Version classiqueVersion mobile

Siritide e Metapontino

 | 
Fondazione Paestum
, 
Centre Jean Bérard

Discussioni

Texte intégral

Giornata del 31.10 (pomeriggio)

1A. PELOSI: Vorrei chiedere qualche chiarimento al professor Orlandini, anche per sottoporre alla discussione i problemi che mi sembra rimangano in parte ancora aperti. Mi riferisco in particolare alla parte finale della sua relazione e cioè al problema delle fosse: quelle della prima fase, cosiddetta “indigena” e quelle della seconda, cosiddetta “greca”.

2Il mio problema è quello di capire, anche sul piano del metodo di interpretazione dei dati, il rapporto, cronologico e funzionale, tra i materiali indigeni e quelli greci presenti nelle fosse delle due fasi.

3Per le fosse “indigene” un esempio è offerto dai rinvenimenti, ora ricordati, del saggio T, che ha restituito, da una fossa, materiale indigeno matt-painted, monocromo e bicromo, associato ad una kotyle del Protocorinzio Antico. La presenza di questi rari materiali greci di importazione fissa la cronologia dei materiali indigeni tra la fine dell’VIII ed i primissimi anni del VII secolo a.C.

4Per quanto riguarda invece i materiali di riempimento delle fosse “greche”, pertinenti cioè alla seconda fase insediativa, si continua a sottolineare lo scarto cronologico tra i materiali indigeni, monocromi e bicromi, attribuiti tutti al precedente abitato indigeno, e quelli greci, di importazione e coloniali, coevi alla vita degli oikoi.

5Ma il territorio circostante, ormai abbastanza noto, grazie anche a recenti pubblicazioni di vecchi dati di scavo, documenta invece la contemporaneità tra la ceramica indigena monocroma e bicroma - confrontabile con quella del sito dell’Incoronata - e le produzioni coloniali della prima metà del VII secolo a.C.: mi riferisco in particolare allo scarico della fornace di C.da Cammarella a Pisticci, con il noto craterisco di tradizione microasiatica associato a ceramica indigena che gli stessi addetti ai lavori hanno più volte confrontato con quella dell’Incoronata, ed al caso di Ferrandina, dove analoga ceramica monocroma e bicroma è associata, all’interno della capanna edita da De Siena, ad una pisside protocorinzia della prima metà del VII secolo a.C.

6Vorrei quindi da un lato riproporre il problema, recentemente ripreso da Yntema, dell’inizio della produzione di ceramica bicroma all’Incoronata, dall’altro capire meglio il rapporto cronologico, all’Incoronata, tra i materiali indigeni e quelli greci, alla luce dei dati offerti dallo stesso comprensorio culturale.

7C’è poi un altro argomento che mi sembra interessante approfondire, quello del rapporto, nel corso della prima metà del VII secolo, tra il sito dell’Incoronata e quello di Policoro.

8Il prof. Orlandini, sulla base delle produzioni ceramiche, ha definito Policoro come una “seconda Incoronata”, e già Lombardo, qualche anno fa, aveva sottolineato l’omogeneità dell’esperienza greca “precoloniale” lungo questo tratto della fascia costiera ionica.

9Credo pero che l’omogeneità riguardi soltanto la documentazione ceramica, mentre il vero problema consiste nel capire l’organizzazione complessiva di ciascun sito. A questo proposito il dossier acquisito consente di evidenziare alcune significative differenze: a Policoro l’unica struttura abitativa nota per il VII secolo è costituita dalla capanna rinvenuta alla metà degli anni’70 da Adamesteanu, e le prime costruzioni in pietra si datano all’inizio della seconda metà del secolo (se ho capito bene la cronologia viene ora confermata dai nuovi dati presentati da L. Giardino); all’Incoronata, invece, l’impianto degli oikoi a pianta rettangolare, con fondazioni di pietre a secco risale ai primissimi anni dello stesso secolo.

10La presenza degli oikoi, che costituiscono un unicum rispetto al panorama coevo, deve corrispondere, a mio parere, ad una diversa, specifica destinazione funzionale del sito, del quale forse non è un caso che non sia stata ancora individuata la rispettiva necropoli.

11Bisognerebbe forse capire meglio il significato delle strutture dell’Incoronata, per le quali non sembra emergere con chiarezza una possibile funzione abitativa. È ipotizzabile, cioè, che i “mediatori e trasportatori di merci” abitassero altrove.

12P. ORLANDINI: Alla domanda della dott.ssa Pelosi ha già risposto in modo esauriente il volume 1o sugli scavi dell’Incoronata (Milano 1991) che è dedicato appunto, come indica il sottotitolo, al problema delle fosse di scarico sulla base delle scoperte del saggio Ρ che è uno dei più significativi in proposito per quanto riguarda la stratigrafia, i dati statistici e l’analisi tipologica dei materiali ceramici delle cinque fosse di scarico (due greche e tre indigene) rinvenute nel saggio stesso.

13La questione comunque è abbastanza semplice: le quaranta fosse di scarico finora scavate a livello dell’abitato indigeno di VIII secolo contengono, ovviamente, solo ceramica indigena con l’eccezione di tre frammenti di ceramica greca importata, due del medio-geometrico corinzio e uno del protocorinzio antico. Le diciotto fosse di scarico del successivo insediamento greco, completamente diverse dalle precedenti per tipologia, profondità e dimensioni, contengono sia la ceramica greca del nuovo insediamento sia tutti i resti del precedente abitato indigeno (migliaia di frammenti di ceramica, intonaci di capanne, avanzi dei pasti) che i Greci scaricarono in queste fosse per sgomberare il terreno sia all’atto dell’insediamento sia nelle successive fasi di ampliamento dell’abitato.

14Di conseguenza la ceramica indigena trovata nelle fosse greche è sempre quella del precedente villaggio di VIII secolo. Non esiste in queste fosse ceramica dipinta indigena contemporanea a quella greca di VII secolo: se così fosse le case dell’insediamento greco ne sarebbero piene (dato che i frammenti di ceramica indigena di queste fosse greche si contano a migliaia!) mentre le 14 case greche scavate hanno restituito finora, come è noto, solo una straordinaria quantità di vasi e altri materiali greci.

15Altro elemento significativo, anche se superfluo, è la bassissima percentuale di ceramica indigena bicroma all’interno delle fosse greche, percentuale che corrisponde esattamente a quella delle precedenti fosse indigene, mentre dovrebbe essere di gran lunga superiore dato che l’abitato greco dura fino al 640/630 a.C.

16Per quanto riguarda poi il rapporto tra l’Incoronata e la collina di Policoro nulla possiamo dire, causa le radicali distruzioni e sovrapposizioni, sulle caratteristiche del primitivo insediamento di Policoro che era comunque, e su questo non ci sono dubbi, contemporaneo a quello dell’Incoronata, dato che presenta gli stessi materiali, in particolare i noti deinoi dipinti e figurati che sono della stessa fabbrica (e in due casi della stessa mano) di quelli dell’Incoronata. La differenza tra i due siti consiste nel fatto che a Policoro non abbiamo, come all’Incoronata, un insediamento indigeno precedente sulla collina, come dimostra l’assenza praticamente totale di ceramica indigena: in venti anni di scavi sono stati trovati sulla collina solo 5 minuscoli frammenti di vasi indigeni dipinti! Per questo le fosse di scarico finora trovate a Policoro (nelle località Ufficio Postale e Cospito-Caserta) hanno restituito solo ceramica greca di VII secolo a differenza di quelle dell’Incoronata che, come si è detto, contengono anche, in grande abbondanza, i resti del precedente abitato indigeno A Policoro inoltre si è trovata sulla collina una tomba (ma altre sono segnalate) con un corredo completamente greco, caratterizzato dal noto deinos con cavalli contrapposti prodotto certamente all’Incoronata. Tombe del genere dovremmo ritrovarle anche all’Incoronata quando avremo la possibilità di individuare e scavare Tarea delle necropoli dell’insediamento greco.

17P. G. GUZZO: Una piccola osservazione a proposito della struttura stradale sull’Incoronata, menzionata da Antonio De Siena che mi pare l’abbia anche pubblicata. La costruzione di tale strada, all’inizio del VII secolo, interseca una tomba di periodo precedente, salvandola senza distruggerla. In effetti, il corredo della stessa tomba viene raccolto e conservato nel settore che non è interessato dalla costruzione della strada, grazie ad una sorta di pietà religiosa. Questa situazione è del tutto diversa da quella registrata dal prof. Frey a Valle Sorigliano, dove i bronzi di corredo sono asportati. Mi sembra di poter proporre che all’Incoronata la costruzione di infrastrutture di servizio, come la strada, viene condotta dalle stesse genti che avevano proceduto a quella sepoltura. Questa evidenza mi pare del tutto nuova, ed assai importante, nel quadro delle conoscenze sull’Incoronata. Sito che ci si sforza di interpretare se e quanto è indigeno oppure greco, ma sempre sulla base di ritrovamenti mobili. Mentre questo elemento appartiene ad un livello più strutturato, e mi pare a favore di una continuità di frequentazione indigena sullo stesso luogo.

18P. PELAGATTI: Desidero fare solo una breve annotazione sulle problematiche relative alle produzioni coloniali e sui rapporti tra di loro intercorrenti, in margine alla relazione sull’Incoronata.

19Piero Orlandini ha sottolineato, in numerose occasioni, l’eclettismo della produzione dell’Incoronata, una delle più interessanti nel panorama magno-greco, in cui sono evidenti influssi protoattici, cicladici e argivi. Questi ultimi si ritrovano, come è ben noto, nei crateri siracusani del Fusco, in maniera, direi, preponderante e unitaria, tanto che si è supposto (Courbin, Coldstream) che si tratti di opere di ceramisti argivi trasferitisi a Siracusa. A uno di questi può attribuirsi il cratere con cavallo e sfinge della T. 500 del Fusco e i frammenti di un secondo esemplare degli scavi della Prefettura del 1978 (v. Annuario Scuola Archeologica di Atene N.S. XLIV, 1982). Posso ora segnalare che a Messina, nell’area di un santuario, è venuto in luce (nel corso degli scavi diretti dalla dott. G. Bacci, cui devo la cortese segnalazione), un frammento di orlo di cratere, analogo per forma, tecnica e decorazione, che potrebbe essere uscito dalla stessa officina. Abbiamo dunque la prima testimonianza del movimento, anche oltre Siracusa e il suo territorio (erano già noti infatti alcuni frammenti di Eloro), di tali prodotti coloniali, fatto che non avremmo ritenuto possibile fino a pochi anni fa.

20M. TORELLI: L’amico Orlandini sa che quando si parla dell’Incoronata il mio cuore palpita per ragioni di simpatia emporica e sono convinto che proprio questa di oggi rappresenta un’occasione utile per confrontare esperienze, problematiche e punti di vista. All’Incoronata sappiamo esistono un insediamento greco di VII sec. e, a pochissima distanza, un insediamento indigeno più antico, i quali, anche se non in altitudine ma sullo stesso livello di quote, presentano forti somiglianze dal punto di vista della reciproca relazione topografica, con quelli presentatici stamani di Valle Sorigliano e dell’adiacente, relativo cocuzzolo. Poi c’è - ed è un fatto nuovo importantissimo - la strada affiancata di sepolture di varia epoca che dal villaggio indigeno reca al vicino insediamento greco, di cui ha parlato oggi A. De Siena, un dato di portata molto più grande di quella propria di un dato topografico, fortemente indicativo come è sul piano delle destinazioni, delle funzioni, dei significati. Ora l’Incoronata greca che ci si presenta come una serie di abitazioni, per ora (non sappiamo se per natura o per circostanze di scavo) non chiaramente organizzata secondo una struttura di tipo urbano. Nell’ipotesi di spiegazione dell’insediamento greco come struttura di tipo emporico si affacciano subito alcune perplessità che possono, tuttavia, essere chiarite una volta che si abbia un quadro complessivo dei materiali dell’Incoronata greca. Ε infatti, se si tratta di un emporio, dobbiamo immaginarlo come una struttura amministrativamente controllata da una realtà esterna all’insediamento greco: in altre parole dobbiamo immaginare l’esistenza di una struttura non greca di tipo “statuale”, che gestisce il mercato attraverso un insediamento frequentato da Greci, un dato questo ultimo sul quale non abbiamo dubbi perché ce lo dicono, oltre che i materiali, i graffiti. Ora questa entità “statuale” non c’è o comunque manca. Manca perché, ad onta della qualità e quantità del materiale presente all’Incoronata greca, dobbiamo vedere il commercio, non dal punto di vista greco, ma dal punto di vista di chi è interessato ai Greci e soprattutto al materiale greco. Le sole possibilità teoriche presentateci da Angelo Bottini al convegno di Taranto e poi al più recente convegno di S. Giustino, e cioè Chiaromonte ed Aliano, non costituiscono soluzioni a mio avviso praticabili: a questo livello di sviluppo delle forze produttive il commercio non può che passare attraverso i grandi oikoi, i quali gestiscono il commercio interamente al proprio interno.

21L’emporion presuppone un potere indigeno di tipo “faraonico”, simile cioè a quello che crea Naukratis o, nel più piccolo, Gravisca, un potere che, vis-à-vis di due entità statuali perfettamente formate, quella della monarchia egiziana nell’un caso e quella della polis pienamente funzionante di Tarquinia, esige la struttura “esterna” dell’emporion. Non a caso l’emporion nasce solo in quel momento; precedentemente ogni forma dello scambio passa attraverso le famiglie aristocratiche dominanti. Allora, se l’Incoronata greca è un emporion, devono esistere queste condizioni. Esiste allora una realtà “statuale” di questo genere, simile a quella che crea Naukratis e Gravisca? Può certamente esistere, ma, a questo punto, dovremmo cercarla non a margine del mondo greco, bensì nel cuore del mondo indigeno. Gestioni interetniche di rapporti di scambio possono forse annidarsi, per intenderci, in contesti come quelli del santuario (o meglio dei santuari) di Garaguso, celate ovviamente da un velo di forme ideologiche offerte dalla sacralità, un contesto che onestamente all’Incoronata non riesco a scorgere. Allora, in attesa di individuare un’entità statuale esterna (difficilmente un basileus enotrio o peuceta, per quanto potente possa essere), è indispensabile sapere esattamente la funzionalità di ciascuno di questi piccoli oikoi di m 3 x 4, quale ci viene testimoniata dalla totalità del materiale rinvenuto all’interno: dirimenti possono essere le analisi osteologiche e polliniche, la presenza o l’assenza del vasellame da cucina e di materiali di uso diversi dalle ceramiche. Allora un altro corno del dilemma è dato dal fatto, in sé apparentemente bizzarro, che dai corredi delle necropoli degli insediamenti indigeni risultano assenti (a parte forse qualche anfora corinzia) proprio quei materiali stipati, ora a decine ora a centinaia ora a migliaia di esemplari, nelle cassette dello scavo dell’Incoronata greca. Nelle necropoli il rituale indigeno è molto conservativo e quindi può, in qualche modo, aver “cancellato” queste presenze. Tuttavia, i pochi dati provenienti dagli abitati indigeni coevi sembrano volerci negare queste possibilità La soluzione potrà venire soltanto da un’analisi archeologica individuale e sistematica del contenuto degli oikoi finora noti. Capisco benissimo che è difficile sottrarsi alla bellezza di questi louteria, o all’importanza della tipologia di queste anfore, ma per rispondere alla domanda complessiva sul significato dell’Incoronata interessa sapere se e cosa mangiavano, se ci sono residui di pasto, se si ha la prova di questi oikoi funzionavano come abitazioni o altro. Le soluzioni possono essere quindi molte e qualcuna di esse può apparire perfino paradossale: l’assenza da contesti indigeni dei materiali tipici dell’Incoronata greca potrebbe addirittura suggerire l’interpretazione di questi oikoi come tanti piccoli thesauroi per il deposito di merci preziose, da interpretare appunto come keimelia, ossia oggetti non destinati a circolare, ma a “giacere”! Piuttosto che cercare dei modelli astratti, farei uscire il modello dall’interno stesso dell’evidenza archeologica dell’Incoronata e su questo poi mi interrogherei su quale mondo lo dobbiamo mettere in rapporto, se con quello greco, se con quello indigeno, se con quello, paradossalmente anche lontanissimo, etrusco.

22M. LOMBARDO: Anche se sono stato tra quelli il cui cuore ha battuto per l’ipotesi di lettura dell’Incoronata come un emporion, e l’ho anche scritto, devo dire che avverto anch’io questi problemi che segnalava Torelli, e che emergono con varie sfumature e accentuazioni anche dai contributi recenti di Guzzo, Pelosi, De Siena. Vorrei aggiungere a quanto detto da Torelli un’osservazione riguardante l’ubicazione piuttosto interna dell’Incoronata quale elemento a sfavore dell’ipotesi suddetta. Nel quadro complessivo di quanto ci è noto sul mondo dell’emporie arcaica, una tale ubicazione appare, in effetti, alquanto atipica, anche se occorre tener conto dell’eventualità che in antico il tratto inferiore del Basento fosse ‘navigabile’. Inoltre, ma qui c’è Mele che potrebbe dirlo meglio di me, si ha la netta impressione che l’esperienza greca dell’emporion, nel senso più preciso, formale e ‘istituzionale’, del termine [su cui vedi ora Ε. Lepore in PACT 20, 1992 e i saggi raccolti nel bel volume curato da A. Bresson e P. Rouillard, L’emporion, Paris 1993], si strutturi e si definisca in quanto tale abbastanza tardi - non prima verosimilmente dello scorcio finale del VII sec. a.C. -, non solo in rapporto alla ‘domanda’ delle realtà epicorie di volta in volta interessate e alle loro capacità di organizzazione e controllo, implicite nell’esperienza stessa dell’emporion, ma anche in relazione alle dinamiche sviluppatesi nel mondo greco di età arcaica sul piano dell’organizzazione, sociale e ‘operativa’, del commercio, delle attività mercantili, in seguito allo sviluppo dei traffici su scala mediterranea e all’emergere di nuove figure e nuove articolazioni. Ε da entrambi i punti di vista l’orizzonte cronologico dell’Incoronata ‘greca’, la prima metà cioè del VII sec. a.C., risulta abbastanza problematico. A meno di voler usare il termine emporion in senso generico, per indicare una località, e un insediamento, più o meno direttamente e ‘stabilmente’ frequentato da emporoi greci, con le loro mercanzie.

23A. MELE: Vorrei essere brevissimo. Richiamarmi un momento a quello che poco fa ha detto Mario Torelli. Mario Torelli si è posto il problema emporio, nel caso di Metaponto. lo credo che il problema va posto e risolto sulla base dei materiali e dell’analisi dei materiali. Ma se vogliamo far entrare in gioco, oltre ai materiali, la tradizione antica, su questo problema, forse abbiamo qualche altro suggerimento che potremo rifiutare o accettare ma con il quale ci dovremo confrontare. Noi abbiamo per quanto riguarda la Metaponto precoloniale, un filone di tradizione che proviene da Taranto. È il filone che si esprime in Antioco. Noi sappiamo, lo ha dimostrato, bene, Domenico Musti, lo ripeterò, poi, più estesamente alla fine, che la tradizione che si riflette in Antioco, è una tradizione favorevole a Taranto. In questa tradizione risulta sottolineato un problema. Non c’è stata una Melanippe, non c’è stata una presenza greca. Ricordo Carlo De Simone in materia e i dati della tradizione: Metabos è parallelo a Metabus Volsco. Quindi abbiamo una realtà non greca, la sottolineatura di una realtà non greca come elemento che ha preceduto la colonia sia pure con lo stacco qualitativo e cronologico che Antioco pone fra frequentazione precoloniale e frequentazioni coloniali. Anche qui ripeto argomenti che sono stati ampiamente sviluppati da Domenico Musti. Ma c’è un secondo dato e questo viene ancora più incontro a quella domanda che faceva Mario Torelli. Noi abbiamo un’altra tradizione filotarantina sull’Acalandro, sulla Metaponto precoloniale. Ed è la tradizione su Leukippos. Questa tradizione fa riferimento a delle synthekai che consentono la permanenza soltanto per un giorno e per una notte. Questo tipo di synthekai noi le conosciamo nel mondo antico. Le conosciamo in ambito fenicio. Le troviamo nei trattati romano-cartaginesi: cinque giorni, soltanto un giorno ma non una notte. Quindi qui abbiamo di fronte un modello che è di tutela di uno spazio economico e di uno spazio commerciale da parte di qualcuno che controlla, in qualche modo, quello spazio. Ma ricordiamoci che c’è di più. Quando questa tradizione viene poi ripresa da Taranto per Gallipoli, la tradizione di Leukippos, si applica, di nuovo, e il ricorso ad un giorno e una notte, però essa è applicata a quello che è un epineion dei Tarantini. Ε noi sappiamo che l’epineion Gallipoli è in realtà lo sbocco di Alesia. Noi abbiamo, allora, dalla tradizione tarantina due dati di fondo. Primo: presenza indigena, Metabos. Secondo: confronto con realtà di tipo “fenicio”, confronto con realtà che sono epineion, scalo in relazione con un retroterra indigeno, che però è uno scalo dei Greci, dei Tarantini. Dunque, ecco allora un modello diverso e molto più vicino a quello che, in qualche modo, mi sembrava di leggere nelle parole di Mario Torelli. Naturalmente qui abbiamo un’interpretazione tarantina che avrà, naturalmente, alle spalle certi interessi. Comunque per me è interessante il fatto che si propone questo tipo di modello, per la Metaponto precoloniale.

24E. GRECO: Mi sembra che le relazioni di L. Giardino e M. Tagliente ci offrano molta materia di discussione. Mi limito a qualche considerazione a margine.

25Innanzitutto, se ho ben capito, abbiamo due importanti momenti di cesura: gli inizi del secolo VII a.C. ed il 630 a.C. circa. Si tratta ora di definire questo periodo tra il 700 ed il 630 a.C. in base alla fenomenologia archeologica di cui disponiamo, partendo dal presupposto che si tratta di definire il modello insediativo di Siris.

26Numerosi elementi, a cominciare dalla data bassa, attirano la nostra attenzione, non solo la sparizione dell’Incoronata, ma, a quanto pare, anche dell’insediamento di S. Maria di Anglona; qui dovremmo saldare l’archeologia del Castello del Barone e le case a pastàs scavate da Tagliente nella proprietà Cospito-Caserta.

27Allora proviamo a considerare globalmente il problema: innanzitutto c’è una novità enorme, quella presentata da L. Giardino, vale a dire le tombe trovate nella zona C, nel quartiere occidentale, per cui la famosa necropoli Schirone Madonnelle non è più l’elemento definitorio di uno spazio abitato degli inizi del secolo VII a.C. Non solo, ma ci sono tombe anche nella parte centrale del pianoro e, come tutti sanno, c’è l’insediamento della Collina del Barone.

28Allora, se noi confrontiamo tutto ciò con le situazioni di altre città greche, mi sembra di concludere che stiamo osservando i fenomeni dalla parte della chora, non di quella della città, perché non mi pare che gli elementi raccolti si accordino con una visione ‘cittadina’ della topografia.

29Certo, c’è da mettere in conto che la diversità possa riguardare un particolare tipo di modello alternativo a quello acheo, per intenderci. Insomma, quando consideriamo il nucleo scavato e pubblicato da Haensel (che si stende per ca 5,5 ha.) dobbiamo concordare con M. Tagliente nel considerare la fortificazione in mattoni crudi che recinge un’area di 24 ha. come un’operazione che è stata realizzata in un’epoca datata post quem dalle tombe più recenti, le quali si collocano verso gli inizi dell’ultimo quarto del VII secolo, riportandoci a quella data intorno al 630 a.C. da cui siamo partiti. (Anche se si deve ancora raggiungere una conclusione sicura sul fatto che la fortificazione racchiuda tutta l’area in questione).

30Direi poi che le case scavate dal Tagliente sono caratterizzate ancora da una forte prevalenza dell’aspetto rurale, non perché non abbiamo imparato niente da altre esperienze (si veda Megara Hyblaea) ma perché proprio in questo periodo a Megara le prime case si stanno trasformando in isolati e non è detto che i “processi di urbanizzazione e di sviluppo debbano cominciare ogni volta da capo nel mondo coloniale” (Lepore).

31C’è poi il problema della componente indigena: De Siena dovrebbe dirci qualcosa su Termitito e la valle del Cavone, per contribuire alla conoscenza compiuta della distribuzione di insediamenti costieri greci, indigeni, misti ed, infine, ci dobbiamo confrontare con la tradizione letteraria, per la quale Siris era l’insediamento presso la foce del fiume omonimo.

32Di fronte ad una situazione ancora non completamente perspicua, a me pare che con le ricerche recenti si vada pian piano a definire la specificità della storia insediativa di Siris, con una netta diversità di comportamento rispetto ai vicini achei (Crotoniati, Sibariti e Metapontini) agli occhi dei quali i coloni ionici apparivano ‘ceteri Graeci’.

33S. BIANCO: A proposito della relazione Tagliente vorrei ricordare il rinvenimento di un nucleo di tre sepolture arcaiche entro anfore (una di produzione locale, due di produzione greco orientale). Le sepolture si sono rinvenute in via Oberdan, a valle della S.S. 106, nel corso dei lavori di costruzione del cavalcaferro, a circa 2 km in linea d’aria dalla punta orientale dell’acropoli di Herakleia. Questo rinvenimento pare essere estremamente importante a conferma di quelle diffuse presenze arcaiche, sia abitative sia cimiteriali, nell’area di Policoro, anche al di fuori di quello “spazio urbano” di cui parlava Marcello Tagliente.

34D. ADAMESTEANU: Salvatore Bianco ha parlato della nuova località archeologica di via Oberdan. Questo è di una importanza capitale per tutto il problema topografico di Siris. La necropoli è a metà strada tra la foce e la zona di Herakleia. È una necropoli, per ora, con tre tombe, è vero, ma non è stato scavato, non si è allargato, non si poteva. Gli scopi erano altri e non archeologici. Questa è per me una delle più grosse scoperte che si siano fatte ultimamente, ed è fondamentale per il problema topografico di Siris: si trova a meta strada tra la foce di Siris e la collina del Castello.

35L’altro problema: a chi appartiene la necropoli di Schirone? Anche io me lo sono domandato tante volte.

36Possiamo fissare un punto di partenza nella zona dell’attuale Ufficio delle Poste di Policoro. Io penso che dobbiamo cercare ancora più ad Ovest, o nei dintorni della zona di Schirone. Non credo che sarebbe poi assurdo pensare che, ad un certo momento - e questo i grandi specialisti della ceramica dovranno vedere - questa necropoli di Schirone scivola, si sposta, per meglio dire, verso la necropoli di Madonnelle, perché la vera necropoli di Siris non è a Schirone, ma a Madonnelle. E allora si deve vedere quando Siris chiude la sua porta e si sposta verso la zona di Madonnelle. Questo credo che sia l’altro problema. Gli altri verranno domani e ne parleremo con più calma e con una più ricca documentazione.

37M. TORELLI: Il bilancio proposto da Tagliente appare estremamente utile e suggerisce come linea di guida la conservazione di una memoria storica intorno ai sacra sirini. La cosa risulta tanto più interessante, dal momento che trova anche un riscontro nella tradizione relativa al tempio di Atena Iliàs, nella duplice funzione di luogo dove è avvenuta un’empietà tanto nella fase sirina quanto in quella connessa con la distruzione di Siris. Ancora più importanti sul piano archeologico (e dell’interpretazione storica già offertaci e delle ulteriori sue conseguenze) sono i dati presentati da Irene Berlingò, dai quali emerge l’immagine di un abitato di Siris in possesso, in termini numerici, di un potenziale umano non superiore a quello degli altri abitati indigeni che aveva di fronte. Questo è un fatto estremamente importante, perché dimostra che la superiorità greca è di tipo organizzativo, militare e politico, capace di travolgere le resistenze degli indigeni (che combattevano, come abbiamo visto, in maniera molto arcaica) e che ha consentito loro di imporre la propria presenza in un contesto territoriale ostile. Un altro punto estremamente importante e proficuo è dato dal fatto che abbiamo superato un po’ lo stadio della discussione basato sulla divisione manichea tra greci e indigeni fondata esclusivamente su materiali. Esistono senza dubbio prove molto chiare e molto significative che indicano la presenza nelle necropoli arcaiche di Policoro di tombe indigene, sepolture di rannicchiati con piccole fibule in ferro e accompagnate da pochissimo materiale. Tuttavia il vero significato (che non è certamente etnico) della differenza tra anfora greca e situla “indigena” è invece recuperabile solo attraverso una verifica futura condotta sui materiali d’uso scoperti nell’abitato: il caso dei primi strati coloniali di Selinunte dimostra che i greci, nella fase iniziale dell’insediamento, hanno fatto uso di ceramiche grezze sul piano tecnico e tipologico simili a quelle indigene o forse addirittura da queste ottenute.

Giornata del 1.11 (pomeriggio)

38S. BIANCO: Volevo fare un intervento ad integrazione di quanto già sentito nelle relazioni di questa giornata e di ieri. Sulla cartina del territorio di Policoro al 1:10000, ho indicato la presenza delle tombe arcaiche in Via Oberdan. Nella chora, sia sul lato occidentale della città sia in direzione sud verso la valle del Sinni, sono indiziate diverse strutture abitative, possibili oikoi rurali individuati negli ultimi tempi. Sono presenze piuttosto diffuse, anche a giudicare dalle tante piccole necropoli nelle medesime aree. Sicuramente a sud della città, in propr. Bellizzi, doveva essere una struttura rurale di notevole importanza stando alle numerose sepolture scavate della seconda metà del IV secolo a.C., di cui alcune anche di tipo rilevante. Altre strutture abitative importanti sono indiziate in contrada Madonnelle, a ovest della ben nota necropoli, dove si è recuperato un capitello in arenaria di notevoli dimensioni. Vi si sono individuate anche strutture di età tardo-repubblicana.

39Di particolare rilievo sono i risultati di scavo nella necropoli urbana meridionale, dove sono state scavate sepolture monumentali di IV secolo a.C. e individuati scarsi resti di rilievi funerari in pietra tenera di tipo tarantino. Nella necropoli occidentale, a parte quella di fase sirita nella propr. Colombo, nell’adiacente propr. Buccolo (a ridosso della porta O di accesso alla città) le testimonianze cimiteriali si datano dal VI secolo alla fase proto-imperiale. Sono interessanti le sepolture di VI-inizi V secolo a.C. (prima della fondazione eracleota) consistenti in inumazioni supine prima entro fosse terragne e quindi entro casse di tegole con materiali di tipo corinzio, ionico e poi a figure nere e a figure rosse. Tali nuove presenze sono indizio di una nuova realtà culturale o di una nuova organizzazione del territorio rispetto alla precedente fase sirita. Anche la necropoli orientale lungo la S.S. 106, in un’area adiacente la nota proprietà Cospito-Caserta, ha restituito un importante lotto di sepolture databili tra IV e II secolo a.C. È interessante una sepoltura delimitata ai vertici da pilastrini, possibili resti di un naiskos o monumento funerario similare noti dalle raffigurazioni vascolari eracleote di IV secolo.

40M. LOMBARDO: Devo dire che ho molto apprezzato la lucidità delle analisi di Filippo Coarelli sulle condizioni di rinvenimento delle Tavole di Eraclea e la sua valorizzazione degli indizi desumibili, in particolare, dal rapporta tra testo latino e testo greco. Ho apprezzato anche la sua proposta di lettura di quei documenti in una prospettiva ‘dinamica’, non limitata solo ad Eraclea, ma tendente a cogliervi i riflessi di processi di trasformazione socio-politica in senso oligarchico, sviluppatisi nell’epoca immediatamente precedente la redazione delle Tavole e a cui sarebbero da collegare i fenomeni di occupazione abusiva di parte dei terreni sacri di Dioniso e Atena Poliade; processi che si sarebbero determinati non senza rapporta con la situazione venutasi a creare nella regione con l’emergere della minaccia ‘lucana’. Ritengo tuttavia che, sia da un punto di vista interno che relazionale, le situazioni di Metaponto, Thuri ed Eraclea presentino delle sfumature diverse l’una dall’altra, che possono essere meglio specificate.

41Inoltre, nel momento in cui andiamo a valutare le implicazioni socio-economiche e socio-politiche di ‘dati’ archeologici come quello dell’infittirsi nella seconda metà del IV sec. a.C. delle ‘fattorie’ - o degli edifici rurali di servizio, come sembrano essere gli oikemata di cui si parla nella Tavola relativa alla lottizzazione, e valorizzazione, dei terreni di Dioniso, che Coarelli ha proposto di leggere in chiave ‘democratica’ -, dobbiamo tener conto del fatto che, nella grande maggioranza dei casi ci sfuggono gli aspetti più importanti, quelli relativi al ‘regime di proprietà’ delle terre su cui insistono le ‘fattorie’ (o i ‘rustici’) in questione. A chi appartenevano? Certo, gli aristocratici e gli oligarchici eracleoti o metapontini non avranno coltivato da sé le terre da essi possedute, e che potevano anche consistere - dato il regime successorio greco - in diversi appezzamenti di dimensioni più o meno limitate. E, dunque, gli agricoltori che abitavano nelle ‘fattorie’, o che utilizzavano i ‘rustici’ per coltivare i relativi appezzamenti, erano ‘proprietari’ o ‘dipendenti’ o fittavoli? o magari ‘enfiteuti’, come nei casi documentati nella I Tavola?

42Vorrei poi dire qualcosa, in particolare, sul passo di Strabone (VI 3, 4) richiamato e discusso da Coarelli, riguardante il disegno politico di Alessandro il Molosso di spostare la sede della Lega Italiota nella Thuriatide e l’ordine di fortificare una località sul fiume Akalandros, quale sede delle synodoi della Lega stessa. Se non ho capito male, la lettura e la valorizzazione del passo proposte da Coarelli prevedono una qualche forma di continuità tra l’utilizzazione precedente di questo sito sul fiume Akalandros, in relazione alle synodoi della Lega Italiota con ‘sede’ a Eraclea, e l’iniziativa di Alessandro, che si sarebbe limitato a farlo fortificare. È molto chiaro tuttavia nel testo di Strabone, che la località in questione non è quella “dove si tenevano le synodoi”, bensì quella “dove si sarebbero tenute le synodoi”, Anzi, per rispettare appieno la sfumatura introdotta nella frase dall’ottativo futuro έσοιντο, dobbiamo intenderla nel senso che Alessandro ordinò di fortificarla “affinché vi si potessero tenere (in futuro) le synodoi”. Tutto questo non è privo di implicazioni sul piano ricostruttivo, perché, anche ad ammettere che il piano del Molosso si fosse (almeno temporaneamente) realizzato, e cioè che ‘questa’ località fosse divenuta quella dove si tennero le ‘successive’ synodoi italiote, se ne evince quantomeno che, fino ad allora - fino all’epoca, cioè, del Molosso -, essa non aveva funto da sede delle synodoi in questione. E se la si potesse identificare col sito in cui sarebbero state rinvenute le Tavole, ciò fornirebbe un sicuro - ancorché abbastanza ‘alto’ - t.p.q. per la loro redazione, o almeno per la loro ‘collocazione’ in tale contesto.

43Ma c’è dell’altro. In effetti, la sfumatura introdotta dall’ottativo futuro risulta, a ben vedere, coerente con la qualificazione complessiva delle iniziative di Alessandro, come collocantisi in una prospettiva di rottura rispetto alla situazione precedente, quella in cui la stessa Eraclea - che lo stesso Alessandro avrebbe in un primo tempo ‘liberato’ dai Lucani (Liv., VIII 24) - era sede della koinè panegyris della Lega Italiota egemonizzata dai Tarentini, in odio ai quali, come sottolinea Strabone, quelle iniziative erano state prese dall’Epirota. Dovremmo dunque chiederci se è proprio sicuro che il sito sul fiume Akalandros fatto fortificare da Alessandro sia da ‘ubicare’ nel territorio eracleota (e nella sua zona più settentrionale), o non piuttosto, come sembrerebbe più logico, nella Thuriatide. Ma anche a non voler considerare tale possibilità, resterebbe comunque da interrogarsi sul come e perché questa località, creata o ‘attrezzata’ dal Molosso in almeno parziale antitesi rispetto alla funzione fino ad allora svolta da Eraclea, fosse stata in seguito ‘utilizzata’ da Eraclea stessa come sede dell’’archivio cittadino’. Ovviamente, nulla impedisce di ipotizzare che, morto l’Epirota, la città se ne fosse ‘(ri)appropriata’, utilizzandola ai suoi fini. Ma, per l’appunto, si possono fare solo ipotesi.

44Un’ultima, rapida, considerazione su questo passo straboniano: a me crea qualche problema esegetico il fatto che il Geografo (o le sue fonti) per indicare la sede tradizionale delle panegyreis degli Italioti usi l’espressione “ἐν Ἡρακλεία τῆς Ταραντίνης”, che implica un rapporto politico-territoriale assai forte tra Eraclea e Taranto. In effetti, laddove ci attenderemmo un’espressione qualificante Eraclea come “colonia di Taranto”, “fondazione dei Tarentini”, o simili, ne troviamo invece una che la qualifica come compresa nel territorio di Taranto, facente parte della Tarantine (ghe o chora). Non si tratta in effetti qui di una collocazione entro un determinato orizzonte ‘regionale’ definito da un coronimo - come nello Ps.-Scilace che ubica Eraclea ἐν τῆ Ἰαπυγίᾳ -, ma dell’attribuzione di Eraclea all’orizzonte politico-territoriale definito da un possessivo a base poleonimica. Ε il dato non è privo di una certa importanza, anche alla luce del fatto che questa è l’unica fonte la quale indichi Eraclea come ‘sede’ della Lega Italiota. Non ho particolari spiegazioni da proporre: forse è frutto di un modus scribendi un po’ cursorio e improprio, ma certo, così come, la frase crea problema, perché si ha difficoltà a credere che il territorio di Taranto, la Tarantine (ghe), si potesse estendere così tanto da ‘comprendere’ anche Eraclea.

