Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Da Sibari a Thurii

 | 
Maurizio Bugno

Prefazione

Texte intégral

1Ettore Lepore durante i lavori del VII Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Per una fenomenologia storica del rapporto città-territorio in Magna Grecia, in Atti VII Conv. Stud. Magna Grecia, Taranto 1967, Napoli, 1970, 48, ora in Colonie greche dell’Occidente antico, Roma, 1989, 58) apriva un dibattito sulla storia della Sibaritide tra VI e V secolo a.C. che ha prodotto negli ultimi trenta anni numerosi contributi impostati su differenti punti di vista, con approcci diversi sul piano metodologico e documentario, con conclusioni che gradualmente hanno dato concretezza al persistere di una comunità di Sibariti dopo il 511/0. Tuttavia, nonostante l’evidenza di una sopravvivenza sibarita, la data della fine di Sibari ha costituito sovente uno spartiacque che ha impedito una comprensione piena della storia della polis achea in senso di continuità e trasformazione tra un prima e un dopo Sibari in Magna Grecia.

2Accogliendo il suggerimento di E. Lepore, la storia di Sibari tra VI e V secolo viene rievocata partendo dalla definizione del dominio territoriale che essa era riuscita a creare e, passando per l’evento distruttivo nel 511/0, vengono esaminati i problemi legati alla sopravvivenza di una comunità sibarita, parallelamente ai diversi tentativi di “ereditare”, ridandogli vita, l’“impero” di Sibari fino alla fondazione di Thurii (444/3). Con la sconfitta nel 511/0, ad opera di Crotone, crolla l’“impero” sibarita, la storia di Crotone si innesta in quella di Sibarie dei Sibariti superstiti, comincia la lotta per l’“eredità” di Sibari. La rifondazione nel 476/5 presenta elementi di contraddittorietà sull’entità del fenomeno, mentre più definita e consistente risulta quella nel 453/2. La rifondazione nel 446/5 mette in moto una complessa serie di avvenimenti che porterà nel giro di pochi anni alla fondazione di Thurii e all’uscita di scena dei Sibariti e di Crotone dalla lotta per l’“eredità” di Sibari: l’argomento è reso complesso dal sovrapporsi di testimonianze ora orientate unicamente su Thurii ora su Sibari rifondata e poi sostituita da Thurii.

3Il punto di vista di questo studio è quello delle testimonianze letterarie. Le altre serie testimoniali (epigrafiche, archeologiche, e soprattutto numismatiche) sono discusse e valutate in modo autonomo prima di essere, per quanto possibile, confrontate e connesse alle testimonianze letterarie. Le varianti, anche minime, sono discusse in riferimento al complesso delle tendenze.

4Questo lavoro, che ha radici lontane, ha sempre trovato humus e linfa nella humanitas del Prof. Alfonso Mele al quale va la mia più profonda riconoscenza.

5In questa sede desidero ringraziare anche il Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Storia Antica dell’Università di Napoli «Federico II», il Centre J. Bérard di Napoli, e il Centro Internazionale di Studi Numismatici di Napoli.

6Un grazie particolare va infine a quanti, nei miei affetti, anche quelli legati alla memoria, familiari e amici, mi hanno incoraggiato e sostenuto nel mio lavoro: a loro è dedicato questo libro.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1999

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter