Version classiqueVersion mobile

Gli scrittori e la storia

 | 
Ugo Dotti

Mondo contadino e mondo operaio. Trasformazioni e crisi. Il linguaggio

III. Lingua e dialetto nella “ricerca” di Luigi Meneghello

Texte intégral

  • 1 Una nuova edizione di Libera nos a Malo, con alcuni ritocchi, venne pubblicata nel 1975 da Rizzoli (...)

1Uno dei tratti più indicativi e significativi della narrativa contemporanea è il progressivo ricorso a quell’io-narrante che tende a fare della materia narrata, rivissuta nella memoria o esperita nel tempo, un oggetto, insieme, di racconto e di riflessione; quella sorta di romanzo-saggio che, sia pure in diversa misura e gradazione, era già sostanzialmente presente in un Calvino o in uno Sciascia. Tale tendenza, nei primi anni Sessanta, risulta molto evidente in due libri di uno scrittore assai singolare: quel Luigi Meneghello che, nato nel 1922 a Malo, un paese del Vicentino, a metà settembre del 1947, ossia a venticinque anni, lasciò l’Italia per insegnare italiano all’università di Reading e svolgervi contemporaneamente un’intensa attività di diffusore della nostra cultura in Gran Bretagna. Il brusco trasferimento dalla realtà provinciale veneta degli anni Trenta e Quaranta a quella inglese; un innato senso di distacco e di distinzione dal pur amato mondo in cui aveva trascorso infanzia e adolescenza; una vivissima avversione per quanto poteva suonare patetico o in certo modo retorico; un acceso interesse per come la realtà delle cose si traduce nel parlato e attraverso di esso si tramanda; ebbene, tutto questo lo portò, nel corso di una più che decennale elaborazione, a stendere finalmente, agli inizi degli anni Sessanta, quei suoi due romanzi che lo imposero all’attenzione del grande pubblico: Libera nos a Malo e Piccoli maestri, apparsi sia l’uno che l’altro, a poca distanza di mesi, da Feltrinelli: nel 1963 il primo, nel 1964 il secondo1. Li si potrebbe definire, insieme, una liberazione e una forma di auto-educazione: liberazione dalle tenerezze implicite nel mondo infantile e suo esame, piuttosto, sempre svolto sul filo di una cordiale ironia; auto-educazione quindi, acquisita attraverso il passaggio da un’adesione acritica al fascismo imperante a quella, sempre più consapevole, del movimento della Resistenza. Ed è proprio attraverso questi due nuclei, che assumono un particolare significato in virtù della loro espressione linguistica, che l’autore svolge quelle sue riflessioni che indubitabilmente pertengono alla sua più sincera ispirazione.

La Resistenza come esperienza autoeducativa

2In una Nota alla seconda edizione (Rizzoli) dei Piccoli maestri Meneghello ha scritto: «È risultato che anche questa materia, come quella della mia infanzia a Malo, aveva radici profonde; estrarle ed esporle alla luce è stato ugualmente lungo e difficile, ma più doloroso; i veleni non erano quelli di un bambino ma di un giovane uomo, veleni più adulti; e le cose da esorcizzare più inquietanti». Spiega quindi di aver cominciato a scrivere già nel primo dopoguerra: «brevi attacchi che poi restavano sospesi in aria, qualche volta un paio di duri versi, o un’impaurita filastrocca ‘per ben morire’». Aveva anche tentato, al principio degli anni Cinquanta, una prima versione organica dei Piccoli maestri in inglese sennonché, in tutti questi tentativi ed assaggi, capiva di scrivere con molta fatica e, soprattutto, temeva che, trovato finalmente uno sbocco, ne grondasse «un fiotto di caotiche affezioni personali» – un’emotività retorica da assolutamente evitare. Su questa genesi dei suoi due primi libri Meneghello insiste molto, anche perché si sente convinto che «scrivere è una funzione del capire». Questa breve annotazione è in realtà quasi decisiva per comprendere fino in fondo le autentiche intenzioni dell’autore: tornare con la memoria a momenti della propria esistenza per poterne davvero afferrare il senso e l’intelligenza, il significato stesso della vita che uno si dà o si cerca di dare.

