfondo; i quali, in sintesi, sono i seguenti.

61. Il Real Museo Borbonico, le cui raccolte, pur ricche e celebrate in tutt’Europa, alla data del 1835 contengono assai poco che provenga da Ruvo e in generale dalla Puglia. Sotto questo profilo, sono in quel momento più ricchi altri musei europei: quello del re di Baviera (che ha comprato nel 1826 i grandi crateri della collezione Murat), quello del re di Prussia (che possiede i grandi crateri da Ceglie della collezione von Koller), o quello dello zar di Russia, che, acquistando nel 1833 la prima grande collezione Pizzati, ha anche lui un buon numero di vasi apuli. Anche alcune famiglie regnicole posseggono nei loro musei più ceramiche apule di quante non ne abbia il re di Napoli: è il caso dei Santangelo, e soprattutto dei fratelli Jatta, il cui museo (diviso tra Napoli e Ruvo) è d’altronde quasi interamente dedicato ai vasi provenienti dalle necropoli ruvesi. Infine, come attestano le fonti, tanti reperti di provenienza pugliese sono disponibili nelle botteghe dei principali mercanti della capitale. Questa penuria di vasi apuli nel Real Museo di Napoli – che pure, tutt’uno con la Soprintendenza agli scavi del Regno, rappresentava il vertice dell’amministrazione di tutela – è un elemento significativo, che dice molto della scarsa attenzione portata dal Governo borbonico ai territori dell’allora periferica Puglia, almeno fino alla data del 1835 (la tendenza è invertita l’anno seguente, quando viene proibita ogni ricerca privata a Ruvo e, per quanto tardivamente, si dà inizio a una stagione di «scavi di regio conto»).

  • 2  Sull’attività di Gargiulo come mercante di vasi cfr. Milanese 2007b; il cap. VI di Milanese 2014, (...)

72. Il mercato antiquario. Almeno dai primi anni ’20 e fino al 1835 il commercio di antichità a Ruvo è floridissimo. È in questi anni che la cittadina pugliese diventa la terza, se non la seconda piazza del Regno, in particolare per il mercato di vasi antichi, dopo Napoli, e Nola (che però dal 1825 ca. subisce una forte flessione). A Ruvo sembrano vendere tutti. Scavano e vendono – più o meno riuniti in società – esponenti di tutte le classi sociali: canonici, farmacisti, medici, sindaci, contadini, proprietari terrieri, e persino il Capitolo del Duomo, e in qualche caso anche il Segretario d’Intendenza e l’Ispettore locale degli scavi. È il «furore» degli scavi e del commercio, come racconta, usando proprio questa parola, Giovanni Jatta senior nel suo volume dedicato alla storia di Ruvo. Nel corso degli anni si recano personalmente a fare acquisti a Ruvo – dove secondo alcuni più ampia è la scelta, e più bassi i prezzi rispetto alla capitale – grandi collezionisti come il duca di Blacas (1825), il cav. Edmé Durand (1826), e il capitano Maler (1837) che compra per conto del Granduca di Baden (quindi per il Museo di Karlsruhe), più i numerosi turisti di passaggio che acquistano alla spicciolata. E a Ruvo, naturalmente, comprano in abbondanza i grandi mercanti napoletani – Giambattista Casanova, e Raffaele Gargiulo2 in testa – per poi rivendere nella Capitale.

83. Il collezionismo locale. A Ruvo però non ci sono solo mercanti; non si scava (e si compra) solo per rivendere, ma anche per collezionare, cioè prevalentemente per conservare, conoscere (e far conoscere). Giovanni Jatta nomina quattro collezioni locali: la Caputi, quella del canonico Ursi, quella di Salvatore Fenicia, e quella dei Cotugno (suoi parenti). Ma è soprattutto la sua (e di suo fratello Giulio) la collezione che spicca in questo contesto, non solo per la quantità e la qualità dei pezzi, ma per il disegno scientifico e museologico, e per l’appassionata coscienza politica del progetto collezionistico (in particolare di Giovanni senior). Da questo punto di vista quello della famiglia Jatta è tra gli esempi più felici delle virtù civiche del collezionismo italiano ed europeo di primo Ottocento. In fondo si può quasi dire che gli Jatta – pur inevitabilmente coinvolti nella pratica di scavi e di acquisti non trasparenti – svolsero a loro modo quell’azione di tutela che le autorità centrali non seppero portare avanti a Ruvo almeno fino al 1836.

  • 3  Sull’argomento cfr. D’Alconzo 1999, dove i testi dei due decreti sono pubblicati e ampiamente disc (...)
  • 4  Cito dal verbale della riunione svoltasi il 12 febbraio 1822 di una commissione ristretta nominata (...)

