Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fabrique de la déclamation antique

 | 
Catherine Schneider
, 
Rémy Poignault

« Scabreuses » déclamations ?

Rapta raptoris aut mortem optet aut nuptias

Rischi ed equivoci deela seduzione nella declamazione latina

Graziana Brescia

Résumé

La présente contribution propose une réflexion sur la loi déclamatoire fictive qui assigne à la rapta la possibilité de choisir entre la mort de son raptor ou le mariage sans dot. Les espaces inédits de liberté concédés à ces figures habituellement marginales semblent déterminer au sein de l’univers déclamatoire une redéfinition des rôles et des hiérarchies dans les relations familiales et, en particulier, un affaiblissement de la patria potestas.

The contribution suggests a reflection on the alleged declamatory law allowing a raped girl to choose between the death of her rapist on the marriage without dowry. This choice gives new freedom to a figure usually marginalized and prompts a re-definition of roles and hierarchies within family relationships, and specifically a weakening of the patria potestas.

Texte intégral

  • 1 Università di Foggia. Ps.‑Quint., Decl. min. 309.12. Il testo di riferimento per le declamazioni mi (...)
  • 2 Su questa legge ficzionale che fonde diritto civile e criminale greco e latino, cf. Bonner 1949, p. (...)
  • 3 Nell’ambito dell’immensa bibliografia sulla patria potestas un buon punto di partenza sull’argoment (...)
  • 4 Kaster 2001, in particolare p. 328.

1Potestatem tibi vitae ac necis lex dedit : questo il giudizio lapidario espresso nella declamazione minore pseudoquintilianea 3091 in riferimento al potere assoluto conferito alla rapta da quella legge ficzionale che le attribuisce il diritto di opzione tra la morte del raptor o le nozze2. A procurare straniamento nel lettore è, in particolare, l’adozione di quel nesso, potestas vitae necisque, che non può non evocare l’espressione polare ius vitae necisque con cui la cultura romana sintetizza e condensa il ventaglio pressoché illimitato delle prerogative attribuite alla patria potestas3. Se così stessero le cose, la declamazione attesterebbe una vera e propria « rivoluzione » nelle dinamiche di ruolo presenti all’interno della famiglia romana, poiché, come afferma Kaster4, « lo status e il potere degli uomini e delle donne sarebbe momentaneamente invertito ». Ma le cose stanno realmente così ? Questa lex attesta davvero il processo di indebolimento della patria potestas svelando una situazione critica in cui alle figure tradizionalmente dotate di tale potestas (padre, marito, patrono) se ne contrappongono altre titolari di diritti che in qualche modo erodono tali poteri ? O, piuttosto, la declamazione si limita a testimoniare la strutturazione di quella stessa patria potestas sotto altre forme, configurandosi come spazio privilegiato per dare possibilità di espressione ad una realtà nuova nei rapporti di parentela ?

2Attraverso la lettura di alcune delle controversie in cui vengono istruiti processi fittizi di raptus si cercherà di capire come la declamazione riesca a gestire questa insolita frizione tra poteri e diritti e se e quanto la lex che attribuisce alla rapta il diritto di optio limiti effettivamente la patria potestas e, in generale, la potestas delle figure tradizionali di riferimento (padre, marito) ; quanto sia ampia e reale la zona franca conquistata dallo spazio letterario rispetto a modelli profondamente radicati e quanto, invece, i condizionamenti culturali siano talmente forti da vanificare tale operazione ; infine, quanto la presenza di questa frizione sia importante per cogliere un mutamento nella percezione dell’autorità paterna e delle dinamiche relazionali in ambito familiare a cui la declamazione intende dare voce.

  • 5 Cf. Lentano 2009a ; Lentano 2009b.
  • 6 A questo processo ha dedicato attenzione anche Rizzelli 2012, p. 291‑293.
  • 7 La citazione è tratta da Lentano 2009a, p. 4.

3La declamazione – come è stato recentemente messo in rilievo dagli studi di Mario Lentano5 – sembra, infatti, farsi riflesso di un progressivo mutamento dei modelli relativi alla famiglia tradizionalmente codificati : l’operazione di « giuridicizzazione » compiuta dalle scuole di declamazione su segmenti del codice culturale6 la rende, infatti, « luogo privilegiato di dibattito sui modelli etici, sulle regole culturali, sui valori condivisi »7, aprendo spazi utili a saggiarne la validità e la resistenza di fronte a pretese concorrenti di altri mores e, soprattutto, consentendo di dare espressione ad una concezione delle relazioni familiari che tendeva a neutralizzare gli aspetti più arcaici e arbitrari.

La « rivoluzione » a Sofistopoli

  • 8 Si deve a Russell 1983, p. 21‑39, la felice definizione di Sofistopoli per designare l’universo vir (...)
  • 9 Si tratta delle controversie senecane II, 5 e IX, 1 e delle declamazioni minori pseudoquintilianee  (...)
  • 10 Cf. Lentano 2009a, p. 2.

4Può accadere, così, alle cittadine di « Sofistopoli »8 di abitare un mondo possibile governato da leggi fittizie che non sembrano avere corrispondenza nella vita reale, ma che consentono a queste figure, tradizionalmente prive di significativi campi d’azione, di ritagliarsi spazi nuovi : in particolare, la lex sul raptus sembrerebbe delineare un universo « altro » in cui è possibile ipotizzare un sistema relazionale nuovo. In questo mondo alla rovescia la donna può, addirittura, assumere il ruolo di chi eroga un beneficium al marito e ritrovarsi, in considerazione di ciò, ad intentare ai danni del coniuge una actio ingrati. È quanto accade nella declamazione minore pseudoquintilianea 368, una delle quattro controversie di scuola9 in cui viene istruito un processo fittizio che vede la actio ingrati figurare tra le « procedure adibite nello svolgimento della controversia »10 :

  • 11 Ps.‑Quint., Decl. min. 368 : « Una donna violata, agendo in contrasto con la volontà del padre, opt (...)

Rapta invito patre nuptias optavit. Ob hoc abdicata tacuit. Egentem patrem quia invito marito alebat est repudiata. Ingrati agit adversus maritum11.

  • 12 Sugli alimenta come dovere per i figli di ricambiare il nutrimento ricevuto dai genitori durante l’ (...)
  • 13 Per un’approfondita riflessione sulla complessa e dibattuta questione della corrispondenza tra giur (...)
  • 14 Come è stato sottolineato da Lentano 2009a, p. 17, se è vero che il De beneficiis è anche un De gra (...)

5Ad intentare la actio ingrati è, in questo caso, una rapta che, ritrovatasi ad esercitare il suo diritto di optio nei confronti del raptor, aveva scelto le nozze senza dote opponendosi alla volontà del padre : quasi inevitabile la punizione di questo grave atto di insubordinazione con il ripudio paterno. Tempo dopo, nel suo nuovo ruolo di uxor, la donna aveva deciso di sostentare con gli alimenta il padre, precipitato in uno stato di indigenza, nonostante il parere contrario del marito il quale, a sua volta, l’aveva ripudiata12. La contestazione da parte della uxor di questo ripudio si fonda, appunto, su una actio ingrati. Gli spazi inediti di libertà concessi alla rapta dalla lex che le attribuisce il potere di decidere della vita o della morte del suo raptor entrano, dunque, qui in concorrenza con un’altra legge scolastica, la actio ingrati, chiamata a dare espressione a quell’istanza di regolamentazione culturale e di negoziazione tra vecchi e nuovi modelli culturali messa in atto nelle controversie di scuola. La « cifra » squisitamente declamatoria della actio ingrati, priva di paralleli nella tradizione giuridica romana13, viene evocata già da Seneca che, nel terzo libro del suo trattato dedicato alla minuziosa casistica del beneficium e alla complessità della relazione con la gratia14, si interroga circa l’opportunità di introdurre anche nella legislazione della città una norma utile a sanzionare l’odiosità di quell’ingratitudine considerata un vero e proprio vitium :

  • 15 Sen., Ben. III, 6, 1 : « Si pone una questione : se questo vizio tanto odioso debba restare privo d (...)

Hoc tam invisum vitium an impunitum esse debeat, quaeritur, et an haec lex, quae in scholis exercetur, etiam in civitate ponenda sit, qua ingrati datur actio15.

  • 16 Quint., VII, 4, 37‑38 : Ingrati quoque : in quo genere quaeritur, an is, cum quo agitur, acceperit (...)
  • 17 Come viene osservato da Lentano 2009a, p. 12 n. 28, cui sono debitrice per questa citazione, sull’a (...)

6Particolarmente interessante si configura, ai fini del nostro discorso, l’applicazione concreta di questa procedura giuridica, di cui è possibile trovare riscontro in sede teorica in Quintiliano16, nelle controversie di scuola. Delle quaestiones teorizzate nella precettistica quintilianea, due, in realtà, costituiscono oggetto di contenzioso, prima ancora che nella nostra declamazione, già in una delle due controversie senecane che si occupano di actio ingrati. Le quaestiones poste sul tappeto sono le seguenti : se l’accusato abbia ricevuto un beneficio (circostanza che solo in rari casi è opportuno negare dato che chi lo nega è perciò stesso un ingrato) e quanto grande sia il beneficio ; se ha restituito quanto ha ricevuto17.

  • 18 Per le controversie senecane l’edizione di riferimento è Håkanson 1989.

7La controversia cui facciamo riferimento è la II, 5 di Seneca18, nella quale, come si diceva, sembra verificarsi un’applicazione concreta dei principi teorizzati dalla precettistica di riferimento : è quanto si evince, per esempio, dall’affermazione del retore Asinio Pollione che applica al caso giuridico oggetto di contenzioso la divisione successivamente teorizzata da Quintiliano :

  • 19 Sen., Contr. II, 5, 10 : « Asinio Pollione riteneva che non si dovesse mai cominciare negando di av (...)

pollio asinius aiebat numquam temptandam esse quaestionem primam, <nisi> manifesto obtineri posset, qua negamus nos beneficium accepisse : perit tota causa, nisi in hoc vicit. Apparet enim ingratum <es>se qui ne fatetur quidem se accepisse beneficium19.

  • 20 Su questa controversia si confronti Van Mal-Maeder 2007, p. 99‑100 ; Cornu Thénard 2007, p. 389‑393

8Anche in questa controversia, come nella declamazione minore pseudoquitilianea 368, la actio ingrati è intentata da una uxor nei confronti del marito : la donna, nonostante le torture, non ha svelato il nome del coniuge coinvolto nella preparazione di un attentato ai danni del tiranno conclusosi, addirittura, con il tirannicidio. Qualche tempo dopo, il marito, dimentico del grande attestato di fedeltà e devozione coniugale offertogli dalla moglie, la ripudia per sterilità. La uxor intenta, appunto, una actio ingrati20 :

  • 21 Sen., Contr. II, 5, pr. : « Una moglie nonostante venisse torturata dal tiranno affinché rivelasse (...)

Torta a tyranno uxor, numquid de viri tyrannicidio sciret, perseveravit negare. Postea maritus eius tyrannum occidit. Illam sterilitatis nomine dimisit intra quinquennium non parientem. Ingrati actio est21.

9Di particolare interesse si configura la divisio su cui nella controversia senecana fondano le proprie argomentazioni i retori impegnati a sostenere la difesa del marito :

  • 22 Sen., Contr. II, 5, 10 : « Pensava che in una controversia di tal genere l’accusato, se l’argomento (...)

<Divisio *** quaestionem in hac> controversia hanc reum facere primam, si materia patitur : « Non accepi <beneficium » aut « accepi > quidem, sed reddidi » aut « Accepi quidem, sed non potui reddere ». Aut isto novissime confugere : « non, quisquis non reddidit beneficium, ingrati tenetur. Animus aestimandus est non reddentis »22.

  • 23 Lentano 2009a, p. 13.

10Una lettura comparata di questa controversia con la declamazione minore pseudoquintilianea 368 mette in luce singolari analogie nella griglia argomentativa che sottende l’organizzazione del discorso in difesa della moglie, al punto da poter parlare, utilizzando la felice intuizione di Mario Lentano, di veri e propri « protocolli argomentativi »23. La prima quaestio affrontata nella controversia senecana dai retori che difendono il marito, riguarda la legittimità di lemmare come beneficium l’atto compiuto dalla moglie che ha salvato la vita al coniuge : latro in hac controversia non dubitabat facere primam quaestionem, an beneficium dederit (Sen., Contr. II, 5, 12).

  • 24 Cf. Lentano 2009a, p. 6‑7.

11Nel dialogo a distanza istituito con la controversia senecana II, 5, la voce del declamatore pseudoquintilianeo si affianca, per segnalare una posizione diversa, a quella dei retori, come Porcio Latrone e Gallione, i quali sottolineavano per la moglie l’obbligo della prestazione in ragione del vincolo che la lega al beneficiario della prestazione stessa : viene, infatti, negata la possibilità di applicare in questi casi la nozione di ingratitudine che sarebbe, invece, pertinente, come risulterà dalla precettistica senecana in materia, alle relazioni fra estranei24 :

  • 25 Sen., Contr. II, 5, 13 : « I nuovi declamatori […] posero anche in questa controversia la seguente (...)

Novi declamatores […] et hanc quaestionem in hac controversia fecerunt : an inter viros et uxores data beneficia ingrati lege teneantur. Non est beneficium, sed officium facere quod debeas. <Quid,> si filius patri se dicat beneficium dare ? Hanc questionem <fecit> et gallio noster25.

  • 26 Sulla complessità della distinzione tra officium e beneficium già in Cicerone, cf. Chaumartin 1989, (...)

12Le argomentazioni addotte dai retori in questa controversia sembrano, infatti, anticipare la minuziosa distinzione teorizzata da Seneca tra officium, beneficium e ministerium26 :

  • 27 Sen., Ben. III, 18 : « C’è chi fa distinzione tra benefici, doveri e servizi : il beneficio è ciò c (...)

