Version classiqueVersion mobile

Gli scrittori e la storia

 | 
Ugo Dotti

Il romanzo contemporaneo tra storia e invenzioni

I. Profilo socio-politico dell’Italia contemporanea

Texte intégral

1Cominciamo col delineare uno schizzo dell’ascesa e del declino del comunismo in Italia, anche se con ciò, naturalmente, non si pretende affatto di voler tracciare un disegno, per quanto sintetico, dell’affermazione del partito comunista italiano fino agli inizi degli anni Settanta, quello della sua effimera partecipazione al governo all’epoca del “compromesso storico” e, infine, quello della sua frantumazione dopo il celebre crollo del cosiddetto “muro di Berlino” (1989) e la disintegrazione dell’Unione Sovietica (1991); a questo riguardo non mancano certo resoconti storici seri e approfonditi. Ne indicheremo piuttosto alcune tappe attraverso alcuni rapidi tratti; e se è da questo movimento che intendiamo prendere le mosse è perché, quasi fino a ieri o a ier l’altro, esso è stato all’avanguardia nel promuovere il pensiero, la cultura e la stessa migliore vita letteraria; e non solo o non tanto in virtù di una casa editrice ad esso molto vicina, quella degli Editori Riuniti, ma variamente e diversamente influenzando, soprattutto dagli anni Cinquanta e Sessanta, i migliori intellettuali e scrittori italiani stretti attorno alla Einaudi o alla Feltrinelli. Un movimento insomma non solo politico sì anche, in giusta correlazione con la sua doverosa concezione del mondo – come tutti sanno la specifica e ben complessa concezione marxistica – un movimento capace di attrarre a sé una gran parte dell’intellettualità italiana e più tardi, quando si vennero rendendo sempre più difficili le effettive possibilità di radicali trasformazioni della società in senso socialista, un partito capace almeno di imporsi, contro la corruzione sempre più dilagante, come un forte richiamo ai valori dell’eticità. Tutto sommato non una cosa da poco.

2Al tempo del primo immediato dopoguerra la presenza comunista in Italia era forte e poteva alimentare altrettanto forti speranze: a torto o a ragione poteva considerare la Resistenza come opera propria e i partigiani rossi che vi avevano combattuto potevano aspirare a veder subito introdotti nella società che si sarebbe dovuto creare (nel clima tempestoso dell’inizio della guerra fredda) elementi almeno di socialismo o di economia socialista. A soli tre anni dopo il ’45, con il freno posto al movimento partigiano, il fallimento delle riforme, l’umiliazione della disoccupazione di massa e la sconfitta del Fronte Popolare, la situazione era di fatto già segnata, anche se tutte queste frustrazioni riemersero con prepotenza il 14 luglio del 1948, quando un isolato fanatico sparò a Togliatti mentre usciva dal parlamento ferendolo in modo serio. Si ebbe allora, da una parte, la testimonianza di quanto fosse prorompente la collera dei comunisti; dall’altra di quanto fosse fondata la preoccupazione per la presenza di un pericolo bolscevico. Se nell’Italia centrale, ad Abbadia San Salvatore sull’Amiata, i minatori seppero impossessarsi della centralina telefonica che controllava tutte le comunicazioni tra il Nord e il Centro, a Torino gli operai occuparono la Fiat e presero tra gli ostaggi lo stesso amministratore delegato Valletta mentre, a Venezia e a Mestre, vennero eretti blocchi stradali sul ponte della laguna e gli operai si posero a guardia delle fabbriche chimiche e degli impianti petroliferi. Bastino comunque le secche note di un sindacalista comunista che così ritrasse, in quel giorno, la situazione a Genova.

