Version classiqueVersion mobile

La tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali

 | 
Marina Cometta
, 
Elena Di Venosa
, 
Andrea Meregalli
, 
et al.

Gli usi dell’elemento gnomico nel Bruce di John Barbour

Uses of the Gnomic Element in John Barbour’s Bruce (101-19)

Valeria Di Clemente

Résumé

In his poem about Robert Bruce’s life and enterprises, John Barbour (1319-95) uses the gnomic element in a variety of ways. Proverbs, maxims, and occasional gnomic utterances or verses are employed to shape the text, as commentary, prolexis, summary, example, and comparison, in order to give an insight into the personality of important characters (especially the protagonist), and highlight propagandistic and ideological themes that are an essential part of the poem’s complex frame.

Texte intégral

A litill stane oft, as men sayis,
may ger weltyr a mekyll wayn
(The Bruce, libro XI, vv. 24-25)

1. Il poema

  • 1   Secondo Macafee e Aitken (2002) è difficile stabilire se il cosiddetto Scots discenda dal dialett (...)
  • 2   Le circostanze politiche delle guerre anglo-scozzesi del 1296-1328 possono essere sommariamente r (...)

1Il Bruce è la prima opera letteraria conosciuta redatta nel dialetto di origine inglese media settentrionale parlato in Scozia presumibilmente dal XII secolo e designato a partire dalla fine del XV secolo col nome di Scots.1 Si tratta di un lungo poema storico-cavalleresco, che ha per argomento le imprese del re degli scozzesi Robert I Bruce (1274-1329) e del suo luogotenente James Douglas, protagonisti delle lotte per l’emancipazione del regno scozzese dalla signoria feudale del re d’Inghilterra nel primo trentennio del XIV secolo.2

2L’autore, John Barbour (c. 1319/20-13 marzo 1395), al tempo della stesura del poema era arcidiacono della cattedrale di san Macario ad Aberdeen. Secondo le fonti assunse questa carica intorno al 1356; aveva studiato a Oxford e Parigi (Duncan 1997, 2). Negli anni ’70-’80 del XIV secolo era assiduo presso la corte di Robert II Stewart: nel 1378 il re gli concesse una pensione di una lira all’anno, tratta dai pagamenti dovuti dalla città di Aberdeen alla Corona, mentre nel 1388 gli venne assegnata una rendita vitalizia di dieci lire, forse proprio in ricompensa delle opere da lui scritte per celebrare la famiglia Stewart (Duncan 1997, 3, 10). Secondo quanto scrive il cronachista quattrocentesco Andrew di Wyntoun, Robert II incaricò Barbour di comporre diverse opere allo scopo di esaltare la grandezza della sua famiglia: un Brut, una Stewartis Orygynalle e una Stewartis Genealogy, che non ci sono pervenuti, e i cui titoli fanno forse riferimento a un’unica opera (Duncan 1997, 3) in cui si tracciavano le presunte origini leggendarie degli Stewart (Boardman 1996, 59; Mackenzie 1909, xix; Skeat 1894, vol. 1, xxxvi-lxiii, in particolare xliii-xliv).

  • 3   Robert II Stewart (1316-90), figlio della figlia di Bruce, Marjorie, e di Walter VI Stewart, succ (...)

3Il nucleo principale del Bruce venne redatto nei primi anni di regno di Robert II, entro il 1375, come Barbour stesso afferma nel libro XIII ai vv. 709-17. Con questa narrazione si intendeva esaltare Robert, nipote di Bruce, allo scopo di sottolineare la legittimità della sua successione.3 Il poema è indirizzato a un lettore/ascoltatore ‘ideale’ che viene identificato nell’espressione textual community of the realm: la definizione riprende la formula giuridica communitas regni Scotiae, con la quale nel medioevo si identificavano teoricamente tutte le forze sociali componenti il regno scozzese, nella pratica soprattutto le forze coinvolte nell’amministrazione e nell’attività politica ed economica. La textual community of the realm è un gruppo di riceventi accomunati dalla loro partecipazione a un ambiente nel quale significati specifici di testi scritti e iconici, di segni e simboli erano condivisi (van Heijnsbergen 2015). Nel caso particolare, questa comunità testuale ideale era anche reale e si trattava delle classi dominanti della società scozzese della fine del XIV secolo, che condividevano una precisa eredità culturale, storica e politica. A questa comunità Barbour doveva trasmettere un messaggio propagandistico volto a rafforzare la posizione della dinastia Stewart appena ascesa al trono, sottolineandone la legittimità e insistendo su una serie di valori morali, sociali e politici.

  • 4   Recentemente James H. Taggart ha confrontato le informazioni fornite nel poema con quelle riporta (...)
  • 5   Si vedano, tra gli altri, Ebin 1972; Goldstein 1986; Boardman e Foran 2015b; e gli altri contribu (...)

4Il poema, che gli editori moderni, a partire dalla fine del XVIII secolo, hanno suddiviso in venti libri (si veda Pinkerton 1790), consta di circa 14.000 ottosillabi in distici a rima baciata, il metro per eccellenza dei romanzi narrativi di origine francese. Si tratta di un’opera complessa che, per la sua origine, e data la sua committenza, rappresenta l’esito di un intreccio tra sfondo storico, invenzione, rielaborazione letteraria e intento propagandistico, in particolare nell’ottica di una celebrazione della dinastia Stewart recentemente ascesa al trono, nonché dei valori cortesi e cavallereschi espressi dalla classe aristocratica. Nel corso del XIX e XX secolo, al poema è stata attribuita un’importanza più come fonte storica che come testo letterario;4 soltanto nel corso del XX secolo si è approfondita l’analisi del Bruce come opera di poesia portatrice di specifiche istanze culturali, studiandone le premesse politiche, sociali, ideologiche e la fisionomia più propriamente letteraria.5

5La tradizione del Bruce è affidata principalmente a due codici della fine del XV secolo, il manoscritto Cambridge, St John’s College, G.23 (olim 191), e Edimburgo, National Library of Scotland, Advocates’ Library, 19.2.2. Il primo è composto da 143 fogli e manca della parte iniziale; dal colofone in latino risulta che la copiatura fu terminata il 28 agosto 1487 da un J. de R. capellanus (Wingfield 2015, 34-35); il codice edimburghese, che presenta il testo completo, fu redatto nel 1489 dallo scriba John (Iohannes) Ramsay dietro incarico del vicario Simon Lochmalony di Ouchtirmunsye, come viene spiegato nel lungo colofone finale (Wingfield 2015, 37-38). L’analisi paleografica dei due manoscritti fa pensare che J. de R. capellanus e Iohannes Ramsay siano la stessa persona (Wingfield 2015, 4-42). Una prima edizione a stampa, basata su un manoscritto ormai perduto e licenziata da Robert Lekpreuik per lo stampatore e libraio edimburghese Henry Charteris, risale al 1571 (ne sopravvive una sola copia conservata a New York, presso la Pierpont Morgan Library, W.1.B.15586) ed è alla base dell’edizione di Andrew Hart del 1616 (Bitterling 1970, 23-25; Duncan 1997, 32; Wingfield 2015, 43-46).

2. Gli usi dell’elemento gnomico

2.1. L’elemento gnomico nel poema

  • 6   Per una definizione di ‘proverbio’, si veda Mieder 2004, 2-9. Mieder sottolinea come caratteristi (...)
  • 7   Per ‘massima’ si intenderà una enunciazione breve, di carattere generale e astratto, che esprime (...)

6Nei seguenti paragrafi si descriverà l’uso che Barbour fa nel poema dell’‘elemento gnomico’, includendo in questa definizione proverbi,6 massime7 ed enunciazioni anche occasionali di tono sentenzioso.

