Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Exposhakespeare Per Anna Anzi, ovvero la vittoria...

Exposhakespeare

 | 
Paolo Caponi
, 
Mariacristina Cavecchi
, 
Margaret Rose

Per Anna Anzi, ovvero la vittoria della ragione e le consolazoni dell’appetito

Francesca Orestano

Texte intégral

1Comincerò da Sofocle. Dal drammaturgo greco Anna Anzi prende le mosse per apparecchiare il ricco piano di ricerca del suggestivo volumetto, La ragione e l’appetito. Il mito di Ercole in Antonio e Cleopatra di William Shakespeare (1987), che oggi dà spunto a questo mio, modestissimo, intervento.

2Nel suo studio Anzi esplora la durevole propagazione del mito di Ercole (o Eracle) nella cultura moderna occidentale, seguendo quelle oscure e misteriose connessioni che si dipanano tra i miti e le leggende degli eroi antichi sino a raggiungere il Rinascimento britannico. E qui subito osserva che «anche Shakespeare non sfuggì al fascino dei racconti mitici e dei loro protagonisti: tra le pagine di una delle sue grandi tragedie – Antony and Cleopatra – si cela il mito di Ercole» (Anzi 1987: 5). Ma al di là del nucleo solido della ricerca, e ai margini del campo di lavoro, si distende un territorio variegato, ricco e confuso: Ercole è eroe terribilmente imparentato, dalle connessioni familiari ramificate e a volte contradittorie – tanto che persino i dizionari mitologici stentano a fare chiarezza sulle leggende riguardo alla nascita e fanciullezza dell’eroe, per non parlare delle dodici (o dieci) famose imprese, della sua discesa all’Ade, delle molte vittime della sua furia distruttiva, delle donne, dei moltissimi figli. Secondo Pierre Grimal

The legends in which he appears form a complete cycle which continued to develop from the pre-Hellenic age until the end of Antiquity, so it is extremely difficult to place his various exploits in any rational order. This difficulty was recognized by the Classical mythographers. (Grimal 1986: 193)

3Il Dictionary of Classical Mythology dedica all’eroe ben diciotto pagine, nelle quali si ricostruisce l’ affaccendata vita dell’eroe distruttore, vestito di pelle di leone e con la clava in pugno. Ma accanto all’eroe dalle mitiche imprese sovraumane – il leone Nemeo, il cinghiale d’Erimanto, l’Idra di Lerna, il toro di Creta, gli armenti di Gerione, i pomi delle Esperidi, le stalle di Augia – imprese spesso destinate a finire tragicamente (e non per lui), si profila un carattere complementare e opposto.

4Ercole «non essendo d’ingegno particolarmente brillante veniva facilmente abbindolato ed essendo anche goloso ed incontinente veniva spesso trascinato in gozzoviglie dando luogo a situazioni di grande comicità» (Anzi 1987: 5). D’altro canto l’Ercole possente, invincibile, soggetto a impeti di follia ed epiche arrabbiature, è anche preda di debolezze umane, e viene soggiogato da Deianira che gli porge la fatale tunica avvelenata. Tutto finisce in fumo e fiamme. Ma come ricorda il filosofo non c’è fumo senza arrosto.

5Già si potrebbe osservare che tutte le famose imprese (o quasi) portano l’eroe verso smisurati banchetti, assicurandogli una varietà di pasti cospicui e ben cucinati: cosciotto di cinghiale, filetti di manzo a volontà, e ancora polipetti (in umido?), cervo, costate di vitello… Anzi ci ricorda che già Sofocle nelle Trachinie (438-420 a.C.) presenta un eroe nazionale di «umanità travolgente» e «dolente»: ma lui stesso, dopo le fatali indigestioni, finirà sulla pira, cucinato a fuoco lento. E questa vocazione mangereccia, l’abitare di Ercole negli spazi dove si cucina, e dove si banchetta, è confermata da Euripide che in Alcesti lo ritrae come «vorace e bevitore, allegro e crapulone» (Anzi 1987: 5). Inclinazioni e passioni del gusto che ci permettono di andare direttamente alla cucina greca classica e di cogliere nei versi alati le tracce inconfondibili di aglio, cipolla, alloro, origano e mentuccia, i cui magici sentori riaffiorano, come un profumo che si dipana sinuoso dalla cucina per tutta l’agorà – un profumo persistente di arrosto che dura sino a Aristofane, e forse sino a noi.

