Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les céramiques communes antiques d’Italie et de Narbonnaise

 | 
Michel Pasqualini

Produzione e commercio di alcune classi di ceramica comune nel territorio di Vado Ligure (SV) (I-III sec. d.C.). Primi dati archeologici ed archeometrici integrati: Parte 1

Francesca Bulgarelli et Eleonora Torre

Résumé

I risultati delle analisi su campioni di ceramica comune di epoca romana dal territorio di Vada Sabatia confermano produzioni importate–anche dell’area provenzale-e di ateliers locali ben individuabili.

Texte intégral

1. Premessa

  • 1 Action Collective de Recherche sur les céramiques communes de Marseille à Genes tra II sec. a.C. e (...)
  • 2 Sugli scavi di Nino Lamboglia a Vado Ligure, Lamboglia 1955 e Bulgarelli 2004.

1Nel solco di una ricerca già intrapresa tra il 2001 e il 20041 sono stati ripresi in considerazione alcuni prodotti ceramici rinvenuti nel corso della revisione dei materiali dagli scavi condotti da Nino Lamboglia tra il 1953 e il 1957 a Vado Ligure, nel Savonese, l’antica Vada Sabatia, porto tra i più eminenti del Tirreno settentrionale e nodo stradale strategicamente posto alla convergenza della viabilità litoranea proveniente da Genova e della Via Iulia Agusta diretta verso la Provenza.2

2In particolare ci si è soffermati su due specifiche classi di ceramica comune, ben documentate nello scavo di Vado e diffuse nella Liguria occidentale. Si tratta di una produzione locale o regionale, le cosiddette olle a bordo sagomato, e di una importazione provenzale dal bacino dell’Argensarea di Frejus, le ceramiche micacee non tornite, definite anche «modelées varoises».

3Questi due gruppi ceramici sono stati privilegiati in quanto la compresenza delle due classi, entrambe utilizzate anche in contesti funerari, è fenomeno proprio della Liguria occidentale, mentre non si registra nel resto dell’Italia settentrionale: anche là dove sono diffuse le olle a bordo sagomato, compreso l’arco ligure di levante, non sono note attestazioni di «modelées varoises».

  • 3 Per le olle con orlo a mandorla: Olcese 1996, p. 424-426 e Olcese 2003, p. 80-82. Per le urne care (...)

4In particolare a Vado Ligure risultano coesistere in parallelo tra il I e il II-III sec. d.C., associate anche con altra ceramica da cucina e da dispensa, nell’ambito della quale si rileva un’alta percentuale di olle di varie tipologie e produzioni. La massiccia presenza di questi recipienti è stata interpretata come continuità di una tradizione indigena fedele all’uso dell’olla tanto per usi culinari e alimentari, per la preparazione e la conservazione dei cibi, quanto per usi funerari, come cinerario. A partire dal II secolo a.C. le produzioni locali destinate a questi usi vengono affiancate da prodotti di officine dell’area tirrenica centro-meridionale, come le olle con orlo a mandorla, e successivamente da altre produzioni, come le urne carenate definite «à pâte sombre», diffuse in età augustea.3

5L’elaborazione di carte di distribuzione di questi materiali in Liguria, realizzate aggiornando per le olle a bordo sagomato precedenti studi compiuti da Daniela Gandolfi, Lucia Gervasini, e da Gloria Olcese (Gandolfi, Gervasini 1983; Olcese 1993, p. 108-110) e componendo invece per le ceramiche micacee non tornite una prima carta di diffusione, ha consentito di seguire la concentrazione delle produzioni esaminate nella Liguria occidentale (Olcese 1993, p. 117-122, IV. 2. e. Gruppo E; Bulgarelli, Torre 2004, p. 72-74; Gandolfi, Gervasini 2004, p. 87-88).

6Si è ritenuto opportuno proseguire l’indagine in questa direzione, prendendo in esame altri siti compresi nel territorio del municipium di Vada Sabatia, che tradizionalmente si intende esteso tra il torrente Arrestra presso l’odierna Arenzano e il Pora presso Finale Ligure.

7I dati a nostra disposizione, ancora parziali, sono tratti sia dalla revisione di vecchi scavi sia dall’ampliamento della ricerca scientifica, con indagini condotte dalla Soprintendenza nei siti nell’immediato entroterra della stessa Vado (Bulgarelli, Frondoni, Murialdo 2005).

8Le difficoltà maggiori per il recupero dei dati sono dovute alla mancata o parziale edizione degli scavi e alla limitata circolazione di notizie e comunicazioni intorno a classi ceramiche di cui non sempre è sufficientemente valutato il potenziale informativo come indicatori socio-culturali, economici e di produzione. La divergenza scientifica e critica nei confronti del reperto ceramico frammentario tra due momenti tanto lontani e differenti della ricerca è uno dei motivi per cui non si è ritenuto affidabile affrontare l’aspetto della quantificazione.

2. Le ceramiche micacee non tornite di produzione provenzale «modelées varoises»

9Questo tipo era stato individuato in Liguria come gruppo a sé stante tra le ceramiche presenti a Ventimiglia da Nino Lamboglia e in seguito classificato da Gloria Olcese come gruppo E nel suo studio sulle ceramiche comuni di Albintimilium (Lamboglia 1950, p. 204–«rozza terracotta locale»; Olcese 1993, p. 117-122, IV. 2. e Gruppo E).

