Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Exposhakespeare Bacco, tabacco e lecca-lecca. Cib...

Exposhakespeare

 | 
Paolo Caponi
, 
Mariacristina Cavecchi
, 
Margaret Rose

Bacco, tabacco e lecca-lecca. Cibo e altri generi di conforto in alcuni burlesque da Shakespeare

Roberta Grandi

Texte intégral

I heard thee speak me a speech once, but it was never acted,
or if it was, not above once; for the play, I remember,
pleas’d not the million, ‘twas caviare to the general.
Hamlet 2.2.416–418

There’s something rotten in a Cheshire cheese.
A Thin Slice of Ham-let!, 1863:53

1Cooking shows e fame nel mondo, obesità e virtuosismi culinari: il cibo, croce e delizia della società contemporanea europea, rappresenta – nella sua dimensione storica e culturale – l’interesse principale di questa breve indagine all’interno dei burlesque vittoriani visti quali prodotti sintomatici della cultura e degli usi e costumi dell’Inghilterra ottocentesca.

2Nel secondo atto dell’opera omonima, il principe Amleto, parlando con i commedianti, definisce un loro allestimento «caviare to the general», un’espressione idiomatica simile alla ‘perle ai porci’ di biblica provenienza. Il contesto culturale di riferimento, però, è ben diverso: il caviale era un alimento riservato ai re e alla corte (nel XIV secolo, Edoardo II aveva decretato per legge che gli storioni pescati nel territorio inglese fossero da ritenere ‘tesoro imperiale’ (McGlynn 1998: 246)) e, pertanto, l’osservazione di Amleto accomuna il cibo dell’elite al teatro, realmente apprezzato e compreso solo dagli animi più raffinati (Deutermann 2011: 230-255).

3Ma quello di Shakespeare è sempre stato un teatro per tutte le fasce sociali. Un teatro inclusivo che appassionava e accomunava il ricco e il povero e che era capace di parlare a entrambi con uguale efficacia. Il linguaggio shakespeariano riflette la sua universalità e quotidianità anche nei riferimenti agli alimenti inseriti nei dialoghi: uova arrostite e formaggio, aglio e fragole, piccioni e cinghiali (per non parlare di birra e vino). Questa vocazione popolare è quella che si ritrova anche nei burlesque shakespeariani, le parodie in musica che il prolifico Ottocento inglese porta in scena.

4Nel quadro degli studi sulle appropriazioni shakespeariane dalla Restaurazione in poi, l’indagine dei burlesque vittoriani ricopre ancora un ruolo marginale. Eppure, l’analisi di queste opere permette non solo di comprendere la ricezione dei testi del Bardo in epoca vittoriana, ma anche di ripercorrere gli usi e i costumi, la moda e la temperie culturale di un’epoca. Come scrive Stanley Wells, i burlesque ci mostrano «something of Victorian society at its most unbuttoned, with a vivid immediacy and informal charm such as can be found scarcely anywhere else» (Wells 1978: vol iv, p. viii.). In queste pagine, si prenderanno in considerazione alcuni burlesque tratti da Hamlet e King Lear, mettendo in rilievo gli elementi parodici basati sulle tematiche del cibo e delle bevande alcoliche e contestualizzandole nel quadro della cultura del tempo.

1. Il burlesque nell’età vittoriana

5É opportuno, data la poca notorietà di cui gode questa forma di spettacolo (se non per l’utilizzo moderno del termine), tracciare brevemente una descrizione della sua natura e delle sue origini. Nel corso dell’Ottocento i termini burlesque, travesty ed extravaganza erano utilizzati sia dagli addetti ai lavori che dal pubblico in modo indistinto. È però con il termine burlesque che, oggigiorno, si definisce questo particolare genere di spettacolo teatrale in musica che si sviluppò verso la fine del Settecento e che rimase popolare per tutto il secolo successivo.

6Il burlesque fu sia il prodotto di una moda, sia di una necessità. L’origine di questo genere, infatti, può essere rintracciata nelle ballad opera che, da The Beggar’s Opera di John Gay (1728) in poi, ebbero uno straordinario successo. Per tutto il Settecento e l’Ottocento la scena teatrale fu dominata dalla passione per gli spettacoli musicali e le ballad opera costituirono la prima risposta creativa inglese all’invasione dell’Opera italiana.

7Nel 1737, poi, il Licensing Act promulgato da Robert Walpole costrinse i teatri minori a fare, per così dire, ‘di necessità virtù’. Questa legge, infatti, stabilì che nell’area cittadina di Londra i Theatres Royal Drury Lane e Covent Garden fossero le uniche due sale autorizzate a mettere in scena spoken drama. I teatri minori, così, si ritrovarono a non avere altra possibilità che trasformare ogni testo in uno spettacolo musicale, l’unico tipo di produzione che erano autorizzati a portare in scena. Si diffuse così il genere della burletta ed essa divenne il punto di partenza da cui prese origine il burlesque. La burletta, un tipo di rappresentazione che consisteva in una sorta di farsa in musica sulla struttura tipica dell’opera comica, ossia con alternanza di arie, recitativi, duetti ed ensemble, divenne sempre più diffusa fino ad includere nel termine qualsiasi spettacolo teatrale-musicale che potesse essere rappresentato lecitamente (Nicoll 1955).

