Version classiqueVersion mobile

La tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali

 | 
Marina Cometta
, 
Elena Di Venosa
, 
Andrea Meregalli
, 
et al.

Riflessioni gnomiche in The Wife’s Lament

Gnomic Reflections in The Wife’s Lament

Concetta Sipione

Résumé

As it is now widely recognised, The Wife’s Lament, one of the most intriguing and enigmatic Old English poems, is based on a female speaker uttering her grief for the absence of her loved one. Partly due to its grammatical ambiguities and the unclear chronology of events, many passages of the poem remain obscure and defy a shared understanding. The interpretation of the final lines (42-53) has frequently been a matter of passionate debate: some scholars believe they contain a curse against the man who deserted the woman; but they should rather be considered as a series of gnomic reflections on the need to endure distress and unhappiness with stoic resignation. The essay examines the structural and lexical features of the concluding lines of the poem, comparing them with analogues from other Old English texts; the final considerations show the coherence of those lines in relation to the poem as a whole.

Texte intégral

1. Introduzione1

  • 1   Desidero ringraziare Carla Riviello per le sue osservazioni a una precedente redazione di questo (...)
  • 2   Contenuto nel codice di Exeter (Exeter, Cathedral Library, 3501, foll. 115r-v) tra la prima serie (...)
  • 3   L’edizione seguita per i testi poetici anglosassoni è Krapp e Dobbie [1931-53] 1961; nella tratta (...)

1Considerato come uno dei più stimolanti ed enigmatici componimenti poetici anglosassoni, The Wife’s Lament2 (WL) ha da sempre esercitato un forte richiamo sugli studiosi e originato una messe considerevole di letteratura critica. Delle numerose questioni ancora aperte vorrei occuparmi in questo contributo del finale (versi 42-52a)3 e proporne una mia interpretazione, innanzitutto concentrandomi sull’analisi delle caratteristiche strutturali e lessicali del passo, che si presta, per la sua sintassi contorta e l’indeterminatezza di alcune formulazioni, a letture assai discordanti, e poi prenderne in esame il significato per il poema nel suo complesso. Anche se il WL è ben noto agli specialisti, è opportuno esporne qui brevemente il contenuto.

  • 4   Questa etichetta, sotto cui sono raggruppati testi poetici piuttosto eterogenei che hanno in comu (...)
  • 5   Come è noto, i primi editori del WL non riconobbero il genere femminile della voce narrante, che (...)
  • 6   Problematica risulta la lettura del WL anche per la mancanza di una stringente consequenzialità n (...)
  • 7   Diverse ipotesi sull’uso di folgað in questo contesto in Wentersdorf 1981, 496-98; in Deor 38 ric (...)
  • 8   Ispirate anche dall’insolita e tetra collocazione geografica della protagonista sono alcune delle (...)

2In un esordio convenzionale, tipico delle ‘elegie’ anglosassoni,4 un personaggio femminile, come le desinenze nei primissimi versi dimostrano,5 lamenta le sofferenze provate durante la sua esistenza. Comincia l’enucleazione di una serie di eventi, apparentemente ordinati, la cui cronologia è però difficile da ricostruire:6 dapprima la partenza del marito, per ragioni non specificate, poi la partenza della donna per andare alla ricerca di un folgað,7 un “seguito” o un “servizio” presso un signore, dovuta forse alle trame oscure dei parenti del marito, infine l’esilio della donna in un luogo isolato, una caverna o una dimora sotterranea all’interno di un bosco.8 La protagonista afferma di avere scoperto che l’uomo in realtà dissimulava le sue afflizioni dietro un contegno gioioso e ritiene che le promesse strette un tempo con l’amato siano ormai infrante. Nel suo esilio rimugina sulle sue sofferenze e prova nostalgia e acuto desiderio per l’assenza del marito.

3Dal breve sunto ho volutamente tralasciato ogni accenno alla parte finale, che sarà oggetto delle mie considerazioni nei paragrafi successivi.

2. Due ‘scuole di pensiero’ e l’identità del geong mon

4Sull’interpretazione dei versi 42-52a del WL esistono opinioni diverse che, semplificando, possono essere ricondotte essenzialmente a due ‘scuole di pensiero’ contrapposte; la prima sostiene una interpretazione ‘rancorosa’, mentre l’altra propone una lettura ‘empatica’ del testo (“the ‘genteel’ versus the ‘vindictive’ school”; Niles 2003, 1115). Riporto qui i versi in questione insieme a una traduzione letterale, ‘provvisoria’, del testo anglosassone (una versione più ‘accurata’ sarà presentata come esito delle mie considerazioni):

  • 9   “Sempre un giovane (uomo) deve essere di animo triste, / duro il pensiero del cuore, allo stesso (...)

A scyle geong mon wesan geomormod,
heard heortan geþoht, swylce habban sceal
bliþe gebæro, eac þon breostceare,
sinsorgna gedreag, sy æt him sylfum gelong
eal his worulde wyn, sy ful wide fah
feorres folclondes, þæt min freond siteð
under stanhliþe storme behrimed,
wine werigmod wætre beflowen
on dreorsele. Dreogeð se min wine
micle modceare; he gemon to oft
wynlicran wic. Wa bið þam þe sceal
of langoþe leofes abidan.
(WL 42-53)9

5Nella versione ‘empatica’ i versi finali conterrebbero una prolungata riflessione sul comportamento più consono per un geong mon (WL 42a), un “giovane (uomo)”, che deve essere grave e fermo nelle intenzioni, pur manifestando, nonostante le afflizioni e le preoccupazioni, un contegno lieto. La protagonista rivolgerebbe poi il pensiero al min freond (47b), “il mio amico”, cioè all’uomo amato, che immagina trovarsi in una situazione di isolamento e sofferenza, analoga al suo stato attuale.

6Secondo la versione ‘rancorosa’, la sezione finale del WL conterrebbe, invece, una maledizione nei confronti dell’uomo responsabile della sofferenza della donna. Afferma Niles (2003, 1116): “According to the […] ‘vindictive’ view, the woman speaks a curse. With bitter but unbroken spirit, she heartily wishes that her husband were just miserable as she is, and she visualizes him suffering thus in some future time.”

7In realtà, se si analizzano attentamente i versi riportati sopra, la vera e propria maledizione nei confronti del marito può essere individuata ai versi 47b-52a, che esordiscono con l’espressione min freond (47b), generalmente identificato con il marito della donna, al quale ella augurerebbe di trovarsi, in futuro, in condizioni climatiche e sociali avverse, proprio come quelle in cui la protagonista è attualmente costretta a vivere. Mal si conciliano, però, i precedenti versi 42-47a, che contengono una serie di considerazioni incentrate sulla figura del geong mon, con la maledizione rivolta contro il marito. Solitamente, studiosi e traduttori si sono trovati dinanzi alla difficoltà di armonizzare il riferimento al geong mon con il min freond dei versi successivi.

8Per esemplificare concretamente le mie riserve riporto qui due traduzioni moderne dei versi in esame, a cura, rispettivamente, di Sanesi (1975, 103) e Raffel e Olsen (1998, 15), entrambi sostenitori di una lettura ‘rancorosa’ delle parole della donna (corsivo mio):

Sia sempre triste l’animo di quel giovane,
e amari i suoi pensieri; per quanto lieto il suo volto,
possa provare il peso dell’angoscia, l’atroce tormento
di un continuo dolore. E la sua gioia mondana
sia disprezzata ovunque, ed egli stesso sia
esiliato in paesi lontani; perché il mio amante, il mio
sconsolato signore sta sotto dirupi di roccia,
e lo copre il nevischio di forti bufere, le acque lo circondano
in luoghi dolorosi. Il mio signore soffre,
gli affanni lo tormentano, ché troppo spesso ricorda
una dimora più lieta. Amare pene pesano
su chi inutilmente si strugge per il suo amore lontano.

May that man be always bent with misery,
With calloused thoughts; may he have to cling
To laughter and smile when sorrow is clamoring
Wild for his blood; let him win his pleasures
Unfriended, alone; force him out
Into distant lands – as my lover dwells
In the shade of rocks the storm has frosted,
My downhearted lover, in a desolate hall
Lapped by floods. His suffering drowns him:
How can he smother swelling memories
Of a better place? There are few things more bitter
Then awaiting a love who is lost to hope.

9Entrambi i traduttori individuano nel geong mon una persona diversa dal min freond, e le loro interpretazioni alludono così alla presenza di un terzo personaggio, di cui non si ha, tuttavia, alcun riscontro nel testo originale.

  • 10   Cfr. Lawrence 1908, 389; Greenfield 1953, 911; Wentersdorf 1981, 515; Leslie [1961] 1988, 57; Nil (...)
  • 11   Si vedano anche le traduzioni sopra riportate a cura, rispettivamente, di Sanesi, e Raffel e Olse (...)

10Molto controversa è l’identità del geong mon: nella maggior parte dei casi gli studiosi vi hanno letto un riferimento di tipo generalizzante (“un giovane (uomo) / una persona giovane”) e di carattere universale;10 tale interpretazione ha il vantaggio di armonizzarsi con il tono gnomico delle frasi seguenti (si veda infra); Malone (1962, 115), Greenfield (1953, 911; 1966, 168) e Kinch (2006, 145) individuano nel geong mon il marito della donna, mentre Straus (1981, 277) vi legge, anche se non in maniera esclusiva, un possibile riferimento all’uomo che l’ha abbandonata (più in dettaglio di seguito). Meno probabile risulta l’ipotesi di intendere con geong mon un terzo personaggio, responsabile della separazione della coppia, del quale, come si è detto, non si trova traccia nel plot (Ward 1960, 32).11

11Sulla scia di Schücking (1906, 445), che individuava nel geong mon il protagonista maschile (!) del poema, Pope e Fulk (2001, 127-28) lo identificano con il female speaker, dal momento che “the ‘geong mon’ in question can be any young person at all, whether male or female […] the Old English noun mon or mann [sic] is not gender-specific when used in a gnomic sense” (Niles 2003, 1144). Di recente, infine, Lee (2007, 186-87) ha proposto di identificare il geong mon con il poeta o con lo scop che ha assunto, nella prima parte della performance, l’identità fittizia del female speaker:

  • 12   Per maggiori dettagli si veda il resoconto, con indicazioni bibliografiche, di Klinck [1992] 2001 (...)