L’emozione fu immensa, ma non solo in noi, in tutta la popolazione [...] Lo sciopero non lo dichiararono né le commissioni interne né la Camera del Lavoro; le fabbriche si fermarono tutte. Vado a casa, non so niente, mangio, esco di casa [...] tutta la gente era stravolta. C’era un’atmosfera di guerra. Corro alla Camera del Lavoro. Intanto la città si stava progressivamente fermando; spontaneamente, da sola, e poi la grande manifestazione spontanea a piazza De Ferrari, la piazza politica classica di Genova. Mentre noi riunitici come commissione esecutiva in riunione straordinaria – i democristiani non vennero – stabilivamo subito la dichiarazione di sciopero generale di 48 ore in segno di protesta e davamo tutte le istruzioni, arriva la notizia che a De Ferrari la folla aveva prevalso sulla polizia, aveva catturato le autoblindo e praticamente eravamo in guerra civile. Alla sera Genova era già tutta nelle mani del popolo al punto che, alle 20 mi pare, il questore telefonò all’Anpi dicendo: mandatemi un gruppo di partigiani a difendere la questura perché qui sono isolato! Fuggiti i poliziotti, scappati tutti, fu una cosa terrificante […] Ricevetti una telefonata di Di Vittorio: «Ma solo a Genova avete fatto questo! Ma siete impazziti tutti? Ma lì ora come va?» «Due morti – risposi. – S’è sparato tutta la notte. E’ andata bene, con tutte le pallottole che sono partite stanotte due morti soltanto. E’ un miracolo. Non so perché non ce ne sono quattrocento».

  • 1 Vd. P. Ginsborg, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi. Società e politica 1943-1988, Einaudi, Tori (...)
  • 2 Vd. Roderigo di Castiglia, A ciascuno il suo, in “Rinascita”, XVII (1960), n. 5.
  • 3 In Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, Einaudi, Torino, 1989, pp. 157-59.

3Riportando questo passo Paul Ginsborg conclude che la battaglia che «i comunisti avevano iniziato nel settembre del 1943 e che aveva spinto molti di loro ad arruolarsi nelle brigate Garibaldi e a combattervi, era stata definitivamente perduta»1. Certo i dirigenti comunisti che ebbero a intervenire con la massima rapidità onde evitare una sollevazione che ritenevano un tragico errore, diedero prova di saggezza politica. («Tutti i quadri rivoluzionari a scuola di strategia e di tattica nelle carceri e in esilio!» avrebbe causticamente commentato dodici anni dopo lo stesso Togliatti)2; anche se l’episodio dimostra come – già all’altezza degli anni tra il 1945 e il 1948, ossia negli anni apparentemente più favorevoli all’esplosione rivoluzionaria – siffatta rivoluzione (stante anche la dichiarata spartizione dell’Europa tra Alleati e Unione Sovietica) era di fatto impossibile. Già negli anni Trenta del resto, nei suoi Quaderni del carcere, Antonio Gramsci aveva più profondamente osservato come i rapporti tra Stato e società civile si fossero storicamente articolati in modo assai diverso in Europa occidentale e orientale. Mentre all’est lo Stato era tutto e la società civile qualcosa di primordiale e gelatinoso, all’ovest s’era sviluppato un più giusto rapporto tanto che, nello stesso tremolio dello Stato si poteva pur scorgere una ben più robusta struttura della società civile. Concludeva quindi che i rivoluzionari occidentali dovevano adottare una strategia diversa da quella usata dai bolscevichi nella rivoluzione russa; dovevano cioè, per prima cosa e nell’ambito della società civile, perseguire una lunga guerra di posizione, tanto tenace quanto infinitamente paziente, nel corso della quale la classe operaia avrebbe progressivamente imposto la propria egemonia, ossia la propria direzione, insieme, politica morale e culturale. La posizione della filosofia della prassi – ebbe ad esempio a scrivere3 – è antitetica a quella cattolica, a quella cioè dominante nella società italiana (di allora e di oggi):

La filosofia della prassi non tende a mantenere i ‘semplici’ nella loro filosofia primitiva del senso comune, ma a condurli a una concezione superiore della vita. Se afferma l’esigenza del contatto tra intellettuali e semplici non è per limitare l’attività scientifica e per mantenere una unità al basso livello delle masse, ma appunto per costruire un blocco intellettuale-morale che renda politicamente possibile un progresso intellettuale di massa e non solo di scarsi gruppi intellettuali.

  • 4 Si può dire che la maggior parte degli studiosi comunisti abbia postulato una piena convergenza tra (...)
  • 5 Vd. A. Gramsci, Passato e Presente, Einaudi, Torino, 1952, p. 158.
  • 6 Cito da A. Gramsci, Note su Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno, Einaudi, Torino, 196 (...)

4Questa tenace e lunghissima “guerra di posizione” prospettata da Gramsci (altresì convinto che ciò che si chiama “opinione pubblica” è strettamente connesso con l’egemonia politica, il punto stesso di contatto tra società civile e società politica, tra consenso e forza)4; questa guerra di posizione – dicevo – divenne anche per Togliatti il motivo teorico di base per la costruzione di una “via italiana al socialismo”5, come lo divenne (anche se ci muoviamo inevitabilmente su un terreno molto controverso) la costruzione di un partito rivoluzionario centralizzato che fungesse da “intellettuale collettivo”, tale soprattutto da saper organizzare, coordinare e dirigere le forze anticapitaliste all’interno della società. Si trattava in ogni caso, come ognuno può ben intendere da sé, di un compito immane; e non solo perché bisognava operare in un paese sostanzialmente isterilito dalla Controriforma e dal gesuitismo, ma perché ogni riforma di tipo culturale – ossia «l’elevamento civile degli strati depressi della società» – non poteva realizzarsi senza «una precedente riforma economica e un mutamento nella posizione sociale e nel mondo economico»6. L’avere avuto, grazie soprattutto alla pur frammentaria esposizione gramsciana, consapevolezza critica di tutti questi problemi, è un indizio tutt’altro che irrilevante della superiorità del partito comunista rispetto a tutti gli altri movimenti che, come gli eventi successivi hanno ampiamente dimostrato, sono stati sempre più interessati (tranne qualche sporadica eccezione) alla lotta per il puro potere.

  • 7 Vd. H. van der Wee e Piet Clement, 1945-1995: l’economia tra crescita e transizione, in Storia d’Eu (...)