3Cominceremo comunque il nostro breve esame partendo dal secondo libro del Nostro, se pur lo si può chiamare secondo data la sua contemporaneità col primo; cominceremo insomma dalla narrazione che Meneghello ci ha dato della sua giovinezza – gli anni tra il ’43 e il ’45 – prima di quella della sua infanzia e adolescenza. Per almeno due motivi: perché Piccoli maestri è scritto in una lingua che, pur non rifiutando le inserzioni dialettali, è pur sempre la lingua italiana ed è quindi di lettura più tradizionale e, in secondo luogo, perché vogliamo trattare da ultimo il fenomeno linguistico dello scrittore vicentino, ossia quel dato stilistico (come definirlo?) per il quale egli destò tanto scalpore e interesse non solo fra i lettori e i critici, ma presso gli stessi studiosi ex professo del mondo dialettale e linguistico. Non da ultimo perché il romanzo ci dà minuziosamente, forse anche troppo minuziosamente, il quadro di un’esperienza partigiana sotto il profilo di un’esperienza di autoformazione verso la conquista di orizzonti umani e culturali ispirati a un’autentica civiltà.

  • 2 In Fiori italiani, del 1976, Meneghello esaminerà a fondo i problemi dell’educazione scolastica neg (...)
  • 3 Vd. L. Meneghello, I piccoli maestri, Rizzoli, Milano, 1976, p. 63.

4Occorrerà comunque ricordare che Meneghello, in armonia con l’ambiente in cui si trovò a vivere, fu da giovanissimo fascista2 e che nel maggio del 1940, a Bologna, partecipò e vinse, quale rappresentante del GUF di Padova, i Littoriali nel campo degli studi di dottrina fascista, risultando anzi il “littore giovanissimo” di quell’anno: già da questo si comprende come il passaggio dal patriottismo e dal fascismo giovanile all’abbraccio della lotta partigiana rappresenti una notevolissima forma di educazione. In che modo ciò avvenne? Con l’incontro, davvero decisivo, con il giovane antifascista Antonio Giuriolo, il primo e maggiore dei «piccoli maestri». Nel libro ci viene presentato così3:

C’era Antonio con noi, era venuto a fare una specie di sopraluogo. Volevo dirgli: «Toni, i partigiani del popolo sono loro», ma non osavo. Andammo, con Antonio, in tre o quattro a conoscere il comandante. Due armati andarono a riferire. Dopo un po’ si vide venire avanti per il sentiero, tra sgherri mitrati, un uomo piuttosto giovane, robusto, disinvolto. Aveva scritto sul viso: Comandante. Aveva calzoni da ufficiale, il cinturone di cuoio, il fazzoletto rosso. Era ben pettinato, riposato, sportivo, cordiale. Antonio era vestito alla buona, con la sua aria dimessa e riservata; pareva un escursionista. Il comandante avanzò sorridendo, a due metri si fermò, col pugno sinistro in aria, e disse allegramente: «Morte al fascismo». Vibrava di salute, fierezza, energia. Toni un po’ imbarazzato disse: «Piacere, Giuliano», e gli diede la mano in quel suo curioso modo, con le dita accartocciate. Uno meglio dell’altro. Provavo fitte di ammirazione contraddittorie.

5Anche da questo breve passo promana quell’atmosfera di candore, d’ingenua pulizia, di attrazione verso l’onesto e il virtuoso che, se non vado errato, costituiscono gli elementi di fondo di una concezione del mondo dalla quale ci si sente appunto attratti e per la quale si sente come il dovere di rinnegare in toto la precedente. Quasi una rivelazione, un’apparizione; un disvelamento delle menzogne in cui si era sino a quel momento vissuti. Nella pagina precedente, del resto, così all’io-narrante erano apparsi i partigiani delle brigate Garibaldi, i partigiani comunisti (va detto che il giovane Meneghello e i suoi altrettanto giovanissimi compagni, in genere studenti universitari, erano del Partito d’Azione e avevano il loro riferimento non in Lenin ma in Mazzini):

Erano meravigliosi. Laceri, sbracati, sbrigativi, mobili, franchi: questi qui, pensavo, sono incarnazioni concrete delle Idee che noi cerchiamo di contemplare, sbattendo gli occhi. Eravamo tutti impregnati di questi concetti, allora: dicevamo che le idee si calano nelle cose [...] Avevano armi, non tante ma buone; uno portava in groppa una mitragliatrice pesante e altri lo seguivano con le cassette; avevano i fazzoletti rossi, le scarpe rotte, i visi lieti e feroci. Ce n’era di giovani e di vecchi, di robusti e di scanchénici, ma insieme facevano un Ente palesemente vitale, una Banda in cui al primo sguardo si riconosceva calata l’Idea della Banda [...] Eravamo annichiliti di ammirazione; si sentiva di colpo, al solo vederli, che la guerra partigiana si fa così.

