Version classiqueVersion mobile

La céramique attique du IVe siècle en Méditerranée occidentale

 | 
Brigitte Sabattini

Ateliers

Le esportazioni della bottega del Pittore di Meleagro nel Mediterraneo Occidentale

Francesca Curti

Texte intégral

1Ricca e articolata, conservatrice ma proiettata anche verso il nuovo, ben inserita nei traffici commerciali ma apprezzata anche in patria... quella del Pittore di Meleagro è una bottega particolare per gli inizi del IV sec. a.C., quando la ceramografia attica si avvia ad una produzione dal repertorio figurativo e vascolare sempre più ristretto, spesso con prodotti ripetitivi. Un corpus che attualmente conta quasi 150 vasi dipinti forse da dodici artigiani durante un ventennio in una divisione del lavoro che già il Beazley adombrava nel 1963 (Beazley 1963, 1415) quando, tra i 100 vasi allora raccolti, individuava alcuni decoratori dediti esclusivamente ai lati secondari.

  • 1 Desidero ringraziare in maniera particolarmente affettuosa la Dott.ssa F. Berti che mi offre orm (...)
  • 2 Cratere a calice, Atene, Museo Archeologico Nazionale 12489: Beazley 1963, 1409, 10; Beazley 197 (...)
  • 3 Cratere a campana, Londra, British Museum 1917.7-25.2: Beazley 1963, 1410, 16. Pelike, Beazley 1 (...)
  • 4 Cratere a calice, Boston, Museum of Fine Arts 21271: Beazley 1963, 1417, 2; Addenda2, 375. Crate (...)

2Ho scelto di parlare di “bottega” e non di un solo Pittore che riassumesse tutte le caratteristiche dell’atelier a seguito dell’analisi completa delle opere che mi ha portato ad una nuova periodizzazione e ad una nuova cronologia della produzione in esame1; il Pittore di Meleagro, “Maestro” della bottega, risulta strettamente legato all’attività del Pittore di Pronomos con una conseguente anticipazione della datazione dei vasi più antichi. Ad una prima fase appartengono pochi vasi di forme ancora “classiche” scandite da decorazioni accessorie rigorose, con raffigurazioni dai soggetti complessi e di notevole livello stilistico, come per esempio il cratere a calice di Atene ο la stemless cup di Oxford, per non citare sempre la stemless cup di Londra con Dioniso ebbro2. La fase media vede l’ampliarsi della bottega con l’inserimento di almeno nove ceramografi e col conseguente aumento numerico dei prodotti in una standardizzazione delle forme e dei contenuti, realtà di cui possono essere un’esemplificazione il cratere a campana di Londra, la pelike di una collezione privata, l’hydria di Napoli ο la coppa di Dublino3. Più recente è un gruppo di vasi ormai pienamente inserito nei caratteri della ceramografia del IV secolo a.C. e non più riconducibile alla mano del maestro, il Pittore di Meleagro, come è evidente nelle raffigurazioni del cratere a calice di Boston ο del cratere a campana di Parigi4.

  • 5 Cratere a volute, Vienna, Kunsthistorisches Museum 158: Beazley 1963, 1408, 1; Addenda2, 374.
  • 6 Hydria, Taranto, Museo Archeologico Nazionale, 4399: Beazley 1963, 1412, 48, D’amicis 1994, 150- (...)

3Il repertorio figurativo che viene utilizzato per decorare le superfici dei vasi è in genere quello tipico del secolo: scene di simposio ο a carattere dionisiaco, scene di conversazione talvolta alla presenza di eroti; sono però da rilevare non poche eccezioni che contribuiscono a connotare la bottega nella sua complessità, troviamo infatti vere e proprie narrazioni mitologiche come quella sul cratere a volute di Vienna5 ο sul già citato cratere a calice di Atene, evidentemente dei prodotti di ceramografi “colti”. Anche se certamente il vaso non sarà stato esportato per la scena che offriva sulle sue facce, ma piuttosto per le finalità della forma e la sua funzionalità, ο per la facilità del trasporto e sarà stato richiesto quindi perché utilizzato là dove la produzione locale era mancante, vale comunque la pena di sottolineare alcune particolarità nella distribuzione dei pochi vasi con scene mitologiche, che hanno una provenienza nota. La scena figurata complessa, che esula dalla ripetitività delle scene di genere tipiche del periodo e tanto frequenti sui vasi esportati in Occidente, avrà reso la merce più preziosa e può essere per noi un indice del livello economico, se non di quello culturale, dell’ambito che la recepisce. Nonostante la grande quantità di vasi della bottega approdati a Spina, non è qui che troviamo vere e proprie scene a carattere mitologico, ma nell’Italia meridionale; da Taranto proviene l’hydria con l’apoteosi di Eracle (Museo Archeologico 4399) e da Ruvo il nucleo più complesso: due hydriai, una della collezione Jatta 1418 con una cavalcata dei Dioscuri di sapore partenonico al cospetto di Atalanta e Meleagro, l’altra (Napoli, Museo Archeologico Nazionale 81834) con la minuziosa descrizione del ratto di Orizia lungo la riva destra dell’Ilisso; un cratere a calice della collezione Jatta 1498 che mostra l’uccisione di Argo da parte di Ermes coi personaggi distribuiti su più registri. In Campania, a Napoli, troviamo la splendida hydria di New York (Metropolitan Museum of Art 56. 171.56) col colloquio tra Poseidon e la ninfa Amimone; a Capua la pelike di Voronezh (Fine Arts Museum 108) con Atena ed Eracle, ma soprattutto il nucleo della tomba Blacas di Nola composto dalla stemless cup, riccamente decorata, con Dioniso ebbro nel tondo (Londra, British Museum Ε129) e dall’hydria con il carro di Afrodite di vaga reminiscenza meidiaca (Londra, British Museum F90)6. Pur con le cautele dovute al tipo di documentazione in nostro possesso che proviene da tombe e non da abitati, ritengo che sia lecito almeno sottolineare il particolare livello qualitativo di questi pezzi giunti in zone evidentemente ricche e particolarmente adatte a recepire anche il messaggio che la scena offriva. E’ questo tipo di ceramica che farà da modello alla produzione figurata locale.

4Per quanto riguarda le forme utilizzate nella bottega, esse si sono rivelate notevolmente diversificate e molto interessanti rispetto alle scelte operate dai ceramisti in questo campo nel corso di tutto il IV secolo a.C. (fig. 1).

Crateri a volute

Crateri a colonnette

Crateri a calice

Crateri a campana

Anfore

Pelikai

Hydriai

Lekanis

Coppe tipo Β

Coppe prive di stelo

Piatti

Totale

405-400

1

2

1

3

2

9

400-395

5

7

2

2

2

10

1

2

31

395-390

2

8

1

13

3

3

1

20

6

57

390-385

2

7

6

15

385-380

1

4

1

6

Totale

2

9

11

32

2

5

8

1

30

16

2

118

Fig. 1 - Cronologia delle forme vascolari.

  • 7 Vienna, Kunsthistorisches Museum 158: Beazley 1963, 1408,1; Addenda 2, 374. Malibu, Paul Getty M (...)

5Il cratere a volute è una forma di V secolo a.C., che nel secolo successivo scompare dalle botteghe attiche per essere invece largamente usata in Magna Grecia. I due crateri a volute legati alla produzione della bottega del Pittore di Meleagro7 costituiscono quindi un richiamo alla tradizione vascolare precedente, ma sono proiettati verso il nuovo, perché fungono da modelli per la produzione italica; sfortunatamente entrambi i pezzi non hanno provenienza, ma per il cratere di Malibu è ipotizzabile un ritrovamento in ambito magno-greco.

  • 8 Atene, Museo Archeologico Nazionale 12489: Beazley 1963, 1409, 10. Atene, Museo Archeologico Naz (...)
  • 9 Ruvo, Collezione Jatta 1498: Beazley 1963, 1409, 9. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 4920: Beaz (...)
  • 10 Secondo un calcolo approssimativo dal corpus del Beazley.

6Tre degli undici crateri a calice si trovano ad Atene8e quindi hanno presumibilmente una provenienza greca, mentre quattro sono stati esportati verso l’Adriatico9. Dei 165 crateri prodotti ad Atene nel IV secolo a.C., 54 hanno una provenienza e tra questi, 39 sono stati trovati ad Atene e in Grecia, soprattutto in Beozia10. Nella scelta, la bottega si adegua quindi al gusto corrente poiché, rispetto al cratere a campana, questa forma che è decisamente meno richiesta, dimostra, ancora una volta, un legame con la tradizione “classica” dal momento che il profilo del vaso non si è ancora allungato come succede nel corso del IV secolo a.C. La Grecia e la Beozia appaiono così aree più conservatrici, perché sono zone per le quali si produce ancora ceramica di “vecchio” stile.

  • 11 Ferrara, Museo Nazionale di Spina 8918: Beazley 1963, 1409, 4bis. Ferrara, Museo Nazionale di Sp (...)

7È possibile parlare ancora di legami con la tradizione per i 10 crateri a colonnette, sette dei quali, almeno per quanto risulta dalle provenienze conosciute, sono stati esportati a Spina11. Per questo piccolo nucleo di vasi è forse lecito parlare di un vero e proprio stock dalle qualità decorative limitate e di forma antiquata, prodotti da uno stesso vasaio per la città padana (fig. 2).

Fig. 2 - Cratere a colonnette, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 25630. Scala 1:4.

8Col cratere a campana la bottega, che con gli altri tipi di crateri era rimasta legata alla tradizione, amplia la propria produzione e inizia un’attività su larga scala, affiancata dalle coppe di tipo Β e destinata non solo a Spina ma anche alle aree più occidentali (fig. 3).

Fig. 3 - Cratere a campana, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 3194. Scala 1:4.

  • 12 Voronezh, Fine Arts Museum 108: Beazley 1963, 1411, 41. Atene, Museo dell’Agorà, Pnice 100: Beaz (...)

9Le pelikai, del tipo di V secolo a.C. non ancora modificato nel senso dell’allungamento del vaso, sono soltanto cinque di cui una è stata acquistata a Capua nel 1871 e un’altra proviene dallo scavo della Pnice di Atene12.

10Altra forma interessante per le implicazioni commerciali che può suggerire è l’hydria: nel IV secolo infatti, vasi di questa forma sono stati prodotti in numero esiguo, mentre nel nostro atelier ne troviamo otto di cui tre in Puglia e tre in Campania. Questa forma è però diffusa anche nella produzione dell’Italia meridionale, il che avvalora l’ipotesi di uno stretto legame, come per il cratere a volute, tra i ceramisti attici e quelli magnogreci.

11Le coppe di tipo Bloesch Β (fig. 4) e le stemless cup (fig. 5) sono, insieme al cratere a campana, la forma di maggior successo all’interno dell’atelier.

Fig. 4 - Kylix, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 3130. Scala 1:3.

Fig. 5 - Stemless cup, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 25852. Scala 1:3

  • 13 Ferrara, Museo Nazionale di Spina 4553; 4555: Beazley 1963, 1414, 99-100. I due piatti senza ste (...)

12Il piatto è una forma elaborata, presumibilmente, per l’esportazione a Spina, come lo erano i piatti su stelo dell’ultimo quarto del V secolo e degli inizi del IV secolo a.C.; nella bottega del Pittore di Meleagro si producono gli unici due esemplari noti di piatto senza stelo a figure rosse, che vengono esportati proprio verso l’emporion padano13 (fig. 6).

Fig. 6 - Piatto, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 4553. Scala 1:3.

13Come scrive M. Martelli (Martelli 1989, 783), per evitare la “brutalità delle cifre” che spesso maschera i problemi e trascura dati importanti, rimando agli istogrammi (fig. 7) e ad una cartina di distribuzione (fig. 8) il compito di fornire il quadro complessivo delle esportazioni provenienti dalla bottega del Pittore di Meleagro, mentre cercherò d’inserire tali prodotti, esportati come “vaso mercanzia”, nel contesto di rinvenimento. Pub essere considerate riduttivo studiare il problema commerciale in relazione ad un solo atelier (Rouillard 1992, 180) ma dal momento che viene studiata un’officina attica è d’obbligo ormai valutare i contesti di ritrovamento dei pezzi e la loro diffusione; forse si arriva così ad un quadro più precario delle esportazioni perché anche un solo frammento nuovo pub cambiare le conclusioni, ma si aggiunge un tessera più circostanziata ad una elaborazione dei dati che ha acquisito già contorni sempre più netti.

Fig. 7 - Provenienze delle forme chiuse, aperte e dei crateri.

Fig. 8 - Diffusione delle opere della bottega del Pittore di Meleagro nel Mediterraneo.

  • 14 La bibliografia riguardante il problema commerciale è ormai piuttosto vasta, tra i contributi pi (...)

14La distribuzione sul territorio dei vasi attribuiti alla bottega del Pittore di Meleagro e le presenze in alcune aree pongono numerosi e complessi problemi che riguardano, da una parte, le motivazioni dello scambio e la ricezione dei prodotti in qualità di veicolo culturale in un tessuto locale, dall’altra il problema dell’inserimento di questa “merce” specifica come bene di prestigio notevole, con una diversa incidenza rispetto alla vernice nera, nel quadro più ampio della circolazione commerciale relativa alla ceramica figurata attica della prima metà del IV secolo a.C. Ogni area geografica, inoltre, avrà visto svilupparsi il fenomeno commerciale con caratteri peculiari, legati a quella particolare realtà socio-economica, che avrà influenzato in parte le modalità dello scambio14.

  • 15 GRECIA: Atene 5, Grecia 1, Corfù 1. ITALIA: Bientina 1, Bologna 3, Calvi 1, Capua 4, Chiusi 3, N (...)
  • 16 I frammenti della Pnice e dell’Agora di Atene, di Ensérune e di Ullastret provengono da contesti (...)
  • 17 Frgg. di kylix, Roma, Museo di Villa Giulia e Firenze, Museo Archeologico: Beazley 1963, 1412, 5 (...)
  • 18 Malibu, Paul Getty Museum 87. AE. 93: Burn 1991; il contesta di ritrovamento del vaso non è cono (...)

15Per chiarire le dimensioni del problema, è necessario prima di tutto tenere presente il volume complessivo della produzione attica figurata del IV secolo a. Alla bottega del Pittore di Meleagro sono dunque attribuibili quasi 150 vasi, di cui 77 con una provenienza nota15, più ο meno precisa, ma soltanto pochi hanno un contesta di ritrovamento documentabile16; il resta del materiale fa parte di collezioni pubbliche ο private senza indicazioni relative al rinvenimento; cinque pezzi appartengono alla collezione Campana17, formatasi in seguito a scavi nell’Etruria méridionale: pur non conoscendo il luogo di provenienza, possiamo pensare quindi all’ambito etrusco. Come ho già notato, pochi sono risultati i contesti di ritrovamento relativi all’atelier, ricostruibili e documentabili, mentre la maggioranza delle indicazioni di provenienza si limita alla registrazione generica del sito. Molto probabilmente anche i vasi trovati ad Atene, in Puglia e nell’area del golfo di Napoli facevano parte di corredi tombali, dal momento che si tratta di pezzi integri e in buono stato di conservazione; è ipotizzabile inoltre che quelli con provenienza italica siano stati trovati in zone dove sono ben documentate le importazioni di ceramica attica a figure rosse utilizzate poi in ambito funerario. È molto plausibile che provenga da un corredo tombale dell’Italia meridionale anche il grande cratere a volute di Malibu18.

  • 19 Un rapido quadro della circolazione commerciale relative alla bottega del Pittore di Meleagro è (...)
  • 20 Un frammento risulta sporadico e un cratere a colonnette proviene da un sequestro: Beazley 1963, (...)
  • 21 I materiali della t. 143A sono inediti. Per il corredo della t. 669C si veda Massei 1978, 235-23 (...)