7L’elemento gnomico nel poema barbouriano trova a oggi la sua trattazione più approfondita e sistematica nello studio del filologo e paremiologo statunitense B.J. Whiting, Proverbs and Proverbial Sayings in Scottish Texts before 1600 (1949 e 1951), che raccoglie, oltre alle espressioni gnomiche vere e proprie, anche fraseologismi ed espressioni idiomatiche. Prima ancora, alcuni dei proverbi studiati da Whiting erano stati inseriti nel dizionario storico dei proverbi inglesi di G.L. Apperson del 1929 (confluito poi in Apperson e Manser [1993] 2006) e/o sono riportati anche nel DOST (= Craigie et al. 1937-2002) alle singole voci.

8I dati sono stati ricavati da un’accurata lettura del testo e quindi verificati sulla lista tematico-alfabetica di Whiting. Non viene esaminato per intero il materiale risultante dallo spoglio di Whiting; di contro, alcune massime incluse nella presente analisi non compaiono nello studio del paremiologo americano. L’elemento gnomico, inoltre, non viene presentato secondo un ordine progressivo o tematico o alfabetico; l’indagine si sofferma piuttosto sulla modalità di occorrenza di proverbi, massime e sentenze nel poema, sulla loro funzione e sulla presenza di temi e situazioni ricorrenti. Un confronto di tipo diacronico, sia pure sintetico, è stato condotto sulle raccolte di proverbi scozzesi di Cheviot (1896), Fergusson (Beveridge 1924), Henderson ([1832] 1876), Hislop ([1862] 1868) e Kelly (1818), che riportano proverbi e detti in Modern Scots o in inglese standard.

9L’edizione di riferimento del poema barbouriano è normalmente McDiarmid e Stevenson (1980-85); le citazioni nel presente lavoro seguono la più agile e pratica edizione Duncan (1997). La traduzione dei brani è a opera dell’estensore dell’articolo.

2.2. Modalità di inserzione nel testo

2.2.1. Come rielaborazione

10L’elemento gnomico ricorre talvolta come rielaborazione di un ipotesto la cui conoscenza è ritenuta, implicitamente, parte del patrimonio culturale e linguistico del pubblico. È il caso dell’episodio narrato nel libro III, in cui si racconta come il conte di Lennox vada incontro a Bruce dopo la disfatta di Methven (giugno 1306), portando vettovaglie che sono assai gradite ai reduci della battaglia perduta, dispersi e in fuga:

  • 8“Ed essi lo mangiarono [il cibo] davvero molto volentieri, / e per esso non cercarono altro condim (...)

And thai eyt it with full gud will
thar soucht na other sals thar-till
bot appetyt, that oft men takys,
for rycht weill scowryt war thar stomakys.
(III, 539-42; Whiting 1949, 132;
Apperson e Manser [1993] 2006, 295)8

11Il poeta rielabora il detto appetyt is the best sals (“l’appetito è il miglior condimento”), esemplificato concretamente dalla drammatica situazione descritta.

  • 9   “Chi aveva buoni cavalli ne uscì meglio.”

12Allo stesso modo, nella descrizione dello scontro presso Old Meldrum in cui Bruce infligge una dura sconfitta ai nemici, Barbour commenta, con una certa ironia, la fortuna di chi riesce a cavarsela: quha had gud hors, gat best away (IX, 280; Whiting 1949, 191).9 Si tratta di una regola generale incontrovertibile: normalmente chi ha buoni mezzi a disposizione riesce a ottenere i migliori risultati (*quha has gud hors, gettis best away), ma in questo caso il valore figurato del detto si associa in senso letterale ai fatti contingenti, facendo riferimento alla realtà quotidiana del medioevo, nella quale un buon cavallo, per la sua robustezza o rapidità, poteva fare la differenza (nel caso specifico, in caso di fuga dalla battaglia).

13Infine, un esempio usato dal protagonista e riportato al discorso diretto indica la capacità di Bruce di usare i proverbi in maniera ironica o sarcastica: nel libro XI, in cui si descrive la fase iniziale della battaglia di Bannockburn, Bruce e James Douglas sono presentati mentre osservano la compagnia di Thomas Randolph, che a causa dell’avventatezza del suo comandante si trova impegnata in uno scontro difficile. Douglas propone di andare in aiuto del suo collega, ma il re lo ferma dicendogli:

  • 10   “Nostro Signore mi sia testimone [letteralmente: così mi veda Nostro Signore], / non muoverai un (...)

[…] Sa our Lord me se,
a fute till him thou sall nocht ga,
giff he weile dois lat him weile ta
(XI, 648-50; Whiting 1949, 159)10

  • 11   Beveridge (1924, 28) riporta la variante moderna Do weill & have weill (do well and have well in (...)

14adattando al contesto un proverbio chiaramente legato ai concetti di causa/effetto. Il proverbio scozzese antico doveva suonare quha weile dois, weile tais, “chi fa bene riceve il bene”, oppure do weile and ta weile, “fa’ bene e ricevi il bene”.11

2.2.2. Come citazione estesa

  • 12   “Di solito succede sempre così: / non ci si può fidare della gente del popolo.” Whiting rileva ch (...)

15Talora massime e proverbi sono citati per esteso e servono a commentare determinate situazioni narrative. È quanto accade nel libro II, laddove si racconta la fuga di Bruce e dei suoi nel Nord dopo il disastroso scontro di Methven; Barbour afferma che la compagnia dei fuggiaschi si nasconde e dispera talmente della propria sicurezza da essere restia a farsi vedere dalla gente del luogo per timore del tradimento: sa fayris it ay commounly: / in commownys may nane affy (II, 504; Whiting 1949, 150-51).12

16Nel libro IV si racconta come nell’estate 1306 gli inglesi riescano a forzare l’assedio al castello di Kildrummy grazie a un traditore, tale Osbern, che fa scoppiare un incendio all’interno del castello. L’incendio non tarda a essere scoperto, perché

  • 13   “[...] spesso si dice / che né fuoco né orgoglio / si possono nascondere senza che siano scoperti (...)

[…] men sayis oft that fyr na prid
but discovering may na man hid,
for the pomp oft the prid furth schawis
or ellis the gret boist that it blawis,
na thar may na man fyr sa covyr
than low or rek sall it discovyr.
(IV, 119-24; Whiting 1949, 167;
Apperson e Manser [1993] 2006, 201, 534)13

17L’occasione è illustrata per mezzo di un detto che ha per tema proprio il fuoco e che Harold Cordry (2005, 35, 163) associa ai campi concettuali di causa ed effetto e celamento/svelamento.Dopo la citazione del proverbio, introdotto dalla formula men sayis oft che lo identifica come tale, Barbour si dilunga a spiegarne analiticamente il contenuto e a illustrare le ragioni per cui sia l’orgoglio che il fuoco sono impossibili da nascondere.

  • 14   “Nessuno è più pronto a tradire / di un uomo nella cui lealtà si confida.”

18Nel libro V, mentre Bruce è nella contea di Carrick, il cavaliere scozzese Ingram di Umfraville, che combatte dalla parte degli inglesi, spinge un parente del re a cercare di avvicinarlo per poterlo tradire, confidando nel fatto che Bruce non nutrirà sospetti nei confronti di una persona a lui vicina. Barbour nota che sono proprio coloro di cui ci si fida quelli più portati a tradire, poiché nane may betreys tyttar than he / that man in trowis leawte (V, 531-32; Whiting 1951, 144).14

19Nel libro VII, invece, viene descritto un momento assai pericoloso per il protagonista in fuga. Bruce è in compagnia del suo fostir-brothir e incontra tre tipi che gli paiono sospetti; uno dei tre porta un montone ucciso sulle spalle. I tre uomini chiedono al re di potersi unire a lui, e Bruce acconsente, sia pure con una certa prudenza. Alla sera, il gruppo si accampa presso una fattoria, il montone viene arrostito e Bruce, che non mangia da molto tempo, ha la possibilità di rifocillarsi, ma ciò lo pone in difficoltà:

  • 15   “Quando le vene sono piene / ci si appesantisce, / e la pesantezza spinge al sonno.” Si confronta (...)

quhen the vanys fillyt ar
men worthys hevy evermar
and to slepe drawys hevynes.
(VII, 173-75; Whiting 1951, 148)15

20La pancia piena rende sonnolenti, Bruce invece vorrebbe evitare di dormire perché sospetta dei tre occasionali compagni di viaggio, ma sente comunque la necessità di un sonnellino, perciò prega il suo fostir-brothir di vegliare mentre egli riposa. I tre approfittano della situazione e attaccano Bruce e il suo compagno, riuscendo a uccidere quest’ultimo ma non il re, che anche durante il sonno era rimasto tanto vigile da reagire immediatamente al loro assalto.