10Le classificazioni tipologiche elaborate sui ritrovamenti in territorio francese (Rivet 1982; Bérato1993a), raggruppano recipienti destinati alla preparazione, cottura, servizio e conserva di alimenti solidi o liquidi, modellati apparentemente senza uso del tornio, e pertanto privi di misure perfettamente uguali ma soggetti a fattori di variabilità, pur nella sostanziale ripetizione di un certo numero di forme, quali olle o urne a fondo piatto, coperchi, tegami, pentole, coppe, mortai. Caratteristica comune, sempre legata ad una grande variabilità, è la particolarità dell’impasto piuttosto grezzo con dimagrante di quarzo e di mica lamellare, di colore prevalentemente rossiccio, ma anche bruno scuro e grigio scuro. Il ventre presenta il tipico trattamento «à panse grattée», mentre orlo, gola e parete interna sono lisciati.

11La produzione di queste ceramiche micacee non tornite viene collocata nella regione del Var, tra il massiccio dei Maures e la valle dell’Argens, dove è diffusa in contesti datati tra il II sec. a.C. e il III sec. d.C. e oltre (osservazione tratta da Bérato).

12A Vado Ligure si registra ad oggi l’attestazione più consistente nel comprensorio savonese del gruppo delle ceramiche micacee non tornite di produzione provenzale (Bulgarelli, Torre 2004).

  • 4 I due relitti di Saint-Raphaël, Roches d’Aurelle e Dramont G, contenevano, oltre a recipienti di q (...)
  • 5 Alla fittissima diffusione di questi prodotti ceramici nei siti urbani romanizzati e negli insedia (...)
  • 6 Sulla distribuzione in area imperiese, cfr. Gandolfi, Gervasini 2004; Bulgarelli, Torre 2004; in p (...)
  • 7 Per la diffusione nell’area di Albenga: Bulgarelli, Torre 2004; per Corti: Chiocci 1999, p. 136. S (...)
  • 8 Capelli, Melli, Menchelli 2004, p. 134.

13Come risulta dalla carta di distribuzione nella Liguria attuale, legata ovviamente alla casualità della ricerca, capillare è la diffusione nell’area costiera ad ovest di Savona, raggiunta dalla distribuzione effettuata con navigazione per cabotaggio4 dalle officine nella valle dell’Argens e da Fréjus5, e con punte massime di concentrazione nell’estremo ponente. (fig. 1) Dal littorale queste ceramiche raggiungono le aree più interne e i centri d’altura di origine ligure come Monte Colma e gli abitati rurali dell’imperiese e del sanremese6; sulla costa sono presenti nel comprensorio di Albenga, dove pure sono presenti a S. Calocero e in alcuni siti rurali nella piana del Centa, mentre nell’insediamento di Corti, tra Pietra Ligure e Giustenice, sono segnalati pochi frammenti residuali. La stipe di Caprauna, nell’entroterra ingauno, oggi in provincia di Cuneo, è al momento il sito più interno dove è attestata questa ceramica7. A levante di Vado Ligure, la produzione micacea del Var non è individuata; tuttavia, alcuni frammenti non diagnostici rinvenuti negli scavi di Genova Portofranco, dove sono attestati anche altre importazioni provenzali, sembrano attribuibili a questa classe in base ai risultati delle analisi archeometriche8.

Fig. 1–Carta di diffusione della «modelée varoise» in Liguria

  • 9 Bulgarelli, Frondoni, Murialdo 2005. Si segnala il recente rinvenimento nell’insediamento rustico- (...)

14Per quanto riguarda Vado stessa, questi prodotti sono attestati in area urbana, dove tale tipo di vasellame doveva essere impiegato come recipiente da preparazione, dispensa e da fuoco, con cottura a riverbero, mentre non sono segnalati negli insediamenti rurali recentemente individuati nel territorio di Vado e nel Finalese9.

15Nel settore più orientale del territorio savonese, inoltre, non risulta l’impiego come cinerario delle olle appartenenti a questo tipo ceramico, uso attestato nelle necropoli del restante Ponente Ligure (Gandolfi, Gervasini 2004, p. 87, ma si reda l’urna della T. 65 della necropoli di Noli: Bulgarelli 2007).

16A Vado questa ceramica da cucina «à panse grattée» presenta il caratteristico impasto di colore bruno-bruno rossastro o grigio scuro, con dimagrante di quarzo e mica argentata, più raramente dorata; le forme documentate sono quelle della «Batteria da cucina» con olla o urna «à encolure en bayonette», recipiente da cucina predominante, il tegame o «plat à feu» e il «faitout», noti dalle tipologie diffuse nei ritrovamenti in area provenzale (Rivet 1982; Bérato 1993a) (fig. 2, n. 1 à 7) Anse sono presenti solo su piccoli esemplari di urnette o boccali, mentre non si registrano frammenti diagnostici appartenenti a coperchi.(Bulgarelli, Torre 2004, p. 73-74)

Fig. 2-Tipologia delle «modelées varoises» da Vado Ligure; n. 1-4 forme Bérato F. 1610 e 1620; n. 5 forma Bérato F. 6510; n. 6 e 7 forma Bérato F. 4210

  • 10 Scavi Lamboglia 1953, «Casa 1», strato IV.

