Version classiqueVersion mobile

Les céramiques de la Grèce de l'Est et leur diffusion en Occident

 | 
Centre Jean Bérard
, 
Institut français de Naples

Le importazioni della Grecia dell’Est in Puglia

Felice Gino Lo Porto

Note de l’éditeur

(Pl. LXIII-LXX)

Texte intégral

  • 1 W. Taylour, Mycenean Pottery in Italy, 1958, pp. 81 ss.; F. G. Lo Porto, Leporano (Taranto) — La st (...)

1Se per assurdo volessimo estendere nel tempo, oltre i limiti imposti dal tema di questo Convegno, la ricerca sulle importàzioni in Puglia dal bacino orientale del Mediterraneo, non avremmo difficoltà a dare un posto d’onore alle splendide ceramiche micenee, provenienti da Rodi e fors’anche da Cipro, scoperte in abbondanza a Scoglio del Tonno e in altri insediamenti dell’età del Bronzo delle coste ionica e adriatica della regione1.

  • 2 J. Bérard, La colonisation grecque de l’Italie méridionale et de la Sicile dans l’antiquité, 1941, (...)
  • 3 Steph. Byz., S.V. Έλπία.
  • 4 J. Bérard, ll. cc.

2Come è noto, sulla rotta di questa penetrazione commerciale promanante dall’Est, sullo scorcio del II millennio a.C., si instaura con l’Italia meridionale una corrente migratoria in cui si innestano le antiche leggende della colonizzazione rodia in Italia, di cui la Puglia per la sua particolare situazione geografica e secondo il racconto delle fonti sembra abbia fortemente risentito le conseguenze2. Si ricordi l’Eλπία, πόλις ἐν Δαυνίοις, κτίσμα Ῥοδίων3 e i vari toponimi: Rudiae, Rodi del Gargano, ecc.4.

  • 5 F. G. Lo Porto, L’attività archeologica in Puglia, in «Atti XI Conv. Stud. Magna Grecia», 1971, pp. (...)

3Anche Creta in questa età, seppure con ruolo minore rispetto a Rodi, figura nelle fonti come protagonista, accanto agli Illiri, dell’esordio etno-culturale della Japigia5.

  • 6 F. G. Lo Porto, Satyrion (Tarante) — Scavi e ricerche nel luogo del più antico insediamento laconic (...)
  • 7 Ibd., pp. 277 ss.

4Nei secoli dal X all’VIII a.C., a giudicare dalla scoperta a Satyrion di frammenti di ceramica protogeometrica e geometrica, che ritengo di provenienza insulare6, non si può escludere il perdurare di questa corrente commerciale marittima, seppure lenta ed intermittente, la quale prelude alle prime ondate della colonizzazione storica in Occidente con il conseguente graduale infittirsi dei rapporti fra Est ed Ovest7.

  • 8 P. Zancani Montuoro, Francavilla Marittima - Necropoli di Macchiabate, in «Atti e Mem. Soc. Magn. G (...)
  • 9 G. Vallet, Rhégion et Zancle, 1958, pp. 180 ss.; J. N. Coldstream, Greek Geometric Pottery, 1968, p (...)

5In età precoloniale e protocoloniale i traffici commerciali dei Fenici sembrano scartare la Puglia e, aggirando il Capo di Leuca, lasciano solo qualche traccia lungo la costa ionica dell’odierna Calabria8, così protesi come appaiono verso i più lucrosi emporia del Tirreno9.

  • 10 F. G. Lo Porto, Ceramica dalla necropoli arcaica di «Tor Pisana» a Brindisi, in «Atti e Mem. Soc. M (...)

6Durante il VII e la prima metà del VI secolo a.C. i due porti di Brindisi e Taranto sono i più importanti della costa sud-orientale della penisola italiana e luoghi di transito necessari per le navi provenienti da ogni dove del mondo ellenico10. Nella nostra rapida rassegna delle evidenze archeologiche apparirà per questa età via via sempre più imponente in Puglia, e specialmente a Taranto, il manifestarsi fra la massa delle importazioni, precipuamente corinzie e laconiche, di tutta una ricca gamma di prodotti artistici di provenienza ionica, in cui è l’isola di Rodi che sembra svolgere un ruolo di primo piano sia nella produzione che nella diffusione in Occidente.

