Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L'editoria tra cartaceo e digitale

 | 
Gino Roncaglia

Appendici

Qualche considerazione sul digital lending1

Texte intégral

1.

  • 1 Questo intervento si basa in parte, rielaborandoli e ampliandoli, sui miei commenti all’interno del (...)
  • 2 Per farsene un’idea si può dare un’occhiata alla pagina di accesso al servizio di digital lending d (...)

1Digital Lending: con questa espressione si indica in genere il prestito bibliotecario di contenuti digitali: e-book, ma anche quotidiani e riviste, video, musica. Un servizio presente ormai – in forme diverse – in numerose biblioteche, in Italia (dove l’esperienza più interessante è probabilmente quella di MediaLibrary OnLine (http://www.medialibrary.it/​) e all’estero (negli Stati Uniti il servizio più diffuso è quello offerto – ormai da diversi anni – da Overdrive2).

2Per le biblioteche, il digital lending ha una funzione strategica: rende infatti possibile offrire anche relativamente ai contenuti digitali un servizio – quello del prestito – che costituisce da sempre uno dei cardini del lavoro bibliotecario, e che si inquadra nella funzione più generale di garanzia dell’accesso all’informazione.

3Non vi è dubbio però che – rispetto al prestito tradizionale – il digital lending presenti problemi specifici. Innanzitutto, la facilità di duplicazione dei contenuti digitali sembra svuotare di significato il concetto stesso di prestito: cosa impedisce all’utente di duplicare i contenuti ricevuti in prestito e ottenerne così di fatto una copia gratuita? Che tale duplicazione rappresenti un reato non sembra costituire un ostacolo: l’esperienza della musica insegna che la pirateria diffusa di contenuti digitali non è di fatto percepita come un reato, e non è facilmente sanzionabile in maniera efficace senza ricorrere a pratiche di controllo socialmente e politicamente non accettabili. E ancora il caso della musica insegna (con buona pace di chi preferisce comunque sbattere la testa contro il muro rappresentato dai meccanismi ‘duri’ di DRM) che forme di protezione eccessivamente scomode per l’utente vengono di fatto regolarmente superate, e possono costituire addirittura un incentivo alla pirateria.

4Inoltre, le potenzialità del digitale spingono verso un superamento del meccanismo tipico del prestito fisico, per il quale se una copia fisica di un libro è in prestito, quella stessa copia non è disponibile per un altro utente. Nel caso del prestito digitale, il file – protetto o no – viene di fatto copiato sul computer dell’utente, restando disponibile per un numero illimitato di altri prestiti contemporanei. Una grande comodità, che evita code di prenotazione, ma anche un rischio per le case editrici: perché qualcuno dovrebbe comprare un e-book se è così facile averne una copia gratis, immediatamente, direttamente da casa e senza alcuna attesa? Una pratica – quella del prestito – socialmente preziosa ma che già nella sua forma tradizionale era spesso mal tollerata dalle case editrici, rischia di essere di fatto del tutto rifiutata da queste ultime in ambiente digitale.

  • 3 È la soluzione sperimentata ormai da qualche anno dalla biblioteca civica di Cologno Monzese; si ve (...)

5Il risultato è che assai spesso – nonostante la differenza delle due situazioni – il prestito digitale viene comunque gestito attraverso meccanismi simili al prestito fisico: la biblioteca ha a disposizione per licenza solo un numero limitato di prestiti contemporanei. Una soluzione non troppo sensata, e – come vedremo meglio più avanti – solo una fra le molte possibili (in altri casi si può ricorrere all’acquisto da parte della biblioteca di un certo numero di prestiti, anche contemporanei, legato a un pacchetto di titoli e non a un singolo titolo, ad abbonamenti a scalare, a meccanismi patron driven basati sul ‘pay per loan’, al prestito dei contenuti associato al prestito dei dispositivi3, ecc.) ma apparentemente più ‘familiare’ per biblioteche, utenti e soprattutto case editrici.