8L’anno 1810 vide la nascita del burlesque con le due opere Bombastes Furioso di William Barnes Rhodes (una riscrittura caricaturale dell’Orlando Furioso di Vivaldi) e Hamlet Travestie di John Poole. Grazie alla popolarità che i travestimenti burleschi raggiunsero tra il pubblico, essi non rimasero un intrattenimento minore rappresentato soltanto nelle sale non autorizzate ma, al contrario, furono messi in scena anche al Drury Lane e al Covent Garden. Inoltre, nonostante nel 1843 il Theatre Regulation Act avesse liberalizzato le rappresentazioni di spoken drama in ogni sala, la voga dei burlesque proseguì ancora fino alla fine del secolo.

9La caratteristica principale del travestimento burlesco è costituita dal fatto che esso conserva la trama dell’ipotesto rielaborandone lo stile. La composizione presenta un testo in rima baciata o alternata con versi di lunghezza variabile. L’aspetto più interessante è la componente musicale: le canzoni sono il risultato di brani basati sulla riscrittura parodica del testo shakespea- riano, eseguiti su melodie provenienti da ballate tradizionali inglesi o da arie appartenenti a ballad opera o a opere liriche. Un’altra caratteristica è l’abbassamento del registro linguistico che viene ottenuto attraverso l’utilizzo di un frasario familiare o popolare, e di puns. Un’ultima componente che rappresenta uno dei punti focali della comicità burlesca è il ricorso ad anacronismi e riferimenti all’attualità.

10Ed è proprio in questa prospettiva che si inserisce lo studio degli alimenti citati in queste opere: la congenita passione del burlesque per la parodia di tutto ciò che costituisce la realtà coeva si manifesta anche in questo caso, portando in scena cibo e alcool e mostrando re, regine e principi alle prese con il menu, la cucina e – ci si stupisce? – i postumi del bere.

2. L’amleto è servito

11Il primo dei burlesque di Hamlet è anche uno dei primi burlesque della storia del teatro inglese: Hamlet Travestie di John Poole ha segnato l’inizio di questo genere teatrale e ha ottenuto un successo eccezionale sia tra la critica che sulle scene. Pubblicato per la prima volta nel 1810, ora del 1817 è già alla sesta edizione e dopo la messa in scena del 1811 (al New Theatre in Tottenham Street, il 24 gennaio) viene nuovamente rappresentato nel 1838, nel 1870 e nel 1874.

12Un aspetto fondamentale di questa composizione (e di quelle che la seguiranno) è costituito dall’abbassamento del registro linguisticoche viene ottenuto attraverso diverse modalità. Innanzitutto, alcuni termini provenienti dal frasario familiare prendono il posto di parole più formali come, ad esempio, ‘father’ che diviene ‘dad’, ‘papa’ o ‘pa’ e ‘mother’ che è talvolta sostituito da ‘mama’ o ‘ma’. In secondo luogo, gli autori di burlesque pongono grande attenzione all’utilizzo di concetti ed espressioni provenienti dal lessico popolare e dalla vita quotidiana, tra cui spiccano proprio i riferimenti ai cibi e agli alcolici come chiaramente si evince fin dalle prime battute quando Claudio si rivolge così ad Amleto che è appena giunto a corte per il funerale del padre (e il matrimonio della madre): «Well said, my lad! Cheer up! no more foul weather: / We’ll meet anon, and all get drunk together» (Poole 1810: 1.1.29-30). Lo humour si fa poi ancor più casalingo quando Ofelia, che nella versione originale della scena 4.5, diventata pazza, entrava in scena cantando e regalando fiori agli astanti, nell’opera di Poole distribuisce le tradizionali verdure invernali:

Stop – stop – I’ve brought some fruit: – for you, sweet Queen, The finest cabbage that was ever seen; For you a bunch of carrots; and for you A turnip; – and I’ll eat a turnip too. To bring a rope of onions, too, I tried, But father ate them all before he died.
(2.2.74-79)