Sunt enim, qui ita distinguant, quaedam beneficia esse, quaedam officia, quaedam ministeria : beneficium esse, quo alienus det (alienus est, qui potuit sine reprehensione cessare) ; officium esse fili, uxoris, earum personarum, quas necessitudo suscitat et ferre opem iubet ; ministerium esse servi, quem condicio sua eo loco posuit, ut nihil eorum, quae praestat, imputet superiori praeterea27.

  • 28 Lentano 2009a, p. 5.

13Si tratta – come è stato opportunamente osservato28 – di una distinzione che si attaglia non tanto al contenuto della prestazione quanto al tipo di relazione che intercorre tra i soggetti individuati, rispettivamente, come destinatore e destinatario e, dunque, al carattere più o meno obbligato della prestazione stessa.

  • 29 Cf. Cic., Inv. II, 28‑29 ; Quint., V, 10, 23‑27.
  • 30 Cf. Sen., Contr. II, 5, 13.
  • 31 Sul parallelo tra questa controversia e il De beneficiis, già registrato da Setaioli 1988, p. 311 n (...)
  • 32 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1 Beneficium dedit : vitam donavit ; 368, 2 Dedit ergo beneficium.

14Lo « scarto » registrato nella declamazione pseudoquintilianea 368 rispetto alle argomentazioni assunte nella controversia senecana dai retori impegnati ad enfatizzare il vincolo di necessitudo che lega la uxor al coniuge e dunque l’impossibilità di annoverare le sue prestazioni tra i beneficia, è reso possibile dalla particolare configurazione della uxor della declamazione come rapta. È questo argumentum a persona29 a consentire al declamatore il superamento delle obiezioni avanzate nella controversia senecana da quei retori che, proprio valendosi dello stesso argumentum a persona, segnalavano l’inapplicabilità alla uxor della categoria del beneficium30. Alla debolezza e alla vulnerabilità delle uxores tenute, come la moglie della controversia senecana, ai doveri imposti dal vincolo coniugale e che, pertanto, non possono legittimamente definire beneficia le loro prestazioni in quanto esse rientrano più propriamente tra gli officia31, il declamatore pseudoquintilianeo contrappone la peculiarità del ruolo di rapta che risulta aliena da qualsiasi vincolo di parentela con il raptor. Ne consegue che il dono della vita concesso dalla fanciulla sedotta al suo corruptor in virtù della facoltà di esercitare la sua optio attribuitale dalla lex sul raptus, le consente di sfuggire a quel sistema di relazioni padre/figlio, marito/moglie, padrone/schiavo sottratte alle categorie del beneficium e della gratia a causa del carattere obbligato delle prestazioni all’interno di quelle relazioni32.

  • 33 Sulla complessità delle relazioni tra erogatore e destinatario del beneficium teorizzate nel De ben (...)
  • 34 Sen., Ben. III, 18, 1 e 19, 1 : « Si può parlare di beneficio quando chi lo concede avrebbe potuto (...)

15Nessun obbligo nel caso della rapta poiché, secondo la precettistica senecana, ella rientrerebbe a pieno diritto nella categoria di coloro ai quali sarebbe stato lecito sottrarsi alla prestazione33 : Beneficium esse quod alienus det (alienus est qui potuit sine reprehensione cessare). […] Beneficium enim id est, quod quis dedit, cum illi liceret et non dare34.

16Quello concesso in passato dalla rapta al suo attuale coniuge rientra, dunque, a pieno diritto nella categoria dei beneficia piuttosto che in quello degli officia : quando ella ha salvato la vita al suo raptor in virtù della facoltà di optio attribuitale dalla lex sul raptus, non esisteva, infatti, alcuna relazione di parentela che la legasse al destinatario del beneficium né alcun obbligo da parte sua di comportarsi in un modo piuttosto che nell’altro riguardo al suo seduttore. Vengono, pertanto, vanificate le affermazioni dei retori della controversia senecana II, 5 : nella declamazione pseudoquintilianea la actio ingrati assume maggiore forza proprio in virtù della posizione della rapta, a dimostrazione del potere di negoziazione che la lex sul raptus attribuisce a figure femminili altrimenti escluse naturalmente dall’orizzonte dei beneficia.

  • 35 La definizione è di Marchese 2005, p. 36 cui si rinvia per le approfondite riflessioni dedicate all (...)

17Occorre anche mettere in rilievo come quello concesso dalla rapta non sia un beneficium qualsiasi : si tratta, addirittura, del beneficium della vita, ovvero di quel dono i cui erogatori unici e per antonomasia sono i padri e che determina nei figli un debito dal gap incolmabile35 :

  • 36 Sen., Ben. III, 29, 2 : « Si ammetterà che molto spesso accade che i figli siano diventati più impo (...)

Illud concedetur multos filios maiores potentioresque extitisse quam parentes suos ; aeque et illud meliores fuisse. Quod si constat, potest fieri, ut meliora tribuerint, cum et fortuna illis maior esset et melior voluntas36.

18Non stupisce, pertanto, l’assimilazione frequentemente utilizzata dai retori alla figura paterna di tutti coloro che, in un modo o in un altro, si sono resi protagonisti dell’erogazione di un beneficium straordinario come quello della vita. A questa stessa dinamica relazionale rinviava, secondo Albucio Silo, il gesto compito dalla moglie nei confronti del tirannicida : albuci sili : nihil amplius patri debes quam uxori (Sen., Contr. II, 5, 9).

  • 37 Cf. Plin., XVI, 12 ; Gell. V, 6. Si confrontino, sull’argomento, gli studi di Weinstock 1971, p. 16 (...)
  • 38 Ad un’approfondita riflessione sulla relazione servator-servatus riletta alla luce della categoria (...)

19Occorre, comunque, aggiungere che proprio per la sua straordinarietà, il dono della vita si configura come beneficio così pesante e gravoso da provocare nei destinatari – che si ritrovano per questa via nella stessa situazione di subordinazione assoluta peculiare dei figli nei confronti dei padri – una sorta di « disagio del beneficio », proprio come accade al servatus rispetto al suo servator. Estremamente utile per una diagnosi di questo disagio si rivela la testimonianza resa da Polibio nel sesto libro delle sue Storie a proposito della corona civica come riconoscimento dovuto a quei soldati segnalatisi per aver salvato in battaglia la vita ad un altro cittadino romano37. A sanzionare l’obbligo imposto istituzionalmente ai servati di dichiarare il proprio debito di riconoscenza nei confronti del servator interviene, infatti, addirittura l’autorità dei tribuni : « Se i salvati non lo fanno spontaneamente, i tribuni, dopo aver condotto un’indagine, li costringono a incoronare il salvatore » (Pol. VI, 39, 6)38.

20La necessità di ricorrere all’imposizione dall’alto per attivare una corrispondenza tra beneficium e gratia è determinata – come spiega lucidamente Cicerone – dal peso del beneficio ricevuto, che colloca il servatus nei confronti del servator nella stessa condizione di debito contratto naturalmente con il proprio padre (loco parentis) :

  • 39 Cic., Planc. 72. Sulla complessa relazione tra l’onus beneficii e la gratia, cf. anche Cic., Planc. (...)

Et id etiam gregarii milites faciunt inviti, ut coronam dent civicam et se ab aliquo servatos esse fateantur, non quo turpe sit protectum in acie ex hostium manibus eripi […] sed onus beneficii reformidant, quod permagnum est alieno debere idem quod parenti39.

  • 40 Sulla specifica « fortuna » di questo paradigma culturale nel mondo romano si confronti Lentano 200 (...)

21Torniamo ora alla nostra declamazione. Particolarmente gravosa deve risultare questa condizione di debitore insolvente in cui il marito raptor si trova costretto in seguito al dono della vita concessogli dalla rapta. A rendere più immediata e inequivocabile la decifrazione del beneficium e del vincolo ineludibile di gratia che grava sul beneficato contribuisce l’assimilazione realizzata dal declamatore tra il ruolo della uxor e quello dei parentes, individuati esplicitamente come coloro cui spetta per antonomasia la facoltà di lucem dare40 :

  • 41 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1 : « Ti ho dato un beneficio : ti ho donato la vita. Dare la vita è un (...)

Beneficium dedit : vitam donavit. Magnum beneficium est lucem dare : ideo sunt parentes carissimi – et illi vitam dant non sentientibus41.

22Altrettanto significativa, ai fini dell’attivazione del vincolo di gratia imprescindibile nei confronti di chi, come il servator, fa dono a qualcun altro della vita, risulta essere l’inclusione della rapta in quella particolare categoria di benefattori mediante l’adozione del verbo servare : Dedit ergo beneficium. Quid si etiam contra patris voluntatem te servavit ? (Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 2).

  • 42 Sen., Clem. I, 5, 6 : Vita enim etiam superiori eripitur, numquam nisi inferiori datur. Sulla prero (...)
  • 43 L’atteggiamento del marito rientra, infatti, tra quelli particolarmente deprecabili di quanti non s (...)
  • 44 Lentano 2009a, p. 8.

23Se è vero infatti – è sempre Seneca a teorizzarlo – che la vita può essere sottratta da chiunque a chiunque, mentre a farne dono può essere solo un superiore ad un inferiore42, in questa controversia, in virtù del dono della vita concesso dalla moglie, si verificherebbe un vero e proprio ribaltamento nella gerarchia dei ruoli rispetto alle dinamiche relazionali canoniche : il marito in quanto raptor verrebbe a trovarsi nella condizione di subordinazione di chi deve rendere gratia alla propria uxor per il beneficium ricevuto, senza contare che il mancato adeguamento alla logica beneficium/gratia lo rende passibile di una actio ingrati43. D’altronde, come è stato lucidamente osservato, l’attribuzione alla rapta del beneficium della vita risponderebbe ad una precisa strategia messa in atto dalla declamazione di scuola, sempre molto attenta, per ovvie ragioni, a bilanciare le ragioni dell’accusa e della difesa e per questo incline ad attribuire a figure socialmente deboli (schiavo, liberto, moglie, figlio) meriti particolarmente significativi, in modo da « fare massa critica » e poter conferire alle loro pretese sufficiente forza negoziale : lo scopo ultimo è, appunto, quello di « controbilanciare la tesi secondo la quale, invece, persino quel merito non è sufficiente a cacciare chi ne usufruisce in una condizione di debito »44.

24Il nostro declamatore è dunque ben attento nella costruzione dell’intreccio, incasellando con cura ogni singolo tassello al fine di realizzare un mosaico inattaccabile : non solo la uxor è una rapta e, quindi, in virtù di questo ruolo può sottrarsi alla logica relazionale della prestazione resa obbligata dai vincoli di necessitudo, ma il contenuto stesso della prestazione è tale da vanificare qualsiasi forma di negoziazione : si tratta, infatti, del beneficium per antonomasia, quello che crea – come si diceva – un gap incolmabile tra creditore e debitore.

25La categoria del beneficium sembra, dunque, concorrere, insieme alla optio concessa alla rapta dalla lex declamatoria, a reinterpretare sotto una luce inedita la relazione maschile/femminile nelle sue più tradizionali articolazioni : padre/figlia e marito/moglie.

26Allo stessa dinamica relazionale innovativa disegnata dal nesso beneficium/gratia sembra rinviare il caso giuridico oggetto di contenzioso in un’altra declamazione pseudoquintilianea, che vede contrapporsi, ancora una volta, un marito raptor e una moglie rapta :

  • 45 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, pr. : « È lecito ripudiare una moglie che non abbia dato figli al marit (...)

Intra quinquennium non parientem repudiare liceat. Iniusti repudii sit actio. Quidam uxorem, quam ex raptu habere coeperat secundum optionem, intra quinquennium non parientem dimisit. Agit illa iniusti repudii45.

27Ad essere contestato dalla uxor è, infatti, il ripudio motivato, dal canto suo, dal marito con la lex che gli attribuisce tale facoltà in caso di sterilità della moglie protratta oltre il primo quinquennio di matrimonio. Anche in questo caso l’optio della rapta accende dei crediti nei confronti del raptor in virtù della concessione del beneficium della vita, che consente di catalogare come iniustum il repudium :

  • 46 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 1 e 3 : « Muovo un’accusa per ingiusto ripudio. Io credo che nessuno sa (...)

Iniusti repudii accuso. Neminem adeo fore alienum a bonis moribus credo qui dubitet parum istud iuste factum esse quod quae summum dederat beneficium [vitae] ne id quidem obtinuit apud maritum quod praestitit. […] Duas enim poenas adversus raptores constituisse lex videtur, alteram mortis, alteram nuptiarum : leviorem hanc et beneficio propiorem, tamen et ipsam non sine necessitate46.

28Ad essere chiamata in gioco è, ancora una volta, in primo luogo, la dinamica relazionale tra benefattore e beneficato, che non solo non registra alcun vincolo di necessitudo ma si qualifica, altresì, per il superamento da parte di chi ha erogato il beneficium del legittimo risentimento di quella che si connota, a buon diritto, come parte lesa :

  • 47 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 5 : « È chiaro che tu hai ricevuto il massimo beneficio : ella ti ha do (...)

Beneficium te accepisse summum manifestum est : vitam tibi dedit laesa, dedit vitam iuste irata, dedit vitam perituro per supplicia, per dedecus47.

29Ne consegue, a detta del declamatore, la necessità per il marito di attivare il vincolo di gratia nei confronti della moglie : Pro his nihil non praestari oporteret uxori (Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 5).

30Un peso altrettanto gravoso è conferito, inoltre, dalla natura del beneficium che – come si è già messo in rilievo – in virtù del dono della vita si qualifica inequivocabilmente come summum (Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 5).

31Particolarmente interessante e foriera di esiti alla luce delle riflessioni sin qui condotte si configura l’analogia istituita, anche in questo caso, tra la posizione della rapta che ha concesso il beneficium della vita e quella del servator sulla base della nota e condivisa assimilazione di queste figure a quella dei genitori : Nam etiamsi non habet filium, adservavit tamen iuvenem, tamen hominem, tamen civem (Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 7).