My belief is that the allusions to a third person – ‘geong mon’ […] ‘min freond’ […], ‘min wine’ […], and ‘he’ […] – all refer to that very person who has so far uttered the lament […]. The minstrel, up to the end of line 41, has recited the lament of a fictional speaker […] and so far the assumed voice has been that of a woman. But from line 42, which begins with a fresh twang of his harp, the minstrel (or the poet) sings in his own voice: the speaker of the concluding lines (lines 42-53) is not the fictional person in mourning but the poet himself.12

12Particolarmente significative sono le riflessioni di Greenfield (1953, 911) che, in un valido saggio sul WL, pur sostenendo l’interpretazione dei versi finali come “a milder form of curse” (1953, 907) da parte della donna contro il marito, è conscio dell’incongruenza generata dall’inconciliabilità tra l’identità indefinita del geong mon e il riferimento, nei versi successivi, al min freond, e tiene a precisare che “the use of the optative in ll. 42-47a is significant, and [I] take this portion as a curse; but it is not a curse on a third party […] the wife here uses an impersonal expression to convey the complex feelings she has about her husband” (Ibid.). Successivamente, in due diverse occasioni, Greenfield (1966, 165-69; Greenfield e Calder 1986, 292-94, 301) rivedrà le sue posizioni, respingendo la versione ‘rancorosa’ in favore di quella ‘empatica’.

  • 13   “If the speaker’s earlier description of her own situation is a series of assertions whose illocu (...)

13Per un rapido sommario delle posizioni relative a questa interpretazione del WL rimando a Klinck ([1992] 2001, 185-86) e Niles (2003, 1118-19), mi limiterò qui a presentare solo alcuni dei più recenti e originali contributi alla questione. Per Straus (1981) la donna, descritta generalmente come passiva e rassegnata, attraverso le sue parole e il suo racconto compie atti linguistici che, di fatto, equivalgono ad azioni vere e proprie. Così, anche la parte finale del poema, concepita come una maledizione nei confronti del marito che l’ha abbandonata, costituisce una vera e propria vendetta, realizzata tramite il compimento di un atto linguistico.13 La studiosa non pone specificamente la questione della distinzione o meno dell’identità del geong mon, affermando che la vendetta della donna sarebbe rivolta in maniera indifferente all’uomo (il marito) o, più in generale, agli uomini che le hanno inflitto sofferenza (Straus 1981, 227-28). Nell’interpretazione di Chance (1986, 93) la protagonista è una sorta di anti-scop che lancia una maledizione contro il suo ‘signore’ e marito, colpevole di averla lasciata, piuttosto che celebrarlo con un poema di elogio. La studiosa non si sofferma sul problema dell’identità del geong mon.

  • 14   “The personal pronoun ‘he’ in its various inflected forms in the first sentences of my paraphrase (...)

14Molto più articolate sono invece le argomentazioni addotte da Niles (2003). Lo studioso ammette che le forme sceal (43) e bið (52) hanno funzione e valore gnomico, mentre per scyle (42), di cui rileva la sostanziale ambiguità, tende a escludere un senso di obbligo morale. In questo caso, con l’espressione a scyle geong mon / wesan geomormod, il female speaker potrebbe benissimo auspicare un destino di sofferenza per quelle persone – essenzialmente rappresentanti del genere maschile – che si comportano come il marito (Niles 2003, 1113-14). Nella parafrasi proposta i versi 42-43a sono resi: “Ever may a young person [of that treacherous kind] be wretched; ever may the thoughts of his heart be bitter!” (Niles 2003, 1145).14 Questa interpretazione presuppone tuttavia delle congetture che non sono direttamente desumibili dai versi.

15Resta comunque irrisolto, nella versione ‘rancorosa’, il problema dell’identificazione del geong mon e della sua collocazione logica all’interno del testo, nonché dell’armonizzazione con la figura del marito, cui la protagonista rivolge il suo pensiero nei versi successivi.

3. Elementi gnomici in wl 42-47a

16Una lettura gnomica dei versi finali del WL, oltre a rendere più lineare l’interpretazione del componimento nel suo complesso, elimina le incongruenze rilevate, permettendo di legare i versi 42-47a con i successivi 47b-52a. È evidente, a mio avviso, che il sintagma geong mon debba essere inteso in senso universale, in riferimento a una categoria generica di esseri umani (Cavill 1999, 51). Una formulazione analoga ricorre, ad esempio, nella fitt d’esordio del Beowulf:

  • 15   “Così deve comportarsi un giovane, con liberalità / e con splendidi regali, finché si trova sotto (...)

Swā sceal geong guma gōde gewyrcean,
fromum feohgiftum on fæder bearme,
þæt hine on ylde eft gewunigen
wilgesīþas, þonne wīg cume,
lēode gelǣsten.
(Beow 20-24a)15

17La valenza gnomica dei versi finali del WL era stata già sottolineata da Lawrence (1908, 389) che in proposito affermava: “The main thing to notice at present is that the lines are only a series of reflections of a general character – one of those moralizing incursions into poetry of which the Anglo-Saxons were so fond.” In termini simili si era espressa anche Williams (1914, 50):

[…] the Ā scyle formula […] is the same as that found in Beowulf and the Edda, where universal truths are uttered, suggested by the immediate circumstance, but unquestionably free from it. Moreover, the idea is hardly in keeping with an ancient Germanic curse. On the other hand, as is consistent with Teutonic ideals, a young man should recognize the seriousness of life […] at the same time bear a steadfast heart and pleasant demeanour to meet it. […] [T]his saying from The Banished Wife’s Lament would be no malediction but an exhortation.

  • 16   Per una rassegna sintetica delle diverse posizioni, con relativi riferimenti bibliografici, riman (...)

18La lettura conciliante dei versi finali del WL viene condivisa, con sfumature diverse, da gran parte degli studiosi e degli editori del componimento, tra i quali Leslie ([1961] 1988, 57) e Klinck ([1992] 2001, 186).16

  • 17   Secondo Cavill, la ‘massima’ riguarda il comportamento umano, la morale, l’opportunità, le azioni (...)
  • 18   La locuzione mon sceal è rinvenibile ancora, fra l’altro, in Maxims I 48, 103b, 114a, 155a; Maxim (...)

19I versi 42-47a, in cui si individuano due proposizioni caratterizzate, rispettivamente, dai verbi preterito-presenti scyle (42a; “dovrebbe”) e sceal (43b; “deve”), contengono una verità di carattere universale; prendendo a prestito la definizione empirica elaborata da Cavill (1999, 42-43, 50-51) entrambe le proposizioni costituiscono esempi di ‘massime’, cioè di “sententious generalisations”.17 Da un punto di vista strutturale, le frasi a scyle geong mon / wesan geo- mormod (WL 42; “un giovane deve sempre essere grave nell’animo”) e swylce habban sceal // bliþe gebæro (WL 43b-44a; “allo stesso tempo avere un contegno lieto”), il cui soggetto è parimenti geong mon, presentano delle analogie con il tipo generale mon sceal, diffuso nella poesia gnomica anglosassone, e particolarmente comune in Maxims I. Si vedano ad esempio:18

  • 19   “Un giovane deve essere istruito, / incoraggiato e stimolato affinché impari a dovere.”

Læran sceal mon geongne monnan,
trymman ond tyhtan þæt he teala cunne
(Max I 45b-46a)19

  • 20   “I buoni consigli si dicono a voce alta, i segreti si scrivono.”

Ræd sceal mon secgan, rune writan
(Max I 138)20

  • 21   “È bene avere amici in ogni via.”

Wel mon sceal wine healdan on wega gehwylcun
(Max I 144)21

20L’uso di avverbi di frequenza e del modo congiuntivo, in luogo dell’indicativo, serve talvolta a intensificare il grado di obbligo morale, come avviene nei versi finali del WL (Cavill 1999, 48). Una struttura affine a WL 42a, ma con soggetto al plurale, si trova in Maxims I:

  • 22   “I soldati devono sempre portare con sé l’armatura / e dormire insieme l’uno con l’altro.”

A scyle þa rincas gerædan lædan
ond him ætsomne swefan.
(Max I 177-78)22

21Si esalta qui il valore del male comradeship, che si contrappone alla sommaria disamina (nei versi precedenti di Maxims I) degli svantaggi della solitudine e delle sofferenze che ne derivano. Secondo Nelson (1981, 114-15) la forma a scyle serve a evidenziare lo stato di cose ideale e introduce una considerazione relativa al comportamento umano giusto e desiderabile.

  • 23   Anche l’uso di pronomi e aggettivi indefiniti sembra enfatizzare l’idea di obbligo morale (Cavill (...)

22Nel Seafarer 109-12, infine, ricorre la formulazione mon sceal nella sua forma essenziale e nella variante scyle monna gehwylc “ognuno dovrebbe”,23 in cui, analogamente ai versi del WL, sono adoperate forme di sculan all’indicativo e al congiuntivo:

  • 24   “Un uomo deve controllarsi con la forza della mente, e attenersi fermamente a / questo, fedele ai (...)

Stieran mon sceal strongum mode, and þæt on staþelum [healdan
ond gewis werum wisum clæne,
scyle monna gehwylc mid gemete healdan
with leofne ond with laþne <…>
(Seaf 109-12)24

23L’uso di modi diversi potrebbe essere ricondotto alla necessità di introdurre una differenza in relazione al comportamento umano, così sceal potrebbe essere utilizzato per indicare qualità fondamentali e scyle, invece, per enfatizzare qualità desiderabili in un essere umano (Leslie [1961] 1988, 57), come avviene ad esempio nel passo citato dal Seafarer. Ma è anche possibile che, a causa del senso di necessità o di obbligo insito in sculan, le funzioni di indicativo e congiuntivo tendano a sovrapporsi (Klinck [1992] 2001, 186).

24Come si evince dagli esempi riportati sopra, la formula mon sceal e le sue varianti hanno valore generale, esprimendo una verità universalmente condivisa, e rappresentano l’introduzione tipica di una massima o di una gnome. Con geong mon si deve intendere, come nel caso di mon, un rappresentante generico di una classe o gruppo di persone; di conseguenza tale sintagma non ha, nel contesto del WL, alcun riferimento diretto né alla persona che parla, né al hlaford di cui la donna patisce l’assenza, e neppure a un altro eventuale terzo personaggio ipotizzato da alcuni studiosi.

4. wl 42-45a: un ideale di comportamento ‘stoico’?

25È opportuno adesso esaminare i versi 42-45a dal punto di vista lessicale e sintattico e scoprire le qualità e l’atteggiamento che un geong mon dovrebbe avere nelle parole della protagonista.

  • 25   Ricorre come simplex nei costrutti bi me ful geomorre (1; “su di me, assai afflitta”), forþon is (...)
  • 26   La polisemia di mōd è rilevata da Ælfric: “Heo [seo sawul] is animus þæt is mod þonne heo wat. He (...)
  • 27   Mi sembra appropriato citare qui Beowulf 2044-45: onginneð geōmormōd geongum cempan […] higes cun (...)
  • 28   Sulla possibilità di costruire heard heortan geþoht come soggetto del predicato successivo habban (...)

