Version classiqueVersion mobile

LʼOccident grec de Marseille à Mégara Hyblaea

 | 
Sophie Bouffier
, 
Antoine Hermary

Megara Hyblaea et la Sicile

Himera. Casa VI 5: un tentativo di analisi funzionale

Oscar Belvedere

Résumé

L’auteur propose l’analyse fonctionnelle d’une maison fouillée en 1972 sur le plateau de la cité grecque d’Himère (Sicile) tout en soulignant la difficulté à réinterpréter une fouille ancienne. Observant qu’à Himère, il n’existe pas de maison-type, il part de la description de la maison VI 5 (structures bâties et mobilier) pour en proposer une lecture sociologique et économique de l’utilisation domestique. Demeure parmi les plus vastes de la ville du Ve s. av. J.-C., elle est composée de trois parties (l’une consacrée à l’activité de stockage, une aile publique et une aile privée) qui témoignent de sa connaissance des schémas domestiques connus en Grèce métropolitaine, notamment à Athènes, et de sa parfaite intégration dans les canons culturels grecs.

Texte intégral

  • 1 Belvedere, Epifanio 1976.
  • 2 Belvedere, Epifanio 1976, pp. 247-251.
  • 3 Ricordiamo tra i principali, oltre gli scavi di Himera, quelli di Naxos e di Camarina.
  • 4 Belvedere 1976, pp. 577-594.
  • 5 Belvedere 1976, pp. 582, 593-594.
  • 6 Belvedere 1976, p. 586; Belvedere 1998, p. 129. Da qui il rifiuto di etichettare con nomi greci i d (...)

1L’Isolato III dell’abitato di Himera fu scavato nel 1972 da Elena Epifanio e da me (fig. 1)1. Riprendere dopo quaranta anni lo studio dell’abitazione 5 della zona VI non è facile 2, soprattutto riprenderlo con una ottica – l’analisi funzionale – molto diversa da quella con cui venne effettuato lo scavo. Gli anni ’70 furono in Sicilia anni di grande interesse da parte degli archeologi per le colonie greche3, ma questo interesse era rivolto soprattutto all’urbanistica e, nel campo della cultura abitativa, alla planimetria e alla tipologia architettonica delle case, da cui, come allora era usuale, si riteneva di potere in gran parte ricavare indicazioni di tipo funzionale. Il modello era il celebre scavo di Olinto, magistralmente pubblicato da Robinson, Graham e Mylonas tra il 1938 e il 1954. L’opinione degli scavatori di Olinto che nella città calcidica fosse individuabile una casa-tipo, che si ripeteva uguale per dimensioni e distribuzione degli spazi, se non in tutta, in buona parte della città, spingeva noi che indagavamo estesamente un’altra colonia greca a scavare alla ricerca di tipologie architettoniche e poi a studiare i risultati dello scavo in quest’ottica. In realtà ci accorgemmo ben presto che il nostro approccio non funzionava del tutto e, infatti, nel commento conclusivo sull’abitato4, pur intitolato “Tipologia e sviluppo delle abitazioni”, si giungeva alla conclusione che ad Himera non vi era una casa-tipo5 e si riteneva anche probabile che i diversi vani delle case non avessero avuto una funzione esclusiva nell’arco della loro vita6.

Fig. 1. Himera. Veduta aerea degli isolati I-III.

Fig. 1. Himera. Veduta aerea degli isolati I-III.

La situazione stratigrafica

  • 7 Cioè, dalla building perspective alla dwelling perspective di Ingold 1995. L’esame più recente dell (...)
  • 8 Sui problemi relativi alla edizione di scavi condotti alcuni decenni fa, si vedano soprattutto Ault (...)
  • 9 Come si va sempre più affermando negli ultimi anni, si veda per esempio lo scavo di Nea Halos, Haag (...)
  • 10 Per una analisi dei diversi contesti, Haagsma 2010, pp. 122-123, con ulteriore bibliografia.
  • 11 Il riesame dei reperti è stato condotto, per la sua tesi di laurea, da V. Vassallo, cui si devono a (...)

2Passare da un approccio architettonico-tipologico a un approccio funzionale7dopo tanti anni non è facile8, in primo luogo perché l’analisi funzionale presuppone una metodologia di scavo molto diversa e mirata a questo obiettivo9, che riporti esattamente la posizione relativa di i rapporti spaziali tra i reperti ci permettono di comprendere le relazioni funzionali tra gli stessi – e che distingua attentamente già nel corso dello scavo tra contesti di uso e contesti di deposizione10, sia sincronici, sia diacronici. Tutto ciò, naturalmente, è assente nella documentazione dello scavo di Himera, perché, come si è detto, altri erano gli scopi che ci prefiggevamo. Tuttavia, a differenza che in altri scavi, i reperti sono stati raccolti esaustivamente e conservati accuratamente distinti per battute stratigrafiche, per cui è possibile ancora riesaminare le cassette che li contengono, con la certezza che in esse sono ancora presenti i frammenti di tutti gli oggetti rinvenuti durante lo scavo. È evidente che ciò non risolve il problema, tuttavia ci permette ancora oggi di riesaminare i contesti archeologici abitazione per abitazione, vano per vano, e impostare, per la casa VI 5 e in futuro per altre case imeresi, questo tentativo di analisi funzionale11.

  • 12 Si è comunque deciso di esaminare anche i reperti di questi vani, pur in mancanza di evidenti assoc (...)
  • 13 Haagsma 2010, pp. 32-34, 119; Cahill 2002, p. 62.
  • 14 Per un problema simile, Fiedler 2005, p. 106.
  • 15 Il trubo è una marna calcarea di colore biancastro che si presta, mescolata con argilla, ad essere (...)
  • 16 In ogni caso, tuttavia, il livello pavimentale certo o presunto (testimoniato dalle tracce di trubo (...)
  • 17 Per il carattere diacronico dei contesti domestici, Ault 2005a, p. 11. Naturalmente il fattore di r (...)

3I reperti presi in considerazione sono, come è ovvio, quelli dello strato di distruzione dei diversi ambienti dell’edificio. Dal punto di vista stratigrafico questo significa che, al di sotto dello strato di humus superficiale, che ricopriva l’abitazione con uno spessore che va da cm 10 a cm 30/40, come è usuale sul Piano di Imera, i reperti che ci interessano sono quelli che stanno tra il crollo dei tetti e il piano pavimentale. In realtà un esteso crollo di tegole si è rinvenuto in un solo vano, l’ambiente 36 ; solo piccoli crolli si sono scoperti negli altri vani, in particolare in 33 e in 30. È evidente, pertanto, che l’azione degli aratri ha asportato i resti delle coperture in gran parte della area e che quindi anche lo strato di distruzione può essere in parte interessato da disturbo. Tutto ciò è evidente nella parte occidentale della casa (vani 40-44), dove l’interramento era minimo e non si è rinvenuta traccia né di crolli, né dei battuti pavimentali12. Ma non è questo il solo problema. È ben nota la difficoltà di rintracciare i piani pavimentali nelle abitazioni di età classica, quando siano costituiti da semplici battuti di terra 13. La tecnica di scavo adoperata, per tagli di 5-10 cm, inoltre, non ha agevolato sempre il riconoscimento dei livelli pavimentali, che del resto, come è usuale, non apparivano conservati allo stesso modo anche all’interno di ogni singolo vano. Non possiamo quindi escludere 14, che in presenza di livelli pavimentali dello spessore di soli 4/5 cm di trubo pressato15, siano stati raccolti come pertinenti allo strato di distruzione anche reperti che in realtà facevano parte degli strati di uso del vano, residuo dello scarico sul posto di oggetti ormai non più utilizzati o rotti16. Possiamo, tuttavia, affermare con certezza che il complesso dei rinvenimenti ci documenta la funzione (o le funzioni) di ciascun vano negli ultimi 30/40 anni di vita dell’abitazione, poiché, a parte qualche reperto residuale, la maggioranza degli oggetti rinvenuti è databile nella seconda metà del V sec. a.C., cioè tra il 450/440 e il 408 a.C., anno della distruzione della colonia da parte dei Cartaginesi17.

Descrizione della casa

  • 18 Con una fronte sulla strada 2 di m 30,01 e una larghezza di m 15,45 ricopre un’area di 464 m2. I va (...)
  • 19 Con l’eccezione del tratto corrispondente al vano 44, in grandi blocchi poligonali.
  • 20 Nevett 2009 ; Haagsma 2010, p. 117.

4La casa di cui ci occupiamo (fig. 2) è tra le più grandi dimore rinvenute ad Himera18. Essa copre lo spazio di due oikopeda, anche se la sua ampiezza non è probabilmente quella originaria, ma è frutto dell’unione di due abitazioni in origine distinte. In questa occasione fu in gran parte rifatto19 il muro esterno sulla strada 2, condotto unitariamente per tutta la fronte, in blocchetti ben squadrati in faccia vista, disposti in filari della stessa altezza (fig. 3). Possiamo quindi immaginare che la fronte di questa casa si distinguesse nettamente dalle altre dello stesso isolato, anche da un punto di vista estetico. Se questo fatto, unito all’ampiezza inusuale, possa considerarsi testimonianza di un rango sociale più elevato e di una maggiore disponibilità economica del proprietario, è oggetto di dibattito20, su cui torneremo più avanti, anche se a nostro parere da sole le due caratteristiche non sono sufficienti a trarre questa deduzione. Certamente la facciata denota chiaramente l’intenzione di distinguersi dalle altre famiglie che abitavano lo stesso isolato.

Fig. 2. Planimetria dell’abitazione VI 5.

Fig. 2. Planimetria dell’abitazione VI 5.

Fig. 3. Muro di facciata dell’abitazione sulla strada 2 in blocchetti squadrati.

Fig. 3. Muro di facciata dell’abitazione sulla strada 2 in blocchetti squadrati.
  • 21 La pavimentazione di 35 è eseguita con ciottoli di dimensione maggiore e più strettamente connessi (...)

5I due cortili originari furono unificati in uno solo (35/39), forse connettendo le due pavimentazioni a ciottoli in precedenza esistenti, anche se non vi è chiara prova di ciò21. Il cortile costituisce il fulcro del corpo centrale della casa (fig. 4), cui si affiancano a Est un gruppo di tre vani (28-30), disposti in successione, e a Ovest un’altra sezione coperta, che raggruppa cinque vani (40-44), di cui uno (40) dà accesso ad altri tre retrostanti (42-44).

Fig. 4. Veduta del cortile (35/39). In primo piano il vano 37 e sullo sfondo il complesso dei vani 28-30.

Fig. 4. Veduta del cortile (35/39). In primo piano il vano 37 e sullo sfondo il complesso dei vani 28-30.
  • 22 Eisodos, piuttosto che prothyron, come era stato definito da noi. Per il termine, Hellmann 1994, p. (...)
  • 23 Nevett 1999, p. 123. Non è pertanto esatto che tale planimetria non sia attestata in Occidente prim (...)
  • 24 Usuale a Himera, Belvedere 1976, p. 582.

6Probabilmente al momento dell’unificazione delle due case fu creato un corridoio di accesso, ricavato nell’ambiente 3622. Accanto, sempre sul lato nord, si trova un altro vano (33). Sul lato meridionale sono collocati altri due vani, uno (37) già pertinente alla casa occidentale, mentre l’altro (38) fu ricavato in un secondo tempo nell’area del cortile, costruendo un muro direttamente poggiato sull’acciottolato, che costituì anche il pavimento del nuovo vano. In tal modo si ottenne una pianta a cortile centrale, con unico ingresso23, mentre in origine almeno la casa occidentale presentava una planimetria con cortile spostato a Meridione, adiacente all’ambitus mediano dell’isolato24.

Metodologia dell’indagine

  • 25 Su questo problema, Nevett 1999, p. 50.
  • 26 Per la funzionalità delle ceramiche ci si è riferiti principalmente a Bats 1999 e a Gassner 2003, p (...)
  • 27 Per esempio, Nevett 1999, pp. 41-50.

7Per individuare e analizzare le attività che avevano luogo in ciascuno dei vani della casa, si sono presi in considerazione tutti i reperti. Per quanto riguarda la ceramica, essa è stata divisa nelle cinque usuali categorie (mensa, conservazione, preparazione, cottura, vasi da toeletta), pur essendo consapevoli che queste categorie non esauriscono dal punto di vista funzionale l’utilizzazione che si faceva delle ceramiche, e che quindi non è da escludere sia una molteplicità di uso delle diverse forme vasco lari, sia una loro rifunzionalizzazione rispetto ai modelli della Madre Patria25. All’interno delle categorie funzionali, si è adoperata una distinzione di tipo qualitativo, distinguendo la produzione acroma da quella decorata a bande e da quella a vernice nera. Non sfugge nemmeno a noi la grossolanità di queste distinzioni e l’insufficienza delle nostre categorie interpretative degli oggetti26, nonostante gli sforzi fatti dagli studiosi, anche utilizzando le rappresentazioni vascolari a figure nere e a figure rosse27, per comprendere le funzioni delle varie forme ceramiche. Tuttavia, dall’analisi statistica della presenza di categorie e forme ceramiche e dall’eventuale associazione tra vasi di diversa destinazione con altri oggetti, cercheremo di comprendere il significato dei contesti archeologici e quindi le attività che venivano svolte in ciascun vano, analizzando anche la possibilità che uno spazio fosse destinato a una molteplicità di usi e che quindi diverse attività fossero associate contemporaneamente o con una diversificazione temporale in uno stesso ambiente.

