Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les céramiques communes antiques d’Italie et de Narbonnaise

 | 
Michel Pasqualini

Rinvenimento di una fornace d’età bizantina a Cuma

P. Caputo et C. Regis

Texte intégral

1. L’area della «Cava Greca» a Cuma

Inquadramento storico-topografico

  • 1 Maiuri 1926, p. 85-93; Maiuri 1958, p. 137 (5a ed. 1970); Caputo 1993, p. 121-124; Caputo et al. 1 (...)
  • 2 La denominazione è stata attribuita alla cavità artificiale dall’autore sin dall’inizio dell’anali (...)

1Nell’ambito del Progetto «Kyme III» e delle opere finalizzate al ripristino della «Crypta Romana»1, monumento ubicato nella «città bassa», nel Parco Archeologico di Cuma, sono stati recentemente realizzati interventi di restauro, finalizzati alla riapertura della galleria per la fruizione turistico-culturale, all’interno della cavità denominata «Cava Greca»2, un’apertura posta sulla parete est della galleria, della quale costituiva certamente un occhio di luce laterale (ma la cava svolgeva forse, all’epoca dell’apertura della Crypta, anche altre funzioni non ancora individuabili).

  • 3 Senza il cui accurato lavoro il progetto esecutivo non sarebbe stato possibile e che, perciò, in q (...)
  • 4 Preceduti da altri di scavo, consolidamento e restauro nel 1992-93 nell’ambito del Progetto Itiner (...)
  • 5 Si confronti P. Caputo, op. cit. a nota 1.
  • 6 Idem, ibidem.
  • 7 Allo stato attuale delle ricerche e nell’impossibilità di effettuarne, per carenze di fondi, uno s (...)
  • 8 Gasparri, et al. 1996.
  • 9 Caputo 2004, p. 317-319, 327; Caputo 2005, p. 46.
  • 10 Albore Livadie 1990, p. 307-308; Caputo, De Rossi c. s.