17La «modelée varoise» è presente a Vado in contesti datati da N. Lamboglia tra il 50 e il 150 d.C.10 dato confermato dalle recenti revisioni, e convive con le prime importazioni di ceramica da cucina nord africana nonché con le olle a bordo sagomato.

  • 11 Lo scavo del pozzo romano, sotto la direzione di F. Bulgarelli, ha restituito materiali ceramici, (...)

18Va segnalato che tra il materiale proveniente dallo scavo di un pozzo nella cosiddetta «casa romana 1», in uno strato databile al III-IV secolo, riferibile ad un periodo di abbandono, compare un numero significativo di frammenti di ceramica micacea, nella quasi totalità riferibili a olle, non presenti vicevesa nei livelli connessi all’uso del pozzo11. L’associazione con ceramiche tardoantiche è stata riscontrata anche tra i materiali relativi al III-IV secolo rinvenuti negli scavi Lamboglia (Bulgarelli, Torre 2004).

  • 12 Rivet 1982, p. 256; Rivet 1996, p. 343; Rivet 2004a, p. 181; Bérato 1993a, F162, p. 325; Bérato 20 (...)
  • 13 Bérato 2003b segnala nella fornace di Le Muy una partita di vasellame di colore grigio (forse scar (...)

19Il dato si inserisce nella direzione aperta da recenti studi che tendono a protrarre la produzione di questa classe dal I-II secolo sino all’epoca tardoantica, piuttosto che ritenerla residuale12. Le ceramiche micacee rinvenute a Vado non presentano differenze di forma e corpo ceramico nell’arco cronologico di attestazione, confermando ulteriormente la tesi di una lunga produzione apparentemente uniforme proposta, come detto, per la diffusione in area provenzale. Alcune differenze qualitative, invece, sembrano notarsi all’analisi macroscopica per quanto riguarda gli esemplari attestati nell’estremo ponente, in particolare nei siti dell’imperiese e nella stipe di Caprauna (Gandolfi, Gervasini, Capelli 2004, p. 42 e 46-47), ma i dati archeometrici confermano la sostanziale uniformità tecnico-composizionale dei pochi campioni liguri analizzati (Capelli, Cabella parte II, gruppo 5). Benché sia ancora relativamente iniziale lo stadio delle analisi archeometriche condotte su questa tipologia ceramica, pur con cautela sembra possibile proporre una distribuzione contemporanea per lotti dei prodotti forse di un unico atelier o di diverse officine prossime tra loro, come dimostrano specificità di impasto e di colore negli esemplari di Fréjus (osservate da Bérato). La differenza cromatica, riscontrata anche tra gli esemplari di Vado, potrebbe essere imputabile a modalità di cottura diverse o all’utilizzo di forni che realizzavano cotture non uniformi13.

Fig. 3 – Olle a bordo sagomato da Genova (n. 1 e 2); olle a bordo sagomato da Quiliano (n. 3-10) e da S. Ermete di Vado (n. 5)

3. Le olle a bordo sagomato

  • 14 Massari, Ratti 1977, p. 622.
  • 15 E’ormai ben noto e acquisito il concetto di «resistenza dell’olla», forma che perdura dall’età pro (...)

20Le olle in impasto a bordo sagomato sono ampiamente documentate nell’arco occidentale ligure sia come vasellame da cucina, per la cottura in acqua del cibo, e come contenitori da dispensa e da trasporto, sia come cinerari, in un arco cronologico compreso tra l’inizio del I secolo e il II-III secolo, e forse oltre-a Luni, ad esempio, sembrano associate con materiale del III-IV secolo14 – quando cedono il passo alle importazioni dell’Africa settentrionale. Ad una morfologia ovoidale con spalla accentuata quando non carenata, e fondo piano, di età augustea si unisce la particolarità dell’orlo verticale arrotondato all’esterno sottolineato da una doppia gola e, in molti esemplari, una decorazione incisa o impressa a crudo sulla spalla e sul corpo, di tradizione protostorica15. (fig. 3; fig. 4, n. 1)

Fig. 4, n. 1 – Olla da Vado Ligure

21La lavorazione è al tornio con lisciature esterne e interne, in prossimità dell’orlo. La morfologia è apparentemente comune ma variano sia la foggia in cui si distingue una forma più larga e bassa con fondo concavo e una più contenuta e sviluppata in altezza, con diametro dell’imboccatura inferiore all’altezza, sia l’impasto, grossolano con numerosi inclusi anche di grosso calibro, o relativamente più depurato e compatto.

22Il diametro dell’orlo varia tra gli 11 e i 20 cm per gli esemplari di piccole dimensioni, quasi delle urnette, e dai 23 ai 34–35 cm per gli esemplari di maggiori dimensioni. Rari sono i coperchi associati a queste olle.

  • 16 Riferimenti bibliografici in: Bulgarelli, Torre 2004 e Gandolfi 2004.
  • 17 Grandieux 2004b, fig. 2, 15. Ampia invece la diffusione di olle a orlo espanso di produzione ligur (...)

