Version classiqueVersion mobile

Les céramiques de la Grèce de l'Est et leur diffusion en Occident

 | 
Centre Jean Bérard
, 
Institut français de Naples

Nota sulle importazioni in Sardegna in età arcaica

Giovanni Tore

Note de l’éditeur

(Pl. LXXIII-LXXIV)

Texte intégral

  • 1 Eccetto per alcuni cenni sulla stampa quotidiana: A. Marcia, Una città punica uscita sotto le case (...)
  • 2 F. Barreca, Ricerche puniche in Sardegna, in Ricerche puniche nel Mediterraneo centrale, Studi Semi (...)
  • 3 G. Lilliu, Navicella di bronzo protosarda di Gravisca, in Not. Scavi di Antichità, 1971, pp. 296-29 (...)
  • 4 M. Torelli, Il santuario di Hera a Gravisca, in La Parola del Passato, CXXXVI, 1971, p. 65, nota 60 (...)
  • 5 M. Gras, Les importations du VIe siècle avant J.-C. à Tharros (Sardaigne), in MEFRA, 86, 1974, 1, p (...)
  • 6 J.-P. Morel, L’expansion phocéenne en Occident, in BCH, XCIX, 1975, II, Chroniques et Rapports, p.  (...)
  • 7 V. la nota 1. Ringrazio vivamente il Ch.ssimo Prof. Enrico Atzeni dell’Università di Cagliari per a (...)

1Ringrazio il collega Carlo Tronchetti per avermi dato, con il suo intervento, lo spunto per alcune brevi osservazioni. Il richiamo da lui fatto ai recentissimi dati emersi dagli scavi effettuati a S. Sperate, paese del Campidano meridionale, a circa 20 Km. a NO da Cagliari, dagli amici Alessandro Bedini e Giovanni Battista Ugas e ancor oggi inediti1, può ben essere integrato e con i cenni già forniti sulle precedenti scoperte dell’Ugas a Monte Olladiri, piccola collinetta nei pressi di Monastir, non molto distante da S. Sperate, dal Barreca2, dal Lilliu3, dal Torelli4, dal Gras5 ed infine dall’amico Morel6. Esse si inquadrano nelle ricerche effettuate dal collega Ugas già da alcuni anni e che hanno portato a risultati interessanti di cui attendiamo la prossima pubblicazione. Altri centri, in questi ultimi anni, hanno restituito ceramiche d’importazione etrusche e, presumibilmente, poiché lo studio ne è ancora in corso trattandosi di materiali inediti e di ricerche in atto7 (pertanto non si dispone di dati definitivi), greco-orientali, nonché di fittili a decorazione cromatica dipinta a bande orizzontali e pure ceramica attica.

  • 8 Gras, op. cit., pp. 79-139. Sul trovamento di un frammento di piede di kantharos in bucchero etrusc (...)
  • 9 M. Gras, Céramique d’importation étrusque à Bithia (Sardaigne), in Studi Sardi, XXIII, I, 1973-74, (...)
  • 10 G. Tore, Due cippi - trono del tophet di Tharros, in Studi Sardi, XXII, 1971-72, p. 219; Idem, Noti (...)
  • 11 G. Lilliu, Navicella di bronzo, cit., p. 298. I cenni sui reperti fittili fatti da S. Moscati, Feni (...)
  • 12 Monte Sirai: F. Barreca, in Monte Sirai, III, Roma, 1966, pp. 26-28; Idem, in Monte Sirai, IV, Roma (...)
  • 13 Frammento di ceramica attica del V sec. a.C. da me raccolta alla periferia dell’odierno centro urba (...)
  • 14 Frammentino di ceramica attica databile alla fine del V sec. a.C. Dallo stesso scavo (estate 1975) (...)
  • 15 E. Pais, La Sardegna prima del dominio romano, in Atti delta R. Acc. dei Lincei, 1880-81, Memorie, (...)
  • 16 Se non si eccettui l’urna cineraria di Sulci (v. supra, la nota 12).
  • 17 Se ne conoscono a Tharros, Monte Sirai, Pani Loriga-Santadi, Bithia, Nora (v. la nota 12), Cuccuru (...)
  • 18 Sulci (nota 12), Pani Loriga-Santadi (labbro di coppa ionica databile alla fine del VI sec. a.C.: r (...)
  • 19 Monastir (loc. Monte Olladiri: v. supra, note 2-4, 5, 18), Settimo San Pietro (loc. Cuccuru Nuraxi: (...)
  • 20 J.-P. Morel, L’expansion, cit., p. 863, nota 39. Mi pare, di fatto, assai semplicistico ritenerla « (...)
  • 21 VII-VI sec. a.C. Sulla differenziazione dei rapporti commerciali, almeno con l’Etruria, dall’VIII a (...)
  • 22 G. Camporeale, I commerci di Vetulonia in età orientalizzante, Firenze, 1969, pp. 94-97; Lilliu, Na (...)
  • 23 Viva voce, M.elle M. Cavalier, Direttrice del Museo Eoliano di Lipari, che ringrazio sentitamente. (...)
  • 24 Lilliu, op. cit., pp. 289, 293: fine VII, inizi VI sec. a.C. È da notare che la si sia rinvenuta in (...)
  • 25 V. la nota 24 e quanto osservato dal Lilliu, op. cit., p. 294, e, antecedentemente, R. Rebuffat, Le (...)

