Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Grecs et indigènes de la Catalogne à la mer Noire

 | 
Henri Tréziny

Chapitre 1. Grecs et indigènes autour d’Himère

3. Contatto culturale e interrelazioni tra Greci e indigeni nel territorio di Himera

Oscar Belvedere

Résumé

The aim of this work is to discuss interrelations and cultural contacts between the Greek colonists of Himera and the native peoples and communities in the chora of the colony, mainly going up the three valleys of the Northern Imera, Torto and San Leonardo rivers and the hilly watershed area between the Northern Imera and the Southern Imera River.
The intensive and systematic survey of all these areas allowed us to connect settlements with their surrounding areas and to identify a sequence of districts (Serra di Puccia, Terravecchia-Tutusino on the Imera ; Mura Pregne, Colle Madore on the Torto ; Cozzo Sannita, Pizzo Pipitone on the San Leonardo river), identified not only on geomorphologic and landscape features, but also in connection with population distribution. This different landscape perception allows us to drop out the notion of “inland penetration” by the colonists, meant as a gradual growth of territorial power, associated to an acculturation policy (“hellenization”) of the native populations, and consequently to avoid the centre-periphery approach. GIS can be of the greatest utility in this new perception, to understand as the past communities build up over time their cultural landscape, not only the landscape of settlement, but also the sacred landscape and the landscape of power. Intervisibility analyses help us to reconstruct land control systems, settlement hierarchies and relationships between settlements and rural sanctuaries. The sacred landscape also can be investigated analyzing relationships, within every district, among settlements and rural sanctuaries and among the rural sanctuaries themselves. Artifacts can be viewed as proof of trades or people movement, but also as cultural media between different communities. Cultural contacts can be reconstructed by the study of refunctionalization processes in architecture and the transmission of craft techniques, as the building at Colle Madore of a sacellum of Greek type testifies.

Entrées d'index

Géographique :

Himère

Texte intégral

  • 1 Himera III.1 ; Himera III.2 ; Burgio 2002.
  • 2 Questa area della ricerca è stata di recente pubblicata da D. Lauro, Lauro 2009.

1La prospezione archeologica del territorio imerese ha interessato le valli dei fiumi Imera settentrionale (alla cui foce sorge la colonia greca), Torto e S. Leonardo, che costituiscono le principali vie di comunicazione dalla costa verso l’entroterra (fig. 42) 1. La prospezione è stata condotta con metodo intensivo e sistematico nell’area tra l’Imera e il Torto, immediatamente alle spalle della città  ; tra l’Imera e il torrente Roccella, a Est della colonia  ; nella bassa valle del Torto e nella media valle del S. Leonardo, ad Ovest 2  ; e ancora sul versante occidentale dell’Imera e nell’area di spartiacque tra quest’ultimo e il Salso. Si è scelta invece una strategia probabilistica per le zone più alte della bassa valle dell’Imera, coperte da macchia e bosco, mentre con una prospezione finalizzata sono state esplorate le aree emergenti lungo la media e alta valle del fiume, alla ricerca dell’insediamento stabile. In realtà ben presto, anche in questa zona, abbiamo ritenuto indispensabile non limitarci alla prospezione finalizzata, e necessario utilizzare ancora una volta il metodo intensivo per indagare la campagna circostante gli insediamenti di altura individuati.

Fig. 42. Il territorio di Himera.

Fig. 42. Il territorio di Himera.

2Questo approccio ha permesso di mettere in relazione gli insediamenti con le aree circostanti e ha portato all’individuazione di una serie di comprensori (Serra di Puccia, Terravecchia-Tutusino sull’Imera  ; Mura Pregne, Colle Madore sul Torto  ; Cozzo Sannita, Pizzo Pipitone sul S. Leonardo), individuati non solo sulla base di caratteristiche geomorfologiche e paesaggistiche, ma anche in rapporto alla distribuzione del popolamento.

3E’ cambiata quindi la nostra percezione del paesaggio dell’éremos chora, non più sentito come una serie di valli fluviali dominate da insediamenti posti sulle cime più alte, in favore di una visione più articolata  : il territorio è costituito da una serie di comprensori, ciascuno dei quali costituisce un sistema funzionale e gerarchico di insediamento, che comprende un sito dominante, posto a controllo dell’area, abitati minori a controllo delle vie di accesso e dei percorsi che seguivano la valle, e una campagna popolata in forme diverse (permanenti e stagionali).

  • 3 Burgio, Himera III.2, 170-176 ; Burgio 2002, 145-149.
  • 4 Burgio, Himera III.2, 171 ; Burgio 2002, 174-177.

4Prendiamone in esame alcuni, a cominciare da Serra di Puccia (fig. 43). Il massiccio è delimitato su tre lati dalle alte balze rocciose denominate sul lato ovest la Serra, Fili di Paolazzo su quello nord e Fili di Puccia sul lato occidentale e chiuso a Sud dalle alte colline poste tra l’estremità meridionale della Serra e il Cozzo Puccia, che culminano a q. 1005. Le due cime eminenti, Serra di Puccia e Cozzo Puccia (entrambe a una quota intorno ai 1050 m s.l.m.) sono occupate da abitati. Il principale per estensione, situazione morfologica, presenza di una cinta muraria, è certamente il primo, che domina l’ingresso da NO, tra la Serra e i Fili di Paolazzo  ; mentre il secondo è posto a controllo di quello a NE, alla testata del vallone Stretto di Puccia, e dell’accesso da SE, tra q. 1005 e le propaggini del Cozzo 3. Il sistema è attraversato da due percorsi naturali, uno in direzione NO-SE, che dal Cozzo Vurrania raggiunge la testata del vallone Susafa e, attraverso la Portella del Vento, il vallone Tudia e il Passo di Landro, dominato dai centri di Tutusino e Terravecchia di Cuti, si spinge verso l’alta valle del Platani e l’area di spartiacque tra quest’ultimo e il Salso-Imera meridionale, e l’altro in direzione NE-SO, che collega l’area delle Madonie con la stessa valle del Platani, e, tramite Verbumcaudo, con Vicari e Castronovo 4. Su piccole terrazze ai margini del massiccio o sui pendii ai suoi piedi, a distanze comprese tra 1,5 e 3 km, sono stati rinvenuti insediamenti rurali a carattere permanente o stagionale, segno evidente delle attività umane sulle aree più favorevoli all’agricoltura, sia dal punto di vista morfologico, sia da quello della pedologia (contrade Puccia e Susafa  : Burgio 2002, 146).