5Sarà bene in ogni caso dare anche un rapido sguardo all’evoluzione della politica economica europea dopo la fine del secondo conflitto mondiale ed osservare, per prima cosa, che tanto nell’Europa occidentale quanto in quella orientale comunista, a partire dagli anni Cinquanta, si ebbe un rilevante ritmo di crescita che comportò, anche da noi con il cosiddetto “miracolo economico”, un notevole miglioramento degli standard di vita reale: da paese essenzialmente agricolo con forti correnti emigratorie, l’Italia si trasformò in una delle nazioni economicamente più forti bruciando la tappe di un rapido processo di accumulazione e di urbanizzazione e, anche se in misura minore rispetto ad altri paesi europei, di secolarizzazione. Tale sviluppo non mancò tuttavia neppure nell’Europa orientale. Seguendo l’esempio dell’Unione Sovietica, Albania Bulgaria Cecoslovacchia Germania orientale eccetera adottarono quell’economia centralizzata, basata sulla proprietà statale dei mezzi di produzione tanto invisa alla concezione economica del capitalismo. L’industria, l’agricoltura e la maggior parte dei settori dei servizi vennero nazionalizzati, essendo obbiettivo primario di questo modello di crescita quello di accelerare l’industrializzazione onde trasformare la vecchia struttura sociale dei diversi paesi; ed in ciò non si può negare che esso ottenne risultati considerevoli. È stato anzi osservato7 che durante gli anni Cinquanta e Sessanta la crescita economica nell’Europa orientale ebbe a superare quella dell’Europa occidentale. I paesi socialisti, per esempio, quadruplicarono in vent’anni (nel loro complesso) il loro reddito nazionale e aumentarono di sette volte la loro produzione. Tale crescita, fra il Cinquanta e il Settanta, si registrò particolarmente nel settore industriale pesante (acciaio, macchinari, prodotti chimici), mentre assai meno ragguardevole fu l’andamento dell’agricoltura, generalmente lasciato in relativo abbandono. Secondo i criteri dell’economia socialista, naturalmente, l’investimento venne forzato verso l’alto a scapito dei consumi, riflettendosi il benessere dei consumatori nei paesi socialisti essenzialmente nell’aumento dei servizi pubblici e sociali come la scuola, l’assistenza medica e gli alloggi, a bassissimo prezzo questi ultimi o addirittura gratuiti. Era chiaro che la situazione non poteva durare a lungo a confronto con l’aggressività dell’economia capitalista che trovava un ruolo trainante proprio nella rapida crescita sia dei consumi interni sia delle esportazioni. Quando verso la metà degli anni Settanta e, poco dopo, in seguito alla rivoluzione iraniana del ’79, si scatenarono due successive crisi petrolifere e lo straordinario sviluppo dell’economia europea giunse alla fine, mentre nella parte occidentale del continente s’affermò un nuovo credo “neoliberale” fondato su un programma di deregolamentazione e privatizzazione onde restaurare le forze della libera concorrenza di mercato (la concezione tipica del governo inglese della signora Thatcher e del governo americano sotto la presidenza Reagan – concezione peraltro che resiste tutt’ora), nell’Europa orientale i problemi economici si accumularono contribuendo non poco all’improvviso crollo dei regimi comunisti nel 1989. Quanto all’Unione Sovietica la crisi economica venne non poco aggravata dalla disastrosa invasione dell’Afghanistan, dagli enormi costi della rinnovata corsa agli armamenti scatenata dagli Usa sotto la presidenza Reagan, dal caos infine in cui il paese fu gettato dalle tarde, confuse e contestate riforme che ­Gorbacˇë v cercò di introdurre. Dopo il fallito colpo di stato dell’agosto del 1991 ad opera dei comunisti che seguivano la linea dura, gli stessi comunisti perdettero il potere e l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, dopo oltre ottant’anni di vita si sgretolò in quindici Stati indipendenti, la maggior parte dei quali si impegnò a creare un sistema di mercato libero. La fine del regime comunista a partito unico significò anche la fine dell’economia a controllo centralmente pianificato. Davvero un bene come l’evento venne universalmente salutato nel mondo “libero e democratico”?

  • 8 Per esempio da P. Ginsborg, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi, cit. e che quindi li descrive a (...)
  • 9 Vd. L. Tulli, Ingrandire la stalla, allargare il magazzino, in “Altrochemestre”, 1994, n. 1, pp. 8- (...)