6Il quadro fin qui abbozzato è estremamente sintetico, ma basta a far capire almeno le principali fra le ragioni per le qualiil digital lending rappresenta un vero e proprio banco di prova nel campo della gestione e distribuzione di contenuti digitali. Proviamo allora ad aggiungere qualche considerazione su quelle che sono forse le questioni principali: il ruolo del prestito dei contenuti in ambiente digitale, e il rapporto fra accesso e possesso.

2.

7A cosa serve il prestito di contenuti da parte di una biblioteca? La funzione principale è oggi (e dovrebbe restare nel mondo digitale) quella di garantire l’accesso a chi non può permettersi o non ha modo di ottenere (per ostacoli di vario genere) il possesso. Questa funzione sociale è importante, e credo vada difesa e mantenuta. Va però considerato che con il digitale scompare uno degli ostacoli più frequenti che portavano l’utente a cercare o chiedere un libro in prestito alla biblioteca: la difficile reperibilità. Va anche considerato che i veri problemi di garanzia dell’accesso a chi non può permetterselo riguardano in primo luogo un ambito specifico – la letteratura accademica e di ricerca, spesso carissima – che non a caso ha sviluppato specifici modelli di gestione dell’accesso bibliotecario (e anche una sana reazione alla crescita incontrollata dei prezzi determinata da un regime di oligopolio: l’open access). Resta ovviamente giusto estendere il principio del libero accesso bibliotecario anche a tutte le altre tipologie di contenuti, e in particolare agli e-book commerciali normali.Ma teniamo presente che in questo caso prezzi ragionevolmente bassi, un mercato sano e la disponibilità di standard interoperabili permettono comunque a larghi strati della popolazione un buon livello di accesso. Questo non rende inutile il prestito digitale gratuito inteso come servizio di ‘welfare della conoscenza’, ma può suggerire una sua diversa modulazione a seconda delle tipologie di utenza, o un suo collegamento con servizi di altro genere (ne parleremo fra breve).

8Un problema assai maggiore – e sul quale pure le biblioteche devono impegnarsi in prima persona, nell’ambito del loro lavoro di promozione dell’information literacy, mi sembra semmai quello di garantire a tutti le competenze necessarie a garantire la possibilità effettiva di fruizione di questi contenuti.

9Ma sul rapporto fra accesso e possesso c’è una ulteriore considerazione da fare. Tradizionalmente, l’accesso consentito dalla biblioteca era caratterizzato da uno spazio di possibilità nell’uso dei contenuti più ristretto di quello garantito dal possesso. Tipicamente, nell’ecosistema cartaceo l’accesso è o in loco (in biblioteca) o per un tempo limitato (il prestito); inoltre, non sono consentiti certi tipi di usi del mix contenuto-supporto: sottolineature, appunti a margine, fotocopie integrali, ecc.; infine, il prestito è limitato dal numero delle copie fisicamente presenti, e comporta dunque spesso, come si è già accennato, liste d’attesa e ritardi. L’accesso offerto è dunque un accesso di base, non un accesso ottimale. Il ‘gap’ esistente fra accesso e possesso rende (rendeva) il meccanismo non eccessivamente penalizzante per gli editori, dato che il possesso resta (restava) desiderabile.