2I lavori, programmati per mettere in sicurezza l’area superiore esterna della «Crypta Romana» e contemporaneamente il percorso interno, consolidando i pozzi di luce e tutti i tagli in relazione e non con la struttura, sono stati l’occasione per un’ispezione delle aperture soprastanti e laterali alla galleria, già oggetto di un rilievo preliminare di tutte le cavità insistenti in corrispondenza della «Cava Greca», effettuato nel corso del 2003 dallo speleologo Giovanni D’Andrea3, e hanno consentito il rinvenimento di nuove interessanti evidenze assegnabili a età imperiale, tardoantica e bizantina, tra cui una piccola fornace4. Alloscopo di meglio contestualizzare tale rinvenimento, anche in riferimento alle ipotesi che saranno di seguito formulate, vale la pena inquadrare brevemente la «Crypta Romana» e la funzione da questa svolta in età antica. Il sito del nuovo rinvenimento è ubicato lungo il costone orientale dell’acropoli della città, alla base del Monte di Cuma, divenuta castrum già in età tardo antica-altomedievale; tale area è stata interessata, fin dall’età greca, dalla presenza di numerose cave per il prelievo del tufo, utilizzato per le costruzioni; i lavori-effettuati in età augustea per la realizzazione della «Crypta Romana», galleria stradale aperta nel 38-36 a.C. alla base del monte di Cuma, per collegare il Foro e il centro della città bassa con l’area litoranea a sud dell’acropoli, e utilizzata soprattutto per il rapido spostamento delle truppe e degli operai dei cantieri navali, dagli acquartieramenti sulla stessa area litorale citata a quella portuale, ubicata sul Lago di Licola, uscendo dalla porta nord della città-dovettero necessariamente tenere conto di questa come di altre preesistenze poste lungo il percorso, non rettilineo: la galleria militare, infatti, fu l’unica mistilinea, in area flegrea, perché realizzata in area urbana; i quattro tratti, raccordati ad angoli di 10°, furono tagliati nel tufo avvalendosi proprio delle preesistenze, sfruttate per traguardarli, evitando, a ogni modo, di interferire con importanti settori dell’acropoli e dell’abitato; le preesistenze, quando non di altro tipo, divennero occhi di luce laterali per illuminare il percorso5. Le estese attività di cava susseguitesi per secoli e di cui ancora si leggono chiaramente le tracce, arrivarono, tuttavia, a danneggiare il costone tufaceo in più punti fino a comprometterne la tenuta, tanto che in età imperiale romana questo lato della collina dovette essere oggetto di interventi di consolidamento per prevenire il crollo della parete tufacea. In tal senso vanno verosimilmente interpretate le strutture in muratura d’età romana (in reticolato e vittato) emerse dopo opere di pulitura e scotico superficiale, effettuate nell’area superiore e immediatamente circostante la cava in questione. Nel corso dei lavori sono, inoltre, tornati in luce: un poderoso arco con volta cementizia, profonda 7 m circa, appoggiata al fronte di cava e realizzata in sostituzione dell’originaria copertura di tufo della cavità (che aveva, forse, ingresso originario dal lato sud), evidentemente già crollata in antico (fig. 1); un muro di contenimento, realizzato sull’estradosso dell’arco, al fondo, che servì a consolidare la parete di tufo dell’acropoli e a regolarizzarne il profilo, chiudendo aperture e cavità preesistenti (fig. 2). Questi interventi, finalizzati a garantire stabilità e tenuta delle importanti strutture soprastanti l’area della «Cava Greca» (mura orientali dell’acropoli, terrazza del Tempio di Apollo, strada basolata esterna alle mura, oggi crollata), sembrano databili a età domizianea, e rientrano, probabilmente, fra le opere di restauro e monumentalizzazione della «Crypta Romana», realizzate allorché la struttura, da percorso militare, fu adibita a via sotterranea civile. Al momento della realizzazione della «Crypta», la «Cava Greca» doveva, dunque, essere già in disuso; già ingombra forse di materiali (detriti, scarichi, crolli, terreno dilavato), si presume che in tale fase ne sia stata liberata e, resa accessibile dalla stessa «Crypta», utilizzata non solo per illuminazione del percorso, ma forse anche per scopi diversi (depositi di materiali, punto di controllo funzionale all’ingresso in città dal litorale? etc.). Il lungo periodo di abbandono, cui fu soggetto il monumento in età imperiale romana, causato da crolli di alcune parti di esso6, favorì nuovamente il riempimento parziale della cavità7, fino al momento del suo ripristino in età bizantina, allorché si rese necessario, a tale scopo, obliterare l’accesso dalla galleria mediante l’attuale tompagno in vittato, realizzato, evidentemente, da maestranze locali secondo la tecnica edilizia in uso a Cuma. Lo scopo era di evitare l’invasione del percorso da eventuali detriti, lasciando, a ogni modo, aperta la bocca di luce nelle condizioni precedenti a quella dell’attuale intervento di consolidamento, finalizzato anch’esso al ripristino del percorso, che ha previsto, per lo stesso scopo, l’inserimento, a quota più alta del muro bizantino, di un altro muro di tompagno. In età bizantina, per il contrarsi dell’abitato già in parte verificatosi in età tardo antica, la città era arroccata sull’acropoli, in concomitanza con gli eventi militari, che la videro più volte assediata nel corso della guerra greco-gotica. Da questo settore, posto alle pendici orientali dell’acropoli, si poteva avere, come oggi, una visuale completa della «città bassa», già da tempo ruralizzata, e dello stesso «Arco Felice» all’estremità orientale. Perciò esso dovette diventare un punto strategico nodale per le operazioni militari: lo prova il fatto che, a monte delle strutture in questione, presumibilmente nel corso di uno degli assedi, fu scavata una galleria di mina (che intercetta alla base i blocchi di fondazione delle mura dell’acropoli), oggi tagliata dalle successive opere di cava, ma originariamente collegata alle strutture soprastanti la copertura voltata della cava. Ciò lascia anche ipotizzare che il luogo, posto immediatamente in area extraurbana, avesse forse anche funzione di tutela e controllo delle attività artigianali, svolte qui, e non limitate a questa sola fornace (accanto alla quale sono indiziate altre, come si dirà meglio nel successivo contributo), e nella «città bassa», ivi comprese, probabilmente, quelle che si effettuavano nell’antica area del Foro per la produzione di calce8, e che fosse, a scopo difensivo, collegata visivamente con la struttura realizzata in corrispondenza della masseria Turrà, a controllo della via sotterranea rappresentata dalla «Grotta di Cocceio9 “e con lo stesso” Arco Felice», sotto cui passava la Via Domitiana, ancora percorsa da e per Puteoli. Contestualmente, proprio alla base del costone roccioso e sul deposito di discarica, che riempì l’antica cava, si impostò, dunque, un’area produttiva, di cui la fornace per ceramica individuata costituisce evidentemente solo uno degli elementi: l’esigenza era forse di localizzare immediatamente a ridosso della città, praticamente quasi al suo interno, attività artigianali, probabilmente in precedenza distribuite sul territorio. A tale proposito va ricordato, infine, che, sulla produzione della ceramica altomedievale a Cuma, ipotesi erano già state avanzate, volendone individuare un sito nell’area dell’anfiteatro, per la presenza di alcuni scarti di produzione di ceramica a bande larghe di due-tre forme diverse10. Gli scavi effettuati nell’area dell’anfiteatro, nell’ambito del Progetto «Kyme III», non hanno purtroppo individuato, finora, resti di fornaci e/o di aree produttive installate nell’antico monumento, che appare essere stato lungamente allo scoperto e poi spoliato dei suoi rivestimenti e decorazioni marmoree. Indizi della presenza, invece, di una calcara riguardano, al momento, l’area esterna della porta meridionale dell’arena, dove si è constatata la presenza di una certa quantità di materiali marmorei, forse pronti per essere trasformati in calce. Tuttavia l’area è ancora da esplorare; è ancora prematuro formulare ipotesi soddisfacenti rispetto ai materiali. L’unico dato finalmente sicuro su un sito di produzione di ceramica altomedievale a Cuma, associato all’ultimo carico di ceramica, resta al momento, fortunatamente per noi moderni, quello della fornace recentemente individuata nella «Cava Greca».