13A questo punto occorre fare una precisazione: l’umorismo dei travestimenti burleschi si basa fortemente su anacronismi e riferimenti all’attualità e attinge all’esperienza quotidiana del pubblico ottocentesco a scopi satirici o parodici. Sarebbe pertanto inutile andare ad indagare l’eventuale utilizzo di questi alimenti nella dieta elisabettiana: l’Ofelia di Shakespeare è una donna del primo Ottocento che parla a degli spettatori del primo Ottocento. Poole, nonostante le sue note al testo parodiche che vedremo fra poco, non compie alcuna opera di ricerca filologica (né, del resto, lo faranno i suoi successori) ma invece ‘modernizza’ i suoi personaggi per farli parlare come il pubblico che hanno di fronte. Se si indaga, quindi, sulla dieta ottocentesca, si scopre che all’inizio del secolo le verdure elencate da Ofelia (cavolo, carote, rape e cipolle), oggigiorno considerate alimenti molto poveri, costituivano, per la classe lavoratrice, un cibo raro. L’introduzione regolare nella dieta avverrà solo verso la metà del secolo quando le condizioni di vita delle classi più basse miglioreranno grazie alla congiuntura economica favorevole (Drummond – Wilbraham 1939: 328).

14Proprio a questi versi ‘vegetali’ si lega uno degli elementi in cui la comicità di Poole raggiunge il culmine e, curiosamente, si tratta di una componente che al pubblico teatrale è rimasta ignota. Una parte fondamentale di questa composizione, infatti, non è stata scritta per essere portata in scena ma ad essa si deve il grande successo editoriale di quest’opera. Subito dopo la fine del testo drammatico, Poole ha inserito un ‘apparato di note’ che vuole essere una riproduzione ‘infedele’ delle edizioni emendate e commentate che ormai da quasi un secolo accompagnavano le pubblicazioni shakespeariane. Nelle note di Poole si trovano così interventi fittizi di Alexander Pope, William Warburton, Samuel Johnson, George Steevens e persino un commento di Mr. Collins, un nome di fantasia con cui Steevens aveva firmato, nella sua edizione, una lunghissima nota sull’interpretazione del termine ‘patata’ usato in Troilus and Cressida. È infatti proprio lo stesso Collins nel burlesque che, a proposito delle cipolle, argomenta:

To bring a rope of onions, &c.
Let us suppose that Ophelia addresses this to the king, and we shall discover a peculiar propriety in its application. The king is represented as an intemperate drinker – Ophelia seems to know that onions are a powerful diuretic. Verbum sapienti. (nota 30325021)

  • 1   L’opera è attribuita a Talfourd sebbene sia stata pubblicata in forma anonima. Cfr. Wells, vol ii (...)

15Circa quarant’anni dopo, quando, come abbiamo già visto, la dieta dei ceti più bassi è ormai migliorata, al centro delle preoccupazioni alimentari non sono più le verdure, bensì la carne. L’Hamlet Travestie di Francis Talfourd1, pubblicato nel 1849, nella seconda scena del primo atto, ci mostra il Re e la Regina alle prese con il menù di quello che all’epoca doveva apparire come un vero banchetto regale:

King. [...] Dine with us, Hamlet! Love, what’s on the Carte?
Queen: the veal of course, dear! Really, beef and tart.
But if our Courtiers dine, we mean to treat,
With candied sweetmeats this our candid suite:
Some Stilton too.
(1.2)

  • 2   Anonymous, A Thin Slice of Ham-let!, c. 1863, in Wells 1978, vol. IV:51-74.

16L’utilizzo del termine «veal» anziché ‘beef’ conferisce un nota europea al menù in quanto, tradizionalmente, la carne rossa per gli inglesi era rappresentata dal manzo, mentre in Francia ed altri paesi era più comune il vitello (Davidson 2002: 822). Difatti, subito dopo, la regina precisa che in realtà si tratta proprio di manzo e di ‘tart’, un termine che qui indica una sorta di torta salata ripiena di carne (Ibidem: 785), un alimento che le famiglie delle classi lavoratrici riservavano per il pranzo della domenica (Drummond – Wilbraham 1939: 281, 328). Seguono i dolci canditi – tipico dessert natalizio dell’epoca (Ibidem: 129) – e il formaggio Stilton (Ibidem: 754), un’eccellenza inglese già dal diciottesimo secolo. In un burlesque successivo – A Thin Slice of Ham-let!2 si ritrova un altro celebre formaggio quando la frase shakespeariana «Something is rotten in the state of Denmark» (1.4.90) viene sostituita con «There’s something rotten in a Cheshire cheese» (Ibidem: 53). Sebbene meno famoso a livello internazionale dello Stilton, il Cheshire è il più antico formaggio inglese, tanto che la prima menzione appare nel Doomsday Book nel 1086 (British Cheese Board, 2016; Davidson 2002: 164) ed esiste anche nella versione ‘blue’ ovvero affinata con muffe alimentari. Conclude infine il banchetto regale del burlesque di Taulford il gelato («ic’d cream», Poole 1810: 1.2) citato da Amleto. Quest’ultima leccornia fu importata nel Regno Unito nel diciassettesimo secolo dall’Italia tramite la Francia ed era già allora prodotta facendo congelare il latte intero o la panna ed aggiungendo aromi (Davidson 2002: 393).