10Nel caso del digitale, la situazione cambia radicalmente. Il prestito digitale, come abbiamo visto, può avvenire attraverso diversi modelli, e la scelta dei modelli si intreccia con le tipologie di protezione dei contenuti, generando una casistica assai complessa. Così, ad esempio, il ‘prestito’ di un e-book non protetto o con protezione sociale annulla sostanzialmente – lato utente – il gap fra accesso e possesso. Per l’utente diviene un modo più economico o addirittura gratuito per assicurarsi il possesso. Se la biblioteca ha a disposizione solo un certo numero di prestiti di questo tipo, è facile immaginare che verranno esauriti molto presto o – se vincolati a scadenze o limitazioni temporali lato biblioteca (ad es. un prestito ogni quindici giorni) determineranno comunque lunghe liste di attesa, vanificando di fatto l’accesso di tutti e favorendo un possesso di fatto, limitato a pochi (favorendo inoltre gli ‘informati’, che sanno come funziona il meccanismo e lo sanno sfruttare a loro vantaggio). Il prestito di un e-book protetto con protezione forte ‘a tempo’ (sia esso gestito lato biblioteca da un meccanismo patron driven senza limitazioni di prestiti concorrenti, o con meccanismi modellati sul prestito tradizionale e quindi con limitazione di prestiti concorrenti) è del resto anch’esso per vari motivi problematico. Se c’è acquisto a monte e limitazione di prestiti concorrenti, non sfruttiamo realmente le potenzialità del digitale, limitando inutilmente l’offerta sia nel numero di titoli disponibili sia nel numero di persone per le quali questi titoli sono disponibili. Ma in entrambi i casi, e dunque anche scegliendo un modello patron driven, certo più razionale, si consegna di fatto all’utente un contenuto estremamente facile da sproteggere. A meno di non immaginare meccanismi molto complessi e molto inquietanti (dispositivi di lettura chiusi, chip di controllo ecc.) la riproducibilità digitale costituisce comunque un fattore che tende ad annullare il gap fra accesso e possesso. Senza considerare che il digitale finisce in molti casi per accentuare la tendenza - già progressivamente cresciuta nel cartaceo – a un aumento dei contenuti informativi a rapida obsolescenza, rispetto ai quali il possesso non è necessariamente molto più desiderabile dell’accesso.

3.

  • 4 Cfr. il commento di Antonio Tombolini al post di Virginia Gentilini “Quanto vale il lavoro…” cit., (...)
  • 5 Cfr. Luca Ferrieri, “Ebook e chaise longue” cit.

11Se la situazione stesse solo in questi termini, la tesi un po’ paradossale – ea mio avviso non condivisibile –avanzata da Antonio Tombolini4 (nessun prestito di contenuti digitali fuori dai locali fisici della biblioteca) avrebbe una giustificazione razionale. Ma come giustamente sottolinea Virginia Gentilini, e nonostante i motivi di interesse che ha perspicacemente individuato Luca Ferrieri,5 la tesi *è* paradossale: visto che di fatto non sappiamo limitare efficacemente la riproducibilità digitale, e che nel caso dei contenuti digitali l’accesso delocalizzato tende a minare i vantaggi del possesso, ‘localizziamo’ artificialmente l’accesso a contenuti che hanno nella delocalizzazione e nella portabilità il loro punto di forza. In questo modo certo ricreiamo il gap fra accesso e possesso, ma lo trasformiamo in un fossato: l’accesso viene di fatto svuotato di senso, e il risultato è offrire alla pirateria un enorme vantaggio competitivo.

12Apparentemente, ci troviamo dunque in una situazione senza vie d’uscita. Ma è davvero così?

13Credo che per ipotizzare possibili soluzioni restino aperte fondamentalmente due strade: a) prevedere nel caso del prestito un accesso ai contenuti che avvenga solo attraverso meccanismi di streaming non ottimale e controllato di contenuti on the cloud, accessibile per tempi limitati (i famosi 15 giorni). Si tratterebbe evidentemente di un servizio centralizzato offerto a pagamento dai grandi fornitori di contenuti - Amazon, Google ecc. - e che le biblioteche potrebbero ‘acquistare’ per i loro utenti (ai quali sarebbe però richiesta una connessione alla rete in tutte le situazioni d’uso di contenuti; qualunque cache locale, anche se gestita con meccanismi sofisticati come quelli del lettore cloud di Kindle, è di fatto una debolezza). Anche in questo caso con meccanismi di OCR sulla memoria di schermo si potrebbero sproteggere i contenuti, ma sarebbe operazione complicata e con risultati che richiederebbero ulteriore lavorazione; b) c’è però - credo - una seconda strada molto più interessante. Per comprenderla, occorre interrogarci su un punto chiave: davvero quel che prestiamo nel caso del digitale resterà in futuro - al di là della questione del supporto - un oggetto informativo chiuso e strutturalmente simile ai libri su carta? Se pensiamo al libro elettronico come un mix di contenuti e di servizi sui contenuti - servizi di annotazione, di reference, di aggiornamento, di accesso a contenuti integrativi ecc. - e se pensiamo, come è ragionevole fare, che i servizi siano molto più facilmente ‘controllabili’ di quanto non lo sia la riproducibilità dei contenuti, diviene possibile immaginare ad es. forme di accesso di base ai contenuti che non comprendano tutti o parte dei servizi che vi si aggiungono, o li comprendano solo per un tempo determinato. In questo caso, l’accesso offerto dalla biblioteca si scinderebbe in un accesso permanente (non più un prestito) ai contenuti di base, accompagnato da un accesso parziale o temporaneo (che gli editori potrebbero considerare come una sorta di trial) ai servizi sui contenuti. Inoltre, le biblioteche potrebbero offrire propri servizi sui contenuti (ad es. servizi di reference) che aumenterebbero il valore dei contenuti stessi e sarebbero disponibili anche per chi quei contenuti li ha comprati commercialmente.