26L’aggettivo geōmormōd è formato da geōmor ‘triste, dolente’, che costituisce, sia come simplex che nei composti, il lessema più ripetuto nel WL,25 tanto da assurgere a “cifra lessicale del breve componimento” (Riviello 2011, 296), e mōd, il più comune tra i numerosi termini anglosassoni per designare ‘animo, mente’ e, in generale, le facoltà mentali e psichiche (Harbus 2002, 29-30).26 Geōmormōd ricorre frequentemente nel corpus poetico anglosassone, sia in testi di argomento religioso che nel Beowulf, e presenta delle corrispondenze anche con il sassone antico (Riviello 2011, 296). Se il significato più immediato e comune di geōmormōd è ‘triste, dolente nell’animo’ (BT, 425: “sad of mind, sorrowful”; DOE, s.v.: “sad, sorrowful, mournful”) è possibile, in alcune occorrenze di geōmormōd (e di geōmor), supporre un significato leggermente diverso, come ‘serio’ oppure ‘grave’ (Hill 2004, 237 nota 11).27 In relazione al contenuto gnomico dell’intero passaggio, Leslie ([1961] 1988, 57) propone di intendere geōmormōd come “serious of mind”. Questa accezione sembra altresì giustificata, se si considera che l’attributo geōmormōd di WL 42a viene variato tramite il sintagma nominale heard heortan geþoht (43a; letteralmente “severo il pensiero del cuore”) che, come geong mon, è soggetto del predicato scyle wesan.28

  • 29   Nella forma (al plurale) heortan geþohtas: Christ 1047, 1055; Maxims I 3; Seafarer 34.
  • 30   Anche se, come si legge in Ilkow 1968, 299, questa distinzione non deve essere considerata propri (...)

27La locuzione heortan geþoht, rinvenibile in numerose occorrenze nel corpus anglosassone,29 potrebbe essere glossata, con una valenza neutra, come “pensiero segreto, riposto nel cuore”, ma l’aggettivo heard ‘duro, saldo, rigoroso, inflessibile, severo’ modifica l’espressione, conferendole una maggiore densità semantica; il costrutto nella sua interezza andrebbe inteso come “inflessibile l’intenzione del suo cuore”, oppure “severo il suo recondito pensiero”. In questo modo la donna pare faccia riferimento alle due facoltà fondamentali della mente umana: mōd, come sede delle emozioni e dei sentimenti, e heorte, come sede del pensiero e delle intenzioni.30

28Infine, secondo il dettato della frase gnomica successiva (WL 43b-44a, introdotta da swylce habban sceal), il geong mon deve contemporaneamente mostrare di possedere (almeno esteriormente) un bliþe gebæro cioè un “contegno lieto, gioioso”.

  • 31   Il termine breostcearu ‘afflizione del cuore’ (ricorre anche in Seafarer 4) è variato e intensifi (...)

29L’apparente contrasto tra lo stato d’animo grave, l’interiore severità, la fermezza delle intenzioni e un contegno lieto e positivo, che non lasci trapelare all’esterno nulla di ciò che si agita davvero nel cuore, rappresenta il vero paradosso di questi versi, specie se si esamina ciò che viene detto di seguito: eac þon breostceare, / sinsorgna gedreag (44b-45a; “nonostante la pena (dell’animo), l’affollarsi di continue afflizioni”.31 Si delinea così, nella mente e nelle parole del female speaker, un ideale di comportamento umano che predica la rinuncia a ogni eccesso, soprattutto nel palesare all’esterno la vera natura delle proprie afflizioni e del dolore. Sembra che una certa gravità possa ritenersi appropriata per un giovane, uomo o donna che sia, specie se di nobile provenienza (Hill 2004, 238).

30Questo ideale auspicabile di misura e di sobrietà ritorna più volte nella poesia anglosassone, ad esempio nel seguente passo del Wanderer:

  • 32   “Perciò non può diventare saggio un uomo, prima che abbia / la sua parte di anni sulla terra. Un (...)

Forþon ne mæg wearþan wis wer, ær he age
wintra dæl in woruldrice. Wita sceal gedyldig,
ne sceal no to hatheort ne to hrædwyrde,
ne to wac wiga ne to wanhydig,
ne to forht ne to fægen, ne to feohgifre,
næfre ne gielpes to georn, ær he geare cunne.
(Wan 64-69)32

  • 33   Un’analisi di questo passo in termini di stoicismo è stata condotta da Diekstra (1971), secondo i (...)

31È esaltato qui, apparentemente, “the value of moderation” (Leslie [1966] 1985, 13; Diekstra 1971, 73). Problematica è la traduzione del lemma fægen, che ha come accezione più comune ‘gioioso, lieto’; nel passaggio del Wanderer sopra riportato la qualità indicata da fægen costituisce l’unico elemento positivo in una serie di aggettivi (introdotti dalla locuzione ne to) indicanti qualità negative (hatheort “impulsivo”, hrædwyrde “affrettato nel parlare”, wac “debole”, wanhydig “imprudente”, forht “pavido”, feohgifre “avido”, gielpes to georn “pronto al vanto”);33 per risolvere la questione di questa apparente incongruenza Dunning e Bliss (1969, 49-50, 116) propongono di tradurre fægen come “servile, fawning”, attribuendo all’aggettivo un significato negativo, che non ha però alcun supporto convincente, mentre la traduzione “elate”, proposta da BT (s.v.), sembra costruita ad hoc; DOE (s.v.), infine, glossa con “over-confident, exultant”. Per Hill (2004, 236-37) la frase in questione ne to forht ne to fægen “means pretty much what it seems to” ed esprimerebbe un sospetto e addirittura un implicito disprezzo per l’ideale e il concetto di felicità, come parte della cultura letteraria e forse anche della vita sociale degli anglosassoni.

32Nel mondo moderno la ‘felicità’ costituisce una condizione invidiabile, non quantificabile e desiderabile senza riserve, e anche nella dottrina cristiana ‘letizia’ e ‘felicità’ sono sentimenti pienamente legittimati, nella prospettiva di una futura ricompensa dei fedeli dopo la morte; di conseguenza, l’invito a non essere ‘troppo felice/lieto’ sembra privo di logica (Dunning e Bliss 1969, 49); tuttavia si potrebbe intendere, come fa Hill (2004, 236), che la frase in questione contenga in sé l’idea, tipica dello stoicismo, che la ‘felicità’ non rappresenti un ideale o un bene, ma una perturbazione e un eccesso, che un uomo saggio deve evitare.

33I versi 65b-72 del Wanderer sembrano attestare un ideale di stoicismo che gli anglosassoni, e più in generale le popolazioni germaniche, avrebbero posseduto ancor prima dell’incontro con il cristianesimo. Così Hill (2004, 236):

[…] both Anglo-Saxon Christian thought and traditional Germanic culture, which informed the ideals of the warrior elite, were profoundly influenced by what we may loosely call ‘stoicism’: either Greco-Roman stoicism as it was transmitted directly or modified by the Church Fathers on the one hand, or on the other hand by a Germanic stoicism whose origins are hard to discern, but which is clearly recognizable as a local expression of stoic ethical ideals.

  • 34   Per una diversa opinione sulla questione del fatalismo si rimanda alla bibliografia citata in Gri (...)
  • 35   Il lemma è attestato, con la medesima accezione, in tutti i dialetti del germanico. Sul concetto (...)
  • 36   Così, ad esempio, Dunning e Bliss 1969, 72; per una lettura diversa: Griffith 1996.

34Si rinvengono nella Weltanschauung germanica elementi che possono essere considerati genericamente affini allo stoicismo di impronta classica. Tali elementi sono parte del modello di comportamento eroico che ci è stato trasmesso, fra gli altri, in poemi come il Beowulf e il Wanderer. Ad essi va ricondotta, ad esempio, la concezione fatalistica (“the outlook on life of the Germanic people was fatalistic”; Timmer [1940-41] 1968, 124)34 e inesorabile del destino, come forza che domina e regola la vita degli esseri umani e sulla quale l’uomo non è in grado di esercitare alcun controllo. Tale concetto è espresso in anglosassone con il termine wyrd;35 si vedano ad esempio le famose espressioni gnomiche di Wanderer 5b, Wyrd bið ful aræd (“il destino è completamente determinato”),36 oppure Beowulf 455b, Gǣð ā wyrd swā hīo scel (“il destino va sempre come deve [andare]”). La wyrd può essere personificata, come accade ad esempio in Wanderer 100b, wyrd seo mære (“il fato potente”).

35Inoltre, relativa al modo di agire dell’eroe germanico e alla sua visione esistenziale è la fermezza nell’affrontare i rovesci della fortuna e le sofferenze, fisiche e morali; la capacità di sopportare e superare il male, con spirito indomito, è esemplificata, ad esempio, dalle frasi con cui Beowulf ‘consola’ Hroþgar per la perdita del fidato consigliere Æschere:

  • 37   “Non addolorarti, saggio, è meglio per ciascuno / che questi vendichi l’amico, piuttosto che pian (...)

Ne sorga, snotor guma. Sēlre bið ǣghwǣm
þæt hē his frēond wrece þonne hē fela murne.
Ūre ǣghwylc sceal ende gebīdan
worolde līfes; wyrce sē þe mōte
dōmes ǣr dēaþe; þæt bið drihtguman
unlifgendum æfter sēlest.
(Beow 1384-89)37

36In questi versi si può leggere l’idea che il male e il dolore nel mondo vanno accettati come necessari e che le circostanze negative possono addirittura, per certi aspetti, essere considerate in una luce favorevole, poiché spingono al superamento della realtà contingente e a perseguire valori, come la fama e la gloria, assai alti e desiderabili.

37Sconforto e sofferenza caratterizzano l’esilio dell’errante, costretto ad abbandonare la sala dopo la morte del signore, esposto alle intemperie e condannato alla solitudine:

  • 38   “[…] da quando tanti anni fa il mio generoso principe / ricoprii con l’oscurità della terra, e io (...)

siþþan geara iu goldwine minne
hrusan heolstre biwrah, ond ic hean þonan
wod wintercearig ofer waþema gebind,
sohte sele dreorig sinces bryttan
(Wan 22-25)38

  • 39   “Sa bene chi lo prova / quale terribile compagno è il dolore, / per colui che non possiede che po (...)

Wat se þe cunnað,
hu sliþen bið sorg to geferan,
þam þe him lyt hafað leofra geholena.
(Wan 29b-31)39

38L’errante non esita ad affrontare con fermezza il suo destino di esule, pur sapendo che ne mæg werig mod wyrde wiðstondan (Wan 15; “un cuore stanco non può opporsi al corso degli eventi”); dopo la scomparsa dei suoi amici, il dolore, personificato, diventa l’unica compagnia possibile nel corso delle sue faticose peregrinazioni.

39Un altro elemento tipicamente stoico dell’atteggiamento degli anglosassoni nei confronti del dolore esistenziale e della sofferenza è oggetto di interesse in vari testi poetici e in prosa; si tratta della tendenza a sottolineare la necessità, per un eroe o per una persona saggia, di non farsi dominare dalle passioni e di tenere per sé considerazioni ed emozioni, di mantenere, insomma, una costante sobrietà nella manifestazione dei propri sentimenti. Si vedano i versi 11b-14 del Wanderer:

  • 40   “So per vero / che è nobile costume per un guerriero / chiudere saldamente il suo animo, / e tene (...)