17Quando Amleto teme di non riuscire a sopportare l’eccesso di cibo, il saggio Polonio ha pronta la soluzione: «Hamlet. Ah, none of these, from their stomachich pits, / Know what a burden on my bosom sits! / Polonius. Moxon’s Magnesia p’r’aps-». La magnesia effervescente Moxon era difatti il rimedio più popolare per tutti i disturbi digestivi – «weakness of stomach, indigestion, nausea» (Watt C. – Watt J. 1840) – sin dal 1840.

18In realtà, si scopre più avanti al momento del celeberrimo soliloquio, i problemi che più assillano Amleto non sono quelli dovuti alla digestione di cibi pesanti bensì quelli legati all’abuso di alcolici. Nel soliloquio, il dilemma esistenziale si trasforma nel dubbio ‘amletico’ sull’utilità dell’alcol come fuga dai problemi e la disamina dell’essenza della vita dopo la morte è sostituita da un’accurata descrizione dei sintomi della disidratazione provocata dall’ubriachezza durante il sonno:

Hamlet. To drink, or not to drink! That is the question. [...]
So easy too – to drink, to sleep, to dream –
There’s more in that thought than at first doth seem; –
For I have heard the restless toper knows
(When he has shuffled off his bed the clothes)
Nocturnal horrors! Spirits, floor’d by day,
Rise up in vengeance, and assert their sway:
Some grin like gurgoyles; like night mares infest
His sleep, and chaff him; some upon his breast
Dance endless Polkas some fan fever’s flame,–
Vex him with thirst, and of his thirst make game;
Bring Schweppe’s ic’d waters to his dreaming gaze–
Just to his mouth the claret cup they raise –
And while, like Tantalus, he may not sip,
Cool lumps of ‘Wenham’ bob against his lip!
(2.2)

19La presenza di anacronismi in questo soliloquio rafforza ulteriormente la vis comica data dallo stravolgimento delle tematiche in uno dei più famosi momenti dell’opera shakespeariana. Viene quindi citata la Schweppes che aveva ricevuto nel 1836 la Royal Warrant per la sua acqua minerale e la soda (un riconoscimento quale fornitore ufficiale della famiglia reale). In realtà, la procedura per produrre acqua carbonata (‘soda water’) fu scoperta da un inglese – Joseph Priestley – già nel diciottesimo secolo ma fu poi prodotta su larga scala dallo svizzero Schweppes che la re-importò nel Regno Unito nel 1792. Nel soliloquio appare anche la Wenham che era il nome della compagnia (la Wenham Lake Ice Company) che si occupava dell’importazione del ghiaccio (il preferito dalla regina Vittoria) in Gran Bretagna dagli Stati Uniti a partire dal 1840 (The Telegraph, 2007; Shepard 2000: 280-5). È chiaro, a questo punto, che una parte della popolazione inglese si trova a vivere, in questo periodo, in un momento di grande abbondanza alimentare, in cui, sebbene alcuni cibi siano ancora molto costosi e quindi riservati alle occasioni speciali, l’indigestione, gli sfizi (quali la soda e le bevande ghiacciate) e i vizi (legati all’abuso di alcolici) cominciano a prendere spazio nelle coscienze – e di conseguenza, nelle parodie – inglesi.

3. Lollipops per Lear

  • 3   Il testo non è mai stato pubblicato e sopravvive solo in manoscritto: John Chalmers, King Leer an (...)

20L’anno precedente alla pubblicazione del testo di Taulford viene messo in scena il primo burlesque dedicato al King Lear: al Bower Saloon (una «house of variety entertainment» nel sobborgo di Lambeth, Nicoll 1952: 223) il 28 febbraio 1848 John Chalmers porta in scena il suo King Leer and His Darters3. Nella seconda pagina, prima delle dramatis personae, Chalmers descrive la sua opera come «A romantical, tragical, comical, farcical, melodramatical, bombastical, musical, operatical, balletical, quizzical, satirical, sentimental, allegorical, physical, tragedy» per poi aggiungere subito dopo «from the original text of Shakeumspear [sic] found in an old MSS […] in his own original handwriting. The Rale [real] One». Questo ricorso all’endorsement del Bardo stesso è molto comune nei burlesque come forma di parodia delle rappresentazioni ‘tradizionali’ dei Theatre Royal e al loro ostentato monopolio dello Shakespeare ‘parlato’. Sebbene all’epoca di questo burlesque il teatro di prosa fosse ormai stato liberalizzato, la tradizione rimase come espediente comico per prendere in giro le messinscene classiche e gli attori più popolari del momento.