  • 11 Tor Pisana, p. 117, tav. XXVI, a.
  • 12 Ibd., p. 126. Pubblicando i materiali della necropoli brindisina, avevo ventilato la suggestiva pos (...)
  • 13 Ibd., p. 118, note 25, 26 e 27.
  • 14 Ibd., pp. 118 ss., tav. XXVI.
  • 15 Ibd., pp. 125 ss„ tav. XXV, a, b.

7Allo stato delle nostre scoperte in Puglia, uno dei primi prodotti d’importazione greco-orientale in età «orientalizzante» è un pithos ovoide a basso collo e orlo fortemente espanso11, che fungeva da cinerario in quel sepolcreto arcaico di «Tor Pisana» a Brindisi, forse riferibile ad una comunità di mercanti greci operanti nell’ambito di quel porto12. Tale vaso, seppure presente nelle Cicladi, a Thera, è comunissimo a Rodi e Gela, dove è anche impiegato nel rito funerario dell’enchytrismos, si che è lecito considerarlo d’importazione rodia13. Il nostro esemplare conteneva un gruppo di cinque ariballi protocorinzi sub-geometrici databili al 670-660 a.C.14. Notevole, nella stessa necropoli, una coeva tomba d’inumato nel cui corredo figurava una interessante pyxis cretese sub-geometrica insieme con un gruppo di ariballi protocorinzi del 660 circa a.C.15.

  • 16 Lo Porto, Ceramica arcaica dalla necropoli di Taranto, in «Ann. Sc. Arch. Atene», Ν.S. XXI-XXII, 19 (...)
  • 17 Satyrion, p. 230, fig. 47, 10.
  • 18 Vd. nota 5.

8Per quanto non direttamente collegabile con le produzioni vascolari greco-orientali, ma evidentemente compreso nella massa delle importazioni egee, non posso qui non ricordare un altro esemplare di pisside cretese (fig. 1), di forma analoga a quella di Brindisi, ma di stile orientalizzante, anch’essa databile al secondo quarto del VII secolo e proveniente dalla necropoli di Taranto, come l’interessante frammento ugualmente cretese (fig. 2), ma forse più antico delle due pyxides, e recante l’immagine di un toro unicorne brucante e il motivo del «wind-mill» tipicamente orientalizzante e cretese16. Altro frammento di vaso cretese fu da me raccolto a Satyrion, la più antica colonia laconica in Puglia17. Appare pertanto lecito chiedersi se questa relativa frequenza in Puglia, in piena età orientalizzante, di autentici prodotti vascolari provenienti da Creta non debba richiamare quegli antichi vincoli d’ordine etnico e culturale, ricordati sopra, fra la Japigia e il mondo cretese18.

  • 19 Satyrion, p. 229, fig. 46, 4.
  • 20 Ibd., p. 230, fig. 50.

9Tornando ai prodotti d’importazione greco-orientale, databili intorno alla metà del VII secolo, ricordo ancora la scoperta a Satyrion di un frammento di coppa ad uccelli (bird-bowl)19 e di una brocchetta acroma sicuramente di provenienza rodia20.

  • 21 C. Blinkenberg-K. Kinch, Lindos, I, 1931, p. 275, n. 964; CAT, p. 13.
  • 22 M. Burzachechi, Nuove epigrafi arcaiche della Magna Grecia, in «Arch. Cl.», XXV-XXVI, 1973-74, p. 7 (...)
  • 23 Cfr. Coldstream, tav. 20, a.

10A fabbriche di Rodi — come è noto — si ascrivono alcuni vasi in bucchero, generalmente di piccole dimensioni. Il Blinkenberg, a proposito di tali ritrovamenti a Lindos, osserva che questi prodotti riproducono le forme più correnti della ceramica contemporanea di altre fabbriche21. Uno degli esemplari più antichi di questo genere di ceramica importata dall’Est nell’Italia meridionale è certamente la coppa scoperta sulla collina dell’Incoronata, presso Metaponto, recentemente studiata e pubblicata dal Burzachechi22 e che sembra riprodurre formalmente la tazza protocorinzia geometrica della fine dell’VIII ο degli inizi del VII secolo a.C.23.

