Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Donde no habite el olvido

 | 
Marzia Rosti
, 
Valentina Paleari

Perspectivas del testimonio

“Fin che non vado via” Il ruolo della testimonianza storica nell’educazione alla pace e ai diritti umani

Elena Monicelli

Texte intégral

Gli eccidi di monte sole1

  • 1  Molte ricerche, amatoriali e non, sono state pubblicate sugli eccidi di Monte Sole. Il volume più (...)
  • 2  Dopo che l’esercito alleato entrò a Roma il 4 giugno 1944, l’esercito tedesco iniziò la ritirata v (...)

1L’area di Monte Sole è un territorio collinare situato tra le valli del fiume Reno e del torrente Setta, nella parte meridionale della provincia di Bologna. Durante la Seconda Guerra Mondiale, era abitata da circa 2.000 persone che vivevano in piccoli borghi o in case sparse, configurando il paesaggio tipico della campagna d’altura dell’Italia pre-industrializzazione. L’ultima linea del fronte, la Linea Gotica2, passava poco lontano e rappresentava la retroguardia difensiva del confine meridionale del Terzo Reich nazista.

2Dall’ottobre 1943 era attiva nell’area una brigata partigiana chiamata ‘Stella Rossa’, composta principalmente da elementi locali di diversa matrice politica e culturale: cattolici, comunisti, liberali, socialisti o semplicemente persone che desideravano contribuire alla fine della guerra e dell’occupazione tedesca. La brigata agiva con operazioni di sabotaggio finalizzate a disturbare sia la presenza che la ritirata nazista.

  • 3  Il Feldmaresciallo Albert Kesselring, comandante in capo delle operazioni in Italia, diede precisi (...)

3Nell’estate del 1944 si stanziò nell’area la 16a divisione corazzata granatieri Reichsführer delle SS comandata da Max Simon. Fu questa divisione che decise, pianificò e attuò un’operazione militare per il rastrellamento del ‘territorio nemico’ e per debellare la presenza partigiana3. Le attività partigiane erano infatti giudicate pericolose poiché minacciavano i centri di rifornimento nazisti, le linee di comunicazione e le retrovie: venivano definite ‘attività di bande e banditi’.

  • 4Kampfanweisung für die bandenbekämpfung im Osten come manuale sulla gestione delle rivolte fu pub (...)

4Nelle prime ore del 29 settembre 1944, 4 compagnie appartenenti al battaglione esplorante della divisione (Aufklaerungs abteilung), sotto il comando del Maggiore (SS-Sturmbannführer) Walter Reder, partirono dalla valle del Setta alla volta delle colline di Monte Sole dove si sospettava fossero i partigiani. Altre unità erano dislocate nella valle del Reno per accerchiare tutta la zona. L’operazione si svolse in ottemperanza alle teorie dell’esercito tedesco sulle operazioni di anti-insurrezione che furono sviluppate e messe a punto sul fronte europeo orientale4. La manovra nazista centrò l’obbiettivo: entro poche ore la brigata fu annientata e i partigiani resi inoffensivi, costringendo i più alla fuga durante la notte.

5L’operazione si è ripetuta secondo le stesse modalità dal 29 settembre al 5 ottobre. Le vittime sono state praticamente tutte civili: solo 7 soldati nazisti sono stati uccisi e circa 20 partigiani sono stati uccisi o feriti o fatti prigionieri. I nazisti hanno bruciato le case e ucciso gli animali. Il bilancio dei sette giorni di massacro ha raggiunto la cifra di 770 vittime, tra cui 216 bambini, 142 anziani e 316 donne.

6Il comportamento di tutti i plotoni e di tutte le squadre in azione è stato lo stesso. Allo stesso tempo, nei 115 luoghi che si conteranno alla fine e che erano anche molto distanti gli uni dagli altri, si sono verificate uccisioni di massa secondo le medesime modalità: i/le civili sono stati/e uccisi/e indiscriminatamente, spesso con bombe o granate, e i cadaveri sono stati di frequente bruciati per dissimulare le modalità di uccisione.

  • 5  Per un’analisi dettagliata della 16a divisione SS e più in generale della disciplina dell’esercito (...)

7L’operazione è stata pianificata a tavolino e non è stata pensata come reazione a particolari azioni della resistenza partigiana, la quale, da un punto di vista militare, era alquanto debole. Gli eccidi di Monte Sole non possono essere annoverati quindi sotto la categoria della rappresaglia, ma sono un’operazione di bonifica finalizzata al massacro. Appartengono a pieno titolo alla più ampia strategia dell’esercito nazista in Italia finalizzata a terrorizzare la popolazione e quindi a prevenire la formazione e a disperdere ogni possibilità di resistenza. Nessuna differenza è stata fatta tra civili e cosiddetti banditi: è stato ritenuto che l’intera popolazione fosse connivente, a sostegno dei partigiani. Questi ultimi, secondo la dottrina dell’esercito occupante, erano appunto considerati banditi e pericolosi e sovversivi bolscevichi, e di conseguenza la stessa categorizzazione veniva applicata alle comunità nelle quali i partigiani vivevano e operavano. Ogni unità ha attuato gli ordini accordandosi alla disciplina del suo comandante, e la 16a divisione SS era sicuramente una delle più dure tra quelle operanti sul fronte italiano5.

