Version classiqueVersion mobile

Bioetica, ambiente e alimentazione

 | 
Francesco Del Pizzo
, 
Pasquale Giustiniani

Biodiversità e Agri-Cultura: aspetti etici e scientifici

Giovanni Aliotta

Texte intégral

Seminare è meno faticoso che raccogliere.
Johann Wolfgang Goethe
(1749-1832)

1. Premessa

1Il progresso scientifico e tecnologico degli ultimi decenni ha avuto un influsso positivo sul nostro modo di vivere, ma ha anche dilatato i nostri bisogni, inducendoci a considerare l’ambiente come se questo fosse capace di adattarsi alle nostre esigenze e non viceversa. Il pericolo e la sfida che oggi l’umanità deve affrontare è che i principali problemi ambientali quali la crescita demografica, l’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali e l’inquinamento, sono fra loro collegati e, fatto ancora più grave, crescono in maniera esponenziale. Pertanto, la tutela del capitale naturale costituito da acqua, aria, suolo e biodiversità, è diventata il punto di maggiore costrizione per il progresso dell’umanità. Sono trascorsi 27 anni da quando il botanico Walter Rosen, responsabile della Commissione per le Scienze della Vita, del Consiglio Nazionale delle Ricerche degli Stati Uniti, coniò il termine ‘biodiversità’, per esprimere la diversità biologica evolutasi in un dato ambiente. Ciò avvenne durante un Simposio che Rosen organizzò nel 1986 a Washington, al quale parteciparono noti agronomi, biologi, economisti, filosofi e imprenditori. Nel 1988, l’entomologo Edward Wilson, pubblicò gli atti del Simposio, nel testo Biodiversity, sottolineando alcuni aspetti fondamentali: la biodiversità deve essere trattata come una risorsa globale, deve essere classificata, usata e soprattutto conservata. Tre fatti indicano un’urgenza senza precedenti:

  1. L’esplosione demografica sta degradando rapidamente l’ambiente.
  2. La scienza sta scoprendo nuovi usi della biodiversità che possono alleviare sia le sofferenze umane che la distruzione ambientale.
  3. Molta biodiversità viene persa irreversibilmente con l’estinzione causata dalla distruzione ambientale. Insomma, siamo costretti a fare una corsa!
  • 1 E.O. Wilson, Biodiversity, National Academic Press, Washington. D.C. (USA) 1988.

2In chiusura del testo, il noto economista Lester Brown spiega il paragone con la corsa. Wilson sottintende che noi siamo costretti a fare una corsa contro il tempo e che il «noi» è l’umanità. Sfortunatamente, le sole persone impegnate nella corsa per salvare la biodiversità sono solo pochi scienziati ed ambientalisti. Per risolvere il problema occorre che esso diventi internazionale, coinvolgendo l’ONU ed i mezzi di comunicazione per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento1.

  • 2 O.H. Frankel, H.D. Brown, J.J. Burdon, The Conservation of Plant Biodiversity, Cambridge University (...)
  • 3 K.J. Gaston, J.I. Spicer, Biodiversity an Introduction, Ed. Blackwell, Oxford 1998; V.H. Heywood, G (...)