  • 24 CAT, pp. 191 ss.

11Nella necropoli di Taranto seguiamo con impressionante puntualità e per circa un secolo, dal secondo quarto del VII al secondo quarto del VI secolo a.C., l’esordio, lo sviluppo e la scomparsa del bucchero ionico, con le sue caratteristiche tecniche dell’impasto grigio generalmente ingubbiato e le varianti di colore brunastro, dovute spesso ad effetti di cottura, fino ai prodotti più tardi sovrappinti in bianco e rosso24.

  • 25 P. Orsi, in «Not. Scavi», 1893, pp. 470 ss.; 1895, p. 126.
  • 26 Vd. nota 21.
  • 27 CAT, p. 13, fig. 4.

12A Taranto, dunque, il più antico esempio di bucchero ionico compare nel corredo di una tomba di via Di Palma, databile al 670 circa a.C., dove accanto ad ariballi protocorinzi sub-geometrici, come in molte tombe siracusane della necropoli del Fusco25, figura appunto un aryballos ovoide in bucchero (fig. 3) che, similmente agli esemplari rodii di Lindos26, riproduce indiscutibilmente il vasetto protocorinzio27.

  • 28 Ibd., pp. 53 ss., fig. 38.
  • 29 Ibd., p. 53, note 10-13; p. 54, note 1-4.

13Più tardi, in una tomba di via Messapia del 625 circa, insieme ad ariballi del protocorinzio finale troviamo un aryballos in bucchero ionico ormai globulare e lievemente schiacciato (fig. 4), come gli analoghi ariballi paleocorinzi di forma A del Payne28. Va notato che gli esemplari più numerosi di questo tipo di vasetto in bucchero ci provengono da Rodi, e in Italia e Sicilia, da Cuma, Megara Hyblaea e Gela29.

  • 30 Ibd., pp. 61 ss., fig. 45.

14Altra forma assai comune nel bucchero ionico è quella dell’alabastron fusiforme, che compare per la prima volta a Taranto in una tomba, scoperta presso l’Arsenale insieme ad una tipica kylix ionica d’importazione di forma A 2, un balsamario corinzio a forma di leprotto accovacciato, un vasetto locale ed un aryballos paleocorinzio del 620 circa a.C. (fig. 5)30.

  • 31 Ibd., p. 91, note 3 e 4.
  • 32 Ibd., pp. 86 ss., figg. 65-69.

15Pure frequente a Taranto, a partire dall’ultimo quarto del VII secolo, come in altre necropoli della Magna Grecia e della Sicilia, dell’Etruria e dell’Oriente ellenico da cui proviene, è il lydion in bucchero, forma tipicamente ionica e, come gli alabastra, ornato spesso di scanalature orizzontali31. Un esemplare fu scoperto in via Regina Elena in un corredo funerario nel quale figurano numerosi ariballi paleocorinzi ed una interessante lekythos sferoide con ornato metopale a protomi umane e figura cavallina, richiamante prodotti vascolari d’ambiente cicladico e greco-orientale, da cui sembra provenire il vaso (fig. 6)32.

  • 33 F. G. Lo Porto, Tomba messapica di Ugento, in «Atti e Mem. Soc. Magn. Grecia», 1970-71, pp. 108 ss. (...)

16Nella necropoli arcaica di Taranto, durante la prima metà del VI secolo, il quadro delle importazioni dalla Grecia dell’Est si fa particolarmente ampio e consistente, mentre la ceramica corinzia, sovrabbondante nel primo quarantennio del secolo, cede gradualmente il posto, insieme ai coevi prodotti vascolari laconici, ai vasi attici a figure nere. Nella massa cospicua delle importazioni dall’Est è però sempre Rodi ad avere quasi il controllo, se non il monopolio del commercio delle ceramiche e di altri prodotti di artigianato artistico, fra cui si annoverano anche bronzi, come le note oinochoai, scoperte di recente in Puglia, ad Ugento, e nell’Enotria ellenizzata, ad Armento33.

