Version classiqueVersion mobile

La conseguenza di una metamorfosi

 | 
Calabrese Giuliana

Introduzione

Texte intégral

Gracias, Compañero, gracias
Por el ejemplo. Gracias porque me dices
Que el hombre es noble.
Nada importa que tan pocos lo sean:
Uno, uno tan sólo basta
Como testigo irrefutable
De toda la nobleza humana.
Luis Cernuda
Esquilo: «¿Por qué debemos admirar a un poeta?»
Eurípides: «Por su inteligencia aguda, su sabio con­sejo y porque haga mejores a los ciudadanos».
Aristófanes

1Questo lavoro prende spunto dall’impegno civico assunto nell’ultimo trentennio da un versante della poesia spagnola, identificabile con la generalizzante etichetta di ‘poesia dell’esperienza’ e massimamente rappresentata dal granadino Luis García Montero.

2Si può immaginare, e a ragione, che sulla base dell’opera di un poeta così attivo e influente nell’ambito delle lettere spagnole si siano avvicendati molti studi, più o meno approfonditi. Questa ricerca, dunque, vorrebbe rientrare nel novero dei lavori già esistenti, ma con una prospettiva di analisi testuale che riguarderà nello specifico i topoi letterari applicati dall’autore alla sua concezione di soggetto e di spazio poetico. Attraverso di essi, come cercherò di dimostrare in queste pagine, viene veicolato il grande messaggio di impegno civico e democratico che percorre l’intera poesia di Luis García Montero.

3Seguendo il pensiero di Gaston Bachelard, di riferimento per parte di questo lavoro, «se esiste una filosofia della poesia, tale filosofia deve nascere e rinascere in occasione di un verso dominante, nella totale adesione a un’immagine isolata» (2006: 5). Ovviamente non è mia intenzione condurre una ricerca filosofica, ma in alcuni passaggi cruciali di questo studio risulterà utile rimettersi al fenomenologo per dimostrare come il passato archetipico e della tradizione letteraria risuoni nelle immagini poetiche più attuali e, in tale risonanza, la stessa immagine possa trovare una sonorità presente. Per determinare l’essenza e l’efficacia delle immagini poetiche elaborate da García Montero sarà dunque necessario sperimentarne la risonanza e studiare il momento in cui queste nascono nella coscienza del poeta come prodotto diretto dell’essere uomo percepito nella sua attualità; soprattutto, però, verrà studiato il modo in cui il poeta elabora consapevolmente tali immagini e l’effetto che l’intero testo, in quanto insieme di diverse immagini, crea. Risulterà evidente come questo effetto sia volto ad affermarsi quale «fenomeno di libertà», non solo formale ma anche – e soprattutto – ideologica:

Un verso notevole può avere grande influenza sull’anima di una lingua. Esso risveglia immagini cancellate e sancisce, allo stesso tempo, l’imprevedibilità della parola. Rendere imprevedibile la parola non vuol forse dire imparare ad essere liberi? [...] Un tempo, le Arti poetiche codificavano la licenza. La poesia contemporanea è invece riuscita a porre la libertà nel corpo stesso del linguaggio e la poesia finisce con l’apparire allora un fenomeno della libertà. (Bachelard 2006: 17)

4García Montero, infatti, recuperando i topoi codificati dalla tradizione e rielaborandoli alla luce di una necessaria interpretazione storica della contingenza (secondo le linee teoriche della otra sentimentalidad), dà vita a un sistema poetico che dota il lettore di una profonda coscienza di libertà e autodeterminazione. È per questo motivo che propongo il mio lavoro come «conseguenza di una metamorfosi»: rifacendomi alle parole dello stesso Montero, secondo cui «toda obra artística es la consecuencia de una metamorfosis» (1996: 20), ho approfondito il modo in cui il poeta rielabora la tradizione con procedimenti artistici che trasformano i dati storici in eventi lirici e l’io biografico in personaggio letterario. Il poeta e professore Alberto Santamaría espone in questi termini il legame che unisce tradizione e soggetto poetico nello scenario della poesia spagnola attuale:

La poesía española de los últimos años ha desplazado las líneas tratando de superar viejas y conocidas dicotomías. Y lo ha hecho a través de, por un lado, la revisión del concepto de tradición transformándolo en tradiciones, es decir, volteándolo y extendiéndolo, y, por otro lado, a través de una búsqueda y exploración de una identidad difusa y distorsionada como es la del poeta. (2008: 9)

  • 1   Ha ben sottolineato Segre rifacendosi a Levin che i temi hanno la tendenza «ad assumere nel tempo (...)

5Come anticipavo, gran parte dei procedimenti artistici qui analizzati rientrano nella categoria dei topoi, ma vengono applicati alla contingenza postmoderna e attraverso di essa rielaborati dando luogo, perciò, a una breve «avventura nella storia delle idee», come ha suggerito Cesare Segre1.

  • 2   Ricordando, perciò, come l’isotopia non sia un elemento a sé stante, bensì una proprietà di certi (...)