Fig. 43. I comprensori di Serra di Puccia e di Tutusino-Terravecchia. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.

Fig. 43. I comprensori di Serra di Puccia e di Tutusino-Terravecchia. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
  • 5 Perché obliterata dalla fase finale di fine IV-inizi III a.C. Su Tutusino, Epifanio 1982 ; Vassallo (...)

5Un sistema comprensoriale unico è anche quello di Tutusino-Terravecchia di Cuti (fig. 43), il cui centro principale è senza dubbio l’abitato sul Cozzo Terravecchia, di cui l’abitato sul Monte Tutusino, la cui esatta consistenza in età coloniale non è ancora ben definibile 5, sembrerebbe costituire un avamposto, a controllo della via NO-SE, che abbiamo ricordato. L’insediamento di Monaco (Vassallo 1990, 79-85), sulla via che conduce all’attraversamento del fiume Salso, sembra completare verso Est il controllo dei percorsi viari e del territorio. Anche qui il popolamento rurale si dispone nelle zone più adatte alle attività agricoli, in contrada Ciampanella a Nord di Tutusino e a Sud di Terravecchia all’Orto della Cuti e all’Orto dello Scorsone, contrade fertili e ricche di acqua (Burgio 2002, 151-153). Poco più a SE altre tracce di attività umana sono state rilevate attorno al Monte Chibbò (Vassallo 1990, 90-111), che potrebbe essere il centro di un sistema simile.

6Passando alla valle del Torto, un sistema di insediamento gerarchico ancora più complesso appare quello del Monte S. Calogero, che è stato studiato da Rosa Maria Cucco (Cucco 2003-2004). Anche in questo caso troviamo un insediamento di altura (Monte Presepio), posto a controllo del Monte S.Calogero e del suo retroterra, in stretto collegamento con il sito principale (Mura Pregne)  ; un posto di vedetta ad alta quota (m 1300, UT 168) e una serie di insediamenti rurali e tracce di attività, che si collocano sia a mezza costa su terrazzi naturali, sia in posizione aperta, sui pendii che scendono verso il fiume.

  • 6 Sul comprensorio del Madore, Giordano, Valentino 2004, 12, 16 ; Colle Madore, 15-22.

7Sull’alta valle dello stesso fiume, recenti indagini permettono di ricostruire il comprensorio di Colle Madore (fig. 44). Questo sito sullo spartiacque tra il Torto e il Platani fronteggia il Cassaro, abitato ben noto, considerato generalmente il centro fortificato più importante dell’alto Platani (Villa 1997). Ai piedi del Madore, le ricognizioni archeologiche hanno individuato in contrada Savochetta tracce di attività umana, ed altre sono state rinvenute in contrada Immordino, ai piedi del tavolato inclinato su cui sorge il vicino paese di Lercara Friddi. Altri rinvenimenti sul Cozzo Fa e sulle pendici del Cozzo Todaro (necropoli con tombe a fossa) e il piccolo sito di Cozzo Babaluceddu, ai piedi della Cassaro, fanno intuire un sistema di controllo della zona, fatto di centri eminenti, centri minori e punti di vedetta non dissimile da quello che abbiamo analizzato sullo spartiacque tra Imera settentrionale, Salso e Platani, tenuto conto anche che il Cozzo Fa controlla la testata del vallone Riena, che tramite il fiume della Margana permette di raggiungere l’alta valle del S. Leonardo 6. Anche la media valle di quest’ultimo corso d’acqua dopo le nostre ricerche risulta divisa in comprensori diversi, strettamente connessi tra di loro e controllati dal centro sul Pizzo di Ciminna, che sembra svolgere un ruolo gerarchico superiore (fig. 45) (Lauro 2009).

Fig. 44. Il comprensorio di Colle Madore. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.

Fig. 44. Il comprensorio di Colle Madore. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.

Fig. 45. Analisi di intervisibilità tra i centri della media valle del S. Leonardo. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.

Fig. 45. Analisi di intervisibilità tra i centri della media valle del S. Leonardo. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
  • 7 Lightfoot, Martinez 1995, 471-474. Con ciò non vogliamo dire che questa ottica non possa essere u (...)

8Questa differente percezione del paesaggio implica l’abbandono del concetto di “penetrazione nell’entroterra” da parte dei coloni, inteso come progressiva espansione di dominio, che si accompagna a una parallela acculturazione (in senso coloniale di “ellenizzazione”) degli indigeni e di conseguenza dell’ottica “centro-periferia” 7. Ciò comporta senza dubbio la necessità di ricorrere sempre più a tecniche intensive e sistematiche di prospezione archeologica e alla programmazione di indagini di archeologia dei paesaggi, le sole che possano permetterci di ricostruire in maniera dettagliata il rapporto tra le comunità umane, il territorio e l’ambiente.

  • 8 Per l’utilità e i limiti di questa analisi Wheatley 1995 ; Wheatley, Gillings 2000, in particolar (...)

9In questo approccio di particolare utilità possono essere i sistemi informativi territoriali, che ci aiutano a comprendere come le comunità del passato costruissero e percepissero i paesaggi culturali, non solo il paesaggio insediativo, ma anche quello della sicurezza o il paesaggio sacro. Le analisi di intervisibilità 8 all’interno degli elementi che costituiscono ciascun comprensorio, ovvero anche tra i diversi comprensori, aiutano a ricostruire i sistemi di controllo del territorio, a identificare i ruoli gerarchici degli insediamenti, a ricostruire il rapporto di questi ultimi con i santuari rurali.

  • 9 Si veda per esempio, Burgio, Himera III.2, 170-171, 176.