Ic to soþe wat
þæt bið in eorle indryhten þeaw,
þæt he his ferðlocan fæste binde,
healde his hordcofan, hycge swa he wille.
(Wan 11b-14)40

  • 41   Nel Wanderer ricorre, poco dopo, una formulazione analoga, che insiste sulla necessità e sulla de (...)

40In questo passaggio è presente un ideale di ‘reticenza stoica’ (Hill 2004, 241),41 ideale che l’errante trova difficile da attuare e che contrasta con il contenuto altamente emozionale del componimento. Diversi studiosi hanno rilevato la natura paradossale di affermazioni di questo tipo (Clark e Wasserman 1979, 292; Sheppard 2007, 135; LaPadula 2012, 12), in cui l’errante cerca, da una parte, di aderire all’etica e al costume imposto dal suo milieu culturale,mentre al contempo esprime nel monologo il lamento sulle sue sofferenze, svelando così i più profondi recessi del suo cuore al pubblico presente alla performance. Così commentano Clark e Wasserman (1979, 292):

This paradoxical situation presents the doubleness of the wanderer as a speaker. Not only does he keep himself closed off in order to prevent what is outside from penetrating inside to the depths of his heart, but he is involved in an even more desperate struggle to keep what is already inside his heart […] from escaping or being expressed to the outside world, and thus contradicting the heroic exterior which he tries to maintain.

  • 42   Formulazioni analoghe compaiono diffusamente nel corpus poetico anglosassone, in particolare in t (...)
  • 43   Secondo Kinch (2006, 147) “[t]he ironic deployment of the phrase ‘bliþe gebæro’ […] so trenchantl (...)

41Si ripropone, nei versi 11b-14 del Wanderer, analogamente a WL 42-45b, la questione di un determinato autocontrollo delle proprie passioni;42 nel WL si aggiunge anche l’idea di nascondere la gravità e la fermezza tramite un contegno gioioso e lieto, una sorta di mascheramento stoico o di ‘dissimulazione eroica’ del proprio sé.43

  • 44   “The verb sӯ in lines 45 and 46 may be taken […] as optatives containing an alternative hypothesi (...)
  • 45Gelong ‘appartenente, dipendente’ è usato altrove in un’accezione simile: Nū is se rǣd gelang // (...)

42I versi finali del WL non devono essere intesi come una maledizione o un cattivo augurio nei confronti dell’amato marito, bensì come una riflessione sulle qualità che ogni essere umano, e anche il marito lontano, dovrebbe possedere: “resolute, determined and geōmormōd, as a young man should be” (Hill 2004, 240). In quest’ottica, cioè come prolungamento della riflessione gnomica (Lawrence 1908, 402-03 nota 2), è da intendere inoltre il passo WL 45b-47a; il congiuntivo sy (45b, 46a; “sia che…”)44 introduce di fatto le due ipotesi alternative, relativamente alle condizioni in cui il geong mon (WL 42a) potrebbe venire a trovarsi, cioè in una situazione favorevole, oppure di estrema miseria e sofferenza: sy æt him sylfum gelong // eal his worulde wyn, / sy ful wide fah // feorres folclondes (“che da lui dipenda tutta la sua gioia nel mondo, o che sia esiliato assai lontano in un paese distante”).45

43In quest’ultima ipotesi, l’esilio, la lontananza dalla patria e il distacco dai cari e dal seguito, è sostanziato il massimo di infelicità e di esclusione sociale. L’immagine dell’esilio richiama alla mente della donna, per associazione, quella dell’uomo amato, che ella descrive ‘empaticamente’ in una situazione analoga alla sua: immerso nella solitudine, circondato da un ambiente ostile, mentre rimpiange la vita precedente in una dimora accogliente, sofferente e afflitto, esattamente come la donna che recita il canto.

44L’immagine della sala, così cara alla società germanica e ben vivida nella rappresentazione poetica anglosassone, è di fatto presente nel WL tramite il suo rovesciamento ‘ironico’, una sorta di anti-hall che richiama alla mente, per contrasto, il ricordo di dimore assai più felici (Hume 1974, 70): nelle parole della protagonista, la caverna, in cui è costretta a dimorare, diviene un eorðsele (WL 28; “sala sotterranea”), un wic wynna leas (WL 32; “dimora priva di gioie”), mentre immagina il compagno lontano in un dreorsele (WL 50; “sala desolata”), in cui troppo spesso è costretto a ricordare un wynlicran wic (WL 52; “abitazione più piacevole”). Alla luce delle considerazioni esposte, ecco, infine, la mia proposta di traduzione di WL 42-53:

Un giovane deve sempre essere grave nell’animo,
severo il suo pensiero, e allo stesso tempo avere
un contegno lieto, nonostante l’afflizione del cuore,
il tumulto delle pene continue, sia che dipenda da lui
l’intera sua gioia nel mondo, sia che sia esiliato assai lontano,
in un paese remoto; poiché il mio amico siede
sotto una rupe battuta dalla tempesta,
il compagno dall’animo esausto, circondato dall’acqua,
in una sala tetra; il mio amato sopporta
una grande pena; egli troppo spesso ripensa
a una dimora più gioiosa. Che sofferenza per chi
deve attendere l’amato nel desiderio!

5. una riabilitazione del marito?

45Cercherò adesso di interpretare la parte finale del WL in relazione al resto del poema e, in particolare, ai versi 17b-21a. L’idea di una corrispondenza tra queste due parti del componimento era stata suggerita, anche se non sviluppata, da Lawrence (1908, 389).

  • 46   “Perciò il mio animo è afflitto, / poiché mi accorsi che l’uomo, a me assai affine, / era avvezzo (...)

Forþon is min hyge geomor,
ða ic me ful gemæcne monnan funde,
heardsæligne, hygegeomorne,
mod miþendne, morþor hycgendne,
bliþe gebæro.
(WL 17b-21a)46

46La segmentazione di questi versi è in parte diversa da quella proposta in varie edizioni. Io collego la frase forþon is min hyge geomor (WL 17b; “perciò il mio animo è afflitto”) ai versi successivi e non ai precedenti, come fanno Krapp e Dobbie ([1931-53] 1961, III 210) e Klinck ([1992] 2001, 181); mentre altri editori, come Hamer ([1970] 1972, 72), Leslie ([1961] 1988, 54), Treharne ([2000] 2004, 76), mettono in relazione il semiverso 21a con le frasi che precedono. Entrambe le soluzioni sono plausibili: forþon is min hyge geomor è un costrutto apò koinoȗ, la cui appartenenza sintattica e semantica è ambigua, e oggetto di valutazioni contrastanti (Klinck [1992] 2001, 181-82). Se forþon, come alcuni intendono, si riferisse ai versi precedenti, la ragione della tristezza della donna sarebbe la circostanza di trovarsi, sola, in un luogo in cui non ha amici (ahte ic leofra lyt / on þissum londstede, // holdra freonda; WL 16-17a; “avevo ben pochi amici cari in questa terra, pochi compagni fedeli”).

  • 47   Leslie ([1961] 1988, 54), ad esempio, considera la frase che inizia con ða come principale, mentr (...)
  • 48   Nella mia traduzione accolgo l’interpretazione di Klinck ([1992] 2001, 181), che glossa funde (pr (...)
  • 49   Apparentemente si tratta di un altro costrutto apò koinoȗ; si vedano in merito le articolate cons (...)

47Secondo la segmentazione qui proposta, dalla frase che inizia con forþon, “perciò il mio animo è afflitto”, dipende la subordinata successiva, introdotta da ða con valore causale, che esplicita le ragioni dello stato d’animo della donna.47 Con un salto temporale rispetto al verbo al presente is (17b), la protagonista si riferisce al passato, descrivendo il momento in cui è venuta a conoscenza della reale disposizione d’animo del marito.48 La locuzione bliþe gebæro (21a; “con aspetto lieto”) si colloca a conclusione della serie di costrutti aggettivali con i quali la donna descrive l’amato, nonostante alcuni editori e traduttori facciano cominciare con essa una nuova frase (Krapp e Dobbie [1931-53] 1961, III, 210; Kennedy 1939, 80).49

  • 50Morþor hycgend[n]e è tradotto generalmente come “che meditava un delitto”, individuando così in m (...)
  • 51   Al disinganno per la scoperta della vera natura dell’amato segue la rievocazione della promessa c (...)

48È possibile leggere nelle affermazioni della protagonista la delusione per avere scoperto la vera attitudine del marito, la sua reale personalità, nascosta dietro un contegno lieto. Egli dissimulava la sua cupezza, i suoi pensieri segreti, le pene e le afflizioni che provava:50 tra i vari costrutti apposti di seguito e riferiti al ful gemæcne monnan si trova anche mod miðendne (“che dissimulava il suo animo”). Da questa delusione derivano anche la tristezza e l’afflizione attuali della protagonista (forþon is min hyge geomor).51

  • 52   Si vedano in proposito le considerazioni di Leslie [1961] 1988, 55; Klinck [1992] 2001, 181-82.
  • 53   Così Klinck [1992] 2001, 182: “[…] the recurrence of the same phrase in line 44 [bliþe gebæro] ma (...)

49I versi 17-21 presentano indubbie analogie con i versi di tono gnomico (particolarmente WL 42-44a) discussi in precedenza. Si nota il ricorrere, in entrambi i passi, del medesimo costrutto formulare bliþe gebæro, seppure con funzione sintattica diversa,52 a cui si deve aggiungere anche la somiglianza tra geomormod / heard heortan geþoht (WL 42b-43a) e heardsæligne, / hygegeomorne (WL 19); geōmormōd e hygegeōmor, composti entrambi di geō- mor e un mind-word, hyge oppure mōd, a seconda delle necessità dell’allitterazione, possono essere considerati praticamente alla stregua di sinonimi. Le corrispondenze evidenziate sembrano suggerire una certa intenzionalità nella strutturazione dei due brevi passaggi.53

  • 54   Anche Hall (2002, 18) rileva un parallelismo tra i versi 18-21a (!) e 42-45a del WL, ma giunge a (...)

50Il costrutto aggettivale mod miþendne (20b; “che dissimulava il suo animo”) ha una connotazione certamente negativa nel contesto dei versi 17-21, poiché esprime un giudizio tutt’altro che lusinghiero sul comportamento dell’uomo. Tuttavia, prendendo in considerazione le riflessioni fatte sui versi 42-45a, dove secondo l’interpretazione proposta, e tenendo conto anche dei passi citati dal Wanderer, sembra chiaro che il modello di comportamento reticente, che non manifesta apertamente passioni e sentimenti, venga visto sotto una luce positiva, ritengo di potere affermare che nella donna siano avvenuti una rielaborazione della precedente esperienza e un ripensamento del giudizio negativo sul marito.54

  • 55   Ovviamente non identifico, come fa invece Klinck ([1992] 2001, 182), il geong mon con il ful gemæ(...)