  • 16   “[…] in fede mia, fatti spiacevoli possono accadere / domani come ieri.”

21La citazione di una massima, sentenza o proverbio non ha solo la funzione di commento, ma contemporaneamente può valere come prolessi e/o riassunto di quanto avverrà. Ad esempio, nel libro I, il poeta espone le ambizioni di Edoardo I riguardo alla Scozia, ma annuncia che a questo mondo […] unfayr thingis may fall perfay / als weill to-morn as yhisterday (I, 123-24; Whiting 1951, 143).16

  • 17   “Se Dio aiuta, che cosa può opporsi?” Whiting, Apperson e Manser ([1993] 2006, 235) citano una se (...)

22Poco più avanti, al momento di accingersi alla narrazione della lotta per la libertà di Robert Bruce e dei suoi, Barbour premette che la Scozia si trovava in una situazione disperata, ma quhar God helpys quhat may withstand (I, 456; Whiting 1949, 179);17 osservazione plausibilissima da parte di un poeta-ecclesiastico il cui compito era mostrare al pubblico che l’impresa di Bruce, per quanto senza speranza, era stata voluta e favorita da Dio; e certamente dietro a questo detto risuona la celebre espressione paolina si Deus nobiscum, quis contra nos (Rm 8,31).

23Sempre nel libro I, quando il re d’Inghilterra scopre, a causa del tradimento di John Comyn, il ‘patto’ stipulato tra Bruce e Comyn stesso per la conquista del trono scozzese e mette alle strette Bruce ingiungendogli di mostrargli il suo sigillo per verificare se coincide con l’impressione presente sulla lettera incriminata, quest’ultimo, con un colpo d’ingegno, riesce a escogitare un pretesto per allontanarsi momentaneamente e poi scappare. Nel momento in cui il protagonista corre il pericolo di essere arrestato, Barbour commenta, di fatto anticipando quanto poi verrà narrato, cioè la rocambolesca fuga di Bruce:

  • 18   “[…] spesso il giudizio degli sconsiderati è difettoso, / e tuttavia i piani dei saggi / non semp (...)

But oft failyeis the fulis thocht,
and wys mennys etlyng
cummys nocht ay to that ending
that thai think it sall cum to
(I, 582-85; Whiting 1951, 156)18

  • 19   “Perché Iddio sa bene quel che bisogna fare.”

24aggiungendo poi una coda molto eloquente, for God wate weill quhat is to do (II, 586).19

25Lo stesso concetto è ripetuto, più o meno con le stesse parole, all’inizio del libro XI, nel quale prende avvio la narrazione della battaglia di Bannockburn. Il poeta espone le premesse del grande scontro campale: quando Edward Bruce, fratello minore del re, promette al comandante del forte di Stirling, Philip Mowbray, di sospendere l’assedio fino al giorno di san Giovanni (24 giugno) del 1314, sir Mowbray riferisce i termini della tregua al re d’Inghilterra; Edoardo II e i suoi consiglieri ritengono tale promessa completamente folle, perché consente agli inglesi di organizzare per tempo il salvataggio della fortezza. Tuttavia, anticipa Barbour, non è detto che le cose vadano come ci si aspetta:

  • 20   “[…] spesso il giudizio degli sconsiderati è difettoso, / e nondimeno i saggi non sempre giungono (...)

[…] oft faillys the fulis thocht
and yeit wys mennys ay cummys nocht
to sic end as thai wene all-wayis.
(XI, 21-23; Whiting 1951, 156)20

  • 21“Spesso, come si dice, una piccola pietra / può far ribaltare un gran carro”; si confronta quasi a (...)

26A dispetto delle probabilità, infatti, può accadere che si verifichi la possibilità più remota, ovvero a litill stane oft, as men sayis, / may ger weltyr a mekyll wayn (XI, 24-25; Whiting 1951, 132; Apperson e Manser [1993] 2006: 345).21 Il proverbio è usato con funzione prolettica: Barbour suggerisce al suo lettore/ascoltatore l’esito della battaglia, ‘scavalcando’ la narrazione particolareggiata che ne verrà fatta nei libri XI-XIII in circa duemila versi: due forze impari si scontreranno, e il litill stane, cioè la piccola armata di Bruce, riuscirà a rovesciare il mekyll wayn, ovvero il poderoso esercito inglese. Il detto viene elucidato, nella sua natura di patrimonio comune della saggezza popolare, dall’inciso as men sayis. L’esito dello scontro di Bannockburn era ben noto all’uditorio di Barbour (la battaglia era avvenuta solo sessant’anni prima della stesura del poema): la prolessi ha la funzione di spezzare la tensione narrativa ma funge anche da commento sulla tattica impiegata nella battaglia (il piccolo esercito scozzese, traendo vantaggio dal terreno dello scontro, determinò la rotta dell’armata di Edoardo II, la cui possente forza d’impatto in quel determinato frangente si rivelò inutilizzabile, anzi dannosa).

27Sempre a proposito di intelligenza militare, nel libro V si descrive un’impresa del giovane James Douglas, il quale si reca in incognito presso il suo villaggio e insieme al fedele Tom Dickson mette insieme un piccolo gruppo di seguaci allo scopo di attaccare il castello tenuto dagli inglesi. Barbour commenta che l’impresa non era facile, ma venne ben concepita e gestita da James. Segue una vera e propria lode della capacità organizzativa, esplicitata per mezzo di un proverbio poi spiegato nel dettaglio:

  • 22   “Un buon inizio aiuta sempre, / perché un inizio buono e risoluto, / se lo si segue sagacemente, (...)

gud help is in gud begynnyng
for gud begynnyng and hardy
gyff it be folowit wittily
may ger oftsys unlikly thing
cum to full conabill ending.
(V, 262-66; Whiting 1949, 137)22

28Una variazione sul tema è presente nel libro IX, allorché il poeta commenta a posteriori alcune notevoli imprese militari di Edward Bruce:

  • 23   “Ah! Quanto spesso un’impresa ardita, compiuta senza preparazione / e portata a termine risolutam (...)

Lo! how hardyment tane sa sudandly
and drevyn to the end scharply
may ger oftsys unlikly thingis
cum to rycht fayr and gud endingis.
(IX, 637-40; Whiting 1949, 185)23

  • 24   “Io ritengo che la falsità / avrà sempre una conclusione sfavorevole e cattiva.” Il proverbio è a (...)

29Nel libro XV, durante il racconto della campagna irlandese di Edward Bruce, si parla delle fasi dell’assedio del castello di Carrickfergus nell’Irlanda nord-orientale. Qui, durante la settimana di Pasqua, viene proclamata una tregua, ma alcune navi cercano proditoriamente di forzare il blocco all’insaputa di Edward. La situazione si presenta assai pericolosa, ma il poeta lascia capire al lettore/ascoltatore che l’attacco non riuscirà, perché I trow falsat euirmar / sall haue vnfair and euill ending (XV, 122-23; Whiting 1949, 169).24

  • 25   “Certamente la falsità e l’inganno / faranno sempre una brutta fine.”

30Il commento, oltre ad anticipare il fallimento dell’attacco, stigmatizza la scorrettezza e la slealtà: azioni che nascano viziate dalla falsità non possono concludersi bene. Poco più avanti il poeta, dopo aver raccontato della resa del castello di Carrickfergus a Edward Bruce, ripeterà il concetto usando parole più o meno identiche: sekyrly falset and gyle / sall allwayis haif ane ivill ending (XV, 244-45; Whiting 1949, 185).25

2.3. Robert Bruce e il ‘parlar sentenzioso’

2.3.1. Caratterizzazione psicologica del protagonista

31Robert Bruce viene presentato come un abile stratega e un valoroso combattente, ma soprattutto come un uomo in sintonia col sentire del suo popolo. In quanto tale, egli esprime spesso saggezza pratica e buon senso, e ha l’abitudine di parlare in maniera sentenziosa, attraverso formule di carattere generale e frasi fatte, proiettando sul piano contingente verità o supposte verità universali. È significativo che egli parli così soprattutto in momenti particolarmente difficili o decisivi o in difesa della sua azione politico-militare.