  • 34 Lo Porto, Tombe arcaiche tarantine con terrecotte ioniche, in «Boll. d’Arte», 1962 (cit. av. Tombe (...)

17Fra le produzioni più pregevoli dell’industria fittile rodiota che, fors’anche per il loro contenuto in essenze e profumi orientali, sembrano predilette dal mundus muliebris tarantino, acquistano particolare rinomanza i balsamari plastici, i quali spesso si distinguono nei rispetti tecnici dell’argilla dai coevi analoghi prodotti samii. L’esame e lo studio in corso di tutti i materiali raccolti nella necropoli di Taranto, mi ha dato modo di rilevare che mentre tali unguentari, se provengono da Rodi, sono di un’argilla giallina rosata contenente pagliuzze micacee, quelli di Samos, se è veramente questa la loro patria, sono plasmati di argilla color bruno rossiccio intenso con una più ricca quantità di elementi micacei ed un più spiccato sapore orientale sul piano artistico34.

  • 35 CAT, pp. 102 ss., figg. 79-81.
  • 36 Ibd., p. 103, note 4 e ss.
  • 37 Ibd., pp. 127 ss., figg. 100-101.

18Nel corredo di una tomba tarantina, scoperta nel 1926 in contrada «Vaccarella» e comprendente vasi paleocorinzi e mesocorinzi ed una kylix ionica di forma A 2, figura un balsamario a protome di Acheloo (fig. 7), forse il migliore fra tutti gli esemplari analoghi conosciuti e sicuramente rodio35. Se ne hanno esempi nelle necropoli di Jalissos e Kamiros, a Rodi, a Selinunte, Populonia e altri luoghi dell’Etruria e dell’Italia meridionale36. L’associazione con i vasi corinzi ci consente di datare il nostro balsamario al 590-580 a.C., così come un altro esemplare con analoga testa del dio fluviale (fig. 8), fortemente permeato di ionismo ma di un tipo un po’ diverso, scoperto presso l’Arsenale di Taranto in una tomba con ceramica mesocorinzia del 580-570 a.C.37.

  • 38 Tombe arcaiche, pp. 156 ss., fig. 6.
  • 39 F. G. Lo Porto, L’attività archeologica in Puglia, in «Atti Conv. Stud. Magn. Grecia», 1968, pp. 20 (...)

19Pure di produzione rodia è il balsamario a forma di Sirena (fig. 9),’di cui un esemplare figura nel corredo di una tomba tarantina della «Vaccarella» con ceramica corinzia del 570-560 a.C.38. Tre altri esemplari di tale tipo di balsamario e di eguale datazione sono stati raccolti recentemente a Taranto in contrada «Carmine» in una tomba sottostante la muraglia del V secolo a.C.39.

  • 40 Tombe arcaiche, p. 157, fig. 7.
  • 41 Ibd., pp. 156 ss., figg. 8-9.
  • 42 CAT, pp. 174 ss., figg. 151-152.
  • 43 Tombe arcaiche, pp. 158 ss., fig. 10.
  • 44 Ibd., p. 158, nota 72.

20Ancora a Rodi va ascritto un balsamario a forma di ariete (fig. 10)40, nonché un alabastron plastico del tipo di Afrodite (fig. 11), scoperto a Taranto in contrada «Corti Vecchie» in una tomba con ceramica tardocorinzia del 570 circa a.C., un lydion di bucchero ed un amphoriskos attico41. Di provenienza samia invece è un altro esemplare di balsamario, il quale si distingue dal precedente per l’argilla rossiccia e per più spiccati accenti ionici. Fu scoperto in una tomba tarantina di via Oberdan con una kylix d’imitazione laconica ed un aryballos tardocorinzio del 570 a.C.42. Pure samio è ancora un balsamario, mutilo al bocchino, del tipo della figura virile ignuda ed inginocchiata (fig. 12), che si fa ascendere a prototipi egizi, scoperto in contrada «Santa Lucia» con due lydia ed una bottiglia «samia» cilindroide (tipo B) della stessa argilla rossiccia del balsamario43. A corpo piriforme (tipo A) è invece un altro tipo di lekythos samia, che si trova in tombe tarantine del secondo quarto inoltrato del VI secolo a.C.44.

