Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Aristosseno di Taranto

 | 
Amedeo Visconti

Premessa

Texte intégral

Alla cara memoria della Professa Maria Teresa Palmieri

  • 1 Cfr. Ciaceri [1924-1932] II, pp. 464-5.
  • 2 Cfr. in particolare Musti [1988], pp. 11-34.

1Una caratteristica di fondo della produzione storiografica dell’Occidente greco, può senza dubbio essere ravvisata, come rilevava già E. Ciaceri1 e come ha lucidamente messo in evidenza, in tempi a noi più vicini. D. Musti2, nella sua caratterizzazione di storiografia dalla matrice essenzialmente siceliota.

2Di origine per lo più siceliota sono infatti gli storici greci di Occidente e di matrice siceliota risulta pertanto la maggior parte del materiale storiografico ‘occidentale’ di cui si dispone. Pochi e, per l’esiguità del materiale superstite, a ragione poco noti, sono i nomi degli storici di origine magnogreca (Ippi e Lico di Reggio, Eumaco di Napoli, per ricordarne alcuni), cosa facile da desumere già da un rapido esame della sezione dedicata a Sizilien und Groβgriechenland presente nella grande raccolta dei frammenti degli storici greci curata da Felix Jacoby.

  • 3 Musti [1988] p. 11.

3In breve: nell’ambito della grecità occidentale, di cui Magna Grecia e Sicilia costituiscono i principali ambiti, è la Sicilia che ha il ruolo di produttrice di storiografia e che come tale rivolge la sua attenzione anche al mondo italiota e a quelle popolazioni indigene dell’Italia centromeridionale con le quali le fondazioni italiote sono sempre più chiamate a confrontarsi nel corso della loro storia. La Magna Grecia, che alte vette raggiunge in ambiti quali la letteratura, l’arte, la filosofia, il pensiero scientifico, è quindi, sul piano storiografico, “più oggetto che non produttrice di storiografia”3.

  • 4 Cfr. Ciaceri [1924-1932] II, p. 473.
  • 5 Cfr. Musti [1991] pp. 13, 15-7 e passim.
  • 6 Musti [1988] p. 26.
  • 7 Si veda a riguardo Musti [1991] pp. 52-5.

4La ragione di questo fenomeno viene individuata – lo suggeriva incidentalmente già il Ciaceri4 e lo ha ben puntualizzato recentemente il Musti5 – nel rapporto esistente nel mondo greco tra riflessione storiografica e politica: la storiografia fiorisce in presenza di una dinamica politica complessiva quale ebbe la Sicilia e che fu invece nei centri magnogreci meno intensa. La realtà siceliota esibisce una più viva tradizione di dialettica politica, di dibattito ideologico, sviluppando in questo modo un dinamismo politico complessivo che è nel mondo greco necessario perché si sviluppi la “particolare attitudine alla ricerca e all’espressione storiografica”6 o perché fioriscano espressioni culturali, come per esempio il teatro letterario o la retorica, connotate in senso politico: espressioni culturali queste che, nell’Occidente greco, non a caso mostrano anch’esse una maggiore congenialità, una sorta, se si vuole, di ‘affinità elettiva’ con la realtà siceliota7.

  • 8 Recenti, significativi studi su Ippi, sono quelli di M. Giangiulio (Per la tradizione antica di Ip (...)

5La disparità di materiale storiografico fornito rispettivamente da Sicilia e Magna Grecia, ha fatto sì che l’attenzione degli studiosi si concentrasse soprattutto sulla storiografia siceliota, dimenticando l’esigua produzione storiografica di ambiente italiota, ad eccezione dei reggini Ippi e Lico8.

6Nell’ombra è in quest’ottica certo rimasto Aristosseno di Taranto, poliedrico intellettuale del IV secolo a.C. che, pur non avendo scritto – a quanto sappiamo – opere che possano essere definite opere storiche stricto sensu, merita un posto nel panorama della storiografia italiota.

  • 9 Cfr. Camassa [1994] pp. 313-5.

7Significativo9 è infatti ritenuto il contributo di Aristosseno a un genere letterario diverso dalla storiografia ma dal forte orientamento storico: la biografia. E del resto, la lettura dei frammenti superstiti di Aristosseno, raccolti e commentati nel secondo volume della silloge dei frammenti dei peripatetici realizzata da F. Wehrli, rivela interessi storiografici da parte di questo autore.

8Nell’analizzare i frammenti aristossenici più interessanti da un punto di vista storiografico, ci si rende conto progressivamente di come non sia possibile comprendere nel giusto modo gli interessi storiografici di Aristosseno, prescindendo da un’indagine della sua complessa personalità, compito quest’ultimo tutt’altro che semplice.