6All’inizio degli anni Settanta quando in Europa, sotto il profilo economico, cominciava a prender piede la crisi alla quale abbiamo appena accennato, il nuovo segretario del partito comunista italiano Enrico Berlinguer, anche per evitare che si ripetesse da noi quanto era appena avvenuto in Cile (il colpo di stato che aveva rovesciato il governo socialista e democratico di Salvador Allende), decise di uscire da quel “dignitoso immobilismo” in cui i comunisti si erano richiusi negli anni dell’“azione collettiva” come vennero chiamati8 – ossia gli anni (1968-73) che da un lato avevano veduto l’esplosione del movimento studentesco e dei gruppuscoli rivoluzionari e, dall’altro, l’inizio della “strategia della tensione” (a partire dall’attentato di piazza Fontana del 12 dicembre 1969) e la mobilitazione dell’estrema destra. Egli proponeva pertanto una “storica” alleanza tra il partito che doveva rappresentare la classe operaia e i più diversi settori dei ceti medi che si riconoscevano nella Democrazia Cristiana, un partito non giudicato come organicamente reazionario ma capace di dar vita a un effettivo rinnovamento sociale e a un effettivo progresso democratico. Cercando di avviare tale compromesso – storico o no che fosse – Berlinguer, abbastanza astrattamente, pensava a una convergenza tra moralità cattolica e moralità comunista nel nome di un bene politico superiore; pensava di poter superare gradualmente il capitalismo introducendo nell’economia elementi di socialismo; pensava soprattutto (e in concreto) a un nuovo ordine basato sull’austerità, sui valori collettivi, sulla cooperazione. L’austerità divenne l’anticamera della salvezza, tanto che il nuovo segretario, che sembrava incarnare in se stesso, nel suo volto smagrito e quasi sempre severo, lo spirito delle sue idee, non esitò a invitare i lavoratori a fare nuovi sacrifici dato che essi, nella sua prospettiva, non sarebbero stati vani. Una società più austera – proclamò – può essere una società più giusta, meno diseguale, realmente più libera, più democratica e più umana. Da questo compromesso, pensava, sarebbe emerso un nuovo blocco storico egemonizzato dalla classe operaia e dal suo partito. All’egemonia politica vagheggiata da Gramsci si sostituiva così l’egemonia morale che poi, in effetti, il suo partito rivendicò ma che gli squassanti futuri eventi di Tangentopoli dovevano in parte oscurare. Quello che al progetto di Berlinguer mancò, al di là della sua genericità e astrattezza, era un saldo fondamento di base: l’ingenuità, ad esempio, di interpretare un partito essenzialmente conservatore (quando non addirittura reazionario come la Democrazia cristiana) come un partito sinceramente disponibile al cambiamento. Era certamente vero, come lo stesso Berlinguer ebbe a ricordare, che anche Togliatti aveva ricercato un compromesso con De Gasperi, sennonché allora la Democrazia cristiana era un partito nuovo, ancora privo di qualsiasi potere all’interno dello Stato e con un programma, almeno in alcuni tratti, innovatore. Trent’anni dopo era divenuta ben altra cosa: aveva via via occupato lo Stato, lo aveva trasformato ed era divenuta il grande partito del capitalismo italiano e, come tale, la vera e propria antitesi al progetto di Berlinguer. A parte del resto la potente contraddizione insita nello sperare un incontro tra la morale cattolica e quella comunista (tra la Chiesa di Roma, verrebbe da dire, e l’Unione Sovietica), lo stesso appello di Berlinguer agli italiani per una società più giusta, più collettivista e più austera cadde inevitabilmente nel vuoto, tanto evidente era la scarsa sintonia tra questi appelli “catoniani” e una società che, fino dal 1945, si era venuta radicalmente trasformando in virtù dei tanti beni materiali e di consumo di cui si era venuta entusiasticamente appropriando. Da qualsiasi parte venissero, tali richiami non potevano che cadere nel vuoto sicché, per l’italiano medio, la visione puritana del nuovo segretario comunista poteva suscitare rispetto, non essere certo avvertita come augurabile. D’altra parte, crescita economica e sviluppo umano (in senso etico e culturale) non sono affatto la stessa cosa, e con l’avvicinarsi della fine del secolo la prima giunse a costituire sempre di più una minaccia per il secondo. L’una e l’altro non andarono affatto di pari passo ed anzi, presso gli antichi che già ebbero coscienza del fenomeno (si pensi a Sallustio), la ricchezza era sempre stata denunciata come causa di dissoluzione della comunità ed esaltazione dei privilegi individuali comunque acquisiti. Né progrediva il senso civico o la consapevolezza del ruolo e delle finalità sociali dei tanti piccoli imprenditori che la buona sorte favoriva. All’intervistatore che nel 1992 le chiedeva quali fossero i suoi obbiettivi nella vita, una imprenditrice del Veneto così rispondeva9:

Soldi, solo soldi guarda, soldi e basta. Volevo fare una bella vita, comprarmi bei vestiti, e poi volevo farmi notare. Ero ambiziosa come lo sono anche adesso: volevo essere qualcuno e non volevo essere ignorata dalla gente. Adesso ho trenta lavoranti e lavoro bene, guadagno intorno ai trecento-trecentocinquanta milioni l’anno, però ne denuncio tanti di meno. Il resto è tutto in nero […] Pensa che adesso non ho tempo di godermi i miei soldi ma guarda: mi bastano quindici giorni a Jesolo in un grande albergo. Mi basta questo; mi sento una gran signora…

7Assistendo all’intervista, persino la figlia di costei ebbe ad osservare: «Mia mamma è schiava del lavoro. Per lei non c’è altro, ma questo non è vita; è un assurdo».

  • 10 Da P. Ginsborg, L’Italia del tempo presente. Famiglia, società civile, Stato. 1980-1996, Einaudi, T (...)
  • 11 Vd. P. P. Poggio, La Lega secondo natura, in “Iter”, II (1992), p. 152.
  • 12 Così, energicamente, P. Ginsborg, L’Italia del tempo presente, cit., p. 90, che poi analizza tutti (...)
  • 13 Vd. P.P. Pasolini, Lettere luterane, Einaudi, Torino, 1976, p. 92 (ma anche pp. 53-54, 80-83 e 85-9 (...)

8Per quanto possa apparire rozzo e banalmente infantile il modo di ragionare, se così vogliamo chiamarlo, della nostra imprenditrice, esso rappresenta pure il sintomo di un diffuso sentire, alla periferia delle piccole città dell’Italia centrale e settentrionale, nelle nuove ville corredate di cancellate, di prati all’inglese e di automobili di tutte le dimensioni, gli «spiriti animali del capitalismo italiano», come è stato ben detto10, avevano trovato il loro habitat ideale. Questi spiriti, in certo modo temperati in passato dalla cultura sub-cattolica del nord-est e da quella comunista nell’Italia centrale, ora, a partire almeno dagli anni Ottanta, liberatisi di queste influenze sempre più in declino, crearono, come si è espresso Pier Paolo Poggio11, un nuovo paesaggio sociale in cui, a designare l’orizzonte morale del mondo, erano laboriosità e consumi opulenti. Poi, con l’avanzare degli anni e con la sempre maggiore disinvoltura (diciamo così) nella gestione dell’amministrazione pubblica da parte di una classe politica che aveva solo finto d’innovarsi, si ebbe – mentre i diseredati della nostra società (i disoccupati, gli immigrati, i poveri) non riuscivano a far valere le loro esigenze – un forte accrescimento, soprattutto in Lombardia e nel Veneto, del malcontento di quei piccoli e medi imprenditori che abbiamo appena descritto e che intesero esprimere la loro cultura nella continua denuncia dell’inefficienza del potere centrale, di “Roma ladrona” come proclamarono con uno slogan tanto efficace quanto becero e semplicistico; in sostanza contro uno Stato prepotente e vessatorio al quale, sentendosene vittime, contrapposero un’etica localistica, consumistica, fortemente orientata verso l’interesse personale e tutta fondata sul profitto e sul successo individuale: una sorta insomma di thatcherismo all’italiana con una sempre più esplicita intolleranza nei riguardi dei meridionali, degli immigrati e di coloro che erano o diversi od estranei. In breve: la nuova ricchezza che si era verificata in certe zone del paese ebbe in realtà a produrre, anche e soprattutto il contrasto con la cultura comunista, una cultura tribale12. Al che si dovrebbero probabilmente aggiungere le nefaste conseguenze del consumismo edonistico prodotto dalla rivoluzione informatica la quale, oltre a produrre un tipo di conoscenza quanto mai vasta ma sempre irriflessa, ha avuto il potere di sempre più massificare e mercificare le stesse potenziali virtualità del sogno e dell’immaginazione. Il cinismo del pubblicitario, secondo cui il consumismo contemporaneo è in gran parte poco più di una risposta pavloviana alle sue stesse manipolazioni, sembra invero una triste ma ben incisiva rappresentazione della realtà contemporanea, Nelle sue Lettere luterane13 Pier Paolo Pasolini aveva già pronosticato l’inevitabile omologazione della società italiana e la sua riduzione a una massa conformista, a una folla “infimo-borghese”. La stessa realtà, come già dicevamo all’inizio, che il romanzo stava sempre più divenendo un prodotto con un suo mercato, una sua domanda e una sua offerta, con le sue campagne di lancio e i suoi successi (memorabili quelli de Il nome della rosa di Umberto Eco o di Va’ dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro) o i suoi tran-tran e comunque, in ogni caso, un prodotto “di un buon livello medio”; questa realtà non poteva che mortificare, e mortificare profondamente, chi avesse tentato di dar vita a una narrativa da costruirsi tutta e soltanto con le proprie mani. Lo scrittore di natura o d’istinto, di vocazione, non poteva che trovarsi in serie difficoltà dovendo misurarsi, oltre che con l’opera alla quale cercava di dare compimento, con un agguerritissimo “scrittore di professione” quanto mai sagace nel confezionare il proprio lavoro e quanto mai esperto nel farlo valere sul sempre più complesso e sofisticato “mercato delle lettere” il quale, da parte sua, non stimolava certo la riflessione sui grandi e tragici eventi che il secolo pur poteva fornire (si pensi ad esempio alle grandi pagine d’apertura di un libro come Guerra e pace). Tutto un quadro insomma e una problematica (in negativo) di cui fu vittima un Salvatore Satta, il cui unico romanzo poté vedere la luce soltanto dopo la sua morte e che, sia pure in modo molto diverso, si rifletté nell’opera di Italo Calvino, di Pier Paolo Pasolini e di Leonardo Sciascia. Cominciamo dunque da loro.