8Si è proceduto quindi a elaborare due tipi di informazioni statistiche, creando delle tabelle. Il primo tipo di informazione riguarda, per ogni vano della casa, il peso relativo di ciascuna categoria ceramica (funzionale e qualitativa) in rapporto al peso totale delle ceramiche rinvenute in quel vano. Si sono così ottenute due serie di istogrammi, l’una mostra vano per vano le percentuali in peso di ciascuna categoria ceramica ; l’altra invece mostra (sempre in percentuale del peso sul totale) la distribuzione di ciascuna categoria (funzionale e qualitativa) in tutti i vani.

  • 28 Nella fig. 5 presentiamo solo un piccolo esempio di queste elaborazioni statistiche, che sono numer (...)
  • 29 Tutto questo imponente lavoro statistico è frutto dell’impegno di V. Vassallo, ad eccezione dei gra (...)

9Si è proceduto, quindi, vano per vano, a redigere un catalogo di tutti i rinvenimenti, comprendente, oltre alle ceramiche, gli oggetti di terracotta diversi dai vasi (quali arule, louteria, pesi da telaio ecc.), gli oggetti in pietra, come le macine, gli oggetti metallici e le monete. Dal catalogo delle ceramiche si è estrapolato il numero minimo di vasi (MNV) per ogni vano, sulla base del conteggio di orli e fondi o piedi, prendendo in considerazione il numero maggiore tra orli e fondi/piedi. In conformità a questi dati sono stati creati dei grafici a torta, che mostrano per ciascuna categoria ceramica (funzionale e qualitativa) le percentuali del MNV di vasi presenti, vano per vano (fig. 5)28. Infine, sono state create delle tabelle di distribuzione, vano per vano, di tutte le forme vascolari, distinte per categoria ceramica e per forma29. Da questi diagrammi statistici e da queste tabelle è in gran parte dipesa l’analisi delle attività condotte in ogni ambiente della casa di cui ci occupiamo.

Fig. 5. MNV in percentuale per categorie ceramiche e per vano.

Fig. 5. MNV in percentuale per categorie ceramiche e per vano.

10È stato, tuttavia, commesso l’errore di non separare i grandi contenitori da derrate (anfore, pithoi, lekanai ecc.) dal resto della ceramica da conservazione. Essendo questi contenitori di grandi dimensioni e di peso notevole, il dato percentuale in peso sovrastima la presenza della ceramica da conservazione in ogni vano. Tale dato, tuttavia, può essere corretto tramite l’analisi del MNV.

Analisi degli spazi architettonici

  • 30 Sanders 1990, pp. 58-63.
  • 31 Nevett 1999, pp. 177-178.

11Per esaminare gli spazi architettonici ci serviremo di alcuni semplici metodi di analisi spaziale, come le aree di attività e i coni di visibilità30, e i valori di apertura e di inaccessibilità di ciascun vano31. La casa presenta quindici vani, compreso il cortile, disposti attorno ad esso. Sette di essi sono accessibili dallo spazio centrale scoperto, agli altri sette si accede tramite uno o più vani intermedi. È evidente quindi che il valore di apertura di un vano riflette anche la possibilità di usi dello spazio diversi, legati sia al genere di attività collocato (o collocabile) in ciascun ambiente, secondo la sua posizione, sia ai rapporti interpersonali degli abitanti della casa, tra di loro, o con gli estranei. Uno sguardo alla tabella dei valori di apertura e inaccessibilità (fig. 6) ci permette di comprendere che, come è ovvio, il cortile (35/39) è lo spazio più aperto della casa, seguito dai vani a Nord di esso (33 e 36, in parte anche 41). La sezione occidentale dell’abitazione è abbastanza riparata, a parte il grande ambiente 40, che protegge significativamente i vani retrostanti (42-44). La parte meno accessibile della casa è la sua sezione orientale (28-30), sebbene per i motivi di cui diremo, dovrebbe essere la parte “pubblica” dell’edificio.

Fig. 6. Valori di apertura e di inaccessibilità per vano.

Vano

Valore inacc.

Valore apertura

28

3

2

29

4

2

30

5

1

33

1

2

36

1

3

35/39

1

5

37

2

1

38

2

1

40

2

4

41

2-4

2

42

3

1

43

3

1

44

3

1

Tabella dei valori di accessibilitaʼ

12L’esame dei coni di visibilità (fig. 7) conferma naturalmente quanto abbiamo osservato : chi si affaccia sulla soglia del cortile ha un’ampia visibilità dello stesso e del vano 36. Anche dalla soglia di 33 è possibile osservare l’intero vano. Dalla soglia di 40 si ha ampia visione di questo ambiente, ma la visibi lità di 42-44, retrostanti, è ridotta, in accordo al loro alto valore di inaccessibilità. Il complesso 28-30 è la parte meno visibile dell’abitazione : affacciandosi sulla soglia di 28 è possibile vedere, tra l’altro non interamente, solo l’interno dello stesso vano, ma non si vede nulla né di 29, né tantomeno di 30. Quest’ultimo ha ingresso decentrato, per cui il suo interno è visibile solo affacciandosi sulla sua soglia (infatti, questo vano ha il valore di inaccessibilità più alto di tutta la casa e il valore di apertura più basso).

Fig. 7. Coni di visibilità e aree di attività all’interno dell’abitazione.

Fig. 7. Coni di visibilità e aree di attività all’interno dell’abitazione.
  • 32 Poco diffuse sono ad Himera le soglie architettonicamente rilevanti : non vi sono soglie monolitich (...)

13Non sembra che l’abitazione avesse un piano superiore, della cui esistenza a Himera è possibile avanzare l’ipotesi32 solo in alcuni casi : non si è rinvenuta alcuna traccia della base di una scala ; l’ampiezza totale dell’edificio e soprattutto la divisione dello spazio in zone ben distinte ci rende certi che un piano superiore non era necessario.

14Infine dobbiamo osservare che, sebbene il corridoio di ingresso permetta di vedere l’interno della casa dalla strada, qualsiasi reale visione dell’interno è impedita da muro nord del cortile. Le soglie più vicine all’ingresso (quelle di 33, 36 e 35/39) sono disposte o lateralmente (le prime due) o sfalsate (la terza). Non ci sembra quindi casuale che l’ingresso sia stato collocato in questa posizione, piuttosto che, per esempio, in corrispondenza dell’apertura tra il vano 36 e il cortile. È evidente che, sebbene sia chiara la volontà di dare all’abitazione (a differenza che nella maggior parte delle case imeresi) uno spazio di ingresso dedicato, si è volutamente impedito che esso permettesse di violare la privatezza degli abitanti (fig. 8).

Fig. 8. Ricostruzione esemplificativa in 3D della casa e visibilità dalla strada verso l’interno.

Fig. 8. Ricostruzione esemplificativa in 3D della casa e visibilità dalla strada verso l’interno.
  • 33 Sanders 1990, p. 59.
  • 34 Altri possibili segnali di limite, come quelli individuati da Sanders 1990, p. 65, non sono più per (...)
  • 35 Sanders 1990, p. 59, individua in queste dimensioni lo spazio necessario per condurre una attività (...)

15Assumono così particolare importanza la soglia del cortile, la soglia di 40 e quella di 28. Sebbene nessuna di esse sia particolarmente sottolineata dal punto di vista architettonico33, non c’è dubbio che esse costituiscano dei limiti ben marcati, che segnano un cambiamento altrettanto forte della destinazione dello spazio34. Infatti, solo avanzando fino alla prima si ha ampia percezione dello spazio interiore ; dalle altre due è, invece, impedita la visione delle stanze interne35.

  • 36 Sanders 1990, p. 59.

16Se analizziamo i vani utilizzando la zona di attività con diametro di m 2,7036, appare evidente che, a parte il cortile, i vani più visibili (33, 36, 40) sono quelli in cui era in teoria possibile svolgere più di una attività (fig. 7). Ciò li connota come vani “accessibili” a più persone, anche contemporaneamente. Una sola attività è invece possibile attuare in 28-29 e 43, cosa che li connota come vani potenzialmente “dedicati”. Lo stesso vale per 32, che planimetricamente, ma non solo, va considerato una appendice del cortile. Nessuna attività che comporti l’uso di strumenti è possibile in 36, 38 e 42, e ciò ne accentua il carattere di vani di “servizio”.

17Le zone interpersonali di m 0,9037 sono ampiamente rispettate in tutti i vani, per cui in ciascuno di essi potevano muoversi, agire e svolgere delle occupazioni almeno tre persone, senza interferire tra di loro.

Analisi funzionale degli spazi interni

  • 37 I limiti dell’analisi, dovuti al fatto che spesso non vengono scavati contesti di uso, ma di deposi (...)

18A questo punto, per capirne di più, è il momento di dedicarsi all’analisi funzionale degli spazi interni37.

19Dall’ingresso, attraverso due aperture laterali, poste alla sua estremità più interna, era possibile accedere ai vani 33 e 36 e al cortile. Nella parte meridionale dell’ambiente 36 sono stati rinvenuti i resti di un’area pavimentata a ciottoli, che indica la necessità di avere una zona pavimentale impermeabile all’interno del vano.

  • 38 Associazione unica in tutta la casa. Cf. Ault 2005a, p. 51 nota 142.
  • 39 Jameson 1990, p. 105.
  • 40 Ai vasi a vernice nera vanno aggiunti altri trenta esemplari a bande. Da notare fra la ceramica da (...)
  • 41 Questa ipotesi sembrerebbe confermata anche dalla prevalenza di vasi decorati su quelli acromi (30+ (...)
  • 42 Su un totale complessivo di 54 per tutta la casa.

20Non sono stati ritrovati, comunque, louteria o altri apparecchi sanitari, per cui non è probabile che l’area fosse utilizzata per l’igiene personale. Un’arula, una lucerna e tre vasi miniaturistici38 sono stati invece rinvenuti in gruppo nell’angolo SO, per cui è plausibile costituiscano un insieme funzionale, che potrebbe essere interpretato come evidenza di un culto domestico, che spesso consisteva nella semplice offerta di cibo sull’arula e nel versare una piccola quantità di vino sul pavimento39, per cui si può ipotizzare che questa sia stata la funzione dell’area pavimentata a ciottoli. La ceramica da conservazione è ben presente per numero (dieci esemplari, di cui sei anfore, un pithos, tre stamnoi) e in percentuale (11,36 %) ; la percentuale di quella da preparazione non è molto significativa (6,10 %), mentre maggiore (10,12 %) è la presenza di ceramica da mensa, con un valore significativamente elevato per quella a vernice nera (17,63 %), il valore più elevato di tutta la casa, con ben 52 vasi, di cui 41 per bere, tra kylikes, coppe, coppette apode, ma soprattutto coppette (17) e skyphoi (14), oltre a cin que brocche, due brocchette, un cratere e una lekanis40. Questi dati fanno pensare che il vano fosse utilizzato abitualmente per il consumo dei pasti, occasione in cui era anche usuale compiere piccoli atti di culto domestico41. A questo uso è probabile servissero anche le anfore e gli stamnoi, che potevano contenere i liquidi (acqua e vino) necessari durante il pasto, da mescolare nel cratere. Il rinvenimento di tre lucerne42, infine, fa pensare che il vano fosse adoperato anche per la cena.

21Ma questa funzione non va intesa come esclusiva, come prova il rinvenimento di un pithos e quelli di una lekane e di un altro recipiente di medie/grandi dimensioni acromi, oltre al numero certamente notevole di anfore.

  • 43 5,22 % e 5,08 %, un valore abbastanza basso.
  • 44 Solo il 4 % di tutta la casa.
  • 45 Per i luoghi di rinvenimento delle macine ad Olinto e per la loro associazione con mortai di terrac (...)
  • 46 Probabilmente in 32, comunicante con 33.

22Il secondo vano sul lato nord della casa è l’ambiente 33. In esso sono stati trovati i frammenti di un’anfora e di due pithoi ; è presente anche una buona percentuale di ceramica da preparazione, acroma e a bande (tra cui ben cinque bacini/mortai acromi e due a bande, il numero maggiore di tutta la casa, insieme con il cortile, e dieci brocche e una hydria), in totale il 9,35 % di questo tipo di ceramica rinvenuta nell’abitazione, un valore infe riore solo a quelli del cortile (35/39) e del vano 30. Non è assente la ceramica da mensa, sia pur in quantità minore (5,21 %), anche a bande e a vernice nera, con percentuali simili43. Poco presenti i contenitori da cottura (solo tre, una pentola e due tegami)44, mentre va rilevata la presenza di una macina. È quindi probabile che in questo vano l’attività principale fosse quella della preparazione del cibo, come testimonia la macina, utilizzata per la triturazione dei cereali, ma anche per preparare altri generi alimentari45, e il numero di bacini/mortai. Le derrate alimentari erano conservate nell’anfora e soprattutto nei due pithoi, dove dovevano essere riversate dai magazzini (37 e 38, come vedremo). Il basso numero percentuale di vasi da mensa fa pensare che il consumo di cibo (cotto altrove, comunque)46 avvenisse solo occasionalmente, come anche il MNV (una cinquantina in totale, di cui solo quindici a v.n.) conferma.

