Version classiqueVersion mobile

La tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali

 | 
Marina Cometta
, 
Elena Di Venosa
, 
Andrea Meregalli
, 
et al.

Prefazione

Verio Santoro

Texte intégral

1Il volume raccoglie la gran parte dei lavori del XLIII convegno dell’Associazione Italiana di Filologia Germanica ospitato dall’Università degli Studi di Milano nei giorni 30 maggio-1 giugno 2016 e dedicato alla tradizione gnomica nelle letterature germaniche medievali. L’ampia tematica del convegno è stata affrontata in saggi puntuali e specifici per quanto riguarda l’area linguistico-culturale (anglosassone, altotedesca, frisone, scozzese e fiamminga), il periodo (dall’alto al basso medioevo), l’approccio metodologico alle varie tipologie di testi oggetto di studio.

2La serie dei contributi si apre con uno studio di Elena Di Venosa (La fraseologia storica germanica: temi, strumenti, metodi) dedicato all’incontro tra paremiologia e fraseologia storica, con un’ampia presentazione dei diversi filoni di ricerca, non sempre omogenei nell’ambito delle varie lingue germaniche e principalmente riconducibili alle scuole tedesca (più incline alla paremiologia) e inglese (che predilige invece la fraseologia in senso stretto). Il contributo offre una presentazione dei principali aspetti paremiologici e linguistici di questo ramo della linguistica storica, costituendo così un utile punto di partenza teorico in funzione dello studio dei successivi saggi raccolti nel volume.

3Il secondo contributo di Marusca Francini (Immagini letterarie della schiavitù negli indovinelli dell’Exeter Book) si concentra sull’immagine della schiavitù che emerge da tre indovinelli tramandati dal celebre codice di Exeter; presente in modo particolare nella letteratura anglosassone, il genere poetico dei Riddles si dimostra adatto a veicolare riflessioni e contenuti di tipo gnomico. Dopo una generale presentazione della situazione relativa alla schiavitù nella Britannia anglosassone dall’adventus Saxonum sino alla conquista normanna, il contributo focalizza la sua attenzione sulla terminologia della schiavitù e sull’evoluzione del termine wealh contenuto negli indovinelli 12, 52 e 72.

4Nel successivo saggio (Riflessioni gnomiche in The Wife’s Lament) Concetta Sipione propone una rilettura gnomica dei versi finali del componimento anglosassone noto come The Wife’s Lament, da sempre al centro di un appassionato dibattito; sostenuta da una ricca analisi delle corrispondenze con il restante corpus poetico anglosassone, la rivisitazione gnomica dei versi finali del componimento permette all’autrice di ripianare alcune asperità e incongruenze del testo e di legare meglio i vv. 42-47a con i successivi vv. 47b-52.

5Il contributo di Rolf H. Bremmer Jr (“The Fleeing Foot is the Confessing Hand.” Proverbs in the Old Frisian Laws) propone un rapido panorama della letteratura d’argomento gnomico, e specificamente dell’elemento proverbiale, nelle diverse aree germaniche – anglosassone, scandinava (in particolare islandese) e tedesca – e un’utile ricostruzione degli orientamenti degli studi relativi ai proverbi antico-frisoni, a partire dal primo pionieristico lavoro dell’umanista George Burmania, attraverso il periodo romantico e sino al XX secolo. Sulla base di una puntuale analisi di alcuni passi di particolare interesse (principalmente dalla raccolta di testi giuridici conosciuta come Jurisprudentia Frisica, tardo sec. XV) e di nuovi traguardi della ricerca (gli studi di Klaus von See), lo studioso passa poi ad analizzare la natura, tipologia e funzione dei proverbi nei testi giuridici frisoni, distaccandosi dalla tradizionale interpretazione dei proverbi come relitti di un più antico e comune passato germanico.

