Version classiqueVersion mobile

Studi e ricerche su Puteoli romana

 | 
Giuseppe Camodeca

Il tempio di Augusto

Alfonso De Franciscis

Texte intégral

1Desidero esprimere una mia particolare soddisfazione nel notare continuità di interessi nella ricerca archeologica che riguarda Puteoli. È questa una cosa che in effetti rientra in una tradizione della cultura napoletana che ha radici lontanissime, è una tradizione ricca e densa, piena di «bibliografia», una tradizione che risale agli albori del Rinascimento con il Boccaccio, al pieno fiorire della rinascenza umanistica con il Pontano; infine, per restare ad un livello ed in un ambito più vicino a noi, più tecnico, è una tradizione viva entro le attività della Soprintendenza archeologica napoletana.

2Avete, nel corso di questo incontro, sentito citare lavori, ricerche, studi che si datano in quest’ultimo secolo; non vi è stato infatti Soprintendente, non v’è stato archeologo militante della Soprintendenza ο docente della nostra Université che non abbia sentito, direi quasi, il dovere scientifico di occuparsi della zona flegrea in genere e di Pozzuoli in particolare. Basti ricordare quello che Amedeo Maiuri ha fatto per i Campi Flegrei, quanto egli ha operato sul terreno, quanto ha pubblicato. A lui si deve fra l’altro la realizzazione di quello antiquarium puteolano, del quale egli mi affidò poi il primo ordinamento, Antiquarium da tanti studiosi e per tanto tempo auspicato (basti ricordare qui il contributo scientifico di Raimondo Annecchino), e che per vicende varie, soprattutto per i moti bradisismici degli anni Settanta, ebbe sorte avversa. Vogliamo ora augurarci che si trovi presto il modo per dare di nuovo vita a questa benemerita istituzione.

3Più tardi è capitato a me di raccogliere in questo campo l’eredità culturale del Maiuri, e negli anni nei quali ho avuto l’onore di reggere la Soprintendenza napoletana ho fatto, spero, del mio meglio per tenere desta una tale tradizione, con lo stesso entusiasmo, anche se non con la stessa competenza e saggezza del mio maestro e predecessore. Sono perciò molto lieto che oggi il Soprintendente Zevi coltivi anch’egli questo filone culturale insieme con i suoi collaboratori e formulo gli auguri di buon successo.

4Così, esprimo il mio rallegramento nel conoscere che lavori di conservazione e di assicurazione statica sono in corso ai ruderi del cosidetto tempio di Nettuno. Si tratta di lavori davvero opportuni e voglio augurarmi che un simile intervento possa essere fatto anche per il «tempio di Venere» a Baia, dove alcuni anni or sono si pensò di operare in un senso analogo e dove i soliti intoppi burocratici ο finanziari non permisero di porvi mano.

5A questo proposito, non so se sia il momento opportuno per chiedere agli architetti che si occupano del «tempio di Nettuno» se essi abbiano anche cercato di interpretare questo monumento. Penso infatti che il riconoscere di un monumento architettonico la natura, la funzione, il significato possa costituire una valida guida per eseguire nel modo più opportuno le opere di conservazione del monumento stesso, dal momento che ogni intervento su un manufatto è, ο dovrebbe essere anche un modo di intenderlo e valutarlo.

6A Pozzuoli dunque ebbi occasione di dedicare negli scorsi decenni molta parte della attività che svolgevo, recando qualche contributo alla conoscenza della topografia, dei monumenti, della storia di questo importante centro, nonché della sua vita quotidiana nel corso dei secoli. Nell’area dell’Acropoli, l’attuale Rione Terra, abbiamo ritrovato le prime tracce del più antico insediamento coloniale, cioè dello epineion Kymaion, per entro un tessuto di strutture che risalgono ad età più recenti; ancora, si è lavorato qui alla messa in luce delle grandiose strutture superstiti del tempio di Augusto, come diremo meglio in seguito, nonché di un bel tratto della strada di età romana che costituiva la via d’accesso all’acropoli stessa. Nell’area urbana si sono recuperati in varie parti (Olivetti, via Terracciano, officina marmoraria) strutture ed elementi della città romana, ma ovviamente non potevano mancare ricerche all’Anfiteatro, e qui sono stati esplorati e sistemati i sotterranei per quei settori ancora meno conosciuti, e si è scoperto il limite del monumento, con il suo ampio marciapiede, che, come troviamo anche all’Anfiteatro Campano, fasciava, per cosi dire, ed isolava dall’area urbana circostante il monumento stesso.