  • 26   “Ora, io penso che chi si fida / del suo nemico un giorno se ne pentirà.” Si veda Henderson [1832 (...)
  • 27   “Non è il numero che fa la vittoria.” L’affermazione è un’eco di 1 Mac 3,19: non in multitudine e (...)

32Prima dello scontro presso Methven, il protagonista tiene un discorso ai suoi uomini, in cui li esorta a non fidarsi del nemico: Now I persave he that will trew / His fa, it sall hym sum-time rew (II, 329-30; Whiting 1949, 171).26 Subito dopo, valutando la sproporzione tra le forze in campo, egli sentenzia: multitud na mais victory (II, 333; Whiting 1951, 102).27

33Nel corso delle prime battaglie perdute, esorta i suoi uomini a non lasciarsi andare:

  • 28   “Poiché scoraggiarsi […] / è la cosa peggiore che vi possa essere; / se lo scoraggiamento è grand (...)

for disconford […]
is the werst thing that may be
for throu mekill discomforting
men fallis into disparing
and fra a man disparyt be
then utraly vencusyt is he
and fra the hart is discumfyt
the body is nocht worth a myt
(III, 191-98; Whiting 1949, 187).28

  • 29   Nel detto fra the hart is discumfyt / the body is nocht worth a myt si inserisce anche il modo di (...)

34Bruce dunque non solo mostra notevoli doti di empatia, ma si rivela anche un ottimo motivatore, facendo leva sul coraggio e sulle risorse morali dei suoi uomini.29

2.3.2. Il tema del rycht

  • 30   Si veda supra, nota 2.

35Nella caratterizzazione del personaggio di Bruce e nel racconto delle sue imprese si invocano spesso il diritto e la ragione. In effetti, nella verità storica, Bruce, che aveva preso il potere in maniera decisamente poco ortodossa, insistette fin dall’inizio sul diritto e legalità della sua pretesa,30 che Barbour riconferma nel poema, poiché la legittimità della pretesa di Bruce era anche alla base della legittimità della successione della famiglia Stewart. Il tema del rycht, perciò, è ricorrente e diventa l’oggetto di alcune enunciazioni sentenziose in momenti significativi.

36Nel primo libro si narra dell’accordo tra Bruce e John Comyn, nel quale si decide che uno dei due diventerà re con l’aiuto dell’altro, il quale a sua volta riceverà per ricompensa le proprietà di colui che sarà riuscito a diventare re. Bruce dice:

  • 31   “Io prenderò lietamente su di me questa condizione, / perché so che ne ho diritto, / e il diritto (...)

I will blythly apon me ta
the state, for I wate that I have rycht,
and rycht mayis oft the feble wycht.
(I, 508-10; Whiting 1951, 117)31

37Nel discorso motivazionale tenuto all’esercito prima dello scontro a Bannockburn, invece, illustrando le ragioni per cui è giusto battersi, il primo motivo addotto da Bruce è che Dio starà dalla parte degli scozzesi perché la ragione è dalla loro parte:

  • 32   “Abbiamo tre grandi vantaggi: / il primo è che abbiamo ragione, / e Dio sarà [letteralmente: comb (...)

We haff three gret avantagys
the fyrst is that we hayff the rycht
and for the rycht ay God will fycht […]
(XII, 234-36)32

38Il re continua affermando che gli altri due motivi per cui è giusto combattere sono la prospettiva di conquistarsi le ricchezze portate dall’esercito inglese e la difesa della propria libertà. Quest’ultimo tema in particolare doveva essere molto sentito nella politica estera dei primi anni di regno di Robert II, caratterizzata da maggiore aggressività verso l’Inghilterra rispetto all’atteggiamento pacifico e conciliante dell’ultimo periodo del regno di David II (Boardman 2015, 196).

2.4. Bruce nella lode dei nemici

  • 33   “La sorte aiuta gli uomini audaci.” Il proverbio si confronta col (deriva dal?) celebre esametro (...)
  • 34   “Fu audace nello spirito e nelle azioni [letteralmente: nel cuore e nella mano].”

39Nel poema diversi nemici esprimono nei loro discorsi una sincera ammirazione per Bruce. Un personaggio che nel testo assume un ruolo particolare è il cavaliere scozzese Ingram di Umfraville, che è schierato con gli inglesi e compare spesso come loro consigliere e interprete della mentalità e delle intenzioni dei suoi compatrioti scozzesi. Nel libro VI, commentando il fatto che Bruce, pur essendo inseguito e circondato da traditori, riesce costantemente a sfuggire a reiterati tentativi di cattura, Umfraville sentenzia: ure helpys hardy men (VI, 17; Whiting 1949, 172-73).33 La sua lode sottolinea apertamente una qualità umana e militare del protagonista annunciata fin dal prologo del poema, nel quale Barbour, esponendo i fatti e i personaggi di cui parlerà, dice di Bruce che wes hardy off hart and hand (I, 28).34

40Nel libro VII, invece, è il governatore inglese della Scozia, Aymer de Valence, che prende la parola per commentare la forza e la resistenza anche morale di Bruce:

  • 35   “Ora possiamo vedere chiaramente / che un cuore nobile, dovunque sia, / è difficile da sottomette (...)

Now we may clearly se
that nobill hart quharever it be
it is hard till ourcum throu maystri,
for quhane ane hart is rycht worthy
agayne stoutnes it is ay stoute.
(VII, 359-63; Whiting 1949, 187)35

2.5. James Douglas, Roberto III d’Artois e i Disticha Catonis

  • 36   Poco più avanti nel poema Barbour presenta la scena in cui il vescovo di St Andrews, divenuto pro (...)
  • 37   Per un inquadramento del personaggio e della situazione storica, si vedano Déprez 1902 e Favier 1 (...)

41Nel libro I, imbastendo la biografia di James Douglas, Barbour racconta che il futuro comandante, da ragazzo, dopo che suo padre era stato imprigionato dagli inglesi ed era morto, e le sue terre erano state espropriate e donate da Edoardo I al fedele Robert Clifford, si era recato a Parigi, dove aveva vissuto molto semplicemente; la sua disposizione al divertimento a volte lo aveva fatto mescolare a compagnie non proprio raccomandabili, ma così facendo aveva imparato come muoversi in ambienti diversi e (è sottinteso) a dissimulare.36 Lo stesso atteggiamento, afferma Barbour, che aveva tenuto il conte Roberto d’Artois. Il poeta non si sofferma a spiegare che cosa abbia fatto Roberto d’Artois poiché si trattava di una figura famosa della storia francese e inglese tra gli anni ’30 e ’40 del XIV secolo: Roberto, figlio di Filippo d’Artois e Bianca di Bretagna, rimase orfano di padre nel 1298, e alla morte del nonno, il conte Roberto II, deceduto nel 1302, non riuscì a ereditare la contea d’Artois che, secondo le leggi regionali correnti, era passata a Mahaut (Matilda), figlia maggiore del conte e zia di Roberto. Il giovane aristocratico fu ricompensato con possedimenti minori, ma cercò per tutta la vita di far valere le sue pretese. Ben tre processi gli diedero torto; al terzo, istruito dopo la morte della zia, Roberto produsse dei documenti che attestavano la legittimità della sua successione, ma che furono ben presto rivelati come falsi; questa scoperta comportò la condanna a morte del falsario, l’esproprio di tutti i beni e possedimenti di Roberto e l’espulsione di lui dal regno di Francia (1332), nonostante la parentela col re Filippo VI di Valois, di cui Roberto era cognato e per la cui successione si era schierato, diventandone per diverso tempo ascoltato consigliere. Dopo due anni di esilio, nel 1334 Roberto raggiunse l’Inghilterra, dove spinse il giovane Edoardo III a rivendicare la sua eredità riguardo al regno francese, dando così l’avvio alla guerra dei Cent’anni.37

  • 38   “Catone nella sua opera ci dice / che a volte fingere d’essere stupidi è cosa intelligente.”