Notes

1 Vd. P. Ginsborg, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi. Società e politica 1943-1988, Einaudi, Torino, 1989, pp. 157-59.

2 Vd. Roderigo di Castiglia, A ciascuno il suo, in “Rinascita”, XVII (1960), n. 5.

3 In Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, Einaudi, Torino, 1989, pp. 157-59.

4 Si può dire che la maggior parte degli studiosi comunisti abbia postulato una piena convergenza tra il pensiero di Gramsci e quello di Togliatti, anche se non è mancato chi ha voluto distinguere tra un Gramsci rivoluzionario e un Togliatti riformista.

5 Vd. A. Gramsci, Passato e Presente, Einaudi, Torino, 1952, p. 158.

6 Cito da A. Gramsci, Note su Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno, Einaudi, Torino, 1964, p. 8.

7 Vd. H. van der Wee e Piet Clement, 1945-1995: l’economia tra crescita e transizione, in Storia d’Europa. 5. L’età contemporanea, Einaudi, Torino, 1996, p. 244 e ss.

8 Per esempio da P. Ginsborg, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi, cit. e che quindi li descrive a p. 404 e ss.

9 Vd. L. Tulli, Ingrandire la stalla, allargare il magazzino, in “Altrochemestre”, 1994, n. 1, pp. 8-9.

10 Da P. Ginsborg, L’Italia del tempo presente. Famiglia, società civile, Stato. 1980-1996, Einaudi, Torino, 2007, p. 90.

11 Vd. P. P. Poggio, La Lega secondo natura, in “Iter”, II (1992), p. 152.

12 Così, energicamente, P. Ginsborg, L’Italia del tempo presente, cit., p. 90, che poi analizza tutti questi processi a pp. 207 e ss. e a pp. 331-34 (dalla televisione e i mezzi di cultura di massa agli attacchi allo Stato centralistico e corrotto al razzismo e alla xenofobia).

13 Vd. P.P. Pasolini, Lettere luterane, Einaudi, Torino, 1976, p. 92 (ma anche pp. 53-54, 80-83 e 85-91).

© Nino Aragno Editore, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search