Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les céramiques communes antiques d’Italie et de Narbonnaise

 | 
Michel Pasqualini

La ceramica comune e da cucina da contesti tardo antichi da Napoli

Vittoria Carsana

Résumé

In questo lavoro sono presentate le ceramiche comuni e da cucina di epoca tardo antica provenienti dai recenti scavi condotti dalla Soprintendenza Archeologica in occasione delle indagini per la costruzione delle stazioni della linea metropolitana di Napoli. La notevola quantità di materiali analizzati, confrontati con i coevi contesti editi dalla città e dalla regione, consentono infatii di definire un panorama ampio e rappresentativo della produzione e circolazione di tali categorie ceramiche in questi periodi. Fino al VII secolo, il vasellame prodotto in area napoletana è di discretta qualità indicando un’organizzazione dell’attività produttiva locale, seppure frammentata, ancora a carattere “industriale.

Texte intégral

1. Premessa

1Le recenti scoperte avvenute a Napoli in occasione dei lavori della linea 1 della metropolitana, nelle

Fig. 1 – Grafico con le principali classi ceramiche attestate nei contesti di piazza Municipio e piazza Bovio

2Piazze Municipio, Bovio e Nicola Amore (stazioni Municipio, Università, Duomo), hanno chiarito e ampliato le nostre conoscenze topografiche del paesaggio costiero tra Neapolis e Parthenope in età greco-romana e delle sue trasformazioni dall’epoca tardo-antica e altomedievale ai giorni nostri. Gli scavi hanno restituito una notevole quantità di materiale ceramico, in corso di studio, che offre un panorama ampio e rappresentativo della cultura materiale delle diverse epoche, dall’età greca all’età moderna.

  • 1 Per un inquadramento generale delle indagini archeologiche per la linea metropolitana, con la plan (...)

3Le ceramiche provenienti dai contesti tardo antichi ed altomedievali hanno consentito di ricostruire sequenze stratigrafiche puntuali e di definire il panorama della produzione e circolazione dei prodotti ceramici in questi periodi, offrendo la possibilità di formulare qualche sintesi (Carsana 2007a; Giampaola 2005b et c)1.

4I contesti coevi fino ad oggi studiati provenienti dalla città sono costituiti dallo scavo di Carminiello ai Mannesi che ha restituito una sequenza stratigrafica compresa entro il VII secolo (Arthur 1994a), da scavi eseguiti nell’area del monastero di S. Patrizia (Arthur 2002, p. 122-133), nel complesso di S. Marcellino (Carsana 2004) e nel complesso di S. Lorenzo Maggiore, che in età romana ospitava il foro di Neapolis (San Lorenzo Maggiore 2005).

5In questa sede si presenta il quadro delle produzioni di ceramica comune e da cucina rinvenute a Napoli nelle stratigrafie databili tra VI e VII secolo. Per questo periodo il totale delle ceramiche analizzate, rinvenute nei contesti di Municipio e Università, comprende circa 50.000 frammenti, tra i quali i contenitori da trasporto e le ceramiche comuni sono ovviamente le classi più rappresentate; le ceramiche comuni (comprese quelle da fuoco) costituiscono il 35% del totale (fig. 1). E’ soprattutto la sigillata africana D, presente con circa 3000 frammenti (6% del totale), a fornire dati importanti per la cronologia dei depositi.

6In Campania dalla fine del V secolo si nota un cambiamento nella produzione delle ceramiche locali, dipinta, acroma e da fuoco. Sebbene le forme siano ripetitive c’è una discreta varietà tipologica, indizio di una minore standardizzazione e della frammentazione del sistema produttivo; anche nella realizzazione dei vasi c’è una certa discontinuità tra prodotti di fattura alquanto grossolana e prodotti più curati.

2. La ceramica comune

7La ceramica comune analizzata, acroma e dipinta, comprende circa 12.000 frammenti (6097 frammenti da Municipio e 6124 da Università). Essa è caratterizzata dalla assoluta prevalenza, per le loro caratteristiche macroscopiche, dei recipienti di presumibile produzione locale; tutti i materiali sono realizzati al tornio veloce con impasti ben depurati di buon livello qualitativo per produzioni di massa. Gli impasti sembrano essere gli stessi per tutto il periodo tardo antico e altomedievale: argilla generalmente dura, varia dal colore arancio-rosa (Munsell 5YR8/8) al crema marrone (10YR 7/4), con sparsi inclusi vulcanici, calcare e poca mica.