94. La legislazione di tutela. Proprio negli anni del «furore» degli scavi abusivi di Ruvo, vengono approvati i testi principali in materia di tutela dell’Ottocento borbonico: mi riferisco ai due decreti del 13 e del 14 maggio 1822, che regolano uno gli scavi privati, l’altro le esportazioni d’arte e d’antichità. Dal punto di vista della storia della legislazione – nonostante i loro limiti – quei testi sono stati nel complesso giudicati tra i migliori (se non tra i più severi) dell’Italia preunitaria3. Ben più aperto è rimasto il giudizio sulla loro reale efficacia, e assai frammentaria la nostra conoscenza dell’effettiva prassi di tutela del Governo borbonico. Ora, a un esame attento delle fonti, mi sembra che quelle leggi, lungi dall’essere sempre e scrupolosamente applicate, non furono però neanche del tutto disattese. La politica di tutela borbonica appare infatti contraddittoria e ambivalente; ci sono al suo interno episodi e momenti anche di lunga ‘distrazione’ (come nel caso di Ruvo), ma nel complesso restano documentati anche molti sforzi per rendere efficace l’azione governativa. D’altra parte quelle normative non dovevano essere di facile attuazione in quegli anni. Basti pensare alla forte domanda straniera di antichità che – per musei pubblici e privati di mezz’Europa – caratterizza i primi decenni del secolo. O ancora all’instabilità politica che – tra moti e rivoluzioni, liberali e carbonari – caratterizza il Regno borbonico in questi decenni (difficile illudersi che la salvaguardia del patrimonio archeologico potesse essere in quel contesto il più assillante dei pensieri per i monarchi succedutisi sul trono). Ma al fondo io credo che più che fermarsi sull’interrogativo se quelle leggi furono applicate o disattese, si debba guardare all’indirizzo politico che viene dato alla loro attuazione; un indirizzo che le mie ricerche mi portano a descrivere come profondamente improntato alla mediazione e al compromesso, perché mosso da due obiettivi non facili da conciliare: quello della tutela (in nome del «decoro della Nazione»), e quello della difesa dell’economia del Regno. Sin dall’inizio, infatti, al legislatore è chiaro che la pur necessaria difesa del patrimonio non doveva però danneggiare il commercio d’arte, che – come affermano gli accademici incaricati di stendere il testo di legge – «fa entrare denaro nello Stato»4. Il Governo, quindi, è ben consapevole che il commercio d’arte e d’antichità è voce importante nell’economia del Regno, e di sicuro nemmeno ignora che molti devono essere i sudditi che vivono, sopravvivono, o si arricchiscono intorno al mercato d’arte. Non pare un caso, in questo senso, che i due decreti in materia di tutela si occupino solo di quel che è a monte e a valle del commercio – scavi e esportazioni –, ma non del commercio stesso, che resta infatti del tutto libero (è colpevole, per intenderci, chi scava, o esporta, senza averne chiesto il permesso, non chi compra o vende oggetti scavati illegalmente).

  • 5  Sugli acquisti ruvesi del capitano Maler, e sul ruolo avuto da Schulz, oltre a Milanese 2014, p. 1 (...)

105. L’Istituto di Corrispondenza Archeologica. Fondato a Roma nel 1829, e subito molto attivo nel Regno delle Due Sicilie, l’Istituto ha un ruolo importante nel contesto che ho provato a tratteggiare. Il suo fondatore, Eduard Gerhard – presto affiancato da Theodor Panofka – è presente a Napoli sin dal 1822. Sin da questi anni uno degli obiettivi principali dei due archeologi tedeschi (coronato per altro da ampio successo) è quello di tessere, nelle province del Regno, un’ampia rete di “corrispondenze” e di contatti – con studiosi, eruditi locali, collezionisti e mercanti – indispensabile a realizzare uno degli scopi principali dell’Istituto: quello cioè di dare aggiornata notizia delle novità archeologiche, per immetterle così nel dibattito scientifico internazionale. Ora, se si tiene presente che in quegli anni le novità archeologiche del Regno delle Due Sicilie, ad eccezione di Pompei, provengono quasi unicamente da scavi privati, dal mondo del mercato e da quello del collezionismo, è facile intuire che all’Istituto romano – tra i cui associati si raccoglie la migliore archeologia europea e il gotha del collezionismo internazionale – poteva spesso accadere di essere meglio informato del commercio antiquario regnicolo dello stesso Governo borbonico, che pure, attraverso l’organo della Soprintendenza agli scavi, teneva in piedi una rete di ispettori locali. Tra l’Istituto di Corrispondenza e il mondo del mercato antiquario si determina infatti una perfetta convergenza d’intenti: all’Istituto interessando studiare e pubblicare, ai mercanti farsi pubblicità e trovare occasione per piazzare i propri oggetti. Proprio il caso di Ruvo dimostra bene quanto appena detto. Il Bullettino dell’Istituto, con i suoi articoli che iniziano a comparire a partire dal 1834, ha un ruolo decisivo nel creare attenzione scientifica intorno alle antichità ruvesi allora trascurate dalla tutela borbonica; al contempo è sempre intorno all’Istituto – nelle “corrispondenze” edite, e in quelle rimaste private – che inevitabilmente si raccolgono numerose le informazioni riguardo al commercio antiquario. Esemplare in tal senso l’ampio saggio di Heinrich Wilhelm Schulz, comparso sul Bullettino del 1836, dove l’autore si mostra perfettamente al corrente degli splendidi oggetti provenienti dalle necropoli di Ruvo, e che, rinvenuti in scavi clandestini, erano allora in larga misura in mano ai mercanti napoletani e pugliesi; ed esemplare anche il ruolo di consulente che Schulz ebbe nel 1837 nella campagna di acquisti condotta a Ruvo dal capitano Maler per conto del granduca di Baden5.

11Definito lo scenario della vicenda che qui ci interessa, restano da presentare i suoi protagonisti, a cominciare da Antonio Pizzati e Giovanni Antonio Lamberti, i due cavalieri che nel 1835 vendono al Real Museo di Napoli la loro pregiata «collezione» di dodici vasi greci. Chi sono Pizzati e Lamberti? Sono effettivamente collezionisti come s’è talvolta detto in anni recenti?

  • 6  Cfr. Bukina 2013 e Bukina-Chougounova 2013.
  • 7  Bukina 2013 tende invece ad assimilare la figura di Pizzati a quella d’un vero e proprio collezion (...)