  • 47 6 pentole, 4 tegami, 1 olla.
  • 48 Per l’uso generalizzato a Himera di fornelli e bracieri portatili, Portale 2008, p. 247. Va tuttavi (...)
  • 49 Belvedere 1976, pp. 588-589.
  • 50 Ricordiamo che in 32 si può collocare una sola zona territoriale.
  • 51 Per la possibilità che nei cortili si rinvengano per lo più contesti di uso secondario e di deposit (...)
  • 52 Tenuto conto che da parte degli Imeresi non vi è stato nessun reale tentativo di rioccupare la citt (...)

23L’ambiente 33 è in diretta comunicazione con 32, che è separato dal cortile (35/39) solo da un troncone di muro sul lato nord, mentre il tratto a Sud sembra sia stato ad un certo momento demolito, per realizzare una comunicazione più ampia e diretta tra le due aree. Sebbene serva da disimpegno per 28, 32 sembra essere funzionalmente connesso con il cortile. Poco rappresentati i vasi per la conservazione (due anfore e un grande recipiente), mentre discreta è la presenza dei vasi da preparazione (8,13 %) ; per le stoviglie da mensa ci sembra indicativo il basso numero di vasi a vernice nera (solo il 3,39 % per un totale di 11 vasi). Significativa, invece, la ceramica da cucina, ben il 14,67 %, valore inferiore solo a quello del vano 30, per un numero di 1147, non grande in assoluto, ma sufficiente per cucinare una ampia varietà di cibi. Ci sembra quindi evidente che questo era il luogo privilegiato (insieme con il cortile, come vedremo) per cucinare, anche se la cottura non avveniva su un focolare, di cui non c’è traccia, ma probabilmente su fornelli e bracieri portatili, dei quali, tuttavia, non si è rinvenuto alcun esemplare, nemmeno di terracotta, in tutta la casa48. Il fumo poteva essere evacuato tramite un opaion, come documentato altrove a Himera49, ovvero questa poteva essere la funzione dell’ampia apertura sul cortile. Il fatto che la ceramica da mensa sia documentata in discrete percentuali e MNV solo nelle categorie acroma e a bande fa pensare anche che un’attività di consumo del cibo, alternativa a quella della cottura50, poteva svolgersi solo in maniera informale e senza “sedersi a tavola”. È anche testimoniata, durante il periodo di vita del vano, la presenza di un louterion, forse in questo contesto da considerare più un oggetto per la preparazione del cibo, che per lavarsi, anche se è possibile che i due usi fossero alternativi nel corso della giornata. Va segnalato che questa è l’unica testimonianza di un louterion nella casa, al di fuori del complesso dei vani 28-30, per cui la sua presenza in 32 ci sembra indicativa. Un altro oggetto rinvenuto in 32 è un oscillum di pietra, per il quale si ipotizza una funzione apotropaica ; non ci sembra fuori posto nel contesto del vano, aperto tra l’altro sul cortile. Quest’ultimo (35/39) occupa un’area di m2 46, non amplissima in rapporto alla superficie dell’abitazione (esattamente il 10 %), ma comunque abbastanza grande ; come si è detto è costituito dall’unione di due spazi, entrambi in parte pavimentati con ciottoli. Per la sua stessa natura è un’area soggetta a fenomeni di deposizione primaria e secondaria e di scarico51 e dai risultati complessivi dello scavo dell’Isolato III appare chiaro che molti materiali furono scaricati nei cortili o gettati all’interno delle cisterne, al momento del saccheggio cartaginese ovvero in seguito, quando si tentò di sgomberare alcuni vani dalle macerie, per recuperare oggetti di valore. Nella nostra casa non vi è cisterna, per cui quest’ultimo fenomeno, pur non potendosi escludere, sembrerebbe di portata più limitata52.

  • 53 Cahill 2002, p. 177 ; Haagsma 2010, p. 70. Questa ipotesi si deve a V. Vassallo.
  • 54 Tuttavia, per la conservazione di derrate in un cortile (vano 45) dell’Isolato II, Amico 2008, p. 9 (...)
  • 55 Le hydriai vengono identificate di solito dagli orli e dai colli, per cui in qualche caso potrebbe (...)
  • 56 È possibile, tuttavia, che alcuni orli di piatti siano stati confusi con quelli di coppe. Per la sc (...)
  • 57 Diod. XIII 54-56.

24Nel cortile sono presenti tutte le quattro categorie ceramiche principali in percentuali simili per i vasi da conservazione e preparazione (11,36 e 11,40% rispetto al totale della casa, se guardiamo al MNV), mentre molto meno rappresentata è la ceramica da cottura (solo 5,33%). I primi due valori sono nella media, mentre il terzo è di molto inferiore a quello dei vani 32 e 30. Si tratta in tutto di sole quattro pentole/olle, che non sono sufficienti per ipotizzare una continua attività di cottura nel cortile, ma piuttosto vanno considerate complementari alla batteria da cucina di 32, dove è stata recuperata una sola pentola. Nella corte si sono rinvenuti anche i frammenti di ben sette anfore, oltre a quelli di un pithos e di un grande recipiente. Le anfore sono state rinvenute in maggioranza nella parte ovest dell’area (35), come il pithos. Forse quest’ultimo era adoperato per raccogliere l’acqua dai tetti, come si è supposto per Olinto53. Questa ipotesi può avanzarsi anche per le anfore, anche se è possibile che esse fossero in attesa di essere immagazzinate nel vicino vano 3754. La preparazione del cibo doveva essere una occupazione svolta frequentemente, dato il numero di bacini/mortai (sette, di cui sei acromi) e scodelloni (ben sette), cui si aggiungono tre hydriai e sette brocche a bande e un’olla e l’unica altra macina rinvenuta nella casa55. La ceramica da mensa è per lo più rappresentata da kylikes, coppe, coppette e coppette apode, cui si aggiunge un buon numero di brocche da tavola. Sia i servizi decorati a bande, sia quelli a vernice nera sono presenti in percentuali simili ; si tratta di servizi per bere, data l’assenza di piatti, per cui è possibile che si tratti di un contesto secondario, piuttosto che di un contesto di uso, ovvero che i piatti fossero di legno o altro materiale deperibile, dato che non se ne sono trovati nemmeno nel vicino 3256. Di sicuro interesse è anche il rinvenimento di ben sedici lucerne, quasi il 30 % di tutta la casa, per cui è evidente che la corte era molto frequentata di sera, probabilmente per la cena, nella stagione bella. In effetti, Himera è stata assediata e distrutta nella primavera del 408, poiché Annibale sbarcò a Lilibeo e assediò per nove giorni Selinunte57, prima di dirigersi verso la colonia calcidese. Possiamo, pertanto, pensare che sia giunto a Himera a maggio, mese in cui la temperatura doveva già essere mite. Gli abitanti della casa potevano quindi portare nel cortile i cibi cotti nel vano 32, che possiamo, come si è detto, considerare complementare allo spazio aperto, e cenare all’aperto, in maniera abbastanza formale, a giudicare dalla presenza di una buona quantità di ceramica a vernice nera, conservata probabilmente su scaffali.

  • 58 Dem. Energ. 53.

25Come è ovvio, il cortile è uno spazio polifunzionale: di giorno, soprattutto nella bella stagione, le donne potevano lavorare alla trasformazione e alla preparazione del cibo all’aperto, piuttosto che al chiuso nel vano 33, mentre la sera ci si poteva riunire per la cena, invece di radunarsi in 36. Allo stesso modo si poteva fare colazione alla mattina, come ci testimonia un ben noto passo dello Ps. Demostene58, che racconta dell’irruzione nel cortile di due individui, che sorprendono le donne di casa mentre fanno colazione. Nel resto della giornata dovevano fervere le attività di lavorazione, conservazione e immagazzinamento delle derrate, che erano portate nella casa di città dalle campagne. Per tutte queste, e probabilmente per altre attività ancora, vi era spazio sufficiente, come dimostrano le tre zone territoriali che è possibile collocare in esso.

  • 59 È possibile che almeno alcuni vasi da cucina avessero anche altre funzioni, Haagsma 2010, p. 192.
  • 60 Per askoi in contesto di deposito, Cahill 2002, pp. 112, 135.
  • 61 Per una lekythos in contesto di deposito, Haagsma 2010, p. 164.
  • 62 Sul problema, Belvedere 1976, p. 591 nota 141 e p. 586.

26Passiamo adesso ai due vani (37-38) che stanno a Meridione. In entrambi sono presenti file di tegole disposte per taglio nel pavimento, che avevano la funzione di proteggere dei grandi vasi da conservazione inseriti in essi, come dimostrato dal rinvenimento in 37 di uno spazio delimitato dalle tegole e da due muretti, all’interno del quale era ancora in situ il fondo di una grande lekane (fig. 9). La ceramica da conservazione rappresenta il 22,73 % e l’11,36 % in percentuale, il valore massimo di tutta la casa per 37 e un valore alto per 38 in rapporto alle sue dimensioni. In 37 erano presenti ben undici anfore, quattro grandi recipienti aperti (lekanai) e cinque mortai ; in 38 altre quattro anfore, cinque grandi recipienti e un pithos. Poco presente in 37 (8,54 %) la ceramica da preparazione, praticamente assente in 38 (0,81 %) ; la stessa situazione della ceramica da cottura (8,00 % e 1,33 %)59. Bassa la percentuale di ceramica da mensa (5,71 % in entrambi). Questi ambienti, pertanto, erano adoperati come magazzini ; le due piccole porte che si aprono sul cortile dimostrano anche la necessità di uno stretto controllo dell’accesso alle derrate conservate per sopperire alle necessità della famiglia nell’arco di tempo di alcuni mesi. Da segnalare, infine, il rinvenimento in 37 di un askos60 e di tre lekythoi e di un’altra lekythos in 38. Ci sembra evidente che anch’essi si trovino in un contesto di deposito61. Le cinque lucerne invece (4 in 37 e 1 in 38) adempivano alla loro funzione di illuminare gli ambienti, che dovevano ricevere poca luce dall’ambitus retrostante. L’analisi funzionale, pertanto, ci permette di escludere un uso del vano 38 come spazio per lavarsi, in base alla canaletta che lo attraversa, fungendo da scolo delle acque dal cortile62.

Fig. 9. Veduta da Ovest del vano 38 e del vano 37 (sullo sfondo). Lekane nel vano 37.

Fig. 9. Veduta da Ovest del vano 38 e del vano 37 (sullo sfondo). Lekane nel vano 37.
  • 63 Nello strato di distruzione non si sono rinvenuti neanche frammenti di intonaco colorato, come in a (...)
  • 64 E anche il frammento della vasca di un secondo louterion.
  • 65 Considerando, come sempre, il MNV. Il valore è inferiore solo a quello del magazzino 37.
  • 66 Il valore maggiore di tutta la casa.
  • 67 Anche in questo caso si tratta del valore massimo della casa.
  • 68 Certamente tutta questa ceramica è da attribuire alla fase finale di vita, dato lo stato di conserv (...)

27Siamo giunti finalmente all’analisi dei due complessi di vani disposti sui lati brevi della casa. Quello occidentale (28-30) è composto da tre vani in successione. Il vano più importante è senza dubbio il 30, che per la sua posizione angolare, la pianta quadrata, la presenza di una anticamera e soprattutto per l’ingresso decentrato potrebbe essere identificato dal punto di vista architettonico con un andron. Non presenta tuttavia piattaforme per i letti, attestate a Himera negli andrones della città bassa (fig. 10)63. L’ambiente si caratterizza, tuttavia, per un pavimento (battuto di trubo) realizzato con maggiore cura della media dei pavimenti delle case imeresi : più consistente e più spesso e con una superficie accuratamente levigata. Ben conservato in tutto il vano, su di esso giacevano la base di un louterion e il fondo e il coperchio di un pithos (fig. 11). La vasca del louterion, decorata con maschere gorgoniche, è stata rinvenuta nello spesso strato di distruzione del vano, un misto di cenere, tracce di bruciato e argilla proveniente dal disfacimento dei mattoni crudi dei muri, in cui è stata rinvenuta una grande quantità di ceramica di tutti i tipi64. Il vano, infatti, conteneva il 14,77 % della ceramica da conservazione65, il 23,17 % di quella da preparazione66 e il 15,83 % della ceramica da mensa67. Cinque anfore, un pithos, un kalathos e altri quattro grandi recipienti sono i contenitori rinvenuti. Le anfore sono in numero inferiore solo a quelle conservate nei magazzini 37 e 38 (in tutto nove). Tra la ceramica da preparazione sono da segnalare un gruppo di ben ventinove brocche, una hydria, un deinos e una lekane, tutti decorati a bande ; mentre tra la ceramica da mensa acroma prevalente è la quantità di brocche, brocchette (16+15) e piatti (21). La ceramica da mensa a bande vede ancora un numero di brocche, brocchette e piatti all’incirca analogo a quello dei vasi per bere, rapporto che si inverte a favore di questi ultimi fra la ceramica a vernice nera. La percentuale di vasi a vernice nera è molto alta (16,95 %), un valore di poco inferiore a quello del vano 36 (17,63 %) e analogo a quello del cortile (16,61 %). Probabilmente i vasi da preparazione e da mensa dovevano essere conservati su scaffali lignei alle pareti68. Anche la ceramica da cottura è presente in percentuale molto alta (25,33 %), ma si deve notare che è costituita quasi esclusivamente da pentole/olle (13) e tegami (5).

