Version classiqueVersion mobile

Pantalica

 | 
Luigi Bernabò Brea

Premessa

Texte intégral

1Lo scavo intorno all’anáktoron di Pantalica è stato uno dei tanti lavori che il sovraccarico di impegni mi ha impedito di pubblicare, come sarebbe stato mio dovere, in un termine ragionevole, quando reggevo la Soprintendenza alle Antichità della Sicilia Orientale. Solo ora, dopo venticinque anni, posso pagare questo vecchio debito scientifico, grazie all’aiuto che mi hanno offerto l’amico Giuseppe Voza, che mi è succeduto nella carica di Soprintendente e Francesco d’Angelo che ha pazientemente ripreso e aggiornato i rilievi, non sempre completi ed esaurienti, che avevano allora iniziato Giovanni Raciti e lui stesso, ma che per ragioni indipendenti dalla loro volontà non avevano potuto essere condotti a termine.

2Per questo aggiornamento devo gratitudine anche agli amici dell’Istituto di Studi Acrensi, al suo Presidente Prof. Carlo Monaco e in particolare al Dott. Tonino Grimaldi e all’Ing. Fazio.

3Era rimasto allora non rilevato il Santuario di età greca, o meglio le pochissime tracce di esso che avevamo individuato nel 1962. Dopo tanti anni, per eseguire un rilievo di questi sparuti resti murari difficilmente riconoscibili nel terreno roccioso, sarebbe stata necessaria una nuova campagna di scavi. Ci siamo quindi limitati col d’Angelo a migliorare per quanto possibile un mio schizzo planimetrico allora abbozzato.

4Le ricerche eseguite nel 1962-1964 sono rimaste frammentarie e incomplete. Avrebbero dovuto essere continuate ed estese su ben più ampia scala per potere dare un quadro coerente dell’impianto urbano della Pantalica dell’età del bronzo e dell’età del ferro. È stato questo un compito che mi ero proposto ma che non ho avuto il tempo e la possibilità di realizzare. Lo lascio agli archeologi delle nuove generazioni per i quali i risultati già da noi conseguiti possono essere almeno un punto di partenza. Ma quando ho presentato la mia relazione di scavo all’amico Olivier de Cazanove, che mi offriva per essa generosa ospitalità nei prestigiosi Cahiers del Centre Jean Bérard da lui diretti. Egli giustamente mi fece osservare che i lettori si avvicinavano un po’ troppo bruscamente alle trincee dello scavo e che la maggior parte di essi avrebbe desiderato di essere in qualche modo introdotta all’argomento specifico della ricerca sul terreno, anche per potersi meglio rendere conto del significato dei risultati raggiunti. Convenni che egli aveva perfettamente ragione e mi accinsi dunque a questa introduzione. Il compito peraltro non si presentavafacile, perché bisognava riprendere in esame una serie di problemi, su parecchi dei quali non ero più ritornato da molti anni, potrei dire dal tempo de La Sicilia prehistórica del 1953-54 e di Sicily before the Greeks del 1957. Occorreva aggiornare le idee alla luce del progressa scientifico di più di un trentennio. Vi erano stati in questo lungo periodo scavi e scoperte di grande importanza, prima di tutto quelli di Thapsos che avevano portato nuova luce sulle civiltà dell’età del bronzo della Sicilia orientale, ma vi era stata anche una serie di studi monografici di grande interesse, come quelli del Voza, della Bietti Sestieri, di Sebastiano Tusa ecc. o interventi non meno interessanti su argomenti specifici di numerosi altri studiosi, dei quali bisognava tenere conto. Mi si offriva peraltro l’occasione di riordinare le idee che, soprattutto pariendo da questi suggerimenti, ero venuto maturando nel diuturno contatto con i luoghi e con i materiali.

5Se, nonostante le obiezioni sollevate e le diverse interpretazioni che sono state proposte, io rimango fedele a parecchie delle ipotesi che avevo formulato in quegli anni lontani, cid avviene a ragion veduta, perché sono ancora convinto che esse non siano state smentite dalle nuove scoperte e che corrispondano meglio di qualsiasi altra ai dati di fatto che ci è possibile osservare.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1990

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search