21L’opera si apre con la celebre scena del love test in cui il vecchio re comunica a tutta la corte la sua decisione di lasciare la corona e di suddividere il regno in tre: alla figlia che manifesterà il proprio affetto in modo più convincente andrà il territorio più ampio.

Lear. [...] And being so we married with your mother
Who brought us 3 kids on hand, one after th’other
And being satisfied with what she’d done
She left this world but left us not a son
To cheer our subjects when the twig we hop
Our sons in law that gap must stop.
[Lear to his daughters]
So now my precious chickabiddies say
Which of you three loves us the best today?
(f. 395)

22Si vede chiaramente già in questa prima parte che, come nei burlesque esaminati in precedenza, il testo abbassa il registro linguistico introducendo termini popolari. Con la ‘dichiarazione d’affetto’ della figlia maggiore Gotherwill (Goneril) si introduce il tema del cibo e, in particolare, dei dolci:

Got. Oh Daddy? Dumps you know how fond I am
Of almond hardbake, lollipops and jam
But place before me now of each a jar
I wouldn’t touch them. You’re my lollipop my pa.
(Ibidem)

  • 4   «[O]nce sugar was cultivated in the British Caribbean colonies, especially Barbados and Jamaica, (...)

23Laddove nel testo shakespeariano Goneril si lancia in iperbolici paragoni tra l’amore per il padre e la libertà, la vista, la salute e la vita stessa, qui al centro dell’interesse ci sono dessert e marmellate. La «almond hardbake» corrisponde a ciò che noi chiamiamo ‘croccante’ (sebbene in alcune ricette appare più simile al torrone per via della presenza di burro e altri ingredienti), ovvero un dolce che si ottiene facendo raffreddare lo zucchero caramellato (o la melassa) insieme alle mandorle (oggigiorno il termine più comune è ‘brittle’). Proveniente probabilmente dai paesi arabi, questo dolce pare essere molto antico sebbene nella versione prodotta con la melassa (l’alternativa economica allo zucchero raffinato dei Caraibi) viene fatto risalire al XVII-XVIII secolo. La marmellata (‘jam’) è ancora più antica, trattandosi di un metodo per conservare la frutta. Per quanto riguarda il regno inglese, le marmellate di frutta giungono nel Seicento importate dai Portoghesi (‘marmelada’) mentre il termine ‘jam’ si afferma nella metà del secolo successivo per indicare un tipo di conserva più morbida. Quanto al lecca-lecca, la storia si fa curiosa: alcuni ritrovamenti di bastoncini utilizzati come lecca-lecca risalgono a migliaia di anni fa quando si utilizzava il miele per conservare la frutta che veniva così caramellata. Al fine di poterlo consumare più facilmente, si introduceva un bastoncino nel ‘candito’. Questa origine comune con la frutta candita la si ritrova ancora nel diciassettesimo secolo in Inghilterra quando i venditori di strada utilizzavano lo zucchero (non più una rarità4) per creare dei dolci morbidi da poter consumare passeggiando (Katz 2003, 1:312 e 3:290; Olver, 2015; Shepard, 163-174; Davidson, 412-13).

24Se Gotherwill mostra, in questo burlesque, la passione per i dolci, scopriamo invece che la sorella Rumun (Regan) predilige i piatti salati:

Rum. Talk not of paltry sweetmeats, sugars, jams
I love roast beef, plum puddings, turkeys, hams
And all such solids yet ‘t would make me glad
To go without my meals to please my dad.
(f. 395)

  • 5   Ovvero il «dolce al cucchiaio, di consistenza molle, a base di latte, zucchero e uova, cotto in a (...)

25La seconda figlia liquida quindi le dolci prelibatezze elencate da Gotherwill come «paltry», ovvero ‘misere’, in confronto ai cibi «solid» ai quali lei sarebbe disposta a rinunciare per amore di suo padre. La selezione proposta da Rumun è una sorta di menù natalizio – eccettuato forse il prosciutto, un cibo più economico – in cui spiccano carni pregiate quali il «roast beef» e il tacchino (Katz 2003: vol. 1: 255) e l’enigmatico (almeno per un occhio straniero) «plum pudding». Non esiste forse nulla di più fuorviante della traduzione italiana di questo dolce: il ‘plum pudding’ (o ‘Christmas pudding’) difatti non è un budino come lo si intende tipicamente sul suolo italiano5 e non annovera le prugne tra i suoi pur numerosi ingredienti (con il termine ‘plums’ si indicava in realtà l’uva passa). Le origini sono oscure ma i testi più accreditati sostengono che il dolce medievale non fosse in realtà nemmeno un dolce bensì uno sformato di carne, sangue di maiale (che gli conferiva il tradizionale colore bruno), spezie e frutta secca e che costituisse una delle portate principali del pranzo di Natale, non il dessert (Black 1981; Katz 2003: 1:251, 255, 290-291; Davidson 2002: 184-5). Ora del diciannovesimo secolo, comunque, la ricetta più diffusa prevedeva l’utilizzo di zucchero o melassa (che dava al pudding lo stesso colore della tradizione), frutta secca e candita, uvette, spezie e brandy.