9La difficoltà dell’impresa è in buona parte dovuta alla complessità stessa della figura di Aristosseno, un personaggio in apparenza minore, in realtà un intellettuale – questa sembra esserne la definizione più pertinente – dalla vasta cultura e dai molti interessi, che con la sua vita attraversa quasi tutto il IV secolo a.C. venendo in contatto con ambienti e filoni culturali tra loro diversi (il pitagorismo tarantino legato ad Archita, il pitagorismo ‘della diaspora’, il Liceo) verso i quali tutti è senza dubbio debitore, ma rispetto ai quali mantiene sempre una certa indipendenza, così che risulta difficile far seguire al suo nome un’ ‘etichetta’, definendolo sic et simpliciter pitagorico o peripatetico.

10La complessità della figura di Aristosseno è forse una delle ragioni dello scarso interesse che gli studiosi hanno mostrato nei suoi confronti: per i frammenti di Aristosseno, a differenza di quanto accade per quelli di altri discepoli di Aristotele, non esiste infatti altro commento se non quello del Wehrli, né si dispone su di lui di uno studio monografico complessivo, fatta eccezione per la sola Diatribe de Aristoxeno philosopho peripatetico del Mahne datata 1793.

  • 10 Cfr. Aristox. frr. 69a-f Wehrli.

11Non si intende certo dire che Aristosseno, in assoluto, non sia stato studiato. È certo vero però, che gli studi a lui dedicati si sono concentrati su un unico aspetto della sua multiforme attività, trascurandone gli altri: mi riferisco alla sua opera di grande e originale teorico della musica, quella del resto per la quale è più celebrato nelle stesse fonti antiche, che riconoscono in lui il μουσικός per eccellenza10.

12Su Aristosseno sono state infatti e vengono ancora scritte, dense e, per un non ‘iniziato’, quasi incomprensibili pagine da parte dei più importanti studiosi di musica greca (come il Westphal, il Winnington-Ingram, il Barker, per citarne solo alcuni), i quali hanno però raramente dato posto nei loro assai tecnici studi, a una analisi complessiva della sua personalità o degli stessi frammenti superstiti di argomento non musicale, questi ultimi spesso citati, e talvolta anche studiati, ma sempre in relazione a singole problematiche, mai nell’ambito di un’indagine sistematica ed esaustiva della personalità del loro autore.

13La mancanza di un lavoro di questo genere, che ricostruisse la formazione spirituale, culturale di Aristosseno, determinando l’esatto ruolo avuto dai diversi filoni che in essa trovano un punto di incontro, e allo stesso tempo la convinzione, prima espressa, di come questa mancanza impedisse un giusto inquadramento della sensibilità storica che alcuni frammenti aristossenici rivelano, hanno fatto sì che Aristosseno divenisse l’oggetto della mia ricerca.

14La varietà di esperienze che come si è detto costellano la biografia spirituale di Aristosseno, e allo stesso tempo le difficoltà poste sia dalla lettura, inevitabile, degli scritti aristossenici di teoria musicale, sia dalle spinose problematiche inerenti la storia della musica che si sono necessariamente dovute affrontare, hanno fatto circoscrivere la ricerca essenzialmente a quello che, cronologicamente, è l’ambiente in cui la formazione spirituale di Aristosseno ha inizio (il pitagorismo architeo), mettendo in luce le vie attraverso le quali Aristosseno è entrato in contatto con esso, gli stretti rapporti con esso intrattenuti e, infine, le eredità che ne ha ricevuto.

***

15Il lavoro si articola in quattro parti.

  • 11 La più ampia trattazione della biografia di Aristosseno è quella presente nella thèse di L. Laloy.(...)

16La poca familiarità che in genere si ha con la figura di Aristosseno, e nello stesso tempo la mancanza di una sua almeno recente biografia11, ha spinto a dedicare la prima parte della ricerca alla vicenda biografica e quindi all’opera del tarantino.

17Si è tentato, in questa prima parte, in primo luogo di ricostruire, avvalendosi delle fonti che danno informazioni in proposito, la biografia di Aristosseno, per poi passare a una presentazione della sua opera o, per essere più precisi, di quello che resta di un’opera che dovette essere monumentale, comprendendo, stando alla testimonianza della Suda (s.v. ’Aριστόξενος, A 3927 Adler), 453 scritti.

18La seconda parte del lavoro è dedicata agli inizi della formazione di Aristosseno, a quella che si può dunque definire la prima fase della sua biografia spirituale.

  • 12 Cfr. Aristox. frr. 30.54a Wehrli.
  • 13 Cfr. FHG, II, p. 269.
  • 14 Cfr. Wuilleumier [1939] p. 585.
  • 15 Cfr. Sch. Ar., II. p. 47: Wehrli [1968] col. 336; Wehrli [1983] p. 540.