  • 45 CAT, pp. 129 ss., fig. 102.

21La presenza dei lydia in bucchero ionico nella necropoli di Taranto continua per tutta la prima metà del secolo VI, se li ritroviamo in molti corredi, come in questo di via Di Palma del 580 circa a.C. (fig. 13)45.

  • 46 Ibd, pp. 142 ss., fig. 118.
  • 47 Ibd., pp. 161 ss., fig. 140.

22Frequenti le suppellettili funerarie con ceramica mesocorinzia e tazze ioniche di forma Β 1, come in una tomba di contrada «Vaccarella» del 580-570 a.C.46, e di forma Β 2, come nel corredo di una tomba dell’Arsenale comprendente anche una kylix mesocorinzia del «Vogelfriesmaler» ed un aryballos mesocorinzio con motivo floreale47.

  • 48 H. Payne, Necrocorinthia, 1931, pp. 269 ss.
  • 49 F. Villard-G. Vallet, Mégara Hyblaea V - Lampes du VIIe siècle et chronologie des coupes ioniennes,(...)

23È inutile dire che le datazioni emergenti dall’esame di tali corredi tombali scoperti a Taranto, mentre da un lato confermano nelle grandi linee la validità della cronologia fissata dal Payne per la ceramica corinzia48, danno ragione ai colleghi Villard e Vallet per quanto attiene alla classificazione tipologica e cronologica delle coppe ioniche49.

  • 50 CAT, pp. 190, figg. 163-164.
  • 51 P. Pelagatti, La ceramica laconica del Museo di Taranto, in «Ann. Sc. Arch. Atene», Ν.S. XVII-XVIII (...)

24Continuando la nostra rassegna, va segnalata in contrada «Lupoli», a Taranto, una tomba del 560 a.C. con ceramica tardocorinzia, una kylix ionica di forma Β 1/B 2, tazze di tipo ionico di produzione locale e forma Β 2 ed una coppa in bucchero ionico policromo, come alcuni esemplari scoperti a Delos50. Da via Giovanni Giovine proviene un’oinochoe ed una phiale mesomphalos in bucchero policromo di produzione ionica, raccolte in una tomba del 580-570 a.C. insieme a ceramica laconica e corinzia51.

  • 52 CAT, pp. 124 ss., figg. 98-99.
  • 53 Ibd, pp 186 ss., fig. 160.

25Nel corredo di una tomba del 580 circa, scoperta in via Principe Amedeo, insieme ad un amphoriskos mesocorinzio, una lekythos samia ed una tazza attica di tipo ionico, figura un calice chiota con sfinge dipinta (fig. 14)52. Di età un po’ più tarda, del 570 circa, e con decorazione più semplice è un altro esemplare di calice chiota (fig. 15), scoperto in via d’Alò Alfieri con un amphoriskos mesocorinzio, uno skyphos paleoattico ed una pisside di un tipo sicuramente prodotto a Metaponto53.

  • 54 Ibd., pp. 118 ss., figg. 94-95.
  • 55 Ibd., pp. 202 ss., figg. 180-182.

26Si ritengono comunemente di fabbrica rodia alcuni prodotti in faïence, come questo balsamario di tipo egizio (fig. 16), scoperto a Taranto in contrada «Vaccarella» accanto ad un folto gruppo di vasi mesocorinzi del 580 circa a.C.54. Da altra tomba rinvenuta nella stessa località proviene una statuetta di auleta similmente in faïence (fig. 17), raccolta con altri prodotti ionici e corinzi della metà circa del VI secolo a.C.55.