Fig. 10. Andrones (Isolato Ouest, I ; Isolato Est, VIII, X) nella città bassa di Himera.

Fig. 10. Andrones (Isolato Ouest, I ; Isolato Est, VIII, X) nella città bassa di Himera.

Fig. 11. Base di louterion e fondo e coperchio di pithos sul pavimento di 30.

Fig. 11. Base di louterion e fondo e coperchio di pithos sul pavimento di 30.
  • 69 A una porta sono invece attribuiti nel caso del vano 41 dell’Isolato II, anch’esso identificato com (...)
  • 70 Si tratta di un trias di Himera, Tusa Cutroni 1976, p. 751, n. 370.

28Sono da attribuire a mobili di pregio che arredavano il vano, più che ad una porta lignea, che non avrebbe molto senso in un ambiente così poco esposto, anche le quattro borchie di bronzo e i chiodi rinvenuti nello strato di distruzione69. Da segnalare anche che in 30 si è rinvenuta l’unica traccia della presenza di marmo in questa dimora e una delle poche monete70.

  • 71 Bergquist 1990, p. 37.
  • 72 Nell’ipotesi che ogni letto potesse accogliere due persone, diciotto persone, che non è un piccolo (...)

29Nell’ipotesi non peregrina che questo ambiente venne concepito architettonicamente come un andron, la diagonale del vano (m 8,60 circa, lato m 6,20) ci indica che in esso era possibile collocare nove letti71, per un numero abbastanza alto di partecipanti al simposio o a una riunione conviviale tra ospiti del padrone di casa72. Il fatto che vi sia stata rinvenuta la quantità di ceramica da mensa più alta di tutta la casa, con servizi completi, per bere e per mangiare, e soprattutto l’alto valore percentuale della ceramica a vernice nera, conferma, dal punto di vista funzionale, l’interpretazione del vano come un andron. Meno comprensibile è l’alto numero di vasi da preparazione e da cottura, anche se è possibile che questi ultimi potessero servire per riscaldare cibi cotti altrove. La presenza di ben cinque anfore potrebbe pure giustificarsi con il contenuto (vino e acqua per il simposio), ma meno giustificabile è quella di grandi recipienti aperti e soprattutto quella di un pithos.

  • 73 Belvedere, Epifanio 1976, p. 355 e p. 356, n. 8, tav. LIX, 3-5. La presenza del louterion è attesta (...)
  • 74 Vassallo 1997, p. 83.
  • 75 Va segnalata anche una bella pisside a bande, rinvenuta inglobata nel battuto pavimentale, insieme (...)
  • 76 Haagsma 2010, p. 164.
  • 77 Cahill 2002, pp. 181-182.

30L’interpretazione come andron è avvalorata dal rinvenimento del louterion, la cui base era decorata da campanule impresse e la vasca da maschere gorgoniche73, e va ricordato che un louterion (di marmo) è stato rinvenuto anche in uno degli andrones della città bassa74. La presenza nel vano di un’arula (i cui frammenti furono rinvenuti lungo il muro ovest) e di una mascheretta di terracotta e la loro associazione con il louterion sono anch’esse compatibili con questa interpretazione75. L’associazione di un pithos con coperchio con una lekythos e con vasellame da mensa ricorre anche a Nea Halos, ma il contesto è stato interpretato come un contesto di deposito76. Lekythoi e askos sono associati ad Olinto con ceramica da mensa, come nel nostro vano77. Infine, l’alto numero di lucerne ritrovate (undici, 20,37%) indicano che era necessario illuminare bene il vano di sera, una necessità evidente per i banchetti che si svolgevano per lo più dopo il tramonto.

  • 78 Lo scarto è più evidente per la ceramica da mensa a vernice nera : 8,8 % contro 3,73 % ; da notare (...)

31Comunque, prima di raggiungere una conclusione definitiva è opportuno andare ad esaminare i due vani antistanti. Anche nell’anticamera 29 sono presenti anfore (3), pithoi (2), un kalathos e uno stamnos, le stesse forme rinvenute in 30. La ceramica da preparazione acroma è rappresentata da un bacino/mortaio, quattro brocche, tre scodelline; compresa quella a bande raggiunge una percentuale dell’8,94%. Poco presente la ceramica da mensa a vernice nera (sempre kylikes e coppe) con una percentuale del 3,75%, contro un 7,21% in totale, considerando anche quella acroma e a bande. Nel complesso in 29 sono state trovate forme ceramiche analoghe a quelle di 30, ma in quantità molto minore. Nel vano antistante 28 si sono rinvenuti i frammenti di altre tre anfore e di un grande recipiente ; nel complesso il MNV per la ceramica da conservazione e preparazione è minore che in 29, mentre in quantità maggiore è la ceramica da mensa (10,12 % contro 7,21 %), soprattutto a vernice nera78. Analoga la presenza di ceramica da cucina (10,67 % in 28 contro 9,33 %).

32Da segnalare, infine, cinque lucerne tra 28 e 29, che si sommano alle undici di 30, e i frammenti di una lekythos in 29, che si aggiungono a quelli di altre due in 30.

  • 79 Sotto l’attacco dei Cartaginesi, molti abitanti del contado si rifugiarono in città, e quindi è pro (...)

33Colpisce quindi la massiccia presenza di grandi contenitori in tutto il complesso di vani 28-30. In tutto si contano undici anfore e tre pithoi, due kalathoi e diversi altri grandi vasi. Ci sembra un numero troppo elevato di anfore, per motivarlo solo con le necessità di acqua e vino per le riunioni conviviali e comunque l’associazione con pithoi e kalathoi non è convincente. Pertanto, se la grande quantità di ceramica da mensa, in particolare a vernice nera, è compatibile con l’utilizzazione come andron di 30 (considerando che parte di essa poteva appropriatamente essere conservata nelle due anticamere), l’alta percentuale di ceramica da conservazione e da preparazione appare eccessiva per tale uso. Ci chiediamo, pertanto, se il contesto attestato dallo scavo non sia testimonianza del momento eccezionale che viveva la città, sotto assedio dei Cartaginesi, che poteva indurre il proprietario della casa ad ammassare altre derrate alimentari in quei vani che non era più il caso di utilizzare per riunioni conviviali79.

  • 80 Infatti, il MNV calcolato è molto basso per tutte le categorie ceramiche, fatto che ovviamente dist (...)
  • 81 6,67 % nel solo vano 40, più che nel cortile.
  • 82 Tusa Cutroni 1976, p. 752, nn. 372-374. Si tratta di due hemilitra e di un trias.
  • 83 Gli altri due sono stati rinvenuti in 29 e 30.
  • 84 L’altro è in 37. Da notare che a Nea Halos, questo vaso è stato rinvenuto in associazione con lekan (...)
  • 85 Un’altra è stata rinvenuta in 44. Altre tre in 29 e 30 e solo altre cinque in tutto il resto della (...)
  • 86 Nell’insieme la percentuale totale è significativa : 9,15 %, di poco inferiore al totale dei vani 2 (...)

34Passiamo, infine, al complesso occidentale (vani 40-44). Abbiamo già detto che la stratigrafia archeologica di quest’area è gravemente compromessa. Ciò si riflette sul numero di reperti rivenuti e presi in considerazione per il nostro studio80. Tuttavia, non abbiamo rinunciato a fare alcune osservazioni sulla base dei dati utilizzabili. Si noterà pertanto che ceramica da conservazione è presente solo in 40 e 41, e che 40 ha anche le più alte percentuali di vasi da preparazione (6,10 %) e da mensa (con un MNV significativo, soprattutto per la ceramica a vernice nera, e con una non trascurabile percentuale del 6,01 %). Importanti anche le percentuali di ceramica da cottura, ritrovata nell’area di tutti e cinque i vani81. È interessante notare, inoltre, che nell’area di questi vani si sono avuti i maggiori rinvenimenti di oggetti diversi dai vasi : ben undici lucerne su 54 e tre delle cinque monete recuperate nella casa (in 43 e 44)82. In 40, inoltre, si sono scoperti due dei quattro pesi da telaio83, uno dei due askoi84 e i frammenti di due lekythoi85. Nei vani retrostanti (42-44) non è stata ritrovata ceramica da conservazione ; in questi vani, come in 40, si riscontra invece un buon numero di brocche, soprattutto a bande (sette in 40 e undici in 42-44). Da notare che anche i vasi decorati a bande, che definiamo da mensa, sono attestati sia in 40, sia nei tre vani retrostanti in numero significativo ; si tratta per lo più di coppe e coppette, ma anche un frammento di oinochoe e quattro di crateri, che si concentrano soprattutto negli ambienti 42 e 44. In tutti e tre i vani retrostanti, inoltre, è presente un discreto numero di piccoli vasi a vernice nera86.

  • 87 Nevett 1999, p. 187, per l’associazione a Himera della lekythos con vasi da toeletta. Il rinvenimen (...)
  • 88 I pasti erano generalmente quattro : la colazione (akratismos), il pranzo (ariston), una merenda po (...)

35Pur considerando che i contesti di cultura materiale di questa zona della casa appaiono compromessi, ci sembra possibile interpretare il grande ambiente 40, come un vano polifunzionale, dove erano possibile esercitare attività diversificate, anche contemporaneamente, in accordo con l’analisi architettonica e planimetrica. L’attestazione delle lekythoi, di un askos miniaturistico e di un numero notevole di brocche, per lo più a bande (13), ci permette di avanzare l’ipotesi che un’altra attività che si svolgeva nel complesso dei vani occidentali dell’abitazione possa essere stata quella igienica87, pur in assenza (casuale ?) di louteria. Ci chiediamo anche se, nell’ipotesi di una possibile rifunzionalizzazione di alcune forme ceramiche, almeno una parte dei piccoli vasi a bande e a vernice nera non possa essere servita per lo stesso scopo e per contenere cenere, belletti, unguenti o profumi, anche tenendo conto del fatto che non solo in questa casa, ma in tutto l’abitato di Himera le classiche forme da toeletta appaiono sottorappresentate nel deposito archeologico. La presenza di ceramica da cottura (rinvenuta soprattutto in 40 e 41) si potrebbe spiegare con il consumo di piccoli pasti nel grande ambiente antistante, la mattina o durante la giornata88, soprattutto nelle stagioni più fredde.

36L’analisi funzionale combinata con quella planimetrica, poiché i vani alle spalle di 40 sono tra i meno accessibili di tutta la casa, ci fa pensare che questi ultimi fossero destinati al sonno, all’intimità sessuale e alla conservazione di oggetti preziosi (se la presenza delle monete è indicativa), nonché alle pratiche di toeletta e cosmesi.

  • 89 Belvedere 1976, p. 583.
  • 90 Portale 2008, pp. 246-247.
  • 91 Hoepfner, Schwandner 1994, p. 323; Hoepfner 1999, pp. 337, 374-377. Sul problema, v. anche Reber 19 (...)
  • 92 Belvedere 2000.
  • 93 Belvedere 2000, pp. 59-60, sia pure dubitativamente. Per un esempio tardo-arcaico a Himera, Portale (...)
  • 94 Ault 2005a, pp. 66-67, preferisce giustamente il termine “transverse hall”, ma poi cerca di identif (...)

37Nell’insieme l’analisi funzionale conferma quanto da noi già osservato ormai molti anni fa, che il vano 40 è un ampio vano di soggiorno dove erano svolte diverse attività familiari e che esso “protegge e nasconde” i vani retrostanti89. Il complesso, come già notato, ricorre abbastanza spesso nell’abitato imerese e recentemente diversi esempi ne sono stati individuati anche nell’Isolato II, confrontabili, sia pure con riserve90, con la tipologia dell’Herdraum di Hoepfner e Schwandner91, considerato dai due studiosi una caratteristica delle case dell’area nord-occidentale della Grecia a partire dall’età tardo-classica. In realtà tale tipologia architettonico-funzionale è rintracciabile sia nel mondo greco, sia in quello coloniale, fin da età tardo-geometrica92, e in associazione con il cortile forse da età protoarcaica, in contesti di urbanistica programmata93. Viene così ulteriormente invalidata l’ipotesi evoluzionistica che si possa trattare di una forma chiusa di pre-pastas, ipotesi già rifiutata da tempo, per cui questo termine andrebbe riservato solo alla tipologia architettonica del portico con stanze retrostanti. Non è inopportuno ripetere questa affermazione, in presenza ancora oggi di un uso ambiguo del termine pastas, dovuto probabilmente alle parziali analogie riscontrabili tra le funzioni assegnate ai due spazi94.