12Il cav. Pizzati – sul quale sono da poco comparsi due ottimi articoli6 – è un medico affermato che vive per lo più a Firenze, ma anche, per vari anni, tra Napoli e Roma. È esperto tra l’altro di omeopatia, ed è il medico personale del conte Nikolay Gouriev, che in questi anni regge l’ambasciata di Russia sia a Roma che a Napoli. Pizzati è un uomo colto e brillante, ed è anche un botanico dilettante: a Firenze, nelle serre del suo giardino, ha una delle più importanti collezioni di camelie d’Italia. È intimo di molti nobili russi, e in particolare della principessa Sofia Volkonskaya, moglie di un ministro dello Zar, e instancabile viaggiatrice, la quale proprio col suo amico medico fa un lungo viaggio in Sicilia. Nel corso di poco più di dieci anni il dott. Pizzati mette insieme – e vende – non meno di tre collezioni. La prima, riunita a Napoli, è venduta nel 1833 allo Zar di Russia (e subito regolarmente esportata): si componeva di circa 1400 pezzi, tra cui 900 vasi antichi, che – provenienti in parte dalla Magna Grecia e in parte da Canino – avrebbero poi costituito la base della collezione vascolare del Museo dell’Hermitage. A Napoli gliene aveva fatto una lusinghiera expertise il prof. Bernardo Quaranta, il quale certificò come la raccolta presentasse pezzi che neanche il Museo Borbonico possedeva. La seconda collezione è la «pregiata» raccolta di dodici vasi costituita insieme al cav. Lamberti già alla fine del 1834, e poi, come sappiamo, venduta l’anno seguente al re di Napoli. La terza, infine, messa insieme successivamente, viene comprata negli anni ’40 a Firenze da un collezionista inglese (e andrà poi più tardi dispersa). Alla luce di questi dati, a me sembra che il dott. Pizzati, più che un vero collezionista, debba essere stato in realtà un intenditore – magari appassionato – che nel corso della sua carriera decide di investire nel commercio di vasi greci. Il ricco mercato regnicolo offriva certamente spazio anche a questo genere di speculazioni7.

13D’altra parte lo stesso profilo del socio del dott. Pizzati, il maggiore Lamberti, sembra confermare quest’ipotesi. Lamberti, infatti, è senza dubbio un mercante, come d’altronde viene garbatamente repertoriato da Gerhard nel Bullettino dell’Istituto del 1829 e del 1836; un mercante di ottime (forse aristocratiche) origini baresi, e privo di bottega su strada a differenza dei suoi principali colleghi napoletani. Lamberti è un militare che a un certo punto della sua vita deve aver deciso di darsi attivamente al commercio d’arte e d’antichità, che nel suo caso resta attestato nell’arco d’un quindicennio, dal 1824 al 1840. Giovanni Antonio lavora in società con suo fratello Carlo, residente a Bari; e l’accoppiata sembra ben organizzata, dal momento che, mentre Carlo faceva scavi in Puglia (più d’una volta abusivi), Giovanni Antonio, a Napoli, controllava la piazza della Capitale e teneva i contatti con i clienti, non senza tentare scavi nelle vicinanze, come a Nola nel 1824 (anche lui abusivamente).

14Gli altri protagonisti della vicenda sono da un lato Eduard Gerhard e Emil Braun – attivi segretari dell’Istituto di Corrispondenza Archeologica di Roma –, e dall’altro Nicola Santangelo, ministro degli Interni del Regno delle Due Sicilie, e in quanto tale responsabile politico di Museo e scavi, e in definitiva della tutela borbonica tra il 1831 e il 1847. Santangelo fu anche – da notare il conflitto d’interesse (evidente almeno ad occhi moderni) – il più grande collezionista privato del Regno, proprietario d’un celebre museo d’arte antica e moderna allora esposto nel quattrocentesco Palazzo Carafa, poi noto anche come Palazzo Santangelo. Prese infine parte alla vicenda Francesco Maria Avellino, Segretario Perpetuo dell’Accademia Ercolanese, e poi dal 1840 nuovo Direttore del Real Museo Borbonico e Soprintendente agli Scavi del Regno, e allora forse il più stimato in Europa tra gli archeologi napoletani. Ultimi nomi da fare quelli del marchese di Montrone, Giovanni Dòttola – Intendente di Bari (e quindi il più alto rappresentante dello Stato in quella provincia) –, e dello Zar di Russia, per quanto presente in questa storia solo marginalmente.

15Veniamo adesso alle vicende legate all’acquisto da parte del Real Museo di Napoli della cosiddetta collezione Pizzati e Lamberti (collezione perché formante un insieme di pezzi, ma non per questo formata da due collezionisti).

16La prima notizia che si ha di uno dei due capolavori della raccolta – il Vaso di Archemoro – è dell’agosto del 1834. A soli quattro mesi dal suo rinvenimento il cratere colossale apulo viene segnalato da Gerhard – sul Bullettino dell’Istituto – come appartenente «al maggior Lamberti in Napoli». Dubito che il Museo ne avesse saputo qualcosa in quei mesi. A Gerhard però – in questo giocoforza avvantaggiato – lo aveva mostrato e ne aveva scritto lo stesso maggiore Lamberti, il quale in questi anni tenne costantemente informati Gerhard e Braun dei vasi che andava acquistando, o scavando, per poi tentarne lo smercio: l’Istituto guadagnandoci materiale inedito da pubblicare (o da segnalare ai musei tedeschi per eventuali acquisti); lui, e suo fratello Carlo, possibilità di trovare compratori. A Roma si conservano 45 lettere inedite indirizzate da Giovanni Antonio Lamberti ai due archeologi tedeschi (e quasi interamente occupate dalla segnalazione dei pezzi che passavano tra le sue mani). Da alcune di queste lettere apprendiamo che il cav. Lamberti inviò tutte le descrizioni, i lucidi e i disegni dei dodici vasi che avrebbe poi venduto in società con Pizzati al Museo di Napoli: prima, nella primavera del ‘34, il vaso di Archemoro più altri cinque; poi, nell’autunno dello stesso anno, il vaso dell’Amazzonomachia insieme agli altri che col tempo sono stati riconosciuti appartenere al medesimo ipogeo.