45Vorrei fare un’ultimissima osservazione su quanto ha detto Giampiero Pianu riguardo all’ipotesi formulata da Emanuele Greco a proposito del ‘silenzio archeologico’ del sito di Eraclea nei primi cinquant’anni della sua storia, a partire dalla datazione ‘diodorea’ della sua fondazione. La possibilità che tale ‘silenzio’ sia da collegare allo spostamento di sito (e al cambiamento di nome) di cui serba ricordo la tradizione straboniana (VI 1, 14), e che dunque questi ultimi eventi siano da collocare non nel 433/432 con Diodoro (XII 36, 4), ma piuttosto nei primi decenni del IV sec. a.C., mi sembra trovare difficoltà assai rilevanti nel fatto che degli eventi in questione ‘parlava’ già Antioco di Siracusa (fr. 11 Jacoby). In effetti, non sembra possibile, allo stato attuale delle evidenze far scendere la cronologia dello storico siracusano fino al secondo o addirittura al terzo decennio del IV sec. a.C.

46A.M. PRESTIANNI GIALLOMBARDO: Ho molto apprezzato la relazione del Prof. Coarelli sulle tavole di Heraclea, oltre che sotto il profilo del contenuto, ancor prima sotto quello del metodo. Giustissimo il suo richiamo ad evitare di esaminare settorialmente documenti così complessi ed articolati.

47Mi trovo a studiare anch’io un documento epigrafico analogo, ma di ambito siciliano, le Tabulae halaesinae, che prendono nome dal sito di ritrovamento, Halaesa, nei pressi dell’odierna Tusa (prov. di Messina), sulla costa settentrionale della Sicilia. Ε sottolineo l’appartenenza delle Tabulae all’ambito insulare perché la componente geografica può avere la sua importanza ai fini dell’interpretazione storico-istituzionale del documento, per motivi che dirò in seguito.

48Come le tavole di Heraclea, anche le Tabulae halaesinae possono essere considerate un documento di tipo catastale, ma con qualche difficoltà in più per essere studiato, derivata dal fatto che, materialmente, non ci sono pervenute che in minima parte e, dunque, il testo va ricostruito attraverso quanto di esso ci è tramandato attraverso tradizione manoscritta. Il suo contenuto, seppur meno ricco di informazioni rispetto a quello contenuto nelle tavole di Heraclea, ne è simile per molti aspetti, e i diversi punti di contatto rilevabili consentono vari spunti di riflessione in comune.

49Un primo punto riguarda il problema del numero delle tavole. Concordo perfettamente con il Prof. Coarelli nel ritenere che il loro numero fosse superiore a quello pervenuto: per lo meno due o anche più. Analoga ipotesi bisogna formulare anche per le Tabulae halaesinae sulla base del loro contenuto. Ad esempio, nella prima colonna del frammento A, il più grande ed importante delle Tabulae, alle linee 67-68, in quanto confinante con un tredicesimo klaros i cui limiti sono descritti nella Tabula, viene menzionato il tredicesimo lotto di un grande querceto (megas drumos) il cui rilevamento catastale, però, non è contenuto nella parte del testo pervenutoci, cosicché bisogna presupporre che fosse inserito in un’altra tavola.

50Un altro punto che mi trova in perfetto accordo con il Prof. Coarelli è quello delle implicazioni cronologiche, dei ‘tempi lunghi’ entro i quali si possono verificare quelle complesse e numerose appropriazioni di terreno che si percepiscono in documenti siffatti. Si, devono essere proprio ‘tempi lunghi’, appartenenti forse a più di una generazione, quelli in cui si perde la memoria della precisione dei limiti di ogni singolo lotto, in cui può inserirsi l’intervento dell’uomo, conseguente magari a particolari eventi meteorologici, come straripamenti di fiumi, allagamenti di ampie zone di territorio, durante i quali, cancellati o distrutti i segni di confine, sono frequenti le appropriazioni indebite ed è possibile modificare a proprio favore i limiti degli appezzamenti.

51Nel documento alesino, tuttavia, non v’è alcun elemento che possa far pensare a problemi di usurpazione e, dunque, di recupero del terreno sottratto; parrebbe anzi che la polis voglia garantirsi il più possibile da una simile eventualità. Ε’ infatti relativamente modesto il numero dei cippi confinari veri e propri. Sono utilizzati, piuttosto, come segnacoli terminali gli stessi alberi, in specie di olivo, radicati nel suolo e dunque meno facilmente soggetti a rimozione; i quali alberi vengono contrassegnati dalla polis con particolari sigle: o ΤΕ(ρμων), analogo al segno terminale che caratterizza i cippi o Å, un monogramma che possiamo con buona sicurezza sciogliere come πόλις (τῶν) Ἀλαισίνων.

52Interessanti analogie tra i due documenti catastali è possibile evidenziare poi anche in rapporto alle modalità di ‘recupero’ del terreno da redistribuire. Ad Heraclea si procede sostanzialmente alla parcellizzazione di un più ampio lotto originario in più merides. Chiara prova di ciò è la menzione di due sole oikiai nella descrizione di due diverse porzioni di territorio che risultano suddivise, rispettivamente, in quattro e sei merides (II, 50 e 80).

53Un procedimento analogo è palesemente utilizzato anche ad Halaesa. Ma, accanto alla parcellizzazione dei terreni, ottenuta attraverso il dimezzamento della superficie di lotti più ampi, si utilizza anche un secondo criterio: quello del raddoppiamento del valore di un unico appezzamento. Citerò solo due luoghi delle Tabulae che mi sembrano i più significativi per esemplificare i due procedimenti che, pur diversi, mirano al conseguimento del medesimo risultato sul piano sociale.

54Ancora nella prima colonna del frammento A delle Tabula, alle linee 43-44 leggiamo: ἀ σκανὰ κοινὰ ποτὶ τòν μισθωσά|μενον τòν .I. κλᾶρον. La skana richiama alla mente le oikiai delle tavole di Heraclea, anche se si sarà trattato di costruzione più modesta, presumibilmente in legno piuttosto che in muratura. Ora, mentre delle due oikiai di Heraclea viene specificata soltanto la pertinenza di ciascuna di esse alla seconda meris e nulla si dice della loro utilizzazione, della skana alesina, invece, si specifica che essa va considerata koina, assegnata in uso comune agli affittuari dei lotti nono e decimo, ovviamente contigui. Si arguisce facilmente dalla descrizione dei limiti del decimo lotto che la skana doveva trovarsi al centro di un precedente più ampio appezzamento di terreno, successivamente diviso con l’impiego di elementi di confine artificiali, come fosse (skaphiai) e muretti a secco (toichos), per costituire due lotti differenti, il nono e il decimo appunto.

55Tuttavia se, analogamente che ad Heraclea, anche ad Halaesa il terreno viene parcellizzato ed utilizzato a costituire più klaroi, diversamente che ad Heraclea la costruzione che vi ricade, vuoi per le sue modeste dimensioni, vuoi perché, magari, si tratta di una costruzione non adibita ad abitazione, ma alla conservazione di attrezzi agricoli, non subisce analogo trattamento. Infatti la skana non viene né assegnata ad uno solo dei due klaroi, né suddivisa in due; se ne prescrive invece una utilizzazione in comune tra gli affittuari dei due lotti contigui.

56Nel secondo caso il procedimento è diverso, benché analogo risulti l’effetto: si tratta di assegnare a due (almeno) affittuari un unico terreno in precedenza destinato, presumibilmente ad un singolo.

57Alle linee 69-71 del succitato frammento delle Tabulae leggiamo: Ἔλοαοκόμιον δίκλοφον | Περίστασις τῷ ἐλαιοκομὶῳ, εἲ τίς ἐστι ἱερά, ἓπεται· οὐ ποιησοῦν|τι δὲ βυρσοδέψιον οὐδὲ μαγειρικὸν οἱ μισθωσάμενοι τὸ ἐλαιοκόμιον. Fondamentale è la linea 69, costituita da due termini, entrambi hapax legomena, di difficile e controversa interpretazione. Per elaikomion è stata di recente riproposta l’interpretazione di ‘frantoio’ (così G. Manganaro, in Storia della Sicilia, II, Napoli 1980, 431). Ma per una serie di motivi che ho distesamente analizzato in un lavoro specifico (ΕΛΑΙΟΚΟΜΙΟΝ ΔΙΚΛΑPON. Una interpretazione di IG XIV, 352, col. I, 11. 69-71, ASNP 18, 1988, 1447-1467), al quale rimando, a me pare più opportuno recuperare per elaikomion quel significato che gli aveva attribuito Kaibel (IG XIV, 352, p. 67) di ‘seminarium oleaginum’, dunque ‘piantonaio di olivini’, ‘vivaio’. Anche perché elaikomion è accompagnato dall’aggettivo composto diklaron che nel secondo formante rimanda appunto all’ambito della terra. In quanto dis-klaron, 1’elaikomion dunque, è un ‘doppio lotto’ intendendosi questo ‘doppio’, non necessariamente in relazione alla superficie, magari non proprio doppia rispetto a quella degli altri lotti, quanto più genericamente, in relazione ad un globale ‘valore doppio’. Il piantonaio di olivi, perianto, ‘vale un doppio lotto’. Ε a comprova di ciò, troviamo che le obbligazioni negative di non procedere ad operazioni di concia o di cucina nella peristasis assegnata all’elaikomion sono indirizzate ad un plurale di misthosamenoi, dunque quanto meno a due (se non più) affittuari.

58Se ne ricava, in questo secondo caso, che l’autorità cittadina, per recuperare da un punto di vista sociale il territorio da redistribuire, non ritenendo opportuno dimezzare un particolare appezzamento, fors’anche per la peculiarità della coltura, ne raddoppia il valore.

59È comunque evidente, nel caso di Heraclea come in quello di Halaesa, che ci troviamo di fronte ad operazioni di redistribuzione che, attraverso spie linguistiche diverse, denunciano di essere il risultato di una suddivisione in parcelle inferiori, una redistribuzione di lotti, dunque, di modesta entità. Ma questa frantumazione del territorio agricolo, segno presumibile di un rivolgimento istituzionale, denota necessariamente un passaggio da una fase aristocratica o oligarchica ad una democratica?

60Il Prof. Coarelli lo afferma per Heraclea. La convergenza, intorno alla metà del IV sec. a. C., epoca in cui egli ritiene si debba collocare il documento epigrafico analizzato, di vari elementi di carattere demografico, archeologico etc., emersi dalle diverse relazioni presentate in questo incontro, offre valido sostegno alla sua proposta.

61Ma, nel caso delle Tabulae halaesinae, non mi sentirei di applicare tout court l’equivalenza parcellizzazione = instaurazione di un governo democratico. In ambito siciliano, infatti, il ges anadasmos, la redistribuzione parcellizzata della terra, assieme alla cancellazione dei debiti, era lo strumento più praticato per l’affermazione ed il consolidamento di governi tirannici. In Halaesa, dunque, anche un momento di emergenza tirannica, pur non documentato dalle fonti, peraltro numericamente modeste, può aver provocato un fenomeno di parcellizzazione. Ed è questo un problema che merita certo ulteriori approfondimenti anche in connessione con la cronologia incerta del documento epigrafico alesino, che oscilla tra III e I sec. a.C. (si cf., in proposito, le recenti puntualizzazioni di S. Calderone e G. Nenci in Colloquio Alesino [a cura di A.M. Prestianni Giallombardo], Catania 1998, pp. 36 e 54, rispettivamente).

62In ogni caso, ciò che qui mi preme sottolineare è che il fenomeno economico della parcellizzazione può legarsi a rivolgimenti istituzionali diversi e contrapposti: l’affermazione di una regime democratico, ma anche l’instaurazione di una tirannide.

63Infine, per quella esigenza che ho sempre avvertito fortissima, di cercar lumi nella documentazione archeologica per l’interpretazione di dati epigrafici poco perspicui, i quali pero, a loro volta, possono contribuire a suggerire spunti di ipotesi di lavoro sul campo, vorrei offrire al Dott. Pianu che scava nell’agora di Heraclea, una proposta di verifica sul territorio.

64Egli ci ha mostrato quella parte dell’agora che sembra caratterizzarsi come area sacra per la presenza di elementi che riconducono a ritualità connesse con varie divinità locali. Qui si colgono, tra l’altro, ambienti di un edificio, forse sacro, definibili, se ho ben capito, come hestiatoria, data la presenza, anche, di materiale ceramico con resti organici e reperti ossei relativi ad ‘animali di terra’ che sembrano rimandare a pasti sacri connessi con particolari riti religiosi.

65L’ipotesi di lavoro da controllare sul terreno sarebbe quella di verificare se, accanto ad ambienti destinati alla funzione di hestiatoria, connessi dunque con il momento della consumazione dei pasti, non ce ne siano anche altri che possano ritenersi destinati alla preparazione e alla cottura dei medesimi.

66Suggerisco questo perché le Tabulae halaesinae documentano che proprio il santuario principale della città, lo hieron tou Apollonos - dove, secondo Diodoro (14, 16, 4) gli Erbitesi celebravano con gli Alesini, loro apoikoi, thysiai di syggeneia - era fornito di un ambiente espressamente destinato alla cottura delle carni (mageirikon), accanto al quale si trovava anche un presumibile ulteriore ambiente indicato come ei ta kalkia (frammento A, col. II, linee 63-64, da cf. con 52-54). Quest’ultimo ambiente, in quanto strettamente connesso al mageirikon, piuttosto che una «fucina, che forse costituiva la zecca della città» (come ipotizza G. Manganaro, in Storia della Sicilia, cit., 432), doveva essere, a mio avviso, un locale adibito alla conservazione degli utensili di bronzo (calderoni, spiedi, lebeti etc.), destinati alla cottura dei pasti rituali.

67La verificare nell’area sacra dell’agora di Heraclea della presenza di eventuali analoghe strutture, potrebbe risultare utile anche per sostanziare di ulteriori, concreti elementi archeologici, l’interpretazione delle linee del documento epigrafico alesino.

68L. GIARDINO: In margine a questa interessantissima relazione volevo soltanto aggiungere un dato archeologico che riguarda più da vicino il passo di Varrone. In alcuni corredi funerari della necropoli meridionale di Heraklea, databili alla seconda metà del II sec. a.C., sono presenti alcuni elementi archeologici che ci riportano all’area adriatica settentrionale. Questi elementi sono costituiti da una fibula in bronzo di tipo gallico, alla quale si aggiunge anche un secondo esemplare proveniente dal quartiere occidentale e alcuni bicchieri a vernice nera su piede, la cui tipologia si riscontra anche nella necropoli di Hadria, sempre in corredi della seconda metà del II sec. a.C. Il dato mi sembra possa fornire un ulteriore completamento a quel quadro di rapporti tra Heraklea e questo mondo, anteriore alla testimonianza di Varrone. Queste testimonianze non sono isolate. Ricordo rapidamente la fibula di Monte Sannace e alcuni bicchieri, attestati in necropoli dell’area daunia.

69A. MELE: Ho apprezzato moltissimo nella relazione Coarelli il metodo con cui egli ha costruito il suo discorso. Mi trovo d’accordo con lui, in maniera particolare sulla proposta di datazione delle Tavole alla metà del IV sec. a.C., vista la logica che queste Tavole ispira e che in queste Tavole si ritrova. E, da questo punto di vista, vorrei sottolineare la possibilità di superare un problema che, a prima vista, potrebbe costituire una difficoltà.

70È sottinteso nella relazione di Coarelli, che il periodo di Archita, per intenderci, avrebbe costituito un momento di chiusura oligarchica, menta, invece, il periodo successivo ad Archita sarebbe quello della rivoluzione democratica nell’ambito tarantino. Ambito in cui bisogna inserire, nella prima metà del IV sec., certamente Heraklea. Apro un attimo una parentesi: la testimonianza più forte in questo senso è quella data dallo Ps. Scilace, il quale, dando una testimonianza il cui livello è ante 356, inserisce Heraklea, Metaponto e Taranto nella Iapigia, ossia capovolge l’impostazione che Antioco dava alla fine del V sec. a.C., dicendo che l’Italia arrivava fino a Metaponto e comprendeva quindi anche Heraklea. La prospettiva, adesso, è cambiata completamente. La Iapigia si è estesa ai danni dell’Italia, comprendendo sia Metaponto che Heraklea, segnando quest’ultima il confine. Questa è la testimonianza fortissima della situazione che si è maturata in quest’area dopo la fondazione di Siris. Chiudo la parentesi e torno al problema Archita.

71Perché Archita dovrebbe costituire una difficoltà? Perché il passo di Strabone in cui si parla di tutto questo ci dice che in quell’epoca i Tarantini erano una democrazia. Il problema è allora intendere cosa è la democrazia dell’età di Archita. Innanzitutto, c’é da osservare che questa di Strabone è, nella sua origine, una fonte almeno di IV sec. e dal IV sec. in poi termini come oligarchia o democrazia cominciano a subire una rivoluzione, per cui non sono usati più con lo stesso valore con cui erano usati in epoca classica. Considerata anche modello di democrazia è Sparta, per cui, a questo punto, si capisce che il termine democrazia non può più essere inteso alla lettera, ma bisogna vedere di volta in volta che c’è dietro il termine.

72Nel caso di Archita i problemi sono due: il primo è che Archita è un grande proprietario terriero. Questo emerge dalla tradizione su Archita. Sappiamo che aveva tanti schiavi, che faceva coltivare la terra da un fattore, che lui stesso controllava di tanto in tanto la fattoria. Sappiamo che aveva scritto un trattato di agricoltura, che era citato dalle fonti tecniche, da Varrone. Sappiamo, inoltre, un’altra cosa: abbiamo un famoso frammento di Archita, relativo ai prestiti e ai debiti, la cui logica è tipicamente oligarchica. Infatti, ha un suo corrispondente immediato in un passo di Isocrate del Panegirico, che è un’opera oligarchica nella sua ispirazione.

73In sostanza, la democrazia moderata di Archita sarà una democrazia di ispirazione oligarchica, in qui si propone come modello di soluzione dei problemi economico-sociali il debito tra i più forti e tra i più deboli. Lo Stato interverrà poi a regolare tutto questo, ma la logica è quella. Ε quando la logica è questa, abbiamo un regime conservatore di tipo oligarchico che appunto al debito e al prestito affida la soluzione di problemi economici e sociali. Quindi, da questo punto di vista, la difficoltà che poteva sorgere nel discorso di Coarelli cade.