32La lex sul raptus colloca, dunque, il matrimonio in una zona franca rispetto alle leggi che regolano il mondo reale. Se quello della moglie non può essere considerato un beneficium poiché rientrerebbe, secondo la minuziosa casistica senecana, tra gli officia, la prestazione della rapta, invece, data la sua catalogazione come estranea e, per di più, irata, può essere legittimamente annoverata in questa sfera. Questa lex fittizia concede, pertanto, alla uxor una possibilità inedita come quella di contestare il ripudio e apre una zona franca, uno spazio inedito di libertà. In questo universo « altro » trovano spazio e possibilità di ampliare il proprio campo d’azione proprio quelle figure come la virgo o la uxor cui tradizionalmente tale potere verrebbe interdetto. Può, allora, accadere che il tradizionale gioco dei ruoli venga stravolto : l’attribuzione del diritto di optio, la possibilità di essere artefice del destino di un uomo, non solo dota di un potere straordinario la fanciulla sedotta che scelga di risparmiare la vita al corruptor, ma stabilisce una dissimmetria di ruoli assimilabile a quella che viene a profilarsi tra chi dona e chi riceve un beneficium. Non si tratta, tra l’altro, come si è avuto modo di sottolineare più volte, di un beneficium qualsiasi : la rapta si trova nella posizione di chi dona la vita, una posizione tale da consentirne addirittura l’assimilazione alla figura statutariamente dotata dello ius vitae necisque, ovvero al padre, colui che è in grado di elargire il più grande e il meno ricambiabile di tutti i benefici : il dono della vita.

33Altrettanto interessante per aprire uno spiraglio sulle zone franche conquistate dalle scuole di declamazione, è l’argomentazione addotta dal declamatore che nega al marito raptor la possibilità per chi, come lui, non ha contratto matrimonio regolare, di avvalersi del sistema ordinario di leggi in vigore nella società :

  • 48 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 3 : « In effetti può avvenire che si avvalgano di questa legge e di que (...)

Istam enim legem et hoc beneficium habeant fortasse ii qui nuptias ex aequo fecerunt, qui tradentibus parentibus ; ad eos vero ad quos necessitas pertinet nuptiarum, nihil ista lex. Non magis enim repudiare licet quam non nubere liceret48.

34L’opzione delle nozze concessa dalla rapta al suo raptor, sebbene più lieve di quella di morte, non è tuttavia esente da necessitas e, soprattutto, colloca le nozze stipulate per questa via al di fuori della norma : Quod si lege non defenderis, profecto iniustum divortium est (Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 4).

35Ci muoviamo in un orizzonte fittizio dove non è possibile appellarsi alle leggi come quella che prevede, per esempio, la legittima possibilità di ripudiare la moglie in caso di sterilità : diversa sarebbe la situazione se il matrimonio fosse stato contratto secondo la procedura codificata.

  • 49 Di questa declamazione mi sono occupata specificatamente in un mio contributo (Brescia, Lentano 200 (...)
  • 50 Si tratta di quello che Héritier 1979, p. 246, definisce incestum di secondo tipo, riferito al rapp (...)

36La stessa deroga viene chiamata in causa nella declamazione minore pseudoquintilianea 286 nei confronti di un raptor che pretende di appellarsi alla lex sull’adulterium per legittimare l’uccisione della moglie e del correo49. Il caso in questione si presenta, in realtà, particolarmente complicato sino ai limiti del paradosso. In assenza dello sponsus, una virgo viene sedotta dal fratello di questi : la colpa del raptor nei confronti della sponsa del fratello risulta, pertanto, ancora più grave, dal momento che lo stuprum si colora, in questo caso, di incestum50. A dirimere la questione interviene il pater familias. Secondo la prassi, alla rapta spetta il diritto di chiedere soddisfazione del raptus mediante la richiesta della morte del raptor o le « nozze riparatrici ». Il padre dei due rivali in amore, spinto dal desiderio di salvare la vita del filius raptor, intercede presso la rapta, nonché sponsa dell’altro suo figlio, affinché opti per le nozze. Accade però che qualche tempo dopo il marito raptor sorprenda i due ex sponsi in adulterio e li uccida. Il padre a questo punto lo ripudia :

  • 51 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, pr. : « è consentito ripudiare e opporsi al ripudio. la donna violata s (...)

Abdicare et recusare liceat. Rapta raptoris aut mortem optet aut nuptias. Peregrinantis quidam fratris sponsam rapuit. Puella deprecante patre raptoris nuptias optavit. Iuvenis reversum fratrem et in adulterio deprehensum, cum pro illo pater deprecaretur, occidit. Abdicatur51.

  • 52 Sull’abdicatio come forma attenuata, in ambito declamatorio, dello ius vitae necisque si rinvia agl (...)

37Oggetto di controversia è la legittimità dell’abdicatio52 come punizione comminata dal pater ad un figlio che, a sua volta, rivendica di aver agito in conformità con la legge che prevede la punizione degli adulteri : Lex est quae permittat adulterum cum adultera occidere (Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 3). I termini della questione, oggetto della declamazione, vengono esplicitati nel Sermo :

  • 53 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 1 : « Se tutto ciò che viene compiuto contro la volontà del padre debba (...)

An omnia quae adversus voluntatem patrum admissa sunt debeant abdicatione puniri ; an propter id debeat abdicari quod lege fecerit53.

  • 54 Cf. Rhet. Her. I, 19 : Legitima est constitutio cum in scripto aut e scripto aliquid controversiae (...)
  • 55 Cf. Rhet. Her. I, 21 : Definitione causa constat, cum in controversia est, quo nomine factum appell (...)
  • 56 Cf. Rhet. Her. II, 17 ; Quint., VII, 3.

38La constitutio presupposta dalla controversia è, dunque, la legitima, che si articola in una delle sue varianti, la finitio54, orientata a stabilire, mediante una precisa definizione dei termini, se il caso in oggetto rientri o meno in una determinata ipotesi legislativa55 : le parti in causa sono, infatti, chiamate a confrontarsi sulla pertinenza formale della legge al fatto56. Nello specifico, come si diceva, a essere oggetto di contenzioso tra il pater – che con il provvedimento di abdicatio ha assunto, in un certo senso, il ruolo di difensore delle ragioni del frater sponsus – e il frater raptor, è l’applicabilità al caso specifico della lex prevista in materia di adulterio.

39Nella sua tesi argomentativa il pater non riconosce, appunto, al figlio raptor l’opportunità di avvalersi dalla legislazione sull’adulterio, dal momento che le nozze riparatrici con la rapta, considerata la particolarità delle circostanze in cui sono state maturate, nonché le modalità di celebrazione delle stesse, non gli consentono di godere della pienezza dei diritti e dei privilegi riconosciuti ad un legittimo consorte :

  • 57 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 3‑4 : « “Esiste una legge che mi consente di uccidere l’adultero insiem (...)

« Lex est quae permittat adulterum cum adultera occidere. » Non dicit tamquam patri « oportuit facere », sed « licuit mihi » tamquam alieno : quod si certe non sufficeret ad abdicationem, multum proficeret ista defensio. Sic agam hoc tamquam caedis causam ? Quod si facerem, ignosceretur mihi. Maior sit eorum libertas qui matrimonia <ipsi> iunxerunt, qui per vota <eo> venerunt : vos vero qui nuptias factis in poenam, ad quos uxores per lictorem deducuntur, id vindicare non potestis quod sic impetratis57.

40Si tratta di una possibilità preclusa dalla natura, potremmo dire extra legem, del matrimonio stipulato sulla base della optio prevista dalla lex sul raptus. Si direbbe, dunque, che con questi casi fittizi la declamazione sondi la possibilità di muoversi in un orizzonte diverso da quello reale, in un universo parallelo. E non è un caso che ad approfittare del nuovo e inedito gioco di ruoli reso possibile da questa collocazione in uno spazio « altro » siano proprio quelle figure statutariamente diverse rispetto a quelle tradizionalmente deputate. È la rapta, figura femminile che, in quanto tale, non è dotata di diritti, ma è anche il pater indulgens.

41Come indulgens viene, infatti, qualificato il pater della declamazione minore 286 :

  • 58 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 8 : « Di solito, per azioni come la tua si adottano difese come “sono g (...)

Solent ista sic defendi : « Iuvenis erravi, et amore lapus sum ». Vis igitur ignoscam ? Nihil est gratius impositam severitatem personae detrahi. Do vitiis veniam, habes patrem lenem, mitem, sceleribus ignosco58.

42Nella stessa tipologia rientra anche il protagonista di un’altra declamazione minore pseudoquintilianea (259) : qui, come vedremo, la lex sul raptus sembra configurarsi come una sorta di paracadute di cui si avvale questa categoria di padri per legittimare i propri « cedimenti » in materia di politica matrimoniale e la conseguente erosione della patria potestas che ne deriva senza incorrere nella censura dell’opinione pubblica :

  • 59 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 2 : « Non ignoro, giudici, quanto rende più difficile la nostra causa l (...)

Non ignoro, iudices, quantum causae nostrae oneris accedat ex persona abdicantis, non propter illud commune, quod pater est, sed quod pater indulgentissimus, amicus optimus, etiam quando iniuriam accepisse videtur mitissimus59.

L’optio della rapta e l’erosione della patria potestas

  • 60 Del processo di erosione della patria potestas attestato dalla lex sul raptus mi sono occupata anch (...)

43Sull’indebolimento della patria potestas attribuito alla lex sul raptus sembra costruito l’intreccio del caso giuridico fittizio discusso nella declamazione minore pseudoquintilianea 25960. Protagonisti del contenzioso sono un dives, un pauper, un pater e una virgo. La virgo è vittima di un situazione di pericolo (un naufragio), da cui viene salvata dal pauper. Ma la politica matrimoniale paterna prevede che la figlia sia destinata alle nozze con un giovane nobile. A questo punto pauper e virgo inscenano un raptus. Il pater dives ordina, quindi, alla figlia le nozze, ma in seguito, scoperto l’inganno, impone alla figlia stessa di sciogliere il matrimonio ; al rifiuto opposto da quest’ultima subentra il ripudio paterno :

  • 61 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, pr. : « Un ricco andava per mare insieme a un amico povero e alla figli (...)

Dives cum amico paupere et filia navigabat. Naufragium fecit. Extulit filiam divitis pauper. Rumor erat eam nupturam cuidam nobili iuveni. Quodam tempore in domo divitis tumultus fuit ; inventi sunt una pauper et puella ; ab utroque dictum est vitiatam puellam. Imperavit filiae dives ut nuptias optaret. Educta ad magistratum optavit. Postea comperit dives non esse vitiatam puella. Imperat ut relinquat pauperem. Nolentem delinquere abdicat61.

44La lex sul raptus interviene, dunque, per rendere possibili le nozze con un pretendente non gradito al pater a causa della sua condizione economica (si tratta di un pauper), ma resosi meritevole di un pretium in quanto servator puellae :

  • 62 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 13 : « Questo senza dubbio risulta chiaro : il padre ha ritenuto che la (...)

Illud certe manifestum est : pater filiam putavit irasci. Itaque sollicite quoque nec pro imperio tantum patris sed etiam pro auctoritate, pro sententia deprecatus est62.

  • 63 Sulla denuncia di questo « paradosso » legittimato dalla lex sul raptus che, ad una piena e conform (...)

45Il declamatore, impegnato a dare voce alle ragioni del pauper, dimostra al pater il paradosso di una potestas che ritiene di poter legittimamente essere elusa grazie a questa lex e che, invece, riafferma i suoi iura quando viene meno questo paravento, sebbene le condizioni siano più consone a quanto è previsto dal mos e dallo ius63 :

  • 64 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 18 ; 22 : « Una figlia non può essere ripudiata a causa del suo matrimo (...)

Abdicari propter matrimonium non potest. Paulo fortior recusaret etiam nubere nisi cui voluisset ; haec subiecit in hoc se imperio tuo, ex arbitrio patris nupsit. Paulo fortius vindicari debet matrimonium iam factum. Ut etiam nuptias imperare possis, repudium imperare non potes eius ad quem puella legibus et magistratibus et iure iurando pervenit. […] Te auctore nupsit, te hortante nupsit64.

46Il pater aveva, infatti, ceduto alle nozze della figlia con un genero che non rispondeva pienamente alle sue aspettative socio-economiche in materia (si trattava di un pauper), in quanto « costretto » dai vincla di una lex, quella appunto sul raptus, che risponde, in primo luogo, alla necessità di garantire la ultio per la violazione della pudicitia, mentre tornava a rivendicare la propria assoluta libertà in materia matrimoniale, che lo portava a sciogliere i matrimoni dei figli/figlie, nel momento in cui venivano a mancare le condizioni per l’applicazione della lex, ovvero nel momento in cui veniva appurato che non era mai stato perpetrato il raptus. È questa circostanza a determinare paradossalmente per il pauper – servator, non più raptor, il venir meno di ogni chance di poter aspirare alle nozze con la figlia del dives. Affrancarsi dalla culpa di averne violato la pudicitia, ovvero poter esibire una condotta improntata al rispetto del mos, lungi dal costituire per il pauper un requisito utile alla candidatura come genero ideale, equivale, dunque, a decretare il fallimento di ogni possibile aspirazione in tal senso. Non più raptor, l’aspirante genero torna ad essere solo ed esclusivamente un pauper : in uno spazio sottratto alla lex che regola il raptus, risulta nuovamente predominante la logica delle leggi socio-economiche.

  • 65 Si confrontino gli approfonditi studi in materia di Tabacco 1978 e Tabacco 1979. Sul contrasto tra (...)

