Version classiqueVersion mobile

Siritide e Metapontino

 | 
Fondazione Paestum
, 
Centre Jean Bérard

Lo scavo dell’area del “Tempio Arcaico” di Eraclea Lucana. Scavi 1980

Leila Chiappavento

Texte intégral

1Nell’ambito della mia tesi di laurea ho preso in esame i materiali rinvenuti nell’area del c.d. Tempio Arcaico durante gli scavi del 1980 e messi gentilmente a disposizione dell’Università di Perugia dagli scavatori, dott. Antonio De Siena e dott. Salvatore Bianco. Questi materiali sono anche corredati dalla documentazione di scavo. In quell’occasione si scavarono 11 settori, costituiti da quadrati di m. 5 di lato, i primi 6 nella zona immediatamente a S del tempio e gli altri più a S, verso la strada Policoro-Tursi. Questi saggi sono individuati nella pianta col loro numero progressivo. Il primo gruppo di saggi mise in luce alcune strutture e tratti di muro la cui planimetria è stata poi completata dagli scavi dell’Università di Perugia a partire dal 1986. I saggi più a S misero in luce invece pressoché interamente il temenos meridionale dell’area sacra e l’altare su cui si è poi letta l’iscrizione a Dioniso. Fu inoltre scavata una trincea di m. 100 che partiva dalla fronte del tempio e che, ad intervalli irregolari, fu allargata in veri e propri saggi. Questa trincea fu denominata X80 ed i saggi prendono il nome dalla distanza, in metri dalla fronte della cella.

2Voglio qui fornire i dati salienti di questo studio sui materiali che, essendo stato effettuato tenendo conto delle indagini svolte dal 1986 al 1991 possono costituire, credo, un campione importante in attesa dello studio sistematico di tutti i frammenti rinvenuti nelle ultime campagne. Fornisco perciò dei grafici che possono riassumere, in maniera statistica questi risultati.

3Nel grafico 1 è rappresentata la quantità dei frammenti arcaici rinvenuti durante lo scavo. Nonostante il loro numero non sia enorme, tuttavia appare chiara una distribuzione abbastanza diffusa che raggiunge i livelli maggiori nella trincea davanti al tempio e nella zona subito a S, nonché nella zona immediatamente attorno all’altare di Dioniso. Il grafico 2 permette di scorporare questi dati dividendoli per classi ceramiche (in questo grafico sono inseriti pero solo i frammenti pertinenti a forme sicuramente riconoscibili).

Graf. 1 - Ceramica arcaica “fase di Siris”: distribuzione per settore

Graf. 2 - Ceramica arcaica “fase di Siris”: distribuzione delle classi per settore

4I grafici 3, 4 e 5 sono invece pertinenti alla fase di Eraclea. Il grafico 3 mostra la diffusione della ceramica da fuoco, che risulta maggioritaria nel settore 6; le piccole casseruole sono presenti invece solo nel settore 9, dove è stata identificata l’unica eschara rinvenuta nel 1980.

5Il secondo si riferisce alle quantità globali delle forme presenti, presentate per settore di rinvenimento nel grafico successivo. Si può notare la maggior presenza di materiale nel settore 6, vicino alla c.d. stoà, da dove previene una grande quantità di vasi per contenere e per cuocere, come ben dimostrabile anche dai dati dello scavo degli anni successivi. Una notevole quantità di materiale, ma con specializzazioni leggermente diverse proviene dai settori 8 e 9 (zona dell’altare di Dioniso), mentre alcuni saggi della trincea hanno restituito pochissimo materiale. Credo che sia significativo presentare anche, nella globalità, i dati dei recipienti rinvenuti accorpati per funzione, che mi sembra confermino quanto già proposto da Giampiero Pianu sui rituali attestati nell’area. In particolare la parità dei vasi per mangiare e per bere, per quanto su dati accorpati, mostra che il rituale dei pasti sacri era quello principale, confermato in questo dall’alta presenza di oggetti per contenere derrate e di tegami per cucinare. Viceversa la scarsissima attestazione di vasi per versare ci fa capire che non si tratta di riti simposiaci.

Graf. 3 - Quantità e forme della ceramica d’impasto “fase di Eraclea”: distribuzione per settore

Graf. 4 - Ceramica “fase di Eraclea”: quantità globale delle forme attestate

Graf. 5 - Ceramica “fase di Eraclea”: quantità per funzione

6Il grafico 6 mostra la percentuale dei tipi di terracotta rinvenuti che conferma i dati, ben più consistenti e pregnanti, forniti da Giampiero Pianu sulla base dello scavo del 1986/87. È invece di grande importanza il grafico n° 7 che mostra come la stragrande maggioranza di terracotte fu rinvenuta, anche in quell’occasione, nella zona attorno all’altare di Dioniso mentre assolutamente sporadica è la presenza di questo tipo di reperti nella zona più a N, verso il tempio. Tra l’altro si tratta di due soli esemplari pertinenti ad una tipologia non certo dominante nel Santuario. Questi dati analitici, pur essendo, ripeto, una semplice campionatura, sono sicuramente di grande aiuto alle ipotesi che sono state formulate sulla zona già a partire dal Convegno di Taranto 1986 e successivamente più volte formulate, sempre a Taranto o in altri convegni, sui rituali, sulla differenziazione dell’uso dello spazio e sulla identificazione di quest’area archeologica e vengono qui forniti in supporto alla relazione di Giampiero Pianu.

Graf. 6 - Quantità di terrecotte figurate per tipo

Graf. 7 - Quantità di terrecotte per settore

© Publications du Centre Jean Bérard, 1998

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search