23Si riscontra una larghissima distribuzione delle varianti in tutta l’Italia padana, con particolare concentrazione nell’areale costituito da Piemonte, dove sono diffuse in maniera massiccia, Liguria occidentale, e Lombardia; sono presenti nel Veneto, in Emilia sino all’area friulana e slava, con attestazioni anche nelle regioni centrali (Toscana e Marche)16. Nella Liguria di Ponente sono note sia in ambito urbano sia in ambito rurale e funerario, e in numero cospicuo nella stipe di Caprauna (Bulgarelli, Torre 2004; Gandolfi2004; Gandolfi, Gervasini, Capelli 2004); l’attestazione più occidentale sembra essere Nizza-Cimiez17.

  • 18 Bulgarelli, Torre 2004, p. 75. I frammenti da Genova provengono da scavi in corso. Si ringrazia Pi (...)

24Rispetto alla distribuzione compatta e capillare tra Albenga e Vado-Quiliano, con presenze nel Finalese e a Noli, oltre Albisola si diradano verso levante, in direzione di Genova, dove sono stati recentemente riconosciuti alcuni frammenti, e del Genovesato; si ritrovano sino ai margini del territorio ligure, a Luni e a Filattiera, in Toscana18 (fig. 5).

4. Le aree di produzione ceramica nel territorio di Vada Sabatia

25La fitta distribuzione delle olle a bordo sagomato induce a ipotizzare una molteplicità di officine che propongono prodotti con forme e decorazioni talvolta standardizzate. Sulla base di dati archeometrici e tipologici ci è parso possibile individuare alcune produzioni locali nell’area di Vada Sabatia.

26I risultati ottenuti, seppur parziali, dimostrano l’interesse del comprensorio vadese non solo come area di convergenza e smistamento di prodotti ceramici di importazione - dal bacino mediterraneo e in particolare dalle regioni tirreniche e centro italiche e, soprattutto, dalla Provenza orientale-ma anche come area di produzione.

  • 19 Mannoni 1970, p. 301, nota 8.

27Già nel 1970 Tiziano Mannoni-sulla base delle analisi mineralogiche nell’ambito delle due grandi aree di produzione della ceramica cosiddetta grezza sul territorio ligure, contraddistinte dalla ceramica vacuolare per il Levante e micacea per il Ponente - individuava le zone montane dell’Albenganese e del Savonese come aree di possibile produzione delle ceramiche comuni grezze, tra cui le olle a bordo sagomato, presenti nella stipe di Caprauna19.

Fig. 5 – Carta di diffusione delle olle a bordo sagomato in Liguria

  • 20 Gandolfi, Gervasini 1985 identificano come area di produzione della ceramica tornita di Caprauna l (...)

28Dopo un primo studio elaborato nel 1985, in cui veniva fornita una classificazione delle olle in base alla varietà dei motivi decorativi, D. Gandolfi, L. Gervasini e C. Capelli nel più recente contributo sulla stipe stessa hanno enucleato un’area produttiva più ampia localizzata nel Savonese e in essa definito due gruppi distinti: l’area costiera tra Vado e Loano, e un’area genericamente savonese a cui sono riferite proprio le numerose olle con bordo sagomato e spalla decorata ad incisioni con impasti di colore rosso-arancio e bruno (Gandolfi, Gervasini, Capelli, 2004, gruppo III).20

29Inoltre, gli studi condotti da G. Olcese sulle ceramiche comuni di Ventimiglia in età romana, prendevano in esame anche alcuni frammenti di queste olle, individuandone la produzione tra Savona e Ventimiglia (Olcese 1993, p. 196-198, I. 1e).

  • 21 Martino 1984; Medri 2006, p. 25-28.

30Allo stato attuale della ricerca, i dati sulla produzione fittile nella Liguria di Ponente in età romana sono limitati: fornaci per anfore e laterizi sono state rinvenute nell’Imperiese a S. Stefano al Mare, e presso la villa romana di Bussana a Sanremo21; a Ventimiglia, il ritrovamento di scarti di cottura, e l’integrazione con analisi chimiche e mineralogiche, prova la presenza di una fornace che produceva vasellame a vernice nera e forse lucerne, e di una produzione di ceramica comune intorno alla metà del IV sec. d.C. (Olcese 1989; Pallarès 1999; Gandolfi2004, p. 496) (fig. 6).

  • 22 Sulla base di indicatori ceramici sono state individuate produzioni a Genova e nel territorio geno (...)

31Nel resto della Liguria, se riscontri toponomastici sono presenti nel Genovesato (Fegino, identificata con l’ad Figlinas della Tabula Peutingeriana, e un idronimo «rio Figina») e nel Finalese (Feglino), mancano invece gli indicatori archeologici.22

  • 23 Utili riferimenti negli Atti dei Convegni Internazionali della Ceramica di Albisola. Per l’inizio (...)

32Va ricordato a tale proposito che, in epoca successiva, proprio nel settore compreso tra Albisola e Vado Ligure si concentrano i siti a grande vocazione ceramica della Liguria; a partire dalla fine del XII secolo sino al XX, e ancora ai nostri giorni, infatti, sono attestate da documenti d’archivio e da emergenze archeologiche, produzioni di laterizi, laggioni e piastrelle da pavimentazione e da parete e ceramica di pregio, da mensa e da parata, ceramica da cucina, presentate in batterie complete, di cui ci sono pervenuti repertori e cataloghi di vendita risalenti ai secoli XIX e XX.23

Fig. 6 – Carta di distribuzione delle fornaci romane in Liguria

Fig. 7–Savona, loc. Fornaci (Quaini 1983)

  • 24 Si vedano ad esempio le dettagliatissime cartografie di Matteo Vinzoni, nella Pianta delle due Riv (...)
  • 25 Cameirana 1989; Lunardon 2004. La fabbrica si serviva di terra direttamente importata, via ferrovi (...)