2Possiamo segnalare Tharros, per cui disponiamo dell’eccellente catalogo del Gras8, Bithia9 Pani Loriga10, Settimo S. Pietro11, Monte Sirai e, probabilmente, l’antica Sulci, odierna Sant’Antioco, nella Sardegna sud-occidentale, e Nora12, odierno Capo di Pula, in quella sud-orientale. Alcuni elementi emergono pure per Karales, odierna Cagliari13, e per un anonimo insediamento nella località di Cuccuru Is Arrius, nei pressi dell’attuale villaggio di Cabras, nella Sardegna centro-occidentale14. Della fine del secolo scorso è la segnalazione del Pais15 di ceramica greca in un sito non lontano dall’odierna Porto Torres. I dati forniti si riferiscono ad un arco cronologico abbastanza ampio che va dalla fine del VII sec. agli inizi del V sec. a.C.16 e comprende varie classi ceramiche, dai buccheri17 alle ceramiche di tipo greco-orientale sia di importazione che di imitazione18 a quelle a bande19, la cui esatta collocazione, come ha di recente rilevato, a ragione, il Morel20, è da verificarsi attentamente. La ceramica attica, rappresentando la fase più tardiva di tali contatti, esula, al momento, dall’epoca in cui si addensano maggiormente i reperti fittili di cui trattiamo21. Il tramite di tali contatti è difficilmente precisabile allo stato attuale degli studi. Già per il commercio etrusco il Gras ha individuato almeno due diverse correnti di traffico: Vulci-Tharros, Caere-Bithia. Abbiamo poi tracce di contatti in epoca più antica con le esportazioni di bronzi protosardi cui ha fatto cenno nella sua opera recente il Camporeale e a cui è da aggiungere la pubblicazione del Lilliu sulla navicella nuragica di Gravisca22. Se abbiamo dati per la presenza di materiale «pregiato» protosardo (quale credo si possano considerare i bronzi figurati e non) per l’Etruria, disponiamo pure per Lipari, grazie a nuovi scavi23, di ceramica nuragica in contesti risalenti al IX sec. a.C. A quest’epoca parrebbero datarsi gli inizi dei contatti con l’Etruria, attestati dai bronzi protosardi, perduranti sino all’inizio del VI sec. a.C., se si accetti la navicella di Gravisca quale ultimo termine24. In questo quadro le correnti commerciali da e per la Sardegna non paiono definibili con eccessiva schematizzazione, tenuta pure presente la presenza semitica nella zona25.

  • 26 Specie le pluriennali ricerche e scavi del Prof. Enrico Atzeni e gli studi del collega Santoni (v. (...)

3Perciò mi pare opportuno riportare il problema di tali importazioni ed in particolare della loro eventuale eco, nell’ambito delle fasi finali della cultura isolana che si è soliti definire nuragica; fasi la cui natura è oggetto di rinnovato interesse per le nuove acquisizioni di questi ultimi anni e la cui esatta definizione dipende largamente da studi ancora oggi in corso e di cui si attende la prossima pubblicazione26.

  • 27 Erodoto, I, 170, 2 (Biante di Priene: 546 a.C.); V, 106, 1 (Istico di Mileto: 499 a.C.); V, 124, 2 (...)
  • 28 Permane fondamentale il noto studio di P. Meloni, Gli Iolei ed il mito di Iolao in Sardegna, in Stu (...)
  • 29 Pausania, X, 17, 5, menziona Olbia come la più importante città degli Iolei. Breve sunto delle opin (...)
  • 30 Su Olbia e Ogryle v. Pais, op. cit., pp. 308, 359. Il riferimento a Iolao come fondatore dei due ce (...)
  • 31 Almeno allo stato attuale delle conoscenze. Il sito era comunque interessato da un notevole concent (...)
  • 32 Due monete in bronzo puniche rinvenute nella campagna di scavo del 1975, v. Tore, Notiziario, cit., (...)