16Accanto all’area greca, che assorbe poco più del 6% del nostro materiale con provenienza nota, troviamo nuclei significativi a Spina, in Campania, in Etruria e sulle coste del Golfo del Leone. Le necropoli spinetiche di Valle Trebba e di Valle Pega19, che costituiscono una fonte immensa di dati per lo studio della ceramica antica, sono preziose anche per l’analisi della bottega in esame. Nove tombe di Valle Trebba e dodici di Valle Pega contenevano infatti i 25 vasi della bottega del Pittore di Meleagro20, che costituiscono un nucleo rilevante se pensiamo alla perdita di tanti altri contesti. La datazione di queste tombe non si basa su elementi di cronologia assoluta, essendo legata allo sviluppo della storia della ceramografia attica e alla tipologia della vernice nera: se questo non è determinante per la definizione delle fasi della bottega, lo sarebbe piuttosto per lo studio dell’ambiente spinetico che recepisce i nostri vasi. I materiali che compongono i corredi sono attribuibili generalmente alla prima metà del IV secolo a.C.; solamente pochi oggetti rimandano alla fine del V secolo a.C. (in particolare quelli delle tombe 25, 143A, 655B e 669C), mentre il corredo della tomba 45A di Valle Pega può essere riferibile al terzo quarto del IV secolo a.C.21 per la presenza delle choes apule e della ceramica attica a vernice nera. Le deposizioni sono sempre singole, quindi lo scarto cronologico che è spesso riscontrabile tra le componenti di un insieme di destinazione funeraria sarà da attribuire alle modalità di acquisto e di trasporto del prodotto, ed alla funzione prolungata che queste ceramiche di pregio hanno svolto prima di essere destinate ad accompagnare il defunto.

  • 22 La t. 330B è inedita, conosciamo l’associazione del cratere con due pelikai del Gruppo G (Beazle (...)
  • 23 Curti 1993b, 294.
  • 24 Per il corredo, ricco di ceramica attica, si veda Massei 1978, 131-132; Mc Phee/Trendall 1987, 3 (...)
  • 25 Per la t. 10B si veda Massei 1978, 304-306. I materiali del corredo della t. 980, un kantharos S (...)

17I dieci nuclei di Valle Trebba e di Valle Pega che contengono un cratere permettono di evidenziare come questo tipo di vaso rivesta un ruolo di rilievo all’interno di un complesso funerario. Ai crateri a colonnette (t. 330B, t. 51, t. 1086B, t. 25, t. 820)22 viene spesso associata una coppia di pelikai (t. 330B) ο di oinochoai (t. 25, t. 1086B) accompagnate dal servizio da mensa composto da vasi potori quali coppe ο skyphoi; sono anche sempre presenti altri vasi attici a figure rosse e a vernice nera. Nelle t. 51 e t. 612, i crateri, uno a colonnette e uno a campana, sono adibiti a cinerario come frequentemente awiene nelle necropoli spinetiche; la t. 612 è però priva di corredo23. Il cratere a calice (t. 121A) è accompagnato da un ricco nucleo di importazioni attiche tra cui spiccano, accanto a un’altra coppia di oinochoai, due piatti da pesce della fase più antica di questa particolare produzione24. Tre tombe (t. 121A, t. 10B e t. 98025) propongono l’associazione di un cratere a campana e di una coppa, entrambi prodotti nell’atelier probabilmente negli stessi anni.

  • 26 Massei 1978, 284.

18La sepoltura femminile 268 del dosso A di Valle Pega26 ha come vaso preminente la lekanis con una complessa scena di hierogamia di Dioniso, e proprio al mondo dionisiaco sono da ricondurre le due choes attiche ad essa associate.

  • 27 Hostetter 1986, 46-47. Per il corredo si veda Curti 1993b, 295-297.
  • 28 Il corredo completo della t. 741 è inedito. Per la t. 45A si veda Massei 1978, 122-123 Per la t. (...)

19Nella t. 65A la coppa svolge la sua funzione tradizionalmente legata al simposio, insieme allo skyphos, accanto al cratere a calice e alle due oinochoai all’interno di un complesso funerario molto ricco, la cui importanza è sottolineata dai due candelabri bronzei con cimasa figurata27. Le associazioni di materiali delle restanti tombe (t. 741, t. 45A, t. 206C, t. 143A, t. 760, t. 862, t. 893, t. 89A28) sono più eterogenee e di difficile interpretazione in quanta non contengono tutte le componenti del servizio da mensa (manca ad esempio il cratere) e presentano spesso elementi che sffiggono alla nostra interpretazione.

20Tra le tombe citate spicca per complessità la sepoltura femminile t. 741, nella quale occupa un posto importante il nucleo di ceramiche attiche a vernice nera; accanto a questo, tra il vasellame attico figurato, hanno rilevanza, per la loro funzione piuttosto che per le raffigurazioni, le lekythoi e gli alabastra, contenitori per profumi. Un servizio da mensa di modeste proporzioni è costituito dall’oi nochoe e dai due skyphoi, mentre importanti sono gli elementi di ornamento in ambra e la preziosa fuseruola in alabastro che connotano la defunta come una ricca e colta donna del ceto abbiente. Le coppe delle altre tombe sono variamente associate, ma sempre con ceramica d’importazione attica nella quale non manca mai la coppia di oinochoai che era evidentemente adibita a scopi particolari nel rituale funerario spinetico.

21All’interno di questi corredi è chiaro quindi che la suppellettile d’importazione attica svolge ancora un ruolo rilevante e che comunque rimane legata, con poche eccezioni, all’ambito del simposio. Di fabbricazione ateniese sono infatti tutti i crateri, i vasi per versare e la maggioranza dei vasi potori. L’ideologia ellenica si esplica quindi sempre attraverso oggetti greci che, con le raffigurazioni di cui sono portatori, contribuiscono a definire l’ambito dionisiaco e simposiaco al quale sono destinati. Predominante è infatti il repertorio figurativo legato al mondo di Dioniso ed al simposio.

22Quando si tratta di corredi femminili, tra gli elementi che concorrono all’individuazione del sesso, è sempre presente la suppellettile ceramica attica: lekythoi, alabastra e lekanides che non sottolineano soltanto l’ambiente femminile, ma anche la posizione di quella donna all’interno di una società fortemente ellenizzata.

23Il gruppo così rilevante di prodotti della bottega trovato nelle necropoli dell’emporion adriatico ci rivela che esiste un rapporta privilegiato con Atene, già documentato nel secolo precedente. Al materiale di Spina dovrebbero inoltre essere aggiunti gli esemplari di Bologna, ridistribuiti verso l’interno dalla costa e forse anche quelli di Ruvo, dal momento che questa località si trova vicino alla costa adriatica. Se accettiamo che la meta della via adriatica fosse il delta del Po e che i reperti legati a questa zona per motivi di viabilità siano da sommare a quelli spinetici, troviamo avviato in questa direzione quasi il 50% dei prodotti della bottega con provenienza nota.

  • 29 La tomba è stata scavata agli inizi del 1800 dal Duca Blacas a Nola (Corbett 1960).
  • 30 Hydria, Londra, British Museum F90: Beazley 1963, 1417, 1. Stemless cup, Londra, British Museum (...)

24La Campania, in particolare il golfo di Napoli, assorbe il 25% dei vasi, che sono una parte rilevante del totale, tenuto conto del fatto che la ceramografia attica è sostituita, nell’Italia meridionale, dalla produzione a figure rosse locale. La tomba Blacas di Nola è un esempio di quanto potesse essere ricca la suppellettile funeraria di una tomba del IV secolo a.C. situata nell’area campana. Come spesso è accaduto a seguito di scavi condotti nel secolo scorso, sono state conservate solamente le ceramiche di pregio, che sono comunque importanti per capire come veniva recepito ed utilizzato il prodotto attico29. Questa tomba è infatti un documento d’eccezione perché, accanto all’hydria della nostra bottega, ne troviamo un’altra, questa volta di fattura magnogreca, attribuita al Pittore dell’Orgia30. Questo vaso è più tardo di almeno un decennio rispetto all’hydria attica a cui è associato: la diversa datazione è deducibile, oltre che dallo stile con cui sono dipinte le figure, anche dalla forma che si presenta più tozza e pesante rispetto al prototipo greco. Possiamo ipotizzare che l’hydria e la coppa, che è un’opera della fase antica dell’attività del Pittore di Meleagro, siano arrivate agli inizi del IV secolo a.C., e che siano state conservate in un ambiente che le ha apprezzate a tal punto da ricercarne l’imitazione locale. I vasi attici sono stati deposti nella tomba nolana dopo un uso prolungato e sono stati associati a oggetti di fattura locale che dovevano aver assunto ormai un uguale prestigio. In questi primi decenni del secolo si può notare quindi un affiancamento delle ceramiche figurate di produzione greca a quelle di produzione indigena, ma ben presto la ricca ed esuberante suppellettile magnogreca prenderà il posto di quella attica e concorrerà all’esaurimento della produzione del Ceramico.