42Barbour sembra assimilare la situazione di Douglas e quella di Roberto e riassume il loro modo di agire ricorrendo a una massima dei Disticha Catonis: [...] Catone sayis us in hys wryt / that to fenhye foly quhile is wyt (I, 343-44; Whiting 1949, 171).38

  • 39   “Sii stupido, quando le circostanze lo richiedono: / a volte fingere d’essere stupidi è atto di s (...)

43La citazione traduce il secondo esametro della massima 18, libro II: Insipiens esto, cum tempus postulat ipsum: / stultitiam simulare loco prudentia summa est (Boas 1952, 120);39 e non si può escludere che sottolineando il comportamento apparentemente frivolo di James Douglas e Roberto d’Artois, Barbour si sia preso la libertà di fornire, allusivamente, un’interpretazione politica della storia dei due personaggi e di ammonire i re in generale, e forse Robert II Stewart in particolare, riguardo ai rapporti tra il sovrano e i suoi vassalli, segnatamente in merito al riconoscimento di un’eredità considerata legittima. Douglas e Roberto infatti sono accomunati dall’esperienza del mancato riconoscimento della loro eredità e dalla conseguente ribellione nei confronti dei sovrani responsabili di aver negato loro quanto richiesto.

2.6. Poesia gnomica autonoma? Un esempio: la lode della leawté

  • 40   “Ah! La libertà è nobil cosa.”
  • 41   “La servitù è molto peggio della morte.”

44In loci particolarmente strategici del Bruce vengono esaltati quei concetti morali e/o sociali che costituiscono l’ossatura propagandistica e ideologica del poema, ovvero si elaborano versi o brani di contenuto gnomico dove il contesto lo richiede; nel libro I, ad esempio, illustrando la soggezione della Scozia al regno inglese, è espressa la celebre lode della libertà che esordisce col verso A! Fredome is a noble thing (I, 225);40 poco più avanti si stigmatizza lo stato di servitù, di cui si dice che thryldome is weill weir than deid (I, 269).41 Un altro esempio, meno noto ma significativo, è rappresentato dalla lode della lealtà, la più alta delle virtù secondo Barbour, così come viene formulata nel libro I, nella descrizione delle qualità umane e morali di James Douglas. Il poeta piega il versatile ottosillabo alla lapidaria astrattezza della gnome:

  • 42   “Con la virtù e la lealtà / un uomo può ancora avere qualità sufficienti, / ma senza lealtà nessu (...)

With vertu and leawté
a man may yeit sufficiand be,
and but leawté may nane haiff price
quhether he be wycht or he be wys
for quhar it failyeis na vertu
may be off price na off valu
to mak a man sa gud that he
may symply callyt gud man be.
(I, 367-74)42

45Come la lode sulla libertà indica uno dei punti chiave della politica stewartiana, ovvero l’indipendenza territoriale, l’insistenza sulla lealtà, che nel poema è incarnata nel personaggio di Douglas, non è casuale, ma rientra in quella serie di valori sociali e/o morali che Barbour intendeva trasmettere, nell’ottica del rinsaldamento dei rapporti tra la corona e l’aristocrazia scozzese promossa da Robert II, proprio perché tali rapporti erano stati alquanto agitati sia durante il regno di David II sia nei primissimi momenti di regno degli Stewart, e in particolare i Douglas avevano avuto un ruolo di primo piano nelle contestazioni a Robert II dei primi mesi del 1371 (si veda Boardman 1996, 40-45).

3. Osservazioni finali

46Nell’economia della narrazione gli usi dell’elemento gnomico sono diversificati: come rielaborazione mirata di un ipotesto nel tessuto narrativo, ma anche come citazione estesa che serve a commentare i fatti, spesso con effetti di prolessi, riassunto, esempio, allo scopo, di volta in volta, di distendere o interrompere la tensione narrativa o di veicolare un messaggio. Il caso della citazione-traduzione del distico catoniano è più complesso, giacché la massima paragona e riassume la storia di due figure eminenti nella politica nazionale e internazionale della prima metà del XIV secolo (la textual community of the realm doveva conoscere bene i due casi). Barbour indulge a riflessioni di carattere generale anche nei momenti di pausa e inserisce caratteristicamente l’elemento gnomico, oltre che nel flusso del racconto e nelle pause meditative, nei discorsi di alcuni personaggi, in particolare quelli del protagonista.

47L’enfasi è posta sulla protezione divina che aiuta chi porta avanti una causa giusta benché disperata, sulla forza del diritto, sull’imprevedibilità della sorte, sul fatto che spesso neanche i saggi sappiano prevedere tutte le conseguenze e che l’audacia e una buona strategia spesso riescano a volgere in proprio favore anche situazioni non facili e a sconfiggere un nemico ben più potente: elementi che sottolineano strategicamente la legittimità e la grandezza dell’impresa di Bruce e dei suoi. Non mancano poi l’esaltazione della forza d’animo, della libertà, della lealtà, del valor militare, l’orrore per lo stato di servitù e la condanna della slealtà e della scorrettezza, che sembrano chiamare (in)direttamente in causa la textual community of the realm degli anni ’70 del XIV secolo, a cui il poema era indirizzato.

48Le formulazioni sono per lo più di carattere generale e astratto ma, in forma figurata, possono richiamarsi all’esperienza della realtà quotidiana (quha had gud hors gat best away, a litill stane […] may ger weltyr a mekyll wayn). In alcuni casi è possibile ipotizzare un’origine da o interferenza di citazioni o espressioni proverbiali dell’antichità classica e post-classica o delle Sacre Scritture, che l’autore, ecclesiastico e uomo di cultura universitaria, sicuramente aveva familiari. Tale interferenza diventa esplicita nell’occasione in cui il poeta traduce, alludendo alla sua fonte, la massima II.18 dei Disticha Catonis, il che implica forse un occasionale intento didascalico da parte di Barbour.

Bibliographie

Amours, François Joseph, a cura di. 1903-14. The Original Chronicle of Andrew of Wyntoun. Printed on Parallel Pages from the Cottonian and the Wemyss MSS., with the Variants of the Other Texts. 6 voll. Edinburgh / London: Blackwood and Sons.

Apperson, George L., e Martin H. Manser. [1993] 2006. Dictionary of Proverbs. Ware: Wordsworth editions.

Barrow, Geoffrey W.S. 2005. Robert Bruce and the Community of the Realm of Scotland, quarta edizione. Edinburgh: Edinburgh University Press.

Bergen, Henry, a cura di. 1921-24. John Lydgate. The Fall of Princes. 4 voll. London: Oxford University Press (The Early English Text Society, 121-24).

Beveridge, Erskine, a cura di. 1924. Fergusson’s Scottish Proverbs from the Original Print of 1641. London / Glasgow: Blackwood and Sons.

Bitterling, Klaus. 1970. Der Wortschatz von Barbours Bruce. Berlin: Freie Universität.

Boardman, Stephen. 1996. The Early Stewart Kings: Robert II and Robert III, 1371-1406. East Linton: Tuckwell Press.

Boardman, Steve. 2015. “‘Thar nobill eldrys gret bounte’: The Bruce and Early Stewart Scotland.” In Boardman e Foran 2015a, 191-212.

Boardman, Steve, e Susan Foran, a cura di. 2015a. Barbour’s Bruce and Its Cultural Contexts. Politics, Chivalry and Literature in Late Medieval Scotland. Cambridge: Brewer.

— . 2015b. “Introduction: King Robert the Bruce’s Book.” In Boardman e Foran 2015a, 1-31.

Boas, Marcus, a cura di. 1952. Disticha Catonis. Opus post Marci Boas mortem edendum curavit Henricus Johannes Botschuyver. Amsterdam: North-Holland Publishing Company.