47Questa stessa logica viene denunciata dal pauper protagonista di un’altra declamazione pseudoqintilianea, la 343 : la lex sul raptus si configura come una sorta di espediente attraverso cui il pater, in un universo leggificato dove evidentemente l’imposizione della patria potestas non è più sufficiente, cerca di gestire la politica matrimoniale delle figlie e, in particolare, la scelta del genero ideale in contrapposizione ad altri. Nelle scuole di declamazione il motivo del certamen tra i pretendenti alle nozze, largamente presente nella storia e nel mito greco, assume la forma della contrapposizione tra dives e pauper che costituisce, come è noto, un tratto connotativo della declamazione stessa65 :

  • 66 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 15 : « E per quale motivo è stata negata la mano della fanciulla al pov (...)

Et quare negata est ? Ut conlocaretur ei qui non redemerat, qui contempserat, qui piratis reliquerat. Tantumne pecunia valet, tantum ille fulgor divitiarum contra veritatem potest ? Nunc ille melior66.

48In questa controversia vengono riproposte situazioni che rinviano al mito e, più in generale, ad un motivo molto ricorrente anche nella fiaba : il bando emesso dal pater (solitamente un re) in cui viene reso noto a quali condizioni verrà concessa la mano della figlia/principessa :

  • 67 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, pr. : « Sia intentata un’azione giudiziaria per frode. Un povero e un r (...)

circumscriptionis sit actio. Pauper et dives eandem puellam petebant in matrimonium. Capta est illa quae petebatur. Posuit condicionem petitoribus pater, eius esset qui redemisset. Pauper profectus est et redemit virginem. Rapuit illam competitor dives. Educta ad magistratus nuptias optavit. Circumscriptionis accusatur pater a paupere67.

  • 68 Meletinskij 1977, p. 85.

49Anche nella nostra declamazione ci sono due aspiranti alla mano della puella, un ricco e un povero. A complicare o, meglio, a innescare il processo diegetico interviene il rapimento da parte dei pirati della fanciulla contesa, cui segue, appunto, il bando del pater, che pone come condizione per le nozze il riscatto della virgo. Ma come spesso accade in questi canovacci narrativi, a superare la prova è, secondo la felice definizione di Meletinskij68, l’unpromising hero, ovvero colui su cui nessuno avrebbe scommesso, in questo caso il pauper. A questo punto il padre della declamazione si trova in comprensibile imbarazzo ; ma ecco che provvidenzialmente il competitor dives, che non si era rivelato in grado di vincere il bando da eroe, fa violenza alla virgo che, altrettanto provvidenzialmente, condotta alla presenza del magistrato, opta per le nozze. Ma il pauper non ci sta e ipotizza un complotto accusando il mancato suocero di frode.

50Particolarmente interessante nella tesi esposta dal declamatore che dà voce alle ragioni del pauper, la denuncia del mancato rispetto del patto e l’individuazione del pater come l’unico e solo artefice di questa violazione in quanto arbitro dell’intera vicenda : viene, pertanto, svelata la funzione strumentale della lex in questione, in cui gli altri personaggi (la puella, lo stesso raptor) appaiono comprimari rispetto al ruolo protagonistico ricoperto dal padre :

  • 69 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 6‑9 : « Dopo che tua figlia è stata fatta prigioniera, quale condizione (...)

Capta filia tua, quam posuisti condicionem ? Eius futuram qui redemisset. Inde legisti discrimen inter duos petitores quod facilius posset praestare dives. Deceptus es in hoc : ego redemi, ego reduxi. Quo alio modo efficere potuisti ne mihi nuberet nisi hoc ? Dico ergo tua voluntate factum esse ut filia tua raperetur. […] Adicio non fuisse illum rapturum nisi securum. Nihil loquor de patria severitate, nihil de lege quae pro pudicitia minatur, quae mortem denuntiat : ille rapuisset puellam alii destinatam, alii pactam, nisi fiducia tui ? Non est credibile. Sed ne illud quidem credibile est, filiam nuptias optaturum fuisse nisi te volente : primum quod in nulla virgine tantum audaciae, tantum confidentiae est ut apud magistratum et de re summa audeat optare inconsulto patre69.

  • 70 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 11 : « Come ho già detto non è credibile sia che l’abbia sedotta senza (...)

Non est, ut dixi, credibile ut aut rapuerit ille sine fiducia tua qui non amabat, qui plurimum timere debuerat, aut haec optaverit sine auctoritate tua, et puella et contra eum qui de illa optime merebatur et pro eo a quo et contempta erat et rapta. Existimo animum tuum fuisse manifestum. Qui si apparet, a te circumscriptus sum70.

  • 71 Sulla translatio criminis come color utilizzato nell’ambito della qualitas iuridicialis adsumptiva (...)
  • 72 Ps.‑Quint., Decl. mai. 6, 14.

51Il pater appare, dunque, il regista della situazione. Il ricco, infatti, non avrebbe sfidato la voluntas paterna violando la pudicitia di una virgo destinata dal padre ad altri e, soprattutto, non avrebbe rischiato che la puella optasse per la sua morte, se non si fosse sentito tutelato dal futuro suocero. Non è credibile. Così come non è credibile che una rapta propenda per l’opzione alle nozze prevista da questa lex in contrasto con la volontà paterna (Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 8, nisi te volente) : in nessuna virgo c’è tanta audacia, tanta confidentia da esprimere tale opzione alla presenza dei magistrati inconsulto patre (Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 9). È proprio in considerazione della centralità della patria potestas che – afferma il declamatore – Non est hoc genus causae in quo omnia crimina transferre possis (Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 16). Inutili, dunque, e destinati ad essere smascherati, i tentativi di ricorrere alla translatio criminis (chiamata esplicitamente in causa attraverso l’adozione della locuzione tecnica transferrre crimen), orientata – com’è noto – a trasferire su un’altra persona la responsabilità dell’azione : Sed nihil haec cavillatio proderit tibi, qua crimen in generum et in filiam transfers (Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 5)71. La tesi del declamatore non lascia spazio a dubbi : le sue argomentazioni renderanno manifesto ai giudici che il corso degli eventi è stato determinato unicamente dalla volontà paterna (Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 5, omnia te volente facta esse). Ingannato rispetto alle aspettative che vedevano il ricco vincitore nel certamen, il pater, costretto a muoversi in un universo, come quello delle declamazioni, in cui quello paterno non si rivela più come un nomen omni lege maius72, avrebbe, dunque, fatto ricorso al raptus come strumento necessario ad affermare la propria volontà. Ma se è vero che in questo universo leggificato è necessario che il pater ricorra all’espediente di una lex per far valere la propria potestas, è altrettanto vero che egli resta, comunque, il regista e l’arbitro della situazione. Insomma, stando a quanto sostiene il declamatore, la sostanza non cambia. Il padre ha deciso autonomamente il destino matrimoniale della figlia contravvenendo ai patti precedentemente stipulati con il pauper, anche se per ritagliarsi tale spazio di libertà ha dovuto far ricorso al paravento della lex sul raptus :

3. Pactus sum. Hoc pactum non servatur, nec potest repeti : pecuniam impendi sub pacto neque pecuniam repetere possum neque id propter quod impendi habeo ;

  • 73 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 3 : « Ho stabilito un patto. Questo patto non è stato rispettato, né si (...)

12. Iam venimus ad illam tertiam partem causae nostrae, in qua ostendam vobis quam inique sim circumscriptus. Nuptias filiae tuae pactus sum. Non dico qua mercede : pactus sum. Fides supremum rerum humanarum vinculum est, sacra inter hostes, sacra (quod nuper comperi) inter piratas, tantae etiam apud malos auctoritatis ut, cum tradere mihi filiam tuam nolles, negare aperte non sustinueris. Et qua mercede pactus eram ? Ut redimerem73.

  • 74 Ov., Met. IV, 663‑764 ; V, 1‑235. Si confronti, anche, la riscrittura di Apollod., II, 4, 3 [44] : (...)

52A mettere in luce lo scollamento verificatosi nella declamazione rispetto al gioco dei ruoli codificato nella situazione-tipo del certamen tra pretendenti, su cui si fonda la denuncia di circumscriptio del pauper, può contribuire la lettura comparativa di un canovaccio analogo, mutuato dal mito. Il riferimento è alla fabula di Perseo e Andromeda nella sua riscrittura ovidiana74. Lì le cose vanno come dovrebbero andare : anche in questo caso si assiste ad un vero e proprio bando da parte del pater Cefeo, che promette le nozze con la figlia Andromeda, esposta come vittima sacrificale al mostro marino, quale pretium e causa dell’impresa di liberazione della virgo.

  • 75 Ov., Met. IV, 701‑703 : « Ora provo ad associare / a tante virtù anche un servizio, se solo gli dèi (...)

53Si fa avanti un eroe, Perseo, che stabilisce un vero e proprio patto con il pater della fanciulla in pericolo : se egli riuscirà a salvarla grazie al suo valore, ne otterrà la mano : « Praeferrer cunctis certe gener. Addere tantis / dotibus et meritum (faveant modo numina) tempto ; / ut mea sit servata mea virtute paciscor »75.

  • 76 Ov., Met. IV, 704‑705 : « Accettano il patto (chi avrebbe esitato ?) e lo supplicano, / i genitori (...)

54Il patto viene accettato. Alle nozze si aggiunge anche il regno come dote : Accipiunt legem (quis enim dubitaret ?) et orant / promittunque super regnum dotale parentes76. L’eroe riesce felicemente nell’impresa : segue il pubblico riconoscimento come genero da parte del pater Cefeo e soprattutto il pretium et causa laboris, la virgo Andromeda :

  • 77 Ov., Met. IV, 735‑739 : « Gli applausi e le grida riempirono la spiaggia e le case celesti / degli (...)

Litora cum plausu clamor superasque deorum
implevere domos ; gaudent generumque salutant
auxiliumque domus servatoremque fatentur
Cassiope Cepheusque pater, resoluta catenis
incedit virgo, pretium et causa laboris
77.

  • 78 Sui debiti della poesia ovidiana verso la declamazione, cf. Fairweather 1981, p. 264‑270 ; Sabot 19 (...)

55È interessante rilevare le rifrazioni anche sul piano lessicale e semantico (paciscor) tra le due situazioni-tipo, accentuate dall’uso da parte di Ovidio, autore di cui è nota la « cifra » retorica78, di termini come servator, in riferimento a Perseo, che designa una particolare tipologia di personaggio ampiamente ricorrente in ambito declamatorio.

  • 79 Ov., Met. IV, 757‑758 : Protinus Andromedan et tanti praemia facti / indotata rapit.

56Altro significativo indizio utile ad aprire uno spiraglio circa la possibilità di tentare una lettura comparata tra declamazione e mito è la definizione del pretium laboris, del praemium che Perseo meritatamente ottiene dopo aver portato a termine con successo l’impresa e aver liberato la virgo : il pater della puella – come si diceva – lo riconosce come genero ma, in realtà, nel testo ovidiano si legge che come praemia facti Perseo indotatam rapit. Rapit, non uxorem ducit79. Siamo forse in presenza di un lapsus ? E perché mai Ovidio avrebbe usato il verbo rapere, per di più in nesso con indotata ? Come è noto, le nozze senza dote costituiscono una delle due opzioni previste dalla lex declamatoria in casi di raptus : dunque è come se in Ovidio fosse avvenuto una sorta di (consapevole o inconsapevole) cortocircuito fra la vicenda del mito e un canovaccio declamatorio – quello delle nozze della rapta – al poeta sicuramente ben noto grazie al suo intenso tirocinio retorico.

57Proviamo ora ad analizzare il canovaccio alla base del mito nella rilettura ovidiana per rintracciare eventuali elementi di contiguità con la declamazione pseudoquintilianea : lo schema è quello che prevede la contesa tra il pretendente straniero, che però si rende meritorio per la sua virtus (Enea ; Perseo), e pretendente locale (Turno ; Fineo) ; nella declamazione l’estraneità al contesto di riferimento che è indizio della posizione inizialmente subordinata di colui che, grazie al suo individuale valore, si rivelerà vincitore del bando rispetto al pretendente già designato, si traduce sul piano del conflitto economico-sociale tra dives e pauper.

  • 80 Cf. Ov., Met. V, 12‑29.

58Ma veniamo al pater della nostra declamazione : è evidente che egli non si comporta in linea con il modello del vecchio saggio e moderato come Latino o, nel caso ovidiano, di Cefeo, pronto a intervenire per fermare il suo stesso fratello con l’argomento della « giusta ricompensa » meritata da Perseo grazie alla sua impresa, mentre Fineo non si è mostrato all’altezza della situazione80. Cefeo (come dovrebbe fare il pater della declamazione) insiste sull’inazione di Fineo rispetto al coraggioso intervento di Perseo e aggiunge come elemento vincolante un preciso riferimento al patto nuziale stipulato dall’aspirante genero con il futuro suocero :

  • 81 Ov., Met. V, 22‑29 : « Non ti basta che sia stata legata sotto i tuoi occhi / senza che tu, suo zio (...)

Scilicet haud satis est quod te spectante revincta est
et nullam quod opem patruus sponsusve tulisti ;
insuper a quoquam quod sit
servata dolebis
praemiaque eripies ? Quae si tibi magna videntur,
ex illis scopulis ubi erant adfixa petisses !
Nunc sine qui petiit, per quem haec non orba senectus,
ferre quod et
meritis et voce est pactus, eumque
non tibi, sed certae praelatum intellege morti
81.

59Allo stesso Fineo non resterà che riconoscere a Perseo la vittoria nel certamen : Causa fuit meritis melior tua, tempore nostra (Ov., Met. V, 220).

60Sarebbe, dunque, questo il modello di riferimento indicato implicitamente dal pauper della nostra declamazione al pater della virgo, il quale, invece, si è sottratto al patto stabilito per favorire un pretendente certamente più appetibile per la sua collocazione socio-economica ma immeritevole e privo, per questo, dei requisiti previsti dal « bando » dello stesso pater.