19Un ruolo importante riveste in essa lo stesso padre di Aristosseno, dalla Suda indicato come suo primo maestro e da Aristosseno menzionato più di una volta come sua fonte12. Si esaminano pertanto le notizie che la tradizione conserva su questo personaggio, dopo avere affrontato il problema esistente intorno al suo nome, un problema questo che viene posto dalla singolare indicazione fornita al riguardo dalla Suda (Aristosseno era “figlio di Mnesias, quello chiamato anche Spintharos”) per la quale si propone una nuova interpretazione, non rivelandosi soddisfacenti, una volta sottoposte ad attenta verifica, le spiegazioni datene dal Müller13 e poi nel nostro secolo dal Wuilleumier14 e dallo stesso Wehrli15.

20L’esame delle notizie su Spintharos – questo il nome ‘reale’ del padre di Aristosseno – presenti nelle fonti antiche, consente di individuarne gli interessi (primo fra tutti la musica) e l’ambiente in cui era attivo, che è quindi quello in cui la formazione di Aristosseno ha avuto inizio: la Taranto pitagorica di IV secolo a.C. di cui Archita è leader incontrastato.

  • 16 Cfr. in proposito Aristox. fr. 48 Wehrli.

21I rapporti tra Aristosseno e Archita e l’immagine di Archita data da Aristosseno nella biografia a lui dedicata (frr. 47-50 Wehrli), verosimilmente una celebrazione di Archita nella veste di filosofo come in quella di politico e di abile stratego16, sono l’altro argomento affrontato in questa seconda parte del lavoro.

22Studiando i rapporti intercorsi fra Archita e Aristosseno, non è parso da trascurare il fatto che Archita è sì filosofo, politico e stratego abile, ma anche conoscitore e studioso di musica, di quella disciplina dunque di cui antichi e moderni, unanimemente, considerano Aristosseno grande autorità e alla quale Aristosseno è introdotto proprio da un personaggio – il padre Spintharos – dell’entourage di Archita.

23L’ammirazione manifestata da Aristosseno nei confronti di Archita filosofo e uomo politico (ma anche studioso di musica) ha portato a chiedersi se per Aristosseno esistano – ed eventualmente in che termini siano a suo avviso da valutare – rapporti fra musica e attività politica, individuando in questo ambito una significativa (ma anche poco studiata) eredità che ad Aristosseno poteva venire dall’ambiente architeo in cui si è compiuta la sua prima formazione, musicale e filosofica.

24A rispondere affermativamente a questa domanda si è creduto potessero spingere un dato della biografia di Aristosseno (il soggiorno a Mantinea) e una riflessione sulle argomentazioni cui Aristosseno ricorre nella critica da lui rivolta a quel fenomeno, maturato a partire dalla seconda metà del V secolo a.C., noto come ‘musica nuova’.

25Il soggiorno a Mantinea e l’atteggiamento di Aristosseno verso la ‘musica nuova’, sono gli argomenti affrontati, rispettivamente, nella terza e quarta parte del lavoro.

  • 17 Cfr. West [1992] p. 334.

26Nel terza parte trova così posto un’analisi, condotta con l’ausilio di testimonianze di diversa natura, letterarie e iconografiche, delle tradizioni musicali arcadiche e più in particolare della cultura musicale mantineese. Questa analisi è stata svolta nella convinzione – soprattutto a luce di quanto scritto da M.L. West17 a proposito del regionalismo come aspetto caratteristico della musica greca arcaica – che le ragioni e quindi il significato del soggiorno di Aristosseno a Mantinea, siano da indagare e da comprendere a luce della particolare caratterizzazione esibita da queste tradizioni e non semplicemente, secondo quella che è l’opinione più diffusa, della loro fama e antichità.

27Da questa analisi Mantinea emerge come un ambiente che alla musica, in virtù delle sue potenzialità psicagogiche, nelle quali una testimonianza aristossenica analizzata nella prima parte del lavoro (il frammento 6 della silloge del Wehrli) dimostra che anche Aristosseno riponeva fiducia, attribuisce una precisa valenza etica e quindi politica, aborrendo (viene da dire di conseguenza) ogni tipo di innovazioni in questo ambito. Nel corso dell’analisi si evidenzia in che modo l’ambiente pitagoricoarchiteo abbia potuto giocare un ruolo importante nella scelta fatta da Aristosseno di Mantinea come luogo di soggiorno in Grecia, un dato questo puramente biografico, ma che risulta alla fine indicativo dei legami esistenti per Aristosseno fra musica, etica e attività politica, nonché dell’influenza su Aristosseno avuta dall’ambiente architeo.