8Luoghi di produzione in questo periodo in Campania sono noti nella Campania settentrionale dove la fornace di Masseria Dragone (Casanova di Carinola), individuata da P. Arthur, è attiva fino al VI secolo (Arthur 1998), nei Campi Flegrei, a Cuma dove tracce di una fornace che produceva ceramica dipinta a bande furono rinvenute nei pressi dell’Anfiteatro (Amalfitano 1990, p. 308), a Ischia e a Miseno, dove una produzione locale di anfore e ceramica dipinta è attestata dal VII secolo forse fino alla distruzione del castrum nell’845 d.C. (De Rossi 2002). A Napoli la presenza di uno scarto di fornace di un bacino dipinto da S. Lorenzo Maggiore, insieme ad una matrice di lucerna del tipo di imitazione africana (forma Atlante X), attesta la presenza in città di officine produttrici (San Lorenzo Maggiore 2005, p. 41).

  • 2 Nella maggioranza dei casi la frammentarietà dei reperti non consente di affermare se il rivestime (...)

9Fino al VII secolo la ceramica comune rinvenuta, analogalmente ai prodotti precedenti di fine V e VI secolo, è caratterizzata ancora dalla presenza dell’ingubbiatura o rivestimento del vaso con un sottile strato di colore opaco, che varia-a seconda della temperatura raggiunta durante la cottura-dal rosso-bruno al bruno, e che interessa la superficie esterna nelle forme chiuse, o entrambe le superfici in quelle aperte. Il vasellame databile tra la fine VI e il VII secolo presenta le superfici rivestite da un ingobbio distribuito in maniera irregolare, raramente ottenuto per immersione, più frequentemente il colore viene steso con veloci pennellate o spugnature2 solo su alcune parti del vaso, come il bordo o la metà superiore nelle forme aperte, e l’orlo e le anse nelle forme chiuse, risparmiando la parte inferiore che talvolta è percorsa da colature di colore. In alcuni casi invece il rivestimento è presente già con fasce di colore, costituite da larghe pennellate, che rimandano alla produzione a bande larghe, accostate comunque a macchie, sbavature o colature (fig. 2). E’infatti proprio nel corso del VI e nel VII secolo che inizia la produzione di ceramiche con decorazione dipinta a bande: gli schemi decorativi sono abbastanza semplici, archi contigui, archi spezzati o volute; in qualche caso sugli orli dei bacini alla dipintura è associata anche una decorazione incisa a pettine con motivo ad onda. Per tutto il VII secolo d.C. la dipinta a bande si rinviene ancora in maniera sporadica, ma sostituirà gradualmente la precedente produzione ingubbiata sul mercato, determinandone, verso la fine del secolo, la scomparsa definitiva. Questi vasi sembrano sancire il passaggio da una produzione di tradizione tardo-antica ad una produzione tipica dell’età altomedievale.

Fig. 2 – San Lorenzo Maggiore. Ceramica comune dipinta: brocca

Fig. 3 – Ceramica comune di produzione locale: forme aperte

10Il repertorio morfologico è costituito soprattutto da bacini e brocche che hanno confronti con esemplari attestati nei coevi contesti napoletani e campani, indicando un panorama regionale abbastanza omogeneo, che sembra dimostrare una circolazione e forse una rete di distribuzione dei prodotti su scala regionale ancora attiva in questo periodo.

11Nei contesti di Municipio e Università analizzati le forme aperte costituiscono rispettivamente il 72% e il 65% del totale degli orli. Rari i vasi che imitano tipi in sigillata africana D. E’frequente il bacino a listello (fig. 3, n. 1-2; Arthur 1994b, fig. 81 tipo16; p. 183-185), quello con orlo ingrossato all’interno (fig. 3, n. 4; Arthur 1994b, fig. 87 tipo 62; p. 191-194), ma è soprattutto caratteristico delle stratigrafie di fine VI-VII secolo il bacino di medie e grandi dimensioni con orlo a tesa, spesso con anse sia orizzontali che verticali (fig. 3, n. 6-7; Arthur 1994b, fig. 89-90 tipo 67; p. 194-197). Vasi simili sono documentati, oltre che in area napoletana, a Ischia provenienti da contesti altomedievali (Guarino et al. 1988), a Cuma, a Benevento dal complesso di S. Sofia, databili dalla fine del VI con continuità fino al XII secolo, sia ingubbiati che dipinti a bande, anche in dimensioni molto grandi (Carsana 1998, p. 138-139). Caratteristiche morfologiche simili sono riscontrabili nei bacini provenienti dal sito produttivo della fornace di Calle di Tricarico nella Lucania interna, databili dalla metà del V secolo d.C. (Di Giuseppe 1998, fig. 5, p. 740). La diffusione della ceramica di Calle, soprattutto di alcune forme, interessò infatti oltre che il mercato locale anche quello interregionale verso le vicine Campania, Apulia e Calabria.