8L’operazione fu un successo dal punto di vista nazista. L’area, i suoi abitanti, e con loro ogni possibilità di resistenza, erano stati annientati.

Come avvicinarcisi all’apparentemente indicibile?

9Quando ci si avvicina ad una vicenda come quella di Monte Sole, lo si fa solitamente - e da un certo punto di vista sicuramente giustamente e legittimamente - con in animo la convinzione di stare facendo qualcosa per evitare che una tale tragedia abbia a ripetersi. La volontà di ricordare - non necessariamente di studiare - questi eventi, insomma, è legata all’immancabile ‘mai più’.

10Una scelta sicuramente interessante che in molti fanno in questa scia è quella di recarsi sui luoghi degli accadimenti. Il paesaggio, le rovine o addirittura gli edifici dove si sono consumati uccisioni e massacri restituiscono una certa concretezza, una certa realtà e una certa vicinanza a ciò che altrimenti rischia di perdersi nel fluire indistinto dei capitoli dei manuali di storia. Tuttavia anche il recarsi sui luoghi non è di semplice gestione perché il luogo va letto e interpretato. Ecco allora sorgere un nuovo bisogno che si esprime molto frequentemente nella domanda: ‘è possibile incontrare un testimone?’.

11Il vocabolario Treccani definisce la parola ‘testimone’ come «Persona che, assistendo, avendo assistito, o essendo comunque direttamente a conoscenza di un fatto, può attestarlo, cioè farne fede, affermarne pubblicamente la veridicità, o dichiarare come esso realmente si è svolto»6. È il primo significato che viene dato ed è sufficientemente ampio da servire come cornice all’analisi di quella cruciale domanda. Infatti, a rigor di definizione, ponendo quel quesito potremmo aver richiesto di incontrare - nel caso di Monte Sole - un soldato della 16a divisione o un fascista di Marzabotto o un abitante di Bologna con amici in collina. Mentre invece quello che ciascuno sente realmente scaturire da quelle parole è: ‘è possibile incontrare un sopravvissuto?’.

Il testimone ideale

  • 7  Tratto dal documentario Quello che abbiamo passato. Memorie di Monte Sole prodotto da Fondazione S (...)
  • 8Ibidem, minuti 38:40-39:27.

Il 30 settembre guardando su sulla montagna abbiam visto delle pattuglie, delle pattuglie… dei plotoni dei tedeschi che venivano verso la nostra casa. Allora abbiam detto: “Qui sarà meglio andarci a nascondere”. E ci siam nascosti, io e i miei due fratelli. E dopo un po’ si sentiva degli spari, si sentiva qualcosa così però... Era verso sera, quando stava per venir sera, così, non si sentiva più niente... “Andiamo a casa”. Siamo andati... c’è dei calanchi lì... siamo andati in cima e quando siamo stati in cima si vedeva la casa. La casa bruciava. C’erano tutte le bestie, tutti gli animali fuori [il tono della voce si alza, rotto dal pianto] e non si vedeva nessuno [si asciuga il viso con un fazzoletto]. [La voce da qui si fa tremante per il pianto e la commozione] Siamo arrivati nell’aia... le case da contadino c’avevano l’aia una volta, dove battevano il grano... e lì c’era... dei fienili in fiamme... c’era il pergolato che c’era il granoturco... una volta si prendeva il granoturco, si stendeva su attaccato a delle pertiche per seccarlo... c’era tutto sto pergolato qui... e tutte... e... c’era... della mia famiglia 14, poi c’era 4 sfollati: 18 persone tutte lì uccise. Ma uccise no normalmente... [si asciuga le lacrime dagli occhi, mentre singhiozza] C’era... erano... erano... insomma come devo dire... delle persone che non si conoscevano, che si faceva fatica a conoscerle... c’era dei maiali che stavano lì per mangiare ‘sti, ‘sti cadaveri. E poi... qui c’era il pergolato... dalla parte di là c’era un omino lì tutto così [mima con le braccia e col corpo la piccolezza] era mio padre... [si asciuga le lacrime dagli occhi, mentre singhiozza] Si vede che c’hanno fatto vedere tutto... lo spettacolo... poi l’hanno, l’hanno... ‘nsomma... non era molto alto, ma era diventato un affarino lì che sembrava... [mima nuovamente la piccolezza] E allora? Cosa si fa? [piange]7.
[…]
In questi anni io sono sempre dietro... Sono ancora dietro a fare la guerra. Io di notte... [si asciuga il viso con un fazzoletto] adesso un po’ meno ma... è rimasto qui [indica la testa]. Son sempre dietro a sognarmi... i tedeschi che mi prendono [si asciuga le lacrime dagli occhi, mentre singhiozza]… insomma, io tutti i giorni tutte le notti... ce li ho davanti... [piange] Fin che non vado via!8.