4Pertanto la questione di una presenza greca in Sardegna, legata sinora ad alcuni passi della storiografia antica27 e pochi elementi mitografici di età tarda28 sembrerebbe si maggiormente evidenziarsi alla luce di queste testimonianze archeologiche, ma, come è stato pure in questa sede ricordato, alcuni oggetti, e per di più in contesti ancora largamente da verificare, non sono elementi cogenti per delineare un quadro la cui cornice non appare per ora definibile rigidamente e le cui sfumature appena si intravvedono se non addirittura sfuggono del tutto. Del resto i dati sulle fondazioni presunte greche in Sardegna, Olbia e Ogryle, non confermano tale tradizione, per altro tarda. Le testimonianze più antiche di Olbia sono due fittili fenicio-punici databili al VI sec. a.C.29. Di presenza greca nel sito per quell’epoca e per il secolo successivo mancano sino ad oggi notizie. Di Ogryle, di cui è dubbia anche l’identificazione, se si accetti il suo collegamento con la Gurulis Vetus del geografo Tolomeo30 e l’odierna Padria poco si può dire se non che le testimonianze archeologiche più antiche31 non portano al momento oltre la prima metà del III sec. a.C.32, se non si eccettuino i ruderi di un fortilizio presumibilmente databile, sulla base della tecnica edilizia, al momento dell’espansione cartaginese del V sec. a.C. È interessante notare che i siti di presunta fondazione greca si trovano nella Sardegna settentrionale mentre i reperti paiono sinora addensarsi in quella meridionale con qualche attestazione in quella centrale.

  • 33 A Tharros: bronzi (M. L. Uberti, I bronzi, in E. Acquaro et Alii, Anedocta Tharrica, Roma, 1975, pp (...)

5Crediamo poi che i traffici di cui si è parlato, in particolare per l’arco cronologico che va dal VII al VI sec. a.C., debbano inquadrarsi nell’ambito del fenomeno dell’orientalizzante di cui alcune, pur se deboli tracce, sembrano documentarsi da poco anche nell’isola33.

Notes

1 Eccetto per alcuni cenni sulla stampa quotidiana: A. Marcia, Una città punica uscita sotto le case di S. Sperate, in L'Unione Sarda del 28-1-1976, p. 9.

2 F. Barreca, Ricerche puniche in Sardegna, in Ricerche puniche nel Mediterraneo centrale, Studi Semitici, Roma, 1970, pp. 25-26. Idem, Sardegna, in L’espansione fenicia nel Mediterraneo, Studi Semitici, Roma, 1971, pp. 17, 23; Idem, La Sardegna fenicia e punica, Sassari, 1974, p. 29.

3 G. Lilliu, Navicella di bronzo protosarda di Gravisca, in Not. Scavi di Antichità, 1971, pp. 296-297.

4 M. Torelli, Il santuario di Hera a Gravisca, in La Parola del Passato, CXXXVI, 1971, p. 65, nota 60: ricorda «coppe ioniche (tipo Β 3 Vallet-Villard) nel Campidano, senza contare il precedente importante dell’olletta stamnoide tardogeometrica di fabbrica cicladica nel tophet di Sulcis» (v. infra, la nota 18, si riferisce, di fatto, alle scoperte di Ugas; per Sulci, v. la nota 12).

5 M. Gras, Les importations du VIe siècle avant J.-C. à Tharros (Sardaigne), in MEFRA, 86, 1974, 1, pp. 110, nota 7, 127, nota 5. V. pure P. Meloni, La Sardegna romana, Sassari, 1975, pp. 9, 377.

6 J.-P. Morel, L’expansion phocéenne en Occident, in BCH, XCIX, 1975, II, Chroniques et Rapports, p. 863.

7 V. la nota 1. Ringrazio vivamente il Ch.ssimo Prof. Enrico Atzeni dell’Università di Cagliari per avermi associato a tali ricerche ed in particolare per avermi affidato lo studio dei materiali di età storica reperiti negli scavi da lui diretti in località Cuccuru Nuraxi a Settimo S. Pietro (Ca) e Cuccuru Is Arrius a Cabras (Or) così come il Soprintendente archeologico delle due provincie, Prof. Ferruccio Barreca, per avermi incaricato della direzione scientifica dello scavo del sito di Pani Loriga a Santadi (Ca) e avermi liberalmente favorito nello studio dei reperti conservati nei Musei della sua giurisdizione.