  • 31 Frg kylix, Firenze, Museo Archeologico 153137, inedito; Cratere a campana, Firenze, Museo Archeo (...)
  • 32 Pace 1930, 145; Bernardi 1986, 4345, tav. XIX a/b; Bruni 1993, 83.

25Anche il cratere a campana da Populonia, integro ma privo di qualsiasi dato relativo al ritrovamento, può essere presumibilmente considerato come facente parte di un corredo, poiché la città etrusca di IV secolo a.C. è tale da giustificare ancora l’arrivo di prodotti stranieri e il loro inserimento nel suo tessuto sociale31. In Etruria troviamo solamente il cratere ed un frammento di coppa a Populonia e tre coppe frammentarie a Chiusi; in questa regione però, è notevolmente diminuito il volume degli scambi secondo una curva discendente che ha le sue origini alla fine del V secolo a.C. Interessante è il reperto di Bientina32 perché documenta l’usanza diffusa di adibire a cinerario un grande vaso prestigioso di forma aperta quale è appunto il cratere a campana attico figurato; la tomba era priva di suppellettile funeraria ed il cratere era deposto in un dolio.

26Le coste francesi e spagnole, raggiunte da alcuni frammenti riferibili alla bottega, si collocano nel quadro della diffusione dei nostri prodotti come un dato importante, perché rivelano come l’atelier sia inserito nel flusso di esportazioni verso Occidente piuttosto che in quello verso Oriente. Mancano infatti le attestazioni lungo le rotte dirette verso Est, verso le coste dell’Africa, ma soprattutto verso le coste del Mar Nero che sono una delle mete commerciali più importanti; sembra dunque che, nei primi anni del IV secolo, gli interessi ateniesi siano ancora rivolti verso rotte più tradizionali. La circolazione verso Occidente si amplia e la penetrazione in territorio iberico si fa più capillare, ma ancora non è massiccia la diffusione allo sbocco delle pianure trace e nel Chersoneso, dove sono attestate opere di pochi pittori prima della produzione di Kerch.

  • 33 Sul problema dei graffiti commerciali (le iscrizioni k/P) si vedano: Johnston 1978; Johnston 197 (...)

27Strettamente connessa alla problematica riguardante la circolazione commerciale è l’analisi dei graffiti che, essendo stati apposti dopo la cottura del vaso, sono da leggere come marchi di carattere commerciale, non tanto legati al momento della produzione quanto al momento della vendita; sono frequenti dalla metà del V secolo i graffiti di tipo commerciale sotto il piede dei vasi, mentre scompaiono del tutto dopo il 380 a.C.; tra i graffiti individuabili sono da notare le linee incise ed i nomi indicanti la forma vascolare33. Le linee semplici, che spesso attraversano il piede, indicano che il vaso è stato in qualche modo registrato al momento della vendita e si trovano spesso su realizzazioni di un certo prestigio (Johnston 1978, 226).

28In un panorama piuttosto avaro di attestazioni, che può essere in parte determinato anche dalla scarsa conoscenza dei prodotti di IV secolo, sono a mio parere rilevanti le testimonianze epigrafiche che si trovano sotto il piede di tre crateri, uno a colonnette e due a campana, della bottega del Pittore di Meleagro.

  • 34 Per le fonti antiche sul termine si veda TLG, s.v. σκαФίς. Si tratta di vasi rotondi, concavi, u (...)

29I graffiti sotto il piede del cratere a colonnette di Dublino (Dublino, National Museum of Ireland 1880.507: Johnston 1979, 18C, 46; 22F, 6; 24F, 6) sono piuttosto complessi: le quattro linee verticali sono forse l’indicazione del numero dei crateri a colonnette preparati per la vendita, il termine κοριν θιοργηις indica appunto il tipo di forma, cioè il cratere di tipo corinzio. Troviamo inoltre il nome σκα Фίδες34 che ricorre spesso alla fine del V secolo sui crateri, indicante probabilmente che insieme ai quattro crateri venivano stivate e vendute quindici (ΔП) σκαФίδϵζ. Tutti questi “marchi”, oltre a confermare la vocazione commerciale della bottega, che rientra forse come appare dalle altre indicazioni in un circolazione organizzata, avvalorano anche la datazione del vaso agli inizi del IV secolo a.C.

30La sigla Π I è graffita sotto il piede di uno dei due crateri a campana (Ferrara, Museo Nazionale di Spina 3010: Johnston 1979, 14) con lo stesso significato numerico; Δ Π I si trova a Spina su uno skyphos degli inizi del IV secolo.

  • 35 Il cratere è inedito come la tomba 655B da cui proviene ed è conservato al Museo Nazionale di Sp (...)

31Un cratere a campana di Valle Pega (fig. 9) riporta35 un graffito particolare (fig. 10) in cui si legge: ΦΟΡΜΙΟΝ ΦΟΡΜΙΩΝΟ e tre linee.

Fig. 9 - Cratere a campana, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 67359. Scala 1:4.

Fig. 10 - Graffito del cratere 67359. Scala 1:2.

32τò Φορμίον è uno dei due diminutivi del sostantivo ό φορμός, il calathus, il paniere ο la cesta; più usato è φορμίσκος ο Φορμίσκιον.

33Φορμίωνο[ς] è il genitivo del nome proprio Φορμίων, attestato sia da fonti epigrafiche che da fonti letterarie del IV secolo a.C. e legato al nome di personaggi pubblici.

34I due nomi sono stati graffiti, quindi apposti dopo la cottura del vaso, in un momento diverso e da diversa mano rispetto alle tre linee che attraversano il bordo interno del piede.

  • 36 L’altra possibilità è il collegamento proposto dal Bechtel tra Φορμίων e Φόρημα-ατος, la veste, (...)

35Con un curioso gioco di parole, Formione, un ateniese ο forse uno spineta, ci ha voluto dire che il vaso era suo, ricorrendo ad un termine non proprio adatto al cratere, ma che richiama il suo nome; i termini hanno infatti un’etimologia comune collegata al sostantivo faros, ampio tessuto ο tela e quindi all’indoeuropeo tessere36.

  • 37 I frammenti di Lattes, Ensérune e Ullastret fanno forse parte delle merci esportate verso Ampuri (...)

36Il quadro che emerge dall’analisi dei dati in nostro possesso, mai definitivo per i caratteri propri del tipo di ricerca, è particolarmente interessante perché individua le caratteristiche della distribuzione di ceramica attica proprio nel momento di transizione tra due secoli. I vasi della bottega non raggiungono infatti ancora il Mar Nero, che riceverà invece la produzione successiva in grande quantità, ma non toccano neppure il Mediterraneo orientale, disegnando invece una direzione dei traffici che individua le mete finali da una parte in Spina e dall’altra in Ampurias37.

  • 38 Sull’importanza del sito: Landolfi 1987, 192-193; Baldelli in Lollini et alii 1991, 98; Paribeni (...)
  • 39 La facies dei porti è stata ipotizzata dalla Martelli (Martelli 1981, 171; Martelli 1981a, 326; (...)

37I vasi provenienti dalla Puglia rientrano nella circolazione in area adriatica che coinvolgeva Numana38 ed il delta padano, mentre il nucleo cospicuo della regione campana conferma l’ipotesi dell’esistenza di una cd. fades dei porti che comprende, oltre Napoli, Populonia e Genova sulle rotte per la Gallia ed il levante Spagnolo39.

  • 40 Cfr. le conclusioni sulle forme esportate nella penisola Iberica, Rouillard 1991, 160 sgg.

38Le forme più esportate, in accordo con le tendenze del secolo40, sono il cratere a campana e la coppa di tipo B, che sono anche i tipi di vasi più numerosi all’interno della produzione di questa bottega e di tutto il Ceramico. Erano esportati per la loro funzione legata al simposio e perché facilmente impilabili per essere poi riutilizzati nelle tombe, in particolare i crateri trovavano spesso una collocazione come cinerari.