17Così Lamberti a Gerhard nel novembre 1834:

  • 8  G. A. Lamberti, lettera a E. Gerhard, datata Napoli, 27 novembre 1834, in Archivio DAI, Roma.

È venuto in nostro potere altra partita spettacolosa, e straordinaria, che mi farò un preggio inviarne a lei la descrizione. Ne ho fatti tirare i lucidi per me onde avere di simili classici oggetti i disegni8.

G. A. Lamberti, lettera a E. Gerhard, 27 novembre 1834.

G. A. Lamberti, lettera a E. Gerhard, 27 novembre 1834.

18E pochi giorni più tardi a Braun:

  • 9  G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, datata Napoli, 11 dicembre 1834, in Archivio DAI, Roma.

Sono nel dovere, e con tutto il mio impegno annunziarle il ritrovamento di altri più ragguardevoli oggetti, come ricaverà dalla succinta, e breve descrizione che le soccarto in seno alla presente […]. Le assicuro che resto trasecolato nel mirare tali oggetti. Un vaso con 145 figure? Di palmi 6 e ½ di altezza, che spettacolo! Pare che vi sia espresso Pentesilea con le 12 amazzoni che combatte con i Greci a favore de’ Trojani […]9.

19E mentre Lamberti scriveva ai Tedeschi e inviava a loro la descrizione di questi vasi (già iniziando a ipotizzarne la vendita al dettaglio), il dott. Pizzati, utilizzando le sue entrature, inviava lo stesso elenco anche allo Zar di Russia. A Roma e a San Pietroburgo si conservano, identici, questi due documenti, entrambi spediti a fine 1834.

20Arriviamo così al marzo del 1835, quando, a fine mese, Lamberti scrive a Braun per giustificarsi: riferisce che lui e Pizzati hanno ormai deciso di vendere tutti insieme i dodici vasi, e che per questo motivo non hanno più indicato i prezzi dei singoli pezzi:

  • 10  G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, datata Napoli, 22 marzo 1835, in Archivio DAI, Roma.

Sento dal Dottor Pizzati le giuste lagnanze del Sig. Eduardo Gerhard, ma debbo assicurarle che l’idea di fare un solo ed unico affare di tutta la rara collezione che ha tirato l’universale attenzione, non ha potuto decidere ad un preciso dettaglio, che spero di farlo tra pochi giorni, in cui si sistemerà tutto. Quanto desiderio ho, ch’Ella Sig.re facci una scorsa in Napoli, onde osservar tutto con quella dotta cognizione che possiede per le Belle Arti. Gerhard vide l’Archemore in pezzi male accozzati sebbene intiero. Ma non s’era posto né il piede, né il gran collo. Il vederlo ora, fa che ogni intelligente riceva un brivido di sodisfazione, ed inaudito piacere.
Mi onori de’ suoi pregiati comandi e mi dia il piacere di abbracciarlo onde ammirare i primi capi d’opera Archeologica10.

G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, 22 marzo 1835.

G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, 22 marzo 1835.

21Nella stessa lettera comunica che presso di lui – nella casa di via Santa Teresella degli Spagnoli, 42 – varie persone si sono recate a vedere i suoi vasi, e che in molti s’interrogano sul soggetto del cratere dell’Amazzonomachia; tra gli altri anche l’archeologo Raoul–Rochette, al quale Lamberti ha dato i disegni del grande vaso, che il Francese trova effettivamente stupendo.

22Intanto nella primavera del 1835, mentre la corrispondenza con Gerhard e Braun ha una pausa di qualche mese, ai fratelli Lamberti capita, diciamo così, un incidente di percorso. Carlo Lamberti, scavando senza permesso in piena Ruvo (nella Via Mediterranea), viene denunciato, pur se con un ritardo di due mesi dall’inizio degli scavi (paradossale, tenuto conto che il luogo è sotto gli occhi di tutti). Il risultato è comunque l’interruzione degli scavi, e il sequestro degli oggetti che lo scavatore era stato obbligato a dichiarare, così come la legge prevedeva in questi casi.

23Finalmente nel luglio successivo s’inizia a parlare dell’acquisto della collezione Pizzati e Lamberti da parte del Museo Borbonico. Cosa aveva provocato questa svolta? Giovanni Antonio dirà, quasi scusandosi con l’Istituto di Corrispondenza, che s’era trattato di doveroso amor patrio, oltre che del desiderio del re di acquistare la loro collezione; ma – lo vedremo meglio tra breve – all’amor patrio dei fratelli Lamberti è veramente difficile credere. Molto più facile ipotizzare che – nei mesi successivi allo scandalo degli scavi abusivi di Carlo a Ruvo – qualcosa, o qualcuno, abbia fatto sospettare ai Lamberti (e a Pizzati) che difficilmente, ormai, vasi di quell’importanza sarebbero riusciti ad esportarli. Da una carta conservata nell’Archivio del Museo Borbonico scopriamo poi che qui c’era addirittura qualcuno che avrebbe voluto confiscarglieli.

  • 11  Rapporto (minuta) indirizzato al ministro Santangelo dalla Commissione straordinaria, s.d. [agosto (...)