12Ferruccio è il ‘testimone ideale’. Nel suo racconto, nella sostanza e nella forma, c’è tutto quello che anche inconsciamente ci aspettiamo di trovare: un racconto tragico ed epico, una strana combinazione di orrore e eroismo in grado di disegnare chiaramente il bene e il male, la parte giusta e quella sbagliata. Non solo. Piange, non si vergogna e costella la narrazione di lunghe pause per asciugarsi il viso dalle lacrime. È impossibile non empatizzare con il suo dramma e la sua sofferenza. Tuttavia, da un punto di vista umano, e successivamente educativo, le domande da porsi rispetto ad una ‘testimonianza’ come questa non sono irrilevanti o di poco conto.

  • 9  Il terzo significato attestato per la parola testimone dal vocabolario Treccani è infatti: «la per (...)

13Il lato umano richiede quanto meno di fermarsi un momento e chiedersi quale diritto si possa avere di far soffrire (nuovamente) così un’altra persona, quale bene superiore, ammesso e non concesso che ce ne possa essere uno, si stia perseguendo. In giurisprudenza, non senza difficoltà, si è risposto che in aula, davanti ad un giudice e ad una giuria9, il fine che si cerca di raggiungere è quello superiore del diritto alla verità per la comunità e al ripristino dell’ordine sociale interrotto dal delitto perseguendo il colpevole o i colpevoli. Prendendo però per buona questa ipotesi, ne deriva che allo stesso modo l’aula di tribunale non vorrà ascoltare solo la testimonianza/vittima ma vorrà sentir pronunciata anche la testimonianza/colpevole, poiché entrambe concorrono alla costruzione della verità giudiziale e quindi entrambe sono essenziali per il conseguimento del fine superiore per il bene della comunità.

14Ma se si comporta così il potere, l’autorità giudiziaria che è una delle tre componenti fondamentali del vivere comunitario, almeno per come lo abbiamo conosciuto fino ad ora nella sua forma di stato moderno, come mai nell’ambito della commemorazione pubblica e in quello dell’educazione non avviene che vengano interpellati i carnefici ma solo le vittime? Tutto lascia pensare che ci sia un bene superiore differente e conseguentemente una gerarchia che ordina di fatto la possibilità o la legittimità di parola, ed è quindi necessario provare a capire quale sia questo bene e come e perché questa gerarchia si sia determinata.

Il testimone in sostanza

  • 10  Non essendo questa la sede per una dissertazione semiotica, basti ricordare che si tratta di un me (...)

15Innanzitutto è necessario esplicitare tutti i termini della questione e per farlo è possibile avvalersi dello strumento analitico del quadrato semiotico10. Risulta particolarmente utile poiché è una modalità di rappresentazione e classificazione dei concetti pertinenti ad una data opposizione:

Nel nostro caso l’opposizione, la relazione di contrarietà, è quella tra vittima e carnefice e si dispiega secondo l’asse valoriale del continuum Bene/Male:

16Proseguendo l’analisi, è necessario trovare la contraddizione alla figura della vittima, avendo cura di mantenersi nel solco dell’opposizione e ricercando quindi un termine che condivida con la vittima l’essenza di appartenenza al lato del bene ma che in qualche modo ne contraddica la forma. Quello che ne risulta è la figura dell’eroe, che nel caso di Monte Sole è il partigiano ma più comunemente può essere il resistente o il salvatore. La contraddizione consiste nel fatto che la vittima subisce al massimo livello, fino a risultare sconfitta, mentre l’eroe agisce al massimo livello, fino a risultare vittorioso. La relazione di contraddittorietà si dispiega quindi sull’asse dell’agentività, sulla facoltà cioè di essere soggetto o oggetto dell’agire. Procedendo allo stesso modo è possibile determinare anche chi ricopre la posizione di non-vittima, cioè chi condivide l’essenza di appartenere al lato del male ma non ha la caratteristica del soggetto dell’azione. Verrà individuato così l’astante, altrimenti definito come spettatore o con il termine inglese di bystander. Il carnefice e l’astante si contraddicono in quanto il primo scatena la sua supremazia mentre il secondo è intrinsecamente immobile.

è interessante notare che la relazione di sub-contrarietà (astante-eroe) è caratterizzata dal continuum della scelta e della decisione, che vede l’astante nella posizione di chi si chiama fuori dai giochi, non prende posizione mentre l’eroe è colui che per eccellenza ha fatto un passo avanti e si assume delle responsabilità.

17Se dunque, a rigor di definizione e di logica, tutti e quattro i termini ricadono sotto la categoria di testimone, è evidente alla pratica di ogni giorno che socialmente, politicamente e - cosa che più ci interessa - educativamente solo vittima ed eroe sono contemplati.

18Lasciando per il momento da parte la relazione di presupposizione che verrà approfondita a breve, è proprio l’analisi degli assi di relazione fin qui individuati e del valore e della funzione che si attribuisce al ricordare e alla memoria (il ‘bene supremo’ di cui sopra) a rivelare il perché accade questo.

Bisogna ricordare perché...