3Il Forum del 1986 produsse buoni frutti, nel 1987 fu fondata negli Stati Uniti la Society for Conservation Biology, che affiancò The World Conservation Union, fondata nel 1948. Inoltre, nel 1992, questi temi furono trattati in sede politica a Rio de Janeiro, dove la Commissione Mondiale delle Nazioni Unite per lo Sviluppo e l’Ambiente, indicò due possibili rimedi al dissesto ecologico: la salvaguardia della biodiversità e lo sviluppo sostenibile. Secondo la Convenzione di Rio, sottoscritta da 170 Paesi, i termini biodiversità e sviluppo sostenibile indicano rispettivamente: la varietà di forme di vita in tutte le sue manifestazioni in un dato ambiente e un uso sostenibile delle risorse, che assicuri un miglioramento della qualità della vita nei limiti consentiti dall’ambiente2. La definizione di biodiversità formulata a Rio sintetizza in modo efficace un processo molto complesso, ma non fornisce indicazioni sulla sua valutazione, che risulta molto difficile. Infatti, la varietà della vita sul nostro pianeta si è sviluppata in un arco di tempo valutato 3,8 miliardi di anni, e si è distribuita in modo disomogeneo, dipendendo fortemente dalle condizioni climatiche. Ad esempio, una foresta boreale di conifere è costituita da poche specie adatte a sopportare temperature proibitive alla nostra latitudine, mentre in un ettaro di foresta troviamo circa 60 specie vegetali, che diventano 150 in un ettaro di foresta tropicale. La biodiversità è la sorgente dell’evoluzione ed è l’essenza stessa degli ecosistemi, per cui la sua misura sta (o dovrebbe stare) alla base della pianificazione della gestione del territorio. Oggi, la qualità della vita delle nuove generazioni appare sempre più condizionata dalla capacità delle istituzioni di prevedere uno sviluppo sostenibile, che deve integrare tre aspetti: economici, etici ed ecologici3.

2. Sostenibilità Economica

4Il concetto di sostenibilità economica era già presente nel pensiero economico classico (1750-1870). Thomas Malthus nel Saggio sui Principi della Popolazione affermava che la popolazione umana aumentava così rapidamente che ben presto le riserve alimentari non sarebbero state più sufficienti. John Mill sottolineò che per preservare il benessere dell’umanità si doveva proteggere l’ambiente (Natura) dallo sfruttamento indiscriminato. Oggi sia Mill che Malthus non godono della stima degli economisti, che sono più propensi a seguire l’ottimismo tecnologico di David Ricardo, un altro economista classico. Ricardo riteneva che il progresso scientifico avrebbe ritardato il momento in cui le risorse necessarie alla popolazione fossero superiori a quelle disponibili in natura. Attualmente, la maggior parte degli economisti valuta l’ambiente come fonte di consumo per l’uomo e di utilità per promuovere la crescita economica. Due aspetti chiave del pensiero economico sono la sostituzione ed il consumo. Se un dato bene o servizio non sarà più disponibile in futuro, gli economisti ritengono che l’ingegno umano sarà capace di fornire un sostituto adeguato.

  • 4 J.G. Clark, Economic development vs sustainable societies, Ann. Rev. Ecol. Syst. 26, pp. 1-24, 1995

5Recentemente, alcuni economisti come il finlandese Trygue Haavelmo (1911-1999) e l’olandese Jan Tinbergen (1903-1994), insigniti del premio Nobel, hanno ripudiato la crescita economica dipendente dalla quantità di materiale in trasformazione e dal suo consumo, per lo sviluppo sostenibile, che implica una crescita economica inferiore ma più attenzione alla salvaguardia degli ecosistemi. «Gli economisti dissidenti» hanno rivolto un pressante appello agli scienziati, certamente poco consultati nelle scelte politiche, a divulgare le loro conoscenze. Condizione indispensabile per la sostenibilità ambientale è che l’utilizzo delle risorse rinnovabili non superi la loro capacità rigenerativa e che i rifiuti dei processi produttivi siano nei limiti della capacità assimilative di un dato habitat4. La conoscenza sistematica del patrimonio naturale di un Paese è una condizione fondamentale per il suo sviluppo sostenibile, in particolare quello agro-alimentare. Pertanto, è necessario chiedersi: come vivere in un’era a crescita esponenziale con risorse limitate?

6Molta biodiversità viene persa irreversibilmente con l’estinzione causata dalla distruzione ambientale. Attualmente, l’urgenza della conservazione della biodiversità agraria, è motivata dalle seguenti considerazioni:

  1. l’uomo dipende, per il 90 % del fabbisogno alimentare, solo da poche specie vegetali, la cui diversità genetica sta subendo un forte declino;
  2. molte specie, come quelle che forniscono legni pregiati e sostanze medicinali, vengono prelevate dagli ambienti naturali a un ritmo non sostenibile;
  3. non è stato ancora esaminato il potenziale interesse agro-industriale di molte piante spontanee.