74Non c’è invece alcun problema per la parte successiva, per la seconda metà del IV sec., quando Strabone chiarisce che a Taranto, dopo la scomparsa di Archita, c’è stata una democrazia radicale, la democrazia tryphé, la democrazia dei condottieri. Problemi non ce ne sono. Dove, invece, potrebbe sorgere un problema, e su questo è già intervenuto Lombardo, è sull’interpretazione del passo di Strabone, dove effettivamente la presenza di quella relativa finale con l’ottativo futuro crea qualche problema. Lascerebbe cioè intendere che non c’era una prassi preesistente di synodoi, una prassi che nasce contestualmente al tentativo di Alessandro. Quindi nessuna garanzia abbiamo che le assemblee si fossero tenute proprio in quel posto. Direi di più, che anche il modo con cui Strabone chiarisce questa situazione precisando dov’è il luogo nel quale si costruirà il teichos per le synodoi è contro l’ipotesi che il luogo fosse quello tradizionale: se fosse stato così, non ci sarebbe stato bisogno di precisare; invece, avendolo precisato, evidentemente questo implicava che si trattava di una delle novità contro la prassi che era stato in vigore e che Alessandro modificava.

75P. G. GUZZO: Mi piacerebbe sapere come può essere definita la qualificazione funzionale dei ritrovamenti di epoca arcaica effettuati nella valle sottostante la collina di Policoro, nella zona nella quale sono le aree sacre del IV secolo. La definizione di tale qualificazione funzionale deriva dalle osservazioni compiute durante lo scavo, relative alla giacitura orizzontale e stratigrafica dei reperti. A quanto ricordo, negli studi degli anni ‘60 in questa zona era menzionata una stirpe arcaica. Tagliente mi pare abbia parlato di statuette arcaiche, mentre Pianu, se ho ben inteso, non ha menzionato strati arcaici in situ. Questi ritrovamenti arcaici, insomma, sono in posto oppure sono stati ritrovati h perché dilavati? Al momento non mi sembra che questi ritrovamenti arcaici possano essere qualificati funzionalmente, così da interpretare, anch’esso funzionalmente, il fondovalle in epoca arcaica. La necessità di sistematizzare al meglio questi dati deriva dall’esigenza di non considerare i ritrovamenti archeologici come se fossero esposti in un supermarket, dal quale, come disse una volta Torelli, ognuno prende quello che gli serve e se ne torna a casa tutto contento.

76A. BOTTINI: Volevo solo porre una domanda. In conclusione, L. Giardino ci ha detto che nel settore C di Heraklea c’è una presenza di bothroi e di depositi di statuette, ma non ci ha detto se siamo in grado di precisare la cronologia e il punto di rinvenimento di questi materiali. E la cosa è di qualche interesse, perché a me viene in mente la situazione di Roccagloriosa e la presenza di questi depositi votivi all’interno delle case di IV sec. a.C. Sarebbe interessante, quindi, capire se si può riconoscere un modello greco dietro questo comportamento. Vorrei anche ricordare che la bassa valle dell’Agri è l’unica zona che io conosca, al di fuori del territorio pestano, dove è diffusa la ceramica a figure rosse dell’officina di Assteas e Python. Quindi esiste un collegamento che continua anche in età molto tarda, nel IV sec. a.C., su un tracciato di rapporti IonioTirreno arcaici.

77E. GRECO: Vorrei fare qualche considerazione in margine al discorso di Liliana Giardino sul territorio di Heraklea.

78Prima di tutto, come diceva stamattina Filippo Coarelli, c’è bisogno di tornare alle Tavole di Heraklea, perché dal punto di vista archeologico non sono state sufficientemente utilizzate.

79Relativamente ai terreni di Dioniso, la synteka contiene precise indicazioni sugli obblighi del fittavolo; egli dovrà costruire degli edifici e tra questi un granaio quadrato (15 x 15 piedi).

80Mi sembra una nuova possibilità non valorizzata finora di studio del rapporto tra un testo scritto (per di più di natura giuridica) e documentazione archeologica. lo credo che l’edificio quadrato cui fa riferimento la syntheka non sia altro che il pyrgos, il granaio appunto, della fattoria greca.

81Secondo: a breve distanza dalle mura di Heraklea si trova un gruppo di monumenti in località Masseria del Concio, variamente interpretati come strutture difensive o tombali. Ιο credo che si tratti del rarissimo avanzo di una fattoria greca della fine del IV-inizi del III secolo a.C. (dunque coeva alle Tavole) in cui spicca il granaio (circolare, attestato da decine di esempi in tutto il mondo greco) che ha dimensioni nettamente più grandi di quello raccomandato dalla Tavola di Dioniso e che, perciò, deve essere riferito ad una media-grande proprietà e non al piccolo fittavolo che è il destinatario della ‘riforma’ di cui le Tavole sono espressione.

82A. PONTRANDOLFO: Vorrei richiamare l’attenzione sulla relazione di G. Pianu, che ha mostrato, a mio avviso, il primo santuario di Dioniso che noi conosciamo in Magna Grecia. Anche il tipo di struttura e di organizzazione credo testimoni in modo concreto un culto ufficiale riservato a Dioniso che si rileva funzionale a riti di passaggio e rispecchia la funzione preponderante che assume questa divinità in tutto il rituale funerario magno-greco, legato verosimilmente anche a credenze misteriche.

83Non ho altri confronti simili e mi sembra dunque di estrema importanza, soprattutto se consideriamo il santuario collocato all’interno dell’agorà, che naturalmente andrà più ampiamente esplorato.

84Poi, brevemente, rispetto ai dati mostrati da Liliana Giardino, credo sia veramente importante la dimostrazione che questo impianto è della metà del VI secolo; si pone il problema di conoscere la città della prima metá del IV sec., che comunque dalle necropoli è testimoniata.

85Infatti, se ricordo bene i materiali che vengono dalla necropoli meridionale, abbiamo una testimonianza non secondaria di documenti risalenti agli ultimi anni del V e agli inizi del IV sec. a.C. Ε mi ricollego a quello che diceva Bottini, relativamente alla presenza nella media valle dell’Agri di documenti che testimoniano anche rapporti con il versante tirrenico. In particolare mi baso sui dati ricavati dallo studio di una necropoli, scavata da Salvatore Bianco, oggetto di una tesi di laurea da me seguita.

86Tali contesti dimostrano l’esistenza di officine impiantate nell’area che tradizionalmente vengono divise dal Trendall dall’area lucana a quella apula.

87Sembra chiaro, dunque, che sono prodotti in quest’area sia i vasi attribuiti al Pittore di Roccanova, sia i vasi attribuiti al Pittore di Brooklyn-Budapest, fino ad arrivare ai vasi di Padula.

88Quindi, credo che cominciamo ad avere il quadro di una presenza ben strutturata e articolata nella media valle dell’Agri, ma che comunque presuppone anche l’esistenza di officine non solo a Metaponto, così come è stato ben dimostrato, ma anche a Policoro, ben attive e definite già nella prima metá del IV sec. a.C.

89Credo quindi che si ponga la necessità di indagare e conoscere la realtà urbana di questa fase.

90M. TORELLI: Voglio richiamarmi all’intervento di stamattina del prof. Adamesteanu, il quale ha opportunamente ricordato che esistono scoperte che tutti debbono conoscere. Penso qui, per esempio, agli scavi fatti dal prof. Neutsch e dall’Università di Heidelberg, una indiscussa pietra miliare nella conoscenza di Eraclea, la cui importanza tuttavia sia il volume Herakleiastudien sia le altre pubblicazioni preliminari dell’équipe germanica non sono ovviamente sufficienti a restituire in maniera compiuta. Volevo quindi formulare innanzi tutto un voto, perché si parta finalmente con un programma di edizione complessiva di tutti questi materiali. Così, ad esempio, il muro di mattoni crudi, cui accennava il prof. Adamesteanu stamane, è un dato solo sommariamente noto, per il quale, secondo me, occorrono edizioni scientifiche molto precise, contenenti l’esatta posizione, la qualità e la natura del trovamento, ed i relativi materiali di accompagno; edizioni scientifiche, per esempio, occorrono per i dati estremamente importanti riferiti da Liliana Giardino sulle presenze del materiale sirino anteriore ad Eraclea. Soltanto questo ci può fare uscire dall’impasse, le cui tappe sono in fondo rappresentate dal Convegno di Taranto su Siris e poi dal volume “Siris-Polieion”. Mi sembra dunque importante che si elabori un progetto complessivo di edizione e anche il ritorno su alcuni dei luoghi più importanti investiti dalle precedenti esplorazioni. Penso qui, per esempio, a luoghi centrali per le nostre conoscenze, come quello cui Pianu accennava, e cioè al grande basamento sulla collina del Barone, che necessita di essere rivisitato in maniera appropriata, sia esso o meno il celebre santuario di Athena Ilias.

91Detto questo, vorrei ritornare sulla questione del l’agora cui hanno accennato nel dibattito sia da E. Greco sia da A. Pontrandolfo. L’indicazione dell’area del c.d. “tempio arcaico” come sede verosimile dell agora, rispetto alla precedente proposta, ribadita stamattina sia da Adamesteanu sia da L. Giardino, ha dalla sua alcuni elementi importanti. Intanto, la centralità: questo è un elemento assai notevole rispetto a tutta la storia urbanistica di Eraclea che, come è stato più volte detto, è una colonia dal destino assai singolare. Tuttavia, ancor più singolare sarebbe la sua fondazione, se l’agorà fosse nel luogo proposto in passato e riproposto stamane: non solo il luogo non è il punto di giunzione di più assi viari, ma (la cosa non è apparsa abbastanza evidente) la stessa posizione della grande plateia è condizionata in maniera estremamente chiara dall’orografia. Lo spostamento della grande plateia in quel punto dipende insomma dalla natura del suolo, e non dalla cerniera di più assi, come sappiamo avveniva a Megara, secondo quanto ci ha insegnato G. Vallet. Una colonia fondata nel tardo V sec. a.C. difficilmente sarebbe stata pensata con questa anomalia.

92La seconda realtà è proprio la straordinaria estensione di questo impianto, un dato che forse Pianu non ha sottolineato con sufficiente forza. Il solo muro di temenos, che ha al centro il ben noto tempio “arcaico”, seguito solo per un breve tratto dai nostri scavi, è di oltre m 80 di lunghezza. L’agorà riproposta da D. Adamesteanu e da L. Giardino è in realtà una piccola area, assai modesta, con caratteristiche strutturali che non possono comunque richiamare un’agorà di epoca classica, o, peggio ancora, tardo-classica.

93Terzo ed ultimo elemento, la natura dei culti collocati al suo interno, non sono costituiti da un peribolo sulla terrazza meridionale dedicato a Dioniso, e da un secondo, vastissimo peribolo inferiore, dove, oltre al tempio c.d. arcaico, si contano altri sacelli e un hestiatorion (che potrebbe anche essere il pritaneo), e infine dal temenos di Demetra, posto accanto all’area sacra di Dioniso. L’estensione del complesso è colossale. Se noi l’andiamo a confrontare con altre agorai note per l’età classica e tardo-classica, non solo altrettanta estensione conosce scarsi confronti, ma difficilmente troveremo un insieme simile di grandi santuari che nella logica di una fondazione classica intendono connotare una realtà politica collettiva. Ricordiamo poi la centralità di Dioniso nel culto dell’Italia meridionale, ricordata molto opportunamente da A. Pontrandolfo. Ma Eraclea conta ancora un’altra, non meno importante caratteristica. Eraclea è una colonia per metà turina e per metà tarentina (che poi sia finita nell’orbita tarentina è un fenomeno storico-politico successivo), che nella logica della nascita della città si connota come fondazione mista: le due bellissime pelikai dalla tomba del Pittore di Policoro, l’una con Athena e Poseidone e l’altra con la scena degli “Eraclidi” di Euripide, rappresentano molto bene la filosofia alla base della fondazione. Ad Atene, il Dioniso melanaigìs, “dell’egida nera”, è la divinità cui è attribuito il compito di riconoscere l’appartenenza dei nuovi cittadini alle fratrie. Siamo a mio avviso in presenza della precisa volontà di riagganciare ad una tradizione squisitamente attica la figura di Dioniso, così importante nei culti della Magna Grecia. Aggiungiamo poi un altro dato di portata non trascurabile, costituito dalle forti analogie attiche possedute dall’accoppiamento, particolarmente produttivo nella grecità d’Occidente, tra Dioniso, Demetra e Kore. Tale fenomenologia cultuale possiede una sua indubbia centralità non in una logica di tipo oligarchico, bensì di stampo democratico. Ε che si sia in presenza di una realtà democratica è cosa molto importante proprio alla luce del fatto che questo vasto santuario dagli indubbi connotati politici si viene potenziando e strutturando in forme monumentali non al momento della ktisis (con tutti i ritardi che il testo di Strabone ci autorizza ad ipotizzare rispetto alla fondazione vera e propria della città nel luogo che noi conosciamo, nelle linee da ultimo ricostruite dal lavoro di M. Osanna), ma con un significativo spostamento cronologico di almeno due o tre generazioni rispetto alla data della fondazione di Eraclea. Il dato è ovviamente fondamentale e va letto in funzione dell’affermazione della democrazia, testimoniata dai dati elaborati da G. Pianu per le necropoli tardo-classiche ed ellenistiche della città e soprattutto dalle Tavole di Eraclea, secondo la cronologica alla metà del IV sec. a.C. e la lettura storica che ne è stata proposta da F. Coarelli.

94F. COARELLI (replica agli interventi sulla sua relazione): Ringrazio molto tutti gli intervenuti, perché mi hanno aiutato ad evitare errori e a capire meglio un testo che è fondamentale, però male interpretato fino ad oggi, perché oggi mi pare che si siano fatti molti progressi grazie a tutti questi interventi. Fino a ieri, la vulgata era: la sede del koinon della lega italiota viene spostata ad Heraklea da Archita e poi a Thurii da Alessandro il Molosso. Tutto questo in base a un testo che non dice nulla di tutto ciò. Quindi, se non altro, abbiamo sgombrato il terreno da tutta una serie di illazioni.

95È vero, c’è l’ottativo futuro che fa pensare; ma mi sembra che ciò non escluda un’analoga possibilità anche nel passato.

96Per quanto mi riguarda, volevo sottolineare molto rapidamente due cose. Si diceva prima che c’è una panegyrís koiné. È questo che, se vogliamo, ha portato poi all’errore. È vero che una panegyrís koiné in questo contesto è anche in qualche modo connessa con le synodoi. Però avevano sedi separate. Questa panegyrís aveva luogo ad Heraklea, quindi questa almeno c’era già, ed io penso lo stesso per le synodoi, anche se questa è una estrapolazione. Allora il Molosso cosa fa? Tenta, anche se poi forse non lo realizza, lo spostamento della panegyrís a Thurii. E, contestualmente, fortifica un luogo o il luogo - in greco non ci sono gli articoli- dove si svolgevano le synodoi. Due possibilità: o questo era già ad Heraklea, ed Alessandro lo sposta vicino l’Akalandros; o, se era già sull’Akalandro, lo fortifica soltanto. Anche se ammettiamo che Alessandro il Molosso lo sposta sull’Akalandros, tutto questo significa solo che da quel momento il centro della lega era lì, in quel punto sul fiume.

97Personalmente, non posso dire se le Tavole di Heraklea sono del 350 o del 330. Credo che sia impossibile. Pertanto va benissimo anche il 330. Però pone il problema sollevato da Lombardo: che rapporto c’è tra la sede della lega e l’archivio di Heraklea? Il mio problema è solo questo: qui si dice che c’è un centro fortificato sull’Akalandros e le Tavole sono state ritrovate sull’Akalandros. Ce un rapporto tra le due cose? Mi sembra difficile negarlo. Credo che qui l’archeologia potrebbe dare la risposta definitiva. Io ho fatto una proposta, può darsi che sia sbagliata, però la coincidenza mi sembra abbastanza forte. Naturalmente è un’ipotesi. Giochiamo sempre con queste quattro righe di greco; molto di più non si può fare.

98Sul fatto che Heraklea faccia parte della ghe Tarantine ha già risposto Mele.

99Le sfumature. Certo, mettere sullo stesso piano Metaponto, Heraklea e Thurii è pericoloso, per quanto si tratta di tre città vicine, confinanti, nella stessa epoca. Ci saranno state sicuramente delle differenze. Solo mi domando: in base a quale documentazione noi possiamo riconoscere queste sfumature? Se qualcuno me le segnala, sfumerò anche io. Ma in attesa, su che cosa ci basiamo? Anni fa abbiamo fatto una mostra su Roma medio-repubblicana. Forse gli studiosi della Magna Grecia non l’hanno vista e non hanno visto il catalogo. Ma il problema della profonda trasformazione che avviene al livello delle strutture politiche e direi cittadine in Italia negli anni centrali del IV sec. a.C. non riguarda solo Thurii, Heraklea o Metaponto, ma tutta l’Italia, per lo meno tutta l’Italia tirrenica: l’Etruria, Roma, il Lazio. Qualcuno forse si ricorderà, per esempio, delle leggi Licinie-Sestie. È un problema del considerevole aumento dei corpi civici, che si verifica contemporaneamente e ovunque. Naturalmente in forme leggermente diverse, però è un fenomeno reale e come tale noi lo cogliamo. Ci sfuggono sempre le sfumature, ma è già molto se cogliamo il fenomeno.

100Credo che non mi resti che ringraziare la Giardino, perché mi ha fornito degli elementi molto interessanti per la questione dei pastori, che forse sono i possessori di quelle fibule galliche a cui lei accennava. Per la Tabula Alesina, ne terrò conto.

101Le tirannie. Direi, con Mele, che quel tipo di operazione, di divisione di terre è tirannico in quanto la tirannide è essa stessa l’espressione di un allargamento del demos. Quindi, va inteso come utilizzazione da parte dei tiranni di qualche cosa che non è solo tirannico. Ci sono tiranni in Magna Grecia alla metà del IV sec. a.C.? Non mi sembra. Quindi, quando ci sarà una documentazione in questo senso, allora definiremo meglio questo fenomeno. Nell’attesa, definiamolo come ampliamento dei corpi civici. E quando dico ‘democrazia’, intendo dirlo tra virgolette.

102L. GIARDINO (replica agli interventi sulla sua relazione): Rispondo innanzitutto al Prof. Torelli, per quello che riguarda il problema dell’agorà. Stamane, nel fare la sintesi di tutte quelle che sono le caratteristiche urbanistiche della collina del Castello, ho ricordato l’ipotesi fatta dal Prof. Adamesteanu nel ‘69, che poneva, appunto, indicata lì l’area dell’agorà. Ma mi sembrava anche di aver detto, abbastanza chiaramente, che proprio per gli stessi motivi che ha detto il Prof. Torelli escludevo la possibilità di questa ubicazione. È impensabile porla su una terrazza collinare, larga m 100, e servita in sostanza da un unico asse viario con andamento est-ovest. Questo nonostante ci potessero essere anche altre indicazioni apparentemente a favore, come quello della collocazione in quell’area del rinvenimento della laminetta con menzione di eforo.

103Per ciò che mi chiedeva A. Bottini sui due ritrovamenti che io ho citato nell’ambito di una completezza di dati provenienti da questa zona, chiarisco ulteriormente che la stipe - perché di una stipe si tratta, visto che c’era tutta una serie di pinakes deposti gli uni sugli altri - viene dal margine settentrionale dell’insula più occidentale, che è chiusa da un muro diagonale. All’interno di questo muro c’era la stipe, con motivo del Dioniso disteso su kline, con donna e anche dei Dioscuri. Sarei felicissima di essere la prima ad inaugurare la lunga serie di pubblicazioni, che, per il resto, non mi sembrano così fitte. Per quanto riguarda la cronologia, non l’ho data volutamente, perché, trattandosi di cose di carattere votivo, hanno anche tratti di conservatorismo. Ε comunque lascio la parola a chi è più esperto di me, che non sono specializzata nello studio di queste cose.

