Version classiqueVersion mobile

La tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali

 | 
Marina Cometta
, 
Elena Di Venosa
, 
Andrea Meregalli
, 
et al.

Gli autori

Texte intégral

Davide Bertagnolli ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Studi Letterari, Linguistici e Filologici presso l’Università di Trento. Dopo esperienze di ricerca e didattica in Italia (Trento, Venezia), Germania (Berlino, Münster), Paesi Bassi (Groninga) e Austria (Innsbruck), insegna attualmente Filologia Germanica all’Università di Bologna. È autore di pubblicazioni su vari temi delle letterature del medioevo germanico, come il poema anglosassone Beowulf, la raccolta di fiabe Esopet e il trattato didascalico Der Leken Spieghel in neerlandese medio, il poema cavalleresco Valentin und Namelos e il racconto in versi De deif van Brugghe in basso tedesco medio. Il suo volume Freidank. Die Sprüche über Rom und den Papst (Kümmerle 2013) ha vinto il Premio Scardigli (2015), assegnato annualmente dall’Associazione Italiana di Filologia Germanica (AIFG).

 

Rolf H. Bremmer Jr è professore emerito di Filologia Inglese e professore emerito di Lingua e Letteratura Frisone all’Università di Leida, nonché membro onorario dell’Accademia Frisone di Leeuwarden. È autore di numerose pubblicazioni in entrambi gli ambiti. Insieme a Patrizia Lendinara (Palermo) e Kees Dekker (Groninga) ha diretto il progetto di ricerca internazionale Store- houses of Wholesome Learning. The Transmission od Encyclopaedic Knowledge in the Early Middle Ages, i cui risultati sono apparsi in quattro ampi volumi sull’apprendimento sano pubblicati da Peeters (Lovanio). È membro onorario a vita della International Society of Anglo-Saxonists.

 

Elisabeth De Felip-Jaud, nata a Bolzano (Italia), ha studiato Germanistica e Filologia Classica all’Università di Innsbruck. È stata insegnante in un liceo di Innsbruck ed è oggi assistente universitaria all’Istituto di Germanistica dell’Università di Innsbruck nel settore della Germanistica medievale. È attualmente anche coordinatrice didattica del medesimo Dipartimento. I suoi principali ambiti di ricerca sono la storia della ricezione, i contatti linguistici in prospettiva diacronica, la paremiologia.

 

Valeria Di Clemente è ricercatrice a tempo determinato di Filologia Germanica all’Università degli Studi di Catania, Struttura didattica speciale di lingue e letterature straniere di Ragusa. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la letteratura medico-farmaceutica nelle lingue germaniche medievali, l’onomastica germanica e l’eredità linguistica e culturale germanica nella Scozia del medioevo.

 

Elena Di Venosa è professore associato di Filologia Germanica all’Università degli Studi di Milano. I suoi ambiti di ricerca principali riguardano la lingua e la letteratura tedesca tardomedievale e protomoderna. Ha pubblicato lavori sui lapidari medievali e sulla trasmissione dei proverbi dal medioevo all’età di Lutero.

 

Marusca Francini è professore associato di Filologia Germanica all’Università degli Studi di Pavia. I suoi interessi di ricerca includono la traduzione della Bibbia nelle letterature germaniche medievali, le saghe norrene, la poesia inglese antica e l’onomastica longobarda.

 

Dagmar Gottschall è professore associato di Filologia Germanica all’Università del Salento, Dipartimento di Studi Umanistici. È autrice di pubblicazioni sulla letteratura scientifica e religiosa medio alto tedesca del XIV secolo. I suoi interessi si concentrano sulle relazioni fra latino e volgare.

 

Concetta Sipione è ricercatrice di Filologia Germanica presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania. Ha pubblicato articoli sulla poesia biblica in alto tedesco antico (Liber Evangeliorum di Otfrid di Weißenburg) e in sassone antico (Heliand) e sulla poesia in alto tedesco medio (Gregorius di Hartmann von Aue, ciclo teodericiano). I suoi interessi più recenti si concentrano sull’analisi testuale e sui problemi traduttologici relativi a testi poetici in inglese antico (Beowulf, elegie). Ha fatto parte del progetto multidisciplinare FIR Corpi Plurali/Plural Bodies dell’Università di Catania, in cui si intersecano le biopolitiche relative ai corpi e i gender studies.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search