7Aggiustando un po’ i numeri per facilitarne il ricordo, possiamo dire che oggi si conoscono: 300.000 specie vegetali; di cui:

830.000 sono potenzialmente utili per il cibo ed altri usi;

93.000 sono usate per cibo ed altri usi;

1030 specie costituiscono i più importanti raccolti in tutto il mondo;

  • 5 G. Aliotta, M. Petriccione, Biodiversità e Agri-cultura, Aracne, Roma 2009.

113 specie: Riso, Mais e Frumento producono il 60 % di tutte le calorie ottenute dalle piante. Non è un caso che le piante geneticamente modificate più importanti sono: mais, frumento, soia, cotone, tabacco, patata e colza5.

3. L’aumento demografico

12Alle origini dell’agricoltura la popolazione umana ammontava probabilmente a poco più di 5 milioni di individui, diffusi su tutto il globo. Nel 4000 a.C. la popolazione era aumentata enormemente, arrivando a più di 86 milioni, ed al tempo di Cristo, si stima vi fossero 133 milioni di persone. In altre parole, la popolazione è aumentata più di 25 volte nel periodo compreso fra 10.000 e 2.000 anni fa. Nel 1650 la popolazione mondiale raggiunse i 500 milioni di persone, di cui molte vivevano nei centri urbani, e lo sviluppo delle scienze, delle tecnologie e dell’industrializzazione cominciò a produrre ulteriori cambiamenti nella vita dell’uomo e nei suoi rapporti con la natura.

  • 6 G.T. Miller, Ambiente. Risorse e Sostenibilità, Piccin, Padova 1997.

13Attualmente sul nostro pianeta ci sono 7 miliardi di persone e, verso il 2050, la popolazione potrebbe superare i 9 miliardi; si tratta di un numero di grandezza quasi incomprensibile; tuttavia, il tasso di accrescimento 2,2 % all’anno è molto preoccupante. All’epoca della Conferenza Mondiale, tenutasi a Roma nel novembre 1974, si calcolò che almeno 460 milioni di persone soffrissero la fame ed una grave malnutrizione, e che un altro miliardo e mezzo si alimentasse in maniera insufficiente. Le zone meno sviluppate del mondo, con tassi di accrescimento delle popolazioni più alti della media, hanno oggi un impellente bisogno di un approvvigionamento di decine di milioni di tonnellate di grano all’anno. Le Nazioni Unite hanno stimato che se la produzione non verrà notevolmente aumentata, il deficit annuale salirà in modo esponenziale. L’alto costo di produzione dei fertilizzanti, dovuto alla crisi energetica nel mondo, contribuisce ad aggravare il problema. Pertanto, il costo del cibo continuerà ad aumentare e cosa più sconfortante, nei paesi industrializzati circa il 20 % di esso finisce nei rifiuti6.

  • 7 G. Hardin, The tragedy of the commons, Science, 162, pp. 1243-1248, 1968.

14Garret Hardin (1915-2003), professore di biologia presso l’Università della California, autore del celebre articolo: La tragedia dei beni comuni, pubblicato su Science nel 1968, sosteneva che il problema dell’incremento della popolazione non ha una soluzione tecnica, ovvero cambiamenti solo nel campo delle scienze naturali, ma esige soprattutto mutamenti nei valori umani o nell’idea di moralità. Hardin conclude il suo articolo, affermando che il solo modo per preservare e promuovere altre e più preziose libertà è quello di rinunciare alla libertà riproduttiva. Spetta alle istituzioni educare e istruire, rivelando a tutti la necessità di abbandonare la libertà riproduttiva. Solo così possiamo porre fine a questo aspetto della tragedia dei beni comuni7.