Rapporti interpersonali tra familiari e tra familiari ed estranei

  • 95 Già evidenziati da V. Vassallo.
  • 96 Pomeroy 1997, pp. 18-19.
  • 97 Per i diversi tipi di riunioni, più o meno formali, che potevano avvenire in diversi luoghi della c (...)
  • 98 Molti studiosi, per esempio Cahill 2002, pp. 202-204 ; Haagsma 2010, p. 117, hanno fatto notare che (...)
  • 99 Goldberg 1999, passim, in particolare pp. 154-155.

38Considerando i risultati delle due analisi, funzionale ed architettonico-planimetrica, è possibile individuare all’interno di VI 5 due percorsi (fig. 12)95. Un percorso pubblico conduce dall’ingresso, attraverso il cortile e il vano 32, fino alla soglia di 28. Viene definito “pubblico”, perché permetteva agli estranei di raggiungere il vano 30, che abbiamo identificato come un ambiente di rappresentanza. Il secondo percorso, che si potrebbe definire “privato”, conduce, sempre attraverso il cortile, al grande vano 40 e di conseguenza ai vani retrostanti, che si caratterizzano come ambienti privati. In realtà è stato ormai da tempo osservato che l’opposizione pubblico-privato è riduttiva, in quanto gli spazi familiari dell’abitazione possono presentare caratteristiche semipubbliche o anche semiprivate96. In primo luogo assume tali caratteri il cortile, che nel nostro caso poteva essere attraversato da estranei che si recavano in occasione di riunioni conviviali verso l’ala occidentale della casa. Ma chi erano coloro che partecipavano a queste riunioni ? Se, come è stato osservato97, gli ospiti potevano, piuttosto che simposiasti accompagnati da “etere”, come si è portati a pensare sulla base della tradizione letteraria e figurativa ateniese, essere amici del padrone di casa, possibilmente legati a lui anche da vincoli di associazione, di iscrizione alla stessa sezione del corpo civico e da vincoli di parentela98, è possibile che nel cortile potessero incontrare anche le donne di casa. Probabilmente anche l’età, la familiarità e i rapporti precedenti dei membri femminili della famiglia con l’ospite, o dell’ospite con gli elementi maschili e femminili dell’oikos, potevano influire sui caratteri dell’incontro e allargare o restringere il numero dei partecipanti e quindi connotare lo spazio aperto di volta in volta come semipubblico o semiprivato99.

Fig. 12. Percorso “pubblico” e percorso “privato” all’interno dell’abitazione.

Fig. 12. Percorso “pubblico” e percorso “privato” all’interno dell’abitazione.
  • 100 Per i limiti delle categorie oppositive, Allison 1999a, pp. 9-10; Goldberg 1999, pp. 154-156 .
  • 101 Anche i bambini, come gli schiavi, sono un gruppo “invisibile”. Nella nostra casa non si sono rinve (...)
  • 102 La diffusione della schiavitù e l’incidenza ad Himera del numero degli schiavi domestici è un argom (...)
  • 103 La trasformazione dei prodotti agricoli, il trasferimento delle derrate dai magazzini ai grandi con (...)

39In realtà le relazioni sociali sono molto complesse e non possono essere costrette entro poche categorie, per di più esclusivamente oppositive100 : familiari/estranei ; maschi/femmine ; adulti/bambini101 ; padroni/schiavi102, perché le relazioni oppositive, nei diversi momenti della giornata e nelle diverse forme relazionali, possono trasformarsi in relazioni inclusive (familiari ed estranei ; maschi e femmine ; adulti e bambini ; e anche padroni e schiavi) che connotano gli spazi domestici in maniera differente. Nella nostra abitazione l’analisi funzionale ci permette di identificare come spazi inclusivi, oltre al cortile, il vano 33, dove sono possibili più attività in contemporanea, che potenzialmente potevano essere esercitate insieme sia dalla padrona sia da schiave103, il vano 36, dove attività di culto domestico potevano vedere la partecipazione di tutta la famiglia ed essere praticate in occasione di pranzi comuni e/o formali, che possiamo ipotizzare in base al rinvenimento di una grande quantità di ceramica a vernice nera, in un numero ampio di forme diverse ; il vano 40 del cui carattere polifunzionale si è detto, all’interno del quale potevano interagire, nei diversi momenti della giornata, uomini e donne, adulti e bambini, padroni e schiavi.

  • 104 Pesando 1989, pp. 113-114 ; 155-157.
  • 105 Significativamente questa stanza è provvista di una porta che si può chiudere a chiave. Anche quest (...)
  • 106 Per le dimensioni 43 o piuttosto 42, dove non è posizionabile alcuna sub-zona territoriale.

40L’ambiente 32, al contrario, si connoterebbe come un’area a frequentazione prevalentemente, ma non esclusivamente, femminile, se dobbiamo considerare la cottura dei cibi una attività fortemente connotata dal genere. Ma possiamo anche notare che era necessario attraversare 32 per raggiungere il complesso 28-30, e quindi 32 rientra nel percorso “pubblico” dell’abitazione. Non dobbiamo dimenticare, infine, che le relazioni sessuali possono connotare fortemente, ma non in maniera univoca, alcuni ambienti : le fonti menzionano varie volte il koiton, una camera in cui il padrone di casa poteva avere relazioni sessuali con le schiave domestiche104 ; ma ciò non va inteso come presenza di un vano esclusivamente dedicato a questa attività. Nell’orazione di Lisia, Per l’uccisione di Eratostene, la moglie rimprovera al padrone di casa di essere tornato una volta ubriaco e di “essersi fatto la servetta”. Non sembra un comportamento abituale e lo stato di ebbrezza del protagonista sembrerebbe causa, anche agli occhi della signora, dell’episodio. Il tutto comunque è probabile sia avvenuto in una stanza del piano terra, che certo non era riservata esclusivamente a questo, della “casetta” di Eufileto. Ma quando, sia pure per non fare scoprire l’amante in casa, la moglie fedifraga coinvolge il marito in un momento di intimità, ciò avviene nel thalamos al piano superiore, il luogo deputato all’intimità sessuale tra i coniugi, anche se in quel periodo c’è stato un rovesciamento dell’organizzazione funzionale della casa, con il trasferimento del gynaikonitis al piano terra105. Nella nostra abitazione rapporti occasionali potevano avvenire nei vani 33 o 36, forse anche in 41, ma certo non pretenderemo di rinvenire nel deposito archeologico una chiara prova di ciò ; mentre il thalamos andrebbe ovviamente identificato in una delle tre stanze retrostanti a 40106.

L’economia domestica

  • 107 Sull’economia domestica, Ault 2007.
  • 108 Per il rinvenimento di gruppi di pesi da telaio a Himera, Belvedere 1976, p. 244 (gruppo di 25 pesi (...)

41Cominciamo con una osservazione ovvia : nonostante le grandi dimensioni, non ci sono impianti produttivi. Ma non ci sono nemmeno tracce di una attività di produzione domestica107 ; in particolare non vi è alcun segno della attività domestica per eccellenza : filatura e tessitura, che pure è attestata a Himera in qualche caso108. Non è stata rinvenuta alcuna fuseruola e i pesi da telaio sono in tutto quattro.

  • 109 Cahill 2002, pp. 227-230 per le capacità di immagazzinamento delle case di Olinto; Haagsma 2010, pp (...)
  • 110 Cahill 2002, pp. 169, 233.

42Molto evidenti, invece, sono le necessità di immagazzinamento, di conservazione e trasformazione delle derrate : 40 anfore e 12 pithoi, oltre ad alcune decine di grandi recipienti, tra cui kalathoi, lekanai, stamnoi e mortai. Pur non avendo la possibilità di valutare con precisione le capacità di immagazzinamento dell’ oikos, non essendo stati restaurati né le anfore, né i pithoi, non c’è dubbio, che essa fosse di diverse migliaia di litri109. La strategia economica è quindi quella del “deposito a lungo termine”110, confermata tra l’altro dalla identificazione di ben due magazzini. Certamente tale strategia potrebbe essere stata condizionata dall’eccezionalità degli avvenimenti che l’oikos stava affrontando nel periodo finale di vita dell’abitazione : l’attacco e l’assedio dei Cartaginesi ; ma le undici anfore e i quattro pithoi depositati nel complesso 28-30, costituiscono solo un quarto delle prime e un terzo dei secondi, e dimostrano piuttosto il rafforzamento di una strategia già attuata in precedenza.

  • 111 Cahill 2002, p. 225 ; da qui la necessità di abbinare agli scavi della città la prospezione del ter (...)
  • 112 Himera III.1-2, 1988-2002.
  • 113 Belvedere 2001, pp. 719-732.
  • 114 Due, un numero comunque significativo.

43Si è spesso lamentata la mancanza di una approfondita conoscenza del territorio di una città greca, per comprendere meglio la dimensione economica degli oikoi cittadini111; non è questo il caso di Himera, della cui chora, vicina e lontana, sono stati indagati più di 100 Kmq. I risultati della prospezione archeologica112 dimostrano che la chora politiké era nel V sec. a.C. divisa in proprietà familiari al di sopra del livello di sussistenza, mentre è possibile che nella éremos chora si localizzassero aziende più grandi, finalizzate alla produzione per il mercato113. Ci sembra evidente che l’economia dell’oikos di cui ci occupiamo fosse strettamente collegata al possesso di una proprietà terriera, probabilmente non di piccole dimensioni e certo non ad esclusiva conduzione familiare, data la capacità di immagazzinare a lungo termine una quantità notevole di derrate agricole. Ci si potrebbe chiedere, quindi, se la strategia economica del nostro oikos potesse essere orientata al mercato o alla vendita al dettaglio, tuttavia se l’ipotesi coglie nel segno, tale organizzazione non coinvolgeva la casa in città, data l’assenza di impianti di trasformazione e il numero non grande di macine rinvenuto114.

  • 115 Il commercio “estero” di Himera, sia transmarino, sia con l’entroterra, è ben attestato dalle anfor (...)

44Senza dubbio il fatto che non fosse necessario produrre in casa tessuti e abiti fa logicamente pensare che la famiglia fosse abbastanza facoltosa da acquistarli, ciò di conseguenza presuppone che il padrone di casa praticasse una attività economica redditizia, anche in termini monetari. Quello che sappiamo di Himera e del suo territorio ci fa pensare che il reddito fosse da legare principalmente alla proprietà terriera, anche se non possiamo ben valutare l’incidenza che attività commerciali sia di dettaglio all’interno della polis, sia a scala più ampia per il mercato esterno115 potrebbero avere avuto sulla formazione della ricchezza di famiglie come la nostra.

  • 116 Il rinvenimento di vasi di bronzo nell’abitato di Himera è molto raro. Più comuni i piccoli oggetti (...)

45A questa conclusione non osta, a nostro parere, la completa assenza di vasi e altri oggetti di metallo e di gioielli tra i reperti116, e nemmeno l’assenza di bracieri di bronzo, che dobbiamo supporre fossero necessariamente presenti, poiché il fatto è logicamente imputabile al saccheggio cartaginese. Il complesso della ceramica rinvenuta non si distingue in alcun modo per qualità e forme dalla media dei rinvenimenti imeresi in contesti abitativi ; mancano anche i grandi vasi a figure rosse, ma anche questo fatto va probabilmente messo in rapporto con la fine violenta della città, nonostante che il valore di tali vasi, come è noto, non fosse in assoluto altissimo.

Conclusioni

  • 117 Vassallo 1997, p. 84, attribuisce la presenza di questi andrones nella città bassa a differenze di (...)

46La casa che abbiamo esaminato appare per ampiezza e complessità planimetrica tra le maggiori di Himera, almeno tra quelle della città alta. Tuttavia, la nostra scarsa conoscenza, ancora oggi, della città bassa, dove potrebbero anche rinvenirsi forme diverse di cultura abitativa, di cui potrebbe essere un indizio la presenza di andrones dall’architettura canonica117, non ci permette di affermare che si tratti senza dubbio di una dimora in assoluto tra le più cospicue.

  • 118 Kent 1990b.
  • 119 Ault 2005a, pp. 68, 76, per Halieis; Haagsma 2010, p. 201, per Nea Halos.
  • 120 Belvedere 1976, p. 591.
  • 121 Ma cronologicamente più recenti, come quelle di Halieis, o di Atene.