61Per fronteggiare le legittime proteste dell’aspirante genero, il pater della nostra declamazione chiama, appunto, in causa la lex sul raptus, ma viene prontamente « smascherato » dal suo antagonista, che svela il carattere fittizio affidato a questa lex in ambito declamatorio : essa, in realtà, si configura come surrogato di una patria potestas che evidentemente fa fatica ad imporsi per se stessa e si ritrova costretta a ricorrere a quel processo di giuridificazione del potere assoluto messo in atto dalla declamazione. In altri termini, il pater, consapevole di non godere più di quella potestà illimitata che gli aveva consentito di gestire in maniera assoluta e arbitraria la politica matrimoniale dei figli/figlie ma, nel contempo, deciso a non cedere il passo e a riaffermare la propria voluntas, deve ricorrere strumentalmente ad una lex tentando, attraverso la translatio criminis, di attribuire ad altri le responsabilità della violazione dei patti.

62La protesta del pauper, defraudato del suo meritato praemium, squarcia il velo di questa mistificazione, che, in ogni caso, rivela un indebolimento della patria potestas.

  • 82 Sul rapporto padri-figli nella declamazione si rinvia agli studi di Gunderson 2003 ; Vesley 2003 ; (...)

63In definitiva, nell’universo declamatorio il pater sembrerebbe ricorrere alla lex sul raptus e, in modo particolare, all’optio concessa alla rapta, per « legittimare » scelte talora alquanto arbitrarie in questo ambito e che evidentemente ora, diversamente da quanto si verificava nei feliciora saecula quando, in virtù di un nomen omni lege maius, l’auctoritas paterna non veniva mai messa in discussione, richiedono una giustificazione garantita dalla lex. In questo modo, la « scandalosa » potestas vitae necisque che il diritto di opzione sembrava concedere alla rapta viene fortemente ridimensionata nel suo potenziale eversivo dei tradizionali equilibri familiari e l’autorità del padre pretende ancora una volta, spesso con successo, di accamparsi come ultima parola, come titolare, ancora e sempre, di una potestas che non tollera di essere limitata o condivisa con altri soggetti82.

64D’altronde, va rilevato che anche nella declamazione 368 l’apparente confusione di ruoli e gerarchie trova una sua ricomposizione proprio in virtù della possibilità da parte della figlia/moglie di istituire nei confronti del marito una actio ingrati fondata sul riconoscimento dell’indiscussa superiorità della patria potestas : se è vero, infatti, che alla rapta veniva concesso un raggio d’azione inedito per le figure femminili e tale da consentirle di opporsi al ripudio del marito in virtù del credito acquisito con la concessione del beneficium della vita, è anche vero che proprio questo credito permette alla donna di rivendicare la necessità di provvedere con gli alimenta al padre :

  • 83 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 5 : « Cosa le rinfacci ? “Ho provveduto con gli alimenti a mio padre”, (...)

Quid huic obicis ? « Patrem inquit alit ». Accusas quod miseretur. Patrem ali non solum oportet verum etiam necesse est83.

  • 84 Cf. Plut., Cato Min. 25. Si confronti, sull’argomento, Cantarella 2008, p. 80. Emblematico il caso (...)

65La actio ingrati, dunque, non è funzionale solo a ritagliare inediti spazi di liberà a figure marginali e tradizionalmente prive di potestas, ma ripristina la dissimmetria di ruolo tra padre e figlia : viene, infatti, appianata una situazione che, a sua volta, aveva rischiato di vanificare la solidità di tali rapporti nel momento in cui la rapta aveva fatto la sua opzione invito patre arrogandosi il diritto di ultio della pudicitia violata, tradizionalmente attribuito alla patria potestas84 :

  • 85 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1‑2 4 : « Inoltre ella non ti ha donato soltanto la vita ma addirittura (...)

Iam non tantum vitam tuam donavit tibi sed etiam ultionem suam, nec tantum non exegit supplicium sed etiam concessit matrimonium. […] Dedit ergo beneficium. Quid si etiam contra patris voluntatem te servavit85 ?

Conclusioni

66Se è vero, dunque, che la lex sul raptus e soprattutto l’optio attribuita alla rapta tra la condanna a morte e le nozze senza dote sembra attribuire alle donne, solitamente confinate in una posizione subordinata, un potere illimitato che consente loro di ribaltare la tradizionale disimmetria di ruoli, è altrettanto vero che si tratta di una situazione virtuale destinata a rientrare nella norma. La lex sul raptus sembrerebbe, pertanto, leggificare un universo « altro » rispetto a quello reale, un universo in cui è possibile aprire degli squarci rispetto al sistema condiviso, utili a ritagliare zone franche. Ma è proprio questa sua connotazione di « alterità » dalla norma che può costituire, per altri versi, una rassicurazione circa la salvaguardia dell’assetto tradizionale.

  • 86 Cf. Bettini 1989, p. 26.

67L’operazione condotta dai declamatori nelle controversie di scuola attingendo all’apparato delle leggi fittizie sembrerebbe presentare analogie con quanto si verificava a Roma durante i Saturnali, quando si giocava alla « regola dell’antidestino » e si poteva « fingere che il destino, la sorte, quel “lotto” di beni o di posizione sociale che definisce l’identità di ciascuno non esistesse »86 : la momentanea sospensione delle norme resa possibile dall’intervallo della festa consentiva, lì come qui, di ritagliare una zona franca utile, in quanto tale, a sondare la tenuta del codice culturale ipotizzando una momentanea sospensione delle regole per misurare i meccanismi di concorrenza e conflittualità tra norme concorrenti e confliggenti nonché le diverse prerogative degli attori chiamati a scendere nell’agone (figlia/padre, moglie/marito). Si tratta, però, di una deviazione destinata ad essere riassorbita nell’orizzonte rassicurante della norma che sancisce il tradizionale assetto dei ruoli e delle gerarchie.

  • 87 Sul matrimonio come conseguenza del ratto nelle fonti giuridiche anche di età federiciana si confro (...)

68Non sarà un caso se in una fase cronologicamente successiva a quella in cui i declamatori si fronteggiavano in un agone fittizio si avvertirà in ambito giuridico la necessità di ricondurre alla norma queste situazioni anomale ponendo dei limiti al matrimonio come conseguenza di un raptus87. È quanto si legge già in questa testimonianza di Marciano databile all’età severiana :

  • 88 Inst. 14 Dig. XLVIII, 6, 5, 2 : « Chiunque rapì una donna non sposata ovvero sposata, è punito con (...)

Qui vacantem mulierem rapuit vel nuptam, ultimo supplicio punitur et, si pater iniuriam suam exoratus remiserit, tamen extraneus sine quinquennii praescriptione reum postulare poterit, cum raptus crimen legis Iuliae de adulteriis potestatem excederit88.

  • 89 Cod. Th. IX, 24, 1. Per un approfondimento su questa costituzione si rinvia agli studi di Evans-Gru (...)
  • 90 Cf. Botta 2004, p. 99 e 104.

69Ancora più netta la sanzione formale del divieto del matrimonio cosiddetto riparatore espressa nella costituzione emanata da Costantino nel 326 d. C.89 in cui la ratio della norma era proprio la repressione del ratto a fine di matrimonio90. La stessa linea viene successivamente sancita anche da Giustiniano, che sottolinea come la scelta del marito per la figlia debba essere riservata ai genitori e ai parenti cui spetta tale opzione : si ribadisce, però, che neppure a questi è consentito permettere le nozze con il rapitore della donna posta sotto la loro potestà :

  • 91 Cod. Iust. IX, 13, 1, 2 : « Non sia concessa facoltà a una donna rapita, vergine o nubile o a quals (...)

Nec sit facultas raptae virgini vel viduae vel cuilibet mulieri raptorem suum sibi maritum exposcere, sed cui parentes voluerint excepto raptore, eam legitimo copulent matrimonio, quoniam nullo modo nullo tempore detur a nostra serenitate licentia eis consentire, qui hostili more in nostra re publica matrimonium student sibi coniungere. Oportet etenim, ut, quicumque uxorem ducere voluerit sive ingenuam sive libertinam, secundum nostras leges et antiquam consuetudinem parentes vel alios quos decet petat et cum eorum voluntate fiat legitimum coniugium91.

70La preoccupazione dei giuristi sembrerebbe, dunque, essere quella che l’opzione delle nozze con il corruptor espressa dalla rapta – proprio come sembrava verificarsi in alcune declamazioni che hanno costituito oggetto della nostra analisi – potesse eludere o anche solo minare la potestà genitoriale in materia di politica matrimoniale : diventa, allora, necessario riaffermare che al padre e solo al padre possa spettare tale potere decisionale. Il legislatore non sembra, inoltre, avere dubbi nell’escludere da tale ventaglio di possibilità concesso al padre quello di considerare degno delle nozze con la figlia colui che si è macchiato del crimine del ratto.

  • 92 In questo, sia pur breve, excursus storico non si può passare sotto silenzio l’istituto del matrimo (...)

71In altri termini, rispetto all’universo declamatorio, le fonti giuridiche sembrano concedere spazi molto più esigui alla possibile infrazione-erosione di un codice culturale e antropologico che si rivela saldamente radicato : evitare il verificarsi di quelle particolari situazioni che hanno costituito oggetto della nostra attenzione, in cui il raptus e la lex fittizia che lo regolava sembravano potersi configurare quali veicoli utili a ritagliare zone franche a soggetti come la rapta, equivale, non solo a garantire la titolarità esclusiva di tali diritti alla potestà genitoriale, ma anche ad impedire equivoche e censurabili strumentalizzazioni del ratto a fini matrimoniali92.

72« Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi » sentenziava il giovane Tancredi alla presenza dello zio don Fabrizio Corbera, principe di Salina, in una celebre pagina del Gattopardo, attribuendo al suo arruolamento nell’esercito garibaldino la precisa intenzione di evitare ogni cambiamento e di imbrigliare entro l’alveo della conservazione la carica potenzialmente rivoluzionaria di quegli eventi. All’effimera illusione di cambiamento veniva, così, attribuita la funzione limitativa di valvola di sfogo utile, in quanto tale, a garantire la stabilizzazione e il consolidamento di ruoli e gerarchie parentali e sociali codificate. A questa stessa funzione di evasione momentanea da un orizzonte divenuto via via più asfittico sembra assolvere la declamazione di scuola, attenta a percepire e dare spazio a forme di disagio sempre più diffuse nella Roma imperiale ma altrettanto attenta a circoscrivere tali spazi di libertà in un universo fittizio in cui, proprio come accadeva durante i Saturnali, era concesso per lo spazio breve di una settimana il sogno di evasione, di una vita diversa, dove gli schiavi potevano indossare il pilleus e illudersi che la distinzione tra libertà e schiavitù fosse annullata salvo poi ritrovarla ancora intatta e, se possibile, più solida, al risveglio dall’ebbrezza di quei giorni. Con lo stesso destino si trovano a fare i conti i cittadini e le cittadine di « Sofistopoli » : una volta varcate le mura protette delle scuole di declamazione lo strappo nel cielo di carta non potrà che svelare la funzione di realtà virtuale condannata, in quanto tale, a registrare uno scacco nella partita con la società reale.

Bibliographie

Armisen-Marchetti M. 2004, « Mémoire et oubli dans la théorie des bienfaits selon Sénèque », Paideia 59, p. 7‑23.

Barchiesi A., Rosati G. 2007 (éd.), Ovidio. Metamorfosi, vol. II. Libri III-IV, Traduzione di L. Koch, Milan.

Beltrami L. 1997, « I doveri alimentari erga parentes », in R. Raffaelli, R. M. Danese, S. Lanciotti (éd.), Pietas e allattamento filiale. La vicenda, l’exemplum, l’iconografia. Colloquio di Urbino, 2‑3 maggio 1996, Urbino, p. 73‑101.

— 2005, « Il De clementia di Seneca : un contributo per l’analisi antropologica del valore della clementia », in A. Haltenhoff, A. Heil, Fr. H. Mutschler (éd.), Römische Werte als Gegenstand der Altertumswissenschaft, Munich-Leipzig, p. 143‑172.

Berti E. 2007, Scholasticorum studia. Seneca il Vecchio e la cultura retorica e letteraria della prima età imperiale, Pise.

Bettini M. 1989, « Le riscritture del mito », in G. Cavallo, P. Fedeli, A. Giardina (éd.), Lo spazio letterario di Roma antica, Rome, vol. I, p. 15‑35.

Bonner S. F. 1949, Roman Declamation in the Late Republic and Early Empire, Berkeley-Los Angeles.

Botta F. 2004, Per vim inferre. Studi su stuprum violento e raptus nel diritto romano e bizantino, Cagliari.

Breij B. M. C. 2006, « Vitae necisque potestas in Roman Declamation », Advances in the History of Rhetoric 9, p. 55‑81.

— 2009, « Pseudo-Quintilian’s Major Declamations : Beyond School and Literature », Rhetorica 27, p. 354‑369.

Brescia G. 2004, Il miles alla sbarra. [Quintiliano], Declamazioni maggiori III, Bari.

— 2009, « Gladiatori per caso : modelli antropologici in [Quintiliano], Declamazioni maggiori IX », Rhetorica 27, p. 294‑311.

— 2012, La donna violata. Casi di stuprum e raptus nella declamazione latina, Lecce.

Brescia G., Lentano M. 2009, Le ragioni del sangue. Storie di incesto e fratricidio nella declamazione latina, Naples.

Calboli Montefusco L. 1984, La dottrina degli status nella retorica greca e romana, Bologne (réimpr. Hildesheim, 1986).

Cantarella E. 2008, Passato prossimo. Donne romane da Tacita a Sulpicia (5e éd.), Milan (1re éd. 1995).

Casamento A. 2002, Finitimus oratori poeta. Declamazioni retoriche e tragedie senecane, Palerme.

— 2004, « Clienti, patroni, parricidi e declamatori. Popillio e Cicerone (Sen. Contr. 7, 2) », PP 59, p. 361‑377.