Cheviot, Andrew. 1896. Proverbs, Proverbial Expressions, and Popular Rhymes of Scotland. Paisley: Alexander Gardner.

Corbett, John, J. Derrick McClure, e Jane Stuart-Smith. 2003. “A Brief History of Scots.” In The Edinburgh Companion to Scots, a cura di John Corbett, J. Derrick McClure e Jane Stuart-Smith, 1-16. Edinburgh: Edinburgh University Press.

Cordry, Harold V. 2005. The Multicultural Dictionary of Proverbs. Jefferson, NC / London: McFarland & C.

Craigie, William A. et al., a cura di. 1937-2002. Dictionary of the Older Scottish Tongue. 12 vols. Chicago et al.: Chicago University Press et al. Versione elettronica in Dictionary of the Scots Language / Dictionar o the Scots Leid. www.dsl.ac.uk. Consultato il 30 giugno 2016.

Déprez, Eugène. 1902. Les Préliminaires de la guerre de Cent Ans. La Papauté, la France et l’Angleterre (1328-1342). Paris: Fontemoing.

Duncan, Archibald A.M., a cura di. 1997. John Barbour. The Bruce. Edinburgh: Canongate.

Ebin, Lois A. 1972. “John Barbour’s Bruce: Poetry, History, and Propaganda.” Studies in Scottish Literature 9, 4: 218-42.

Favier, Jean. 1980. La Guerre de Cent Ans. Paris: Fayard.

Goldstein, R. James. 1986. “‘Freedom Is a Noble Thing’: The Ideological Project of Barbour’s Bruce.” In Scottish Language and Literature, Medieval and Renaissance, a cura di Dietrich Strauss e Horst W. Drescher, 197-206. Frankfurt am Main et al.: Lang.

Henderson, Andrew. [1832] 1876. Scottish Proverbs. London: William Tegg & Co.

Hislop, Alexander. [1862] 1868. The Proverbs of Scotland, with Explanatory and Illustrative Notes and Glossary. Edinburgh: Livingstone.

Jones, Charles, a cura di. 1997. The Edinburgh History of the Scots Language. Edinburgh: Edinburgh University Press.

Kelly, James. 1818. A Complete Collection of Scottish Proverbs Explained and Made Intelligible to the English Reader. London: Rodwell & Martin.

Kurath, Hans et al., a cura di. 1954-2001. Middle English Dictionary. Ann Arbor: University of Michigan. Versione elettronica: http://quod.lib.umich.edu/m/med/. Consultato il 25 settembre 2014.

Macafee, Caroline, e Adam J. Aitken. 2002. A History of Scots to 1700. in Craigie et al. 1937-2002, vol. 12, xxix-clvii. Versione elettronica: http://www.dsl.ac.uk/about-scots/history-of-scots/. Consultato il 24 marzo 2015.

Mackenzie, William MacRae, a cura di. 1909. The Bruce by John Barbour, Archdeacon of Aberdeen. London: Adam and Charles Black.

McClure, J. Derrick. 1995. “Scottis, Inglis, Suddroun: Language Labels and Language Attitudes”. In J. Derrick McClure, Scots and Its Literature, 44-56. Amsterdam / Philadelphia: John Benjamins Publishing Company.

McDiarmid, Matthew P., e James A.C. Stevenson, a cura di. 1980-85. Barbour’s Bruce. 3 voll. Edinburgh: The Scottish Text Society.

Mieder, Wolfgang. 2004. Proverbs. A Handbook. Westport, CT / London: Greenwood Press.

Murison, David D. 1974. “Linguistic Relations in Medieval Scotland.” In The Scottish Tradition: Essays in Honour of Ronald Gordon Cant, a cura di Geoffrey W.S. Barrow, 71-83. Edinburgh: Scottish Academic Press.

Penman, Michael A. 2006. “Diffiniciones successionis ad regnum Scottorum. Royal Succession in Scotland in the Later Middle Ages.” In Making and Breaking the Rules: Succession in Medieval Europe, c. 1000-c. 1600. Proceedings of the Colloquium Held on 6, 7, 8 April 2006, a cura di Frédérique Lachaud e Michael Penman, 43-60. Turnhout: Brepols.

Pinkerton, John, a cura di. 1790. The Bruce; or, the History of Robert I. King of Scotland. Written in Scottish Verse by John Barbour. The First Genuine Edition. Published from a MS. dated 1489; with Notes and a Glossar. 3 voll. London: Nicol.

Reid, Norman. 2007. “Great Cause.” In: The Oxford Companion to Scottish History, a cura di Michael Lynch, 280-82. Oxford: Oxford University Press.

Robinson, Mairi, a cura di. 2005. Concise Scots Dictionary. Edinburgh: Edinburgh University Press.

Skeat, Walter W., a cura di. 1868. The Lay of Havelok the Dane. Composed in the Reign of Edward I, about A.D. 1280. London: Trübner & Co. (The Early English Text Society. Extra Series, 4).

—, a cura di. 1894. The Bruce; or, The Book of the Most Excellent and Noble Prince, Robert de Broyss, King of Scots: Compiled by Master John Barbour, Archdeacon of Aberdeen, A.D. 1375. Edited from MS. G.23 in the Library of St John’s College, Cambridge. Written A.D. 1487; Collated with the MS. in the Advocates’ Library at Edinburgh. Written A.D. 1489, and with Hart’s Edition, Printed A.D. 1616; with a Preface, Notes, and Glossarial Index. 2 voll. Edinburgh / London: Blackwood and Sons.

Smith, Jeremy J. 2012. Older Scots. A Linguistic Reader. Woodbridge: Boydell and Brewer.

Taggart, James H. 2004. The Historicity of Barbour’s Bruce. Tesi di dottorato, University of Glasgow.

van Heijnsbergen, Theo. 2015. “Scripting the National Past: A Textual Community of the Realm.” In Boardman e Foran 2015a, 75-99.

Väthjunker, Sonja. 1992. A Study of the Career of Sir James Douglas: the Historical Record versus Barbour’s Bruce. Tesi di dottorato, University of Aberdeen.

Verwijs, Eelco, e Jacob Verdam. 1885-1941. Middelnederlandsch Woordenboek. 11 voll. ’s- Gravenhage: Nijhoff. Versione elettronica (MNW online) in De geïntegreerde Taalbank van het Instituut voor de Nederlandse Lexicologie. http://gtb.inl.nl/. Consultato il 30 agosto 2016.

Whiting, Bartlett Jere. 1949. “Proverbs and Proverbial Sayings From Scottish Writings Before 1600. Part One A-L.” Mediaeval Studies 11: 123-205.

— 1951. “Proverbs and Proverbial Sayings From Scottish Writings Before 1600. Part Two M-Y.” Mediaeval Studies 13: 87-164.

Wingfield, Emily. 2015. “The Manuscript and Print Contexts of Barbour’s Bruce.” In Boardman e Foran 2015a, 33-50.

Notes

1   Secondo Macafee e Aitken (2002) è difficile stabilire se il cosiddetto Scots discenda dal dialetto inglese antico parlato dagli angli stabilitisi nella Scozia meridionale a partire dal VII sec. d.C. (che comunque ha lasciato pochissime tracce riconoscibili: l’iscrizione runica contenente un frammento del poema Il sogno della croce, elementi della toponomastica) o dall’inglese medio del Nord, ricco di scandinavismi e francesismi, introdotto nel corso del XII secolo da feudatari e coloni di origine inglese, o da una sovrapposizione dei due strati. Questo dialetto, a partire dalla prima metà del XII secolo, fu la lingua franca con cui, specialmente nelle città, comunicavano i sudditi del re degli scozzesi, che appartenevano a lingue e culture differenti, e gli immigrati inglesi, francesi, tedeschi e fiamminghi che si erano stabiliti in Scozia per motivi commerciali; è testimoniato inizialmente sotto forma di toponimi, appellativi isolati e parole latinizzate nei testi redatti in latino, mentre una prima consistente testimonianza lessicale è data dalle glosse allo Scone Lease (c. 1350-60) e la prima opera letteraria è proprio il Bruce. Per un’introduzione alla storia dello Scots, oltre ai contributi in Jones 1997 e al dettagliato Macafee e Aitken 2002, si vedano anche CSD (= Robinson 2005), vi-xvi (testo di A.J. Aitken), e Corbett, McClure e Stuart-Smith 2003, 1-16; sul plurilinguismo nella Scozia medievale e la diffusione dello Scots, il classico Murison 1974; sulle denominazioni usate per questa lingua, McClure 1995. Un’ottima storia testuale dell’Older Scots (c. 1375-1700), con testi raggruppati secondo il criterio tipologico, è Smith 2012.