  • 56 R. A. Higgins, Catalogue of the Terracottas in the British Museum, II, 1959, pp. 7 ss,
  • 57 CAT, pp. 130 ss., fig. 103.
  • 58 Tombe arcaiche, pp. 153 ss., fig. 1.
  • 59 Ibd., pp. 154 ss., fig. 2.

27Ritornando ai balsamari plastici di probabile produzione rodia, non posso qui non ricordare un cospicuo gruppo di tali fittili del genere trattato a vernice nera lucida56, anch’essi presenti nella necropoli di Taranto. Un esemplare a forma di anatroccolo (fig. 18), fu rinvenuto nel 1952 in una tomba con un unguentario a forma di leprotto, ma corinzio, del 580 circa a.C.57; un altro a forma di protome equina (fig. 19) fu raccolto con ceramica tardocorinzia ed un amphoriskos attico in una sepoltura del 570 circa58; un altro ancora, a forma di piede calzato di ϰρηπίς con ornamento di palmetta dipinta sull’ansa (fig. 20), era associato nel corredo di una tomba di via Crispi a due aryballoi in faïence ed una tazza attica di Siana della maniera del «Griffin-bird Painter» e databile alla metà circa del VI secolo a.C.59.

28Con la serie cospicua dei balsamari antropomorfi, generalmente acromi, raggiungiamo e forse oltrepassiamo il 550 circa a.C.

  • 60 Ibd., pp. 158 ss., fig. 13.

29Sicuramente di Samos è un pregevole esemplare di argilla rossiccia, purtroppo mutilo alla base, raffigurante Afrodite con la colomba (fig. 21), che è la più «ionica» della serie a giudicare dai dettagli del volto con gli occhi a mandorla ed obliqui, il corpo sinuoso ed il ricco panneggio. Fu scoperto insieme con ceramica tardocorinzia I in una tomba tarentina di contrada «Corti Vecchie»60.

  • 61 Ibd., pp. 159 ss., figg. 14-19.
  • 62 CAT, pp. 223 ss., fig. 198.

30A Rodi invece ci riporta un altro gruppo di balsamari analoghi, ma — come si è detto — di argilla più chiara, di cui un esempio ritroviamo nel corredo di una tomba scoperta a Taranto in via Dante ed in cui figurano con ceramica tardocorinzia, una tazza attica di tipo ionico ed un lydion ormai di forma evoluta, una statuetta virile di fabbrica rodia e due balsamari samii a forma di figura in ginocchio e a testa leonina (fig. 22)61. La tomba va datata alla metà circa del VI secolo, come un’altra di contrada «Vaccarella», dove insieme con uno skyphos tardocorinzio a vernice nera fu raccolta un’interessante lekythos con uccelli acquatici dipinti che ci riportano allo stile rodio della ceramica di Fikellura (fig. 23)62.

  • 63 Tombe arcaiche, pp. 165 ss., figg. 21-26.
  • 64 Ibd., p. 167, nota 176.

31Da contrada «S. Lucia», a Taranto, proviene un corredo tombale della metà circa del VI secolo, fra cui particolare interesse desta una figuretta di argilla color arancione e di probabile provenienza rodia, raffigurante una divinità nana e panciuta, che non è Bes, ma — secondo Blinkenberg — una derivazione egiziana da Phtah-Sokar-Osiris (fig. 24)63. Si ricordi che Erodoto (III, 37) ci narra che i Fenici usavano collocare sulle loro navi immagini di divinità in forma di nani, detti Pataikoi, i quali erano considerati geni buoni e protettori della vita domestica. La nostra statuetta richiama certamente uno di questi esseri creati dalle credenze popolari elleniche, identificabili a Rodi nei Telchines della tradizione letteraria64.

  • 65 G. Vallet, Rhégion et Zancle, 1958, pp. 160 ss.

32Con questa immagine benigna di demone protettore, che ci riporta ancora in ambiente rodio, chiudiamo la rassegna delle importazioni greco-orientali in Puglia, e concludendo, possiamo affermare che intorno alla metà del VI secolo a.C. si avverte soprattutto a Taranto, ma anche in altri luoghi del mondo ellenico occidentale, una sensibile diminuzione delle importazioni dalla Grecia dell’Est, in cui — come abbiamo detto — Rodi per oltre un secolo ha avuto una parte di primo piano nella produzione e diffusione di tali mercanzie, non escludendo naturalmente l’intervento milesio, samio e per ultimo focese, come ha sostenuto l’amico Vallet65.

