Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L'editoria tra cartaceo e digitale

 | 
Gino Roncaglia

Appendici

Libri di testo e competenze digitali1

Texte intégral

  • 1 Questo testo è una versione – leggermente modificata – dell’intervento tenuto a Bari nell’aprile 20 (...)

1La diffusione di materiali didattici multimediali e la crescente abitudine all’uso della rete anche in ambito scolastico portano molti fra gli insegnanti più impegnati sul fronte delle nuove tecnologie a ritenere che i libri di testo tradizionali non abbiano più senso. Avendo a disposizione l’enorme serbatoio di contenuti informativi rappresentato dal web, infatti, gli insegnanti possono ormai costruire con facilità, autonomamente o in collaborazione, moduli e percorsi di apprendimento capaci di rispondere alle specifiche scelte ed esigenze didattiche di ciascuno, in molti casi meglio di quanto non riesca a fare una manualistica standardizzata e convenzionale. Inoltre, le risorse di rete sono più vicine, nella loro natura e nella loro organizzazione, al mondo delle esperienze e della comunicazione giovanile, e costituiscono dunque strumenti di apprendimento più efficaci e funzionali.

2Ma il libro di testo è davvero diventato inutile? L’assemblaggio – individuale o collaborativo – di contenuti web può davvero sostituire un prodotto editoriale unitario, autorevole e validato?

3La mia impressione è che non sia affatto così: l’uso di materiali web e la costruzione collaborativa di contenuti di apprendimento costituiscono ottime pratiche, senz’altro meritevoli di incoraggiamento e diffusione, ma non possono sostituire il filo narrativo e argomentativo costituito da un buon manuale ‘d’autore’, validato editorialmente e scientificamente. Anzi, in molti casi proprio la molteplicità di strumenti che offre il digitale sembra richiedere - per non trasformarsi in pura dispersione disordinata - un raccordo, una regia, una integrazione, un filo conduttore; e credo che i docenti siano i primi a sentire l’esigenza di buoni strumenti di questo tipo.

4A sottolineare questa esigenza sono del resto proprio i risultati per ora assai modesti – e soprattutto ancora fortemente disorganici – di molti fra i tentativi di ‘autoproduzione’ di libri di testo. Un dato certo influenzato da una situazione ancora immatura e assai fluida sia a livello di mercato editoriale sia a livello di competenze e di pratiche formative (non ho dubbio che il livello qualitativo dei materiali di apprendimento autoprodotti possa enormemente crescere in futuro), ma legato anche a fattori meno effimeri: un libro di testo richiede infatti – per risultare davvero efficace – un livello altissimo di professionalità sia nell’impostazione autoriale sia nella cura editoriale, e la sua produzione e pubblicazione (sia essa cartacea, mista o digitale) richiede di norma un investimento economico notevole. Un dato che non solo non viene meno nel mondo digitale, ma tende anzi spesso ad accentuarsi, con la necessità sia di coprire i costi (realizzazione, acquisto dei diritti ecc.) per materiali multimediali di qualità, sia di disporre di competenze editoriali professionali per organizzarli e assemblarli in maniera funzionale.

5Certo, molte case editrici, anche di alto livello, si sono per ora dimostrate incapaci di affrontare questo compito con competenze, investimenti e capacità innovative adeguate. Ma – nonostante le ottime intenzioni e una familiarità con il nuovo mondo digitale in alcuni casi senz’altro eccellente – l’idea che questa indubbia carenza dell’editoria scolastica ufficiale possa essere colmata in maniera volontaristica e artigianale è – temo – non solo ingenua ma pericolosa: porta infatti a una contrapposizione fra il mondo editoriale professionale e quelle stesse forze di cui quel mondo avrebbe bisogno per rinnovarsi, e porta a un enorme spreco di energie per la realizzazione di prodotti che, ottimi magari per un verso, si rivelano disastrosamente carenti per molti altri.