  • 41 Sulla storia economica di Spina è intervenuto recentemente Sassatelli (Sassatelli 1993).

39Le motivazioni di questa ampia circolazione di merci41 sono da ricercare ancora una volta, come era per il V secolo, nell'approvvigionamento di grano, ο comunque di cereali, che spingerà le ceramiche attiche sulle coste del Mar Nero e nella ricerca di metalli che ha mosso il commercio attico con l’Etruria.

Bibliographie

AA. VV. 1985: AA.W., La Civiltà degli Etruschi. Milano, 1985.

AA. VV. 1987: AA.W., A Voyage into Time and Legend aboard the Kyrenia Ship. Athinai, 1987.

Addenda2: CARPENTER (T.H.), Beazley Addenda. Additional references to ABV, ARV 2 and Paralipomena. Oxford, 1989 (2nd ed).

Agora XII: SPARKES (Β.Α.), TALCOTT (L.), Black and Plain Pottery of the 6th, 5th and 4th century B.C. Princeton, 1970 (The Athenian Agora, XII).

Alfieri 1979: ALFIERI (N.), Spina. Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, 1. Bologna, 1979.

Arias 1957: ARIAS (P.E.), La ceramica greca di Spina e quella di Felsina. Affinità e differenze. In: Spina e l’Etruria padana. Atti del I Convegno di Studi etruschi, Ferrara 8-11 settembre 1957. Firenze, 1959 (SE, suppl. I), 65-73.

Baldoni 1982: BALDONI (D.), Ceramica di importazione a Spina: un gruppo di vasi corinzi. Musei Ferraresi, 1982, 27-54.

Beaumont 1936: BEAUMONT (R.L.), Greek Influence in the Adriatic Sea before the Fourth Century B. C. JHS, LVI, 1936, 159-204.

Beazley 1959: BEAZLEY (J.D.), Spina e la ceramica greca. In: Spina e l’Etruria padana. Atti del I Convegno di Studi etruschi, Ferrara 8-11 settembre 1957. Firenze, 1959 (SE, suppl. I), 47-56.

Beazley 1963: BEAZLEY (J.D.), Attic Red-figure Vase-painters. Oxford, 1963 (2nd ed).

Beazley 1971: BEAZLEY (J.D.), Paralipomena. Additions to Attic Black-figure Vase-painters and to Attic Red-figure Vase-painters. Oxford, 1971.

Bechtel 1917: BECHTEL (F.), Historischen Personennamen des Griechischen bis zur Kaiserzeit. Hall, 1917.

Bergonzi 1985: BERGONZI (G.), Società della tarda età del ferro, loro articolazioni e relazioni: l’area adriatica tra VI e IV secolo a.C. In: La Romagna tra VI e IV sec. a.C. nel quadro della protostoria dell’Italia centrale. Atti del Convegno, Bologna 23-24 ottobre 1982. Bologna, 1985, 67-98.

Bermond Montanari 1959: BERMOND MONTANARI (G.), Problemi sulla diffusione e sul commercio della ceramica attica nell’Italia settentrionale. Cisalpina, I, 1959, 293-308.

Bernabò Brea/Chiappella 1951: BERNABÒ BREA (L.), CHIAPPELLA (G.), Scoperte nella necropoli preromana di Genova. RSL, XVII, 1951, 184-198.

Bernardi 1986: BERNARDI (V.), Archeologia nel Bientina. Pontedera, 1986.

Blondé 1988: BLONDÉ (C.), Céramique du IVe s. av. J.-C.: matériel attique et local recueilli à Thasos. In: Proceedings of the 3rd Symposium on Ancient Greek and Related Pottery, Copenhagen, 1987 (dir. J. Christiansen, T. Melander). Copenhagen, 1988, 51-61.

Boardmann 1978-79: BOARDMANN (J.), The Athenian Pottery Trade. The Classical Period. Expedition, XXI, 4, 197879, 33-39.

Boardmann 1980: BOARDMAN (J.), The Greek Oversea. Their Colonies and Trade. London, 1980.

Bonomi 1986-87: BONOMI (S.), Importazioni di ceramica attica nel Veneto. In: Gli Etruschi a nord del Po, II. Mantova, 1986-87, 136-141.

Bouzek 1990: BOUZEK (J.), Studies of Greek Pottery in the Black Sea Area. Praha, 1990.

Braccesi 1979: BRACCESI (L.), Grecità adriatica. Bologna, 1979.

Bruni 1993: BRUNI (S.), Prolegomena a Pisa etrusca. In: Pisa. Piazza Dante. Uno spaccato della storia pisana da campagna di scavo 1991. Pontedoro, 1993, 23-94.

Burn 1991: BURN (L.), A Dinoid Volute-Krater by the Meleager Painter: an Attic Vase in the South Italian Manner. In: Greek Vases in the J. Paul Getty Museum, 5. Malibu, 1991 (Occasional Papers on Antiquities, 7), 107-130.

Campenon 1987: CAMPENON (C.), La place de la Péninsule ibérique dans le commerce des vases attiques à figures rouges autour de 400 av. J.-C. REA, 89, 1987, 180-192.

Casson 1978-79: CASSON (L.), Goods and Trade: the Classical Athens. Expedition, XXI, 4, 1978-79, 25-32.

Casson 1984: CASSON (L.), Ancient Trade and Society. Detroit, 1984.

Cook 1959: COOK (R.M.), Die Bedeutung der bemalten Keramik für den griechischen Handel. JDAI, LXXIV, 1959, 114-123.

Corbett 1960: CORBETT (P.E.), The Burgon and Blacas Tombs. JHS, LXXX, 1960, 52-60.

Curti 1993a: CURTI (F.), Contributo allo studio dei contatti commerciali tra Spina e Atene nel IV secolo a.C.: la ceramica figurata. In: Studi sulla necropoli di Spina in Valle Trehha. Atti del Convegno (Ferrara, 15 ottobre 1992). Ferrara, 1993, 133-154.

Curti 1993b: CURTI (F.), Tombe di IV secolo a.C. In: Spina. Storia di una città, 292-307.

D’amicis 1994: D’AMICIS (Α.), I sistemi rituali: l’incinerazione. In: Catalogo del Museo Archeologico Nazionale di Tarante, III, 1. Taranto, 1997, 148175.

Desantis 1993: DESANTIS (P.), Le anfore commerciali della necropoli di Spina (Valle Trebba). In: Studi sulla necropoli di Spina in Valle Trebba. Atti del Convegno (Ferrara, 15 ottobre 1992). Ferrara, 1993, 155-166.

Dias Diogo 1984: DIAS DIOGO (A.M.), Greek Pottery in Portugal. A Preliminary Assesment. In: Ancient Greek and Related Pottery, Proceedings of the International Vase Symposium in Amsterdam, 12-15 april 1984. Amsterdam, 1984, 204-207.

Di Bari 1981: DI BARI (V.C.), La ceramica attica a figure rosse in Puglia nel V secolo a.C. Alcuni aspetti del problema commerciale. RAL, XXXVI, 1981, 197-210.

Dimitriadu/Alexandrescu 1973: DIMITRIADU (S.), ALEXANDRESCU (P.), L’importation de la céramique attique dans les colonies du Pont Euxin avant les guerres médiques. RA, 1973, 23-38.

Favaretto 1976: FAVARETTO (I.), Aspetti e problemi della ceramica greca di Este. SE, XLIV, 1976, 43-67.

Fedeli 1983: FEDELI (F.), Populonia, storia e territorio. Firenze, 1983.

Gallet de Santerre 1977: GALLET DE SANTERRE (H.), La diffusion de la céramique attique aux Ve et IVsiècles avant J.-C. sur les rivages français de la Méditerranée. RAN, X, 1977, 33-57.

Gamba 1982: GAMBA (M.), Un frammento di ceramica attica dallo scavo dell’area ex Pilsen a Padova. ArchVen, V, 1982, 7-19.

Gamba 1986: GAMBA (M.), Nuovi ritrovamenti di ceramica attica nel Veneto. AN, LVII, 1986, 642-664.

Garcia Cano 1985: GARCIA CANO (J.M.), Cerámicas âticas de figuras rojas en el sureste peninsular. In: Ceràmiques gregues i helenístiques a la Peninsula Ibèrica (E. Sanmartí, M. Picazo eds.). Taula Rodona, Empúries, 18-20 març 1983. Barcelona, 1985 (Monografies Emporitanes, VII), 59-70.

