Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Exposhakespeare Il Sommo Gourmet, il cibo e i can...

Exposhakespeare

 | 
Paolo Caponi
, 
Mariacristina Cavecchi
, 
Margaret Rose

Il Sommo Gourmet, il cibo e i cannibali

Paolo Caponi, Mariacristina Cavecchi et Margaret Rose

Texte intégral

Nota al testo: le citazioni dai testi, primari e secondari, sono sempre state tradotte in italiano; nei casi in cui ciò è parso in conflitto con il tipo di analisi svolta dall’autore, tuttavia, si è optato per la conservazione della lingua originale.

  • 1   Al progetto ExpoShakespeare. Food for the City, cui hanno contribuito studiosi di letteratura e d (...)

1L’idea di ExpoShakespeare. Il Sommo Gourmet, il cibo e i cannibali nasce nell’alveo di un più ampio progetto di ricerca ideato e curato da Margaret Rose e Mariacristina Cavecchi, ExpoShakespeare. Food for the City. La fortunata coincidenza tra il biennio 2014-16 delle celebrazioni del 450 anniversario dalla nascita e del 400 anniversario dalla morte di William Shakespeare con l’Expo milanese del 2015 ci ha spinto a studiare le opere del drammaturgo elisabettiano alla luce del tema di Expo, Feeding the Planet, e anche a prendere posizione in modo autonomo e critico rispetto ai temi proposti da questa grande kermesse. Sulla scia dei risultati di questo progetto interdisciplinare1 e del contributo di Joan Fitzpatrick, autrice e curatrice di importanti monografie sull’argomento che ha collaborato con noi per un workshop nella primavera del 2014, questo volume intende concentrarsi sull’analisi del cibo nelle opere di Shakespeare.

2Il volume si divide in due sezioni. La prima è dedicata all’arte ‘culinaria’ di William Shakespeare. Benché ancora all’oscuro delle incredibili potenzialità di quel matrimonio tra riso e zafferano che solo molti anni più tardi sarebbe diventato il piatto forte di Anna Anzi, il Sommo Gourmet mostrava di avere grandissima predisposizione per la cucina, anche grazie alla sua vasta e non proprio scontata conoscenza di erbe e piante. Tutti i saggi di questo volume mettono infatti in rilievo la sua grande attenzione per i temi dell’alimentazione, oltre che la sua notevole capacità di combinare gli ingredienti del pianto e del riso (non solo giallo), della commedia e della tragedia con i sapori più piccanti dell’eros e delle sue molte tavole imbandite. Ricordiamo le allegre crapule di Falstaff, il grasso cinghiale divorato dai triumviri di Antony and Cleopatra, il ricco ma fugace banchetto che riusciamo appena a intravedere in The Tempest, oltre alle numerose altre scene in cui il cibo diventa metafora importante e portante dei molteplici sensi del testo.

3La seconda sezione è invece dedicata all’analisi di testi sfornati da autori che in modo cannibalesco hanno attinto a piene mani a ingredienti e sapori shakespeariani per cucinare testi inediti e decisamente succulenti o rivoltanti. Dai lecca-lecca dei burlesque ottocenteschi, passando per il grano dei Coriolanus di Brecht e Grass, gli ingredienti shakespeariani lievitano misteriosamente in modi sorprendenti nella dieta mediterranea di Zeffirelli e Branagh e negli allegri brindisi del Falstaff verdiano.

Notes

1   Al progetto ExpoShakespeare. Food for the City, cui hanno contribuito studiosi di letteratura e di teatro, ma anche nutrizionisti, biologi, psicoterapeuti, attori, registi e costumisti, è dedicata un’intera sezione del numero monografico dedicato a teatro e cibo della rivista Stratagemmi. Rivista di studi teatrali, 31, 2015, 177-283.

Auteurs

Ricercatore in Letteratura inglese presso l’Università degli Studi di Milano, dove insegna Storia del teatro inglese e Cultura inglese. I suoi studi si sono rivolti prevalentemente al teatro elisabettiano e contemporaneo. Ha pubblicato, tra il resto, Adultery in the High Canon. Forms of Infidelity in Joyce, Beckett and Pinter (2002) e Bambole di carne. Lolita prima e dopo il romanzo (2009). A Milano ha collaborato con il Piccolo Teatro nell’ambito del Laboratorio Shakespeariano diretto da Agostino Lombardo e Anna Anzi oltre che con il Teatro Franco Parenti e il Teatro Arsenale. Ha fatto parte della redazione della rivista di teatro e spettacolo «TESS» e fa parte del comitato scientifico della rivista on-line di letterature e culture comparate «Altre Modernità» dell’Università degli Studi di Milano

Insegna Storia del teatro inglese presso l’Università degli Studi di Milano. Le sue principali aree d’interesse sono il teatro contemporaneo e il teatro elisabettiano. In quest’ultimo ambito l’indagine si è concentrata in particolare sulle riletture delle opere di Shakespeare e sugli adattamenti per il cinema e per il teatro degli ultimi quarant’anni. Oltre alla monografia Shakespeare mostro contemporaneo (1998) e a numerosi saggi, ha co-curato i volumi Shakespeare Graffiti: Il Cigno di Avon nella cultura di massa (2002), EuroSHAKESPEARES (2002) e Shakespeare & Scespir (2005). Sta attualmente studiando la disseminazione di citazioni e immagini d’ispirazione shakespeariana nel mondo della street art. Tra le altre pubblicazioni: Cerchi e cicli. Sulle forme della memoria in Ulisse (2012). È co-autrice di Percorsi nel teatro inglese dell’Ottocento e del primo Novecento (2012; con S. Soncini) e co-curatrice di Caryl Churchill. Un teatro necessario (2012 con M. Rose)

Insegna Storia del teatro inglese e letteratura inglese presso l’Università degli Studi di Milano. Tra le sue pubblicazioni: Monologue Plays for Female Voices (1996), Political Satire and Reforming Vision in Eliza Haywood’s Works (1996), Storia del Teatro Inglese, l’Ottocento e il Novecento (2002). È co-curatrice di A Theatre That Matters (2000), Caledonia Dreaming (2001), Scottish Italian Connections and Identities (2001), Caryl Churchill, un teatro necessario (2012). Nell’ultimo decennio ha pubblicato vari saggi sulla teoria e la pratica della traduzione teatrale e sul teatro contemporaneo.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search