8 Gras, op. cit., pp. 79-139. Sul trovamento di un frammento di piede di kantharos in bucchero etrusco v. A. Ciasca, Lo scavo del 1974, in Rivista di Studi Fenici, III, 1, 1975, p. 105.

9 M. Gras, Céramique d’importation étrusque à Bithia (Sardaigne), in Studi Sardi, XXIII, I, 1973-74, pp. 131-139; G. Tore-M. Gras, Di alcuni reperti dell’antica Bithia (Torre di Chia-Sardegna), in MEFRA, 88, 1976 1, (buccheri), pp. 51-90.

10 G. Tore, Due cippi - trono del tophet di Tharros, in Studi Sardi, XXII, 1971-72, p. 219; Idem, Notiziario archeologico, in Studi Sardi, XXIII, I, p. 370, nota 15. Si segnalano due frammenti di bucchero pertinenti a un’olpe (inv. 67918) e un aryballos panciuto (inv. 55409) dalla superficie assai abrasa, presumibilmente d’importazione (corinzio?).

11 G. Lilliu, Navicella di bronzo, cit., p. 298. I cenni sui reperti fittili fatti da S. Moscati, Fenici e Cartaginesi in Sardegna, Milano, 1968, pp. 38, 40, 61, 62, non segnalano altro che «ceramica punica di tipo arcaico». Cosi pure in F. Barreca, La Sardegna fenicia e punica, cit., pp. 30, 56. Ambedue ignorano la presenza di fittili d’importazione, quali un’oinochoe in bucchero, frammentata, databile all’inizio del VI sec. a.C. (Gras, Les importations, cit., p. 106 e nota 2), un frammento di ceramica laconica ed altri del tipo a bande. Alcuni presentano una decorazione di tipo tardo-geometrico, dipinta. Ad un rapido esame preliminare le ceramiche sicuramente individuabili come feniciopuniche non paiono superare un quantitativo dalla consistenza assai scarna. Dal colle omonimo proviene un’ampolla con il collo strozzato, di tipo arcaico (v. W. Culican, Phoenician Oil Bottles and Tripod Bowls, in Berytus, XIX, 1970, pp. 5-17; A. M. Bisi, Le componenti mediterranee e le costanti tipologiche delta ceramica punica, in Simposio internacional de Colonizaciones, Barcelona, 1974, pp. 15-21) databile almeno al VII sec. a.C. (Tore, Due cippi-trono, cit., p. 243).

12 Monte Sirai: F. Barreca, in Monte Sirai, III, Roma, 1966, pp. 26-28; Idem, in Monte Sirai, IV, Roma, 1967, p. 15; M. Gras, Importations, cit., inizio VI sec. a.C.; Sulci: urna cineraria ritenuta di fattura siceliota dell’VII sec. a.C. dallo scopritore (G. Pesce, Sardegna punica, Cagliari, 1961, fig. 116, p. 70), riedita da J. N. Coldstream, Greek Geometric Pottery, London, 1968, p. 389 («The urn at Sulcis, likewise, suggests contact with colonial Euboeans») e da questi datata alla fine dell’VIII sec. a.C. (v. pure supra la nota 4). Di recente è stata avvicinata «alle pissidi tardogeometriche euboiche» (A. M. Bisi, La ceramica punica, Napoli, 1970, p. 121); vaso rituale dalla necropoli datato al VII-VI sec. a.C. (Barreca, La Sardegna fenicia e punica, cit., p. 132, tav. XXXI), i cui kotiliskoi sono decorati con testine di tipo greco-orientale in rilievo; elmi e schinieri in bronzo di tipo corinzio, dalla necropoli (A. Taramelli, Guida del Museo Nazionale di Cagliari, Cagliari, 1914, p. 50); Nora: G. Pesce, Nora, guida agli scavi, Cagliari, 1972, p. 46, segnala «cocci di vasi attici a figure nere del VI secolo, e di quelli a figure rosse del V secolo, il bucchero d’importazione etrusca». Di recente la studiosa spagnola M. E. Aubet, El origen de las placas en hueso de Nora, in Studi Sardi, XXIII, I, pp. 125-130, ha riedito alcune placche d’osso già edite da G. Patroni, Nora, colonia fenicia in Sardegna, in Mon. Ant. Acc. dei Lincei, XIV, Roma, 1904, coll. 98-100, fig. 29, e coll. 119-120, ascrivendole all’artigianato etrusco del V sec. a.C. D’importazione è pure un frammento di cratere a vernice nera, presumibilmente databile al V sec. a.C., con una iscrizione menzionante Tanit, già pubblicato dal Patroni. op. cit., coll. 57-58.