33Le manifatture savonesi e albisolesi di maioliche postmedievali sfruttavano giacimenti di argille e di marne facilmente reperibili anche nel sottosuolo urbano, e utilizzavano fornaci situate nell’immediato spazio extramurario ma anche all’interno della città, come nel caso delle Albisole. Tra Savona e Vado restano numerosi toponimi a testimonianza della diffusione di fornaci, soprattutto per laterizi, di frequente raffigurate dalla cartografia in prossimità del litorale, talvolta direttamente sulla spiaggia.24 (fig. 7) Oltre ai laterizi, è documentata anche la produzione di ceramiche fini; a cavallo degli ultimi due secoli proprio a Vado si trasferì una particolare produzione di ceramica senza piombo, definita «terre d’acier», della fabbrica francese Révol.25

  • 26 Ancora oggi la provincia di Savona mantiene il primato della provincia più verde d’Italia, con la (...)
  • 27 Bulgarelli, Torre 2004, p. 75.
  • 28 Varaldo, Lavagna 1992; Bulgarelli 2003, p. 26; Gandolfi 2004, p. 496-497.

34Nonostante la forte vocazione ceramica del territorio, radicata in un settore geografico favorito dalle formazioni geologiche, dalla situazione idrografica e dalla copertura boschiva26, nonché dalla immediata prossimità con un centro di grande rilevanza per i commerci e le comunicazioni marittime e terrestri come Vada Sabatia, scarse sono le attestazioni dirette di fornaci per l’epoca romana nell’area in esame. Il dato negativo è da ricondursi allo stato della ricerca, talvolta casuale, e alla continuità di insediamento in centri che hanno trasformato il litorale in un’unica conurbazione; per Vado, una citazione risalente ai primi decenni del secolo scorso, non più verificabile, localizza una possibile fornace, forse da anfore e da laterizi, presso il vecchio cimitero27, mentre la produzione di ceramica tardoantica, in particolare invetriata, attribuita al territorio vadese non è stata ancora meglio precisata28.

  • 29 Per le analisi sui tegoloni della necropoli del Priamar a Savona: Capelli, Botto 2001. Le analisi (...)

35Una molteplicità di siti produttivi nell’area savonese, compresa tra Albisola e il Finalese, è inoltre emersa dalle analisi petrografiche su tegole a bordi rialzati impiegate nelle sepolture della necropoli tardoantica e altomedievale del Priamar a Savona; oltre a laterizi di importazione dall’ambito mediterraneo si sono evidenziati altri di produzione savonese, albisolese e vadese-finalese. Questa pluralità di componenti potrà forse trovare conferma nell’esito delle analisi in corso sui numerosi laterizi rinvenuti nel sito di S. Pietro in Carpignano, tra Vado e Quiliano, molti dei quali, apparentemente dissimili come composizione e tecnica, presentano uno stesso bollo.29

  • 30 Bulgarelli 2008.

36Nell’ambito di questo quadro lacunoso, possono essere inseriti, pur con cautela, due dati che si ricavano dalla ricerca archeologica: uno scavo di emergenza condotto nel 2005 in località S. Ermete nella Valle di Vado, dove ancora si conservano fornaci da calce risalenti ai secoli XV-XVI, ha messo in luce alcuni settori di un più vasto insediamento rustico-produttivo in cui sono state identificate fosse di forma subcircolare e rettangolare, contenenti laterizi, associate a grandi quantità di ceneri, probabilmente da interpretare come strutture relative a fornaci completamente spoliate. Non sono tuttavia documentati scarti di produzione o concentrazioni particolari di ceramiche, se non un banco di frammenti di anfore, in corso di studio.30

37Inoltre, nel corso di indagini recentemente eseguite nella già citata area archeologica di S. Pietro in Carpignano (Bulgarelli, Frondoni, Murialdo 2005), è stata rinvenuta una porzione di corridoio seminterrato con pareti arrossate da esposizione al calore; questo particolare, insieme con gli abbondanti residui carboniosi rinvenuti al suo interno, e con la presenza di una vasca con sistema di condutture per la raccolta e la distribuzione dell’acqua, per la quale non si può escludere un collegamento con un’attività produttiva e artigianale, suggerisce l’ipotesi che si tratti di parte di una fornace. Anche in questo caso mancano scarti di fornace.

38Un contributo determinante per la definizione dei fenomeni produttivi è fornito dalle analisi archeometriche (cf Parte II).

  • 31 Capelli 2001a; Capelli 2001b; Capelli et al. 2004.

39I primi dati, esito di un programma di campionamento e di analisi in laboratorio, mediante microscopia ottica su sezione sottile-su un totale di 28 frammenti di olle a bordo sagomato da Genova, Albisola, Quiliano, Vado, Cairo Montenotte, Finale Ligure - indicano insiemi ben caratterizzati e piuttosto omogenei negli impasti, e rendono possibili distinzioni tra territori contigui. Nell’ambito di macro regioni, come l’ampia area savonese già nota dalla letteratura scientifica, sono stati evidenziati alcuni elementi che permettono di individuare aree di produzione più ristrette, in parallelo con i risultati di analisi sulle ceramiche liguri in età preistorica e protostorica e nell’altomedioevo.31

  • 32 Si ringraziano Luisa Brecciaroli e Ada Gabucci per la collaborazione e le informazioni sulla situa (...)