Gitti 1952: GITTI (Α.), Sulla colonizzazione greca dell’alto e medio Adriatico. PP, XXXIV, 1952, 161-191.

Giudice 1985: GIUDICE (F.), Osservazioni sul commercio dei vasi attici in Etruria e in Sicilia: su una lekythos del pittore della Gigantomachia con iscrizione “LASA SA”. CASA, XVIII, 1979 (1985), 153-162.

Giudice 1989: GIUDICE (F.), Vasi e frammenti Beazley da Locri Epizefiri, I. Catania, 1989.

Hannestad 1988: HANNESTAD (L.), The Athenian Potter and the Home Market. In: Proceedings of the 3rd Symposium on Ancient Greek and Related Pottery, Copenhagen, 1987 (J. Christiansen and T. Melander eds.). Copenhagen, 1988, 222-230.

Hannestad 1989: HANNESTAD (L.), Athenian Pottery in Etruria (550-470 B.C.). AAAH, LIX, 1989, 113-130.

Hopper 1979: HOPPER (R.J.), Trade and Industry in Classical Greece. London, 1979.

Hostetter 1986: HOSTETTER (E.), Bronzes from Spina, I. Mainz am Rhein, 1986.

Johnston 1978: JOHNSTON (A.W.), List of Contents: Attic Vases. AJA, 82, 2, 1978, 222-226.

Johnston 1979: JOHNSTON (A.W.), Trademarks on Greek Vases in Greece and Rome. Warminster, 1979.

Jully 1992: JULLY (J.J.), Céramiques grecques en Méditerranée nord-occidentale, VIIe-IVsiècle av. J.-C. Athinai, 1992 (Miscellanea hellenica, 1).

La Genière 1986: LA GENIERE (J.) de, Nota sui traffici di vasi attici in Puglia nel V secolo a.C. In: Salento Porta d’Italia. Atti del Convegno internazionale di Lecce, 1986. Galatina, 1989, 157-162.

Landolfi 1982: LANDOLFI (M.), La ceramica attica figurata nelle Marche. Mostra didattica. Quaderno 1, Castelferretti, 1982.

Landolfi 1987: LANDOLFI (M.), I traffici con la Grecia e la ceramica attica come elemento del processo di maturazione urbana della civiltà picena. In: La formazione della città in Emilia Romagna, I. Prime esperienze urbane attraverso le nuove scoperte archeologiche. Bologna, 1987 (Studi e Documenti di Archeologia, III), 187-199.

Lepore 1983: LEPORE (E.), Problemi storici dell’area adriatica nell’età della colonizzazione greca. In: L’Adriatico tra Mediterraneo e penisola balcanica nell’antichità. Atti del Convegno (Lecce-Matera 21-27 ottobre 1973). Taranto, 1983, 127-146.

Lollini et alii 1991: La ceramica attica figurata nelle Marche (a cura di D.G. Lollini, G. Baldelli e M. Landolfi). Catalogo della Mostra didattica, Ancona, primavera 1982. Castelferretti, 1991.

Loreti 1949-50: LORETI (L.), La ceramica attica a i commerci greco-padani nel V sec. a.C. Emilia Preromana, II, 1949-50, 13-49.

Luni 1981: LUNI (M.), Nuove tracce della frequentazione greca dell’Adriatico occidentale e riconoscimento dello scalo marittimo greco di S. Maria di Focara (Pesaro). RAL, XXVI, 1981, 45-75.

Martelli 1979: MARTELLI (M.), Prime considerazioni sulla statistica delle importazioni greche in Etruria in periodo arcaico. SE, XLVII, 1979, 37-51.

Martelli 1981: MARTELLI (M.), Populonia: cultura locale e contatti con il mondo greco. In: L’Etruria mineraria. Atti del XII Convegno di Studi etruschi ed italici, Firenze, Populonia, Piombino, 1979. Firenze, 1981 (SE, suppl. XII), 399-427.

Martelli 1989: MARTELLI (M.), La ceramica greca in Etruria: problemi e prospettive di ricerca. In: Atti del II Congresso Internazionale Etrusco, Firenze 26 Maggio-2 Giugno 1985. Roma, 1989, 781-812.

Massei 1978: MASSEI (L.), Gli askoi a figure rosse nei corredi funerari delle necropoli di Spina. Milano, 1978.

McPhee/Trendall 1987: McPHEE (J.), TRENDALL (A.D.), Greek Red-figured Fish-plates. Basel, 1987.

Monaco 1993: MONACO (M. C.), Un cratere già nella collezione I. Falchi ed il problema delle oxides. RAL, IV, 1, 1993, 67-85.

Olmos 1984: OLMOS (R.), Interprétations ibériques des vases grecs: le IVe av. J.-C. In: Ancient Greek and Related Pottery, Proceedings of the International Vase Symposium in Amsterdam, 12-15 april 1984. Amsterdam, 1984, 218-223.

Pace 1930: PACE (B.), Nuove scoperte archeologiche nel Padule di Bientina. SE, IV, 1930, 143-150.

Paoli/Parrini 1988: PAOLI (L.), PARRINI (Α.), Corredi di età ellenistica dalla necropoli di Spina. Ferrara, 1988.

Pekary 1979: PEKARY (T.), Die Wirtschaft der griechischromischen Antike. Wiesbaden, 1979.

Picazo 1977: PICAZO (M.), Las cerámicas áticas de Ullastret. Barcelona, 1977.

Pippidi 1971: PIPPIDI (D.M.), I Greci nel basso Danubio. Milano, 1971.

Reho 1990: REHO (M.), La ceramica attica a figure nere e rosse nella Tracia Bulgara. Roma, 1990.

Rendeli 1989: RENDELI (M.), Vasi attici da mensa in Etruria - Note sulle occorrenze e sulla distribuzione. MEFRA, CI-CII, 1989, 545-579.

Rendic Miocevic 1965: RENDIC MIOCEVIC (D.), I Greci in Adriatico. StudRomagn, XVI, 1965, 379-391.

Rouillard 1986: ROUILLARD (P.), Les Grecs et la Péninsule ibérique: les acquis de la recherche récente. RA, 1986, 206-211.

Rouillard 1991: ROUILLARD (P.), Les Grecs et la Péninsule ibérique du VIIIe au IVe siècle avant J.-C. Paris, 1991 (Publ. Centre Pierre Paris, 21).

Rouillard 1992: ROUILLARD (P.), La place de Marseille dans le commerce des vases attiques à figures rouges en Méditerranée occidentale (Ve-IVe s. av. J.-C.). In: Marseille grecque et la Gaule (dir. M. Bats, G. Bertucchi, G. Congès et H. Tréziny). Actes des colloques de Marseille, 1990. Lattes-Aix-en-Provence, 1992 (Études Massaliètes, 3), 179-187.

Sassatelli 1993: SASSATELLI (G.), La funzione economica e produttiva: merci, scambi, artigianato. In: Spina. Storia di una città, 179-217.

Spina. Storia di una città: Spina. Storia di una città tra Greci ed Etruschi (a cura di F. Berti e P.G. Guzzo). Catalogo della mostra di Ferrara, 26 settembre 1993 - 15 maggio 1994. Ferrara, 1993.

Tagliamonte 1987: TAGLIAMONTE (G.), Ceramica attica in area “medio-adriatica” abruzzese. Prospettiva, LI, 1987, 37-45.

Taranto 1997: Atleti e guerrieri. Catalogo del Museo Nazionale Archeologico di Taranto, I, 3. Taranto, 1997.

Trias de Arribas 1968: TRIAS DE ARRIBAS (G.), Cerámicas griegas de la Península Ibérica. Valencia, 1968.

Vallet 1950: VALLET (G.), Athènes et l’Adriatique. MEFRA, LXII, 1950, 35-52.

Villard 1960: VILLARD (F.), La céramique grecque de Marseille. Essai d’histoire économique. Paris, 1960 (BEFAR, 195).

Wells/Bonfante 1978-79: WELLS (P.), BONFANTE (L.), L’Europa centro-occidentale e il Mediterraneo: il declino dei commerci nel V secolo a.C. Expedition, XXI, 4, 1978-79, 18-24.