6Quel che credo occorrerebbe è invece uno sforzo ideativo comune, capace di impegnare insieme e seriamente, senza pregiudizi o preconcetti, tanto il mondo editoriale quanto le forze più avanzate e competenti del mondo dell’insegnamento. Uno sforzo che porti non alla realizzazione di dieci o venti diversi ‘e-book di testo’ autoprodotti, ma alla riflessione su cosa dovrebbe e potrebbe essere un libro di testo nell’era delle reti e della multimedialità, e a una sperimentazione professionalmente ed editorialmente qualificata.

7Non vi è dubbio, infatti, che molte fra le considerazioni da cui partono i sostenitori della sostituzione di risorse autoprodotte e di rete ai libri di testo siano corrette: è vero che il linguaggio delle giovani generazioni è il linguaggio della multimedialità, della rete, dei social network. Ed è vero che la forma tradizionale dei libri di testo appare in molti casi totalmente inadeguata a comunicare in maniera efficace i propri contenuti alle prime generazioni di ‘nativi digitali’. Il punto, dunque, non è chiedersi se sia o non sia necessario un cambiamento nella tipologia e nell’organizzazione dei contenuti di apprendimento: questo cambiamento è indispensabile. Il punto è piuttosto chiedersi se tale cambiamento debba comportare la sostituzione del libro di testo tradizionale con risorse di rete e autoprodotte, o non piuttosto l’affiancamento di un libro di testo radicalmente ripensato nella sua organizzazione e nei suoi contenuti – ma ancora caratterizzato da forza autoriale e alta professionalità editoriale – alle risorse di rete reperite ed elaborate collaborativamente dai docenti.

8L’idea di libro di testo che voglio qui difendere – aperto alla rete e all’uso di contenuti multimediali ma caratterizzato comunque dalla funzione di filo narrativo, punto di riferimento autorevole e validatoche accompagna le attività didattiche, espressione di una forte personalità autoriale e insieme strumento di cornice e di raccordo per l’uso di ulteriori risorse d’apprendimento esterne, selezionate in rete o comunque indipendenti e modulari – è evidentemente alternativa rispetto a una tendenza pure presente nel mondo dell’innovazione scolastica: quella a sostituire al modello del libro di testo o del manuale i cosiddetti learning object (LO), contenuti d’apprendimento autosufficienti, riusabili e modulari, che ogni insegnante è libero di selezionare e organizzare in base alle proprie specifiche esigenze didattiche. Non intendo in alcun modo negare l’utilità che tali contenuti possono avere (anche se personalmente tendo a considerare rischiosa l’idea della totale autosufficienza dei LO, che rischiano non di rado di trasformarsi in monadi collegate fra loro solo in maniera estrinseca). Credo però – nonostante la confusione fra le due risorse che le stesse indicazioni ministeriali lasciano talvolta trasparire – che la loro funzione sia completamente diversa da quella del libro di testo. I materiali modulari e riusabili, proprio per poter essere modulari e riusabili, sono necessariamente poveri dal punto di vista narrativo. Non offrono fili conduttori: offrono contenuti che per funzionare hanno bisogno di essere inseriti e richiamati all’interno di un filo conduttore narrativo. E’ certo bene che il docente possa utilizzare anche questo tipo di materiali, e in generale risorse di apprendimento esterne, e che possa farlo all’interno di una scelta vasta e ‘sovrabbondante’. Ma - di nuovo - questi materiali e queste risorse hanno una funzione diversa (non meno importante: diversa) rispetto a quella che dovrebbe avere un libro di testo.

9Un dato, comunque, è difficilmente contestabile: il libro di testo di cui c’è oggi bisogno non può più essere quello del passato. Non ha senso intenderlo in forma antologica, come raccolta di materiali destinati alla selezione da parte del docente (l’aspetto di selezione e raccolta dei materiali è indubbiamente meglio gestito in rete). Né ha senso intenderlo come risorsa di apprendimento unica e onnicomprensiva. Il libro di testo deve trasformarsi in uno strumento orientato molto più alla narrazione e alla motivazione che all’accumulazione di contenuti espositivi, capace di rivolgersi direttamente allo studente e non più in primo luogo al docente. Uno strumento inoltre – ma questo è ormai un dato acquisito anche a livello di indicazioni ministeriali – non più esclusivamente cartaceo: occorre saper sfruttare le potenzialità del digitale, soprattutto per quanto riguarda la costruzione di reti di riferimenti esterni (alle fonti primarie e secondarie, a contenuti integrativi) non dispersivi, pertinenti e semanticamente organizzati, e l’integrazione di strumenti efficaci per la visualizzazione dei dati.