13 Frammento di ceramica attica del V sec. a.C. da me raccolta alla periferia dell’odierno centro urbano, in prossimità di Via Brenta, nei pressi di rovine antiche (area cimiteriale?). Una statuetta di tipo rodiota, dalla necropoli occidentale, già edita nel 1912 dal Taramelli, è stata recentemente ascritta al VI sec. a.C. (Gras, Importations, cit., p. 94, nota 4, 97, nota 1).

14 Frammentino di ceramica attica databile alla fine del V sec. a.C. Dallo stesso scavo (estate 1975) provengono una testina muliebre databile fra la fine del V e gli inizi del IV sec. a.C. e numerosi frammenti di ceramiche a bande insieme a resti di anfore di tipo punico arcaico.

15 E. Pais, La Sardegna prima del dominio romano, in Atti delta R. Acc. dei Lincei, 1880-81, Memorie, Serie III, vol. VII, Roma, 1881, pp. 289-290: villaggio nuragico nei’pressi del Nuraghe Monte Cau a 3 km. a Est di Sorso. I materiali vennero trasportati nell’attuale Museo «G. A. Sanna» di Sassari dove dovrebbero trovarsi ancora.

16 Se non si eccettui l’urna cineraria di Sulci (v. supra, la nota 12).

17 Se ne conoscono a Tharros, Monte Sirai, Pani Loriga-Santadi, Bithia, Nora (v. la nota 12), Cuccuru Nuraxi-Settimo S. Pietro, Monastir, S. Sperate (v. la nota 1). Per i siti succitati cf. le note 8-12. Buccheri etruschi da Tharros sono pure nei Musei statali di Torino e nel British Museum: Gras, Les importations, cit., p. 80, note 1 e 2.

18 Sulci (nota 12), Pani Loriga-Santadi (labbro di coppa ionica databile alla fine del VI sec. a.C.: ringrazio il Prof. F. Villard per la cortese precisazione), Monte Olladiri-Monastir (Gras, op. cit., p. 127, note 5: coppe ioniche tipo Β 3 e Β 2), Monte Sirai-Carbonia (J. P. Morel, L’expansion, cit., p. 863, nota 39: coppa ionica tipo Β 2), Tharros-Cabras (Gras, op. cit., p. 129, nota 2, due coppe ioniche; a p. 139, Addendum, ricorda pure, oltre le due succitate, su informazione di D. M. Bailey, altri fittili di importazione tharrense nel British Museum fra cui coppe etrusco-corinzie, un aryballos e un cothon corinzio databili al VI sec. a.C. e menziona anche «lécythe attique à figures noires»). Fittili di importazione etruschi, etrusco-corinzi, corinzi e laconici da Tharros e in collezioni pubbliche sarde sono stati editi da Gras, op. cit., pp. 81-123, che ricorda inoltre fittili attici della fine del VI sec. a.C. e una coppa attica a vernice nera attribuibile agli anni 520-490 a.C. (Gras, op. cit., p. 123, nota 2) e un’anfora attica di tipo tirrenico già edita (Pesce, Sardegna punica, cit., p. 111, fig. 119) che data attorno al 570-560 a.C. (Gras, op. cit., p. 135). Segnala poi un frammento di bucchero eolico a Monte Olladiri (Ibidem, p. 127) e numerosi frammenti di ceramica a bande dipinta dallo stesso sito.

19 Monastir (loc. Monte Olladiri: v. supra, note 2-4, 5, 18), Settimo San Pietro (loc. Cuccuru Nuraxi: v. supra, nota 11), Cabras (loc. Cuccuru Is Arrius: v. supra, nota 14), Santadi (loc. Pani Loriga: frammenti individuati dallo scrivente), Uri (loc. Nuraghe Su Igante: scavi effettuati dal prof. E. Contu nell’estate 1962): nel perimetro esterno della torre rinvenne ceramica dipinta a fasce e reperti bronzei insieme a «una coppa emisferica di rame con piede in piombo» (per le palmette che vi ho individuato v. supra nota 33) di riutilizzo da un vaso del noto tipo «oinochoe» orientalizzante (v. E. Contu, Notiziario - Sardegna: Valle del Cuga-Uri, in Rivista di Scienze Preistoriche, 17, 1962, p. 298).