Zuffa 1982: ZUFFA (M.), I commerci ateniesi nell’Adriatico e i metalli d’Etruria. In: Scritti di Archeologia. Roma, 1982, 345-373 (= Emilia Preromana, VII, 1975).

Notes

1 Desidero ringraziare in maniera particolarmente affettuosa la Dott.ssa F. Berti che mi offre ormai da anni interessanti occasioni di ricerca. Si presenta in questa sede una sintesi dei risultati emersi dallo studio analitico dei prodotti della bottega e dei contesti di ritrovamento oggetto della tesi di Dottorato dal titolo: “La bottega del Pittore di Meleagro tra V e IV secolo a.C.: forme, sviluppo, significati di un’età di transizione”, in corso di rielaborazione per la stampa nei suppl. RdA con l’aiuto ed i con-· sigli del Prof. L. Beschi e del Prof. E. La Rocca. La raccolta comprende numerosi pezzi ancora in corso di studio, questo contribute prende in considerazione quindi solo i 118 vasi già analizzati. Nel testo e nelle note t. indica tomba, mentre la lettera maiuscola dopo il numero indica il dosso della necropoli di Valle Pega; quando non è indicata la lettera si tratta della necropoli di Valle Trebba. I disegni sono depositati presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara e sono opera di A. Rosa.

2 Cratere a calice, Atene, Museo Archeologico Nazionale 12489: Beazley 1963, 1409, 10; Beazley 1971, 490; Addenda2, 374. Coppa priva di stelo, Oxford, Ashmolea Museum 1936.614; Beazley 1963, 1414, 95; Addenda2, 375. Coppa priva di stelo, Londra, British Museum Ε129: Beazley 1963, 1414, 89; Beazley 1971, 490; Addenda2, 375.

3 Cratere a campana, Londra, British Museum 1917.7-25.2: Beazley 1963, 1410, 16. Pelike, Beazley 1963, 1411, 42. Hydria, Napoli, Museo Archeologico Nazionale 81837: Beazley 1963, 1412, 47. Coppa, Dublino National Museum of Ireland: Beazley 1963, 1412, 58.

4 Cratere a calice, Boston, Museum of Fine Arts 21271: Beazley 1963, 1417, 2; Addenda2, 375. Cratere a campana, Parigi, Bibliothèque Nationale 91C202732: Beazley 1963, 1415.

5 Cratere a volute, Vienna, Kunsthistorisches Museum 158: Beazley 1963, 1408, 1; Addenda2, 374.

6 Hydria, Taranto, Museo Archeologico Nazionale, 4399: Beazley 1963, 1412, 48, D’amicis 1994, 150-152; Taranto, 1997, 384. Hydria, Ruvo, coll. Jatta, 1418: Beazley 1963, 1412, 49; Beazley 1971, 490. Hydria, Napoli, Museo Archeologico Nazionale, 81834: Beazley 1963, 1412, 50; Addenda2, 374. Cratere a calice, Ruvo, coll. Jatta, 1498: Beazley 1963, 1409, 9; Beazley 1971, 490; Addenda2, 374. Hydria, New York, Metropolitan Museum of Art, 56.171.56: Beazley 1963, 1412, 46; Addenda 2, 374. Pelike, Voronezh, Fine Arts Museum, 108: Beazley 1963, 1411, 41. Hydria, Londra, British Museum, F90: Beazley 1963, 1417, 1.

7 Vienna, Kunsthistorisches Museum 158: Beazley 1963, 1408,1; Addenda 2, 374. Malibu, Paul Getty Museum 87. AE. 93: Burn 1991; il cratere è stato acquistato sul mercato antiquario; secondo l’opinione del responsabile della sezione del Paul Getty Museum potrebbe provenire da una zona della Magna Grecia.

8 Atene, Museo Archeologico Nazionale 12489: Beazley 1963, 1409, 10. Atene, Museo Archeologico Nazionale 12596: AA.VV., 1987, n. 116. Atene, Museo Archeologico Nazionale 12196: AA.VV., 1987, n. 115.

9 Ruvo, Collezione Jatta 1498: Beazley 1963, 1409, 9. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 4920: Beazley 1963, 1409,12. Bologna, Museo Civico Archeologico 17949: Beazley 1963, 1409, 13. Bologna, Museo Civico Archeologico Pell. 305: Beazley 1963, 1416, 1.

10 Secondo un calcolo approssimativo dal corpus del Beazley.

11 Ferrara, Museo Nazionale di Spina 8918: Beazley 1963, 1409, 4bis. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 28737: Beazley 1963, 1409, 3. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 3008: Beazley 1963, 1409, 7. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 31178; Beazley 1971, 490. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 25630; Beazley 1963, 1409, 6. Ferrara, Museo Nazionale di Spina 16023: Beazley 1963, 1409, 4. Ferrara, Museo Nazionale di Spina T783: Beazley 1963, 1409, 5 (non reperibile). Questo nucleo di vasi e le connessioni con la produzione degli ultimi crateri a colonnette del V secolo a.C. saranno oggetto di un mio prossimo contributo.

12 Voronezh, Fine Arts Museum 108: Beazley 1963, 1411, 41. Atene, Museo dell’Agorà, Pnice 100: Beazley 1963, 1411, 43.

13 Ferrara, Museo Nazionale di Spina 4553; 4555: Beazley 1963, 1414, 99-100. I due piatti senza stelo sono simili alle redazioni attiche a vernice nera (cfr. Agora XII, fig. 10, 1054). Sui piatti con stelo attici a figure rosse manca ancora uno studio di sintesi; cfr. Alfieri 1979, 94-94-96; Parmeggiani in AA.VV. 1985, 188-190; Curti 1993, 137.

14 La bibliografia riguardante il problema commerciale è ormai piuttosto vasta, tra i contributi più interessanti vorrei citare: Cook 1959; Hopper 1979; Pekary 1979; Boardman 1978-1978-79; Casson 1978-79; Wells/Bonfante 1978-79; Martelli 1979; Boardman 1980; Martelli 1981; Casson 1984; Martelli in AA.VV. 1985, 175-181; Giudice 1989, 96, in particolare nota 497, in cui, attraverso alcune notazioni bibliografiche, l’autore riassume l’importanza del dato archeologico per lo studio del fenomeno commerciale attico; Hannestad 1988, con storia degli studi; Hannestad 1989; Martelli 1989, con discussione della bibliografia alle note 1-2; Rendeli 1989; Rouillard 1991, con un bilancio dei commerci attici verso l’Occidente ed un’ampia bibliografia.

15 GRECIA: Atene 5, Grecia 1, Corfù 1. ITALIA: Bientina 1, Bologna 3, Calvi 1, Capua 4, Chiusi 3, Napoli 3 e 2 dubbi, Nola 6, Populonia 2, Ruvo 3 e 1 dubbio, S. Agata dei Goti 2, Spina 27, Taranto 1, Villa Magna 1, Etruria 1, Italia meridionale 1 dubbio, Italia 1 e 1. FRANCIA: Ensérune 3, Lattes 1. SPAGNA: Ullastret 2. Durante i lavori di questo Convegno sono stati segnalati numerosi frammenti ο vasi interi attribuibili alla bottega in esame; questi nuovi dati, pur non aggiungendo niente di nuovo al problema della diffusione nel Mediterraneo, dovranno essere considerati per un futuro studio quantitativo. Cfr. infra gli interventi di Mannino/Roubis, Dubosse, Sabattini.

16 I frammenti della Pnice e dell’Agora di Atene, di Ensérune e di Ullastret provengono da contesti documentati; i corredi tombali sono: Spina, necropoli di valle Pega tombe 45A, 65A, 89A, 121 A, 143A, 268A, 10B, 330B, 655B, 1086B, 206C, 669C; necropoli di Valle Trebba tombe 25, 51, 612, 741, 760, 820, 862, 893, 980; Nola, tomba Blacas; Bientina, sepoltura in dolio; Genova, tomba 112; Taranto, tomba III in contrada Madre Grazie. Il cratere a campana usato come cinerario della tomba 112 della necropoli di Genova è vicino alle opere analoghe della bottega con scene di banchetto (Bernabò Brea/Chiappella 1951, 176-187); la tomba è in corso di studio da parte della dott.ssa Melli della Soprintendenza Archeologica della Liguria.

