Version classiqueVersion mobile

La conseguenza di una metamorfosi

 | 
Calabrese Giuliana

Conclusioni: «así que pasen treinta años»

Texte intégral

1L’analisi testuale dell’intero corpus poetico finora pubblicato da Luis García Montero ha permesso di intividuare alcuni topoi, legati ai concetti di soggetto poetico e di spazio letterario, che dimostrano come il poeta abbia condotto una riflessione critica sulla tradizione poetica spagnola, appropriandosi di pensieri ereditati dalle generazioni del 27 e del 50, ma anche dalle principali poetiche europee del XX secolo giunte in Spagna attraverso il lucido filtro di Luis Cernuda e Jaime Gil de Biedma. Nell’opera del granadino, perciò, trova piena conferma l’idea di Zumthor, che considera i motivi, o meglio, i «materiali figurativi», quali «“segni formali nella testura delle opere” che permettono d’individuare “l’esistenza della tradizione”» (Segre 21992: 336).

  • 1   Il presente lavoro prende le mosse dalla rielaborazione della tesi discussa a conclusione del Cor (...)

2Si è potuto constatare, inoltre, come tali materiali siano stati rielaborati alla luce di una riflessione sull’ambito postmoderno in cui si inserisce l’opera di Montero, che muove il suo pensiero partendo da un contesto di intimità per poi approdare a uno spazio comune in cui lettore e poeta possano costruire significati condivisi. Luis Bagué Quílez riassume alla perfezione l’intera poetica di García Montero quando afferma che «al afrontar los desafíos anteriores, el poeta ensaya un triple salto mortal: respetar la tradición, convertir el pasado en presente y desplazar la frontera desde lo privado hacia lo público» (2009a: 308). L’atteggiamento con cui il poeta ha intrapreso tale «triplo salto mortale», come ho illustrato nelle prime pagine di questo lavoro1, ha costituito un punto di svolta nella poesia spagnola contemporanea senza per questo imporsi come cieca, soverchiante e vuota ideologia, ma anzi proponendo sempre la ternura (e dunque l’ambito più intimo) come motore della ribellione:

no basta mantener un compromiso coyuntural, utilizando la poesía para protestar por lo que cada uno cree que son injusticias. Necesitamos pretensiones más estructurales, intentos de llegar a la verdadera raíz ideológica del género y del sujeto que se expresa. La poesía será un discurso distinto cuando sirva para “decir” otra moral, otra forma de mirarse a los ojos. Y por eso hablando del amor se puede ser tan revolucionario como hablando del odio, por eso existe una posibilidad de sentirse rebelde en la ternura. ¿Es esto volver al subjetivismo? Todo lo contrario. Significa romper la separación imaginaria entre el yo y el sistema, a la que siempre se acaba volviendo desde el Romanticismo. Si mantenemos indefinidamente esta división, por mucho que nos pongamos en uno de los dos lados, le seguiremos haciendo el juego a las viejas costumbres de la historia. Y suelen ser temibles. (García Montero 1993a: 198-199)

3A conferma della solidità della proposta teorica di Montero si trova proprio la sua pratica poetica, risultato di una «metamorfosi» racchiusa negli elementi testuali che perciò diventano polivalenti in quanto collegati alla tradizione della poesia spagnola, ma anche della retorica europea, e al presente postmoderno. In questo lavoro, l’analisi dei motivi è servita come dimostrazione della comprometida messa in pratica dei discorsi teorici del poeta e lo studio dei topoi legati ai concetti di soggetto e di spazio ha dunque condotto il ragionamento dalla sfera intima a quella pubblica, dislocandosi lungo un asse poetico, quello della linea esperienziale in generale, ma soprattutto della scrittura di García Montero, che dura ormai da più di trent’anni.

4Come ho avuto modo di illustrare, a partire dagli anni ’80, la ‘poesia dell’esperienza’ ha intrapreso il percorso della postmodernità propendendo per un recupero del modello illuminista e, soprattutto, umanista e pertanto cambiando rotta rispetto alla tendenza novísima, che invece si identificava nella riscrittura dell’avanguardismo storico. L’atteggiamento poco fiducioso nei confronti delle possibilità di trasformazione derivanti dalle posizioni neoavanguardiste vira definitivamente verso il realismo proprio durante gli anni della transizione democratica, impregnandosi, come si è potuto leggere, delle teorie postmoderne di Habermas e assumendo lo status di realismo posmoderno.