19La premessa del nostro discorso era che la pratica memoriale viene considerata come un’efficace strumento di modellazione del futuro, in particolare la memoria degli eventi tragici del passato è ritenuta antidoto al ripetersi degli stessi in futuro.

20In questo andirivieni tra passato e futuro tuttavia, ci si scorda (sic!) che la pratica si dispiega in un tempo presente, ben determinato e caratterizzato. Ci si scorda cioè che la memoria collettiva è funzionale agli interessi, alle sensibilità e ai progetti di chi la gestisce, e che i filtri culturali che selezionano gli episodi ritenuti memorabili dipendono dalle preoccupazioni e dai ‘pensieri dominanti’ delle società a cui fanno capo (Pisanty 2012). Vale a dire che «ci sono eventi storici […] che per la loro rilevanza morale e politica sono posti a fondamento del presente, di cui rappresentano una vera e propria Costituzione» (Dei 2007: 43).

21In altre parole, la memoria non serve per determinare come sarà il futuro ma è funzionale alla rappresentazione delle identità del presente. Si provi a pensare per un momento alla funzione dei ricordi individuali: essi ci dicono chi siamo e in qualche misura come lo siamo diventati, svolgono l’importante funzione di conferma del nostro valore e della nostra unità. Tanto è vero che si parla di rimozione per tutto quel passato che minerebbe l’immagine positiva e coerente di chi siamo. Analogamente, pur nelle differenze, la memoria pubblica o collettiva serve primariamente a creare un forte senso di identità e di appartenenza al gruppo, a nutrire il senso di attaccamento che ciascun membro nutre per quel gruppo.

22Perché questo funzioni la pratica memoriale collettiva deve essere in qualche modo semplice, immediatamente afferrabile e fornire appigli diretti e chiari a ciascuno per il riconoscimento della sua inclusione. Scriveva Primo Levi in I sommersi e i salvati:

Ciò che comunemente intendiamo per ‘comprendere’ coincide con ‘semplificare’: senza una profonda semplificazione, il mondo intorno a noi sarebbe un groviglio infinito e indefinito, che sfiderebbe la nostra capacità di orientarci e di decidere le nostre azioni. […] Tendiamo a semplificare anche la storia; ma non sempre lo schema entro cui si ordinano i fatti è individuabile in modo univoco, [...] [T]uttavia, è talmente forte in noi, forse per ragioni che risalgono alle nostre origini di animali sociali, l’esigenza di dividere il campo fra ‘noi’ e ‘loro’, che questo schema, la bipartizione amico-nemico, prevale su tutti gli altri. La storia popolare, ed anche la storia quale viene tradizionalmente insegnata nelle scuole, risente di questa tendenza manichea che rifugge dalle mezze tinte e dalle complessità: è incline a ridurre il fiume degli accadimenti umani ai conflitti, e i conflitti a duelli, noi e loro, gli ateniesi e gli spartani, i romani e i cartaginesi. […] [L]a maggior parte dei fenomeni storici e naturali non sono semplici, o non semplici della semplicità che piacerebbe a noi (2007: 24-25).

23In questo senso, sembra ci sia un’alleanza tra conoscenza ed etica, ovvero il bisogno che esse coincidano. E se questo è vero, la selezione degli episodi memorabili seguirà l’asse valoriale del continuum Bene/Male, verrà praticata cioè la riproposizione di quei pezzi di passato che permettano una chiara identificazione, nella sostanza o nel racconto che se ne fa, del Bene/Noi contrapposto al Male/Loro. D’altra parte, verranno omesse tutte quelle vicende che ci vedrebbero sovvertire questo ordine in uno scomodo Male/Noi, Bene/Loro. Nel passato cerchiamo cioè la rassicurazione sulla nostra appartenenza al lato positivo del continuum.

L’era della vittima

24Riportato al quadrato interpretativo, questo ragionamento ci conduce direttamente a concentrare tutta l’attenzione sulla figura delle vittima.

  • 11  Cfr. M. Bloch, 1998, Apologia della storia, trad. di Carlo Pischedda, Torino, Einaudi (ed. orig.: (...)

25Se è tale non può che stare dalla parte dei buoni, soprattutto non può che stare dalla parte dell’innocenza. «Il testimone […] non ci interessa come veicolo di informazioni fattuali, come un semplice surrogato di oggettività da usare solo laddove non siano proprio disponibili le più affidabili fonti scritte o materiali. La testimonianza ci interessa in sé» (Dei 2007: 51), perché attraverso l’empatia possiamo in qualche modo partecipare di quell’innocenza e possiamo condannare chi, altro da noi, ha compiuto il male. Marc Bloch sosteneva che la «mania del giudizio» è il «nemico diabolico» della storia11, ma probabilmente è anche quello dell’educazione. L’ansia di silenziare, allontanare il carnefice tradisce il bisogno consolatorio di allontanare da sé il male.