40Sono emersi quattro raggruppamenti distinti con caratteristiche petrografiche discriminanti, localizzabili nell’arco ligure occidentale (Capelli, Cabella Parte II) Tra gli insieme, solo il gruppo 4 che presenta inclusioni serpentinitiche potrebbe ampliare l’area di ricerca della produzione nei settori delle Alpi occidentali, quindi anche nella regione piemontese, dove, ad oggi, non risulta siano state avviate analoghe indagini archeometriche.32

5. Conclusioni

41Se consideriamo nel suo insieme il comprensorio di Savona-Vado-Quiliano, i dati petrografici ed archeometrici desunti dai campioni ceramici consentono di identificare varianti soprattutto tecnologiche che fanno pensare ragionevolmente ad artefici e fabbriche diverse che trattavano forme e decorazioni sostanzialmente simili.

Fig. 8 – Quiliano - San Pietro in Carpignano. Area archeologica

  • 33 In particolare ci si riferisce al gruppo di urnette – pocula in Quercia 1997-in impasto scuro, par (...)

42Benché si avverta sempre più vivamente la necessità di ampliare la campionatura, da estendersi anche ad altre produzioni di ceramica comune33, anche oltre il territorio savonese, una certa omogeneità geologica e tecnologica in alcuni esemplari del gruppo ormai abbastanza consistente di campioni di olle a bordo sagomato, consente di sostenere, visti anche gli indicatori ambientali favorevoli pur in assenza di riscontri certi, la probabile ubicazione di fabbriche locali nella valle tra Vado e Quiliano.

43Possiamo cosi individuare con un certo grado di attendibilità distinte realtà coesistenti nella piana di Vado, delimitata tra il torrente Quiliano a Est e il Segno a Ovest, e riferire le varie produzioni anche a siti dove sono stati localizzati insediamenti rurali e produttivi, afferenti al suburbio di Vada Sabatia.

44Ad esempio le analisi in sezione sottile su numerosi esemplari di olle a bordo sagomato provenienti dal sito di S. Pietro in Carpignano evidenzia la sostanziale somiglianza degli impasti realizzati con materie prime compatibili con la geologia locale (gruppo 1, Capelli, Cabella Parte II) (fig. 8).

45Alla medesima area geologica riconduce un frammento della stessa classe rinvenuto nell’insediamento rustico di S. Ermete nella Valle di Vado, ma i dati tecnico-compositivi differenti indirizzano in questo caso ad una fornace diversa (Gruppo 2, Capelli, Cabella Parte II).

46A livello microregionale, risulta che ceramiche d’uso comune, in particolare olle a bordo sagomato, sono state prodotte in più officine, delle quali una sembra comunque prevalente. Come già detto la regione è favorita da affioramenti di argille, da presenza di corsi d’acqua e di copertura boschiva, da ottimi collegamenti stradali e dalla prossimità con un grande sistema portuale.

47A Vado Ligure, capoluogo del comprensorio a terminale a carattere commerciale, invece, risultano presenti contemporaneamente diverse produzioni locali, subregionali e più ampiamente regionali; il significato di questa convergenza di differenti produzioni può essere letto come indice di un consumo maggiore in ambito urbano o come richiesta di un mercato con finalità commerciali a circolazione a raggio più ampio di quello regionale.

48Di grande interesse il riscontro dall’area finalese, dove si delinea anche per l’età romana un’attività ceramica, attestata per il momento da due campioni di olle a bordo sagomato provenienti dalla località Perti-Dote (Bulgarelli, Frondoni, Murialdo 2005), caratterizzati da elementi riferibili alla geologia del Finale; i campioni (Gruppo 3, Capelli, Cabella infra) presentano sostanziale identità con alcuni materiali della stipe di Caprauna (Gandolfi, Gervasini, Capelli gruppo I) suggerendo quindi la circolazione di specifiche produzioni locali nelle vicine aree occidentali.

49Ad una produzione di area savonese savonese rimanda l’esito dell’analisi di un pezzo di Genova, mentre presenze di serpentini negli impasti, tipiche della geologia tra Genova e Celle, sono state rivelate nei materiali di Vado e Cairo Montenotte (Gruppo 4, Capelli, Cabella Parte II).

  • 34 Mancano riferimenti archeometrici, al momento, anche per i frammenti di olle a bordo sagomato pres (...)

50I risultati ottenuti grazie all’esame congiunto dei dati archeologici ed archeometrici iniziano a delineare un primo quadro informativo, nel quale emerge la valenza dell’area vadese-quilianese per lo studio della produzione ceramica in epoca romana, e insieme l’intensità della circolazione, a livello microregionale ma anche oltre i confini del municipium di Vada Sabatia, dei prodotti di una pluralità di officine che operavano in un area di forte vocazione ceramica34.

51* Tra gli studi inerenti il tema in questa sede trattato, comparsi successivamente al convegno di Napoli, riteniamo essenziale citare a completamento di questo lavoro il contributo, in corso di stampa, di F. Bulgarelli, L. Gervasini, D. Gandolfi, R. Cabella, C. Capelli, Il contributo delle analisi archeometriche nello studio della produzione e circolazione della ceramica comune in Liguria, Atti XII giornata di archeometria della ceramica. Genova, 2008.