14Si obietta spesso che i famosi ‘servizi a valore aggiunto’ ipotizzati come strumento per limitare i problemi della riproducibilità digitale sono una sorta di araba fenice, e che la loro realizzazione sarebbe comunque assai costosa, dato che tali servizi dovrebbero riferirsi di volta in volta a oggetti informativi molto diversi l’uno dall’altro per struttura e contenuti. Credo però che questo sia vero solo per alcuni tipi di servizi (ad es. gli aggiornamenti del contenuto), ma non lo sia in altri casi: esistono parecchi servizi che potrebbero essere gestiti in maniera ragionevolmente uniforme anche per contenuti diversi. Ad esempio un meccanismo di richiamo delle recensioni e dei commenti dall’interno di un libro, o buoni strumenti di annotazione sociale, potrebbero essere creati in maniera trasversale e standardizzata. Si tratta di creare o migliorare gli standard necessari a considerare il libro elettronico non più come un pacchetto chiuso, ma come un contenuto al quale possono essere sovrapposti strati di servizio e che può essere arricchito dinamicamente nel corso del tempo.

4.

15Tombolini ha credo ragione nel notare che l’accesso a distanza a contenuti digitali (e i relativi servizi) non andrebbe considerato come un servizio ‘locale’ delle biblioteche, ma sarebbe necessariamente offerto da piattaforme centralizzate. La funzione delle singole biblioteche non sarebbe dunque nella maggior parte dei casi (e in particolare nel caso delle public library) quella di gestire in prima persona le risorse digitali alle quali si intende dare accesso, ma quella di promuovere e far conoscere a livello di comunità locale le risorse esistenti, di assistere la propria utenza nell’accesso a tali risorse, di collegare insomma risorse e comunità locale, offrendo servizi di socialità culturale legata sia agli spazi fisici sia agli interessi della propria comunità di riferimento. Inoltre, le singole biblioteche dovrebbero ‘fare rete’ nella creazione di servizi specifici– ad es. servizi di reference– legati ai contenuti.

16Indubbiamente, il tema è comunque assai complesso e dipende da fattori e sviluppi solo in parte prevedibili. Per questo secondo me è comunque opportuna in questa fase la massima apertura alla sperimentazione di modelli diversi. Sia perché qualcuno di questi modelli potrebbe suggerire soluzioni alle quali magari non si è ancora pensato (si impara anche da quel che non funziona, non solo da quello che funziona!), sia perché potrebbe suggerire tipologie di servizi innovativi da creare e offrire agli utenti. Inoltre, il coinvolgimento degli utenti in queste scelte è senz’altro opportuno, e la sperimentazione è uno strumento di coinvolgimento degli utenti, dei quali è opportuno capire reazioni e necessità concrete davanti a quelli che altrimenti rischiano di essere solo modelli astratti.