10Nell’individuare il ruolo degli insediamenti nel controllo del territorio, le analisi di intervisibilità fanno entrare in gioco non solo i centri maggiori, ma anche i punti di vedetta, che costituivano i nodi di interconnessione tra i capisaldi di tale sistema (fig. 45-46) 9. E’ chiaro che una simile indagine ci obbliga a stabilire una inequivocabile gerarchia tra i centri, gerarchia spesso adottata nei nostri studi in maniera intuitiva. Sarebbe necessario che tra gli studiosi ci si trovasse d’accordo su una serie di parametri univoci per determinare la collocazione gerarchica di un insediamento (per esempio, la presenza di una cinta muraria, di aree funzionali, di edifici sacri), perché solo in questo modo sarà possibile effettuare analisi spaziali realmente significative e comparabili tra di loro.

Fig. 46. Analisi di intervisibilità tra i principali insediamenti delle valli dell’Imera settentrionale e meridionale. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.

Fig. 46. Analisi di intervisibilità tra i principali insediamenti delle valli dell’Imera settentrionale e meridionale. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
  • 10 Per esempio, Veronese 2006, 540-544 ; Veronese 2000, 255-269, per il territorio di Gela. In general (...)
  • 11 Epifanio 1980 ; Epifanio Vanni 1988-1989 ; Epifanio-Vassallo 1984-1985.
  • 12 Burgio, Himera III.2, 217 ; Burgio 2002, 145.

11Anche lo spazio religioso finora è stato esaminato per lo più nell’ottica centro-periferia, per capire il rapporto tra colonia e territorio nella sfera del sacro 10  ; adesso queste relazioni vanno analizzate all’interno del territorio, sia nel rapporto tra centri e piccoli santuari rurali, sia tra santuari posti all’interno degli insediamenti e santuari dispersi nelle campagne, sia fra questi ultimi tra di loro, e anche in rapporto con il popolamento del territorio (fig. 47). E’ ben nota, per esempio, la presenza nelle campagne di santuari periferici, posti a breve distanza da abitati importanti. Per limitarci all’area che ci interessa più da vicino, possiamo ricordare quello di Terravecchia di Cuti, che si trova a un solo chilometro in linea d’aria dall’insediamento 11, o quello individuato dalla prospezione ai piedi del rilievo di Cozzo Tutusino (Burgio 2002, 150), o un altro ancora, la cui presenza è ipotizzata a breve distanza dalla cinta muraria di Serra di Puccia 12, cui fanno da riscontro le aree sacre individuate o ipotizzate all’interno degli stessi abitati.

Fig. 47. Analisi di intervisibilità tra i centri di Terravecchia di Cuti e di Cozzo Tutusino e i rispettivi santuari periferici.

Fig. 47. Analisi di intervisibilità tra i centri di Terravecchia di Cuti e di Cozzo Tutusino e i rispettivi santuari periferici.
  • 13 Whitehouse, Wilkins 1995, 114 ; Belvedere 2001, 745 (con ult.bibl.).
  • 14 Morgan 1999, 129. In generale per i santuari nella chora di Metaponto, Carter 1994, 168-183.
  • 15 Per i caratteri di questi rapporti di scambio, Whitehouse, Wilkins 1995, 114-116 ; Albanese 1996, 1 (...)
  • 16 In realtà il problema va visto anche in relazione al culto praticato e quindi in rapporto al gruppo (...)
  • 17 Belvedere 2001, 746-747 e nota 191 ; Burgio 2002, 150.
  • 18 Polignac 1994, in particolare 15-18.
  • 19 Si tratta di una indagine ancora da affrontare in dettaglio, Albanese 1999, 347.
  • 20 De Miro 1988 ; Vassallo 1999, 24-29 ; Albanese 2003, 211-212, 216-217.
  • 21 Colle Madore, 29-58 ; Belvedere 2001, 738-743.
  • 22 Calderone 1996, 79-82, 87-88 ; In generale su Monte Saraceno, v. anche Calderone 1999.
  • 23 De Miro 1983, 336-342 ; Mollo Mezzena 1993 ; Albanese 2003, 213-214.
  • 24 Si tratta di un fenomeno ben noto ; ci limitiamo a citare, Albanese 1999, 349-352 ; Antonaccio 2001 (...)
  • 25 Belvedere 2001, 738-739 ; Albanese 2003, 213.

12E’ noto il valore dei santuari rurali come luogo di incontro e interazione, ma anche di affermazione della propria identità da parte dei coloni, come fa pensare il carattere esclusivamente greco delle offerte votive 13, che contrasta con la cultura materiale mista, greca e indigena, degli abitati. Cultura materiale omogenea, in santuari che vanno visti anche, come è stato supposto per Metaponto 14, come frutto dell’iniziativa di gruppi gentilizi che in tal modo gestivano rapporti di mediazione e di scambio con gli indigeni 15. Insistere quindi sul predominante carattere greco della cultura materiale della maggior parte di essi, non vuol dire che non fossero frequentati anche dagli indigeni 16, né va trascurata la diacronia (Asheri 1988, 10-12), in quanto l’arco cronologico compreso nel V secolo del più noto fra tutti, quello di Cuti, lo inserisce in una fase di rinnovata attenzione delle colonie greche, Himera e Agrigento, per l’entroterra, che poteva esprimersi anche come presenza visibile e riconosciuta dei coloni nella chora lontana 17. Vogliamo, pertanto, affermare che i caratteri di mediazione, competizione e affermazione di sovranità, espressi dai santuari rurali, che il Polignac ritiene di poter individuare anche in ambito coloniale 18 si possono, come è ovvio, identificare nelle zone oggetto dei nostri studi, anche a prescindere dagli aspetti strettamente connessi alla cultura materiale. Né va dimenticato il ruolo che svolgevano in questo senso 19 le aree sacre all’interno dei principali insediamenti dell’entroterra (per esempio quelle di Polizzello, Madore, Sabucina, per limitarci alle più vicine e meglio conosciute). Le due aree sommitali di Polizzello e Madore 20 con le loro strutture circolari di tradizione locale sembrano mantenere tra VII e VI secolo un forte carattere conservativo, ben diverso dal complesso fenomeno di interazione testimoniato dal sacello sul pendio meridionale di Madore 21, ovvero da quello nell’area sacra dell’isolato A2 di Monte Saraceno 22, come anche dall’area sacra fuori le mura di Sabucina che presenta l’abbinamento di forme architettoniche duplici, capanne circolari e oikos rettangolare 23. Naturalmente ciò non va interpretato nel senso di un processo di acculturazione, che agisce in maniera più forte in alcune località rispetto ad altre  ; mette in rilievo, piuttosto, la complessità di questi fenomeni di interazione, che implicano comportamenti diversi all’interno delle comunità autoctone (Lightfoot, Martinez 1995, 485-486), testimoniando anche la differenziazione in gruppi sociali della società indigena 24, che poteva esprimersi in forme oppositive di reazione, a difesa di una identità che si sentiva minacciata 25.