Casinos-Mora F. J. 2011, « Lex raptarum y matrimonio expiatorio », in P. I. Carvajal, M. Miglietta (éd.), Estudios jurídicos en homenaje al Profesor Alejandro Guzmán Brito, I, Alessandria, p. 595‑623.

Centola D. A. 2006, « A proposito del contenuto dell’obbligazione alimentare. Riflessioni storiche », SDHI 72, p. 157‑195.

Chaumartin F.‑R. 1989, « Le problème des sources dans le De beneficiis de Sénèque. Nouveaux éléments de mise au point », REL 67, p. 37‑45.

Corbeill A. 2007, « Rhetorical Education and Social Reproduction in the Republic and Early Empire », in W. Dominik, J. Hall (éd.), A Companion to Roman Rhetoric, Oxford, p. 69‑82.

Cornu Thénard N. 2007, « Les fondements persuasifs du recours à l’équité. Une confrontation entre Quintilien et les écoles de déclamation », in A. Schiavone, D. Mantovani (éd.), Testi e problemi del giusnaturalismo romano, Pavie, p. 387‑417.

Dalla D. 1995, « Le fonti giuridiche », in U. Mattioli (éd.), Senectus. La vecchiaia nel mondo classico, II, Bologne, p. 287‑321.

De Francesco A. 2001, « Il diritto agli alimenti tra genitori e figli. Un’ipotesi ricostruttiva », Labeo 47, p. 28‑62.

Evans-Grubbs J. 1989, « Abduction Marriage in Antiquity : A Law of Constantine (CTh IX.24.1) and its Social Context », JRS 79, p. 59‑83.

— 1999, Law and Family in Late Antiquity. The Emperor Constantine’s Marriage Legislation, Oxford.

— 2002, Women and the Law in the Roman Empire. A Sourcebook on Marriage, Divorce and Widowhood, Londres.

Fairweather J. 1981, Seneca the Elder, Cambridge.

Fantham E. 2004, « Disowning and Dysfunction in the Declamatory Family », MD 53, p. 65‑92 (réimpr. in Roman Readings. Roman Response to Greek Literature from Plautus to Statius and Quintilian, Berlin-New York, 2011, p. 302‑331).

Gunderson E. 2003, Declamation, Paternity, and Roman Identity. Authority and the Rhetorical Self, Cambridge-New York.

Habinek Th. 2005, Ancient Rhetoric and Oratory, Oxford.

Håkanson L. (éd.) 1982, Declamationes XIX maiores Quintiliano falso ascriptae, Stuttgart.

— 1989, L. Annaeus Seneca Maior. Oratorum et rhetorum sententiae, divisiones, colores, Leipzig.

Halm C. (éd.) 1863, Rhetores Latini minores, 8. Q. Fabii Laurentii Victorini Explanationum in rhetoricam M. Tullii Ciceronis libri duo, Leipzig, p. 153‑304 (réimpr. Francfort, 1964).

— 1863, Rhetores Latini minores, 10. Sulpitii Victoris Institutiones oratoriae, Leipzig, p. 311‑352 (réimpr. Francfort, 1964).

Haltenhoff A., Heil A., Mutschler Fr. H. (éd.) 2005, Römische Werte als Gegenstand der Altertumswissenschaft, Munich-Leipzig.

Harries J. 2007, Law and Crime in the Roman World, Cambridge.

Héritier Fr. 1979, « Incesto », in Enciclopedia Einaudi, vol. VII, Turin, p. 234‑262.

Hömke N. 2007, « “Not to Win, but to Please”. Roman Declamation beyond Education », in L. Calboli Montefusco (éd.), Papers on Rhetoric, VIII. Declamation, Rome, p. 103‑127.

Imber M. 1997, Tyrants and Mothers. Roman Education and Ideology, PhD, Stanford University.

Kaster R. A. 2001, « Controlling Reason. Declamation in Rhetorical Education at Rome », in Y. Lee Too (éd.), Education in Greek and Roman Antiquity, Leyde, p. 317‑337.

Krapinger G. 2007, [Quintiliano], Der Gladiator (Grössere Deklamationen, 9), Cassino.

Lambertini R. 2008, « Stuprum violento e ratto », Index 36, p. 505‑520.

Lanfranchi F. 1938, Il diritto nei retori romani, Milan.

Lentano M. 2005, « Il dono e il debito. Verso un’antropologia del beneficio nella cultura romana », in A. Haltenhoff, A. Heil, Fr. H. Mutschler (éd.) 2005, Römische Werte als Gegenstand der Altertumswissenschaft, Munich-Leipzig, p. 125‑142.

— 2009, « La gratitudine e la memoria. Una lettura del De beneficiis », BStudLat 39, p. 1‑28.

— 2009a, Signa culturae. Saggi di antropologia e letteratura latina, Bologne.

— 2012, « Non è un paese per donne. Notizie sulla condizione femminile a Sofistopoli », in G. Brescia (éd.), La donna violata. Casi di stuprum e raptus nella declamazione latina, Lecce, p. 5‑27.

Marchese R. 2005, Figli benefattori, figli straordinari. Rappresentazioni senecane dell’« essere figlio », Palerme.

Mastrorosa I. 2002, « Rhetoric between Conjugal Love and Patria Potestas : Seneca the Elder, Contr. 2.2 », in L. Calboli Montefusco (éd.), Papers on Rhetoric, IV, Rome, p. 165‑190.

Maxfield V. A. 1981, The Military Decorations of the Roman Army, Londres.

McKeown J. C. (éd.) 1987, Ovid, Amores, I, Text and Prolegomena, Liverpool.

— 1995, « Militat omnis amans », CJ 90, p. 295‑304.

Meletinskij E. M. 1977, La struttura della fiaba, Palerme (trad. it. de E. M. Meletinskij, S. Ju. Nekljudov, E. S. Novik, D. M. Segal, Problemy strukturnogo opisanija voľšebnoj skazki, Moscou, 1969).

Mendoza R. 2012, Due processi per stupro in epoche lontane. La storia di Giselda e di Martia, Rome.

Migliario E. 1989, « Luoghi retorici e realtà sociale nell’opera di Seneca il Vecchio », Athenaeum 67, p. 525‑549.

Milnor K. 2006, Gender, Domesticity, and the Age of Augustus. Inventing Private Life, Oxford.

Packman Z. M. 1999, « Rape and Consequences in the Latin Declamations », Scholia 8, p. 17‑36.

Picone G. (éd.) 2013, Le regole del beneficio. Commento tematico a Seneca, De beneficiis, libro I, Palerme.

Querzoli S. 2011, « La puella rapta : paradigmi retorici e apprendimento del diritto nelle Istituzioni di Elio Marciano », AOFL 1‑2, p. 153‑169.

Raccanelli R. 2000, « Parenti e amici a confronto. Per un sistema degli affetti nelle declamazioni latine (Ps.‑Quint. Decl. mai. 9 e 16 ; Decl. min. 321) », BStudLat 30, p. 106‑133.

Rizzelli G. 2012, « Sen. contr. 2, 4 e la legislazione matrimoniale augustea. Qualche considerazione », Index 40, p. 271‑312.

Rosati G. (éd.) 2009, Ovidio. Metamorfosi, vol. III. Libri V-VI, traduzione di G. Chiarini, Milan.

Russell D. A. 1983, Greek Declamation, Cambridge-New York.

Sabot A. F. 1981, « Les Héroïdes d’Ovide : préciosité, rhétorique et poésie », in ANRW II, 31, 4, Berlin-New York, p. 2552‑2636.

Setaioli A. 1988, Seneca e i Greci. Citazioni e traduzioni nelle opere filosofiche, Bologne.

Shackleton Bailey D. R. (éd., trad.) 2006, [Quintilian], The Lesser Declamations, Cambridge (Mass.)-Londres.

Soverini P. 2000, « La clemenza dei potenti. Considerazioni sul primo libro del De clementia di Seneca », BStudLat 30, p. 48‑61.

Sussman L. A. (éd., trad., comm.) 1994, The Declamations of Calpurnius Flaccus, Leyde-New York-Cologne.

Tabacco R. 1978, « Povertà e richezza. L’unità tematica della declamazione XIII dello Pseudo-Quintiliano », MCSN 2, p. 37‑69.

— 1979, « Apes pauperis (Ps.‑Quint. XIII). Articolazione tematica ed equilibri strutturali », AAP 28, p. 81‑104.

Tarrant R. 1995, « Ovid and the Failure of Rhetoric », in D. Innes, H. Hine, Ch. Pelling (éd.), Ethics and Rhetoric. Classical Essays for Donald Russell on his Seventy-fifth Birthday, Oxford, p. 53‑74.

Thomas Y. 1983, « Paura dei padri e violenza dei figli : immagini retoriche e norme di diritto », in E. Pellizer, N. Zorzetti (éd.), La paura dei padri nel mondo antico e medievale, Rome-Bari, p. 113‑140.

— 1984, « Vitae necisque potestas. Le père, la cité, la mort », in Du châtiment dans la cité. Supplices corporels et peine de mort dans le monde antique, CEFR 79, Rome, p. 499‑548.

Van Mal-Maeder D. 2004, « Sénèque le Tragique et les Grandes déclamations du Pseudo-Quintilien. Poétique d’une métamorphose », in M. Zimmerman, R. T. Van der Paardt (éd.), Metamorphic Reflections. Essays Presented to Ben Hijmans at his 75th Birthday, Louvain-Dudley (Mass.), p. 189‑199.

— 2007, La fiction des déclamations, Leyde-Boston.

Van der Poel M. 2009, « The Use of Exempla in Roman Declamation », Rhetorica 27, p. 332‑353.

Vesley M. E. 2003, « Father-Son Relations in Roman Declamation », AHB 17, p. 158‑180.

Webb R. 1997, « Poetry and Rhetoric », in S. E. Porter (éd.), Handbook of Classical Rhetoric in the Hellenistic Period 330 B.C.-A.D. 400, Leyde-New York-Cologne, p. 339-369.

Weinstock S. 1971, Divus Iulius, Oxford.

Notes

1 Università di Foggia. Ps.‑Quint., Decl. min. 309.12. Il testo di riferimento per le declamazioni minori pseudoquintilianee è Shackleton Bailey 2006.

2 Su questa legge ficzionale che fonde diritto civile e criminale greco e latino, cf. Bonner 1949, p. 89‑91 ; Sussman 1994, p. 142‑143 ; Imber 1997, p. 158‑177 ; Packman 1999, p. 17‑36 ; Botta 2004 ; Harries 2007 ; Van Mal-Maeder 2007, p. 24‑29 ; Casinos-Mora 2011 ; Querzoli 2011.

3 Nell’ambito dell’immensa bibliografia sulla patria potestas un buon punto di partenza sull’argomento specifico è costituito dallo studio di Thomas 1984.

4 Kaster 2001, in particolare p. 328.

5 Cf. Lentano 2009a ; Lentano 2009b.

6 A questo processo ha dedicato attenzione anche Rizzelli 2012, p. 291‑293.

7 La citazione è tratta da Lentano 2009a, p. 4.

8 Si deve a Russell 1983, p. 21‑39, la felice definizione di Sofistopoli per designare l’universo virtuale delle scuole di retorica, recentemente riutilizzata da Lentano 2012, p. 5.

9 Si tratta delle controversie senecane II, 5 e IX, 1 e delle declamazioni minori pseudoquintilianee 333 e 368. Si confronti, sull’argomento, Lentano 2009a.

10 Cf. Lentano 2009a, p. 2.

11 Ps.‑Quint., Decl. min. 368 : « Una donna violata, agendo in contrasto con la volontà del padre, optò per le nozze. Ripudiata per questa sua opzione, subì in silenzio. Poiché, in contrasto con la volontà del marito, sosteneva economicamente il padre che si trovava in una condizione di indigenza, fu ripudiata dal marito. Intenta contro il marito un’azione legale per ingratitudine. » Le traduzioni dei testi latini, quando non compare altra indicazione, sono a cura di chi scrive.

12 Sugli alimenta come dovere per i figli di ricambiare il nutrimento ricevuto dai genitori durante l’infanzia, cf. Ps.‑Quint. Decl. mai. 5, 7‑8. Le Maiores sono citate secondo l’edizione di Håkanson 1982. Numerosi e approfonditi gli studi in materia (cf. Dalla 1995 ; Beltrami 1997 ; De Francesco 2001 ; Casamento 2002, p. 72 n. 5 ; Casamento 2004, p. 370‑372 ; Fantham 2004, p. 66 ; Centola 2006 ; Krapinger 2007, p. 79‑80 n. 10).

13 Per un’approfondita riflessione sulla complessa e dibattuta questione della corrispondenza tra giurisprudenza reale greca e romana e legge di scuola si rinvia a Lentano 2009a, p. 2‑3 e alla bibliografia di riferimento ivi citata.

14 Come è stato sottolineato da Lentano 2009a, p. 17, se è vero che il De beneficiis è anche un De gratia (cf. Armisen-Marchetti 2004, p. 7) è altrettanto vero che non c’è studio sul de beneficiis nel quale non venga ricordato il precetto già ciceroniano secondo il quale nessun officium è più vincolante di quello del referre gratiam (Cic., Off. I, 47 nullum officium referenda gratia magis necessarium est). Si tratta, come è noto, di un assioma di cui si trova testimonianza già in Plauto, Pers. 762 improbus qui beneficium scit suscipere et reddere nescit. Alla riflessione sulla complessità delle dinamiche che regola il rapporto tra beneficato e benefattore e, in particolare, al problematico rapporto istituito nella cultura latina tra le due nozioni di officium e beneficium è dedicato un altro contributo di Lentano 2005 cui si rinvia anche per la bibliografia di riferimento.