3P. C.

Fig. 1 – Le opere realizzate in età romana per il consolidamento della parete tufacea (foto C. Regis)

Fig. 2 – Altro aspetto delle opere realizzate in età romana per il consolidamento della parete tufacea (foto C. Regis)

2. La fornace della «Cava Greca»

La struttura

  • 11 Si veda sopra il contributo di P. Caputo.
  • 12 I lavori di scavo sono stati eseguiti da una squadra di tre operai specializzati, seguiti da chi s (...)

4Durante le operazioni di scavo lungo i margini esterni della «Cava Greca»11, operazioni che si sono limitate alla regolarizzazione e alla messa in sicurezza degli stessi, intervenendo su fasce di 2/3 m sui tre lati intorno alla cavità, sono emersi, alla quota di 23.82 m, ad 0.80 m ca. dal piano di campagna, i resti di una piccola fornace12. La struttura, affiorata poco all’esterno della Cava, dopo la rimozione dell’humus superficiale (fig. 3), ha pianta rettangolare (2.25 m x 1.80 m) ed è orientata nord-est/sud-ovest; i muri laterali sono realizzati con frammenti di laterizi di reimpiego legati da argilla e sono appoggiati a spallette in blocchi di tufo di forma varia ed irregolare, anch’essi verisimilmente reimpiegati. Le murature e gli elementi che le costituiscono presentano tracce dell’esposizione alle alte temperature del forno, in particolare sui lati rivolti verso l’interno: arrossamenti e segni di ipercottura nei laterizi, arrossamenti e ‘sbriciolamento’ della superficie nei tufi. La fornace è parzialmente interrata su tre lati; di questi il lato nord-ovest è appoggiato al banco di tufo tagliato per piani regolari dall’attività di cava, e puntellato da rozze strutture di sostegno realizzate con materiali di recupero.