47Nonostante ciò, colpisce la complessità della planimetria e non solo se guardiamo all’abitato di Himera. Infatti, se consideriamo la sua cronologia, l’edificio presenta una pianta tra le più articolate fra quelle che conosciamo nel mondo greco del tempo. La divisione in tre grandi blocchi, quello centrale, il cui fulcro è il cortile, strettamente legato a Nord con i vani utilitari e a Sud con i magazzini, quello orientale “pubblico” e quello occidentale “privato”, ci parla in favore di una suddivisione dello spazio molto avanzata, una segmentazione indice di una complessità sociale notevole118. La polifunzionalità degli aree, però, ci deve mettere in guardia da affrettate conclusioni. L’articolazione dello spazio non implica necessariamente l’accettazione di una ideologia di separatezza tra i generi, né tanto meno di una logica di specializzazione dei vani, come l’analisi funzionale ci dimostra. Certo una tendenza verso l’individuazione di spazi dedicati ci sembra evidente : abbiamo un vano destinato ad ingresso e alcune funzioni sembra avvenissero in zone tendenzialmente preferite, i pranzi formali in 36, la cottura in 32, le riunioni conviviali in 30, una propensione che a partire dalla fine del V secolo, sembra testimoniata anche altrove119. A scanso di equivoci precisiamo subito che i primi due spazi non si configurano come “stanza da pranzo” o come “cucina”, perché non si configurano come spazi esclusivi, e sottolineiamo che ad Himera, almeno finora, non è mai stata ritrovata una “stanza da bagno”120, che pure si è rintracciata altrove in abitazioni modeste121. Anche la presenza di un andron, e ancor più gli andrones con piattaforme rialzate della città bassa, ci indicano che l’abitato imerese, nonostante la sua marginalità geografica, appare ben aggiornato sulle ultime novità della cultura abitativa della Madre Patria e questo avvalora quanto abbiamo detto sulla pianta innovativa dell’abitazione di cui ci occupiamo.

  • 122 Alcuni dei quali, tra l’altro, messi in relazione con l’affermarsi della democrazia, che ad Himera (...)
  • 123 In questa ottica, si potrebbe osservare che il numero degli andrones della città bassa (tre in un’a (...)
  • 124 In questo senso è quindi accettabile la lettura di Portale 2008, pp. 252-253, delle sale di rappres (...)

48Non interpreteremo, tuttavia, l’articolazione dello spazio in modo rigido, né come testimonianza a Himera di processi sociali attestati ad Atene122. La parte “privata” della nostra casa, come abbiamo detto, si può direttamente collegare a forme funzionali di età arcaica, che chiaramente non prevedono una rigida separazione di genere ; mentre l’andron nella sua semplicità non esprime certo la volontà di ostentare uno status sociale particolare, né vi è prova che testimoni la volontà di adottare forme conviviali di derivazione aristocratica123. Il suo isolamento e il suo alto indice di inaccessibilità testimoniano, tuttavia, del carattere esclusivamente maschile delle riunioni che vi si svolgevamo, almeno in certe occasioni124.

  • 125 L’analisi più recente è quella di Tsakirgis 2005.
  • 126 Hoepfner, Schwandner 1994, pp. 38-43; Hoepfner 1999, pp. 217-221. I due autori individuano al Pireo (...)
  • 127 Pesando 1989, pp. 102-109.
  • 128 In Attica e quindi probabilmente anche ad Atene, testimoniate alla fine del V sec. a.C. dalla Dema (...)

49È interessante notare che le caratteristiche della nostra casa testimoniano una organizzazione dello spazio superiore non solo alla media delle dimore imeresi, ma anche al livello medio delle case ateniesi che conosciamo125. Certo la suddivisione articolata della casa VI 5 è resa più facile dalle sue dimensioni, dalla sua forma rettangolare e dall’essere inserita in un piano urbanistico ortogo nale, tuttavia anche le case scavate al Pireo126 appaiono meno complesse. Certo non conosciamo le grandi case del Pireo, come quella di Callia, con i suoi due prostoa, che dalla descrizione appare ampia, articolata e probabilmente disposta su due piani127. Non vogliamo dire, quindi, che ad Himera ci fossero case più lussuose e moderne di quelle di Atene e del Pireo – possiamo per esempio ricordare che nella colonia non conosciamo, almeno che la città bassa non ci riservi sorprese, case con pastas porticata128 tuttavia la conclusione che possiamo ricavare dal nostro esame è che in una città periferica e non molto importante come Himera, alla fine del V secolo la cultura abitativa appare per certi aspetti molto evoluta.

  • 129 Belvedere 2000 ; Portale 2008, pp. 246-249 ; Harms 2010.

50Ci sembra, inoltre, importante rilevare che la planimetria della dimora non è una copia pedissequa di abitazioni all’avanguardia concepite in altri ambiti geografici. È l’elaborazione, certamente non esclusiva di Himera, di tradizioni di cultura abitativa ben note in Sicilia fin da età protoarcaica129. Abbiamo già detto che, se non altro per ragioni cronologiche, il complesso vano antistante/vani retrostanti non è riconducibile allo Herdraum tardo-classico e che il rapporto e le proporzioni tra sala polifunzionale e vani retrostanti appare non come una evoluzione tipologica di una forma architettonica più antica, ma come l’elaborazione e l’adattamento di una organizzazione funzionale alle mutate condizioni sociali e ai mutati rapporti interpersonali tra i membri della famiglia e tra di essi e gli estranei.

  • 130 Himera è una polis, di cui, grazie a decenni di scavi e ricerche, conosciamo approfonditamente le a (...)

51Nonostante la sua marginalità geografica e il suo isolamento sulla costa settentrionale dell’Isola, Himera si rivela, come gli scavi vanno sempre di più confermando130, come una polis perfettamente inserita non solo nei circuiti commerciali ed economici, sia del Mediterraneo occidentale, sia dell’Egeo, ma anche perfettamente inserita nella circolazione delle idee, e quindi nel dibattito culturale che pervadeva il mondo greco alla fine del V secolo, con le proprie specificità, che sono quelle che caratterizzavano l’area siceliota e la distinguevano, pur in una unità culturale più ampia, dalla Madre Patria.

Bibliographie

Allegro 1997 : ALLEGRO (N.) – Le fasi dell’abitato di Himera. In: Isler (P.H.), Käch (D.), Wohnbauforschung in Zentralund Westsizilien. Zürich, Archäologisches Institut der Universität Zürich, 1997, pp. 65-80.

Allison 1999a: ALLISON (P.M.) – dir. The Archaeology of Household Activities, London e New York, Routledge, 1999,

Allison 1999b: ALLISON (P.M.) – Introduction. In: Allison 1999a, pp. 1-18.

Amico 2008: AMICO (A.) – Il blocco 2. In: Himera V, 2008, pp. 75-130.

Ault 2005a: AULT (B.A.) – The Houses. The Organization and Use of Domestic Space. Bloomington e Indianapolis, Indiana University Press, 2005 (The Excavations at Ancient Halieis 2).

Ault 2005b: AULT ( B.A.) – Housing the Poor and Homeless in Ancient Greece. In: Ault (B.A.), Nevett (L.C.) dir., Ancient Greek Houses and Households: chronological, regional and social diversity. Philadelphia, University of Pennsylvania Press, 2005, pp. 140-159.

Ault 2007: AULT (B.A.) – Oikos and oikonomia: Greek houses, households and the domestic economy. In: Westgate (R.), Fisher (N.), Whitley (J.) dir., Building Communities: House, Settlement and Society in the Aegean and Beyond. London, British School at Athens, 2007, pp. 259-265.

Ault, Nevett 1999: AULT (B.A.), NEVETT (L.C.) – Digging houses: Archaeologies of Classical and Hellenistic Greek domestic assemblages. In : Allison 1999a, pp. 43-56.

Bats 1999 : BATS (M.) – Le vase céramique grec dans ses espaces : l’habitat. In : Céramique et peinture grecques : modes d’emploi. Actes du colloque international École du Louvre 26-28 avril 1995. Paris, La Documentation française, 1999, pp. 76-85.

Belvedere 1976 : BELVEDERE (O.) – Tipologia e analisi delle abitazioni. In : Himera II 1976, pp. 577-594.

Belvedere 1998 : BELVEDERE (O.) – Aspetti della cultura abitativa a Himera e Naxos nel V secolo a.C. In : Lentini (M.C.) dir., Naxos a quarant’anni dall’inizio degli scavi. Giardini Naxos e Palermo, Museo Archeologico di Naxos-Assessorato dei beni culturali e ambientali Regione Sicilia, 1998, pp. 125-130.

Belvedere 2000 : BELVEDERE (O.) – Osservazioni sulla cultura abitativa greca in età arcaica. In: Damarato. Studi di antichità classica offerti a Paola Pelagatti. Milano, Electa, 2000, pp. 58-68.

Belvedere 2001: BELVEDERE (O.) – Il territorio di Himera e il problema della chora coloniale in Sicilia. In: Problemi della chora coloniale dall’Occidente al Mar Nero (Atti Taranto XL). Taranto, Istituto per la Storia e l’archeologia della Magna Grecia, 2001, pp. 707-755.

Belvedere 2005: BELVEDERE (O.) – La casa greca a Himera. In: Minà (P.) dir., Urbanistica e architettura nella Sicilia greca, Palermo, Regione sicilianaAssessorato dei beni culturali e della pubblica Istruzione, 2005, pp. 102.

Belvedere, Epifanio 1976: BELVEDERE (O.) , EPIFANIO (E.) – L’abitato. Isolato III. In: Himera II 1976, pp. 225-372.

Bergquist 1990: BERGQUIST (B.) – Simpotic space: A Functional Aspect of Greek Dining-rooms. In: Murray (O.) dir., Sympotica. A Symposium on the Symposion. Oxford, Clarendon Press, 1990, ppp. 37-65.

Cahill 2002: CAHILL (N.) – Household and City Organization at Olynthus. New Haven e London, Yale University Press, 2002.

Cahill 2010: CAHILL (N.) – Functional Analyses of Ancient House Inventories. In: Ladstätter (S.), Scheibelreiter (V.) dir., Städtisches Wohnen im östlichen Mittelmeerraum 4Jh. v. Chr.-1. n. Chr. Wien, Verlag der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, 2010, pp. 477-495.

Fiedler 2005: FIEDLER (M.) – Houses at Leukas in Acarnania: A Case Study in Ancient Household Organization. In: Ault (B.A.), Nevett (L.C.), Ancient Greek Houses and Households. Philadelphia, University of Pennsylvania Press, 2005, pp. 99-118.

Foxhall 2007: FOXHALL (L.) – House clearance: unpacking the “kitchen” in Classical Greece. In: Westgate (R.), Fisher (N.), Whitley (J.) dir., Building Communities: House, Settlement and Society in the Aegean and Beyond. London, British School at Athens, 2007, pp. 233-242.

Gassner 2003: GASSNER (V.) – Materielle Kultur und Kulturelle Identität in Elea. In: Elea in spätarchaisch-früklassischer Zeit. Wien, Österreichische Akademie der Wissenschafter, 2003, (Velia Studien II).

Goldberg 1999: GOLDBERG (M.Y.) – Spatial and behavioural negotiations in Classical Athenian city houses. In: Allison 1999a, pp. 142-161.

Haagsma 2010: HAAGSMA (M.J.) – Domestic Economy and Social Organization in New Halos. Groningen, Rijksuniversiteit Groningen, 2010.

Harms 2010: HARMS (A.) – Himera. Überlegungen zur Stadtentwicklung und Wohnarchitektur einer nord sizilianischer Stadt. In: Ladstätter (S.), Scheibelreiter (V.) dir., Städtisches Wohnen im östlichen Mittelmeerraum 4. Jh. v. Chr.-1. Jh. n. Chr. Wien, Verlag der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, 2010, pp. 333-346.

Hellmann 1994 : HELLMANN (M-Ch.) – La maison grecque : les sources épigraphiques. Topoi, 4, 1994, pp. 131-146.

Himera II 1976 : AA. VV. – Himera II. Campagne di scavo 1966‑1973.Roma, L’“Erma” di Bretschneider, 1976.

Himera III.1-2 1988-2002: AA. VV. – Himera III.1-2. Prospezione archeologica nel territorio. Roma, L’“Erma” di Bretschneider, 1988-2002.

Himera V 2008: ALLEGRO (N.) dir. – Himera V. L’abitato. Isolato II. I blocchi I-IV della zona 1. Palermo, Università di Palermo, 2008.

Hoepfner 1999: HOEPFNER (W.) – Geschichte des Wohnens. Band 1, 5000 v. Chr. 500 n. Chr.: Vorgeschichte, Frühgeschichte, Antike. Stuttgart, Deutsche Verlags-Anstalt, 1999.

Hoepfner, Schwandner 1994: HOEPFNER (W.), SCHWANDNER (E.L.) – Haus und Stadt im Klassischen Griechenland. München, Deutscher Kunstverl., 1994.

Ingold 1995: INGOLD (T.) – Building, dwelling, living: how animals and people make themselves at home in the world. In: Strathern (M.) dir., Shifting contexts: transformations in anthropological knowledge. LondonNew York, Routledge, 1995, pp. 57-80.