12La presenza in numerosi contesti tardo antichi dell’Italia meridionale di questi bacini profondi, adatti a contenere cibi semiliquidi, come zuppe, puls e cibi bolliti in genere, per uso forse collettivo, in sostituzione di piatti e scodelle di età romano imperiale, può essere collegato a nuovi consumi alimentari riflessi nell’uso di apparecchiare la tavola.

13Le forme chiuse sono costituite da brocche, anfore e ollette.

14Le brocche (fig. 4, n. 8-12) hanno confronti, al di fuori dell’area regionale, con quelle presenti nei contesti di VII secolo della Crypta Balbi a Roma, quasi certamente importate dall’Italia meridionale, probabilmente dall’area campana (Ricci 1998, p. 379, fig. 17.2 e 17.4; Arena 2001, p. 301).

15Nelle sepolture di piazza Bovio (Università) e piazza Nicola Amore (Duomo) sono state rinvenute brocchette poste accanto al cranio del defunto come elemento di corredo, secondo un uso diffuso in numerosi contesti altomedievali dell’Italia meridionale. Sono attestate la brocchetta trilobata monoansata dipinta (fig. 4, n. 13), l’olletta monoansata parzialmente dipinta e con tracce di bruciatura sulla parete opposta all’ansa (fig. 4, n. 14), la brocchetta monoansata steccata sulla superficie esterna (fig. 4, n. 15 e fig. 5) e una fiaschetta acroma (fig. 4, n. 16). Confronti in ambito campano sono dal complesso di S. Restituta a Lacco Ameno di Ischia (Guarino et al. 1988, tav. 1, n. 1), dal complesso martiriale di S. Felice a Cimitile vicino Nola (Pani Ermini 1993, fig. 58b e fig. 61), dalla necropoli di S. Lorenzo ad Altavilla Silentina (Peduto 1984, p. 99-102).

3. La ceramica da cucina

  • 3 Le ceramiche rinvenute in questi contesti sono oggetto di una tesi di specializzazione in archeolo (...)

16La maggior parte della ceramica destinata alla cottura dei cibi di epoca tardo antica e altomedievale rinvenuta negli scavi napoletani era prodotta in argilla locale, proveniente dalle zone intorno il golfo di Napoli. Il campione analizzato, proveniente dai contesti databili tra fine VI e VII secolo d.C., comprende circa 5300 frammenti (2722 da Municipio e 2589 da Università); in entrambi i depositi analizzati essa costituisce solo il 30,5% del totale delle ceramiche comuni (fig. 1), indicando probabilmente l’uso di contenitori sostitutivi per cuocere. E’interessante confrontare questo dato con quello di alcuni contesti di Municipio, databili tra la metà del V e la fine del V-inizi VI secolo d.C.3, considerando anche le ceramiche fini di importazione (sigillata africana) (fig. 6). Intorno alla metà del V secolo il rapporto quantitativo tra la ceramica comune (acroma e dipinta) e quella da cucina sembra paritario, con ancora una buona presenza di vasi da fuoco provenienti dall’Africa, e una discreta percentuale di vasi da mensa in sigillata africana, che evidentemente dovevano ancora soddisfare il mercato locale per il corredo da tavola; tra la fine del V e gli inizi del VI secolo le importazioni dall’Africa sono ancora consistenti, addirittura maggiori, per le ceramiche fini (sigillata), mentre sono in forte flessione per la cucina; si nota inoltre un aumento graduale tra i prodotti locali delle ceramiche comuni rispetto a quelle da fuoco, che culminerà tra la fine del VI e il VII secolo, insieme alla riduzione delle sigillate e dalla quasi scomparsa delle pentole africane. E’ipotizzabile quindi che proprio nel corso del VI secolo avvenga questa sostituzione di materia prima tra i recipienti per la cottura dei cibi, forse con l’introduzione di contenitori in metallo.