20 J.-P. Morel, L’expansion, cit., p. 863, nota 39. Mi pare, di fatto, assai semplicistico ritenerla «tout court» pertinente ad ambiente fenicio-punico, trattandosi di elementi di una sintassi decorativa di ampia diffusione nell’Occidente mediterraneo e i cui archetipi possono ritenersi latamente orientali, senza per questo poter stabilire, almeno al momento e specie per la Sardegna, ascendenze e filiazioni troppo rigide.

21 VII-VI sec. a.C. Sulla differenziazione dei rapporti commerciali, almeno con l’Etruria, dall’VIII al VII-VI sec. a.C. da e per la Sardegna, v. le prudenti affermazioni del Gras, op. cit., pp. 131 e 133.

22 G. Camporeale, I commerci di Vetulonia in età orientalizzante, Firenze, 1969, pp. 94-97; Lilliu, Navicella di bronzo, cit., pp. 292-94.

23 Viva voce, M.elle M. Cavalier, Direttrice del Museo Eoliano di Lipari, che ringrazio sentitamente. Ho potuto vedere i reperti in questione nel corso di un viaggio di studio in Sicilia nell’estate del 1975.

24 Lilliu, op. cit., pp. 289, 293: fine VII, inizi VI sec. a.C. È da notare che la si sia rinvenuta in un donario ionico e che a Gravisca si siano rinvenuti pure frammenti di anforoni «punici» databili al VI sec. a.C. (per il tipo e la cronologia v. Tore, Notiziario archeologico, cit., p. 370, nota 19, fig. 2, 3 c), esposti in occasione di questo colloquio e su cui valgano i cenni forniti dalla Dott. Malgorzata Szlaska.

25 V. la nota 24 e quanto osservato dal Lilliu, op. cit., p. 294, e, antecedentemente, R. Rebuffat, Les Phéniciens à Rome, in MEFR, 78, 1966, pp. 10-16, specie la nota 2 a p. 13, e S. Moscati-M. Pallottino, Rapporti fra Greci, Fenici, Etruschi ed altre popolazioni italiche alla luce delle recenti scoperte, Quaderno 87, Acc. Naz. Lincei, 1966, pp. 3-16. Interessanti pure le notazioni di J. N. Coldstream, Greek Geometric Pottery, cit., pp. 388-389, specie per i siti di Cartagine, Mozia e Sulci. Recente messa a punto dei contatti Etruria-Sardegna in Meloni, Sardegna romana, cit., pp. 12-15, 378-79

26 Specie le pluriennali ricerche e scavi del Prof. Enrico Atzeni e gli studi del collega Santoni (v. pure la nota 1). Vedasi anche le recenti acquisizioni: G. Lilliu, Dal «betilo» alla statuaria nuragica, Studi Sardi, XXIV, 1975-76, Sassari. 1977 (estratto); V. Santoni, Osservazioni sulla protostoria della Sardegna, Mefra, 89, 1977, 2.