Jameson 1990: JAMESON (M.) – Domestic Space and the Greek city-state. In: Kent 1990a, pp. 92-114.

Kent 1990a: KENT (S.) dir. – Domestic Architecture and the Use of Space: an interdisciplinary cross-cultural study. Cambridge, Cambridge University Press, 1990.

Kent 1990b: KENT (S.) – Activity areas and architecture: an interdisciplinary view of the relationship between the use of space and domestic built environments. In: Kent, 1990a, pp. 1-8.

La Motta, Schiffer 1999: LA MOTTA (V.M.), SCHIFFER (M.B.) – Formation processes of house floor assemblages. In: Allison 1999a, pp. 19-29.

Lynch 2007: LYNCH (K.) – More thoughts on the space of the symposium. In: Westgate (R.), Fisher (N.), Whitley (J.) dir., Building Communities: House, Settlement and Society in the Aegean and Beyond. London, British School at Athens, 2007, pp. 243-249.

Morris 1998: MORRIS (I.) – Remaining Invisible. The Archaeology of the Excluded in classical Athens. In: Joshel (S.R.), Murnaghan (S.) dir., Women and Slaves in Greco-Roman Culture: Differential Equations. London e New York, Routledge, 1998, pp. 193-220.

Nevett 1999: NEVETT (L.C.) – House and Society in the Ancient Greek World. Cambridge, Cambridge University Press, 1999.

Nevett 2007: NEVETT (L.C.) – Greek houses as source of evidence for social relations. In: Westgate (R.), Fisher (N.), Whitley (J.) dir., Building Communities: House, Settlement and Society in the Aegean and Beyond. London, British School at Athens, 2007, pp. 7-10.

Nevett 2009: NEVETT (L.C.) – Domestic Facades: a feature of Greek urban landscape? In: Owen (S.), Preston (E.) dir., Inside the City in the Greek World. Studies of urbanism from the Bronze Age to the Hellenistic period: Conference, Cambridge, May 2004. Oxford-Oakville, Oxbow Books, 2009, pp. 118-130.

Nevett 2010: NEVETT (L.C.) – Domestic Space in the Classical World. Cambridge, New York, Melbourne, Cambridge University Press, 2010.

Pesando 1989: PESANDO (F.) – La casa dei Greci. Milano, Longanesi & Co, 1989.

Pomeroy 1997: POMEROY (F.B.) – Families in Classical and Hellenistic Greece: Representations and Realities. Oxford, Clarendon Press, 1997.

Portale 2008: PORTALE (E.C.) – Cultura materiale e organizzazione degli spazi domestici. In: Himera V 2008, pp. 221-253.

Reber 1998: REBER (K.) – Die klassischen und hellenistischen Wohnhäuser im Westquartier. Lausanne, éditions Payot, 1998 (Eretria. Fouilles et Recherches X).

Reber 2001 : REBER (K.) – Entwicklungsstufen in der Grundriss-organisation griechischer Wohnhäuser. In: Karlsson (L.), Tomkinson (N.), Achar (E.) dir., From Huts to Houses. Transformations of Ancient Societies. Stockholm, Paul Åström Förlag, 2001, pp. 63-69.

Rotroff 1999: ROTROFF (S.I.) – How did pots function within the landscape of daily living? In : Céramique et peinture grecques : modes d’emploi. Actes du colloque international École du Louvre 26-28 avril 1995. Paris, La Documentation française, 1999, pp. 63-74.

Sanders 1990: SANDERS (D.) – Behavioral conventions and archaeology: methods for the analysis of ancient architecture. In: Kent 1990a, pp. 43-72.

Schiffer 1987: SCHIFFER (M.B.) – Formation Processes of the Archaeological Record. Albuquerque, University of New Mexico Press, 1987.

Sparkes 1962: SPARKES (B.A.) – The Greek Kitchen. JHS, 82, 1962, pp. 121-137.

Tsakirgis 2005: TSAKIRGIS (B.) – Living and Working around the Athenian Agora: A Preliminary Case Study of Three Houses. In: Ault (B.A.), Nevett (L.C.) dir., Ancient Greek Houses and Households. Philadelphia, University of Pennsylvania Press, 2005, pp. 67-82.

Tusa Cutroni 1976: TUSA CUTRONI (A.) – Le monete. In : Himera II 1976, pp. 705-780.

Vassallo 1997 : VASSALLO (S.) – Indagini in un quartiere della città bassa di Himera. In: Isler (P.H.), Käch (D.) dir., Wohnbauforschung in Zentralund Westsizilien (Zürich, 28. Februar 3. März 1996). Zürich, Archäologisches Institut der Universität, 1997, pp. 81-90.

Vassallo 2009 : VASSALLO (S.) – La colonia di Himera lungo le rotte dei commerci mediterranei. In : Panvini (R.), Guzzone (C.), Sole (L.) dir., Traffici, commerci e vie di distribuzione nel Mediterraneo tra Protostoria e V secolo a. C. Caltanissetta, 2009, pp. 149-157.

Vassallo 2010 : VASSALLO (S.) – Himera alla luce delle recenti indagini nella città bassa e nelle necropoli. Mare Internum, 2, 2010, pp. 45-56.

Notes

1 Belvedere, Epifanio 1976.

2 Belvedere, Epifanio 1976, pp. 247-251.

3 Ricordiamo tra i principali, oltre gli scavi di Himera, quelli di Naxos e di Camarina.

4 Belvedere 1976, pp. 577-594.

5 Belvedere 1976, pp. 582, 593-594.

6 Belvedere 1976, p. 586; Belvedere 1998, p. 129. Da qui il rifiuto di etichettare con nomi greci i diversi vani, posizione poi attenuata per quanto riguarda gli andrones, Belvedere 2005, p. 102.

7 Cioè, dalla building perspective alla dwelling perspective di Ingold 1995. L’esame più recente delle potenzialità e delle difficoltà di un approccio archeologico-funzionale è quello di Cahill 2010.

8 Sui problemi relativi alla edizione di scavi condotti alcuni decenni fa, si vedano soprattutto Ault 2005a, pp. 1-4 ; Nevett 1999, pp. 59-61 (a proposito di Olinto).

9 Come si va sempre più affermando negli ultimi anni, si veda per esempio lo scavo di Nea Halos, Haagsma 2010, pp. 26-27.

10 Per una analisi dei diversi contesti, Haagsma 2010, pp. 122-123, con ulteriore bibliografia.

11 Il riesame dei reperti è stato condotto, per la sua tesi di laurea, da V. Vassallo, cui si devono anche parte delle elaborazioni grafiche qui presentate.

12 Si è comunque deciso di esaminare anche i reperti di questi vani, pur in mancanza di evidenti associazioni, analizzando quelli rinvenuti immediatamente sotto lo strato di terreno agricolo e cronologicamente attribuibili alla seconda metà del V sec. a.C.

13 Haagsma 2010, pp. 32-34, 119; Cahill 2002, p. 62.

14 Per un problema simile, Fiedler 2005, p. 106.

15 Il trubo è una marna calcarea di colore biancastro che si presta, mescolata con argilla, ad essere stesa sui pavimenti per livellarli ed assolve anche la funzione di intonaco parietale.

16 In ogni caso, tuttavia, il livello pavimentale certo o presunto (testimoniato dalle tracce di trubo) è stato registrato nel giornale di scavo. Va, inoltre, considerata la possibilità, come vedremo, che alcuni reperti si trovino in deposizione secondaria, in seguito alla distruzione violenta della città.

17 Per il carattere diacronico dei contesti domestici, Ault 2005a, p. 11. Naturalmente il fattore di rinnovamento delle stoviglie può essere diverso per le varie categorie ceramiche, per cui questo intervallo cronologico, derivato dalla cronologia della ceramica fine da mensa, potrebbe allungarsi, sia pure non di molto.

18 Con una fronte sulla strada 2 di m 30,01 e una larghezza di m 15,45 ricopre un’area di 464 m2. I vani, compreso il cortile, sono quindici.

19 Con l’eccezione del tratto corrispondente al vano 44, in grandi blocchi poligonali.

20 Nevett 2009 ; Haagsma 2010, p. 117.

21 La pavimentazione di 35 è eseguita con ciottoli di dimensione maggiore e più strettamente connessi di quelli adoperati in 39.

22 Eisodos, piuttosto che prothyron, come era stato definito da noi. Per il termine, Hellmann 1994, p. 136.

23 Nevett 1999, p. 123. Non è pertanto esatto che tale planimetria non sia attestata in Occidente prima della metà del IV sec. a.C., come afferma Nevett 1999, p. 168.

24 Usuale a Himera, Belvedere 1976, p. 582.

25 Su questo problema, Nevett 1999, p. 50.

26 Per la funzionalità delle ceramiche ci si è riferiti principalmente a Bats 1999 e a Gassner 2003, pp. 102-110. Sulle informazioni che può dare la ceramica in contesti di vita quotidiana, Rotroff 1999.

27 Per esempio, Nevett 1999, pp. 41-50.

28 Nella fig. 5 presentiamo solo un piccolo esempio di queste elaborazioni statistiche, che sono numerose.

29 Tutto questo imponente lavoro statistico è frutto dell’impegno di V. Vassallo, ad eccezione dei grafici relativi al MNV, appositamente elaborati per questo lavoro.

30 Sanders 1990, pp. 58-63.

31 Nevett 1999, pp. 177-178.

32 Poco diffuse sono ad Himera le soglie architettonicamente rilevanti : non vi sono soglie monolitiche, eccezionali le soglie di lastrine di pietra, o pavimentale con ciottoli e tegole, Belvedere 1976, pp. 589-590.

33 Sanders 1990, p. 59.

34 Altri possibili segnali di limite, come quelli individuati da Sanders 1990, p. 65, non sono più percepibili a causa dello stato di conservazione delle strutture.

35 Sanders 1990, p. 59, individua in queste dimensioni lo spazio necessario per condurre una attività che comporti l’uso di uno strumento.

36 Sanders 1990, p. 59.

37 I limiti dell’analisi, dovuti al fatto che spesso non vengono scavati contesti di uso, ma di deposizione primaria o secondaria, o affetti da disturbo post-deposizionale, sono stati più volte discussi. La disamina più completa dei processi di formazione di un sito è quella di Haagsma 2010, pp. 126-146 ; v. anche Nevett 1999, pp. 57-58 ; Ault, Nevett 1999. Il quadro concettuale dipende da Schiffer 1987 e da La Motta, Schiffer 1999.

38 Associazione unica in tutta la casa. Cf. Ault 2005a, p. 51 nota 142.

39 Jameson 1990, p. 105.

40 Ai vasi a vernice nera vanno aggiunti altri trenta esemplari a bande. Da notare fra la ceramica da mensa, l’assenza di piatti, rinvenuti in abbondanza solo nel complesso 28-30.

41 Questa ipotesi sembrerebbe confermata anche dalla prevalenza di vasi decorati su quelli acromi (30+52/19).

42 Su un totale complessivo di 54 per tutta la casa.

43 5,22 % e 5,08 %, un valore abbastanza basso.

44 Solo il 4 % di tutta la casa.

45 Per i luoghi di rinvenimento delle macine ad Olinto e per la loro associazione con mortai di terracotta, Cahill 2002, pp. 165-167.

46 Probabilmente in 32, comunicante con 33.

47 6 pentole, 4 tegami, 1 olla.

48 Per l’uso generalizzato a Himera di fornelli e bracieri portatili, Portale 2008, p. 247. Va tuttavia notato che in tutto l’abitato della città alta, essi non sembrano molto diffusi, a giudicare dal numero dei rinvenimenti. Per esempio nello strato di distruzione del vano 45 del blocco 2 dell’Isolato II, i fornelli costituiscono meno dell’1% dei reperti. In generale sul carattere mobile degli utensili per cucinare, Foxhall 2007, in particolare p. 240. Sparkes 1962 è ancora oggi la migliore analisi funzionale dei recipienti per cucinare.

49 Belvedere 1976, pp. 588-589.

50 Ricordiamo che in 32 si può collocare una sola zona territoriale.

51 Per la possibilità che nei cortili si rinvengano per lo più contesti di uso secondario e di deposito, Cahill 2010, pp. 484-486.

52 Tenuto conto che da parte degli Imeresi non vi è stato nessun reale tentativo di rioccupare la città, l’attività secondaria di disturbo culturale non dovrebbe essere stata molto incisiva in tutto l’abitato. Durante lo scavo della casa non sono state notate tracce di tale attività. Per il problema, Allegro 1997, pp. 78-80.

53 Cahill 2002, p. 177 ; Haagsma 2010, p. 70. Questa ipotesi si deve a V. Vassallo.

54 Tuttavia, per la conservazione di derrate in un cortile (vano 45) dell’Isolato II, Amico 2008, p. 92.

55 Le hydriai vengono identificate di solito dagli orli e dai colli, per cui in qualche caso potrebbe trattarsi di un uso secondario, Cahill 2010, p. 487. La macina è comunque significativa.