Fig. 4 – Ceramica comune di produzione locale: forme chiuse

Fig. 5 – Piazza Nicola Amore. Ceramica comune steccata: brocchetta

Fig. 6 – Piazza Municipio. Grafico con le percentuali di ceramiche comuni, da cucina e sigillate attestate nelle varie fasi

17A Napoli e in Campania, come già evidenziato dallo studio della ceramica da cucina di Carminiello ai Mannesi, nel corso del V e VI secolo avvenne un cambiamento sostanziale nel repertorio morfologico del vasellame da cucina: ai prodotti africani e alle loro imitazioni si sostituiscono vasi di fattura più grossolana, sempre eseguiti al tornio veloce, ma in modo piuttosto rudimentale, con le superfici spesso, ma non sempre, rifinite a stecca, indice di un lavoro poco professionale e di bassa tecnologia.

18Le forme più documentate sono casseruole, tegami e olle. Il panorama tipologico è abbastanzadiversificato, con una serie di «varianti» nell’ambito di ogni tipo che suggeriscono l’esistenza di diverse officine di varia grandezza e importanza.

19Le forme aperte (casseruole e tegami) rappresentano la maggioranza dei vasi: 65% del totale degli orli a Università e il 90% a Municipio; tra queste le casseruole costituiscono la forma più documentata. Fino al VI secolo il tipo più diffuso tra le casseruole locali è quello con orlo ingrossato all’interno e anse a presa di forma semicircolare, a volte con impressioni digitali, fondo apode o leggermente convesso (fig. 7, n. 1-3; Carsana 1994, p. 223-228, fig. 103-106).

20Questo tipo di recipiente per cuocere ha confronti con esemplari con caratteristiche morfologiche simili, spesso eseguiti a mano e riconosciuti come importati dall’isola di Pantelleria, rinvenuti in numerosi siti in Italia e nel Mediterraneo centro-occidentale, a Capua, Porto, Cosa, Luni, Albintimilium, in Sicilia (Agrigento, Segesta, Termini Imerese, Tindari, Lipari), Sardegna (Porto Torres e Cornus), Corsica, Spagna (provincia di Alicante, Barcellona, Tarragona, Baleari), vari siti nel sud della Francia (Marsiglia, Tolone), Cartagine e in altre località tunisine, in Libia a Sabratha e a Leptis Magna, a Malta (per la diffusione della Pantellerian Ware cfr. Santoro 2003).

21E’possibile che il successo di questo tipo di pentola da cucina, che a Napoli e in Campania è realizzata al tornio in argille locali, sia spiegabile con modifiche delle abitudini alimentari, in un momento di grandi cambiamenti culturali ed economici.

  • 4 Le analisi sono state eseguite, insieme ad altri materiali provenienti dallo scavo del porto di Ne (...)

22La ceramica da fuoco prodotta nell’isola di Pantelleria, individuata per la prima volta da Fulford e Peacock a Cartagine (hand made fabrics 1.1, Fulford 1984, n. 8-10; p. 157-161), è attestata dalla metà del II secolo a. C. al VII secolo d.C., ma esportata in molti siti costieri del Mediterraneo occidentale tra IV e VI secolo d.C., probabilmente attraverso una redistribuzione ad opera di Cartagine lungo le direttrici commerciali delle anfore e dei prodotti agricoli africani, data la vicinanza dell’isola alle coste africane. A Napoli e in altri siti campani è stata rinvenuta ceramica di Pantelleria (Carsana 1994, fig. 121, p. 252-254); nei contesti in esame i vasi importati dall’isola sono databili nell’ambito del VI secolo (fig. 8, n. 21-23), dove costituiscono l’1,4% del totale degli orli, mentre non sembrano attestati nelle stratigrafie di VII secolo. Analisi condotte sui residui organici assorbiti di un esemplare, allo scopo di risalire al contenuto del recipiente, hanno indicato la presenza di un rivestimento in resina e, come residui del contenuto, principalmente grassi di origine animale, non pesce4. Anche se questo tipo di analisi condotta su un unico campione non è del tutto significativa, almeno in questo caso essa sembra confermare l’uso domestico del vaso utilizzato per cuocere cibi in cui erano presenti prodotti di origine animale.