104L’altra stipe proviene dal lato sud della plateia, in uno di questi famosi spiazzi con poche strutture. C’era questo pozzo con imboccatura circolare, all’interno del quale c’erano di nuovo pinakes con ceramica. La ceramica, quella a vernice nera, si data grosso modo alla seconda metà del IV sec. a.C. I pinakes sono dello stesso tipo di quelli del lato nord. La lettura, ribadisco, la lascio ad altri.

105Infine, per quanto riguarda il problema della cronologia, io ho presentato una sintesi sulla base dei dati, su quanto visto in Museo e dalle pubblicazioni. Forse ricordo male, ma mi sembra che Giampiero Pianu nella sua pubblicazione parli di un unico corredo della prima metà del IV sec. a.C. il resto viene tutto dalla metà dello stesso secolo in poi. Allora io notavo che mi sembra che tutta questa organizzazione dello spazio urbano potrebbe ben collocarsi nella prima metà del IV sec. ed userei le stesse parole di Pianu nel propendere piuttosto verso la metà del IV sec., che non anteriormente. Certo restano sempre da spiegare i 70-80 anni precedenti.

106G. PIANU (replica agli interventi sulla sua relazione): Alcune cose vanno dette anche brevemente.

107A M. Lombardo: c’è il problema di Antioco, questo è sicuro. D’altra parte, io stesso facevo una serie di ipotesi e dicevo che era molto seducente l’ipotesi fatta da Greco ieri. Tuttavia, a questo si oppone oggettivamente la tomba del Pittore di Policoro, che il Prof. Torelli ha appena ricordato, che è una tomba sicuramente connotata con una forte ideologia collegata al mondo ateniese. Tutti i miti rappresentati in questi vasi sono conosciuti da Euripide e fanno verosimilmente parte della propaganda periclea, grosso modo. Ε questa tomba sta a Policoro, non alla foce del Sinni. Quindi, effettivamente, bisogna stare molto attenti, e su questo problema sono d’accordo.

108Per quanto riguarda la Prof. Prestianni, io sarei ben lieto di trovare il luogo di conservazione dei resti dei pasti rituali di Heraklea, ma purtroppo non l’abbiamo trovato. Quello che abbiamo ad Heraklea sono semplicemente dei focolari all’aperto e dei luoghi dove si mangiava e da qui si facevano gli scarichi. In ogni caso, andrò a rivedere meglio questo problema della Tabula Alesina, per vedere se ci sono dei suggerimenti in questa direzione.

109Per quanto riguarda P. Guzzo e l’incertezza dei ritrovamenti nella valle sotto la collina, io ribadisco quello che ho già detto: ci sono dei ritrovamenti, sono 20 pezzi di terracotte architettoniche, 8 antefisse e 12 frammenti di decorazione architettonica, che io ho trovato non in strato e che, per quanto riguarda la nostra situazione, non mi sembra possibile costruire in sistemi. La quantificazione funzionale del resto dei ritrovamenti non so se è possibile, perché ci sono tutti gli scavi tedeschi poco conosciuti. C’è la stipe pubblicata da Lo Porto, ma non si capisce bene se è completa e dove sia. Quindi c’è un problema di rimettere insieme tutti i dati.

110Mi sembra che ad A. Pontrandolfo abbia risposto M. Torelli e per quanto riguarda i motivi dell’ubicazione dell’agorà in questa zona mi ha fatto molto piacere che l’abbia fatto lui, perché, in fondo, fu lui che nel 1986 per la prima volta a parlarne a Taranto e a indicare questa zona come quella dell’agorà di Heraklea.

Giornata del 2.11.91 (mattina)

111A. MELE: Vorrei richiamarmi a quello che ha detto Coarelli. Lui mi pare ci abbia riproposto una impostazione della Lega Italiota che mi sembra restrittiva. La Lega Italiota che comincia nel 396 e comprende tutte quante città italiote fino a Taranto, fino a Metaponto, fino ad Heraklea, una Lega Italiota che comprende anche il settore tarantino, metapontino, heracleota e quindi una continuità con le strutture tra la I lega e il Koinon retto da Archita.

112Ma nella I lega Heraklea, Taranto, Metaponto non ci stanno. Quindi le due leghe non sono da mettere sullo stessa piano. C’è una rottura politica, ma anche di strutture. Perché l’elemento portante della Lega del 396 non è la Synodos, è il Synedrion. Tra la Lega del 396 e la Lega del 330, o giù di lì, c’era una differenza fondamentale da tener presente. Cioè, mentre per la Lega di Caulonia, Sibari e Crotone c’è continuità territoriale e quindi l’elemento portante può essere la Sinodos, cioè l’assemblea, perché sono contigue, nella Lega italiota, invece, che comprende Velia e Reggio, divisa territorialmente da Crotone e Turi, l’elemento portante non può essere la Synodos. Come si riunivano territorialmente? E Diodoro parla del Synedrion, organo rappresentativo di tipo ridotto, e non può essere diversamente. Quando, invece, noi passiamo alla Lega di Archita si dice chiaramente che Archita è eletto stratego dai tarantini e dagli italioti che abitavano quella zona. Quindi sembrerebbe che, di nuovo, si sia tornati ad un tipo assembleare, alle Synodoi. La Synodos è l’assemblea di base, l’assemblea generale. Invece il Synedrion no. È un parlamento. Ora, questo era possibile. Perché la seconda Lega Italiota, cioè quella che fa capo a Taranto, le due testimonianze che ne parlano, Strabone e Stefano, dicono sempre: quelli che vi abitavano intorno. Di nuovo si restaura un regime di continuità territoriale che, invece, mancava nella Lega del 396. Velia e Reggio non possono entrare in rapporto con le altre città se non attraverso la porta del Synedrion. Ma non attraverso la forma dell’assemblea generale, cioè dalla Synodos.

113M. LOMBARDO: Volevo innanzitutto dire due parole sulla centralità del synedrion nel primo koinòn italiota. In alcuni eventi storici che vedono questo koinòn protagonista, sembra, in effetti, di poter riscontrare un ruolo particolare dei Crotoniati, ai quali viene, ad esempio, conferita l’heghemonìa tou polemou nel 389 e che a loro ‘discrezione’ eleggono come stratego delle forze ‘federali’ inviate in aiuto di Reggio addirittura un esule siracusano (Diod., XIV 103). Se consideriamo, d’altra parte, che il compito, e la piena responsabilità, della mobilitazione delle forze militari delle varie città confederate, in caso di aggressione lucana al territorio di una di esse, spettava interamente - e ‘automaticamente’ - agli strateghi di ciascuna città (Diod., XIV 101), sembra lecito dedurne che il ruolo del synedrion non dovesse forse essere particolarmente ‘forte’, né soprattutto continuo ed ‘efficace’, sul piano operativo.

114Traendo poi spunto da quanto osservava il Prof. Stazio sulla possibilità che le prime serie monetali eracleote siano da datare in epoca assai posteriore rispetto alla data tradizionale di fondazione della città, vorrei riprendere il discorso accennato ieri per formulare, assai rapidamente per ovvi motivi di tempo, qualche riflessione sulle tradizioni, scarne ma interessanti, relative alle vicende della Siritide posteriormente alla fondazione di Thurii. Ho in effetti l’impressione che la fondazione di Eraclea rappresenti un salto strutturale notevole rispetto all’esperienza della synoikia thurino-tarentina alla foce del Sinni di cui riferisce Strabone (VI 1, 14) sulla scorta di Antioco. Un salto che secondo me si lascia cogliere come tale anche sul piano cronologico. Diodoro (XII 23, 2) ci parla infatti, sotto il 444/443 a.C. di una guerra fra Thurini e Tarentini fatta sostanzialmente di scaramucce. Abbiamo quindi la testimonianza del ‘contemporaneo’ Antioco di Siracusa (fr. 11 Jacoby), il quale riferisce che i Tarentini, dopo aver combattuto per la Siritide contro i Thurini e Cleandrida - dunque nei primissimi anni dopo la fondazione della colonia panellenica-, si accordarono con essi per ‘abitare insieme’ la città, che sarebbe stata ‘attribuita’ come colonia ai Tarentini stessi. Più tardi - hysteron, senza ulteriori specificazioni-, prosegue lo storico siracusano, essa venne chiamata Eraclea, avendo cambiato sia il nome che il sito. È sotto il 433/432 a.C., poi, che ancora Diodoro (XII 36, 4) riporta la ‘notizia’ che i Tarentini “spostarono gli abitanti della cosiddetta Siris, e, aggiunti ad essi propri coloni, fondarono Eraclea”. Ed è infine Strabone (VI 1, 14) a consentirci di chiudere in qualche modo il cerchio, riferendo che Eraclea era stata fondata “partendo dal sito di Siris” alla foce del fiume omonimo, che rimase poi come epineion della città e che distava da essa 24 stadi.

115Quel che mi chiedo è se la synoikia di Siris alla foce del Sinni non si configurasse come una ripresa o ‘riedizione’, per così dire, del vecchio modello di sfruttamento territoriale della Siritide di matrice e tradizione sibarita, centrato su un ‘recapito’ portuale, ed emporico, alla foce del fiume. Una ‘riedizione’ che potrebbe aver ‘funzionato’ per alcuni anni, finché i mutati orizzonti relazionali dell’area magnogreca, legati anche al profilarsi della guerra del Peloponneso, non consentirono a Taranto di operare quello che definivo un ‘salto strutturale’, fondando ‘unilateralmente’ Eraclea, con finalità e funzioni - anche in rapporto allo sfruttamento del territorio - assai diverse rispetto al vecchio modello sibarita.

116A. MELE: Il mito dell’egemonia crotoniate sulla prima Lega è da rivedere. Perché il passo diodoreo dice che gli alleati si riuniscono e decidono di dare l’egemonia ai Crotoniati. Non è automatico. È una decisione che viene presa in quella occasione in maniera formale. Difatti, quando entrano in gioco altre aree, il reggino attaccato da Dionigi oppure Turi attaccata dai Lucani, il comando torna rispettivamente ai Reggini e ai Turini. Quindi non c’è nella Lega un’egemonia data. Se fosse data, se ci fosse stata un’egemonia data, avremmo avuto una forma di monarchia. Quello che, invece, Polibio dice non era di questa Lega prima achea poi Italiota: che essa, invece, rifiutava ogni forma di egemonia data, di monarchia, e che era improntata ad un modello di tipo democratico.

117Diodoro lo dice chiaramente. Non è che Crotone ha automaticamente l’egemonia. Ci vuole una decisione apposita presa in quell’occasione. Ε nel caso di Turi attaccata sono i Turini responsabili.

118Le forze vengono anche dagli altri italioti ma la responsabilità è dei Turini. L’egemonia tocca ai Turini. Nel caso dell’attacco a Reggio l’egemonia è dei Reggini. La flotta viene inviata ai reggini nel 390 e sono i Reggini a doverla gestire.

119D. MERTENS: Vorrei chiarire alcuni punti del mio discorso di ieri, perché ho l’impressione di essere stato frainteso. Il mio intervento voleva essere un tentativo di stabilire delle equazioni precise tra architettura monumentale e fondo economico che sta alle spalle. L’architettura monumentale non è massicciamente rappresentata in tutta la Magna Grecia: abbiamo il grande esempio di Poseidonia, la particolare monumentalità di Locri, Metaponto e pochi altri fatti. Molto dipende dallo stadio delle nostre ricerche e dei nostri studi, ma questi fenomeni di monumentalizzazione esistono e devono essere presi come tali nel loro periodo. Abbiamo visto nella evoluzione di Paestum una grande alternanza di situazioni, con la possibilità di stabilire quella equazione per un determinato periodo e poi non più ed abbiamo visto a Metaponto questo stringente, secondo me, parallelismo tra interno ed esterno della città. Se uno considera seriamente questa massa di dati che Joe Carter ha raccolto, salta agli occhi subito quella corrispondenza tra fuori e dentro le mura. In questa equazione tra città ed entroterra casi come quello di Metaponto mi pare siano talmente stringenti da chiamare in causa anche le altre colonie, ed in prima linea Poseidonia, così vicina a Metaponto fino alle manifestazioni religiose. Ho cercato di mettere in risalto questo parallelismo non solo per quanto riguarda la struttura dei templi, ma, come giustamente ha sottolineato Filippo Coarelli, anche per gli stessi culti. Io sono convintissimo che, se sarà attentamente studiata, questa corrispondenza apparirà chiara anche in altri centri. Mi permette invece di ritornare ancora una volta sul problema dello ionismo a Metaponto nella prima metà del secolo V: tutta la corrente ionica, lo stile delle grandi colonne, il rifacimento dei templi sono problemi per i quali non ho come architetto spiegazioni sufficienti. Ma vorrei mettere in evidenza un problema non secondario quale è quello della grande varietà di provenienza della pietra da costruzione, in primo luogo; in secondo luogo ribadisco quello che ho detto ieri sulla scala così grande di intraprese metapontine nell’ultimo quarto del IV secolo che non trova riscontro nelle altre città magnogreche. Certo molto dipende dallo stato delle nostre conoscenze, ma mi rifaccio proprio alle discussioni di ieri sull’agora di Herakleia che non è, in nessun modo, confrontabile con quella di Metaponto sul piano monumentale. Da ciò deriva un ruolo centrale che Metaponto assume nella storia urbanistica di questo periodo, non solo a livello di grandi monumenti, ma anche dell’edilizia domestica che abbiamo appena iniziato a studiare. Ed è una particolarità di Metaponto che, per questa fase, non trova confronti diretti con le altre realtà conosciute. Certo la nostra attenzione va a Taranto, che rimane sempre la grande incognita, l’unica città con la quale potremmo confrontare la monumentalità metapontina.

Giornata del 2.11.91 (pomeriggio)

120P. G. GUZZO: Vorrei porre domande a proposito di due argomenti sollevati nelle relazioni di stamattina, ricollegandomi a quanto si è ascoltato nei giorni precedenti. Il primo si riferisce ai miti di fondazione di Metaponto: i primi due dei tre filoni evidenziati da Alfonso Mele, quelli, per intenderci, filo-tarantino e filo-acheo, mi sembra diano molta importanza all’elemento indigeno precedente la fondazione. Nel filone filo-tarantino si arriva addirittura a dare nomi propri agli indigeni. Non so se questa caratteristica può essere paragonata ad un’altra tradizione tarantina: quella che, falsamente secondo altre fonti, assegnava origini spartane ai Sanniti. Si può dire che, nei loro momenti di crisi, i Tarantini prestano un’attenzione particolare agli Indigeni?

121Il secondo filone, e la seconda domanda, si riferisce alla tradizione filo-achea, in specie all’interpretazione data da Mele degli Argonauti. Non vorrei cadere nella trappola combinatoria, ma mi domando come rapportare i dati della tradizione a quelli archeologici, che ci fanno vedere le colline para-costiere fittamente frequentate da Indigeni prima della fondazione di Metaponto. Sappiamo della vitalità di questi abitati indigeni, in rapporto commerciale prima con Sibari e poi con Taranto: e Lombardo ha anche parlato di un’ “espansione” indigena, conseguente alla vitalità dei rapporti con i primi coloni greci. L’esempio principale è l’lncoronata, nucleo indigeno in rapporto vitale con i Greci. Il mito e la tradizione hanno quindi letto, nella loro ottica funzionale agli interessi dei coloni greci, una realtà effettuale: che si veniva conoscendo e valutando nei primi anni delle colonie. Ε che ciò sia reale lo testimonierebbe la concordanza, sotto questo aspetto, dei due filoni di tradizione, antitetici dal punto di vista politico, ma paralleli per la rappresentazione, trasfigurata, della realtà. Se ciò è nel reale, mi pare che la corretta documentazione archeologica possa apportare un buon contributo alla ricostruzione di questi antichi eventi e forme di pensiero.

122Il secondo argomento riguarda l’emergenza di un ceto aristocratico a Metaponto: e vorrei che Antonio De Siena ci raccontasse quanto vuole a proposito della tomba che ha appena scoperto e scavato otto giorni fa. Da quanto ha avuto la bontà di farmi sapere, questa tomba appartiene ad un personaggio importante, un po’ più antico forse di quello, sepolto con l’uovo di alabastro, reso noto con encomiabile rapidità e completezza da Angelo Bottini. Queste forme particolari di sepolture particolari credo possano essere collegate all’argomento della stratificazione sociale a Metaponto.

123A. AVRAM: Il mio intervento sarà consacrato a due aspetti della colonizzazione greca pontica e dell’organizzazione del territorio nel mondo coloniale; credo che questi due aspetti saranno utili per una comparazione tra la colonizzazione greca nel bacino del Ponto Euxino e la colonizzazione della Magna Grecia.

  • 1 Al. Avram, Das histrianische Territorium in griechisch-römischer Zeit, in: P. Alexandrescu, W. S (...)
  • 2 D.M. Pippidi, Inscriptiones Scythiae Minoris, I. Bucarest, 1983, n° 18, 1.18.
  • 3 Vide: Inscriptiones Graecae in Bulgaria repertae, I2, 43, 1.6: στρατηγòς ἐπι τῆς προσχώρου (Odes (...)
  • 4 Inscriptiones Scythiae Minoris, I, 329, 343, 373; Emilia Dorutiu Boila, Inscriptiones Scythiae M (...)
  • 5 K. Zimmermann, Al. Avram, Klio, 69, 1987, 627.

124Il primo aspetto. Vorrei richiamare l’attenzione sul territorio di Istros (o, col nome latino, Histria), una deduzione di Mileto (VII sec. a.C.); negli ultimi anni il territorio di Istros è stato sistematicamente scavato. Sulla base della spartizione topografica degli insediamenti di età greca e romana ho già proposto1 una distinzione dal tipo ormai introdotto dal prof. Dinu Adamesteanu tra il territorio stricto sensu e il territorio, la chòra, come dominio di influenza. Il territorio nel senso rigoroso è piccolo e ristretto alla zona intorno la città (carta fig. 2), mentre il dominio di influenza si estende, forse, fino alla foce del Danubio (carta fig. 1). La ricostruzione, è vero, è abbastanza ipotetica, perché si fonda sulla cosiddetta horothesia di Histria (25 ottobre 100 d.C.) sotto la direzione del governatore della Moesia Inferior, cioè un documento di età romana. Tuttavia, questa ricostruzione dei confini del territorio di Istros in età romana è, forse, la stessa per l’età greca. L’evidenza epigrafica sembra confermare le suggestioni archeologiche nella stessa direzione. Se per l’età greca abbiamo un documento epigrafico2 che fa menzione in un contesto infelicemente lacunario della cosiddetta proschôros (e proschôros significa, come hanno precisato Louis Robert, Hermann Bengtson o Giorgi Minailov, qualcosa come territorio di confine, territorio di margine, Grenzgebiet3, nell’età romana la stessa zona sembra essere chiamata regio Histriae4. Questa regio Histriae è sicuramente distinta dal territorium, è il dominio dove magistratibus ius dicendi coercendique est libera potestas (Siculus Flaccus, 135, 4 Lachmann). Se la proschòros (= regio) era caratterizzata soprattutto da insediamenti misti greco-indigeni, la chora ristretta (= territorium) era composta dai klèroi dei cittadini. Un interessante documento archeologico sarebbe nel territorio di Istros la fattoria di Histria Pod (IV sec. a.C.)5.