17Nessuna delle sperimentazioni in corso in ambito bibliotecario relativamente al prestito di contenuti e dispositivi può dunque a mio avviso essere considerata uno spreco di risorse: sia perché le risorse impegnate sono relativamente basse e - come nel dibattito sopra citato ha giustamente sottolineato Giulio Blasi - sono comunque molto minori di quelle necessarie per la gestione delle risorse informative cartacee, sia perché davanti a realtà nuove la sperimentazione e la ricerca di soluzioni efficienti comportano comunque necessariamente dei costi, o meglio, degli investimenti. Da questo punto di vista, il problema è semmai un altro, ben noto e ormai di dimensioni drammatiche: anche in questo settore, le risorse a disposizione del sistema bibliotecario sono una frazione minima, quasi insignificante, rispetto a quelle che sarebbero necessarie o auspicabili.

Notes

1 Questo intervento si basa in parte, rielaborandoli e ampliandoli, sui miei commenti all’interno del dibattito sviluppatosi in rete a proposito dell’intervento di Virginia Gentilini “Quanto vale il lavoro? Una riflessione sul digital lending” all’interno del suo blog Bibliotecari non bibliofili (post del 14 marzo 2012, in rete alla pagina http://nonbibliofili.wordpress.com/2012/03/14/quanto-vale-il-lavoro-una-riflessione-sul-digital-lending/).

2 Per farsene un’idea si può dare un’occhiata alla pagina di accesso al servizio di digital lending della New York Public Library: http://ebooks.nypl.org/

3 È la soluzione sperimentata ormai da qualche anno dalla biblioteca civica di Cologno Monzese; si veda al riguardo la documentazione disponibile partendo dalla pagina http://www.biblioteca.colognomonzese.mi.it/index2.php?consez=voglioeprendo&page=ebook&titolosez=Ebook .

4 Cfr. il commento di Antonio Tombolini al post di Virginia Gentilini “Quanto vale il lavoro…” cit., in cui Tombolini sostiene fra l’altro “sono TOTALMENTE CONTRARIO al prestito bibliotecario a distanza (quando si parla di civiche biblioteche, escludo accessi di carattere professionale di ricerca ecc…) (…) le biblioteche consentono la lettura gratuita degli ebook esclusivamente all’interno delle proprie strutture”. Il dibattito si collega a quello, dai toni abbastanza accesi ma di grande interesse, legato a un primo intervento di Antonio Tombolini (“Ebook e biblioteche, aridaje… Ecco la mia intemerata”, nel suo blog Simplicissimus, post del 24 febbraio 2012, http://antoniotombolini.simplicissimus.it/2012/02/ebook-e-biblioteche-aridaje-ecco-la-mia-intemerata.html), seguito da una replica di Giulio Blasi all’interno del gruppo Google “E-book e biblioteche” (mail del 28 febbraio 2012, https://groups.google.com/forum/?fromgroups= - !topic/ebook-e-biblioteche/XzhRxLZeZ98) e da una controreplica di Tombolini (“Giulio Blasi, MLOL, gli ebook, le biblioteche e il… ‘bullismo tomboliniano’!”, sempre nel blog Simplicissimus, post del 29 febbraio 2012, http://antoniotombolini.simplicissimus.it/2012/02/giulio-blasi-mlol-gli-ebook-le-biblioteche-e-il-bullismo-tomboliniano.html). Si vedano al riguardo anche gli interventi di Luca Ferrieri sul blog Gruppi/i di lettura: “Prestito degli e-book in biblioteca: novità, potenzialità e dubbi dopo l’accordo BookRepublic – MediaLibraryOnLine”, post del 28 febbraio 2012, http://gruppodilettura.wordpress.com/2012/02/28/prestito-degli-e-book-in-biblioteca-novita-potenzialita-e-dubbi-dopo-laccordo-bookrepublic-medialibraryonline/ e “Ebook e chaise longue. Discutendo con Tombolini”, post del 19 marzo 2012, http://gruppodilettura.wordpress.com/2012/03/19/ebook-e-chaise-longue-discutendo-con-tombolini/. Da considerare con attenzione anche i commenti ai post citati.

5 Cfr. Luca Ferrieri, “Ebook e chaise longue” cit.