  • 4 Sempre nei Piccoli maestri, cit., pp. 36-37.

6Come insomma abbiamo detto poc’anzi una specie di rivelazione, un incontro improvviso con la Verità. Del resto, già in precedenza, s’era parlato dei partigiani comunisti in questi termini4:

Noi eravamo col Partito d’Azione, e ammiravamo profondamente i comunisti. Veramente alcuni, anche molto giovani, erano esasperanti; bravissimi nelle cose pratiche, non si aveva però mai il piacere di fare un vero ragionamento con loro; pareva sempre che facessero apposta a non capire le nostre osservazioni, così sottili, aperte, umane [...] Ispiravano grande rispetto, però; erano ovviamente dentro fino al collo nei nuovi fatti d’Italia, e sempre primi in tutto, sempre sotto, senza calcoli, pagando sempre di persona. È inutile dire oggi che i calcoli ci saranno stati: chi dice così non ha capito niente dei comunisti di allora; noi invece li abbiamo visti coi nostri occhi, e sappiamo cosa valevano. Venivano in mente per contrasto quei compagni di scuola, a Vicenza e a Padova, che continuavano a occuparsi, forse presso una zia di campagna, di Kirkegaard e di Jaspers, o addirittura di esami universitari, per avvantaggiarsi nella vita e nella carriera, magari con qualche lirica ermetica in proprio, trasudata negli intervalli. Di questi grandi villeggianti della guerra civile, la borghesia urbana ne ha prodotti parecchi; non pochi di loro sono oggi energicamente schierati dalla parte degli angeli, hanno fatto carriera, e speriamo che siano contenti.

7Difficilmente troveremmo altrove, in un dettato così calmo e sprezzante così sereno e così caustico, l’ammirazione per ciò che comporta l’adesione ai valori della virtù e della consapevolezza di cosa sia il viver civile e la condanna e la denuncia, e appunto il disprezzo, per la miseria degli appagamenti degli egoismi individuali; il sentimento di ribrezzo per una borghesia che, neppure nei momenti più decisivi della storia, sa andar oltre i meschini orizzonti della propria carriera e dell’avvantaggiarsi nella vita; e che si schiera pertanto dalla parte degli angeli, ossia per quella parte di società che non ha ancora compreso, a distanza di secoli, che solo la virtù è compenso a se stessa.

  • 5 Così nella Nota alla seconda edizione dei Piccoli maestri, cit. p. 232.
  • 6 Vd. pp. 104-5.

8Il racconto poi, che si snoda lungo undici capitoli, passerà alla lunga narrazione delle esperienze che questi singolari partigiani in cerca della propria formazione ed educazione faranno, sull’Altipiano di Asiago, dei rastrellamenti operati dai fascisti e dai tedeschi, sempre comunque visti come dall’interno della propria coscienza individuale, tanto che lo stesso Meneghello preferisce definirsi, per quanto scrive, solo un semplice «cronista che parla di ciò che sa e solo di ciò che sa»5; e si concluderà infine col racconto dell’impegno profuso, a Padova, tra il ’44 e il ’45, sia nell’organizzazione della guerriglia urbana sia nella partecipazione all’insurrezione finale della città, Ma, come dicevamo all’inizio, non è tanto questo ciò che veramente conta, sì piuttosto la riflessione sul senso di ciò che si sta facendo e operando con l’occhio costantemente rivolto tanto al passato quanto al futuro. Il crollo del fascismo si configura così, vien detto a metà circa del sesto capitolo6, come il crollo di false verità e di false e orgogliose presunzioni acriticamente assimilate, come il salutare principio di rinnovamento interiore oltre che come un rinnovamento della vita collettiva: il passo invero più difficile da compiere, la coscienza che si fa finalmente autocoscienza. Scrive Meneghello: «Non si poteva dare la colpa al fascismo dei nostri disastri personali: era troppo comodo». Come non si poteva sperare che, rimosso il fascismo, tutto sarebbe andato a posto. Di qui pertanto le serrate domande: «Che cos’è l’Italia? che cos’è la coscienza? che cos’è la società?» Domande – a voler dire sul serio tutta la verità – che attendono ancor oggi una risposta. Merito dello scrittore vicentino è di averle poste in modo così nudo e schietto; e in un contesto così problematico.

