Version classiqueVersion mobile

La tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali

 | 
Marina Cometta
, 
Elena Di Venosa
, 
Andrea Meregalli
, 
et al.

Ein meister sprichet. Dicta (Sprüche) come strumento didattico nella mistica tedesca del XIV secolo

Ein meister sprichet. Dicta (Sprüche) as Didactic Tools in Fourteenth-century German Mysticism (137-50)

Dagmar Gottschall

Résumé

The present essay raises the question whether the so-called ‘mystical saying’ (Mystikerspruch), a widespread phenomenon in spiritual German literature and flourishing in the fourteenth century, is the minimum unit of the treatise and the sermon from a purely formal aspect – i.e., a quotation attributed to various authorities who reportedly pronounced it – or if the saying corresponds, for its content, to the literary genre of the dictum (Spruch) and therefore deserves, with good reason, to be considered part of gnomic literature together with sentences and proverbs. The essay first challenges the category of the ‘saying’ in modern scientific literature, then examines the use of the quotation in medieval manuscripts, and finally traces the presence of sayings in Eckhart’s German sermons and in texts by Tauler and Seuse. It ends with the analysis of two sayings attributed to Meister Eckhart.

Texte intégral

  • 1   Sulla discussione riguardo all’originalità della poesia gnomica germanica cfr. in particolare p. (...)

1Affermazioni gnomiche sono ben radicate nelle antiche letterature germaniche (Sprenger 1998, 254-59).1 Versi gnomici, indovinelli, incantesimi e proverbi si trovano nelle fasi più antiche dell’area anglosassone e, soprattutto, nordica. Sono, invece, rari in area tedesca antica e spariscono quasi completamente nel tardo medioevo tedesco. Solo la Bescheidenheit di Freidank presenta una cospicua raccolta di versi gnomici nel XIII secolo con ricca tradizione manoscritta (Cammarota 2011, 13-39; cfr. Eikelmann 1997, 733).

  • 2   Le traduzioni sono dell’autrice.
  • 3   La formula introduttiva (“si dice”) come contrassegno formale di una citazione all’interno di un (...)

2Con la sempre più ampia diffusione della letteratura religiosa volgare in prosa appare, però, il fenomeno del cosiddetto dictum (Spruch) come costituente vitale della predica e del trattato, che fiorisce a partire dal XIV secolo. Al contrario dei versi gnomici, si tratta di affermazioni in prosa di contenuti vari in forma di citazione. Il richiamo di un’autorità sembra qui essenziale, anche se queste citazioni, nella maggior parte dei casi, non sono identificabili nelle opere degli autori a cui sono attribuite, oppure l’autore si nasconde dietro una forma anonimizzata, cioè nel pronome indefinito man (sprichet) (“si dice”)2 –che corrisponderebbe a un lat. dicitur – oppure, più spesso, dietro un soggetto generalizzato: ein meister (sprichet) (“un maestro dice”), locuzione che, per quanto ne so, non trova nessuna corrispondenza in prediche e trattati latini del periodo.3 Il detto corrisponderebbe alla sentenza, antica forma vicina al proverbio, con la differenza che il proverbio risale a una tradizione orale, mentre la sentenza tramanda affermazioni generalizzanti in forma scritta e legate ad autori noti oppure a opere letterarie note, senza menzionarli esplicitamente. Come anche il proverbio, la sentenza trasporta un sapere che ha trovato il consenso di una comunità e rappresenta, quindi, una specie di archivio di sapere culturale che si nutre nell’alto medioevo del patrimonio antico, raccolte e florilegi della latinità (Eikelmann e Reuvekamp 2012, 5*-13*).

3Nel presente contributo si pone la domanda se il detto della letteratura spirituale in volgare, più precisamente il detto mistico (Mystikerspruch), in fioritura nel XIV secolo, corrisponda alla suddetta categoria letteraria e meriti quindi, a buon diritto, di essere assunto fra sentenza e proverbio.

  • 4   Si tratta del manoscritto Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, mgq 191, (...)
  • 5   È comprensibile che Kurt Ruh, nel III volume della sua grande Geschichte der abendländischen Myst (...)

4Già i primi editori di testi spirituali in lingua volgare utilizzarono la categoria Mystikerspruch (‘detto mistico’) o Spruch (‘detto’) per denominare brevi statements di carattere generale e citazioni. Così Franz Pfeiffer, nel 1858, pubblicò una grande raccolta di testi brevi, cioè estratti, citazioni, preghiere e dicta da un manoscritto del XIV secolo, oggi conservato nella biblioteca di Berlino, sotto il titolo: Sprüche deutscher Mystiker4 (Pfeiffer 1858, 226-41). Un anno prima, nel 1857, era uscita la sua edizione delle prediche e dei trattati di Meister Eckhart, ai quali Pfeiffer aggiunse una sezione di Sprüche con 70 testi brevi del tipo sopra descritto (Pfeiffer [1857] 1962, parte III, 595-627). Questo uso di chiamare Sprüche brevi citazioni, circolanti nei grandi manoscritti miscellanei della mistica tedesca, fu mantenuto dai bibliotecari nella stesura dei cataloghi di manoscritti fino a oggi e si trasferì addirittura persino nello studio della storia della letteratura, come risulta dall’introduzione di Burghart Wachinger al genere letterario delle ‘forme minimali’ a cui appartengono, infatti, anche i ‘detti’ (Wachinger 1994, 8, 16). Il detto mistico non ha ricevuto molta attenzione. È considerato sotto un aspetto puramente formale come l’unità minima del trattato e della predica e ha trovato l’interesse degli studiosi solo in quanto identificabile o meno nelle opere di uno degli autori mistici noti (Ruh 1996, 355; McGinn 2005, 299-365).5

5Prendendo le distanze da questo orientamento della ricerca, vorrei invece concentrarmi sul contenuto dei detti, sulla loro funzione e il possibile valore didattico, e, quindi, tentare di interpretare il detto mistico in una nuova prospettiva, cioè quella della letteratura gnomica, ponendo la seguente domanda: sono queste citazioni veramente ‘detti’ (Sprüche) nel senso di una categoria letteraria, oppure si tratta piuttosto di una denominazione superficiale che risale al semplice fatto che il testo è messo in bocca a qualcuno che “lo dice” (sprichet)? A questo proposito sarà utile ricordare che il proverbio e la sentenza sono identificabili perché marcati esplicitamente tramite determinate formule introduttive e finali, contesti specifici e segnali metatestuali (Eikelmann e Reuvekamp 2012, 64-65).