26In questa prospettiva si potrebbe tentare un piccolo aggiornamento anche del puntuale ragionamento proposto da Annette Wiewiorka (1999). Nella sua critica ha sostenuto che «l’era del testimone» trionfa nelle scuole e non solo: ai testimoni non viene solamente chiesto di testimoniare, cioè raccontare la propria storia, ma ad essi è affidato il compito di moralizzare, quasi fosse questo un sinonimo di educare.

27Come abbiamo cercato di mostrare, non è l’era del testimone in generale a trionfare ma quella del testimone/vittima e del testimone/eroe perché sono solo queste figure quelle in grado di produrre quell’effetto edificatore che educatori e decisori politico-sociali ricercano, quelle in grado di perseguire il famoso bene superiore. La spinta per questo inseguimento è talmente forte che si fa persino fatica a capire dove ci si debba fermare: fino a che grado di vicinanza ai fatti è consentito definire - e quindi invitare a parlare - una persona come testimone/vittima o testimone/eroe? Il sopravvissuto e il partigiano vanno sicuramente bene, i parenti di primo grado (figli, mogli, mariti o fratelli e sorelle) conservano una certa aura... ma che cosa possiamo dire di un/a generico/a coevo/a?

28La difficoltà del discrimine sta nel fatto che l’atto del raccontare in capo al testimone/vittima e al testimone/eroe perde la sua primaria funzione catartica, o meglio la funzione catartica eminentemente privata ed individuale e viene sorpassata da quella pubblica e collettiva della moralizzazione, di più complicata attribuzione.

29Lo scopo variamente dichiarato è che il racconto dell’orrore e dei tentativi di resistergli vaccini contro il ripetersi dell’orrore.

30Lo scopo, in ultima istanza, è quello di creare testimoni di testimoni, supponendo che questo metta al riparo la comunità dalla possibilità di rivivere le tragedie del passato.

31Tuttavia, alla prova dei fatti, è facile constatare come il racconto dell’orrore non sia sufficiente a immunizzare contro l’orrore: raccontare quello consumatesi nei Lager non ha impedito per esempio, i massacri dell’ex Jugoslavia nel cuore della moderna Europa.

32Non è dunque possibile delegare ai testimoni/vittima-eroe il ruolo dello storico o quello dell’educatore così come l’educazione non può affidarsi solamente alle loro voci.

Comprendere non significa giustificare

33Ecco allora che devono entrare in gioco le altre due figure del quadrato.

  • 12  Citato in Bidussa 2009: 131.

34Finalmente volgendo lo sguardo, tendendo l’orecchio, al testimone/carnefice si scoprirà che, per esempio, il massacro di Monte Sole non è opera di demoni, di iene o di mostri ma di esseri umani storicamente determinati, i quali, inseriti in un certo ambiente e da esso condizionati, ma non per questo privati della loro possibilità di scelta, hanno compiuto determinate azioni. Per dirla con Hilberg12, vuole dire, lungi dal giustificare, provare a vedere la scena «con gli occhi degli altri», in questo caso dei perpetratori.

35Analizzando questi fattori scopriremo che «ciò che il male sa di sé lo troviamo facilmente anche in noi» (Agamben 1998: 30).

36Scrive Browning nel suo case study sul comportamento dei riservisti di polizia tedesca chiamati ad operare nel contesto dei massacri degli Einsatzgruppen in Europa dell’est:

I poliziotti del battaglione che attuarono i massacri e le deportazioni erano esseri umani, esattamente come i pochi che si sottrassero a tali compiti. Dovrò perciò riconoscere che nella stessa situazione avrò potuto essere un assassino o un disertore […] se vorrò comprendere e spiegare nel modo migliore i loro comportamenti. Tale riconoscimento implica senza dubbio un tentativo di immedesimazione. Non accetto tuttavia vecchi schemi secondo cui spiegare significa scusare, comprendere significa perdonare. Senza un tentativo di comprensione dei responsabili in quanto esseri umani, diventa impossibile scrivere non solo questa storia, ma anche qualsiasi storia dei responsabili [...] che cerchi di andare oltre la semplice caricatura (Browning 1995: xv).

37Nella pratica esperienziale della Scuola di Pace di Monte Sole questo riconoscimento si svela proprio attraverso il processo educativo. Esso, attivando nei partecipanti al contempo la sfera fisica, emozionale e cognitiva e partendo dall’analisi del comportamento dei perpetratori, con l’accortezza di non ridurre le analogie a uguaglianze, mira a individuare in alcuni dei fattori che si possono annoverare come fondamentali nella genealogia della violenza nazista, dispositivi e meccanismi che fanno parte del nostro quotidiano stare insieme: la propaganda e la pubblicità; l’educazione; i mezzi di comunicazione di massa; l’imposizione rigida di modelli e identità; la costruzione e la reiterazione, consapevole e non, di stereotipi, pregiudizi e stigmi; l’esclusione, il razzismo e la discriminazione; l’obbedienza all’autorità; la ricerca del prestigio sociale; il conformismo e l’adeguamento alla pressione del gruppo; la categorizzazione e la disumanizzazione dell’altro attraverso il linguaggio verbale e delle immagini; la socializzazione del rancore; la costruzione del capro espiatorio e di identità oppositive noi/loro.