24Arriviamo all’acquisto da parte del Governo. Quando, nell’estate del 1835, la trattativa tra il Museo Reale e i signori Lamberti e Pizzati venne ufficialmente intavolata, fu nominata, com’era consuetudine in occasione d’acquisti importanti, una commissione straordinaria incaricata di periziare gli oggetti. Ne facevano parte Michele Arditi, anziano direttore del Museo, Francesco Maria Avellino, di lì a poco suo successore, e i due antichisti Angelo Antonio Scotti e Giambattista Finati. I periti non ebbero alcun dubbio sulla qualità e la rarità dei vasi; discussero invece del prezzo da assegnargli. Posto che i proprietari dicevano d’aver sottoscritto un contratto che li impegnava a vendere i vasi a non meno di 16.000 ducati, se nel Regno, e a non meno di 22.000 in caso di vendita all’estero (a fronte d’un costo da loro dichiarato di 6.000 ducati), i periti assegnarono piuttosto un valore di 14.000 ducati, pur confessando la difficoltà di valutare dei vasi (quali i due crateri colossali) che erano allora quasi senza confronto. Ciondimeno proposero al Governo di pagarli, come prezzo «d’affezione», tra i 7.000 e i 9.000 ducati; e ciò considerando nel complesso che i prezzi dei vasi erano un po’ scesi dopo le scoperte di Canino, che erano stati eseguiti molteplici restauri, e infine che il ministro aveva chiesto di “contenere” la valutazione. Concludevano la loro perizia dicendosi consapevoli che difficilmente la loro valutazione sarebbe stata accettata dai proprietari, ma nello stesso tempo si dicevano fiduciosi che «in tal caso a V.E. non mancheranno mezzi da non far rimanere privo il Real Museo Borbonico di questi importantissimi monumenti»11. E in effetti i mezzi per convincere i proprietari non dovettero mancare al ministro. Pizzati e i Lamberti accettarono infatti la valutazione più bassa, vendendo appunto per 7.000 ducati.

25Ma la parte più interessante del rapporto della commissione stava nelle poche righe premesse alla vera e propria perizia, nelle quali gli esperti avevano voluto dichiarare:

  • 12Ibidem.

Con sorpresa la Commissione ha osservato che vasi di tanta importanza non siano stati a norma delle leggi viggenti rivelati al Real Governo di S.M. allorquando furono rinvenuti, il che fa nascere il fondato sospetto che i medesimi siano stati scavati in contravvenzione e senza i dovuti permessi; circostanza, che verificata sottoporrebbe tali vasi ad un’inevitabile confisca.
Ma la Commissione senza entrare nel merito di questo sospetto ha proceduto al compimento del ricevuto incarico e si è accinta a sentir le idee del proprietario sul prezzo12.

26Era come dire, in altre parole: per senso del dovere procediamo alla valutazione, ma ci sia consentito osservare che se di pezzi così eclatanti il Museo non ha saputo niente, vuol dire che non sono stati ‘rivelati’ a norma di legge, o che addirittura sono stati scavati senza permesso; in un caso o nell’altro, li si potrebbe confiscare, o almeno aprire un’inchiesta. Ma, come sappiamo, si preferì pagare.

27L’episodio è interessante perché attesta in maniera evidente che esistevano in quegli anni modi divergenti d’interpretare la legge sugli scavi. Come in questo caso: da un lato alcuni uomini delle istituzioni di tutela – Avellino in particolare – che chiedono d’applicare la legge; dall’altro lato il potere politico che media, e sembra adoperare la legge come deterrente, per salvare (comprandoli) i pezzi più importanti – come si riuscì a fare in quest’occasione –, ma limitando il più possibile il ricorso a misure coercitive (come la confisca), o usandole, quelle misure, solo come minaccia, magari per strappare sconti considerevoli.

28La si potrebbe vedere così: i 7.000 ducati pagati al cav. Pizzati e ai fratelli Lamberti furono il minimo che si riuscì a spendere per raggiungere due obiettivi: da un lato assicurare al Museo Reale dei capolavori della ceramica antica, dall’altro lato non creare troppo scontento nei tanti sudditi, d’ogni ceto sociale, che animavano il vivace mercato d’antichità del Regno. Insomma, una questione politica.

29Resta, tra le altre, una domanda: cosa si sarà detto il ministro Santangelo dopo aver saputo, tre mesi più tardi, che uno dei due crateri colossali era costato ai proprietari soltanto 20 ducati?

30E sì, perché c’è ancora un’appendice a questa storia. Tre mesi dopo l’acquisto della collezione Pizzati e Lamberti, all’inizio del novembre 1835, il ministro Santangelo ebbe modo di sospettare che, nello scavo abusivo fatto circa sei mesi prima a Ruvo da Carlo Lamberti, fossero stati occultati oggetti molto importanti, tra i quali quella che si supponeva essere una bellissima idria con Giudizio di Paride. Per questo motivo Santangelo scrisse all’Intendente di Bari, il marchese di Montrone, per chiedergli di fare delle indagini. A fine mese l’Intendente rispose, e non solo confermò tutti i sospetti, ma riferì molto di più. Rivelò che Lamberti era stato “coperto” addirittura dal Segretario generale dell’Intendenza – che, va ricordato, era l’ufficio preposto a controllare gli scavi privati nelle diverse provincie –, e che anzi il Segretario ancor più che complice era stato suo socio negli scavi. Ecco un brano della lunga lettera di Montrone:

  • 13  Marchese di Montrone, rapporto al ministro Santangelo, datato Bari, 24 novembre 1835, in ASNa, Min (...)

Eccellenza, […]
Prima di ogn’altro mi sono assicurato non senza meraviglia e col maggiore rincrescimento, che il sig. Lamberti fu socio ed il mandatario del Segretario generale di questa Intendenza Sig. Petitti nella intrapresa di que’ scavi; […] e per la verità abbisognava il Lamberti di una forte garanzia per aprire sulla stessa via mediterranea, in cospetto del pubblico delle fosse che arrivavano pressoché ad intercettarne il trafico [sic], e sugli occhi delle autorità responsabili a reprimere cosifatte contravvenzioni. Né dovrà V.E. meravigliare che avessi io ignorato ciò che si stava eseguendo con l’appoggio di tanta autorità e cooperazione.
Dopo tale scoperta, di cui ho sentita tutta l’amarezza, mi si è fatta necessità di addoppiar le cautele, affinché penetrate le mie ricerche, non fossero attraversate, né riuscissero così di niun frutto: ma la fortuna anche propizia alle mie premure mi ha portato a scoprire con la maggior sicurezza che il vase desiderato fu veramente rinvenuto dal Lamberti in quei scavi, e son riuscito benanche ad averne una sommaria descrizione […]13.