6Inizierò dalle difficoltà che la categoria Spruch crea nella letteratura scientifica moderna (1), proseguirò esaminando l’uso della citazione nei manoscritti medievali (2) per rintracciare, poi, la presenza di detti nelle prediche tedesche di Eckhart (3) e nei testi di Tauler e Seuse (4). Concluderò con l’analisi di due detti attribuiti a Meister Eckhart (5).

 

71. Comincio con due esempi basati sulla descrizione moderna del manoscritto che li conserva.

8Per registrare un qualsiasi testo breve di poche righe in prosa, anonimo o attribuito a una autorità, e non identificabile come frammento di un testo più complesso, si usa di solito la categoria Spruch o Dictum, come è il caso del codice München, Bayerische Staatsbibliothek, cgm 133, uno, o forse il più antico manoscritto di testi eckhartiani, scritto da una mano nella prima metà del XIV secolo (Schneider 2011, 165-76). La descrizione di Karin Schneider annuncia due luoghi per noi interessanti:

5. 63r-64v Zwei Sprüche, Albertus Magnus zugeschrieben.
12. 93v-96v Dicta über Armut.
(Schneider 2011, 168-69)

9Il contenuto di cgm 133 consiste di 12 unità, due delle quali contengono i nostri detti.

  • 6   “Questi sono i detti del vescovo Alberto”.
  • 7   “Esistono 12 buoni pezzi. Il primo è [...]”.
  • 8   “Vi sono 12 cose che impediscono all’uomo spirituale di condurre una vita spirituale. La prima è (...)
  • 9   Cgm 133 è consultabile online: http://daten.digitale-sammlungen.de/bsb00094778/image_1 (consultat (...)

10Il primo gruppo di detti porta come titolo, aggiunto da una seconda mano: Daz sint bischolf Albrechtes spruech (fol. 63r).6 Inizia con una prima serie di dodici affermazioni, Iz sint .xii. guter stuke. Daz erste ist [...],7 e va avanti fino al dodicesimo “pezzo” al fol. 64r dove ha inizio una seconda serie di dodici affermazioni: Zwelf sache sint die ain gaistlichen mensch hindern van aim geistlichen leben. Daz erste ist [...],8 e va avanti fino al dodicesimo impedimento al fol. 64v, ove il testo finisce.9

  • 10   Nella tradizione tedesca esistono serie da 4 fino a 19 punti e in ordini diversi.

11Abbiamo a che fare, dunque, con due serie di dodici affermazioni ciascuna, che sono attribuite, almeno nel caso della prima serie, ad Alberto Magno. La seconda serie non ha, per quanto ne so, dei paralleli. La prima, invece, è nota. Si tratta della cosiddetta Neun-Punkte-Lehre, attribuita ad Alberto, e ampiamente diffusa nel medioevo in redazioni varie,10 in area linguistica tedesca, francese, inglese e latina, che risale probabilmente al XIII secolo (Gottschall 2013, 755-57).

  • 11   I tre punti aggiunti sul margine nel cgm 133 seguono sempre il medesimo schema.

12Dal punto di vista contenutistico, la Neun-Punkte-Lehre rappresenta un esempio di letteratura gnomica. Ciascun punto è costruito secondo lo schema: ‘meglio fare questo che quello’. La tendenza didattica di queste raccomandazioni è chiara. Invece di dedicarsi a visioni mistiche e prassi ascetiche della Chiesa, si consiglia l’analisi attenta della propria coscienza e la vita attiva con responsabilità sociale, per es. “meglio dare un centesimo di elemosina in vita che una montagna d’oro dopo la morte” (1); “meglio accettare con pazienza tutto ciò che Dio manda che essere rapito fino al terzo cielo come san Paolo” (8).11

  • 12   Diversa è l’intenzione comunicativa nel caso dell’indovinello o della questione, che assegnano un (...)

13Questi nove punti evidenziano le caratteristiche del detto gnomico. Non sono testi narrativi, ma mostrano brevità e pregnanza e una struttura d’argomentazione fissa che non può essere né abbreviata né ampliata. Sotto l’aspetto comunicativo sono affermazioni che ribadiscono una regola. Il contenuto è espresso per intero e il testo è completo (Wachinger 1994, 3-10).12 Può essere accettato o meno dal destinatario.

14I nostri detti si distinguono anche dalla tipologia del proverbio per la loro intenzione comunicativa: l’intenzione del proverbio non è di carattere didascalico. Non è usato per fornire un insegnamento o un consiglio, ma “per riassumere e concludere l’esperienza già vissuta” (Di Venosa 2008, 84).

15Anche la seconda serie di dodici affermazioni segue uno schema fisso: “chi (ovvero: il fatto che uno) si comporta così, con questo comportamento (da mite) si rivolta contro Dio”, per es. “chi si occupa troppo di cose esteriori distrugge, con questo comportamento, la grazia interiore” (1); “giudicando troppo la gente, con questo comportamento uno spezza l’unità con Dio” (5). Quindi, anche questi dodici ostacoli a una vita spirituale mostrano una dizione gnomica. Ma mentre i nove punti si rivolgono a qualsiasi cristiano, i dodici ostacoli sono rivolti a un pubblico più ‘specializzato’ di religiosi praticanti e, in questo senso, la categoria Mystikersprüche è a questi meglio applicabile. Lo sconosciuto copista aveva quindi ragione a chiamare queste due serie di testi brevi spruech, – se avesse anche ragione ad attribuirli ad Alberto Magno è, naturalmente, cosa più che dubbia.

16Consideriamo ora il secondo gruppo di detti del cgm 133, che rappresenta una raccolta chiamata Dicta nel catalogo, riguardante il tema della povertà. Il testo si trova alla fine del codice e consiste in una serie di citazioni, introdotte dalla formula “si dice”. Anche in questo caso, un titolo fu aggiunto da una seconda mano: Minor regula paupertatis, che annuncia il tema comune a una serie di citazioni da Seneca, S. Bernardo, S. Gregorio, Beda, S. Agostino, di un filosofo (ein philosophus) e del profeta (der propheta) (Schneider 2011, 169).

17La prima citazione – “povertà è un bene che si odia” – è attribuita a Seneca e definisce, in 11 righe, la povertà da vari punti di vista. Questi punti di vista sono ripresi nella citazione successiva che è attribuita a S. Bernardo e porta alla presentazione della povertà volontaria (willige armvete) e dell’uomo volontariamente povero che è anche il più libero. Questi non si occupa più di nulla e troverà Dio che è il guadagno più alto. A questo punto prende la parola S. Gregorio con un lungo discorso sui vantaggi della povertà, che raggiungono il vertice nella parola del Signore: “Perciò dice il nostro Signore nel Vangelo: ‘Beati sono i poveri dello spirito poiché è loro il regno dei cieli [...]’” (cfr. Mt 5,3). Come si vede facilmente, la classificazione dicta in questo caso è sbagliata. Si tratta piuttosto di un trattato anonimo sulla povertà, arricchito, come solito, con citazioni di autorità. A differenza di detti messi insieme, il nostro testo manifesta una struttura argomentativa dall’inizio alla fine, da una povertà secolare negativa a una povertà spirituale positiva che è la povertà del distacco in senso eckhartiano.