28Argomento della quarta parte del lavoro è sostanzialmente la posizione assunta da Aristosseno verso il complesso fenomeno della ‘musica nuova’.

29Questa parte è articolata in due capitoli: all’analisi delle testimonianze aristosseniche sull’argomento (un passo degli Elementa Harmonica e tre tra i più lunghi frammenti conservatisi dei suoi scritti), materia del secondo capitolo, è parso infatti necessario, affinché meglio contestualizzate risultassero le affermazioni di Aristosseno, far precedere, a mo’ di premessa, una trattazione d’insieme del fenomeno della ‘musica nuova’ e quindi del dibattito che intorno ad esso si sviluppa, cercando, di quest’ultimo, di mettere bene in rilievo l’evoluzione.

30In suddetto dibattito Aristosseno si inserisce assumendo verso la ‘musica nuova’ un atteggiamento certamente critico, sulla base, per quello che dall’analisi delle testimonianze si evince, non di considerazioni di ordine squisitamente tecnico, ma per il venire meno dell’attenzione, che egli nella ‘musica nuova’ ravvisa, verso i risvolti etici e paideutici che si ritengono propri del fatto musicale, tali da renderlo meritevole di essere oggetto di attività politica.

31Poco corretto – o quanto meno semplicistico – sarebbe tuttavia concludere che Aristosseno è contrario tout court alle innovazioni musicali.

32La notizia della composizione da parte Aristosseno della biografia di uno dei rappresentanti della ‘musica nuova’ (il ditirambografo Teleste di Selinunte) suggerisce come più sfumato e allo stesso tempo più complesso di quanto a prima vista si possa pensare, sia Patteggiamento di Aristosseno verso le innovazioni musicali.

  • 18 Momigliano [19742] p. 79.

33Ecco allora un buon esempio della complessità di Aristosseno di cui sopra si è detto e che, ripeto, deve dissuadere dall’applicare nei suoi confronti qualsiasi definizione schematica, sempre poco adatta a personaggi di grande apertura mentale quale fu Aristosseno, che “a nessun dogma prestò assoluta lealtà”18

34Questo lavoro riproduce, in una forma lievemente modificata, la tesi di dottorato da me svolta nel corso degli anni accademici 1994/5-1996/7 presso il Dipartimento di Discipline Storiche “Ettore Lepore” dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, sotto la guida dei Proff. Alfonso Mele e Marisa Tortorelli Ghidini. A entrambi desidero esprimere la mia più sincera gratitudine per l’interesse, l’attenzione, la disponibilità e la pazienza con cui costantemente hanno seguito la ricerca. Un ringraziamento particolare devo poi alla Dott.ssa Claudia Montepaone, che con i suoi consigli e con l’amicizia sempre accordatami, molto ha contribuito a questa mia ricerca. Ringrazio infine il Prof. Michel Bats per aver generosamente accolto il mio lavoro tra le pubblicazioni di un’istituzione autorevole quale è il centro da lui diretto.

Notes

1 Cfr. Ciaceri [1924-1932] II, pp. 464-5.

2 Cfr. in particolare Musti [1988], pp. 11-34.

3 Musti [1988] p. 11.

4 Cfr. Ciaceri [1924-1932] II, p. 473.

5 Cfr. Musti [1991] pp. 13, 15-7 e passim.

6 Musti [1988] p. 26.

7 Si veda a riguardo Musti [1991] pp. 52-5.

8 Recenti, significativi studi su Ippi, sono quelli di M. Giangiulio (Per la tradizione antica di Ippi di Reggio (FGrHist 554), “ASNP” s. III, 22,2, 1992, pp. 303-64 e Giangiulio [1994]): nella molto meno ricca bibliografia su Lico, è invece da segnalare G. Amiotti, Lico di Reggio e l’Alessandra di Licofrone, “Athenaeum” 60, 1982, pp. 452-60.

9 Cfr. Camassa [1994] pp. 313-5.

10 Cfr. Aristox. frr. 69a-f Wehrli.

11 La più ampia trattazione della biografia di Aristosseno è quella presente nella thèse di L. Laloy. Aristoxène de Tarente et la musique de l’antiquité, pubblicata nell’ormai lontano 1904.

12 Cfr. Aristox. frr. 30.54a Wehrli.

13 Cfr. FHG, II, p. 269.

14 Cfr. Wuilleumier [1939] p. 585.

15 Cfr. Sch. Ar., II. p. 47: Wehrli [1968] col. 336; Wehrli [1983] p. 540.

16 Cfr. in proposito Aristox. fr. 48 Wehrli.

17 Cfr. West [1992] p. 334.

18 Momigliano [19742] p. 79.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1999

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.

Acheter