  • 14Ibidem.
  • 15  Sulle vicende legate all’acquisizione dell’idria con Giudizio di Paride cfr. Milanese 2013 e Milan (...)

31A questo punto Montrone passava a descrivere il vaso occultato da Lamberti, di cui aveva avuto notizia da qualche informatore, non senza augurarsi che esso potesse al più presto essere recuperato «al patrio Real Museo Borbonico, se l’oro straniero <non> lo avesse, come tanti altri capolavori, di già sottratto al nostro Regno»14. In realtà l’idria con Giudizio di Paride era in quel momento nascosta nella casa napoletana del maggiore Lamberti, dove restò tre anni, prima di essere acquistata dal capitano Maler per il Museo di Karlsruhe, ed essere subito dopo esportata (clandestinamente), grazie ad «oro straniero» (Leopoldo di Baden), finito in tasca regnicola (i Lamberti)15.

32Ma le indagini di Montrone s’erano spinte più in là, fino ad un episodio precedente, sempre riguardante i Lamberti, e relativo proprio ad uno dei vasi che da poco il Real Museo aveva acquistato presso di loro: il cratere di Archemoro.

  • 16  Marchese di Montrone, rapporto al ministro Santangelo, datato Bari, 24 novembre 1835, cit. in n. 6

Non debbo poi tacere a V.E. in tal riscontro quanto altro ho saputo di fatti antecedenti avvenuti anche in Ruvo…. Furon trovati in un fondo del comune alcuni rottami di vasi antichi che, messi in vista, e conosciutone il pregio, alcuni proprietari di colà si esibirono generosamente di far ristaurare a lor proprie spese, volendone ornare una delle sale nella casa del comune de’ vasi che si fossero scavati.
Altri vi fu che offerse di comperarli per ducati dugento: ma il Sindaco allegando di aver avuti ordini da questa Intendenza, preferì a tali offerte di vendergli piuttosto per ducati venti al soprannominato D.n Carlo Lamberti, e furon quelli i rottami onde si ricavò il vase nel quale è effigiato Archemore da lui poscia venduto e non a’ guari al Real Museo16.

33Di fronte a una fonte così attendibile – un’indagine condotta dall’Intendente in persona – poco resta da dire. È una storia di corruzione, questa, non di piccoli scavatori abusivi, ma di amministratori pubblici corrotti; come d’altronde non ne mancarono affatto nell’Ottocento borbonico. Certo, fa particolarmente effetto quella mancanza di scrupoli del sindaco, e di Lamberti, di fronte a quel progetto, nato dal senso civico di alcuni cittadini ruvesi, di un piccolo museo da dedicare ai vasi di Ruvo, e da aprire in una stanza del Comune.

34D’altronde Giovanni Jatta senior l’aveva detto:

  • 17  Jatta 1929 (I ed. 1844), p. 54.

Se la scoverta di tanti pregevoli monumenti fu di molto utile all’Archeologia e di sommo onore della mia patria, non è men vero però che lo spirito d’interesse che aveva provocati gli scavamenti suddetti portò molta corruzione nella morale del Popolo Ruvestino17.

35E senza dubbio sapeva quello che diceva.

36A proposito di Giovanni Jatta, non si può non sottolineare, a conclusione, che l’avvocato ruvestino fu effettivamente l’esatto opposto di personaggi come i fratelli Lamberti. La corrispondenza con suo fratello Giulio è ricchissima di riferimenti al senso civico e alla coscienza politica di cui Giovanni Jatta nutrì sin dall’inizio la sua pratica collezionistica. Basta leggere la lettera del 6 dicembre 1826, dove Giovanni descrive al fratello l’intera gamma delle motivazioni, da quelle più personali a quelle più politiche, che lo spingono a non vendere la sua amata raccolta.

37Il cav. Durand, dice Giovanni,

  • 18  G. Jatta, lettera al fratello Giulio, datata Napoli, 6 dicembre 1826, in Jatta 1929, p. LXXXV (dov (...)

mi ha gettati dei lampi di voler acquistare la mia collezione, confessandomi che io ho delle cose supremamente belle; delira specialmente per l’urna e per la patera di Macchitelli, pel vaso di Bellerefonte, per le mie teste18,

38ma, aggiunge più avanti l’avvocato,

  • 19Ibidem.

dopo aver tanto faticato, dopo aver tanto impazzito, dopo aver sofferto tutte le strettezze per unire questa collezione, credete cosa facile che a me venga la voglia di venderla? Dovrei non aver che mangiare per ridurmi ad un passo, che mi farebbe venir la febbre, perché li vasi che ho qui hanno fatto acquistare alla nostra collezione una fama ed un grido che non potete immaginarlo, ed io la considero come il nostro sollievo, e come il decoro principale della nostra famiglia19.

39Ma Giovanni la sua collezione non vuole venderla, e lo dice chiaramente, anche per quel senso civico che lo aveva spinto ad iniziarla:

  • 20Ibidem.

giacché questa collezione dà uno schiaffo a tutti codesti vigliacchi di costì, li quali senz’averne bisogno, hanno fatto uscir da Ruvo degli oggetti che avrebbero fatto onore alla patria ed hanno avuta la viltà, sia per invidia, sia per qualche ducato più o meno, di darli piuttosto ai forestieri che ai paesani20.

40E di nuovo ripete più avanti:

  • 21Ibidem.

la stessa collezione sarà uno schiaffo per tutti coloro che senza bisogno hanno vendute cose che non si dovevano vendere21.