7Fra i molteplici aspetti che presenta oggi l’archeologia puteolana accennerò in questa sede, e molto in breve, al tempio di Augusto, sia perché si tratta di un cospicuo monumento, sia perché esso è al centro di delicati e non ancora risolti problemi di tutela e conservazione, sia perché mi accorgo che sin dal momento del suo recupero spesso ne ho parlato, ma nulla ancora ne ho scritto, mentre i dati da me forniti hanno avuto la fortuna di stimolare qua e là pubblicazioni e ricerche. Ma qui desidero esprimere profonda gratitudine e riconoscenza a Monsignor Salvatore Sorrentino, vescovo di Pozzuoli, per l’impegno culturale, la premura e la dottrina con cui ha vegliato sulle varie fasi della ricerca e degli studi.

8La scoperta è stata innanzitutto notevole, in quanto si ignorava, fino al momento dell’incendio del 1965, che fosse intatta tanta parte ancora del tempio di Augusto. Lo stesso Maiuri, lo studioso più qualificato e che meglio di ogni altro conosceva la realtà archeologica puteolana, scriveva «il Duomo si trova sul sito ove era il tempio di Augusto»; in effetti il Duomo è il tempio di Augusto, rivestito, e pare anche malamente, da una decorazionne in stucco che era nel gusto dell’età barocca, ma che, come apprendo dagli esperti, risale sostanzialmente al secolo scorso.

9Il solo fatto che si siano riscoperte le strutture di questo tempio, e che esse siano state rinvenute in un notevole stato di conservazione, è cosa di particolare importanza: anche senza condurre una ricerca esauriente, possiamo dire che sono pochi i templi di età romana conservati nelle stesse condizioni fino ai nostri giorni.

10Secondo elemento importante è la scoperta che questo tempio sorge ove ne era uno precedente, ed il podio di questo risulta sostanzialmente inserito in quello del tempio augusteo. Anche quel che conosciamo del tempio più antico riveste particolare interesse, soprattutto dal punto di vista della tecnica struttiva. Infatti abbiamo qui un podio per la cui creazione è stato in parte utilizzato l’andamento naturale della roccia quale esso si presentava in quel punto, ed esso poi è stato adattato con tagli e con aggiunta di blocchi della stessa materia, per ottenere le misure e la forma previste. Del podio conosciamo anche elementi delle cornici e dell’elevato. Interessante è poi la presenza di una decorazione frontonale fittile, raro esempio del genere, che quando sarà studiata a fondo costituirà un nuovo elemento per la conoscenza della scultura nell’Italia antica.

11Questo primo complesso templare si può datare nel corso del III-II secolo avanti Cristo, quando la città era sotto il dominio di Roma: una cronologia più precisa si potrà ottenere attraverso lo studio dei reperti, anche se molti di essi, in particolare il cocciame rinvenuto nell’intercapedine creatasi tra i due podi, si trova in zona sconvolta. Del resto, basti pensare da un lato alla manomissione del sito in occasione della costruzione del tempio augusteo, e dall’altro al fatto che la trasformazione in chiesa cristiana comportò accanto a tanti mutamenti anche l’impiego come succorpo del blocco del podio italico, con tagli di tombe nella roccia naturale.

12Per quanto riguarda il tempio marmoreo dell’età augustea, con il recupero degli elementi venuti in luce nel corso dello scavo possiamo riconoscere un gran numero di elementi utili alla conoscenza del monumento, misure, pianta, elevato, strutture, decorazioni, etc., e riconosciamo il tempio come di esso ci era stata tramandata nozione attraverso testimonianze varie, come il noto disegno di Giuliano da Sangallo. Per quanto concerne la pianta, degno di considerazione è il fatto che l’accesso al podio, che è piuttosto alto, avviene per due gradinate che sono sui fianchi, mentre manca la consueta gradinata sul prospetto. Tale mancanza si direbbe contrasti quasi con quella concezione assiale che è caratteristica dell’architettura nell’Italia antica, ma si potrebbe anche dire che in tal modo viene maggiormente esaltato per l’appunto il prospetto.

13Fra gli elementi dell’elevato degni di nota sono i frammenti della cornice frontonale, i quali fanno conoscere anche l’angolatura del tetto, e i frammenti delle sculture che appartengono alla decorazione del frontone stesso. Inoltre abbiamo recuperato un certo numero delle tegole marmoree con relative antefisse.

14Dal punto di vista urbanistico possiamo constatare che il tempio si innalza entro uno spazio limitato, sui lati lunghi del quale (oppure almeno su questi, per quanto sappiamo) si dispongono strutture di modesta fattura, da attribuire a botteghe.

15Il tempio di Augusto propone dunque numerosi problemi, che andranno indagati accuratamente, e lo studio sarà tanto più interessante in quanto ne conosciamo con certezza, cosa rara nella storia dell’arte antica, il nome dell’architetto L. Cocceius Auctus, e siamo sicuri della sua destinazione come tempio dedicate ad Augusto.

16Ma tutto ciò sarà da parte nostra, e speriamo entro brevi termini, argomento di ampia e documentata trattazione.

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search