6Negli Uccelli, Aristofane ripresenta il nostro eroe, Ercole, «attratto dal profumo dei cibi succulenti» (Anzi 1987: 5) e disposto a ignorare le sollecitazioni del Dio Nettuno. E mal gliene incoglie. Infine ancora Aristofane, con Le rane, mette l’accento sul fatto che Ercole, un po’ testone, non riesce a capire il motivo per cui Dioniso voglia scendere nell’Ade: gli serve l’esempio pratico – e cosa meglio del paragone culinario, da sempre il più sensibile? Il cibo dischiude la mente dell’eroe e gli fa comprendere tutto. Il dialogo va cosi:

Dioniso. Ti è mai venuta d’improvviso voglia di un minestrone?
Eracle. Di un minestrone? Accidenti… migliaia di volte dacché campo…
Dioniso. Rendo bene allora l’idea o devo spiegartela in un altro modo?
Eracle. Non certo per il minestrone. Quello, l’ho capito benissimo!
(Aristofane, Le rane: 16-7)

7E certo il passaggio verso l’aldilà non è reso possibile dal ‘golden bough’ ma da questo cibo ancora più magico – il minestrone – mezzo capace di fare resuscitare i morti – suscitando l’idea del calderone ribollente dal quale si sprigiona un profumo che supera ogni barriera, compresa quella dell’Aldilà. L’eroe rappresentato è tutto in questa immagine emblematica: a ben vedere, la sua clava non sarebbe altro che un poderoso mestolo di legno, e la camicia pestifera di Nesso ricorda la camicia della cipolla, fonte di tante lacrime.

8Proseguendo nella sua disamina delle sorti dell’eroe, che la porta sempre più vicina all’Antonio shakespeariano, Anzi ritrova Ercole vestito da donna, schiavo di Onfale, regina di Lidia. Qui finalmente la cucina sembra diventare il vero centro dell’azione, il campo di battaglia – con poche ma significative diversioni che portano Ercole verso la vigna di Sileo.

The mythographers are particularly eloquent in their description of the love affair between the hero and the queen and describe Heracles dressed in Lydian clothes, particularly in women’s long dresses. While the queen assumed his dress, the cudgel and lionskin, Heracles, sitting at her feet, learned how to weave. This changing of clothes between the sexes is a folk theme which has been greatly exploited by moralists and philosophers as an example of transvestism. (Grimal 1986: 206)

9La capace Onfale gli ha già strappato il mestolo del comando, mentre la pelle del leone Nemeo, prima drappeggiata sulle spalle dell’eroe, adesso ricorda in modo inquietante e inconfondibile la pelliccia di renard di una vecchia zia dotata di eccellente appetito: simile a una spoglia di caccia grossa, la pelliccia aveva le sue zampe, con unghie, che pendevano davanti e crudeli occhi di vetro giallo. Mentre lo scambio leone – renard si avvera, Eracle vestito da donna (garanzia per la riuscita del minestrone) regna nella cucina, ambiente che frequenta forse più di altri luoghi pericolosi. La cucina è spazio di fuochi infernali e di trasmutazioni paradisiache.

10Nel mondo romano, ci ricorda Anzi, saranno Virgilio, Ovidio, e soprattutto Seneca (vero ispiratore di Shakespeare), a riprendere il mito dell’eroe dalla forza smisurata, iracondo e travolto dalla follia sino al delitto. E, oltre a una ricca ricetta di citazioni che pongono definitivamente Ercole nell’immaginario elisabettiano, Anzi condisce la forza dei suoi argomenti con un ricco repertorio di immagini tratte dalla Iconologia (1563) di Cesare Ripa, dagli Emblems di Whitney (1586), dalle incisioni di Goltzius (1617) – che diffonde le fattezze dell’Ercole Farnese – e dagli olii di Lucas Cranach, di Carracci, di Janssens. In queste immagini l’eroe appare in tutta la sua muscolatura da palestra – petto e addome tartarugato – o è ritratto al bivio tra Onfale e Deianira, o direttamente sul letto di Onfale. Siamo già al letto di Cleopatra, dove va a sostare l’eroe romano Antonio, l’Ercole elisabettiano – colui che dice a Eros, prossimo alla morte, di volersi strappare di dosso la camicia di Nesso. Ma allora quest’Ercole romano vuole togliersi di dosso la puzza di cipolla, l’odore di cucina? Ha abbandonato i fasti culinari?