  • 6 Per la restituzione delle iscrizioni e la discussione topografica vide Al. Avram, Dacia, n.s. 35 (...)
  • 7 Per l’interpretazione del passaggio vide, inoltre il mio studio già citato, anche Α.Ν. Sceglov, (...)

125Il secondo aspetto: l’organizzazione dello spazio nella colonia dorica di Callatis, una deduzione di Eraclea Pontica. Importantissimi fra i documenti epigrafici qui scoperti sono cinque frammenti (esemplari greci e latini) di una limitatio misurata in πόδες (= pedes) ἀπò λίθου... ἐπὶ λίθον (rispettivamente a lapide... ad lapidem)6. Alcuni frammenti hanno conservato le distanze in piedi tra i termini della limitatio. Tra i termini 20 e 25, per esempio, abbiamo le distanze 1000, 2400, e poi, a destra (dextrorsum) 2000, poi rigore recto 2000 e ancora 2000 piedi. È chiaro che questi erano i limiti dei klèroi e mi sembra abbastanza verosimigliante che la limitazione di età romana sarebbe stata adattata ad una realtà più antica, cioè di età ellenistica. Abbiamo allora una prova indiretta della lottizzazione di Callatis. La strana misura di 2400 piedi è stata interpretata come un indizio di una centuria romana; però la successiva distanza fornita dal documento, a destra, è di 2000 piedi, dunque la forma non era una centuria quadrata, ma un rettangolo di 2400:2000 piedi, cioè un complesso di più piccoli rettangoli di 120:100 piedi, come nelle Tavole di Eraclea. Questa coesistenza tra il sistema duodecimale e decimale e si ritrova parzialmente nei ben conosciuti klèroi di Chersones Taurica, un’altra deduzione della stessa Eraclea Pontica, e, forse, nella città madre, se pensiamo alla divisione del corpo civico alla luce di Enea Tattico, 11, 10, a-117

126A. DE SIENA: Intervengo su invito dell’amico Mario Lombardo per dare le prime informazioni sul rinvenimento recentissimo all’interno della necropoli urbana di Metaponto di una sepoltura che mostra segni di particolare interesse e che s’inserisce molto bene nelle tematiche appena sviluppate in questa sede. Si tratta della tomba n. 238 caratterizzata da un particolare risalto architettonico, del tipo a semicamera, a grossi blocchi di calcare e conglomerato recuperati credibilmente da un altro monumento ed adattati al particolare uso funerario. La deposizione è compresa all’interno della necropoli urbana di località Crucinia, nella proprietà Giacovelli, a lato della strada statale n. 175 che collega il Borgo residenziale di Metaponto con Matera, prima dello svincolo con la Statale Ionica n. 106. È da premettere che tutta l’area ha avuto una esclusiva destinazione sepolcrale ed i rinvenimenti, per scavi regolari o recuperi d’emergenza, sono sempre stati numerosi e frequenti. Proprio da un corredo saccheggiato in questa stessa zona, ed il dato è confermato anche da notizie d’archivio, provengono alcuni frammenti in lamina d’argento dorato decorati a sbalzo, esposti nel museo di Metaponto e studiati dall’amico Guzzo (Oreficerie arcaiche da Metaponto, ArchCl, XXIV, 1972, pp. 248 ss„ tavv. LV-LVII). La funzione di questo prezioso gruppo di statuette femminili e maschili è sempre stata dibattuta ed è rimasta sostanzialmente incerta. L’interpretazione più credibile, visto il precario stato di conservazione dei singoli pezzi, è che si tratti del rivestimento decorativo per una cintura, per un cofanetto ligneo o per un altro oggetto minuto.

127All’interno della tomba 238 sono stati riconosciuti i quattro incavi di forma quadrangolare posti agli spigoli per facilitare l’alloggiamento della kline, due albastra, due spilloni in argento ed un copricapo cilindrico in lamina d’argento dorato. Le ossa e tutti i materiali che compongono il corredo risultano fortemente corrosi nella parte di contatto con la pavimentazione in quanto hanno subito l’azione corrosiva dell’acqua di falda e delle polveri di calcare. Il rapporto del cranio con l’oggetto prezioso è comunque sicuro. Da una prima lettura si può già apprezzare la presenza di una complessa decorazione distribuita su un’altezza di cm. 25,8 ca. Cinque fasce parallele orizzontali di differente larghezza sono tenute tra loro da sottili bande trasversali con funzione di collegamento e di tenuta. Le due fasce superiori, più larghe delle altre, trattengono un fregio continuo lavorato a sbalzo, rappresentato da una teoria di kouroi in posizione frontale, alternati da cavalli con la testa rivolta da un lato o dall’altro in modo contrapposto a formare coppia. Ogni figura a rilievo poggia su una sua base, è ritagliata singolarmente ed è fissata ai supporti in alto ed in basso per mezzo di chiodini ribattuti. Nella breve sequenza che è possibile ricostruire al momento, ma che non corrisponde all’intero sviluppo del motivo decorativo si collocano 11 elementi nettamente distinti tra loro, con una alternanza cavallo-kouros. Gli ultimi due kouroi sono ripetuti. Nella fascia centrale si ripete un’appariscente decorazione floreale costituita da gruppi di più corolle sovrapposte con petali di forma e dimensione differenti. Il tutto è fissato alla lamina di base per mezzo di un chiodo alla cui estremità è inserito un pistillo plastico. La fascia successiva propone corolle più piccole disposte in maniera disorganica, una banda con kymation dorico e protomi di ariete di profilo. I vari elementi decorativi sono fissati al supporto con piccoli chiodi ribattuti. La presenza regolare e ripetuta di altri fori con fermi ad alette ripiegate porta al convincimento che le lamine rappresentino il rivestimento di un copricapo in tessuto pesante od in cuoio. Le figure femminili sono state ritrovate in prossimità del petto e del collo, vicino agli spilloni, e non presentano alle due estremità i fori e la necessaria predisposizione per il fissaggio alla lamina metallica. E’ molto probabile che decorassero le bende pendenti dal monumentale polos. I resti scheletrici sembrano appartenere ad un giovane donna di ca. 35 anni di modesta statura. Il lavoro di restauro e di recupero sistematico non è stato ancora avviato e queste sono da considerare come osservazioni preliminari. Il rinvenimento del 1954 non è quindi l’unico nel suo genere e le varie figure a sbalzo trovano finalmente una corretta interpretazione funzionale. Per un primo confronto si rinvia alla cosiddetta piccola metopa di Selinunte trovata nel 1968 reimpiegata nel lato sud della fortificazione meridionale dell’acropoli con la rappresentazione delle tre divinità. La figura centrale, riconosciuta come Hekate, porta un alto copricapo cilindrico e solo la pessima qualità del rilievo impedisce di leggere il motivo decorativo: Tusa V., La scultura in pietra di Selinunte, Palermo 1983, p. 109; tavv. 22-23; Zancani Montuoro P., Charites?, PP, XXIX, 1984, pp. 444 ss.; Rolley Cl., La sculpture grecque. Des origines au milieu du Ve siècle, Paris 1994, pp. 211-212 e 310-311, fig. 321.

128Un recente riesame dei primi frammenti di lamina effettuato da Lo Porto [Metaponto (Matera). Rinvenimenti nella città antica e nel suo retroterra ellenizzato, NSc, XLII-XLIII, 1988-1989, (1992), pp. 311 ss., figg. 10-14] porta alla conclusione che si tratti di un “rivestimento di una cintura in cuoio piuttosto alta alla maniera dedalica” (p. 315). Nella nota 23, a margine, si ha una maggiore precisazione: “Nell’arte greca del VII sec. a.C. sono piuttosto frequenti le rappresentazioni di figure muliebri in peplos stretto alla vita da alta cintura (sic!)”. Tuttavia l’autore alla p. 311, prima di esprimere apprezzamenti e giudizi alquanto discutibili, vi riconosce un diadema od un rivestimento metallico di un polos (!). Il Lo Porto ha decisamente molta fretta di proporre in anticipo l’idea del polos e, nonostante le ripetute ed immeritate critiche al lavoro del Guzzo ed a quello dei restauratori, non è in grado di dimostrarlo e dimentica, cosa ancora più grave, di correggere il testo già preparato per la stampa (*1992).

129[Nota aggiuntiva: Le successive operazioni di scavo hanno consentito di riconoscere nella stessa zona la presenza di altri documenti riferibili alla necropoli monumentale arcaica. Queste tombe rappresentano le prime testimonianze archeologiche riconducibili di sicuro ai gruppi aristocratici che hanno contribuito alla formazione della colonia. Si tratta di un esteso complesso funerario riservato a personaggi autorevoli ai quali è riconosciuto il diritto di mostrare i segni dell’appartenenza ad una categoria sociale elevata e del possibile esercizio di cariche politiche e/o religiose di grande prestigio istituzionale. Ne sono una conferma la struttura architettonica delle tombe, tutte del tipo a semicamera, l’utilizzo di materiali lapidei importati, la posizione dei defunti su klinai spesso accessoriate con elementi decorativi in metallo prezioso, la particolare composizione del corredo funebre costantemente basata sul servizio funzionale al sacrificio ed al banchetto rituale. L’associazione dell’oinochoe in bronzo con la phiale in argento e con le machairai o spada lunga richiamano in modo esplicito le operazioni per l’uccisione dell’animale e per il taglio delle carni.

130Da notizie d’archivio e da altre informazioni sufficientemente attendibili risulta che nello stesso settore della necropoli occidentale è stata trovata nel 1942 un’altra sepoltura monumentale con all’interno una ricca panoplia in argento dorato (LO PORTO F.G., Una tomba metapontina e l’elmo di Saint-Louis nel Missouri, AttiMemMagnaGr, 18-20, 1977-79, pp. 171 ss.). La parte più consistente del prezioso corredo è stata rapidamente trafugata e, dopo una sosta a Roma ed in Svizzera, acquistata dal Museum of Fine Art di Saint-Louis. La caratteristica più appariscente dell’armatura è data da un plastico cimiero a forma di ariete che sovrasta la calotta dell’elmo di tipo calcidese. Anche le due paragnatidi propongono immagini dello stesso animale. Un’attenta ricostruzione ottenuta associando alcuni frammenti in lamina d’argento decorati a sbalzo raffiguranti il muso di un ariete e raccolti sul fondo della tomba dai tecnici della soprintendenza di Taranto dopo il saccheggio, ed altri disponibili nel museo americano ed erroneamente sistemati come secondo cimiero dell’elmo, ha consentito di recuperare anche l’épisema dello scudo e di riconoscervi il profilo di un ariete con il corpo stilizzato. Questo corredo, databile intorno alla metà del VI secolo a.C., ha le caratteristiche della straordinarietà all’interno della necropoli metapontina ed è legato evidentemente ad un particolare episodio che non ha avuto precedenti, né successivi tentativi di imitazione. E’l’unico armato di un certo livello, di cronologia arcaica, collocato in un settore della necropoli riservato ad ospitare le maggiori autorità cittadine. La presenza dell’ariete anche sul polos della tomba 238, che si qualifica come un oggetto peculiare di figure femminili con funzioni sacerdotali, stimola interessanti suggestioni in proposito, confortate dalla contiguità topografica dei due complessi e dalla loro cronologia. Credibilmente si può dare all’immagine un intenzionale valore di riconoscimento, il segnale di appartenenza ad un determinato gruppo familiare aristocratico, ad un genos che mantiene il controllo delle più significative attività politiche e religiose della città. Escludo che possa trattarsi della sepoltura di un capo mercenario, di uno straniero al servizio militare della comunità locale. Forse l’enfasi tipica dei comportamenti di un tyrannos offre una migliore chiave di lettura.]

131Con questo credo di aver risposto alle domande di M. Lombardo ed a quelle di P.G. Guzzo. Nella mattinata F. Coarelli, nello spirito dialettico e provocatorio che lui stesso sollecitava, chiedeva maggiori informazioni sulle fasi di vita dell’ekklesiasterion metapontino. Mi sento chiamato in causa direttamente, ma prima di rispondere mi preme richiamare un interessante contributo di E. Greco presente nel volume curato da P. Poccetti (Per un’identità culturale dei Bretti, Napoli 1988, pp. 161 ss.) con l’esplicito invito alla prudenza nell’interpretare i dati archeologici, specialmente nelle ricostruzioni di storia politica L’impianto del l’ekklesiasterion (il nome ha un valore solo convenzionale, senza alcuna specifica valenza per l’organizzazione politica della città) si data intorno alla metà del VI secolo a.C. ed è costituito da una possente struttura esterna di forma circolare idonea a reggere il terrapieno interno, da due ingressi contrapposti e da un’orchestra (bema) centrale rettangolare. Da un punto di vista archeologico non sono apprezzabili segni di abbandono o di distruzione. Il passaggio ad una fase più monumentale si ha nei decenni centrali della prima metà del V secolo e comporta la realizzazione delle due gradinate in pietra.

132All’amico Torelli confermo che ho qualche perplessità ad accettare l’ipotesi che si tratti di un altare posto a ridosso del teatro, in sostituzione del precedente a Zeus Agoraios. L’idea del basamento per una grande statua di culto allo stesso Zeus mi sembra al momento più accettabile. Riconosco comunque che non ho molti elementi di prova, tranne il fatto che si trova all’interno del temenos, che sono state trovate terrecotte votive con l’immagine della possibile statua di Zeus, che esiste una tradizione in proposito (Olimpia) e che a Metaponto il materiale lapideo è un bene prezioso ed il suo uso è sempre stato piuttosto ‘misurato’. Impegnare una tale quantità di blocchi squadrati per un altare pur monumentale mi sembra un’esagerazione. Esiste invece un’esigenza concreta di rafforzare il lato esterno dell’edificio. I primi cedimenti statici ci sono già stati e gli interventi di restauro mirano tutti a proteggere la parete e ad aumentare la spinta del contenimento esterno. In questo senso sembra agire anche il grande basamento a blocchi.

133Le interessanti osservazioni fatte da F. Coarelli sul santuario, sul koinòn degli italioti, sulle Tavole di Herakleia mi hanno stimolato un collegamento con una considerevole quantità di materiali votivi attualmente dispersi tra Berna, Copenhagen e Malibu. Durante il convegno su Siris-Polieion a Policoro ho cercato di riportare in Calabria la localizzazione della stipe e del relativo santuario, pensando alle note terrecotte di Cozzo Michelicchio e di Francavilla Marittima. Si tratta infatti di materiale votivo di VIII-VII secolo che, secondo lo Jucker, dovrebbe provenire da un contesto santuariale, compatibile con un Athenaion, posto ad ovest di Metaponto, nella direzione di Policoro. È difficile capire, almeno per me, il livello di attendibilità presente nell’affermazione dello Jucker, tuttavia quanto detto da Coarelli sulle Tavole e sul santuario che dovrebbe essere presente nella chora herakleota offre uno stimolante indirizzo per la ricerca topografica futura. Un tentativo l’ho già fatto subito dopo la pubblicazione delle prime notizie sul trafugamento e dopo che alcuni colleghi avevano visionato il materiale di Berna, ma senza alcun esito positivo. Le precisazioni di Coarelli per una possibile ubicazione del luogo di culto, dell’Athenaion sul fiume Cavone rappresentano un invito che raccolgo volentieri.

134M. LOMBARDO: Intervengo brevemente sulla relazione di Alfonso Mele, innanzitutto per esprimere anch’io il mio apprezzamento per un lavoro che ci dà non solo un modello di lettura delle tradizioni mitiche sulla fondazione di Metaponto, con le loro stratificazioni strettamente collegate a determinati contesti storico-politici e relazionali, ma direi anche un modello di utilità più generale per la lettura di questo genere di tradizioni ‘coloniali’, nella loro genesi e ‘funzionalità’. Ε proprio per questo è bene discuterla a fondo, anche per chiarirne tutte le implicazioni specie sul piano metodologico. Vorrei discutere in particolare un punto, il primo da lui trattato, riguardante la tradizione su Metabos e il punto di vista di Antioco. Vi confesserò che non riesco ad essere pienamente convinto della tesi di un Antioco filo-tarentino. Credo che si debba fare qualche distinzione. Certamente Antioco non ha una posizione filo-achea dal momento che - lo ha ben sottolineato Musti e lo ha ribadito oggi Mele -, rifiutando il mito di Melanippe e mettendo l’accento su Metabos, con ciò stesso taglia fuori qualunque pretesa di rivendicazione achea di diritti al possesso del sito fondati su presenze achee ‘precoloniali’, intendendo ovviamente questo termine non in senso ‘archeologico’, ma in riferimento all’orizzonte mitico-eroico e alla ‘utilizzazione’ delle tradizioni mitiche come historical charters.

135D’altra parte, pero, su questo stesso terreno, non sembra agevole individuare nel ‘discorso’ antiocheo elementi esplicitamente filo-tarentini.

136Se nel frammento sulla fondazione di Metaponto (fr. 12 Jacoby), l’incipit della citazione straboniana (VI 1, 15: “essendo stato abbandonato il luogo...”) implica che Antioco conoscesse, e avesse parlato, di un’occupazione precedente del sito, verosimilmente da parte di elementi non greci bensì epicori, nello stesso frammento - come ha già rilevato Alfonso Mele - c’è la ‘imparziale’ registrazione dell’odio degli Achei contro i Dori, che li avevano cacciati dalle loro originarie sedi peloponnesiache, e, quel che più conta, ce la sottolineatura del fatto che, in seguito alla fondazione di Metaponto, delle guerre combattute dai Metapontini con gli Enotri dell’entroterra e con i Tarentini, si sarebbero concluse con un accordo che - addirittura - definì stabilmente il confine tra l’Italia e la Iapyghìa. E in effetti, per Antioco (fr. 3 Jacoby) la Tarantine (scil. ghe), contigua a Metaponto, è “fuori dall’Italia”, terra iapigia.