Fig. 3 – La fornace nell’area della «Cava Greca» a Cuma (foto C. Regis)

5La parte superiore della struttura è sigillata da uno strato di limo argilloso giallo (US 13), con tracce di cottura sia nella componente argillosa sia negli inclusi (spezzoni di tufo e di laterizi), riferibile al collasso della copertura e al parziale crollo dei muri laterali (fig. 4). Rimosso questo deposito, affiorano i resti della camera superiore, conservata per un alzato massimo di 50 cm ca. sui lati sud-est e nord-ovest, mentre sono quasi completamente rasati i muri nord-est e sud-ovest. Il vano inferiore (camera di combustione) è intatto ed ha un’altezza di 70 cm ca.

Fig. 4 – La fornace in corso di scavo (foto C. Regis)

  • 13 Una fornace per ceramica d’età bizantina, ricavata negli ambienti di una terma d’età romana, è sta (...)
  • 14 Dal riempimento US 15 si recuperano anche numerosi frammenti di mattoni, simili a quelli impiegati (...)

6Non è chiaro se la fornace fosse dotata di una copertura a volta stabile, o se piuttosto ricevesse una copertura provvisoria ad ogni ciclo di cottura13. Erano certamente utilizzati come materiali isolanti a rivestimento della copertura la sabbia marina e le pomici che costituiscono le componenti principali del riempimento della camera di cottura (US 15)14.

  • 15 Questa caratteristica strutturale appare poco frequente: nella rassegna della Cuomo Di Caprio l’un (...)

7La fornace è accostabile al tipo II/b della classificazione della Cuomo di Caprio, a pianta rettangolare con corridoio centrale (Cuomo Di Caprio 1971-72, p. 429, fig. 18-19). Rispetto al tipo di riferimento la fornace cumana doveva presentare un prefurnio molto breve: resti dei muretti laterali del prefurnio, conservati per una lunghezza massima di 50 cm ca., sono riconoscibili nell’area antistante la bocca del forno, che si apre in corrispondenza del lato libero dal terreno a nord-est. L’apertura, sormontata da un archetto in laterizi, è preceduta da una bassa fossa caratterizzata da un riempimento nerastro ricco di carbone (US 9), e delimitata alle due estremità dell’arco da brevi spallette avanzate, quasi interamente rasate alla quota del piano antistante (fig. 4 e 5)15.

Fig. 5 – La struttura dal lato est (foto C. Regis)

8Le pareti interne della fornace erano foderate da uno strato di argilla con funzione isolante: alcuni frammenti sono ancora in posto, mentre numerosi grumi di argilla cotta con impronta dei laterizi delle murature si ritrovano mescolati al riempimento di entrambe le camere.

Fig. 6 – Il piano della camera di cottura (foto C. Regis)

  • 16 Non sono presenti i muretti di sostegno per gli archi appoggiati ai muri laterali come in molti de (...)

9Il piano forato che separava i due vani, su cui venivano appoggiati i pezzi da cuocere, era sostenuto da tre archi in laterizi impostati direttamente sui muri laterali16; in alcuni punti, in particolare nella zona centrale, queste strutture presentano tracce di ipercottura, di vetrificazione e di fusione: gli elementi in laterizio hanno un colore grigio-verdastro e a tratti sono deformati e «colati». Il piano emerso dallo scavo è costituito da elementi mobili: spezzoni di tufo e tegole di forma e dimensioni irregolari, sono appoggiati ad occludere parzialmente le aperture fra i setti murari interni, senza l’impiego di legante (fig. 6). I numerosi frammenti di tegole ipercotte, annerite e deformate dal fuoco, rinvenuti nelle due camere e nell’area del prefurnio (US 15, US 16, US 9) sono probabilmente elementi utilizzati per le strutture provvisorie, continuamente ripristinate nel corso dell’attività della fornace, in particolare, viste le condizioni del materiale, per il piano di appoggio e per la chiusura della bocca del forno.