  • 13   A prescindere dall’autenticità di queste citazioni o meno, non si sa dove finiscono. Considerando (...)

18L’ultimo esempio dimostra bene come trattati o prediche letterarie del XIV secolo non raramente si basano su semplici compilazioni di estratti da pre-testi e, sotto la pretesa di citazioni, si presentano in forma di raccolte di detti.13

 

  • 14   Strasbourg, Bibliothèque Nationale et Universitaire, MS 2795 (già L germ. 662), Pap., 4°, 334 fol (...)
  • 15Jundt 16, originariamente ultimo testo, dopo il quale sta il colofone in rosso. Poi, qualcuno si (...)

192. Vorrei aggiungere un altro esempio, cioè l’uso della citazione fatto dal copista medievale. In questo caso si tratta di una raccolta di materiale in forma di citazioni, ma presentata come predica legata alla persona di Meister Eckhart. Si tratta del testo conclusivo in un’ampia raccolta di prediche (Steer 2002, 255-57) di Meister Eckhart, tramandato nel manoscritto Strasbourg, Bibliothèque Nationale et Universitaire, MS 2795 (Str3)14 pubblicato da Auguste Jundt, nel 1875, sotto il titolo Sermons et pièces diverses de Maître Eckhart (Jundt [1875] 1964, 276-78). Il testo in questione è il numero 16 di questa edizione, abbreviato d’ora in poi con Jundt 16.15

20L’incipit, marcato da un’iniziale rossa alta due righe, ricorda il topos iniziale della predica, quando il predicatore implora l’aiuto divino per le proprie parole. Quello che segue è una serie di citazioni che inizia con l’autorità più alta in assoluto, cioè con Cristo. Subito dopo parla Alberto Magno. In questo modo segue citazione su citazione, ogni tanto concatenata tramite parole chiave alla precedente, ma senza che si possa scoprire un’argomentazione logica. Chi parla sono l’apostolo Paolo, i due Giovanni (l’Evangelista e il Battista), i Padri della Chiesa come S. Agostino, S. Gregorio, Origene, S. Bernardo, ma anche i maestri (es sprechent die maister; “i maestri dicono”). Questi ultimi spiegano la percezione esteriore e il processo della conoscenza. Ciò che dicono questi maestri-filosofi, sicuramente non sono semplici detti, ma un discorso complesso, basato sulla letteratura aristotelica di psicologia.

  • 16   Eckhart, Pr. 69: Boethius sprichet: “wilt dû die wârheit lûterlîche bekennen, sô lege abe vröude (...)
  • 17   Eckhart, Pr. 83: [Nû merket! Got ist namelôs, wan von im enkan nieman niht gesprechen noch verstâ (...)

21Nell’ultimo paragrafo parlano un pagano, un santo, un “pagano sagace” (ain subtiler haiden), un maestro pagano e Boezio. L’anonimo autore/compilatore di Jundt 16 prese la citazione di Boezio dalla predica 69 di Meister Eckhart,16 e anche il detto del pagano sagace deriva da Eckhart, che lo utilizza nella sua predica 83, sempre come citazione di un maestro pagano.17

22Certo, non si tratta di letteratura gnomica, e il detto è solo pretesto per una discussione teologico-filosofica di un livello assai alto. Secondo il layout del codice questi detti, o meglio riflessioni, messi insieme, sono presi comunque come un testo, e non solo un testo qualsiasi, ma addirittura come un testo eckhartiano.

  • 18   Come ‘manoscritto eckhartiano’ viene considerato ogni codice che contiene almeno un testo autenti (...)

23Esempi di questo tipo di predica, cioè una pura compilazione di citazioni, si trovano numerosi nei manoscritti miscellanei della letteratura spirituale, e si trovano soprattutto nei manoscritti cosiddetti eckhartiani.18 Anzi, sembra che addirittura Eckhart stesso fosse legato a questo tipo di testo, come dimostra l’esempio di Jundt 16 che un redattore anonimo del XV secolo ha inserito alla fine della sua raccolta di prediche e trattati di Eckhart ovviamente perché credeva che questa compilazione risalisse in qualche modo a Meister Eckhart.

24Ci sono anche altri collezionisti e ammiratori di Eckhart che collegano il suo nome a dicta. Lienhart Peuger (c. 1390-1455), frate laico del convento benedettino di Melk, ammiratore e raccoglitore di scritti di Eckhart, creò una raccolta di detti provenienti da testi del maestro, nel codice Melk, Stiftsbibliothek, Cod. 235, scritto da Peuger intorno al 1440. Sul fol. 331rb si legge una sua notizia marginale evidenziata in colore rosso: “Nota. I detti seguenti sono presi dalla dottrina di Meister Eckhart di Parigi.” In questa raccolta Peuger mise insieme estratti da testi che credeva essere testi di Meister Eckhart. Correttamente, li chiama non “detti di Meister Eckhart” ma “detti presi dalla dottrina di Meister Eckhart”. Questi estratti appartengono a vari generi letterari: brevi racconti, esempi, dialoghi, ma anche citazioni, introdotte dalla formula “si dice”. Nemmeno una volta si legge “Meister Eckhart dice”, e nondimeno tutto questo materiale deriva da testi eckhartiani.

25Penso che sia lecito trarre la conclusione che Eckhart abbia utilizzato in modo particolare la citazione, autentica o immaginaria, per l’esplicazione della sua propria dottrina. Questa sua caratteristica stilistica era evidentemente ben nota ai contemporanei che consideravano Eckhart una fonte di detti (Sprüche).

 

  • 19   Eckhart, Pr. 90: Meister Thomas sprichet: “er [scil. Cristo] hâte ein zuonemen von den kreften de (...)

