Version classiqueVersion mobile

Il commercio greco arcaico

 | 
Alfonso Mele

Capitolo IX. Articolazioni e sviluppo della prexis

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Abbiamo già notato come il commercio prexis abbia un suo sviluppo nel senso di un᾽ispessimento del rapporto πρῆξις -commercio e parallelamente di un intervento di forze economiche e sociali diverse dall᾽aristocrazia. Su questi sviluppi occorre trattenersi ora più dettagliatamente.

Una prima caratteristica di questi sviluppi è l᾽insorgere di articolazioni verticali nell᾽organizzazione di tale commercio: la realtà cioè di aristocratici che riservano a sé il compito di alimentare il commercio, ma non vi partecipano direttamente. Achille p.e. non vende direttamentee i propri schiavi, ma ne affida il compito al suo ϑεράπων Patroclo1. Così ancora i Proci minacciano di far vendere in Sicilia uno schiavo2. In maniera ancor più netta Euneo, signore di Lemno, il cui rapporto privilegiato colla flotta e le navi è esaltato dal nome stesso che porta, invia le proprie navi col vino a Troia3.

Una pratica del genere è testimoniata per l᾽aristocrazia ateniese da un luogo di Isocrate su cui B. Bravo ha...

© Publications du Centre Jean Bérard, 1979

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search