  • 17 In concomitanza con una fase di abbandono della Crypta Romana durante la tarda età imperiale: si v (...)
  • 18 I contenitori appartengono a produzioni databili al VII-VIII sec. L’anfora da trasporto è assegnab (...)

10La fornace è in relazione con un livello di calpestio assegnabile ad epoca bizantina, ricavato, sulla superficie del deposito (terreno dilavato, materiale in crollo dal costone tufaceo, materiale di discarica), che nel corso della tarda età imperiale è andato a colmare la cava in disuso17. Questo piano di frequentazione è tagliato, sul lato opposto dell’imboccatura della cava, da una sepoltura infantile in anfora. L’inumazione, assegnabile al VII-VIII sec., utilizzava il corpo di un’anfora o brocca a bande rosse, segata in corrispondenza della spalla, mentre i frammenti di un secondo contenitore, un’anfora misenate, completa al restauro, erano stati sparsi sopra la deposizione18.

Fig. 6–Pentole in ceramica comune grezza dalla camera superiore della fornace: tipo 1 e 2 (disegni: C. Regis; rielaborazione grafica in collaborazione con R. Donnarumma)

2.2. La produzione

  • 19 In associazione a questo materiale, in US 15, si sono recuperati una ventina di frammenti di altra (...)
  • 20 L’impasto è poco depurato, con inclusi vulcanici grossolani bianchi ed in misura minore nerastri; (...)

11Dallo scavo del riempimento della camera superiore della fornace (US 15) sono stati recuperati circa 300 frammenti ceramici; di questi circa il 93% (270 fr. ca.) è costituito da ceramica comune grezza da cucina19. Tutti i frammenti recuperati appartenenti a questa classe sono omogenei rispetto alle caratteristiche dell’impasto e al trattamento della superficie20.

  • 21 Il materiale è stato lavato e ricomposto, ed è attualmente in restauro, presso il laboratorio dell (...)

12Il restauro in corso21 del materiale ceramico ha consentito di ricostruire integralmente o parzialmente 12 esemplari. Si tratta di undici casseruole, e di unabrocca di cui è almomento ricostruita l’imboccatura con attacco dell’ansa. Le casseruole sono distinguibili in due diversi tipi (fig. 7): il primo tipo, attestato da otto esemplari di diverse ‘misure’, da una circonferenza minima all’orlo di 17,3 cm ad una massima di 25,7 cm, ha corpo di forma emisferica, fondo poco segnato con convessità centrale, orlo estroflesso a breve tesa; solcature di tornio sono presenti sul corpo del vaso e sono particolarmente evidenti appena sotto l’orlo. La forma del vaso è talvolta irregolare, leggermente schiacciata o piegata su un lato.

13Il secondo tipo, cui possono essere riferiti tre esemplari, ha corpo di forma probabilmente emisferica (la ricostruzione è al momento parziale), orlo introflesso a fascia ingrossata, e due ansette a presa, larghe 6 cm e sporgenti di circa 1 cm, applicate alla base dell’orlo. La circonferenza all’orlo è di circa 17 cm, il fondo è appena segnato.

14Solo una parte dei frammenti di ceramica da fuoco rinvenuti è stata al momento assemblata; è possibile comunque che i pezzi debbano restare almeno in parte incompleti a causa delle azioni negative che hanno interessato l’US (la rasatura della sua porzione superficiale ed un intervento di asportazione–US 19- di fase successiva sul lato sud), che hanno evidentemente compromesso l’integrità del deposito.

  • 22 Un’altra ipotesi interpretativa che può essere avanzata è che i frammenti costituissero uno strato (...)