56 È possibile, tuttavia, che alcuni orli di piatti siano stati confusi con quelli di coppe. Per la scarsità di piatti in confronto ai servizi per bere, nel cortile 45 dell’Isolato II, Amico 2008 fig. 31.

57 Diod. XIII 54-56.

58 Dem. Energ. 53.

59 È possibile che almeno alcuni vasi da cucina avessero anche altre funzioni, Haagsma 2010, p. 192.

60 Per askoi in contesto di deposito, Cahill 2002, pp. 112, 135.

61 Per una lekythos in contesto di deposito, Haagsma 2010, p. 164.

62 Sul problema, Belvedere 1976, p. 591 nota 141 e p. 586.

63 Nello strato di distruzione non si sono rinvenuti neanche frammenti di intonaco colorato, come in alcuni vani dell’abitato imerese, Belvedere 1976, p. 591. Per gli andrones della città bassa di Himera, Vassallo 1997, pp. 82-85. Per l’identificazione di ambienti di rappresentanza nell’Isolato II, Portale 2008, pp. 250-251; per andrones senza piattaforme Ault 2005a, p. 70. Non è, del resto, necessario per le riunioni conviviali uno spazio architettonicamente caratterizzato, Goldberg 1999, pp. 152-153. Per i luoghi del simposio, Lynch 2007; v. anche Nevett 2010, pp. 57-61.

64 E anche il frammento della vasca di un secondo louterion.

65 Considerando, come sempre, il MNV. Il valore è inferiore solo a quello del magazzino 37.

66 Il valore maggiore di tutta la casa.

67 Anche in questo caso si tratta del valore massimo della casa.

68 Certamente tutta questa ceramica è da attribuire alla fase finale di vita, dato lo stato di conservazione del pavimento.

69 A una porta sono invece attribuiti nel caso del vano 41 dell’Isolato II, anch’esso identificato come un possibile andron, Portale 2008, p. 237 nota 48, ma si deve notare che questo ambiente dà direttamente sul cortile. Per Halieis, Ault 2005a, p. 70.

70 Si tratta di un trias di Himera, Tusa Cutroni 1976, p. 751, n. 370.

71 Bergquist 1990, p. 37.

72 Nell’ipotesi che ogni letto potesse accogliere due persone, diciotto persone, che non è un piccolo numero.

73 Belvedere, Epifanio 1976, p. 355 e p. 356, n. 8, tav. LIX, 3-5. La presenza del louterion è attestata sia a Olinto, sia da Atene, ed è giustificata dalle pratiche igieniche e dalle abluzioni, che si facevano durante il pasto.

74 Vassallo 1997, p. 83.

75 Va segnalata anche una bella pisside a bande, rinvenuta inglobata nel battuto pavimentale, insieme con una larnax, Belvedere 1976, p. 248 nota 116. Per il loro ottimo stato di conservazione vanno considerate pertinenti all’ultima fase di vita del vano.

76 Haagsma 2010, p. 164.

77 Cahill 2002, pp. 181-182.

78 Lo scarto è più evidente per la ceramica da mensa a vernice nera : 8,8 % contro 3,73 % ; da notare l’unico piatto.

79 Sotto l’attacco dei Cartaginesi, molti abitanti del contado si rifugiarono in città, e quindi è probabile che siano state ammassate derrate alimentari per resistere a lungo all’assedio.

80 Infatti, il MNV calcolato è molto basso per tutte le categorie ceramiche, fatto che ovviamente distorce le nostre statistiche e i nostri calcoli percentuali nel loro complesso.

81 6,67 % nel solo vano 40, più che nel cortile.

82 Tusa Cutroni 1976, p. 752, nn. 372-374. Si tratta di due hemilitra e di un trias.

83 Gli altri due sono stati rinvenuti in 29 e 30.

84 L’altro è in 37. Da notare che a Nea Halos, questo vaso è stato rinvenuto in associazione con lekanides e chytrae, Haagsma 2010, pp. 154, 198.

85 Un’altra è stata rinvenuta in 44. Altre tre in 29 e 30 e solo altre cinque in tutto il resto della casa.

86 Nell’insieme la percentuale totale è significativa : 9,15 %, di poco inferiore al totale dei vani 28 e 29.

87 Nevett 1999, p. 187, per l’associazione a Himera della lekythos con vasi da toeletta. Il rinvenimento di tre grandi recipienti di forma aperta in 40 e 41 è compatibile con questa attività, Haagsma 2010, p. 217.

88 I pasti erano generalmente quattro : la colazione (akratismos), il pranzo (ariston), una merenda pomeridiana (hesperisma) e la cena (deipnon). Il primo e il terzo potevano farsi nel grande vano polifunzionale.

89 Belvedere 1976, p. 583.

90 Portale 2008, pp. 246-247.

91 Hoepfner, Schwandner 1994, p. 323; Hoepfner 1999, pp. 337, 374-377. Sul problema, v. anche Reber 1998, 2001.

92 Belvedere 2000.

93 Belvedere 2000, pp. 59-60, sia pure dubitativamente. Per un esempio tardo-arcaico a Himera, Portale 2008, pp. 230-232.

94 Ault 2005a, pp. 66-67, preferisce giustamente il termine “transverse hall”, ma poi cerca di identificare in alcuni vani la pastas e la prostas; Haagsma 2010, pp. 56, 63, 70, utilizza il termine per indicare un lato del cortile che potrebbe essere stato coperto da una tettoia, tuttavia senza che ci siano evidenze di un porticato. Il termine oikia pastada (casa a pastas) ricorre solo in una iscrizione di Camarina e si riferisce senza dubbio a una abitazione con un portico colonnato sul cortile, Hellmann 1994, p. 143.

95 Già evidenziati da V. Vassallo.

96 Pomeroy 1997, pp. 18-19.

97 Per i diversi tipi di riunioni, più o meno formali, che potevano avvenire in diversi luoghi della casa, Nevett 2010, pp. 61-62.

98 Molti studiosi, per esempio Cahill 2002, pp. 202-204 ; Haagsma 2010, p. 117, hanno fatto notare che la medesima ampiezza della parte della casa che dà sulle strade, presuppone collaborazione nella costruzione dei tetti, così come nella costruzione di muri divisori trasversali tra abitazioni contigue. Si è anche supposto che l’assegnazione dei lotti venisse fatta rispettando le suddivisioni del corpo civico, come le fratrie (attestate a Himera) o per gruppi uniti da vincoli di parentela, Cahill 2002, p. 221. In generale, Pomeroy 1997, pp. 17-19.

99 Goldberg 1999, passim, in particolare pp. 154-155.

100 Per i limiti delle categorie oppositive, Allison 1999a, pp. 9-10; Goldberg 1999, pp. 154-156 .

101 Anche i bambini, come gli schiavi, sono un gruppo “invisibile”. Nella nostra casa non si sono rinvenuti nemmeno dei giocattoli, come altrove a Himera, ma non ne dedurremo l’assenza dei piccoli nella famiglia, per l’ovvio motivo che noi rinveniamo i giocattoli di terracotta, ma non quelli di legno, di pezza o di altro materiale deperibile.

102 La diffusione della schiavitù e l’incidenza ad Himera del numero degli schiavi domestici è un argomento di difficile soluzione, su cui la ricerca archeologica, come è noto, può dare solo risposte limitate, data l’invisibilità degli schiavi nelle dimensioni architettoniche e nella cultura materiale, Morris 1998. I recenti scavi della necropoli occidentale sembrerebbero dimostrare la presenza di sepolture schiavili, Vassallo 2010, pp. 51-52. Per il tentativo di identificare la presenza degli schiavi (e in parallelo dei poveri e degli emarginati) nelle case e nelle città greche, Ault 2005b.

103 La trasformazione dei prodotti agricoli, il trasferimento delle derrate dai magazzini ai grandi contenitori rinvenuti nel vano è probabile fossero eseguiti sotto la supervisione della padrona di casa dai membri femminili più giovani della casa o dalle schiave.

104 Pesando 1989, pp. 113-114 ; 155-157.

105 Significativamente questa stanza è provvista di una porta che si può chiudere a chiave. Anche questo particolare la connota come domation/thalamos. Per il passo Lisia I, 11-12.

106 Per le dimensioni 43 o piuttosto 42, dove non è posizionabile alcuna sub-zona territoriale.

107 Sull’economia domestica, Ault 2007.

108 Per il rinvenimento di gruppi di pesi da telaio a Himera, Belvedere 1976, p. 244 (gruppo di 25 pesi di forma tronco-piramidale nel vano VI 25 trovati all’interno di uno spesso strato di bruciato, probabilmente i resti del telaio) ; Portale 2008, pp. 243-245. Il fatto che i pesi da telaio abbiano lo stesso peso non è un ostacolo alla loro effettiva funzionalità, Haagsma 2010, p. 205, in quanto l’uso di pesi diversi dipende dal tessuto che si vuole realizzare.

109 Cahill 2002, pp. 227-230 per le capacità di immagazzinamento delle case di Olinto; Haagsma 2010, pp. 184-190 per Nea Halos.

110 Cahill 2002, pp. 169, 233.

111 Cahill 2002, p. 225 ; da qui la necessità di abbinare agli scavi della città la prospezione del territorio, Haagsma 2010, p. 176.

112 Himera III.1-2, 1988-2002.

113 Belvedere 2001, pp. 719-732.

114 Due, un numero comunque significativo.

115 Il commercio “estero” di Himera, sia transmarino, sia con l’entroterra, è ben attestato dalle anfore da trasporto, Vassallo 2009.

116 Il rinvenimento di vasi di bronzo nell’abitato di Himera è molto raro. Più comuni i piccoli oggetti, come fibule, anellini ecc.

117 Vassallo 1997, p. 84, attribuisce la presenza di questi andrones nella città bassa a differenze di potere economico e status sociale.

118 Kent 1990b.

119 Ault 2005a, pp. 68, 76, per Halieis; Haagsma 2010, p. 201, per Nea Halos.

120 Belvedere 1976, p. 591.

121 Ma cronologicamente più recenti, come quelle di Halieis, o di Atene.

122 Alcuni dei quali, tra l’altro, messi in relazione con l’affermarsi della democrazia, che ad Himera non prevalse mai.

123 In questa ottica, si potrebbe osservare che il numero degli andrones della città bassa (tre in un’area ristretta, di cui due pertinenti a un solo complesso) potrebbe fare pensare che siano pertinenti a luoghi di riunione collettiva, più che ad abitazioni domestiche. V. anche Portale 2008, p. 245, per la città alta.

124 In questo senso è quindi accettabile la lettura di Portale 2008, pp. 252-253, delle sale di rappresentanza individuabili anche nell’Isolato II, come luoghi di riunione del “mondo delle aggregazioni parafamiliari cui partecipa il padrone di casa”.

125 L’analisi più recente è quella di Tsakirgis 2005.

126 Hoepfner, Schwandner 1994, pp. 38-43; Hoepfner 1999, pp. 217-221. I due autori individuano al Pireo una casa-tipo a prostas, che viene meccanicamente moltiplicata per tutti gli isolati e riferita alla pianificazione ippodamea.

127 Pesando 1989, pp. 102-109.

128 In Attica e quindi probabilmente anche ad Atene, testimoniate alla fine del V sec. a.C. dalla Dema House.

129 Belvedere 2000 ; Portale 2008, pp. 246-249 ; Harms 2010.

130 Himera è una polis, di cui, grazie a decenni di scavi e ricerche, conosciamo approfonditamente le aree pubbliche, l’abitato, le necropoli e il territorio, un caso eccezionale nel panorama delle indagini archeologiche sulle città greche.

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Himera. Veduta aerea degli isolati I-III.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 992k
Titre Fig. 2. Planimetria dell’abitazione VI 5.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 912k
Titre Fig. 3. Muro di facciata dell’abitazione sulla strada 2 in blocchetti squadrati.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-3.png
Fichier image/png, 2,1M
Titre Fig. 4. Veduta del cortile (35/39). In primo piano il vano 37 e sullo sfondo il complesso dei vani 28-30.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-4.png
Fichier image/png, 1,6M
Titre Fig. 5. MNV in percentuale per categorie ceramiche e per vano.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-5.png
Fichier image/png, 373k
Titre Fig. 7. Coni di visibilità e aree di attività all’interno dell’abitazione.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 836k
Titre Fig. 8. Ricostruzione esemplificativa in 3D della casa e visibilità dalla strada verso l’interno.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 968k
Titre Fig. 9. Veduta da Ovest del vano 38 e del vano 37 (sullo sfondo). Lekane nel vano 37.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-8.png
Fichier image/png, 4,6M
Titre Fig. 10. Andrones (Isolato Ouest, I ; Isolato Est, VIII, X) nella città bassa di Himera.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-9.png
Fichier image/png, 378k
Titre Fig. 11. Base di louterion e fondo e coperchio di pithos sul pavimento di 30.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-10.png
Fichier image/png, 1,7M
Titre Fig. 12. Percorso “pubblico” e percorso “privato” all’interno dell’abitazione.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/4006/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 494k

© Publications du Centre Camille Jullian, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Open access

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search