26La trama procede senza discostarsi troppo dall’originale (tenendo a mente che l’‘originale’ dell’epoca era la riscrittura seicentesca di Nahum Tate che prevedeva il lieto fine e una storia d’amore tra Cordelia ed Edgar). Cordelia, rifiutandosi di competere, fallisce il love test e viene cacciata da corte. Nella scena successiva, Edmund tesse la sua trama di calunnie per indurre il padre a disconoscere Edgar. Vediamo così che Edmund acceca il padre soffiandogli negli occhi del tabacco da fiuto per poi incolpare il fratellastro;

[Gloster takes out snuff but Edmund upsets it in his eyes]
Gloster. My eyes – who did this?
Edmund. Edgar – there he goes.
Gloster. My eyes are aching with the blackguard whiff
Edmund. Which proves completely you’re not up to sniff.
(f. 298)

27Fa così il suo ingresso nei burlesque un elemento che rappresenta una presenza costante nei momenti ricreativi dell’uomo evoluto: il tabacco. Importato dalle Americhe, il tabacco esordisce in Inghilterra nella pipa di Sir Walter Raleigh diventando presto una moda tra gli aristocratici e gli intellettuali elisabettiani. Una moda che già nel 1614 aveva contagiato fasce più ampie della popolazione, come si evince dal fatto che il tabacco era venduto, nella sola Londra, da circa 7000 esercizi (Burns 2007: 21-25), molti dei quali erano pubs, alehouses e taverne. Raccomandato come rimedio contro le affezioni respiratorie, divenne obbligatorio fumare a Eton per prevenire l’epidemia di peste negli anni 1665-6. In questi stessi anni diventa popolare anche il tabacco da fiuto, un metodo di consumo alternativo importato dalla Francia da Carlo II al ritorno dall’esilio.

28Il burlesque termina poi, dopo le vicissitudini di Leer – cacciato dalle figlie – e di Cordelia ed Edgar, con una scena finale ambientata in un pub in cui il vecchio re – con la sua pipa – è ormai ubriaco ma si rifiuta di tornare a casa: «Leer. [very drunk ] / I won’t go home till morning / They say a man is never rightly drunk / Till he tries to light his pipe from a pump» (Chalmers 1848: 408). Segue poi il combattimento (un incontro di pugilato) tra Edmund ed Edgar, la morte delle tre sorelle e il ritorno alla vita di tutti i personaggi per dare spazio al lieto fine in musica.

29Vediamo così che verso la metà del secolo, di pari passo con il benessere economico e alimentare, si diffondono anche gli ‘sfizi’ e i vizi. Non più sazi della sazietà, i cittadini inglesi (principalmente delle classi medie e agiate) si appassionano di dolci, dessert, snacks e gelati. Accompagnano inoltre i momenti di ozio con tabacco da fiuto o da fumo (prima sotto forma di pipa, poi di sigaro e sigaretta) e, come abbiamo avuto modo di vedere, indulgono principalmente in questo vizio nei luoghi di ‘perdizione’ più diffusi: i locali dove si servono alcolici. Si instaura così una sinergia (alcool-tabacco) che è sopravvissuta nel tempo.

4. Spirito allo spirito

30Gli anni ’60 dell’Ottocento sono forse l’ultimo decennio di reale fulgore per i burlesque che si andranno lentamente trasformando per giungere, nel nuovo secolo, a mutarsi in una forma radicalmente diversa (riportata oggi in auge) e che conserva del genere originario soltanto la musica, il ballo e la disinvoltura nel mostrare le grazie femminili.

31Nel 1863 fa la sua comparsa l’opera A Thin Slice of Ham-let!, di autore anonimo sebbene, secondo Wells, possa essere attribuita a John Brougham, attore e drammaturgo che era in attività a Londra in quegli anni. Questa parodia di Hamlet si apre, secondo la trama classica, con il ritorno del principe a corte, dove apprende da Orazio della presenza di uno spirito che si aggira sui bastioni del castello:

Horatio. We were watching last night,
In the pleasant moonlight,
Our cigars on the battlements smoking,
When right on our post
Came his majesty’s ghost.
[...] Look, look, where it steals!
Hamlet. Then just take to your heels,
And some soda and brandy prepare it.
(p. 59)

32Ecco subito riproporsi il binomio bacco-tabacco anche in questa scena. Qui troviamo il sigaro al posto della pipa e vediamo che l’alcolico consigliato da offrire al fantasma è il popolarissimo drink composto da brandy e soda. Le bevande alcoliche nascono come un modo per preservare i liquidi: l’acqua bollita utilizzata per i distillati oppure fermentata garantiva, infatti, la salubrità che l’acqua di un serbatoio, di un pozzo o di un rivo non sempre assicurava. Col passare del tempo, le bevande alcoliche vennero apprezzate anche per il loro valore energetico e inebriante. Il brandy, in particolare, fu importato dalla Francia nel XVII secolo e divenne un grande favorito dei ceti medio-alti. Nella versione inglese, più economica, veniva consumato anche dalle classi più povere, spesso nella versione ‘allungata’ con la soda (Drummond 1939: 202, 333, 339; Harrison 1994: 38).