15Possiamo ragionevolmente ipotizzare che i reperti ceramici della camera superiore siano riferibili all’ultima produzione della fornace. Si tratta infatti di manufatti mai utilizzati, come indicano l’assenza del tipico «annerimento» della superficie, sempre segnalato negli esemplari di confronto (v. infra), e l’attestazione su alcuni pezzi di grumi di argilla dal rivestimento interno del forno. Il fatto poi che i frammenti siano così omogenei, e che addirittura siano ricomponibili pezzi interi è un ulteriore elemento a sostegno dell’interpretazione proposta22.

16Lo scavo non ha restituito scarti di fornace; la spiegazione va forse cercata nella limitata estensione dell’area indagata. È verisimile infatti che fosse di scarico o depositi di scarti, così come le altre strutture che dovevano costituire il complesso produttivo, certamente più ampio ed articolato, ambienti e vasche per la decantazione dell’argilla, l’impasto, l’essicazione etc., siano da ricercare nell’area immediatamente circostante la «Cava Greca». Altri dati sia sulla produzione che sulle caratteristiche tecniche dell’impianto potranno venire da un’auspicabile futura ripresa dell’indagine con estensione dell’area di scavo.

  • 23 Carsana 1994, p. 222-269, fig. 110 e 105-106. Si veda inoltre il contributo di V. Carsana in quest (...)
  • 24 Materiale in corso di pubblicazione a cura di V. Carsana (2nd International Conference on Late Rom (...)
  • 25 Carsana 1998, p. 166 e sg., fig. 96.6.
  • 26 Ricci 1998, p. 351-382, fig. 1.1-2.

17I pezzi della fornace di Cuma trovano confronti con materiale proveniente dallo scavo di Carminiello ai Mannesi a Napoli: corrispondono ai tipi 1 e 2 della fornace di Cuma i tipi 18 e 523, presenti in contesti di fine VI-VII sec.d.C.; la datazione è confermata dal materiale proveniente dai recenti scavi di piazza Municipio e piazza Bovio per la costruzione della metropolitana di Napoli24. Pentole del tipo 1 sono documentate inoltre a Benevento nello scavo del museo del Sannio presso S. Sofia, e datate tra VII e VIII sec.25. Un confronto è possibile poi con esemplari provenienti dal deposito di VII sec. d.C. dell’esedra della Crypta Balbi a Roma, dove casseruole di forma accostabile al tipo 1 della fornace di Cuma sono molto comuni26.

  • 27 Il materiale non è ancora pubblicato; il pezzo in questione è visibile presso il laboratorio di re (...)
  • 28 Si veda la nota 13. Cfr. inoltre nota 10: Caputo, De Rossi in c.s.

18A Cuma ceramica da fuoco di questo tipo, tra cui un esemplare intero (restaurato) del tipo 1, si ritrova fra il materiale dei saggi eseguiti dal Centre J. Bérard nel 2000 presso l’accesso ovest della Crypta Romana27, mentre una produzione di ceramica da fuoco di età bizantina è ipotizzata anche nella fornace di Miseno, accanto a quella accertata di anfore da trasporto e ceramica a bande rosse (De Rossi 2004, p. 254)28.

19C. R.

Notes

1 Maiuri 1926, p. 85-93; Maiuri 1958, p. 137 (5a ed. 1970); Caputo 1993, p. 121-124; Caputo et al. 1996, p. 132-140; Caputo 1998; Caputo 2004, p. 313, 320-321.

2 La denominazione è stata attribuita alla cavità artificiale dall’autore sin dall’inizio dell’analisi del monumento per la presenza, sulla parete nord, di un segno grafico-numerico greco sulla superficie esterna di un blocco parallelepipedo, destinato in origine a essere estratto; il nome della cava, non adeguatamente valutata in lavori precedenti, è stato poi usato per individuarla in occasione dei propri contributi citati a nota 1.

3 Senza il cui accurato lavoro il progetto esecutivo non sarebbe stato possibile e che, perciò, in questa sede, per la sua specifica competenza, ringrazio.