4. La rivoluzione verde

15L’agricoltura intensiva o rivoluzione verde si basa, innanzitutto, su un considerevole impegno scientifico volto alla selezione di varietà coltivate (cultivar) di piante ad elevata resa produttiva; inoltre, rivestono un’importanza decisiva: una vasta applicazione dei concimi chimici (poiché la fertilità del suolo è il fattore limitante della crescita nella gran parte dei casi), i mezzi per controllare le malattie e gli insetti nocivi, l’introduzione di un numero sempre maggiore di macchine agricole, ed una rete estesa di strade, di distribuzione elettrica e di comunicazioni. I risultati ottenuti dall’agricoltura intensiva sono rilevanti: la produzione di grano nel Messico si è quadruplicata dal 1950. Fra il 1968 ed il 1972, India e Pakistan hanno raddoppiato la loro produzione di grano. La Cina, la più popolosa nazione della Terra, è divenuta autosufficiente dal punto di vista agricolo, per merito, in larga parte, dell’adozione di queste nuove cultivar di piante. Purtroppo, l’agricoltura intensiva non è applicabile a qualsiasi terreno agricolo. Un suo uso su larga scala richiede zone scarsamente popolate e molto estese per consentire un guadagno netto rispetto alle spese molto alte da essa richieste.

  • 8 G.T. Miller, Ambiente. Risorse e Sostenibilità, op. cit.

16Negli Stati Uniti, interi Stati sono formati da enormi estensioni pianeggianti che consentono una utilizzazione altamente remunerativa di tecnologie molto sofisticate. La situazione è completamente diversa in molte altre aree della Terra, soprattutto nel terzo mondo, dove non esistono in molti casi, né aree così estese da sfruttare, né i mezzi, ingenti, necessari per impiantare colture intensive simili a quelle dei più ricchi Stati occidentali. Un’altra grande lacuna che limita ulteriormente lo sviluppo dell’agricoltura nelle zone tropicali e subtropicali è la mancanza di tecniche adatte alle caratteristiche di quegli ambienti; l’acquisto dei più sofisticati mezzi meccanici spesso si rivela totalmente improduttivo, essendo questi progettati per contesti ambientali del tutto diversi8.

5. Ricerca di nuove strategie

  • 9 AA. VV. Le biotecnologie vegetali e le varietà OGM, Rapporto della Commissione congiunta delle Acca (...)

17Negli ultimi due decenni sono stati compiuti molti sforzi volti ad adeguare gli strumenti tecnologici dei paesi industrializzati agli habitat dei paesi poveri ed a sviluppare nuove tecnologie più efficaci (si pensi alle applicazioni dell’ingegneria genetica in agricoltura). In Italia, il rapporto sulle biotecnologie vegetali e le varietà OGM della Commissione congiunta delle Accademie Nazionale dei Lincei e delle Scienze, rappresenta un importante contributo al dibattito in corso e le sue conclusioni indicano che il problema può porsi e risolversi facendo ricorso alle diverse forme di agricoltura al momento esistenti: convenzionale, integrata, biologica e molecolare. Nella consapevolezza che siano giudicate espressioni conformi alle leggi della Natura quelle operazioni scientifiche e tecniche che traducono e valorizzano – mediante azioni convincenti, condivise ed adottate nel rispetto dei diritti dell’uomo e dell’ambiente – le leggi stesse ed i fenomeni della Natura9.

  • 10 G. Aliotta, M. Petriccione, op. cit.
  • 11 C. de Duve, Vital Dust, Basic Books, New York 1995.