137Per lo storico siracusano, dunque, al di là di qualsiasi rivendicazione di diritti basata su ‘precedenti mitici’ - un paradigma politico-culturale, e storiografico, che egli sembra peraltro decisamente rifiutare e contestare -, i ‘diritti territoriali’ in questione sarebbero stati definiti, in un preciso contesto storico-politico e di comune accordo, in termini tali da escludere qualunque futura pretesa tarentina. In altre parole, sul terreno privilegiato da Antioco, quello delle vicende, rapporti e ‘accordi’ storici, e non quello delle tradizioni e ‘legittimazioni’ mitiche, Taranto risulta da lui presentata come ‘esclusa’ - sulla base di un accordo (o di un compromesso) politico-territoriale con i coloni achei di Metaponto - dall’Italia. Una posizione, questa, assai lontana da quella - e qui Mele ha certamente ragione - filotarentina, centrata sulla fondazione di Metaponto ad opera di Leucippo. Se, dunque, la posizione antiochea si distingue nettamente rispetto alle tradizioni filo-achee, ciò si deve forse, più che ad un atteggiamento positivamente filo-tarentino, alla sua scelta storiografica di fondo, che privilegiava le tradizioni “più sicure e affidabili”, e vedeva la storia della colonizzazione greca in Occidente come iscritta in un orizzonte ‘storico’, e relativamente recente.

138D. GASPARRI: Volevo allacciarmi all’intervento del prof. Coarelli, che ha parlato della sua funzione di ponte, per dire, innanzitutto, che gli siamo grati perché è una posizione estremamente pericolosa, nella quale capita di prendere non poche batoste. Non potendo, ovviamente, essere ponte e nemmeno da pilone, io mi metto su una delle due sponde e ripenso alla discussione fin qui svolta.

139La recente ricerca sul territorio, così come ci è stata mostrataci in questi giorni, ha messo sotto i nostri occhi l’enorme potenzialità di sviluppo nei rapporti tra l’analisi storica e quella territoriale. C’è purtroppo un problema, e cioè che la lettura del territorio, in questo momento, è ancora carente, ancora troppo indietro rispetto alla spinta - forse anche troppo forte - che dalla lettura storica ci viene. Perché questo allarme, questa preoccupazione? Perché la necessità di progredire nella ricerca topografica, la voglia di forzare le tappe, potrebbe portare a pericolose proiezioni in avanti che generando ipotesi di restituzione - quali quelle sull’isomoiria - che dal punto di vista storiografico sono ben note, mentre non sono ancora altrettanto concrete dal punto di vista topografico. Questa è dunque una cosa piuttosto grave. Per esempio, abbiamo un territorio, parlo di quello di Metaponto, caso unico e straordinario, in cui questa supposta isomoiria non è affatto provabile. Non abbiamo per il momento, a meno che non ci siano dei dati che non sono a nostra conoscenza, nessuna indicazione topografica che ci autorizzi a portare avanti un discorso che, per chiarezza e documenti, sia paragonabile a quello degli storici. Abbiamo delle meravigliose divisioni parallele del territorio che sul territorio non sono quasi certamente più verificabili a tanti anni dalle foto aeree. Mi chiedo perciò se non sia il caso di ripartire per un nuovo studio del territorio nel quale, noi topografi, non abbiamo a subire il peso schiacciante delle domande degli storici alle quali spesso non riusciamo a rispondere o lo facciamo in maniera pericolosa, fornendo, addirittura, indicazioni forvianti. Le Tavole di Heraklea redistribuiscono un territorio sacro, in maniera giusta, esatta, simmetrica, paritetica, ma cosa succede nel resto del territorio? A distanza di tantissimi anni dalla scoperta della divisione agraria di Metaponto credo che ancora non lo possiamo sapere con certezza. Mi dispiace che non c’è Carter perché avrei voluto porgli personalmente delle domande. Quando, per esempio, si dice nel VI secolo c’è una piccolissima comparsa di testimonianze, poi c’è il V, il IV... ecc., tutto ciò si basa su delle prospezioni al suolo. Ora che i lavori di questa équipe sono andati avanti noi dobbiamo sapere, ma lo dobbiamo sapere subito - prima che gli storici continuino a produrre delle elaborazioni demografiche, architettoniche ecc. - se le seicento fattorie individuate dalle prospezioni sono effettivamente delle fattorie oppure seicento aeree di addensamento statistico di cocci. Seicento è un grande numero! Che cosa esce fuori dal terreno? Adesso che si sono scavate alcune di queste fattorie, disponendo di dati certi, occorrerebbe ritornare ai vecchi taccuini delle ricognizioni e indicare qual è il rapporto tra la statistica del sopra e la verità del sotto. Noi che facciamo lo stesso lavoro su altri territori abbiamo urgenza di sapere se siamo autorizzati a dire che duecento addensamenti di materiali corrispondono ad altrettante fattorie. Questi transetti, queste generalizzazioni, sono una questione di metodo ma anche una questione storica. Adottare questo dato che già di per sé è generico ed universalizzarlo, moltiplica un rischio che è già grosso. Per cui abbiamo urgenza di sapere come si va avanti in questo caso, perché è come se in questo momento ci fosse un convegno di papirologia e qualcuno in un deposito incendiasse i papiri. Non abbiamo in altri termini più molto tempo per porci delle domande elementari sul metodo di lettura dei dati di un territorio che si degrada ad una velocità da brivido. Se confrontiamo la limitata quantità di fonti letterarie su Metaponto e le abbondanti fonti archeologiche vedremo che, paradossalmente, dalle fonti materiali abbiamo risposte inferiori per numero e di qualità. Ciò vuol dire che c’è un gap proprio di lettura delle fonti archeologiche, cioè una nostra incapacità nel leggere il territorio e, soprattutto, un’incapacità di avviare questa benedetta ricerca interdisciplinare. Noi preghiamo perciò il prof. Coarelli di restare in questa scomoda posizione di ponte, perché esso è piantato ancora sul nulla: da una parte c’è una ricerca storica che potrebbe ospitare un robusto pilone; dall’altra ci siamo noi archeologi del territorio che dobbiamo ancora lavorare molto per evitare pericolosi inclinamenti ancora durante i lavori di cantiere...

140M. LOMBARDO: Ringrazio Maurizio Giangiulio per le sue osservazioni sui collegamenti che hippotrofia e portitrophia trovano nell’orizzonte mitico-genealogico ‘eolico’. Dal momento che in Bacchilide il quadro di riferimento mitico delle origini della Metaponto di Alexidamos e della sua famiglia è esplicitamente quello dei nostoi, ci troviamo di fronte, verosimilmente, a un’ulteriore esemplificazione di quanto notava Alfonso Mele a proposito del fatto che gli elementi della tradizione ‘eolica’ più antica interferiscono non di rado con ‘riletture’ nella chiave, per l’appunto, dei nostoi.

141Qualche precisazione, infine, sulla nozione di isomoiria, richiamata anche da Domenico Gasparri. Io ho usato il termine isomoiria non per qualificare sul piano storico le strutture socio-economiche metapontine, ma solo a proposito dell’immagine di Metaponto che viene offerta in alcuni studi recenti e che privilegia gli aspetti riconducibili a tale nozione. Sono del resto ben note le puntualizzazioni di Lepore sul suo carattere essenzialmente ideologico, e sulla dialettica che si sviluppa nel territorio coloniale tra esigenze isomoiriche e dinamiche di acquisizione, accumulazione e disuguaglianza, che lo spingevano addirittura a evocare la nozione lattimoriana di “feudalesimo di frontiera”. Ε mi premeva mettere in rilievo, precisamente, la possibilità di individuare, nella documentazione sulla società metapontina di età arcaica, la presenza anche di aspetti di quest’ultimo tipo. Tant’è che ho prospettato la possibilità che al convivere e al confliggere di questi due aspetti siano in qualche modo correlati anche quei fenomeni di ‘dissesto idrogeologico’ su cui poi i Metapontini sarebbero intervenuti intorno alla metà del V sec. a.C.

142P. ORLANDINI: Considero molto importante quanto si è detto sull’alto livello qualitativo dei corredi funerari provenienti dalla campagna metapontina, con le relative implicazioni di carattere sociale nel rapporto città-campagna. Il fenomeno ha riscontro anche in Sicilia e in particolare a Gela dove molti dei migliori vasi attici a figure rosse provengono dalla campagna, da piccole necropoli o tombe isolate collegabili alle numerose fattorie greche della piana o dell’immediato retroterra.

143P. G. GUZZO: Non so se Antonio De Siena si riferisce a quella stipe divisa in parti, che non conosco, tra Copenhagen e Berna. La bibliografia al proposito che conosco consiste in un articolo in Archaeologischer Anzeiger, un secondo di Jucker in Aparchai; e due articoli della Christiansen nella rivista della Glittoteca Ny Carlsberg. Da questi lavori non mi risulta nulla di VIII secolo.

144A. DE SIENA: Il complesso di materiali votivi cui si fa riferimento io personalmente non l’ho visto. Conosco la bibliografia citata da Guzzo e basta. Orlandini ha avuto modo di vedere una parte della stipe ancora disponibile a Berna e cortesemente mi ha fornito alcune utili informazioni sulla cronologia e sulla tipologia. Credo che anche F. D’Andria abbia avuto la stessa opportunità. Altri mi hanno riferito di kotylai tardo-geometriche, coppe tipo Thapsos e di statuette di tipo dedalico e subdedalico. Da colloqui telefonici intercorsi con alcuni amici sembra che lo Jucker abbia confermato quanto riportato su Aparchai, escludendo però che si tratti del terrazzo dell’Incoronata, ed abbia ribadito la provenienza del materiale da un sito posto tra Metaponto e Policoro, quindi sul Cavone.

145E. GRECO: A distanza di un quarto di secolo da quei fondamentali contributi del Lepore e del Vallet che sono stati più volte richiamati in questo convegno, torniamo a misurarci con la quantità e la qualità dei problemi sollevati da quei Maestri.

146Visto che il nostro incontro aveva come obiettivo quello di mettere a confronto due territori coloniali, il Metapontino e la Siritide, vorrei tornare sul tema generale, prendendo spunto da un altro contributo grandissimo, ma alquanto trascurato, che è quello di Roland Martin.

147Quando noi andiamo ad indagare una chora coloniale, la riflessione del Martin sul rapporto tra strutture abitative e modi di sfruttamento del territorio costituisce una fondamentale pietra di paragone, e soprattutto, al di là di qualche elemento discutibile, una sollecitazione di non poco conto.

148Esiste allora un rapporto tra come si sfrutta un territorio e come si organizza l’abitato? Probabilmente si. Martin disegna alcune sommarie categorie e tra queste la metapontina. Ora noi ci troviamo a Metaponto, ma a distanza di molti anni, mi chiedo, siamo in grado di discutere, ampliare o modificare la riflessione del Martin? In cosa consiste il modello metapontino di Martin è noto a tutti; astrazione fatta per Sibari (che sembra un caso a parte, anche se è ancora male conosciuto) il modello si potrebbe chiamare acheo, per il suo ricorrere nelle esperienze coloniali metapontine e poseidoniate che sono poi quelle fino ad oggi un po’ meglio note. In queste poleis si osserva, a livello urbanistico, la organizzazione dello spazio, sin dalla fondazione, di grossi agglomerati urbani. Ora se c’è qualcosa che rappresenta in modo eclatante lo specifico di questo povero occidente periferico ed attardato (ma nella valutazione moderna) è proprio l’urbanistica, la maniera cioè di realizzare impianti di città, che in occidente si manifesta nelle sue forme più antiche.

149Ε si tratta di città nate per opera di coloni che provenivano da esperienze di komedon zontes, in quanto realizzazioni su vasta scala non si vedono in Grecia prima del V secolo a.C. (p. es. il Pireo, Olinto, Halieis ed ora anche Stinfalo).

150Viene quasi il sospetto che il modello ‘accentrato’ di tipo acheo abbia a che fare, in buona misura, con la organizzazione della rispettiva chora.

151Allora domandiamo ai colleghi che lavorano a Metaponto di andare a sottoporre a verifica (fino anche a demolirli) questi presupposti. Intanto, cosa possiamo dire sulla base di quel poco, pochissimo che abbiamo la fortuna di conoscere (rispetto al troppo che rimane colpevolmente inedito)? (Tanto per dire, se compariamo la situazione di Gela con gli oltre 250 contributi di Orlandini e di Adamesteanu ci rendiamo conto di come si possa avere una buona idea del funzionamento di un territorio).

152Sulle chorai achee, c’è in primo luogo il problema dei santuari extraurbani. Non torno sulla ben nota questione, ma mi sembra che non si possa mettere sotto lo stesso esponente gli Heraia extraurbani di Crotone, Metaponto e Poseidonia (e certamente quello ancora non individuato di Sybaris) con altri santuari che con quelli condividono la collocazione topografica non la funzione strutturale. Ci sono poi i luoghi di culto minori, i santuari campestri: la loro dislocazione è casuale o corrisponde ad una logica organizzativa del territorio da rapportare alla viabilità con il problema dei compita ben noto al mondo romano o a forme di controllo di altra natura operate attraverso il sacro? A tutto ciò, per l’età arcaica, si accompagna una rara occupazione stabile. Torniamo allora per un momento a quello che diceva Gasparri poco fa: siamo sicuri che nei surveys tutti gli affioramenti si identificano con siti? Bisognerà sottoporne alcuni a verifica, prima di sapere quale uso fare delle informazioni che vengono da indagini di superficie.

153Qualche anno fa, in occasione di un convegno su Crotone organizzato da Alfonso Mele, Carter aveva fatto cenno ad alcuni strumenti euristici che meriterebbero di essere approfonditi e che riguardano il rapporto tra il deposito archeologico, lo spessore dello strato, la quantità e la qualità dei materiali ed il problema della occupazione stabile o di quella stagionale.

154Se la moneta metapontina con la sua spiga d’orzo fa riferimento, come non mi pare dubbio, alla massiccia dominanza delle colture cerealicole, allora, da un punto di vista geografico possiamo almeno spiegarci la rarità dell’insediamento in età arcaica.

155Non diversa è la situazione poseidoniate con il suo Heraion al guado (e non alla foce) del Sele ed i suoi santuari campestri e la contemporanea assenza di insediamenti agrari. Questi, in mancanza di una ricerca sistematica, sono segnalati dalle tombe, argomento che a me pare molto importante e dirimente; la sepoltura entro il kleros segnala senza dubbio un rapporto con la proprietà diverso dai casi in cui la tomba non c’è (perché il proprietario è sepolto nella necropoli urbana).

156Nel territorio metapontino, a giudicare dai dati che Carter ha presentato e che, in parte, conosciamo dalle sue relazioni preliminari, si producono altre ‘anomalie’ che mi piacerebbe sapere da cosa siano generate. Una la segnalò Uggeri nel suo articolo nella Parola del Passato del 1973 sui kleroi metapontini: si tratta degli scarti di coppe ioniche trovate nella fattoria Saldone; ora, le coppe ioniche sono fabbricate con argilla figulina, ceramica che presuppone il tornio e l’artigiano specializzato, fenomeno che male si concilia con la fattoria monofamiliare. Nella strada Pantanello, l’incrocio scavato da Joe Carter, abbiamo ben 400 tombe in un arco cronologico che non ha elementi di completa congruità con quanto sappiamo dei surveys·, ci sono aporie che attendono di essere spiegate. Le tombe sembrano disposte ai lati di una vera e propria graeberstrasse, quasi un cimitero urbano; ed invece siamo ad oltre km 3 dalla città e la prospezione garantisce che sulle colline circostanti ci sono solo fattorie monofamiliari.

157Insomma, nella chora di Metaponto si produce una situazione di notevole complessità con il cimitero di tipo urbano, la fattoria isolata, le attività artigianali. Queste ultime sono segnalate (ma per il IV secolo a.C.) anche da M. Cipriani nella chora pestana, ma in un santuario (S. Nicola di Albanella) vale a dire in una realtà che ha una diversa capacità di aggregazione rispetto al nucleo che abitava, lavorava la terra e vi veniva sepolto a qualche metro dalla fattoria.

158Poi ci sono i problemi del IV secolo, con l’incremento demografico che è stato più volte richiamato, periodo per il quale abbiamo solo le brillanti intuizioni di Filippo Coarelli, perché nella chora di Herakleia la prospezione non è altrettanto ricca come a Metaponto.

159Il IV secolo è il momento del grande popolamento della campagna, in tutto il Mediterraneo; dobbiamo fare attenzione a non cercarne lo specifico ogni volta in qualche storia locale.

160Vorrei concludere con un esempio. L’esplosione nel popolamento rurale a Poseidonia comincia nel secondo quarto del IV secolo e dura circa mezzo secolo, perché di nuovo assistiamo ad un calo di presenze stabili nel territorio a cavallo tra IV e III secolo ben prima della deduzione della colonia latina.

161È chiaro, perciò, che non ci può essere nessun rapporto tra la conquista lucana, avvenuta molto prima, e la occupazione della campagna.

162Quindi l’aumento delle fattorie, nel senso del suggerimento di Coarelli, è un problema che va riportato alla storia sociale interna che riguarderà la distribuzione delle terre e, a mio avviso, anche le colture, secondo quel postulato caro ai geografi per cui presenza stanziale non può che significare culture specializzate, specialmente arbustive.

163Vorrei citare una bellissima battuta di E. Lepore, che ricordava come “l’archeologia, ancora una volta, non mostra di poter almeno per ora disseppellire con le tracce di edifici e probabili limiti la “land tenure” e la realtà strutturale della chora”. È una lezione per molti di noi archeologi che spesso ci spingiamo ben oltre i limiti dell’autosufficienza della disciplina. Certo non si può generalizzare, anche perché diverso è il peso dei corpora di documenti che un archeologo può mettere insieme, e quando parliamo di chora penso soprattutto alla Crimea, con il suo straordinario numero di informazioni, ma penso anche che, se ci fosse una maggiore integrazione negli studi, l’archeologo del terreno potrebbe beneficiare molto di più di quanto sia avvenuto finora di testi come le Tavole di Heraclea, di quelle di Locri o della hierà syngraphè di Delo, per fare qualche esempio.

164P. ORLANDINI: A proposito del materiale archeologico emigrato a Berna vorrei dire che ho avuto l’occasione di vederlo, sia pure rapidamente, nell’Istituto archeologico di quella Università, ma che non ho notato la ceramica di fine VIII e VII secolo cui accennava De Siena. Preminente era la grande quantità di frammenti di bellissima ceramica corinzia databile tra la fine del VII e la prima metà del VI secolo, e la mia impressione è che questo materiale provenisse da qualche stipe votiva. Può darsi, ovviamente, che vi fosse anche ceramica più antica che però non mi è stata mostrata.

165M. TORELLI: Vorrei prendere spunto dagli interventi che mi hanno preceduto per avviare meglio una discussione generale. Nelle richieste di Francesco D’Andria erano presenti giuste esigenze di carattere assai generale, ovviamente non comprese in un contesto che ci appare piccolo difronte all’enorme massa di materiali disponibili per l’età classica di questa zona, e pongono un problema, che è stato affrontato da Emanuele Greco. Alludo cioè al vecchissimo problema epistemologico del gap esistente tra il dato archeologico e la sua ermeneutica. Credo che gli archeologi debbano fare continuamente un’operazione quasi di pulizia, di igiene mentale e togliersi dalla mente il dato analitico elementare, esattamente come gli storici fanno per evitare il rischio dell’anecdotal history. Ciò non significa che si debba dimenticare l’aspetto analitico, con tutto il suo essenziale bagaglio filologico: bisogna tuttavia ricordare che il dato archeologico è probabilistico e che la sua interpretazione è ancor più probabilistica, perché esso è il prodotto di una serie di elementi di casualità e perché della stessa totalità della cultura materiale possediamo soltanto una parte piccolissima, di cui per di più solo una porzione ancora più piccola è stata recuperata dallo scavo.