38Ci si accorgerà allora che l’ansia di disumanizzare le ‘belve’ o le ‘iene’ di Monte Sole non è poi così differente dall’ansia dei perpetratori di disumanizzare le vittime per riuscire meglio nel loro ‘lavoro’ di sterminio. Ci si accorgerà che bisogni, rabbia, frustrazione, paure e desideri sono, oggi come allora, il perno attorno al quale, con la propaganda, ogni potere costruisce il suo consenso e il suo controllo.

39A questo punto diviene di grande interesse la quarta e ultima figura, quella dell’astante.

40Dopo aver trasformato il testimone/vittima e quello eroe da moralizzatori in portatori di un vissuto autentico ed emozionante, capace di stimolare l’empatia umana, dopo aver trasformato il testimone/carnefice da mostro da evitare e sopprimere in banco di prova e metro di misura per la possibilità di agire dei meccanismi di violenza, genealogia di ogni orrore, grazie all’intuizione di Primo Levi è possibile rendere più complessa e più ‘utile’ ad un lavoro autenticamente educativo anche la figura del testimone/astante.

41Da immobile e compromesso, diventa l’emblema della categoria morale della ‘zona grigia’. La ‘zona grigia’ di cui parla Primo Levi, infatti, non è, come pensano i più, un’indistinta terra di mezzo dove, sopraffatti dall’enormità delle circostanze, ci si posiziona nell’impossibilità di scegliere e non è nemmeno la virtuosa strada del bilanciamento e del compromesso. La zona grigia è tale perché la bianchezza del bene è stata inesorabilmente compromessa dalla fragilità dell’ossatura morale che ci caratterizza, dalla disponibilità connaturata dell’essere umano a scendere a patti col potere per averne un tornaconto personale. È tale perché condivide una parte dell’essenza della nerezza del male e richiede uno sforzo continuo per non precipitare nel gorgo. Non a caso nel nostro quadrato il testimone/astante occupa la posizione non-B, cioè non è B ma non ha nulla a che fare con A.

42O meglio. Non abbiamo ancora affrontato la questione della relazione di presupposizione tra l’astante e la vittima, e l’eroe e il carnefice.

43La relazione di presupposizione può essere tradotta con i verbi ‘suggerisce’ o ‘indica’ o ‘rende possibile’.

44E in effetti, a pensarci bene, l’esistenza dell’astante rende possibile la vittima, l’esistenza di chi scende a patti con il potere rende possibile che chi detiene il potere agisca e ‘produca’ il suo contrario, e cioè chi soccombe al potere. Allo stesso modo l’esistenza della vittima ci indica l’esistenza di chi non ha agito per opporsi. O ancora, nulla impedisce che pur di non essere vittima si tenti la strada dell’astante, o che a forza di essere astanti non si finisca di ritrovarsi tra le vittime.

45Similmente, sul versante opposto, questa relazione di presupposizione è proprio quella che consente lo spalancarsi della complessità degli accadimenti umani. A Monte Sole, una sopravvissuta al massacro all’interno del Cimitero di Casaglia risulta essersi salvata perché l’esplosione della bomba a mano e le mitragliate l’avevano incredibilmente solo ferita. Alcuni ufficiali nazisti si stavano aggirando tra i corpi per dare il colpo di grazia ai moribondi e lei era convinta che il prossimo proiettile sarebbe stato a lei destinato. Tuttavia, uno di questi ufficiali, vedendola, notò una incredibile somiglianza con la fidanzata lasciata in patria e decise non solo di risparmiarla ma di curarla. Analogamente, uno dei partigiani della Stella Rossa riuscì a colpire un soldato nazista. Decise di avvicinarsi per controllare la situazione e lo trovò ancora in vita. Stava per farsene carico, riconoscendo in lui un po’ se stesso, quando arrivò il comandante e gli intimò di freddarlo. Le sue dita premettero il grilletto.

46Il carnefice che diventa salvatore e l’eroe che diventa aguzzino.

Educare e non vaccinare

47È chiaro che se da parte della classe educativa e dirigente l’urgenza è quella di avere risposte e conferme e non di indagare domande, tutto questo ragionamento non ha senso.

48Si continuerà ad indagare il passato tragico facendone un unico grande calderone e affidandosi, almeno nel caso italiano, ad uno schema caratterizzato da una certa circolarità interna che si può esplicitare così:

  • noi eravamo buoni ma oppressi e dominati prima dalla sola dittatura fascista poi anche dall’occupazione nazista;
  • ad un certo punto abbiamo deciso di ribellarci e liberarci;
  • loro, cattivi, hanno provato in tutti i modi a fermarci, dimostrando la loro natura malvagia e disumana;
  • ma alla fine abbiamo vinto noi, quindi siamo davvero portatori della giusta bandiera.