18È auspicabile che, per una soluzione definitiva del problema alimentare, ci sia un’ampia diversificazione delle strategie da adottare per superare l’attuale situazione. Molta più attenzione dovrebbe essere posta su quello che può essere reperito in natura; una conoscenza più estesa del mondo vegetale può permettere di utilizzare risorse al momento inutilizzate o soltanto parzialmente sfruttate10. Secondo il premio Nobel per la medicina Christian de Duve, l’evoluzione biologica è su una rampa di lancio che può condurre ad una preoccupante instabilità. La scomparsa di una specie dal mondo è un’irrimediabile perdita di informazioni preziose, l’equivalente biologico dell’incendio della biblioteca di Alessandria nel 642. È la distruzione di gran parte del libro della vita prima che se ne abbia la possibilità di leggerlo, è la perdita definitiva di anelli dell’evoluzione biologica e della nostra storia. Con la continua scomparsa delle specie, potrebbero svanire per sempre importanti fonti di cibo o molecole capaci di curare malattie come la malaria o il cancro11. Nella campagna per la biodiversità è fondamentale associare agli interventi educativi la realizzazione di azioni dimostrative sul territorio finalizzate, per esempio, all’uso e alla valorizzazione delle varietà autoctone di specie orticole e fruttifere all’interno di giardini/orti scolastici e sottolineare il rapporto tra diversità biologica e diversità culturale, anche attraverso l’educazione al gusto dei cibi tradizionali e locali. Sebbene esistano da tempo gli strumenti atti ad approfondire le nostre conoscenze, sappiamo molto poco sia sulle possibilità di domesticazione che sulle effettive potenzialità che alcune piante selvatiche potrebbero avere dal punto di vista alimentare. Si sa che la domesticazione di piante selvatiche è un processo molto complesso, che raramente può essere portato avanti con successo. Le difficoltà che insorgono possono essere risolte in tempi lunghi, mentre la maggior parte delle ricerche finora condotte sull’argomento ha avuto una breve durata.

19I nostri antenati hanno impiegato migliaia di anni per giungere alla domesticazione delle piante oggi comunemente coltivate; anche se attualmente è possibile abbreviare sensibilmente questi tempi, risultati soddisfacenti possono essere ottenuti soltanto dopo lunghi periodi di studio. Ancor prima dei tentativi di domesticazione è necessario che si accumulino dati sulle piante selvatiche tradizionalmente usate per l’alimentazione. Nonostante siano utilizzate da millenni dai popoli di tutta la Terra, si hanno su di esse informazioni molto lacunose; in particolare, sono a disposizione pochi dati sulla composizione chimica di buona parte delle specie eduli selvatiche.

20Uno studio approfondito in questo campo può dare un contributo utile alla risoluzione del problema alimentare stesso: dalle specie vegetali si può ricavare molto di più di quanto comunemente si creda.

  • 12 P. Wolff, 1956, Les caractères originaux de l’histoire rurale française, vol. II Supplément établi (...)
  • 13 E. Sereni, Storia del Paesaggio Agrario Italiano, Laterza, Bari 2006.
  • 14 A. Saltini, Processo all’Agricoltura, Calderini, Bologna 1977.

21In genere, le piante vengono viste soprattutto come un’importante fonte di carboidrati, vitamine e sali minerali. Le ricerche condotte negli ultimi vent’anni hanno evidenziato come sia possibile ricavare dai vegetali tutte le sostanze richieste, incluse quelle proteiche, per una corretta alimentazione. Anche le piante selvatiche eduli stanno fornendo risposte molto promettenti. Su questi dati, ancora molto incompleti è necessario un serio approfondimento: nelle foglie, infatti, si accumulano spesso anche sostanze tossiche che ne rendono sconsigliabile l’uso. Purtroppo, nei paesi industrializzati diventa sempre più difficile il reperimento di notizie sull’uso alimentare delle piante selvatiche; l’industrializzazione accelerata di questi ultimi decenni e l’inurbamento conseguente hanno impresso dei cambiamenti così radicali nelle abitudini di vita di molte popolazioni da determinare il pericolo che si perda completamente anche il ricordo della utilizzazione di queste piante. Soprattutto in paesi come l’Italia in cui i cambiamenti nei costumi di vita sono stati così rapidi e bruschi. Negli ultimi decenni il nostro Paese ha cambiato volto: il consumo di 100.000 ettari di suolo all’anno ha travolto secoli di cultura e intaccato il valore economico riconducibile agli usi agricoli e naturali del territorio. Nel 2005, Italia Nostra per celebrare i suoi cinquanta anni, lanciò la campagna per la protezione del paesaggio agrario, che fu descritto magistralmente in Francia da Marc Bloch, agli inizi del secolo scorso nei suoi Caractères originaux de l’histoire rural français12 e da Emilio Sereni in Italia, nel testo del 1961, ma ancora attuale: Storia del paesaggio agrario italiano. In particolare, Sereni evidenzia come la impostazione e la sistemazione delle colline e dei pendii emerge dalla considerazione elementare che la superficie agraria e forestale italiana si estende per il 41 % in collina e per il 37 % in montagna. Pertanto, è importante sottolineare i pericoli dei dissodamenti inconsulti e delle sistemazioni inadeguate che fanno violenza alla natura in modo irreparabile, portando a gravi degradazioni del paesaggio e a gravissimi danni economici e sociali13. Un segnale positivo sembra essere la riscoperta dell’agricoltura biologica rivolta alla coltivazione dei prodotti tipici della nostra penisola, ma è anche importante ricordare quanto scrisse Antonio Saltini nel 1977: «sul terreno dell’agricoltura si sono combattuti alcuni degli scontri più duri della storia nazionale. Essa rivestiva un ruolo di primo piano nella vita politica del Paese; ma quando l’agricoltura, dalla metà degli anni cinquanta, aveva perso quel ruolo, smise di fare cronaca. Infatti, l’attenzione del Paese era stata assorbita dalle trasformazioni economiche e sociali che determinarono una forte riduzione della forza lavoro in agricoltura fino all’attuale 2-3 %»14.