166A fronte di tale situazione, dobbiamo invece ricordare che riusciremo a capire i grandi problemi solo se passiamo dal piccolo al grande. E il grande non può che essere sistematico, con l’ovvia avvertenza, appunto, che siamo in presenza di fatti la cui verosimiglianza (non verità!) si basa sul più alto grado di probabilità (e dunque di sequenze elaborate ciascuna con i metodi ad essa propri) che esso è in grado di abbracciare. Un ottimo caso esemplificativo per capire come si debbano valutare taluni fatti archeologici in una reale prospettiva storica mi pare possa essere la tomba del Pittore di Policoro. Credo che tra le tombe rese note ora da Pianu (G. Pianu, La necropoli meridionale di Eraclea, I. Le tombe di IV e III sec. a.C., Roma 1990) e quelle di cui, attraverso i convegni di Taranto, si ha in qualche modo contezza, ormai disponiamo di un campione sufficientemente grande delle necropoli eracleote tra la fondazione della colonia e il III sec. a.C. e da questa massa di documenti un primo dato emerge: a parte quella del Pittore di Policoro, virtualmente non conosciamo tombe più antiche del secondo venticinquennio del IV sec. È un dato questo casuale o è invece la spia di un fenomeno? A questo punto, la tomba del Pittore di Policoro acquista un valore straordinario, dal momento che, quali che siano il luogo effettivo e le circostanze dello scavo, essa non può che essere una tomba, eventualmente di carattere eroico, e non un deposito votivo: questa affermazione è possibile proprio partendo dai fondamenti della nostra scienza, che è scienza basata sui confronti, come ci insegna il famosissimo apoftegma di Gerhard: antiquitatis monumentorum qui unum vidit, nullum vidit, qui unum vidit, nullum vidit. È la quantità quindi che fa la qualità: mentre fra i depositi votivi non conosco confronti per complessi di materiale simili a quello della tomba del Pittore di Policoro, disponiamo invece di confronti per tombe eroiche, a partire dal celeberrimo “sacello semisotterraneo” di Paestum. La stessa natura eroizzante del contesto della tomba del Pittore di Policoro, al pari della scelta dei soggetti rappresentati sulle ceramiche che lo compongono, sono rivelatrici di una mentalità aristocratica ben precisa, che poco prima della metà del IV sec. a.C. scompare nella necropoli di Eraclea, anche se non in tutta la Magna Grecia. A partire da quella data infatti la composizione dei corredi cambia e cambiano le scelte tematiche dei grandi vasi destinati ad uso funerario, come, per esempio, attestano quelli del pittore di Dario e della sua cerchia, che intendono rivolgersi ad altro pubblico e soddisfare altri bisogni: siamo insomma in presenza di una diversa realtà sociale, che, a questo punto, tocca a noi interpretare. È giusto quindi chiedersi, parlando di tombe, cosa voglia dire egualitario. Naturalmente, anche le tombe di V secolo di Metaponto e di altre colonie d’Occidente possono (e sottolineo possono) avere aspetto “egualitario”. A fronte di questa realtà “egualitaria” di pieno IV sec. a.C., esistono invece casi rispecchianti una realtà tutt’altro che “egualitaria”, che dall’età arcaica (la tomba di St. Louis) giungono Tino all’età classica e tardo-classica (la “tomba dell’uovo di Elena”): questi casi costituiscono un po’ il corrispettivo della realtà storico-politica e storico-sociale ricostruita oggi da M. Lombardo. Da tutte queste tombe affiora un filo rosso, che disegna i contorni di una oligarchia ricca e potente, che, come insegna l’oligarca di Teofrasto, disdegna la città e preferisce risiedere abitualmente nelle campagne.

167Nella necropoli meridionale di Eraclea invece, a partire da una certa data, troviamo una realtà sociale e culturale omogenea, che, senza rinunciare al corredo per effetto di leggi suntuarie, esprime un’ideologia funeraria “democratica”, esemplata da un corredo standard fatto di pochi oggetti. Tale ideologia, nel vasto panorama dei materiali presenti sulla piazza in quell’epoca, opera una ben precisa selezione, funzionale all’espressione dei valori del proprio gruppo sociale e dell’egemonia politica ora esercitata. Diventa a questo punto essenziale la piena conoscenza di tutti i materiali provenienti dalla collina del Barone (e infatti a tale scopo alla fine di questo convegno presenterò un voto perché si arrivi a conoscere tutti i materiali di quest’epoca provenienti dagli scavi vecchi e nuovi della Soprintendenza): da una ricognizione superficiale fra quei materiali cortesemente messi a mia disposizione dai colleghi della Soprintendenza, mi sembra di poter affermare che anche nel contesto urbano, così diverso da quello della necropoli, esiste una fortissima concentrazione di materiali appartenenti al periodo della democrazia eracleota, a fronte di una presenza di fatto irrilevante di materiali relativi, non dico all’epoca della data di fondazione di Eraclea, ma, addirittura, alla prima parte del IV secolo. Allora, se noi coniughiamo questi dati con gli altri che abbiamo visto nel campo della grande edilizia, nell’insediamento nel territorio, nella documentazione delle Tavole di Eraclea, siamo obbligati a concludere che poco prima della metà del IV sec. a.C. si afferma un demos con un proprio, inconfondibile volto espresso al termine di una lunga e dura lotta di classe. Questo termine desueto, che forse qualcuno tra qualche anno riscoprirà, descrive assai bene gli esiti di un conflitto molto antico di cui Aristotele ci parla per Sibari, esiti così palesemente manifesti nel caso di Metaponto grazie alla documentazione delle fattorie e delle necropoli extraurbane, e in quello di Eraclea grazie alla documentazione delle necropoli e delle Tavole.

168La verosimiglianza (che è ben altra cosa della verità) di questa ricostruzione è il risultato della sommatoria delle probabilità offerte da ogni singola sequenza della nostre evidenze. Naturalmente le eventuali presenze di tipo “emporico” volute dall’amico D’Andria (ho sentito benissimo le virgolette accanto alla parola emporico, perché egli è persona troppo accorta per pensare che a quest’epoca così tarda si possa parlare di fenomeni di emporie, per usare il lessico dell’amico Mele), non possono spiegarsi nel contesto idruntino, brindisino, o di altro ambito regionale indigeno, ma in ambiti ben più vasti, in cui il fenomeno mercantile ha una sua ben precisa collocazione sul piano economico-sociale e nella stessa struttura delle forme mentali sia di chi gestisce il mercato sia di chi riceve le merci. Questo contesto ci riporta immediatamente al territorio, con tutte le fondatissime preoccupazioni di Emanuele Greco. Si tratta, ripeto, di obiezioni fondate, dal momento che questo convegno, che doveva essere dedicato ai territori, inevitabilmente ha finito per far rifluire nelle relazioni e negli interventi i problemi della città. Ma la cosa era forse inevitabile. Come ha detto benissimo lo stesso Greco, non è possibile capire un territorio, con tutte le relative variabili di forme di produzione che implicano trasformazioni nelle strutture del popolamento, se non si ha presente il livello di sviluppo delle forze produttive, un dato che appare con maggior chiarezza nella città. Un’economia agraria basata sulla cerealicoltura, per esempio, notoriamente non richiede un’occupazione stabile nel territorio: non è un caso che le testimonianze più importanti sulla cerealicoltura metapontina si collochino all’inizio e alla fine della storia di Metaponto libera, e cioè nella fase arcaica e nella parte finale del IV secolo e agli inizi del III, come provano da un lato le spighe del donario aureo di Delfi e dei primi tipi monetari e dall’altro l’enorme crescita dei cereali nelle analisi paleobotaniche presentate da Carter. La storia tuttavia ci insegna che la cerealicoltura arcaica è cosa ben diversa da quella ellenistica; del pari non possiamo non interpretare la rioccupazione delle campagne del cuore del IV sec. a.C. e le relative trasformazioni agrarie e produttive come la vittoria su quell’oligarchia, che, come abbiamo visto, tradizionalmente rifugge dalla città.

169Ma i modelli interpretativi, insisto vanno sempre costruiti in forma sistematica. Proprio in queste due colonie della Magna Grecia possiamo dire che ci troviamo in una condizione molto fortunata. Abbiamo un punto di partenza nell’opera iniziata da quel gigante della nostra archeologia, che è Dinu Adamesteanu, una Soprintendenza giovane e attiva, e molte istituzioni di ricerca, italiane e straniere che collaborano, hanno collaborato e spero continueranno a collaborare con questa Soprintendenza. Esistono dunque le condizioni più favorevoli per accrescere lo spettro delle probabilità ermeneutiche a nostra disposizione, pubblicando il pregresso a partire dalle necropoli arcaiche, classiche ed ellenistiche delle due città e effettuando scavi mirati finalizzati alla ricerca delle soluzioni e dei problemi, siano essi il problema di Siris arcaica o la grande edilizia di Eraclea e di Metaponto. Sono pienamente convinto che esistono i presupposti per andare avanti e presto. Come è stato detto da più persone, incombe la minaccia di perdere testimonianze preziose, come queste fattorie, e sarebbe delittuoso oggi fermarsi. Incamminandoci nel prossimo futuro sulla traccia di un programma coerente in cui prima si pubblichi il non pubblicato, quindi, nello spirito della ricerca delle soluzioni dei problemi, si scavi quanto è sicuramente destinato a perdersi, fra dieci anni sono certo che potremo tornare ad incontrarci in questa stessa sede per verificare novità consistenti e, forse, per risolvere qualcuno dei problemi che tutti noi, archeologi e storici, in questi giorni abbiamo posto sul tappeto.

170P. GUZZO: Mi sembra che la discussione sta dimostrando, una volta di più, che non esiste una neutralità delle istituzioni che perseguono la ricerca. I dati della ricerca possono essere valutati all’interno del sistema di riferimento nel quale vengono raccolti ed interpretati, per fornire materia per porre una nuova domanda e fare avanzare così la ricerca. Quindi bisogna anche domandarsi quale sono le forme e le procedure, anche istituzionali, attraverso le quali questo progresso della ricerca si compie. Mi pare che, al momento attuale, le istituzioni non siano favorevoli alla crescita della ricerca. Per quanto ci riguarda, abbiamo due grosse branche: le Università e le Soprintendenze. Le prime mi pare che, per una logica interna, parcellizzino l’insieme del sapere, procedendo a crescere su se stesse, gemmando nuove cattedre e così via, aggregandosi secondo le convenienze contingenti e non secondo le interconnessioni disciplinari. Un frutto di tale modo di procedere è la nascita delle facoltà, variamente intitolate ai Beni Culturali. Per quanto riguarda le Soprintendenze, queste suddividono il lavoro in un’ottica burocratica, cioè non amministrando il patrimonio nel suo complesso e nelle sue possibili ricadute. Un sintomo di questo inselvatichirsi credo sia identificabile nell’uso che si fa delle tecnologie: che, in sé, non sono né buone né cattive. Se Fiorelli andava da Napoli a Pompei a cavallo, noi oggi ci andiamo in macchina o in treno. Oggi che possiamo sapere tutto sui pollini, sulla taglia delle pecore e così via, possiamo essere solamente contenti di poter avere risposte più avanzate a domande ieri non immaginabili. II vero problema è di saper porre le domande che abbiano un significato storico e sappiano far avanzare la ricerca e la conoscenza. Se quindi, si continua o si peggiora la tendenza a parcellizzare, nelle Università e nelle Soprintendenze, ogni specializzazione, e sotto-specializzazione diventerà sistema. E sarà quindi in grado di costituire sistema di se stessa, obnubilando, o cancellando del tutto, il sistema storico generale e complessivo. A questa analisi, dovrebbe seguire una proposta di superamento dell’impasse: superamento che non può essere il demonizzare le tecnologie. Sarebbe come bruciare le macchine a vapore: anche se, allora, c’era un problema di occupazione. Il superamento di questa impasse può essere tentato se ognuno di noi, consci della posizione metodologica sopra schematizzata, influisce, per quanto può, sui “decisori”: cioè sui politici, anche in quanto eletti dal popolo. I quali, sicuramente, non decidono solamente in base ai consigli che ricevono dai tecnici: ma starà pur sempre ai tecnici esprimere i propri pareri in sintonia con le esigenze del buon metodo storico e non in base a tornaconti personali, parcellizzati appunto. Sta, quindi, all’azione di ognuno di noi tentare di invertire la tendenza. Se, invece, le dialettiche costruttive si riducono a battibecchi o a contrapposizioni scolastiche non si costruisce nulla e, in più, si lascia campo a coloro che decidono di testa propria.

171M. TORELLI: Non vorrei che ci si lasciasse con alcuni equivoci di fondo. Quando ho parlato di approccio sistematico intendevo dire che le nostre conclusioni non possono dipendere da una documentazione che rappresenta solo una parte della realtà. Noi non siamo in presenza di una cultura pre-protostorica dove non esiste distinzione tra insediamento e territorio non occupato, ma di città e di un’egemonia politico-economica di città esercitata sui territori da queste dipendenti. Cercare di interpretare il territorio senza la città è un errore che non possiamo permetterci, pena un grande fallimento epistemologico. Non è nemmeno il caso di ricordare il recente caso di un survey eseguito in un territorio sannitico, che, partito alla ormai rituale ricerca di fattorie (regolarmente trovate a partire dal II sec. a.C.), si è concentrato solo sulle valli, senza mai andare a vedere gli oppida in cima alle montagne: come risultato, il territorio di quella zona abitato vicatim appare singolarmente popolato solo di casolari sparsi. Parlando di poleis magnogreche, note da abbondanti fonti storiche e da una documentazione archeologica poderosa, non possiamo permetterci di fare errori di questo genere. Precisato questo in maniera rapidissima, sarà forse opportuno riportare il discorso su di un piano metodologico corretto. Rispetto alle problematiche avanzate in questa sede da Carter ed alle diverse interpretazioni che Coarelli ed io ne abbiamo dato in vario momento e che l’amico D’Andria intende ora contestare, credo che sia necessario ricordare che, come sappiamo dai tempi di Sir Francis Bacon e come gli scienziati hanno continuato a ripetere fino a l’eyereiabend incluso, l’acquisizione dei dati in nome del principio della tabula rasa è un’operazione tutt’altro che neutrale. Una cattiva versione della cultura anglosassone e in particolare quella portata da certi nipotini di Popper rischia di far pagare un gravissimo scotto ad un settore più della ricerca particolarmente arretrato come il nostro: al contrario, non dobbiamo dimenticare che la ricerca storica anglosassone non è ferma alle problematiche che qui stiamo dibattendo, ma è molto più avanti di quanto crediamo. Basterà vedere il libro di Chr. Lloyd, Explanations in Social History (Oxford 1986), e dove si pone un discrimine molto netto tra teorie di natura sensista e teorie di impianto olistico, alle quali ultime Lloyd attribuisce un immenso valore euristico e fra le quali egli giustamente annovera, mettendole accanto, quelle di Max Weber e quelle di Karl Marx.

172Credere di difendere l’approccio neutrale nella scienza, significa, veramente, fare torto non solo alle teorie olistiche ma fare torto agli stessi sensisti. Questo lungo preambolo era necessario per spiegare che non voglio buttare l’acqua sporca col bambino, e cioè che non intendo affatto rifiutare i dati riferiti da Carter. I dati sono molto importanti ed utili: ma sia anche chiaro che, pur di tenere il bambino, non ho intenzione di bere anche l’acqua sporca. In altre parole, nei dati “obiettivi” dell’amico Carter desidero semplicemente discriminare quanto vi è di arbitraria deduzione mascherata dal common sense da quanto è invece utile e pragmaticamente inseribile in una ricostruzione storica aliena da ogni semplificazione dettata dal common sense. La teologia del common sense, amici miei, è morta da secoli in questa parte del mondo e dal 1929 negli stessi Stati Uniti.

173J. C. CARTER: Il nocciolo dell’intervento di Torelli sulla mia relazione è stato che lui non crede nelle catastrofi naturali come spiegazione storica, ma solo in quelle economiche. Questo è stato un attacco alla geomorfologia come metodo di indagine e ai risultati di esperti nel campo. Ma forse ancora di più l’attacco è stato contro l’uso da me fattone.

174Ha poi constatato che, secondo un suo amico medico, non esiste un legame tra talassemia e malaria, come invece ho affermato io nella mia relazione.

175La mia risposta è breve:

  1. Dieci metri di detrito sopra le case coloniche greche a valle nel territorio greco è da considerarsi un disastro naturale, come quello di Pompei sotto i lapilli del Vesuvio. Non sottovaluto certo i fattori economici - gran parte del mio argomento è stato che il declino della economia poteva essere dovuto a una scelta sbagliata nell’agricoltura - ma non possiamo ignorare vallate inondate, e un massivo innalzamento della falda nella città e in tutto il territorio.

  2. Il legame fatto tra talassemia e malaria non è mio, né di un mio amico. È stato proposto da un’autorità nel campo dell’antropologia come il Prof. A. Ascenzi e, più recentemente dal Prof. Maciej Henneberg, capo del Dipartimento di Anatomia e Biologia Umana all’Università di Witwatersrand.

Notes

1 Al. Avram, Das histrianische Territorium in griechisch-römischer Zeit, in: P. Alexandrescu, W. Schuller, Histria. Eine Griechenstadt an der rumänischen Schwarzmeerküste. Xenia. Konstanzer althistorische Vorträge und Forschungen, 25, 1990, 945.

2 D.M. Pippidi, Inscriptiones Scythiae Minoris, I. Bucarest, 1983, n° 18, 1.18.

3 Vide: Inscriptiones Graecae in Bulgaria repertae, I2, 43, 1.6: στρατηγòς ἐπι τῆς προσχώρου (Odessos, verso la metà del I sec. a.C.); vide anche la distinzione tra πολῖται, γεωργοί e πρoσχωποι nelle iscrizioni di Didyma: A. Rehm, Didyma, II, Berlino, 1958, 392 1.4; 395 1.6-7; 396 1.4; 400 1.13; 401 1.3.

4 Inscriptiones Scythiae Minoris, I, 329, 343, 373; Emilia Dorutiu Boila, Inscriptiones Scythiae Minoris, V, Bucarest, 1980, 123, 124; cf. anche Al. Avram, Decoromania, Jahrbuch für östliche Latinität, 6, 1981-1982, 113-120.

5 K. Zimmermann, Al. Avram, Klio, 69, 1987, 627.

6 Per la restituzione delle iscrizioni e la discussione topografica vide Al. Avram, Dacia, n.s. 35, 1991, 103-137.

7 Per l’interpretazione del passaggio vide, inoltre il mio studio già citato, anche Α.Ν. Sceglov, Progress i xarakter teritorial’noj ekspansii Xersonesa ν IV v. do. n. e. In: Anticnaja grazdanskaja obscina. Leningrad, 1986, 158-159; S.I. Saprykin, DHA, 17, 1991, 1, 103-117.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1998

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search