Notes

1 Action Collective de Recherche sur les céramiques communes de Marseille à Genes tra II sec. a.C. e III sec. d.C., confluita nel Congrès de Vallauris, 20-23 mai 2004 e nei relativi Actes du Congrès de Vallauris, SFECAG 2004.
Disegni di L. Tomasi, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria (fig. 1, 3, 3bis (1,2), 3 tris, 4, 5, 6), E. Annetta (fig. 3bis (3)), E. Torre (fig. 2, 2bis).
Foto F. Bulgarelli (fig. 8; si ringrazia il Nucleo Tutela Comando Carabinieri di Genova), C. Capelli (fig. 9).
Restituzione di C. Contaldo, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria.

2 Sugli scavi di Nino Lamboglia a Vado Ligure, Lamboglia 1955 e Bulgarelli 2004.

3 Per le olle con orlo a mandorla: Olcese 1996, p. 424-426 e Olcese 2003, p. 80-82. Per le urne carenate: Rivet 1996, p. 339-342. Queste urne, già identificate in Lamboglia 1950, p. 49 e 114, e in Olcese 1993, p. 169-171 e p. 188-190, sono attestate nelle regioni della valle del Rodano e in un’area molto ampia tra Ampurias e la Liguria di Ponente sino a Genova – se ne segnala la presenza, in particolare del tipo «nero lucido», in diversi contesti del territorio di Vada, urbani e rurali – si veda, per la problematica definizione di queste urne: Gandolfi, Gervasini, Capelli 2004, p. 40; Chausserie-Laprée, Nin 2004 e Moliner, Pellegrino 2004.

4 I due relitti di Saint-Raphaël, Roches d’Aurelle e Dramont G, contenevano, oltre a recipienti di questa categoria, un carico di ceramiche di natura diversa prodotte nella regione di Fréjus (osservazione tratta da Bérato).

5 Alla fittissima diffusione di questi prodotti ceramici nei siti urbani romanizzati e negli insediamenti rurali in tutta la regione del Var, fa riscontro l’individuazione di una fornace, a Le Muy-ferme de Barresse: Bérato 2003b, p. 51 mentre numerosi sono i centri di identificati per la produzione di altre ceramiche d’uso comune, come les pâtes claires (ora definite «productions des Bassins de l’Argens, de l’Arc, de l’Huveaune, d’Arles et du Rhône»): Rivet 2002, p. 251 (ipotizza un polo produttivo a Ventimiglia); Pasqualini 2003; Pasqualini 2004; Excoffon 2004.

6 Sulla distribuzione in area imperiese, cfr. Gandolfi, Gervasini 2004; Bulgarelli, Torre 2004; in particolare per i siti dell’area sanremese, Gambaro, Del Lucchese 2007.

7 Per la diffusione nell’area di Albenga: Bulgarelli, Torre 2004; per Corti: Chiocci 1999, p. 136. Sugli insediamenti rusticoproduttivi nella piana di Albenga: Massabò 2004. Per la stipe di Caprauna oltre a Gandolfi, Gervasini 1983 e Gandolfi, Gervasini, Capelli 2004, da ultimo Gandolfi, Gervasini 2007.

8 Capelli, Melli, Menchelli 2004, p. 134.

9 Bulgarelli, Frondoni, Murialdo 2005. Si segnala il recente rinvenimento nell’insediamento rustico-produttivo s. Pietro in Carpignano a Quiliano, di un frammento ad impasto micaceo, recante un beccuccio versatoio, presente anche nelle forme Berato 1993a genere 480, ma con orlo incavato, e carena, non ancora sottoposto alle analisi archeometriche.

10 Scavi Lamboglia 1953, «Casa 1», strato IV.

11 Lo scavo del pozzo romano, sotto la direzione di F. Bulgarelli, ha restituito materiali ceramici, metallici e reperti organici, in corso di studio.

12 Rivet 1982, p. 256; Rivet 1996, p. 343; Rivet 2004a, p. 181; Bérato 1993a, F162, p. 325; Bérato 2003b, p. 52; Bérato et al. 2004; Marty 2004, p. 99.

13 Bérato 2003b segnala nella fornace di Le Muy una partita di vasellame di colore grigio (forse scarti di fornace?)

14 Massari, Ratti 1977, p. 622.

15 E’ormai ben noto e acquisito il concetto di «resistenza dell’olla», forma che perdura dall’età protostorica al tardoantico e oltre, connessa ad una tradizione alimentare indigena che sopravvive all’acculturazione romana: Cfr. Bats 1988, passim; Bats 1996b, p. 484; Brecciaroli Taborelli 1998, p. 71-72; Menchelli 2007 e Pasqualini 1996.

16 Riferimenti bibliografici in: Bulgarelli, Torre 2004 e Gandolfi 2004.

17 Grandieux 2004b, fig. 2, 15. Ampia invece la diffusione di olle a orlo espanso di produzione ligure: Pellegrino 2000a, p. 22-23; Pellegrino 2004c.