51Questa diversa valutazione del comportamento del hlaford, e della sua capacità di dissimulare le grandi pene e le afflizioni che lo tormentano, avviene a distanza di tempo ed è frutto della meditazione della donna sulle condizioni estremamente infelici della sua esistenza; si vedano ad esempio i versi 39b-41: forþon ic æfre ne mæg // þære modceare / minre gerestan, // ne ealles þæs longaþes / þe mec on þissum life begeat (“perciò non riuscirò mai ad avere pace in questa vita dalla pena del cuore, né dal desiderio che si è impossessato di me”); nella lontananza temporale e geografica la donna, probabilmente, vede il marito in una luce più favorevole e ne rianalizza il comportamento, un tempo odioso, in una forma generalizzante,55 adottando lo stile e il lessico della gnome. In questo modo, la voce poetica riesce ad astrarre, dalla sua esperienza personale e dall’osservazione dell’atteggiamento dell’uomo, una norma di condotta valida universalmente, un ideale di umanità che scaturisce dalla consapevolezza dell’inevitabilità della sofferenza. Al contempo, prendendo a prestito un’immagine utilizzata da Lawrence (1908, 388), la donna opera una ‘riabilitazione’ del marito.

6. Conclusioni

  • 56   Come ad esempio Hamer [1970] 1972, 72-75. Diverse proposte di suddivisione in Leslie [1961] 1988, (...)
  • 57   Sulle ripetizioni e i parallelismi nel testo del WL, sui quali è impossibile soffermarsi qui, si (...)

52La corrispondenza istituita tra i due passi del componimento (versi 17b-21a e 42-44a) è verosimile, ed è ragionevole ipotizzare, come si è cercato di dimostrare in questo contributo, che i versi finali del WL rappresentino una rielaborazione di tono e contenuto gnomico, da parte della voce poetica, del giudizio, inizialmente negativo, sull’atteggiamento dissimulatore del marito. Queste osservazioni sono tanto più giustificate se si analizza una peculiarità del WL, cioè la mancanza di linearità cronologica e di coerenza narrativa. Il componimento suggerisce l’immagine di una mente “circling over past events, unable to find a position of rest” (Shippey 1972, 72). Nonostante il tentativo di alcuni studiosi e traduttori di suddividere schematicamente il componimento in una sezione essenzialmente incentrata sul passato (6-26) e una dedicata agli eventi presenti (27-41),56 non mancano passaggi in cui la donna ritorna alla memoria del passato in maniera emozionalmente appassionata, come ai versi 32b-33a (ful oft mec her wraþe begeat / fromsiþ frean; “assai spesso mi colpì qui, con violenza, la mancanza del mio signore”) oppure ai succitati versi 39b-41, in cui compare ancora il verbo begeat, fortemente connotato da un punto di vista semantico.57

  • 58   Interessanti le osservazioni di Johnson (1971, 498): “[…] that the speaker intends a chronologica (...)

53La mancanza di una stringente coerenza degli eventi narrati si evidenzia anche nella giustapposizione di verbi al presente e al passato ai versi 21b-25a, dove al riferimento alla sofferenza attuale (forþon is min hyge geomor) la donna contrappone la delusione per l’atteggiamento ambiguo del marito e la memoria della felicità passata. Poi il female speaker ritorna al presente e alla sua situazione attuale, in cui prende atto con dolore che la sua relazione con l’amato (25a; freondscipe uncer) è cambiata, come se non fosse mai stata (24b; swa hit no wære). Nonostante la presenza di numerosi marcatori temporali e di forme verbali che sembrano comporre una successione cronologica,58 il WL “defies attempts to reconstruct the chronology of events” e il tracollo del senso del tempo lineare, scandito da una serie di eventi separati, segna la transizione verso quello che kristevianamente è definito il ‘tempo delle donne’, ciclico e mai lineare (Bennett 1994, 52).

54Secondo Green (1983, 128), “what seems important is not the sequence but the emotive weight of the events as they are juxtaposed in the memory of the speaker”. A differenza di quanto avviene nel Wanderer, però, il ricordo del passato nel WL non rappresenta un momento di sollievo dallo stato di afflizione presente, bensì un’ulteriore sofferenza per la donna, in quanto rivela il fallimento e l’illusorietà della sua vita precedente.

Bibliographie

Arngart, Olof. 1981. “The Durham Proverbs.” Speculum 56: 288-300.

Ashurst, David. 2010. “Old English Wisdom Poetry.” In A Companion to Medieval Poetry, a cura di Corinne Saunders, 125-40. Oxford: Wiley-Blackwell.

Bambas, Rudolf C. 1963. “Another View of the Old English Wife’s Lament.Journal of English and Germanic Philology 62: 303-09.

Battles, Paul. 2014. “Toward a Theory of Old English Poetic Genres: Epic, Elegy, Wisdom Poetry, and the ‘Traditional Opening’.” Studies in Philology 111: 1-33.

Bennett, Helen T. 1994. “Exile and the Semiosis of Gender in Old English Elegies.” In Class and Gender in Early English Literature. Intersections, a cura di Britton J. Harwood e Gillian R. Overing, 43-58. Bloomington / Indianapolis: Indiana University Press.

Bjork, Robert E. 1989. “Sundor æt rune: The Voluntarily Exile of The Wanderer.” Neophilologus 73: 119-29.

Bolton, Whitney. 1969. “The Wife’s Lament and The Husband’s Message. A Reconsideration Revisited.” Archiv für das Studium der neueren Sprachen und Literaturen 205: 337-51.

Bosworth, Joseph, e Thomas Northcote Toller. 1972. An Anglo-Saxon Dictionary, Based on the Manuscript Collections of Joseph Bosworth. Enlarged Addenda and Corrigenda by Alistair Campbell to the Supplement by Thomas Northcote Toller. Oxford: Clarendon.

Cavill, Paul. 1999. Maxims in Old English Poetry. Cambridge: Brewer.

Chance, Jane. 1986. “The Errant Woman as scop in Wulf and Eadwacer and The Wife’s Lament.” In Jane Chance, Woman as Hero in Old English Literature, 81-94. Syracuse, NY: Wipf & Stock.

Clark, Susan L., e Julian N. Wasserman. 1979. “The Imagery of The Wanderer.” Neophilologus 63: 291-96.

Clemoes, Peter. 1969. “Mens absentia cogitans in The Seafarer and The Wanderer.” In Medieval Literature and Civilization. Studies in Memory of G.N. Garmonsway, a cura di Derek A. Pearsall e Ronald A. Waldron, 62-77. London: Athlone Press.

Cross, James E. 1961. “On the Genre of The Wanderer.” Neophilologus 45: 63-75.

Curry, Jane L. 1966. “Approaches to a Translation of the Anglo-Saxon The Wife’s Lament.” Medium Ævum 35: 187-98.

De Lacy, Paul. 1998. “Thematic and Structural Affinities. The Wanderer and Ecclesiastes.” Neophilologus 81: 125-37.

Diekstra, Frans N.M. 1971. “The Wanderer 65b-72: The Passions of the Mind and the Cardinal Virtues.” Neophilologus 55: 73-88.

Di Paolo Healey, Antonette et al. 2008-16. Dictionary of Old English. Toronto: Toronto University Press. http://tapor.library.utoronto.ca/doe/. Consultato il 30 aprile 2017.

Doane, Alger N. 1966. “Heathen Form and Christian Function in The Wife’s Lament.” Medieval Studies 28: 77-91.

Dunning, Thomas P., e Alan J. Bliss, a cura di. 1969. The Wanderer. London: Methuen.

Fulk, Robert D., e Christopher M. Cain. 2013. A History of Old English Literature, seconda edizione. New York: Wiley-Blackwell.

Fulk, Robert D., Robert E. Bjork, e John D. Niles, a cura di. 2008. Klaeber’s Beowulf and The Fight at Finnsburg, Edited with Introduction, Commentary, Appendices, Glossary and Bibliography, with a Foreword by Helen Damico, quarta edizione. Toronto / Buffalo / London: University of Toronto Press.

Geremia Silvia. 2014. The Husband’s Message and The Wife’s Lament. An Interpretation and a Comparison, Como / Pavia: Ibis.

Green, Martin. 1983. “Time, Memory and Elegy in The Wife’s Lament.” In The Old English Elegies. New Essays in Criticism and Research, a cura di Martin Green, 123-32. Rutherford / Madison / Teaneck: Farleigh Dickinson University Press.

Greenfield, Stanley B. 1953. “The Wife’s Lament Reconsidered.” Publications of the Modern Language Association 68: 907-12.

—. 1966. “The Old English Elegies.” In Continuations and Beginnings. Studies in Old English Literature, a cura di Eric G. Stanley, 142-75. London: Thomas Nelson.

Greenfield, Stanley B., e Daniel G. Calder. 1986. A New Critical History of Old English Literature, with a Survey of the Anglo-Latin Background by Michael Lapidge. New York / London: New York University Press.

Griffith, Mark S. 1996. “Does wyrd bið ful aræd Mean ‘Fate is Wholly Inexorable’?” In Studies in English Language and Literature. ‘Doubt Wisely’. Papers in Honour of E.G. Stanley, a cura di M. Jane Toswell e Elizabeth M. Tyler, 133-56. London / New York: Routledge.

Hall, Alaric. 2002. “The Images and Structure of The Wife’s Lament.” Leeds Studies in English 33: 1-29.

Hamer, Richard, a cura di. [1970] 1972. A Choice of Anglo-Saxon Verse. London: Faber and Faber.

Harbus, Antonina. 2002. The Life of the Mind in Old English Poetry. Amsterdam / New York: Rodopi.

Hill, Thomas D. 2004. “The Unchanging Hero: A Stoic Maxim in The Wanderer and Its Contexts.” Studies in Philology 101: 233-49.

Horgan, A. Dennis 1987. “The Wanderer – A Boethian Poem?” Review of English Studies 38: 40-46.

Howlett, David R. 1978. “The Wife’s Lament and The Husband’s Message.” Neuphilologische Mitteilungen 79: 7-10.

Hume, Kathryn. 1974. “The Concept of the Hall in Old English Poetry.” Anglo-Saxon England 3: 63-74.

Ilkow, Peter. 1968. Die Nominalkomposita der altsächsischen Bibeldichtung. Ein semantisch-kulturgeschichtliches Glossar. Göttingen: Vandenhoeck & Ruprecht.

Isaacs, Neil D. 1967. “The Seafarer 109-115a”. English Studies 48: 416-19.

Johnson, Lee Anne. 1971. “The Narrative Structure of The Wife’s Lament.” English Studies 52: 497-501.

Johnson, William C. 1983. “The Wife’s Lament as Death Song.” In The Old English Elegies. New Essays in Criticism and Research, a cura di Martin Green, 69-81. Rutherford / Madison / Teaneck: Farleigh Dickinson University Press.

Kasik, Jon C. 1979. “The Use of the Term wyrd in Beowulf and the Conversion of the Anglo-Saxons.” Neophilologus 63: 128-35.

Kennedy, Charles W., a cura di. 1939. Old English Elegies. Translated into Alliterative Verse with a Critical Introduction. Princeton: Princeton University Press.