Alla ricerca di un luogo perduto

  • 7 Così si definisce a p. 97 di Libera nos a Malo, Rizzoli, Milano, 2006.
  • 8 Così ancora nella Nota all’edizione citata, p. 252.
  • 9 Ivi.

9Se I piccoli maestri possono considerarsi un libro che va alla ricerca di come l’autore sia giunto a conquistarsi una piena coscienza civile, quello che l’ha preceduto od è nato contemporaneamente ad esso tra gli anni Cinquanta e i primissimi del Sessanta, Libera nos a Malo, retrocede agli anni Trenta, il fascismo imperante. La prima immagine che esso consegna al lettore è quella di un bimbo che saltellando gioioso sul letto grande dei genitori viene felicemente cantando Alarmi siàn fassisti, abasso i comunisti! e, subito dopo, quella dei ragazzini che si recano in chiesa nelle ricorrenze dovute e lì, sotto lo sguardo severissimo di un Dio onnipotente, confessano al prete le brutte cose che sono venuti compiendo. Nei Piccoli maestri è il momento della riflessione portata su se stessi, sul proprio divenire persone adulte; in Libera nos a Malo – titolo ironicamente giocato sul noto versetto di Matteo (6 13) – la ricerca viene portata, oggettivamente, su un luogo ormai perduto. E non tanto per rimpiangerlo quanto piuttosto per ricostruirlo; per rivederlo quale più non è né più sarà; perché ciò che scrive divenga una sorta di “documento”. Malo non è affatto, per Meneghello, ciò che fu Combray per Marcel Proust; è una località che gli sembra valga la pena di resuscitare non solo perché lì ha vissuto, quasi «fiore urbano di una società contadina»7, la sua infanzia e la sua adolescenza, ma quasi per essere di nuovo il cronista di un’intera comunità8. In quale lingua? I piccoli maestri venne sostanzialmente steso in italiano, ancorché intriso di voci e stilemi dialettali, ma si tratta pur sempre di un libro dai propositi alti quale appunto la formazione di una coscienza libera e indipendente; in quello di cui stiamo parlando l’intenzione prima fu però semplicemente il voler dare «ragguagli», per far uso delle stesse parole di chi il libro scrisse9, «di uno da Malo a quegli italiani che volessero sentirlo». Dunque, per via dei fruitori, ancora una volta in italiano. Ma è davvero possibile rappresentare fino in fondo, fino alle radici, un mondo che pensa e s’esprime in un linguaggio tutto diverso? Un mondo che possiede, soltanto ed esclusivamente, una lingua parlata e della quale, soltanto ed esclusivamente, si è nutrito e si nutre? La traduzione del dialetto, della lingua materna, in un linguaggio ufficiale imparato catechisticamente a scuola non rischia d’implicare, quasi per forza di cose, inevitabili deformazioni o spiacevoli fraintendimenti? Questo dovette essere – e fu – il dilemma del nostro scrittore quando si accinse a dar vita a questa sua opera che, sostanzialmente, è l’affettuosa ricerca, ancorché critica e ironica ma sempre colma di considerazioni e di riflessioni, non già di un tempo, ma di un luogo ormai perduto e che pur doveva sopravvivere, quasi emblema delle «piccole patrie» (quanto meno) di molti suoi lettori. E quale infine la soluzione? L’inserimento, sulla base di un italiano sovente persino fortemente letterario, di tasselli crudelmente dialettali, ma tali da rendere immediatamente, come dal vivo, una situazione, una scena di vita, uno stato d’animo, un costume, una tradizione; tali insomma da trasformare l’analisi antropologica in un quadro artistico. Faccio un esempio. Nel quattordicesimo capitolo, laddove Meneghello rievoca i modi di vivere del proprio paese, le mentalità e le dure fatiche di chi l’abitava, si viene a parlare delle donne che lavoravano in filanda. Leggiamo (p. 100):

Le quattro filande erano l’industria massima [di Malo]: tutte le donne del popolo o prima o poi andavano o erano andate in filanda, con orari, salari e condizioni di lavoro che riescono oggi quasi incredibili. Quando la filanda “andava”, c’era un fracasso alto e continuo di macchinari antiquati, e in mezzo, come un lamento acuto, il canto delle filandiere stordite:

Santa Madre, deh Voi fate

che le piaghe del Signore

siàno impresse nel mio cuore.

10E immediatamente dopo, con uno stacco quanto mai significativo, ecco come il racconto riprende.