263. In effetti, chi esamina le prediche tedesche di Eckhart trova un numero molto alto di citazioni, soprattutto generiche, attribuite ai “maestri”. La formula introduttiva ein meister sprichet sembra quasi una segnatura personale nello stile di Eckhart. Fra le prime 58 prediche in ordine liturgico, solo 14 non contengono alcun riferimento a un maestro, tutte le altre citano i meister almeno una volta, in media si trovano cinque ricorrenze di questa figura per predica. Questi maestri, nella maggior parte dei casi, rimangono anonimi e senza una specificazione. Un’unica volta ho trovato un nome proprio per un maestro, cioè Meister Thomas (Tommaso d’Aquino).19

27I maestri stanno ovviamente per il mondo dotto della teologia e filosofia, rappresentato dallo studio generale dei domenicani e dall’università di Parigi. Il loro mondo è il mondo della disputazione, delle questioni in senso tecnico, che si rispecchia in formule come ez ist ein frâg (quaeritur; “vi è una questione”) e rimanda alla letteratura latina dei quodlibet. I maestri, quindi, discutono le sottigliezze, die hôhen frâgen (“le questioni alte”), gli argomenti visti con sospetto dalla curia papale, almeno quando vengono presentati in volgare davanti a un pubblico di semplici e illetterati. L’autore Eckhart si serve di loro per discutere la propria dottrina in forma di dialogo, sviluppando pro e contra davanti a un terzo, cioè il lettore/ascoltatore ideale che, per parte sua, porta avanti il processo dell’apprendimento con le sue domande. L’ultima parola l’ha sempre Eckhart. La sua tecnica retorica ricorda, in un certo senso, il dialogo platonico, solo che non abbiamo a che fare con Socrate e uno dei suoi interlocutori, ma con Eckhart e i suoi maestri.

28Appare ovvio che le parole dei maestri sono ‘detti’ solo in senso formale, in quanto sono introdotte dalla formula ein meister sprichet. Difficilmente si tratta di detti in senso di genere letterario, cioè forme minime testuali che offrono una affermazione breve e precisa, che esprime una regola di vita, quindi detti di tipo gnomico; troppo sofisticati sono gli argomenti.

  • 20   Secondo i dizionari dell’alto tedesco medio, il lessema è utilizzato solo in senso letterario-poe (...)
  • 21   Documentazione del lessema spruch in Eckhart: Pr. 30 (DW II [= Quint 1971], 98, 3); Pr. 36 a (DW (...)

29Nonostante la forte presenza della formula ein meister sprichet nelle sue prediche tedesche, Eckhart non tematizza il detto come strumento didattico e educativo. Anzi, non ne parla proprio. Il lessema spruch, “Spruch, Sangspruch, Sprichwort, Ausspruch” (Hennig 2001, 308; cfr. Lexer 1872-78, II, 1120),20 nell’opera tedesca di Eckhart è riservato esclusivamente per il verbum divinum e la sua manifestazione all’interno della Trinità. Spruch è il risultato dell’atto generativo di Dio il cui generare è nient’altro che sprechen, ed esiste solo nel singolare.21

  • 22   “Quindi, più grande è il godimento delle cose esteriori, tanto più difficile è il distacco, perch (...)

30Naturalmente, anche Eckhart utilizzava il detto, pure quello gnomico in forma di proverbio, nelle varie situazioni comunicative di ogni giorno. Un caso si trova nelle sue prediche: ma non è stato marcato con chiarezza dall’autore e così è pure sfuggito all’attenzione degli editori. Nella predica 104, Eckhart cita un verso gnomico in funzione di proverbio per illustrare la difficoltà che l’uomo ha nel separarsi dalle cose esteriori: Wan sô der gelust ze ûzern dingen ie grœzer wære, sô daz vonkêren ie swærer wære, wan sô ie grœzer liep, ie grœzer leit, sô ez an ein scheiden geit (DW IV/1, 603, A 35-37).22 Nell’edizione critica, che normalizza l’alto tedesco medio, il verbo finale appare nella forma gât e la rima è distrutta. Dobbiamo la visualizzazione del proverbio a una osservazione di Freimut Löser (2014, 255-56). Chissà quanti proverbi si nascondono ancora nelle prediche tedesche di Meister Eckhart.

 

314. Com’è la situazione nei testi di Johannes Tauler e Heinrich Seuse, gli altri due grandi mistici dopo Eckhart? La ricorrenza del lessema meister, nelle opere di entrambi, è abbastanza ripetuta, però manca quasi completamente la formula ein meister sprichet. La figura del maestro, nei testi di Tauler e Seuse, ha evidentemente una funzione diversa. Questi maestri non parlano, ma fanno parte dell’elaborazione narrativa.

  • 23   Tauler, Pr. 24: daz heilge pater noster, daz leret uns der oberste meister Cristus und sprach sel (...)
  • 24   Tauler, Pr. 45: Do kam ein meister von der e und wolt unsern herren versuochen [...] (Vetter [196 (...)
  • 25   Tauler, Pr. 60a: Ein meister der heiligen geschrift wart gefraget [...]. Do sprach diser meister (...)
  • 26   Tauler, Pr. 81: [...] und aller kúnsten richen meistere zuo Paris mit alle ire behendikeit enkúnn (...)
  • 27   Tauler, Pr. 78: Die grossen meister von Paris die lesent die grossen buocher und kerent die blett (...)

32Cominciamo da Johannes Tauler (c. 1300-61). Nelle prediche di Tauler, meister è soprattutto un titolo che denomina un’autorità nella gerarchia ecclesiastica o nell’ordine. Il maestro supremo è Cristo.23 Meister è la traduzione per gli anziani sacerdoti della comunità ebraica nei Vangeli24 e sta anche per il teologo contemporaneo a Tauler.25 A fianco di questi stanno i kúnsten richen meister oppure meister von Paris con una connotazione chiaramente negativa. Si tratta degli studiosi esperti di filosofia e teologia, e attivi nell’università, cioè a Parigi.26 Nelle prediche di Tauler, questo gruppo rappresenta il tipo del lesemeister (maestro di teoria, di sapere libresco) che viene confrontato con la figura positiva del lebemeister (maestro di pratica, di vita).27

  • 28   “Sii senza nessuna proprietà e senza immagine e avrai ciò di cui hai bisogno in tutte le cose.”

33Certamente, in tutti questi contesti non si può parlare di detti gnomici. Il lessema spruch non esiste nelle prediche di Tauler e la sua funzione non è tematizzata da nessuna parte. Nonostante ciò, qua e là, fra gli esempi illustrativi, si trovano locuzioni gnomiche, messe in bocca ai Padri del deserto, cioè eremiti e maestri, modelli nel vivere la propria fede e le proprie convinzioni. Nella predica 6, Tauler parla della necessità di liberarsi da qualsiasi immagine e proprietà (eigenschaft) e conclude con una sentenza gnomica: Wis one eigenschaft und bildelos und has wes du bedarft an allen dingen (Pr. 6; Vetter [1968] 2000, 27, 1-3).28

  • 29   “Vieni e prendi tu stesso, non posso ritenere un’immagine in me così a lungo, così pura è la mia (...)