Kinch, Ashby. 2006. “The Ethical Agency of the Female Lyric Voice. The Wife’s Lament and Catullus 64.” Studies in Philology 103: 121-52.

Klinck, Anne L. 1984. “The Old English Elegy as a Genre.” English Studies in Canada 10: 129-40.

—. [1992] 2001. The Old English Elegies. A Critical Edition and Genre Study. Montreal: McGill-Queen’s University Press.

Krapp, George Philip, ed Elliot van Kirk Dobbie, a cura di. [1931-53] 1961. The Anglo-Saxon Poetic Records. 6 voll. New York / London: Columbia University Press.

Langeslag, Paul S. 2008. “Boethian Similitude in Deor and The Wanderer.Neuphilologische Mitteilungen 109: 205-22.

LaPadula, Brent. 2012. “Memory and Identity Formation: A Cognitive Construction of the Self in ‘The Wanderer’.” Hortulus 8: 5-27. https://hortulus-journal.com/journal/volume-8-number-1-2012/lapadula/. Consultato il 30 aprile 2017.

Lawrence, William Witherley. 1908. “The Banished Wife’s Lament.” Modern Philology 5: 387-405.

Lee, Sung-Il. 2007. “The Identity of the ‘Geong Mon’ (line 42) in ‘The Wife’s Lament’ (or ‘The Lament of an Outcast’).” In Global Perspectives on Medieval English Literature, Language and Culture, a cura di Noel Harold Kaylor Jr e Richard Scott Nokes, 175-93. Kalamazoo, MI: Medieval Institute Publications.

Lench, Elinor. 1970. “The Wife’s Lament: A Poem of the Living Dead.” Comitatus 1: 3-23.

Leneghan, Francis. 2016. “Preparing the Mind for Prayer: The Wanderer, Hesychasm and Theosis.” Neophilologus 100: 121-42.

Leslie, Roy F., a cura di. [1961] 1988. Three Old English Elegies. The Wife’s Lament, The Husband’s Message. The Ruin. Exeter: Liverpool University Press.

—, a cura di. [1966] 1985. The Wanderer. Exeter: University of Exeter Press.

Lumiansky, Robert M. 1950. “The Dramatic Structure of the Old English Wanderer.” Neophilologus 34: 104-12.

Luyster, Robert. 1998. “The Wife’s Lament in the Context of Scandinavian Myth and Ritual.” Philological Quarterly 77: 243-70.

Magennis, Hugh. 1995. “‘No Sex Please, We’re Anglo-Saxons’? Attitudes to Sexuality in Old English Prose and Poetry.” Leeds Studies in English n.s. 26: 1-27.

Malone, Kemp. 1962. “Two English Frauenlieder”. Comparative Literature 14: 106-17.

Mandel, Jerome. 1987. Alternative Readings in Old English Poetry. New York: Lang.

Mitchell, Bruce. 1968. “Some Syntactical Problems in The Wanderer.” Neuphilologische Mitteilungen 69: 172-98.

—. 1972. “The Narrator of The Wife’s Lament. Some Syntactical Problems Reconsidered.” Neuphilologische Mitteilungen 73: 222-34.

—. 1985. Old English Syntax. 2 voll. Oxford: Clarendon Press.

Mora, Maria José. 1995. “The Invention of the Old English Elegy.” English Studies 76: 129-39.

Murgia, Raimondo. 2013. “A Religious View of The Wife’s Lament.Annali dell’Istituto Orientale di Napoli, Sezione germanica n.s. 23: 27-50.

Nelson, Marie. 1981. “Is and Ought in the Exeter Book Maxims.” Southern Folklore Quarterly 45: 109-21.

Niles, John D. 2003. “The Problem of the Ending of the Wife’s Lament.” Speculum 78: 1107-50.

North, Richard. 1995. “Boethius and the Mercenary in The Wanderer.” In Pagans and Christians. The Interplay between Christian Latin and Traditional Germanic Cultures in Early Medieval Europe, a cura di Tette Hofstra, Luuk A.J.R. Houwen e Alasdair A. MacDonald, 71-98. Groningen: Egbert Forsten.

Orchard, Andy. 2002. “Re-reading The Wanderer. The Value of Cross-references.” In Via Crucis. Early Medieval Sources and Ideas in Memory of James E. Cross, a cura di Thomas N. Hall, Thomas D. Hill e Charles D. Wright, 1-26. Morgantown, WV: West Virginia University Press.

Orton, Peter R. 1989. “The Wife’s Lament and Skírnismál. Some Parallels.” In Úr Dölum til Dala: Guðbrandur Vigfússon Centenary Essays, a cura di Rory McTurk e Andrew N. Wawn, 205-37. Leeds: University of Leeds Press.

Payne, F. Anne. 1974. “Three Aspects of Wyrd in Beowulf.” In Old English Studies in Honour of John C. Pope, a cura di Robert B. Burlin e Edward B. Irving Jr, 15-36. Toronto: Toronto University Press.

Pope, John C., e Robert D. Fulk, a cura di. 2001. Eight Old English Poems. Edited with Commentary and Glossary, terza edizione. New York / London: Norton.

Raffel, Burton, e Alexandra H. Olsen, a cura di. 1998. Poems and Prose from the Old English, seconda edizione. New Haven / London: Yale University Press.

Renoir, Alain. 1977. “A Reading of The Wife’s Lament.” English Studies 58: 4-19.

Riviello, Carla. 2011. “Modalità di rappresentazione del dolore in alcune elegie anglosassoni.” Annali dell’Istituto Orientale di Napoli, Sezione germanica n.s. 21: 289-338.

Sanesi, Roberto, a cura di. 1975. Poemi anglosassoni VI-X secolo. Parma: Guanda.

Schücking, Levin L. 1906. “Das angelsächsische Gedicht von der Klage der Frau.Zeitschrift für deutsches Altertum und deutsche Literatur 48: 436-49.

Selzer, John L. 1983. “The Wanderer and the Meditative Tradition.” Studies in Philology 80: 227-37.

Sheppard, Alice. 2007. “A Word to the Wise. Thinking, Knowledge, and Wisdom in The Wanderer”. In Source of Wisdom. Old English and Early Medieval Latin Studies in Honour of Thomas D. Hill, a cura di Charles D. Wright, Frederick M. Biggs e Thomas N. Hall, 130-44. Toronto / Buffalo / London: University of Toronto Press.

Shippey, Thomas A. 1972. Old English Verse. London: Hutchinson.

—. 1994. “The Wanderer and The Seafarer as Wisdom Poetry.” In Companion to Old English Poetry, a cura di Henk Aertsen e Rolf H. Bremmer Jr, 145-58. Amsterdam: Vrije Universiteit University Press.

Stevens, Martin. 1968. “The Narrator of The Wife’s Lament.” Neuphilologische Mitteilungen 69: 72-90.

Straus, Barrie Ruth. 1981. “Women’s Words as Weapons. Speech as Action in The Wife’s Lament.Texas Studies in Language and Literature 23: 268-85.

Swanton, Michael J. 1964. “The Wife’s Lament and The Husband’s Message. A Reconsideration.” Anglia 82: 269-90.

Timmer, Benno J. [1940-41] 1968. “Wyrd in Anglo-Saxon Prose and Poetry.” In Essential Articles for the Study of Old English Poetry, a cura di Jess B. Bessinger e Stanley J. Kahrl, 124-58. Hamden: Archon Books [Neophilologus 26: 24-33, 213-28].

Treharne, Elaine, a cura di. [2000] 2004. Old and Middle English c. 890-c. 1400. An Anthology, seconda edizione. Oxford: Blackwell.

Tripp, Raymond P. 1972. “The Narrator as Revenant: A Reconsideration of Three Old English Elegies.” Papers in Language and Literature 8: 339-61.

Walker-Pelkey, Faye. 1992. “Frige hwæt ic hatte: The Wife’s Lament as Riddle.” Papers in Language and Literature 28: 242-66.

Ward, J.A. 1960. “The Wife’s Lament. An Interpretation.” Journal of English and Germanic Philology 59: 26-33.

Weber, Gerd W. 1969. ‘Wyrd’: Studien zum Schicksalsbegriff der altenglishen und altnordischen Literatur. Berlin: Gehlen.

Wentersdorf, Karl P. 1981. “The Situation of the Narrator in the Old English Wife’s Lament.” Speculum 56: 492-516.

Williams, Blanche Colton. 1914. Gnomic Poetry in Anglo-Saxon. New York: Columbia University Press.

Notes

1   Desidero ringraziare Carla Riviello per le sue osservazioni a una precedente redazione di questo contributo e gli/le anonimi/e peer reviewer per i suggerimenti in fase di revisione.

2   Contenuto nel codice di Exeter (Exeter, Cathedral Library, 3501, foll. 115r-v) tra la prima serie di Riddles e il componimento escatologico The Judgement Day I.

3   L’edizione seguita per i testi poetici anglosassoni è Krapp e Dobbie [1931-53] 1961; nella trattazione si farà riferimento alle singole opere con il titolo seguito dall’indicazione dei versi. Le traduzioni dall’anglosassone, ove non diversamente specificato, sono a cura dell’autrice.

4   Questa etichetta, sotto cui sono raggruppati testi poetici piuttosto eterogenei che hanno in comune determinati elementi formali e stilistici, si basa sulla definizione data da Greenfield (1966), poi integrata da Klinck (1984); l’esistenza di tale ‘genere’ è stata tuttavia messa in discussione (Mora 1995) anche all’interno del processo di revisione del canone letterario anglosassone (Ashurst 2010; Fulk e Cain 2013; Battles 2014).

5   Come è noto, i primi editori del WL non riconobbero il genere femminile della voce narrante, che più volte è stato poi messo in dubbio (Schücking 1906; Bambas 1963; Stevens 1968; Mandel 1987, 152-55); le argomentazioni grammaticali di Stevens, insieme con le sue proposte di emendare il testo, sono state confutate da Mitchell (1972; 1985, 494). Si veda per maggiori dettagli Klinck [1992] 2001, 177-78. L’uso di epiteti relativi al mondo del comitatus, che risulterebbero più consoni alla descrizione del rapporto tra þegn ‘seguace, soldato’ e hlaford ‘signore’, e la davvero sporadica trattazione, nel mondo letterario anglosassone, di relazioni d’amore (Magennis 1995) rappresentano alcune delle obiezioni avanzate dai sostenitori del genere maschile della voce narrante.

6   Problematica risulta la lettura del WL anche per la mancanza di una stringente consequenzialità nella narrazione, soprattutto nella prima metà del testo (WL 6-29), in cui la presenza di discontinuità cronologiche e sintattiche ha messo a dura prova le capacità interpretative degli studiosi. Ritornerò sull’argomento alla fine di questo contributo.