  • 15 Bioversity International, Bioversity International in focus, Bioversity International, Rome Italy 2 (...)

22Pertanto, è necessario un attento lavoro di recupero delle notizie riguardanti la biodiversità vegetale. Un segnale positivo è l’impegno di Bioversity International15 (ex Istituto Internazionale per le Risorse Fitogenetiche), che ha individuato per la salvaguardia della biodiversità agraria sei macro aree prioritarie d’intervento:

  1. Gestione della biodiversità agraria per la nutrizione, per il miglioramento della qualità della vita e dei sistemi di produzione sostenibili per le popolazioni bisognose.
  2. Conservazione e promozione dell’uso della biodiversità in colture commerciali selezionate e di particolare importanza per le popolazioni più povere.
  3. Valorizzazione della conservazione ex situ e dell’uso della biodiversità agraria.
  4. La conservazione e l’uso sostenibile di importanti specie selvatiche, il riconoscimento dell’importanza e del valore di specie selvatiche di colture addomesticate, nonché la grande potenzialità di molte specie presenti nelle foreste, possono assicurare la nutrizione e migliorare la vita delle popolazioni povere.
  5. Collaborazione internazionale sulla conservazione e l’uso delle risorse genetiche.
  6. Analisi dello stato attuale e dei trend sulla conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità agraria16.
  • 17 G. Aliotta, A. Pollio, Le Piante utili dimenticate, EmmErre Libri, Napoli 1988.

23Approfondiamo la quarta macroarea, sottolineando che l’agricoltura intensiva non è applicabile a qualsiasi terreno agricolo. Un suo uso su larga scala richiede zone scarsamente popolate e molto estese per consentire un guadagno netto rispetto alle spese elevate che essa richiede. È pertanto utile ripercorrere, come suggerito da Sereni, la storia delle nostre radici agricole e culturali per rafforzare consapevolezza e conoscenza delle nostre risorse. La tabella 1 è in linea con questa linea di pensiero e riporta le piante selvatiche alimentari e/o foraggere italiane, incluse le specie esotiche. Essa è tratta in parte dal libro: Le piante utili dimenticate, un testo realizzato dopo molti anni di lavoro, iniziato sotto forma di tesi di laurea dallo studente Antonino Pollio (oggi professore di Botanica) e dal suo relatore Giovanni Aliotta, stimolato dall’articolo: Salviamo le conoscenze sulle piante utili della flora italiana17, dell’autorevole botanico Sandro Pignatti, pubblicato nel 1971, sull’Informatore Botanico Italiano. Successivamente, la tabella si è gradualmente arricchita di dati, fornendo una documentazione per quanto possibile ricca e completa sugli usi delle piante alimentari selvatiche in Italia. L’auspicio è che i diversi tipi di agricoltura possano coniugare gli aspetti economici e scientifici delle moderne produzioni vegetali, senza trascurare valori etici ed ecologici.