34Tauler illustra questa affermazione con un breve racconto esemplare di un santo padre che era così distaccato da non poter più memorizzare nulla. Dopo la terza richiesta di un suo compagno di portargli una certa cosa, il santo padre rispose: kum und nim selber, ich enkan des bildes also lange in mir nit enthalten, also blos ist min gemuete aller bilde (Pr. 6; Vetter [1968] 2000, 27, 9-10).29 Ci troviamo qui nell’ambiente dei Padri del deserto, anche se Tauler non lo mette molto in evidenza, ma se uno è interessato a detti gnomici, queste sono le fonti alle quali si deve ricorrere.

35È Heinrich Seuse (1295-1366), forse l’allievo più promettente di Eckhart, che riscopre la spiritualità antica dei Padri del deserto e, con questo, l’alto valore didattico del detto.

36Seuse, diversamente del suo maestro, è interessato al detto (Spruch). Tuttavia, non sono i meister che si servono di questo strumento nel loro insegnamento. La ricorrenza del lessema nelle opere di Seuse coincide in quantità e in funzione con quella di Tauler. Anche per Seuse, il meister rappresenta l’autorità della gerarchia ecclesiastica e dell’ordine, e appare nel contesto narrativo. Perciò questi maestri non insegnano in modo diretto al lettore e la formula eckhartiana ein meister sprichet è assai rara. Tuttavia, Seuse riconosce nel dictum uno strumento didattico utile e se ne serve. A questo scopo sviluppa una tipologia del detto, rintraccia la sua origine e riflette su uso ed efficacia. Spruch come termine tecnico di una ben definita forma comunicativa appare tredici volte nell’opera di Seuse, e cioè nella prima parte della Vita che è dedicata all’apprendistato spirituale, e nelle sue Lettere (Briefbuch).

  • 30   Seuse, Vita, c. XX: [...] do frumt er von einem maler, daz er im entwarf die heiligen alten veter (...)
  • 31   “Tutta la perfezione trova la sua conclusione quando l’anima, con tutte le sue virtù, è portata d (...)
  • 32   È significativo che la raccolta di detti di Seuse sia stata trasmessa separatamente dalla sua Vit (...)

37Seuse descrive nella sua Vita l’ascesa graduale verso la spiritualità interiore. A questo scopo raccomanda la segregazione personale dalla comunità e la meditazione che si svolge con l’aiuto dei detti dei santi Padri antichi.30 Seuse offre nel cap. XXXV della Vita il contenuto di questi detti in una lista di 40 verba seniorum presi dalle Vitas patrum in traduzione tedesca (Bihlmeyer [1907] 1961, 104, 1). Ciascun detto porta il nome del suo autore (sant Arsenius, Theodorus, abbas Moyses, abbas Johannes e così via). In questo contesto, la dottrina dell’anacoreta Arsenio, chiamato summus philosophus, rappresenta il nucleus totius perfectionis (cfr. Ruh 1990, 118). I 40 detti del cap. XXXV insegnano le virtù pratiche della vita spirituale. L’ultimo detto è attribuito a Cassiano: Ellú vollkomenheit endet da, wenn dú sele mit allen iren kreften ist ingenomen in daz einig ein, daz got ist (Bihlmeyer [1907] 1961, 106, 34-35).31 Quindi, la meta più alta è la cosiddetta unio mystica (cfr. Williams 1994, 174-75; Williams e Hoffmann 1999, 463).32

  • 33   “Un amico di Dio confermato deve avere sempre qualche buona immagine o detto da masticare nella b (...)

38I 40 detti dai Verba seniorum erano destinati ai principianti e ai loro primi passi verso una vita spirituale. Su un livello più alto, cioè sul grado dei progredientes che hanno già imparato il distacco e l’autoconoscenza, Seuse offre nel capitolo IL della Vita di nuovo una raccolta, adesso di quasi 100 detti suoi, più astratti e formulati nella dizione della mistica. Ma anche questa serie suona per lo più come una riformulazione dei detti dei Padri. L’altissimo valore che Seuse attribuisce al detto, lo conferma la sua raccomandazione in una delle sue Lettere: Ein bewerter gotesfrúnd sol alle zit etwas gůter bilde ald sprúch haben in der sele mund ze kúwene, da von sin herz enzúndet werde zuo gote (Briefbüchlein, Brief XI; Bihlmeyer [1907] 1961, 391, 20-22).33 Certo, questi Sprüche non sono detti dei maestri.

 

395. Possiamo dunque trarre la conclusione che la formula ein meister sprichet è una segnatura stilistica di Eckhart, imitata e diffusa ampiamente nei testi pseudo-eckhartiani. Le affermazioni di questi maestri sono detti solo da un punto di vista formale, in quanto sono pronunciati da qualcuno. Il loro contenuto non è di carattere gnomico. Sono invece riflessioni filosofiche; e come tali esistono anche nei testi di Tauler e Seuse, solo in forma meno evidente, visto che manca la marcatura ein meister sprichet. Per la denominazione di questi fenomeni sarebbe, quindi, raccomandabile parlare piuttosto di ‘citazioni’.

40Il detto gnomico, invece, sembra essere riservato alla dottrina dei Padri del deserto, raccolta nelle Vitas patrum, più precisamente nella sezione dei Verba seniorum. Questo tesoro di letteratura gnomica fu riscoperto e rivivificato da Heinrich Seuse per la mistica moderna del XIV secolo, nell’ambiente dell’ordine domenicano, favorevole a questa rinascita.

  • 34Spruch 4: “Meister Eckhart dice: ‘Chi è a casa ovunque, costui è degno di Dio e chi rimane sempre (...)

41Tutto ciò non vuol dire che il detto mistico non esista; ma è assai raro e richiede un’attenzione e un’analisi dettagliata. Concludo con un esempio di un detto vero e proprio, attribuito a Meister Eckhart, di cui si sono conservate due versioni e che mi sembra particolarmente ben riuscito. Si tratta degli Sprüche 4 e 10 dalla raccolta di Pfeiffer ([1857] 1962, 598, 600).34

Spruch 4

Spruch 10

Meister Eckehart sprichet:

Meister Eckhart sprichet:

der in allen steten ist dâ heime, der ist gotes wirdic,

swer alle zît alleine ist, der ist gotes wirdic

und der in allen zîten blîbet eine, dem ist got gegenwürtic,

und swer alle zît dâ heime ist, dem ist got gegenwürtic,

und in dem sint geswigen alle crêatûre, in deme gebirt got sînen einbornen sun.

unt swer alle zît stât in einer gegenwürtigen nû, in dem gebirt got der vater sînen sun âne underlâz.

  • 35   Pfeiffer prese il n. 4 dal manoscritto Wien, Österreichische Nationalbibliothek, cod. 2757, XIV s (...)