4 Preceduti da altri di scavo, consolidamento e restauro nel 1992-93 nell’ambito del Progetto Itinerari Turistici (perizia min. BBCCAA 36/195 del 03/12/1990), ma allora insufficienti ai fini della riapertura, e da ulteriori indagini di scavo effettuate dallo scrivente nel 1994, sono stati infine realizzati nel 2006 nell’ambito dell’APQ Ministero per i Beni e le Attività Culturali–Regione Campania, Progetto ISAN PZL 030 codice CF/21.1, Capo B, Crypta Romana: Interventi di restauro (progettazione generale: Ufficio Tecnico della Soprintendenza; progettazione esecutiva: Ing. Massimo Tucci; direzione scientifica: Dott. Paolo Caputo; collaborazione scientifica: Dott. ssa Cristina Regis).

5 Si confronti P. Caputo, op. cit. a nota 1.

6 Idem, ibidem.

7 Allo stato attuale delle ricerche e nell’impossibilità di effettuarne, per carenze di fondi, uno scavo regolare, si può comunque ipotizzare che la stratigrafia dei materiali di riempimento, che invade ancora la parte meridionale della cava (quella settentrionale deve essere stata sterrata durante gli scavi 1925-31, ma su ciò, tuttavia, i diari di scavo tacciono), può datarsi, verosimilmente, tra la seconda metà del III d.C. e il VI d.C. (P. Caputo, op. cit. a nota 1). Vale la pena qui segnalare il recupero, effettuato da questa stratigrafia nel 2004, della parte inferiore di una statua in marmo lunense a grana fine, raffigurante Narciso, seduto su una roccia presso la fonte. Databile al II d.C., la scultura, forse decorazione di un ninfeo, ubicato sull’acropoli o alle falde della stessa, riferibile a un edificio sacro o privato, allude comunque a un culto finora ignoto a Cuma. La sua distruzione, avvenuta forse a opera di Cristiani, analogamente a quanto avvenuto per il Tempio di Iside sul litorale (Caputo 2003, p. 209-220), ne giustificherebbe l’inserimento tra i detriti della cava, forse in attesa di essere utilizzata come materiale per l’industria della calce, bene attestata a Cuma in età bizantina in seguito al rinvenimento di numerose calcare (si confronti Gasparri et al. 1996, p. 52-53). L’autore si riserva comunque uno studio specifico sull’argomento.

8 Gasparri, et al. 1996.

9 Caputo 2004, p. 317-319, 327; Caputo 2005, p. 46.

10 Albore Livadie 1990, p. 307-308; Caputo, De Rossi c. s.

11 Si veda sopra il contributo di P. Caputo.

12 I lavori di scavo sono stati eseguiti da una squadra di tre operai specializzati, seguiti da chi scrive sotto la direzione scientifica del Dott. Paolo Caputo, direttore dell’Ufficio per i Beni Archeologici di Cuma, con l’assistenza tecnica di Cesare Giordano dello stesso Ufficio. Desidero ringraziare in questa sede il Dott. Caputo per avermi affidato l’incarico di seguire lo scavo e C. Giordano per il prezioso e costante supporto.

13 Una fornace per ceramica d’età bizantina, ricavata negli ambienti di una terma d’età romana, è stata identificata nel 1991 a Miseno; in riferimento ad uno dei due forni rinvenuti, si parla di una copertura a cupola conica (Cinque, Russo, Pagano 1991, p. 231-244; De Rossi 2004).

14 Dal riempimento US 15 si recuperano anche numerosi frammenti di mattoni, simili a quelli impiegati nei muretti laterali, tegole, coppi e ceramica (v. infra).

15 Questa caratteristica strutturale appare poco frequente: nella rassegna della Cuomo Di Caprio l’unico esemplare di confronto con corto prefurnio è una fornace di Orvieto (n. 3 dell’elenco in Cuomo Di Caprio 1971-72, p. 386-387).