  • 26 Su questi aspetti alcune osservazioni già in Belvedere 2001, 744-745 (con ult. bibl.) ; Burgio 2002 (...)

13Ricostruire il paesaggio e lo spazio religioso in queste contrade, significa pertanto eseguire analisi di intervisibilità (fig. 47) con l’aiuto degli strumenti informatici, ma pure studiare la collocazione dei santuari rispetto agli insediamenti, alla viabilità e la loro distribuzione sul territorio, anche su diversi livelli spaziali, infracompresoriali, ma pure intercomprensoriali e interterritoriali, essendo la scala dell’indagine, come tutti sappiamo bene, potenzialmente genesi di informazioni diverse. E studiare inoltre come si collocano in rapporto al popolamento rurale e ai segni di attività umana, ma anche all’ambiente e alle risorse, una indagine che può gettare luce anche sui culti praticati e sulla loro origine, essendo i santuari dedicati a divinità diverse, Demetra e Kore, signore dei campi, o Artemide, dea dell’incolto e della caccia 26.

  • 27 Albanese 1996 ; Albanese 1997.
  • 28 Per una analisi di questi due aspetti della distribuzione dei reperti nella valle dell’Imera, Burgi (...)
  • 29 Tardo 2006. Il problema è stato oggetto della tesi di dottorato di ricerca di V. Tardo, dal titolo (...)
  • 30 Per l’approccio funzionale nello studio delle ceramiche, Ruby 1993 ; Bats, D’agostino 1999 ; Djindj (...)
  • 31 Sono questi processi ben noti in contesti di interazione culturale. Per l’esame dettagliato dei div (...)
  • 32 Albanese 1999, 345 ; Antonaccio 2004, 73. Per la valle dell’Imera settentrionale v. nota 28 ; per l (...)

14Su diversi livelli può essere indagato anche lo spazio economico di un comprensorio o di un insediamento, tramite analisi costi-superficie nel suo rapporto con l’ambiente e le risorse, ovvero tramite lo studio della distribuzione dei beni e dei manufatti. Questi ultimi sono stati generalmente utilizzati come testimonianza di processi di scambio 27 o come prova dello spostamento di persone e gruppi umani 28, ma i manufatti possono essere anche visti come mediatori culturali tra comunità diverse. Una indagine da questo punto di vista per il territorio imerese, i cui risultati sono stati da noi presentati in forma preliminare 29, mette in rilievo come insieme con i fattori comunemente utilizzati nello studio delle ceramiche, produzione, distribuzione e circolazione, importanti indicazioni possano dedursi dallo studio delle associazioni e dall’analisi del consumo, ovvero dei modi d’uso e della varietà degli usi possibili di un oggetto o di un gruppo di oggetti 30, che sono legati al ruolo che essi rivestono nella società che li utilizza. Se ne è dedotto che quando produzioni coloniali e/o imeresi affiancano o sostituiscono quelle indigene, le diverse classi ceramiche testimoniano sia processi di interscambiabilità tra forme diverse ma di uso equivalente, sia un cambiamento nei modi di preparazione e consumo del cibo da parte della popolazione autoctona, sia in altri casi la rifunzionalizzazione di alcune forme, inserite in modelli culturali di matrice indigena 31. Ma questa stessa analisi può aiutarci a comprendere meglio i circuiti di scambio e a riconoscere il ruolo che alcuni centri svolgevano nella distribuzione secondaria dei manufatti di produzione coloniale, ma probabilmente anche in quella di alcune produzioni locali 32. E ci conferma anche con lo studio delle associazioni, oltre che della circolazione dei manufatti, la realtà della nostra distinzione tra chora politiké, area direttamente controllata dalla città e oggetto nel V secolo di un diffuso popolamento disperso, dalla éremos chora, area dell’interazione e del contatto culturale.

  • 33 Per l’architettura utili indicazioni in Reid, Lane, Segobye 1997, in particolare 370-372, 385-389.
  • 34 Burgio, Himera III.2, 215-216.
  • 35 Antefisse a palmetta pendula e a maschera silenica, presenti a Madore e a Serra di Puccia, Epifanio (...)
  • 36 Sul problema ci limitiamo a rimandare a Belvedere 2001, 738.

15Processi di rifunzionalizzazione possono essere letti anche nell’ambito dell’architettura 33. E’ stata infatti notata la presenza di edifici e l’adozione di tecniche edilizie di matrice greca sia a Serra di Puccia 34, sia in altri insediamenti del nostro territorio. In questo quadro ci sembra opportuno sottolineare la diffusione capillare nella valle dell’Imera e in quella del Torto di elementi di copertura di tipo ellenico, sia solenes (in prevalenza), sia kalypteres, sia in maniera più limitata con funzione decorativa (antefisse) 35, quasi esclusivamente di produzione imerese, che sono testimonianza della trasmissione di tecniche artigianali di progettazione e montaggio dei tetti, e anche della presenza di maestranze greche (imeresi) nei casi più complessi, come la costruzione a Madore, ma anche altrove probabilmente, di sacelli di tipo greco 36. Si tratta di un fenomeno che ha grande importanza nell’ambito dei contatti tra culture differenti  ; va sottolineato tuttavia che l’origine imerese di questi manufatti indica che i coloni trasferirono probabilmente le tecniche di assemblaggio, ma non i modi e i metodi di produzione, che rimasero loro monopolio.