15 Sen., Ben. III, 6, 1 : « Si pone una questione : se questo vizio tanto odioso debba restare privo di sanzioni o se debba essere introdotta anche nella legislazione della città la legge, sulla quale ci si esercita nelle scuole di declamazione, che istituisce l’azione legale per ingratitudine. »

16 Quint., VII, 4, 37‑38 : Ingrati quoque : in quo genere quaeritur, an is, cum quo agitur, acceperit beneficium. Quod raro negandum est : ingratus est enim qui negat. Quantum acceperit ? An reddiderit ? An protinus, qui non reddit, ingratus sit ? An potuerit reddere ? An id, quo exigebatur, debuerit ? Quo animo <datum>sit ? Simpliciores illae iniusti repudii, sub qua lege controversiae illud proprium habent, quod a parte accusantis defensio est et defendentis accusatio, « Esistono poi le controversie sull’ingratitudine : in questo genere di cause viene posta la questione se l’accusato abbia ricevuto un beneficio (circostanza che solo in rari casi è opportuno negare, dal momento che negare equivale ad essere ingrato). Quanto grande sia questo beneficio, se lo abbia restituito e se sia da considerarsi ingrato chi non l’ha restituito subito, se poteva restituirlo, se doveva compiere la prestazione che da lui si esigeva, con quale disposizione d’animo è stato concesso il beneficio. Più semplici sono le cause per ingiusto ripudio, dove le controversie hanno la peculiarità di una difesa condotta da chi accusa e di un’accusa intentata da chi difende. »

17 Come viene osservato da Lentano 2009a, p. 12 n. 28, cui sono debitrice per questa citazione, sull’actio ingrati è utile la consultazione di Sulp. Vict., 56, p. 349 Halm.

18 Per le controversie senecane l’edizione di riferimento è Håkanson 1989.

19 Sen., Contr. II, 5, 10 : « Asinio Pollione riteneva che non si dovesse mai cominciare negando di aver ricevuto il beneficio, a meno non ci si muovesse nel campo dell’assoluta evidenza : se la dimostrazione non è persuasiva si compromette l’intera causa. Appare infatti ingrato chi non riconosce neppure d’aver ricevuto un beneficio. »

20 Su questa controversia si confronti Van Mal-Maeder 2007, p. 99‑100 ; Cornu Thénard 2007, p. 389‑393.

21 Sen., Contr. II, 5, pr. : « Una moglie nonostante venisse torturata dal tiranno affinché rivelasse quanto sapeva del tirannicidio progettato dal marito, perseverò a negare. In seguito il marito uccise il tiranno e ripudiò per sterilità la moglie poiché in cinque anni di matrimonio non gli aveva dato un figlio. È intentato un processo per ingratitudine. »

22 Sen., Contr. II, 5, 10 : « Pensava che in una controversia di tal genere l’accusato, se l’argomento lo permetteva, dovesse cominciare con questa argomentazione in sua difesa : “non ho ricevuto un beneficio”, oppure “ho ricevuto sí un beneficio, ma l’ho ricambiato”, o anche “l’ho sí ricevuto, ma non l’ho potuto ricambiare” ; oppure, in estremo, ricorrere a questa formula “non può essere considerato ingrato chiunque non ricambi un beneficio”. Bisogna valutarne l’intenzione. »

23 Lentano 2009a, p. 13.

24 Cf. Lentano 2009a, p. 6‑7.

25 Sen., Contr. II, 5, 13 : « I nuovi declamatori […] posero anche in questa controversia la seguente questione : se i benefici scambiati fra marito e moglie siano soggetti alla legge dell’ingratitudine. Dicevano, infatti, che compiere il proprio dovere non è un beneficio ma un obbligo. Forse un figlio potrebbe vantare di aver concesso un beneficio al padre ? Anche il nostro Gallione pose la stessa questione. »

26 Sulla complessità della distinzione tra officium e beneficium già in Cicerone, cf. Chaumartin 1989, p. 36 n. 35.

27 Sen., Ben. III, 18 : « C’è chi fa distinzione tra benefici, doveri e servizi : il beneficio è ciò che viene dato da un estraneo (estraneo è colui che avrebbe potuto esimersi dalla prestazione senza per questo essere biasimato) ; il dovere è proprio del figlio, della moglie e di tutti coloro che, vincolati da un legame di parentela, sono obbligati alla prestazione ; infine il servizio è la prestazione dello schiavo, la cui subordinazione è tale che nulla di quanto egli compie può essere vantato come titolo di merito nei confronti del destinatario del servizio stesso che gli è superiore. »

28 Lentano 2009a, p. 5.

29 Cf. Cic., Inv. II, 28‑29 ; Quint., V, 10, 23‑27.

30 Cf. Sen., Contr. II, 5, 13.

31 Sul parallelo tra questa controversia e il De beneficiis, già registrato da Setaioli 1988, p. 311 n. 1466 e Chaumartin 1989, p. 43, si rinvia alle riflessioni di Lentano 2009a, p. 6.

32 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1 Beneficium dedit : vitam donavit ; 368, 2 Dedit ergo beneficium.

33 Sulla complessità delle relazioni tra erogatore e destinatario del beneficium teorizzate nel De beneficiis di Seneca, si rinvia agli studi di Lentano 2005 ; Lentano 2009a ; Lentano 2009b, p. 15‑43 ; Picone 2013 ; preziosi sia per la profondità e la sistematicità dell’analisi sia per la ricchezza dei riferimenti bibliografici.

34 Sen., Ben. III, 18, 1 e 19, 1 : « Si può parlare di beneficio quando chi lo concede avrebbe potuto anche esimersi dalla prestazione. »

35 La definizione è di Marchese 2005, p. 36 cui si rinvia per le approfondite riflessioni dedicate alla relazione padri-figli reinterpretata alla luce del beneficium (p. 7‑62).

36 Sen., Ben. III, 29, 2 : « Si ammetterà che molto spesso accade che i figli siano diventati più importanti e più potenti dei loro genitori ; molto spesso addirittura migliori. Ammesso ciò, può accadere che possano dare di più, poiché dispongono di mezzi superiori e di sentimenti migliori. »

37 Cf. Plin., XVI, 12 ; Gell. V, 6. Si confrontino, sull’argomento, gli studi di Weinstock 1971, p. 163‑67 ; Maxfield 1981, p. 70‑74.

38 Ad un’approfondita riflessione sulla relazione servator-servatus riletta alla luce della categoria del beneficium è dedicato lo studio di Lentano 2005, p. 130‑138.

39 Cic., Planc. 72. Sulla complessa relazione tra l’onus beneficii e la gratia, cf. anche Cic., Planc. 78 : Leve enim est onus benefici gratia ; Tac., Hist. IV, 3 : Tanto proclivius est iniuriae quam beneficio vicem exsolvere, quia gratia oneri, ultio in quaestu habetur.

40 Sulla specifica « fortuna » di questo paradigma culturale nel mondo romano si confronti Lentano 2005, speciatim p. 136‑142 ; Lentano 2009b, p. 15‑43.

41 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1 : « Ti ho dato un beneficio : ti ho donato la vita. Dare la vita è un grande beneficio : per questa ragione ci sono particolarmente cari i genitori – danno la vita anche a chi non ne è cosciente ». Cf. Sen., Ben. III, 31, 1 : Puta me vitam pro vita reddidisse : sic quoque munus tuum vici, cum ego dederim sentienti, cum sentiens me dare, « Poni il caso che io abbia ricambiato il dono della vita che tu mi hai fatto, salvando la tua ; anche in questo caso io ho superato il tuo dono, sia in considerazione del fatto che ho fatto questo dono ad uno che non ne aveva coscienza, sia in considerazione del fatto che io avevo coscienza del dono che facevo ». La « fortuna » di questo paradigma nelle scuole di declamazione come conferma della circolarità di temi e motivi senecani in questo ambito (cf. Lentano 2009a, p. 11) è testimoniata dalla sua presenza in una declamazione maggiore dello Pseudo-Quintiliano in riferimento alla superiorità del beneficio della vita ricevuto da un amico rispetto a quello erogato da un padre (Ps.‑Quint., Decl. mai. 9, 20 : Qui lucem, libertatem, denique quicquid patri debeo, non ignarus, ut primo natalis horae tempore, sed videns sentiensque acceperint). Sulla relazione di parentela padre-figlio in questa declamazione si rinvia a Raccanelli 2000 ; Brescia 2009, speciatim p. 294‑298.

42 Sen., Clem. I, 5, 6 : Vita enim etiam superiori eripitur, numquam nisi inferiori datur. Sulla prerogativa paterna del dono della vita nel De clementia, si confronti Soverini 2000, p. 48‑61 ; Beltrami 2005 ; Lentano 2005, p. 141.

43 L’atteggiamento del marito rientra, infatti, tra quelli particolarmente deprecabili di quanti non solo omettono di restituire i benefici ricevuti, ma, addirittura, adottano comportamenti ostili nei confronti di chi ha erogato loro il beneficium (cf. Lentano 2009a, p. 22).

44 Lentano 2009a, p. 8.

45 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, pr. : « È lecito ripudiare una moglie che non abbia dato figli al marito in cinque anni di matrimonio. Sia intentata un’azione giudiziaria per ingiusto ripudio. Un tale ripudiò la moglie, che aveva ottenuto in sposa in seguito all’opzione prevista in casi di seduzione, perché in cinque anni di matrimonio non gli aveva dato figli. La moglie intenta un’azione giudiziaria per ingiusto ripudio. »

46 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 1 e 3 : « Muovo un’accusa per ingiusto ripudio. Io credo che nessuno sarà a tal punto alieno dai buoni costumi da nutrire dubbi circa il fatto che si sia agito con scarso senso di giustizia nel momento in cui colei che aveva concesso il massimo beneficio [della vita] non abbia neppure ottenuto dal marito ciò che ella in passato ha garantito. […] Sembra infatti che la legge abbia fissato due pene contro i violentatori, l’una che prevede la morte, l’altra le nozze : quest’ultima è più lieve e più vicina ad un beneficio e tuttavia anch’essa non è esente da obbligo. »

47 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 5 : « È chiaro che tu hai ricevuto il massimo beneficio : ella ti ha donato la vita pur essendo stata oltraggiata, ti ha donato la vita pur essendo legittimamente in collera, ha donato la vita a te che eri destinato a morire in seguito a condanna a morte e vergognosamente. »

48 Ps.‑Quint., Decl. min. 251, 3 : « In effetti può avvenire che si avvalgano di questa legge e di questo beneficio coloro che siano convolati a legittime nozze, coloro che abbiano ricevuto la sposa in consegna dai genitori ; mentre non possono assolutamente valersi di questa legge coloro che sono obbligati alle nozze. Il ripudio non è infatti più lecito di quanto lo sia non contrarre matrimonio legittimo. »

49 Di questa declamazione mi sono occupata specificatamente in un mio contributo (Brescia, Lentano 2009, p. 13‑67) cui mi permetto di rinviare.

50 Si tratta di quello che Héritier 1979, p. 246, definisce incestum di secondo tipo, riferito al rapporto che unisce due consanguinei dello stesso sesso che condividono la partner sessuale e distinto da quello di primo tipo applicabile alla relazione sessuale proibita fra due consanguinei di sesso differente.

51 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, pr. : « è consentito ripudiare e opporsi al ripudio. la donna violata scelga fra la morte del violentatore o le nozze con lui. Un tale, mentre il fratello era all’estero, ne violentò la fidanzata. La ragazza, per le suppliche del padre, optò per il matrimonio con il suo violentatore. Il fratello tornò ; il giovane lo colse in flagrante adulterio con la sua ex fidanzata e lo uccise, benché il padre lo supplicasse a suo favore. Viene ripudiato. »

52 Sull’abdicatio come forma attenuata, in ambito declamatorio, dello ius vitae necisque si rinvia agli approfonditi studi in materia di Lentano (cf., da ultimo, Lentano 2009b, p. 45‑79).

53 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 1 : « Se tutto ciò che viene compiuto contro la volontà del padre debba essere sanzionato con il ripudio ; e se un figlio debba essere ripudiato per qualcosa che ha compiuto in conformità con la legge. »

54 Cf. Rhet. Her. I, 19 : Legitima est constitutio cum in scripto aut e scripto aliquid controversiae nascitur. Ea dividitur in partes sex : scriptum et sententiam, contrarias leges, ambiguum, definitionem, translationem, ratiocinationem, « Lo stato è legale quando sorge qualche controversia sullo scritto e dallo scritto. Esso si divide in sei parti : lettera e significato, leggi contraddittorie, ambiguità, definizione, eccezione declinatoria, argomentazione. »

55 Cf. Rhet. Her. I, 21 : Definitione causa constat, cum in controversia est, quo nomine factum appelletur. […] Constitutio legitima ex definitione, « La causa consiste nella definizione, quando ad essere oggetto di controversia è con quale nome il fatto sia chiamato. […] È lo stato legale sulla definizione » ; cf., anche, Quint., VII, 3, 1‑2.

56 Cf. Rhet. Her. II, 17 ; Quint., VII, 3.

57 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 3‑4 : « “Esiste una legge che mi consente di uccidere l’adultero insieme con l’adultera”. Non dice “è opportuno farlo” come se parlasse ad un padre, ma “mi è consentito” come se parlasse ad un estraneo : la qual cosa se non sarebbe certo sufficiente per un ripudio, molto gioverebbe a questa linea di difesa. Devo dunque muovermi come se questa fosse una causa di omicidio ? Se lo facessi, sarei perdonato. Dev’essere più grande la libertà di coloro che stringono un matrimonio, per i quali esso costituisce il coronamento dei loro desideri ; ma voi, per i quali le nozze sono una punizione, che vi vedete condurre la sposa dal littore, voi non potete punire ciò che in questo modo avete ottenuto. »

58 Ps.‑Quint., Decl. min. 286, 8 : « Di solito, per azioni come la tua si adottano difese come “sono giovane, ho sbagliato”, oppure “è stato l’amore che mi ha tratto in errore”. Vuoi dunque che ti perdoni ? Te ne sono grato, posso liberarmi dalla maschera della severità, che non mi appartiene. Perdono i tuoi vizi, ecco, hai un padre mite, clemente, perdono le tue colpe. »

59 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 2 : « Non ignoro, giudici, quanto rende più difficile la nostra causa la persona di colui che ripudia, non solo per il motivo generale che si tratta di un padre ma per il fatto che è un padre molto indulgente, ottimo amico e, persino quando si ritiene abbia subito un oltraggio, molto mite. »

60 Del processo di erosione della patria potestas attestato dalla lex sul raptus mi sono occupata anche in un mio recente contributo (Brescia 2012, p. 59‑83) cui, in larga misura, queste pagine rinviano.