7   Diverse ipotesi sull’uso di folgað in questo contesto in Wentersdorf 1981, 496-98; in Deor 38 ricorre l’espressione hatte ic fela wintra folgoð tilne (“ebbi per molti anni un incarico vantaggioso”). Complessa risulta la corretta interpretazione di alcune espressioni, tipiche del linguaggio eroico, ma aventi anche valenza giuridica, come fæhðu dreogan (WL 26; “sopportare l’ostilità”), beotedan (WL 21; “giurammo”), feorres folclondes (WL 47; “in un paese lontano”). Beotedan e fæhðu sono riecheggiati in The Husband’s Message: þu sinchroden / sylf gemunde // on gewitlocan / wordbeotunga (14-15; “tu, adorna di gioielli, dovresti richiamare alla mente le promesse”) e hine fæhþo adraf // of sigeþeode (19b-20a; “una faida lo condusse lontano da questo popolo glorioso”). Qui e nel seguito del contributo mi avvalgo, per la ricostruzione del significato dei vari lemmi, di BT (= Bosworth e Toller 1972) e, per le lettere A-H, di DOE (= Di Paolo Healey et al. 2008-16).

8   Ispirate anche dall’insolita e tetra collocazione geografica della protagonista sono alcune delle più fantasiose e accattivanti ipotesi sull’identità del personaggio del WL: una donna che parla dall’oltretomba (Lench 1970; Tripp 1972; Johnson 1983); una divinità pagana abbandonata dal suo sacerdote, convertitosi al cristianesimo (Doane 1966; Orton 1989; Luyster 1998); cui si aggiungono, tra l’altro, la personificazione della Chiesa che implora Cristo per ristabilire la loro precedente unione (Swanton 1964; Bolton 1969; Howlett 1978; Murgia 2013); l’oggetto parlante di un indovinello (Walker-Pelkey 1992).

9   “Sempre un giovane (uomo) deve essere di animo triste, / duro il pensiero del cuore, allo stesso modo deve avere / un aspetto lieto, oltre alla pena del cuore / la ressa di continue pene, sia da lui stesso dipendente / tutta la sua gioia al mondo, sia assai largamente esiliato / in paese lontano, che il mio amico siede / sotto una scogliera, ricoperto dalla tempesta, / amico dall’animo stanco, avvolto dall’acqua, / in una dimora desolata. Sopporta il mio amico / grande pena dell’animo, egli ripensa troppo spesso / a una casa più felice. Che pena per chi deve, / nel desiderio, attendere l’amato.” Di immediata comprensione è però la chiusa gnomica del WL (52b-53), una lapidaria riflessione sulle pene d’amore: Wa bið þam þe sceal / of langoþe leofes abidan (“Che pena per chi deve attendere l’amato nel desiderio!”). Il semiverso formulare Wa bið þam þe sceal (52b) ricorre identico in Beowulf 183b-185a: Wā bið þām þe sceal // þurh slīðne nīð / sāwle bescūfan // in fӯres fæþm, / frōfre ne wēnan, // wihte gewendan (“Che disgrazia per chi, a causa di crudele superbia, deve consegnare l’anima all’abbraccio del fuoco, senza aspettarsi consolazione, o di mutare le cose”). L’edizione seguita del Beowulf è quella di Fulk, Bjork e Niles (2008). La sofferenza dell’attesa della persona amata ritorna in Maxims I 103b-104: Mon se þeah leofes wenan // gebidan þæs he / gebædan ne mæg (“Si deve sempre attendere che l’amato ritorni, aspettare ciò che non può essere forzato”).

10   Cfr. Lawrence 1908, 389; Greenfield 1953, 911; Wentersdorf 1981, 515; Leslie [1961] 1988, 57; Niles 2003, 1113.

11   Si vedano anche le traduzioni sopra riportate a cura, rispettivamente, di Sanesi, e Raffel e Olsen.

12   Per maggiori dettagli si veda il resoconto, con indicazioni bibliografiche, di Klinck [1992] 2001, 185-86, nonché Niles 2003, 1113, e Geremia 2014, 79-80.

13   “If the speaker’s earlier description of her own situation is a series of assertions whose illocutionary point, in Searle’s terms, is an attempt to present words which match her vision of the world, then what we see in the final section of ‘The Lament’ is the speaker’s converse attempt to make the world match her words” (Straus 1981, 278).

14   “The personal pronoun ‘he’ in its various inflected forms in the first sentences of my paraphrase can be understood as referring to any false-hearted lover at all […]” (Niles 2003, 1145).

15   “Così deve comportarsi un giovane, con liberalità / e con splendidi regali, finché si trova sotto la protezione del padre, / in modo che poi, da vecchio, a loro volta, lo sostengano / i compagni più stretti quando la guerra avanza, / che gli uomini lo servano.”

16   Per una rassegna sintetica delle diverse posizioni, con relativi riferimenti bibliografici, rimando qui, per ragioni di spazio, a Niles 2003, 1116-18, e Geremia 2014, 80-81.

17   Secondo Cavill, la ‘massima’ riguarda il comportamento umano, la morale, l’opportunità, le azioni fisiche o magiche, mentre la ‘gnome’ è relativa a proprietà e caratteristiche non solo del genere umano, ma anche di altri esseri, oggetti e fenomeni naturali.

18   La locuzione mon sceal è rinvenibile ancora, fra l’altro, in Maxims I 48, 103b, 114a, 155a; Maxims II 54b; Order of the World, 98a.

19   “Un giovane deve essere istruito, / incoraggiato e stimolato affinché impari a dovere.”

20   “I buoni consigli si dicono a voce alta, i segreti si scrivono.”

21   “È bene avere amici in ogni via.”

22   “I soldati devono sempre portare con sé l’armatura / e dormire insieme l’uno con l’altro.”

23   Anche l’uso di pronomi e aggettivi indefiniti sembra enfatizzare l’idea di obbligo morale (Cavill 1999, 48).

24   “Un uomo deve controllarsi con la forza della mente, e attenersi fermamente a / questo, fedele ai suoi propositi, puro in ogni modo. / Ogni uomo dovrebbe comportarsi con misura / nei confronti degli amici e dei nemici.” Seafarer 109a ricorre quasi identico in Maxims I 50, la cui lezione è servita a emendare il testo corrotto dell’elegia. Su questo passo del Seafarer si veda Isaacs 1967.

25   Ricorre come simplex nei costrutti bi me ful geomorre (1; “su di me, assai afflitta”), forþon is min hyge geomor (17; “perciò il mio animo è afflitto”) e, come composto (aggettivale), in hygegeomorne (19; “d’animo triste”, riferito all’uomo amato), oltre che nel succitato geomormod (42).

26   La polisemia di mōd è rilevata da Ælfric: “Heo [seo sawul] is animus þæt is mod þonne heo wat. Heo is mens þæt is mod þonne heo unterstent. […] It is animus, that is mōd, when it knows. It is mens, that is mōd, when it understands” (Harbus 2002, 35).

27   Mi sembra appropriato citare qui Beowulf 2044-45: onginneð geōmormōd geongum cempan […] higes cunnian (“comincerà, con animo grave, a mettere alla prova un giovane soldato”), detto dell’anziano guerriero che spinge un giovane degli Heaþobardi a compiere vendetta, oppure il passo in cui Giuditta si prepara a uccidere Oloferne, Judith 86b-88a: Þearle ys me nu ða // heorte onhæted / ond hige geomor, // swyðe mid sorgum gedrefed (“È terribile per me adesso, il mio cuore è in fiamme e la mente è cupa, grandemente agitata da preoccupazioni”). Delle tre occorrenze di geōmormōd/geōmor nel senso di “serious” o “grave” citate da Hill (2004, 237 nota 11) solo una è corretta, quella relativa a Judith 86; per quanto riguarda le altre due, rispettivamente Beowulf 2041 e 2681, nella prima è errato il verso (recte: 2044), mentre nella seconda (recte: 2863) non compare affatto geōmor/geōmormōd, bensì il composto sarigferð “con animo mesto”.

28   Sulla possibilità di costruire heard heortan geþoht come soggetto del predicato successivo habban sceal (43b), lasciando così geong mon soggetto unico di a scyle wesan, si mostra scettico Leslie ([1961] 1988, 57).

29   Nella forma (al plurale) heortan geþohtas: Christ 1047, 1055; Maxims I 3; Seafarer 34.

30   Anche se, come si legge in Ilkow 1968, 299, questa distinzione non deve essere considerata propria del modo di pensare dei germani: “Der Germane trennte nämlich nicht [...] den im menschlichen Körper angenommenen Sitz der Gemütsregungen vom Sitz der Denkkraft. Das Herz bzw. die Brust als Teil des Körpers, der das Herz umschließt, galt ihm als der Sitz aller Geistes-, Gefühls- und Willensregungen […]. Der Germane kannte also eine Art ‘Körperseele’, die er nach dem Sitz, an dem er sie gelegen glaubte, *herton- bzw. *breusta-, *brusti- nannte. Zur Bezeichnung der Kräfte dieser Seele dient ihm u.a. môða aber auch der […] Ausdruck hugi-.” I vari mind-words rinvenibili in anglosassone spesso hanno ambiti semantici che si intersecano, ma una differenza di base sembra esistere, tolte le ovvie necessità dell’allitterazione, tra quelli che indicano “the physical or methaphysical receptacle of the mind” (brēost, heorte, hreþer) e quelli che connotano “the mind as entity” (mōd, hyge, sefa, mōdsefa); cfr. Harbus 2002, 23.

31   Il termine breostcearu ‘afflizione del cuore’ (ricorre anche in Seafarer 4) è variato e intensificato dalla locuzione sinsorgna gedreag, costituita dal genitivo di sinsorg ‘costante preoccupazione’ (uno hapax composto dal prefisso sin- ‘continuo, costante’ e sorg ‘dolore’) e gedreag ‘tumulto, moltitudine’; sul lessico del dolore di questi versi ha scritto Riviello (2011, 314-15). Si confronti la locuzione di Precepts 76, tornsorgna ful (“pieno di ansiose preoccupazioni”), per la forma poco comune di genitivo debole (Klinck [1992] 2001, 187).