49In questa spirale si andranno perdendo tutti i nuclei problematici:

  • il concetto di responsabilità nel sostegno generalizzato e di maggioranza alla dittatura e all’ideologia fascista;
  • l’omissione di tutti gli elementi più spinosi legati alla ribellione: l’illegalità/la clandestinità, le armi, la violenza e le uccisioni;
  • la complessità del rapporto tra l’avanguardia del cambiamento e la maggioranza della popolazione;
  • la complessità della valutazione delle conseguenze della scelta della lotta armata irregolare;
  • il legame sottinteso, quasi di causa-effetto, tra la ‘giustezza’ della condizione post-bellica e la ‘giustezza’ del sistema presente, che non porta quindi nessun livello di critica o autocritica.
  • 13  Albert Kesselring, ordine del 10 maggio 1944: «The fight against the bandits must be carried on wi (...)

50Riconoscendo come valido il bisogno di perpetuare questa lettura circolare che alla fine altro non è che una riproposizione de ‘il fine che giustifica i mezzi’ che anche i nazisti avevano fatto proprio13, possiamo dunque capire come mai tutta la pratica memoriale tenda a rimanere una pratica legata ad un passato abbastanza remoto e condiviso da non mettere in discussione nulla di ciò in cui potremmo essere coinvolti anche ‘noi’: facciamo memoria di Monte Sole e della Seconda Guerra Mondiale, ma non del colonialismo e delle politiche di aggressione ed invasione della dittatura fascista. Per non parlare di quanto fatichiamo a farla del terrorismo interno degli anni ‘70 e ‘80.

51Se è concepibile che il sistema politico, che è detentore del potere, non abbia nessun interesse a criticare alla radice il presente per timore di venir messo in discussione, non lo può essere altrettanto per il sistema educativo.

52Se educare significa ‘condurre fuori’, ‘liberare’, ‘far venire alla luce’, allora è necessario che soprattutto gli educatori e le educatrici facilitino ed accompagnino l’affiorare di una consapevolezza autentica sul proprio e altrui muoversi ed agire nel mondo.

53Anche in questo riconoscimento dei meccanismi di violenza quotidiani l’analisi critica deve prevalere sul giudizio, la comprensione e la decostruzione sulla condanna e sulla trasmissione valoriale sotto forma di comandamento. Il conflitto e la crisi, una volta nominati e riconosciuti, possono diventare veicoli di cambiamento positivo.

54Riteniamo che sia indispensabile approfondire ed ampliare il ragionamento sull’uso della testimonianza in educazione perché non si tratta - speriamo sia chiaro - di espellere dal panorama l’esperienza individuale e soprattutto la possibilità di esperire la ricchezza e la bellezza del contatto umano ma di non avvicinarcisi con un atteggiamento preconcetto e chiuso alla complessità e alla scomodità che ogni vicenda passata o contemporanea che sia racchiusa in sé.

55Crediamo che questa elaborazione attenta sia una maniera efficace di abbandonare l’idea confortante che la violenza nei confronti di un/a altro/a essere umano sia qualcosa relativo al passato o ad un altrove; sia una maniera autentica ed efficace di porre domande scomode alla coscienza individuale. Domande che crediamo nucleo fondante di un lavoro sull’educazione alla cittadinanza, alla pace e ai diritti umani, perché consentono di partire non da affermazioni astratte ma dalla consapevolezza di sé come essere umano con luci ed ombre ed acquisire questo come prerequisito di un autentico rapporto con gli altri e di una convivenza democratica e non violenta.

Bibliographie

Agamben G., 1995, Homo sacer, il potere sovrano e la nuda vita, Torino, Einaudi.

―, 1998, Quel che resta di Auschwitz, Torino, Bollati Boringhieri.

Arendt H., 2012, La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, trad. di Piero Bernardini, Feltrinelli, Milano (ed. orig.: Eichmann in Jerusalem: A Report on the Banality of Evil, New York, Viking Press, 1963).

Bacchi M. (ed.), 2010, La memoria di un viaggio, Modena, Edizioni Artestampa e Fondazione Villa Emma.

Baiesi N., 2003, Storia e memoria: percorsi educativi attraverso i luoghi, in A. Chiappano-F. Minazzi (eds.), Il presente ha un cuore antico, Milano, Thélema Ed.: 179-189.

Baldissara L.-Pezzino P., 2009, Il massacro. Guerra ai civili a Monte Sole, Bologna, Il Mulino.

Bidussa D., 2009, Dopo l’ultimo testimone, Torino, Einaudi.

Bloch M., 1998, Apologia della storia, trad. di Carlo Pischedda, Torino, Einaudi (ed. orig.: Apologie pour l’histoire ou Métier d’historien, Paris, A. Colin, 1952).

Browning C.R., 1995, Uomini Comuni, Torino, Einaudi.

Clemente P.-Dei F. (eds.), 2005, Poetiche e politiche del ricordo. Memoria pubblica degli eccidi nazifascisti in Toscana, Roma, Carocci.

Dei F. (ed.), 2005, Antropologia della violenza, Roma, Meltemi Editore.

―, 2007, Storia, memoria e ricerca antropologica, in C. Gallini-G. Satta (eds.), Incontri etnografici. Processi cognitivi e relazionali nella ricerca sul campo, Roma, Meltemi Editore: 40-67.