42Entrambi i testi risalgono al XIV secolo.35 Entrambi mostrano la struttura sintattica tipica per il detto gnomico (Wachinger 1994, 27), cioè una proposizione subordinata introdotta da un pronome relativo indefinito (s)wer (“chiunque”) che è seguita dalla reggente che nel tedesco mette il corrispondente pronome dimostrativo der (“questo”, che ho tradotto con il pronome dimostrativo personale “costui”). Entrambi i testi mostrano tracce di rima, addirittura rime interne. La vicinanza col verso gnomico è evidente.

43Entrambi i detti sono composti da tre affermazioni che formano un climax delle proposizioni reggenti. Chiunque si comporta come descritto, inizia con l’essere degno di Dio, prosegue con l’avere Dio presente e finisce con il vivere la nascita di Dio nella propria anima. I presupposti, formulati nelle relative, però, sono diversi.

44Sembra che Spr. 4 conservi una versione più vicina all’originale: “chi è a casa ovunque, è degno di Dio” è dottrina di Eckhart, mentre l’affermazione di Spr. 10, cioè “chi è sempre a casa, è degno di Dio” suona più una dottrina dei Padri del deserto che Eckhart, sicuramente, non avrebbe condiviso. Difficile dire se Eckhart sostenesse l’idea di dover stare segregato (alleine) per godere la presenza di Dio. Anche questo è più un ideale monastico, dal quale Eckhart prende ripetutamente ed esplicitamente le distanze, ad esempio nei Discorsi di Erfurt. Ma sia il distacco dal mondo creato (Spr. 4) che lo “stare nell’attimo presente” (Spr. 10) come condizioni per la nascita di Dio nell’anima sono dottrine eckhartiane. L’anonimo autore ha fatto un buon lavoro ed è riuscito a estrarre dalla sua lettura di Eckhart un insegnamento ben preciso e facilmente memorizzabile, ben adatto per la meditazione privata.

Bibliographie

Bihlmeyer, Karl, a cura di. [1907] 1961. Heinrich Seuse, Deutsche Schriften. Im Auftrag der Württembergischen Kommission für Landesgeschichte herausgegeben. Frankfurt am Main: Minerva.

Cammarota, Maria Grazia, a cura di. 2011. Freidank. L’indignazione di un poeta-crociato. I versi gnomici su Acri. Roma: Carocci.

Di Venosa, Elena. 2008. “I proverbi di Johannes Agricola tratti dal Renner di Hugo von Trimberg.” In Studia theodisca - Philologica II, a cura di Marina Cometta, 75-138. Milano: CUEM.

Eikelmann, Manfred. 1997. “Gnomik.” In Reallexikon der deutschen Literaturwissen- schaft. Neubearbeitung des Reallexikons der deutschen Literaturgeschichte gemeinsam mit Harald Fricke, Klaus Grubmüller und Jan-Dirk Müller, a cura di Klaus Weimar, vol. I, 732-34. Berlin / New York: de Gruyter.

Eikelmann, Manfred, e Silvia Reuvekamp. 2012. Handbuch der Sentenzen und Sprichwörter im höfischen Roman des 12. und 13. Jahrhunderts, vol. I, Einleitung und Artusromane bis 1230. Berlin / Boston: de Gruyter.

Gottschall, Dagmar. 2013. “Albert’s Contributions to or Influence on Vernacular Literatures.” In A Companion to Albert the Great. Theology, Philosophy, and the Sciences, a cura di Irven M. Resnick, 725-57. Leiden / Boston: Brill.

Hennig, Beate. 2001. Kleines mittelhochdeutsches Wörterbuch. Tübingen: Niemeyer.

Jundt, Auguste. [1875] 1964. Histoire du panthéisme populaire au moyen âge et au seizième siècle. Frankfurt am Main: Minerva.

Klimanek, Wolfgang. 2005. Verzeichnis der in DW IV benutzten Textzeugen und ihrer Siglen. Eichstätt: Forschungsstelle für geistliche Literatur des Mittelalters. Versione elettronica aggiornata in Meister Eckhart und seine Zeit. www.eckhart.de (“Register” > “Textzeugen (deutsch)”). Consultato il 10 maggio 2018.

Lexer, Matthias. 1872-78. Mittelhochdeutsches Handwörterbuch. voll. I-III. Leipzig: Hirzel. http://woerterbuchnetz.de/Lexer/. Consultato il 7 ottobre 2016.

Löser, Freimut. 2014. “Wege des Textes. Sieben Fragen zur Edition der Deutschen Predigten Meister Eckharts.” In Internationalität und Interdisziplinarität der Editionswissenschaft, a cura di Michael Stolz e Yen-Chun Chen, 241-61. Berlin / Boston: de Gruyter.

McGinn, Bernard. 2005. The Harvest of Mysticism in Medieval Germany (1300-1500). New York: The Crossroad Publishing Company.

Moos, Maria Fabianus, a cura di. 1933. Thomae Aquinatis Scriptum super Sententiis magistri Petri Lombardi, vol. III. Paris: Lethielleux.

Moreschini, Claudio, a cura di. 2000. Boethius. De consolatione philosophiae. Opuscula theologica. München / Leipzig: Saur.

Pfeiffer, Franz. [1857] 1962. Deutsche Mystiker des 14. Jahrhunderts, vol. II, Meister Eckhart: Predigten, Traktate. Aalen: Scientia Verlag.

—, a cura di. 1858. “Sprüche deutscher Mystiker.” Germania 3: 226-41.

Quint, Josef, a cura di. 1971. Meister Eckhart. Die deutschen und die lateinischen Werke. Herausgegeben im Auftrage der Deutschen Forschungsgemeinschaft. Die deutschen Werke, vol. II, Meister Eckharts Predigten. Stuttgart: Kohlhammer (DW II).

—, a cura di. 1976. Meister Eckhart. Die deutschen und die lateinischen Werke. Herausgegeben im Auftrage der Deutschen Forschungsgemeinschaft. Die deutschen Werke, vol. III, Meister Eckharts Predigten. Stuttgart: Kohlhammer (DW III).

Ruh, Kurt. 1990. Geschichte der abendländischen Mystik, vol. I, Die Grundlegung durch die Kirchenväter und die Mönchstheologie des 12. Jahrhunderts. München: Beck.

—. 1996. Geschichte der abendländischen Mystik, vol. III, Die Mystik des deutschen Predigerordens und ihre Grundlegung durch die Hochscholastik. München: Beck.

Schneider, Karin. 2011. “Die Eckhart-Handschrift M1 (Cgm 133).” In Mittelhochdeutsch. Beiträge zur Überlieferung, Sprache und Literatur. Festschrift für Kurt Gärtner zum 75. Geburtstag, a cura di Ralf Plate e Martin Schubert, 165-76. Berlin / Boston: de Gruyter.