33Il potere intossicante delle bevande alcoliche e le manifestazioni sociali che ne seguivano (schiamazzi, risse, oscenità) fecero presto additare i locali dove era possibile consumarle come luoghi di depravazione. Si diffuse così dapprima un generale senso di ostilità tra i benpensanti e negli anni ’30 dell’Ottocento (all’apice del rigore vittoriano) si diffusero i movimenti per la ‘temperanza’. Nel 1833 nacque anche la frangia più estrema rappresentata dai ‘teetotalers’, coloro che sostenevano l’astinenza totale (Harrison – Trinder 1969). Nel 1861, però, William Ewart Gladstone, allora ministro dell’economia, promulgò una legge che mirava, da un lato, a ridurre l’impatto sociale dell’ubriachezza in pubblico e, dall’altro, a incrementare i proventi dell’erario: la nuova legge, infatti, che concedeva ai negozi di alimentari di vendere alcuni tipi di alcolici, naturalmente sottoposti a tassazione, mirava a far diminuire il numero degli avventori dei pub incoraggiando il consumo domestico.

34Nel burlesque, al momento dell’incontro tra Amleto e il padre defunto, l’autore decide di sfruttare ed estendere il calembour tra spirit-fantasma e spirit-liquore per dare spazio a questo argomento attualissimo:

Hamlet. Gladstone and ministers in place, defend us!
No more illicit distillations send us.
Art thou a spirit of proof, or doctored some?
What must I call thee – whiskey, gin, or rum?
Of one of those a sample you must be,
For as you’re dead you can’t be eau de vie!
What brings you from the cellar, where we saw
Thee laid in sawdust, snugly packed in straw?
Why do you keep your mind close-bottled so?
Uncork your thoughts, old boy, and let them flow!
(pp. 59-60)

35Oltre al brandy, visto poco fa, gin, whiskey e rum erano gli alcolici più popolari nel diciannovesimo secolo. Il whiskey, prodotto sin dal medioevo da cereali fermentati, è l’alcolico tradizionale di Scozia e Irlanda (che se ne contendono il primato). Anche il gin era già distillato in epoca medievale, ma nel Settecento divenne dapprima la bevanda della classe agiata, un simbolo di modernità e libero commercio e, verso la metà del secolo, fu invece identificato come una sorta di piaga sociale, indice di povertà e decadenza (Nicholls 2009: 34). Il rum, invece, un distillato dalla canna da zucchero importato dalle colonie, fu presto così popolare nel Regno Unito che nel 1731 la Royal Navy sancì ufficialmente il diritto di ogni marinaio a riceverne una razione quotidiana (The Main Rum 2016). L’eau de vie, infine, altri non è che l’acquavite, un distillato del vino prodotto sin dall’impero romano. Grazie alla polisemia del termine ‘spirit’, Amleto compie così una carrellata, in pochi versi, degli alcolici più popolari del paese, mettendo in luce l’ampia gamma che gli inglesi avevano a loro disposizione.

36Questa breve indagine ha messo in luce la progressione che ha avuto luogo nelle abitudini alimentari e sociali inglesi in età vittoriana. Da un inizio di secolo in cui i ceti medio-bassi non si potevano permettere che un dieta molto limitata per varietà e quantità, all’improvviso benessere della metà dell’Ottocento che permise a molte più persone di accedere ad alimenti più pregiati ed energetici e anche a concedersi altri generi di conforto. Dai dolci, agli alcolici, al tabacco: i burlesque riflettono gli usi e costumi inglesi con occhio divertito e, spesso, indulgente. E se già in epoca vittoriana l’eccesso poteva essere stigmatizzato, rimane la goliardia e un gusto per i piaceri del palato genuino e naif che oggi, tra elaborazioni culinarie, spreco alimentare, raffinazioni industriali e condizionamenti pubblicitari, abbiamo ormai perduto.

Bibliographie

Black M., 1981, The Englisman’s Plum Pudding, http://www.historytoday.com/maggie-black/englishmans-plum-pudding (consultazione 20/2/2016).

British Cheese Board, 2016, History of Cheshire Cheese, http://www.britishcheese.com/cheshire/history_of_cheshire_cheese-14 history_of_cheshire_cheese-14 (consultazione 29/2/2016).