41Le stesse intenzioni esplicitate nel 1826 vengono ribadite nel suo testamento steso tra il 1843 e il 1844, dove la determinazione a non far andare all’estero i suoi vasi (e a non far fallire così il suo progetto collezionistico) è tale che – a dispetto di quel museo in avanzato stato di realizzazione nel palazzo di famiglia a Ruvo – egli dispone che i suoi eredi provino innanzitutto a vendere l’intera collezione al Museo Borbonico di Napoli, e facciano tutti gli sforzi perché essa sia acquistata. E ne spiega molto bene il perché:

  • 22  G. Jatta, testamento datato Napoli, 3 febbraio 1844, cit. in Bucci 1994, p. 20, dove (p. 19-22, e  (...)

Penso così, perché questi è il solo mezzo di aversi una piena sicurezza che i detti pregevolissimi oggetti delle antichità ruvestine, che ci sono costati tanti stenti, non potranno giammai passare all’Estero con onta del nome italiano22.

42E più avanti:

  • 23Ibidem (cit. in Bucci 1994, p. 22).

[Io] sono stato sempre negato a vendergli [i miei vasi] primo per la forte passione che ho per essi. Secondo per la mia insuperabile ripugnanza di fargli uscire dal nostro Paese. Ove questa tema venga ad allontanarsi per sempre coll’acquisto che ne faccia il Real Museo23.

43E quando, sempre nel testamento, Giovanni contempla l’ipotesi che il Re non possa o non voglia acquistare i suoi vasi per il Museo di Napoli, egli lascia disposizioni inequivocabili:

  • 24  G. Jatta, testamento datato Napoli, 3 febbraio 1844, cit. in Bucci 1994, p. 29.

Ove però la stessa [vendita] non potesse avere il suo effetto, è mia volontà precisa, ferma, ed immutabile che la detta collezione intera acquistata da me, e dal fu mio fratello Giulio con tanti stenti, e con tanti sacrifizi rimanga consegnata in perpetuo primo all’onore della nostra patria, o come si esprimono i Romani Giureconsulti ad honorem civitatis, secondo all’onore della nostra famiglia, poiché i monumenti delle scienze, e delle belle arti sono i veri titoli di nobiltà che illustrano le famiglie, ed onorano il genio tanto di chi ha saputo acquistargli, quanto di chi sa conservargli […]24.

44Il testamento si chiude poi con la raccomandazione, fatta a tutti i suoi discendenti, di conservare in perpetuo a Ruvo la collezione, ordinata ed esposta al pubblico, offerta all’ammirazione e allo studio della cittadinanza e dei forestieri.

45In fondo si può davvero dire che la pratica collezionistica di Jatta fosse mossa dallo stesso spirito che animava quel concetto di «decoro della nazione» più volte enunciato nella legislazione di tutela. D’altronde la stessa citazione del diritto romano – Jatta è magistrato oltre che avvocato – è trasparente, dal momento che le norme di tutela, sin dalle più antiche formulazioni papaline, erano nutrite dalla tradizione giuridica romana.

46Il re però, a differenza di Jatta, doveva aver scelto di dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Il sovrano doveva preoccuparsi del consenso; e anche per questo scelse tante volte di pagare – magari molto al di sotto dei prezzi di mercato – piuttosto che aprire inchieste come gli chiedevano di fare i suoi migliori funzionari. Il caso dell’acquisto della collezione Pizzati e Lamberti lo dimostra chiaramente. Se il re preferì venire a patti col mercato di antichità, certamente fu anche perché era consapevole che il commercio d’arte e antichità contribuiva ad attutire le difficoltà economiche in cui si dibattevano molte delle province del Regno.

  • 25  Cito dalla sintesi che Michele Jatta fa della lettera del suo avo, in Jatta 1929, p. LXXIX.

47Giovanni Jatta senior s’era risentito quando, nel 1826, aveva saputo che il duca di Blacas, ambasciatore francese, aveva detto al cav. Durand che «il Regno stava in tanta povertà e miseria che, facendo un viaggio per le province, avrebbe acquistate quante antichità avesse voluto»25. E così, il 9 ottobre, s’era precipitato a scriverne al fratello Giulio a Ruvo:

  • 26  G. Jatta, lettera a suo fratello Giulio, datata Napoli 9 ottobre 1826, cit. in Jatta 1929, p. LXXI (...)

se Durand verrà costì fategli finezze e cerimonie assai, assicuratelo che nel tempo stesso non trova meschini e famelici, come gli ha fatto credere il Conte Blacas26;

48e l’11 novembre:

  • 27  G. Jatta, lettera a suo fratello Giulio, datata Napoli 11 novembre 1826, cit. in Jatta 1929, p. LX (...)

Ho piacere che [Blacas] veda che costì non vi sono dei famelici, com’egli crede, ma non mancano delle persone che tengono buttate delle migliaia in vasi antichi per loro piacere27;

49Jatta era ferito nell’orgoglio di cittadino; ma è chiaro che nessuno meglio di lui – avvocato impegnato sul piano politico e sociale – doveva sapere che l’ambasciatore francese non era andato molto lontano dalla verità.

50E di sicuro erano tutte cose che non ignoravano neanche il re, e il ministro Santangelo.

Bibliographie

Antichità scoperte 1878-1880: G. Fraccia (dir.), Antichità scoperte nelle province meridionali, in Documenti Inediti per servire alla storia dei musei d’Italia pubblicati per cura del Ministero della Pubblica Istruzione, 4 voll., Firenze-Roma, 1878-1880, vol. II, p. 78-83; vol. IV, p. 105-120.

Bucci 1994: C. Bucci, Il Museo nazionale Jatta. La storia, i personaggi, la collezione, Bari, 1994.