Sprenger, Ulrike. 1998. “Gnomische Dichtung.” In Reallexikon der Germanischen Altertumskunde, seconda edizione, vol. XII, a cura di Heinrich Beck, Heiko Steuer e Dieter Timpe, 254-59. Berlin / New York: de Gruyter.

Steer, Georg. 2002. “Die Schriften Meister Eckharts.” In Die Präsenz des Mittelalters in seinen Handschriften. Ergebnisse der Berliner Tagung, Staatsbibliothek Preußischer Kulturbesitz zu Berlin, 6.-8. April 2000, a cura di Hans-Jochen Schiewer e Karl Stackmann, 209-302. Tübingen: Niemeyer.

—, a cura di. 2003. Meister Eckhart. Die deutschen und die lateinischen Werke. Herausgegeben im Auftrage der Deutschen Forschungsgemeinschaft. Die deutschen Werke, vol. IV, Meister Eckharts Predigten, tomo 1. Stuttgart: Kohlhammer (DW IV/1).

Vetter, Ferdinand. [1968] 2000. Die Predigten Taulers. Aus der Engelberger und der Freiburger Handschrift sowie aus Schmidts Abschriften der ehemaligen Straßburger Handschriften. Hildesheim: Weidmann.

Wachinger, Burghart. 1994. “Kleinstformen der Literatur. Sprachgestalt – Gebrauch – Literaturgeschichte.” In Kleinstformen der Literatur, a cura di Walter Haug e Burghart Wachinger, 1-37. Tübingen: Niemeyer.

Williams, Ulla. 1994. “Vatter ler mich. Zur Funktion von Verba und Dicta im Schrifttum der deutschen Mystik.” In Heinrich Seuses Philosophia spiritualis. Quellen, Konzept, Formen und Rezeption, a cura di Rüdiger Blumrich e Philipp Kaiser, 173-88. Wiesbaden: Reichert.

Williams, Ulla, e Werner J. Hoffmann. 1999. “Vitaspatrum.” In Die deutsche Literatur des Mittelalters. Verfasserlexikon, seconda edizione, vol. X, a cura di Burghart Wachinger et al., 449-66. Berlin / New York: de Gruyter.

Notes

1   Sulla discussione riguardo all’originalità della poesia gnomica germanica cfr. in particolare p. 259: “[...] ist anzunehmen, dass es trotz verschiedener fremder Einflüsse gnomische Dichtung in der Germania überhaupt gab.”

2   Le traduzioni sono dell’autrice.

3   La formula introduttiva (“si dice”) come contrassegno formale di una citazione all’interno di un testo più complesso può mancare nelle raccolte di detti, dove l’unica separazione di un detto dall’altro sono segnali metatestuali da parte del copista (per es. iniziali, rubriche, paragrafi).

4   Si tratta del manoscritto Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, mgq 191, foll. 352r-391v.

5   È comprensibile che Kurt Ruh, nel III volume della sua grande Geschichte der abendländischen Mystik dedicato alla mistica dei domenicani tedeschi, non si sia occupato di detti anonimi: “Ich muß [...] hier [...] vollends auf das weite Umfeld kleiner Texte verzichten” (1996, 355), perché l’opera è organizzata secondo uno sviluppo dottrinale di teologia e filosofia. Ma anche Bernard McGinn, che tratta la diffusione della mistica volgare nel tardo medioevo seguendo i singoli generi letterari, trascura completamente il fenomeno del detto (cfr. capitolo 7, “Spreading the Message: The Diffusion of Mysticism in Late Medieval Germany”; 2005, 299-365). McGinn prende in considerazione i generi della poesia mistica, del sermone, dell’epistola, del dialogo, del testo agiografico e della visione.

6   “Questi sono i detti del vescovo Alberto”.

7   “Esistono 12 buoni pezzi. Il primo è [...]”.

8   “Vi sono 12 cose che impediscono all’uomo spirituale di condurre una vita spirituale. La prima è [...]”.

9   Cgm 133 è consultabile online: http://daten.digitale-sammlungen.de/bsb00094778/image_1 (consultato il 10 maggio 2018).

10   Nella tradizione tedesca esistono serie da 4 fino a 19 punti e in ordini diversi.

11   I tre punti aggiunti sul margine nel cgm 133 seguono sempre il medesimo schema.

12   Diversa è l’intenzione comunicativa nel caso dell’indovinello o della questione, che assegnano un compito al destinatario (Wachinger 1994, 11-12).

13   A prescindere dall’autenticità di queste citazioni o meno, non si sa dove finiscono. Considerando l’argomentazione fluida, è chiaro che abbiamo a che fare con la mano sistematizzatrice di un autore/redattore.

14   Strasbourg, Bibliothèque Nationale et Universitaire, MS 2795 (già L germ. 662), Pap., 4°, 334 foll., terminato il 24 febbraio del 1440, proveniente probabilmente da Augsburg, successivamente conservato a Inzigkofen. Indicazioni codicologiche in Klimanek 2005.

15Jundt 16, originariamente ultimo testo, dopo il quale sta il colofone in rosso. Poi, qualcuno si accorse che il testo precedente, Jundt 4, un dialogo fra S. Paolo e il suo discepolo Timoteo, era rimasto incompleto, e aggiunse sul resto del fol. 326v l’inizio della continuazione di Jundt 4 che fu completato aggiungendo un altro fascicolo al volume.

16   Eckhart, Pr. 69: Boethius sprichet: “wilt dû die wârheit lûterlîche bekennen, sô lege abe vröude und pîne, vorhte und zuoversiht oder hoffenunge”. Vröude und pîne ist ein mittel, vorhte und zuoversiht: ez ist allez ein mittel (DW III [= Quint 1976], 166, 2-167, 1; “Boezio dice: ‘Se vuoi conoscere la verità in modo puro, deponi gioia e pena, angoscia e fiducia o speranza’. Gioia e pena sono un medio, angoscia e fiducia: è tutto un medio”). La citazione sta nel contesto della discussione tra due maestri sul problema del vedere immediatamente oppure attraverso un medio, tratto da De anima. Che il nostro autore si serva della Pr. 69 e non di un florilegio è dimostrato dal fatto che va oltre la pura citazione (Boethius, De consolatione philosophiae, I m. VII; Moreschini 2000, 26, 20-28) e menziona anche il problema del medio (mittel). Eckhart, Pr. 69 è contenuta per intero in Str3, foll. 165r-170v [163r-168v]. Interessante è che la citazione di Boezio appare una seconda volta in una predica di Eckhart, ma questa volta in bocca a un maestro anonimo: Ein meister sprichet: wiltû got mit einem lûtern herzen enpfâhen und bekennen, sô vertrîp von dir vröude, vorhte, hoffenunge (Eckhart, Pr. 89; DW IV/1 [= Steer 2003], 42, 31-32; “Un maestro dice: ‘se vuoi ricevere Dio con un cuore puro e riconoscere, allora caccia via gioia, angoscia, speranza’”). La possibilità di identificare una citazione, per Eckhart, ovviamente, non era importante.