27 Erodoto, I, 170, 2 (Biante di Priene: 546 a.C.); V, 106, 1 (Istico di Mileto: 499 a.C.); V, 124, 2 (Aristogora di Mileto: 497 a.C.). I passi citati mostrano chiaramente l’interesse degli Ioni dalla seconda metà del VI ai primissimi anni del secolo successivo v. Pais, op. cit., pp. 307-309 e P. Meloni, in «Studi Sardi», VI, 1, 1942-44 (1945), pp. 64-66. Antecedentemente Pausania, IV, 23, 5, attesta, riportando il consiglio di Manticle ai Messeni di colonizzare la Sardegna (628 a.C.), che tale interesse era vivo già da età arcaica presso i Greci. Il Gras, Les importations, cit., p. 128, nota 3, ha da poco richiamato l’attenzione sul passo diodoreo (V, 13) sull’equivalenza Nicea(di solito identificata con Aleria) — Calares. Elemento indiretto è poi il problema connesso alla battaglia di Alalia ο del Mare Sardo (Erodoto, I, 166, 2) che, tenuto conto della tradizione attestata in Diodoro, IV, 30, 3, V, 15, 6, della partenza di Iolao e di molti compagni (v. la nota 27) dalla Sardegna per stabilirsi nei dintorni di Cuma ed in Sicilia, di fronte alla reazione cartaginese, potrebbe forse adombrare l’eco di una cesura fra un tentativo di colonizzazione in atto (o comunque di presenza meno rada e più intensa) e la successiva espansione cartaginese della fine del VI e gli inizi del secolo successivo. Sintomatico è il riferimento alla zona di Cuma che sembrerebbe ben adattarsi alle circostanze della fondazione di Velia: cf. Pais, op. cit., pp. 310-311; Lilliu, Navicella di bronzo, cit., pp. 294-98; Meloni, La Sardegna romana, cit., pp. 7-11, 377-78. Sulle fonti antiche v. Pais, op. cit., App. I, pp. 352-366. La complessità del problema è anche testimoniata dall’interpretazione dei Serdaioi, ricordati a proposito di un’alleanza con Sibari, con abitanti della Sardegna (attorno la metà del VI sec. a.C. (cf. G. Pugliese Carratelli, in La Parola del Passato, 1966, pp. 164-65; 1970, p. 10). Sugli echi della battaglia del Mare Sardo ed il fallimento della spedizione di Malco cf. A. Momigliano, Quarto contributo alla storia degli studi classici e del mondo antico, Roma, 1969, pp. 349 sgg. e V. Merante, Sui rapporti greco-punici nel Mediterraneo occidentale nel VI sec. a.C., in Kokalos, XVI, 1970 (1971), pp. 115-126.

28 Permane fondamentale il noto studio di P. Meloni, Gli Iolei ed il mito di Iolao in Sardegna, in Studi Sardi, 1942-44 (1945), 1, pp. 43-66. È interessante rilevare che l’identificazione (v. Meloni, op. cit., p. 55, nota 4) degli Ἰολάϊα χωρία (Pausania, X, 17, 5) ο’Ιολάεια πέδια (Diodoro, IV, 21, 5) con la zona denominata già dal Medioevo «Parte Olla» (v. A. Terrosu Asole, L’insediamento umano medioevale e i centri abbandonati tra il secolo XIV e il secolo XVII, Suppl. fasc. II, Atlante della Sardegna, Roma, 1974), si riveste di nuovo interesse dal momento che i centri di Settimo San Pietro e San Sperate risultano contigui a tale zona e, nel caso di Monastir, ne fanno parte.

29 Pausania, X, 17, 5, menziona Olbia come la più importante città degli Iolei. Breve sunto delle opinioni dei maggiori studiosi (Pais, Garcia Y Bellido, Breglia, Dunbabin) sulla grecità di Olbia in Merante, op. cit., p. 120, nota 85; v. anche Barreca, La Sardegna fenicia e punica, cit., p. 38; Gras, op. cit., p. 127; Meloni, La Sardegna romana, cit., pp. 10, 12; Morel, op. cit., p. 863, note 40. La maggior parte degli studiosi, pur non escludendo una fondazione greca, ritiene che tale colonia abbia avuto una vita effimera e che abbia subito il contraccolpo della battaglia del Mare Sardo. Sulla documentazione archeologica di età arcaica v. A. M. Bisi, La ceramica punica, Napoli, 1970, p. 136, nota 126 (due fittili già editi ma in modo erroneo in P. Panedda, Olbia nel periodo punico e romano, Roma, 1953, p. 68, fig. 5, una «oinochoe à bobèche» e un’«ampolla a collo strozzato e fondo convesso»). Essa viene riferita dalla studiosa alla «necropoli del VII-V sec. a.C.». Sui due fittili in discorso v. Tore, Due cippitrono, cit., p. 223, 242-43. La datazione allora proposta, alla metà del VII sec. a.C., mi pare sia da ribassarsi, dopo aver potuto controllare di persona l’oinochoe à bobèche, che presenta tracce di decorazione cromatica, ai primi anni del VI e comunque non prima della fine del VII sec. a.C., per la presenza della decorazione e la sagoma. Nella stessa collezione privata ho potuto individuare un’«oinochoe» a bocca trilobata, dalla sagoma panciuta, data come proveniente da Olbia e la cui cronologia parrebbe confarsi alla precedente. Un esame degli elementi per una possibile datazione arcaica di Olbia in Lilliu, Navicella di bronzo, cit., pp. 297-96, e G. Lilliu, Tripode bronzeo di tradizione cipriota dalla grotta Pirosu-Su Benatzu di Santadi (Cagliari), in Estudios dedicados al Profesor Dr. Luis Pericot, Barcelona, 1973, p. 304, nota 169, dove ascrive al VII-VI sec. a.C. la «penna d’oro» di Olbia. In precedenza (Idem, Navicella di bronzo, cit., pp. 295-96 e nota 11, data l’«oinochoe à bobèche» al VI sec. a.C. e l’esistenza di Olbia punica anteriormente al 540 a.C. Il pezzo è ascritto da S. M. Cecchini, I ritrovamenti fenici e punici in Sardegna, Roma, 1969, p. 71: «al più tardi alla fine del V sec. a.C.».