2   Le circostanze politiche delle guerre anglo-scozzesi del 1296-1328 possono essere sommariamente riassunte in questi termini: nel 1286 era morto improvvisamente il re Alessandro III, il quale non aveva eredi viventi se non la nipote Margherita di Norvegia, all’epoca una bambina di pochi anni. Tra il 1286 e il 1290 la Scozia fu governata da un collegio di reggenti, ma alla morte di Margherita nel 1290 il problema della successione si riaprì drammaticamente, poiché numerosi candidati avanzarono la loro pretesa al trono sulla base della loro discendenza dalla casa di Dunkeld. I candidati più qualificati erano il conte di Galloway, John Balliol, nipote della prima figlia del conte David di Huntingdon, fratello minore del re Guglielmo I (‘il Leone’, 1143-1214), e Robert V Bruce di Annandale, figlio della seconda figlia del conte. I reggenti furono costretti a istruire una causa giudiziaria per l’assegnazione del trono e chiamarono quale giudice supremo Edoardo I d’Inghilterra, il quale ne approfittò per portare a compimento il suo scopo di stabilire la propria signoria feudale sulla Scozia. Nel novembre 1292 la causa si chiuse con l’assegnazione del trono a John Balliol (per un’introduzione alle vicende della cosiddetta Great Cause, si vedano Penman 2006 e Reid 2007). Robert Bruce, nipote del candidato perdente nella causa del 1290-92, venne alla ribalta sulla scena politica scozzese circa dieci anni dopo, in un contesto in cui re Balliol era stato catturato e deposto dagli inglesi in seguito all’invasione della primavera-estate 1296 e la Scozia per un decennio aveva dovuto sottostare alla signoria feudale di Edoardo I. Bruce fu autore di un vero e proprio colpo di mano nel febbraio-marzo 1306: dopo l’assassinio, probabilmente non pianificato, del suo grande rivale John Comyn presso la chiesa dei frati minori di Dumfries (6 febbraio 1306), fu inaugurato re degli scozzesi con l’appoggio dei rappresentanti della Chiesa. Negli anni successivi, 1306-14, grazie anche a una strategia militare non convenzionale, Bruce riuscì a piegare i nemici interni e neutralizzare l’esercizio dell’autorità dei governanti inglesi, fino alla decisiva battaglia di Bannockburn (1314), dopo la quale perseguì una intensa attività diplomatica a livello internazionale per vedere se stesso e i suoi discendenti riconosciuti come legittimi re degli scozzesi. Sulla vita e l’azione politico-militare di Bruce, un testo fondamentale di riferimento e orientamento è Barrow 2005; un dettagliato confronto tra le informazioni sulla vita e la carriera di Douglas così come compaiono nelle fonti storiche e quelle fornite nel poema di John Barbour è in Väthjunker 1992.

3   Robert II Stewart (1316-90), figlio della figlia di Bruce, Marjorie, e di Walter VI Stewart, succedette a David II Bruce (1324-71), fratello consanguineo di sua madre, morto senza discendenza.

4   Recentemente James H. Taggart ha confrontato le informazioni fornite nel poema con quelle riportate in fonti storiche e documentarie coeve, costituendo una scala graduale di attendibilità (fatto “non plausibile”, “plausibile”, “altamente plausibile”, “non supportato”, “supportato debolmente”, “supportato”, “confermato”, “fortemente confermato”) e dimostrando la storicità del poema (Taggart 2004, 67).

5   Si vedano, tra gli altri, Ebin 1972; Goldstein 1986; Boardman e Foran 2015b; e gli altri contributi in Boardman e Foran 2015a.

6   Per una definizione di ‘proverbio’, si veda Mieder 2004, 2-9. Mieder sottolinea come caratteristiche del proverbio 1) la brevità; 2) la diffusione; 3) l’argomento, che riguarda soprattutto massime di saggezza, verità generali e contenuti morali; 4) la forma, spesso metaforica o figurata, fissa, memorizzabile in quanto per lo più breve e costruita tramite ben precise procedure retoriche; 5) il fatto che sia trasmesso di generazione in generazione. Nello studio dei proverbi antichi e medievali, testimoniati esclusivamente attraverso fonti scritte più o meno ampie, l’analisi dei fattori diffusione e trasmissione nel tempo non può essere condotta in modo soddisfacente, benché un approccio storico-comparativo (confronto con proverbi di altre aree linguistico-culturali o della stessa area in diversi periodi storici) possa contribuire a ricostruirne le vicende.

7   Per ‘massima’ si intenderà una enunciazione breve, di carattere generale e astratto, che esprime un giudizio tratto dall’esperienza pratica.

8 “Ed essi lo mangiarono [il cibo] davvero molto volentieri, / e per esso non cercarono altro condimento / se non l’appetito, come spesso prende le persone, / poiché i loro stomaci erano proprio vuoti.” Si vedano le varianti registrate in Hislop [1862] 1868, 158: Hunger’s gude kitchen, e Henderson [1832] 1876, 34: Hunger is good kitchen-meat.

9   “Chi aveva buoni cavalli ne uscì meglio.”

10   “Nostro Signore mi sia testimone [letteralmente: così mi veda Nostro Signore], / non muoverai un passo verso di lui: / se fa bene, lascia che gliene venga bene [letteralmente: che prenda, riceva bene].”

11   Beveridge (1924, 28) riporta la variante moderna Do weill & have weill (do well and have well in Kelly 1818, 56).

12   “Di solito succede sempre così: / non ci si può fidare della gente del popolo.” Whiting rileva che detti simili sono attestati in Scozia nel XVI secolo e si riscontrano in inglese medio tardo ad es. in Lydgate (The Fall of Princes: In trust off comouns is no perseuerance, “nell’affidabilità della gente del popolo non vi è costanza”, si veda Bergen 1921-24, III, 390).

13   “[...] spesso si dice / che né fuoco né orgoglio / si possono nascondere senza che siano scoperti: / perché spesso la pompa mostra l’orgoglio / o altrimenti l’arroganza che si presenta pomposamente; / né nessuno può celare il fuoco / senza che la fiamma o il fumo lo rivelino.”

14   “Nessuno è più pronto a tradire / di un uomo nella cui lealtà si confida.”

15   “Quando le vene sono piene / ci si appesantisce, / e la pesantezza spinge al sonno.” Si confronta con Modern Scots When the wame’s fu’ the banes wad be at rest “quando la pancia è piena le ossa vorrebbero riposare” (Henderson [1832] 1876, 92; Cheviot 1896, 396) e con il proverbio latino Venter plenus somnum parit “la pancia piena genera il sonno”. È probabile che la vicinanza fonetica e l’appartenenza a uno stesso campo concettuale di wan(e), van(e) ‘vena’ (DOST, s.v. “van(e, vain(e, wan(e, vayn(e, waine, wayn(e, vene, vein, veyne, wen-”), e wam(e) ‘stomaco, pancia’ (DOST, s.v. “wam(e, vam(e, wamb(e, waym(e, waymb, vaime, womb(e, voyme, vomb(e, voym(e, vom(b)e, uombe, wemb, weym(e, veym, weeme, wime, wimb(e, wyme, wymb, vym(b)e”) abbiano dato origine a due varianti del proverbio.

16   “[…] in fede mia, fatti spiacevoli possono accadere / domani come ieri.”