17   Eckhart, Pr. 83: [Nû merket! Got ist namelôs, wan von im enkan nieman niht gesprechen noch verstân.] Her umbe sprichet ein heidenisch(er) meister: “Swaz wir verstân oder sprechen von der êrsten sache, daz sîn wir mê selber, dan ez diu êrste sache sî, wan si ist über allez sprechen und verstân” (DW III, 441, 2-4; “[Allora sentite! Dio è senza nome, perché nessuno può dire di Lui nulla né comprendere.] Perciò un maestro pagano dice: ‘Qualsiasi cosa che comprendiamo o diciamo della prima causa siamo più noi stessi che la prima causa perché essa è sopra qualsiasi dire e qualsiasi comprensione’”).

18   Come ‘manoscritto eckhartiano’ viene considerato ogni codice che contiene almeno un testo autentico di Eckhart o a lui attribuito.

19   Eckhart, Pr. 90: Meister Thomas sprichet: “er [scil. Cristo] hâte ein zuonemen von den kreften der sinne” (DW IV/1, 65, 127-29; “Maestro Tommaso dice: ‘egli aveva un incremento quanto alle facoltà dei sensi’”). Nella redazione secondaria B si legge: Daz sprichet ein hôher meister, Thomas […] (Ibid.; “Questo dice un grande maestro, Tommaso […]”). Cfr. Tommaso d’Aquino, III Sent. d. 14 a. 3 q. 6 sol. 5 (Moos 1933, 461).

20   Secondo i dizionari dell’alto tedesco medio, il lessema è utilizzato solo in senso letterario-poetico e tecnico in quanto sentenza giuridica; cfr. anche Lexer 1872-78, II, 1120.

21   Documentazione del lessema spruch in Eckhart: Pr. 30 (DW II [= Quint 1971], 98, 3); Pr. 36 a (DW II, 189, 6), Pr. 43 (DW II, 321, 6; 322, 3), Pr. 53 (DW II, 530, 1; 539, 10, 11).

22   “Quindi, più grande è il godimento delle cose esteriori, tanto più difficile è il distacco, perché tanto più grande l’amore, tanto più grande il dolore quando tocca separarci.”

23   Tauler, Pr. 24: daz heilge pater noster, daz leret uns der oberste meister Cristus und sprach selber […] (Vetter [1968] 2000, 101, 23-24; “Cristo, il maestro supremo, ci insegnava il sacro Paternoster e disse lui stesso […]”).

24   Tauler, Pr. 45: Do kam ein meister von der e und wolt unsern herren versuochen [...] (Vetter [1968] 2000, 195, 7; “Venne un maestro della legge e voleva tentare il nostro Signore […]”).

25   Tauler, Pr. 60a: Ein meister der heiligen geschrift wart gefraget [...]. Do sprach diser meister [...] (Vetter [1968] 2000, 283, 18-20; “Fu chiesto un maestro della Sacra Scrittura […]. Allora, questo maestro disse […]”). La questione ruota intorno alla frequenza della comunione eucaristica.

26   Tauler, Pr. 81: [...] und aller kúnsten richen meistere zuo Paris mit alle ire behendikeit enkúnnen nút her bi komen [...] (Vetter [1968] 2000, 432, 2-3; “[…] e tutti i maestri esperti delle arti di Parigi con tutta la loro astuzia non possono giungervi […]”). Si tratta dell’amore nell’unione con Dio che è indicibile e solo comprensibile all’uomo semplice e distaccato.

27   Tauler, Pr. 78: Die grossen meister von Paris die lesent die grossen buocher und kerent die bletter umb; es ist wol guot, aber dise [scil. die edeln lebenden lúte] lesent das lebende buoch [...] (Vetter [1968] 2000, 421, 1-2; “I grandi maestri di Parigi leggono i grandi libri e girano le pagine; questo è certamente buono, ma questi [scil. gli uomini che vivono nobilmente] leggono il libro vivente […]”).

28   “Sii senza nessuna proprietà e senza immagine e avrai ciò di cui hai bisogno in tutte le cose.”

29   “Vieni e prendi tu stesso, non posso ritenere un’immagine in me così a lungo, così pura è la mia mente da tutte le immagini.”

30   Seuse, Vita, c. XX: [...] do frumt er von einem maler, daz er im entwarf die heiligen alten veter und ire sprúch und etleich ander andehtig materien, die einen lidenten menschen reizent zu gedultekeit in widerwertikeit (Bihlmeyer [1907] 1961, 60, 12-14; “[…] allora ottenne da un pittore che gli disegnasse i santi Padri antichi e i loro detti e qualche altra materia devota che sollecitano un uomo sofferente verso la pazienza nella tribolazione”).

31   “Tutta la perfezione trova la sua conclusione quando l’anima, con tutte le sue virtù, è portata dentro nell’unico Uno che è Dio.”

32   È significativo che la raccolta di detti di Seuse sia stata trasmessa separatamente dalla sua Vita in una serie di manoscritti, per lo più sotto il titolo Sprüche der Altväter (Williams 1994, 175 nota 3).

33   “Un amico di Dio confermato deve avere sempre qualche buona immagine o detto da masticare nella bocca dell’anima, tramite il quale il suo cuore sia acceso verso Dio.” Tali materiali sono messi nell’appendice: Von heiligen bilden und gůten sprúchen, die einen menschen reizent und wisent zů got (Zusätze zum Briefbüchlein; Bihlmeyer [1907] 1961, 396).

34Spruch 4: “Meister Eckhart dice: ‘Chi è a casa ovunque, costui è degno di Dio e chi rimane sempre solo, a costui Dio è presente, e in chi tacciono tutte le creature, in costui Dio genera il suo unico figlio’.” Spruch 10: “Meister Eckhart dice: ‘Chi è sempre solo, costui è degno di Dio e chi sempre è a casa, a costui Dio è presente, e chi sta sempre in un attimo presente, in costui Dio Padre genera il suo figlio continuamente’.”

35   Pfeiffer prese il n. 4 dal manoscritto Wien, Österreichische Nationalbibliothek, cod. 2757, XIV sec. (W5), e il n. 10 da Basel, Universitätsbibliothek, cod. B IX 15, XIV sec. (Ba2).

Auteur

Università del Salento

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search