Version classiqueVersion mobile

Gli scrittori e la storia

 | 
Ugo Dotti

Mondo contadino e mondo operaio. Trasformazioni e crisi. Il linguaggio

Premessa

Texte intégral

1Dopo aver accennato alla questione, peraltro fondamentale, se il romanzo debba ancor oggi ancorarsi a una rappresentazione il più possibile critico-realistica della società o inoltrarsi invece sulle strade meno esplorate del possibile, del fantastico e addirittura del fantascientifico, con questa nuova sezione dedicata a narratori di tutto rispetto come un Camon, un Volponi e un Meneghello, esamineremo come i suddetti narratori abbiano concentrato la loro attenzione, in alcune opere loro, soprattutto sul mondo contadino e sul mondo operaio e come, al contempo, nel clima particolare degli anni Sessanta-Settanta quanto mai agitato da innovazioni o pseudo-innovazioni teoriche, abbiano anche trasformato – in certi casi sino al limite del comprensibile – il tessuto linguistico. Di due cose dobbiamo avvertire in proposito: che di questi scrittori non abbiamo tracciato, come nella prima sezione, un profilo il più possibile unitario e completo, ma che ci siamo limitati all’analisi di una parte soltanto della loro produzione (per quanto particolarmente significativa); in secondo luogo che le loro “deformazioni” linguistiche non rispondono, almeno a mio credere, alla smania di operare stravaganze o per rispondere a sollecitazioni di scuola o di moda, sibbene all’esigenza di un’intima necessità: in un Camon, ad esempio, per porre in più efficace risalto quell’arcaico mondo contadino (in via di disfacimento) che lo aveva e lo ha, anche per via delle sue origini, sempre attratto con un vivissimo affetto e quasi come un dovere; in un Volponi per un altro esempio, perché i suoi personaggi, e segnatamente quel Gerolamo Aspri che ci è presentato in Corporale, fossero, anche linguisticamente, degli emblemi di quella crisi di valori che dal tempo in cui i romanzi vennero scritti si è venuta facendo sempre più acuta, dolorosa e disperante in quanto, ormai privata d’ogni contravveleno, è divenuta cosa comune e, ciò che è peggio, cosa normale: trionfo del bene di consumo, dell’egoismo più meschino, dell’obscena pecunia, dell’aridità di spirito; perdita d’ogni sentimento di umana solidarietà; unica ossessione il protagonismo e, come si suole ripetere ad ogni pie’ sospinto, la “visibilità”; e il carrierismo, l’adulazione del potente, eccetera eccetera. Non resta invero che augurarsi che sulla scena letteraria dei giorni nostri compaia presto un nuovo Giovenale.

2In ogni caso alla figura dell’appena ricordato Salvatore Satta sembra accostarsi quella di Ferdinando Camon che, col suo presentarci il mondo contadino di un piccolo paese del Veneto non lontano da Padova sotto forme che, per molti riguardi, sembrano rivestirsi di un’atmosfera mitica e che avvertì profondamente, come già s’è detto, il dovere morale di parlarne, allontana da sé il non piacevole sospetto (oggi invero ritenuto un merito) d’essere uno di quegli scrittori che mirano soltanto al successo; mentre se ne discosta completamente l’urbinate Paolo Volponi che, con quella sua trilogia narrativa grazie alla quale s’impose, tra il Sessanta e il Settanta, nel mondo e negli ambienti degl’intendenti, andò via via elaborando espressioni linguistiche e registri stilistici fino al limite della comprensibilità. Chiude la sezione e il libro la figura viva e singolare di Lui­gi Meneghello, colui che si trasferì giovanissimo dal contado vicentino in Inghilterra (all’università di Reading) e che con la ricostruzione del suo paese natale, Malo, e dei suoi infiniti personaggi, operò al contempo una preziosa e assai sagace, persino filologica, ricostruzione del tessuto dialettale di uno degli innumerevoli paesi d’Italia. E accennerò infine al fatto che i Camon, i Volponi, i Meneghello non si fermarono ai libri da noi qui esaminati. Il primo ad esempio, oltre ai quattro titoli costituenti il «ciclo degli ultimi», ha lavorato intensamente ad almeno altri sette romanzi via via poi riuniti in altri cicli: quelli del «terrore» come l’autore stesso li ha definiti, e quindi della «famiglia», della «coppia» e dei «primi», così affrontando o temi di più stretta contemporaneità come gli anni del terrorismo con Occidente, il libro suo che ebbe a costargli «più caro», com’egli stesso ammise, per via delle minacce stesse di morte che lo scrittore ebbe a subire, o argomenti aventi per oggetto l’indagine sull’uomo e la ricerca psicoanalitica; senza infine dire che, dello stesso Camon, è quanto mai notevole la sua produzione poetica consegnata in Fuori Storia (1967), Liberare l’animale (1973), Dal silenzio delle campagne (1998).

3Non diversamente per Paolo Volponi, che ebbe anch’egli ad esordire come poeta. Tra i suoi non pochi romanzi successivi a Corporale accenneremo qui al Lanciatore di giavellotto, un romanzo che, ambientato a Fossombrone nella provincia urbinate, si svolge nel periodo del fascismo imperante; alle Mosche del capitale con il quale è tornato ai temi dei suoi inizi e, soprattutto, a quel romanzo di formazione che Volponi dice di aver pensato e progettato per primo: quella Strada per Roma – apparso da Einaudi nel 1991 e che gli valse il Premio Strega – con cui ha dato vita a un’opera schiettamente autobiografica oltre che esemplare come storia di una generazione cresciuta in epoca democristiana e nelle strettoie della provincia.

4Anche Meneghello non si è fermato ai libri da noi brevemente esaminati. Nella seconda metà degli anni Ottanta si aprì infatti per lui una nuova stagione di pubblicazioni: oltre a importanti raccolte di saggi diede pertanto vita a rivisitazioni narrative di altri due aspetti della propria esperienza: l’immediato dopoguerra con Bau-sète (1998) e il rapporto con la vita inglese con Il dispatrio (1993), oltre a personalissime traduzioni, dall’inglese al vicentino, con Trapianti (2002).

© Nino Aragno Editore, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search