Fig. 7 – Ceramica da cucina di produzione locale: casseruole (1-10); olla (11)

Fig. 8 – Ceramica da cucina: olle di produzione locale (12-16); olle di produzione egea (17-18); casseruole di probabile provenienza sarda (19-20); Pantellerian ware (21-23)

Fig. 9 – Piazza Municipio. Grafico con le percentuali di ceramiche da cucina locali e di importazione attestate nelle varie fasi

23Sono documentati inoltre due esemplari (fig. 8, n. 19-20) della forma Fulford hand made 32, in argilla marrone scuro, con nucleo nero (5YR5/4), numerosi inclusi di quarzo e vulcanici, forse di origine sarda (Fulford 1984, p. 164-166, fig. 59), diffusa in molti siti del Mediterraneo occidentale: Albintimilium, Luni, Sardegna, Corsica, Cartagine, Alicante, Valencia, Gallia del sud (CATHMA 1991, p. 38; Reynolds 1995, p. 103, fig. 167).

24Nei contesti di pieno VII secolo tra le produzioni locali è ormai raro il tipo con anse a presa, probabilmente residuo, mentre è frequente la pentola con orlo a tesa, variamente inclinato e pareti diritte, a volte anche biansata (fig. 7, n. 7-10; Carsana 1994, p. 232-233, fig. 110, tipo 18).

25Tra le olle sono presenti quelle con orlo estroflesso e corpo globulare (fig. 7, n. 11), quelle biansate con orlo a fascia e corpo globulare (fig. 8, n. 15; Carsana 1994, p. 240-241, fig. 114-115, tipi 52 e 53), le olle con orlo estroflesso talvolta caratterizzato da una scanalatura per l’alloggio del coperchio, influenzate da prodotti di produzione egea (fig. 8, n. 12 e n. 16) e le ollette monoansate (fig. 8, n. 14; Carsana 1994, p. 241-242, fig. 115, tipi 55-56).

26Infine, come già evidenziato dai dati di Carminiello ai Mannesi, sono attestate le olle globulari di importazione dall’area orientale egea fino al VII secolo (1,2% del totale orli). Sono presenti sia esemplari in argilla grigia, dura, numerosi inclusi calcarei di medie e piccole dimensioni, rara mica, superfici grigio scuro (fig. 8, n. 17) che quelli in argilla grigia-marrone, con inclusi piccoli bianchi, pochi inclusi calcarei, quarzo, mica, superfici annerite (fig. 8.18; Carsana 1994, p. 250-251, fig. 120, tipi 105-106). Questi recipienti sono diffusi in vari siti del Mediterraneo orientale (Samo, Cnosso, Sarachane, Thasos, Caesarea Maritima, Gortina,) e occidentale (Cartagine, Benghazi, Tarragona, Alicante, Valencia, Malaga, Gallia del sud, Albintimilium, Aquileia, Ravenna, Centoporte, Mattinata (CATHMA 1991, p. 35-36; Tréglia 2005, fig. 1, p. 299-300).

27Per le ceramiche da fuoco di importazione è interessante confrontare, ancora una volta, i dati offerti dalle stratigrafie databili alla seconda metà VI-VII secolo d.C. con quelli dei contesti precedenti di Municipio, di metà V e fine V-inizi VI secolo d.C., sempre considerando che questo tipo di materiali è presente nei carichi di bordo come merce di accompagno (fig. 9). Intorno alla metà del V secolo sono ancora prevalenti tra i vasi da fuoco, come abbiamo visto, le importazioni dall’Africa, sono già attestate le ceramiche di Pantelleria e qualche importazione dall’Oriente; tra fine V e inizi VI secolo si nota una drastica flessione delle ceramiche africane da cucina, in concomitanza con una discreta attestazione di vasi da Pantelleria, mentre la percentuale di olle dall’Oriente rimane sostanzialmente immutata; tra fine VI e VII secolo sono attestati quasi esclusivamente i prodotti locali, le importazioni sono minime in pari misura (intorno all’1,5%), forse in parte residue.

28Oltre i confronti puntuali con le ceramiche comuni e da cucina provenienti dai coevi contesti dello scavo di Carminiello ai Mannesi, lo studio eseguito sulla ceramica di questo periodo proveniente dal complesso di San Lorenzo Maggiore mostra la presenza delle stesse tipologie. La tavola con i tipi ricostruiti della fig. 10 (San Lorenzo Maggiore 2005, p. 43-44, fig. 4-5) mostra in modo abbastanza evidente come sia ormai cambiato il repertorio tipologico dei vasi da fuoco rispetto ai vasi di tradizione romana, anche nelle ridotte dimensioni delle pentole ed olle, evidentemente adatte alla cottura solo di cibi liquidi o semiliquidi da associare ad altre pietanze probabilmente cucinate in altri tipi di contenitori, forse in metallo.