16Molto differente ci appare, invece, la situazione nella media valle del S. Leonardo (Lauro 2009, passim ), dove la limitata presenza di solenes, di produzione locale a giudicare dall’impasto e dalla tecnologia di cottura, lungi dal dimostrare una particolare abilità degli artigiani del luogo, indica piuttosto l’assenza di maestranze imeresi operanti all’interno dei centri indigeni, come a Serra di Puccia o a Colle Madore.

  • 37 Dunst 1972.
  • 38 Jourdain-Annequin 1992.
  • 39 E che continuano a venerare dopo il rientro in patria. Panthys è infatti un nome tipicamente ionico (...)
  • 40 Il termine synoròntes implica il controllo militare di una località nella éremos chora, Dunst 1972, (...)

17Queste ultime osservazioni sulla cultura materiale ci permettono di sottolineare la diversità delle forme di contatto tra coloni e popolazione indigena. E’ ormai chiaro che nel contatto tra i due gruppi non ci si deve aspettare un comportamento sempre uniforme nello spazio e nel tempo, ma soggetto a diverse variabili, sia territoriali, sia economiche, sociali, politiche e diacroniche. In primo luogo la posizione reciproca tra le comunità e la distanza tra di esse, perché centri e aree interne dell’isola evidentemente non sono entrati in relazione con le colonie greche allo stesso modo e nello stesso momento. Poi i fattori demografici, poiché il bisogno di manodopera da impiegare nei campi obbligava, almeno in alcuni casi, le colonie a una decisa pressione, anche demografica, sugli indigeni  ; e i fattori economici, cioè la maggiore o minore appetibilità delle risorse disponibili. Infine la strutturazione più o meno forte delle comunità locali, sia in senso identitario, sia nelle capacità delle loro élites di stabilire relazioni personali e alleanze (anche matrimoniali) con i coloni. Relazioni non sempre univoche, ma che potevano variare in rapporto alla complessità delle società coloniali e indigene. Se è vero che i rapporti tra società diverse sono di fatto rapporti di potere, è altrettanto vero che essi sono anche rapporti tra gruppi, persone e ceti sociali, e gli uni e gli altri possono non essere stati sempre gli stessi tra tutti i gruppi e tutte le comunità. Così per rimanere nell’ambito del territorio “imerese”, la nota iscrizione di Samo ci documenta un momento di conflittualità tra Greci e indigeni 37 (o tra certi Greci e certi indigeni), mentre la costruzione del sacello di Madore ci testimonia un fenomeno di interazione in cui una componente greca e una élite locale interagiscono nella sfera religiosa (e non solo), con un risultato che sembra di facile lettura, ma che in realtà è carico di significati incerti. Ma la stessa iscrizione di Samo è una dedica a Leukaspis, un eroe sicano, che un Eracle conflittuale elimina nella sua marcia verso l’interno dell’isola 38, ma che Panthys e i suoi colleghi venerano 39, nonostante il “danno” che gli Imeresi hanno subito dagli stessi Sicani, mentre essi “controllavano” Endesa 40. Sempre più il territorio appare, dunque, costituito dalla sovrapposizione di percezioni e di spazi diversi, spazi fisici, politici, religiosi, economici, etnici, interetnici, culturali e simbolici, non sempre coincidenti fra di loro, e analizzare questi livelli molteplici è il compito che ci attende ancora di più nel futuro.

Bibliographie

Albanese 1996  : ALBANESE PROCELLI (R.M.) – Appunti sulla distribuzione delle anfore commerciali nella Sicilia arcaica. Kokalos XLII, 1996, 91-137.

Albanese 1997  : ALBANESE PROCELLI (R.M.) – Echanges dans la Sicile archaïque  : amphores commerciales, intermédiaires et redistribution en milieu indigène. RA 1997, 3-25.

Albanese 1999  : ALBANESE PROCELLI (R.M.), Identità e confini etnico-culturali  : la Sicilia centro-orientale, in Confini e frontiera nella grecità d’Occidente (Atti Taranto XXXVII), Taranto 1999, 327-359.

Albanese 2003  : ALBANESE PROCELLI (R.M.) – Sicani, Siculi, Elimi. Forme di identità, modi di contatto e processi di trasformazione. Milano 2003.

Alcock 1994  : ALCOCK (S.E.) – Minding the Gap in Hellenistic and Roman Greece. In  : Alcock (S.E.), Osborne (R.) 1994, 247-256.

Alcock, Osborne 1994  : ALCOCK (S.E.), OSBORNE (R.), éd. – Placing the Gods. Sanctuaries and Sacred Space in Ancient Greece. Oxford 1994.

Antonaccio 2001  : ANTONACCIO (C.) – Ethnicity and Colonization. In  : Malkin (I.) 2001, 113-157.

Antonaccio 2004  : ANTONACCIO (C.) – Siculo-Geometric and the Sikels  : Ceramics and Identity in Eastern Sicily. In  : LOMAS (K.) 2004, 55-81.

Asheri 1988  : ASHERI (D.), A propos des sanctuaires extraurbains en Sicile et Grande-Grèce  : théories et témoignages. In  : Mélanges Pierre Lévêque, vol.  1, Paris 1988, 1-15.

Ashmore, Knapp 1999  : ASHMORE (W.), KNAPP (A.B.), éd. – Archaeologies of Landscapes. Contemporary Perspectives. Oxford 1999.

Bats, D’Agostino 1999  : BATS (M.), D’AGOSTINO (B.) – Le vase céramique grec dans ses espaces  : l’habitat, la tombe. In  : Villanueva (M.CH.), Lissarague (F.) 1999, 75-90.

Belvedere 2001  : BELVEDERE (O.) – Il territorio di Himera e il problema della chora coloniale in Sicilia. In  : Problemi della chora coloniale dall’Occidente al Mar Nero (Atti Taranto XL). Napoli 2001.