30 Su Olbia e Ogryle v. Pais, op. cit., pp. 308, 359. Il riferimento a Iolao come fondatore dei due centri è esplicito in Pausania, X, 17, 4, mentre Solino, 51, 18, 22, riporta «Olbiam atque alia graeca oppida extruxit». Cf. pure Meloni, Gli Iolei, cit., pp. 55-56; Ptolom., III, 3,7 = «Γουρυλίς παλαιά».

31 Almeno allo stato attuale delle conoscenze. Il sito era comunque interessato da un notevole concentramento di monumenti nuragici che hanno restituito bronzi figurati datati alla prima Età del Ferro, v. G. Lilliu, Sculture della Sardegna nuragica, Cagliari, 1966, nn. 97, 258, pp. 184-187, 364-367: VIII-VII sec. a.C.; barchetta nuragica dagli scavi da me diretti nel 1973 in località S. Giuseppe, alla periferia dell’odierno villaggio di Padria, sommariamente edita da F. Lo Schiavo, in Studi Etruschi, XLII, p. 548, tav. CIII, a-f (cf. anche Tore, Notiziario archeologico, cit., p. 376, nota 23). Nella collezione archeologica del Comune di Padria, di cui ho in corso lo studio con i colleghi V. Santoni e P. B. Serra, si documentano fittili di tipo tardo-ellenistico (kernophoroi, ex-voto (?)), ceramica a vernice nera (tipi della c.d. ceramica «campana», A, B, C) e numerosi frammenti di ceramica di età romana imperiale. Altri reperti sono conservati nei Musei nazionali di Cagliari e Sassari. Sui trovamenti di età tardo-punica (fittili e monete) v. S. M. Cecchini, I ritrovamenti fenici e punici in Sardegna, cit., p. 74. Il reperto più tardo sinora noto è una lucerna paleocristiana del tipo c.d. «mediterraneo» pertinente alla collezione municipale di Padria (viva voce, Dott. P. B. Serra).

32 Due monete in bronzo puniche rinvenute nella campagna di scavo del 1975, v. Tore, Notiziario, cit., Addenda, p. 379 (la datazione è dovuta alla cortesia del compianto Prof. L. Forteleoni).

33 A Tharros: bronzi (M. L. Uberti, I bronzi, in E. Acquaro et Alii, Anedocta Tharrica, Roma, 1975, pp. 124-125; scarabei (E. Acquaro, I sigilli, ibidem, pp. 61-62). In generale v. S. Moscati, Anedocta Tharrica, ibidem, pp. 131-132. Per gli avori va notato il raffronto con la placchetta di Nora (v. la nota 12) di un consimile pezzo tharrense edito da M. L. Uberti, Gli avori e gli ossi, pp. 95-97, n. D 5, la cui datazione e collocazione culturale concorda puntualmente con la valutazione espressa dalla Aubet, op. cit., pp. 128-130. Altro materiale orientalizzante pertinente a «oinochoe» del noto tipo (palmette) è stato da me di recente individuato fra i reperti dal N. Su Igante di Uri (v. la nota 19). Altro elemento di notevole importanza dovrebbe fornirci il riesame dettagliato delle architetture nuragiche e fenicio-puniche in Sardegna per verificare l’esistenza di possibili influssi greco-orientali (per ionismi nell’architettura nuragica cf. Lilliu, Navicella di bronzo, cit., p. 296). Altrettanto sarebbe utile fare per la coroplastica punica arcaica e per le figurazioni delle stele votive sarde.
Vanno ricordati, infine, i numerosi fittili di importazione greca giacenti nei musei statali sardi. Dei due skyphoi che presentiamo nella tavola annessa si ignora Tesatta provenienza. Essi pervennero comunque nel Museo di Cagliari prima del 1883.

Auteur

© Publications du Centre Jean Bérard, 1978

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search