5È in questo contesto che ha riacquisito vitalità il valore del contratto sociale, che nella poesia di García Montero si è manifestato nella costruzione di un’individualità profondamente legata alla trama urbana e che cerca di superare la frattura tra l’io e il sistema instaurando un dialogo nello spazio dei versi, facilmente accessibili a livello superficiale (per rimanere nella metafora della navigabilità del testo) e auspicabilmente sondabili anche in profondità a dispetto dell’apparente univocità di significato.

6Per riprendere ancora una volta le magistrali parole di Luis Bagué Quílez, «la posmodernidad puede contemplarse con una mirada ilustrada en la que convergen la construcción humanista, la voluntad de desacralización y la restitución del pacto social» (2006: 32). Per queste ragioni, per Montero è stato necessario fare fronte alla cosmovisione nichilista ricorrendo a un soggetto che, per quanto frammentario, non ha mai assunto i tratti di soggetto vuoto, di non-soggetto o di entità avulsa dal contesto reale e che, anzi, nella sua finzionalità è diventato via via cosciente della sua responsabilità etica. Tale presa di coscienza è sempre possibile nei versi del granadino grazie alla metafora della ‘vita come libro’ (da lui approfondita anche quale topos della menzogna letteraria e della fede poetica a fare da contrappunto), come si è visto con il suo ricorso al ‘soggetto di carta’, ma anche in virtù dello sguardo altro che l’io poetico sente cadere su di sé, sia esso l’‘altro’ nel senso più oggettivo del termine o l’alterità del sé percepita tramite elementi riflettenti quali gli specchi, le consumistiche vetrine dei negozi o, per estensione, le fotografie.

7Un simile soggetto, per quanto profondamente finzionale, si è visto essere dotato di una vivace corporalità, imprescindibile per una escritura del cuerpo volta a rendere concreta l’impalpabile contingenza che sostiene la Storia: il corpo e le relazioni che esso instaura con il contesto diventano nella poesia di Montero lo strumento principale per rappresentare i legami degli individui tra di loro e con l’ambiente. I motivi letterari derivanti dalla predominante corporeità del soggetto hanno pertanto convogliato il discorso dall’interiorità della persona poetica a una dimensione più collettiva e spaziale in cui ciascuno possa riconoscersi.

8Al cospetto di un’opera letteraria del genere, l’effetto di realtà, o meglio, di illusio realista, risuona come eco del realismo dialettico di Brecht, dotandosi dunque di una grande finalità politica. L’io così inserito nel suo divenire storico e concreto diventa lo strumento con cui infrangere le barriere tra lo spazio privato e quello pubblico, restituendo pertanto al cittadino la possibilità di riappropriarsi di quest’ultimo. Dall’analisi dei topoi che costruiscono il discorso sull’io poetico si è attraversato dunque il filtro della corporeità per approdare infine allo studio dei motivi dello spazio letterario.

9Ho avuto modo di illustrare come Montero si inserisca nella postmodernità con una proposta attiva e fortemente sociale, avanzata da una posizione etica in cui l’arte deve rispondere alle oscillazioni della storia:

cuando se habla de posmodernidad, muchas veces lo único que se hace es tomar conciencia de esa crisis perpetua de la modernidad. Eso tiene dos lecturas: renunciar –y hay mil maneras de renunciar, desde el cinismo hasta la pureza de no querer mezclarse con la historia– o intentar recuperar el proyecto emancipador de la modernidad. A mí la posmodernidad que me interesa es la que quiere darle una segunda oportunidad a la Ilustración. (Rodríguez Marcos 2004: 3)