32   “Perciò non può diventare saggio un uomo, prima che abbia / la sua parte di anni sulla terra. Un saggio deve essere paziente, / non deve essere troppo impulsivo, né troppo affrettato nel parlare, / né troppo debole, né troppo imprudente, / né troppo pavido, né troppo lieto, né troppo avido, / né troppo desideroso di vantarsi, prima che comprenda chiaramente.” Analogo alla formulazione ne to forht ne to fægen è il Proverbio 23 della raccolta di Durham (Arngart 1981, 293), che così recita: Ne sceal man to ær forht ne to ær fægen, Nec cito pauidus nec ilico arrigens qui esse debet (“un uomo non deve essere né troppo presto impaurito, né troppo rapidamente baldanzoso”; di diversa opinione Hill 2004, 248 nota 24). La successione di espressioni formulari consistenti di ne to seguiti da un aggettivo relativo a una qualità umana ricorre spesso negli scritti omiletici (Dunning e Bliss 1969, 117), tuttavia l’insieme di ammonizioni del Wanderer conterrebbe elementi attinenti più alla sfera eroica, che non a quella cristiana, e non avrebbe precise corrispondenze nelle omelie (Leslie [1966] 1985, 13). Secondo Orchard (2002) il Wanderer mostra l’influenza della coeva tradizione omiletica in vernacolo: il lamento sul declino della cultura eroica di un tempo sarebbe svolto adottando i tropi dell’omiletica. Questo apprezzamento critico non deve stupire poiché, a partire dai saggi di Clemoes (1969) e Diekstra (1971), che individuavano negli scritti dei Padri della Chiesa possibili fonti per il Wanderer, diversi studiosi hanno sostenuto l’idea che questo componimento sia, come d’altronde il Seafarer, fortemente influenzato dalla tradizione cristiano-latina, piuttosto che costituire sic et simpliciter l’esito della tradizione secolare e pagana, superficialmente rielaborata con interpolazioni cristiane. Di conseguenza vi si sono di volta in volta individuati l’espressione del genere della consolatio (Cross 1961), il precursore della tradizione meditativa inglese (Selzer 1983), l’influenza della filosofia boeziana (Lumiansky 1950; Horgan 1987; North 1995; ma critico Langeslag 2008), l’appartenenza al genere sapienziale (Shippey 1994), il legame con scritti biblici (De Lacy 1998), l’influenza di dottrine del monachesimo orientale (Leneghan 2016).

33   Un’analisi di questo passo in termini di stoicismo è stata condotta da Diekstra (1971), secondo il quale sarebbe espressa qui l’idea che gli affetti e le perturbazioni della mente devono essere temperati e guidati, attraverso l’esercizio delle virtù cardinali; solo in questo modo l’uomo saggio riesce a raggiungere la moderazione e la continenza. Di parere opposto è invece Mitchell (1968, 191-98), che analizza il passo specialmente da un punto di vista sintattico, giungendo alla conclusione che le qualità elencate non siano affatto desiderabili e che la serie di affermazioni costituirebbe un esempio di meiosi o understatement. Per Bjork (1989, 119) il passo contiene una serie di espressioni gnomiche convenzionali, delle quali solo la prima si riferisce direttamente al protagonista del poemetto, mentre le altre costituiscono uno sfogo di sapienza tradizionale, frutto dei condizionamenti culturali cui l’errante è sottoposto.

34   Per una diversa opinione sulla questione del fatalismo si rimanda alla bibliografia citata in Griffith 1996, 155 nota 88.

35   Il lemma è attestato, con la medesima accezione, in tutti i dialetti del germanico. Sul concetto di wyrd e la sua evoluzione si rimanda a trattazioni ‘classiche’ come Timmer [1940-41] 1968 e Weber 1969. Sull’uso di wyrd nel Beowulf si vedano, tra gli altri, Payne 1974 e Kasik 1979.

36   Così, ad esempio, Dunning e Bliss 1969, 72; per una lettura diversa: Griffith 1996.

37   “Non addolorarti, saggio, è meglio per ciascuno / che questi vendichi l’amico, piuttosto che piangerlo troppo; / ognuno di noi deve attendere la fine / della vita mortale: ottenga colui che può / la gloria prima della morte; questa è la cosa migliore / che resti a un uomo del seguito quando non è più vivo.”

38   “[…] da quando tanti anni fa il mio generoso principe / ricoprii con l’oscurità della terra, e io da allora, reietto, / vagai, desolato come l’inverno, sullo stretto abbraccio delle onde, / cercai, nello sconforto per la mancanza di una dimora, un signore generoso […].”

39   “Sa bene chi lo prova / quale terribile compagno è il dolore, / per colui che non possiede che pochi amici fidati.”

40   “So per vero / che è nobile costume per un guerriero / chiudere saldamente il suo animo, / e tenere ben serrata la sua mente, qualunque cosa pensi.”

41   Nel Wanderer ricorre, poco dopo, una formulazione analoga, che insiste sulla necessità e sulla desiderabilità di un atteggiamento di riservatezza: Forþon domgeorne / dreorigne oft // in hyra breostcofan / bindað fæste (17-18; “perciò, coloro che aspirano alla fama spesso imprigionano saldamente nel loro petto il cuore afflitto”); anche la chiusa gnomica contiene una formulazione analoga: Til bið se þe his treowe gehealdeþ, / ne sceal næfre his torn to rycene // beorn of his breostum acyþan, / nemþe he ær þa bote cunne, // eorl mid elne gefremman (112-14a; “È bene per colui che mantiene la sua fede, né mai un uomo deve troppo prontamente svelare il dolore del suo cuore, a meno che non ne conosca prima il rimedio, un uomo deve agire con coraggio”). Sulla diversa valenza di queste immagini che, nel Wanderer, invitano al silenzio, ha commentato ampiamente Bjork (1989, 122-23).

42   Formulazioni analoghe compaiono diffusamente nel corpus poetico anglosassone, in particolare in testi gnomici e didattici: Wærwyrde sceal / wisfæst hæle // breostum hycgan, / nalles breahtme hlud (Precepts 57-58; “Un uomo saggio deve essere attento con le parole e meditare sulle cose nel suo animo, mai rumoroso e garrulo”); Hyge sceal gehealdan […] snyttro in breostum (Maxims I 121-22; “La mente deve essere custodita […] la saggezza appartiene al cuore”); heald hordlocan, / hyge fæste bind, // mid modsefan (Homiletic Fragment II 3-4a; “tieni saldo il tesoro dei tuoi pensieri, custodisci saldamente la mente, insieme con il tuo animo”).

43   Secondo Kinch (2006, 147) “[t]he ironic deployment of the phrase ‘bliþe gebæro’ […] so trenchantly re-reads the Anglo-Saxon heroic tradition of male emotional control […]”.

44   “The verb sӯ in lines 45 and 46 may be taken […] as optatives containing an alternative hypothesis as Modern High German seisei…, ‘whether… or…’” (Leslie [1961] 1988, 57-58); si veda la discussione in Klinck [1992] 2001, 186.

45Gelong ‘appartenente, dipendente’ è usato altrove in un’accezione simile: Nū is se rǣd gelang // eft æt þe ānum (Beowulf 1376b-77a; “adesso la soluzione dipende da te solo”); ðær is help gelong (Juliana 645b, “l’aiuto proviene da lì”); þær is lif gelong / in lufan dryhtnes (Seafarer 121; “dove la vita è propria nel pieno dell’amore del Signore”); Nis me wiht æt eow // leofes gelong (Guþlac 312b-13a; “la mia vita non dipende affatto da voi”).

46   “Perciò il mio animo è afflitto, / poiché mi accorsi che l’uomo, a me assai affine, / era avvezzo alla malasorte, cupo d’indole, / celava il suo animo e meditava sulle sue pene, / pur dietro un aspetto lieto.” Gemæc ‘ben assortito, adatto, uguale’; si veda gemæcca ‘compagno, consorte’ (BT, 412), come in Maxims I 23b-25b: Tu beoð gemæccan; // sceal wif ond wer / in woruld cennan // bearn mid gebyrdum (“Due sono marito e moglie; donna e uomo genereranno un figlio con il parto”).

47   Leslie ([1961] 1988, 54), ad esempio, considera la frase che inizia con ða come principale, mentre Klinck ([1992] 2001, 181) rileva che l’ordine è proprio quello di una frase subordinata, con i pronomi che seguono immediatamente la congiunzione e il verbo in posizione finale.

48   Nella mia traduzione accolgo l’interpretazione di Klinck ([1992] 2001, 181), che glossa funde (preterito indicativo di findan) con “realized (that he was), found to be”. Oltre al significato di ‘incontrare, trovare’ findan può avere anche il senso di “to determine, to devise” (BT, 287); Toller nel Supplement (s.v.) riporta anche i traducenti “to ascertain, to come to the knowledge of a fact, to learn”.

49   Apparentemente si tratta di un altro costrutto apò koinoȗ; si vedano in merito le articolate considerazioni di Pope e Fulk 2001, 125-26; Klinck [1992] 2001, 181-82.

50Morþor hycgend[n]e è tradotto generalmente come “che meditava un delitto”, individuando così in morþor il corrispondente anglosassone di murder; in realtà morþor può anche significare “torment, deadly injury, great misery” (BT, 698).

51   Al disinganno per la scoperta della vera natura dell’amato segue la rievocazione della promessa che nient’altro, oltre la morte, avrebbe diviso i due sposi. Da questa affermazione è possibile desumere, da una parte, che i due sono attualmente separati e che, dopo la partenza del marito, non si sono più ricongiunti, e dall’altra, invece, che entrambi, o perlomeno la donna, sono ancora in vita.

52   Si vedano in proposito le considerazioni di Leslie [1961] 1988, 55; Klinck [1992] 2001, 181-82.

53   Così Klinck [1992] 2001, 182: “[…] the recurrence of the same phrase in line 44 [bliþe gebæro] makes it probable that a parallel is intended between the two passages, especially in view of the additional resemblance between geomormod / heard heortan geþoht (lines 42b-43a) and heardsæligne, hygegeomorne.” Così commenta Lawrence (1908, 391) relativamente ai versi 42-45: “It will be noticed that the parallelism to ll. 17 ff. is striking. […] The same phrase blīþe gebǣro occurs in each passage, and hygegeōmor is much like geōmormōd.”

54   Anche Hall (2002, 18) rileva un parallelismo tra i versi 18-21a (!) e 42-45a del WL, ma giunge a conclusioni diverse dalle mie: “Comparing these passages suggests that the speaker means lines 42-45a to apply particularly to the ‘ful gemæcne monnan’, and gives an insight into his character: the speaker’s demands in 42-45a, compared with the description earlier in 18-21a, imply a fairly subtle distinction between how the mon is and how he should be. Given that the mon is gemæcne, that 42 is gnomic, and that the descriptions resonate with the speaker’s description of herself as gemorre, they must apply to her as well as her mon”.

55   Ovviamente non identifico, come fa invece Klinck ([1992] 2001, 182), il geong mon con il ful gemæcne monnan (18).

56   Come ad esempio Hamer [1970] 1972, 72-75. Diverse proposte di suddivisione in Leslie [1961] 1988, 5-8; Johnson 1971, 500-01; Howlett 1978, 7; Wentersdorf 1981, 494-95.

57   Sulle ripetizioni e i parallelismi nel testo del WL, sui quali è impossibile soffermarsi qui, si vedano, tra gli altri, Curry 1966, 194-97; Renoir 1977; Leslie [1961] 1988, 11-12.

58   Interessanti le osservazioni di Johnson (1971, 498): “[…] that the speaker intends a chronological relation of events at the beginning of the poem cannot be doubted […]. However, with line 17b dislocation of thought occurs: the abrupt change in tense […] marks the beginning fusion of objective with subjective elements, of time past with time present, which continues throughout the poem […].” Wentersdorf (1981, 493-94) propone una ricostruzione plausibile dell’apparentemente sconnessa cronologia del componimento.

Auteur

Università degli Studi di Catania

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search