Béteille 1998  : BÉTEILLE (A.) – The Idea of Indigenous People. Current Anthropology, 39, 1998, 187-191.

Burgio 2002  : BURGIO (A.) – Resuttano (Forma Italiae 42). Firenze 2002.

Calderone 1996  : CALDERONE (A.) – Gli edifici a carattere religioso del terrazzo inferiore. In  : AA.VV., Monte Saraceno di Ravanusa. Un ventennio di ricerche e studi. Messina 1996, 76-88.

Calderone 1999  : CALDERONE (A.) – Il sito di Monte Saraceno di Ravanusa. In  : Magna Grecia e Sicilia. Atti dell’incontro di Studi, Messina 1999, 203-212.

Camassa, De Guio, Veronese 2000  : CAMASSA (G.), DE GUIO (A.), VERONESE (F.), éd., – Paesaggi di potere  : problemi e prospettive, Atti del Seminario, Roma 2000.

Carter 1994  : CARTER (J.C.) – Sanctuaries in the Chora of Metaponto. In  : Alcock (S.E.), Osborne (R.) 1994, 161-198.

Champion 1995  : CHAMPION (T.C.), éd. – Centre and Periphery. Comparative Studies in Archaeology. London-New York 1995.

Colle Madore = VASSALLO (S.) ed., Un caso di ellenizzazione in terra sicana, Palermo, 1999.

Crumley 1999  : CRUMLEY (C.L.) – Sacred Landscapes  : Constructed and Conceptualized. In  : Ashmore (W.), Knapp (A.B.) 1999, 269-276.

Cucco 2003-2004  : CUCCO (R.M.), Kokalos XLIX-L, in corso di stampa.

De Angelis 2004  : DE ANGELIS (F.) – Equations of Culture  : The Meeting of Natives and Greeks in Sicily, Ancient West & East, 2.1, 2004, 19-50.

De Miro 1983  : DE MIRO (E.) – Esempio da Sabucina. In  : Nenci (G.), Vallet (G.) 1983, 335-342.

De Miro 1988  : DE MIRO (E.) – Polizzello, centro della Sicania, QuadMessina 3, 1988, 25-42.

Djindjian 2001  : DJINDJIAN (F.) – Artefact Analysis. In  : Stančič (Z.), Veljanovski (T.) 2000, 41-52.

Dunst 1972  : DUNST (G.) – Archaische Inschriften aus Samos. Die Weihung von Leukaspis, AM 87, 1972, 100-106.

Epifanio 1980  : EPIFANIO (E.) – Terravecchia di Cuti. Scavi e ricerche negli anni 1977-1979, BCA Sicilia I, 1980, 105-108.

Epifanio 1982  : EPIFANIO (E.) – Ricognizione archeologica a Cozzo Mususino, Sicilia Archeologica XV,48, 1982, 61-72.

Epifanio Vanni 1988-1989  : EPIFANIO VANNI (E.) – Terravecchia di Cuti. Campagne di scavo 1984, 1986, 1987, Kokalos XXXIV-XXXV, 1988-1989, 669-678.

Epifanio Vanni 1997  : EPIFANIO VANNI (E.) – Due antefisse a palmetta dall’entroterra di Himera. In  : Deliciae Fictiles II. Proceedings of the 2nd International Conference on Archaic Architectural Terracottas from Italy, Amsterdam 1997, 81-82.

Epifanio, Vassallo 1984-1985  : EPIFANIO (E.), Vassallo (S.) – Terravecchia di Cuti. Scavi nel santuario extraurbano in contrada Cuti, Kokalos XXX-XXXI, 1984-1985, 651-653.

Giordano, Valentino 2004  : GIORDANO (P.), VALENTINO (M.) – Carta archeologica del territorio comunale di Lercara Friddi, Palermo 2004.

Gosden 1997  : GOSDEN (C.) (Ed.) – Culture contact and colonialism, World Archaeology 28, 3 1997.

Himera III.1  : ALLIATA (V.), BELVEDERE (O.), CANTONI (A.), CUSIMANO (G.), MARESCALCHI (P.), Vassallo (S.) – Himera III.1. Prospezione archeologica nel territorio, Roma 1988.

Himera III.2  : BELVEDERE (O.), BERTINI (A.), BOSCHIAN (G.), BURGIO (A.), CONTINO (A.), CUCCO (R.M.), LAURO (D.) – Himera III.2. Prospezione archeologica nel territorio, Roma 2002.

Isler 1994  : ISLER (P.) – Grabungen auf dem Monte Iato 1993, AK 37, 1994, 31-42.

Jenkins 1997  : JENKINS (R.) – Rethinking Ethnicity, London 1997.

Jones 1997  : JONES (S.) – The Archaeology of Ethnicity, London-New York 1997.

Jourdain Annequin 1992  : JOURDAIN ANNEQUIN (C.)–Leucaspis, Pédiocratès, Bouphonas et les autres… Héraclès chez les Sicanes. In  : Mélanges Pierre Lévêque, vol. 6, Paris 1992, 139-150.

Knapp, Ashmore 1999  : KNAPP (A.B.), ASHMORE (W.) – Archaeological Landscapes  : Constructed, Conceptualized, Ideational, in Ashmore (W.), Knapp (A.B.) 1999, 1-30.

Lauro 2009  : LAURO (D.) – Sambuchi (Forma Italiae 45), Roma 2009.

Lightfoot, Martinez 1995  : LIGHTFOOT (K.G.), MARTINEZ (A.) – Frontiers and Boundaries in Archaeological Perspectives, AnnRevAnthr 24, 1995, 471-492.

Lock 2000  : LOCK (G.) (Ed.) – Beyond the Map  : Archaeology and Spatial Technologies. Proceedings of the NATO Advanced Research Workshop, Amsterdam 2000.

Lock, Stančič 1995  : LOCK (G.), STANČIČ (Z.) (Edd.) – Archaeology and Geographical Information Systems, London 1995.