18 Bulgarelli, Torre 2004, p. 75. I frammenti da Genova provengono da scavi in corso. Si ringrazia Piera Melli per la comunicazione. Per Mezzanego, nell’entroterra del Golfo del Tigullio, Melli et al. 2006, per Filattiera, Giannichedda 1998. E in corso di stampa il volume sul complesso di S. Calocero ad Albenga dove veranno presentate numerose olle a bordo sagomato alcune delle quali dotate di anse, variante non nota a Vado.

19 Mannoni 1970, p. 301, nota 8.

20 Gandolfi, Gervasini 1985 identificano come area di produzione della ceramica tornita di Caprauna la valle di Vado Ligure-Quiliano; Gandolfi, Gervasini, Capelli 2004 p. 44-47.

21 Martino 1984; Medri 2006, p. 25-28.

22 Sulla base di indicatori ceramici sono state individuate produzioni a Genova e nel territorio genovese, e a Luni: Gandolfi 2004, p. 496.

23 Utili riferimenti negli Atti dei Convegni Internazionali della Ceramica di Albisola. Per l’inizio della produzione ceramica savonese, attestata da migliaia di scarti di fornace e di frammenti di graffita arcaica tirrenica, si veda Lavagna, Varaldo 1986. Preziosa è la testimonianza diretta di G. Chabrol De Volvic, prefetto napoleonico del dipartimento di Montenotte, sulle produzioni fittili nel territorio savonese tra Albisola e Vado Ligure.

24 Si vedano ad esempio le dettagliatissime cartografie di Matteo Vinzoni, nella Pianta delle due Riviere della Serenissima Repubblica di Genova divise ne’Commissariati di Sanità, manoscritto realizzato negli anni venti del XVIII secolo, per l’istituzione di posti di guardia in ogni approdo ligure in seguito alla diffusione della peste a Marsiglia.

25 Cameirana 1989; Lunardon 2004. La fabbrica si serviva di terra direttamente importata, via ferrovia, da Saint-Uze, dove la famiglia Révol nel 1789 aveva avviato la produzione. Sempre a Vado, nel 1871 i fratelli Daumas originari del Var, impiantano una fabbrica di laterizi che sfrutta le argille locali.

26 Ancora oggi la provincia di Savona mantiene il primato della provincia più verde d’Italia, con la più alta percentuale di copertura boscata.

27 Bulgarelli, Torre 2004, p. 75.

28 Varaldo, Lavagna 1992; Bulgarelli 2003, p. 26; Gandolfi 2004, p. 496-497.

29 Per le analisi sui tegoloni della necropoli del Priamar a Savona: Capelli, Botto 2001. Le analisi sui laterizi di San Pietro in Carpignano a Quiliano, Vado e Savona-Legino, siti nei quali è attestato lo stesso bollo P.M.SCRIBON non altrimenti noto, sono attualmente in corso da parte di C. Capelli.

30 Bulgarelli 2008.

31 Capelli 2001a; Capelli 2001b; Capelli et al. 2004.

32 Si ringraziano Luisa Brecciaroli e Ada Gabucci per la collaborazione e le informazioni sulla situazione piemontese. Per quanto riguarda le olle a bordo sagomato, sono state ipotizzate fornaci alla villa di Caselette e ad Alba, in Piazza del Teatro (riferimenti bibliografici in Bulgarelli, Torre 2004).

33 In particolare ci si riferisce al gruppo di urnette – pocula in Quercia 1997-in impasto scuro, pareti sottili decorate con fasci di linee sul corpo, di cui già Nino Lamboglia aveva sottolineato la somiglianza con le urne a bordo sagomato, accomunate dallo stesso areale di diffusione nord-occidentale: Bulgarelli, Torre 2004, p. 77. In questo primo programma di indagini archeometriche impostate dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria e l’Università degli Studi di Genova-DI.PTE.RIS, sono state inserite ceramiche comuni di età imperiale dalle necropoli di Noli e di Finale-Isasco, e alcuni esemplari di vasellame da fuoco di II sec.a.C. da Vado di produzione locale e di riconosciuta importazione dall’area di Marsiglia (Chiocci in questo volume).

34 Mancano riferimenti archeometrici, al momento, anche per i frammenti di olle a bordo sagomato presenti a Filattiera (MS) e Luni (SP).

Table des illustrations

Légende Fig. 1–Carta di diffusione della «modelée varoise» in Liguria
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 99k
Légende Fig. 2-Tipologia delle «modelées varoises» da Vado Ligure; n. 1-4 forme Bérato F. 1610 e 1620; n. 5 forma Bérato F. 6510; n. 6 e 7 forma Bérato F. 4210
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 160k
Légende Fig. 3 – Olle a bordo sagomato da Genova (n. 1 e 2); olle a bordo sagomato da Quiliano (n. 3-10) e da S. Ermete di Vado (n. 5)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 149k
Légende Fig. 4, n. 1 – Olla da Vado Ligure
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 46k
Légende Fig. 5 – Carta di diffusione delle olle a bordo sagomato in Liguria
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 109k
Légende Fig. 6 – Carta di distribuzione delle fornaci romane in Liguria
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 120k
Légende Fig. 7–Savona, loc. Fornaci (Quaini 1983)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 154k
Légende Fig. 8 – Quiliano - San Pietro in Carpignano. Area archeologica
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4812/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 345k

Auteurs

Direttore Archeologo, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria, Genova.

Collaboratrice, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria, Aran Progetti s.r.l., Genova.

© Publications du Centre Jean Bérard, 2009

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540