16 Non sono presenti i muretti di sostegno per gli archi appoggiati ai muri laterali come in molti degli esempi di fornaci riferibili a questo tipo analizzate dalla Cuomo Di Caprio (Cuomo Di Caprio 1971-72, p. 429).

17 In concomitanza con una fase di abbandono della Crypta Romana durante la tarda età imperiale: si veda sopra il contributo di P. Caputo in questo volume e Caputo 1998, p. 52.

18 I contenitori appartengono a produzioni databili al VII-VIII sec. L’anfora da trasporto è assegnabile al tipo Dragonara 2 identificato da G. De Rossi (De Rossi 2004, p. 255), mentre l’assenza della parte superiore nel contenitore a bande rosse non consente di precisare forma e tipo.

19 In associazione a questo materiale, in US 15, si sono recuperati una ventina di frammenti di altra ceramica: 7 frammenti di anfore da trasporto, 2 frammenti di ceramica dipinta a bande rosse, 9 frammenti di ceramica comune ad impasto chiaro molto depurato forse riconducibili anch’essi alla produzione delle bande rosse, 1 frammento di terra sigillata chiara, 1 piedino di calice in vetro azzurro.

20 L’impasto è poco depurato, con inclusi vulcanici grossolani bianchi ed in misura minore nerastri; il colore dell’impasto va dal rosso mattone al bruno; la superficie è ruvida e presenta tracce di ipercottura ed estese incrostazioni saline dovute, secondo l’opinione dei restauratori, al contatto con la sabbia marina (v. sopra, componenti del riempimento US 15).

21 Il materiale è stato lavato e ricomposto, ed è attualmente in restauro, presso il laboratorio dell’Ufficio di Cuma (sigg. A. Gaudino, F. Grande, E. Barretta, G. Caucci, G. Delicato, G. Napoletano).

22 Un’altra ipotesi interpretativa che può essere avanzata è che i frammenti costituissero uno strato isolante nella copertura provvisoria del forno (Cuomo Di Caprio 1971-72, p. 401); anche in questo caso sarebbero comunque indicativi della produzione della fornace.

23 Carsana 1994, p. 222-269, fig. 110 e 105-106. Si veda inoltre il contributo di V. Carsana in questo volume. Ringrazio la Dott. ssa Carsana per le utili indicazioni.

24 Materiale in corso di pubblicazione a cura di V. Carsana (2nd International Conference on Late Roman Coarse Wares, LRCW2, Aix en Provence 13-16 aprile 2005, c.s.) cui devo questa informazione.

25 Carsana 1998, p. 166 e sg., fig. 96.6.

26 Ricci 1998, p. 351-382, fig. 1.1-2.

27 Il materiale non è ancora pubblicato; il pezzo in questione è visibile presso il laboratorio di restauro dell’Ufficio di Cuma. Per lo scavo: Brun, Munzi 2001, p. 484-487.

28 Si veda la nota 13. Cfr. inoltre nota 10: Caputo, De Rossi in c.s.

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Le opere realizzate in età romana per il consolidamento della parete tufacea (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 179k
Légende Fig. 2 – Altro aspetto delle opere realizzate in età romana per il consolidamento della parete tufacea (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 164k
Légende Fig. 3 – La fornace nell’area della «Cava Greca» a Cuma (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 156k
Légende Fig. 4 – La fornace in corso di scavo (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 238k
Légende Fig. 5 – La struttura dal lato est (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 151k
Légende Fig. 6 – Il piano della camera di cottura (foto C. Regis)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 162k
Légende Fig. 6–Pentole in ceramica comune grezza dalla camera superiore della fornace: tipo 1 e 2 (disegni: C. Regis; rielaborazione grafica in collaborazione con R. Donnarumma)
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/4743/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 59k

Auteurs

Funzionario responsabile dell’Ufficio per i beni Archeologici di Cuma, Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei.

collaboratrice della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Napoli e Caserta

© Publications du Centre Jean Bérard, 2009

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540