Lomas 2004  : LOMAS (K.) (Ed.) – Greek Identity in the Western Mediterranean, Leiden-Boston 2004.

Malkin 2001  : MALKIN (I.) (Ed.) – Ancient Perceptions of Greek Ethnicity, Cambridge-London 2001.

Mollo Mezzena 1993  : MOLLO MEZZENA (R.) – Sabucina, Recenti scavi nell’area fuori le mura. Risultati e problematiche. In  : Storia e archeologia della media e bassa valle dell’Imera. Atti della III Giornata di Studi sull’archeologia licatese, Palermo 1993, 137-181.

Monte Maranfusa = SPATAFORA (F.) ed., Monte Maranfusa. Un insediamento nella media valle del Belice. L’abitato indigeno. Palermo, 2003.

Morgan 1999  : MORGAN (C.) – The Archaeology of the Ethnicity in the Colonial World of the Eight to Sixth Centuries BC  : Approaches and Prospects. In  : Confini e frontiera nella grecità d’Occidente (Atti Taranto XXXIX), Taranto 1999, 85-145.

Nenci, Vallet 1983  : NENCI (G.), VALLET (G.) (Edd.) – Forme di contatto e processi di trasformazione nelle società antiche, Atti del convegno di Cortona, Pisa-Roma 1983.

Pasquinucci, Menchelli 2006  : PASQUINUCCI (M.), MENCHELLI (S.) (Edd.) – Territorio e produzioni ceramiche  : paesaggi, economia e società in età romana, Pisa 2006.

Polignac 1994  : POLIGNAC (F. de), – Mediation, Competition and Sovereignty  : The Evolution of Rural Sanctuaries in Geometric Greece. In  : Alcock (S.E.), Osborne (R.) 1994, 3-18.

Reid, Lane, Segobye 1997  : REID (A.), LANE (P.), SEGOBYE (A.) et al. – Tswana architecture and responses to colonialism. In  : Gosden (C.) 1997, 370-392.

Ruby 1993  : RUBY (P.) – Types et fonctions dans les typologies céramiques archéologiques. Quelques problèmes et quelques propositions, AION XV, 1993, 289-320.

Spatafora 2003  : SPATAFORA (F.) – Monte Maranfusa. Un insediamento nella media valle del Belice, Palermo 2003.

Stančič, Veljanovski 2000  : STANČIČ (Z.), VELJANOVSKI (T.) (Edd.) – CAA 2000. Computing Archaeology for Understanding the Past, Oxford 2000.

Tardo 2006  : TARDO (V.) – Distribuzione delle ceramiche nel territorio imerese. Analisi dei dati di prospezione archeologica. In  : Pasquinucci (M.), Menchelli (S.) 2006, 139-146.

Terrenato 2000  : TERRENATO (N.) (Ed.) – Archeologia teorica, Firenze 2000.

van Dommelen 1997  : VAN DOMMELEN (P.), Colonial Constructs  : colonialism and archaeology in the Mediterranean. In  : Gosden (C.) 1997, 305-323.

van Dommelen 2000  : VAN DOMMELEN (P.) – Momenti coloniali. Cultura materiale e categorie coloniali nell’archeologia classica. In  : Terrenato (N.) 2000, 293-310.

Vassallo 1990  : VASSALLO (S.) – S. Caterina Villarmosa (Forma Italiae 34), Firenze 1990.

Vassallo 1996  : VASSALLO (S.) – Il territorio di Himera in età arcaica, Kokalos XLII, 1996, 199-223.

Vassallo 2002  : VASSALLO (S.) – Himera. La colonia greca e gli indigeni. In  : Sicani Elimi e Greci. Storie di contatti e terre di frontiera. Catalogo della mostra, Palermo 2002, 37-43.

Vassallo 2003  : VASSALLO (S.) – Ceramica indigena arcaica ad Himera. In  : Atti delle quarte giornate internazionali di studi sull’area elima, Pisa 2003, 1343-1356.

Veronese 2000  : VERONESE (F.) – Polis, santuari e “paesaggi di potere” nella Sicilia greca di età arcaica. In  : Camassa (G.), De Guio (A.), Veronese (F.) 2000, 239-283.

Veronese 2006  : VERONESE (F.) – Lo spazio e la dimensione del sacro. Santuari greci e territorio nella Sicilia arcaica, Padova 2006.

Villa 1997  : VILLA (A.), – Indagini archeologiche e ricognizioni nel territorio di Castronovo di Sicilia. In  : Atti delle seconde giornate internazionali di studi sull’area elima, Pisa-Gibellina 1997, 1385-1397.

Villanueva, Lissarague 1999  : VILLANUEVA (M.CH.), LISSARAGUE (F.), ROUILLARD (P.), ROUVERET (A.) (Edd.) – Céramique et peinture grecques  : modes d’emploi. Actes du Colloque International, Paris 1999.

Wheatley 1995  : WHEATLEY (D.), Cumulative viewshed analysis  : a GIS based method for investigating intervisibility, and its archaeological application. In  : Lock (G.), Stančič (Z.) 1995, pp.  171-185.

Wheatley, Gillings 2000  : WHEATLEY (D.), GILLINGS (M.), Vision, perception and GIS  : developing enriched approaches to the study of archaeological visibility, in LOCK 2000, pp.  1-27.

Wheatley, Gillings 2002  : WHEATLEY(D.), GILLINGS (M.), Spatial Technology and Archaeology, London-New York 2002.

Whitehouse, Wilkins 1995  : WHITEHOUSE (R.D.), WILKINS (J.B.), Greeks and natives in south-east Italy  : approaches to the archaeological evidence, in CHAMPION 1995, pp.  102-126.