Bukina 2013: A. Bukina, La cospicua collezione de’ Vasi antichi Italo-greci di proprietà del Sig. Cav. Pizzati, in A. Bukina, A. Petrakova e C. Phillips (dir.), Greek Vases in the Imperial Hermitage Museum.The History of the collection 1816-69 with Addenda et corrigenda to Ludolf Stephani, Die Vasen-Sammlung der Kaiserlichen Ermitage (1869), Oxford, 2013 («Studies in the History of Collections», 4), p. 65-82.

Bukina - Chougounova 2013: A. Bukina, K. Chougounova, Les vases de la collection Antonio Pizzati au musée de l’Ermitage. Études scientifiques et perspectives, in Bourgeois, Denoyelle 2013, p. 221-235.

D’Alconzo 1999: P. D’Alconzo, L’anello del re. Tutela del patrimonio storico-artistico nel Regno di Napoli (1734-1824), Firenze, 1999.

Jatta 1929 (I ed. 1844): G. Jatta, Cenno storico sull’antichissima città di Ruvo nella Peucezia… Colla giunta della breve istoria del famoso combattimento de’ tredici cavalieri italiani con altrettanti francesi seguito nelle vicinanze della detta città nel dì 13 Febbrajo 1503… II ediz., con prefazione del dott. Michele Jatta, Ruvo, 1929 (I ed.1844).

Milanese 2013: A. Milanese, Affaires de vases, affaires d’État. L’histoire des achats de Friedrich Maler à Naples pour le musée du grand-duc de Bade, in Bourgeois, Denoyelle 2013, p. 75-91.

Milanese 2016: Raffaele Gargiulo’s ‘Observations’. The contribution of a Dealer and Restorer to the understanding of Greek pottery, in Saunders-Kästner 2016, p. 161-167.

Notes

1  Quest’articolo rielabora da vicino alcune pagine del mio libro, Milanese 2014, in particolare il cap. IV (p. 131-172). Rimando quindi a questo volume per le fonti bibliografiche e documentarie che lì sono largamente riportate. Di seguito mi limito invece a indicare solo i pochi titoli bibliografici strettamente indispensabili, e le fonti delle citazioni che farò nel corso del testo.

2  Sull’attività di Gargiulo come mercante di vasi cfr. Milanese 2007b; il cap. VI di Milanese 2014, che gli è interamente dedicato, e Milanese 2016. Sulla sua attività di restauratore di vasi cfr. da ultimo Luppino 2016, e Saunders-Svoboda-Milanese 2016.

3  Sull’argomento cfr. D’Alconzo 1999, dove i testi dei due decreti sono pubblicati e ampiamente discussi.

4  Cito dal verbale della riunione svoltasi il 12 febbraio 1822 di una commissione ristretta nominata in seno all’Accademia Ercolanese, in ASNa, Min. Int., b. 1980, 61.

5  Sugli acquisti ruvesi del capitano Maler, e sul ruolo avuto da Schulz, oltre a Milanese 2014, p. 153-164, cfr. Milanese 2013.

6  Cfr. Bukina 2013 e Bukina-Chougounova 2013.

7  Bukina 2013 tende invece ad assimilare la figura di Pizzati a quella d’un vero e proprio collezionista.

8  G. A. Lamberti, lettera a E. Gerhard, datata Napoli, 27 novembre 1834, in Archivio DAI, Roma.

9  G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, datata Napoli, 11 dicembre 1834, in Archivio DAI, Roma.

10  G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, datata Napoli, 22 marzo 1835, in Archivio DAI, Roma.

11  Rapporto (minuta) indirizzato al ministro Santangelo dalla Commissione straordinaria, s.d. [agosto 1835], in AS-MANN, XX B4, 2.40.

12Ibidem.

13  Marchese di Montrone, rapporto al ministro Santangelo, datato Bari, 24 novembre 1835, in ASNa, Min. P.I., b. 357 II, f.lo 42. La lettera è parzialmente edita in Antichità scoperte 1878-1880, IV, p. 113-114 (la sola descrizione dell’idria con Giudizio di Paride).

14Ibidem.

15  Sulle vicende legate all’acquisizione dell’idria con Giudizio di Paride cfr. Milanese 2013 e Milanese 2014, p. 149-150, e 161-163.

16  Marchese di Montrone, rapporto al ministro Santangelo, datato Bari, 24 novembre 1835, cit. in n. 6.

17  Jatta 1929 (I ed. 1844), p. 54.

18  G. Jatta, lettera al fratello Giulio, datata Napoli, 6 dicembre 1826, in Jatta 1929, p. LXXXV (dove è per errore datata 6 dicembre 1821).

19Ibidem.

20Ibidem.

21Ibidem.

22  G. Jatta, testamento datato Napoli, 3 febbraio 1844, cit. in Bucci 1994, p. 20, dove (p. 19-22, e 29-32) sono pubblicati ampi brani di questa seconda parte del testamento (ma senza indicarne la collocazione). Una copia del testamento è conservata in ASNa, Min. Pub. Istr., b. 332, 8.

23Ibidem (cit. in Bucci 1994, p. 22).

24  G. Jatta, testamento datato Napoli, 3 febbraio 1844, cit. in Bucci 1994, p. 29.

25  Cito dalla sintesi che Michele Jatta fa della lettera del suo avo, in Jatta 1929, p. LXXIX.

26  G. Jatta, lettera a suo fratello Giulio, datata Napoli 9 ottobre 1826, cit. in Jatta 1929, p. LXXIX.

27  G. Jatta, lettera a suo fratello Giulio, datata Napoli 11 novembre 1826, cit. in Jatta 1929, p. LXXIX.

Table des illustrations

Titre G. A. Lamberti, lettera a E. Gerhard, 27 novembre 1834.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/7832/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 1,0M
Titre G. A. Lamberti, lettera a E. Braun, 22 marzo 1835.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/7832/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 839k

Auteur

Museo Archeologico Nazionale di Napoli
andrea.milanese@beniculturali.it

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search