6Valeria Di Clemente (Gli usi dell’elemento gnomico nel Bruce di John Barbour) si occupa dell’uso funzionale dell’elemento gnomico da parte di John Barbour nel poema da lui dedicato alla vita e alle imprese di Robert Bruce, riprendendo, ma anche precisando e arricchendo, il precedente lavoro del filologo e paremiologo statunitense B.J. Whiting. L’indagine dell’autrice si sofferma sulla modalità di occorrenza di proverbi, massime e sentenze nel poema, sulla loro funzione e sulla presenza di temi e situazioni ricorrenti, analizzandone nell’economia della narrazione le modalità di inserzione nel testo (come rielaborazione o come citazione estesa); attenzione è anche dedicata a loci particolarmente strategici del componimento dove sono esaltati quei concetti morali e/o sociali che sostengono l’impianto propagandistico del poema.

7Il contributo di Davide Bertagnolli (Gli insegnamenti del Leken Spieghel di Jan van Boendale nel contesto cittadino brabantino del XIV secolo) prende in esame un testo enciclopedico composto nel secondo decennio del XIV secolo da Jan van Boendale (il Leken Spieghel), in particolare concentrandosi su quei passi del terzo libro che possono essere ricondotti al contesto cittadino e più in generale al Ducato di Brabante, in cui l’autore, poeta e segretario della città di Anversa, aveva operato. Il saggio vuole così favorire la comprensione di quegli insegnamenti che nel testo insistono sulla centralità del bene comune, contestualizzandoli dal punto di vista storico e riconoscendo l’influenza su di essi esercitata dall’analogo concetto di communis utilitas, già presente in uno scritto di Tommaso d’Aquino (noto come De regimine Judaeorum, ad Ducissam Brabantiae) indirizzato alla duchessa Aleidis di Borgogna, che all’Aquinate aveva richiesto consigli di natura politica dopo aver temporaneamente preso la reggenza del Ducato di Brabante alla morte del marito Hendrik III.

8Dagmar Gottschall (Ein meister sprichet. Dicta (Sprüche) come strumento didattico nella mistica tedesca del XIV secolo) propone una, per molti versi originale, interpretazione del cosiddetto dictum (Spruch), costituente vitale della predica e del trattato, che si fa strada a partire dal XIV secolo con la sempre maggiore diffusione della letteratura religiosa volgare in prosa. Il contributo si sofferma più precisamente sul detto mistico (Mystikerspruch), raramente oggetto in passato di specifica attenzione; concentrandosi sul contenuto dei detti, sulla loro funzione e sul loro possibile valore didattico, il saggio offre un’interpretazione del detto mistico nella prospettiva della letteratura gnomica.

9Chiude il volume il saggio di Elisabeth De Felip-Jaud (Die Sprichwörter in Hans Vintlers Blumen der Tugend) dedicato allo studio dell’elemento proverbiale nell’opera dello scrittore Hans Vintler Blumen der Tugend, il più ampio componimento poetico in lingua tedesca del tardomedioevo tirolese, basato sull’opera in prosa Fiore di virtù dell’italiano Tommaso Gozzadini. L’elemento proverbiale presente nell’opera di Vintler è attentamente analizzato nel suo rapporto con il modello italiano (prendendo come base di confronto l’edizione a stampa di Giovanni Bottari del 1740), sia dove esso più fedelmente sembra seguire il testo di partenza (come nella prima parte), sia dove esso sembra con più decisione progressivamente distaccarsene (come nella seconda parte).

10Come il lettore potrà osservare, gli argomenti e i testi trattati ribadiscono l’ampiezza e la vitalità della ricerca e degli interessi scientifici della comunità dei filologi germanici italiani e confermano il convegno annuale della loro associazione – con il contributo da tempo consolidato di importanti specialisti stranieri – come fondamentale luogo di confronto sui diversi aspetti della cultura germanica medievale.

Auteur

Università degli Studi di Salerno Presidente dell’Associazione Italiana di Filologia Germanica

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search