  • 2 Consiglio sempre nelle mie lezioni uno sguardo attento a esperienze di punta come quelle di Gapmind (...)

10L’uso di infografiche interattive e animate2, timeline dinamiche, strumenti di crono- e georeferenziazione, e la crescente abitudine alla condivisione sociale di contenuti e commenti porteranno credo entro qualche anno a modelli di libri di testo davvero assai lontani dalla forma-libro tradizionale. Ma il cammino per arrivarci non è necessariamente facile: sia perché sperimentare seriamente costa – e sia il mondo dell’editoria scolastica sia il mondo della scuola hanno a disposizione risorse economiche sempre più limitate – sia perché si tratta di un cammino che comporterà inevitabilmente una riconfigurazione profonda delle competenze e delle professionalità coinvolte. Non potrebbe allora risultare utile – o almeno più utile della dispersione attuale – l’avvio di una sperimentazione collaborativa e mirata, portata avanti congiuntamente da più case editrici e con la collaborazione diretta, anche istituzionale, del mondo della scuola?

11Questa sperimentazione potrebbe riguardare anche un aspetto particolarmente importante della nuova editoria digitale, quello rappresentato dai modelli di distribuzione e di licenza. L’immediata e totale riproducibilità dei contenuti digitali pone infatti evidenti problemi di tutela dei diritti d’autore e di copia, ma offre anche enormi opportunità per la diffusione aperta e libera dei contenuti di apprendimento. In questa situazione, la scelta di privilegiare licenze e forme di protezione (DRM – Digital Rights Management) ‘dure’, spesso assai scomode per gli utenti, non è necessariamente la migliore, e può anzi risultare controproducente proprio per la tutela degli interessi che si vorrebbero salvaguardare. D’altro canto, modelli di licenze aperte come quelli promossi dal movimento internazionale a favore dell’Open Access non sono necessariamente in contrasto con la giusta remunerazione dell’attività autoriale ed editoriale, che potrebbe avvenire – attraverso pratiche di certificazione controllata – con una ripartizione proporzionale all’effettiva diffusione dei contenuti nelle scuole e nelle università, ottenendo il beneficio aggiuntivo di una libera disponibilità dei contenuti stessi per la formazione informale e l’aggiornamento da parte degli adulti già usciti dal circuito della formazione formale. Anche in questo campo, certo assai delicato per le sue immediate conseguenze sull’organizzazione e la sostenibilità della filiera editoriale, il ricorso a sperimentazioni condivise sembra la strada migliore per evitare sterili contrapposizioni ideologiche e individuare pratiche e linee di condotta realmente funzionali ed efficaci.

12In ogni caso, credo si possa concludere che buoni libri – e buoni libri di testo – continueranno a servire alla scuola italiana. Il loro volto, tuttavia, è destinato a mutare in maniera abbastanza radicale. È bene che sia il mondo editoriale sia il mondo della scuola ne siano consapevoli, per evitare che gli strumenti digitali e di rete si trasformino da risorse prezioseper la formazione e l’aggiornamento in involontari alleati di una tendenza alla frammentazione e dispersione delle pratiche didattiche; tendenza in parte già in atto, e che rischia di diventare pericolosa per la qualità della formazione nel nostro paese.

Notes

1 Questo testo è una versione – leggermente modificata – dell’intervento tenuto a Bari nell’aprile 2012 nell’ambito di un seminario di formazione per docenti di scuola secondaria, i cui atti sono in stampa presso la casa editrice Laterza, a cura di Loredana Perla.

2 Consiglio sempre nelle mie lezioni uno sguardo attento a esperienze di punta come quelle di Gapminder (http://www.gapminder.org), che mostrano cosa si possa fare in termini di visualizzazione dei dati anche per quanto riguarda discipline che potremmo immaginare legate a forme tradizionali di testualità.