Polenta e cipolla, polenta e anguria. Le filandiere uscivano a mezzogiorno, rientravano alla “cuca” tra la mezza e un bòtto. Per questo breve lunch hour non tutte correvano a casa; quelle che venivano da lontano si sedevano lungo i due marciapiedi, di qua e di là della strada. Dai cartocci di carta gialla tiravano fuori la polenta e lo stupefacente companatico.

Oltre alle filiere vere e proprie sapevo che c’erano le scoattíne e le ingroppíne, nomi di sogno. Scoattíne! Ingroppíne! Non pareva credibile guardando queste donne e ragazze col colore dei bachi da seta sul viso.

Ristorate, dopo una mattina di lavoro, tornavano dentro a lavorare alle bacinelle di acqua bollente fino a sera, invocando in alte grida la Santa Madre del cielo, chiedendo le piaghe.

11Orbene: questo intarsiare il dettato con espressioni tipicamente dialettali e con cadenze popolari (Quando la filanda andava) indica di fatto la volontà, peraltro espressamente dichiarata dallo scrittore, di raccontare le vicende dall’interno, ossia dal punto di vista di chi le vive, le soffre o vi è rassegnato, senza tuttavia nel contempo, come dimostra ad esempio il tassello inglese lunch hour (pausa-pranzo), rinunciare a un oggettivo sguardo critico su questi criteri, allora vigenti, di sfruttare il lavoro femminile. Tant’è vero che immediatamente dopo, sulla scorta di uno studio di Hannah Arendt (The Human Condition), Meneghello richiama la distinzione che in inglese si fa tra labour e work, dove è col termine labour che si indica il lavoro-fatica, quel tribulare del dialetto che caratterizza soprattutto le società contadine e si svolge sotto il segno della necessità; quel «lavoro che bisogna rifare ogni giorno, ogni mese, ogni anno: la condanna e la schiavitù primaria dell’uomo». Anche il canto che le lavoratrici della filanda intonano alla santa madre di Dio onde «le piaghe del Signore siano impresse nel loro cuore» e che sembra vincere, nell’accorata implorazione, il «fracasso» degli antiquati macchinari in uso, è un tratto molto significativo di come il tribulare, il labour divenga, in chi quotidianamente e faticosamente lo compie, una necessità, un imperativo, un “Bisogna!”. È pertanto naturale che questo Libera nos a Malo dello scrittore vicentino, così ricco di osservazioni sociologiche ma soprattutto linguistiche e che nel suo ricchissimo apparato di note (di lingua) cerca di illustrare ed esemplificare un metodo di lavoro, venisse salutato – al suo apparire – come un “caso”; che il suo autore venisse persino ritenuto una sorta di archeologo dei luoghi dell’infanzia e che infine le sue pagine abbiano costituito la delizia di studiosi di semantica di tutto rispetto come un Cesare Segre, una Maria Corti o un Pier Vincenzo Mengaldo. Ma è altrettanto vero che l’interesse che il libro suscita non si esaurisce qui.

12Il suo “contenuto” si svolge su diversi nuclei narrativi. I primi dodici capitoli sono centrati sull’infanzia e prima adolescenza dell’autore, in una sequenza di quadri che possono avere come sfondo solai o banchi di scuola, che possono essere evocati da figure di vecchie maestre o dai primi dubbiosi sguardi d’amore, o che possono venir suscitati dalla memoria di un campo da gioco o di una particolare cadenza dialettale; un caleidoscopico turbinìo di vicende, incontri, baruffe molto spesso cadenzato sul ritmo di strofette o canzoncine irriverenti, battute salaci o sguaiati sberleffi:

Me pare me mare

me manda cagare

el prete me vede

mi taco scoréde.

13Inutile sottolineare che Combray è lontanissima.

14I tre che seguono, da uno dei quali abbiamo tratto il passo citato in precedenza, sono dedicati a Malo, all’aspetto del paese, ai suoi costumi e tradizioni, alla sua storia e persino alla sua lingua; una lingua che, scrive affettuosamente Meneghello (p. 107), parlata in quelle piazze e strade che rappresentavano la nostra agorà, «a differenza di quella attica non si scriveva ma era ricca e flessibile» e che permetteva di riprodurre, come in uno specchio di parole, «il quadro rallegrante di una vita fatta non solo di triboli ma anche di incontri, di avventure, di capricci alati, di riflessioni, di liberi eventi».