De Luna G., 2011, La Repubblica del dolore. Le memorie di un’Italia divisa, Feltrinelli, Milano.

Focardi F., 2013, Il cattivo tedesco e il bravo italiano. La rimozione delle colpe della Seconda Guerra Mondiale, Roma-Bari, Laterza.

Focardi F.-Groppo B. (eds.), 2013, L’Europa e le sue memorie. Politiche e culture del ricordo dopo il 1989, Roma, Viella.

Gentile C., 2015, I crimini di guerra tedeschi in Italia 1943-1945, Torino, Einaudi.

Greimas A.J., 2000, Semantica strutturale: ricerca di metodo, Meltemi, Roma (ed. orig.: Sémantique structurale, Larousse, Paris, 1966).

Levi P., 2007, I sommersi e i salvati, Torino, Einaudi (1986).

Pisanty V., 2012, Abusi di memoria. Negare, banalizzare, sacralizzare la Shoah, Torino, Bruno Mondadori.

Todorov T., 2004, Memoria del male. Tentazione del bene, Milano, Garzanti.

Traverso E., 2002, La violenza nazista. Una genealogia, Bologna, Il Mulino.

Wiewiorka A., 1999, L’era del testimone, Milano, Cortina Editore.

Notes

1  Molte ricerche, amatoriali e non, sono state pubblicate sugli eccidi di Monte Sole. Il volume più approfondito e scientificamente strutturato è la ricerca condotta da Baldissara e Pezzino (2009). Questa è la fonte storiografica alla base di tutte le considerazioni di questo articolo.

2  Dopo che l’esercito alleato entrò a Roma il 4 giugno 1944, l’esercito tedesco iniziò la ritirata verso il nord Italia per attestarsi, appunto, lungo la Grüne Linie (la Linea Verde), meglio conosciuta come Linea Gotica. Era una rete capillare di fortificazioni che andava dal mar Adriatico al mar Tirreno, capace di fermare gli eserciti nella zona per 8 mesi. Lo sfondamento finale da parte degli Alleati cominciò a metà febbraio del 1945 e terminò alla fine di aprile dello stesso anno dopo una lunga serie di durissimi combattimenti.

3  Il Feldmaresciallo Albert Kesselring, comandante in capo delle operazioni in Italia, diede precisi ordini e istruzioni su come comportarsi e reagire ad attacchi non provenienti da soldati. Questo sistema di ordini andava sotto il nome di ‘Contro-guerriglia in Alta Italia’ (Bandenbekämpfung in Ober Italien), e dalla sua pubblicazione nell’aprile 1944 è stato più volte aggiornato con indicazioni sempre più precise e dure.

4Kampfanweisung für die bandenbekämpfung im Osten come manuale sulla gestione delle rivolte fu pubblicato nel novembre 1942.

5  Per un’analisi dettagliata della 16a divisione SS e più in generale della disciplina dell’esercito tedesco e nazista in Italia, si considerino gli studi di Carlo Gentile e in particolare il volume: C. Gentile, 2015, I crimini di guerra tedeschi in Italia 1943-1945, Torino, Einaudi.

6http://www.treccani.it/vocabolario/testimone/ (ultima consultazione: 10/1/2017).

7  Tratto dal documentario Quello che abbiamo passato. Memorie di Monte Sole prodotto da Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole, 2007. Ferruccio Laffi, abitante di Colulla di Sotto, minuti 16:04-19:11, http://www.youtube.com/watch?v=kdTLZ1TbSSY (ultima consultazione: 19/12/2016).

8Ibidem, minuti 38:40-39:27.

9  Il terzo significato attestato per la parola testimone dal vocabolario Treccani è infatti: «la persona fisica chiamata nel processo a rievocare e rivelare un fatto passato, a scopo di prova».

10  Non essendo questa la sede per una dissertazione semiotica, basti ricordare che si tratta di un metodo introdotto dal linguista e studioso di semiotica lituano Algirdas Julien Greimas, alla cui opera si rimanda per ogni approfondimento. Cfr. A.J. Greimas, 2000, Semantica strutturale: ricerca di metodo, Meltemi, Roma, 2000 (ed. orig.: Sémantique structurale, Larousse, Paris, 1966).

11  Cfr. M. Bloch, 1998, Apologia della storia, trad. di Carlo Pischedda, Torino, Einaudi (ed. orig.: Apologie pour l’histoire ou Métier d’historien, Paris, A. Colin, 1952).

12  Citato in Bidussa 2009: 131.

13  Albert Kesselring, ordine del 10 maggio 1944: «The fight against the bandits must be carried on with all the means at our disposal and with the outmost severity. I will protect any commander who exceeds our usual restraint, in the choice and severity of the methods he adopts against partisans. In this connection the old principle holds good: that a mistake in the choice of methods in executing one’s orders is better than failures or neglect to act. Only the most prompt and severe handling is good enough as punity and deterred measures to nip in the bud other outrages on a greater scale» National Archives London, War Office, 235/586.

Auteur

Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole, Marzabotto (Bologna)

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site