17 Frgg. di kylix, Roma, Museo di Villa Giulia e Firenze, Museo Archeologico: Beazley 1963, 1412, 59. Frgg. di kylix, Firenze, Museo Archeologico: Beazley 1963, 1417, 11. Frg. di kylix, Firenze, Museo Archeologico: Beazley 1963, 1416, 10. Frg. di kylix, Firenze, Museo Archeologico: Beazley 1963, 1413, 83. Frgg. di kylix, Firenze, Museo Archeologico 151660: Beazley 1963, 1413, 84.

18 Malibu, Paul Getty Museum 87. AE. 93: Burn 1991; il contesta di ritrovamento del vaso non è conosciuto dal momento che si tratta di un acquisto recente effettuato sul mercato antiquario dal Paul Getty Museum di Malibu. Nellmviarmi la documentazione fotografica completa il funzionario responsabile della sezione del Museo me ne ha comunicato, su mia richiesta, la probabile provenienza dall’Italia meridionale.

19 Un rapido quadro della circolazione commerciale relative alla bottega del Pittore di Meleagro è già stato presentato in Curti, 1993, 137-138. Data la situazione particolarmente problematica in cui si trovano i materiali provenienti dalle necropoli spinetiche, conservati nel Museo Nazionale di Spina a Ferrara, non ho potato esaminare tutto il materiale delle tombe.

20 Un frammento risulta sporadico e un cratere a colonnette proviene da un sequestro: Beazley 1963, 1410, 28 e 1409, 3

21 I materiali della t. 143A sono inediti. Per il corredo della t. 669C si veda Massei 1978, 235-237; per la t. 45A si veda Massei 1978, 122-123.

22 La t. 330B è inedita, conosciamo l’associazione del cratere con due pelikai del Gruppo G (Beazley 1963, 1462). La t. 51 è piuttosto modesta, conteneva infatti, oltre al cratere, uno skyphos del tipo Saint-Valentin ed un frammento di skyphos attico a figure rosse. Del cratere della t. 1086B sappiamo soltanto che era associato con due oinochoai del Gruppo del Ragazzo Grasso. Il corredo della t. 25 comprende anche due oinochoai a figure rosse attiche; ceramica attica a vernice nera: sei ciotole, due piatti, due skyphoi ed una kylix; dodici piattelli in argilla depurata e verniciata. Per il corredo della t. 820 si veda Massei 1978, 80-81.

23 Curti 1993b, 294.

24 Per il corredo, ricco di ceramica attica, si veda Massei 1978, 131-132; Mc Phee/Trendall 1987, 36, n. 33-34.

25 Per la t. 10B si veda Massei 1978, 304-306. I materiali del corredo della t. 980, un kantharos Saint-Valentin, una ciotola a vernice nera attica ed un piatto su stelo a pasta grigia, sono inediti. Entrambe le tombe possono essere datate al primo quarto del IV sec. a.C.

26 Massei 1978, 284.

27 Hostetter 1986, 46-47. Per il corredo si veda Curti 1993b, 295-297.

28 Il corredo completo della t. 741 è inedito. Per la t. 45A si veda Massei 1978, 122-123 Per la t. 206C conosciamo soltanto l’associazione con due oinochoai del Gruppo del “Fat Boy”. Il corredo della t. 143A è inedito, ma la ceramica attica figurata riporta alla fine del V sec. a.C.; anche la t. 760 è inedita e contiene due oinochoai del Gruppo del “Fat Boy”, vernice nera attica e ceramica grigia degli inizi del IV secolo a.C. Ricca di ceramica attica figurata ο decorata a reticolo è la t. 862, inedita e databile al primo quarto del IV sec. a..C. analogamente alla t. 893 inedita. Per il ricco corredo della t. 89A si veda Curti 1993a, 298-299.

29 La tomba è stata scavata agli inizi del 1800 dal Duca Blacas a Nola (Corbett 1960).

30 Hydria, Londra, British Museum F90: Beazley 1963, 1417, 1. Stemless cup, Londra, British Museum E129: Beazley 1963, 1414, 89.

31 Frg kylix, Firenze, Museo Archeologico 153137, inedito; Cratere a campana, Firenze, Museo Archeologico 81907: Beazley 1963, 1415. Nella prima metà del IV secolo a.C., Populonia rimane un polo importante per gli scambi nel Tirreno anche dopo la chiusura dei porti dell’Etruria meridionale (Martelli 1989, 791 e n. 35). In questo momento, la città conosce un periodo di fioritura economica collegata all’attività siderurgica; l’agglomerato urbano si amplia e sorgono nuove necropoli mentre le scorie della lavorazione del ferro occupano le aree destinate ai sepolcreti arcaici (per la storia del sito, vedi Fedeli 1983, 132-138). Interessante è la somiglianza tra il cratere di Populonia e quello di Genova citato alla nota 15.

32 Pace 1930, 145; Bernardi 1986, 4345, tav. XIX a/b; Bruni 1993, 83.

33 Sul problema dei graffiti commerciali (le iscrizioni k/P) si vedano: Johnston 1978; Johnston 1979, 203, 228-230 e recentemente Monaco 1993.

34 Per le fonti antiche sul termine si veda TLG, s.v. σκαФίς. Si tratta di vasi rotondi, concavi, usati per la farina; sulle loro dimensioni non esistono dati.

35 Il cratere è inedito come la tomba 655B da cui proviene ed è conservato al Museo Nazionale di Spina a Ferrara 67 395. Il graffito è inedito e merita uno studio specifico. Il nome è attestato nelle fonti letterarie contemporanee (si veda TLG, s.v. Φορμίων); due sono gli ateniesi famosi che si chiamavano così: un importante generale della guerra del Peloponneso (Tucidide I, 64; 65; 117; II, 29; 68) ed un mercante in difesa del quale scrisse un’orazione Demostene. Φορμίον, τό (TLG, s.v δ) è un piccolo vaso.

36 L’altra possibilità è il collegamento proposto dal Bechtel tra Φορμίων e Φόρημα-ατος, la veste, ciò che si porta, da Φορέω frequentativo di φέρω (Bechtel 1917, 600), ma tale legame non sembra proponibile per φορμίον.

37 I frammenti di Lattes, Ensérune e Ullastret fanno forse parte delle merci esportate verso Ampurias e nella sua area d’influenza.

38 Sull’importanza del sito: Landolfi 1987, 192-193; Baldelli in Lollini et alii 1991, 98; Paribeni in Lollini et alii 1991, 18; Il problema della circolazione in area adriatica è stato approfondito in questo convegno da Landolfi per il pittore di Filottrano (vedi infra).

39 La facies dei porti è stata ipotizzata dalla Martelli (Martelli 1981, 171; Martelli 1981a, 326; Martelli, 1989, 791). Molto importante in questa ottica sarà appurare l’appartenenza alla bottega del Pittore di Meleagro del cratere della tomba di Genova.

40 Cfr. le conclusioni sulle forme esportate nella penisola Iberica, Rouillard 1991, 160 sgg.

41 Sulla storia economica di Spina è intervenuto recentemente Sassatelli (Sassatelli 1993).

Table des illustrations

Légende Fig. 2 - Cratere a colonnette, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 25630. Scala 1:4.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 148k
Légende Fig. 3 - Cratere a campana, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 3194. Scala 1:4.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 196k
Légende Fig. 4 - Kylix, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 3130. Scala 1:3.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 12k
Légende Fig. 5 - Stemless cup, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 25852. Scala 1:3
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 8,0k
Légende Fig. 6 - Piatto, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 4553. Scala 1:3.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 4,0k
Légende Fig. 7 - Provenienze delle forme chiuse, aperte e dei crateri.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 192k
Légende Fig. 8 - Diffusione delle opere della bottega del Pittore di Meleagro nel Mediterraneo.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 72k
Légende Fig. 9 - Cratere a campana, Ferrara, Museo Archeologico Nazionale di Spina, 67359. Scala 1:4.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 56k
Légende Fig. 10 - Graffito del cratere 67359. Scala 1:2.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/1937/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 36k

Auteur

Dottore di Ricerca – Firenze.

© Publications du Centre Jean Bérard, 2000

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search