15Si passa quindi a evocare le memorie familiari su due o tre generazioni precedenti quelle dell’autore, e tutto in una ricerca che sembra (la spregiudicatezza mescolata alla pietà) la ricerca delle stesse più profonde radici di un’esistenza ormai sepolta. Ed è qui che compaiono, ancora una volta in fitta sequenza, una serie di personaggi della famiglia Meneghello (composta di due diversi rami) che avvincono e divertono il lettore per l’icasticità in cui vengono rappresentati nella loro vita ormai trascorsa. Quella del nonno in particolare, di quel «nonno che viaggiava col calessino, portava un cappello con la tesa, aveva enormi fazzoletti rossi e mangiava pane di segala per via del diabete», e che, sul letto di morte, è ossessionato dalla zia Adele la quale, come invasata, pretende che il moribondo ripeta «la giaculatoria giusta: Gesù... – Giuseppe... –Maria... – assistetemi – te l’ultima – gonìa» (cit., pp. 113-14). Qui non c’è solo la descrizione di una morte: c’è la raffigurazione vivida di un costume e di una mentalità: «libera nos a malo», appunto. Poi, più vicini nel tempo (la vita del nonno era cominciata 1866 anni «dopo l’Incarnazione»), le figure degli zii e delle zie; quella dello zio Checco che in Isvizzera aveva persino conosciuto Benito Mussolini, o quella del padre che, con i fratelli, gestiva un’azienda di autoservizi e un’officina meccanica; onde lo sguardo retrospettivo finisce per indugiare a lungo sulla passione per i motori e di qui, come per naturale conseguenza, sulle prime compagnie giovanili, e dunque inevitabilmente sul sesso, sulle “morose”, sui preti, sulla religione. Si comincia a conoscere il mondo; ci si inizia alla vita e di tale conoscenza e di tale iniziazione I piccoli maestri costituirà l’approdo conclusivo: non per nulla i capitoli finali di Libera nos a Malo sconfinano negli anni della guerra, in quelli della lotta partigiana, in quelli finalmente del dopoguerra, della luce al neon e persino della televisione. Ma con un’amarezza intrisa di nostalgia. Tutte le forme di vita muoiono – scrive Meneghello nelle sue ultime pagine –; ed è naturale, per quanto possa apparire incredibile a chi di certe forme di tale vita si è nutrito, che ciò avvenga, e che avvenga dunque anche a Malo e a chi lì è sempre vissuto. Non per nulla è una filastrocca infantile a sigillare questo estroso racconto della ricerca di un luogo perduto; la filastrocca del volta la carta. La volgi, questa carta, dieci venti e trenta volte e sempre compare una nuova memoria, un nuovo “luogo”, un nuovo modo d’essere o d’essere stati. Ma viene pure il momento che, la carta rivoltata, nulla più compare: volta la carta la ze finìa. Allo scrittore il compito di ricercare il modo di far rivivere tradizioni e personaggi ormai scomparsi o apparentemente scomparsi. Le nuove forme che siffatte tradizioni assumeranno avranno sempre, per coloro che ad esse succederanno, un sapore antico. E la ricerca non avrà mai fine.

Notes

1 Una nuova edizione di Libera nos a Malo, con alcuni ritocchi, venne pubblicata nel 1975 da Rizzoli e così, l’anno dopo, avvenne per I piccoli maestri (dalle quali edizioni le nostre citazioni). Va infine detto che le Opere di Meneghello sono state edite dallo stesso Rizzoli nella collana “Classici Contemporanei Rizzoli”: il primo volume nel 1993 (ristampato quattro anni dopo) a cura di Francesca Caputo e con prefazione di Cesare Segre; il secondo nel 1997, sempre a cura di Francesca Caputo e con prefazione di Pier Vincenzo Mengaldo. Tornato in Italia, Meneghello è morto a Thiene nel 2007.

2 In Fiori italiani, del 1976, Meneghello esaminerà a fondo i problemi dell’educazione scolastica negli anni del fascismo.

3 Vd. L. Meneghello, I piccoli maestri, Rizzoli, Milano, 1976, p. 63.

4 Sempre nei Piccoli maestri, cit., pp. 36-37.

5 Così nella Nota alla seconda edizione dei Piccoli maestri, cit. p. 232.

6 Vd. pp. 104-5.

7 Così si definisce a p. 97 di Libera nos a Malo, Rizzoli, Milano, 2006.

8 Così ancora nella Nota all’edizione citata, p. 252.

9 Ivi.

© Nino Aragno Editore, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search