17   “Se Dio aiuta, che cosa può opporsi?” Whiting, Apperson e Manser ([1993] 2006, 235) citano una serie di occorrenze di questo detto anche in inglese medio (ad esempio in Havelok il danese I, 648: Þer god wile helpen, nouth no dereth “laddove Dio aiuterà, niente potrà nuocere [letteralmente: niente nuoce]”, Skeat 1868, 20).

18   “[…] spesso il giudizio degli sconsiderati è difettoso, / e tuttavia i piani dei saggi / non sempre vanno a finire / così come essi pensano che debba andare.”

19   “Perché Iddio sa bene quel che bisogna fare.”

20   “[…] spesso il giudizio degli sconsiderati è difettoso, / e nondimeno i saggi non sempre giungono alla conclusione / che hanno concepito [letteralmente: così come essi pensano].”

21 “Spesso, come si dice, una piccola pietra / può far ribaltare un gran carro”; si confronta quasi alla lettera con il proverbio inglese moderno “A little stone overturns (may overturn) a great cart”.

22   “Un buon inizio aiuta sempre, / perché un inizio buono e risoluto, / se lo si segue sagacemente, / fa sì che spesso imprese con poca speranza di successo / giungano a giusta conclusione.” Henderson ([1832] 1876, 95) e Hislop ([1862] 1868, 24) registrano il detto A gude beginning maks a gude ending (anche in Kelly 1818, 31, ma in inglese).

23   “Ah! Quanto spesso un’impresa ardita, compiuta senza preparazione / e portata a termine risolutamente, / può far sì che imprese improbabili / giungano a una veramente giusta e buona conclusione [letteralmente: giuste e buone conclusioni]!”

24   “Io ritengo che la falsità / avrà sempre una conclusione sfavorevole e cattiva.” Il proverbio è attestato più volte anche in Middle Scots, e nella sua forma in Modern Scots è citato in Beveridge 1924, 32; Cheviot 1896, 103; Hislop [1862] 1868, 95: falshood made never a fair hinder end; faus(e)hood maks ne’er a fair hinder-end.

25   “Certamente la falsità e l’inganno / faranno sempre una brutta fine.”

26   “Ora, io penso che chi si fida / del suo nemico un giorno se ne pentirà.” Si veda Henderson [1832] 1876, 7: Ne’er trust muckle to an auld enemy, nor to a new friend; anglicizzato in Kelly 1818, 165.

27   “Non è il numero che fa la vittoria.” L’affermazione è un’eco di 1 Mac 3,19: non in multitudine exercitus victoria belli.

28   “Poiché scoraggiarsi […] / è la cosa peggiore che vi possa essere; / se lo scoraggiamento è grande / si cade nella disperazione / e quando un uomo è disperato, / allora è definitivamente sconfitto; / e quando il cuore è sconfortato / il corpo non vale un soldo bucato [letteralmente: non vale un myt].”

29   Nel detto fra the hart is discumfyt / the body is nocht worth a myt si inserisce anche il modo di dire to be nocht worth a myt “non valere un myt”. Il myt(e) o mite (si veda DOST s.v.) era una monetina di rame del valore di un terzo di soldo, originariamente fiamminga ma il cui impiego si era diffuso nel corso del XIV secolo anche nelle Isole Britanniche e nella Germania del Nord, assai frequentate dagli artigiani e dai mercanti provenienti dalle Fiandre. L’uso figurato, già noto nel nederlandese medio niet ene mite “un bel niente” (MNW online [= Verwijs e Verdam 1885-1941], s.v. “mite III”), è attestato dalla fine del XIV secolo anche nell’inglese medio, in una serie di espressioni come not worth a mite, not worth two mites “non valere un soldo bucato”, availen not a mite “non servire a un bel niente”, counten not at a mite “non considerare minimamente” (MED [= Kurath et al. 1954-2001], s.v. “mīte n. 2”).

30   Si veda supra, nota 2.

31   “Io prenderò lietamente su di me questa condizione, / perché so che ne ho diritto, / e il diritto rende i deboli forti.” Il passo è ripreso nella Cronykill di Andrew di Wyntoun (vv. 2797-98; Amours 1903-14, V, 355).

32   “Abbiamo tre grandi vantaggi: / il primo è che abbiamo ragione, / e Dio sarà [letteralmente: combatterà] sempre dalla parte della ragione.”

33   “La sorte aiuta gli uomini audaci.” Il proverbio si confronta col (deriva dal?) celebre esametro virgiliano incompleto Audentis fortuna iuvat (Eneide, X, 284). Apperson e Manser ([1993] 2006, 216) rilevano che varianti di questo detto sono presenti in inglese medio (p. es. in Chaucer, Legend of Good Women, Lucretia, v. 94: hap helpeth hardy man alday, “la sorte aiuta sempre l’uomo audace”); Alexander Montgomerie (XVI sec.) testimonia la variante in Middle Scots fortune helps the hardie ay, and pultrones plaine repellis “la fortuna aiuta sempre gli audaci e respinge semplicemente i vili” (DOST, s.v. “pultroun”), che prosegue nel Modern Scots fortune helps the hardy (Hislop [1862] 1868, 99) e fortune helps the hardy(s) ay (and [the] pultroon[s] ay repels) (Henderson [1832] 1876, 8; Kelly 1818, 63).

34   “Fu audace nello spirito e nelle azioni [letteralmente: nel cuore e nella mano].”

35   “Ora possiamo vedere chiaramente / che un cuore nobile, dovunque sia, / è difficile da sottomettere per mezzo della forza; / poiché, quando un cuore è davvero valente, / è sempre forte contro la forza.”

36   Poco più avanti nel poema Barbour presenta la scena in cui il vescovo di St Andrews, divenuto protettore del giovane Douglas, chiede al re d’Inghilterra di restituire al suo pupillo le terre espropriate; Edoardo I risponde con un terribile scoppio d’ira e si rifiuta di restituire proprietà tolte a un suo irriducibile nemico.

37   Per un inquadramento del personaggio e della situazione storica, si vedano Déprez 1902 e Favier 1980. Al re di Francia Filippo IV il Bello (1285-1314) succedettero sul trono i figli Luigi X il Litigioso (1314-16) (il cui figlio, Giovanni I il Postumo, nato dopo la morte del padre, visse e fu re di Francia per cinque giorni soltanto), quindi Filippo V (1316-22) e Carlo IV (1322-28), che a loro volta non lasciarono figli maschi. Pertanto, alla morte di Carlo IV, il trono fu offerto al cugino di Filippo il Bello, Filippo VI di Valois. Qualche anno più tardi, tuttavia, il re d’Inghilterra Edoardo III Plantageneto (1327-77), in quanto figlio di Isabella, figlia di Filippo il Bello e sorella di Luigi X, Filippo V e Carlo IV, avanzò le sue pretese sul trono francese, sobillato anche da Roberto d’Artois, che dopo essere stato esiliato dalla Francia cercava vendetta contro Filippo VI.

38   “Catone nella sua opera ci dice / che a volte fingere d’essere stupidi è cosa intelligente.”

39   “Sii stupido, quando le circostanze lo richiedono: / a volte fingere d’essere stupidi è atto di somma intelligenza.”

40   “Ah! La libertà è nobil cosa.”

41   “La servitù è molto peggio della morte.”

42   “Con la virtù e la lealtà / un uomo può ancora avere qualità sufficienti, / ma senza lealtà nessuno ha pregio, / quand’anche sia valoroso o saggio, / perché laddove venga meno la lealtà, nessuna virtù / può essere stimata e considerata / tale da rendere un uomo degno di tal nome [letteralmente: nessuna virtù può essere di pregio e valore tanto da rendere un uomo così buono che possa essere chiamato semplicemente un uomo buono].” Gud non fa riferimento semplicemente alla bontà morale, ma esprime il pieno possesso di una serie di qualità che rendono un uomo tale e che sono elencate nel passo: la lealtà innanzitutto, la virtù, il valore e la saggezza.

Auteur

Università di Catania, sede di Ragusa

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search