Broomfield A., 2007, Food and Cooking in Victorian England: A History, London, Praeger.

Burns E., 2007, The Smoke of the Gods. A Social History of Tobacco, Philadelphia, Temple University Press.

Chalmers J., 1848, King Leer and His Darters, BL add mss 43,001 fols. 393-409.

Davidson A., 2002, The Oxford Companion to Food, Oxford, Oxford University Press.

Deutermann A.K., 2011, “Caviare to the general”?: Taste, Hearing, and Genre in Hamlet, «Shakespeare Quarterly» 62.2: 230-255.

Dizionario Garzanti, 2016, http://www.garzantilinguistica.it/en/search/?q=budino (consultazione 29/2/2016).

Drummond J.C.– Wilbraham A., 1939, The Englishman’s Food. A History of Five Centuries of English Diet, London, Jonathan Cape.

McGlynn M., 1998, The King and the Law: Prerogativa Regis in Early Tudor England, unpublished dissertation, University of Toronto.

Grandi R., 2013, King Lear dopo Shakespeare. Adattamenti, riscritture, burlesques (1681-1860), Roma, Aracne.

Greenblatt S. et al. (eds), 1997, The Norton Shakespeare, New York, Norton.

Harrison B., 1994, Drink and The Victorians: The Temperance Question in England 1815–1872, Staffordshire, Keele University Press.

Harrison B. – Trinder B., 1969, Drink and Sobriety in an Early Victorian Country Town, «The English Historical Review: Banbury 1830-1860», 4.

Katz S.H., (ed.), 2003, Encyclopedia of Food and Culture, 3 vols., New York, Thomson & Gale.

Murtha H., 2008, Man, Machine and Refined Dining in Victorian America, in Lawrence C. Rubin L.C. (ed.), Food for Thought. Essays on Eating and Culture, Jefferson (NC), London, McFarland & Co.: 15-30.

Nicoll A., 1952, A History of English Drama 1600-1900, 6 vols., Cambridge, Cambridge University Press.

Olver L., 2015, Food Timeline, http://www.foodtimeline.org/foodcandy.html#jellyjam. (consultazione 29/2/2016).

Poole J., 1810, Hamlet Travestie, London, J.M. Richardson.

Shepard S., 2000, Pickled, Potted and Canned: How the Art and Science of Food Preserving Changed the World, New York, Simon & Schuster.

Nicholls J., 2009, The Politics of Alcohol: a History of the Drink Question in England, Manchester, Manchester University Press.

The Main Rum, 2016, History of Rum, http://www.mainrum.co.uk/historyofrum.htm (consultazione 29/2/2016).

The Telegraph, 2007, Schweppes’ history. 16 March, http://www.telegraph.co.uk/finance/2805814/Schweppes-history.html (consultazione 29/2/2016).

Watt C. – Watt J., (eds), 1840, The Chemist; or Reporter of Chemical Discoveries and Improvements, London, Hastings.

Wells S., (ed), 1978, Nineteenth-century Shakespeare Burlesques, 6 vols, London, Diploma Press Limited.

Notes

1   L’opera è attribuita a Talfourd sebbene sia stata pubblicata in forma anonima. Cfr. Wells, vol iii:xi.

2   Anonymous, A Thin Slice of Ham-let!, c. 1863, in Wells 1978, vol. IV:51-74.

3   Il testo non è mai stato pubblicato e sopravvive solo in manoscritto: John Chalmers, King Leer and His Darters, 1848 [BL add mss 43,001 fols. 393-409]. Per un’analisi più completa del testo vedi il mio: Grandi 2013: 252-257. Alcune delle citazioni sono qui aggiornate in seguito a una mia recente revisione del manoscritto.

4   «[O]nce sugar was cultivated in the British Caribbean colonies, especially Barbados and Jamaica, it was easier to obtain, and its price began to fall significantly, making it more affordable to the middle classes» (Broomfield 2007:10).

5   Ovvero il «dolce al cucchiaio, di consistenza molle, a base di latte, zucchero e uova, cotto in apposito stampo, al forno o a bagnomaria [e che] si serve freddo» (Dizionario Garzanti online 2016).

Auteur

E docente a contratto presso l’Università degli Studi della Valle d’Aosta, dove è stata assegnista di ricerca, e l’Università del Sacro Cuore di Milano, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie. I suoi ambiti di ricerca si concentrano sull’intertestualità e sulla traduzione intersemiotica (con particolare interesse per cinema, teatro e Internet), sugli adattamenti e burlesque shakespeariani di epoca vittoriana e sul CALL (Computer Assisted Language Learning). È autrice di numerosi articoli e saggi e di una monografia, King Lear dopo Shakespeare. Adattamenti, riscritture, burlesques (1681-1860) (2011)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search