Fig. 10 – San Lorenzo Maggiore. Tavola ricostruttiva dei tipi di ceramica comune e da cucina attestati tra metà Ve VII secolo d.C.

4. Conclusione

29Lo studio e il confronto quindi delle ceramiche dei diversi contesti tardo-antichi ed altomedievali provenienti dalla città conferma la sostanziale omogeneità del panorama dei prodotti ceramici che circolavano a Napoli in questo periodo. L’analisi dei contesti ha mostrato che la quantità di ceramiche fini e anfore importate, seppur si riduca notevolmente, rimane quantitativamente rilevante rispetto ad altri centri e rispecchia una pur sempre intensa attività della città come centro di consumo, documentando la persistenza di flussi commerciali su scala mediterranea (Carsana 2007a).

30Fino al VII secolo il vasellame prodotto in area napoletana, comune e da cucina, è di discreta qualità, denotando una continuità della tradizione artigianale nella trasmissione delle competenze tecnologiche e dei metodi di fabbricazione, anche se nell’ambito di un sistema produttivo frammentato. L’organizzazione dell’attività produttiva locale di ceramiche comuni sembra abbia mantenuto un carattere «industriale», con una diffusione di ampio raggio, in un panorama regionale ed interregionale abbastanza omogeneo, favorita probabilmente dai circuiti commerciali delle nundinae, fiere come quella descritta da Cassiodoro (Var., 8, 33) nei pressi di Consilinum.

Notes

1 Per un inquadramento generale delle indagini archeologiche per la linea metropolitana, con la planimetria con indicazione dei siti delle stazioni, vedi il contributo di D. Giampaola in questo volume.
Desidero ringraziare tutti i collaboratori che hanno partecipato alle indagini archeologiche connesse alla realizzazione della linea 1 della Metropolitana di Napoli (A. Cerrato, F. Crema, S. Febbraro, C. Florio, V. Ibelli, R. Immarco, S. Pomante, L. Pugliese, B. Roncella), e in particolare la dott. Giampaola, che è il responsabile scientifico, e i Soprintendenti S. De Caro, F. Zevi, V. Sampaolo, M. L. Nava, che si sono succeduti nel lungo periodo delle indagini e che hanno consentito lo studio dei materiali ceramici. I disegni e le tavole dei reperti sono state realizzate dalla società Post-scriptum.

2 Nella maggioranza dei casi la frammentarietà dei reperti non consente di affermare se il rivestimento è totale o parziale.

3 Le ceramiche rinvenute in questi contesti sono oggetto di una tesi di specializzazione in archeologia del dott. Riccardo Laurenza presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

4 Le analisi sono state eseguite, insieme ad altri materiali provenienti dallo scavo del porto di Neapolis, da Alessandra Pecci (Università degli Studi di Siena, Dipartimento di Archeologia) e Laura Salvini (CIADS).

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Grafico con le principali classi ceramiche attestate nei contesti di piazza Municipio e piazza Bovio
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 57k
Légende Fig. 2 – San Lorenzo Maggiore. Ceramica comune dipinta: brocca
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 61k
Légende Fig. 3 – Ceramica comune di produzione locale: forme aperte
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 259k
Légende Fig. 4 – Ceramica comune di produzione locale: forme chiuse
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 247k
Légende Fig. 5 – Piazza Nicola Amore. Ceramica comune steccata: brocchetta
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 189k
Légende Fig. 6 – Piazza Municipio. Grafico con le percentuali di ceramiche comuni, da cucina e sigillate attestate nelle varie fasi
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 77k
Légende Fig. 7 – Ceramica da cucina di produzione locale: casseruole (1-10); olla (11)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 220k
Légende Fig. 8 – Ceramica da cucina: olle di produzione locale (12-16); olle di produzione egea (17-18); casseruole di probabile provenienza sarda (19-20); Pantellerian ware (21-23)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 233k
Légende Fig. 9 – Piazza Municipio. Grafico con le percentuali di ceramiche da cucina locali e di importazione attestate nelle varie fasi
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 64k
Légende Fig. 10 – San Lorenzo Maggiore. Tavola ricostruttiva dei tipi di ceramica comune e da cucina attestati tra metà Ve VII secolo d.C.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4899/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 233k

Auteur

© Publications du Centre Jean Bérard, 2009

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540