  • 66 E. Langlotz-M. Hirmer, L’arte delta Magna Grecia, 1968, pp. 16 ss.

33È ora Atene, con la sua vasta produzione vascolare ad avere il sopravvento nei mercati d’Italia e di Sicilia anche nelle colonie ioniche e rodie. Ed è interessante osservare che gradualmente scompaiono, nel terzo quarto del VI secolo, quelle produzioni locali d’imitazione, come le famigerate tazze «ioniche», quasi che contribuisse al loro superamento la mancanza degli originali d’importazione. Rimane pero vitale a Taranto, come altrove nel mondo coloniale, l’apporto della cultura ionica alla formazione di uno stile artistico italiota nell’ultimo quarto del VI secolo a.C.66.

Notes

1 W. Taylour, Mycenean Pottery in Italy, 1958, pp. 81 ss.; F. G. Lo Porto, Leporano (Taranto) — La stazione protostorica di Porto Perone, in «Not. Scavi», 1963, pp. 377 ss.; Idem, Origini e sviluppo della civiltà del Bronzo nella regione apulo-materana, in «Atti X Riun. Scient. dell’Istit. Ital. di Preist. e Protost.», 1965, pp. 161 ss.; Idem, Italici e micenei alla luce delle scoperte archeologiche pugliesi, in «Atti e Mem. del I Congr. Intern. di Micenologia», 1967, pp. 1186 ss.

2 J. Bérard, La colonisation grecque de l’Italie méridionale et de la Sicile dans l’antiquité, 1941, pp. 72 ss.; Idem, La Magna Grecia, 1963, pp. 66 ss.

3 Steph. Byz., S.V. Έλπία.

4 J. Bérard, ll. cc.

5 F. G. Lo Porto, L’attività archeologica in Puglia, in «Atti XI Conv. Stud. Magna Grecia», 1971, pp. 480 ss. (ivi bibl.).

6 F. G. Lo Porto, Satyrion (Tarante) — Scavi e ricerche nel luogo del più antico insediamento laconico in Puglia, in «Not. Scavi», 1964 (cit. av. Satyrion), p. 221, fig. 42.

7 Ibd., pp. 277 ss.

8 P. Zancani Montuoro, Francavilla Marittima - Necropoli di Macchiabate, in «Atti e Mem. Soc. Magn. Grecia», 1970-71, pp. 9 ss.

9 G. Vallet, Rhégion et Zancle, 1958, pp. 180 ss.; J. N. Coldstream, Greek Geometric Pottery, 1968, p. 389 (ivi bibl.).

10 F. G. Lo Porto, Ceramica dalla necropoli arcaica di «Tor Pisana» a Brindisi, in «Atti e Mem. Soc. Magn. Grecia», 1964 (cit. av. Tor Pisana), pp. 126 ss.; Idem, Topografia antica di Taranto, in «Atti X Conv. Stud. Magn. Grecia», 1970, pp. 350 ss.

11 Tor Pisana, p. 117, tav. XXVI, a.

12 Ibd., p. 126. Pubblicando i materiali della necropoli brindisina, avevo ventilato la suggestiva possibilità che si traitasse di Tarantini, richiamandomi alla tradizione scritta, la quale narra che Phalantos, l’ecista di Taranto, esiliato dai suoi concittadini, si rifugiò a Brindisi, dove morì.

13 Ibd., p. 118, note 25, 26 e 27.

14 Ibd., pp. 118 ss., tav. XXVI.

15 Ibd., pp. 125 ss„ tav. XXV, a, b.

16 Lo Porto, Ceramica arcaica dalla necropoli di Taranto, in «Ann. Sc. Arch. Atene», Ν.S. XXI-XXII, 1959-60 (cit. av. CAT), pp. 32 ss., figg. 23-25.