Notes

1 Himera III.1 ; Himera III.2 ; Burgio 2002.

2 Questa area della ricerca è stata di recente pubblicata da D. Lauro, Lauro 2009.

3 Burgio, Himera III.2, 170-176 ; Burgio 2002, 145-149.

4 Burgio, Himera III.2, 171 ; Burgio 2002, 174-177.

5 Perché obliterata dalla fase finale di fine IV-inizi III a.C. Su Tutusino, Epifanio 1982 ; Vassallo 1990, 39-47.

6 Sul comprensorio del Madore, Giordano, Valentino 2004, 12, 16 ; Colle Madore, 15-22.

7 Lightfoot, Martinez 1995, 471-474. Con ciò non vogliamo dire che questa ottica non possa essere utile, ma che non può essere esclusiva. Sul problema si vedano i saggi riuniti in Champion 1995, in particolare Whitehouse, Wilkins 1995.

8 Per l’utilità e i limiti di questa analisi Wheatley 1995 ; Wheatley, Gillings 2000, in particolare 1-9 ; Wheatley, Gillings 2002, 201-216.

9 Si veda per esempio, Burgio, Himera III.2, 170-171, 176.

10 Per esempio, Veronese 2006, 540-544 ; Veronese 2000, 255-269, per il territorio di Gela. In generale sul paesaggio sacro, Crumley 1999 ; per i problemi che la prospezione archeologica pone per la ricostruzione di tale paesaggio, Alcock 1994, 248-253.

11 Epifanio 1980 ; Epifanio Vanni 1988-1989 ; Epifanio-Vassallo 1984-1985.

12 Burgio, Himera III.2, 217 ; Burgio 2002, 145.

13 Whitehouse, Wilkins 1995, 114 ; Belvedere 2001, 745 (con ult.bibl.).

14 Morgan 1999, 129. In generale per i santuari nella chora di Metaponto, Carter 1994, 168-183.

15 Per i caratteri di questi rapporti di scambio, Whitehouse, Wilkins 1995, 114-116 ; Albanese 1996, 125-126 ; Albanese 2003, 204-205.

16 In realtà il problema va visto anche in relazione al culto praticato e quindi in rapporto al gruppo che frequentava il santuario. In una area sacra dedicata a Demetra e Kore, come quella di Cuti, le offerte votive a carattere esclusivamente greco potrebbero indicare la volontà delle donne, di qualsiasi cultura, di aderire completamente a un rituale ben codificato.

17 Belvedere 2001, 746-747 e nota 191 ; Burgio 2002, 150.

18 Polignac 1994, in particolare 15-18.

19 Si tratta di una indagine ancora da affrontare in dettaglio, Albanese 1999, 347.

20 De Miro 1988 ; Vassallo 1999, 24-29 ; Albanese 2003, 211-212, 216-217.

21 Colle Madore, 29-58 ; Belvedere 2001, 738-743.

22 Calderone 1996, 79-82, 87-88 ; In generale su Monte Saraceno, v. anche Calderone 1999.

23 De Miro 1983, 336-342 ; Mollo Mezzena 1993 ; Albanese 2003, 213-214.

24 Si tratta di un fenomeno ben noto ; ci limitiamo a citare, Albanese 1999, 349-352 ; Antonaccio 2001, 131.

25 Belvedere 2001, 738-739 ; Albanese 2003, 213.

26 Su questi aspetti alcune osservazioni già in Belvedere 2001, 744-745 (con ult. bibl.) ; Burgio 2002, 150.

27 Albanese 1996 ; Albanese 1997.

28 Per una analisi di questi due aspetti della distribuzione dei reperti nella valle dell’Imera, Burgio, Himera III.2, 176-180 ; Burgio 2002, 147-148.

29 Tardo 2006. Il problema è stato oggetto della tesi di dottorato di ricerca di V. Tardo, dal titolo “Le ceramiche del territorio di Himera : modalità di diffusione, circolazione e scambio attraverso l’analisi dei reperti dalla prospezione archeologica”. Seconda Università di Napoli. XVIII ciclo. Anno Acc. 2004-2005.

30 Per l’approccio funzionale nello studio delle ceramiche, Ruby 1993 ; Bats, D’agostino 1999 ; Djindjian 2001.

31 Sono questi processi ben noti in contesti di interazione culturale. Per l’esame dettagliato dei diversi casi, rimandiamo a Tardo 2006.

32 Albanese 1999, 345 ; Antonaccio 2004, 73. Per la valle dell’Imera settentrionale v. nota 28 ; per la valle del S. Leonardo, si veda ora Lauro 2009, passim.

33 Per l’architettura utili indicazioni in Reid, Lane, Segobye 1997, in particolare 370-372, 385-389.

34 Burgio, Himera III.2, 215-216.

35 Antefisse a palmetta pendula e a maschera silenica, presenti a Madore e a Serra di Puccia, Epifanio Vanni 1997 ; Colle Madore, 209-211 ; Burgio, Himera III.2, 217, 218, n. 2 ; ma anche a Monte Iato, Isler 1994, 39.

36 Sul problema ci limitiamo a rimandare a Belvedere 2001, 738.

37 Dunst 1972.

38 Jourdain-Annequin 1992.

39 E che continuano a venerare dopo il rientro in patria. Panthys è infatti un nome tipicamente ionico, Dunst 1972, 101-102.

40 Il termine synoròntes implica il controllo militare di una località nella éremos chora, Dunst 1972, 102-103 ; per una analisi dell’iscrizione da questo punto di vista, Belvedere 2001, 736-737.

Table des illustrations

Titre Fig. 42. Il territorio di Himera.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 160k
Titre Fig. 43. I comprensori di Serra di Puccia e di Tutusino-Terravecchia. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 156k
Titre Fig. 44. Il comprensorio di Colle Madore. Elaborazione a rilievo ombreggiato del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 112k
Titre Fig. 45. Analisi di intervisibilità tra i centri della media valle del S. Leonardo. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 292k
Titre Fig. 46. Analisi di intervisibilità tra i principali insediamenti delle valli dell’Imera settentrionale e meridionale. Elaborazione a falso colore del DEM con sovrapposizione della carta archeologica.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 292k
Titre Fig. 47. Analisi di intervisibilità tra i centri di Terravecchia di Cuti e di Cozzo Tutusino e i rispettivi santuari periferici.
URL http://books.openedition.org/pccj/docannexe/image/241/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 170k

© Publications du Centre Camille Jullian, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Open access