11Niente affatto. I vapori del minestrone non sono mai lontani, ma sublimano il tutto. Antonio aspira alla morte per acqua – così come i duri gambi del sedano e le coralline carote, le marmoree patate e i perlacei fagioli che sono destinati a dissolversi nell’acqua che bolle creando un gradito vapore… Così l’autrice, con un omaggio al maestro Agostino Lombardo, ci spinge verso quel cupio dissolvi che è la dissoluzione in acqua, per bollitura, nei vapori e nella nube che si forma e che sovrasta tutto – siamo nell’area semantica del minestrone, sempre e comunque, e non solo per metafora. Questa trasmutazione chimica, alchemica direi, dal crudo al cotto, dal duro al soavemente bollito e miscelato e profumato – ci darà la misura dell’immortalità dell’eroe – e della sua gloria – gloria culinaria, invero, secondo i risultati di una ricerca che qui esporrò per brevi capi.

12La morte dell’eroe shakespeariano è un’apoteosi, un diventare spirito da parte della materia, che – correttamente sollecitata – assume varie e strane forme. La trasmutazione passa attraverso la cottura e attraverso Eros – Eros e la cucina, Eros e il gusto, non sono mai lontani: Antonio è cotto di Cleopatra, e Cleopatra è descritta come un bocconcino – «age cannot wither here, nor custom stale her infinite variety» – che non va mai a male, praticamente non ha data di scadenza. Che Eros sieda spesso a tavola l’aveva detto tante volte Orazio, così come il bardo britannico, ma anche Anthelme Brillat Savarin (1998) nell’immortale trattato sulla fisiologia del gusto, e poi Alexandre Dumas (2004). Molto meno esplicita in materia la vittoriana Mrs Beeton con il suo Book of Household Management (1861), e il nostro Pellegrino Artusi con La Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene (1891). Ma non divaghiamo.

13La tragedia di Shakespeare non mette in secondo piano l’importanza del cibo per l’eroe romano. Dal sesso al cibo il passo è brevissimo. Cito:

Pompeo. […] o lussuriosa Cleopatra! Magia, bellezza e lussuria
stringano il libertino in un assedio d’orge
e gli facciano svaporare la mente. Cuochi
epicurei stimolino con salse piccanti il suo appetito.
(2.1.20-7).

14Nel frattempo i Romani dalla loro sponda italica, severi, virtuosi, austeri e accigliati – i Romani che mangiano solo farro, sempre e solo zuppa militare e dure gallette da soldati – contemplano con invidia le orge gastronomiche che sembra abbiano luogo ad Alessandria, e la cucina etnica, africana, afrodisiaca, piccante, verso cui si è avventurato l’eroe.

15Per concludere, Antonio e Cleopatra devono morire – secondo la logica romana che vuole vittoriosa la ragione della conquista, dell’impero, – ma il loro fondersi nel corpo e nell’aria sottile è appunto un processo di trasmutazione e sublimazione culinaria: per l’appetito loro due saranno sempre desiderabili, ricchi di profumi e aromi che galleggiano nell’aria – come quei profumi di cui sono impregnate le vele della nave sul fiume Cidno, o come certi immortali minestroni.

16Merito di Anna Anzi è averci insegnato non solo i destini del mitico eroe, ma le suggestioni culinarie che ancora ne emanano.

Bibliographie

Anzi A., 1987, La ragione e l’appetito. Il mito di Ercole in Antonio e Cleopatra di William Shakespeare, Milano, Madis.

Del Corno D. (ed.), 1985, Aristofane, Le rane, Milano, Mondadori.

Brillat Savarin A., 1998, Fisiologia del gusto, Palermo, Sellerio.

Dumas A., 2004, Il grande dizionario di cucina, Palermo, Sellerio.

Grimal P., 1986, The Dictionary of Classical Mythology, Oxford, Blackwell.

Hughes K., 2005, The Short Life and Long Times of Mrs Beeton, New York, Alfred A. Knopf (1861).

Auteur

E professore ordinario di Letteratura inglese presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto sul pittoresco Paesaggio e finzione: William Gilpin, il pittoresco, la visibilità (2000), su estetica e letteratura La parola e lo sguardo nella letteratura inglese tra Ottocento e Modernismo (2005) e curato Strange Sisters: Literature and Aesthetics in the Nineteenth Century (2009); ha curato Dickens in Italy: ‘Little Dorrit’ and ‘Pictures from Italy’ (2009), Dickens’s Signs, Readers’ Designs: New Bearings in Dickens Criticism (2012). Lavora su Virginia Woolf ed è curatrice di History and Narration: Looking Back from the Twentieth Century (2011). Nel campo della children’s literature è guest editor per «Cultural Perspectives» di un numero speciale: Children’s Literature and the Teaching of History (2014); ha scritto su prima Guerra Mondiale, gender e Shakespeare per bambini, Darwin e storie di animali; di recente sul cibo cura Non solo porridge: letterati inglesi a tavola (2015). È general editor del sito http://users.unimi.it/childlit

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search