17 Satyrion, p. 230, fig. 47, 10.

18 Vd. nota 5.

19 Satyrion, p. 229, fig. 46, 4.

20 Ibd., p. 230, fig. 50.

21 C. Blinkenberg-K. Kinch, Lindos, I, 1931, p. 275, n. 964; CAT, p. 13.

22 M. Burzachechi, Nuove epigrafi arcaiche della Magna Grecia, in «Arch. Cl.», XXV-XXVI, 1973-74, p. 75, tav. XVIII.

23 Cfr. Coldstream, tav. 20, a.

24 CAT, pp. 191 ss.

25 P. Orsi, in «Not. Scavi», 1893, pp. 470 ss.; 1895, p. 126.

26 Vd. nota 21.

27 CAT, p. 13, fig. 4.

28 Ibd., pp. 53 ss., fig. 38.

29 Ibd., p. 53, note 10-13; p. 54, note 1-4.

30 Ibd., pp. 61 ss., fig. 45.

31 Ibd., p. 91, note 3 e 4.

32 Ibd., pp. 86 ss., figg. 65-69.

33 F. G. Lo Porto, Tomba messapica di Ugento, in «Atti e Mem. Soc. Magn. Grecia», 1970-71, pp. 108 ss., tav. XLV; D. Adamesteanu, ibd., p. 86, tav. XXXV.

34 Lo Porto, Tombe arcaiche tarantine con terrecotte ioniche, in «Boll. d’Arte», 1962 (cit. av. Tombe arcaiche), pp. 153 ss.

35 CAT, pp. 102 ss., figg. 79-81.

36 Ibd., p. 103, note 4 e ss.

37 Ibd., pp. 127 ss., figg. 100-101.

38 Tombe arcaiche, pp. 156 ss., fig. 6.

39 F. G. Lo Porto, L’attività archeologica in Puglia, in «Atti Conv. Stud. Magn. Grecia», 1968, pp. 200 ss.

40 Tombe arcaiche, p. 157, fig. 7.

41 Ibd., pp. 156 ss., figg. 8-9.

42 CAT, pp. 174 ss., figg. 151-152.

43 Tombe arcaiche, pp. 158 ss., fig. 10.

44 Ibd., p. 158, nota 72.

45 CAT, pp. 129 ss., fig. 102.

46 Ibd, pp. 142 ss., fig. 118.

47 Ibd., pp. 161 ss., fig. 140.

48 H. Payne, Necrocorinthia, 1931, pp. 269 ss.

49 F. Villard-G. Vallet, Mégara Hyblaea V - Lampes du VIIe siècle et chronologie des coupes ioniennes, in «Mél. d’Arch. et d’Hist.», 1955, pp. 14 ss.

50 CAT, pp. 190, figg. 163-164.

51 P. Pelagatti, La ceramica laconica del Museo di Taranto, in «Ann. Sc. Arch. Atene», Ν.S. XVII-XVIII, 1955-56, p. 15, fig. 8; CAT, p. 192, fig. 165.

52 CAT, pp. 124 ss., figg. 98-99.

53 Ibd, pp 186 ss., fig. 160.

54 Ibd., pp. 118 ss., figg. 94-95.

55 Ibd., pp. 202 ss., figg. 180-182.

56 R. A. Higgins, Catalogue of the Terracottas in the British Museum, II, 1959, pp. 7 ss,

57 CAT, pp. 130 ss., fig. 103.

58 Tombe arcaiche, pp. 153 ss., fig. 1.

59 Ibd., pp. 154 ss., fig. 2.

60 Ibd., pp. 158 ss., fig. 13.

61 Ibd., pp. 159 ss., figg. 14-19.

62 CAT, pp. 223 ss., fig. 198.

63 Tombe arcaiche, pp. 165 ss., figg. 21-26.

64 Ibd., p. 167, nota 176.

65 G. Vallet, Rhégion et Zancle, 1958, pp. 160 ss.

66 E. Langlotz-M. Hirmer, L’arte delta Magna Grecia, 1968, pp. 16 ss.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1978

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search