61 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, pr. : « Un ricco andava per mare insieme a un amico povero e alla figlia di questi. Fece naufragio. Il povero trasse in salvo la figlia del ricco. Correva voce che la fanciulla stesse per sposare un giovane nobile. Un giorno nella casa del ricco ci fu un tumulto ; furono sorpresi insieme il povero e la fanciulla : la tesi di entrambi fu che la fanciulla era stata sedotta. Il ricco ordinò alla figlia di optare per le nozze. Condotta alla presenza del magistrato ella espresse la sua opzione. In seguito il ricco scoprì che la fanciulla non era stata sedotta. Le ordinò di lasciare il povero. Poiché ella si rifiutava di lasciarlo, il padre la ripudia. »

62 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 13 : « Questo senza dubbio risulta chiaro : il padre ha ritenuto che la figlia fosse adirata. Pertanto ha interceduto a favore del povero persino con ansia né soltanto in nome del suo potere decisionale di padre ma anche in nome della sua autorevolezza, esprimendo la sua opinione. »

63 Sulla denuncia di questo « paradosso » legittimato dalla lex sul raptus che, ad una piena e conforme adesione al rispetto delle regole codificate dal mos, sembra privilegiare la deroga dalle stesse, risultano costruite anche la controversia senecana VII, 8 e la declamazione minore pseudoquintilianea 309. In entrambe le controversie a denunciare questo paradosso è il presunto raptor che, graziato in un primo momento dalla sua vittima con la scelta delle nozze, si ritrova esposto al rischio della pena capitale per aver negato la sua colpevolezza come raptor e per la sua aspirazione a nozze regolari (cf. Sen., Contr. VII, 8, 2‑5 ; Ps.‑Quint., Decl. min. 309, 14‑16).

64 Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 18 ; 22 : « Una figlia non può essere ripudiata a causa del suo matrimonio. Ella avrebbe potuto rifiutare un po’ più energicamente persino di sposare una persona diversa da quella da lei desiderata ; invece si è sottomessa su questo punto al tuo ordine, si è sposata secondo la decisione del padre. Bisogna difendere con un po’ più di fermezza un matrimonio già fatto. Se anche puoi ordinare le nozze non puoi ordinare il ripudio di colui al quale la fanciulla si è unita secondo le leggi, le disposizioni dei magistrati e il giuramento. […] Si è sposata su tuo ordine, si è sposata su tua esortazione. »

65 Si confrontino gli approfonditi studi in materia di Tabacco 1978 e Tabacco 1979. Sul contrasto tra dives e pauper nei temi di scuola non solo come locus communis di tipo moralistico, ma anche come riflesso di un coevo dibattito politico e culturale, si concentra la riflessione di Migliario 1989.

66 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 15 : « E per quale motivo è stata negata la mano della fanciulla al povero ? Perché venisse data in sposa a chi non l’aveva riscatta, a chi l’aveva disprezzata, a chi l’aveva abbandonata ai pirati. Così tanto valore ha il denaro, così grande potere ha lo splendore delle ricchezze contro la verità ? Ebbene quest’uomo vale molto di più ». Utile un confronto con Ps.‑Quint., Decl. min. 259, 21 : Recedere iubes a marito tali ? Qua tandem causa ? « Pauper est. »

67 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, pr. : « Sia intentata un’azione giudiziaria per frode. Un povero e un ricco chiedevano la mano della stessa fanciulla. La donna oggetto della contesa fu fatta prigioniera. Il padre di lei pose la seguente condizione ai due pretendenti : avrebbe sposato la fanciulla colui che l’avesse riscattata dalla prigionia. Il povero si mise in viaggio e riscattò la vergine. Il pretendente ricco la sedusse. Condotta alla presenza dei magistrati la sedotta optò per le nozze. Il padre fu accusato dal povero di frode. »

68 Meletinskij 1977, p. 85.

69 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 6‑9 : « Dopo che tua figlia è stata fatta prigioniera, quale condizione hai posto ? Che sarebbe andata in sposa a colui che l’avesse riscattata. Questa prova hai fissato tra i due pretendenti pensando che più facilmente il ricco potesse risultare vincitore. In questo sei stato tratto in inganno : io l’ho riscattata, io l’ho ricondotta a casa. In quale altro modo avresti potuto fare in modo che lei non diventasse la mia sposa se non con questa frode ? Io affermo pertanto che con il tuo consenso è accaduto che tua figlia fosse sedotta. […] Aggiungo che quello non l’avrebbe sedotta se non si fosse sentito al riparo da pericoli. Non dico nulla della severità paterna, nulla della legge che si erge minacciosa in difesa della pudicitia al punto da emettere un verdetto di morte : quegli avrebbe sedotto la fanciulla destinata ad altri, promessa in sposa ad altri, se non avesse potuto contare sul tuo appoggio ? Non è credibile. Ma non è neppure credibile che tua figlia avrebbe optato per le nozze se non avesse avuto il tuo consenso : in primo luogo perché in nessuna vergine c’è tanta audacia, tanta impudenza da osare esprimere un’opzione alla presenza dei magistrati e su una questione di capitale importanza senza aver consultato il proprio padre. »

70 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 11 : « Come ho già detto non è credibile sia che l’abbia sedotta senza poter contare sul tuo appoggio colui che non l’amava, colui che avrebbe dovuto nutrire moltissimi timori nel compiere questo gesto, sia che costei abbia espresso questa opzione senza il tuo consenso per i seguenti motivi : che è una fanciulla, che si sarebbe espressa a danno di colui che si era comportato benissimo nei suoi confronti e in favore di colui dal quale era stata disprezzata e sedotta. Ritengo che la tua intenzione sia stata chiaramente rivelata e, se tale è dunque, io sono stato da te frodato. »

71 Sulla translatio criminis come color utilizzato nell’ambito della qualitas iuridicialis adsumptiva per trasferire ad altri la responsabilità di un crimine, cf. Rhet. Her. I, 25 ; II, 22 ; Cic., Inv. I, 15 ; II, 86 ; II, 91 ; Quint., VII, 4, 13‑14 ; Mar. Vict., Rhet. 191, 11 Halm ; Cassiod., Inst. II, 2, 5 ; Isid., Orig. II, 5, 7. Si confronti, sull’argomento, Calboli Montefusco 1986, p. 119‑23.

72 Ps.‑Quint., Decl. mai. 6, 14.

73 Ps.‑Quint., Decl. min. 343, 3 : « Ho stabilito un patto. Questo patto non è stato rispettato, né si può mettere in discussione : l’impegno in quel patto mi è costato denaro ; non posso recuperare il denaro né posseggo ciò per cui mi sono adoperato » ; 343, 12 : « Veniamo ora alla terza parte della nostra causa in cui vi dimostrerò in quale modo iniquo io sia stato raggirato. Io ho pattuito le nozze con tua figlia. Non dico con quale promessa di ricompensa : ho stabilito un patto. La lealtà costituisce il sommo vincolo nelle relazioni umane, è sacra persino tra nemici, sacra (cosa che ho accertato recentemente) tra i pirati, gode di tale autorevolezza persino presso i malvagi che, quando non hai voluto consegnarmi tua figlia, non hai avuto il coraggio di negarlo apertamente. E a quale condizione io mi ero accordato con te ? Che la riscattassi. »

74 Ov., Met. IV, 663‑764 ; V, 1‑235. Si confronti, anche, la riscrittura di Apollod., II, 4, 3 [44] : « Perseo la vide e se ne innamorò e promise a Cefeo di eliminare il mostro purché gli concedesse in sposa la donna che avrebbe salvato. Furono giurati questi patti ; allora Perseo uccise il mostro colpendolo dall’alto e liberò Andromeda. »

75 Ov., Met. IV, 701‑703 : « Ora provo ad associare / a tante virtù anche un servizio, se solo gli dèi mi assecondano. / Sarà mia (vi propongo un accordo) se il mio valore la salva ». La traduzione del quarto libro delle Metamorfosi, qui come altrove, è a cura di L. Koch, in Barchiesi, Rosati 2007.

76 Ov., Met. IV, 704‑705 : « Accettano il patto (chi avrebbe esitato ?) e lo supplicano, / i genitori di lei, promettendo anche il regno per dote. »

77 Ov., Met. IV, 735‑739 : « Gli applausi e le grida riempirono la spiaggia e le case celesti / degli dèi : giubilanti lo chiamano genero, / salutandolo appoggio e salvezza dell’intera famiglia, / Cassiope e il padre, Cefeo : liberata dai vincoli / arriva la vergine, premio e ragione all’impresa. »

78 Sui debiti della poesia ovidiana verso la declamazione, cf. Fairweather 1981, p. 264‑270 ; Sabot 1981, speciatim p. 2590‑2624 ; McKeown 1987, p. 69‑71 ; McKeown 1995 ; Tarrant 1995 ; Webb 1997.

79 Ov., Met. IV, 757‑758 : Protinus Andromedan et tanti praemia facti / indotata rapit.

80 Cf. Ov., Met. V, 12‑29.

81 Ov., Met. V, 22‑29 : « Non ti basta che sia stata legata sotto i tuoi occhi / senza che tu, suo zio o suo promesso, le dessi un aiuto : / in aggiunta, ti dispiace che qualcuno l’abbia salvata / e lo privi del premio ? Se questo ti sembra eccessivo, / dovevi andarci tu stesso sugli scogli dov’era legata ! / Chi dunque c’è andato, facendomi un vecchio felice, / ottenga il premio pattuito a parole e vinto coi fatti ; / e sappi che l’ho preferito non a te ma a morte sicura ! » La traduzione del quinto libro delle Metamorfosi, qui come altrove, è a cura di G. Chiarini, in Rosati 2009.

82 Sul rapporto padri-figli nella declamazione si rinvia agli studi di Gunderson 2003 ; Vesley 2003 ; Fantham 2004 ; Casamento 2004 ; Habinek 2005 ; Lentano 2005 ; Milnor 2006, p. 227‑239 ; Breij 2009 ; Corbeill 2007, p. 77‑78 ; Hömke 2007, p. 122 ; Lentano 2009b, p. 69‑94.

83 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 5 : « Cosa le rinfacci ? “Ho provveduto con gli alimenti a mio padre”, ella dice. Tu la accusi di aver provato compassione. Provvedere con gli alimenti al proprio padre non è solo opportuno ma anche necessario. »

84 Cf. Plut., Cato Min. 25. Si confronti, sull’argomento, Cantarella 2008, p. 80. Emblematico il caso di Virginio padre di Virginia (cf. Liv., III, 44‑48 ; Val. Max., VI, 1, 2) Sulla fortuna di Virginia come exemplum pudicitiae anche nelle scuole di declamazione, cf. Brescia 2004, p. 139‑144 ; Van der Poel 2009, p. 343‑345.

85 Ps.‑Quint., Decl. min. 368, 1‑2 4 : « Inoltre ella non ti ha donato soltanto la vita ma addirittura il suo diritto di vendicarsi, né si è limitata soltanto a non esigere la pena capitale ma ti ha addirittura concesso il matrimonio. […] Dunque ti ha elargito un beneficio. E che dire se ti ha salvato la vita anche in contrasto con la volontà paterna ? »

86 Cf. Bettini 1989, p. 26.

87 Sul matrimonio come conseguenza del ratto nelle fonti giuridiche anche di età federiciana si confronti Mendoza 2012, p. 136‑145.

88 Inst. 14 Dig. XLVIII, 6, 5, 2 : « Chiunque rapì una donna non sposata ovvero sposata, è punito con la pena capitale e, se il padre della donna avesse rinunciato a chiedere la punizione dell’offesa perché persuaso dalle preghiere, tuttavia un estraneo avrà il diritto di accusare il reo anche oltre i limiti della prescrizione quinquennale poiché il crimine di ratto va al di là delle previsioni della legge Giulia sulla repressione degli adulterii. »

89 Cod. Th. IX, 24, 1. Per un approfondimento su questa costituzione si rinvia agli studi di Evans-Grubbs 1989 ; Evans-Grubbs 1999.

90 Cf. Botta 2004, p. 99 e 104.

91 Cod. Iust. IX, 13, 1, 2 : « Non sia concessa facoltà a una donna rapita, vergine o nubile o a qualsivoglia altra donna, di reclamare con insistenza il suo rapitore come proprio marito, ma siano i genitori ad unirla in legittimo matrimonio a colui che essi vorranno, con esclusione del rapitore, poiché in nessun modo e in nessun tempo sia concessa da noi serenamente la facoltà arbitraria di essere complici di coloro che aspirino ad unirsi in matrimonio in contrasto con le consuetudini del nostro Stato. È, infatti, necessario che, chiunque voglia prendere in moglie una donna sia libera sia libertina chieda il permesso ai genitori o a coloro cui spetta secondo le nostre leggi e l’antica consuetudine e solo con il loro consenso si abbia un legittimo matrimonio. »

92 In questo, sia pur breve, excursus storico non si può passare sotto silenzio l’istituto del matrimonio riparatore contemplato dall’art. 544 nel codice penale italiano del 1930 e rimasto in vigore sino alla sua abrogazione, avvenuta con legge 5 agosto 1981 n. 442 : « Il matrimonio che l’autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato, anche riguardo a coloro che sono concorsi nel reato medesimo ; e se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali. »

Auteur

Università di Foggia

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.