10In questo senso, perciò, i postulati del realismo singular, in base al quale la poesia diventa una riflessione sull’intimità di ciascuno per ricostruire la propria esperienza da un punto di vista storico, coincidono con quelli di Habermas sulla finalità estetica ed etica dell’epoca moderna e sul completamento del progetto illuminista. Per abbattere le frontiere tra l’ambito privato e quello pubblico, o meglio, per restituire al soggetto la realtà collettiva della Storia, Montero ha condotto una riflessione sullo spazio conferendo a tale pensiero una forma poetica. Come ha sottolineato Foucault (2010), Bachelard e le interpretazioni dei fenomenologi hanno insegnato che non viviamo in uno spazio vuoto ed eterogeneo, bensì in luoghi carichi di qualità che entrano in relazione con il soggetto e lo aiutano a interpretare lo spazio che occupa. Il locus urbanus, perenne protagonista dei versi di Montero, si è visto essere caratterizzato da una condizione di inafferrabilità (sia essa liquida o aerea) che conduce l’uomo ad allontanarsi dall’altro da sé e a non vivere più il luogo pubblico. Le città contemporanee sono plasmate da Montero in versi che invitano (anche con una certa veemenza) a riappropriarsi dello spazio urbano, trasformando perciò il messaggio poetico in una metafora totale con la quale il discorso viene traslato dall’ambito cittadino a quello letterario: lo spazio dell’uomo contemporaneo che più di qualunque altro resiste alla mercificazione è quello della letteratura e di questo deve ricominciare ad appropriarsi il lettore – compiendo dunque un percorso quasi inverso rispetto a quello della poesia del granadino – per poi rinsaldare il patto sociale con l’‘altro’ e rientrare in possesso del proprio spazio nel mondo.

11Il vincolo che unisce gli ambiti della vita, pur mantenendone intatta la singolarità, si è rivelato essere quello della fluidità, rappresentato nei versi con differenti motivi tutti riconducibili all’elemento acquatico per individuare in quest’ultimo, infine, una grande metafora della scrittura poetica appresa da Montero dai suoi grandi mentori («El oficio artesano de cultivar palabras / lo heredé de maestros que salían / a navegar por el lenguaje») ma riproposta in chiave proattiva: lo spazio poetico va percorso a ogni costo e malgrado l’eventualità di affondare o naufragare.

  • 2   Il manifesto è stato firmato nel 2013, ma la gestazione del movimento risale almeno al 2004, anno (...)

12Mi permetto di aggiungere in chiusura un breve accenno all’ormai polifonica attualità poetica spagnola perché l’opera di García Montero, e soprattutto il suo compromiso literario, sono stati assunti come tacito esempio nella creazione del recente2 Humanismo solidario, un’associazione di poeti e critici (per la maggior parte andalusi) che ha ripreso il paradigma esperienziale rifacendosi quasi direttamente al manifesto della otra sentimentalidad. Mi servo dunque di un significativo passaggio tratto dalla Hoja de ruta dell’Humanismo solidario per fissare, ancora una volta, la rotta che in queste pagine ho fatto intraprendere alla riflessione sulla poesia di Luis García Montero:

si el avatar de la historia ha cambiado el pensamiento de los hombres, la poesía, la literatura y el arte han de encarnar valores útiles, reflejos claros de conciencia histórica que nutran de contenido las nuevas necesidades individuales y sociales. Literatura y arte cercanos a los problemas del yo y sus circunstancias: la sociedad y el ser humano. Y en este empeño, el lenguaje poético ha de ser diferente. La presencia del yo será clara y explícita, performativa y auténtica, plena de marcas textuales que intentan traducir la experiencia personal de un mundo en el que habita el resto de los hombres.
Pero no podemos perder de vista la verdadera esencia de la literatura. El lenguaje ha de mantener sujeto el estribo de la tradición creadora en el que siempre se asentó para dejarlo volar a nuestro impulso. La mimesis de la realidad, sea cual fuere su concepción estética, debe perseguir siempre transmitir experiencias ligadas a la historia, conscientes del compromiso ético que convierte el arte en idea, la palabra en acción, la creación en vida. (2013: 5)

Notes

1   Il presente lavoro prende le mosse dalla rielaborazione della tesi discussa a conclusione del Corso di Dottorato di ricerca in Lingue, Letterature e Culture Straniere (Iberistica) presso l’Università degli Studi di Milano e diretta dalla professoressa Maria Rosso, che ringrazio per avermi donato tempo, cultura e appoggio costante.

2   Il manifesto è stato firmato nel 2013, ma la gestazione del movimento risale almeno al 2004, anno in cui Belén Molina Huete ricorre al sintagma humanismo solidario per parlare della poesia di Alberto Torés, uno dei membri fondatori dell’associazione (Cfr. Sánchez García 2013).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search