Sitografia:

24www.biodiv.org

www.bgci.org

www.fao.org

www.plants2010.org

www.bioversityinternational.org

United Nations Environmental Programme: www.unep.org

Unione Europea: www.europa.eu.int/comm/environment/

Agenzia Europea dell’Ambiente: www.org.eea.eu.int

Ministero dell’Ambiente: www.minambiente.it

The World Conservation Union (IUCN): www.iucn.org

Società Italiana di Ecologia: www.dsa.unipr.it/SITE;

Società Botanica Italiana: www.societabotanicaitaliana.it/

Unione Zoologica Italiana: www.scienzemfn.uniroma1.it/uzi

Tabella 1 Piante selvatiche alimentari e/o foraggere italiane, incluse le specie esotiche naturalizzate.

Tabella 1 Piante selvatiche alimentari e/o foraggere italiane, incluse le specie esotiche naturalizzate.

Legenda: C = comune; CC = molto comune; R = rara; RR = molto rara; * = usi noti ai Romani; ☐ = utilizzata in altri Paesi ma non in Italia; Δ = usata anche come pianta medicinale; ೦ = coltivata in Italia o in altri Paesi.

Notes

1 E.O. Wilson, Biodiversity, National Academic Press, Washington. D.C. (USA) 1988.

2 O.H. Frankel, H.D. Brown, J.J. Burdon, The Conservation of Plant Biodiversity, Cambridge University Press 1998.

3 K.J. Gaston, J.I. Spicer, Biodiversity an Introduction, Ed. Blackwell, Oxford 1998; V.H. Heywood, Global Diversity Assessment, Cambridge University Press, Cambridge (U.K.) 1995.

4 J.G. Clark, Economic development vs sustainable societies, Ann. Rev. Ecol. Syst. 26, pp. 1-24, 1995.

5 G. Aliotta, M. Petriccione, Biodiversità e Agri-cultura, Aracne, Roma 2009.

6 G.T. Miller, Ambiente. Risorse e Sostenibilità, Piccin, Padova 1997.

7 G. Hardin, The tragedy of the commons, Science, 162, pp. 1243-1248, 1968.

8 G.T. Miller, Ambiente. Risorse e Sostenibilità, op. cit.

9 AA. VV. Le biotecnologie vegetali e le varietà OGM, Rapporto della Commissione congiunta delle Accademie Nazionale dei Lincei e delle Scienze, Roma 2003.

10 G. Aliotta, M. Petriccione, op. cit.

11 C. de Duve, Vital Dust, Basic Books, New York 1995.

12 P. Wolff, 1956, Les caractères originaux de l’histoire rurale française, vol. II Supplément établi par R. Dauvergne d’après les travaux de l’auteur, by R. Dauvergne 1956; M. Bloch, The Economic History Review, New Series, Vol. 9, No. 1, pp. 157-158.

13 E. Sereni, Storia del Paesaggio Agrario Italiano, Laterza, Bari 2006.

14 A. Saltini, Processo all’Agricoltura, Calderini, Bologna 1977.

15 Bioversity International, Bioversity International in focus, Bioversity International, Rome Italy 2007, pp. 20.

16 AA. VV., Agricoltura e dialogo fra culture, Associazione ONG Italiane, Roma 2007.

17 G. Aliotta, A. Pollio, Le Piante utili dimenticate, EmmErre Libri, Napoli 1988.

Table des illustrations

Titre Tabella 1 Piante selvatiche alimentari e/o foraggere italiane, incluse le specie esotiche naturalizzate.
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 89k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 94k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 93k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 94k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 91k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 99k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 93k
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 101k
Légende Legenda: C = comune; CC = molto comune; R = rara; RR = molto rara; * = usi noti ai Romani; ☐ = utilizzata in altri Paesi ma non in Italia; Δ = usata anche come pianta medicinale; ೦ = coltivata in Italia o in altri Paesi.
URL http://books.openedition.org/mimesis/docannexe/image/2711/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 50k

© Mimesis Edizioni, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search