6Dal punto di vista della metodologia prettamente formale, la mia ricerca si fonda sul ricorso a un aspetto della Retorica della poesia (1985) elaborata dal Gruppo μ e, nello specifico, verrà applicato il concetto di isotopia del contenuto, che il Gruppo μ recupera direttamente da Greimas quale «totalità di significazione postulata a proposito del messaggio» (1968: 52), notando come García Montero riesca a conferire un’evidente proprietà isotopica a gran parte dei suoi componimenti2. Grazie all’individuazione degli assi isotopici predominanti nella poesia del granadino sarà dunque possibile rintracciare i motivi legati ai concetti di soggetto e spazio poetico che il poeta applica costantemente ai suoi testi e, una volta evidenziati, potranno essere interpretati in base alle teorie postmoderne a cui García Montero si affida nell’elaborazione del suo pensiero sulla poesia contemporanea.

7Spostandosi, dunque, sul piano dell’analisi contenutistica, gli studi metodologici di riferimento saranno quelli sulle teorie del postmoderno elaborate da Fredric Jameson, Daniel Innerarity e soprattutto Jürgen Habermas per la sua prospettiva sulla postmodernità quale necessario recupero del progetto illuministico interrotto dal corso della storia. Come si potrà leggere nel primo capitolo, infatti, dopo una breve panoramica sulla personalità letteraria di Luis García Montero e sull’affermarsi della linea esperienziale nel panorama della poesia spagnola, il pensiero moderno si rivela preponderante nella poetica dell’autore, che sostiene che gli ideali che la poesia dovrebbe recuperare sono quelli di responsabilità e orgoglio per il contratto sociale, il tutto attraverso la forte rappresentatività finzionale del fatto poetico. Di conseguenza, come si vedrà, quella a cui Montero si affida non è una postmodernità fondata sulla soppressione del razionalismo umano e dei suoi sistemi educativi.

8Lo spirito ilustrado, inoltre, risuona anche nei processi di costruzione del soggetto letterario, come illustrerò nel secondo capitolo. In questa sezione sarà evidente, peraltro, il debito metodologico nei confronti sia di Juan Carlos Rodríguez, il grande teorico della otra sentimentalidad, sia della studiosa argentina Laura Scarano – una tra i primi critici a offrire un’analisi diacronica dell’opera di Montero – e, nello specifico, le riflessioni dell’autrice sull’io poetico elaborato dalla poesia sociale e dalla linea esperienziale risulteranno imprescindibili per tracciare i contorni della persona poetica a cui García Montero ha dato voce. Dall’analisi dei motivi che il poeta applica alla costruzione del personaggio emergerà, oltre a un ritorno al realismo – in chiave postmoderna, come stabilirà il felice sintagma di Joan Oleza (1996) – anche la difesa di un’individualità fondata su vincoli storici e di un soggetto consapevole della propria responsabilità etica.

  • 3   Gli studi sul compromiso nella poesia spagnola ultima sono risultati di estrema importanza nella (...)

9L’analisi dei topoi condurrà poi il discorso dal nucleo intimo del personaggio poetico al rapporto con l’‘altro’, passando attraverso il filtro corporeo, per essere infine applicato allo studio dello spazio letterario creato da García Montero. Nel terzo e ultimo capitolo la costruzione letteraria servirà a dimostrare come il locus urbanus della poesia del granadino, ormai di per sé trasformatosi in un luogo comune della sua poetica, in realtà non sia soltanto un’ambientazione contestuale, bensì in esso viene racchiuso uno dei messaggi fondamentali – se non il principale – che Montero affida costantemente ai suoi versi, sempre più comprometidos3 e in linea con le proposte teoriche riguardanti gli spazi contemporanei avanzate da studiosi quali Zygmunt Bauman, Michel Maffesoli o Michel Foucault. Lo studio dei motivi accompagnerà dunque la chiusura di questo lavoro verso l’analisi della dimensione acquatica e dell’insieme dei topoi con cui García Montero veicola la sua concezione di poesia da nuovo spazio pubblico a fluido spazio di libertà di cui l’uomo contemporaneo dovrebbe pretendere di riappropriarsi.

Notes

1   Ha ben sottolineato Segre rifacendosi a Levin che i temi hanno la tendenza «ad assumere nel tempo significati sempre diversi [conferendo] allo studio della tematica un posto importante nella storia delle idee» e «i temi, come i simboli, [...] sono polisemi: cioè essi possono essere provvisti di significati diversi di fronte a situazioni diverse. È questo che fa di un’indagine sulle loro permutazioni un’avventura nella storia delle idee» (1992: 335).

2   Ricordando, perciò, come l’isotopia non sia un elemento a sé stante, bensì una proprietà di certi enunciati in una data situazione culturale: «Contrariamente al campo semantico [...] l’isotopia non è un dato a priori, ma viene costruita ogni volta, secondo appropriate modalità, da un particolare discorso» (Gruppo μ 1985: 38).

3   Gli studi sul compromiso nella poesia spagnola ultima sono risultati di estrema importanza nella stesura di questo lavoro e, in particolare, saranno costanti i riferimenti a Poesía en pie de paz, di Luis Bagué Quílez, e a El compromiso después del compromiso, di Araceli Iravedra.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search